Convegno CODAU. Oltre il finanziamento pubblico: le opportunità di autofinanziamento delle Università. Nuovi servizi per nuovi bisogni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Convegno CODAU. Oltre il finanziamento pubblico: le opportunità di autofinanziamento delle Università. Nuovi servizi per nuovi bisogni"

Transcript

1 Venezia, 23 settembre 2006 Convegno CODAU Oltre il finanziamento pubblico: le opportunità di autofinanziamento delle Università Nuovi servizi per nuovi bisogni Un cordiale saluto a tutti i presenti Siamo giunti alla sessione finale di questo Convegno nell ambito della quale verranno individuati ed analizzati i Nuovi servizi per (i) nuovi bisogni, sempre nell ottica di andare oltre il finanziamento pubblico, indagando le opportunità di autofinanziamento delle Università oppure ottimizzando la spesa ed i processi decisionali che la presiedono. In tale prospettiva si è convenuto con i colleghi della Giunta del CODAU, tenuto conto della recente esperienza del progetto Good Practice 2005 cui ha partecipato anche l Università La Sapienza, di esporre alcuni casi che possono costituire un riferimento di qualità (laddove apprezzati e condivisi) perché rappresentano un servizio differente o una modalità differente di realizzare il servizio. Dopo tale premessa mi appresto a illustrare sinteticamente due possibili casi che presentano, a mio parere, interessanti spunti di innovazione. Sono riferiti entrambi agli approvvigionamenti e più esattamente : a) agli approvvigionamenti di mobili e arredi b) agli approvvigionamenti di risorse energetiche. 1

2 a) In relazione al primo caso, è necessaria una considerazione preliminare di carattere politico che porrò come problema irrisolto e sul quale sarebbe opportuno un minimo di approfondimento: il rapporto tra l esigenza di accentramento di alcune attività per realizzare economie di scala e l esigenza di autonomia gestionale costantemente e fortemente rivendicata dalle articolazioni organizzative delle Università (Facoltà/Dipartimenti, Centri di Ricerca e di Servizi). ϖ La Sapienza ha partecipato, nel maggio 2001, alla sperimentazione di un progetto - Gara per la fornitura del servizio di gestione integrata (Global Service) degli immobili per l Università La Sapienza - avviato dal Ministero delle Finanze con il supporto della CONSIP S.p.A. e volto alla razionalizzazione della spesa nelle Università, che ha portato alla stesura di un capitolato speciale d appalto, di durata quinquennale, avente ad oggetto un insieme di servizi e finalizzato alla migliore cura, conservazione e recupero del proprio patrimonio immobiliare e mobiliare. In particolare, i servizi da affidare erano i seguenti: - manutenzione edilizia - pulizie - nettezza urbana - disinfestazione e derattizzazione - manutenzione delle aree verdi - trasporti e facchinaggio - custodia e guardiania - gestione integrata del global service. Si trattava di un progetto fortemente innovativo, che rappresentava per l Ateneo l opportunità di riformulare, in funzione di un più ampio controllo di gestione e 2

3 di redditività, un insieme di servizi ed attività già esternalizzate negli anni precedenti e gestite solo dal punto di vista del controllo dell efficienza. Il modello di Global Service progettato presentava, altresì, caratteristiche di modularità e flessibilità atte ad una realtà articolata e in divenire quale quella de La Sapienza, all interno dello scenario dell attuazione del decentramento dell Università in Atenei Federati. L esistenza di un unico punto di riferimento, qualificato dal punto di vista manageriale, che si sarebbe venuto a creare con il Global Service, avrebbe comportato un insieme di vantaggi convergenti verso l ottimizzazione dell efficacia e dell efficienza delle attività manutentive e di Facility Management. Il Consiglio di Amministrazione, però, dopo alcuni rinvii della questione, nel maggio 2003 deliberò, per il suddetto e irrisolto problema politico, di non procedere più alla realizzazione del progetto. ϖ Attualmente La Sapienza, in ossequio agli stessi principi ispiratori del vecchio progetto, sta procedendo all affidamento di un contratto quadro, di durata quadriennale, che ha ad oggetto la fornitura con posa in opera di attrezzature didattiche, di arredi per aule magne, aule, aule didattiche speciali, laboratori, uffici, spazi comuni, con servizi connessi, quali quello di supporto alla progettazione, di garanzia e assistenza, di call center e di reportistica. In buona sostanza, una sorta di Global Service sugli arredi e suppellettili, che preveda la possibilità per tutti i Centri di Spesa de La Sapienza di utilizzare il contratto quadro, nel tentativo di conseguire, in tale ambito, quegli obiettivi che l Amministrazione si era prefissata nel più ampio progetto elaborato con la CONSIP S.p.A. 3

4 Si ritiene, in tal modo, di poter ottenere dei vantaggi che, seppure limitati, dato il differente e meno economicamente rilevante oggetto del contratto rispetto a quelli del Global Service, saranno parimenti importanti. È opportuno evidenziare alcuni dati relativi al progetto quadro: 624 articoli in gara ,00 euro + IVA quale importo complessivo presunto (a base gara) 4 anni di durata contrattuale. Sinteticamente i vantaggi e i risparmi attesi si possono così elencare: Le economie di scala conseguenti all aggregazione della domanda. Tali economie sono determinate dalla possibilità per le imprese di contenere, a fronte della garanzia di un contratto quadro, i propri utili e di ridurre le spese generali. Il risparmio atteso sul prezzo dei prodotti è del 10%. La diminuzione dei costi amministrativi legati all espletamento delle gare e alla gestione dei fornitori. Per i 4 anni di validità del contratto quadro si economizzano almeno ore di attività lavorativa che, rapportate percentualmente all ammontare dell appalto, consentono un risparmio stimato del 4,5%. Il sistema informativo (hardware e software) previsto nell accordo quadro a carico dell aggiudicatario permette il controllo capillare dei flussi di spesa, flussi che è possibile monitorare per tipologia di prodotti e di utenti (Facoltà, Dipartimenti, Centri di Ricerca e di Servizi, Uffici, ecc.). Il valore complessivo di tale sistema, rapportato percentualmente all ammontare dell appalto consente un risparmio stimato del 2%. L esistenza di un unico interlocutore (ditta aggiudicataria), la durata quadriennale dell accordo quadro, il sistema informativo, il servizio postvendita, la garanzia pluriennale ed il call center (per la gestione dei reclami) consentono all Amministrazione il controllo dell intera filiera, e quindi, 4

5 l innalzamento nel tempo del grado di qualità dei prodotti e dei servizi stessi. I prezzi vincolati per tutta la durata dell appalto. Il beneficio di tale scelta consente il recupero dell inflazione cosiddetta nascosta. Considerato che i listini dei prezzi vengono di norma adeguati annualmente al rialzo del 4 o 5%, si può ottenere un risparmio, al netto dell adeguamento previsto dalla legge per i soli materiali, calcolato percentualmente sull ammontare dell appalto, del 2% percento annuo, per un totale dell 8%. La possibilità di scomporre e di riconfigurare il parco arredi in nuovi o diversi spazi. In sintesi ed in definitiva, il vantaggio più rilevante è rappresentato dalla possibilità di approvvigionamento totale degli arredi in base ai fabbisogni qualitativi e quantitativi dell Ateneo e di costruire un database sugli approvvigionamenti relativo all Università La Sapienza e alle sue articolazioni organizzative. La criticità di tale servizio, che rappresenta anche la sfida da vincere, consiste nel superamento del problema politico, già accennato, del dualismo tra l esigenza di accentramento e quella di autonomia gestionale delle strutture. 5

6 b) Per quanto riguarda il secondo caso, vorrei menzionare le attività in corso per l approvvigionamento di risorse energetiche, cioè: 1. la realizzazione di un Programma Energia per La Sapienza, finalizzato alla costituzione delle cosiddette isole energeticamente autonome. Il programma, iniziato un anno fa, prevede la costituzione di una rete composta di nodi e maglie dove ogni nodo produce e distribuisce energia attraverso le maglie. Ad ogni nodo è interconnessa una fonte di energia NON tradizionale, cioè centrali di produzione dell energia che utilizzano fonti rinnovabili (come il solare) o assimilate alle rinnovabili (come la cogenerazione). Questo schema è teoricamente espandibile a porzioni di territorio sempre più vaste. Il compito istituzionale delle Università che prevede sperimentazioni e innovazioni tecnologiche come risposta a sollecitazioni nel settore della ricerca da un lato e la sua importanza sul territorio dall altro, impongono a La Sapienza la necessità di indicare soluzioni sostenibili ai problemi energetici utilizzabili anche per la città. Infatti, La Sapienza con le sue 21 Facoltà ed i suoi 114 Dipartimenti può essere considerata un grande laboratorio dove poter sperimentare soluzioni per un futuro energetico della città e dell intero Paese. Parte fondamentale del programma riguarda la realizzazione di una rete di produzione, distribuzione e utilizzazione dell energia a servizio della Città universitaria che rappresenta, dal punto di vista energetico, una significativa concentrazione di utenze (più di di m 3 ) che richiedono rilevanti quantitativi di energia ( MWhe/anno e MWht/anno, per complessivi TEP) 1. 1 MWhe: megavattora elettrici; MWhe corrispondono a 20 milioni di kilovattora (kwh) MWht: megavattora termici; MWht corrispondono a 8 milioni di kilovattora (kwh) 6

7 Su tale programma sono stati richiesti e ottenuti finanziamenti, pari a quasi 2 milioni di euro, dal Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dal Servizio Integrato Infrastrutture e Trasporti e dalla Regione Lazio, che hanno consentito di eseguire alcune opere impiantistiche inserite nel programma, che risultano essere i primi esempi, assolutamente innovativi, in Italia. È in corso, infatti, il primo intervento consistente nella realizzazione della prima isola energetica, finanziata dal Ministero dell Ambiente con un contributo pari a euro. L isola sarà alimentata da una microturbina ed ultimata entro la fine dell anno, con una sperimentazione condotta in gemellaggio con l Università cinese di Tongji, che realizza a Shangai una configurazione parallela di trigenerazione. La trigenerazione, ricordo, è la produzione combinata e contemporanea di energia elettrica, termica e frigorifera; soltanto questa parte del sistema comporterà per l Università un risparmio annuo sulla bolletta energetica di Euro e consentirà di evitare l immissione in atmosfera di 100 tonnellate di CO 2. Il secondo intervento, pure già iniziato, prevede la realizzazione di un sistema di cogenerazione (produzione combinata e contemporanea di energia elettrica e termica) nella Facoltà di Ingegneria, che si trova all esterno della Città universitaria e dove verrà realizzata un isola decentrata. Il risparmio annuo previsto è di circa euro. Il terzo intervento, pure finanziato, che dovrebbe essere completato entro la fine del 2007, rappresenta un intervento sul quale vengono riposte molte aspettative sul futuro della generazione di energia e che dovrebbe aiutare a risolvere il problema dell approvvigionamento energetico: l utilizzo delle cosiddette celle a combustibile. TEP: tonnellate equivalenti di petrolio (è un unità di misura che viene usata convenzionalmente per misurare in maniera sintetica varie forme di energia primaria; in questo caso comprende sia i kilovattora elettrici che termici). 7

8 2. Inoltre è in corso di elaborazione un capitolato speciale d appalto per i servizi energetici (Facility Management). Questa attività è inserita nel programma complessivo riguardante l autofinanziamento o finanziamento con fondi non pubblici. La Sapienza vuole bandire un appalto finalizzato alla stipula di uno specifico contratto per la fornitura di servizi energetici. In particolare tale appalto prevede: la fornitura di un servizio di consulenza gestionale al fine sia di ottimizzare l'utilizzo delle risorse sia di massimizzare il livello di servizio, l'erogazione di servizi di gestione energetica (Facility Management), la realizzazione di lavori (installazione di impianti) per il risparmio energetico, con un approccio che si traduce in un contratto di risultato. Il relativo controllo, dunque, non avviene più solo sulle singole attività operative, ma anche e soprattutto sul risultato. La concezione di una gara rivolta ad ottenere il predetto servizio di gestione integrata presenta una serie di vantaggi così sintetizzabili: lo svincolo da attività "non core business" per l'università, la valorizzazione del patrimonio immobiliare, la possibilità di far fronte tempestivamente a variazioni normative grazie alle competenze integrate dell'assuntore, la possibilità di operare a costi certi e programmabili in funzione delle mutevoli esigenze e necessità, la centralizzazione presso un unico referente di tutte le attività ausiliarie, la possibilità di realizzare economie di risorse sia finanziarie sia umane. 8

9 3. Vorrei, infine, esporre brevemente una proposta avanzata dal nostro Energy Manager, il Prof. Livio de Santoli, che riguarda la costituzione di una struttura ESCO (Energy Service Company). La costituzione di una ESCO, anche come spin-off accademico 2 dell Ateneo, per la predisposizione di servizi energetici integrati, permette di migliorare l efficienza energetica con costi autofinanziati direttamente dai benefici ottenuti. Le ESCO sono società che forniscono ai propri clienti (in genere utenti con significativi consumi di energia) un insieme di servizi integrati per la realizzazione ed eventuale successiva gestione di interventi per il risparmio energetico, garantendone i risultati ed i risparmi promessi, eventualmente anche finanziando l intervento. Le attività possono essere svolte dalle ESCO in toto o in parte, sia direttamente che subappaltando alcune delle attività, sempre però assumendosene la piena responsabilità. Le ESCO possono essere anche agenzie energetiche pubbliche o a capitale misto pubblico/privato. La proposta si suddivide in due fasi: la prima riguarda la costituzione di una società di capitali di tipo unipersonale (100% di azioni di proprietà de La Sapienza) trasformando un servizio attualmente esistente all interno dell Università (Servizio di Ateneo per l Energia) che già svolge alcune funzioni tipiche della ESCO. In una seconda fase, per la realizzazione dell obiettivo relativo all ottenimento di finanziamenti esterni anche attraverso la realizzazione e 2 Spin-off (gemmazione): imprese nate come filiazione di altre imprese, centri di ricerca o enti di altra natura. Spin-Off accademici: imprese che nascono come filiazione dell'università, dalla quale saranno poi destinate a staccarsi e a seguire un percorso proprio. Sono quelle società di capitali aventi come scopo l'utilizzazione imprenditoriale, in contesti innovativi, dei risultati della ricerca universitaria e lo sviluppo di nuovi prodotti e servizi. 9

10 l installazione di impianti per il risparmio energetico e l uso razionale dell energia, può essere utilizzato lo strumento della costituzione degli spinoff accademici, recentemente regolamentati anche all interno de La Sapienza. La partecipazione de La Sapienza in aziende di diritto privato crea un collegamento concreto tra Ateneo e mondo dell'imprenditoria. Nella proposta complessiva si potrebbe quindi prevedere la costituzione di una società mista che aggreghi anche quelle competenze che non risultano essere svolte dall Amministrazione. Il coinvolgimento dell impresa privata e dell industria, per una quota pari almeno all 80%, si riferisce a tali ultime competenze, comprese quelle capacità finanziarie necessarie per fornire il finanziamento degli interventi che non sono immediatamente riconducibili ad alcune attività svolte all interno dell Ateneo. Il vantaggio di tale soluzione è da ricondursi ad un aumento dell efficienza energetica generale dell Ateneo in termine di riduzione dei costi di gestione, aumento del risparmio energetico e di riqualificazione impiantistica. L individuazione delle nuove modalità di intervento sono anche il frutto di autofinanziamenti conseguenti: ai notevoli benefici ottenuti, all applicazione della normativa energetica in vigore (mercato dei titoli di efficienza energetica). La delibera n. 103/03 dell Autorità per l Energia Elettrica e il Gas, e successive modifiche e integrazioni, tra l altro, definisce i criteri e le modalità per il rilascio dei titoli di efficienza energetica. In base alla predetta delibera, i soggetti specializzati, come le ESCO, a fronte degli investimenti sostenuti nell ambito del risparmio energetico, ottengono i titoli di efficienza energetica (certificati bianchi) negoziabili in apposito mercato, con conseguente ritorno economico. 10

11 Sottolineo che la spesa relativa al consumo di energia elettrica e termica dell Università La Sapienza è pari a circa di euro/anno. Il risparmio medio conseguibile attraverso le iniziative descritte, una volta giunte a regime è del 10%-20% della spesa annua. CONCLUSIONI La programmazione dei fabbisogni è uno strumento ancora poco utilizzato nelle Pubbliche Amministrazioni ed anche nelle Università. La programmazione dei fabbisogni può essere visto come strumento di Governance più che di controllo finanziario, in virtù dell assetto autonomistico delle Università. Occorre sottolineare che il sistema di finanza derivata che prevede il trasferimento di risorse dallo Stato alle Università, aumenta l autonomia degli Atenei, corresponsabilizzando gli stessi nell utilizzo del budget unico mediante il quale conseguire obiettivi di contenimento della spesa. Infine vorrei citare, e concludo veramente, due importanti articoli pubblicati su Il Sole 24 ore relativi alle modalità di acquisizione dei fondi da parte delle Università americane, che fanno riflettere molto per la loro straordinaria capacità di interpretare il modo di essere autonomi e competitivi. 1) Primo articolo: A Stanford le idee sono miliardarie (Il Sole 24 ore del ). L Università di Stanford, come è noto, è stata fondata dal magnate delle ferrovie Leland Stanford nel 1891 con il dichiarato obiettivo di coltivare la ricerca applicativa. 11

12 L Università di Stanford ha creato un modello di partenrship tra Università e industria imitato in tutto il mondo. Questa Università ha dato i natali: a Google a Yahoo alla Hewlett Packard. Ha inventato: internet la risonanza magnetica la tac il sistema sonoro Dolby il modem. Vanta: 16 vincitori di un premio Nobel tra i professori di ruolo imprese fondate da propri laureati e da propri professori invenzioni realizzate a Stanford e registrate con brevetto. All interno del campus un intero edificio è occupato dall Office of Technology Licensing che offre assistenza legale, amministrativa, manageriale e finanziaria a studenti e professori che desiderano brevettare un invenzione, venderla o fondare una società propria. Il successo commerciale delle innovazioni tecnologiche, infatti, è ampiamente incoraggiato. Stanford ha reso milionari centinaia di studenti e professori senza chiedere molto in cambio e i milionari hanno ripagato con generosità quanto l Ateneo ha fatto per loro. 12

13 La missione di questa Università è stata sempre quella di formare cittadini cultured and useful (colti e utili). Fornisco alcuni dati relativi alla Stanford University: patrimonio: 12,2 miliardi di $ incrementato da donazioni studenti: le matricole nell anno accademico 2005/ totale studenti 2) Secondo articolo: Chi vuol frenare Harvard superstar (Il Sole 24 ore del ). Nella classifica mondiale compilata dall Università Jiao Tong di Shangai fra i primi 25 Atenei 19 sono statunitensi. La maggior parte di queste Università non sono solo centri d istruzione, ma anche entità economiche indipendenti e sovrane. Espressione materiale di questa indipendenza e sovranità: endowment (letteralmente: donazione, lascito, sovvenzione), il patrimonio finanziario investito. L Università di Harvard, che si è sempre classificata nelle statistiche internazionali tra i migliori Atenei del mondo, risulta essere anche la più ricca, con un capitale investito di 25,9 miliardi di dollari. Negli ultimi anni il patrimonio finanziario delle Università americane è cresciuto moltissimo, quello di Harvard è passato da 4,8 a 25,9 miliardi di dollari. In questo boom hanno avuto un ruolo decisivo gli investimenti in hedge funds, private equity, venture capital 3 e proprietà immobiliari. 3 Hedge funds: letteralmente fondo che assicura la copertura. Si tratta di prodotti finanziari di investimento, fondi che mirano ad assicurare ai sottoscrittori un total return (rendimento assoluto) sul capitale investito (indipendente quindi dalle variazioni del mercato) attraverso strategie di investimento speculative diversificate. L'obiettivo è quello di massimizzare i profitti derivanti dall'investimento principale cercando di coprire il rischio che non vada a buon fine attraverso investimenti di copertura che impegnano una parte minore del capitale investito. Private equity: operazioni di investimento realizzate nelle fasi del ciclo di vita delle aziende successive a quella iniziale Venture capital (capitale di rischio): finanziamento dell avvio di nuove imprese. 13

14 Comunque, sia gli investimenti tradizionali che quelli alternativi trovano origine negli stretti legami tra le Università americane e i loro allievi e benefattori. Negli Stati Uniti non solo le Università rinomate, ma anche quelle meno importanti hanno istituito un ufficio permanente per i rapporti con gli ex allievi. Nell Università di Harvard è stata istituita la Harvard Development Company (HDC), il cui unico scopo è quello di gestire il patrimonio dell Università e che ha la sede a Boston nel palazzo della Federal Reserve Bank. L HDC ha avuto un ruolo rilevante nella crescita del patrimonio dell Università. Sarebbe utile avere il coraggio di trarre qualche spunto dalle esperienze delle Università statunitensi, pur con i dovuti distinguo determinati dalle differenze esistenti tra la Società americana ed europea, e non aver paura di percorrere strade alternative a quelle seguite finora. È chiaro ed opportuno ribadire, comunque, che l Università italiana è pubblica e deve restare pubblica con finanziamenti necessariamente ed essenzialmente pubblici, ma dobbiamo avere l intelligenza e la capacità di importare tutti i principi privatistici che possano rendere gli Atenei meno dipendenti proprio dai finanziamenti pubblici allo scopo di migliorare la qualità dei servizi erogati pur continuando ad assolvere prioritariamente sempre e comunque alla duplice finalità di didattica e di ricerca. 14

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti INFORMAZIONI PERSONALI Paolo Degl Innocenti POSIZIONE RICOPERTA Responsabile di U.O. Agenzia del Demanio ESPERIENZA PROFESSIONALE Dal 1/7/2012 7/2006-6/2012 11/2005-7/2006 4/2004-10/2005 Responsabile Servizi

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Efficienza Capitale 1

Efficienza Capitale 1 Efficienza Capitale 1 Efficienza energetica, abbattimento Co2, risparmio e investimenti, controllo social PREMESSA Gli edifici pubblici devono essere i luoghi dove curare il nostro presente. Le scuole

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 00195 Roma

Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 00195 Roma Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 0015 Roma Le gare bandite da Consip per le Convenzioni di Facility Management (FM2 e FM3) sono suddivise in 12 lotti geografici e le singole

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA ED ALTRI SERVIZI, TESI AL MANTENIMENTO DEL DECORO E DELLA FUNZIONALITA DEGLI IMMOBILI, PER GLI ISTITUTI SCOLASTICI DI

Dettagli

Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento

Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Alessandro Clerici Chairman Study Group World Energy Resources and Technologies del WEC Internazionale Il documento MISE, emesso a fine ottobre 2012 per

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI E GESTIONI GENERALI - UFFICIO APPALTI. Città: TRENTO Codice postale: 38100

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI E GESTIONI GENERALI - UFFICIO APPALTI. Città: TRENTO Codice postale: 38100 Automa di TrentoUNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Lussemburgo Fax (352) 29 29-42670 E-mail: ojs@publications.europa.eu Info

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli