Convegno CODAU. Oltre il finanziamento pubblico: le opportunità di autofinanziamento delle Università. Nuovi servizi per nuovi bisogni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Convegno CODAU. Oltre il finanziamento pubblico: le opportunità di autofinanziamento delle Università. Nuovi servizi per nuovi bisogni"

Transcript

1 Venezia, 23 settembre 2006 Convegno CODAU Oltre il finanziamento pubblico: le opportunità di autofinanziamento delle Università Nuovi servizi per nuovi bisogni Un cordiale saluto a tutti i presenti Siamo giunti alla sessione finale di questo Convegno nell ambito della quale verranno individuati ed analizzati i Nuovi servizi per (i) nuovi bisogni, sempre nell ottica di andare oltre il finanziamento pubblico, indagando le opportunità di autofinanziamento delle Università oppure ottimizzando la spesa ed i processi decisionali che la presiedono. In tale prospettiva si è convenuto con i colleghi della Giunta del CODAU, tenuto conto della recente esperienza del progetto Good Practice 2005 cui ha partecipato anche l Università La Sapienza, di esporre alcuni casi che possono costituire un riferimento di qualità (laddove apprezzati e condivisi) perché rappresentano un servizio differente o una modalità differente di realizzare il servizio. Dopo tale premessa mi appresto a illustrare sinteticamente due possibili casi che presentano, a mio parere, interessanti spunti di innovazione. Sono riferiti entrambi agli approvvigionamenti e più esattamente : a) agli approvvigionamenti di mobili e arredi b) agli approvvigionamenti di risorse energetiche. 1

2 a) In relazione al primo caso, è necessaria una considerazione preliminare di carattere politico che porrò come problema irrisolto e sul quale sarebbe opportuno un minimo di approfondimento: il rapporto tra l esigenza di accentramento di alcune attività per realizzare economie di scala e l esigenza di autonomia gestionale costantemente e fortemente rivendicata dalle articolazioni organizzative delle Università (Facoltà/Dipartimenti, Centri di Ricerca e di Servizi). ϖ La Sapienza ha partecipato, nel maggio 2001, alla sperimentazione di un progetto - Gara per la fornitura del servizio di gestione integrata (Global Service) degli immobili per l Università La Sapienza - avviato dal Ministero delle Finanze con il supporto della CONSIP S.p.A. e volto alla razionalizzazione della spesa nelle Università, che ha portato alla stesura di un capitolato speciale d appalto, di durata quinquennale, avente ad oggetto un insieme di servizi e finalizzato alla migliore cura, conservazione e recupero del proprio patrimonio immobiliare e mobiliare. In particolare, i servizi da affidare erano i seguenti: - manutenzione edilizia - pulizie - nettezza urbana - disinfestazione e derattizzazione - manutenzione delle aree verdi - trasporti e facchinaggio - custodia e guardiania - gestione integrata del global service. Si trattava di un progetto fortemente innovativo, che rappresentava per l Ateneo l opportunità di riformulare, in funzione di un più ampio controllo di gestione e 2

3 di redditività, un insieme di servizi ed attività già esternalizzate negli anni precedenti e gestite solo dal punto di vista del controllo dell efficienza. Il modello di Global Service progettato presentava, altresì, caratteristiche di modularità e flessibilità atte ad una realtà articolata e in divenire quale quella de La Sapienza, all interno dello scenario dell attuazione del decentramento dell Università in Atenei Federati. L esistenza di un unico punto di riferimento, qualificato dal punto di vista manageriale, che si sarebbe venuto a creare con il Global Service, avrebbe comportato un insieme di vantaggi convergenti verso l ottimizzazione dell efficacia e dell efficienza delle attività manutentive e di Facility Management. Il Consiglio di Amministrazione, però, dopo alcuni rinvii della questione, nel maggio 2003 deliberò, per il suddetto e irrisolto problema politico, di non procedere più alla realizzazione del progetto. ϖ Attualmente La Sapienza, in ossequio agli stessi principi ispiratori del vecchio progetto, sta procedendo all affidamento di un contratto quadro, di durata quadriennale, che ha ad oggetto la fornitura con posa in opera di attrezzature didattiche, di arredi per aule magne, aule, aule didattiche speciali, laboratori, uffici, spazi comuni, con servizi connessi, quali quello di supporto alla progettazione, di garanzia e assistenza, di call center e di reportistica. In buona sostanza, una sorta di Global Service sugli arredi e suppellettili, che preveda la possibilità per tutti i Centri di Spesa de La Sapienza di utilizzare il contratto quadro, nel tentativo di conseguire, in tale ambito, quegli obiettivi che l Amministrazione si era prefissata nel più ampio progetto elaborato con la CONSIP S.p.A. 3

4 Si ritiene, in tal modo, di poter ottenere dei vantaggi che, seppure limitati, dato il differente e meno economicamente rilevante oggetto del contratto rispetto a quelli del Global Service, saranno parimenti importanti. È opportuno evidenziare alcuni dati relativi al progetto quadro: 624 articoli in gara ,00 euro + IVA quale importo complessivo presunto (a base gara) 4 anni di durata contrattuale. Sinteticamente i vantaggi e i risparmi attesi si possono così elencare: Le economie di scala conseguenti all aggregazione della domanda. Tali economie sono determinate dalla possibilità per le imprese di contenere, a fronte della garanzia di un contratto quadro, i propri utili e di ridurre le spese generali. Il risparmio atteso sul prezzo dei prodotti è del 10%. La diminuzione dei costi amministrativi legati all espletamento delle gare e alla gestione dei fornitori. Per i 4 anni di validità del contratto quadro si economizzano almeno ore di attività lavorativa che, rapportate percentualmente all ammontare dell appalto, consentono un risparmio stimato del 4,5%. Il sistema informativo (hardware e software) previsto nell accordo quadro a carico dell aggiudicatario permette il controllo capillare dei flussi di spesa, flussi che è possibile monitorare per tipologia di prodotti e di utenti (Facoltà, Dipartimenti, Centri di Ricerca e di Servizi, Uffici, ecc.). Il valore complessivo di tale sistema, rapportato percentualmente all ammontare dell appalto consente un risparmio stimato del 2%. L esistenza di un unico interlocutore (ditta aggiudicataria), la durata quadriennale dell accordo quadro, il sistema informativo, il servizio postvendita, la garanzia pluriennale ed il call center (per la gestione dei reclami) consentono all Amministrazione il controllo dell intera filiera, e quindi, 4

5 l innalzamento nel tempo del grado di qualità dei prodotti e dei servizi stessi. I prezzi vincolati per tutta la durata dell appalto. Il beneficio di tale scelta consente il recupero dell inflazione cosiddetta nascosta. Considerato che i listini dei prezzi vengono di norma adeguati annualmente al rialzo del 4 o 5%, si può ottenere un risparmio, al netto dell adeguamento previsto dalla legge per i soli materiali, calcolato percentualmente sull ammontare dell appalto, del 2% percento annuo, per un totale dell 8%. La possibilità di scomporre e di riconfigurare il parco arredi in nuovi o diversi spazi. In sintesi ed in definitiva, il vantaggio più rilevante è rappresentato dalla possibilità di approvvigionamento totale degli arredi in base ai fabbisogni qualitativi e quantitativi dell Ateneo e di costruire un database sugli approvvigionamenti relativo all Università La Sapienza e alle sue articolazioni organizzative. La criticità di tale servizio, che rappresenta anche la sfida da vincere, consiste nel superamento del problema politico, già accennato, del dualismo tra l esigenza di accentramento e quella di autonomia gestionale delle strutture. 5

6 b) Per quanto riguarda il secondo caso, vorrei menzionare le attività in corso per l approvvigionamento di risorse energetiche, cioè: 1. la realizzazione di un Programma Energia per La Sapienza, finalizzato alla costituzione delle cosiddette isole energeticamente autonome. Il programma, iniziato un anno fa, prevede la costituzione di una rete composta di nodi e maglie dove ogni nodo produce e distribuisce energia attraverso le maglie. Ad ogni nodo è interconnessa una fonte di energia NON tradizionale, cioè centrali di produzione dell energia che utilizzano fonti rinnovabili (come il solare) o assimilate alle rinnovabili (come la cogenerazione). Questo schema è teoricamente espandibile a porzioni di territorio sempre più vaste. Il compito istituzionale delle Università che prevede sperimentazioni e innovazioni tecnologiche come risposta a sollecitazioni nel settore della ricerca da un lato e la sua importanza sul territorio dall altro, impongono a La Sapienza la necessità di indicare soluzioni sostenibili ai problemi energetici utilizzabili anche per la città. Infatti, La Sapienza con le sue 21 Facoltà ed i suoi 114 Dipartimenti può essere considerata un grande laboratorio dove poter sperimentare soluzioni per un futuro energetico della città e dell intero Paese. Parte fondamentale del programma riguarda la realizzazione di una rete di produzione, distribuzione e utilizzazione dell energia a servizio della Città universitaria che rappresenta, dal punto di vista energetico, una significativa concentrazione di utenze (più di di m 3 ) che richiedono rilevanti quantitativi di energia ( MWhe/anno e MWht/anno, per complessivi TEP) 1. 1 MWhe: megavattora elettrici; MWhe corrispondono a 20 milioni di kilovattora (kwh) MWht: megavattora termici; MWht corrispondono a 8 milioni di kilovattora (kwh) 6

7 Su tale programma sono stati richiesti e ottenuti finanziamenti, pari a quasi 2 milioni di euro, dal Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dal Servizio Integrato Infrastrutture e Trasporti e dalla Regione Lazio, che hanno consentito di eseguire alcune opere impiantistiche inserite nel programma, che risultano essere i primi esempi, assolutamente innovativi, in Italia. È in corso, infatti, il primo intervento consistente nella realizzazione della prima isola energetica, finanziata dal Ministero dell Ambiente con un contributo pari a euro. L isola sarà alimentata da una microturbina ed ultimata entro la fine dell anno, con una sperimentazione condotta in gemellaggio con l Università cinese di Tongji, che realizza a Shangai una configurazione parallela di trigenerazione. La trigenerazione, ricordo, è la produzione combinata e contemporanea di energia elettrica, termica e frigorifera; soltanto questa parte del sistema comporterà per l Università un risparmio annuo sulla bolletta energetica di Euro e consentirà di evitare l immissione in atmosfera di 100 tonnellate di CO 2. Il secondo intervento, pure già iniziato, prevede la realizzazione di un sistema di cogenerazione (produzione combinata e contemporanea di energia elettrica e termica) nella Facoltà di Ingegneria, che si trova all esterno della Città universitaria e dove verrà realizzata un isola decentrata. Il risparmio annuo previsto è di circa euro. Il terzo intervento, pure finanziato, che dovrebbe essere completato entro la fine del 2007, rappresenta un intervento sul quale vengono riposte molte aspettative sul futuro della generazione di energia e che dovrebbe aiutare a risolvere il problema dell approvvigionamento energetico: l utilizzo delle cosiddette celle a combustibile. TEP: tonnellate equivalenti di petrolio (è un unità di misura che viene usata convenzionalmente per misurare in maniera sintetica varie forme di energia primaria; in questo caso comprende sia i kilovattora elettrici che termici). 7

8 2. Inoltre è in corso di elaborazione un capitolato speciale d appalto per i servizi energetici (Facility Management). Questa attività è inserita nel programma complessivo riguardante l autofinanziamento o finanziamento con fondi non pubblici. La Sapienza vuole bandire un appalto finalizzato alla stipula di uno specifico contratto per la fornitura di servizi energetici. In particolare tale appalto prevede: la fornitura di un servizio di consulenza gestionale al fine sia di ottimizzare l'utilizzo delle risorse sia di massimizzare il livello di servizio, l'erogazione di servizi di gestione energetica (Facility Management), la realizzazione di lavori (installazione di impianti) per il risparmio energetico, con un approccio che si traduce in un contratto di risultato. Il relativo controllo, dunque, non avviene più solo sulle singole attività operative, ma anche e soprattutto sul risultato. La concezione di una gara rivolta ad ottenere il predetto servizio di gestione integrata presenta una serie di vantaggi così sintetizzabili: lo svincolo da attività "non core business" per l'università, la valorizzazione del patrimonio immobiliare, la possibilità di far fronte tempestivamente a variazioni normative grazie alle competenze integrate dell'assuntore, la possibilità di operare a costi certi e programmabili in funzione delle mutevoli esigenze e necessità, la centralizzazione presso un unico referente di tutte le attività ausiliarie, la possibilità di realizzare economie di risorse sia finanziarie sia umane. 8

9 3. Vorrei, infine, esporre brevemente una proposta avanzata dal nostro Energy Manager, il Prof. Livio de Santoli, che riguarda la costituzione di una struttura ESCO (Energy Service Company). La costituzione di una ESCO, anche come spin-off accademico 2 dell Ateneo, per la predisposizione di servizi energetici integrati, permette di migliorare l efficienza energetica con costi autofinanziati direttamente dai benefici ottenuti. Le ESCO sono società che forniscono ai propri clienti (in genere utenti con significativi consumi di energia) un insieme di servizi integrati per la realizzazione ed eventuale successiva gestione di interventi per il risparmio energetico, garantendone i risultati ed i risparmi promessi, eventualmente anche finanziando l intervento. Le attività possono essere svolte dalle ESCO in toto o in parte, sia direttamente che subappaltando alcune delle attività, sempre però assumendosene la piena responsabilità. Le ESCO possono essere anche agenzie energetiche pubbliche o a capitale misto pubblico/privato. La proposta si suddivide in due fasi: la prima riguarda la costituzione di una società di capitali di tipo unipersonale (100% di azioni di proprietà de La Sapienza) trasformando un servizio attualmente esistente all interno dell Università (Servizio di Ateneo per l Energia) che già svolge alcune funzioni tipiche della ESCO. In una seconda fase, per la realizzazione dell obiettivo relativo all ottenimento di finanziamenti esterni anche attraverso la realizzazione e 2 Spin-off (gemmazione): imprese nate come filiazione di altre imprese, centri di ricerca o enti di altra natura. Spin-Off accademici: imprese che nascono come filiazione dell'università, dalla quale saranno poi destinate a staccarsi e a seguire un percorso proprio. Sono quelle società di capitali aventi come scopo l'utilizzazione imprenditoriale, in contesti innovativi, dei risultati della ricerca universitaria e lo sviluppo di nuovi prodotti e servizi. 9

10 l installazione di impianti per il risparmio energetico e l uso razionale dell energia, può essere utilizzato lo strumento della costituzione degli spinoff accademici, recentemente regolamentati anche all interno de La Sapienza. La partecipazione de La Sapienza in aziende di diritto privato crea un collegamento concreto tra Ateneo e mondo dell'imprenditoria. Nella proposta complessiva si potrebbe quindi prevedere la costituzione di una società mista che aggreghi anche quelle competenze che non risultano essere svolte dall Amministrazione. Il coinvolgimento dell impresa privata e dell industria, per una quota pari almeno all 80%, si riferisce a tali ultime competenze, comprese quelle capacità finanziarie necessarie per fornire il finanziamento degli interventi che non sono immediatamente riconducibili ad alcune attività svolte all interno dell Ateneo. Il vantaggio di tale soluzione è da ricondursi ad un aumento dell efficienza energetica generale dell Ateneo in termine di riduzione dei costi di gestione, aumento del risparmio energetico e di riqualificazione impiantistica. L individuazione delle nuove modalità di intervento sono anche il frutto di autofinanziamenti conseguenti: ai notevoli benefici ottenuti, all applicazione della normativa energetica in vigore (mercato dei titoli di efficienza energetica). La delibera n. 103/03 dell Autorità per l Energia Elettrica e il Gas, e successive modifiche e integrazioni, tra l altro, definisce i criteri e le modalità per il rilascio dei titoli di efficienza energetica. In base alla predetta delibera, i soggetti specializzati, come le ESCO, a fronte degli investimenti sostenuti nell ambito del risparmio energetico, ottengono i titoli di efficienza energetica (certificati bianchi) negoziabili in apposito mercato, con conseguente ritorno economico. 10

11 Sottolineo che la spesa relativa al consumo di energia elettrica e termica dell Università La Sapienza è pari a circa di euro/anno. Il risparmio medio conseguibile attraverso le iniziative descritte, una volta giunte a regime è del 10%-20% della spesa annua. CONCLUSIONI La programmazione dei fabbisogni è uno strumento ancora poco utilizzato nelle Pubbliche Amministrazioni ed anche nelle Università. La programmazione dei fabbisogni può essere visto come strumento di Governance più che di controllo finanziario, in virtù dell assetto autonomistico delle Università. Occorre sottolineare che il sistema di finanza derivata che prevede il trasferimento di risorse dallo Stato alle Università, aumenta l autonomia degli Atenei, corresponsabilizzando gli stessi nell utilizzo del budget unico mediante il quale conseguire obiettivi di contenimento della spesa. Infine vorrei citare, e concludo veramente, due importanti articoli pubblicati su Il Sole 24 ore relativi alle modalità di acquisizione dei fondi da parte delle Università americane, che fanno riflettere molto per la loro straordinaria capacità di interpretare il modo di essere autonomi e competitivi. 1) Primo articolo: A Stanford le idee sono miliardarie (Il Sole 24 ore del ). L Università di Stanford, come è noto, è stata fondata dal magnate delle ferrovie Leland Stanford nel 1891 con il dichiarato obiettivo di coltivare la ricerca applicativa. 11

12 L Università di Stanford ha creato un modello di partenrship tra Università e industria imitato in tutto il mondo. Questa Università ha dato i natali: a Google a Yahoo alla Hewlett Packard. Ha inventato: internet la risonanza magnetica la tac il sistema sonoro Dolby il modem. Vanta: 16 vincitori di un premio Nobel tra i professori di ruolo imprese fondate da propri laureati e da propri professori invenzioni realizzate a Stanford e registrate con brevetto. All interno del campus un intero edificio è occupato dall Office of Technology Licensing che offre assistenza legale, amministrativa, manageriale e finanziaria a studenti e professori che desiderano brevettare un invenzione, venderla o fondare una società propria. Il successo commerciale delle innovazioni tecnologiche, infatti, è ampiamente incoraggiato. Stanford ha reso milionari centinaia di studenti e professori senza chiedere molto in cambio e i milionari hanno ripagato con generosità quanto l Ateneo ha fatto per loro. 12

13 La missione di questa Università è stata sempre quella di formare cittadini cultured and useful (colti e utili). Fornisco alcuni dati relativi alla Stanford University: patrimonio: 12,2 miliardi di $ incrementato da donazioni studenti: le matricole nell anno accademico 2005/ totale studenti 2) Secondo articolo: Chi vuol frenare Harvard superstar (Il Sole 24 ore del ). Nella classifica mondiale compilata dall Università Jiao Tong di Shangai fra i primi 25 Atenei 19 sono statunitensi. La maggior parte di queste Università non sono solo centri d istruzione, ma anche entità economiche indipendenti e sovrane. Espressione materiale di questa indipendenza e sovranità: endowment (letteralmente: donazione, lascito, sovvenzione), il patrimonio finanziario investito. L Università di Harvard, che si è sempre classificata nelle statistiche internazionali tra i migliori Atenei del mondo, risulta essere anche la più ricca, con un capitale investito di 25,9 miliardi di dollari. Negli ultimi anni il patrimonio finanziario delle Università americane è cresciuto moltissimo, quello di Harvard è passato da 4,8 a 25,9 miliardi di dollari. In questo boom hanno avuto un ruolo decisivo gli investimenti in hedge funds, private equity, venture capital 3 e proprietà immobiliari. 3 Hedge funds: letteralmente fondo che assicura la copertura. Si tratta di prodotti finanziari di investimento, fondi che mirano ad assicurare ai sottoscrittori un total return (rendimento assoluto) sul capitale investito (indipendente quindi dalle variazioni del mercato) attraverso strategie di investimento speculative diversificate. L'obiettivo è quello di massimizzare i profitti derivanti dall'investimento principale cercando di coprire il rischio che non vada a buon fine attraverso investimenti di copertura che impegnano una parte minore del capitale investito. Private equity: operazioni di investimento realizzate nelle fasi del ciclo di vita delle aziende successive a quella iniziale Venture capital (capitale di rischio): finanziamento dell avvio di nuove imprese. 13

14 Comunque, sia gli investimenti tradizionali che quelli alternativi trovano origine negli stretti legami tra le Università americane e i loro allievi e benefattori. Negli Stati Uniti non solo le Università rinomate, ma anche quelle meno importanti hanno istituito un ufficio permanente per i rapporti con gli ex allievi. Nell Università di Harvard è stata istituita la Harvard Development Company (HDC), il cui unico scopo è quello di gestire il patrimonio dell Università e che ha la sede a Boston nel palazzo della Federal Reserve Bank. L HDC ha avuto un ruolo rilevante nella crescita del patrimonio dell Università. Sarebbe utile avere il coraggio di trarre qualche spunto dalle esperienze delle Università statunitensi, pur con i dovuti distinguo determinati dalle differenze esistenti tra la Società americana ed europea, e non aver paura di percorrere strade alternative a quelle seguite finora. È chiaro ed opportuno ribadire, comunque, che l Università italiana è pubblica e deve restare pubblica con finanziamenti necessariamente ed essenzialmente pubblici, ma dobbiamo avere l intelligenza e la capacità di importare tutti i principi privatistici che possano rendere gli Atenei meno dipendenti proprio dai finanziamenti pubblici allo scopo di migliorare la qualità dei servizi erogati pur continuando ad assolvere prioritariamente sempre e comunque alla duplice finalità di didattica e di ricerca. 14

PREMIO BEST PRACTICE PATRIMONI PUBBLICI 2011 SMART ENERGY : DA LA SAPIENZA ALLA CITTÀ

PREMIO BEST PRACTICE PATRIMONI PUBBLICI 2011 SMART ENERGY : DA LA SAPIENZA ALLA CITTÀ PREMIO BEST PRACTICE PATRIMONI PUBBLICI 2011 SMART ENERGY : DA LA SAPIENZA ALLA CITTÀ Ripartizione VII Attività Edilizie Servizio di Ateneo per l Energia SAE Energy Manager SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA

Dettagli

degli edifici pubblici Rovereto 3-aprile-2009

degli edifici pubblici Rovereto 3-aprile-2009 Prof. Arch. Silvano Curcio Università di Napoli Federico II GESTIONE & EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI UNI Comitato Normativo Europeo CEN TC 348 Facility Management Energy & Facility Management:

Dettagli

GESTIONE & EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI

GESTIONE & EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI Prof. Arch. Silvano Curcio Università di Napoli "Federico II", Terotec Analisi della situazione nazionale: Il quadro tecnico-normativo e lo stato del mercato PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO CONSISTENZA E

Dettagli

Adria Energy. risparmiare, naturalmente

Adria Energy. risparmiare, naturalmente Adria Energy risparmiare, naturalmente Le soluzioni ottimali per ottenere energia: cogenerazione, fotovoltaico, solare termico, biomasse, geotermico, idroelettrico, eolico. Adria Energy risparmiare, naturalmente

Dettagli

Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo

Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo GREEN ENERGY PLUS S.R.L. Via della Ricerca Scientifica snc c/o Parco Scientifico Romano

Dettagli

FACILITY MANAGEMENT :

FACILITY MANAGEMENT : 3 a EU FM LAB Laboratorio Europeo del Facility Management L'INNOVAZIONE NEL MERCATO RELAZIONE DI INQUADRAMENTO Prof. Arch. Silvano Curcio FACILITY MANAGEMENT : una nuova filiera di servizi per la gestione

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Consip SIE 3. Tempi rapidi e risultati garantiti di efficienza energetica con la convenzione SIE3. Servizio Integrato Energia

Consip SIE 3. Tempi rapidi e risultati garantiti di efficienza energetica con la convenzione SIE3. Servizio Integrato Energia Consip SIE 3 Servizio Integrato Energia per le Pubbliche Amministrazioni Tempi rapidi e risultati garantiti di efficienza energetica con la convenzione SIE3 La Pubblica Amministrazione è attualmente impegnata

Dettagli

RELAZIONE SUI RISPARMI DI SPESA 2013 CONSEGUENTI ALL ADESIONE A CONVENZIONI CONSIP E A CONVENZIONI STIPULATE DA ALTRE CENTRALI DI COMMITTENZA

RELAZIONE SUI RISPARMI DI SPESA 2013 CONSEGUENTI ALL ADESIONE A CONVENZIONI CONSIP E A CONVENZIONI STIPULATE DA ALTRE CENTRALI DI COMMITTENZA RELAZIONE SUI RISPARMI DI SPESA 2013 CONSEGUENTI ALL ADESIONE A CONVENZIONI CONSIP E A CONVENZIONI STIPULATE DA ALTRE CENTRALI DI COMMITTENZA Rilevazione per l anno 2013 Dalla rilevazione effettuata per

Dettagli

RES RETE EFFICIENZA SOSTENIBILE

RES RETE EFFICIENZA SOSTENIBILE RES RETE EFFICIENZA SOSTENIBILE "I venti dell'innovazione La sfida per l'energia del futuro" Lunedì 21 maggio Centro Congressi Ville Ponti di Varese PERCHE UNA RETE SULLA EFFICIENZA SOSTENIBILE Nasce dalla

Dettagli

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014 Patrocinio Università degli Studi di Genova Facoltà di Architettura - Dipartimento di Scienze per l'architettura Dottorato di Ricerca in "Recupero Edilizio ed Ambientale" Provincia di Genova CONVEGNO FACILITY

Dettagli

Politiche e strumenti finanziari per il recupero energetico del patrimonio edilizio pubblico IL PUNTO DI VISTA DELLE ESCO

Politiche e strumenti finanziari per il recupero energetico del patrimonio edilizio pubblico IL PUNTO DI VISTA DELLE ESCO Politiche e strumenti finanziari per il recupero energetico del patrimonio edilizio pubblico IL PUNTO DI VISTA DELLE ESCO 2 Il Gruppo Sernet Il Gruppo Sernet nasce come evoluzione di Sernet SpA Management

Dettagli

CHI SIAMO ESTRA CLIMA S.R.L.

CHI SIAMO ESTRA CLIMA S.R.L. CHI SIAMO ESTRA CLIMA S.R.L. È LA SOCIETÀ DEL GRUPPO ESTRA CHE DA ANNI OPERA NEL SETTORE DEL RISPARMIO ENERGETICO, VANTANDO UNA LUNGA ESPERIENZA E NUMEROSE COMMITTENZE PUBBLICHE E PRIVATE. Il core business

Dettagli

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico In questa sezione si analizzano gli aspetti economici, ambientali ed occupazionali collegati alla sviluppo del fotovoltaico. Aspetti economici Per quanto

Dettagli

Maintenance & Energy Efficiency

Maintenance & Energy Efficiency Industrial Management School Maintenance & Conoscenze, metodi e strumenti per operare nel campo della gestione dell energia - Integrare le politiche di manutenzione con quelle legate all energia - Ottimizzare

Dettagli

Energy Management DI PRIMO LIVELLO

Energy Management DI PRIMO LIVELLO Energy Management MASTER MIP POLITECNICO DI MILANO DI PRIMO LIVELLO A PORDENONE Energy Management MASTER MIP POLITECNICO DI MILANO DI PRIMO LIVELLO Il Master si propone nel territorio in risposta alla

Dettagli

I vantaggi della riqualificazione energetica

I vantaggi della riqualificazione energetica www.arcoservizi.it I vantaggi della riqualificazione energetica Nel 2010, le famiglie europee hanno consumato quasi il 13% in più di energia rispetto al 1990, generando il 25% delle emissioni di gas a

Dettagli

Come i modelli GBE FACTORY rientrano nello spirito delle ESCO

Come i modelli GBE FACTORY rientrano nello spirito delle ESCO Come i modelli GBE FACTORY rientrano nello spirito delle ESCO Ing. Roberto Udali ForGreen S.p.A. ForGreen e il progetto GBE Factory Il GBE Factory- Green Blue Energy Factory rientra nel programma della

Dettagli

Il Facility Management secondo Condotte Immobiliare

Il Facility Management secondo Condotte Immobiliare Il Facility Management secondo Condotte Immobiliare CONDOTTEIMMOBILIARESOCIETÀPERAZIONICONDOTTEIMMOBILIARESOCIETAPERAZIONICONDOTTEIMMOBILIARESOCIETAPERAZIONICONDO Mission & Vision Mission & Vision Nel

Dettagli

Efficienza energetica nelle strutture termali e ricettive

Efficienza energetica nelle strutture termali e ricettive Efficienza energetica nelle strutture termali e ricettive Progettazione, realizzazione e gestione di impianti per la riqualificazione energetica 19 febbraio 2016 24/02/2016 1 Indice 1. I partners; 2. Il

Dettagli

Certificati Bianchi: normative e benefici economici. Simone Mura Customer Relations simone.mura@tholosgreen.com

Certificati Bianchi: normative e benefici economici. Simone Mura Customer Relations simone.mura@tholosgreen.com Certificati Bianchi: normative e benefici economici Simone Mura Customer Relations simone.mura@tholosgreen.com Risparmio energetico Paesi Ocse-11 Il grafico mostra il risparmio energetico generato da interventi

Dettagli

Independent Market Energy Saving Consulting

Independent Market Energy Saving Consulting Independent Market ALENS è ESCo certificata UNI CEI 11352 da TÜV SUD Una nuova realtà nel settore della consulenza in campo energetico, nata dall esperienza pluriennale dei soci. Independent Market Chi

Dettagli

LE SFIDE ENERGETICHE DELLA SANITA IN FRIULI VENEZIA GIULIA

LE SFIDE ENERGETICHE DELLA SANITA IN FRIULI VENEZIA GIULIA LE SFIDE ENERGETICHE DELLA SANITA IN FRIULI VENEZIA GIULIA La centrale tecnologica trigenerativa del Nuovo Ospedale di Udine Paolo Maltese Siram SpA Direttore Parternariato Pubblico Privato 1 L OPERA E

Dettagli

La riqualificazione e l efficientamento energetico del patrimonio edilizio: qualità degli interventi, equità dei costi, sostenibilità ambientale

La riqualificazione e l efficientamento energetico del patrimonio edilizio: qualità degli interventi, equità dei costi, sostenibilità ambientale Progetti di efficienza energetica nella Pubblica Amministrazione: azioni e strategie per superare gli ostacoli La riqualificazione e l efficientamento energetico del patrimonio edilizio: qualità degli

Dettagli

Risparmiare si può. Energy. Service COmpany. con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico. Imperia, 11 luglio 2014

Risparmiare si può. Energy. Service COmpany. con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico. Imperia, 11 luglio 2014 Risparmiare si può con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico Energy Imperia, 11 luglio 2014 Service COmpany CORE BUSINESS DI AURA ENERGY Nuova mission Nel 2012 Aura Energy, conseguentemente

Dettagli

Maurizio Cenci. Come ACEA supporta le Imprese per una maggiore efficienza energetica. 8 a Conferenza di Responsible Care

Maurizio Cenci. Come ACEA supporta le Imprese per una maggiore efficienza energetica. 8 a Conferenza di Responsible Care 8 a Conferenza di Responsible Care Strumenti finanziari per supportare lo Sviluppo Sostenibile dell Industria. Come ACEA supporta le Imprese per una maggiore efficienza energetica Maurizio Cenci Direttore

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di energia da fonti rinnovabili

Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di energia da fonti rinnovabili LA MULTIFUNZIONALITÀ DELLE AZIENDE AGRICOLE: LE AZIENDE AGRIENERGETICHE NEI PICCOLI COMUNI Convegno nazionale Rocchetta Sant Antonio 28 maggio 2005 Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di

Dettagli

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private.

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private. Chi siamo Nata nel 1999, Energy Consulting si è affermata sul territorio nazionale fra i protagonisti della consulenza strategica integrata nel settore delle energie con servizi di Strategic Energy Management

Dettagli

La questione del miglioramento dell efficienza energetica negli. usi finali in Italia: le aziende scoprono le ESCo * * *

La questione del miglioramento dell efficienza energetica negli. usi finali in Italia: le aziende scoprono le ESCo * * * La questione del miglioramento dell efficienza energetica negli usi finali in Italia: le aziende scoprono le ESCo * * * Il presente breve contributo intende dare conto di un interessante fenomeno economico/industriale,

Dettagli

INCONTRO CON I SOCI TEATRO COMUNALE BUSNELLI Dueville (VI) - 13 Maggio 2013

INCONTRO CON I SOCI TEATRO COMUNALE BUSNELLI Dueville (VI) - 13 Maggio 2013 INCONTRO CON I SOCI TEATRO COMUNALE BUSNELLI Dueville (VI) - 13 Maggio 2013 1 Il progetto Il progetto acquisti centralizzati è stato studiato da e-globalservice per offrire ai consorziati del Consorzio

Dettagli

ENG TEAM & PARTNERS ENG TEAM & PARTNERS

ENG TEAM & PARTNERS ENG TEAM & PARTNERS Chi siamo LA SOCIETA ENG TEAM & PARTNERS è una società di consulenza del Nord Est Italia. Gli ambiti in cui opera sono molteplici proponendosi con competenze specifiche nei settori delle infrastrutture,

Dettagli

La rivoluzione verde: nasce Green Utility

La rivoluzione verde: nasce Green Utility La rivoluzione verde: nasce Green Utility Il 9 Marzo 2007, la Commissione Europea ha stabilito come obiettivo europeo vincolante sul piano politico che le energie rinnovabili raggiungano il 20% della produzione

Dettagli

D.5 Energy Manager. Controllo Utilizzazione Energia. Energy Manager TEE. Regolamenti Edilizi ESCO. Mobility Manager

D.5 Energy Manager. Controllo Utilizzazione Energia. Energy Manager TEE. Regolamenti Edilizi ESCO. Mobility Manager Controllo Utilizzazione Energia TEE Consumi Energetici Energy Manager Regolamenti Edilizi 31% 3% 31% agricoltura ESCO industria trasporti usi civili 35% Mobility Manager 1 Mobility Manager Il Mobility

Dettagli

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Gianluca Riu, Direttore Impianti Energia Gruppo Egea Energie a servizio del territorio 22-24 maggio 2015 mercoledì

Dettagli

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future Roma - 25 novembre 2014 ing. Gianluca Cocco Direttore Servizio Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti

Dettagli

IL PROGETTO EUROPEO FRESH

IL PROGETTO EUROPEO FRESH PROGETTO FRESH PREMIO BEST PRACTICE PATRIMONI PUBBLICI 2015 IL PROGETTO EUROPEO FRESH Strumenti per la riqualificazione energetica del patrimonio di edilizia residenziale sociale esistente EDIFICIO RESIDENZIALE

Dettagli

FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI. 14 marzo 2012

FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI. 14 marzo 2012 FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI 14 marzo 2012 I settori d azione previsti dal Patto dei Sindaci Le Linee Guida del Joint

Dettagli

La Strategia Energetica Nazionale

La Strategia Energetica Nazionale La Strategia Energetica Nazionale La nuova Strategia Energetica Nazionale, diffusa a fini di consultazione pubblica, individua quattro obiettivi principali per il sistema energetico italiano: 1) Ridurre

Dettagli

Avv. Marinella Baldi Consulente MUVITA

Avv. Marinella Baldi Consulente MUVITA Constatazione che un rilevante numero di condomini dispone di sistemi di produzione gestione del calore obsoleti e inefficienti con enorme spreco di energia e risorse economiche. I risparmi ottenibili

Dettagli

Programma per l adozione di misure per il risparmio energetico nel settore delle Case di Cura

Programma per l adozione di misure per il risparmio energetico nel settore delle Case di Cura Programma per l adozione di misure per il risparmio energetico nel settore delle Case di Cura Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all improvviso.. VI SORPRENDERETE A FARE

Dettagli

a.a 2012/2013 III MODULO Pianificazione, gestione e controllo della spesa Area Aziendale

a.a 2012/2013 III MODULO Pianificazione, gestione e controllo della spesa Area Aziendale a.a 2012/2013 III MODULO Pianificazione, gestione e controllo della spesa Area Aziendale Perché formazione sul Procurement? I sistemi di Procurement stanno subendo profonde modificazioni sia nelle grandi

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Aprile 2013) 1/373 Sperimentale secondo le modalità previste dalla Comunicazione

Dettagli

SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER

SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER Progetto di riqualificazione e riconversione dell edificio Ex-Westinghouse in centro di competenza nel campo dell innovazione energetico-ambientale

Dettagli

Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA

Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA CITTÀ DI GIUGLIANO IN CAMPANIA Provincia di Napoli Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA N. 47. Data 27/03/2014 OGGETTO: NOMINA DELL ENERGY MANAGER RESPONSABILE PER LA CONSERVAZIONE E

Dettagli

Trigenerazione, Fonti rinnovabili ed E.S.Co. contracting:

Trigenerazione, Fonti rinnovabili ed E.S.Co. contracting: Il caso «Centro Commerciale ZERO CENTER» Trigenerazione, Fonti rinnovabili ed E.S.Co. contracting: vantaggi economici, energetici e ambientali nel settore terziario. Nicola Miola Divisione Cogenerazione

Dettagli

Efficienza per pianificare l energia

Efficienza per pianificare l energia Efficienza per pianificare l energia Simona Murroni - Assessorato Industria - Servizio Energia La RAS - Assessorato Industria Servizio Energia Sta redigendo il Piano Energetico Regionale Ambientale di

Dettagli

InfoFACILITY. La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL. Agenzia PROFILO AZIENDA

InfoFACILITY. La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL. Agenzia PROFILO AZIENDA La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL - Case History ARPAL - Maggio 2014 L ottimizzazione del processo manutentivo, intesa come l aumento dell efficacia degli interventi ordinari,

Dettagli

Il Facility Management nel Settore Bancario

Il Facility Management nel Settore Bancario Il Facility Management nel Settore Bancario Roma, 9 dicembre 2013 MARCO IACONIS Coordinatore Competence Center ABI sul Facility Management Agenda Banche e FM: scenario di riferimento Il Report di analisi

Dettagli

L ENERGIA PER IL MONDO CHE CAMBIA

L ENERGIA PER IL MONDO CHE CAMBIA L ENERGIA PER IL MONDO CHE CAMBIA PRESENTAZIONE BiSTUDIO Via Arona 11 47838 Riccione (RN) Tel. 0541643881 Fax 0541663476 e-mail: info@bistudio.it internet: www.bistudio.it Partita Iva Codice Fiscale Iscrizione

Dettagli

dalla natura l energia per la vita

dalla natura l energia per la vita dalla natura l energia per la vita dalla natura l energia per la vita È racchiusa in questa frase l identità di Ciesse Energia. Poche parole per definire un azienda convinta che progresso e sviluppo, in

Dettagli

v. il dimensionamento d impianto vi. l integrazione con la realtà produttiva 3. Le opportunità ambientale ed economica

v. il dimensionamento d impianto vi. l integrazione con la realtà produttiva 3. Le opportunità ambientale ed economica Workshop Rafforzare la competitività delle PMI: opportunità in Europa Investire nello sviluppo sostenibile: la cogenerazione ing. Giuseppe Starace Università del Salento LECCE (I) Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

AcegasAps e le sfide della Green Economy

AcegasAps e le sfide della Green Economy AcegasAps e le sfide della Green Economy Il programma INDICE Il Gruppo AcegasAps Spa L economia Green AcegasAps le attività AcegasAps l Efficienza energetica Il Gruppo Hera Il Gruppo AcegasAps La Capogruppo,

Dettagli

La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica

La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica Unità Tecnica Efficienza Energetica -UTEE Sommario Direttiva Europea sull Efficienza Energetica Strategia Energetica Nazionale (sett. 2012) 2

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Regolamento del Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico Articolo 1. Costituzione e scopi 1. Il Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 18 dicembre 2014, n. 2719

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 18 dicembre 2014, n. 2719 2841 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 18 dicembre 2014, n. 2719 Piano per la promozione e l uso razionale dell energia ai fini del contenimento di costi ed emissioni nocive degli impianti e dei mezzi

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

vola con il fotovoltaico Diamo energia al tuo business

vola con il fotovoltaico Diamo energia al tuo business vola con il fotovoltaico Diamo energia al tuo business la soluzione PER IL MERCATO CHE CAMBIA Enerpoint, attiva da oltre 12 anni nel settore Fotovoltaico e da sempre in prima linea per promuovere il cambiamento,

Dettagli

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011 Quartu S.E., 03 ottobre 2011 Circolare n 10 Oggetto Legge di Finanziamento: Comunitaria Nazionale Regionale Comunale Settore: Artigianato, Commercio, Servizi, Industria ed Agricoltura La circolare fornisce

Dettagli

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014 Strumenti per il rilancio dell impresa Ditte individuali I progetti di investimento non devono superare 25.823. La o il titolare della ditta individuale deve aver compiuto 18 anni e deve essere inoccupato.

Dettagli

Il soddisfacimento dei fabbisogni energetici con la cogenerazione

Il soddisfacimento dei fabbisogni energetici con la cogenerazione COGENERAZIONE & TRIGENERAZIONE RISPARMIO ENERGETICO = RISPARMIO ECONOMICO Il soddisfacimento dei fabbisogni energetici con la cogenerazione Domenico Laforgia Magnifico Rettore Professore ordinario di Sistemi

Dettagli

Il Facility Management nel Settore Bancario

Il Facility Management nel Settore Bancario Il Facility Management nel Settore Bancario Roma, 14 marzo 2013 MARCO IACONIS Coordinatore Competence Center ABI sul Facility Management Agenda Banche e FM: scenario di riferimento Il Report di analisi

Dettagli

EnErgia particolare.

EnErgia particolare. Energia particolare. LA STRUTTURA DEL GRUPPO. Gruppo UNOGAS aree di attività: Area vendita gas Area vendita energia Area servizi energetici e impiantistica Area importazione e trading ABBIAMO FATTO MOLTA

Dettagli

COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO

COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO Comunicato stampa COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO Servono tra i 110 e i 120 milioni di euro per ridurre gli sprechi in campo energetico dei Comuni con meno

Dettagli

SERVIZI DI OTTIMIZZAZIONE ED ABBATTIMENTO COSTI

SERVIZI DI OTTIMIZZAZIONE ED ABBATTIMENTO COSTI SERVIZI DI OTTIMIZZAZIONE ED ABBATTIMENTO COSTI PER LE IMPRESE, ENTI PUBBLICI ED ASSOCIAZIONI IMPRENDITORIALI Unità locale : Via C. Vittori, 4-26100 Cremona (CR) Cod.Fisc. P.Iva e iscrizione C.C.I.A.A.

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it FINANZIARIA 2007 Energia www.governo.it 1 Risparmio energetico per la bolletta e per l ambiente Agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici Fondo per l incentivazione di edifici

Dettagli

TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ.

TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ. 27-09-2013 Comunicato stampa TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ. Per contatti e ulteriori informazioni:

Dettagli

Diamo Energia All innovazione

Diamo Energia All innovazione Diamo Energia All innovazione Soluzioni innovative per l efficienza energetica Nata nel 2006 come impresa specializzata nello studio, sviluppo ed installazione di impianti e sistemi ad alto contenuto innovativo

Dettagli

lmantovan@arpa.veneto.it

lmantovan@arpa.veneto.it CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MANTOVAN LARA Data di nascita 02/06/1971 Profilo professionale, categoria Amministrazione Tipologia dell attuale incarico Descrizione dell attuale incarico

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Relazione Attività Di Progetto Uno degli obiettivi del progetto CST Area di TARANTO è stato quello di garantire la diffusione dei servizi innovativi

Dettagli

Corso di Alta Formazione CTI LA CO-GENERAZIONE DISTRIBUITA A COMBUSTIBILE FOSSILE E/O RINNOVABILE

Corso di Alta Formazione CTI LA CO-GENERAZIONE DISTRIBUITA A COMBUSTIBILE FOSSILE E/O RINNOVABILE Corso di Alta Formazione CTI LA CO-GENERAZIONE DISTRIBUITA A COMBUSTIBILE FOSSILE E/O RINNOVABILE Coordinatori Scientifici: Prof. M. Bianchi e Prof. P. R. Spina Con il patrocinio di Milano, 9 10 e 11 Febbraio

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

Auditorium Parco della Musica di Roma: la gestione di una macchina culturale

Auditorium Parco della Musica di Roma: la gestione di una macchina culturale Auditorium Parco della Musica di Roma: la gestione di una macchina culturale 29 Maggio 2013 Antonella Belliazzi Direttore Tecnico Fondazione Musica per Roma Il progetto del Renzo Piano Building Workshop

Dettagli

design: PRIMA VISIONE Torino L ENERGIA CHE TI VIENE INCONTRO

design: PRIMA VISIONE Torino L ENERGIA CHE TI VIENE INCONTRO design: PRIMA VISIONE Torino L ENERGIA CHE TI VIENE INCONTRO SOCIETA' VENDITA GAS METANO - ENERGIA ELETTRICA SO.MET SOCIETA' DISTRIBUTRICE GAS METANO SERVIZI GESTIONE CALORE GRUPPO SOMET v. G. Testore,

Dettagli

PIÙ ENERGIA ALL ENERGIA.

PIÙ ENERGIA ALL ENERGIA. PIÙ ENERGIA ALL ENERGIA. COFELY. Leader nell efficienza energetica e ambientale. Gestione energia e fotovoltaico Case History // Comune e Provincia di Roma Per il Comune di Roma, Cofely si occupa della

Dettagli

L Energy Manager e le nuove professioni dell Efficienza Energetica

L Energy Manager e le nuove professioni dell Efficienza Energetica L Energy Manager e le nuove professioni dell Efficienza Energetica Nino Di Franco nino.difranco@enea.it ENEA, Unità Tecnica per l Efficienza Energetica Giornata di formazione continua in collaborazione

Dettagli

Marco Corradi Presidente Acer Reggio Emilia, Presidente gruppo di lavoro energia Cecodhas Houising Europe

Marco Corradi Presidente Acer Reggio Emilia, Presidente gruppo di lavoro energia Cecodhas Houising Europe Efficienza Energetica: la Direttiva Europea EPBD2 per edifici a consumo quasi zero Un progetto pilota, a sostegno Regionale,per l apertura di cantieri di efficientamento energetico a pieno edificio Marco

Dettagli

Università di Torino ed Energia: la situazione attuale

Università di Torino ed Energia: la situazione attuale Torino, 04/06/2014 Università di Torino ed Energia: la situazione attuale Andrea Tartaglino UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Direzione Tecnica Energy Manager andrea.tartaglino@unito.it Indice I. Premesse:

Dettagli

I condomini intelligenti in provincia di Genova. Marco Castagna Direttore Fondazione Muvita

I condomini intelligenti in provincia di Genova. Marco Castagna Direttore Fondazione Muvita I condomini intelligenti in provincia di Genova. Marco Castagna Direttore Fondazione Muvita Il patrimonio edilizio in Italia Gli edifici del nostro paese sono stati costruiti prevalentemente con criteri

Dettagli

Efficienza energetica nell edilizia in Puglia: lo studio di fattibilità per la riqualificazione energetica

Efficienza energetica nell edilizia in Puglia: lo studio di fattibilità per la riqualificazione energetica Efficienza energetica nell edilizia in Puglia: lo studio di fattibilità per la riqualificazione energetica dell Università di Bari Carlo Gadaleta Caldarola ARTI Agenzia Regionale per la Tecnologia e l

Dettagli

Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA

Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA Assoutility srl - Assolombarda Arch. Daniela Colalillo Comune di Settala, 08 novembre 2006 Efficienza energetica e mercato liberalizzato:

Dettagli

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA IL SISTEMA PRODUTTIVO DELL EMILIA EMILIA-ROMAGNA ALCUNI PUNTI DI FORZA ALCUNI PUNTI DI DEBOLEZZA ALTO LIVELLO

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E RIQUALIFICAZIONE DEGLI EDIFICI Edilizia residenziale pubblica

EFFICIENZA ENERGETICA E RIQUALIFICAZIONE DEGLI EDIFICI Edilizia residenziale pubblica (Proposte incentivi_rel_fc.doc / 28/07/11) EFFICIENZA ENERGETICA E RIQUALIFICAZIONE DEGLI EDIFICI Edilizia residenziale pubblica Premessa: incentivi ed aiuti mirati alla specificità dei soggetti Nel definire

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO TITOLO I Principi e disposizioni generali Articolo 1 Principi e finalità del regolamento 1. Il presente regolamento ha come obiettivo la

Dettagli

SISTEMI URBANI Interventi per il piano d'area emergenza in Abruzzo Programma stralcio per la parziale ricostruzione dell'università de L'Aquila

SISTEMI URBANI Interventi per il piano d'area emergenza in Abruzzo Programma stralcio per la parziale ricostruzione dell'università de L'Aquila SISTEMI URBANI Interventi per il piano d'area emergenza in Abruzzo Programma stralcio per la parziale ricostruzione dell'università de L'Aquila SCHEDA N. 125 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO

Dettagli

Servizi di Facility Management per gli immobili in uso alle Pubbliche Amministrazioni adibiti prevalentemente ad uso ufficio

Servizi di Facility Management per gli immobili in uso alle Pubbliche Amministrazioni adibiti prevalentemente ad uso ufficio 1 Facility Management per gli immobili in uso alle Pubbliche Amministrazioni abiti prevalentemente ad uso ufficio Convenzione Consip Lotto 3 2 Ince Premessa................... pag. 03 Il Raggruppamento

Dettagli

I contratti di rendimento. Marcello Antinucci ECUBA srl CBW Bologna 19-20 marzo 2013

I contratti di rendimento. Marcello Antinucci ECUBA srl CBW Bologna 19-20 marzo 2013 I contratti di rendimento energetico Marcello Antinucci ECUBA srl CBW Bologna 19-20 marzo 2013 Fonte normativa: Dlgs 115/2008 Art. 2. Definizioni l) «contratto di rendimento energetico»: accordo contrattuale

Dettagli

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.)

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) 2 LA MISSION DI MENOENERGIA ORIGINE DI MENOENERGIA Menoenergia è una società controllata dal Gruppo

Dettagli

Residenziale OBIETTIVO ENERGIA: MENO CONSUMI, PIÙ RISPARMIO. Cofely. Leader nell efficienza energetica e ambientale

Residenziale OBIETTIVO ENERGIA: MENO CONSUMI, PIÙ RISPARMIO. Cofely. Leader nell efficienza energetica e ambientale Residenziale OBIETTIVO ENERGIA: MENO CONSUMI, PIÙ RISPARMIO Cofely. Leader nell efficienza energetica e ambientale AFFIDARSI AI NUMERI UNO Da sempre al servizio dell efficienza per il risparmio energetico

Dettagli

tecnologia che migliora il mondo

tecnologia che migliora il mondo tecnologia che migliora il mondo Company profile AURORA energy solution è l unione di due società la AURORA INVEST Srl e ICMEA Srl società di ingegneria dedicata alla progettazione e realizzazione di impianti

Dettagli

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Gennaio 2011 M I P C U P G17H03000130011 Sistema Monitoraggio

Dettagli

Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A.

Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A. Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A. Seminario sulle Convenzioni CONSIP in ambito ICT 28 Novembre 2003 Palazzo del Consiglio Regionale Sala Sinni Agenda 1. Apertura

Dettagli

Efficienza energetica: opportunità per le aziende e il sistema Italia

Efficienza energetica: opportunità per le aziende e il sistema Italia Efficienza energetica: opportunità per le aziende e il sistema Italia Energy Med Napoli, 23/03/2012 Marco Ballicu, Unità affari istituzionali e regolamentari EGL Italia S.p.A. Una società del Gruppo Indice

Dettagli

"PREMIO BEST PRACTICE PATRIMONI PUBBLICI 2013" Dal project Financing al Facility Management territorale : l esperienza della ASL di Nuoro

PREMIO BEST PRACTICE PATRIMONI PUBBLICI 2013 Dal project Financing al Facility Management territorale : l esperienza della ASL di Nuoro Dal project Financing al Facility Management territorale : l esperienza della ASL di Nuoro CONTESTO PATRIMONIALE QUO ANTE TIPOLOGIA DELL INTERVENTO: Progettazione, riqualificazione e ampliamento delle

Dettagli

Energetiqa srl PRESENTAZIONE SOCIETARIA

Energetiqa srl PRESENTAZIONE SOCIETARIA L energia è quella risorsa di cui ogni organismo ha bisogno per vivere e per svolgere qualsiasi attività. Per muoverci, come per pensare, utilizziamo infatti l energia immagazzinata nel nostro corpo. Anche

Dettagli

Provincia di Rimini CONTO ENERGIA Quali prospettive per la riviera solare

Provincia di Rimini CONTO ENERGIA Quali prospettive per la riviera solare Provincia di Rimini CONTO ENERGIA Quali prospettive per la riviera solare Nuove opportunità per l utilizzo razionale dell energia attraverso le ESCO Rimini 22 settembre 2005 ING. RICCARDO TENTI A&B-Ambientebenessere

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM VITAE

INFORMAZIONI PERSONALI TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM VITAE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CARPERA PAOLA Data di nascita 06.05.1966 Qualifica Collaboratore Amministrativo D 3 Amministrazione Agenzia Regionale per l Ambiente Incarico attuale Titolare

Dettagli

LA GRID PARITY DIVENTA REALTA : IL PRIMO PROGETTO IN ITALIA DI FOTOVOLTAICO COMPETITIVO CON LA RETE PRESENTATO DA WWF E UNICREDIT CON OFFICINAE VERDI

LA GRID PARITY DIVENTA REALTA : IL PRIMO PROGETTO IN ITALIA DI FOTOVOLTAICO COMPETITIVO CON LA RETE PRESENTATO DA WWF E UNICREDIT CON OFFICINAE VERDI Roma, 22 Novembre 2012 COMUNICATO STAMPA LA GRID PARITY DIVENTA REALTA : IL PRIMO PROGETTO IN ITALIA DI FOTOVOLTAICO COMPETITIVO CON LA RETE PRESENTATO DA WWF E UNICREDIT CON OFFICINAE VERDI Ministro dell

Dettagli