ENERGIA: CGIL, REGIONE IMPACCIATA CAMBI ROTTA SU ENERGIE RINNOVABILI, SPENDA I FONDI UE, SI ADOPERI PER LA MASSIMA TRASPARENZA E LA LEGALITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ENERGIA: CGIL, REGIONE IMPACCIATA CAMBI ROTTA SU ENERGIE RINNOVABILI, SPENDA I FONDI UE, SI ADOPERI PER LA MASSIMA TRASPARENZA E LA LEGALITA"

Transcript

1 CGIL CONFEDERAZIONE GENERALE ITALIANA DEL LAVORO SICILIA UFFICIO STAMPA COMUNICATO STAMPA ENERGIA: CGIL, REGIONE IMPACCIATA CAMBI ROTTA SU ENERGIE RINNOVABILI, SPENDA I FONDI UE, SI ADOPERI PER LA MASSIMA TRASPARENZA E LA LEGALITA Palermo, 4 ottobre I limiti della regione nella capacità di spesa dei Fondi europei vengono tutti a galla nel settore dell energia, che a causa delle continue rimodulazioni ha di fatto perso il 50% delle risorse a disposizione facendo venire meno il contributo della regione allo sviluppo di questo importante ambito. Lo sostiene la Cgil Sicilia che ha presentato oggi un dossier sull argomento. Dal documento si ricava anche che la gestione dirigistica nell ambito del Patto dei sindaci, rischia di produrre piani di azione che restano sulla carta, di favorire l arrivo di Esco (Energy service company), società per la gestione dei piani, multinazionali e non siciliane e di creare le condizioni per far proliferare i cosiddetti affari. Il segretario generale Michele Pagliaro, lo ha detto chiaramente: Non possiamo permetterci di andare con questi presupposti alla prossima programmazione europea, bisogna che la regione definisca presto in un nuovo Piano energetico obiettivi e azioni conseguenti, così come bisogna dare al settore delle energie rinnovabili regole certe e trasparenti, mettendo fine per questa strada ai contenziosi e alle polemiche sulle autorizzazioni. Bisogna fare il necessario ha aggiunto per evitare che un ambito importante e di prospettiva come questo diventi terreno di speculazione e spazio libero per gli affaristi. Occorre superare, ha rilevato Alfio La Rosa, responsabile del dipartimento territorio e ambiente della Cgil Sicilia, un paradosso che vede una regione al 7^ posto per produzione da fonti rinnovabili grazie agli incentivi nazionali con la crescita in questi ultimi anni anche del solare fotovoltaico, non avere sviluppato adeguatamente la filiera di un industria collegata, segnare il passo quanto a interventi su efficienza e sistemi di accumulo, avere problemi con le reti in assenza delle cosiddette rete intelligenti. Tutto questo, a causa dei mancati interventi, sostiene la Cgil, che sarebbero stati resi possibili da un tempestivo e corretto utilizzo dei fondi europei. E invece il finanziamento della misura per le filiere ha affermato Pagliaro sono stati ridotti da 200 milioni a 25 milioni peraltro non spesi e questo a causa di un bando farraginoso e poco credibile che è stato per questo disertato dalle imprese. Neanche sul tema dei 14 esperti per il supporto al Dipartimento energia e il coordinamento delle iniziative comunitarie (patto dei sindaci e patto delle isole) si è fatto di meglio. Hanno partecipato al bando nomi di spicco ha spiegato La Rosa ma la Regione ha preferito fermare tutto e nominare tre consulenti esterni che di fatto non hanno prodotto nulla di concreto. Per la Cgil è dunque arrivato il momento di una inversione di rotta sulla spesa dei fondi europei, ma anche del varo di un piano energetico condiviso e partecipato. Devono essere aggiornati gli obiettivi ha sostenuto Mimma Argurio, della segreteria regionale Cgil individuate le azioni, e costruito un sistema trasparente per le autorizzazioni e certo per i controlli. Il piano inoltre ha aggiunto deve essere oggetto di pubblica consultazione di tutti gli attori sociali e istituzionali. La Cgil propone anche la creazione di un distretto tecnologico, con l apporto di università ed enti di ricerca, e di una cabina di regia coordinando così le attività dei vari assessorati e la spesa europea in un settore come quello dell energia che di fatto si collega e si intreccia con tutti gli altri settori produttivi e con le problematiche dell ambiente e del territorio. Chiediamo alla regione ha concluso Pagliaro obiettivi chiari, azioni esigibili, tempestività della spesa e il massimo della trasparenza e della legalità per lo sviluppo di un settore che può dare molto alla Sicilia in termini economici e occupazionali dac Palermo Via Ercole Bernabei, 22 Tel Fax

2 5 ottobre 2013 Pagina 6 La Repubblica (ed. Palermo) Regione Siciliana Il dossierla Cgil denuncia lo scarso utilizzo dei finanziamenti europei. Bandi sbagliati, gare deserte. Lo spreco dei fondi per l' energia trecento milioni persi per strada BANDI ai quali nessuno riesce a partecipare e impacci burocratici negli uffici della Regione. Finanziamenti revocati e altri mai erogati. Il pasticcio nella gestione dei fondi europei sull' energia vale quasi 340 milioni di euro: un clamoroso spreco di risorse che avrebbero potuto spingere il boom delle rinnovabili in Sicilia e sviluppare l' efficienza energetica dell' Isola. Alla resa dei conti del Fesr , che deve assegnare gli ultimi finanziamenti entro il 31 dicembre, è questo il capitolo più penalizzato dall' incapacità della Regione di spendere e far spendere alle aziende la pioggia di risorse che arriva da Bruxelles. Rispetto alla programmazione iniziale, che prevedeva una dotazione complessiva di 675 milioni di euro, un taglio della metà. Soldi destinati altrove, ma spesso come quelli rimasti a disposizione svaniti tra delibere mai approvate e progetti rimasti nei cassetti. «È un paradosso accusa Alfio La Rosa, responsabile del dipartimento Territorio e Ambiente della Cgil regionale, che ha raccolto le cifre in un dossier una regione al settimo posto per produzione dafonti rinnovabili grazie agli incentivi nazionali non è stata capace di sviluppare adeguatamente la filiera di un' industria collegata». Mentre i siciliani facevano da sé, installando sui propri tetti 34 mila impianti fotovoltaici per lo più di piccole dimensioni, la Sicilia lasciava sfumare risorse e opportunità. Già la prima rimodulazione dei fondi europei destinati all' energia, nel febbraio 2012, aveva portato a un taglio vicino al 15 per cento. Un anno dopo, con l' approssimarsi della scadenza, la riduzione ha superato il 40, salita poi fino alla metàdei fondi totali con l' ultima delibera, approvata dal governo Crocetta nel luglio scorso. Lo spreco più grande riguarda proprio la produzione di energia da fonti rinnovabili. Partito con oltre 370 milioni di euro, questo capitolo si è assottigliato progressivamente, scendendo fino a 72: un risultato frutto di bandi sbagliati e gare andate deserte. Il primo risale al 2010 e impegnava 130 milioni di euro per le filiere energetiche: soldi rimasti in cassa perché non era stato individuato l' organismo intermedio che avrebbe dovuto esaminare le domande. Un incarico assegnato solo un anno dopo a Banca Nuova per otto milioni Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress Continua > 1

3 5 ottobre 2013 Pagina 6 < Segue La Repubblica (ed. Palermo) Regione Siciliana di euro: quasi quanto quelli assegnati all' unica azienda che ha partecipato, la Meridionale impianti, gruppo milanese con sede a Catania che per il finanziamento da 12 milioni e mezzo aspetta ancora il via libera. Il secondo tentativo, con un budget aumentato fino a 200 milioni, arriva nell' agosto 2012, ma per questo bando bis non si presenta nessuno: troppo onerosi i criteri inseriti, che imponevano alle aziende un cofinanziamento dell' investimento con importi simili in progetti da 15 a 40 milioni di euro e la presenza di un' impresa capofila che da sola avrebbe dovuta garantirne almeno otto. Anche l' ultimo appello, che nel marzo scorso aveva messo sul piatto 25 milioni per le filiere energetiche, va a vuoto e viene revocato dalla Regione. Così, negli anni del boom del settore, per le aziende che investono nelle rinnovabili in Sicilia resta meno di un quinto delle risorse iniziali. Nel mirino della Cgil c' è anchel' utilizzo dei fondi effettivamente impegnati, come nel caso del Patto dei sindaci: «È una gestione dirigistica che rischia di produrre piani di azione che restano sulla carta, di favorire l' arrivo di Esco (le società per la gestione dei piani) multinazionali e non siciliane e di creare le condizioni per la proliferazione degli affaristi», attacca il segretario regionale, Michele Pagliaro. Che punta il dito contro la nomina della cabina di regia voluta dal governatore Rosario Crocetta e sulla quale nei giorni scorsi si è consumato uno scontro con lo staff dell' assessore all' Energia, Nicolò Marino: «Hanno partecipato al bando 14 nomi di spicco, ma la Regione ha preferito fermare tutto e nominare tre consulenti esterni che non hann o prodotto nulla di concreto». Le critiche riguardano la destinazione dei 30 milioni investiti per l' intervento, oltre la metà dei quali rischiano di finire in consulenze per la redazione dei Paes, i Piani d' azione per l' energia sostenibile, e gli audit energetici: «Tutte cose che i Comuni potrebbero fare da sé se rispettassero l' obbligo di legge di avere un energy manager accusa La Rosa E poi, in molti casi basterebbe un geometra comunale». Sotto accusa c' è anche il fondo di garanzia da oltre 11 milioni di euro: «Un meccanismo di appalti ventennali che pare costruito per la grande rendita: dal 2008 in tutta Europa solo quattro Comuni hanno seguito questa strada per finanziare gli in vestimenti nelle rinnovabili». RIPRODUZIONE RISERVATAIl PalazzoPalazzo dei Normanni sede dell' Assemblea regionale: i dirigenti con gli stipendi più alti hanno ricevuto a fine settembre un cospicuo rimborso dopo il no della Corte costituzionale al contributo di solidarietà. CRISTOFORO SPINELLA Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress

4 5 ottobre 2013 Pagina 13 La Sicilia Ambiente ed energia Energia, dossier Cgil Rinnovabili la Sicilia perde il 50% di risorse disponibili PALERMO. I limiti della Regione nella capacità di spesa dei fondi europei vengono tutti a galla nel settore dell energia che, a causa delle continue rimodulazioni, ha di fatto perso il 50% delle risorse disponibili. Lo rivela la Cgil Sicilia, che ieri ha presentato un dossier sulle storture che si sono venute a creare in questo ambito. Secondo il sindacato, «la gestione dirigistica del Patto dei sindaci rischia di produrre piani di azione che restano sulla carta, di favorire l arrivo di Esco (Energy service company), società multinazionali per la gestione dei piani, e di creare le condizioni per far proliferare i comitati d affari». Spiega Michele Pagliaro, segretario generale: «Non possiamo permetterci di andare con questi presupposti alla prossima programmazione europea. La Regione deve definire presto in un nuovo Piano energetico obiettivi e azioni conseguenti; così come bisogna dare al settore delle energie rinnovabili regole certe e trasparenti, mettendo fine per questa strada ai contenziosi e alle polemiche sulle autorizzazioni. Bisogna fare il necessario per evitare che un ambito importante e di prospettiva come questo diventi terreno di speculazione e spazio libero per gli affaristi». Intanto la Sicilia si conferma terra di paradossi anche in campo energetico: settima in Italia per produzione da fonti rinnovabili grazie agli incentivi nazionali e la crescita in questi ultimi anni anche del solare fotovoltaico la nostra Regione non ha sviluppato adeguatamente la filiera di un industria collegata. Inoltre, in assenza delle cosiddette reti intelligenti è rimasta indietro in quanto ad efficienza della rete e dei sistemi di accumulo. Tutto questo, sostiene la Cgil, a causa dei mancati interventi che potevano essere attivati da un tempestivo e corretto utilizzo dei fondi europei. «Invece i finanziamenti per le filiere aggiunge Pagliaro sono stati ridotti da 200 milioni a 25 milioni, peraltro non spesi a causa di un bando farraginoso e poco credibile, che è stato per questo disertato dalle imprese». Neanche sul tema dei 14 esperti per il supporto al dipartimento Energia e il coordinamento delle iniziative comunitarie ( Patto dei sindaci e Patto delle isole ) si è fatto di meglio. «Hanno partecipato al bando 14 nomi di spicco afferma Alfio La Rosa, responsabile del dipartimento Territorio e ambiente della Cgil Sicilia ma la Regione ha preferito fermare tutto e nominare tre consulenti esterni, che di fatto non hanno prodotto nulla di concreto». Per la Cgil è dunque arrivato il momento di «un inversione di Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress Continua > 3

5 5 ottobre 2013 Pagina 13 < Segue La Sicilia Ambiente ed energia rotta sulla spesa dei fondi europei, ma anche del varo di un piano energetico condiviso e partecipato». «Devono essere aggiornati gli obiettivi, individuate le azioni e costruito un sistema trasparente per le autorizzazioni e certo per i controlli conclude Mimma Argurio, componente della segreteria regionale Cgil. Il piano energetico deve essere oggetto di pubblica consultazione di tutti gli attori sociali e istituzionali». A tal proposito, il sindacato suggerisce di creare per il comparto energia un distretto tecnologico, con l apporto di università, enti di ricerca e di una cabina di regia per coordinare le attività dei vari assessorati e la spesa europea. Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress

6 5 ottobre 2013 Pagina 2 MF (Sicilia) Ambiente ed energia Dossier della Cgil sui fondi europei destinati alle rinnovabili. Poca spesa sull' energia I limiti della Regione nella capacità di spesa dei Fondi europei vengono tutti a galla nel settore dell' energia, che a causa delle continue rimodulazioni ha di fatto perso il 50% delle risorse a disposizione facendo venire meno il contributo regionale allo sviluppo di questo ambito. Questo quanto sostiene la Cgil Sicilia che ha presentato un dossier sull' argomento. Dal documento si ricava anche che «la gestione dirigistica nell' ambito del "Patto dei sindaci", rischia di produrre piani di azione che restano sulla carta, di favorire l' arrivo di Esco (Energy service company), società per la gestione dei piani, multinazionali e non siciliane e di creare le condizioni per far proliferare i cosiddetti "affari"». Serve un cambio di rotta per il segretario regionale del sindacato, Michele Pagliaro. «Alla prossima programmazione europea, bisogna che la regione definisca presto in un nuovo Piano energetico obiettivi e azioni conseguenti, così come bisogna dare al settore delle energie rinnovabili regole certe e trasparenti, mettendo fine per questa strada ai contenziosi e alle polemiche sulle autorizzazioni», ha spiegato. «Bisogna fare il necessario», ha aggiunto, «per evitare che un ambito importante e di prospettiva come questo diventi terreno di speculazione e spazio libero per gli affaristi». «Occorre superare», ha rilevato Alfio La Rosa, responsabile del dipartimento territorio e ambiente della Cgil Sicilia, «un paradosso che vede una regione al settimo posto per produzione da fonti rinnovabili grazie agli incentivi nazionali con la crescita in questi ultimi anni anche del solare fotovoltaico, non avere sviluppato adeguatamente la filiera di un' industria collegata, segnare il passo quanto a interventi su efficienza e sistemi di accumulo, avere problemi con le reti in assenza delle cosiddette "rete intelligenti"». Tutto questo, a causa dei mancati interventi, sostiene la Cgil, che sarebbero stati resi possibili da un tempestivo e corretto utilizzo dei fondi europei. E invece «il finanziamento della misura per le filiere», ha affermato Pagliaro, «sono stati ridotti da 200 milioni a 25 milioni peraltro non spesi e questo a causa di un bando farraginoso e poco credibile che è stato per questo disertato dalle imprese». Neanche sul tema dei 14 esperti per il supporto al Dipartimento energia e il coordinamento delle iniziative comunitarie (patto dei sindaci e patto delle isole) si è fatto di meglio. «Hanno partecipato al bando 14 nomi di spicco», ha spiegato La Rosa, «ma la Regione ha preferito fermare tutto e nominare tre consulenti esterni che di fatto non hanno prodotto nulla di concreto». Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress Continua > 5

7 5 ottobre 2013 Pagina 2 < Segue MF (Sicilia) Ambiente ed energia Per la Cgil è dunque arrivato il momento di una «inversione di rotta sulla spesa dei fondi europei, ma anche del varo di un piano energetico condiviso e partecipato». «Devono essere aggiornati gli obiettivi», ha sostenuto Mimma Argurio, della segreteria regionale Cgil, «individuate le azioni, e costruito un sistema trasparente per le autorizzazioni e certo per i controlli». «Il piano inoltre», ha aggiunto, «deve essere oggetto di pubblica consultazione di tutti gli attori sociali e istituzionali». La Cgil propone anche la creazione di un distretto tecnologico, con l' apporto di università ed enti di ricerca, e di una cabina di regia coordinando così le attività dei vari assessorati e la spesa europea in un settore come quello dell' energia che di fatto si collega e si intreccia con tutti gli altri settori produttivi e con le problematiche dell' ambiente e del territorio. «Chiediamo alla regione», ha concluso Pagliaro, «obiettivi chiari, azioni esigibili, tempestività della spesa e il massimo della trasparenza e della legalità per lo sviluppo di un settore che può dare molto alla Sicilia in termini economici e occupazionali». (riproduzione riservata) Antonio Giordano Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress

8 IL DOSSIER Patto dei sindaci, Cgil all'attacco. "Il governo favorisce gli affari" Venerdì 04 Ottobre :07 di Accursio Sabella Il sindacato punta il dito contro il governo Crocetta: "Gli interventi previsti favoriranno multinazionali straniere e ditte del Nord Italia. E apriranno a nuove speculazioni. La Regione, invece di affidarsi a 14 esperti già selezionati e pagati dall'europa, si affida a tre consulenti che finora non hanno prodotto nulla". PALERMO - La Sicilia nelle mani delle multinazionali straniere o delle aziende del Nord Italia. E un programma, il Patto dei sindaci, affidato alla gestione di consulenti esterni, al posto degli esperti, già selezionati, e pagati dall'europa. Un siluro, quello della Cgil, lanciato dritto contro il governo Crocetta, responsabile non solo di non aver invertito la rotta (che aveva già portato a risultati deludenti e alla perdita di milioni di euro di finanziamenti) tracciata dal precedente esecutivo, ma di aver persino aperto a nuovi affari che non riguarderanno i siciliani. Il sindacato, culturalmente vicino al presidente della Regione non risparmia quindi critiche feroci. E mette tutto nero su bianco, in un dossier sulla gestione dell'energia che non lascia spazio a molti dubbi. Siamo si legge nel dossier - alla politica degli annunci che si contrappone alla politica della serietà e dalla capacità politica di attuare scelte strategiche e capacità amministrativa di programmare, pianificare ed attuare azioni concrete. Chiacchiere, insomma. Fatti zero. 1

9 Non possiamo permetterci - l'attacco del segretario regionale Cgil Michele Pagliaro - di andare con questi presupposti alla prossima programmazione europea, bisogna che la regione definisca presto in un nuovo Piano energetico obiettivi e azioni conseguenti, così come bisogna dare al settore delle energie rinnovabili regole certe e trasparenti, mettendo fine per questa strada ai contenziosi e alle polemiche sulle autorizzazioni. Bisogna fare il necessario ha aggiunto- per evitare che un ambito importante e di prospettiva come questo diventi terreno di speculazione e spazio libero per gli affaristi. E il rischio di speculazioni e affari starebbe dietro il tanto decantato Patto dei sindaci. Un progetto di utilizzo delle energie rinnovabili in Sicilia che potrebbe portare nell'isola stando a varie dichiarazioni del presidente Crocetta qualcosa come cinque miliardi di euro. Una cifra che la Cgil non esita a definire fantomatica. E, anzi, il sindacato alza il velo sulle possibili conseguenze di una gestione poco attenta del Patto dei Sindaci. Un progetto, - scrive la Cgil - che da mesi è stato ampiamente annunciato e tante volte modificato intercalandolo con promesse di assunzioni di migliaia di giovani che contiene interventi per la redazione dei Piani di Azione per l Energia Sostenibile (PAES) e degli audit energetici, per l assistenza tecnica, per costituire un Fondo di garanzia per l accesso al credito per le Esco (Energy Service Company). Si corre il rischio si legge sempre nel dossier - con una gestione così dirigistica di produrre, da una parte Paes che rimangano carta straccia senza che le Amministrazioni siano in grado di sviluppare le azioni per raggiungere gli obiettivi europei, dall altra di favorire l arrivo di Esco multinazionali e/o non effettivamente siciliane e non consentendo l accesso al bando alle piccole ditte locali. Le Esco, per intenderci, sono società che effettuano interventi finalizzati a migliorare l efficienza energetica, assumendo su di sé il rischio dell'iniziativa al posto del cliente finale (in questo caso i Comuni). Ma i bandi per la predisposizione dei Paes secondo la Cgil presuppongono interventi così costosi da escludere, di fatto, le piccole ditte locali. E aprendo quindi ad aziende multinazionali. E soprattutto del Nord Italia. Ma i dubbi sul Patto dei sindaci non si fermano qui. Secondo la Cgil, infatti, il governo Crocetta ha ignorato una selezione per 14 esperti nel settore, avviata addirittura più di due anni fa e già di fatto conclusa, per affidarsi invece ad alcuni consulenti esterni. Si tratta di fedelissimi del 2

10 governatore. Antonello Pezzini, Rosario Lanzafame e Salvatore Lupo, infatti, sono consulenti del governatore col compito proprio di occuparsi dell' elaborazione dei necessari indirizzi strategici per la corretta programmazione dell'utilizzo delle risorse economiche, provenienti dalla riprogrammazione delle dotazioni del Po Fesr Sicilia 2007/2013, destinate a finanziare l'iniziativa 'Patto dei Sindaci'. Consulenze via via rinnovate e prorogate. Hanno partecipato al bando 14 nomi di spicco - ha spiegato Alfio La Rosa, responsabile del dipartimento territorio e ambiente della Cgil Sicilia - ma la Regione ha preferito fermare tutto e nominare tre consulenti esterni che di fatto non hanno prodotto nulla di concreto. Tre consulenti inizialmente individuati come componenti della cabina di regia. Un'altra finzione, secondo la Cgil. L attuale Giunta regionale, in effetti, con deliberazione del 30 novembre 2012 si legge nel dossier - ha costituito finalmente una Cabina di regia composta da assessori regionali, o loro delegati, dai rami dell amministrazione regionale e che con successivo provvedimento ne saranno definite la composizione e le modalità di funzionamento ad oggi non esiste alcun provvedimento finalizzato a formalizzare la costituzione della Cabina di Regia. Invece, si continua ad utilizzare e prolungare le consulenze ad 'esperti esterni' all Amministrazione che sono diventati 'cabina di regia'. Per farla breve, la Regione rinuncia a 14 tra i migliori esperti sul campo, per di più pagati dall'europa sotto la voce assistenza tecnica, e preferisce rivolgersi ad esterni retribuiti con fondi regionali. Una cabina di regia che nulla ha a che vedere con quella individuata dalla Regione mesi fa e composta, sulla carta, da rappresentanti dei vari assessorati. Una vicenda, quella dei 14 esperti congelati dalla Regione, finita recentemente al centro di un'accesa polemica tra il presidente della Commissione attività produttive e deputato Pd Bruno Marziano e l'assessore all'energia Nicolò Marino. Il dirigente che stava per concludere l'iter ha raccontato Marino è stato trasferito per punizione all'ente minerario di Catania. La Regione preferisce i propri esperti. RIPRODUZIONE RISERVATA 3

11 Siluro della Cgil al Governo Crocetta: Dietro il Patto dei Sindaci ci sono solo affari & affaristi 04 ottobre 2013 Posted by Redazione L ORGANIZZAZIONE SINDACALE HA PRESENTATO OGGI UN DOSSIER SULLE ENERGIE ALTERNATIVE IN SICILIA. EMERGE UNO SFASCIO PRESSOCHE TOTALE. E UN ALTA BUROCRAZIA INCAPACE MA BEN RETRIBUITA. IN ALLEGATO IL TESTO DOSSIER DELL ORGANIZZAZIONE SINDACALE CON LE TABELLE Avere il PD all opposizione, per il Governo di Rosario Crocetta, non sarà senza conseguenze. Oggi, per esempio, è partito il siluro della Cgil siciliana su tutti gli inghippi anche appaltizi che stanno dietro le energie alternative. I limiti della Regione nella capacità di spesa dei Fondi europei vengono tutti a galla nel settore dell energia, che a causa delle continue rimodulazioni ha di fatto perso il 50% delle risorse a disposizione facendo venire meno il contributo della Regione allo sviluppo di questo importante ambito. Con questo incipit, tanto per gradire, l organizzazione sindacale ha presentato oggi un dossier sulla gestione di questo settore in Sicilia. Con denunce e affondi a trecentosessanta gradi. Dal documento si ricava, ad esempio, che la gestione dirigistica, nell ambito del Patto dei Sindaci, rischia di produrre piani di azione che restano sulla carta, di favorire l arrivo di Esco (Energy service company) società per la gestione dei piani multinazionali e non siciliane e di creare le condizioni per far proliferare i cosiddetti affari. La botta è durissima. Per almeno due ragioni. In primo luogo, perché il presidente della Regione ha sempre presentato il Patto dei Sindaci come il fiore all occhiello della sua amministrazione. Ora la Cgil siciliana non solo contesta la filosofia e, soprattutto, la prassi che stanno dietro a quest operazione. Ma dice, a chiare lettere, quello che hanno capito tutti: e cioè che dietro questo Patto dei Sindaci, ammantato della solita antimafia delle chiacchiere, ci sono affari & affaristi. Il segretario generale Michele Pagliaro, l ha detto chiaramente: Non possiamo permetterci di andare con questi presupposti alla prossima programmazione europea, bisogna che la Regione definisca presto in un nuovo Piano energetico obiettivi e azioni 1

12 conseguenti, così come bisogna dare al settore delle energie rinnovabili regole certe e trasparenti, mettendo fine per questa strada ai contenziosi e alle polemiche sulle autorizzazioni. Quindi un altra bordata pesantissima: Bisogna fare il necessario - ha aggiunto il segretario generale della Cgil siciliana - per evitare che un ambito importante e di prospettiva come questo diventi terreno di speculazione e spazio libero per gli affaristi. Mentre a Crocetta, al senatore Giuseppe Lumia e ai loro compari fischiano le orecchie, Alfio La Rosa, responsabile del dipartimento territorio e ambiente della Cgil Sicilia, parla di un paradosso che vede una Regione al 7 posto per produzione da fonti rinnovabili grazie agli incentivi nazionali con la crescita, in questi ultimi anni, anche del solare fotovoltaico, che però non ha sviluppato adeguatamente la filiera di un industria collegata e che segna il passo quanto a interventi su efficienza e sistemi di accumulo. Con inevitabili problemi con le reti in assenza delle cosiddette reti intelligenti. Insomma, anche se Crocetta & company pensano di essere intelligenti, anche senza le reti intelligenti, stanno, in realtà, combinando solo dei grandi casini. Tutto questo sottolineano alla Cgil a causa dei mancati interventi che sarebbero stati resi possibili da un tempestivo e corretto utilizzo dei fondi europei. E invece? Invece i finanziamenti della misura per le filiere - ha affermato Pagliaro - sono stati ridotti da 200 milioni a 25 milioni, peraltro non spesi e questo a causa di un bando farraginoso e poco credibile che è stato per questo disertato dalle imprese. Insomma, al di là delle chiacchiere, con Crocetta la gestione dei Fondi europei, che in Sicilia, dal 2008 ad oggi non ha mai brillato, è oggi allo sfascio. Con l aggiunta che saranno Crocetta e i burocrati che si è scelto lo stesso presidente della Regione a gestire la Programmazione europea Con risultati che si annunciano non esaltanti. Neanche sul tema dei 14 esperti per il supporto al Dipartimento energia e il coordinamento delle iniziative comunitarie ( Patto dei Sindaci e Patto delle isole ) si è fatto di meglio. Hanno partecipato al bando nomi di spicco - ha spiegato La Rosa - ma la Regione ha preferito fermare tutto e nominare tre consulenti esterni che, di fatto, non hanno prodotto nulla di concreto (questo è ingiusto, perché di concreto avranno prodotto le remunerazioni per i consulenti ). Per la Cgil è dunque arrivato il momento di una inversione di rotta sulla spesa dei fondi europei, ma anche del varo di un Piano energetico condiviso e partecipato. Devono essere aggiornati gli obiettivi - ha sostenuto Mimma Argurio, della segreteria regionale Cgil - individuate le azioni, e costruito un sistema trasparente per le autorizzazioni e certo per i controlli. Il piano inoltre - ha aggiunto - deve essere oggetto di pubblica consultazione di tutti gli attori sociali e istituzionali. La Cgil propone anche la creazione di un distretto tecnologico, con l apporto di università ed enti di ricerca, e di una cabina di regia coordinando così le attività dei vari assessorati e la spesa europea in un settore come quello dell energia che di fatto si collega e si intreccia con tutti gli altri settori produttivi e con le problematiche dell ambiente e del territorio. Chiediamo alla Regione - ha concluso Pagliaro - obiettivi chiari, azioni esigibili, tempestività della spesa e il massimo della trasparenza e della legalità per lo sviluppo di un settore che può dare molto alla Sicilia in termini economici e occupazionali. IL DOSSIER CGIL 2

13 IL SEGRETARIO PAGLIARO PRESENTA UN DOSSIER Energia, la denuncia della Cgil Invertire la rotta sui fondi europei 04 ottobre 2013 di Redazione I limiti della regione nella capacità di spesa dei Fondi europei vengono tutti a galla nel settore dell energia, che a causa delle continue rimodulazioni ha di fatto perso il 50% delle risorse a disposizione facendo venire meno il contributo della regione allo sviluppo di questo importante ambito. Lo sostiene la Cgil Sicilia che ha presentato un dossier sull argomento. Dal documento si ricava anche che la gestione dirigistica nell ambito del Patto dei sindaci, rischia di produrre piani di azione che restano sulla carta, di favorire l arrivo di Esco (Energy service company), società per la gestione dei piani, multinazionali e non siciliane e di creare le condizioni per far proliferare i cosiddetti affari. Il segretario generale Michele Pagliaro, lo ha detto chiaramente: Non possiamo permetterci di andare con questi presupposti alla prossima programmazione europea, bisogna che la regione definisca presto in un nuovo Piano energetico obiettivi e azioni conseguenti, così come bisogna dare al settore delle energie rinnovabili regole certe e trasparenti, mettendo fine per questa strada ai contenziosi e alle polemiche sulle autorizzazioni. Bisogna fare il necessario - ha aggiunto - per evitare che un ambito importante e di prospettiva come questo diventi terreno di speculazione e spazio libero per gli affaristi. Occorre superare, ha rilevato Alfio La Rosa, responsabile del dipartimento territorio e ambiente della Cgil Sicilia, un paradosso che vede una regione al 7^ posto per produzione da fonti rinnovabili grazie agli incentivi nazionali con la crescita in questi ultimi anni anche del solare fotovoltaico, non avere sviluppato adeguatamente la filiera di un industria collegata, segnare il passo quanto a interventi su efficienza e sistemi di accumulo, avere problemi con le reti in assenza delle cosiddette rete intelligenti. Tutto questo, a causa dei mancati interventi, sostiene la Cgil, che sarebbero stati resi possibili da un tempestivo e corretto utilizzo dei fondi europei. E invece il finanziamento della misura per le filiere - ha affermato Pagliaro - sono stati ridotti da 200 milioni a 25 milioni peraltro non spesi e questo a causa di un bando farraginoso e poco credibile che è stato per questo disertato dalle imprese. Neanche sul tema dei 14 esperti per il supporto al Dipartimento energia e il coordinamento delle iniziative comunitarie (patto dei sindaci e patto delle isole) si è fatto di meglio. Hanno partecipato al bando 14 nomi di spicco- ha spiegato La Rosa - ma la Regione ha preferito fermare tutto e nominare tre consulenti esterni che di fatto non hanno prodotto nulla di concreto. Per la Cgil è dunque arrivato il momento di una inversione di rotta sulla spesa dei fondi europei, ma anche del varo di un piano energetico condiviso e partecipato. Devono essere aggiornati gli obiettivi - ha sostenuto Mimma Argurio, della segreteria regionale Cgil - individuate le azioni, e costruito un sistema trasparente per le autorizzazioni e certo per i controlli. Il piano inoltre - ha aggiunto - deve essere oggetto di pubblica consultazione di tutti gli attori sociali e istituzionali. La Cgil propone anche la creazione di un distretto tecnologico, con l apporto di università ed enti di ricerca, e di una cabina di regia coordinando così le attività dei vari assessorati e la spesa europea in un settore come quello dell energia che di fatto si collega e si intreccia con tutti gli altri settori produttivi e con le problematiche dell ambiente e del territorio. Chiediamo alla regione - ha concluso Pagliaro - obiettivi chiari, azioni esigibili, tempestività della spesa e il massimo della trasparenza e della legalità per lo sviluppo di un settore che può dare molto alla Sicilia in termini economici e occupazionali.

14 Fondi Ue non spesi: perchè la Sicilia perde lavoro nelle rinnovabili La Regione Sicilia è indietro in fatto di energia da fonti rinnovabili e a metterlo in evidenza è un dossier della Cgil Sicilia che lamenta il mancato utilizzo dei fondi europei per lo sviluppo di una filiera industriale capace di dare lavoro e autonomia energetica sostenibile all isola. I limiti della regione nella capacità di spesa dei Fondi soldi money salvadanaio rotto europei vengono tutti a galla nel settore dell energia, che a causa delle continue rimodulazioni ha di fatto perso il 50% delle risorse a disposizione facendo venire meno il contributo della regione allo sviluppo di questo importante ambito. Lo sostiene la Cgil Sicilia che ha presentato oggi un dossier sull argomento. Dal documento si ricava anche che la gestione dirigistica nell ambito del Patto dei sindaci, rischia di produrre piani di azione che restano sulla carta, di favorire l arrivo di Esco (Energy service company), società per la gestione dei piani, multinazionali e non siciliane e di creare le condizioni per far proliferare i cosiddetti affari. Il segretario generale Michele Pagliaro, lo ha detto chiaramente: Non possiamo permetterci di andare con questi presupposti alla prossima programmazione europea, bisogna che la regione definisca presto in un nuovo Piano energetico obiettivi e azioni conseguenti, così come bisogna dare al settore delle energie rinnovabili regole certe e trasparenti, mettendo fine per questa strada ai contenziosi e alle polemiche sulle autorizzazioni. Bisogna fare il necessario ha aggiunto per evitare che un ambito importante e di prospettiva come questo diventi terreno di speculazione e spazio libero per gli affaristi. Nonostante la regione Sicilia sia in Italia al 7 posto per produzione di energia da fonti rinnovabili, grazie agli incentivi nazionali nel fotovoltaico e nel solare, non c è stato lo sviluppo di una filiera industriale delle rinnovabili o di interventi su efficienza e sistemi di accumulo e reti intelligenti. Tutto questo a causa a causa dei mancati interventi, sostiene Alfio La Rosa, responsabile del dipartimento territorio e ambiente della Cgil Sicilia, che sarebbero stati resi possibili da un tempestivo e corretto utilizzo dei fondi europei. I finanziamenti sono stati ridotti da 200 milioni a 25 milioni e non sono nemmeno stati spesi a causa di un bando farraginoso e poco credibile che è stato per questo disertato dalle imprese. Neanche sul tema dei 14 esperti per il supporto al Dipartimento energia e il coordinamento delle iniziative comunitarie il Patto dei Sindaci e il Patto delle Isole si è fatto di meglio. Hanno partecipato al bando 14 nomi di spicco ha spiegato La Rosa ma la Regione ha preferito

15 fermare tutto e nominare tre consulenti esterni che di fatto non hanno prodotto nulla di concreto. Per la Cgil è dunque arrivato il momento di una inversione di rotta sulla spesa dei fondi europei, ma anche del varo di un piano energetico condiviso e partecipato. La Cgil propone regole amministrative e autorizzative più chiare e flessibili,oltre alla creazione di un distretto tecnologico, con l apporto di università ed enti di ricerca, e di una cabina di regia che coordini le attività tra i vari settori in gioco. Chiediamo alla regione- ha concluso Pagliaroobiettivi chiari, azioni esigibili, tempestività della spesa e il massimo della trasparenza e della legalità per lo sviluppo di un settore che può dare molto alla Sicilia in termini economici e occupazionali.

16 Il Mattino di Sicilia Energia Cgil Sicilia: la Regione cambi rotta sulle energie rinnovabili, spenda i fondi Ue e punti su trasparenza e legalità ottobre 5, 2013 I limiti della regione nella capacità di spesa dei Fondi europei vengono tutti a galla nel settore dell energia, che a causa delle continue rimodulazioni ha di fatto perso il 50% delle risorse a disposizione facendo venire meno il contributo della regione allo sviluppo di questo importante ambito. Lo sostiene la Cgil Sicilia che ha presentato oggi un dossier sull argomento. Dal documento si ricava anche che la gestione dirigistica nell ambito del Patto dei sindaci, rischia di produrre piani di azione che restano sulla carta, di favorire l arrivo di Esco (Energy service company), società per la gestione dei piani, multinazionali e non siciliane e di creare le condizioni per far proliferare i cosiddetti affari. Il segretario generale Michele Pagliaro, lo ha detto chiaramente: Non possiamo permetterci di andare con questi presupposti alla prossima programmazione europea, bisogna che la regione definisca presto in un nuovo Piano energetico obiettivi e azioni conseguenti, così come bisogna dare al settore delle energie rinnovabili regole certe e trasparenti, mettendo fine per questa strada ai contenziosi e alle polemiche sulle autorizzazioni. Bisogna fare il necessario - ha aggiunto - per evitare che un ambito importante e di prospettiva come questo diventi terreno di speculazione e spazio libero per gli affaristi. Occorre superare, ha rilevato Alfio La Rosa, responsabile del dipartimento territorio e ambiente della Cgil Sicilia, un paradosso che vede una regione al 7^ posto per produzione da fonti rinnovabili grazie agli incentivi nazionali con la crescita in questi ultimi anni anche del solare fotovoltaico, non avere sviluppato adeguatamente la filiera di un industria collegata, segnare il passo quanto a interventi su efficienza e sistemi di accumulo, avere problemi con le reti in assenza delle cosiddette rete intelligenti. Tutto questo, a causa dei mancati interventi, sostiene la Cgil, che sarebbero stati resi possibili da un tempestivo e corretto utilizzo dei fondi europei. E invece il finanziamento della misura per le filiere - ha affermato Pagliaro - sono stati ridotti da 200 milioni a 25 milioni peraltro non spesi e questo a causa di un bando farraginoso e poco credibile che è stato per questo disertato dalle imprese. Neanche sul tema dei 14 esperti per il supporto al Dipartimento energia e il coordinamento delle iniziative comunitarie (patto dei sindaci e patto delle isole) si è fatto di meglio. Hanno partecipato al bando 14 nomi di spicco- ha spiegato La Rosa - ma la Regione ha preferito fermare tutto e nominare tre consulenti esterni che di fatto non hanno prodotto nulla di concreto. Per la Cgil è dunque arrivato il momento di una inversione di rotta sulla spesa dei fondi europei, ma anche del varo di un piano energetico condiviso e partecipato. Devono essere aggiornati gli obiettivi - ha sostenuto Mimma Argurio, della segreteria regionale Cgil - individuate le azioni, e costruito un sistema trasparente per le autorizzazioni e certo per i controlli. Il piano inoltre - ha aggiunto- deve essere oggetto di pubblica consultazione di tutti gli attori sociali e istituzionali. La Cgil propone anche la creazione di un distretto tecnologico, con l apporto di università ed enti di ricerca, e di una cabina di regia coordinando così le attività dei vari assessorati e la spesa europea in un settore come quello dell energia che di fatto si collega e si intreccia con tutti gli altri settori produttivi e con le problematiche dell ambiente e del territorio. Chiediamo alla regione- ha concluso Pagliaro - obiettivi chiari, azioni esigibili, tempestività della spesa e il massimo della trasparenza e della legalità per lo sviluppo di un settore che può dare molto alla Sicilia in termini economici e occupazionali.

17 Lavoro in Sicilia Restare informati per lavorare Cgil Sicilia, presentato Dossier su Energia I limiti della regione nella capacità di spesa dei Fondi europei vengono tutti a galla nel settore dell energia, che a causa delle continue rimodulazioni ha di fatto perso il 50% delle risorse a disposizione facendo venire meno il contributo della regione allo sviluppo di questo importante ambito. Lo sostiene la Cgil Sicilia che ha presentato oggi un dossier sull argomento. Dal documento si ricava anche che la gestione dirigistica nell ambito del Patto dei sindaci, rischia di produrre piani di azione che restano sulla carta, di favorire l arrivo di Esco (Energy service company), società per la gestione dei piani, multinazionali e non siciliane e di creare le condizioni per far proliferare i cosiddetti affari. Il segretario generale Michele Pagliaro, lo ha detto chiaramente: Non possiamo permetterci di andare con questi presupposti alla prossima programmazione europea, bisogna che la regione definisca presto in un nuovo Piano energetico obiettivi e azioni conseguenti, così come bisogna dare al settore delle energie rinnovabili regole certe e trasparenti, mettendo fine per questa strada ai contenziosi e alle polemiche sulle autorizzazioni. Bisogna fare il necessario ha aggiunto- per evitare che un ambito importante e di prospettiva come questo diventi terreno di speculazione e spazio libero per gli affaristi. Occorre superare, ha rilevato Alfio La Rosa, responsabile del dipartimento territorio e ambiente della Cgil Sicilia, un paradosso che vede una regione al 7^ posto per produzione da fonti rinnovabili grazie agli incentivi nazionali con la crescita in questi ultimi anni anche del solare fotovoltaico, non avere sviluppato adeguatamente la filiera di un industria collegata, segnare il passo quanto a interventi su efficienza e sistemi di accumulo, avere problemi con le reti in assenza delle cosiddette rete intelligenti. Tutto questo, a causa dei mancati interventi, sostiene la Cgil, che sarebbero stati resi possibili da un tempestivo e corretto utilizzo dei fondi europei. E invece il finanziamento della misura per le filiere- ha affermato Pagliaro - sono stati ridotti da 200 milioni a 25 milioni peraltro non spesi e questo a causa di un bando farraginoso e poco credibile che è stato per questo disertato dalle imprese. Neanche sul tema dei 14 esperti per il supporto al Dipartimento energia e il coordinamento delle iniziative comunitarie (patto dei sindaci e patto delle isole) si è fatto di meglio. Hanno partecipato al bando nomi di spicco- ha spiegato La Rosa - ma la Regione ha preferito fermare tutto e nominare tre consulenti esterni che di fatto non hanno prodotto nulla di concreto. Per la Cgil è dunque arrivato il momento di una inversione di rotta sulla spesa dei fondi europei, ma anche del varo di un piano energetico condiviso e partecipato. Devono essere aggiornati gli obiettivi- ha sostenuto Mimma Argurio, della segreteria regionale Cgil - individuate le azioni, e costruito un sistema trasparente per le autorizzazioni e certo per i controlli. Il piano inoltre- ha aggiunto- deve essere oggetto di pubblica consultazione di tutti gli attori sociali e istituzionali. La Cgil propone anche la creazione di un distretto tecnologico, con l apporto di università ed enti di ricerca, e di una cabina di regia coordinando così le attività dei vari assessorati e la spesa europea in un settore come quello dell energia che di fatto si collega e si intreccia con tutti gli altri settori produttivi e con le problematiche dell ambiente e del territorio. Chiediamo alla regione- ha concluso Pagliaro - obiettivi chiari, azioni esigibili, tempestività della spesa e il massimo della trasparenza e della legalità per lo sviluppo di un settore che può dare molto alla Sicilia in termini economici e occupazionali. Posted on ottobre 5, 2013 at 15:40

18 LA REPLICA DI MAURIZIO PIRILLO "Dalla Cgil accuse illogiche. Rimesso in moto l'assessorato" Lunedì 07 Ottobre :01 Il dirigente generale dell'energia: "Non è vero che, col Patto dei sindaci, favoriremo le multinazionali. Sui consulenti, il sindacato ha preso un abbaglio. Il dirigente "punito"? Nessuna punizione, ma quel dipartimento negli anni passati non ha speso un euro di Fondi Ue". Controreplica del sindacato: "Illogico è il comportamento dell'assessorato" PALERMO - Pochi giorni fa, come riportato da Live Sicilia, la Cgil ha sferrato un duro attacco al governo regionale sul tema dei progetti relativi alle energie alternative. Secondo il sindacato, l'assessorato all'energia avrebbe favorito, con i suoi atti, le speculazioni e gli affari di multinazionali straniere e comunque non siciliane. Abbiamo ricevuto una replica del dirigente generale all'energia Maurizio Pirillo, che pubblichiamo integralmente. "Nell articolo pubblicato sui vostri giornali si legge di una dissertazione della CGIL non solo destituita di fondamento ma anche illogica verosimilmente indotta dal signor Alfio La Rosa, che come sport preferito sembra conoscere bene quello della sparata nel mucchio! In particolare si afferma: Il sindacato punta il dito contro il governo Crocetta: 'Gli interventi previsti favoriranno multinazionali straniere e ditte del Nord Italia. E apriranno a nuove speculazioni. La Regione, invece di affidarsi a 14 esperti già selezionati e pagati dall'europa, si affida a tre consulenti che finora non hanno prodotto nulla'. Innanzi tutto sorprende il tempismo da orologio di precisione di queste esternazioni giusto il 4 ottobre alle 19,00 quando il dipartimento energia ha già firmato in mattinata - la prima trance di finanziamento per i comuni tutti i 390 comuni dell isola per la redazione dei piani di azione dell energia sostenibile, che andrà in pubblicazione il prossimo lunedì, quindi teoricamente non noto ai più. 1

19 Secondo cosa: cosa c entra il pool di esperti con lo start-up del patto dei sindaci voluto dal Governo Crocetta finanziato con le risorse del PAC III? Al fine di chiarire, almeno per l opinione pubblica, e non certo per chi dispensa perle di saggezza creando solo confusione proviamo a spiegare come stanno le cose. Il famigerato pool di esperti nasce come iniziativa del precedente governo nel 2011 come strumento centralizzato di supporto alla regione ed ai comuni per la redazione dei piani di azione (paes). Non a caso le risorse per il finanziamento ricadevano nell asse 7 assistenza tecnica del po fesr con un costo stimato per 14 esperti per due anni pari a circa 2,5 milioni di euro, all'epoca fino al 2015 quindi oltre 4 milioni di euro. Dal 2011 al 2012 due anni! - tranne una intensa corrispondenza fra la programmazione e l energia non si è fatto assolutamente nulla! Tranne emettere un avviso e acquisire i curriculum di 180 candidati. Proprio perché le idee sono sempre poche ma confuse la selezione è stata avviata, sospesa, riavviata, sospesa e riavviata. Quando viene riavviata speditamente per l'ultima volta? Quando il governo Crocetta delibera nel febbraio 2013 l assegnazione di risorse per lo start-up del patto dei sindaci. Per intenderci i 30 milioni di euro, che solo per 17,6 milioni si fa per dire sono destinati alla progettazione dei paes e della progettazione esecutiva da essi discendenti. Cosa significa? Il precedente governo, si è limitato a prevedere un supporto ai comuni con il pool di esperti il governo Crocetta invece ha deciso di finanziare direttamente i comuni per la redazione dei paes. È evidente che le due cose non si sommano ma si elidono a vicenda anzi la permanenza del pool di esperti avrebbe, questo si generato un danno erariale, ed il fatto che si tratti di fondi comunitari non vuol dire che sono gratis! La redazione dei paes per la prima volta nella storia del coverant of majors = patto dei sindaci viene direttamente finanziato dalla Regione a tutti i comuni e verrà pagato a risultato ovvero una primo acconto a presentazione del paes il saldo ad avvenuta verifica di coerenza da parte della commissione europea. La Sicilia per impegno finanziario e copertura totale dei comuni è l'unica Regione in Europa a fare questo. In questo caso si responsabilizzano - senza nessuna intermediazione o consulenze create ad hoc - i comuni a fare piani di azione adeguati alle esigenze territoriali, coerenti con le linee guida europee e tramite una capillare attività sul territorio aumentare la cultura dell energia sostenibile in sicilia. La regione 2

20 dal canto suo, se i comuni, come speriamo, sapranno usare questa opportunità al meglio, avrà a disposizione il migliore partenariato nella definizione delle azioni in materia di energia nella prossima programmazione ed evitare che siano i singoli tenutari del verbo che partecipano ai tavoli della programmazione a stabilire quali bandi fare. Per poi non assumersi la responsabilità dei fallimenti della programmazione , come evidenziato dalla CGIL. Infatti quando il signor La Rosa parla, per bocca della CGIL, dovrebbe ricordare a se stesso ed alla CGIL che i tre bandi di filiera (il primo di 120 milioni, il secondo di 200 milioni ed il terzo di 25 milioni), prevedendo soglie minime elevate, non andavano bene per il tessuto imprenditoriale siciliano! Perché allora il buon La Rosa lo pubblicizzava acriticamente come una grande opportunità sul sito di FRED SICILIA nell ottobre del 2012? Perché non dava indicazioni in sede di concertazione, come rappresentante del partenariato, quando con decreto assessoriale del 2009 si stabilivano questi criteri per i bandi, e già con il flop del primo bando del 2010 non chiedeva di modificare i criteri? Stiamo parlando di 4 anni fa! E facile parlare e dispensare lacrime di coccodrillo, quando il danno è fatto! Oggi ritengo inconsapevolmente la CGIL si fa paladino di una critica senza senso e si contraddice quando afferma che la nuova programmazione deve tenere conto delle reali esigenze del territorio, senza capire che il Governo Regionale sta facendo esattamente questo. Aiutare i comuni nella pianificazione energetica del proprio territorio è un reale supporto alla creazione di una cultura all interno delle amministrazioni comunali e della popolazione. Non è sufficiente, come nella programmazione che finirà quest anno, finanziare di tempo in tempo qualche intervento qua e la illudendosi di avere fatto pianificazione energetica, dispensando incarichetti utili al politico di turno secondo il modus operandi di una certa politica o creare luoghi di governo che orientino gli incarichi e non i risultati! In sintesi, saranno i Comuni con i propri uffici o esperti scelti con procedure di legge, a redigere i paes, a farli dichiarare coerenti dall'europa in adempimento al patto dei sindaci sottoscritto. Infine per buona pace della CGIL e di deputati delusi, con l ultima rimodulazione di ottobre 2012 del po fesr le sperate risorse per il pool di esperti non ci sono più da tempo proprio perché qualche buontempone che gestiva i fondi comunitari ha compromesso la spendibilità delle risorse destinate all energia. Con fatica ed impegno stiamo cercando di mettere una pezza e non riproporre più errori del genere nella nuova programmazione con la quale l energia 3

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Modificato dalle decisioni del Consiglio costituzionale

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo residenza Via Senatore di Giovanni 5 961 00 Siracusa Indirizzo studio VIALE SANTA PANAGIA, 141/C

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

IGI. Istituto Grandi Infrastrutture. Convegno. Roma, 18/03/2015. Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento

IGI. Istituto Grandi Infrastrutture. Convegno. Roma, 18/03/2015. Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento IGI Istituto Grandi Infrastrutture Convegno Roma, 18/03/2015 Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento Le novità delle nuove direttive europee appalti e concessioni e il

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA (ANSA) ROMA, 3 SET "Il documento ultimatum che gli Assessori alla Salute hanno inviato al

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli