ENERGIA: CGIL, REGIONE IMPACCIATA CAMBI ROTTA SU ENERGIE RINNOVABILI, SPENDA I FONDI UE, SI ADOPERI PER LA MASSIMA TRASPARENZA E LA LEGALITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ENERGIA: CGIL, REGIONE IMPACCIATA CAMBI ROTTA SU ENERGIE RINNOVABILI, SPENDA I FONDI UE, SI ADOPERI PER LA MASSIMA TRASPARENZA E LA LEGALITA"

Transcript

1 CGIL CONFEDERAZIONE GENERALE ITALIANA DEL LAVORO SICILIA UFFICIO STAMPA COMUNICATO STAMPA ENERGIA: CGIL, REGIONE IMPACCIATA CAMBI ROTTA SU ENERGIE RINNOVABILI, SPENDA I FONDI UE, SI ADOPERI PER LA MASSIMA TRASPARENZA E LA LEGALITA Palermo, 4 ottobre I limiti della regione nella capacità di spesa dei Fondi europei vengono tutti a galla nel settore dell energia, che a causa delle continue rimodulazioni ha di fatto perso il 50% delle risorse a disposizione facendo venire meno il contributo della regione allo sviluppo di questo importante ambito. Lo sostiene la Cgil Sicilia che ha presentato oggi un dossier sull argomento. Dal documento si ricava anche che la gestione dirigistica nell ambito del Patto dei sindaci, rischia di produrre piani di azione che restano sulla carta, di favorire l arrivo di Esco (Energy service company), società per la gestione dei piani, multinazionali e non siciliane e di creare le condizioni per far proliferare i cosiddetti affari. Il segretario generale Michele Pagliaro, lo ha detto chiaramente: Non possiamo permetterci di andare con questi presupposti alla prossima programmazione europea, bisogna che la regione definisca presto in un nuovo Piano energetico obiettivi e azioni conseguenti, così come bisogna dare al settore delle energie rinnovabili regole certe e trasparenti, mettendo fine per questa strada ai contenziosi e alle polemiche sulle autorizzazioni. Bisogna fare il necessario ha aggiunto per evitare che un ambito importante e di prospettiva come questo diventi terreno di speculazione e spazio libero per gli affaristi. Occorre superare, ha rilevato Alfio La Rosa, responsabile del dipartimento territorio e ambiente della Cgil Sicilia, un paradosso che vede una regione al 7^ posto per produzione da fonti rinnovabili grazie agli incentivi nazionali con la crescita in questi ultimi anni anche del solare fotovoltaico, non avere sviluppato adeguatamente la filiera di un industria collegata, segnare il passo quanto a interventi su efficienza e sistemi di accumulo, avere problemi con le reti in assenza delle cosiddette rete intelligenti. Tutto questo, a causa dei mancati interventi, sostiene la Cgil, che sarebbero stati resi possibili da un tempestivo e corretto utilizzo dei fondi europei. E invece il finanziamento della misura per le filiere ha affermato Pagliaro sono stati ridotti da 200 milioni a 25 milioni peraltro non spesi e questo a causa di un bando farraginoso e poco credibile che è stato per questo disertato dalle imprese. Neanche sul tema dei 14 esperti per il supporto al Dipartimento energia e il coordinamento delle iniziative comunitarie (patto dei sindaci e patto delle isole) si è fatto di meglio. Hanno partecipato al bando nomi di spicco ha spiegato La Rosa ma la Regione ha preferito fermare tutto e nominare tre consulenti esterni che di fatto non hanno prodotto nulla di concreto. Per la Cgil è dunque arrivato il momento di una inversione di rotta sulla spesa dei fondi europei, ma anche del varo di un piano energetico condiviso e partecipato. Devono essere aggiornati gli obiettivi ha sostenuto Mimma Argurio, della segreteria regionale Cgil individuate le azioni, e costruito un sistema trasparente per le autorizzazioni e certo per i controlli. Il piano inoltre ha aggiunto deve essere oggetto di pubblica consultazione di tutti gli attori sociali e istituzionali. La Cgil propone anche la creazione di un distretto tecnologico, con l apporto di università ed enti di ricerca, e di una cabina di regia coordinando così le attività dei vari assessorati e la spesa europea in un settore come quello dell energia che di fatto si collega e si intreccia con tutti gli altri settori produttivi e con le problematiche dell ambiente e del territorio. Chiediamo alla regione ha concluso Pagliaro obiettivi chiari, azioni esigibili, tempestività della spesa e il massimo della trasparenza e della legalità per lo sviluppo di un settore che può dare molto alla Sicilia in termini economici e occupazionali dac Palermo Via Ercole Bernabei, 22 Tel Fax

2 5 ottobre 2013 Pagina 6 La Repubblica (ed. Palermo) Regione Siciliana Il dossierla Cgil denuncia lo scarso utilizzo dei finanziamenti europei. Bandi sbagliati, gare deserte. Lo spreco dei fondi per l' energia trecento milioni persi per strada BANDI ai quali nessuno riesce a partecipare e impacci burocratici negli uffici della Regione. Finanziamenti revocati e altri mai erogati. Il pasticcio nella gestione dei fondi europei sull' energia vale quasi 340 milioni di euro: un clamoroso spreco di risorse che avrebbero potuto spingere il boom delle rinnovabili in Sicilia e sviluppare l' efficienza energetica dell' Isola. Alla resa dei conti del Fesr , che deve assegnare gli ultimi finanziamenti entro il 31 dicembre, è questo il capitolo più penalizzato dall' incapacità della Regione di spendere e far spendere alle aziende la pioggia di risorse che arriva da Bruxelles. Rispetto alla programmazione iniziale, che prevedeva una dotazione complessiva di 675 milioni di euro, un taglio della metà. Soldi destinati altrove, ma spesso come quelli rimasti a disposizione svaniti tra delibere mai approvate e progetti rimasti nei cassetti. «È un paradosso accusa Alfio La Rosa, responsabile del dipartimento Territorio e Ambiente della Cgil regionale, che ha raccolto le cifre in un dossier una regione al settimo posto per produzione dafonti rinnovabili grazie agli incentivi nazionali non è stata capace di sviluppare adeguatamente la filiera di un' industria collegata». Mentre i siciliani facevano da sé, installando sui propri tetti 34 mila impianti fotovoltaici per lo più di piccole dimensioni, la Sicilia lasciava sfumare risorse e opportunità. Già la prima rimodulazione dei fondi europei destinati all' energia, nel febbraio 2012, aveva portato a un taglio vicino al 15 per cento. Un anno dopo, con l' approssimarsi della scadenza, la riduzione ha superato il 40, salita poi fino alla metàdei fondi totali con l' ultima delibera, approvata dal governo Crocetta nel luglio scorso. Lo spreco più grande riguarda proprio la produzione di energia da fonti rinnovabili. Partito con oltre 370 milioni di euro, questo capitolo si è assottigliato progressivamente, scendendo fino a 72: un risultato frutto di bandi sbagliati e gare andate deserte. Il primo risale al 2010 e impegnava 130 milioni di euro per le filiere energetiche: soldi rimasti in cassa perché non era stato individuato l' organismo intermedio che avrebbe dovuto esaminare le domande. Un incarico assegnato solo un anno dopo a Banca Nuova per otto milioni Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress Continua > 1

3 5 ottobre 2013 Pagina 6 < Segue La Repubblica (ed. Palermo) Regione Siciliana di euro: quasi quanto quelli assegnati all' unica azienda che ha partecipato, la Meridionale impianti, gruppo milanese con sede a Catania che per il finanziamento da 12 milioni e mezzo aspetta ancora il via libera. Il secondo tentativo, con un budget aumentato fino a 200 milioni, arriva nell' agosto 2012, ma per questo bando bis non si presenta nessuno: troppo onerosi i criteri inseriti, che imponevano alle aziende un cofinanziamento dell' investimento con importi simili in progetti da 15 a 40 milioni di euro e la presenza di un' impresa capofila che da sola avrebbe dovuta garantirne almeno otto. Anche l' ultimo appello, che nel marzo scorso aveva messo sul piatto 25 milioni per le filiere energetiche, va a vuoto e viene revocato dalla Regione. Così, negli anni del boom del settore, per le aziende che investono nelle rinnovabili in Sicilia resta meno di un quinto delle risorse iniziali. Nel mirino della Cgil c' è anchel' utilizzo dei fondi effettivamente impegnati, come nel caso del Patto dei sindaci: «È una gestione dirigistica che rischia di produrre piani di azione che restano sulla carta, di favorire l' arrivo di Esco (le società per la gestione dei piani) multinazionali e non siciliane e di creare le condizioni per la proliferazione degli affaristi», attacca il segretario regionale, Michele Pagliaro. Che punta il dito contro la nomina della cabina di regia voluta dal governatore Rosario Crocetta e sulla quale nei giorni scorsi si è consumato uno scontro con lo staff dell' assessore all' Energia, Nicolò Marino: «Hanno partecipato al bando 14 nomi di spicco, ma la Regione ha preferito fermare tutto e nominare tre consulenti esterni che non hann o prodotto nulla di concreto». Le critiche riguardano la destinazione dei 30 milioni investiti per l' intervento, oltre la metà dei quali rischiano di finire in consulenze per la redazione dei Paes, i Piani d' azione per l' energia sostenibile, e gli audit energetici: «Tutte cose che i Comuni potrebbero fare da sé se rispettassero l' obbligo di legge di avere un energy manager accusa La Rosa E poi, in molti casi basterebbe un geometra comunale». Sotto accusa c' è anche il fondo di garanzia da oltre 11 milioni di euro: «Un meccanismo di appalti ventennali che pare costruito per la grande rendita: dal 2008 in tutta Europa solo quattro Comuni hanno seguito questa strada per finanziare gli in vestimenti nelle rinnovabili». RIPRODUZIONE RISERVATAIl PalazzoPalazzo dei Normanni sede dell' Assemblea regionale: i dirigenti con gli stipendi più alti hanno ricevuto a fine settembre un cospicuo rimborso dopo il no della Corte costituzionale al contributo di solidarietà. CRISTOFORO SPINELLA Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress

4 5 ottobre 2013 Pagina 13 La Sicilia Ambiente ed energia Energia, dossier Cgil Rinnovabili la Sicilia perde il 50% di risorse disponibili PALERMO. I limiti della Regione nella capacità di spesa dei fondi europei vengono tutti a galla nel settore dell energia che, a causa delle continue rimodulazioni, ha di fatto perso il 50% delle risorse disponibili. Lo rivela la Cgil Sicilia, che ieri ha presentato un dossier sulle storture che si sono venute a creare in questo ambito. Secondo il sindacato, «la gestione dirigistica del Patto dei sindaci rischia di produrre piani di azione che restano sulla carta, di favorire l arrivo di Esco (Energy service company), società multinazionali per la gestione dei piani, e di creare le condizioni per far proliferare i comitati d affari». Spiega Michele Pagliaro, segretario generale: «Non possiamo permetterci di andare con questi presupposti alla prossima programmazione europea. La Regione deve definire presto in un nuovo Piano energetico obiettivi e azioni conseguenti; così come bisogna dare al settore delle energie rinnovabili regole certe e trasparenti, mettendo fine per questa strada ai contenziosi e alle polemiche sulle autorizzazioni. Bisogna fare il necessario per evitare che un ambito importante e di prospettiva come questo diventi terreno di speculazione e spazio libero per gli affaristi». Intanto la Sicilia si conferma terra di paradossi anche in campo energetico: settima in Italia per produzione da fonti rinnovabili grazie agli incentivi nazionali e la crescita in questi ultimi anni anche del solare fotovoltaico la nostra Regione non ha sviluppato adeguatamente la filiera di un industria collegata. Inoltre, in assenza delle cosiddette reti intelligenti è rimasta indietro in quanto ad efficienza della rete e dei sistemi di accumulo. Tutto questo, sostiene la Cgil, a causa dei mancati interventi che potevano essere attivati da un tempestivo e corretto utilizzo dei fondi europei. «Invece i finanziamenti per le filiere aggiunge Pagliaro sono stati ridotti da 200 milioni a 25 milioni, peraltro non spesi a causa di un bando farraginoso e poco credibile, che è stato per questo disertato dalle imprese». Neanche sul tema dei 14 esperti per il supporto al dipartimento Energia e il coordinamento delle iniziative comunitarie ( Patto dei sindaci e Patto delle isole ) si è fatto di meglio. «Hanno partecipato al bando 14 nomi di spicco afferma Alfio La Rosa, responsabile del dipartimento Territorio e ambiente della Cgil Sicilia ma la Regione ha preferito fermare tutto e nominare tre consulenti esterni, che di fatto non hanno prodotto nulla di concreto». Per la Cgil è dunque arrivato il momento di «un inversione di Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress Continua > 3

5 5 ottobre 2013 Pagina 13 < Segue La Sicilia Ambiente ed energia rotta sulla spesa dei fondi europei, ma anche del varo di un piano energetico condiviso e partecipato». «Devono essere aggiornati gli obiettivi, individuate le azioni e costruito un sistema trasparente per le autorizzazioni e certo per i controlli conclude Mimma Argurio, componente della segreteria regionale Cgil. Il piano energetico deve essere oggetto di pubblica consultazione di tutti gli attori sociali e istituzionali». A tal proposito, il sindacato suggerisce di creare per il comparto energia un distretto tecnologico, con l apporto di università, enti di ricerca e di una cabina di regia per coordinare le attività dei vari assessorati e la spesa europea. Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress

6 5 ottobre 2013 Pagina 2 MF (Sicilia) Ambiente ed energia Dossier della Cgil sui fondi europei destinati alle rinnovabili. Poca spesa sull' energia I limiti della Regione nella capacità di spesa dei Fondi europei vengono tutti a galla nel settore dell' energia, che a causa delle continue rimodulazioni ha di fatto perso il 50% delle risorse a disposizione facendo venire meno il contributo regionale allo sviluppo di questo ambito. Questo quanto sostiene la Cgil Sicilia che ha presentato un dossier sull' argomento. Dal documento si ricava anche che «la gestione dirigistica nell' ambito del "Patto dei sindaci", rischia di produrre piani di azione che restano sulla carta, di favorire l' arrivo di Esco (Energy service company), società per la gestione dei piani, multinazionali e non siciliane e di creare le condizioni per far proliferare i cosiddetti "affari"». Serve un cambio di rotta per il segretario regionale del sindacato, Michele Pagliaro. «Alla prossima programmazione europea, bisogna che la regione definisca presto in un nuovo Piano energetico obiettivi e azioni conseguenti, così come bisogna dare al settore delle energie rinnovabili regole certe e trasparenti, mettendo fine per questa strada ai contenziosi e alle polemiche sulle autorizzazioni», ha spiegato. «Bisogna fare il necessario», ha aggiunto, «per evitare che un ambito importante e di prospettiva come questo diventi terreno di speculazione e spazio libero per gli affaristi». «Occorre superare», ha rilevato Alfio La Rosa, responsabile del dipartimento territorio e ambiente della Cgil Sicilia, «un paradosso che vede una regione al settimo posto per produzione da fonti rinnovabili grazie agli incentivi nazionali con la crescita in questi ultimi anni anche del solare fotovoltaico, non avere sviluppato adeguatamente la filiera di un' industria collegata, segnare il passo quanto a interventi su efficienza e sistemi di accumulo, avere problemi con le reti in assenza delle cosiddette "rete intelligenti"». Tutto questo, a causa dei mancati interventi, sostiene la Cgil, che sarebbero stati resi possibili da un tempestivo e corretto utilizzo dei fondi europei. E invece «il finanziamento della misura per le filiere», ha affermato Pagliaro, «sono stati ridotti da 200 milioni a 25 milioni peraltro non spesi e questo a causa di un bando farraginoso e poco credibile che è stato per questo disertato dalle imprese». Neanche sul tema dei 14 esperti per il supporto al Dipartimento energia e il coordinamento delle iniziative comunitarie (patto dei sindaci e patto delle isole) si è fatto di meglio. «Hanno partecipato al bando 14 nomi di spicco», ha spiegato La Rosa, «ma la Regione ha preferito fermare tutto e nominare tre consulenti esterni che di fatto non hanno prodotto nulla di concreto». Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress Continua > 5

7 5 ottobre 2013 Pagina 2 < Segue MF (Sicilia) Ambiente ed energia Per la Cgil è dunque arrivato il momento di una «inversione di rotta sulla spesa dei fondi europei, ma anche del varo di un piano energetico condiviso e partecipato». «Devono essere aggiornati gli obiettivi», ha sostenuto Mimma Argurio, della segreteria regionale Cgil, «individuate le azioni, e costruito un sistema trasparente per le autorizzazioni e certo per i controlli». «Il piano inoltre», ha aggiunto, «deve essere oggetto di pubblica consultazione di tutti gli attori sociali e istituzionali». La Cgil propone anche la creazione di un distretto tecnologico, con l' apporto di università ed enti di ricerca, e di una cabina di regia coordinando così le attività dei vari assessorati e la spesa europea in un settore come quello dell' energia che di fatto si collega e si intreccia con tutti gli altri settori produttivi e con le problematiche dell' ambiente e del territorio. «Chiediamo alla regione», ha concluso Pagliaro, «obiettivi chiari, azioni esigibili, tempestività della spesa e il massimo della trasparenza e della legalità per lo sviluppo di un settore che può dare molto alla Sicilia in termini economici e occupazionali». (riproduzione riservata) Antonio Giordano Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress

8 IL DOSSIER Patto dei sindaci, Cgil all'attacco. "Il governo favorisce gli affari" Venerdì 04 Ottobre :07 di Accursio Sabella Il sindacato punta il dito contro il governo Crocetta: "Gli interventi previsti favoriranno multinazionali straniere e ditte del Nord Italia. E apriranno a nuove speculazioni. La Regione, invece di affidarsi a 14 esperti già selezionati e pagati dall'europa, si affida a tre consulenti che finora non hanno prodotto nulla". PALERMO - La Sicilia nelle mani delle multinazionali straniere o delle aziende del Nord Italia. E un programma, il Patto dei sindaci, affidato alla gestione di consulenti esterni, al posto degli esperti, già selezionati, e pagati dall'europa. Un siluro, quello della Cgil, lanciato dritto contro il governo Crocetta, responsabile non solo di non aver invertito la rotta (che aveva già portato a risultati deludenti e alla perdita di milioni di euro di finanziamenti) tracciata dal precedente esecutivo, ma di aver persino aperto a nuovi affari che non riguarderanno i siciliani. Il sindacato, culturalmente vicino al presidente della Regione non risparmia quindi critiche feroci. E mette tutto nero su bianco, in un dossier sulla gestione dell'energia che non lascia spazio a molti dubbi. Siamo si legge nel dossier - alla politica degli annunci che si contrappone alla politica della serietà e dalla capacità politica di attuare scelte strategiche e capacità amministrativa di programmare, pianificare ed attuare azioni concrete. Chiacchiere, insomma. Fatti zero. 1

9 Non possiamo permetterci - l'attacco del segretario regionale Cgil Michele Pagliaro - di andare con questi presupposti alla prossima programmazione europea, bisogna che la regione definisca presto in un nuovo Piano energetico obiettivi e azioni conseguenti, così come bisogna dare al settore delle energie rinnovabili regole certe e trasparenti, mettendo fine per questa strada ai contenziosi e alle polemiche sulle autorizzazioni. Bisogna fare il necessario ha aggiunto- per evitare che un ambito importante e di prospettiva come questo diventi terreno di speculazione e spazio libero per gli affaristi. E il rischio di speculazioni e affari starebbe dietro il tanto decantato Patto dei sindaci. Un progetto di utilizzo delle energie rinnovabili in Sicilia che potrebbe portare nell'isola stando a varie dichiarazioni del presidente Crocetta qualcosa come cinque miliardi di euro. Una cifra che la Cgil non esita a definire fantomatica. E, anzi, il sindacato alza il velo sulle possibili conseguenze di una gestione poco attenta del Patto dei Sindaci. Un progetto, - scrive la Cgil - che da mesi è stato ampiamente annunciato e tante volte modificato intercalandolo con promesse di assunzioni di migliaia di giovani che contiene interventi per la redazione dei Piani di Azione per l Energia Sostenibile (PAES) e degli audit energetici, per l assistenza tecnica, per costituire un Fondo di garanzia per l accesso al credito per le Esco (Energy Service Company). Si corre il rischio si legge sempre nel dossier - con una gestione così dirigistica di produrre, da una parte Paes che rimangano carta straccia senza che le Amministrazioni siano in grado di sviluppare le azioni per raggiungere gli obiettivi europei, dall altra di favorire l arrivo di Esco multinazionali e/o non effettivamente siciliane e non consentendo l accesso al bando alle piccole ditte locali. Le Esco, per intenderci, sono società che effettuano interventi finalizzati a migliorare l efficienza energetica, assumendo su di sé il rischio dell'iniziativa al posto del cliente finale (in questo caso i Comuni). Ma i bandi per la predisposizione dei Paes secondo la Cgil presuppongono interventi così costosi da escludere, di fatto, le piccole ditte locali. E aprendo quindi ad aziende multinazionali. E soprattutto del Nord Italia. Ma i dubbi sul Patto dei sindaci non si fermano qui. Secondo la Cgil, infatti, il governo Crocetta ha ignorato una selezione per 14 esperti nel settore, avviata addirittura più di due anni fa e già di fatto conclusa, per affidarsi invece ad alcuni consulenti esterni. Si tratta di fedelissimi del 2

10 governatore. Antonello Pezzini, Rosario Lanzafame e Salvatore Lupo, infatti, sono consulenti del governatore col compito proprio di occuparsi dell' elaborazione dei necessari indirizzi strategici per la corretta programmazione dell'utilizzo delle risorse economiche, provenienti dalla riprogrammazione delle dotazioni del Po Fesr Sicilia 2007/2013, destinate a finanziare l'iniziativa 'Patto dei Sindaci'. Consulenze via via rinnovate e prorogate. Hanno partecipato al bando 14 nomi di spicco - ha spiegato Alfio La Rosa, responsabile del dipartimento territorio e ambiente della Cgil Sicilia - ma la Regione ha preferito fermare tutto e nominare tre consulenti esterni che di fatto non hanno prodotto nulla di concreto. Tre consulenti inizialmente individuati come componenti della cabina di regia. Un'altra finzione, secondo la Cgil. L attuale Giunta regionale, in effetti, con deliberazione del 30 novembre 2012 si legge nel dossier - ha costituito finalmente una Cabina di regia composta da assessori regionali, o loro delegati, dai rami dell amministrazione regionale e che con successivo provvedimento ne saranno definite la composizione e le modalità di funzionamento ad oggi non esiste alcun provvedimento finalizzato a formalizzare la costituzione della Cabina di Regia. Invece, si continua ad utilizzare e prolungare le consulenze ad 'esperti esterni' all Amministrazione che sono diventati 'cabina di regia'. Per farla breve, la Regione rinuncia a 14 tra i migliori esperti sul campo, per di più pagati dall'europa sotto la voce assistenza tecnica, e preferisce rivolgersi ad esterni retribuiti con fondi regionali. Una cabina di regia che nulla ha a che vedere con quella individuata dalla Regione mesi fa e composta, sulla carta, da rappresentanti dei vari assessorati. Una vicenda, quella dei 14 esperti congelati dalla Regione, finita recentemente al centro di un'accesa polemica tra il presidente della Commissione attività produttive e deputato Pd Bruno Marziano e l'assessore all'energia Nicolò Marino. Il dirigente che stava per concludere l'iter ha raccontato Marino è stato trasferito per punizione all'ente minerario di Catania. La Regione preferisce i propri esperti. RIPRODUZIONE RISERVATA 3

11 Siluro della Cgil al Governo Crocetta: Dietro il Patto dei Sindaci ci sono solo affari & affaristi 04 ottobre 2013 Posted by Redazione L ORGANIZZAZIONE SINDACALE HA PRESENTATO OGGI UN DOSSIER SULLE ENERGIE ALTERNATIVE IN SICILIA. EMERGE UNO SFASCIO PRESSOCHE TOTALE. E UN ALTA BUROCRAZIA INCAPACE MA BEN RETRIBUITA. IN ALLEGATO IL TESTO DOSSIER DELL ORGANIZZAZIONE SINDACALE CON LE TABELLE Avere il PD all opposizione, per il Governo di Rosario Crocetta, non sarà senza conseguenze. Oggi, per esempio, è partito il siluro della Cgil siciliana su tutti gli inghippi anche appaltizi che stanno dietro le energie alternative. I limiti della Regione nella capacità di spesa dei Fondi europei vengono tutti a galla nel settore dell energia, che a causa delle continue rimodulazioni ha di fatto perso il 50% delle risorse a disposizione facendo venire meno il contributo della Regione allo sviluppo di questo importante ambito. Con questo incipit, tanto per gradire, l organizzazione sindacale ha presentato oggi un dossier sulla gestione di questo settore in Sicilia. Con denunce e affondi a trecentosessanta gradi. Dal documento si ricava, ad esempio, che la gestione dirigistica, nell ambito del Patto dei Sindaci, rischia di produrre piani di azione che restano sulla carta, di favorire l arrivo di Esco (Energy service company) società per la gestione dei piani multinazionali e non siciliane e di creare le condizioni per far proliferare i cosiddetti affari. La botta è durissima. Per almeno due ragioni. In primo luogo, perché il presidente della Regione ha sempre presentato il Patto dei Sindaci come il fiore all occhiello della sua amministrazione. Ora la Cgil siciliana non solo contesta la filosofia e, soprattutto, la prassi che stanno dietro a quest operazione. Ma dice, a chiare lettere, quello che hanno capito tutti: e cioè che dietro questo Patto dei Sindaci, ammantato della solita antimafia delle chiacchiere, ci sono affari & affaristi. Il segretario generale Michele Pagliaro, l ha detto chiaramente: Non possiamo permetterci di andare con questi presupposti alla prossima programmazione europea, bisogna che la Regione definisca presto in un nuovo Piano energetico obiettivi e azioni 1

12 conseguenti, così come bisogna dare al settore delle energie rinnovabili regole certe e trasparenti, mettendo fine per questa strada ai contenziosi e alle polemiche sulle autorizzazioni. Quindi un altra bordata pesantissima: Bisogna fare il necessario - ha aggiunto il segretario generale della Cgil siciliana - per evitare che un ambito importante e di prospettiva come questo diventi terreno di speculazione e spazio libero per gli affaristi. Mentre a Crocetta, al senatore Giuseppe Lumia e ai loro compari fischiano le orecchie, Alfio La Rosa, responsabile del dipartimento territorio e ambiente della Cgil Sicilia, parla di un paradosso che vede una Regione al 7 posto per produzione da fonti rinnovabili grazie agli incentivi nazionali con la crescita, in questi ultimi anni, anche del solare fotovoltaico, che però non ha sviluppato adeguatamente la filiera di un industria collegata e che segna il passo quanto a interventi su efficienza e sistemi di accumulo. Con inevitabili problemi con le reti in assenza delle cosiddette reti intelligenti. Insomma, anche se Crocetta & company pensano di essere intelligenti, anche senza le reti intelligenti, stanno, in realtà, combinando solo dei grandi casini. Tutto questo sottolineano alla Cgil a causa dei mancati interventi che sarebbero stati resi possibili da un tempestivo e corretto utilizzo dei fondi europei. E invece? Invece i finanziamenti della misura per le filiere - ha affermato Pagliaro - sono stati ridotti da 200 milioni a 25 milioni, peraltro non spesi e questo a causa di un bando farraginoso e poco credibile che è stato per questo disertato dalle imprese. Insomma, al di là delle chiacchiere, con Crocetta la gestione dei Fondi europei, che in Sicilia, dal 2008 ad oggi non ha mai brillato, è oggi allo sfascio. Con l aggiunta che saranno Crocetta e i burocrati che si è scelto lo stesso presidente della Regione a gestire la Programmazione europea Con risultati che si annunciano non esaltanti. Neanche sul tema dei 14 esperti per il supporto al Dipartimento energia e il coordinamento delle iniziative comunitarie ( Patto dei Sindaci e Patto delle isole ) si è fatto di meglio. Hanno partecipato al bando nomi di spicco - ha spiegato La Rosa - ma la Regione ha preferito fermare tutto e nominare tre consulenti esterni che, di fatto, non hanno prodotto nulla di concreto (questo è ingiusto, perché di concreto avranno prodotto le remunerazioni per i consulenti ). Per la Cgil è dunque arrivato il momento di una inversione di rotta sulla spesa dei fondi europei, ma anche del varo di un Piano energetico condiviso e partecipato. Devono essere aggiornati gli obiettivi - ha sostenuto Mimma Argurio, della segreteria regionale Cgil - individuate le azioni, e costruito un sistema trasparente per le autorizzazioni e certo per i controlli. Il piano inoltre - ha aggiunto - deve essere oggetto di pubblica consultazione di tutti gli attori sociali e istituzionali. La Cgil propone anche la creazione di un distretto tecnologico, con l apporto di università ed enti di ricerca, e di una cabina di regia coordinando così le attività dei vari assessorati e la spesa europea in un settore come quello dell energia che di fatto si collega e si intreccia con tutti gli altri settori produttivi e con le problematiche dell ambiente e del territorio. Chiediamo alla Regione - ha concluso Pagliaro - obiettivi chiari, azioni esigibili, tempestività della spesa e il massimo della trasparenza e della legalità per lo sviluppo di un settore che può dare molto alla Sicilia in termini economici e occupazionali. IL DOSSIER CGIL 2

13 IL SEGRETARIO PAGLIARO PRESENTA UN DOSSIER Energia, la denuncia della Cgil Invertire la rotta sui fondi europei 04 ottobre 2013 di Redazione I limiti della regione nella capacità di spesa dei Fondi europei vengono tutti a galla nel settore dell energia, che a causa delle continue rimodulazioni ha di fatto perso il 50% delle risorse a disposizione facendo venire meno il contributo della regione allo sviluppo di questo importante ambito. Lo sostiene la Cgil Sicilia che ha presentato un dossier sull argomento. Dal documento si ricava anche che la gestione dirigistica nell ambito del Patto dei sindaci, rischia di produrre piani di azione che restano sulla carta, di favorire l arrivo di Esco (Energy service company), società per la gestione dei piani, multinazionali e non siciliane e di creare le condizioni per far proliferare i cosiddetti affari. Il segretario generale Michele Pagliaro, lo ha detto chiaramente: Non possiamo permetterci di andare con questi presupposti alla prossima programmazione europea, bisogna che la regione definisca presto in un nuovo Piano energetico obiettivi e azioni conseguenti, così come bisogna dare al settore delle energie rinnovabili regole certe e trasparenti, mettendo fine per questa strada ai contenziosi e alle polemiche sulle autorizzazioni. Bisogna fare il necessario - ha aggiunto - per evitare che un ambito importante e di prospettiva come questo diventi terreno di speculazione e spazio libero per gli affaristi. Occorre superare, ha rilevato Alfio La Rosa, responsabile del dipartimento territorio e ambiente della Cgil Sicilia, un paradosso che vede una regione al 7^ posto per produzione da fonti rinnovabili grazie agli incentivi nazionali con la crescita in questi ultimi anni anche del solare fotovoltaico, non avere sviluppato adeguatamente la filiera di un industria collegata, segnare il passo quanto a interventi su efficienza e sistemi di accumulo, avere problemi con le reti in assenza delle cosiddette rete intelligenti. Tutto questo, a causa dei mancati interventi, sostiene la Cgil, che sarebbero stati resi possibili da un tempestivo e corretto utilizzo dei fondi europei. E invece il finanziamento della misura per le filiere - ha affermato Pagliaro - sono stati ridotti da 200 milioni a 25 milioni peraltro non spesi e questo a causa di un bando farraginoso e poco credibile che è stato per questo disertato dalle imprese. Neanche sul tema dei 14 esperti per il supporto al Dipartimento energia e il coordinamento delle iniziative comunitarie (patto dei sindaci e patto delle isole) si è fatto di meglio. Hanno partecipato al bando 14 nomi di spicco- ha spiegato La Rosa - ma la Regione ha preferito fermare tutto e nominare tre consulenti esterni che di fatto non hanno prodotto nulla di concreto. Per la Cgil è dunque arrivato il momento di una inversione di rotta sulla spesa dei fondi europei, ma anche del varo di un piano energetico condiviso e partecipato. Devono essere aggiornati gli obiettivi - ha sostenuto Mimma Argurio, della segreteria regionale Cgil - individuate le azioni, e costruito un sistema trasparente per le autorizzazioni e certo per i controlli. Il piano inoltre - ha aggiunto - deve essere oggetto di pubblica consultazione di tutti gli attori sociali e istituzionali. La Cgil propone anche la creazione di un distretto tecnologico, con l apporto di università ed enti di ricerca, e di una cabina di regia coordinando così le attività dei vari assessorati e la spesa europea in un settore come quello dell energia che di fatto si collega e si intreccia con tutti gli altri settori produttivi e con le problematiche dell ambiente e del territorio. Chiediamo alla regione - ha concluso Pagliaro - obiettivi chiari, azioni esigibili, tempestività della spesa e il massimo della trasparenza e della legalità per lo sviluppo di un settore che può dare molto alla Sicilia in termini economici e occupazionali.

14 Fondi Ue non spesi: perchè la Sicilia perde lavoro nelle rinnovabili La Regione Sicilia è indietro in fatto di energia da fonti rinnovabili e a metterlo in evidenza è un dossier della Cgil Sicilia che lamenta il mancato utilizzo dei fondi europei per lo sviluppo di una filiera industriale capace di dare lavoro e autonomia energetica sostenibile all isola. I limiti della regione nella capacità di spesa dei Fondi soldi money salvadanaio rotto europei vengono tutti a galla nel settore dell energia, che a causa delle continue rimodulazioni ha di fatto perso il 50% delle risorse a disposizione facendo venire meno il contributo della regione allo sviluppo di questo importante ambito. Lo sostiene la Cgil Sicilia che ha presentato oggi un dossier sull argomento. Dal documento si ricava anche che la gestione dirigistica nell ambito del Patto dei sindaci, rischia di produrre piani di azione che restano sulla carta, di favorire l arrivo di Esco (Energy service company), società per la gestione dei piani, multinazionali e non siciliane e di creare le condizioni per far proliferare i cosiddetti affari. Il segretario generale Michele Pagliaro, lo ha detto chiaramente: Non possiamo permetterci di andare con questi presupposti alla prossima programmazione europea, bisogna che la regione definisca presto in un nuovo Piano energetico obiettivi e azioni conseguenti, così come bisogna dare al settore delle energie rinnovabili regole certe e trasparenti, mettendo fine per questa strada ai contenziosi e alle polemiche sulle autorizzazioni. Bisogna fare il necessario ha aggiunto per evitare che un ambito importante e di prospettiva come questo diventi terreno di speculazione e spazio libero per gli affaristi. Nonostante la regione Sicilia sia in Italia al 7 posto per produzione di energia da fonti rinnovabili, grazie agli incentivi nazionali nel fotovoltaico e nel solare, non c è stato lo sviluppo di una filiera industriale delle rinnovabili o di interventi su efficienza e sistemi di accumulo e reti intelligenti. Tutto questo a causa a causa dei mancati interventi, sostiene Alfio La Rosa, responsabile del dipartimento territorio e ambiente della Cgil Sicilia, che sarebbero stati resi possibili da un tempestivo e corretto utilizzo dei fondi europei. I finanziamenti sono stati ridotti da 200 milioni a 25 milioni e non sono nemmeno stati spesi a causa di un bando farraginoso e poco credibile che è stato per questo disertato dalle imprese. Neanche sul tema dei 14 esperti per il supporto al Dipartimento energia e il coordinamento delle iniziative comunitarie il Patto dei Sindaci e il Patto delle Isole si è fatto di meglio. Hanno partecipato al bando 14 nomi di spicco ha spiegato La Rosa ma la Regione ha preferito

15 fermare tutto e nominare tre consulenti esterni che di fatto non hanno prodotto nulla di concreto. Per la Cgil è dunque arrivato il momento di una inversione di rotta sulla spesa dei fondi europei, ma anche del varo di un piano energetico condiviso e partecipato. La Cgil propone regole amministrative e autorizzative più chiare e flessibili,oltre alla creazione di un distretto tecnologico, con l apporto di università ed enti di ricerca, e di una cabina di regia che coordini le attività tra i vari settori in gioco. Chiediamo alla regione- ha concluso Pagliaroobiettivi chiari, azioni esigibili, tempestività della spesa e il massimo della trasparenza e della legalità per lo sviluppo di un settore che può dare molto alla Sicilia in termini economici e occupazionali.

16 Il Mattino di Sicilia Energia Cgil Sicilia: la Regione cambi rotta sulle energie rinnovabili, spenda i fondi Ue e punti su trasparenza e legalità ottobre 5, 2013 I limiti della regione nella capacità di spesa dei Fondi europei vengono tutti a galla nel settore dell energia, che a causa delle continue rimodulazioni ha di fatto perso il 50% delle risorse a disposizione facendo venire meno il contributo della regione allo sviluppo di questo importante ambito. Lo sostiene la Cgil Sicilia che ha presentato oggi un dossier sull argomento. Dal documento si ricava anche che la gestione dirigistica nell ambito del Patto dei sindaci, rischia di produrre piani di azione che restano sulla carta, di favorire l arrivo di Esco (Energy service company), società per la gestione dei piani, multinazionali e non siciliane e di creare le condizioni per far proliferare i cosiddetti affari. Il segretario generale Michele Pagliaro, lo ha detto chiaramente: Non possiamo permetterci di andare con questi presupposti alla prossima programmazione europea, bisogna che la regione definisca presto in un nuovo Piano energetico obiettivi e azioni conseguenti, così come bisogna dare al settore delle energie rinnovabili regole certe e trasparenti, mettendo fine per questa strada ai contenziosi e alle polemiche sulle autorizzazioni. Bisogna fare il necessario - ha aggiunto - per evitare che un ambito importante e di prospettiva come questo diventi terreno di speculazione e spazio libero per gli affaristi. Occorre superare, ha rilevato Alfio La Rosa, responsabile del dipartimento territorio e ambiente della Cgil Sicilia, un paradosso che vede una regione al 7^ posto per produzione da fonti rinnovabili grazie agli incentivi nazionali con la crescita in questi ultimi anni anche del solare fotovoltaico, non avere sviluppato adeguatamente la filiera di un industria collegata, segnare il passo quanto a interventi su efficienza e sistemi di accumulo, avere problemi con le reti in assenza delle cosiddette rete intelligenti. Tutto questo, a causa dei mancati interventi, sostiene la Cgil, che sarebbero stati resi possibili da un tempestivo e corretto utilizzo dei fondi europei. E invece il finanziamento della misura per le filiere - ha affermato Pagliaro - sono stati ridotti da 200 milioni a 25 milioni peraltro non spesi e questo a causa di un bando farraginoso e poco credibile che è stato per questo disertato dalle imprese. Neanche sul tema dei 14 esperti per il supporto al Dipartimento energia e il coordinamento delle iniziative comunitarie (patto dei sindaci e patto delle isole) si è fatto di meglio. Hanno partecipato al bando 14 nomi di spicco- ha spiegato La Rosa - ma la Regione ha preferito fermare tutto e nominare tre consulenti esterni che di fatto non hanno prodotto nulla di concreto. Per la Cgil è dunque arrivato il momento di una inversione di rotta sulla spesa dei fondi europei, ma anche del varo di un piano energetico condiviso e partecipato. Devono essere aggiornati gli obiettivi - ha sostenuto Mimma Argurio, della segreteria regionale Cgil - individuate le azioni, e costruito un sistema trasparente per le autorizzazioni e certo per i controlli. Il piano inoltre - ha aggiunto- deve essere oggetto di pubblica consultazione di tutti gli attori sociali e istituzionali. La Cgil propone anche la creazione di un distretto tecnologico, con l apporto di università ed enti di ricerca, e di una cabina di regia coordinando così le attività dei vari assessorati e la spesa europea in un settore come quello dell energia che di fatto si collega e si intreccia con tutti gli altri settori produttivi e con le problematiche dell ambiente e del territorio. Chiediamo alla regione- ha concluso Pagliaro - obiettivi chiari, azioni esigibili, tempestività della spesa e il massimo della trasparenza e della legalità per lo sviluppo di un settore che può dare molto alla Sicilia in termini economici e occupazionali.

17 Lavoro in Sicilia Restare informati per lavorare Cgil Sicilia, presentato Dossier su Energia I limiti della regione nella capacità di spesa dei Fondi europei vengono tutti a galla nel settore dell energia, che a causa delle continue rimodulazioni ha di fatto perso il 50% delle risorse a disposizione facendo venire meno il contributo della regione allo sviluppo di questo importante ambito. Lo sostiene la Cgil Sicilia che ha presentato oggi un dossier sull argomento. Dal documento si ricava anche che la gestione dirigistica nell ambito del Patto dei sindaci, rischia di produrre piani di azione che restano sulla carta, di favorire l arrivo di Esco (Energy service company), società per la gestione dei piani, multinazionali e non siciliane e di creare le condizioni per far proliferare i cosiddetti affari. Il segretario generale Michele Pagliaro, lo ha detto chiaramente: Non possiamo permetterci di andare con questi presupposti alla prossima programmazione europea, bisogna che la regione definisca presto in un nuovo Piano energetico obiettivi e azioni conseguenti, così come bisogna dare al settore delle energie rinnovabili regole certe e trasparenti, mettendo fine per questa strada ai contenziosi e alle polemiche sulle autorizzazioni. Bisogna fare il necessario ha aggiunto- per evitare che un ambito importante e di prospettiva come questo diventi terreno di speculazione e spazio libero per gli affaristi. Occorre superare, ha rilevato Alfio La Rosa, responsabile del dipartimento territorio e ambiente della Cgil Sicilia, un paradosso che vede una regione al 7^ posto per produzione da fonti rinnovabili grazie agli incentivi nazionali con la crescita in questi ultimi anni anche del solare fotovoltaico, non avere sviluppato adeguatamente la filiera di un industria collegata, segnare il passo quanto a interventi su efficienza e sistemi di accumulo, avere problemi con le reti in assenza delle cosiddette rete intelligenti. Tutto questo, a causa dei mancati interventi, sostiene la Cgil, che sarebbero stati resi possibili da un tempestivo e corretto utilizzo dei fondi europei. E invece il finanziamento della misura per le filiere- ha affermato Pagliaro - sono stati ridotti da 200 milioni a 25 milioni peraltro non spesi e questo a causa di un bando farraginoso e poco credibile che è stato per questo disertato dalle imprese. Neanche sul tema dei 14 esperti per il supporto al Dipartimento energia e il coordinamento delle iniziative comunitarie (patto dei sindaci e patto delle isole) si è fatto di meglio. Hanno partecipato al bando nomi di spicco- ha spiegato La Rosa - ma la Regione ha preferito fermare tutto e nominare tre consulenti esterni che di fatto non hanno prodotto nulla di concreto. Per la Cgil è dunque arrivato il momento di una inversione di rotta sulla spesa dei fondi europei, ma anche del varo di un piano energetico condiviso e partecipato. Devono essere aggiornati gli obiettivi- ha sostenuto Mimma Argurio, della segreteria regionale Cgil - individuate le azioni, e costruito un sistema trasparente per le autorizzazioni e certo per i controlli. Il piano inoltre- ha aggiunto- deve essere oggetto di pubblica consultazione di tutti gli attori sociali e istituzionali. La Cgil propone anche la creazione di un distretto tecnologico, con l apporto di università ed enti di ricerca, e di una cabina di regia coordinando così le attività dei vari assessorati e la spesa europea in un settore come quello dell energia che di fatto si collega e si intreccia con tutti gli altri settori produttivi e con le problematiche dell ambiente e del territorio. Chiediamo alla regione- ha concluso Pagliaro - obiettivi chiari, azioni esigibili, tempestività della spesa e il massimo della trasparenza e della legalità per lo sviluppo di un settore che può dare molto alla Sicilia in termini economici e occupazionali. Posted on ottobre 5, 2013 at 15:40

18 LA REPLICA DI MAURIZIO PIRILLO "Dalla Cgil accuse illogiche. Rimesso in moto l'assessorato" Lunedì 07 Ottobre :01 Il dirigente generale dell'energia: "Non è vero che, col Patto dei sindaci, favoriremo le multinazionali. Sui consulenti, il sindacato ha preso un abbaglio. Il dirigente "punito"? Nessuna punizione, ma quel dipartimento negli anni passati non ha speso un euro di Fondi Ue". Controreplica del sindacato: "Illogico è il comportamento dell'assessorato" PALERMO - Pochi giorni fa, come riportato da Live Sicilia, la Cgil ha sferrato un duro attacco al governo regionale sul tema dei progetti relativi alle energie alternative. Secondo il sindacato, l'assessorato all'energia avrebbe favorito, con i suoi atti, le speculazioni e gli affari di multinazionali straniere e comunque non siciliane. Abbiamo ricevuto una replica del dirigente generale all'energia Maurizio Pirillo, che pubblichiamo integralmente. "Nell articolo pubblicato sui vostri giornali si legge di una dissertazione della CGIL non solo destituita di fondamento ma anche illogica verosimilmente indotta dal signor Alfio La Rosa, che come sport preferito sembra conoscere bene quello della sparata nel mucchio! In particolare si afferma: Il sindacato punta il dito contro il governo Crocetta: 'Gli interventi previsti favoriranno multinazionali straniere e ditte del Nord Italia. E apriranno a nuove speculazioni. La Regione, invece di affidarsi a 14 esperti già selezionati e pagati dall'europa, si affida a tre consulenti che finora non hanno prodotto nulla'. Innanzi tutto sorprende il tempismo da orologio di precisione di queste esternazioni giusto il 4 ottobre alle 19,00 quando il dipartimento energia ha già firmato in mattinata - la prima trance di finanziamento per i comuni tutti i 390 comuni dell isola per la redazione dei piani di azione dell energia sostenibile, che andrà in pubblicazione il prossimo lunedì, quindi teoricamente non noto ai più. 1

19 Secondo cosa: cosa c entra il pool di esperti con lo start-up del patto dei sindaci voluto dal Governo Crocetta finanziato con le risorse del PAC III? Al fine di chiarire, almeno per l opinione pubblica, e non certo per chi dispensa perle di saggezza creando solo confusione proviamo a spiegare come stanno le cose. Il famigerato pool di esperti nasce come iniziativa del precedente governo nel 2011 come strumento centralizzato di supporto alla regione ed ai comuni per la redazione dei piani di azione (paes). Non a caso le risorse per il finanziamento ricadevano nell asse 7 assistenza tecnica del po fesr con un costo stimato per 14 esperti per due anni pari a circa 2,5 milioni di euro, all'epoca fino al 2015 quindi oltre 4 milioni di euro. Dal 2011 al 2012 due anni! - tranne una intensa corrispondenza fra la programmazione e l energia non si è fatto assolutamente nulla! Tranne emettere un avviso e acquisire i curriculum di 180 candidati. Proprio perché le idee sono sempre poche ma confuse la selezione è stata avviata, sospesa, riavviata, sospesa e riavviata. Quando viene riavviata speditamente per l'ultima volta? Quando il governo Crocetta delibera nel febbraio 2013 l assegnazione di risorse per lo start-up del patto dei sindaci. Per intenderci i 30 milioni di euro, che solo per 17,6 milioni si fa per dire sono destinati alla progettazione dei paes e della progettazione esecutiva da essi discendenti. Cosa significa? Il precedente governo, si è limitato a prevedere un supporto ai comuni con il pool di esperti il governo Crocetta invece ha deciso di finanziare direttamente i comuni per la redazione dei paes. È evidente che le due cose non si sommano ma si elidono a vicenda anzi la permanenza del pool di esperti avrebbe, questo si generato un danno erariale, ed il fatto che si tratti di fondi comunitari non vuol dire che sono gratis! La redazione dei paes per la prima volta nella storia del coverant of majors = patto dei sindaci viene direttamente finanziato dalla Regione a tutti i comuni e verrà pagato a risultato ovvero una primo acconto a presentazione del paes il saldo ad avvenuta verifica di coerenza da parte della commissione europea. La Sicilia per impegno finanziario e copertura totale dei comuni è l'unica Regione in Europa a fare questo. In questo caso si responsabilizzano - senza nessuna intermediazione o consulenze create ad hoc - i comuni a fare piani di azione adeguati alle esigenze territoriali, coerenti con le linee guida europee e tramite una capillare attività sul territorio aumentare la cultura dell energia sostenibile in sicilia. La regione 2

20 dal canto suo, se i comuni, come speriamo, sapranno usare questa opportunità al meglio, avrà a disposizione il migliore partenariato nella definizione delle azioni in materia di energia nella prossima programmazione ed evitare che siano i singoli tenutari del verbo che partecipano ai tavoli della programmazione a stabilire quali bandi fare. Per poi non assumersi la responsabilità dei fallimenti della programmazione , come evidenziato dalla CGIL. Infatti quando il signor La Rosa parla, per bocca della CGIL, dovrebbe ricordare a se stesso ed alla CGIL che i tre bandi di filiera (il primo di 120 milioni, il secondo di 200 milioni ed il terzo di 25 milioni), prevedendo soglie minime elevate, non andavano bene per il tessuto imprenditoriale siciliano! Perché allora il buon La Rosa lo pubblicizzava acriticamente come una grande opportunità sul sito di FRED SICILIA nell ottobre del 2012? Perché non dava indicazioni in sede di concertazione, come rappresentante del partenariato, quando con decreto assessoriale del 2009 si stabilivano questi criteri per i bandi, e già con il flop del primo bando del 2010 non chiedeva di modificare i criteri? Stiamo parlando di 4 anni fa! E facile parlare e dispensare lacrime di coccodrillo, quando il danno è fatto! Oggi ritengo inconsapevolmente la CGIL si fa paladino di una critica senza senso e si contraddice quando afferma che la nuova programmazione deve tenere conto delle reali esigenze del territorio, senza capire che il Governo Regionale sta facendo esattamente questo. Aiutare i comuni nella pianificazione energetica del proprio territorio è un reale supporto alla creazione di una cultura all interno delle amministrazioni comunali e della popolazione. Non è sufficiente, come nella programmazione che finirà quest anno, finanziare di tempo in tempo qualche intervento qua e la illudendosi di avere fatto pianificazione energetica, dispensando incarichetti utili al politico di turno secondo il modus operandi di una certa politica o creare luoghi di governo che orientino gli incarichi e non i risultati! In sintesi, saranno i Comuni con i propri uffici o esperti scelti con procedure di legge, a redigere i paes, a farli dichiarare coerenti dall'europa in adempimento al patto dei sindaci sottoscritto. Infine per buona pace della CGIL e di deputati delusi, con l ultima rimodulazione di ottobre 2012 del po fesr le sperate risorse per il pool di esperti non ci sono più da tempo proprio perché qualche buontempone che gestiva i fondi comunitari ha compromesso la spendibilità delle risorse destinate all energia. Con fatica ed impegno stiamo cercando di mettere una pezza e non riproporre più errori del genere nella nuova programmazione con la quale l energia 3

I FONDI STRUTTURALI EUROPEI IN SICILIA (Documento CGIL Sicilia del 05 novembre 2014)

I FONDI STRUTTURALI EUROPEI IN SICILIA (Documento CGIL Sicilia del 05 novembre 2014) I FONDI STRUTTURALI EUROPEI IN (Documento CGIL Sicilia del 05 novembre 2014) La dotazione iniziale del Programma Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (FESR) Sicilia 2007/2013 che era pari a euro 6.539.605.100

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it Collegio Regionale dei Costruttori Edili Siciliani 90133 Palermo, Via A. Volta, 44 Tel.: 091/333114/324724 Fax: 091/6193528 C.F. 80029280825 - info@ancesicilia.it www.ancesicilia.it La Rassegna Stampa

Dettagli

In sintesi le disposizioni attengono a:

In sintesi le disposizioni attengono a: Audizione alla Commissione bilancio del Senato Valutazioni Uil sul Disegno legge N.1977 (Decreto legge n. 78/2015) presentate da Antonio Foccillo (segretario confederale Uil) Roma 7.7.2014 Premessa Il

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

l'unione delle province siciliane 18 gennaio 2010 pag. 0 ANNO XXVIII - N 1 Palermo, 18 Gennaio 2010

l'unione delle province siciliane 18 gennaio 2010 pag. 0 ANNO XXVIII - N 1 Palermo, 18 Gennaio 2010 l'unione delle province siciliane 18 gennaio 2010 pag. 0 ANNO XXVIII - N 1 Palermo, 18 Gennaio 2010 IN QUESTO NUMERO Nota dell Urps all Assessore alle AA.LL. / ERRATA APPLICAZIONE NEL D.A. DELL ASSEGNAZIONE

Dettagli

Chi manovra? La calura di questa seconda metà d'agosto non ferma l'attività del SAP che sta seguendo e monitorando. La vera battaglia si combatte

Chi manovra? La calura di questa seconda metà d'agosto non ferma l'attività del SAP che sta seguendo e monitorando. La vera battaglia si combatte 34 Notiziario della Segreteria Generale del Sindacato Autonomo di Polizia Direttore Politico: NICOLA TANZI Direttore Responsabile: MASSIMO MONTEBOVE Registrazione Tribunale Roma n. 98 del 21 febbraio 2000

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

INDICE ANCI PDF. 29/10/2008 Il Sole 24 Ore Difesa coordinata tra i sindaci sui titoli derivati

INDICE ANCI PDF. 29/10/2008 Il Sole 24 Ore Difesa coordinata tra i sindaci sui titoli derivati ANCI PDF 29/10/2008 La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale del loro contenuto per fini che

Dettagli

Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA. Al SINDACO del Comune di SOLOPACA. Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA

Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA. Al SINDACO del Comune di SOLOPACA. Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA Al SINDACO del Comune di SOLOPACA Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA OGGETTO: INTERROGAZIONE" Ai sensi degli artt. 43 del D.Lgs. 267/2000 e 40

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA N. 20 DEL 20 MAGGIO 2014

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA N. 20 DEL 20 MAGGIO 2014 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA RAGUSA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA N. 20 DEL 20 MAGGIO 2014 L anno 2014 il giorno 20 del mese di maggio, nella sede camerale, il dott. Roberto Rizzo,

Dettagli

MANUALE DI AUTODIFESA DEL DATORE DI LAVORO

MANUALE DI AUTODIFESA DEL DATORE DI LAVORO Dipartimento di prevenzione SPISAL-Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro MANUALE DI AUTODIFESA DEL DATORE DI LAVORO Capitolo 1.3 Burocrazia e valutazione del rischio (v. 1.0

Dettagli

Porto i saluti, a tutti i partecipanti, da parte di CGIL CISL UIL della regione FRIULI VENEZIA GIULIA.

Porto i saluti, a tutti i partecipanti, da parte di CGIL CISL UIL della regione FRIULI VENEZIA GIULIA. Porto i saluti, a tutti i partecipanti, da parte di CGIL CISL UIL della regione FRIULI VENEZIA GIULIA. E sicuramente un onore per me, che sono fresco di nomina, avere l incarico di relatore per le Parti

Dettagli

COMUNE DI MILANO. UNA SCELTA GRAVISSIMA E INCOMPRENSIBILE CHE NON HA PRECEDENTI. INTERVENGA SUBITO IL SINDACO.

COMUNE DI MILANO. UNA SCELTA GRAVISSIMA E INCOMPRENSIBILE CHE NON HA PRECEDENTI. INTERVENGA SUBITO IL SINDACO. 1 COMUNE DI MILANO. L ASSESSORATO ALLA CASA DICHIARA IMPROCEDIBILI LE DOMANDE DI ASSEGNAZIONE IN EMERGENZA DELLE CASE POPOLARI PRESENTATE DALLE FAMIGLIE SFRATTATE O IN DIFFICOLTA ABITATIVA. UNA SCELTA

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 18 dicembre 2014, n. 2719

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 18 dicembre 2014, n. 2719 2841 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 18 dicembre 2014, n. 2719 Piano per la promozione e l uso razionale dell energia ai fini del contenimento di costi ed emissioni nocive degli impianti e dei mezzi

Dettagli

Associazione Nazionale Comuni Siciliani BOZZA UNA PROPOSTA CIVICA DAI TERRITORI

Associazione Nazionale Comuni Siciliani BOZZA UNA PROPOSTA CIVICA DAI TERRITORI Associazione Nazionale Comuni Siciliani BOZZA UNA PROPOSTA CIVICA DAI TERRITORI PER INIZIARE A CONFRONTARSI IN OCCASIONE DELL ASSEMBLEA DEL 21 APRILE 2015 PERCHE LA SICILIA SI TROVA IN UNO STATO DI CALAMITÀ

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

IL BLUFF DE L ESPRESSO. Critica 1 l analisi si limita agli enti che ci tengono a farsi belli della propria virtuosità (mentre gli asini se la battono)

IL BLUFF DE L ESPRESSO. Critica 1 l analisi si limita agli enti che ci tengono a farsi belli della propria virtuosità (mentre gli asini se la battono) IL BLUFF DE L ESPRESSO Critica 1 l analisi si limita agli enti che ci tengono a farsi belli della propria virtuosità (mentre gli asini se la battono) Si tratterebbe del fenomeno che in termini tecnici

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 201 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BURANI PROCACCINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 MAGGIO 2006 (*) Modifica all articolo 110 del testo unico delle

Dettagli

FORUM DEL PARTENARIATO COMITATO DI SORVEGLIANZA PO FESR 2007/2013 SICILIA 28 APRILE 2011

FORUM DEL PARTENARIATO COMITATO DI SORVEGLIANZA PO FESR 2007/2013 SICILIA 28 APRILE 2011 FORUM DEL PARTENARIATO COMITATO DI SORVEGLIANZA PO FESR 2007/2013 SICILIA 28 APRILE 2011 Al Comitato di Sorveglianza La crisi economica e finanziaria internazionale si sta ripercuotendo in maniera drammatica

Dettagli

Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante

Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante di Alice Vaccaro - 25, giu, 2015 http://www.siciliajournal.it/adrano-fabio-mancuso-bilancio-comunale-falso-e-ferrante/ 1 / 6 ADRANO Ex sindaco

Dettagli

mercoledì 25 settembre 2013

mercoledì 25 settembre 2013 Rassegna Stampa CISL Bergamo mercoledì 25 settembre 2013 mercoledì 25 settembre 2013 CASAZZA La Diocesi di Bergamo nomina Enrico Madona amministratore delegato della Fondazione Piccinelli. Ma Madona

Dettagli

Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE Provincia di Torino Città di Orbassano VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 59 OGGETTO: CONVENZIONE PER LA REGOLAMENTAZIONE DEI RAPPORTI RECIPROCI TRA LA PROVINCIA DI TORINO E IL

Dettagli

Piccolo manuale di autodifesa contro lo scippo del TFR

Piccolo manuale di autodifesa contro lo scippo del TFR Piccolo manuale di autodifesa contro lo scippo del TFR Entro 6 mesi dall assunzione ogni lavoratore dovrà scegliere a chi destinare il proprio TFR. Questa piccola guida, a cura del CPO Experia di Catania,

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Martedì, 24.02.2015. Il Sole 24 Ore. Il Secolo XIX - Ed. Levante. 1 Split payment, rimborsi semplificati

RASSEGNA STAMPA. Martedì, 24.02.2015. Il Sole 24 Ore. Il Secolo XIX - Ed. Levante. 1 Split payment, rimborsi semplificati RASSEGNA STAMPA Martedì, 24.02.2015 Il Sole 24 Ore 1 Split payment, rimborsi semplificati 2 Precompilata, deleghe dettagliate 3 Statali, pronte le tabelle per la mobilità Il Secolo XIX - Ed. Levante 1

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Venerdì, 27 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Venerdì, 27 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Venerdì, 27 giugno 2014 26/06/2014 Emilianet 27/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 17 27/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 13 27/06/2014 La Nuova Prima Pagina

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Gentili ospiti Signore e Signori, Autorità e colleghi Costruttori, vi ringrazio della vostra presenza oggi alla

Dettagli

Partecipate nel caos, il metodo Crocetta non convince i sindacati

Partecipate nel caos, il metodo Crocetta non convince i sindacati Partecipate nel caos, il metodo Crocetta non convince i sindacati Quot... http://palermo.blogsicilia.it/partecipate-nel-caos-il-metodo-crocetta-no... 1 di 1 10/04/2013 09:46 "NO A SOLUZIONI UNILATERALI

Dettagli

Dalla partecipazione un nuovo modello di sviluppo economico ed occupazionale

Dalla partecipazione un nuovo modello di sviluppo economico ed occupazionale Dalla partecipazione un nuovo modello di sviluppo economico ed occupazionale Cagliari 3. 6. 2013 Segretaria Generale ANCIM Gian Piera Usai gianninausai@tiscali.it Vorrei aprire questa mia riflessione con

Dettagli

IL DEPOSITO Di Giuliano Marrucci

IL DEPOSITO Di Giuliano Marrucci IL DEPOSITO Di Giuliano Marrucci MILENA GABANELLI IN STUDIO Invece sulla questione dei rigassificatori non c è dubbio che dovremmo averne qualcuno e qui c è una storia che è proprio tutta italica. da A

Dettagli

RIFORMA DELLA P.A. La nuova disciplina della mobilità obbligatoria e volontaria

RIFORMA DELLA P.A. La nuova disciplina della mobilità obbligatoria e volontaria RIFORMA DELLA P.A. La nuova disciplina della mobilità obbligatoria e volontaria BERGAMO Supposto che il testo del decreto legge per la riforma della pubblica amministrazione sia quello diffuso on line

Dettagli

Priorità per i Trasporti e la Logistica

Priorità per i Trasporti e la Logistica Priorità per i Trasporti e la Logistica Audizione presso Comitato Scientifico Consulta Generale per l Autotrasporto e la Logistica Sommario Premessa: le Linee Guida del Piano per la Logistica... 2 Descrizione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Regione Siciliana

REPUBBLICA ITALIANA. Regione Siciliana REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO per il TURISMO, lo SPORT e lo SPETTACOLO 1.Dipartimento per il Turismo, lo Sport e lo Spettacolo 2.Servizio 3/TUR Servizi Turistici Regionali, Distretti

Dettagli

Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle

Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle di Vincenzo Emanuele Che la Sicilia non fosse più l Eden del consenso berlusconiano lo si era capito già alcuni

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Dicembre 2013 Sommario SINTESI...

Dettagli

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it Collegio Regionale dei Costruttori Edili Siciliani 90133 Palermo, Via A. Volta, 44 Tel.: 091/333114/324724 Fax: 091/6112913 C.F. 80029280825 - info@ancesicilia.it www.ancesicilia.it La Rassegna Stampa

Dettagli

Bandi per il finanziamento di progetti a rilevanza territoriale locale 2010

Bandi per il finanziamento di progetti a rilevanza territoriale locale 2010 Bandi per il finanziamento di progetti a rilevanza territoriale locale 2010 Premessa Nel rispetto delle direttive del Comitato di Gestione del Fondo Speciale per il Volontariato e della normativa vigente,

Dettagli

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI Il quadro economico del Piemonte Il Piemonte è una delle regioni a più alta concentrazione industriale d Europa, tanto che ancora oggi, nella grave

Dettagli

MEMORIA DELLA CGIL E DELLO SPI CGIL AUDIZIONE del 8 giugno 2015 XI COMMISSIONE CAMERA DEI DEPUTATI SU DECRETO LEGGE 65/2015 Disposizioni urgenti in

MEMORIA DELLA CGIL E DELLO SPI CGIL AUDIZIONE del 8 giugno 2015 XI COMMISSIONE CAMERA DEI DEPUTATI SU DECRETO LEGGE 65/2015 Disposizioni urgenti in MEMORIA DELLA CGIL E DELLO SPI CGIL AUDIZIONE del 8 giugno 2015 XI COMMISSIONE CAMERA DEI DEPUTATI SU DECRETO LEGGE 65/2015 Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie

Dettagli

Aste immobiliari, dalle banche mutui ad hoc per liberarsi del mattone pignorato

Aste immobiliari, dalle banche mutui ad hoc per liberarsi del mattone pignorato Aste immobiliari, dalle banche mutui ad hoc per liberarsi del mattone pignorato Creato il 07 agosto 2014 da Robertoborz Dopo il prestito vitalizio studiato per gli over 65, arrivano anche i mutui ad hoc

Dettagli

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI 1057 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: Editoriale de Il Giornale, 1 novembre 2015 1 novembre 2015 a cura di Renato Brunetta 2 Era fine agosto e la confusione

Dettagli

Sesto Forum Europeo sulla coesione

Sesto Forum Europeo sulla coesione Sesto Forum Europeo sulla coesione Bruxelles 8 settembre 2014 Intervento del Sottosegretario di Stato, On.Sandro Gozi, nella sessione di apertura Restoring growth and jobs: how can cohesion policy contribute

Dettagli

Una CARTA per una strategia per Trieste

Una CARTA per una strategia per Trieste Una CARTA per una strategia per Trieste Anzitutto un ringraziamento all Ing. Gregori ed al Tavolo delle Professioni di Trieste per l invito a partecipare a questo convegno. L oggetto del convegno è certamente

Dettagli

S o m m a r i o. la nostra attività gli appuntamenti la documentazione. ATTIVITA FERROVIARIE Appalti di pulizia: Gruppo Di Stasio

S o m m a r i o. la nostra attività gli appuntamenti la documentazione. ATTIVITA FERROVIARIE Appalti di pulizia: Gruppo Di Stasio N.208 22 dicembre 2008 S o m m a r i o la nostra attività gli appuntamenti la documentazione NOTIZIARIO SEGRETERIA GENERALE DIP. ORGANIZZAZIONE Convocazione dei Segretari Generali regionali e dei responsabili

Dettagli

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE B ECONOMIA SIC. E SINDACALE Cooperativa Cesame. Berretta (Pd): Rinascita Cesame motivo di soddisfazione per tutta la città. Sapere che il marchio Cesame tornerà sul mercato e pensare che questa battaglia

Dettagli

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi Empowerment delle Pubbliche Amministrazioni nella gestione e nell utilizzo di Strumenti innovativi e di ingegneria finanziaria per lo sviluppo economico locale Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie,

Dettagli

Michelangelo Nigro. Premessa

Michelangelo Nigro. Premessa Le prospettive extrafiscali della finanza territoriale, con particolare riferimento alle forme associative fra comuni, in tema di reperimento di risorse finanziarie. Michelangelo Nigro Premessa Riforma

Dettagli

IL MERCATO NELLA GIUNGLA. Parte I. Il lato oscuro del Mercato Libero Parte I

IL MERCATO NELLA GIUNGLA. Parte I. Il lato oscuro del Mercato Libero Parte I Parte I Il lato oscuro del Mercato Libero Pag. 0 A tutti i nostri clienti quelli passati, quelli presenti e i futuri sperando possa essere di aiuto e fonte di ispirazione. Francesco e Ivano Pag. 1 Introduzione

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 23

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 23 XVI LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 23 N.B. I resoconti stenografici delle sedute di ciascuna indagine conoscitiva seguono una numerazione indipendente. 14ª COMMISSIONE PERMANENTE

Dettagli

COMUNE DI ASOLO Provincia di Treviso DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI ASOLO Provincia di Treviso DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 11 Reg. Del. COMUNE DI ASOLO Provincia di Treviso DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione ordinaria seduta pubblica in prima convocazione del giorno 25/05/2006 OGGETTO: D.L. n. 444 del 27.10.1995,

Dettagli

STRUMENTI E AZIONI DI SUPPORTO AL

STRUMENTI E AZIONI DI SUPPORTO AL QUADERNO TECNICO STRUMENTI E AZIONI DI SUPPORTO AL CREDITO OTTOBRE 2013 STRUMENTI E AZIONI: ACCORDO ABI-CONFINDUSTRIA 2013 FONDO JESSICA TRANCHED COVER (EX DGR ACCELERAZIONE DELLA SPESA DEI FONDI EUROPEI)

Dettagli

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA SITUAZIONE SOCIO ECONOMICA DEL MEZZOGIORNO E DELLA SICILIA E DELLE POLITICHE ANTIMERIDIONALISTICHE DEL GOVERNO BERLUSCONI.

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA SITUAZIONE SOCIO ECONOMICA DEL MEZZOGIORNO E DELLA SICILIA E DELLE POLITICHE ANTIMERIDIONALISTICHE DEL GOVERNO BERLUSCONI. ALCUNE RIFLESSIONI SULLA SITUAZIONE SOCIO ECONOMICA DEL MEZZOGIORNO E DELLA SICILIA E DELLE POLITICHE ANTIMERIDIONALISTICHE DEL GOVERNO BERLUSCONI. 1) scenario economico del Mezzogiorno e della Sicilia

Dettagli

CONFESERCENTI Martedì, 10 marzo 2015

CONFESERCENTI Martedì, 10 marzo 2015 CONFESERCENTI Martedì, 10 marzo 2015 CONFESERCENTI Martedì, 10 marzo 2015 10/03/2015 Gazzetta di Modena Pagina 10 «Rifiuti, leggi scoordinate» 1 10/03/2015 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 «Siamo

Dettagli

CONAPO "nella nostra autonomia la Vostra sicurezza"

CONAPO nella nostra autonomia la Vostra sicurezza CONAPO "nella nostra autonomia la Vostra sicurezza" SINDACATO AUTONOMO VIGILI DEL FUOCO uuu Segreteria Generale Roma, 12 gennaio 2013 Vico del Fiore, 21/23 54011 Aulla (MS) Tel. 0187 421814 Fax 06 98380115

Dettagli

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 Oggetto: Quarto Punto all OdG: Modifica Elenco Annuale LL.PP. Anno 2013 e Piano Triennale OO.PP. 2013-2015. PRESIDENTE: Quarto Punto all OdG: Modifica

Dettagli

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it Collegio Regionale dei Costruttori Edili Siciliani 90133 Palermo, Via A. Volta, 44 Tel.: 091/333114/324724 Fax: 091/6112913 C.F. 80029280825 - info@ancesicilia.it www.ancesicilia.it La Rassegna Stampa

Dettagli

Regione Molise -58- Resoconti Consiliari

Regione Molise -58- Resoconti Consiliari Regione Molise -58- Resoconti Consiliari RISPOSTA ALL INTERROGAZIONE CON RISPOSTA ORALE E SCRITTA, A FIRMA DEI CONSIGLIERI FEDERICO E MANZO, PER AVERE INFORMAZIONI CIRCA LO STATO DEI LAVORI PREDISPOSTI

Dettagli

Valutazione ex-ante degli strumenti finanziari da attivare nell ambito del POR FESR Regione Marche 2014-2020 Obiettivo Tematico n.

Valutazione ex-ante degli strumenti finanziari da attivare nell ambito del POR FESR Regione Marche 2014-2020 Obiettivo Tematico n. Servizio «Procedura aperta di affidamento del servizio valutazione tematica di cui art. 47-48 REG. 1083/06, Rapporto Finale di Valutazione POR FESR 2007 13 e servizio valutazione ex-ante compresa Vas e

Dettagli

ASPETTI CONTRATTUALI E FINANZIARI. L importanza degli aspetti contrattuali e finanziari in un progetto

ASPETTI CONTRATTUALI E FINANZIARI. L importanza degli aspetti contrattuali e finanziari in un progetto ASPETTI CONTRATTUALI E FINANZIARI L importanza degli aspetti contrattuali e finanziari in un progetto La gestione finanziaria e amministrativa merita la stessa attenzione dell area tematica del progetto.

Dettagli

P.O.R. SICILIA 2000/2006. Misura 1.03 Sistema informativo e di monitoraggio acque e servizi idrici (FESR)

P.O.R. SICILIA 2000/2006. Misura 1.03 Sistema informativo e di monitoraggio acque e servizi idrici (FESR) P.O.R. SICILIA 2000/2006 Misura 1.03 Sistema informativo e di monitoraggio acque e servizi idrici (FESR) ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA ATTIVAZIONE DELLA MISURA ART. 1 FINALITA DELL ACCORDO Scopo dell accordo

Dettagli

SOLIDARIA società cooperativa sociale a r.l. - onlus

SOLIDARIA società cooperativa sociale a r.l. - onlus Introduzione alla manifestazione conclusiva del concorso per il miglior manifesto antiracket per l assegnazione del Premio Libero Grassi 2005 Care amiche e cari amici, grazie a tutti per aver voluto partecipare

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2521 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2521 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2521 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 30 maggio 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 30 maggio 2012 15 D.G. Sport e giovani D.d.u.o. 24 maggio 2012 - n. 4490 Approvazione del bando Voucher sperimentale Leva Civica Regionale - percorsi di cittadinanza attiva per il potenziamento delle opportunita dei

Dettagli

24 aprile 2013 GAZZETTA DEL SUD Pagina 1 di 1

24 aprile 2013 GAZZETTA DEL SUD Pagina 1 di 1 24 aprile 2013 GAZZETTA DEL SUD Pagina 1 di 1 24 aprile 2013 GIORNALE DI SICILIA Pagina 1 di 1 24 aprile 2013 MF SICILIA Pagina 1 di 1 24 aprile 2013 LIBERO 24 X 7 Pagina 1 di 1 UN BALZELLO CHE AGGRAVERÀ

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

Il Direttore Generale

Il Direttore Generale AVVISO PUBBLICO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICO DI COLLABORAZIONE DA ATTIVARE PRESSO VENETO PROMOZIONE S.c.p.A. FINALIZZATO ALL ATTUAZIONE DEL PROGETTO DELLA REGIONE DEL VENETO PER EXPOniamo IL VENETO 2015

Dettagli

SINTESI per la STAMPA

SINTESI per la STAMPA Basilicata Basilicata e CdLT di Potenza Provinciale di Potenza SINTESI per la STAMPA L indotto industriale e di servizi del Centro Olio ENI di Viggiano e dei pozzi di estrazione petrolifera della Val d

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2014-2016: RISORSE PER LO SVILUPPO E FINANZIAMENTO DI

LEGGE DI STABILITA 2014-2016: RISORSE PER LO SVILUPPO E FINANZIAMENTO DI 692 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LEGGE DI STABILITA 2014-2016: RISORSE PER LO SVILUPPO E FINANZIAMENTO DI ESIGENZE INDIFFERIBILI *testo definitivo trasmesso dal governo al Parlamento

Dettagli

La politica regionale per l introduzione dei prodotti biologici nelle mense pubbliche: i risultati conseguiti e le previsioni per il nuovo PAF

La politica regionale per l introduzione dei prodotti biologici nelle mense pubbliche: i risultati conseguiti e le previsioni per il nuovo PAF Consiglio Regionale della Toscana Note informative sull attuazione delle politiche regionali n. 6 Aprile 2006 a cura del Settore Analisi della Normazione La politica regionale per l introduzione dei prodotti

Dettagli

Giappone non si è scelto la liberalizzazione, ma la privatizzazione, realizzata segmentando in tre grandi pezzi la vecchia rete ferroviaria, con l

Giappone non si è scelto la liberalizzazione, ma la privatizzazione, realizzata segmentando in tre grandi pezzi la vecchia rete ferroviaria, con l Ing. Mauro Moretti Partecipare ai convegni è sempre un occasione importante di apprendimento. In realtà bisognerebbe sempre fondare le proposte sugli studi, perché le decisioni dovrebbero essere prese

Dettagli

APPROFONDIMENTI. Out of the shadow Sortir de l ombre Emergere dall ombra. Aprile 2005. Il lavoro domestico in Europa

APPROFONDIMENTI. Out of the shadow Sortir de l ombre Emergere dall ombra. Aprile 2005. Il lavoro domestico in Europa Avenue des Arts, 20/4 B1000 Bruxelles Telefono +32 2 2335432 osservatorio@osservatorioinca.org www.osservatorioinca.org APPROFONDIMENTI Out of the shadow Sortir de l ombre Emergere dall ombra La presenza

Dettagli

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011 PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo Sistemazione attrezzature sportive all interno dell area di proprietà comunale in Via Gorizia. Modifica deliberazione C.C.

Dettagli

COMUNE DI FRANCAVILLA BISIO PROVINCIA DI ALESSANDRIA

COMUNE DI FRANCAVILLA BISIO PROVINCIA DI ALESSANDRIA DELIBERAZIONE N. 5 COMUNE DI FRANCAVILLA BISIO PROVINCIA DI ALESSANDRIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: EEA: CERTIFICAZIONE ENERGETICA EUROPEA PER I COMUNI. ADESIONE AL PROGETTO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI RIVOLTI ALLA REALIZZAZIONE DELLE AZIONI PREVISTE DALLA L.R. 16 DEL

AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI RIVOLTI ALLA REALIZZAZIONE DELLE AZIONI PREVISTE DALLA L.R. 16 DEL AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI RIVOLTI ALLA REALIZZAZIONE DELLE AZIONI PREVISTE DALLA L.R. n. 16 DEL 2009 Cittadinanza di genere Annualità 2013 Premessa La Provincia di Pisa adotta il

Dettagli

Quanto mi conviene installare sul mio tetto un impianto fotovoltaico in CONTO ENERGIA?

Quanto mi conviene installare sul mio tetto un impianto fotovoltaico in CONTO ENERGIA? Quanto mi conviene installare sul mio tetto un impianto fotovoltaico in CONTO ENERGIA? Con gli incentivi Statali a cui puoi accedere OGGI STESSO, è estremamente conveniente e redditizio installare un impianto

Dettagli

Audizioni periodiche e speciali dell Autorità per l energia elettrica e il gas ai sensi della deliberazione n. 33/03

Audizioni periodiche e speciali dell Autorità per l energia elettrica e il gas ai sensi della deliberazione n. 33/03 Audizioni periodiche e speciali dell Autorità per l energia elettrica e il gas ai sensi della deliberazione n. 33/03 Intervento del Direttore Energy Management di Tirreno Power Ugo Mattoni Roma, 17 luglio

Dettagli

CHANCES SEMPLICI Mutualità del terzo 2 A Parte

CHANCES SEMPLICI Mutualità del terzo 2 A Parte CHANCES SEMPLICI Mutualità del terzo 2 A Parte Con il precedente inserto abbiamo visto il sistema dei doppioni giocati in mutualità fra le tre Chances. Il gioco è giustificato dalla Legge del terzo che,

Dettagli

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore di Gianni Trovati19 maggio 2015 il sole 24 ore Un rimborso quasi integrale per le più basse fra le pensioni coinvolte dal blocco-monti appena bocciato dalla

Dettagli

Sig. Segretario generale della Regione. Pier Carmelo Russo. Pier Carmelo Russo. Vincenzo Emanuele. Vincenzo Falgares. Francesco Attaguile

Sig. Segretario generale della Regione. Pier Carmelo Russo. Pier Carmelo Russo. Vincenzo Emanuele. Vincenzo Falgares. Francesco Attaguile PRESIDENZA DIPARTIMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE AREA COORDINAMENTOASSISTENZA TECNICA E COMUNICAZIONE U.O.B. 1 - Servizi dellacomunicazione Data...21.4.2009.... Risposta a.... PROT. N...6923 del... ALLEGATI:

Dettagli

Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA. Roma, 14 settembre 2011

Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA. Roma, 14 settembre 2011 Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA Oggetto:- Apertura conflitto di lavoro a livello Nazionale.- Ormai da tempo si denota una preoccupante indifferenza

Dettagli

Isp. INPS Daniele Lo Piccolo - Assemblea Regionale CGIL Agenzia Unica Ispettiva? 29 Gennaio 2015 Pag. 1

Isp. INPS Daniele Lo Piccolo - Assemblea Regionale CGIL Agenzia Unica Ispettiva? 29 Gennaio 2015 Pag. 1 Intervento All Assemblea Regionale CGIL Agenzia Unica Ispettiva? Per prima cosa a nome anche dell Ufficio Ispettivo volevo esprimere la nostra Solidarietà e vicinanza alle colleghe della DTL che sono stata

Dettagli

Riforma articolo 18: un giudice decide su tre licenziamenti differenti

Riforma articolo 18: un giudice decide su tre licenziamenti differenti Riforma articolo 18: un giudice decide su tre licenziamenti differenti Per la riforma dell articolo 18 il governo Monti potrebbe seguire il modello tedesco: si tratterebbe, scrive il Corriere della Sera,

Dettagli

PROGETTI DI RICERCA DELL ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI - REGOLAMENTO -

PROGETTI DI RICERCA DELL ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI - REGOLAMENTO - ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA Bruno Ubertini ------------------------------------- BRESCIA Via Bianchi, 9 25124 BRESCIA Tel. 030-22901 Fax: 030-2290264 PROGETTI

Dettagli

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico.

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Nocera Torinese ( Cz ) Intervento di Luigi Sbarra Segretario Generale Cisl Calabria. Quando si osservano i dati statistici riguardanti la

Dettagli

Il ruolo delle ESCO nella politica energetica degli enti locali

Il ruolo delle ESCO nella politica energetica degli enti locali Il ruolo delle ESCO nella politica energetica degli enti locali Energy Service Companies e sviluppo territoriale Ferruccio Locatelli Molte domande, una sola risposta: Energy Service Company Cos è una Energy

Dettagli

DELIBERAZIONE n. 15 del 6 febbraio 2015

DELIBERAZIONE n. 15 del 6 febbraio 2015 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XX XXXX XXXXXX XXX/Vodafone Omnitel XX Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente Vice Presidente

Dettagli

Sciopero per il mancato rinnovo del CCNL delle Telecomunicazioni

Sciopero per il mancato rinnovo del CCNL delle Telecomunicazioni http://www.julienews.it/notizia/istruzione-e-lavoro/sciopero-per-il-mancato-rinnovo-delccnl-delle-telecomunicazioni/277635_istruzione-e-lavoro_7.html Sciopero per il mancato rinnovo del CCNL delle Telecomunicazioni

Dettagli

Una burocrazia che opprime

Una burocrazia che opprime Hotel GUGLIELMO - I vertici del gruppo imprenditoriale hanno denunciato i gravi danni causati dalla lentezza dell apparato comunale Una burocrazia che opprime Mesi di ritardo per un autorizzazione si traducono

Dettagli

Camera dei Deputati 17 Audizione 8

Camera dei Deputati 17 Audizione 8 Camera dei Deputati 17 Audizione 8 XVI LEGISLATURA COMMISSIONI RIUNITE V-XIV SEDUTA DEL 27 SETTEMBRE 2011 a partire dal 2018 andrà avanti il nuovo sistema di finanziamento al bilancio comunitario, con

Dettagli

La contabilità generale in 3.000 parole Facile e comprensibile. Ovviamente gratis.

La contabilità generale in 3.000 parole Facile e comprensibile. Ovviamente gratis. La contabilità generale in 3.000 parole Facile e comprensibile. Ovviamente gratis. Ma è davvero così difficile la contabilità? Io direi complessa difficile no, almeno se hai compreso bene le basi! In sole

Dettagli

NOVITA FISCALI 2010 AMMORTIZZATORI SOCIALI

NOVITA FISCALI 2010 AMMORTIZZATORI SOCIALI NOVITA FISCALI 2010 AMMORTIZZATORI SOCIALI: il 2010 dovrebbe essere l anno della riforma degli ammortizzatori sociali, che ora lasciano senza rete di protezione 1,2 milioni di lavoratori dipendenti. Il

Dettagli

Procedura aperta di appalto di servizi per l affidamento del. servizio di cassa dell Istituto Regionale per il Credito alla

Procedura aperta di appalto di servizi per l affidamento del. servizio di cassa dell Istituto Regionale per il Credito alla Procedura aperta di appalto di servizi per l affidamento del servizio di cassa dell Istituto Regionale per il Credito alla Cooperazione I.R.C.A.C. per il periodo 01/01/2015 31/12/2017 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

Dettagli

IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA

IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA PERCORSI PER UN COMUNE ILLUMINATO L EFFICIENZA ENERGETICA, IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA, IL PATTO DEI SINDACI, IL PROGETTO ENEA LUMIERE, LE ESCO, E TANTO ALTRO ANCORA Spendiamo

Dettagli

Newsletter. Le News di Anita Servizi novità e aggiornamenti dal mondo dell autotrasporto..e non solo! L argomento del mese di Giulio Traversi

Newsletter. Le News di Anita Servizi novità e aggiornamenti dal mondo dell autotrasporto..e non solo! L argomento del mese di Giulio Traversi Le News di Anita Servizi novità e aggiornamenti dal mondo dell autotrasporto..e non solo! In evidenza: Le proposte di ANITA per l autotrasporto Da aprile chiusi i conti postali per i pagamenti all Albo

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015

COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 Politica locale 23/01/2015 La Repubblica (ed. Bologna) Pagina 7 SILVIA BIGNAMI Riforme, i renziani ai dissidenti Pd:

Dettagli

10 DOMANDE SULL ASSISTENZA AGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN ITALIA 1

10 DOMANDE SULL ASSISTENZA AGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN ITALIA 1 10 DOMANDE SULL ASSISTENZA AGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN ITALIA 1 Network Non Autosufficienza (NNA) 2, giugno 2012 1.Perchè la politica dimentica gli anziani non autosufficienti? Non certo per i

Dettagli