Immagine coordinata - alcune regole di comportamento comunicativo uniforme

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Immagine coordinata - alcune regole di comportamento comunicativo uniforme"

Transcript

1 PROVINCIA DI VERONA Immagine coordinata - alcune regole di comportamento comunicativo uniforme Immagine coordinata L espressione si riferisce all identità riconoscibile e all immagine trasmessa dall Ente sia all esterno sia al proprio interno. Non riguarda solo i loghi, gli stemmi, i marchi, ma anche gli spazi comuni dentro l organizzazione, gli arredamenti degli uffici, le targhe esterne ed interne, i cartelli, i biglietti di uso istituzionale e personale - per esempio i biglietti da visita utilizzati dal personale dell Ente, ed altro ancora. Implica precise scelte di carattere estetico, che richiedono una visione unitaria e coordinata da parte degli organi di governo dell Ente, e del vertice in generale. È dunque di un progetto importante, il cui obiettivo finale può essere l adozione di una linea unitaria che riguarda il modo di presentarsi dell Ente, attraverso il comportamento formale di tutti coloro che vi operano. La fase progettuale dovrà implicare il coinvolgimento di più soggetti interni all Ente, con la costituzione di un gruppo di lavoro, e una costante, tempestiva informazione circa le scelte estetiche, e grafico-formali, adottate. In questa prima fase di avvio del progetto intendiamo con l espressione Immagine coordinata - alcune regole di comportamento comunicativo uniforme un documento che contiene alcune regole semplici per: 1. corretto utilizzo dei loghi, 2. utilizzo del modello per le presentazioni in power point, 3. rispetto del cerimoniale, 4. rispetto di standard per la redazione della modulistica, 5. linguaggio scritto e burocratico, 6. corretta comunicazione via web, 7. corretto utilizzo delle fotografie e del materiale video. 1. Corretto utilizzo dei loghi L esigenza di fornire regole e modelli rispetto ai loghi in uso nella Provincia di Verona, a referenti esterni ed interni, si presenta quotidianamente. Le occasioni sono le più varie, e fra gli oggetti che con maggiore frequenza riproducono i loghi provinciali ricordiamo i seguenti: - cartellonistica; - pieghevoli, poster e brochure; - volumi, strenne, manuali; - filmati; - eventi, convegni; - spot e campagne audio/video.

2 1.1 Logo istituzionale Corrispondenza, atti ufficiali e provvedimenti amministrativi: nell intestazione va inserito il logo qui a fianco riprodotto, sempre accompagnato dalla scritta sottostante (disclaimer o payoff): Provincia di Verona, che utilizza il font Times New Roman, con le lettere iniziali P e V più grandi di ½ o 1 corpo. Il logo ufficiale fa riferimento allo stemma dell Ente, conferito alla Provincia di Verona il 16 aprile 1871 da Vittorio Emanuele II Re d Italia. PROVINCIA DI VERONA Riferimenti allo stemma si trovano nello statuto dell ente, art. 14. pag. 10 e 11. Lo stemma è altresì riprodotto nel gonfalone e nella bandiera. Dettagli circa il corretto codice dei pantoni utilizzati per i colori dello stemma, e la risoluzione dei loghi nei vari gradi di definizione per la riproduzione a mezzo stampa anche in grandi dimensioni - formato vettoriale - saranno disponibili sul portale provinciale entro il 31 gennaio Logo pubblicitario Materiale pubblicitario, pubblicazioni, strenne, cartellonistica e poster relativi a manifestazioni e convegni: il logo da utilizzarsi è riprodotto qui a fianco. In questo caso, lo stemma è circondato sulla destra dalla scritta 2

3 provincia di verona con la di rossa e in posizione orizzontale. Scompare la scritta ufficiale immediatamente sotto lo stemma, che costituisce una ripetizione ed è difficilmente visualizzabile. 1.3 Posizione rispetto ad altri loghi 2. Utilizzo del modello per le presentazioni in power point A fianco viene illustrata la posizione rispetto ad altri loghi di enti o soggetti istituzionali: i.e. Regione del Veneto, altri comuni. La regola prevede in genere sulla sinistra in alto l ente più importante da un punto di vista istituzionale. Per ciò che riguarda la posizione delle firme, la regola è simile, ma la posizione è spesso a discrezione della singola persona. Di lato è riprodotto il modello di slide suggerito. 3. Rispetto del cerimoniale Per l organizzazione dell accoglienza in occasione di eventi, partecipazioni a ricorrenze o cerimonie istituzionali ci si deve rivolgere con congruo anticipo alla segreteria di presidenza e all ufficio comunicazione e stampa. Verranno codificate e pubblicate sul portale le principali prassi per l Ente. 4. Rispetto di standard per la redazione della modulistica Anche la modulistica deve rispettare i medesimi criteri di uniformità d immagine: identifica la Provincia di Verona e nello stesso tempo fornisce tutte le informazioni utili agli utenti esterni ed interni. Si ricordano alcuni principi base presenti nella redazione di modelli, già esaminati dal comitato interno di riscrittura atti : - logo delle comunicazioni ufficiali in alto a sinistra; - eventuale codice del modello sotto il logo ufficiale; - in basso alla pagina la data dell ultima revisione; - chiara indicazione sull ufficio che seguirà il procedimento (settore, servizio, indirizzo); - il campo data, non aggiornabile in automatico nei documenti informatici; - note con le istruzioni per la compilazione; 3

4 - note con i nominativi del responsabile del procedimento e di eventuale altro referente per richiedere chiarimenti, con indirizzo, orario recapiti telefonici ed e.mail; - elenco allegati da presentare. 5. Semplificazione del inguaggio scritto e burocratico È soprattutto negli anni '90 in realtà già a partire dagli anni 60 - che in Italia il legislatore affronta il tema complesso del rapporto fra pubblica amministrazione e cittadino. La semplificazione dei procedimenti e del linguaggio, l'apertura degli Urp (gli uffici per le relazioni con il pubblico), la pubblicazione delle carte dei servizi, il potenziamento delle tecnologie informatiche e telematiche, il riconoscimento di nuove figure professionali con competenze comunicative, sono gli aspetti affrontati, ripresi, perfezionati, a partire dalle leggi 142/90 e 241/90 fino alle cosiddette Bassanini Dal 2000 la Provincia di Verona ha iniziato una complessa attività di uniformazione della tecnica di scrittura dei documenti, degli atti e dei provvedimenti amministrativi, per migliorarne la leggibilità e la comprensibilità. Ricordiamo che nel 2003 la Provincia di Verona ha vinto il premio Chiaro conferito dal Ministero della Funzione Pubblica, con un ordinanza, un modello di atto ancora in uso nell Ente, che inverte l ordine logico espositivo rispetto alla normale tecnica burocratica, così da consentire all utente di individuare immediatamente cosa fare e la decisione presa dalla pubblica amministrazione. Circa le regole formali per una puntuale redazione delle proposte di deliberazione di Giunta e Consiglio, si rinvia al seguente documento: Più in generale, è importante ricordare alcune semplici regole: - per le parole burocratiche, sostituire con parole del linguaggio comune; - per le parole tecniche, fornire una spiegazione contestuale, preceduta da cioè, vale a dire, ecc. oppure messa tra parentesi; - sciogliere ogni tipo di sigle ed acronimi (di enti, progetti, piani), la prima volta che appaiono nel testo, ad esclusione della sigle di dominio veramente comune, come USL, INPS, altro; - non usare le abbreviazioni al plurale (come artt., pagg., nn.); - non usare le maiuscole ad esclusione dei nomi propri; - destrutturare i periodi troppo complessi, spezzandoli in frasi brevi; - i periodi non dovrebbero contenere più di 25/30 parole: è la misura che consente a chi scrive di dominare meglio i concetti, e a chi legge di non perdere la concentrazione o il fiato; - preferire la costruzione attiva a quella passiva, perché rende la frase più concreta e snella; - preferire la costruzione personale a quella impersonale; - preferire le costruzioni con frasi coordinate (legate fra loro da congiunzioni come e, cioè, ma) rispetto a quelle con frasi subordinate (legate da proposizioni come qualora, considerato che, al fine di), che introducono di fatto degli incisi. 4

5 6. Corretta comunicazione via web Attraverso internet l amministrazione avvicina il cittadino e l informazione diventa più chiara e più flessibile. La tipica struttura delle pagine web permette infatti di navigare liberamente dentro un documento, consentendo all utente una lettura attiva e interattiva, per: - scegliere gli aspetti più interessanti; - vedere nello stesso tempo più parti; - porre in rapporto diversi punti di vista; - incrociare informazioni; - scaricare direttamente il testo o parte di esso (moduli, allegati ecc.); - chiedere chiarimenti e integrazioni per posta elettronica. La redazione delle pagine web ha quindi un importanza particolare. I testi devono rispondere alla specifica struttura di queste pagine. Non bisogna cioè riproporre in modo identico testi destinati ad altre vie comunicative. Restano ancor di più valide le indicazioni formulate nel paragrafo sul linguaggio scritto e burocratico. Ma occorre anche servirsi di tutte le opportunità della grafica e dell ipertesto che consentono una lettura attiva del messaggio, poiché nel web testo e grafica vanno sempre concepiti insieme. Il carattere di stampa (font) suggerito per i testi web è il verdana: i caratteri restano distanziati e non si toccano mai, le i non si confondono con gli 1, il neretto rimane leggibile anche a dimensioni minime. 6.1 Corretta redazione delle Il modello di suggerito - al pari delle altre comunicazioni interne od esterneidentifica chiaramente sia la persona che comunica e come reperirla, sia l ente Provincia di Verona, al cui interno il mittente opera. Essendo una comunicazione di tipo telematico, occorrono alcuni accorgimenti che permettano agli utenti la lettura in maniera chiara con qualsiasi tipo di casella di posta o di browser. Il modello di messaggio comporta: - carattere di stampa o font arial, dimensione 12, colore nero. - la firma, dimensione 10, costituita dai seguenti elementi in successione: - nome e cognome in grassetto; - eventuale mansione (es. responsabile U.O. Informatica); - la dicitura Provincia di Verona ; - l'eventuale settore (se la mansione non è di responsabile del settore); - l'eventuale servizio (se la mansione non è di responsabile del servizio); - l'eventuale U.O. (se la mansione non è di responsabile dell'u.o.); - l'indirizzo con l'indicazione del piano; - il numero di telefono (completo e non limitato all identificativo dell interno); - eventualmente, il numero di cellulare di servizio; - il numero di fax; - il testo di confidenzialità del messaggio, in carattere arial, dimensione 8. Di seguito un esempio: Simone Pozzani Responsabile U.O. Informatica Settore Direzione Generale 5

6 Provincia di Verona Via delle Franceschine, 10 3 piano Verona Tel Fax Modello messaggio confidenziale: Se questo messaggio vi è pervenuto per errore, siete pregati di avvisare subito il mittente e di eliminare quanto ricevuto. La Provincia di Verona non assume alcuna responsabilità riguardo al contenuto ed alle opinioni espresse nel messaggio, che deve essere ricondotto esclusivamente al suo autore. Sono vietati l uso, la diffusione, la distribuzione o la riproduzione da parte di ogni altra persona che non siano i destinatari del presente messaggio. L eventuale risposta a questo messaggio, in particolari circostanze e nel rispetto di quanto previsto dal disciplinare della Provincia di Verona, potrà essere conosciuta all interno dell organizzazione della Provincia di Verona. Suggeriamo di non utilizzare con lo sfondo, in quanto andrebbero ad appesantire il server. Circa la firma può essere introdotto sopra la firma del mittente il logo pubblicitario della Provincia. 7. Corretto utilizzo delle fotografie e del materiale video Per la realizzazione, l utilizzo e il reperimento di materiale fotografico o audiovideo ci si deve rivolgere all ufficio comunicazione e stampa. Esiste attualmente già disponibile un archivio di immagini riguardanti: - presidente e assessori giunta provinciale - presidente e consiglieri provinciali - direttore segretario generale - patrimonio edilizio e scolastico - uffici agricoltura San Floriano - uffici iat (informazione e accoglienza turistica) - centri per l impiego, e personale dedicato - centri di formazione professionale - territorio provinciale diviso nelle sei aree turistiche: Verona capoluogo, Lago di Garda-Monte Baldo, Lessinia, pianura, est veronese, Valpolicella. - monumenti, luoghi d arte e di interesse storico. - flora e fauna della provincia veronese. Per la pubblicazione delle foto verranno fornite di volta in volta precise indicazioni, incluse le corrette citazioni degli autori o dei proprietari delle immagini utilizzate. 6

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DELLA GARANZIA PER I GIOVANI IN COLLABORAZIONE CON LE REGIONI

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DELLA GARANZIA PER I GIOVANI IN COLLABORAZIONE CON LE REGIONI LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DELLA GARANZIA PER I GIOVANI IN COLLABORAZIONE CON LE REGIONI 1.PREMESSA Le linee guida della comunicazione della Garanzia Giovani derivano dall applicazione

Dettagli

MANUALE D IDENTITà VISIVA

MANUALE D IDENTITà VISIVA MANUALE D IDENTITà VISIVA INDICE MARCHIO E LOGOTIPO 3. Il logo originale 3. Il logo.it 4. Colori in quadricromia 4. Colori dichiarati Pantone 4. Colori dichiarati RAL 5. Logo monocromatico nero 6. Logo

Dettagli

MANUALE PER L UTILIZZO DEI LOGHI.

MANUALE PER L UTILIZZO DEI LOGHI. PER L UTILIZZO DEI LOGHI. 2 MANUALE Indice Dimensioni reali e Proporzioni......................................................... 5 Colori...........................................................................

Dettagli

INDICE. Manuale di Identità Visiva ISTITUTO NAZIONALE DI OTTICA. LETTERING Pag.1 - Trajan Pro Pag.2 - Arial

INDICE. Manuale di Identità Visiva ISTITUTO NAZIONALE DI OTTICA. LETTERING Pag.1 - Trajan Pro Pag.2 - Arial INDICE LETTERING Pag.1 - Trajan Pro Pag.2 - Arial LOGO Pag.3 - Logo Pag.4 - Logo con acronimo CARTA DA LETTERE Pag.5 - Carta da lettere Pag.6 - Carta da lettere segue Pag.7 - Carta da lettere con logo

Dettagli

MANUALE IMMAGINE COORDINATA

MANUALE IMMAGINE COORDINATA MANUALE DI IMMAGINE COORDINATA Sommario Premessa Pag. 3 IDENTITA' VISIVA Logo 4 - Semplificazione grafica 4 - Linee guida di utilizzo per la riproducibilità 6 - Lettering 8 - Colori 8 Modelli applicativi

Dettagli

Via Vittorio Emanuele Orlando, 83 00185 Roma

Via Vittorio Emanuele Orlando, 83 00185 Roma ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA Istituto ai sensi della Legge 24/06/1923 n 1395 Via Vittorio Emanuele Orlando, 83 00185 Roma Art. 1 - Oggetto del bando L Ordine degli Ingegneri della Provincia

Dettagli

QUALE UTILIZZARE COME

QUALE UTILIZZARE COME IL MARCHIO QUALE UTILIZZARE APPLICARLO UTILIZZARLO VERSIONE PRINCIPALE DEL MARCHIO QUALE Da utilizzare nella maggior parte degli strumenti destinati alla comunicazione interna ed esterna. Il marchio potrà

Dettagli

BANDO PER IL CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO «ARCIDIOCESI DI TORINO»

BANDO PER IL CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO «ARCIDIOCESI DI TORINO» BANDO PER IL CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO «ARCIDIOCESI DI TORINO» Art.1 Obiettivi del concorso. L'Arcidiocesi di Torino indice un concorso regionale di idee per la creazione di un elaborato

Dettagli

Guida di impaginazione per il corso di Word Avanzato Contenuti

Guida di impaginazione per il corso di Word Avanzato Contenuti Guida di impaginazione per il corso di Word Avanzato Contenuti Note di stile pag. 2 Stesura di un testo: norme generali pag. 5 Come impaginare una lettera pag. 7 La copertina del fax pag. 13 A cura del

Dettagli

Allegato A al Decreto n. 13 del 19 giugno 2009 pag. 1/12

Allegato A al Decreto n. 13 del 19 giugno 2009 pag. 1/12 giunta regionale Allegato A al Decreto n. 13 del 19 giugno 2009 pag. 1/12 LINEE GUIDA per l informazione e l utilizzo dei loghi previsti per le iniziative finanziate dal PSR per il Veneto 2007 2013 In

Dettagli

il Marchio 1/8 1/2 PANTONE 485 PANTONE 431 NERO 100% PANTONE 429 BIANCO BIANCO

il Marchio 1/8 1/2 PANTONE 485 PANTONE 431 NERO 100% PANTONE 429 BIANCO BIANCO il Marchio PANTONE 431 PANTONE 48 NERO 0% PANTONE 429 BIANCO PANTONE 429 BIANCO PANTONE 48 1/2 1/8 1/2 motivazioni Marchio in grado di esprimere la potenza contrattuale di una organizzazione seria ed efficiente

Dettagli

MANUALE IMMAGINE COORDINATA

MANUALE IMMAGINE COORDINATA MANUALE IMMAGINE COORDINATA PREMESSA Per il restyling del logo della Fondazione si è voluto percorrere strade diverse dal neurone attuale, sviluppando una proposta grafica incentrata sulle iniziali della

Dettagli

Indice MANUALE D IDENTITÀ. 1. Il logo POSIDONIA pag. 04. 2. Il logo a quattro colori (CMYK) pag. 05. 3. Il logo in bianco e nero pag.

Indice MANUALE D IDENTITÀ. 1. Il logo POSIDONIA pag. 04. 2. Il logo a quattro colori (CMYK) pag. 05. 3. Il logo in bianco e nero pag. Manuale d identità Indice MANUALE D IDENTITÀ 1. Il logo POSIDONIA pag. 04 2. Il logo a quattro colori (CMYK) pag. 05 3. Il logo in bianco e nero pag. 06 4. Il logo a due colori pag. 07 5. Il logo Posidonia

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria Regione Calabria ARPACAL Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria MANUALE DI COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE Elementi di base del Marchio-Logo istituzionale dell ARPACAL (Agenzia Regionale

Dettagli

CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO del Distretto del Commercio Morus Alba Crea il logo del tuo distretto

CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO del Distretto del Commercio Morus Alba Crea il logo del tuo distretto CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO del Distretto del Commercio Crea il logo del tuo distretto 1. Soggetto banditore e finalità Il Distretto del Commercio (DID), ritenendo la comunicazione istituzionale

Dettagli

CIRCOLARE SULL USO DEL LOGO DEL PIANO DI COMUNICAZIONE PO FSE 2007-2013

CIRCOLARE SULL USO DEL LOGO DEL PIANO DI COMUNICAZIONE PO FSE 2007-2013 Repubblica Italiana Regione Siciliana Assessorato Regionale dell'istruzione e della Formazione Professionale Dipartimento Regionale dell'istruzione e della Formazione Professionale CIRCOLARE SULL USO DEL

Dettagli

Istruzioni per l uso. Materiali di comunicazione essenziali realizzati dal personale dei diversi uffici dell Amministrazione Comunale

Istruzioni per l uso. Materiali di comunicazione essenziali realizzati dal personale dei diversi uffici dell Amministrazione Comunale Istruzioni per l uso Materiali di comunicazione essenziali realizzati dal personale dei diversi uffici dell Amministrazione Comunale Poche regole per indicare il corretto approccio alla composizione di

Dettagli

Pro Bononia. - Gruppo di Lavoro Giovani - Bando di concorso d idee per la creazione di un logo

Pro Bononia. - Gruppo di Lavoro Giovani - Bando di concorso d idee per la creazione di un logo Pro Bononia associazione culturale - Gruppo di Lavoro Giovani - Bando di concorso d idee per la creazione di un logo 1. PREMESSA Pro Bononia, associazione culturale, indice il presente bando di concorso

Dettagli

Manuale. Utilizzo e modulistica COMUNE DI SOLIERA PROVINCIA DI MODENA

Manuale. Utilizzo e modulistica COMUNE DI SOLIERA PROVINCIA DI MODENA Manuale dellogo Utilizzo e modulistica Introduzione Perché un manuale del Logo? Introduzione Il logo del Comune di Soliera vanta una lunga storia che trova la propria origine nell'anno1862 quando il nostro

Dettagli

Regolamento per l utilizzo del logo istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Crotone

Regolamento per l utilizzo del logo istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Crotone Regolamento per l utilizzo del logo istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Crotone Rev. 0 2009 Preparato: Ufficio stampa Verificato: Segretario generale; Giunta

Dettagli

C O N C O R S O per l ideazione dell Immagine Coordinata dell Associazione Italiana Guide e Scouts d Europa Cattolici

C O N C O R S O per l ideazione dell Immagine Coordinata dell Associazione Italiana Guide e Scouts d Europa Cattolici C O N C O R S O per l ideazione dell Immagine Coordinata dell Associazione Italiana Guide e Scouts d Europa Cattolici giugno 2011 1. Promotore del concorso Il concorso è indetto dalla Associazione Italiana

Dettagli

SEZIONE A.I.A. DI NAPOLI O. ANZANO. Il Presidente

SEZIONE A.I.A. DI NAPOLI O. ANZANO. Il Presidente SEZIONE A.I.A. DI NAPOLI O. ANZANO Il Presidente VISTO: che il Consiglio Direttivo Sezionale, nella seduta dell 11 settembre 2014, ha approvato la spesa di Euro 200,00 destinata al vincitore del concorso

Dettagli

01 LOGOTIPO. manuale d identità visiva

01 LOGOTIPO. manuale d identità visiva MANUALE D IDENTITà VISIVA 01 LOGOTIPO 1.1 Elementi di base Due sono gli elementi che compongono il Logotipo della Croce Rossa Italiana: la croce rossa all interno dei due cerchi con il testo e la scritta,

Dettagli

Guida sull uso del Marchio

Guida sull uso del Marchio COMUNE DI PREMANA Provincia di Lecco Via Vittorio Emanuele, 15 23834 PREMANA -Tel. 0341.890127 Fax: 0341.890437 Sito web: www.comune.premana.lc.it e-mail: info@comune.premana.lc.it Guida sull uso del Marchio

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEI PIEGHEVOLI INFORMATIVI NEI SITI DELLA RETE NATURA

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEI PIEGHEVOLI INFORMATIVI NEI SITI DELLA RETE NATURA LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEI PIEGHEVOLI INFORMATIVI NEI SITI DELLA RETE NATURA 2000 Pagina 1 di 7 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Le presenti direttive trovano applicazione nelle aree SIC della rete Natura

Dettagli

MANUALE DI IMMAGINE COORDINATA

MANUALE DI IMMAGINE COORDINATA MANUALE DI IMMAGINE COORDINATA Revisione n. 001 Data emissione 8 ottobre 2009 Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 68 del 08.10.2009 Premessa Il Manuale di immagine coordinata

Dettagli

Linee guida per l'utilizzo del logo d'ateneo

Linee guida per l'utilizzo del logo d'ateneo Linee guida per l'utilizzo del logo d'ateneo Premessa Negli ultimi anni - soprattutto sul web- si è assistito a una proliferazione di svariate versioni del sigillo dell Università degli Studi di Catania,

Dettagli

UN MODELLO DI QUALITà PER I SITI WEB - Sintesi delle linee guida e best practice 1

UN MODELLO DI QUALITà PER I SITI WEB - Sintesi delle linee guida e best practice 1 UN MODELLO DI QUALITà PER I SITI WEB - Sintesi delle linee guida e best practice 1 Per ogni caratteristica di qualità del modello, vengono qui elencate le principali linee guida e best practice menzionate

Dettagli

Regione Siciliana GLI OBBLIGHI INFORMATIVI E PUBBLICITARI - LE FUNZIONI DEL REFERENTE DELLA COMUNICAZIONE

Regione Siciliana GLI OBBLIGHI INFORMATIVI E PUBBLICITARI - LE FUNZIONI DEL REFERENTE DELLA COMUNICAZIONE UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana PRESIDENZA Dipartimento della Programmazione Piazza L. Sturzo 36-90139 Palermo P r o g r a m m a O p e r a t i v o d e l F o n d o E u r o p e o d i

Dettagli

Clicca sul link Gmail in alto nella pagina. Arriverai ad una pagina simile alla seguente: G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 68

Clicca sul link Gmail in alto nella pagina. Arriverai ad una pagina simile alla seguente: G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 68 G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 68 Usiamo Gmail In questo capitolo vedremo come creare un proprio accesso alla posta elettronica (account) ad uno dei servizi di mail on line più diffusi: Gmail, la

Dettagli

ANCIS Srl I 20122 Milano Viale Bianca Maria 35 segreteria@ancis.it

ANCIS Srl I 20122 Milano Viale Bianca Maria 35 segreteria@ancis.it Regolamento per l utilizzo dei marchi di certificazione RM Pagina 1 di 6 Indice STATO DEL DOCUMENTO... 2 1 SCOPO DEL REGOLAMENTO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 2 DIMENSIONI... 4 3 DECLARATORIE... 4 4 SPECIFICHE

Dettagli

Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani. Galleria Fotografica del sito web del CIFI. Guida dell utente

Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani. Galleria Fotografica del sito web del CIFI. Guida dell utente Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani Galleria Fotografica del sito web del CIFI Guida dell utente Revisione del 9 giugno 2010 Sommario Introduzione 1 Accesso alla Galleria Fotografica 2 Descrizione della

Dettagli

Guida alla Webmail. L'accesso

Guida alla Webmail. L'accesso Guida alla Webmail L'accesso Il servizio webmail consente a coloro ai quali è stata assegnata una casella postale dei domini ospedale.caserta.it ospedalecaserta.it di accedere ad essa da un qualsiasi computer

Dettagli

Manuale di immagine coordinata

Manuale di immagine coordinata Manuale di immagine coordinata Città di Minerbio perché un immagine coordinata La volontà di ricorrere alla stesura di un manuale di immagine coordinata nasce dall esigenza di rinnovare e razionalizzare

Dettagli

FONDO DI SVILUPPO E COESIONE (FSC)

FONDO DI SVILUPPO E COESIONE (FSC) FONDO DI SVILUPPO E COESIONE (FSC) INFORMAZIONE E PUBBLICITA LOGHI E CARTELLONISTICA Cagliari, 20 maggio 2009 Stato di attuazione dell Intesa Stato Regione Sardegna e degli APQ DISPOSIZIONI GENERALI Ai

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTELLONISTICA NEI SITI DELLA RETE NATURA

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTELLONISTICA NEI SITI DELLA RETE NATURA LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTELLONISTICA NEI SITI DELLA RETE NATURA 2000 Pagina 1 di 10 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Le presenti direttive trovano applicazione nelle aree SIC della rete Natura

Dettagli

UTILITÀ. Sistema di identità visiva Regole generali per la riproduzione del marchio

UTILITÀ. Sistema di identità visiva Regole generali per la riproduzione del marchio UTILITÀ Sistema di identità visiva Regole generali per la riproduzione del marchio Il marchio di Utilità è rappresentato da un elemento grafico che richiama all appartenenza al mondo Compagnia delle Opere

Dettagli

BANDO DEL CONCORSO DI IDEE Disegna il Logo Albino Città del Moroni

BANDO DEL CONCORSO DI IDEE Disegna il Logo Albino Città del Moroni CITTÀ DI ALBINO PROGETTO Albino città del Moroni BANDO DEL CONCORSO DI IDEE Disegna il Logo Albino Città del Moroni In esecuzione della Delibera della G.C. n. 36 del 18 febbraio 2013 in collaborazione

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRODOTTO RISPOSTA PRIORITARIA

SCHEDA TECNICA PRODOTTO RISPOSTA PRIORITARIA SCHEDA TECNICA PRODOTTO RISPOSTA PRIORITARIA EDIZIONE: GENNAIO 2013 INDICE 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO... 3 2 POSSIBILI APPLICAZIONI E VANTAGGI... 3 3 CONDIZIONI DI ACCESSO... 4 4 RIFERIMENTI NORMATIVI...

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI ROMA Via Ripetta n.222-00186 ROMA Tel. 06/3227025 06/3227036 Fax. 06/3218007

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI ROMA Via Ripetta n.222-00186 ROMA Tel. 06/3227025 06/3227036 Fax. 06/3218007 Roma, 17 novembre 2014 Prot. n. 20824/D3 D.D. 208 CONCORSO DI IDEE RISERVATO A STUDENTI O EX STUDENTI DELL ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI ROMA PER LA PROGETTAZIONE GRAFICA DEL MARCHIO/LOGOTIPO DELL ACCADEMIA.

Dettagli

Azioni di Informazione e Pubblicità

Azioni di Informazione e Pubblicità Azioni di Informazione e Pubblicità Linee guida per i Beneficiari del PON Governance e Assistenza Tecnica 2007-2013 UNA PA PER LA CRESCITA Novembre 2012 Sommario Introduzione... 3 Gli elementi grafici

Dettagli

Manuale d uso del marchio Agriturismo Italia

Manuale d uso del marchio Agriturismo Italia Manuale d uso del marchio Agriturismo Italia manuale d uso per le istituzioni versione 3.1 2 3 Copyright 2013 Ministero delle politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole.it Indice 1.0

Dettagli

ATTIVITA CULTURALI, POLITICHE GIOVANILI TURISMO, SPORT E SPETTACOLO POLITICHE GIOVANILI TURISMO, SPORT E SPETTACOLO TURISMO

ATTIVITA CULTURALI, POLITICHE GIOVANILI TURISMO, SPORT E SPETTACOLO POLITICHE GIOVANILI TURISMO, SPORT E SPETTACOLO TURISMO PROVINCIA DI FROSINONE Settore Servizio Ufficio ATTIVITA CULTURALI, POLITICHE GIOVANILI TURISMO, SPORT E SPETTACOLO POLITICHE GIOVANILI TURISMO, SPORT E SPETTACOLO TURISMO AVVISO PUBBLICO CONCORSO DI IDEE

Dettagli

BANDO DEL CONCORSO DI IDEE

BANDO DEL CONCORSO DI IDEE BANDO DEL CONCORSO DI IDEE Disegna il Logo Kilometro della cultura Associazione Viene indetto un Concorso di idee per la realizzazione del Logo del Kilometro della cultura con le seguenti finalità: a)

Dettagli

Linee guida di utilizzo del marchio

Linee guida di utilizzo del marchio Linee guida di utilizzo del marchio Indice 1. Marchio + logotipo 1.1 Caratteristiche generali 1.2 Schema costruttivo del marchio + logotipo 1.3 Dimensioni minime del marchio + logotipo 1.4 Colori e valori

Dettagli

BANDO CITY BRAND CORLEONE CORLEONE IN UNA IMMAGINE

BANDO CITY BRAND CORLEONE CORLEONE IN UNA IMMAGINE BANDO CITY BRAND CORLEONE CORLEONE IN UNA IMMAGINE 1. Promotori del concorso internazionale Il concorso internazionale aperto è indetto dai soggetti attuatori del Progetto INTUS PON 04a3_00476 con il patrocinio

Dettagli

Chiaro! amministrazioni. Direttiva sulla semplificazione del linguaggio dei testi amministrativi. A tutte le Pubbliche Amministrazioni

Chiaro! amministrazioni. Direttiva sulla semplificazione del linguaggio dei testi amministrativi. A tutte le Pubbliche Amministrazioni e DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE a PUBBLICA per l efficienza delle amministrazioni Direttiva sulla semplificazione del linguaggio dei testi amministrativi A tutte le Pubbliche Amministrazioni Roma, 8 maggio

Dettagli

COMUNE DI GROTTAFERRATA Provincia di Roma. Bando di concorso per la realizzazione grafica del nuovo logo della democrazia partecipativa

COMUNE DI GROTTAFERRATA Provincia di Roma. Bando di concorso per la realizzazione grafica del nuovo logo della democrazia partecipativa COMUNE DI GROTTAFERRATA Provincia di Roma Bando di concorso per la realizzazione grafica del nuovo logo della democrazia partecipativa 1 Indice 1. ENTE BANDITORE DEL CONCORSO RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

Dettagli

a cura di Stefania Federici e Chiara Lazzarini coordinamento di Ivana Tamai Ufficio IX sezione Visibilità

a cura di Stefania Federici e Chiara Lazzarini coordinamento di Ivana Tamai Ufficio IX sezione Visibilità a cura di Stefania Federici e Chiara Lazzarini coordinamento di Ivana Tamai Ufficio IX sezione Visibilità Direzione Generale per la Cooperazione allo sviluppo Manuale grafico e di visibilità INTRODUZIONE

Dettagli

Contenuti. 1 Il marchio SCAME 1.1 Elementi costruttivi del marchio 1.2 Dimensioni e prove di leggibilità 1.3 Aree di rispetto

Contenuti. 1 Il marchio SCAME 1.1 Elementi costruttivi del marchio 1.2 Dimensioni e prove di leggibilità 1.3 Aree di rispetto Brand Standards Contenuti 1 Il marchio SCAME 1.1 Elementi costruttivi del marchio 1.2 Dimensioni e prove di leggibilità 1.3 Aree di rispetto 2 Il colore 2.1 Colori istituzionali del marchio 2.2 Rapporti

Dettagli

Confcommercio Associazione Territoriale di Abbiategrasso

Confcommercio Associazione Territoriale di Abbiategrasso BANDO DISCIPLINARE PER IL CONCORSO DI IDEE PER LA PROGETTAZIONE DEL MARCHIO RAPPRESENTATIVO DEL DISTRETTO DIFFUSO DEL COMMERCIO DI ABBIATEGRASSO E ROBECCO SUL NAVIGLIO Confcommercio Associazione Territoriale

Dettagli

BANDO PER IL CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO MUSEO DEL PALIO

BANDO PER IL CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO MUSEO DEL PALIO CITTÀ DI ASTI Settore Lavori Pubblici ed Edilizia Pubblica Settore Cultura e Manifestazioni BANDO PER IL CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO MUSEO DEL PALIO 1. Soggetto banditore Il concorso

Dettagli

COMUNE DI ANCONA Assessorato al Turismo e Marketing Territoriale

COMUNE DI ANCONA Assessorato al Turismo e Marketing Territoriale COMUNE DI ANCONA Assessorato al Turismo e Marketing Territoriale AVVISO PUBBLICO Contributo di idee per la realizzazione di un marchio: logo e slogan per la promozione turistica della città di Ancona.

Dettagli

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA (a cura del Servizio Tutorato) La tesi di laurea è un momento importante nella carriera di tutti gli studenti perché rappresenta il momento finale del

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE. - Centocinquant anni di saper fare.

BANDO DI SELEZIONE. - Centocinquant anni di saper fare. BANDO DI SELEZIONE CONFARTIGIANATO IMPRESE e CNA Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa promuovono, in occasione delle celebrazioni dei 150 anni dell unità d Italia,

Dettagli

APPENDICE 2. 1) Scrivere frasi brevi: non più di 25 o 30 parole e non più di 2 frasi per ogni periodo.

APPENDICE 2. 1) Scrivere frasi brevi: non più di 25 o 30 parole e non più di 2 frasi per ogni periodo. APPENDICE 2 - Web-writing (ovvero scrivi come navighi) APPENDICE 2 WEB-WRITING (OVVERO SCRIVI COME NAVIGHI) Queste pagine sono tratte e adattate dalla pubblicazione "Linee guida per la redazione e composizione

Dettagli

ed.08_2013 Marchio d Area Valdobbiadene / Manuale Guida

ed.08_2013 Marchio d Area Valdobbiadene / Manuale Guida Marchio d Area Valdobbiadene / Manuale Guida MANUALE GUIDA DI IDENTITÀ VISIVA L autorevolezza di un ente pubblico come di un azienda passa attraverso l autorevolezza del marchio. Utilizzare ogni volta

Dettagli

DEM. Direct Email Marketing. Comunicazioni mail mirate agli utenti della community di Image Line

DEM. Direct Email Marketing. Comunicazioni mail mirate agli utenti della community di Image Line DEM Direct Email Marketing Comunicazioni mail mirate agli utenti della community di Image Line SommariINDICE Il tuo messaggio alla nostra community 5 Il profilo è sempre aggiornato 7 I target 9 Le profilazioni

Dettagli

DCSIT Area Gestione Reddituale redditiweb@inps.it CAMPAGNA RED ITALIA SERVIZI WEB MANUALE OPERATIVO VERSIONE 7.8.9 24/05/2013 1

DCSIT Area Gestione Reddituale redditiweb@inps.it CAMPAGNA RED ITALIA SERVIZI WEB MANUALE OPERATIVO VERSIONE 7.8.9 24/05/2013 1 CAMPAGNA RED ITALIA SERVIZI WEB MANUALE OPERATIVO VERSIONE 7.8.9 24/05/2013 1 Nota tecnica. La procedura è stata progettata ed ottimizzata per essere utilizzata con il browser Internet Explorer, si consiglia

Dettagli

CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO del Distretto del Commercio del Medio Olona Crea il logo del tuo distretto

CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO del Distretto del Commercio del Medio Olona Crea il logo del tuo distretto CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO del Distretto del Commercio Crea il logo del tuo distretto 1. Soggetto banditore e finalità Il Distretto del Commercio, ritenendo la comunicazione istituzionale

Dettagli

Norme redazionali ad uso degli articolisti della rivista ilpm

Norme redazionali ad uso degli articolisti della rivista ilpm Norme redazionali ad uso degli articolisti della rivista ilpm TITOLO RIVISTA: il Project Manager CONTATTI REDAZIONE: redazione@ilprojectmanager.it PUBBLICITA': pubblicita@ilprojectmanager.it SITO WEB:

Dettagli

SOGI s.n.c. di Matteo Bruschetta & Nicola Pippa

SOGI s.n.c. di Matteo Bruschetta & Nicola Pippa SOGI s.n.c. di Matteo Bruschetta & Nicola Pippa Stradone Alcide de Gasperi, 16 Sant Ambrogio di Valpolicella 37015, Verona P.IVA: 03972020238 Tel: 045 8328557 Cell: 333 5657671 Fax: 045 21090381 La SOGI

Dettagli

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007 2013 ASSE 4 LEADER

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007 2013 ASSE 4 LEADER FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvato dal CDA del GAL della Pianura Veronese con delibera 42 del 05.07.2013 PROGRAMMA

Dettagli

Manuale di immagine coordinata

Manuale di immagine coordinata Manuale di immagine coordinata LOGO A LOGO A COLORI B LOGO IN BIANCO E NERO C LOGO IN NEGATIVO UTILIZZO NON CORRETTO DEL LOGO Non spostare i singoli elementi: non cambiare i colori: Non deformare le proporzioni:

Dettagli

8 Word seconda lezione 1

8 Word seconda lezione 1 8 Word seconda lezione 1 Word incominciamo a digitare! È il momento di iniziare a scrivere, posizionandosi con il cursore all inizio o in mezzo al documento. Talvolta però può capitare di fare degli sbagli.

Dettagli

BANDO PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO DI

BANDO PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO DI BANDO PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO DI CalabriaInnova Un sistema regionale centrato su innovazione e ricerca per la competitività del territorio. Una rete al servizio di imprenditori e ricercatori. Art.

Dettagli

Manuale di Immagine Coordinata dell Asl 5 Spezzino

Manuale di Immagine Coordinata dell Asl 5 Spezzino Manuale di Immagine Coordinata dell Asl 5 Spezzino Manuale di immagine coordinata 1. Identità visiva L identità visiva di qualsiasi organizzazione è definita dalla sua immagine coordinata la quale, a sua

Dettagli

1 Convegno degli Informatici Alpini Sezione Cuneo

1 Convegno degli Informatici Alpini Sezione Cuneo 1 Convegno degli Informatici Alpini Sezione Cuneo Il convegno è rivolto a tutti i responsabili informatici dei gruppi alpini della Sezione di Cuneo INFORMATICO non è il mago del computer ma viene definito

Dettagli

neroavorio grafica corporate identity stampa marketing web design e-commerce posizionamento posta elettronica certificata gadgets sms spot

neroavorio grafica corporate identity stampa marketing web design e-commerce posizionamento posta elettronica certificata gadgets sms spot neroavorio p u b b l i c i t à grafica corporate identity stampa marketing web design e-commerce posizionamento posta elettronica certificata gadgets sms spot index Sito internet di presentazione aziendale

Dettagli

INFORMATIVA PRIVACY. Tipologia di dati trattati

INFORMATIVA PRIVACY. Tipologia di dati trattati INFORMATIVA PRIVACY Gentile utente, la informiamo che il trattamento dei suoi dati personali avverrà nel rispetto della vigente normativa in materia di privacy e sarà improntato ai principi di correttezza,

Dettagli

Documento informatico e dematerializzazione: normativa attuale, modalità operative, evoluzioni

Documento informatico e dematerializzazione: normativa attuale, modalità operative, evoluzioni Documento informatico e dematerializzazione: normativa attuale, modalità operative, evoluzioni massella@cnipa.it Seminario Confindustria Firenze Firenze, 15 gennaio 2009 1 La gestione dei documenti informatici

Dettagli

Allegato all Atto di Approvazione Dirigenziale n. 569 del 24 ottobre 2013

Allegato all Atto di Approvazione Dirigenziale n. 569 del 24 ottobre 2013 BANDO PER CONCORSO DI IDEE PER LA CREAZIONE DEL CLAIM, DEL MARCHIO - LOGOTIPO E DELL IMMAGINE COORDINATA PER LA COMUNICAZIONE E LA PROMOZIONE DI GEA SPA. Allegato all Atto di Approvazione Dirigenziale

Dettagli

CITTA DI TAURISANO (Prov. Di Lecce) Regolamento di disciplina dello stemma, gonfalone, fascia tricolore e bandiere

CITTA DI TAURISANO (Prov. Di Lecce) Regolamento di disciplina dello stemma, gonfalone, fascia tricolore e bandiere CITTA DI TAURISANO (Prov. Di Lecce) Regolamento di disciplina dello stemma, gonfalone, fascia tricolore e bandiere (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.09 del 31.03.2005) CAPO I FINALITA DEL

Dettagli

PER LA GESTIONE, FUNZIONAMENTO ED UTILIZZO SITO WEB ISTITUZIONALE

PER LA GESTIONE, FUNZIONAMENTO ED UTILIZZO SITO WEB ISTITUZIONALE COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce ***** REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, FUNZIONAMENTO ED UTILIZZO SITO WEB ISTITUZIONALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n.07 del 28/03/2013 1 INDICE Art.

Dettagli

Tecniche di buona comunicazione in posta elettronica

Tecniche di buona comunicazione in posta elettronica MERCATI E TENDENZE Tecniche di buona comunicazione in posta elettronica di Saverio RubinI 1 Molto più posta che navigazione Chi si avvicina a un computer per collegarsi in Internet, è portato a pensare

Dettagli

LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE

LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE GLI ELEMENTI ESSENZIALI DELLA LETTERA COMMERCIALE Intestazione Individua il nome e il cognome o la ragione sociale di chi scrive; contiene inoltre l indirizzo e i recapiti

Dettagli

Regolamento per l utilizzo del logotipo di certificazione RINA

Regolamento per l utilizzo del logotipo di certificazione RINA Regolamento per l utilizzo del logotipo di certificazione RINA In vigore dal 03/07/2013 RINA Via Corsica, 12 16128 Genova Italia Tel. +39 01053851 Fax: +39 0105351000 Website: www.rina.org Regolamenti

Dettagli

Bando di concorso per l ideazione del logo del Sistema Verona

Bando di concorso per l ideazione del logo del Sistema Verona Bando di concorso per l ideazione del logo del Sistema Verona INDICE 1. Soggetto Banditore 2. Oggetto del Concorso 3. Tipo di concorso 4. Modalità di presentazione della proposta ed elaborati di concorso

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 Azienda USL di Cesena Staff Comunicazione Aziendale Sito Internet Aziendale Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Sito Internet Aziendale Amministrazione proponente: Azienda

Dettagli

BANDO DI CONCORSO #CrossHeritage. Giovani artisti per le Residenze Sabaude

BANDO DI CONCORSO #CrossHeritage. Giovani artisti per le Residenze Sabaude BANDO DI CONCORSO #CrossHeritage. Giovani artisti per le Residenze Sabaude #CrossHeritage. Giovani artisti per le Residenze Sabaude è un progetto della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici

Dettagli

COMUNE DI GIFFONI VALLE PIANA

COMUNE DI GIFFONI VALLE PIANA COMUNE DI GIFFONI VALLE PIANA CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGOTIPO E DELL' IMMAGINE COORDINATA DELLE ATTIVITA' DI PIANIFICAZIONE URBANISTICA REGOLAMENTO Articolo 1. OGGETTO DEL CONCORSO L'Amministrazione

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI

CARATTERISTICHE GENERALI Address 2008 Gestione Stampe per la postalizzazione È giunta l ora di risparmiare tempo e denaro velocizzando operazioni quali: raggruppamento degli indirizzi in plichi; etichettatura dei plichi; recupero

Dettagli

IMMAGINE COORDINATA: GUIDELINES E APPLICAZIONI

IMMAGINE COORDINATA: GUIDELINES E APPLICAZIONI IMMAGINE COORDINATA: GUIDELINES E APPLICAZIONI MARCHIO E SUE VARIANTI SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA IMMAGINE COORDINATA: GUIDELINES E APPLICAZIONI PAG. 2 MARCHIO ORIZZONTALE COMPLETO Il marchio ufficiale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA

REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 64/2009, modificato con delibera C.C.n.61/2010 e con delibera C.C.n.109/2010 Art.1 Principi e strumenti. Il Comune

Dettagli

Ipertesto. Reti e Web. Ipertesto. Ipertesto. Ipertestualità e multimedialità

Ipertesto. Reti e Web. Ipertesto. Ipertesto. Ipertestualità e multimedialità Ipertesto Reti e Web Ipertestualità e multimedialità Ipertesto: documento elettronico costituito da diverse parti: nodi parti collegate tra loro: collegamenti Navigazione: percorso tra diversi blocchi

Dettagli

- in ragione di convenzioni od accordi avvenuti con enti ed amministrazioni pubbliche o private,

- in ragione di convenzioni od accordi avvenuti con enti ed amministrazioni pubbliche o private, UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN ARCHITETTURA LABORATORI DI SINTESI FINALE E TESI DI LAUREA 1. Nel corso di laurea magistrale a ciclo unico in Architettura

Dettagli

Gli elementi base costitutivi dell immagine grafica di exa comprendono:

Gli elementi base costitutivi dell immagine grafica di exa comprendono: L immagine coordinata 01 Gli elementi base costitutivi dell immagine coordinata di exa engineering s.r.l. costituiscono l identità dell azienda, l immagine grafica con cui essa comunica con l esterno e

Dettagli

Quali attività potrai organizzare negli stand?

Quali attività potrai organizzare negli stand? Pagina 1 di 20 Ultima Revisione 28/09/2006 RICHIEDI L UTILIZZO DEI LOGHI Herbalife - Liftoff - Team Herbalife Generation H potrai personalizzare abbigliamento di squadre locali, cartellonistica a bordo

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE 2 SETTORE SOCIO - CULTURALE CENTRO DI RESPONSABILITA N 2

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE 2 SETTORE SOCIO - CULTURALE CENTRO DI RESPONSABILITA N 2 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE 2 SETTORE SOCIO - CULTURALE CENTRO DI RESPONSABILITA N 2 Raccolta Interna del Servizio Determinazione n Data Turismo Raccolta Generale della Segreteria Comunale Determinazione

Dettagli

MODULISTICA ELEMENTI DI BASE. Sezione II

MODULISTICA ELEMENTI DI BASE. Sezione II ELEMENTI DI BASE I.e ERRORI Non alterare in alcun modo le proporzioni del marchio. Non applicare effetti, come ombreggiature, trasparenze o altro, che potrebbero compromettere la leggibilità del marchio.

Dettagli

COMUNE DI BALESTRATE MODULO DI ISCRIZIONE AL CONCORSO

COMUNE DI BALESTRATE MODULO DI ISCRIZIONE AL CONCORSO COMUNE DI BALESTRATE MODULO DI ISCRIZIONE AL CONCORSO Un logo per le Politiche Giovanili del Comune di Balestrate Io sottoscritto/a Nato/a a il Residente a C.A.P. Via n Telefono e-mail Titolo di studio

Dettagli

Urban Center Bologna. Bando Bologna City Branding

Urban Center Bologna. Bando Bologna City Branding Urban Center Bologna Bologna City Branding Bando di concorso di idee internazionale per la progettazione grafica del marchio/logotipo e del relativo payoff per la promozione della Città di Bologna 1. Promotori

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Progetto S@remo online

Progetto S@remo online Via Luigi Guercio, 125 84134 Salerno Tel/Fax 089/790939 Partita I.V.A. 04391280650 http://www.sarete.net Progetto S@remo online [Offerta] --------------------------------------------------- S@rete dbeninca@sarete.net

Dettagli

BANDO DEL CONCORSO NAZIONALE DI IDEE PER REALIZZAZIONE DEL LOGO DEL MARCHIO FIESOLE

BANDO DEL CONCORSO NAZIONALE DI IDEE PER REALIZZAZIONE DEL LOGO DEL MARCHIO FIESOLE BANDO DEL CONCORSO NAZIONALE DI IDEE PER REALIZZAZIONE DEL LOGO DEL MARCHIO FIESOLE In esecuzione della Delibera della G.C. n. 88 del 21/4/2015 e della Determinazione n.112 del 24/7/2015 è indetto il concorso

Dettagli

Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000)

Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000) Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 41 del 19.02.2008 In vigore

Dettagli

DECISIONE S2 del 12 giugno 2009 riguardante la tessera europea di assicurazione malattia (2010/C 106/09)

DECISIONE S2 del 12 giugno 2009 riguardante la tessera europea di assicurazione malattia (2010/C 106/09) C 106/26 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 24.4.2010 DECISIONE S2 del 12 giugno 2009 riguardante la tessera europea di assicurazione malattia (Testo rilevante ai fini del SEE e dell'accordo CE/Svizzera)

Dettagli

Richiami sugli elementi del linguaggio HTML

Richiami sugli elementi del linguaggio HTML Richiami sugli elementi del linguaggio HTML Un documento in formato Web può essere aperto con un browser, attraverso un collegamento a Internet oppure caricandolo dal disco del proprio computer senza connettersi

Dettagli

Concorso di idee per la creazione del logo dell Ordine degli Architetti Paesaggisti Pianificatori Conservatori della Provincia di Catanzaro.

Concorso di idee per la creazione del logo dell Ordine degli Architetti Paesaggisti Pianificatori Conservatori della Provincia di Catanzaro. Concorso di idee per la creazione del logo dell Ordine degli Architetti Paesaggisti Pianificatori Conservatori della Provincia di Catanzaro. Concorso di idee per la creazione del logo dell Ordine degli

Dettagli

Partecipazione e iscrizione al concorso

Partecipazione e iscrizione al concorso Ragazzi in gamba Bando di concorso scolastico rivolto agli istituti scolastici superiori in tema di promozione dell attività fisica nella vita quotidiana per la popolazione giovanile Definizione e obiettivi

Dettagli