LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DELLA TESI DI LAUREA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI-CLINICHE-PEDIATRICHE (Prof. Loreto Lancia) LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DELLA TESI DI LAUREA CORSI DI LAUREA IN INFERMIERISTICA E SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE Definizioni e scopi La tesi di laurea è parte integrante del percorso formativo universitario e, come tale, dà diritto all acquisizione di un certo numero di crediti. Essa è rappresentata da un elaborato scritto che il laureando, sotto la guida e la supervisione di un relatore, deve produrre al termine del percorso formativo. Il lavoro di tesi è sempre un lavoro di ricerca che origina da un tema ben definito e segue un percorso logico e strutturato. L uso di una metodologia, rigorosa e scientifica da parte dello studente ne rappresenta l obiettivo principale. Si possono realizzare diverse tipologie di tesi: - a carattere compilativo su base esclusivamente bibliografica - a carattere sperimentale - a carattere di analisi di casi ed esperienze - a carattere misto Organizzazione del lavoro Schematicamente, le fasi di lavoro per la stesura di una tesi possono così essere sintetizzate: Scelta dell argomento e del titolo (insieme con il Relatore) Preparazione di un ipotesi di schema e determinazione degli obiettivi da perseguire Scelta del metodo che si intende utilizzare Scelta delle fonti di riferimento Perfezionamento dello schema e inizio della stesura capitolo per capitolo Conclusioni in base ai risultati raggiunti. Stesura del testo definitivo e realizzazione dei supporti informatici

2 Parti essenziali di una Tesi Copertina o frontespizio Rappresenta il biglietto da visita della tesi e ne contiene il titolo (Vedi l esempio allegato). Indice Fornisce indicazioni immediate sul contenuto e l organizzazione della tesi. Si consiglia di abbozzarlo preliminarmente affinché possa rappresentare una guida per lo studente durante l elaborazione. E fondamentale l uso di una tabulazione appropriata al fine di rendere comprensibili la classificazione dei capitoli e di eventuali sottocapitoli. E preferibile collocarlo all inizio della tesi. I capitoli ed i paragrafi devono essere numerati seguendo il seguente esempio: 1. i modelli teorici del nursing il modello delle prestazioni infermieristiche il modello Gordon i modelli concettuali di salute il modello Gordon nell accertamento infermieristico il modello Handerson le teorie del nursing a confronto.27 Premessa Non è obbligatoria. Contiene le motivazioni sulla scelta del tema (limitare quelle personali a favore di quelle scientifiche o applicative anche in rapporto al profilo professionale di riferimento e agli ambiti operativi di interesse). Introduzione Contiene la presentazione del tema e del conseguente progetto di lavoro. Corpo (capitoli della tesi) La trattazione del tema viene svolta nell ambito dei capitoli i quali, coerentemente con la tipologia di tesi svolta, dovranno organizzarne i contenuti in modo logico tenendo conto della struttura seguente: - Base teorica dell oggetto di studio: cornice scientifica di riferimento/breve rassegna dei riferimenti scientifici più significativi e più recenti rispetto all argomento trattato. - Sviluppo del tema Definizioni/Rilevanza del problema: argomentazione ed analisi critica del tema (nel caso di una tesi compilativa/argomentativa); definizione del problema o dei problemi di indagine, con indicazione di una o più ipotesi di ricerca (se si tratta di un lavoro sperimentale). Analisi della rilevanza (sociale, organizzativa, politica, ecc.) e della dimensione del problema (esempio: riferimenti epidemiologici).

3 - Procedura, materiali e metodi: descrizione della procedura di lavoro adottata (nel caso di un lavoro teorico/compilativo o descrizione di un caso o di un esperienza); del metodo e degli strumenti impiegati (nel caso di un lavoro sperimentale). - Risultati: presentazione dei risultati raggiunti. - Discussione: discussione dei risultati raggiunti ed analisi di ulteriori prospettive di sviluppo dell argomento trattato. - Conclusioni: ripresa dei problemi posti alla base della tesi e sintesi dei più significativi risultati raggiunti che apportano un progresso della conoscenza sul tema svolto. Evidenziazione di eventuali problemi aperti. Dalle conclusioni si potrà desumere l originalità e l apporto personale del candidato. Bibliografia Consente di valutare l affidabilità dello studio e permette ad altri di approfondire argomenti di particolare interesse. Deve contenere necessariamente tutte le fonti citate, sia quelle generali, che quelle utilizzate come citazione o in passi specifici. Comprende anche i siti internet dai quali si siano prelevati idee e contenuti, citando, ove indicato, l autore del materiale. La bibliografia dovrà essere proporzionata al lavoro compiuto, esaustiva ed essenziale senza voci inutili e ridondanti. Al fine di un accurata rassegna della letteratura più recente si consiglia la consultazione di riviste scientifiche attraverso le seguenti banche dati: MEDLINE, CINAHL (Comulative Index to Nursing and Allied Health Literature), COCHRANE, Queste banche dati on line rappresentano i database più completi attualmente disponibili su cui ricercare le fonti della letteratura biomedica ed infermieristica. Regole editoriali Lunghezza del testo Si consiglia una lunghezza del testo compresa tra 40 e 70 pagine. Carattere, formattazione e stampa Utilizzare il carattere Arial 12, con un interlinea che consenta di inserire righe per pagina, mantenendo, ove possibile, il paragrafo giustificato. Scrivere i titoli dei capitoli con corpo di 16 punti, in grassetto, centrati. Scrivere i titoli dei paragrafi e degli eventuali sottoparagrafi con corpo di 14 punti, in grassetto e allineamento a sinistra. Inserire le note a piè di pagina in carattere Arial 9, oppure nel testo (cfr. le regole per le citazioni e le indicazioni delle fonti). Numerare le pagine in basso e al centro.

4 Stampare solo il fronte della pagina. Figure, tabelle e grafici Prendono la numerazione del capitolo e sono progressive per tipo di rappresentazione (figure, tabelle, grafici): nel capitolo 1 le figure saranno: Fig. 1.1, Fig. 1.2 ; nel capitolo 2 saranno: Fig. 2.1, Fig. 2.2 ; oppure Tab. 1.1, Tab. 1.2 Tab. 2.1, Tab. 2.2 ecc.; oppure Grafico 1.1, Grafico 1.2 ecc. Ove possibile sintetizzare i dati, per una più immediata visualizzazione, attraverso l uso di figure, grafici e tabelle. Se questi elementi sono tratti da pubblicazioni o altri documenti a stampa occorre citarne con precisione le fonti, ponendo la citazione sotto le figure, le tabelle o i grafici stessi. Allegati Materiale integrativo di vario tipo non facente parte del corpo della tesi (iconografie, dati aggiuntivi, documenti archivistici, video, supporti informatici, ecc.) Citazione di fonti bibliografiche nel corpo della tesi Le citazioni riportate nella tesi di laurea derivano da fonti bibliografiche solitamente rappresentate da articoli tratti da riviste scientifiche oppure da testi. E' necessario riportare sempre nel corpo della tesi le fonti bibliografiche di riferimento. Fondamentalmente si possono distinguere due tipi di citazione: 1. citazione diretta. Si tratta di citazioni integrali di parti di testi o di articoli scientifici. Esse vanno comprese tra virgolette. Quando il brano ripreso supera le 3 righe, esso va evidenziato staccandolo sopra e sotto con un'interlinea doppia dal testo, e riportato con un carattere minore ed in corsivo. E' bene inoltre far rientrare un po i margini destro e sinistro rispetto al resto del testo. 2. citazione indiretta. Si usa quando si riporta parafrasando (con parole proprie) un idea o un contenuto di uno o più autori, riferendosi ad un loro scritto, libro, saggio o articolo. Le fonti bibliografiche a cui le citazioni fanno riferimento devono essere indicate secondo due possibili alternative: nel testo: riportare tra parentesi l autore (o gli autori) e la data di pubblicazione, secondo le seguenti modalità: o un solo autore (Aiken 2002) o due autori (Potter & Perry 2001) o più autori (nome 1 autore seguito da et al. + data di pubblic. ES. Aiken et al. 2003)

5 a piè di pagina: occorre inserire alla fine del brano citato nel testo una nota che rimandi al fondo della pagina l indicazione della fonte bibliografica (riportate secondo le modalità indicate nel punto precedente). Quando si sceglie una modalità per riportare i riferimenti bibliografici nel corpo della tesi essa va mantenuta con precisione e cura per tutto il lavoro. Tutti i riferimenti bibliografici citati nel corpo della tesi dovranno essere riportati nella bibliografia finale. Citazione di fonti bibliografiche alla fine della tesi Solo i riferimenti bibliografici presenti nel corpo della tesi devono essere riportati, una sola volta ed in ordine alfabetico (secondo il nome del primo autore) alla fine della tesi. Lo stile deve essere il seguente: Articoli tratti da riviste: nomi degli autori, titolo della pubblicazione, nome della rivista, anno di pubblicazione, num. del volume, num. del fascicolo, intervallo di pagine. ESEMPIO: Kim MJ, Hwang Hj, Song HH. A randomized trial on the effects of body positions on lung function with acute respiratory failure patients. International Journal of Nursing Studies 2002; 39: Testi: nomi degli autori, titolo, numero dell edizione, titolo ed autore del capitolo (se diverso dall autore), casa editrice e città, anno di pubblicazione, intervallo di pagine. ESEMPIO: Geri LoBiondo Wood Judith Haber. Metodologia della ricerca infermieristica. Terza edizione Mc Graw-Hill MI. 2003: Internet: URL comprensivo di eventuali Link. ESEMPIO: Raccomandazioni generali Una tesi non è mai una raccolta indiscriminata di materiale informativo. Gli studenti dovrebbero analizzare il materiale operando scelte ragionate in modo critico sulla base del progetto che si intende sviluppare. E' fondamentale che, prima del lavoro di stesura della tesi, si mettano in evidenza i passi 'interessanti' dei libri e degli scritti consultati, con le indicazioni bibliografiche precise e complete (annotando quindi anche i numeri delle pagine). Un lavoro preventivo di lettura e schedatura accurato e meticoloso facilita le fasi successive di organizzazione e di stesura dei contenuti della tesi. Materiali presenti in Internet Il più delle volte si tratta di documenti senza garanzie di scientificità; non esiste una modalità precisa e definita per verificarne la validità e la fondatezza. Contrariamente alle fonti edite a stampa, per ciò che riguarda i documenti trovati in Internet, le copiature devono essere evitate o limitate esclusivamente a quelle informazione della

6 cui fondatezza scientifica si è certi. In ogni caso quando si fa specifico riferimento ad Internet occorre sempre citare i siti considerati. Rapporto studente-relatore. La scelta del relatore è operata dallo studente sulla base dei propri interessi scientifici e/o clinico-assistenziali. Di norma la tesi può essere chiesta a qualsiasi docente del Corso di Laurea (per il Corso di Laurea Specialistica può essere chiesta a qualsiasi docente della Facoltà). Per poter disporre della maggiore libertà possibile nella scelta dell'argomento di tesi, è opportuno prendere contatto per tempo con il docente-relatore, prima di aver sostenuto tutti gli esami previsti. A seconda della tipologia di tesi (sperimentale, compilativa, ecc.) e dell impegno profuso, il tempo di elaborazione e sviluppo può richiedere anche parecchi mesi. Molto dipende anche dalla capacità organizzativa e dalla difficoltà di reperimento del materiale. E' opportuno che i laureandi si rivolgano ai docenti scelti come relatori con sufficiente continuità e periodicità, onde evitare lunghi silenzi ed improvvise consegne non concordate delle tesi soprattutto a ridosso degli appelli di laurea. A questo riguardo occorre tener ben presente che il lavoro di tesi è pur sempre un impegno condiviso di cui vanno decisi responsabilmente insieme con il relatore sia ritmi che procedure. Presentazione del lavoro alla commissione Rappresentano un valore aggiunto 1. Capacità di rimanere all interno del tempo assegnato 2. Adeguata distribuzione delle parti che compongono la relazione all interno del tempo assegnato. 3. Uso di un lessico appropriato e conciso Metodologia della presentazione Premessa (Background del problema) Brevi informazioni derivate dalla revisione bibliografica Obiettivi e scopi del lavoro svolto Materiali e metodologia usata Discussione dei risultati Conclusioni Sussidi E possibile avvalersi di lucidi o preferibilmente di diapositive in numero adeguato al tempo a disposizione. I lucidi o le diapositive devono accompagnare e non sostituire la relazione. E consigliabile che i lucidi o le diapositive non contengano prevalentemente testo, ma schemi, grafici e tabelle.

7 CRITERI DI VALUTAZIONE Per la valutazione dei lavori presentati in sede di discussione, la commissione terrà conto dei seguenti parametri: o Aderenza alle presenti linee guida o Contenuti (accuratezza scientifica) o Accuratezza e rilevanza delle fonti bibliografiche o Rilevanza dell argomento trattato per le Scienze Infermieristiche o Esposizione (Chiarezza, rispetto dei tempi, iconografia)

8 UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA OPPURE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE (Presidente: Prof. Loreto Lancia) TESI DI LAUREA TITOLO ESEMPIO DI COPERTINA RELATORE LAUREANDO Chiar.mo Prof. (Nome Cognome) (Nome Cognome) ANNO ACCADEMICO

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La preparazione della tesi di Laurea è un importante opportunità attraverso cui lo studente può esprimere le proprie capacità

Dettagli

Linee guida essenziali per la preparazione delle tesi triennali (a cura di Alberto Agosti e Adalgisa Battistelli)

Linee guida essenziali per la preparazione delle tesi triennali (a cura di Alberto Agosti e Adalgisa Battistelli) Linee guida essenziali per la preparazione delle tesi triennali (a cura di Alberto Agosti e Adalgisa Battistelli) Attenzione: questo documento va letto con l'avvertenza che ciascun docente rimane comunque

Dettagli

STRUTTURA DELLA TESI

STRUTTURA DELLA TESI FACOLTA DI MEDICINA E ODONTOIATRIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA N Presidente: Prof. Adriano Redler Direttore Didattico: Dr.ssa Serenella Savini STRUTTURA DELLA TESI La tesi di ricerca, visti gli

Dettagli

SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA IL CONTENUTO Attraverso la tesi di laurea lo studente deve elaborare in modo approfondito ed originale l argomento di ricerca assegnato. Il lavoro di tesi

Dettagli

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA PREMESSA La struttura di una tesi è generalmente formata da: 1) frontespizio; 2) indice; 3) introduzione; 4) capitoli; 5) conclusioni; 6)

Dettagli

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA (a cura del Servizio Tutorato) La tesi di laurea è un momento importante nella carriera di tutti gli studenti perché rappresenta il momento finale del

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1) COPERTINA E FRONTESPIZIO Devono recare indicazione Università Telematica e-campus (senza logo), Facoltà di.., Titolo della tesi, Nome e Cognome del Relatore

Dettagli

Il/La sottoscritto/a Nato/a il / / Domiciliato/a via Telefono cellulare e-mail Corso di Studi in. Materia: Relatore:Prof.

Il/La sottoscritto/a Nato/a il / / Domiciliato/a via Telefono cellulare e-mail Corso di Studi in. Materia: Relatore:Prof. BOLLO 16.00 RICHIESTA ASSEGNAZIONE TESI Al Preside del corso di studi di Scienze dell educazione e della Formazione Via Don Carlo Gnocchi 3 00166 Roma Matricola: Il/La sottoscritto/a Nato/a il / / Domiciliato/a

Dettagli

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Indice Presentazione 4 Norme per il Corso di laurea specialistica in Disegno industriale del prodotto

Dettagli

Guida alla stesura di una tesi di laurea breve

Guida alla stesura di una tesi di laurea breve Guida alla stesura di una tesi di laurea breve Dipartimento di Lingua e Cultura Italiana Università di Amsterdam Linda Pennings & Ronald de Rooy Fare una tesi significa divertirsi. [ ] L importante è fare

Dettagli

Guida per la richiesta e l elaborazione della Tesi di Laurea

Guida per la richiesta e l elaborazione della Tesi di Laurea UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico Guida per la richiesta e l elaborazione della Tesi di Laurea 1 Indice 1- Premessa

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL S. CUORE MASTER IN MANAGEMENT AGRO-ALIMENTARE REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ DI STAGE

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL S. CUORE MASTER IN MANAGEMENT AGRO-ALIMENTARE REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ DI STAGE UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL S. CUORE MASTER IN MANAGEMENT AGRO-ALIMENTARE REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ DI STAGE FINALITÀ: lo stage costituisce un'attività formativa in cui assume un ruolo fondamentale l'integrazione

Dettagli

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Corso di Laurea in Scienze della Formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione SPORTELLO TESI Istruzioni per lo svolgimento della TESI DI LAUREA o della PROVA FINALE in SCIENZE DELLA FORMAZIONE

Dettagli

Guida alla stesura della. Tesi di Laurea

Guida alla stesura della. Tesi di Laurea Guida alla stesura della Tesi di Laurea 1 Sommario 1 Introduzione... 3 2 La Tesi di Laurea... 3 2.1 Classificazione... 3 2.1.1 Le Tesi Triennali... 3 2.1.2 Le Tesi Magistrali... 3 2.2 La struttura... 4

Dettagli

Come lavorare alla tesi di laurea

Come lavorare alla tesi di laurea Come lavorare alla tesi di laurea Corso di Laurea magistrale in Comunicazione, Informazione e Editoria Università degli studi di Bergamo Seminario Anna Carola Freschi 11 Marzo 2013, Via Salvecchio - Aula

Dettagli

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA LINEE DI MASSIMA -

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA LINEE DI MASSIMA - N o r m e r e d a z i o n a l i p e r l a s t e s u r a d e l l a t e s i d i l a u r e a l i n e e d i m a s s i m a A m b i t o d i P s i c o l o g i a NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI

Dettagli

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea Brevi istruzioni su come fare una tesi I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea L inizio e la fine Una delle prime cose da fare per cominciare

Dettagli

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto:

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto: UN ESEMPIO Il testo che troverete qui sotto è un esempio di testo regolativo. Esso è stato scritto per facilitare la realizzazione di un testo tecnico di tipo particolare, la relazione di stage. Osservate

Dettagli

Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14

Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14 Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14 Versione 26 dicembre 2013 Questa guida fornisce qualche consiglio di metodo per l impostazione e la stesura della tesi di laurea

Dettagli

INDICAZIONI PER I TESISTI. 1. Che cos è una tesi di laurea

INDICAZIONI PER I TESISTI. 1. Che cos è una tesi di laurea INDICAZIONI PER I TESISTI 1. Che cos è una tesi di laurea La tesi di laurea è una dissertazione scritta con lo scopo di dimostrare la compiuta conoscenza di un argomento (nello specifico di Diritto del

Dettagli

La Tesi di laurea (corsi di laurea Magistrale, Specialistica e di Ordinamento Quinquennale): linee guida per la redazione 1

La Tesi di laurea (corsi di laurea Magistrale, Specialistica e di Ordinamento Quinquennale): linee guida per la redazione 1 La Tesi di laurea (corsi di laurea Magistrale, Specialistica e di Ordinamento Quinquennale): linee guida per la redazione 1 Obiettivi formativi Il percorso di studi magistrale si conclude con l elaborazione

Dettagli

Università degli Studi di Padova Corso di Laurea Magistrale/Specialistica in Medicina e Chirurgia

Università degli Studi di Padova Corso di Laurea Magistrale/Specialistica in Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Padova Corso di Laurea Magistrale/Specialistica in Medicina e Chirurgia a) Prima parte REGOLAMENTO DELL ESAME DI LAUREA Approvato dal Consiglio di Corso di Laurea del 8 marzo

Dettagli

Linee guida per la stesura dell elaborato finale di laurea

Linee guida per la stesura dell elaborato finale di laurea Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Linee guida per la stesura dell elaborato finale di laurea a cura della Commissione Tesi Giugno 2014 Commissione Tesi, Linee guida per la stesura dell elaborato

Dettagli

GUIDA PER LA STESURA DELLA TESI 1

GUIDA PER LA STESURA DELLA TESI 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA Anno accademico 2010 11 ESAME FINALE DI LAUREA GUIDA PER LA STESURA DELLA TESI 1 1 - ESAME FINALE: PROVA

Dettagli

DIPARTIMENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA. Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza

DIPARTIMENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA. Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza DIPARTIMENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza INDICE Art. 1 Considerazioni generali... 3 Art. 2 La tesi

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Regolamento del bando

Regolamento del bando PREMIO RASSEGNA ECONOMICA Edizione 2012 Regolamento del bando CARATTERISTICHE DEI PARTECIPANTI Potranno partecipare al Bando 2012 del Premio Rassegna Economica, giovani ricercatori di età inferiore ai

Dettagli

Indicazioni generali per la grafica delle tesi1

Indicazioni generali per la grafica delle tesi1 Elio Padoano Indicazioni generali per la grafica delle tesi1 (Consiglio generale: redigere le prime bozze seguendo già le impostazioni definitive.) 1. Impostazione pagina Margini: Superiore 2,5+3,0 cm

Dettagli

PIANIFICAZIONE / TEMPISTICA LAUREA MAGISTRALE

PIANIFICAZIONE / TEMPISTICA LAUREA MAGISTRALE PIANIFICAZIONE / TEMPISTICA LAUREA MAGISTRALE Economia aziendale Classe 84/S, Economia aziendale e management Classe LM 77, Economia aziendale quadriennale Giurisprudenza Classe LMG/01, Giurisprudenza

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE

SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE A cura di MARIO PEZZILLO IACONO PROCEDURA DI SVOLGIMENTO DELL ELABORATO Scrivere la tesi rappresenta una delle prime occasioni nelle quali

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ESAME FINALE DI LAUREA

REGOLAMENTO DELL ESAME FINALE DI LAUREA REGOLAMENTO DELL ESAME FINALE DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Art. 1 Esame di Laurea Per essere ammesso a sostenere l'esame di laurea, lo studente dovrà aver regolarmente frequentato tutti i Corsi Integrati

Dettagli

Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di Laurea in Infermieristica Sede Ospedale S.Pietro Fatebenefratelli

Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di Laurea in Infermieristica Sede Ospedale S.Pietro Fatebenefratelli Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di Laurea in Infermieristica Sede Ospedale S.Pietro Fatebenefratelli Anno Accademico 2014\2015 Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di Laurea in Infermieristica

Dettagli

La ricerca infermieristica, uno strumento per il cambiamento della pratica comune

La ricerca infermieristica, uno strumento per il cambiamento della pratica comune Concorso Regionale di borsa di studio per la ricerca infermieristica - 1 edizione anno 2007 La ricerca infermieristica: uno strumento per il cambiamento della pratica comune. Il coordinamento dei Collegi

Dettagli

INGLESE SCIENTIFICO 4 II Diritto del lavoro 2 PRINCIPI DI DIRITTO-ORGANIZZAZIONE SANITARIA E DELL'ASSISTENZA

INGLESE SCIENTIFICO 4 II Diritto del lavoro 2 PRINCIPI DI DIRITTO-ORGANIZZAZIONE SANITARIA E DELL'ASSISTENZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA (Presidente: Prof. Loreto Lancia) GUIDA AL RECUPERO DEI DEBITI FORMATIVI DI 1 LIVELLO (PER I POSSESSORI DEL TITOLO ABILITANTE DI INFERMIERE)

Dettagli

Università degli studi del Molise. Corso di Laurea in Infermieristica

Università degli studi del Molise. Corso di Laurea in Infermieristica Università degli studi del Molise Corso di Laurea in Infermieristica GUIDA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA a cura dei prof. Graziamaria Corbi e Bruno Moncharmont maggio 2011 LA TESI DI LAUREA Ai sensi

Dettagli

I primi 15 minuti. Breve guida al colloquio orale.

I primi 15 minuti. Breve guida al colloquio orale. I primi 15 minuti Breve guida al colloquio orale. L esame di stato. Normativa di riferimento. il colloquio ha inizio con un argomento o con la presentazione di esperienze di ricerca e di progetto, anche

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA TESI

LINEE GUIDA PER UNA TESI CONSORZIO EDITORIALE FRIDERICIANA LINEE GUIDA PER UNA TESI Indice degli argomenti 1. La scelta dell'argomento 2. La ricerca bibliografica 3. La schedatura dei testi 4. L'organizzazione delle idee 5. La

Dettagli

dipartimento di scienze della formazione, psicologia, comunicazione

dipartimento di scienze della formazione, psicologia, comunicazione Vademecum per la tesi di laurea, a cura di Gabriella Falcicchio NB: valido unicamente per laureande/i della docente, data la variabilità delle norme adottate dai singoli docenti per alcuni aspetti (bibliografia,

Dettagli

Guida alla stesura della tesi di laurea triennale

Guida alla stesura della tesi di laurea triennale Guida alla stesura della tesi di laurea triennale Cos è la tesi di laurea triennale La tesi di laurea triennale è l elaborato scritto che lo studente è tenuto a redigere a conclusione del proprio percorso

Dettagli

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Mirco Fasolo, Elisa Silvia Colombo, Federica Durante COME SCRIVERE LA TESI (E TESINA) DI LAUREA Una guida alla stesura degli elaborati scientifici www.booksprintedizioni.it

Dettagli

Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione

Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione I. Linee guida generali L elaborato finale va presentato, entro il termine perentorio di 30 giorni

Dettagli

NORME E CONSIGLI PER LA COMPILAZIONE DELLE TESI DI LAUREA MAGISTRALE

NORME E CONSIGLI PER LA COMPILAZIONE DELLE TESI DI LAUREA MAGISTRALE NORME E CONSIGLI PER LA COMPILAZIONE DELLE TESI DI LAUREA MAGISTRALE TESI ED ESAME DI LAUREA Per essere ammesso all esame di laurea lo studente deve aver superato tutti gli esami di profitto previsti dal

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ESAME FINALE DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE

REGOLAMENTO DELL ESAME FINALE DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE REGOLAMENTO DELL ESAME FINALE DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE Art. 1 Esame di Laurea Per essere ammesso a sostenere l Esame di Laurea, lo Studente deve aver seguito tutti

Dettagli

TESI DI LAUREA. 1. Questioni burocratiche. Quali sono le scadenze da rispettare? Bisogna pagare per laurearsi?

TESI DI LAUREA. 1. Questioni burocratiche. Quali sono le scadenze da rispettare? Bisogna pagare per laurearsi? TESI DI LAUREA 1. Questioni burocratiche... 1 2. Questioni contenutistiche... 3 3. Alcuni consigli... 5 1. Questioni burocratiche Quali sono le scadenze da rispettare? Tre mesi prima del giorno di discussione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA Dipartimento di Studi Umanistici Lettere, Beni culturali, Scienze della Formazione

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA Dipartimento di Studi Umanistici Lettere, Beni culturali, Scienze della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA Dipartimento di Studi Umanistici Lettere, Beni culturali, Scienze della Formazione REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DELLA TESI, LO SVOLGIMENTO E LA VALUTAZIONE DELL ESAME

Dettagli

DALLA BIBLIOTECA ALLA RETE

DALLA BIBLIOTECA ALLA RETE DALLA BIBLIOTECA ALLA RETE Come utilizzare il sito della Biblioteca Medica Parte prima Rita IORI Itala ROSSI Biblioteca Medica ASMN R.E. 2004 1 Obiettivi del sito Descrivere la Biblioteca Promuovere la

Dettagli

Regole di scrittura per elaborati di laurea triennale

Regole di scrittura per elaborati di laurea triennale Regole di scrittura per elaborati di laurea triennale Corso di studi in Informatica umanistica A cura di Mirko Tavosanis Basato su materiali preparati da Elena Sbrana Marzo 2009 1 Indice generale 1. Introduzione...3

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE MODALITA DI SVOLGIMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA E DELLA LAUREA MAGISTRALE

REGOLAMENTO DELLE MODALITA DI SVOLGIMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA E DELLA LAUREA MAGISTRALE Allegato al D.R. n 735 del 2 maggio 2006 REGOLAMENTO DELLE MODALITA DI SVOLGIMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA E DELLA LAUREA MAGISTRALE 1 CONSIDERAZIONI GENERALI L esame finale

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE Comunicazione, Formazione, Psicologia NORME GENERALI PROVA FINALE/ESAME DI LAUREA

DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE Comunicazione, Formazione, Psicologia NORME GENERALI PROVA FINALE/ESAME DI LAUREA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE Comunicazione, Formazione, Psicologia NORME GENERALI PROVA FINALE/ESAME DI LAUREA CARATTERISTICHE DELLA PROVA FINALE La prova finale dei corsi di laurea triennali è in forma

Dettagli

Regolamentazione delle Tesi di laurea

Regolamentazione delle Tesi di laurea Regolamentazione delle Tesi di laurea Vademecum della Commissione Didattica di Facoltà approvato nel Consiglio di Facoltà del 4 novembre 2009 Premessa. Dal Regolamento Didattico d Ateneo sulle prove finali

Dettagli

Dipartimento di Lettere Lingue Arti. Italianistica e culture comparate

Dipartimento di Lettere Lingue Arti. Italianistica e culture comparate Dipartimento di Lettere Lingue Arti. Italianistica e culture comparate Regolamento per la prova finale dei corsi di studio in Culture delle Lingue moderne e del Turismo (L-11) e Comunicazione linguistica

Dettagli

ESAME DI LAUREA - AA. 2012-2013

ESAME DI LAUREA - AA. 2012-2013 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona ESAME DI LAUREA - AA. 2012-2013 ELEMENTI INDICATIVI PER L ELABORAZIONE DELLA TESI DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Il Fascicolo

Dettagli

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA. (a cura del Dipartimento di Management)

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA. (a cura del Dipartimento di Management) GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA (a cura del Dipartimento di Management) Indice Finalità della Guida 1. Aspetti procedurali 1.1. Procedura per la presentazione del modulo di proposta tesi

Dettagli

DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA

DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA Marca da bollo da 16,00 DOMANDA DI AMMISSIONE ALL ESAME DI LAUREA Al Magnifico Rettore dell'università degli Studi di Brescia Il/la sottoscritto/a matr. cell. iscritto/a per l a.a. al anno/f.c. del seguente

Dettagli

Ordinario di Igiene, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di

Ordinario di Igiene, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Nursing avanzato per la sorveglianza epidemiologica e il controllo delle infezioni correlate ai processi assistenziali (ICPA) Livello I Crediti Formativi Universitari 60 Direttore Prof. Gabriele Romano

Dettagli

Università degli studi del Piemonte Orientale Facoltà di Scienze Politiche Corso di laurea in Servizio Sociale. Vademecum prova finale

Università degli studi del Piemonte Orientale Facoltà di Scienze Politiche Corso di laurea in Servizio Sociale. Vademecum prova finale Università degli studi del Piemonte Orientale Facoltà di Scienze Politiche Corso di laurea in Servizio Sociale Vademecum prova finale 1. La prova finale La prova finale consiste in un breve elaborato scritto,

Dettagli

Leggere le citazioni - per Infermieristica

Leggere le citazioni - per Infermieristica Leggere le citazioni - per Infermieristica di Laura Colombo Seminario per il primo anno del corso di laurea in Infermieristica Sede di Bergamo Università degli studi di Milano-Bicocca Monza, 11-12 dicembre

Dettagli

MASTER I LIVELLO ABILITANTE IN MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL INFERMIERISTICA e OSTETRICIA A.A. 2013-2014 INFORMAZIONI GENERALI

MASTER I LIVELLO ABILITANTE IN MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL INFERMIERISTICA e OSTETRICIA A.A. 2013-2014 INFORMAZIONI GENERALI MASTER I LIVELLO ABILITANTE IN MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL INFERMIERISTICA e OSTETRICIA A.A. 2013-2014 INFORMAZIONI GENERALI 1 RECAPITI UTILI Coordinatore Master Prof.ssa M.G. Cifone

Dettagli

Guida alla tesi di laurea

Guida alla tesi di laurea Università degli Studi di Genova Dipartimento di Scienze politiche Guida alla tesi di laurea Prof. Paolo Parra Saiani Anno Accademico 2013/2014 Bozza, vers. 1.1: si tratta di una versione provvisoria 1.

Dettagli

Procedura per la determinazione del voto di laurea Il voto finale di laurea è espresso in centodecimi, alla composizione del quale contribuiscono:

Procedura per la determinazione del voto di laurea Il voto finale di laurea è espresso in centodecimi, alla composizione del quale contribuiscono: Regolamento per la prova finale del corso di laurea in Sicurezza Igienicosanitaria degli Alimenti (SIA) in vigore dall anno di immatricolazione 2009-2010 ex DM 270/2004 Premessa La prova finale si concretizza

Dettagli

- in ragione di convenzioni od accordi avvenuti con enti ed amministrazioni pubbliche o private,

- in ragione di convenzioni od accordi avvenuti con enti ed amministrazioni pubbliche o private, UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN ARCHITETTURA LABORATORI DI SINTESI FINALE E TESI DI LAUREA 1. Nel corso di laurea magistrale a ciclo unico in Architettura

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI AGRARIA REGOLAMENTO ELABORATO FINALE LAUREA/TESI DI LAUREA MAGISTRALE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI AGRARIA REGOLAMENTO ELABORATO FINALE LAUREA/TESI DI LAUREA MAGISTRALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI AGRARIA REGOLAMENTO ELABORATO FINALE LAUREA/TESI DI LAUREA MAGISTRALE Art. 1 Riferimenti Normativi L articolo 21 del Regolamento didattico dell Università degli

Dettagli

Dove iniziare la ricerca bibliografica

Dove iniziare la ricerca bibliografica Information Literacy Oggi ci sono molte risorse a disposizione per lo studio dell ingegneria, per questo è importante saperle utilizzare con discrezionalità per essere certi di aver fatto un lavoro di

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE ALL ESAME DI LAUREA GIURISPRUDENZA

DOMANDA DI AMMISSIONE ALL ESAME DI LAUREA GIURISPRUDENZA Marca da bollo da 16,00 DOMANDA DI AMMISSIONE ALL ESAME DI LAUREA GIURISPRUDENZA Al Magnifico Rettore dell'università degli Studi di Brescia Il/la sottoscritto/a matr. residente a prov cap in via n recapito

Dettagli

Prova finale / Regole tipografiche

Prova finale / Regole tipografiche Prova finale / Regole tipografiche Copertina: scaricare dal sito http://www.unibg.it/provafinale il file della Facoltà di riferimento ed inserire i dati personali. Di seguito si forniscono indicazioni

Dettagli

Regolamentazione delle Tesi di laurea per il CdL in Scienze della Formazione Primaria

Regolamentazione delle Tesi di laurea per il CdL in Scienze della Formazione Primaria Regolamentazione delle Tesi di laurea per il CdL in Scienze della Formazione Primaria 1. Alcune norme per lo svolgimento della tesi di laurea del CdL in Scienze della Formazione primaria (Ordinamento previgente)

Dettagli

Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte.

Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte. Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte. Tutte le altre informazioni, non contenute in questo documento, potete trovarle nel sito http://www.ababo.it/aba/tesi/ Caratteristiche

Dettagli

Regolamento della prova finale

Regolamento della prova finale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE FACOLTÀ DI SCIENZE UMANE E SOCIALI Corso di Studio in Scienze della Comunicazione Regolamento della prova finale 1. CONSIDERAZIONI GENERALI L esame finale rappresenta

Dettagli

Consigli utili per ottimizzare tempo e risorse per scrivere la tua tesi

Consigli utili per ottimizzare tempo e risorse per scrivere la tua tesi Consigli utili per ottimizzare tempo e risorse per scrivere la tua tesi Assegnazione Il primo passo è quello di riuscire a farsi assegnare la tesi, che non è sempre così facile! A parte gli eterni esitanti

Dettagli

Corso di Laurea specialistica in SCIENZE DELLE PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE

Corso di Laurea specialistica in SCIENZE DELLE PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea specialistica in SCIENZE DELLE PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE Classe SNT_SPEC/02 Scienze delle professioni

Dettagli

TESI Laurea Triennale - Norme redazionali

TESI Laurea Triennale - Norme redazionali TESI Laurea Triennale - Norme redazionali Formattazione 1. I testi devono essere redatti utilizzando il font Times New Roman 2. Il corpo del carattere deve essere di 12 o 13 punti (le note vanno in corpo

Dettagli

GUIDA AL RECUPERO CREDITI FORMATIVI DI 1 LIVELLO

GUIDA AL RECUPERO CREDITI FORMATIVI DI 1 LIVELLO UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA (Presidente: Prof. Loreto Lancia) GUIDA AL RECUPERO CREDITI FORMATIVI DI LIVELLO (PER I POSSESSORI DEL TITOLO FORMATIVO EQUIPOLLENTE

Dettagli

Linee guida per la proposta degli Abstract*

Linee guida per la proposta degli Abstract* 3 rd International Congress of Coaching Psychology, 2013 - Italy Rome, 16-17 May Linee guida per la proposta degli Abstract* Dopo aver preso visione del documento si prega di completare il modulo di proposta

Dettagli

SCRIVERE LA TESI CON MICROSOFT WORD SENZA PROBLEMI

SCRIVERE LA TESI CON MICROSOFT WORD SENZA PROBLEMI SCRIVERE LA TESI CON MICROSOFT WORD SENZA PROBLEMI Centro Copia s.n.c. Via S. Francesco, 16/a 37129 Verona Tel. 045 8010753 - Fax 045 8021866 www.centrocopiavr.it e-mail: centrocopia.vr@tin.it Indice Premessa...

Dettagli

Università di Parma. Dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società. Come si scrive e presenta una tesi di laurea in storia medievale

Università di Parma. Dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società. Come si scrive e presenta una tesi di laurea in storia medievale Università di Parma Dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società Come si scrive e presenta una tesi di laurea in storia medievale Che cos è una tesi di laurea (prof.ssa Marina Gazzini) Per tesi di laurea

Dettagli

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE Kristiina Hayrinen, Kaija Saranto, Pirkko Nykanen. International Journal of Medical Infomratics

Dettagli

FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Università degli Studi di Bologna CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA LA TESI DI LAUREA GUIDA ALLA REALIZZAZIONE

FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Università degli Studi di Bologna CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA LA TESI DI LAUREA GUIDA ALLA REALIZZAZIONE FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Università degli Studi di Bologna CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA LA TESI DI LAUREA GUIDA ALLA REALIZZAZIONE 9 1. FINALITA DELLA TESI La tesi è un momento istituzionale

Dettagli

LINEE GUIDA. per la partecipazione alla. LSE Digital Innovation Challenge

LINEE GUIDA. per la partecipazione alla. LSE Digital Innovation Challenge LINEE GUIDA per la partecipazione alla LSE Digital Innovation Challenge Condizioni di partecipazione La Sapienza Università di Roma partecipa alla seconda edizione 2014-2015 della competizione sull Innovazione

Dettagli

TFA - Tirocinio Formativo Attivo VADEMECUM PROVA FINALE a.a. 2014/2015

TFA - Tirocinio Formativo Attivo VADEMECUM PROVA FINALE a.a. 2014/2015 TFA - Tirocinio Formativo Attivo VADEMECUM PROVA FINALE a.a. 2014/2015 SOMMARIO 1. SCADENZE 2 2. CARATTERISTICHE DELLA PROVA D ESAME FINALE 2 3. SCELTA ED ASSEGNAZIONE DEL RELATORE 2 4. CARATTERISTICHE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA NORME PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA DI LAUREA MAGISTRALE PRESSO IL DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, DEGLI ALIMENTI E DELL AMBIENTE A) ESAME DI LAUREA Art. 1 Ammissione

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

SCUOLA SUPERIORE PER MEDIATORI LINGUISTICI Carlo Bo. Corso di Diploma triennale in Scienze della Mediazione Linguistica

SCUOLA SUPERIORE PER MEDIATORI LINGUISTICI Carlo Bo. Corso di Diploma triennale in Scienze della Mediazione Linguistica SCUOLA SUPERIORE PER MEDIATORI LINGUISTICI Carlo Bo Corso di Diploma triennale in Scienze della Mediazione Linguistica Guida alla Dissertazione scritta di Prova finale 1. Premessa Con la dissertazione

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE ALL ESAME DI LAUREA

DOMANDA DI AMMISSIONE ALL ESAME DI LAUREA DOMANDA DI AMMISSIONE ALL ESAME DI LAUREA Marca da bollo da 16,00 DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT CORSI DI LAUREA SPECIALISTICA/MAGISTRALE Al Magnifico Rettore dell'università degli Studi di Brescia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERDIPARTIMENTALE IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE. Communication sciences

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERDIPARTIMENTALE IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE. Communication sciences UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERDIPARTIMENTALE IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE Communication sciences CLASSE DI LAUREA L-20 Ai sensi del D.M. n.270/2004

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica Classe di appartenenza: LM - 51 Clinical Psychology REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

SCADENZARIO PRIMA SESSIONE DI LAUREA A.A. 2013/2014

SCADENZARIO PRIMA SESSIONE DI LAUREA A.A. 2013/2014 SCADENZARIO PRIMA SESSIONE DI LAUREA A.A. 2013/2014 Corso di Laurea in Infermieristica - Sede di Rimini Per essere ammessi alla prova finale della Prima sessione 2013/2014, è necessario presentare domanda

Dettagli

DOMANDA DI LAUREA VECCHIO ORDINAMENTO DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

DOMANDA DI LAUREA VECCHIO ORDINAMENTO DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT Pag 1 di 5 Marca da bollo Valore vigente AL MAGNIFICO RETTORE dell'università degli Il/La sottoscritto/a matr. nato/a a prov. il residente in via comune prov CAP telefono fisso cellulare e-mail personale

Dettagli

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE 1. Le parti di una tesi/tesina... 2 L indice-sommario... 2 L elenco delle abbreviazioni/sigle... 2 La introduzione... 3 L elaborato... 3 Gli indici bibliografici...

Dettagli

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE... 1 1. Le parti di una tesi/tesina... 1 L indice-sommario... 1 L elenco delle abbreviazioni/sigle... 1 La introduzione...

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESAME FINALE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO, A.A. 2014-2015

LINEE GUIDA PER ESAME FINALE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO, A.A. 2014-2015 LINEE GUIDA PER ESAME FINALE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO, A.A. 2014-2015 ATTENZIONE: le informazioni riportate nel presente documento potranno essere oggetto di successive integrazioni. Date esami finali:

Dettagli

Dipartimento di Scienze Giuridiche. PARTE I Principi generali

Dipartimento di Scienze Giuridiche. PARTE I Principi generali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Regolamento didattico del Corso di Laurea in Economia e Commercio Laurea: Classe: Struttura di riferimento: Altre strutture di riferimento: Economia e Commercio Economics

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO ANNO ACCADEMICO 2009/2010

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO ANNO ACCADEMICO 2009/2010 MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO ANNO ACCADEMICO 2009/2010 PIANO DIDATTICO Istituzione del Master Presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA TRIENNALE

GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA TRIENNALE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA TRIENNALE Indice della guida 1. Come strutturare la tesi di laurea 1.1. Quali sono le parti in cui si articola la tesi di laurea?... 1 1.2. Cos'è il frontespizio?...

Dettagli

NORME RELATIVE ALL ELABORATO TRIENNALE E TESI MAGISTRALE

NORME RELATIVE ALL ELABORATO TRIENNALE E TESI MAGISTRALE Parte 5 NORME RELATIVE ALL ELABORATO TRIENNALE E TESI MAGISTRALE 5.1 PROVA FINALE LAUREA TRIENNALE 5.1.1 ASSEGNAZIONE DEL DOCENTE TUTORE Lo Studente deve presentare domanda di assegnazione del Docente-tutore

Dettagli

Indicazioni Tipografiche per la composizione dei lavori scritti

Indicazioni Tipografiche per la composizione dei lavori scritti Istituto Superiore di Scienze Religiose San Pietro Martire - Verona Indicazioni Tipografiche per la composizione dei lavori scritti (per chi utilizza Word o OpenOffice, le impostazioni sotto riportate

Dettagli

La tesi della Laurea magistrale in Lettere

La tesi della Laurea magistrale in Lettere La tesi della Laurea magistrale in Lettere 1. DEFINIZIONE. SCELTA DEL RELATORE E DEL CORRELATORE. SCELTA DELL ARGOMENTO. 1.1 Definizione. La prova finale del Corso di studio in Culture e tradizioni del

Dettagli

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto. OFTALMICO DI MILANO Posizione Organizzativa - Corso di Laurea in Infermieristica

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto. OFTALMICO DI MILANO Posizione Organizzativa - Corso di Laurea in Infermieristica INFORMAZIONI PERSONALI Nome Fanari Francesco Data di nascita 20/06/1962 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Collaboratore Professionale Sanitario Esperto AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli