MANUALE PER L UTILIZZO DEI LOGHI.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE PER L UTILIZZO DEI LOGHI."

Transcript

1 PER L UTILIZZO DEI LOGHI.

2 2 MANUALE

3 Indice Dimensioni reali e Proporzioni Colori Font Usi impropri Carta intestate Biglietti da visita Buste da lettera Copertine Fax Copertine CD & DVD Impaginazioni per cuminicazioni A3, A4, A Slides PowerPoint Glossario

4 Presentazione del logo. Sono stati realizzati tre nuovi loghi identificativi di: 1. Istituti Fisioterapici Ospitalieri, si perde graficamente l antica denominazione e si adottano i nomi dei due Istituti che costitui scono l Ente. 2. Istituto Dermatologico Santa Maria e San Gallicano 3. Istituto Nazionale Tumori Regina Elena l Loghi dell Ente è stati depositati il 29 settembre 2009 presso la Camera di Commercio con numero identificativo RM2009C Il Marchio (elemento grafico distintivo) è costituito da due elementi stilizzati, attraverso i quali si ricordano le attività primarie dell IRE e dell ISG. 1. Quello di sinistra rappresenta un microscopio, strumento per eccellenza dell attività dei nostri due Istituti. 2. Quello di destra rappresenta la persona protesa in un abbraccio, perché la persona è al centro delle nostre attività: clinica e di ricerca. 3. I due elementi uniti, creano un terzo elemento centrale, il cuore, simbolo della generosità e dell attenzione di cui tutti ci facciamo portatori verso tutte le persone. Al marchio vengono affiancate le denominazioni degli Istituti: - L acronimo: IRE e ISG - Istituto Nazionale Tumori Regina Elena e Istituto Dermatologico San Gallicano - Istituto di Ricerca e cura a carattere scientifico Il nuovo logo, costituito da marchio e denominazione, esprime l identità dei nostri Istituti nella loro univocità e puculiarità. Tutte le direttive per il suo utilizzo servono a tutelare l immagine dell Ente. Il logo potrà essere richiesto secondo le modalità descritte nel Regolamento per l utilizzo e la concessione del patrocinio del logo consultabile nell area riservata del sito web dell Ente e dove è possibile scaricare la Scheda per la richiesta dell utilizzo e/o patrocinio del logo in cui saranno indicate le iniziative e le finalità di utilizzo. Il suo corretto utilizzo viene delineato dall apposito Manuale per l utilizzo del logo (allegato A del Regolamento) e chiunque sia stato autorizzato a disporre del logo e/o del marchio dovrà attenersi alle indicazioni ivi contenute. Gli Istituti hanno la proprietà esclusiva del logo e si riservano di attivare nei casi specifici, azioni a difesa dell utilizzo improprio o a salvaguardia della contraffazione e/o alterazione dello stesso. Utilizzo del manuale. 4 Questo manuale, in formato PDF, contiene tutte le informazioni necessarie per un corretto utilizzo del logo. La riproduzione del logo deve avvenire utilizzando solo supporti digitali forniti dall Ufficio Stampa. Copie riprodotte da altre fonti o dagli esempi riportati nel manuale sono da evitare.

5 Dimensioni reali e Proporzioni 5

6 Dimensioni reali e Proporzioni Dimensioni reali e Proporzioni. Le dimensioni reali sono il punto di partenza per ingrandimenti e riduzioni che devono sempre essere correttamente proporzionati. Ogni logo ha una dimensione minima per poter vivere, al di sotto della quale diventerebbe inutilizzabile. Nel seguente capitolo vengono identificate le dimensioni minime di ciascun logo e indicate le distanze minime di rispetto, ovvero l area che deve contornare sempre il logo. Il logo dell Ente ha una dimensione reale di 198mm x 40mm e minima di 60 mm Il logo del San Gallicano ha una dimensione reale di 152mm x 40mm e minima di 46 mm Il logo del Regina Elena ha una dimensione reale di 152mm x 40mm e minima di 46 mm Il logo Short dell Ente ha una dimensione reale di 50mm x 106mm e minima di 21 mm Il logo Short dell ISG ha una dimensione reale di 50mm x 81mm e minima di 10 mm Il logo Short dell IRE ha una dimensione reale di 50mm x 81mm e minima di 10 mm Il marchio ha una dimensione reale di 50mm x 50mm e minima di 10 mm La proporzione dei loghi va sempre mantenuta sia nella riduzione che nell ingrandimento. Per modificare le dimensioni del logo e mantenere le proporzioni procedere con le seguenti indicazioni: 1. Selezionare il logo 2. posizionare il cursore su uno dei 4 angoli del riquadro 3. tenere premuto il tasto shift (freccia in alto) e contemporaneamente spostare il cursore per ingrandire o ridurre l immagine N.B.: - I loghi short si utilizzano in casi particolari, valutati di volta in volta. L autorizzazione all utilizzo del logo deve intendersi sempre ed esclusivamente collegato all iniziativa specifica e solo per il periodo corrispondente. 6

7 Dimensioni reali e Proporzioni LOGOTIPO: 50mm x 50mm. IL Marchio, da solo si utilizza per la seconda pagina della carta intestata. 10 mm LOGOTIPO ENTE SHORT 50mm x 106mm. Il Logo Short dell Ente, si utilizza in casi particolari che dovranno essere valuti di volta in volta. 0,15 x x 7

8 Dimensioni reali e Proporzioni LOGOTIPO ISG SHORT 50mm x 81mm. Logo Short identificativo dell Istituto Dermatologico Santa Maria e San Gallicano 10 mm LOGOTIPO IRE SHORT 50mm x 81mm. Logo Short identificativo dell Istituto Nazionale Tumori Regina Elena 8 10 mm

9 Dimensioni reali e Proporzioni LOGOTIPO ENTE: 198mm x 40mm. Istituti Fisioterapici Ospitalieri : il nuovo logo dell Ente. DIMENSIONE MINIMA. 9

10 Dimensioni reali e Proporzioni LOGOTIPO ISG: 152mm x 40mm. Logo identificativo dell Istituto Dermatologico Santa Maria e San Gallicano DIMENSIONE MINIMA. LOGOTIPO IRE: 152mm x 40mm. Logo identificativo dell Istituto Nazionale Tumori Regina Elena DIMENSIONE MINIMA. 10

11 Colori 11

12 Colori Introduzione ai Colori. I nuovi loghi utilizzano 3 colori che possono essere definiti per semplicità: rosso amaranto nero L esatta gradazione del colore viene definita dal pantone così come indicato nelle pagine seguenti. La gradazione del pantone non può essere modificata. Anche il logo in bianco e nero ha un proprio pantone, ma tale versione ha un utilizzo limitato e solo per esigenze particolari (ad es. stampa quotidiani) approvate come da regolamento d uso. Sfondi e colori L utilizzo del logo a colori è sempre in trasparenza e possibilmente su fondo bianco. Può vivere applicato su fondi molto chiari: PANTONE 5155 C PANTONE Cool Gray 7C Su sfondi scuri come negli esempi illustrati di seguito, viene utilizzato il logo nella versione in negativo. Bozze di stampati e utilizzi diversi da quelli consigliati saranno sempre concordati con l Ufficio Stampa prima che la Direzione Generale conceda il Nulla Osta. N.B.: per quanto possibile è sempre preferibile utilizzare il logo a colori 12

13 Colori LOGOTIPO A COLORI E BIANCO/NERO. 13

14 Colori LOGOTIPO IN NEGATIVO E SU PANTONI FORTI. LOGOTIPO SU SFONDO COLORATO. 14

15 LOGOTIPO A COLORI E BIANCO/NERO. Colori 15

16 Colori LOGOTIPO IN NEGATIVO. 16

17 Font 17

18 Font Introduzione ai Font. Il nome del Dipartimento e del reparto è sempre allineato a sinistra e scritto in carattere: DIN Regular, maiuscoletto e neretto. Le personalizzazioni : nome responsabile e collaboratori, recapiti, sono scritte in: DIN regular. La stampa tipografica utilizza sempre il font: DIN. La redazione del testo utilizza le seguenti alternative di font: Arial, Calibri e Verdana. Si ricorda che per garantire la leggibilità dei testi la pubblica amministrazione è tenuta ad utilizzare come grandezza del carattere il corpo

19 Font 19

20 Usi impropri 20

21 Usi impropri Introduzione agli Usi impropri. Gli usi impropri sono disciplinati come indicato nell art.13 del Regolamento di utilizzo del logo dell Ente, consultabile e scaricabile (art. 3) dal sito dell Ente. Vi si accede con password o da intranet (da richiedere a Ufficio Stampa). Di seguito vengono indicati graficamente gli usi impropri dei loghi. L Ufficio Stampa offre tutto il supporto necessario, per l utilizzo dei vari file, per eventuali dubbi sul corretto utilizzo e per verifiche grafiche sull appropriatezza. N.B. Non è possibile smenbrare la composizione del logo. 21

22 Usi impropri 22

23 Carte intestate 23

24 Carte intestate Tutte le carte intestate sono composte da elementi fissi ed elementi variabili già impostati e già inseriti. Gli elementi variabili potranno essere personalizzati secondo le proprie esigenze, ma sempre attenendosi alle indicazioni stabilite. Le carte intestate sono così distinte: Carta intestata ENTE. La carta intestata Ente in uso a Direzione Generale, Direzione Amministrativa, Direzione Sanitaria Aziendale e Consiglio di Indirizzo e Verifica. Il logo dell ente è in posizione centrale. La carta è personalizzata per la singola direzione in maiuscolo nella parte centrale sotto il logo, e per i direttori/presidente, a sinistra. Nella seconda pagina è presente solo il marchio sempre in posizione centrale. La carta dell ente semplice viene personalizzata dai singoli responsabili degli uffici nel piè di pagina, dove indicano il proprio nome, telefono, mail per le comunicazioni interne, mentre per le comunicazioni esterne è obbligatorio aggiungere i dati dell ente: indirizzo, codice fiscale e partita iva, sito web. I secondi fogli riportano solo il marchio, centrato nell intestazione. Carta intestata IRE e Carta intestata ISG. in uso alla Direzione Scientifica, Direttori di Dipartimento, Responsabili di Struttura e ambulatori/servizi afferenti. Il logo è allineato a sinistra, così come la personalizzazione della Direzione scientifica. Le direzioni possono usare la carta intestata con la banda laterale a sinistra dove verranno riportati tutti i dati del dipartimento/struttura. La banda grigia non va modificata (es. ridotta in lunghezza, larghezza contornata con bordi, utilizzata senza fondo grigio). In alternativa si utilizza la carta intestata semplice che ha allineato a sinistra il nome della struttura in maiuscolo e il nome del responsabile. La carta intestata semplice è il riferimento per la creazione della modulistica ad uso interno ed esterno. I secondi fogli riportano solo il marchio base, allineato anch esso a sinistra. In tutte le carte intestate la Ragione Sociale, indirizzo, sito, ecc. vengono riportati nel pié di pagina. 24

25 Carta intestata ENTE CARTA INTESTATA DIREZIONE GENERALE (Il Direttore Generale). 8mm 13mm 108mm 21mm 5mm 3mm 10mm 4mm DIN Regular 10pt Times New Roman italic 12pt 2mm 8mm DIN Regular 7pt 25

26 Carta intestata ENTE CARTA INTESTATA DIREZIONE GENERALE. 8mm 13mm 108mm 21mm 5mm 3mm DIN Regular 10pt 2mm 8mm DIN Regular 7pt 26

27 Carta intestata ENTE CARTA INTESTATA DIREZIONE AMMINISTRATIVA (Il Direttore). 8mm 13mm 108mm 21mm 5mm 3mm 10mm 4mm DIN Regular 10pt Times New Roman italic 12pt 2mm 8mm DIN Regular 7pt 27

28 Carta intestata ENTE CARTA INTESTATA DIREZIONE AMMINISTRATIVA. 8mm 13mm 108mm 21mm 5mm 3mm DIN Regular 10pt 2mm 8mm DIN Regular 7pt 28

29 Carta intestata ENTE CARTA INTESTATA DIREZIONE SANITARIA AZIENDALE (Il Direttore). 8mm 13mm 108mm 21mm 5mm 3mm 10mm 4mm DIN Regular 10pt Times New Roman italic 12pt 2mm 8mm DIN Regular 7pt 29

30 Carta intestata ENTE CARTA INTESTATA DIREZIONE SANITARIA AZIENDALE. 8mm 13mm 108mm 21mm 5mm 3mm DIN Regular 10pt 2mm 8mm DIN Regular 7pt 30

31 Carta intestata ENTE CARTA INTESTATA CONSIGLIO DI INDIRIZZO E VERIFICA (Il Presidente). 8mm 13mm 108mm 21mm 5mm 3mm 10mm 4mm DIN Regular 10pt Times New Roman italic 12pt 2mm 8mm DIN Regular 7pt 31

32 Carta intestata ENTE CARTA INTESTATA CONSIGLIO DI INDIRIZZO E VERIFICA. 8mm 13mm 108mm 21mm 5mm 3mm DIN Regular 10pt 2mm 8mm DIN Regular 7pt 32

33 Carta intestata ENTE CARTA INTESTATA ENTE SEMPLICE. 8mm 13mm 108mm 21mm 2mm 8mm DIN Regular 7pt 33

34 Carta intestata ENTE CARTA INTESTATA ENTE SECONDA PAGINA. 8mm 16mm 16mm 34

35 Carta intestata ISG CARTA INTESTATA ISG. 8mm 13mm 82mm 21mm 8mm 3mm DIN Regular 10pt 16mm DIN Regular 5pt 2mm 8mm DIN Regular 7pt :Sezione modificabile dal dipartimento o reparto. 35

36 Carta intestata ISG CARTA INTESTATA ISG SEMPLICE. 8mm 13mm 82mm 21mm 2mm 8mm DIN Regular 7p 36

37 Carta intestata ISG CARTA INTESTATA ISG SECONDA PAGINA. 8mm 13mm 16mm 16mm 37

38 Carta intestata ISG CARTA INTESTATA, DIRETTORE SCIENTIFICO ISG (Il Direttore). 8mm 13mm 82mm 21mm 5mm 3mm 10mm 4mm DIN Regular 10pt Times New Roman italic 12pt 2mm 8mm DIN Regular 7pt 38

39 Carta intestata IRE CARTA INTESTATA IRE. 8mm 13mm 82mm 21mm 8mm 3mm DIN Regular 10pt 16mm DIN Regular 5pt 2mm 8mm DIN Regular 7pt :Sezione modificabile dal dipartimento o reparto. 39

40 Carta intestata IRE CARTA INTESTATA IRE SEMPLICE. 8mm 13mm 82mm 21mm 2mm 8mm DIN Regular 7pt 40

41 Carta intestata IRE CARTA INTESTATA IRE SECONDA PAGINA. 8mm 13mm 16mm 16mm 41

42 Carta intestata IRE CARTA INTESTATA IRE, DIRETTORE SCIENTIFICO (Il Direttore). 8mm 13mm 82mm 21mm 5mm 3mm 10mm 4mm DIN Regular 10pt Times New Roman italic 12pt 2mm 8mm DIN Regular 7pt 42

43 Biglietti da visita 43

44 Biglietti da visita Introduzione ai Biglietti da visita. Il biglietto da visita, come la carta intestata ha elementi fissi che non possono essere modificati, mentre va personalizzato con i propri riferimenti. All interno della grafica definita, si utilizzano i seguenti font: per il nome: Din Regular, corpo 12 pt per la qualifica: Big Caslon Medium, corpo 6 pt (Maiuscolo) 44

45 Biglietti da visita BIGLIETTO DA VISITA ENTE (85mm x 50mm). 4mm 13mm 9mm 67mm 45

46 Biglietti da visita BIGLIETTO DA VISITA ISG CON NOME DIPARTIMENTO O REPARTO (85mm x 50mm). 4mm 13mm 14mm 51mm BIGLIETTO DA VISITA ISG SEMPLICE (85mm x 50mm). 4mm 13mm 14mm 51mm 46

47 Biglietti da visita BIGLIETTO DA VISITA IRE CON NOME DIPARTIMENTO O REPARTO (85mm x 50mm). 4mm 13mm 14mm 51mm BIGLIETTO DA VISITA IRE SEMPLICE (85mm x 50mm). 4mm 13mm 14mm 51mm 47

48 Buste da lettera 48

49 Buste ENTE BUSTA ENTE 180mm x 120mm. 15mm 108mm 21mm DIN Regular 7pt 10mm 11mm 49

50 Buste ENTE BUSTA ENTE 190mm x 260mm. 15mm 108mm 21mm DIN Regular 7pt 50 13mm 11mm

51 Buste ENTE BUSTA ENTE 230mm x 110mm. 14mm 108mm 21mm DIN Regular 7pt 12mm 15mm 51

52 Buste ENTE BUSTA ENTE 330mm x 230mm. 15mm 14mm 21mm 13mm 108mm DIN Regular 7pt 52

53 Buste ENTE BUSTA ENTE Nominativa Direzione Generale 180mm x 120mm. 16mm Times New Roman italic 12pt 16mm 4mm 15mm 108mm 21mm DIN Regular 7pt 10mm 11mm 53

54 Buste ENTE BUSTA ENTE Nominativa Direzione Generale 190mm x 260mm. 16mm Times New Roman italic 12pt 16mm 4mm 15mm 108mm 21mm DIN Regular 7pt 54 13mm 11mm

55 Buste ENTE BUSTA ENTE Nominativa Direzione Generale 230mm x 110mm. 16mm Times New Roman italic 12pt 16mm 14mm 108mm 21mm DIN Regular 7pt 12mm 15mm 55

56 Buste ISG BUSTA ISG 180mm x 120mm. 15mm 83mm 21mm 10mm DIN Regular 7pt 11mm 30mm 56

57 Buste ISG BUSTA ISG 190mm x 260mm. 15mm 83mm 21mm 10mm 13mm 30mm DIN Regular 7pt 57

58 Buste ISG BUSTA ISG 230mm x 110mm. 14mm 83mm 21mm 15mm DIN Regular 7pt 12mm 35mm 58

59 Buste ISG BUSTA ISG 330mm x 230mm. 14mm 34mm 15mm 21mm 13mm 83mm DIN Regular 7pt 59

60 Buste IRE BUSTA IRE 180mm x 120mm. 15mm 83mm 21mm 10mm DIN Regular 7pt 11mm 30mm 60

61 Buste IRE BUSTA IRE 190mm x 260mm. 15mm 83mm 21mm 10mm 13mm 30mm DIN Regular 7pt 61

62 Buste IRE BUSTA IRE 230mm x 110mm. 14mm 83mm 21mm 15mm DIN Regular 7pt 12mm 35mm 62

63 Buste IRE BUSTA IRE 330mm x 230mm. 14mm 34mm 15mm 21mm 13mm 83mm DIN Regular 7pt 63

64 Copertine Fax 64

65 Copertina Ente 8mm 13mm 108mm 21mm Fax A: FAX: TELEONO: RIF: [Nome destinatario] [Numero di fax destinatario] [Oggetto] [Numero di telefono destinatario] DA: PAGINE: DATA: CC: 2796 [Numero di pagine] [Selezionare la data] [Nomi] Urgente Da approvarer ichiesta commentir isposta necessaria Da inoltrare Commenti: 65

66 Copertina ISG 8mm 13mm 82mm 21mm Fax A: FAX: TELEONO: RIF: [Nome destinatario] [Numero di fax destinatario] [Oggetto] [Numero di telefono destinatario] DA: PAGINE: DATA: CC: 2796 [Numero di pagine] [Selezionare la data] [Nomi] Urgente Da approvarer ichiesta commentir isposta necessaria Da inoltrare Commenti: 2mm 8mm DIN Regular 7p 66

67 Copertina IRE 8mm 13mm 82mm 21mm Fax A: FAX: TELEONO: RIF: [Nome destinatario] [Numero di fax destinatario] [Oggetto] [Numero di telefono destinatario] DA: PAGINE: DATA: CC: 2796 [Numero di pagine] [Selezionare la data] [Nomi] Urgente Da approvarer ichiesta commentir isposta necessaria Da inoltrare Commenti: 2mm 8mm DIN Regular 7pt 67

68 Copertine CD & DVD 68

69 Label CD-Rom ENTE 31mm 16mm Testo di Esempio. 69

70 Copertina CD-Rom ENTE 8mm 84mm 9mm 17mm Testo di Esempio. 70

71 Copertina DVD ENTE 83mm 33mm 9mm 17mm Testo di Esempio. 71

72 Label CD-Rom ISG 14mm 23mm Testo di Esempio. 72

73 Copertina CD-Rom ISG 8mm 64mm 9mm 17mm Testo di Esempio. 73

74 Copertina DVD ISG 64mm 51mm 9mm 17mm Testo di Esempio. 74

75 Label CD-Rom IRE 14mm 23mm Testo di Esempio. 75

76 Copertina CD-Rom IRE 8mm 64mm 9mm 17mm Testo di Esempio. 76

77 Copertina DVD IRE 64mm 51mm 9mm 17mm Testo di Esempio. 77

78 Impaginazioni per cumunicazioni A3, A4, A5 78

79 Impaginazione A3, A4, A5 ENTE 21mm 27mm 15mm 107mm 102mm 59mm 79

80 Slides PowerPoint 80

81 Slide Power Point ENTE Prima pagina. 886px 143px 300px 180px Testo di Esempio. Testo di Esempio. DIN Regular 50pt 81

82 Slide Power Point ENTE Seconda pagina. 165px 23px 78px 16px 49px 74px 82

83 Slide Power Point ISG Prima pagina. 667px 143px 300px 177px Testo di Esempio. Testo di Esempio. DIN Regular 50pt 83

84 Slide Power Point ISG Seconda pagina. 23px 115px 16px 52px 74px 84

85 Slide Power Point IRE Prima pagina. 667px 143px 300px 177px Testo di Esempio. Testo di Esempio. DIN Regular 50pt 85

86 Slide Power Point IRE Seconda pagina. 23px 115px 16px 52px 74px 86

87 Glossario. Allineamento: Disposizione degli elementi grafici (immagini o testo) lungo una linea orizzontale o verticale Area di rispetto: Zona vicino al Marchio da non occupare con testi/immagini Marchio/logo: Il marchio è il solo elemento grafico; il logo è l integrazione del Marchio/Logotipo e delle denominazioni Pms (Pantone matching system): Sistema di catalogazione dei colori tramite codice numerico di riferimento Interlinea: Distanza verticale tra due righe di testo consecutive Corpo: Font: Quadricromia: Processo di stampa a quattro colori di cui Cyan, Magenta, Giallo e Nero vengono combinati per rappresentare l intera gamma dei colori. 87

88 ISTITUTI FISIOTERAPICI OSPITALIERI Via Elio Chianesi, Roma Tel

Linee guida di utilizzo del marchio

Linee guida di utilizzo del marchio Linee guida di utilizzo del marchio Indice 1. Marchio + logotipo 1.1 Caratteristiche generali 1.2 Schema costruttivo del marchio + logotipo 1.3 Dimensioni minime del marchio + logotipo 1.4 Colori e valori

Dettagli

Indice MANUALE D IDENTITÀ. 1. Il logo POSIDONIA pag. 04. 2. Il logo a quattro colori (CMYK) pag. 05. 3. Il logo in bianco e nero pag.

Indice MANUALE D IDENTITÀ. 1. Il logo POSIDONIA pag. 04. 2. Il logo a quattro colori (CMYK) pag. 05. 3. Il logo in bianco e nero pag. Manuale d identità Indice MANUALE D IDENTITÀ 1. Il logo POSIDONIA pag. 04 2. Il logo a quattro colori (CMYK) pag. 05 3. Il logo in bianco e nero pag. 06 4. Il logo a due colori pag. 07 5. Il logo Posidonia

Dettagli

MANUALE D IDENTITà VISIVA

MANUALE D IDENTITà VISIVA MANUALE D IDENTITà VISIVA INDICE MARCHIO E LOGOTIPO 3. Il logo originale 3. Il logo.it 4. Colori in quadricromia 4. Colori dichiarati Pantone 4. Colori dichiarati RAL 5. Logo monocromatico nero 6. Logo

Dettagli

IMMAGINE COORDINATA: GUIDELINES E APPLICAZIONI

IMMAGINE COORDINATA: GUIDELINES E APPLICAZIONI IMMAGINE COORDINATA: GUIDELINES E APPLICAZIONI MARCHIO E SUE VARIANTI SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA IMMAGINE COORDINATA: GUIDELINES E APPLICAZIONI PAG. 2 MARCHIO ORIZZONTALE COMPLETO Il marchio ufficiale

Dettagli

Elementi base. Giugno 2007. Manuale di Identità Visiva Sapienza Università di Roma

Elementi base. Giugno 2007. Manuale di Identità Visiva Sapienza Università di Roma Elementi base Giugno 2007 Elementi Base. Marchio L emblema della Sapienza è costituito da un ovale, di colore porpora, nel quale sono inscritti un cherubino, sovrastato da una fiammella, e la dicitura

Dettagli

Linea dirigenziale 06 Biglietto da visita

Linea dirigenziale 06 Biglietto da visita D. Stampati di presentazione Indice Premessa Linea operativa 01 Biglietto da visita 02 Copertina Power Point ed esempio di slide con testo e grafico 03 Esempio di slide solo testo e testo e immagini 04

Dettagli

MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA ELEMENTI BASE

MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA ELEMENTI BASE MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA ELEMENTI BASE Nuovo logo Uilm, 2013 A.01 Elementi base. Marchio/logo Uilm. Versione colore quadricromia Versione bianco/nero tinte piatte C 100 M 70 Y 0 K 60 C 0 M 100 Y 100

Dettagli

MANUALE IMMAGINE COORDINATA

MANUALE IMMAGINE COORDINATA MANUALE IMMAGINE COORDINATA PREMESSA Per il restyling del logo della Fondazione si è voluto percorrere strade diverse dal neurone attuale, sviluppando una proposta grafica incentrata sulle iniziali della

Dettagli

F EDERAZIONE ITALIANA DI ATLETICA LEGGERA. Linee Guida della Corporate Identity Manuale d uso del logo e delle sue applicazioni

F EDERAZIONE ITALIANA DI ATLETICA LEGGERA. Linee Guida della Corporate Identity Manuale d uso del logo e delle sue applicazioni Linee Guida della Corporate Identity Manuale d uso del logo e delle sue applicazioni Linee Guida della Corporate Identity Federazione Italiana di Atletica Leggera - aprile 2011 Indice Premessa Nome e acronimo

Dettagli

ANCIS Srl I 20122 Milano Viale Bianca Maria 35 segreteria@ancis.it

ANCIS Srl I 20122 Milano Viale Bianca Maria 35 segreteria@ancis.it Regolamento per l utilizzo dei marchi di certificazione RM Pagina 1 di 6 Indice STATO DEL DOCUMENTO... 2 1 SCOPO DEL REGOLAMENTO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 2 DIMENSIONI... 4 3 DECLARATORIE... 4 4 SPECIFICHE

Dettagli

Manuale di immagine coordinata

Manuale di immagine coordinata Manuale di immagine coordinata Città di Minerbio perché un immagine coordinata La volontà di ricorrere alla stesura di un manuale di immagine coordinata nasce dall esigenza di rinnovare e razionalizzare

Dettagli

INDICE. Manuale di Identità Visiva ISTITUTO NAZIONALE DI OTTICA. LETTERING Pag.1 - Trajan Pro Pag.2 - Arial

INDICE. Manuale di Identità Visiva ISTITUTO NAZIONALE DI OTTICA. LETTERING Pag.1 - Trajan Pro Pag.2 - Arial INDICE LETTERING Pag.1 - Trajan Pro Pag.2 - Arial LOGO Pag.3 - Logo Pag.4 - Logo con acronimo CARTA DA LETTERE Pag.5 - Carta da lettere Pag.6 - Carta da lettere segue Pag.7 - Carta da lettere con logo

Dettagli

Questo manuale ha un fine pratico: guidare chi se ne debba servire

Questo manuale ha un fine pratico: guidare chi se ne debba servire Questo manuale ha un fine pratico: guidare chi se ne debba servire all uso corretto del marchio Regione Emilia-Romagna Cultura d Europa. Il suo segno infatti, fortemente composito e ricco, deve connotare

Dettagli

Manuale sull applicazione del Marchio ad uso pubblicitario

Manuale sull applicazione del Marchio ad uso pubblicitario Manuale sull applicazione del Marchio ad uso pubblicitario SOMMARIO Introduzione 3 Versione positiva - Quadricromia 5 Versione negativa - Quadricromia 7 Versione positiva - 1 colore 9 Versione negativa

Dettagli

Modulistica. Giugno 2007. Manuale di Identità Visiva Sapienza Università di Roma

Modulistica. Giugno 2007. Manuale di Identità Visiva Sapienza Università di Roma Modulistica Giugno 2007 Modulistica. Stampati per corrispondenza. Linea operativa Carta intestata Formato: 210x297 mm. Marchio/Logo: PMS 202 EC. Carta: Fedrigoni Splendorgel Extrawhite 100/115 gr/m 2 o

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 53 DEL 27 NOVEMBRE 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 53 DEL 27 NOVEMBRE 2006 REGIONECAMPANIA Giunta Regionale Seduta del 30 ottobre 2006 Deliberazione N. 1740 Area Generale di Coordinamento N. 13 Sviluppo Attività Settore Terziario DGRC n. 1595 del 13/10/2006: Adozione Marchio

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria Regione Calabria ARPACAL Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria MANUALE DI COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE Elementi di base del Marchio-Logo istituzionale dell ARPACAL (Agenzia Regionale

Dettagli

Manuale di immagine coordinata

Manuale di immagine coordinata Manuale di immagine coordinata LOGO A LOGO A COLORI B LOGO IN BIANCO E NERO C LOGO IN NEGATIVO UTILIZZO NON CORRETTO DEL LOGO Non spostare i singoli elementi: non cambiare i colori: Non deformare le proporzioni:

Dettagli

CERTIFICAZIONE. UN VALORE DA COMUNICARE. DRAFT. DNV Business Assurance Marchio di Certificazione del Sistema di Gestione Manuale d uso.

CERTIFICAZIONE. UN VALORE DA COMUNICARE. DRAFT. DNV Business Assurance Marchio di Certificazione del Sistema di Gestione Manuale d uso. CERTIFICAZIONE. UN VALORE DA COMUNICARE. DNV Business Assurance Marchio di Certificazione del Sistema di Gestione Manuale d uso Aprile 2011 1. Introduzione. Le certificazioni del sistema di gestione rilasciate

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA. Normativa Grafica

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA. Normativa Grafica Normativa Grafica Normativa Grafica Indice 1. Forme e dimensioni 1.1 Logotipo 1.2 Isotipo 1.3 Logotipo + Isotipo 1.4 Riduzioni 1 1.5 Riduzioni 2 1.6 Riduzioni 3 2. Colori 2.1 Colori sociali 2.2 Positivo

Dettagli

SALUTE LAZIO SISTEMA SANITARIO REGIONALE MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA

SALUTE LAZIO SISTEMA SANITARIO REGIONALE MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA SALUTE LAZIO SISTEMA SANITARIO REGIONALE MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA Versione 2.1. Maggio 2014 ELEMENTI BASE Versione 2.1. Maggio 2014 ELEMENTI BASE INDICE DELLA SEZIONE IL MARCHIO.............................

Dettagli

Regolamento per l uso del logo e per la concessione del patrocinio dell Università degli Studi Roma Tre

Regolamento per l uso del logo e per la concessione del patrocinio dell Università degli Studi Roma Tre Area Affari Generali Ufficio Convenzioni, Regolamenti ed Elezioni Regolamento per l uso del logo e per la concessione del patrocinio dell Università degli Studi Roma Tre Art. Oggetto. Il presente regolamento

Dettagli

QUALE UTILIZZARE COME

QUALE UTILIZZARE COME IL MARCHIO QUALE UTILIZZARE APPLICARLO UTILIZZARLO VERSIONE PRINCIPALE DEL MARCHIO QUALE Da utilizzare nella maggior parte degli strumenti destinati alla comunicazione interna ed esterna. Il marchio potrà

Dettagli

ASSOBIOMEDICA 2014 GUIDA ALL UTILIZZO DEL LOGO

ASSOBIOMEDICA 2014 GUIDA ALL UTILIZZO DEL LOGO ASSOBIOMEDICA 2014 GUIDA ALL UTILIZZO DEL LOGO 2 ASSOBIOMEDICA 2014 GUIDA ALL UTILIZZO DEL LOGO Il Logo ASSOBIOMEDICA è costituido da tre elementi: il simbolo, il lettering e la dicitura SIMBOLO LETTERING

Dettagli

01 LOGOTIPO. manuale d identità visiva

01 LOGOTIPO. manuale d identità visiva MANUALE D IDENTITà VISIVA 01 LOGOTIPO 1.1 Elementi di base Due sono gli elementi che compongono il Logotipo della Croce Rossa Italiana: la croce rossa all interno dei due cerchi con il testo e la scritta,

Dettagli

Manuale di identità. AZIONE 550 Marchio Consortile CONSORZIO RIPOPOLAMENTO ITTICO GOLFO DI PATTI

Manuale di identità. AZIONE 550 Marchio Consortile CONSORZIO RIPOPOLAMENTO ITTICO GOLFO DI PATTI Manuale di identità relativo al marchio consortile del Consorzio ripopolamento ittico Golfo di Patti AZIONE 550 Marchio Consortile Manuale di identità relativo al marchio consortile del Consorzio ripopolamento

Dettagli

Immagine istituzionale

Immagine istituzionale Immagine istituzionale Studio del logotipo e degli strumenti di comunicazione 15 marzo 2008 marcingegno / kitcen Indice logotipo e variazioni cromatice 5 logo orizzontale e verticale 6 logotipo 7 font

Dettagli

musei civici fiorentini marchio e norme di utilizzo

musei civici fiorentini marchio e norme di utilizzo musei civici fiorentini marchio e norme di utilizzo Introduzione Il presente Manuale elenca le modalità di applicazione del Marchio dei Musei Civici Fiorentini su prodotti editoriali e pubblicitari relativi

Dettagli

UTILITÀ. Sistema di identità visiva Regole generali per la riproduzione del marchio

UTILITÀ. Sistema di identità visiva Regole generali per la riproduzione del marchio UTILITÀ Sistema di identità visiva Regole generali per la riproduzione del marchio Il marchio di Utilità è rappresentato da un elemento grafico che richiama all appartenenza al mondo Compagnia delle Opere

Dettagli

PARCO NAZIONALE DELL ARCIPELAGO DI LA MADDALENA - REGOLAMENTO SULL USO DEL MARCHIO Deliberazione del Consiglio Direttivo 28 aprile 2006 n.

PARCO NAZIONALE DELL ARCIPELAGO DI LA MADDALENA - REGOLAMENTO SULL USO DEL MARCHIO Deliberazione del Consiglio Direttivo 28 aprile 2006 n. I3 PARCO NAZIONALE DELL ARCIPELAGO DI LA MADDALENA - REGOLAMENTO SULL USO DEL MARCHIO Deliberazione del Consiglio Direttivo 28 aprile 2006 n.13 Art. 1 Finalità 1. Il presente regolamento disciplina l utilizzo

Dettagli

ELEMENTI BASE 1.01. Il marchio del Comune di Milano: caratteristiche MARCHIO. Linee guida per l applicazione dell identità visiva del Comune di Milano

ELEMENTI BASE 1.01. Il marchio del Comune di Milano: caratteristiche MARCHIO. Linee guida per l applicazione dell identità visiva del Comune di Milano ELEMENTI BASE 1.01 Il marchio del Comune di Milano: caratteristiche Il marchio è costituito da quattro elementi, combinati tra loro secondo un preciso schema grafico. Questi elementi sono: 1. Lo stemma;

Dettagli

Contenuti. 1 Il marchio SCAME 1.1 Elementi costruttivi del marchio 1.2 Dimensioni e prove di leggibilità 1.3 Aree di rispetto

Contenuti. 1 Il marchio SCAME 1.1 Elementi costruttivi del marchio 1.2 Dimensioni e prove di leggibilità 1.3 Aree di rispetto Brand Standards Contenuti 1 Il marchio SCAME 1.1 Elementi costruttivi del marchio 1.2 Dimensioni e prove di leggibilità 1.3 Aree di rispetto 2 Il colore 2.1 Colori istituzionali del marchio 2.2 Rapporti

Dettagli

Linee guida per l'utilizzo del logo d'ateneo

Linee guida per l'utilizzo del logo d'ateneo Linee guida per l'utilizzo del logo d'ateneo Premessa Negli ultimi anni - soprattutto sul web- si è assistito a una proliferazione di svariate versioni del sigillo dell Università degli Studi di Catania,

Dettagli

Manuale d uso del marchio Agriturismo Italia

Manuale d uso del marchio Agriturismo Italia Manuale d uso del marchio Agriturismo Italia manuale d uso per le istituzioni versione 3.1 2 3 Copyright 2013 Ministero delle politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole.it Indice 1.0

Dettagli

MANUALE DI CORRETTO UTILIZZO DEL MARCHIO BORMIO

MANUALE DI CORRETTO UTILIZZO DEL MARCHIO BORMIO MANUALE DI CORRETTO UTILIZZO DEL MARCHIO BORMIO IL MARCHIO COLORI ISTITUZIONALI PANT. COOL GRAY 6 CVP CMYK: 0-0-0-31 RGB: 196-197-198 PANTONE 485 CVP CMYK: 0-95-100-0 RGB: 227-34-25 MARCHIO IN BIANCO/NERO

Dettagli

Guideline per l utilizzo del logo alcotra. Interreg IIIA 2000-2006 Alpi Latine Cooperazione Transfrontaliera

Guideline per l utilizzo del logo alcotra. Interreg IIIA 2000-2006 Alpi Latine Cooperazione Transfrontaliera Guideline per l utilizzo del logo alcotra Interreg IIIA 2000-2006 Alpi Latine Cooperazione Transfrontaliera 1.1 Costruzione del logo Le proporzioni del logo sono calcolate in base all unità di misura ricavata

Dettagli

Logotipo La scritta stanleybet è in stile italic. Logo La S stilizzata inscritta in un cerchio.

Logotipo La scritta stanleybet è in stile italic. Logo La S stilizzata inscritta in un cerchio. IL MARCHIO CARATTERISTICHE Logo e Logotipo Il marchio Stanleybet è composto da: il classico logo cerchio con inscrittala lettera s e una retta che lo attraversa, il logotipo stanleybet segue sempre sulla

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MARCHI E DEI LOGHI DI ASSOCOUNSELING. Articolo 1 (Definizione e ambito di applicazione)

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MARCHI E DEI LOGHI DI ASSOCOUNSELING. Articolo 1 (Definizione e ambito di applicazione) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MARCHI E DEI LOGHI DI ASSOCOUNSELING Articolo 1 (Definizione e ambito di applicazione) Il presente regolamento definisce le indicazioni necessarie sull uso dei marchi e dei

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO. CORPORATE IMAGE - Manuale di Immagine Coordinata Per la corretta gestione dell immagine dell Ateneo

POLITECNICO DI TORINO. CORPORATE IMAGE - Manuale di Immagine Coordinata Per la corretta gestione dell immagine dell Ateneo CORPORATE IMAGE - Manuale di Immagine Coordinata Per la corretta gestione dell immagine dell Ateneo INDICE Premessa...1 Regole d uso...2 Presentazione del logo Iconografia del marchio...3 Logotipo e Logo...6

Dettagli

Manuale di Immagine Coordinata dell Asl 5 Spezzino

Manuale di Immagine Coordinata dell Asl 5 Spezzino Manuale di Immagine Coordinata dell Asl 5 Spezzino Manuale di immagine coordinata 1. Identità visiva L identità visiva di qualsiasi organizzazione è definita dalla sua immagine coordinata la quale, a sua

Dettagli

EXPOCTS. EXPOCTS S.p.A.

EXPOCTS. EXPOCTS S.p.A. EXPOCTS EXPOCTS S.p.A. EXPOCTS Il marchio Le applicazioni principali Gli elementi di base La cancelleria 7a.01 Il marchio istituzionale 7b.01 La carta intestata - il primo foglio 7a.02 Il marchio commerciale

Dettagli

SIFA. S. I. F. A. Spa

SIFA. S. I. F. A. Spa SIFA S. I. F. A. Spa S.I.F.A. spa Il marchio Le applicazioni principali Gli elementi di base La cancelleria 9a.01 La costruzione geometrica del simbolo 9b.01 La carta intestata - il primo foglio 9a.02

Dettagli

FORMATI GRAFICI PER EVENTI

FORMATI GRAFICI PER EVENTI MATERIALI PER LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE 1,8 cm 12 cm 3,2 cm 12 cm 3,7 cm Carattere REGULAR 7 pt, maiuscolo. Carattere TIMES NEW ROMAN BOLD 15 pt, maiuscolo. Carattere TIMES NEW ROMAN REGULAR 10 pt.

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale. linee guida. per le azioni di informazione e comunicazione

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale. linee guida. per le azioni di informazione e comunicazione UNIONE EUROPEA linee guida per le azioni di informazione e comunicazione contenuti il marchio ELEMENTI DI BASE I COLORI LA SCALA DI GRIGIO IL BIANCO E NERO IL LETTERING L AREA DI RISPETTO LEGGIBILITÀ E

Dettagli

COLLANA EDITORIALE FORMATI GRAFICI PER EVENTI. Sezione V IV.72 V.1. Testo in carattere GARAMOND ITALIC 91 pt. Testo alternato in carattere

COLLANA EDITORIALE FORMATI GRAFICI PER EVENTI. Sezione V IV.72 V.1. Testo in carattere GARAMOND ITALIC 91 pt. Testo alternato in carattere FORMATI GRAFICI PER EVENTI 4,5 cm 5 cm 7,8 cm Testo in carattere GARAMOND ITALIC 91 pt. 4 Testo alternato in carattere AVENIR ROMAN E AVENIR BLACK 53 pt, maiuscolo. Sezione V COLLANA EDITORIALE 4 cm 29,7

Dettagli

il Marchio 1/8 1/2 PANTONE 485 PANTONE 431 NERO 100% PANTONE 429 BIANCO BIANCO

il Marchio 1/8 1/2 PANTONE 485 PANTONE 431 NERO 100% PANTONE 429 BIANCO BIANCO il Marchio PANTONE 431 PANTONE 48 NERO 0% PANTONE 429 BIANCO PANTONE 429 BIANCO PANTONE 48 1/2 1/8 1/2 motivazioni Marchio in grado di esprimere la potenza contrattuale di una organizzazione seria ed efficiente

Dettagli

Manuale sull applicazione del marchio CORPORATE IDENTITY

Manuale sull applicazione del marchio CORPORATE IDENTITY Manuale sull applicazione del marchio CORPORATE IDENTITY Manuale Introduzione 1 _ Marcazione Il marchio positivo a colori - CMYK e Pantone Il marchio negativo a colori Il marchio BN - positivo Il marchio

Dettagli

Introduzione all utilizzo del logotipo del Gruppo KB1909. Dimensione minima consentita per stampati

Introduzione all utilizzo del logotipo del Gruppo KB1909. Dimensione minima consentita per stampati 024 025 026 027 028 029 030 031 032 033 034 035 037 038 039 040 Introduzione all utilizzo del logotipo del Gruppo KB1909 Versione a colori positiva Versione a colori negativa Versione in bianco e nero

Dettagli

Regolamento per l utilizzo del logo istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Crotone

Regolamento per l utilizzo del logo istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Crotone Regolamento per l utilizzo del logo istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Crotone Rev. 0 2009 Preparato: Ufficio stampa Verificato: Segretario generale; Giunta

Dettagli

Regolamento e Manuale d uso del Marchio di Certificazione DNV Italia per il Sistema di Gestione

Regolamento e Manuale d uso del Marchio di Certificazione DNV Italia per il Sistema di Gestione Regolamento e Manuale d uso del Marchio di Certificazione DNV Italia per il Sistema di Gestione Questo Manuale d uso dà le indicazioni necessarie sull uso del Marchio di Certificazione del Sistema di Gestione:

Dettagli

MOVIMENTO DEI FOCOLARI MANUALE DI CORPORATE DESIGN

MOVIMENTO DEI FOCOLARI MANUALE DI CORPORATE DESIGN MOVIMENTO DEI FOCOLARI MANUALE DI CORPORATE DESIGN SIGNIFICATO Significato del Logo del Movimento dei Focolari Il logo è basato su una idea data da Chiara Lubich nel 2000 quando diceva che ha capito, che

Dettagli

Linee guida. per il corretto utilizzo della grafica coordinata di Paresa SpA

Linee guida. per il corretto utilizzo della grafica coordinata di Paresa SpA Linee guida per il corretto utilizzo della grafica coordinata di Paresa SpA Introduzione Il presente documento costituisce la sintesi di un lungo e complesso lavoro di ideazione della nuova grafica coordinata

Dettagli

Manuale d uso del marchio territoriale Trentino

Manuale d uso del marchio territoriale Trentino Manuale d uso del marchio territoriale Trentino Introduzione Questo è il Manuale d uso del marchio territoriale del Trentino, strumento di marketing territoriale sviluppato dalla Provincia Autonoma di

Dettagli

ed.08_2013 Marchio d Area Valdobbiadene / Manuale Guida

ed.08_2013 Marchio d Area Valdobbiadene / Manuale Guida Marchio d Area Valdobbiadene / Manuale Guida MANUALE GUIDA DI IDENTITÀ VISIVA L autorevolezza di un ente pubblico come di un azienda passa attraverso l autorevolezza del marchio. Utilizzare ogni volta

Dettagli

il brand Manuale d uso del marchio

il brand Manuale d uso del marchio il brand Manuale d uso del marchio 1 contenuto introduzione 3 il brand 4 costruzione 6 colori 11 dimensioni 22 font 25 immagine coordinata 27 applicazioni 36 posizionamento 43 richiesta d uso 45 contatto

Dettagli

Version 1.0. Corporate Design 2014. valido dal 01/11/2014. Molto più che semplici pompe

Version 1.0. Corporate Design 2014. valido dal 01/11/2014. Molto più che semplici pompe Version 1.0 Corporate Design 2014 valido dal 01/11/2014 - 2 - Indice 1. Generalità 1.1 Il logo 3 1.2 La sigla 3 1.3 Lo slogan 4 1.4 Logo e colori 5 1.5 Impostazione logo 7 1.6 Colori 8 1.7 Caratteri 9

Dettagli

MANUALE DI IMMAGINE COORDINATA

MANUALE DI IMMAGINE COORDINATA MANUALE DI IMMAGINE COORDINATA Revisione n. 001 Data emissione 8 ottobre 2009 Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 68 del 08.10.2009 Premessa Il Manuale di immagine coordinata

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base LEZIONE N 3 Cortina d Ampezzo, 4 dicembre 2008 ELABORAZIONE TESTI Grazie all impiego di programmi per l elaborazione dei testi, oggi è possibile creare documenti dall aspetto

Dettagli

PERITI INDUSTRIALI LINEE GUIDA PER IL CORRETTO USO DEL MARCHIO

PERITI INDUSTRIALI LINEE GUIDA PER IL CORRETTO USO DEL MARCHIO PERITI INDUSTRIALI LINEE GUIDA PER IL CORRETTO USO DEL MARCHIO LA FILOSOFIA DEL SIMBOLO La zona circolare rappresenta la comunità dei periti industriali. Il segno all interno del cerchio raffigura le qualità

Dettagli

Gli elementi base costitutivi dell immagine grafica di exa comprendono:

Gli elementi base costitutivi dell immagine grafica di exa comprendono: L immagine coordinata 01 Gli elementi base costitutivi dell immagine coordinata di exa engineering s.r.l. costituiscono l identità dell azienda, l immagine grafica con cui essa comunica con l esterno e

Dettagli

MODULISTICA ELEMENTI DI BASE. Sezione II

MODULISTICA ELEMENTI DI BASE. Sezione II ELEMENTI DI BASE I.e ERRORI Non alterare in alcun modo le proporzioni del marchio. Non applicare effetti, come ombreggiature, trasparenze o altro, che potrebbero compromettere la leggibilità del marchio.

Dettagli

UNAY. Progetto marchio per immagine coordinata. Manuale operativo Maggio 2010. Giulia Baldini Accademia delle arti e nuove tecnologie Roma

UNAY. Progetto marchio per immagine coordinata. Manuale operativo Maggio 2010. Giulia Baldini Accademia delle arti e nuove tecnologie Roma UNAY Progetto marchio per immagine coordinata. Manuale operativo Maggio 2010 Giulia Baldini Accademia delle arti e nuove tecnologie Roma 1 Sommario Linee Progettuali. pag. 3 Il marchio. pag. 4 Linee principali

Dettagli

Regolamento per l utilizzo del marchio

Regolamento per l utilizzo del marchio Funzione CERTIFICAZIONE Data emissione 07/09/2012 Procedura CERTIFICAZIONI PC089rev04 - Pagina 1 (12) Elenco delle principali modifiche rispetto alla precedente revisione Rev. Data Descrizione 04 07/09/2012

Dettagli

linee guida all uso del logo IGC introduzione P i a c e n z a, 1 G e n n a i o 2 0 1 0

linee guida all uso del logo IGC introduzione P i a c e n z a, 1 G e n n a i o 2 0 1 0 1 introduzione Questo abstract contiene le linee guida fondamentali per l utilizzo del marchio ITALIAN GOSPEL CHOIR e delle sue applicazioni. Il marchio rappresenta, di fatto, l identità della Nazionale

Dettagli

Manuale d uso del marchio

Manuale d uso del marchio Manuale d uso del marchio ... 01 Il marchio A) Presentazione del marchio B) Costruttivo C) Marchio in B/N positivo D) Marchio in B/N negativo E) Alfabeto del logotipo F) Alfabeto per testi e composizioni

Dettagli

MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA. linee guida di applicazione del marchio e dell immagine coordinata istituzionale

MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA. linee guida di applicazione del marchio e dell immagine coordinata istituzionale MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA linee guida di applicazione del marchio e dell immagine coordinata istituzionale INDICE 1. INTRODUZIONE 2. LO STUDIO GRAFICO 8. IL MARCHIO: elementi di base 9. IL SIMBOLO: significato

Dettagli

CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE Un valore da comunicare

CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE Un valore da comunicare BUSINESS ASSURANCE CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE Un valore da comunicare Manuale d uso Giugno 2014 SAFER, SMARTER, GREENER Certiicazione Sistema di Gestione - Manuale d uso 2 1.0 COMUNICARE LA CERTIFICAZIONE

Dettagli

Istruzioni per l uso. Materiali di comunicazione essenziali realizzati dal personale dei diversi uffici dell Amministrazione Comunale

Istruzioni per l uso. Materiali di comunicazione essenziali realizzati dal personale dei diversi uffici dell Amministrazione Comunale Istruzioni per l uso Materiali di comunicazione essenziali realizzati dal personale dei diversi uffici dell Amministrazione Comunale Poche regole per indicare il corretto approccio alla composizione di

Dettagli

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 1. Novità di Excel 2003 MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 CAPITOLO 1 Microsoft Office Excel 2003 ha introdotto alcune novità ed ha apportato miglioramenti ad alcune funzioni già esistenti nelle precedenti versioni

Dettagli

Quali attività potrai organizzare negli stand?

Quali attività potrai organizzare negli stand? Pagina 1 di 20 Ultima Revisione 28/09/2006 RICHIEDI L UTILIZZO DEI LOGHI Herbalife - Liftoff - Team Herbalife Generation H potrai personalizzare abbigliamento di squadre locali, cartellonistica a bordo

Dettagli

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 43

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 43 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 43 3.4 Modificare e formattare i caratteri Word permette di formattare un testo, cioè attribuirgli l aspetto che desideriamo, rendendolo più leggibile ed elegante, o dandogli

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 2 Modulo 3 Elaborazione testi Word G. Pettarin ECDL

Dettagli

Scuola Superiore Sant Anna. Manuale di immagine coordinata.

Scuola Superiore Sant Anna. Manuale di immagine coordinata. Scuola Superiore Sant Anna. Manuale di immagine coordinata. Restyling del marchio e suo uso, elementi di corporate image, guideline per altri strumenti di comunicazione. Pisa, 16 aprile 2003 Logo circolare

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Cos è un word processor

Cos è un word processor Cos è un word processor è un programma di videoscrittura che consente anche di applicare formati diversi al testo e di eseguire operazioni di impaginazione: font diversi per il testo impaginazione dei

Dettagli

Manuale d uso del marchio

Manuale d uso del marchio Manuale d uso del marchio Linee guida per l uso dell identità visiva Copyright 2013 COMITATO REGIONALE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA DELL UNIONE NAZIONALE DELLE PRO LOCO D ITALIA Villa Manin di Passariano

Dettagli

VALUE SMART. Manuale operativo d utilizzo del marchio Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Smart Value

VALUE SMART. Manuale operativo d utilizzo del marchio Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Smart Value dsdas Manuale operativo d utilizzo del marchio Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Smart Value Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Smart Value 1 Realizzazione Altravia

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

Manuale di identità. relativo al marchio Territoriale della Provincia di Trapani

Manuale di identità. relativo al marchio Territoriale della Provincia di Trapani Manuale di identità relativo al marchio Territoriale della Provincia di Trapani Introduzione Il marchio territoriale della provincia di Trapani è la componente caratterizzante di tutta la sua comunicazione.

Dettagli

COME USARE QUESTO MANUALE

COME USARE QUESTO MANUALE COME USARE QUESTO MANUALE Il Kiwanis è un organizzazione globale di volontari dedicata a cambiare il mondo, un bambino ed una comunità alla volta. CARI COLLEGHI, Quale organizzazione di service di una

Dettagli

Caratteristiche del marchio...1.1. Costruzione modulare...1.2. Carattere tipografico istituzionale...1.3. Colori istituzionali...1.

Caratteristiche del marchio...1.1. Costruzione modulare...1.2. Carattere tipografico istituzionale...1.3. Colori istituzionali...1. INDICE M ARCHIO...1.1 Caratteristiche del marchio...1.1 Costruzione modulare...1.2 Carattere tipografico istituzionale...1.3 Colori istituzionali...1.4 Versioni d'uso del marchio...1.5 Caratteri compatibili...1.6

Dettagli

Difatti essa è leggibile, capovolta, come l elemento decorativo, l elmetto, la figura conclusiva di un antica torre.

Difatti essa è leggibile, capovolta, come l elemento decorativo, l elmetto, la figura conclusiva di un antica torre. Il progetto è espressione prima di sintesi. Interpretando e raccogliendo stimolo dai motivi dettati dal bando di concorso, il logotipo cerca di raccontarsi e riferirsi da subito attraverso geometrie e

Dettagli

Manuale. Utilizzo e modulistica COMUNE DI SOLIERA PROVINCIA DI MODENA

Manuale. Utilizzo e modulistica COMUNE DI SOLIERA PROVINCIA DI MODENA Manuale dellogo Utilizzo e modulistica Introduzione Perché un manuale del Logo? Introduzione Il logo del Comune di Soliera vanta una lunga storia che trova la propria origine nell'anno1862 quando il nostro

Dettagli

Manuale di Corporate Identity L immagine istituzionale di Bellaria Igea Marina

Manuale di Corporate Identity L immagine istituzionale di Bellaria Igea Marina Manuale di Corporate Identity L immagine istituzionale di Bellaria Igea Marina Rimini, Luglio 2007 La Guide Line di Bellaria Igea Marina regola in modo organico e vincolante l uso del marchio e la sua

Dettagli

GUIDA ALL UTILIZZO DELLA

GUIDA ALL UTILIZZO DELLA GUIDA ALL UTILIZZO DELLA visual identity INTRODUZIONE Questo opuscolo è una guida alla visual identity per l utilizzo del logo all inteno del progetto WELCOM & CO., per garantire all Azienda un immagine

Dettagli

MICROSOFT WORD. Funzioni ed ambiente di lavoro

MICROSOFT WORD. Funzioni ed ambiente di lavoro INFORMATICA MICROSOFT WORD Prof. D Agostino Funzioni ed ambiente di lavoro...1 Interfaccia di Word...1 Stesso discorso per i menu a disposizione sulla barra dei menu: posizionando il puntatore del mouse

Dettagli

REGOLAMENTO E MANUALE D USO DEL LOGO/MARCHIO LEGNOLEGNO

REGOLAMENTO E MANUALE D USO DEL LOGO/MARCHIO LEGNOLEGNO REGOLAMENTO E MANUALE D USO DEL LOGO/MARCHIO LEGNOLEGNO Il Manuale d uso Questo Manuale d uso dà le indicazioni necessarie sull uso del Marchio LEGNOLEGNO SC in tutte le sue versioni. Il marchio LL SC

Dettagli

Accademia di Belle Arti di Brescia SantaGiulia. Michele Lipreri - Grafica G3A

Accademia di Belle Arti di Brescia SantaGiulia. Michele Lipreri - Grafica G3A Accademia di Belle Arti di Brescia SantaGiulia Michele Lipreri - Grafica G3A Brand Identity InsideJob è un progetto che avrà durata tre anni ed affronterà temi ed argomenti precisi: l alimentazione, l

Dettagli

MANUALE D USO Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Italiangas

MANUALE D USO Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Italiangas MANUALE D USO Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Italiangas Uso del Manuale Il nuovo Manuale fornisce ai vari settori le indicazioni riguardanti le applicazioni per un uso corretto

Dettagli

Le piccole guide per un facile sapere

Le piccole guide per un facile sapere Le piccole guide per un facile sapere Dario Tenore versione 2 - Syllabus 5.0 Tutto il contenuto di questa guida è proprietà del suo autore, Dario Tenore. E vietata la riproduzione, traduzione, copia (totale

Dettagli

STUDIO DELL IMMAGINE COORDINATA AZIENDALE

STUDIO DELL IMMAGINE COORDINATA AZIENDALE Wineries Distribuzione Vini STUDIO DELL IMMAGINE COORDINATA AZIENDALE INDICE DEGLI ARGOMENTI Parte prima Studio della grafica e dell immagine coordinata dell azienda Wineries Distribuzione Vini. A cura

Dettagli

MANUALE D USO DEL LOGO. Comunità della Valle di Sole

MANUALE D USO DEL LOGO. Comunità della Valle di Sole MANUALE D USO DEL LOGO CONTENUTI Struttura del logo Significato del logo Il presente manuale espone le linee guida per l utilizzo del logo della. Potrebbero comunuqe sopraggiungere alcune situazioni in

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

Contenuti. 1 Il marchio 1.1 Elementi costruttivi del marchio 1.2 Dimensioni e prove di leggibilità 1.3 Aree di rispetto

Contenuti. 1 Il marchio 1.1 Elementi costruttivi del marchio 1.2 Dimensioni e prove di leggibilità 1.3 Aree di rispetto Brand Standards 2006 Contenuti 1 Il marchio 1.1 Elementi costruttivi del marchio 1.2 Dimensioni e prove di leggibilità 1.3 Aree di rispetto 2 Il colore 2.1 Colori istituzionali del marchio 2.2 Rapporti

Dettagli

Microsoft Word -II Lezione

Microsoft Word -II Lezione Microsoft Word -II Lezione Approfondiamo alcuni aspetti di Word e in particolare: Disegno e modifica di oggetti come forme, linee, frecce etc. Gestione delle tabelle Impostazione e cura dell estetica di

Dettagli

UN NUOVO LOGO PER LA CITTÀ DI UDINE

UN NUOVO LOGO PER LA CITTÀ DI UDINE UN NUOVO LOGO PER LA CITTÀ DI UDINE Il logotipo Il nuovo logo del Comune di Udine individua ed esplicita il dualismo tra tradizione e slancio verso il futuro, lo sviluppo e una nuova immagine della città.

Dettagli

IL MARCHIO manuale d uso. immagine coordinata

IL MARCHIO manuale d uso. immagine coordinata IL MARCHIO manuale d uso immagine coordinata indice 1.0 premessa 3 1.1 il marchio 4 1.2 i colori istituzionali del marchio 5 1.3 il marchio a colori 6 1.4 il marchio al tratto 7 1.5 il marchio in scala

Dettagli

Immagine coordinata - alcune regole di comportamento comunicativo uniforme

Immagine coordinata - alcune regole di comportamento comunicativo uniforme PROVINCIA DI VERONA Immagine coordinata - alcune regole di comportamento comunicativo uniforme Immagine coordinata L espressione si riferisce all identità riconoscibile e all immagine trasmessa dall Ente

Dettagli

Corporate Identity Rete di distribuzione di prodotti a marchio BT e CESAB.

Corporate Identity Rete di distribuzione di prodotti a marchio BT e CESAB. Corporate Identity Rete di distribuzione di prodotti a marchio BT e CESAB. Rev 03/2013 Elementi base per l'uso del Marchio II Marchio completo BT e CESAB é costituito dal logo BT e dal logo CESAB. Questo

Dettagli

Word 2007. Word 2007. Panoramica. Pagine 2 e 3. Pagina 4. Pagina 5 Pagina 6 B C

Word 2007. Word 2007. Panoramica. Pagine 2 e 3. Pagina 4. Pagina 5 Pagina 6 B C Your Quick Reference Expert Panoramica B C Riferimento rapido D Gruppi delle schede della barra multifunzione e barra di formattazione rapida Scheda Home Scheda Inserisci Scheda Layout di pagina Scheda

Dettagli