FISO. Manuale per la gestione del marchio. e nuova modulistica federale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FISO. Manuale per la gestione del marchio. e nuova modulistica federale"

Transcript

1 FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO Manuale per la gestione del marchio FISO Federazione Italiana Sport Orientamento Piazza Silvio Pellico n Trento Tel fax e nuova modulistica federale

2 Realizzazione a cura di Dario Rappo Approvato dal Consiglio Federale il 22 ottobre 2005 Stampato nel mese di novembre 2005 Entrata in vigore delle norme: 1 gennaio

3 La Segreteria Federale FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO Prot. n Trento, data Destinatario Indirizzo Località MANUALE PER LA GESTIONE DEL MARCHIO FISO E NUOVA MODULISTICA FEDERALE e, p.c. Nome e Cognome Località Lettera trasmessa via Fax Oggetto: descrizione. Sommario: Testo Presentazione 5 Introduzione 7 Utilizzo del marchio CONI 9 Utilizzo del marchio FISO 11 Identità visiva della FISO 12 I documenti 13 La corrispondenza 14 Nome e cognome (Segreteria F.I.S.O.) L abbigliamento 16 Altre forme di comunicazione 16 Modelli fac-simile 18/22 Presidenza e Segreteria Generale: Piazza Silvio Pellico n TRENTO - C. P. n 433 Telefono Fax Web: - C.C.P. n P. IVA C.F

4 FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO Commissione Formazione Consigliere Resposabile: Walter Peraro, via Monte Franzosan n Cerro Veronese (VR)

5 PRESENTAZIONE FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO COMITATO REGIONALE LAZIO Fra le tante vulcaniche idee, che il Consiglio Federale mi sta ogni giorno sottoponendo, ho molto apprezzato quella di costruire e diffondere questo manuale, che mette finalmente ordine nel mare di intestazioni dei documenti, più o meno fantasiose, che escono dai nostri Organi Federali o Associati. Da una necessità contingente - il bisogno di utilizzare il marchio Coni come stabilito dall Ente - cogliamo l occasione per uniformare anche tutta la nostra modulistica e documentazione. Questo permetterà di presentarci con un modello di documento nazionale e trasmettere, a chi ci legge, l immagine di una Federazione organica nelle sue componenti ed organizzata su scala nazionale. Anche in questo campo, la nostra raggiunta maturità ci obbliga a lavorare in modo estremamente professionale. Si auspica una particolare attenzione e sensibilità su questo delicato tema che, se correttamente gestito, potrà rappresentare un punto di forza, di compattezza e migliorativo sul piano dell immagine, per tutto il nostro movimento sportivo. Un augurio che anche i contenuti delle lettere siano garbati e sensati. Presidente: Francesco Valente, Via R. Scott, Roma - Tel.: 06/ Segretario: Gianfranco De Vito, Via R. Cesarini, Roma - Tel.: 06/ Ezio Paris - Presidente F.I.S.O. 20 5

6 Il Segretario del Consiglio Federale FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO Dario Rappo Via Beato B. da Breganze n Vicenza Presidenza e Segreteria Generale: Piazza Silvio Pellico n TRENTO - C. P. n 433 Telefono Fax Web: - C.C.P. n P. IVA C.F

7 INTRODUZIONE Il Presidente FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO La nuova normativa CONI sull utilizzo dei marchi porta come conseguenza la necessità di dover rivedere la modulistica Federale, ma il rinnovo vuole anche evidenziare il cambiamento in corso nella Federazione. Sino ad oggi il marchio e la modulistica della FISO non sono stati gestiti centralmente o protetti o salvaguardati ed ogni Organo Periferico e Società ha sempre operato in modo autonomo, spesso con difformità di scelte, con buoni o cattivi risultati. Oggi la possibilità di uso anche a scopo di marketing, impone quello che fino ad oggi non era ritenuto necessario, protezione del marchio Federale e cura dell immagine, conseguentemente impone alle strutture collegate: Comitati, Delegati e Società un cambiamento nella mentalità e della metodologia operativa fin qui usata. La FISO, da parte sua, rinnova la modulistica contestualmente al riassetto organizzativo interno, (diversa Struttura, nuove Commissioni, altri Servizi, ecc.) in virtù della volontà di un forte cambiamento nella gestione che vada oltre il mero impegno sportivo. Da questo nuovo approccio della gestione Federale ne deriva la necessità del presente manuale, che consente di comprendere il valore delle scelte e conoscere le modalità di applicazione. Tuttavia, un manuale cartaceo può rimanere sterile documento in assenza di una nuova consapevolezza sull importanza di uniformarci nei nostri mezzi di comunicazione e della necessità di curare maggiormente la nostra Organizzazione ed il modo di proporci all esterno. E indispensabile che ognuno di noi, in base al ruolo scelto, si renda parte attiva e garante dell immagine della Federazione alla quale deve sentirsi sempre più orgoglioso di appartenere. Presidenza e Segreteria Generale: Piazza Silvio Pellico n TRENTO - C. P. n 433 Telefono Fax Web: - C.C.P. n P. IVA C.F Dario Rappo - Consigliere Responsabile della Comunicazione Interna 18 7

8 MODELLI OPERATIVI Modelli per la corrispondenza Come detto in precedenza: Tutte le componenti la Federazione ed i suoi Organi Periferici, hanno titolo a fare uso della carta intestata istituzionale personalizzata. Le Società Sportive possono utilizzare solamente il logo federale (logo: 1) in abbinamento al proprio. Il logo FISO dovrà essere posto in posizione secondaria in modo da non generare equivoci sul mittente dei messaggi. I modelli base per la corrispondenza saranno disponibili presso la Segreteria con impaginazione già predisposta per una più agevole compilazione. A titolo indicativo sono di seguito riportati alcuni modelli fac-simile: lettera - Il Presidente; lettera - Il Segretario del Consiglio Federale; lettera - Comitato Regionale; (Il foglio segue sarà un foglio completamente bianco); circolare/comunicato di Commissione Federale; Modello impostazione lettera Segreteria Federale Saranno resi disponibili anche i modelli operativi di uso comune per: fax; posta elettronica; biglietto da visita; convocazione riunioni; verbale riunioni con delibere; report; buste; cartellina porta documenti; diploma; attestato. 8 17

9 L ABBIGLIAMENTO Le divise, sportive e di rappresentanza, che caratterizzeranno l appartenenza alla Federazione dovranno riportare il logo FISO posto in posizione privilegiata nel rispetto dell estetica ed esigenze pubblicitarie. I Dirigenti e componenti gli Organi Statutari della FISO hanno diritto ad apporre sulla giacca e camicia il marchio federale realizzato a ricamo. Non sono consentiti marchi a stampa serigrafica, transfer o altro, senza autorizzazione specifica. Gli atleti delle Rappresentative Nazionali, appena possibile, avranno un unica dotazione di vestiario sportivo e da riposo ed i loro Accompagnatori ed i Dirigenti Federali potranno esibire, nei campi di gara, e nelle occasioni collegate, la stessa tuta sportiva e divisa di rappresentanza; pertanto tutti vestiranno un unica linea di abbigliamento (sportiva, di rappresentanza e per il tempo libero). Le applicazioni di marchi di sponsor o di terzi (aziende partner, fornitori, ecc.) per le necessarie personalizzazioni saranno soggette a formali atti autorizzativi da parte del Consiglio Federale. ALTRE FORME DI COMUNICAZIONE Al fine di preservare l uniformità dell immagine globale, le stampe future, l elaborazione di piani di comunicazione, i supporti comunicazionali di e- venti e degli spazi espositivi saranno approvati dal Consiglio Federale tramite apposita Commissione costituita da: Il Presidente Federale; Il Segretario Generale; Il Responsabile del Marketing e Comunicazione Esterna; Il Responsabile della Comunicazione Interna; 16 IL LOGO UTILIZZO DEL MARCHIO CONI Da questo anno, l utilizzo del marchio CONI ha alcune severe limitazioni. Quello che segue è l unico marchio in concessione alle Discipline Sportive Associate che le Federazioni Associate al CONI possono utilizzare. Tutte le Società e Comitati/Delegazioni sono invitati a rimuovere e sostituire eventuali altri marchi CONI utilizzati nei propri documenti e/o siti Web. A seguire, riportiamo le disposizioni CONI sull utilizzo del marchio concesso in uso alle Discipline Sportive Associate. Testo della normativa vigente, sottoscritta dalla FISO. omissis Parte II - I soggetti della comunicazione nel mondo sportivo Le Discipline Sportive Associate Le Discipline Sportive Associate hanno diritto a caratterizzarsi apponendo il simbolo con la dicitura Disciplina Sportiva Associata al Coni. Le Discipline Sportive Associate hanno diritto ad apporre il simbolo e la dicitura di cui sopra in calce alla propria carta intestata, all interno dell area allo scopo prevista e di dimensioni non superiori ad 1/3 del logo federale. Possono altresì apporre il simbolo: - sulle targhe delle proprie sedi (centrali e territoriali); - sulla modulistica di affiliazione e tesseramento, nonché; - sulle tessere di riconoscimento dei propri iscritti; - sulle tute sportive delle rappresentative nazionali; - sulle pubblicazioni di testi redatti in collaborazione con la Scuola dello Sport. Ogni ulteriore utilizzo dei simboli e marchi del mondo sportivo qui non espressamente previsto deve essere preventivamente autorizzato dal Segretario Generale o suo delegato, dietro presentazione dettagliata del progetto di riferimento. Omissis 9

10 Per l utilizzo di marchi diversi da quello sopra riportato bisogna fare richiesta alla Segreteria Federale che contatterà il CONI. A seguire, un estratto delle disposizioni impartite dal CONI: Omissis 4. LA TUTELA DEI MARCHI L autorizzazione CIO Il marchio distintivo del Coni racchiude al suo interno il simbolo olimpico, di e- sclusiva titolarità del CIO. Pertanto, subordinatamente all autorizzazione del CIO (rilasciata conformemente ai parr dell art.1 della Carta Olimpica), il Coni stesso è vincolato a tutelare il proprio marchio nei modi e nelle forme previste per la tutela di tutta la proprietà intellettuale olimpica, come di seguito descritto. La tutela dei segni distintivi del Movimento Olimpico I caratteri ed elementi distintivi del Movimento Olimpico Internazionale, comprendenti simbolo, inno, motto, terminologia specifica (Olimpico, olimpionico, olimpiadi, ecc.) costituiscono oggetto di diritti di proprietà intellettuale tutelati a livello internazionale. L utilizzo non autorizzato di tali elementi è severamente vietato e viene perseguito a termini di legge. Senza espressa autorizzazione del CIO NON E CONSENTITO -creare associazioni di alcun tipo con il Comitato Olimpico Internazionale, gli atleti olimpionici ed olimpici, i Giochi Olimpici, il Movimento Olimpico; -utilizzare o imitare in alcuna forma o derivazione i simboli, il motto, la fiaccola o la terminologia oggetto di diritti di proprietà intellettuale del Movimento Olimpico; -creare associazioni con uno qualsiasi dei simboli o termini olimpici in modo che si possa pensare ad un patrocinio diretto o appoggio formale del movimento o- limpico. La registrazione presso la CCIAA Sono stati registrati per il territorio italiano il logotipo Coni con estensione in numerose categorie merceologiche (sia per fabbricazione e commercializzazione, sia per servizi) ed il marchio Coni Servizi (per servizi). Il SIMBOLO - lo scudo sormontato dalla scritta Italia - è stato registrato ed è tutelato a livello comunitario. Omissis La documentazione interna La comunicazione scritta si avvale inoltre di una molteplicità di documenti ricorrenti, quali: comunicati, relazioni, verbali, ecc. che condivideranno oltre al marchio anche l impostazione grafica, al fine di contribuire a rafforzare il concetto di unitarietà della Federazione. A tale scopo saranno appositamente predisposti modelli dei documenti più utilizzati (anche questi disponibili presso la Segreteria) che garantiranno da un lato l approccio comunicazionale uniforme ed una lettura più agevole, dall altro offriranno un valido sostegno agli operatori per una più rapida compilazione ed evitare perdite di tempo. I modelli operativi (fax, convocazione riunioni, report, verbali, ed altro), come gli altri, saranno disponibili a breve presso la segreteria Federale e costituiranno riferimento metodologico per tutti. La documentazione on line Analogamente all omogeneità della comunicazione tradizionale e documentale, si è reso necessario uniformare la comunicazione che viaggia sui canali informatici, il Web, che la nostra Federazione, fra le prime in Italia, ne fa da tempo largo uso. Il sito Web federale e le relative pagine e sotto-siti, si presenteranno al pubblico con una veste grafica uniforme e sempre riconducibile al soggetto principale, la Federazione. Per poter distinguere visivamente in ogni momento dove ci si trova, le pagine di riferimento delle varie specialità dell Orienteering: C-O, Sci-O, MTB-O e Trail-O sono state uniformate e diversificate mediante l applicazione di un diverso colore di fondo per ognuna di esse. I colori utilizzati sono quelli IOF riportati nelle icone distintive delle diverse specialità della nostra Disciplina Sportiva: VERDE BLU ROSSO GIALLO per C-O per Sci-O per MTB-O per Trail-O 10 15

11 LA CORRISPONDENZA E prevista un unica linea grafica per tutta la Federazione con adattamenti e varianti per l uso da parte degli Organi Istituzionali e Periferici. Alcuni modelli di riferimento sono presentati nella parte finale del manuale e disponibili in file, su richiesta, presso la segreteria Federale. La carta intestata di base. E caratterizzata da intestazione semplice ed indirizzo in calce, con logo della FISO al centro in alto e logo IOF, più piccolo, posto a lato. In basso vi è il logo CONI in uso alle DSA. La carta intestata personalizzata. Lo stampato avrà l inserimento di altro testo affinché sia possibile identificare immediatamente chi è il mittente: Comitati, Delegazioni, ecc. ed in basso dovrà essere riportato il rispettivo indirizzo di riferimento. In armonia con quanto indicato in precedenza, gli Organi dipendenti ed i Comitati/Delegati Regionali e Provinciali della FISO, quale estensione territoriale della Federazione, della quale condividono missione e valori, sono gli unici autorizzati all utilizzo del marchio Federale, nella versione personalizzata (logo: 2) con identificazione del soggetto titolare della comunicazione per circoscrivere l azione al rispettivo ruolo o territorio di appartenenza. La linea dirigenziale, Carta intestata base della Federazione caratterizzata da sottointestazione personalizzata: Presidente, Consigliere, Segreteria, ecc., riportata utilizzando il carattere: Palace Script MT. Esempio di scrittura Palace Script MT. In basso potrà essere riportato il rispettivo indirizzo posto sopra a quello della Federazione ed in caratteri leggermente più grandi. Non è consentita la personalizzazione della carta intestata diversamente da quanto indicato senza autorizzazione. 14 UTILIZZO DEL MARCHIO FISO L utilizzo del marchio FISO è consentito a tutte le componenti la Federazione: Comitati/Delegati/Associazioni Sportive affiliate. Per dare all esterno un immagine omogenea ed organizzata della Federazione, necessita avere tutti un identità simile anche nell impostazione dei documenti. In chiusura del manuale troverete alcuni esempi di modelli base. Sarà cura della Segreteria far pervenire a tutti gli Organi Direttivi e le strutture collegate il rispettivo documento da utilizzare. Il fatto è limitativo all iniziativa e creatività personale ma, per la Federazione, era una necessità improcrastinabile. Logo FISO, segno distintivo del nostro movimento sportivo. Logo: 1 Quello sopra riportato è il logo Federale che può essere utilizzato dalle Associazione Sportive nelle pubblicazioni (Depliant, Manifesti, Sito Web, ecc.). Lo stesso logo è utilizzato dalla Federazione e dalle sue componenti quando non necessiti evidenziare maggiormente il nome della Federazione o le esigenze non richiedano diversamente. Quando necessita evidenziare maggiormente la scritta Federazione Italiana Sport Orientamento (ad esempio sulla carta intestata) si utilizzerà il marchio sotto riportato, (privo delle scritte in piccolo a lato del marchio) apponendo la scritta Federazione Italiana Sport Orientamento con caratteri più grandi, con lo stesso colore arancio, sotto di esso. Logo: 2 FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO 11

12 Caratteri tipografici. IDENTITA VISIVA DELLA FISO Per dare omogeneità a tutta la documentazione Federale, su tutto il materiale a stampa e nelle diverse forme di comunicazione dovranno essere utilizzate solo alcune famiglie di caratteri, nelle loro varianti (grassetto, corsivo), prestando attenzione anche al loro dimensionamento. Il font Tahoma, lo stesso usato per la stampa di questo manuale e nel sito Web, dovrà essere utilizzato per le lettere e documenti ufficiali. Tahoma abcdefghijklmnopqrstuvwxyz ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ Il font Arial, potrà essere utilizzato in alternativa al Tahoma ad esempio quando necessiti differenziare un testo secondario da quello principale (es. vedi pag. 9/10 del presente manuale). Arial abcdefghijklmnopqrstuvwxyz ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ Per stampe che necessitano di un carattere più particolare (es. locandine, inviti, ecc.) si potrà utilizzare il font Comics Sans SM Comics Sans MS abcdefghijklmnopqrstuvwxyz ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ Stampati Alla base dell identità della FISO ha importanza anche l utilizzo costante, per la stampa, dei colori che possiamo così definire istituzionali. Colori tipografici pantone da utilizzare in caso di stampa tradizionale, che servono come riferimento per stampe in quadricromia, od altre, e per il Web: ARANCIO FISO 151 C ROSSO CONI 186 C VERDE CONI 341 C BLU CONI 286 C 12 Il marchio FISO è riproducibile anche su altri materiali con tecniche alternative alla stampa tipografica (ricamo su tessuto, smalto, ecc.). In tali casi si terrà conto delle caratteristiche sopra descritte con riguardo alla riproduzione rispettosa delle proporzioni. Particolare attenzione dovrà essere dedicata alla conversione dei pantoni tipografici negli omologhi riferimenti specifici per il supporto utilizzato. Versione monocromatica del logo FISO In caso di utilizzo del marchio FISO in scala di grigi lo si dovrà stampare unicamente su fondo bianco o molto chiaro utilizzando come riferimento i logo riportati precedentemente. Altri tipi di utilizzo fuori dagli schemi indicati dovranno essere preventivamente autorizzati. Eventuali richieste dovranno essere inviate a Area di rispetto Quando il marchio sia accostato ad un testo o affiancato ad altri marchi, si rende necessario seguire alcuni criteri base di impaginazione. Tra il marchio e gli elementi di tipografia deve sempre essere considerata l area minima di rispetto, in quanto la leggibilità risulta migliore se lo spazio che lo circonda è sufficientemente ampio. Si sconsiglia la realizzazione di carta intestata riportanti molti logo. I DOCUMENTI Nella realizzazione dei documenti base è sempre presente che la centralità è della Federazione, di volta in volta però saranno riportati, in buona evidenza, a chi si riferiscono gli stampati in modo da non creare confusione al destinatario. Tutta la comunicazione scritta dovrà essere uniforme e fare uso degli elementi di base dell identità visiva federale. A tal fine i caratteri tipografici dovranno essere sempre gli stessi. 13

1. GLI ELEMENTI DI BASE. Il simbolo: concetti originari

1. GLI ELEMENTI DI BASE. Il simbolo: concetti originari 1. GLI ELEMENTI DI BASE 7 Il simbolo: concetti originari Il segno distintivo del movimento sportivo italiano è chiamato a rappresentare visivamente e simbolicamente tutta l Italia dello sport e per questo

Dettagli

la normativa sull utilizzo del marchio Coni

la normativa sull utilizzo del marchio Coni 2 premessa la normativa sull utilizzo del marchio Coni Dal 2005 il Coni ha stabilito severe limitazioni in relazione all utilizzo del proprio marchio. Specifici riferimenti allo status concesso dal Comitato

Dettagli

DIRETTIVE SULL UTILIZZO DEI SEGNI DISTINTIVI DELLA FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO

DIRETTIVE SULL UTILIZZO DEI SEGNI DISTINTIVI DELLA FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO DIRETTIVE SULL UTILIZZO DEI SEGNI DISTINTIVI DELLA FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO Premessa I segni distintivi della Federazione Italiana Canottaggio rappresentano visivamente e simbolicamente il movimento

Dettagli

Premessa Il rinnovo del marchio sottolinea il cambiamento 7. Introduzione 9

Premessa Il rinnovo del marchio sottolinea il cambiamento 7. Introduzione 9 Premessa Il rinnovo del marchio sottolinea il cambiamento 7 Introduzione 9 Parte I - Gli elementi figurativi del sistema sportivo Italiano 11 1. Gli elementi di base 13 Il simbolo: concetti originari 13

Dettagli

MANUALE IMMAGINE COORDINATA

MANUALE IMMAGINE COORDINATA MANUALE IMMAGINE COORDINATA PREMESSA Per il restyling del logo della Fondazione si è voluto percorrere strade diverse dal neurone attuale, sviluppando una proposta grafica incentrata sulle iniziali della

Dettagli

MANUALE DI IMMAGINE COORDINATA

MANUALE DI IMMAGINE COORDINATA MANUALE DI IMMAGINE COORDINATA Revisione n. 001 Data emissione 8 ottobre 2009 Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 68 del 08.10.2009 Premessa Il Manuale di immagine coordinata

Dettagli

MANUALE D IDENTITà VISIVA

MANUALE D IDENTITà VISIVA MANUALE D IDENTITà VISIVA INDICE MARCHIO E LOGOTIPO 3. Il logo originale 3. Il logo.it 4. Colori in quadricromia 4. Colori dichiarati Pantone 4. Colori dichiarati RAL 5. Logo monocromatico nero 6. Logo

Dettagli

CENTRO SPORTIVO ITALIANO

CENTRO SPORTIVO ITALIANO Via S.Antonio, 5 20122 MILANO REGOLAMENTO RICHIESTA PATROCINIO PREMESSA: Il patrocinio è un riconoscimento con il quale il Centro Sportivo Italiano, esprime la propria simbolica adesione ad iniziative

Dettagli

Manuale di immagine coordinata

Manuale di immagine coordinata Manuale di immagine coordinata Città di Minerbio perché un immagine coordinata La volontà di ricorrere alla stesura di un manuale di immagine coordinata nasce dall esigenza di rinnovare e razionalizzare

Dettagli

Regolamento per la gestione dei rapporti con sponsor, partner e media tra FISO e Comitati Organizzatori di manifestazioni sportive in Italia

Regolamento per la gestione dei rapporti con sponsor, partner e media tra FISO e Comitati Organizzatori di manifestazioni sportive in Italia Regolamento per la gestione dei rapporti con sponsor, partner e media tra FISO e Comitati Organizzatori di manifestazioni sportive in Italia PREMESSA 1. Il presente documento ha lo scopo di regolamentare

Dettagli

MANUALE D IDENTITÀ VISIVA

MANUALE D IDENTITÀ VISIVA MANUALE D IDENTITÀ VISIVA Parte I - Gli elementi figurativi della Federazione Motociclistica Italiana Gli elementi di base Gli elementi di base Marchio e logotipo FMI Il segno distintivo della Federazione

Dettagli

MANUALE D IDENTITA VISIVA

MANUALE D IDENTITA VISIVA MANUALE D IDENTITA VISIVA INDICE: 1. Premessa: identità, identità visiva e immagine 2. Identità visiva del logo Uisp: dal progetto al regolamento 3. Il Restyling del marchio Uisp 4. Il logo Uisp: colori

Dettagli

AVVISO AL PERSONALE START ROMAGNA:

AVVISO AL PERSONALE START ROMAGNA: Ravenna START ROMAGNA AVVISO AL PERSONALE START ROMAGNA: Dal 2016 al via il CRAL UNIFICATO su tutti i BACINI di START: INDETTO CONCORSO INTERNO PER IL RESTYLING DEL LOGO CRAL START ROMAGNA Dal 2016 i tre

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Castro La Perla del Salento

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Castro La Perla del Salento Comune di Castro Provincia di Lecce REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Castro La Perla del Salento (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.45 del 30.10.2013) Sommario Art. 1 Titolarità, denominazione

Dettagli

DISPOSIZIONI IN TEMA DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE SQUADRE NAZIONALI

DISPOSIZIONI IN TEMA DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE SQUADRE NAZIONALI DISPOSIZIONI IN TEMA DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE SQUADRE NAZIONALI PREMESSA Il presente Regolamento integra le disposizioni del Regolamento Federale sul Team Italia e si applica ad atleti e tecnici

Dettagli

Gli elementi base costitutivi dell immagine grafica di exa comprendono:

Gli elementi base costitutivi dell immagine grafica di exa comprendono: L immagine coordinata 01 Gli elementi base costitutivi dell immagine coordinata di exa engineering s.r.l. costituiscono l identità dell azienda, l immagine grafica con cui essa comunica con l esterno e

Dettagli

Regolamento per l utilizzo del logo istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Crotone

Regolamento per l utilizzo del logo istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Crotone Regolamento per l utilizzo del logo istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Crotone Rev. 0 2009 Preparato: Ufficio stampa Verificato: Segretario generale; Giunta

Dettagli

PARCO NAZIONALE DELL ARCIPELAGO DI LA MADDALENA - REGOLAMENTO SULL USO DEL MARCHIO Deliberazione del Consiglio Direttivo 28 aprile 2006 n.

PARCO NAZIONALE DELL ARCIPELAGO DI LA MADDALENA - REGOLAMENTO SULL USO DEL MARCHIO Deliberazione del Consiglio Direttivo 28 aprile 2006 n. I3 PARCO NAZIONALE DELL ARCIPELAGO DI LA MADDALENA - REGOLAMENTO SULL USO DEL MARCHIO Deliberazione del Consiglio Direttivo 28 aprile 2006 n.13 Art. 1 Finalità 1. Il presente regolamento disciplina l utilizzo

Dettagli

Manuale di Immagine Coordinata dell Asl 5 Spezzino

Manuale di Immagine Coordinata dell Asl 5 Spezzino Manuale di Immagine Coordinata dell Asl 5 Spezzino Manuale di immagine coordinata 1. Identità visiva L identità visiva di qualsiasi organizzazione è definita dalla sua immagine coordinata la quale, a sua

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO. Le Radici del Vino

COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO. Le Radici del Vino COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO Le Radici del Vino Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n.88 del 08/10/2014 e modificato

Dettagli

AFFILIAZIONE E TESSERAMENTO 2012 NORME GENERALI

AFFILIAZIONE E TESSERAMENTO 2012 NORME GENERALI AFFILIAZIONE E TESSERAMENTO 2012 NORME GENERALI Dal 1 ottobre 2011 sono aperte le affiliazioni, le riaffiliazioni ed i tesseramenti alla FIKTA per l'anno 2012. Per affiliarsi alla FIKTA, le Associazioni

Dettagli

Pro Bononia. - Gruppo di Lavoro Giovani - Bando di concorso d idee per la creazione di un logo

Pro Bononia. - Gruppo di Lavoro Giovani - Bando di concorso d idee per la creazione di un logo Pro Bononia associazione culturale - Gruppo di Lavoro Giovani - Bando di concorso d idee per la creazione di un logo 1. PREMESSA Pro Bononia, associazione culturale, indice il presente bando di concorso

Dettagli

(normativa F.I.F.A. in vigore dal 01 agosto 2011 con circolare numero 1273)

(normativa F.I.F.A. in vigore dal 01 agosto 2011 con circolare numero 1273) Alla fine di ogni mese, le società che hanno fatto richiesta dovranno inoltrare all Ufficio Tornei del Settore Giovanile e Scolastico della FIGC tramite i Comitati Regionali competenti nel territorio un

Dettagli

Ospitalità Italiana Marchio di Qualità Manuale d applicazione. Ospitalità Italiana Marchio di Qualità Manuale d applicazione

Ospitalità Italiana Marchio di Qualità Manuale d applicazione. Ospitalità Italiana Marchio di Qualità Manuale d applicazione Ospitalità Italiana Marchio di Qualità Indice 1.1 Il Marchio 1.2. Il segno 1.3. Colori istituzionali 1.4. Il naming 1.5. Il marchio a un colore 1.6. Il marchio a un colore su fondo nero 1.7. Il marchio

Dettagli

CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO del Distretto del Commercio del Medio Olona Crea il logo del tuo distretto

CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO del Distretto del Commercio del Medio Olona Crea il logo del tuo distretto CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO del Distretto del Commercio Crea il logo del tuo distretto 1. Soggetto banditore e finalità Il Distretto del Commercio, ritenendo la comunicazione istituzionale

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI Il presente documento, recante lo schema di Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari,

Dettagli

Consulta Giovanile di San Gavino Monreale REGOLAMENTO

Consulta Giovanile di San Gavino Monreale REGOLAMENTO Consulta Giovanile di San Gavino Monreale ORGANIZZA IL CONCORSO Crea un logo per la Tua Consulta REGOLAMENTO Art. 1 Finalità del concorso L obiettivo del concorso è la realizzazione di un logo che possa

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Regolamento e Manuale d uso del Marchio di Certificazione DNV Italia per il Sistema di Gestione

Regolamento e Manuale d uso del Marchio di Certificazione DNV Italia per il Sistema di Gestione Regolamento e Manuale d uso del Marchio di Certificazione DNV Italia per il Sistema di Gestione Questo Manuale d uso dà le indicazioni necessarie sull uso del Marchio di Certificazione del Sistema di Gestione:

Dettagli

CONCORSO INTERNO CREIAMO IL NOSTRO LOGO! BANDO

CONCORSO INTERNO CREIAMO IL NOSTRO LOGO! BANDO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO Largo Castelseprio Largo Castelseprio, 9 00188 ROMA 06/33613557 06/33611262

Dettagli

Regolamento per l utilizzo del logo istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Mantova

Regolamento per l utilizzo del logo istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Mantova Regolamento per l utilizzo del logo istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Mantova Art.1 Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento disciplina l utilizzo del

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN LOGO PER AGRICOLTURA SOCIALE MANTOVA. per iniziative di agricoltura sociale a scala territoriale.

BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN LOGO PER AGRICOLTURA SOCIALE MANTOVA. per iniziative di agricoltura sociale a scala territoriale. con il patrocinio di BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN LOGO PER AGRICOLTURA SOCIALE MANTOVA (Rif. Progetto: per iniziative di agricoltura sociale a scala territoriale. - Prot. n.1774 1. Azienda

Dettagli

COMUNE DI GROTTAFERRATA Provincia di Roma. Bando di concorso per la realizzazione grafica del nuovo logo della democrazia partecipativa

COMUNE DI GROTTAFERRATA Provincia di Roma. Bando di concorso per la realizzazione grafica del nuovo logo della democrazia partecipativa COMUNE DI GROTTAFERRATA Provincia di Roma Bando di concorso per la realizzazione grafica del nuovo logo della democrazia partecipativa 1 Indice 1. ENTE BANDITORE DEL CONCORSO RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

Dettagli

Manuale per il corretto uso del nuovo logotipo FIAB. Federazione Italiana Amici della Bicicletta ONLUS

Manuale per il corretto uso del nuovo logotipo FIAB. Federazione Italiana Amici della Bicicletta ONLUS Manuale per il corretto uso del nuovo logotipo FIAB Federazione Italiana Amici della Bicicletta ONLUS giugno 2014 Federazione Italiana Amici della Bicicletta ONLUS Nell aprile di quest anno, a Roma, il

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEL LOGO DA PARTE DEGLI ISCRITTI ALL ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI

REGOLAMENTO PER L USO DEL LOGO DA PARTE DEGLI ISCRITTI ALL ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI REGOLAMENTO PER L USO DEL LOGO DA PARTE DEGLI ISCRITTI ALL ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Approvato dal Consiglio dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili

Dettagli

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO STATUTO ART. 1 - COSTITUZIONE E FINALITA Il COMITATO GENITORI MONTEOLIMPINO dei PLESSI

Dettagli

Chiesi Foundation Onlus Regolamento per la concessione del patrocinio e l utilizzo del logo istituzionale Chiesi Foundation

Chiesi Foundation Onlus Regolamento per la concessione del patrocinio e l utilizzo del logo istituzionale Chiesi Foundation Chiesi Foundation Onlus Regolamento per la concessione del patrocinio e l utilizzo del logo istituzionale Chiesi Foundation 1. Oggetto e scopo Il presente regolamento disciplina le modalità mediante le

Dettagli

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune Il Consorzio Ingauno Energia Pulita: scopi e principali attività Perché unirsi Diritti e doveri del Consorzio

Dettagli

PROCEDURA PER L'UTILIZZO DEL LOGO AZIENDALE E LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO

PROCEDURA PER L'UTILIZZO DEL LOGO AZIENDALE E LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO 1 di 5 SOMMARIO 1 Scopo...2 2 Applicabilità...2 3 Definizioni...2 4 Modalità operative...2 4.1 Uso interno...2 4.2 Patrocinio...3 4.3 Allegato - Logo dell' Azienda USL 8...5 MATRICE DELLA REDAZIONE E REVISIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MARCHI E DEI LOGHI DI ASSOCOUNSELING. Articolo 1 (Definizione e ambito di applicazione)

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MARCHI E DEI LOGHI DI ASSOCOUNSELING. Articolo 1 (Definizione e ambito di applicazione) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MARCHI E DEI LOGHI DI ASSOCOUNSELING Articolo 1 (Definizione e ambito di applicazione) Il presente regolamento definisce le indicazioni necessarie sull uso dei marchi e dei

Dettagli

Bando: A Scuola di Piemonte!.

Bando: A Scuola di Piemonte!. Bando: A Scuola di Piemonte!. PREMESSA La Regione Piemonte con il presente bando intende sostenere, attraverso un contributo finanziario a carattere integrativo, iniziative e progetti di ampliamento dei

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO Sommario Art. 1 Titolarità, denominazione ed uso del marchio Art. 2

Dettagli

PRODOTTI DI QUALITA PUGLIA

PRODOTTI DI QUALITA PUGLIA 28264 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 119 del 05-09-2013 Procedura per l utilizzo del Logo PRODOTTI DI QUALITA PUGLIA Procedura per utilizzo del logo PRODOTTI DI QUALITA PUGLIA Bollettino

Dettagli

LA RETTRICE D E C R E T A

LA RETTRICE D E C R E T A Decreto n. 336.15 Prot. 9925 LA RETTRICE - Viste le Leggi sull Istruzione Universitaria; - Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168; - Visto lo Statuto dell Università per Stranieri di Siena adottato con D.R.

Dettagli

Marchio e immagine coordinata FIAF. Disciplinare d'uso.

Marchio e immagine coordinata FIAF. Disciplinare d'uso. Marchio e immagine coordinata FIAF. Disciplinare d'uso. Introduzione Il presente documento si propone di disciplinare l'utilizzo del marchio FIAF attraverso l'identificazione degli elementi base dell'immagine

Dettagli

Modalità di utilizzo del Marchio e del Certificato

Modalità di utilizzo del Marchio e del Certificato Procedura: Titolo Modalità di utilizzo del Marchio e del Certificato Sigla Revisione 02 Data 02-01-2014 Redazione Approvazione Entrata in vigore DIRETTORE OdC AMMINISTRATORE UNICO 02-01-2014 Il presente

Dettagli

BANDO PER IL CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO MUSEO DEL PALIO

BANDO PER IL CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO MUSEO DEL PALIO CITTÀ DI ASTI Settore Lavori Pubblici ed Edilizia Pubblica Settore Cultura e Manifestazioni BANDO PER IL CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO MUSEO DEL PALIO 1. Soggetto banditore Il concorso

Dettagli

Linee guida per l applicazione dell identità visiva della Regione Basilicata Manuale d uso del marchio regionale L esame, anche sommario, degli strumenti e delle modalità utilizzati dagli organi e dalle

Dettagli

Gelateria Italiana Marchio di Qualità. Manuale d applicazione

Gelateria Italiana Marchio di Qualità. Manuale d applicazione Gelateria Italiana Marchio di Qualità Manuale d applicazione Indice Introduzione 1. 1.1 1.2 1.3 1.4 1.5 1.6 1.7 1.8 1.9 1.10 1.11 1.12 Marchio ed elementi base Il marchio Progettazione del marchio Il pittogramma

Dettagli

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing 1 Premessa Nel processo di armonizzazione dell Ingegneria Europea, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri,

Dettagli

2 Raduno Nazionale degli Atleti Azzurri d Italia

2 Raduno Nazionale degli Atleti Azzurri d Italia I 1, 2 e 3 maggio 2015 si svolgerà a Montecatini Terme (PT) il 2 Raduno Nazionale degli Atleti Azzurri d Italia L evento raccoglierà nelle piazze e nei viali di Montecatini Terme tutti coloro che nella

Dettagli

indice a cosa serve il brand book MARCHIO

indice a cosa serve il brand book MARCHIO 2 Il Brand Book ha il fine ultimo di essere un valido strumento per tutti coloro che sono chiamati, a vario titolo, ad operare con l immagine dell azienda, dando indicazioni e soluzioni sulle principali

Dettagli

ASSOBIOMEDICA 2014 GUIDA ALL UTILIZZO DEL LOGO

ASSOBIOMEDICA 2014 GUIDA ALL UTILIZZO DEL LOGO ASSOBIOMEDICA 2014 GUIDA ALL UTILIZZO DEL LOGO 2 ASSOBIOMEDICA 2014 GUIDA ALL UTILIZZO DEL LOGO Il Logo ASSOBIOMEDICA è costituido da tre elementi: il simbolo, il lettering e la dicitura SIMBOLO LETTERING

Dettagli

Nello specifico, come precisa l art. 16 della Legge della Regione Sardegna 14/2006, i sistemi bibliotecari hanno il compito di:

Nello specifico, come precisa l art. 16 della Legge della Regione Sardegna 14/2006, i sistemi bibliotecari hanno il compito di: AVVISO PUBBLICO CONCORSO DI IDEE PER LA CREAZIONE DI UN LOGO PER IL SISTEMA BIBLIOTECARIO DEL MEDIO CAMPIDANO 1. OGGETTO DEL CONCORSO La Provincia del Medio Campidano indice un concorso di idee per la

Dettagli

Città di Ugento Provincia di Lecce

Città di Ugento Provincia di Lecce Copia Città di Ugento Provincia di Lecce DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE Settore 1 - Affari Generali e Istituzionali N. 1390 Registro Generale N. 737 Registro del Settore Oggetto : SERVIZIO TIPOGRAFICO

Dettagli

UNA GIORNATA CON IL GPL

UNA GIORNATA CON IL GPL BANDO DI CONCORSO UNA GIORNATA CON IL GPL INTRODUZIONE FEDERCHIMICA-Assogasliquidi nell ambito di un più ampio progetto di comunicazione/informazione volto a favorire la conoscenza e la notorietà del prodotto

Dettagli

BANDO PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO DI

BANDO PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO DI BANDO PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO DI CalabriaInnova Un sistema regionale centrato su innovazione e ricerca per la competitività del territorio. Una rete al servizio di imprenditori e ricercatori. Art.

Dettagli

Prot. n. 208.15 Roma, 14 ottobre 2015. Loro Sedi. Oggetto: Scadenze, disposizioni e quote federali per l attività 2016.

Prot. n. 208.15 Roma, 14 ottobre 2015. Loro Sedi. Oggetto: Scadenze, disposizioni e quote federali per l attività 2016. Prot. n. 208.15 Roma, 14 ottobre 2015 Alle Società affiliate alla FIPT Agli Organismi periferici della FIPT Loro Sedi Oggetto: Scadenze, disposizioni e quote federali per l attività 2016. Si porta a conoscenza

Dettagli

ICONA PROGETTO SCUOLA. Linee guida

ICONA PROGETTO SCUOLA. Linee guida ICONA Linee guida 5 ELEMENTI COSTITUTIVI 6 costruzione 7 area di rispetto 8 DIMENSIONE MINIMA 9 PALETTE CROMATICA 10 CARATTERI TIPOGRAFICI 11 VERSIONE A COLORI 12 VERSIONE IN SCALA DI GRIGIO 13 CO-BRANDING

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO AZIENDALE E PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO. PA Rev. 0 del 10.04.

REGOLAMENTO AZIENDALE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO AZIENDALE E PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO. PA Rev. 0 del 10.04. REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO AZIENDALE E PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO PA Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 1/04/2013 Ida Mannelli Ida Mannelli Direzione

Dettagli

Il Segretario Generale Prot. 3165 Roma, 20 dicembre 2013 Trasmissione a mezzo e-mail

Il Segretario Generale Prot. 3165 Roma, 20 dicembre 2013 Trasmissione a mezzo e-mail Il Segretario Generale Prot. 3165 Roma, 20 dicembre 2013 Trasmissione a mezzo e-mail Agli Sigg.ri Presidenti delle Società Organizzatrici Procuratori Sportivi Pugili Pro Arbitri iscritti nelle liste pro

Dettagli

Comune dell'aquila MANUALE D'IMMAGINE COORDINATA. (Aggiornamento a gennaio 2013)

Comune dell'aquila MANUALE D'IMMAGINE COORDINATA. (Aggiornamento a gennaio 2013) MANUALE D'IMMAGINE COORDINATA (Aggiornamento a gennaio 2013) INDICE INTRODUZIONE pag. 5 GLI STEMMI pag. 6 IL SIGILLO CIVICO pag. 7 LE CARTE INTESTATE pag. 8 I CARATTERI E LO STILE DEI TESTI pag. 10 DELIBERAZIONI

Dettagli

Manuale di Corporate Identity L immagine istituzionale di Bellaria Igea Marina

Manuale di Corporate Identity L immagine istituzionale di Bellaria Igea Marina Manuale di Corporate Identity L immagine istituzionale di Bellaria Igea Marina Rimini, Luglio 2007 La Guide Line di Bellaria Igea Marina regola in modo organico e vincolante l uso del marchio e la sua

Dettagli

TESSERAMENTO E IMPIEGO DI ATLETI EXTRA-COMUNITARI: PRIORITA E PROCEDURE

TESSERAMENTO E IMPIEGO DI ATLETI EXTRA-COMUNITARI: PRIORITA E PROCEDURE CIRCOLARE FIH N. 5 - (Anno Sportivo 2014/2015) Settore Tesseramento Protocollo n : 2344, Roma, 17 giugno 2014 Oggetto: Tesseramento atleti extracomunitari Destinatari: Società/Organi Territoriali - per

Dettagli

QUALE UTILIZZARE COME

QUALE UTILIZZARE COME IL MARCHIO QUALE UTILIZZARE APPLICARLO UTILIZZARLO VERSIONE PRINCIPALE DEL MARCHIO QUALE Da utilizzare nella maggior parte degli strumenti destinati alla comunicazione interna ed esterna. Il marchio potrà

Dettagli

Procedura per il rilascio della Carta di Attivazione

Procedura per il rilascio della Carta di Attivazione Procedura per il rilascio della Carta di Attivazione Per il funzionamento di un sistema di emissione dei titoli di accesso e per la generazione del sigillo fiscale è necessario richiedere il rilascio all

Dettagli

Modalità di utilizzo del Marchio e del Certificato

Modalità di utilizzo del Marchio e del Certificato Procedura: Titolo Modalità di utilizzo del Marchio e del Certificato Sigla Revisione 01 Data 28-05-2013 Redazione Approvazione Entrata in vigore DIRETTORE OdC AMMINISTRATORE UNICO 28-05-2013 Il presente

Dettagli

Comune. di Borgo a Mozzano GUIDA ALLA PRESENTAZIONE ON LINE DI PRATICHE SUAP [2013]

Comune. di Borgo a Mozzano GUIDA ALLA PRESENTAZIONE ON LINE DI PRATICHE SUAP [2013] Comune di Borgo a Mozzano GUIDA ALLA PRESENTAZIONE ON LINE DI PRATICHE SUAP [2013] - 1 - PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE È PREVISTO L OBBLIGO DI PRESENTAZIONE DI TUTTE LE PRATICHE E LORO INTEGRAZIONE ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

I10 Gestione e utilizzo sale riunioni

I10 Gestione e utilizzo sale riunioni I10 Gestione e utilizzo sale riunioni Responsabile processo: Strutture interessate: Segretario generale tutte Edizione 3 Modifiche a seguito modifiche organizzative a aggiunta descrizione sala biblioteca

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI

PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 2 del 13 gennaio 2012 1 INDICE Art.

Dettagli

LINEE GUIDA DI UTILIZZO DEL LOGOTIPO E DELL IMMAGINE COORDINATA

LINEE GUIDA DI UTILIZZO DEL LOGOTIPO E DELL IMMAGINE COORDINATA LINEE GUIDA DI UTILIZZO DEL LOGOTIPO E DELL IMMAGINE COORDINATA Introduzione Il presente documento è finalizzato a regolamentare l utilizzo del logotipo e l immagine coordinata su tutti i materiali prodotti

Dettagli

COMUNE DI POLIGNANO A MARE (BA) SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA ESTATE POLIGNANESE 2015 I I

COMUNE DI POLIGNANO A MARE (BA) SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA ESTATE POLIGNANESE 2015 I I ESTATE POLIGNANESE 2015 III Concorso di idee per l individuazione di claim ed identità grafica 1. OGGETTO DEL CONCORSO DI IDEE Il concorso, in attuazione della delibera di G.C. n. 38 del 6/3/2015, intende

Dettagli

5 Genesi, schizzi e costruttivi del Logo 6 Presentazione 7 Carattere del Logotipo 8 Positivo e negativo 9 Prove di colorazione

5 Genesi, schizzi e costruttivi del Logo 6 Presentazione 7 Carattere del Logotipo 8 Positivo e negativo 9 Prove di colorazione A cosa serve il Manuale... Indice dei contenuti Dal punto di vista strettamente operativo l immagine coordinata è impostata sul marchio e sul logotipo dell Azienda e si sviluppa e si declina su tutte le

Dettagli

anno sportivo 2011-2012

anno sportivo 2011-2012 GUIDA AL TESSERAMENTO ON-LINE anno sportivo 2011-2012 www.badmintonitalia.it Guida al Tesseramento on-line per l anno sportivo 2010-2011 Il servizio di tesseramento on-line lanciato dalla FIBa per la stagione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO (modificato dall Assemblea dell Associazione R.E TE. Imprese Italia il 15 giugno 2011) Art. 1 OGGETTO E FINALITÀ Il presente regolamento disciplina l utilizzo del

Dettagli

PER LA DISTRIBUZIONE E VENDITA DEL MATERIALE PROMOZIONALE E PUBBLICITARIO PRODOTTO DALL ENTE PARCO NAZIONALE DEL GARGANO

PER LA DISTRIBUZIONE E VENDITA DEL MATERIALE PROMOZIONALE E PUBBLICITARIO PRODOTTO DALL ENTE PARCO NAZIONALE DEL GARGANO REGOLAMENTO Delibera Commissariale n. 2 del 16 febbraio 2011 PER LA DISTRIBUZIONE E VENDITA DEL MATERIALE PROMOZIONALE E PUBBLICITARIO PRODOTTO DALL ENTE PARCO NAZIONALE DEL GARGANO Art. 1 Finalità Il

Dettagli

Delibera n 18 del C.F. 429 del 23/02/2012. Federazione Italiana Vela. Regolamento per gli Equipaggi Azzurri

Delibera n 18 del C.F. 429 del 23/02/2012. Federazione Italiana Vela. Regolamento per gli Equipaggi Azzurri Delibera n 18 del C.F. 429 del 23/02/2012 Federazione Italiana Vela Regolamento per gli Equipaggi Azzurri Titolo I Campo di applicazione Art.1 Finalità 1. Il Regolamento è destinato : a) ad assicurare

Dettagli

ACCORDO DI RISERVATEZZA

ACCORDO DI RISERVATEZZA ATTENZIONE Il presente modello contrattuale ha valore di mero esempio e viene reso disponibile a solo scopo informativo. Non rappresenta in alcun modo consulenza legale. L autore non garantisce in alcun

Dettagli

DEL SISTEMA AZIENDALE BOOK FIRST AID ACCESSO ALLA RETE INTRANET

DEL SISTEMA AZIENDALE BOOK FIRST AID ACCESSO ALLA RETE INTRANET DEL SISTEMA AZIENDALE BOOK FIRST AID ACCESSO ALLA RETE INTRANET Agenda - BOOK - PRENOTAZIONE Per la corretta prenotazione di una visita ambulatoriale occorre essere in possesso della tessera sanitaria

Dettagli

Istruzioni per l interessato

Istruzioni per l interessato Modello: COM005_02_TOS_R01.doc Revisione n. 01 del 30/12/2005 Pagina 1 su un totale di 5 (compilazione a cura dell ufficio) Spazio per apporre il timbro di protocollo Data: Prot. Codifica interna: [ ]

Dettagli

Bando di concorso per l ideazione e la creazione del logo per il 50 anniversario della Lega del Filo d Oro

Bando di concorso per l ideazione e la creazione del logo per il 50 anniversario della Lega del Filo d Oro Bando di concorso per l ideazione e la creazione del logo per il 50 anniversario della Lega del Filo d Oro (bando elaborato secondo le norme internazionali concordate con ICOGRADA, ICSID, IFI; con il patrocinio

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

BANDO DI CONCORSO DI IDEE PER LA CREAZIONE DEL LOGO DELLA CONSULTA DEL DECENTRAMENTO

BANDO DI CONCORSO DI IDEE PER LA CREAZIONE DEL LOGO DELLA CONSULTA DEL DECENTRAMENTO BANDO DI CONCORSO DI IDEE PER LA CREAZIONE DEL LOGO DELLA CONSULTA DEL DECENTRAMENTO Premessa L Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Roma e Provincia al fine di promuovere

Dettagli

Ediz. num. 01- Emesso in data: 04.04.2006 rev. 00 Rif. UNI EN ISO 9001:2000 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO CONSULENZA GARANTITA FAC SIMILE

Ediz. num. 01- Emesso in data: 04.04.2006 rev. 00 Rif. UNI EN ISO 9001:2000 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO CONSULENZA GARANTITA FAC SIMILE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO CONSULENZA GARANTITA INDICE IL PRESENTE REGOLAMENTO, SE NON AUTENTICATO DAL CONSORZIO GAMMA SERVIZI, NON COSTITUISCE ATTO DI CONFERIMENTO DEL MARCHIO CONSULENZA GARANTITA

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA CEDCAMERA AZIENDA DI SERVIZI INFORMATIVI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO E COLLEGIO DEI GEOMETRI DELLA PROVINCIA DI...

PROTOCOLLO DI INTESA TRA CEDCAMERA AZIENDA DI SERVIZI INFORMATIVI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO E COLLEGIO DEI GEOMETRI DELLA PROVINCIA DI... PROTOCOLLO DI INTESA TRA CEDCAMERA AZIENDA DI SERVIZI INFORMATIVI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO E COLLEGIO DEI GEOMETRI DELLA PROVINCIA DI... CEDCAMERA Azienda dei Servizi Informativi della Camera

Dettagli

BANDO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO DI GIOVANI, PRESENTATI DA IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA

BANDO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO DI GIOVANI, PRESENTATI DA IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA BANDO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO DI GIOVANI, PRESENTATI DA IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA Scadenza 31 dicembre 2012 Partner: Project by: Bando per la selezione di progetti

Dettagli

Centro Sportivo Italiano Comitato Provinciale di Reggio Emilia VADEMECUM AFFILIAZIONE/TESSERAMENTO 2015/2016 NUOVE SOCIETA SPORTIVE

Centro Sportivo Italiano Comitato Provinciale di Reggio Emilia VADEMECUM AFFILIAZIONE/TESSERAMENTO 2015/2016 NUOVE SOCIETA SPORTIVE NUOVE SOCIETA SPORTIVE Questo manuale vuole essere di aiuto per tutte le società sportive che intendono affiliarsi e praticare attività sportiva con il CENTRO SPORTIVO ITALIANO Comitato Provinciale di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DEL MARCHIO MADE IN PROVINCIA DI BRESCIA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DEL MARCHIO MADE IN PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DEL MARCHIO MADE IN PROVINCIA DI BRESCIA Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 20 RV del 30 maggio 2011 1 - EPIGRAFE - Premessa Art. 1 - Istituzione

Dettagli

Forum Città di Giovani - Andria

Forum Città di Giovani - Andria Bando di Concorso per la ideazione di un logo grafico per il FORUM CITTA DI GIOVANI di Andria. 1. SOGGETTO BANDITORE Il FORUM CITTA DI GIOVANI indice un concorso d idee per la ideazione di un logo che

Dettagli

AFFILIAZIONE E TESSERAMENTO 2011 NORME GENERALI

AFFILIAZIONE E TESSERAMENTO 2011 NORME GENERALI AFFILIAZIONE E TESSERAMENTO 2011 NORME GENERALI Dal 1 ottobre 2010 sono aperte le affiliazioni, le riaffiliazioni ed i tesseramenti alla FIKTA per l'anno 2011. Per affiliarsi alla FIKTA, le Associazioni

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE/QUALIFICAZIONE

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE/QUALIFICAZIONE ENTE ITALIANO DI CERTIFICAZIONE S.R.L. www.enteitalianocertificazione.it info@enteitalianocertificazione.it REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE/QUALIFICAZIONE Il presente Regolamento è stato

Dettagli

ANCIS Srl I 20122 Milano Viale Bianca Maria 35 segreteria@ancis.it

ANCIS Srl I 20122 Milano Viale Bianca Maria 35 segreteria@ancis.it Regolamento per l utilizzo dei marchi di certificazione RM Pagina 1 di 6 Indice STATO DEL DOCUMENTO... 2 1 SCOPO DEL REGOLAMENTO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 2 DIMENSIONI... 4 3 DECLARATORIE... 4 4 SPECIFICHE

Dettagli

Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani. Galleria Fotografica del sito web del CIFI. Guida dell utente

Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani. Galleria Fotografica del sito web del CIFI. Guida dell utente Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani Galleria Fotografica del sito web del CIFI Guida dell utente Revisione del 9 giugno 2010 Sommario Introduzione 1 Accesso alla Galleria Fotografica 2 Descrizione della

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE S.M.O.M.

REGOLAMENTO GENERALE S.M.O.M. PREFAZIONE L associazione SMOM è un luogo, un punto d incontro di sensibilità e progettualità comuni, a sostegno della riduzione delle disparità sociali esistenti fra i popoli. Quindi per il diritto alla

Dettagli

MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA ELEMENTI BASE

MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA ELEMENTI BASE MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA ELEMENTI BASE Nuovo logo Uilm, 2013 A.01 Elementi base. Marchio/logo Uilm. Versione colore quadricromia Versione bianco/nero tinte piatte C 100 M 70 Y 0 K 60 C 0 M 100 Y 100

Dettagli

Soluzioni Integrate e Supporto alle Decisioni. BRAND BOOK Sistema di identità visiva Manuale di applicazione grafica

Soluzioni Integrate e Supporto alle Decisioni. BRAND BOOK Sistema di identità visiva Manuale di applicazione grafica Soluzioni Integrate e Supporto alle Decisioni BRAND BOOK Sistema di identità visiva Manuale di applicazione grafica introduzionex xil presente documento vuole porsi come strumento di articolazione e

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI ROMA Via Ripetta n.222-00186 ROMA Tel. 06/3227025 06/3227036 Fax. 06/3218007

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI ROMA Via Ripetta n.222-00186 ROMA Tel. 06/3227025 06/3227036 Fax. 06/3218007 Roma, 17 novembre 2014 Prot. n. 20824/D3 D.D. 208 CONCORSO DI IDEE RISERVATO A STUDENTI O EX STUDENTI DELL ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI ROMA PER LA PROGETTAZIONE GRAFICA DEL MARCHIO/LOGOTIPO DELL ACCADEMIA.

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO INFORMATICO DI LAZIOSANITA AGENZIA DI SANITA PUBBLICA DELLA REGIONE LAZIO

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO INFORMATICO DI LAZIOSANITA AGENZIA DI SANITA PUBBLICA DELLA REGIONE LAZIO REGOLAMENTO ALBO PRETORIO INFORMATICO DI LAZIOSANITA AGENZIA DI SANITA PUBBLICA DELLA REGIONE LAZIO (Adottato con DEC. n. 470/2010 - Modificato ed integrato con DEC. n. 24/2011) INDICE Art. n. 1 Oggetto

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE SERVIZI INFORMATICI

PROVINCIA DI LECCE SERVIZI INFORMATICI PROVINCIA DI LECCE SERVIZI INFORMATICI NORME PER L UTILIZZO DELLE RISORSE INFORMATICHE E TELEMATICHE Assessore: Cosimo Durante Responsabile del Servizio: Luigi Tundo Ottobre 2001 1 INDICE DEI CONTENUTI

Dettagli

Procedura di affiliazione

Procedura di affiliazione Procedura di affiliazione ACCESSO: si accede al programma tramite un link nella home page del sito federale www.federciclismo.it od anche digitando direttamente l indirizzo http://ksport.fattorek.it/fci/

Dettagli