MANUALE DI IMMAGINE COORDINATA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE DI IMMAGINE COORDINATA"

Transcript

1 MANUALE DI IMMAGINE COORDINATA Revisione n. 001 Data emissione 8 ottobre 2009 Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 68 del

2 Premessa Il Manuale di immagine coordinata è lo strumento che regola in modo organico e vincolante l uso degli strumenti di comunicazione dell Azienda. Questo manuale raccoglie una serie di regole da rispettare nella produzione degli strumenti di comunicazione interni ed esterni dell ASP Poveri Vergognosi. Il suo utilizzo consente di: uniformare le comunicazioni, dirette sia all interno che all esterno, mediante un unica veste grafica, rappresentare l Azienda ai destinatari in modo efficace garantendone l immediata riconoscibilità. Per consolidare e tutelare l immagine grafica dell Azienda è importante applicare le indicazioni contenute nel manuale, senza modificare in alcun caso le misure, i colori, le posizioni o i rapporti indicati. L immagine coordinata è costituita dai seguenti elementi: 1. logo dell Azienda 2. carta intestata 3. busta 4. biglietti da visita 5. timbro 6. firma nei messaggi di posta elettronica 7. copertina per fax 8. deliberazione 9. determinazione Per facilitare l attuazione dell immagine coordinata sono stati creati dei modelli di documenti, disponibili nella rete informatica aziendale, che consentono di mantenere l omogeneità dell immagine e dell impostazione grafica, permettendo tuttavia la personalizzazione con i dati identificativi delle singole unità organizzative.

3 1. IL LOGO E il principale elemento identificativo dell Azienda. Va riportato su tutti i documenti prodotti dall Azienda, sia rivolti all esterno sia all interno. Può essere omesso, come misura d eccezione, solo sulla modulistica non utilizzata dagli utenti. Elementi di base del logo stemma - il soggetto (San Nicola) rimane invariato rispetto a quello del logo dell IPAB Opera Pia dei Poveri Vergognosi per garantire la riconoscibilità dell Azienda e la continuità rispetto alla precedente Istituzione; dal punto di vista grafico la rappresentazione di San Nicola è più stilizzata e moderna rispetto al predente; - colore: pantone 194U logotipo - riporta la denominazione dell Azienda ASP Poveri Vergognosi - carattere: OptimusPrinceps - colore: per la scritta asp, 50% pantone 194U; per la scritta poveri vergognosi, pantone 194U - posizione rispetto allo stemma: in basso Il logo deve sempre essere usato nella sua interezza, stemma + logotipo. Per la composizione del testo (es: inviti, modulistica) è possibile effettuare modifiche alla dimensione del logo mantenendo però invariate le proporzioni. La dimensione minima utilizzabile è cm 2,5 di base (al di sotto è scarsamente leggibile). In linea generale la posizione del logo è in alto a sinistra.

4 2. CARTA INTESTATA Va utilizzata per le comunicazioni sia verso l esterno sia verso l interno dell Azienda.

5 Elementi della carta intestata La carta intestata riporta in alto a sinistra il logo dell Azienda e in calce su due righe la denominazione per esteso (sulla prima riga) e i recapiti/dati della sede legale - indirizzo, telefono, fax, codice fiscale, sito internet e casella istituzionale (sulla seconda riga). - carattere scritta in calce: Frutiger roman, dimensione: 8/9 punti - colore: per la denominazione dell azienda pantone 194U, per i recapiti 80% process black E dispone carta intestata per stampante. Modelli di carta intestata in formato elettronico sono disponibili sul server. Come impostare una lettera su carta intestata Per lettere e comunicazioni su carta intestata è raccomandabile usare il carattere tipografico Garamond in dimensione non superiore al corpo margini: superiore 4,5 inferiore 2 sinistro 2,5 destro 2,5 Intestazione Contiene gli elementi identificativi del mittente della lettera (denominazione unità organizzativa). - carattere: Garamond stampatello grassetto corpo 11 - allineamento: centrato Le denominazioni delle unità organizzative da utilizzare sono esclusivamente quelle indicate nella dotazione organica approvata dal Consiglio di Amministrazione. Servizi e strutture fuori sede Per i servizi/strutture che non sono ubicati presso la sede amministrativa occorre inserire una riga con i recapiti sotto la denominazione dell unità organizzativa con le seguenti modalità: - carattere denominazione unità organizzativa: Garamond stampatello grassetto corpo 11 - carattere recapiti: Garamond normale grassetto corpo 10 - allineamento: centrato - interlinea: singola esempio 1. CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI MADRE TERESA DI CALCUTTA via Altura 9/6 e 9/ Bologna - Tel Fax

6 esempio 2. SERVIZIO IMMIGRATI via del Milliario Bologna - Tel Fax Destinatario Il destinatario della lettera va inserito sotto l intestazione incolonnato a destra. - carattere: come quello usato nel testo della lettera (Garamond in dimensione non superiore al corpo 12). - allineamento: (a destra) tabulatore circa a 10 Protocollo e data Il numero di protocollo e la data vanno inseriti incolonnati a sinistra alla stessa altezza dell indirizzo del destinatario. - carattere: come quello usato nel testo della lettera (Garamond in dimensione non superiore al corpo 12). - allineamento: a sinistra Firma La firma va inserita in calce al testo della lettera a destra. Nella firma possono essere inserite eventuali ulteriori specificazioni (es. le diciture Il responsabile, Il dirigente, nome cognome, ecc). - carattere: come quello usato nel testo della lettera (Garamond in dimensione non superiore al corpo 12). - allineamento: tabulazione centrata a12

7 esempio 1.

8 esempio 2.

9 3. BUSTA La busta riporta il logo dell Azienda e l indirizzo della sede legale. Logo - posizione: in alto a sinistra. - dimensioni: larghezza cm. 4,8; altezza cm. 2,8 Indirizzo - posizione: in basso a sinistra. - carattere: Frutiger roman - corpo 8 - colore: 80% process black In alternativa, per intestare la busta, può essere utilizzato un timbro lineare.

10 4. BIGLIETTO DA VISITA Il biglietto da visita dei dipendenti e dei membri del Consiglio di Amministrazione dell ASP Poveri Vergognosi è realizzato su cartoncino di colore bianco. Dimensioni - larghezza: 8,5 cm - altezza: 5,5 cm Elementi del biglietto da visita Logo - posizione: in alto a sinistra - dimensioni: larghezza cm. 2,6; altezza cm. 1,5 Nome - posizione: centrale - allineamento: a destra - carattere: Garamond grassetto corpo 8 - colore: pantone 194U Mansione - posizione: centrale - allineamento: a destra a destra sotto il nome - carattere: Garamond normale corpo 8 - colore: pantone 194U Recapiti - posizione: in basso a sinistra - allineamento: a sinistra - carattere: Garamond normale corpo 7 - colore: grigio 80%

11 5. FIRMA NEI MESSAGGI DI POSTA ELETTRONICA Tutte le comunicazioni via posta elettronica sia verso l interno sia verso l esterno devono essere accompagnate da una firma in calce al testo dell . - carattere: Garamond normale corpo 8 - allineamento: a sinistra Elementi della firma Firma Titolo (facoltativo) Nome e Cognome Riferimenti Unità organizzativa oppure Responsabile unità organizzativa oppure Dirigente unità organizzativa Azienda pubblica di Servizi alla Persona Poveri Vergognosi Indirizzo Tel e Fax Avvertenze ai sensi del Codice sulla Privacy AVVERTENZE AI SENSI DEL DLGS 196/2003. Le informazioni contenute in questo messaggio di posta elettronica e/o nel/i file/s allegato/i, sono da considerarsi strettamente riservate. Il loro utilizzo è consentito esclusivamente al destinatario del messaggio, per le finalità indicate nel messaggio stesso. Qualora riceveste questo messaggio senza esserne il destinatario, Vi preghiamo cortesemente di darcene notizia via e di procedere alla distruzione del messaggio stesso, cancellandolo dal Vostro sistema; costituisce comportamento contrario ai principi dettati dal Dlgs. 196/2003 il trattenere il messaggio stesso, divulgarlo anche in parte, distribuirlo ad altri soggetti, copiarlo, od utilizzarlo per finalità diverse. Prima di stampare questa pagina verifica che sia necessario Proteggiamo l'ambiente

12 esempio 1. A CC CCN Oggetto: Testo testo testo testo testo testo testo testo testo testo Mario Rossi Ufficio Personale Azienda pubblica di Servizi alla Persona Poveri Vergognosi Via Marsala Bologna Tel Fax AVVERTENZE AI SENSI DEL DLGS 196/2003. Le informazioni contenute in questo messaggio di posta elettronica e/o nel/i file/s allegato/i, sono da considerarsi strettamente riservate. Il loro utilizzo è consentito esclusivamente al destinatario del messaggio, per le finalità indicate nel messaggio stesso. Qualora riceveste questo messaggio senza esserne il destinatario, Vi preghiamo cortesemente di darcene notizia via e di procedere alla distruzione del messaggio stesso, cancellandolo dal Vostro sistema; costituisce comportamento contrario ai principi dettati dal Dlgs. 196/2003 il trattenere il messaggio stesso, divulgarlo anche in parte, distribuirlo ad altri soggetti, copiarlo, od utilizzarlo per finalità diverse. Prima di stampare questa pagina verifica che sia necessario Proteggiamo l'ambiente esempio 2. A CC CCN Oggetto: Testo testo testo testo testo testo testo testo testo testo Mario Rossi Responsabile Centro polifunzionale per anziani Madre Teresa di Calcutta Azienda pubblica di Servizi alla Persona Poveri Vergognosi Via Altura 9/6-9/ Bologna Tel... - Fax... AVVERTENZE AI SENSI DEL DLGS 196/2003. Le informazioni contenute in questo messaggio di posta elettronica e/o nel/i file/s allegato/i, sono da considerarsi strettamente riservate. Il loro utilizzo è consentito esclusivamente al destinatario del messaggio, per le finalità indicate nel messaggio stesso. Qualora riceveste questo messaggio senza esserne il destinatario, Vi preghiamo cortesemente di darcene notizia via e di procedere alla distruzione del messaggio stesso, cancellandolo dal Vostro sistema; costituisce comportamento contrario ai principi dettati dal Dlgs. 196/2003 il trattenere il messaggio stesso, divulgarlo anche in parte, distribuirlo ad altri soggetti, copiarlo, od utilizzarlo per finalità diverse. Prima di stampare questa pagina verifica che sia necessario Proteggiamo l'ambiente

13 6. TIMBRI Timbri istituzionali Sono quelli che qualificano l Azienda nei confronti dei propri interlocutori; danno carattere di ufficialità a un documento e/o firma (es. contratti, deliberazioni, assegni, deleghe, ecc..) Per questi è definito un unico modello che si caratterizza per austerità ed autorevolezza della grafica, univocità degli elementi identificativi dell Azienda. Timbro tondo Timbro lineare Timbro istituzionale ASP Poveri Vergognosi Via Marsala Bologna Tel Fax CF Timbro Presidente o responsabile unità organizzativa esempio 1. ASP Poveri Vergognosi Via Marsala Bologna Il Presidente esempio 2. ASP Poveri Vergognosi Via Marsala Bologna Il Direttore Dott. Mario Rossi esempio 3. ASP Poveri Vergognosi Via Marsala Bologna Il Dirigente Settore Anziani Dott. Mario Rossi

14 In questi casi non è necessario riportare il numero di telefono/fax ma se ritenuto necessario dall unità organizzativa può essere inserito. Le stesse indicazioni valgono per gli indirizzi di posta elettronica. Timbro servizi e strutture fuori sede Esempio 1. ASP Poveri Vergognosi Centro pol. Card. G.Lercaro Via Bertocchi Bologna Esempio 2. Altri timbri Per tutti gli altri timbri che ogni unità funzionale ritiene utile predisporre valgono le seguenti regole: Numero di varianti Limitarne la predisposizione allo stretto indispensabile, in quanto fonte di costi aggiuntivi e di possibili fraintendimenti sulla struttura organizzativa dell Azienda. Timbri auto-inchiostranti Vista la notevole differenza di prezzo tra i timbri a tampone e quelli auto-inchiostranti è opportuno limitarne la predisposizione ai soli casi in cui l utilizzo generi una maggiore efficienza nel lavoro. Carattere: Garamond Sebbene le dimensioni dei timbri e del carattere siano in funzione del loro utilizzo è consigliabile l utilizzo di un carattere di dimensioni comprese tra un minimo di 11 e un massimo di 14. Formattazione Per garantire sobrietà e uniformità occorre evitare il più possibile: - il carattere corsivo - le sottolineature - le cornici ASP Poveri Vergognosi Servizio immigrati Via del Milliario Bologna Bologna Manuale di gestione immagine coordinata ASP Poveri Vergognosi

15 7. COPERTINA PER FAX Tutte le comunicazioni via fax sia verso l interno sia verso l esterno devono essere accompagnate da una copertina. Elementi della copertina per fax La copertina del fax contiene tutti gli elementi della carta intestata. Caratteristiche testo della copertina: - carattere: Garamond stampatello grassetto corpo 12 - allineamento: giustificato Destinatario (PER) Indicazione dei riferimenti del destinatario (nome e cognome, mansione, società/ente, ecc.). Indicazione del numero di fax. Mittente (DA) Indicazione dei riferimenti del mittente (nome e cognome, unità organizzativa, ecc.) Indicazione del numero di fax. Pagine trasmesse Indicazione del numero delle pagine trasmesse Data Indicazione della data di trasmissione del fax. Note Note di accompagnamento (oggetto, informazioni aggiuntive, ecc.) Avvertenze ai sensi del Codice sulla Privacy AVVERTENZE AI SENSI DEL DLGS 196/2003. Le informazioni contenute in questo messaggio di posta elettronica e/o nel/i file/s allegato/i, sono da considerarsi strettamente riservate. Il loro utilizzo è consentito esclusivamente al destinatario del messaggio, per le finalità indicate nel messaggio stesso. Qualora riceveste questo messaggio senza esserne il destinatario, Vi preghiamo cortesemente di darcene notizia via e di procedere alla distruzione del messaggio stesso, cancellandolo dal Vostro sistema; costituisce comportamento contrario ai principi dettati dal Dlgs. 196/2003 il trattenere il messaggio stesso, divulgarlo anche in parte, distribuirlo ad altri soggetti, copiarlo, od utilizzarlo per finalità diverse. Manuale di gestione immagine coordinata ASP Poveri Vergognosi

16 Servizi e strutture fuori sede Per i servizi/strutture che non sono ubicati presso la sede amministrativa occorre inserire una riga di intestazione con l indicazione della denominazione dell unità organizzativa e una riga con i relativi recapiti. - carattere denominazione unità organizzativa: Garamond stampatello grassetto corpo 11 - carattere recapiti: Garamond normale grassetto corpo 10 - allineamento: centrato - interlinea: singola esempio 1. CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI MADRE TERESA DI CALCUTTA via Altura 9/6 e 9/ Bologna - Tel Fax esempio 2. SERVIZIO IMMIGRATI via del Milliario Bologna - Tel Fax Manuale di gestione immagine coordinata ASP Poveri Vergognosi

17 Copertina fax sede Manuale di gestione immagine coordinata ASP Poveri Vergognosi

18 Copertina fax servizi/strutture fuori sede (esempio) Manuale di gestione immagine coordinata ASP Poveri Vergognosi

19 8. DELIBERAZIONE Impostazione grafica delle deliberazioni Le deliberazioni vengono redatte tramite il programma Lapis Web Delibere nel quale sono presenti appositi modelli, predisposti dall Ufficio Affari Generali e Rapporti Esterni. Impostazione pagina - margine superiore: cm. 2 - margine inferiore: cm. 2 - margine destro: cm. 3 - margine sinistro: cm. 1,2 Intestazione Tabella composta da quattro celle su due righe: tre celle nella prima riga e una cella unica nella seconda. Prima riga Cella di sinistra: riporta il logo dell Ente Cella centrale: riporta l identificazione dell organo che approva la deliberazione - carattere: Garamond stampatello grassetto corpo 11 Cella di destra: riporta il n di deliberazione, la data, il n dell odg e il n di proposta - carattere: Garamond stampatello grassetto corpo 10 per il n di proposta: : Garamond normale grassetto corpo 8 Seconda riga Unica cella: riporta l oggetto della deliberazione - carattere: Garamond stampatello grassetto - corpo 11 Testo del documento Dicitura Il Consiglio di Amministrazione o L Assemblea dei Soci : - carattere: Garamond stampatello - grassetto - corpo 11 - allineamento: centrato Dicitura Delibera : - carattere: Garamond stampatello - grassetto - corpo 11 - allineamento: centrato Premesse e decisioni: - carattere: Garamond normale corpo 11 - allenamento: giustificato Manuale di gestione immagine coordinata ASP Poveri Vergognosi

20 Criteri di redazione delle deliberazioni La firma va solo alla fine del testo, anche nel caso l atto sia composto da più pagine. L attribuzione del numero di deliberazione e della data di adozione è a cura dell Ufficio Affari Generali e Rapporti Esterni tramite il programma Lapisweb Delibere. L attribuzione del numero di proposta viene data in automatico dal programma al momento del salvataggio. In calce alla deliberazione viene sempre essere indicato il settore proponente (su proposta del Responsabile del Settore/Servizio ). Manuale di gestione immagine coordinata ASP Poveri Vergognosi

21 Deliberazione dell Assemblea dei Soci Manuale di gestione immagine coordinata ASP Poveri Vergognosi

22 Deliberazione del Consiglio di Amministrazione Manuale di gestione immagine coordinata ASP Poveri Vergognosi

23 7. DETERMINAZIONE Impostazione grafica delle determinazioni Le determinazioni vengono redatte tramite il programma Lapis web Delibere nel quale sono presenti appositi modelli, predisposti dall Ufficio Affari Generali e Rapporti Esterni. Impostazione pagina - margine superiore: cm. 2 - margine inferiore: cm. 2 - margine destro: cm. 3 - margine sinistro: cm. 1,2 Intestazione Tabella composta da tre celle su due righe: due celle nella prima riga e una cella unica nella seconda. Prima riga Cella di sinistra: riporta il logo dell Ente Cella di destra: riporta il n di determinazione, la data e il n di proposta - carattere: Garamond stampatello grassetto corpo 12 per il n di proposta: : Garamond normale grassetto corpo 8 Seconda riga Unica cella: riporta l oggetto della determinazione - carattere: Garamond stampatello grassetto - corpo 11 Testo del documento Dicitura Il Responsabile./Il Direttore - carattere: Garamond normale - grassetto - corpo 11 - allineamento: centrato Dicitura Determina : - carattere: Garamond stampatello - grassetto - corpo 11 - allineamento: centrato Premesse e decisioni: - carattere: Garamond normale corpo 11 - allenamento: giustificato Manuale di gestione immagine coordinata ASP Poveri Vergognosi

24 Criteri di redazione delle determinazioni La firma va solo alla fine del testo, anche nel caso l atto sia composto da più pagine. L attribuzione del numero di determinazione e della data di adozione è a cura dell Ufficio Affari Generali e Rapporti Esterni tramite il programma Lapis web Delibere. L attribuzione del numero di proposta viene data in automatico dal programma al momento del salvataggio. Quando vengono redatte determinazioni del Direttore, premettere sempre chi è il proponente (su proposta del Responsabile del Settore/Servizio ) Manuale di gestione immagine coordinata ASP Poveri Vergognosi

25 Determinazione Manuale di gestione immagine coordinata ASP Poveri Vergognosi

Manuale di immagine coordinata

Manuale di immagine coordinata Manuale di immagine coordinata Città di Minerbio perché un immagine coordinata La volontà di ricorrere alla stesura di un manuale di immagine coordinata nasce dall esigenza di rinnovare e razionalizzare

Dettagli

Soluzioni Integrate e Supporto alle Decisioni. BRAND BOOK Sistema di identità visiva Manuale di applicazione grafica

Soluzioni Integrate e Supporto alle Decisioni. BRAND BOOK Sistema di identità visiva Manuale di applicazione grafica Soluzioni Integrate e Supporto alle Decisioni BRAND BOOK Sistema di identità visiva Manuale di applicazione grafica introduzionex xil presente documento vuole porsi come strumento di articolazione e

Dettagli

Manuale di Immagine Coordinata dell Asl 5 Spezzino

Manuale di Immagine Coordinata dell Asl 5 Spezzino Manuale di Immagine Coordinata dell Asl 5 Spezzino Manuale di immagine coordinata 1. Identità visiva L identità visiva di qualsiasi organizzazione è definita dalla sua immagine coordinata la quale, a sua

Dettagli

Linee guida di utilizzo del marchio

Linee guida di utilizzo del marchio Linee guida di utilizzo del marchio Indice 1. Marchio + logotipo 1.1 Caratteristiche generali 1.2 Schema costruttivo del marchio + logotipo 1.3 Dimensioni minime del marchio + logotipo 1.4 Colori e valori

Dettagli

MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA ELEMENTI BASE

MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA ELEMENTI BASE MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA ELEMENTI BASE Nuovo logo Uilm, 2013 A.01 Elementi base. Marchio/logo Uilm. Versione colore quadricromia Versione bianco/nero tinte piatte C 100 M 70 Y 0 K 60 C 0 M 100 Y 100

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria Regione Calabria ARPACAL Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria MANUALE DI COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE Elementi di base del Marchio-Logo istituzionale dell ARPACAL (Agenzia Regionale

Dettagli

il Marchio 1/8 1/2 PANTONE 485 PANTONE 431 NERO 100% PANTONE 429 BIANCO BIANCO

il Marchio 1/8 1/2 PANTONE 485 PANTONE 431 NERO 100% PANTONE 429 BIANCO BIANCO il Marchio PANTONE 431 PANTONE 48 NERO 0% PANTONE 429 BIANCO PANTONE 429 BIANCO PANTONE 48 1/2 1/8 1/2 motivazioni Marchio in grado di esprimere la potenza contrattuale di una organizzazione seria ed efficiente

Dettagli

MS Word per la TESI. Barra degli strumenti. Rientri. Formattare un paragrafo. Cos è? Barra degli strumenti

MS Word per la TESI. Barra degli strumenti. Rientri. Formattare un paragrafo. Cos è? Barra degli strumenti MS Word per la TESI Barra degli strumenti Cos è? Barra degli strumenti Formattazione di un paragrafo Formattazione dei caratteri Gli stili Tabelle, figure, formule Intestazione e piè di pagina Indice e

Dettagli

Comune dell'aquila MANUALE D'IMMAGINE COORDINATA. (Aggiornamento a gennaio 2013)

Comune dell'aquila MANUALE D'IMMAGINE COORDINATA. (Aggiornamento a gennaio 2013) MANUALE D'IMMAGINE COORDINATA (Aggiornamento a gennaio 2013) INDICE INTRODUZIONE pag. 5 GLI STEMMI pag. 6 IL SIGILLO CIVICO pag. 7 LE CARTE INTESTATE pag. 8 I CARATTERI E LO STILE DEI TESTI pag. 10 DELIBERAZIONI

Dettagli

Modalità di utilizzo del Marchio e del Certificato

Modalità di utilizzo del Marchio e del Certificato Procedura: Titolo Modalità di utilizzo del Marchio e del Certificato Sigla Revisione 02 Data 02-01-2014 Redazione Approvazione Entrata in vigore DIRETTORE OdC AMMINISTRATORE UNICO 02-01-2014 Il presente

Dettagli

PARCO NAZIONALE DELL ARCIPELAGO DI LA MADDALENA - REGOLAMENTO SULL USO DEL MARCHIO Deliberazione del Consiglio Direttivo 28 aprile 2006 n.

PARCO NAZIONALE DELL ARCIPELAGO DI LA MADDALENA - REGOLAMENTO SULL USO DEL MARCHIO Deliberazione del Consiglio Direttivo 28 aprile 2006 n. I3 PARCO NAZIONALE DELL ARCIPELAGO DI LA MADDALENA - REGOLAMENTO SULL USO DEL MARCHIO Deliberazione del Consiglio Direttivo 28 aprile 2006 n.13 Art. 1 Finalità 1. Il presente regolamento disciplina l utilizzo

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA. Normativa Grafica

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA. Normativa Grafica Normativa Grafica Normativa Grafica Indice 1. Forme e dimensioni 1.1 Logotipo 1.2 Isotipo 1.3 Logotipo + Isotipo 1.4 Riduzioni 1 1.5 Riduzioni 2 1.6 Riduzioni 3 2. Colori 2.1 Colori sociali 2.2 Positivo

Dettagli

PROVINCIA. manuale. coordinata. dell immagine. di chieti

PROVINCIA. manuale. coordinata. dell immagine. di chieti manuale dell immagine coordinata della provincia di chieti introduzione cos è Il Manuale di immagine coordinata regola in modo organico e vincolante la presentazione dell'immagine dell'ente attraverso

Dettagli

Questo manuale ha un fine pratico: guidare chi se ne debba servire

Questo manuale ha un fine pratico: guidare chi se ne debba servire Questo manuale ha un fine pratico: guidare chi se ne debba servire all uso corretto del marchio Regione Emilia-Romagna Cultura d Europa. Il suo segno infatti, fortemente composito e ricco, deve connotare

Dettagli

MANUALE PER L UTILIZZO DEI LOGHI.

MANUALE PER L UTILIZZO DEI LOGHI. PER L UTILIZZO DEI LOGHI. 2 MANUALE Indice Dimensioni reali e Proporzioni......................................................... 5 Colori...........................................................................

Dettagli

REGOLAMENTO. Regolamento sulla tutela dell immagine coordinata REV. 00. Attività Funzione Responsabile Firma. Ilaria GIOVANELLI. Patrizia PETRANGELI

REGOLAMENTO. Regolamento sulla tutela dell immagine coordinata REV. 00. Attività Funzione Responsabile Firma. Ilaria GIOVANELLI. Patrizia PETRANGELI Attività Funzione Responsabile Firma Redazione Area Personale, Organizzazione e Affari Generali: Ilaria GIOVANELLI Patrizia PETRANGELI Ilaria Giovanelli Patrizia Petrangeli Verifica Approvazione Direttore

Dettagli

Gli elementi base costitutivi dell immagine grafica di exa comprendono:

Gli elementi base costitutivi dell immagine grafica di exa comprendono: L immagine coordinata 01 Gli elementi base costitutivi dell immagine coordinata di exa engineering s.r.l. costituiscono l identità dell azienda, l immagine grafica con cui essa comunica con l esterno e

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MARCHI E DEI LOGHI DI ASSOCOUNSELING. Articolo 1 (Definizione e ambito di applicazione)

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MARCHI E DEI LOGHI DI ASSOCOUNSELING. Articolo 1 (Definizione e ambito di applicazione) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MARCHI E DEI LOGHI DI ASSOCOUNSELING Articolo 1 (Definizione e ambito di applicazione) Il presente regolamento definisce le indicazioni necessarie sull uso dei marchi e dei

Dettagli

Linee guida per l'utilizzo del logo d'ateneo

Linee guida per l'utilizzo del logo d'ateneo Linee guida per l'utilizzo del logo d'ateneo Premessa Negli ultimi anni - soprattutto sul web- si è assistito a una proliferazione di svariate versioni del sigillo dell Università degli Studi di Catania,

Dettagli

Modalità di utilizzo del Marchio e del Certificato

Modalità di utilizzo del Marchio e del Certificato Procedura: Titolo Modalità di utilizzo del Marchio e del Certificato Sigla Revisione 01 Data 28-05-2013 Redazione Approvazione Entrata in vigore DIRETTORE OdC AMMINISTRATORE UNICO 28-05-2013 Il presente

Dettagli

Marchio e immagine coordinata FIAF. Disciplinare d'uso.

Marchio e immagine coordinata FIAF. Disciplinare d'uso. Marchio e immagine coordinata FIAF. Disciplinare d'uso. Introduzione Il presente documento si propone di disciplinare l'utilizzo del marchio FIAF attraverso l'identificazione degli elementi base dell'immagine

Dettagli

Avviare il computer e collegarsi in modo sicuro utilizzando un nome utente e una password.

Avviare il computer e collegarsi in modo sicuro utilizzando un nome utente e una password. Uso del computer e gestione dei file Primi passi col computer Avviare il computer e collegarsi in modo sicuro utilizzando un nome utente e una password. Spegnere il computer impiegando la procedura corretta.

Dettagli

Manuale di identità. relativo al marchio Territoriale della Provincia di Trapani

Manuale di identità. relativo al marchio Territoriale della Provincia di Trapani Manuale di identità relativo al marchio Territoriale della Provincia di Trapani Introduzione Il marchio territoriale della provincia di Trapani è la componente caratterizzante di tutta la sua comunicazione.

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA TUTELA E LA GESTIONE DEL MARCHIO CONSORZIO PRODUTTORI AGLIO ROSSO DI SULMONA

PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA TUTELA E LA GESTIONE DEL MARCHIO CONSORZIO PRODUTTORI AGLIO ROSSO DI SULMONA PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA TUTELA E LA GESTIONE DEL MARCHIO CONSORZIO PRODUTTORI AGLIO ROSSO DI SULMONA via Sella, 5 Sulmona tel. 0864 33332 fax 0864 212187 e.mail riccia@arssa-mail.it pag. 1 di 15 INDICE

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL LOGOTIPO E DELL IMMAGINE COORDINATA

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL LOGOTIPO E DELL IMMAGINE COORDINATA LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL LOGOTIPO E DELL IMMAGINE COORDINATA Il presente documento è finalizzato a regolamentare l utilizzo del logotipo e l immagine coordinata della Compagna straordinaria di formazione

Dettagli

FORMATI GRAFICI PER EVENTI

FORMATI GRAFICI PER EVENTI MATERIALI PER LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE 1,8 cm 12 cm 3,2 cm 12 cm 3,7 cm Carattere REGULAR 7 pt, maiuscolo. Carattere TIMES NEW ROMAN BOLD 15 pt, maiuscolo. Carattere TIMES NEW ROMAN REGULAR 10 pt.

Dettagli

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI Approvato con deliberazione n. 463 del 10.08.2015

Dettagli

Concetti Fondamentali

Concetti Fondamentali EXCEL Modulo 1 Concetti Fondamentali Excel è un applicazione che si può utilizzare per: Creare un foglio elettronico; costruire database; Disegnare grafici; Cos è un Foglio Elettronico? Un enorme foglio

Dettagli

Manuale di identità. AZIONE 550 Marchio Consortile CONSORZIO RIPOPOLAMENTO ITTICO GOLFO DI PATTI

Manuale di identità. AZIONE 550 Marchio Consortile CONSORZIO RIPOPOLAMENTO ITTICO GOLFO DI PATTI Manuale di identità relativo al marchio consortile del Consorzio ripopolamento ittico Golfo di Patti AZIONE 550 Marchio Consortile Manuale di identità relativo al marchio consortile del Consorzio ripopolamento

Dettagli

MATERIALI PER LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE

MATERIALI PER LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE MODULISTICA II.i CAVALIERI DEL PERSONALE PER SCRIVANIE I cavalieri del personale sono in formato A4, con 3 pieghe. Il sigillo in filigrana sullo sfondo e il marchio non possono essere modificati nella

Dettagli

Istruzioni modulistica Elenco associazioni professionali

Istruzioni modulistica Elenco associazioni professionali Istruzioni modulistica Elenco associazioni professionali La legge 14 gennaio 2013, n.4, all art.2, comma 7, prevede che il Ministero dello sviluppo economico pubblichi sul proprio sito web un elenco delle

Dettagli

Software per la Rilevazione delle deleghe sindacali. Manuale d uso anno 2010

Software per la Rilevazione delle deleghe sindacali. Manuale d uso anno 2010 Software per la Rilevazione delle deleghe sindacali Settore Farmacie Manuale d uso anno 2010 1 PREMESSA Il documento di seguito presentato descrive le caratteristiche ed il funzionamento del software per

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE SYLLABUS VERSIONE 5.0

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE SYLLABUS VERSIONE 5.0 Pagina I EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE SYLLABUS VERSIONE 5.0 Modulo 3 Elaborazione testi Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 3, Elaborazione testi, e fornisce i fondamenti per il test di tipo

Dettagli

PROCEDURA SGQ PRO-DOD. Tenuta sotto controllo dei DOcumenti e dei Dati

PROCEDURA SGQ PRO-DOD. Tenuta sotto controllo dei DOcumenti e dei Dati PROCEDURA SGQ PRO-DOD Tenuta sotto controllo dei DOcumenti e dei Dati Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI...2 3.1 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...2

Dettagli

Formattazione e Stampa

Formattazione e Stampa Formattazione e Stampa Formattazione Formattazione dei numeri Formattazione del testo Veste grafica delle celle Formattazione automatica & Stili Formattazione dei numeri Selezionare le celle, poi menu:

Dettagli

Regolamento per l utilizzo del logo istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Crotone

Regolamento per l utilizzo del logo istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Crotone Regolamento per l utilizzo del logo istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Crotone Rev. 0 2009 Preparato: Ufficio stampa Verificato: Segretario generale; Giunta

Dettagli

OGGETTO: PROCEDURA USO MAILBOX

OGGETTO: PROCEDURA USO MAILBOX OGGETTO: PROCEDURA USO MAILBOX VERSIONE: 1.00 DATA: 14-04-2008 Edizione 1- Anno 2005 Rev. 0 del 01-07-2005 Pag.1 di 5 Premessa La manutenzione di un infrastruttura IT è un processo continuativo e costante

Dettagli

F EDERAZIONE ITALIANA DI ATLETICA LEGGERA. Linee Guida della Corporate Identity Manuale d uso del logo e delle sue applicazioni

F EDERAZIONE ITALIANA DI ATLETICA LEGGERA. Linee Guida della Corporate Identity Manuale d uso del logo e delle sue applicazioni Linee Guida della Corporate Identity Manuale d uso del logo e delle sue applicazioni Linee Guida della Corporate Identity Federazione Italiana di Atletica Leggera - aprile 2011 Indice Premessa Nome e acronimo

Dettagli

MODULISTICA ELEMENTI DI BASE. Sezione II

MODULISTICA ELEMENTI DI BASE. Sezione II ELEMENTI DI BASE I.e ERRORI Non alterare in alcun modo le proporzioni del marchio. Non applicare effetti, come ombreggiature, trasparenze o altro, che potrebbero compromettere la leggibilità del marchio.

Dettagli

A.Ra.N. Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle pubbliche amministrazioni

A.Ra.N. Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle pubbliche amministrazioni Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle pubbliche amministrazioni Guida alla registrazione per l accesso all Area Riservata alle Pubbliche Amministrazioni VERSIONE 2.1 DEL 25 NOVEMBRE 2014 Sommario

Dettagli

Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema

Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema Panoramica delle funzionalità Questa guida contiene le informazioni necessarie per utilizzare il pacchetto TQ Sistema in modo veloce ed efficiente, mediante

Dettagli

LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE

LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE GLI ELEMENTI ESSENZIALI DELLA LETTERA COMMERCIALE Intestazione Individua il nome e il cognome o la ragione sociale di chi scrive; contiene inoltre l indirizzo e i recapiti

Dettagli

9 Word terza lezione 1

9 Word terza lezione 1 9 Word terza lezione 1 Elenchi puntati È possibile inserire elenchi puntati tramite un icona sulla barra di formattazione o tramite il menu formato Elenchi puntati e numerati 2 Elenchi numerati Il procedimento

Dettagli

GUIDA RAPIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA CCNL GUIDA RAPIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA CCNL

GUIDA RAPIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA CCNL GUIDA RAPIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA CCNL GUIDA RAPIDA BOZZA 23/07/2008 INDICE 1. PERCHÉ UNA NUOVA VERSIONE DEI MODULI DI RACCOLTA DATI... 3 2. INDICAZIONI GENERALI... 4 2.1. Non modificare la struttura dei fogli di lavoro... 4 2.2. Cosa significano

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

WORD per WINDOWS95. Un word processor e` come una macchina da scrivere ma. con molte più funzioni. Il testo viene battuto sulla tastiera

WORD per WINDOWS95. Un word processor e` come una macchina da scrivere ma. con molte più funzioni. Il testo viene battuto sulla tastiera WORD per WINDOWS95 1.Introduzione Un word processor e` come una macchina da scrivere ma con molte più funzioni. Il testo viene battuto sulla tastiera ed appare sullo schermo. Per scrivere delle maiuscole

Dettagli

Cos è un word processor

Cos è un word processor Cos è un word processor è un programma di videoscrittura che consente anche di applicare formati diversi al testo e di eseguire operazioni di impaginazione: font diversi per il testo impaginazione dei

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BARI PROCEDIMENTO DI RINNOVO DEL CONSIGLIO CAMERALE QUINQUENNIO 2016-2021(*)

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BARI PROCEDIMENTO DI RINNOVO DEL CONSIGLIO CAMERALE QUINQUENNIO 2016-2021(*) CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BARI PROCEDIMENTO DI RINNOVO DEL CONSIGLIO CAMERALE QUINQUENNIO 2016-2021(*) Istruzioni tecniche per la compilazione degli elenchi contenuti negli

Dettagli

Manuale di immagine coordinata

Manuale di immagine coordinata Manuale di immagine coordinata LOGO A LOGO A COLORI B LOGO IN BIANCO E NERO C LOGO IN NEGATIVO UTILIZZO NON CORRETTO DEL LOGO Non spostare i singoli elementi: non cambiare i colori: Non deformare le proporzioni:

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Maria Maddalena Fornari Impostazioni di pagina: orientamento È possibile modificare le

Dettagli

Modulistica. Giugno 2007. Manuale di Identità Visiva Sapienza Università di Roma

Modulistica. Giugno 2007. Manuale di Identità Visiva Sapienza Università di Roma Modulistica Giugno 2007 Modulistica. Stampati per corrispondenza. Linea operativa Carta intestata Formato: 210x297 mm. Marchio/Logo: PMS 202 EC. Carta: Fedrigoni Splendorgel Extrawhite 100/115 gr/m 2 o

Dettagli

Servizi di Gestione delle Postazioni di Lavoro SISS

Servizi di Gestione delle Postazioni di Lavoro SISS Servizi di Gestione delle Postazioni di Lavoro SISS PROCEDURA DI QUALIFICAZIONE PER FARMACIE per l iscrizione all Elenco dei fornitori erogatori di Servizi di gestione delle Postazioni di Lavoro nel SISS

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

REGOLAMENTO PER L USO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA REGOLAMENTO PER L USO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA SOMMARIO Art.1 Oggetto del regolamento...... Pag. 2 Art.2 Disposizioni e principi generali 2 Art.3 Definizioni 2 Art.4 Posta elettronica certificata..

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEL DPS (Documento Programmatico sulla Sicurezza)

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEL DPS (Documento Programmatico sulla Sicurezza) LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEL DPS (Documento Programmatico sulla Sicurezza) Aprile, 2005 INDICE Premessa 1. LINEE GUIDA Il piano di lavoro 2. IL KIT La modulistica: schede e tabelle La compilazione

Dettagli

ASSOBIOMEDICA 2014 GUIDA ALL UTILIZZO DEL LOGO

ASSOBIOMEDICA 2014 GUIDA ALL UTILIZZO DEL LOGO ASSOBIOMEDICA 2014 GUIDA ALL UTILIZZO DEL LOGO 2 ASSOBIOMEDICA 2014 GUIDA ALL UTILIZZO DEL LOGO Il Logo ASSOBIOMEDICA è costituido da tre elementi: il simbolo, il lettering e la dicitura SIMBOLO LETTERING

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE M.K.GANDHI WORD 2007. Isabella Dozio 17 febbraio 2012

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE M.K.GANDHI WORD 2007. Isabella Dozio 17 febbraio 2012 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE M.K.GANDHI WORD 2007 Isabella Dozio 17 febbraio 2012 L IMPOSTAZIONE DI WORD 2007 PULSANTE - Fare clic qui per aprire, salvare o stampare il documento e per informazioni

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Agro-alimentari

Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Agro-alimentari RIFERIMENTI Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Agro-alimentari Esame di Laboratorio di informatica e statistica Parte 3 (versione 1.0) Il riferimento permette di identificare univocamente

Dettagli

Manuale d identità visiva

Manuale d identità visiva Manuale d identità visiva Elementi Base 14 ottobre 2010 Versione 1.0 01 Marchio/Logo. Versione A 02 Marchio/Logo. Versione B 03 Marchio/Logo. Versione C orizzontale 04 Marchio/Logo. Versione C verticale

Dettagli

MISURE ORGANIZZATIVE IN MATERIA DI CERTIFICAZIONI E DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE

MISURE ORGANIZZATIVE IN MATERIA DI CERTIFICAZIONI E DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE A 75100 MATERA MISURE ORGANIZZATIVE IN MATERIA DI CERTIFICAZIONI E DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE art. 15 Legge 183/2011 Direttiva Ministero della Pubblica Amministrazione n. 14/2011 A75100 MATERA Prot. n.

Dettagli

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI...2 3 SIGLE E DEFINIZIONI...2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 6 ALLEGATI...

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI...2 3 SIGLE E DEFINIZIONI...2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 6 ALLEGATI... Pagina 1 di 9 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI...2 3 SIGLE E DEFINIZIONI...2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 5.1 Premessa...3 5.2 Gestione dei documenti...3 5.3 Revisione dei

Dettagli

WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA

WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA PASSO 1 Per prima cosa pensiamo al formato generale della pagina: i margini richiesti da una tesi sono quasi sempre più ampi di quelli di un testo normale. Apriamo ora

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

1. DISTRIBUZIONE Datore di Lavoro Direzione RSPP Responsabile Ufficio Tecnico Responsabile Ufficio Ragioneria (Ufficio Personale) Ufficio Segreteria

1. DISTRIBUZIONE Datore di Lavoro Direzione RSPP Responsabile Ufficio Tecnico Responsabile Ufficio Ragioneria (Ufficio Personale) Ufficio Segreteria Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Gestione dei documenti e del 06/05/2013 1. DISTRIBUZIONE Datore

Dettagli

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 103 Informativa OGGETTO: Circolazione stradale. P.U.T. Disciplina generale

Dettagli

Gestione home page. Intranet -> Ambiente Halley -> Gestione homepage

Gestione home page. Intranet -> Ambiente Halley -> Gestione homepage Gestione home page egovernment L home page del portale Halley egovernment permette all Amministrazione di pubblicare contenuti e informazioni e di organizzarle in blocchi. Questa struttura per argomenti

Dettagli

PG03.GTP GESTIONE DEI DOCUMENTI DI LAVORO

PG03.GTP GESTIONE DEI DOCUMENTI DI LAVORO Pagina n. 1 di 7 APAT L.93/01 - progetto a gestione diretta di APAT : circuiti di interconfronto per l individuazione di un gruppo tecnico permanente regionale o multi regionale (GTP) per il monitoraggio

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE

COMUNE DI SANSEPOLCRO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE COMUNE DI SANSEPOLCRO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con delibera di Giunta Municipale n. 9 del 10.01.2011 INDICE 1. Premessa 2. Accesso al servizio 3. Finalità della

Dettagli

Programma del Corso per Segretaria d Azienda:

Programma del Corso per Segretaria d Azienda: Programma del Corso per Segretaria d Azienda: Modulo 1. Uso del computer e gestione file Utilizzare le funzioni principali del sistema operativo, incluse la modifica delle impostazioni principali e l utilizzo

Dettagli

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 170 del 07.11.2011 Indice

Dettagli

Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC.

Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC. Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC. Avviso di mancata consegna L avviso, emesso dal sistema, per indicare l anomalia

Dettagli

ALLEGATO 1. Prezzi degli invii raccomandati e assicurati non retail e retail (Valori in euro)

ALLEGATO 1. Prezzi degli invii raccomandati e assicurati non retail e retail (Valori in euro) ALLEGATO 1 degli invii raccomandati e assicurati non retail e retail (Valori in euro) Tab a) INVII RACCOMANDATI NON RETAIL PER L'INTERNO AM CP EU fino a 20 g 2,20 2,50 3,20 oltre 20 g fino a 50 g 2,60

Dettagli

Bando di concorso per la realizzazione del Logotipo De.C.O. Denominazione Comunale di Origine del Comune di Corato

Bando di concorso per la realizzazione del Logotipo De.C.O. Denominazione Comunale di Origine del Comune di Corato Bando di concorso per la realizzazione del Logotipo De.C.O. Denominazione Comunale di Origine del Comune di Corato Il Comune di Corato, in esecuzione della deliberazione del Consiglio Comunale n.9 del

Dettagli

Indice MANUALE D IDENTITÀ. 1. Il logo POSIDONIA pag. 04. 2. Il logo a quattro colori (CMYK) pag. 05. 3. Il logo in bianco e nero pag.

Indice MANUALE D IDENTITÀ. 1. Il logo POSIDONIA pag. 04. 2. Il logo a quattro colori (CMYK) pag. 05. 3. Il logo in bianco e nero pag. Manuale d identità Indice MANUALE D IDENTITÀ 1. Il logo POSIDONIA pag. 04 2. Il logo a quattro colori (CMYK) pag. 05 3. Il logo in bianco e nero pag. 06 4. Il logo a due colori pag. 07 5. Il logo Posidonia

Dettagli

R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE. Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale. Servizio Segreteria della Giunta

R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE. Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale. Servizio Segreteria della Giunta R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale Servizio Segreteria della Giunta Disciplinare sull utilizzo della posta elettronica certificata

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE/QUALIFICAZIONE

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE/QUALIFICAZIONE ENTE ITALIANO DI CERTIFICAZIONE S.R.L. www.enteitalianocertificazione.it info@enteitalianocertificazione.it REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE/QUALIFICAZIONE Il presente Regolamento è stato

Dettagli

MODULO 7 SEZIONE 2 Utilizzo di Outlook Express 6.0 (Windows XP)

MODULO 7 SEZIONE 2 Utilizzo di Outlook Express 6.0 (Windows XP) 7.4 POSTA ELETTRONICA MODULO 7 SEZIONE 2 Utilizzo di Outlook Express 6.0 (Windows XP) prima parte 7.4.1 Concetti e termini 7.4.1.1 Capire come è strutturato un indirizzo di posta elettronica Tre parti

Dettagli

PRONTUARIO PER LA GESTIONE DELLA CORRISPONDENZA

PRONTUARIO PER LA GESTIONE DELLA CORRISPONDENZA PRONTUARIO PER LA GESTIONE DELLA CORRISPONDENZA Il presente Prontuario viene diffuso al fine di uniformare le modalità di gestione e spedizione della corrispondenza dell Università di Udine. La gestione

Dettagli

Sulla barra multifunzione sono disponibili i comandi più utilizzati, per consentire all'utente di averli sempre a portata di mano ed evitare ricerche

Sulla barra multifunzione sono disponibili i comandi più utilizzati, per consentire all'utente di averli sempre a portata di mano ed evitare ricerche Word 2007 nozioni di base Word 2007 barra multifunzione Sulla barra multifunzione sono disponibili i comandi più utilizzati, per consentire all'utente di averli sempre a portata di mano ed evitare ricerche

Dettagli

MANUALE IMMAGINE COORDINATA

MANUALE IMMAGINE COORDINATA MANUALE IMMAGINE COORDINATA PREMESSA Per il restyling del logo della Fondazione si è voluto percorrere strade diverse dal neurone attuale, sviluppando una proposta grafica incentrata sulle iniziali della

Dettagli

Gestione dei documenti e delle registrazioni Rev. 00 del 11.11.08

Gestione dei documenti e delle registrazioni Rev. 00 del 11.11.08 1. DISTRIBUZIONE A tutti i membri dell organizzazione ING. TOMMASO 2. SCOPO Descrivere la gestione della documentazione e delle registrazioni del sistema di gestione 3. APPLICABILITÀ La presente procedura

Dettagli

PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI

PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI Documento n. 9 - Allegato al manuale di gestione PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI 1. Composizione del piano Il piano di conservazione oltre

Dettagli

VALUE SMART. Manuale operativo d utilizzo del marchio Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Smart Value

VALUE SMART. Manuale operativo d utilizzo del marchio Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Smart Value dsdas Manuale operativo d utilizzo del marchio Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Smart Value Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Smart Value 1 Realizzazione Altravia

Dettagli

REGOLAMENTO SULL UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA

REGOLAMENTO SULL UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA REGOLAMENTO SULL UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA marzo 08 Rev. 1.0 1 marzo 08 Rev. 1.0 2 SOMMARIO 1.OBIETTIVO...4 2.REGOLE GENERALI 4 2.1. REGOLE GENERALI. 4 2.2. REGOLE GENERALI DI SICUREZZA PER L USO

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita istituto d'istruzione superiore liceo classico e scientifico v. julia ACRI (CS) PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita Anni 2014-2016 Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 04/06/2014

Dettagli

Presentation. Scopi del modulo

Presentation. Scopi del modulo Presentation Il presente modulo ECDL Standard Presentation definisce i concetti e le competenze fondamentali necessari all utilizzo di un applicazione di presentazione per la preparazione di semplici presentazioni,

Dettagli

STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO DETERMINAZIONE. Estensore TIRATTERRA MARCO. Responsabile del procedimento MARCO TIRATTERRA

STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO DETERMINAZIONE. Estensore TIRATTERRA MARCO. Responsabile del procedimento MARCO TIRATTERRA REGIONE LAZIO STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO PROGRAMMAZIONE TURISTICA DETERMINAZIONE N. G01236 del 29/10/2013 Proposta n. 16879 del

Dettagli

Argomenti Microsoft Word

Argomenti Microsoft Word Argomenti Microsoft Word Primi passi con un elaboratore di testi Aprire un programma d elaborazione testi. Aprire un documento esistente, fare delle modifiche e salvare. Creare un nuovo documento e salvarlo.

Dettagli

DEL SISTEMA AZIENDALE BOOK FIRST AID ACCESSO ALLA RETE INTRANET

DEL SISTEMA AZIENDALE BOOK FIRST AID ACCESSO ALLA RETE INTRANET DEL SISTEMA AZIENDALE BOOK FIRST AID ACCESSO ALLA RETE INTRANET Agenda - BOOK - PRENOTAZIONE Per la corretta prenotazione di una visita ambulatoriale occorre essere in possesso della tessera sanitaria

Dettagli

GESTIONE DEI DOCUMENTI E DEI DATI

GESTIONE DEI DOCUMENTI E DEI DATI I.T.C.S. ERASMO DA ROTTERDAM Via Varalli, 24-20021 BOLLATE (Mi) Tel. 023506460/75 Fax 0233300549 MITD450009 C.F. 97068290150 PROCEDURE GENERALI PER LA GESTIONE DELLA QUALITÀ Pag. 1 / 10 GESTIONE DEI DOCUMENTI

Dettagli

Difatti essa è leggibile, capovolta, come l elemento decorativo, l elmetto, la figura conclusiva di un antica torre.

Difatti essa è leggibile, capovolta, come l elemento decorativo, l elmetto, la figura conclusiva di un antica torre. Il progetto è espressione prima di sintesi. Interpretando e raccogliendo stimolo dai motivi dettati dal bando di concorso, il logotipo cerca di raccontarsi e riferirsi da subito attraverso geometrie e

Dettagli

LA RETTRICE D E C R E T A

LA RETTRICE D E C R E T A Decreto n. 336.15 Prot. 9925 LA RETTRICE - Viste le Leggi sull Istruzione Universitaria; - Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168; - Visto lo Statuto dell Università per Stranieri di Siena adottato con D.R.

Dettagli

Il corso Elaborazioni di Testi con Microsoft Word e' rivolto a tutti coloro che intendano utilizzare professionalmente il programma Microsoft Word.

Il corso Elaborazioni di Testi con Microsoft Word e' rivolto a tutti coloro che intendano utilizzare professionalmente il programma Microsoft Word. Corso di formazione a distanza Elaborazione di Testi con Microsoft Word (ME01) (12 ore) Il corso Elaborazioni di Testi con Microsoft Word e' rivolto a tutti coloro che intendano utilizzare professionalmente

Dettagli

BANDO DI CONCORSO DI IDEE PER LA CREAZIONE DEL LOGO DELLA CONSULTA DEL DECENTRAMENTO

BANDO DI CONCORSO DI IDEE PER LA CREAZIONE DEL LOGO DELLA CONSULTA DEL DECENTRAMENTO BANDO DI CONCORSO DI IDEE PER LA CREAZIONE DEL LOGO DELLA CONSULTA DEL DECENTRAMENTO Premessa L Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Roma e Provincia al fine di promuovere

Dettagli

Servizi Previdenziali

Servizi Previdenziali Servizi Previdenziali Fondo Nazionale di Previdenza Complementare per i lavoratori addetti ai servizi di trasporto pubblico e per i lavoratori dei settori affini Loro Sedi Alle Associazioni Asstra Anav

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Esercitazione del 11.11.2005 Dott.ssa Michela Ferri LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4. SISTEMA

Dettagli

Regolamento sull Utilizzo del Logo Dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Tivoli

Regolamento sull Utilizzo del Logo Dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Tivoli Regolamento sull Utilizzo del Logo Dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Tivoli ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI TIVOLI REGOLAMENTO PER L USO DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PUBBLICAZIONI DI ATTI E DOCUMENTI SUL SITO INTERNET DEL COMUNE

REGOLAMENTO PER LE PUBBLICAZIONI DI ATTI E DOCUMENTI SUL SITO INTERNET DEL COMUNE REGOLAMENTO PER LE PUBBLICAZIONI DI ATTI E DOCUMENTI SUL SITO INTERNET DEL COMUNE Approvato con deliberazione di C.C. n. 3 del 29.01.2010 INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2. Diffusione di dati

Dettagli

Word è un elaboratore di testi in grado di combinare il testo con immagini, fogli di lavoro e

Word è un elaboratore di testi in grado di combinare il testo con immagini, fogli di lavoro e Word è un elaboratore di testi in grado di combinare il testo con immagini, fogli di lavoro e grafici, tutto nello stesso file di documento. Durante il lavoro testo e illustrazioni appaiono sullo schermo

Dettagli