ASSOCIAZIONE PHYSEON PRESENTA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASSOCIAZIONE PHYSEON PRESENTA"

Transcript

1 ASSOCIAZIONE PHYSEON PRESENTA INTRODUZIONE AL GALATEO CINESE NEGLI AFFARI di Michelle Geoffrey 1

2 Nota sull autrice Michelle Geoffroy, francese di nascita, italiana d adozione è laureata in Francia in Naturopatia ed è specialista in medicina cinese ed ayurvedica. Master in Medicina estetica all Ospedale Fatebenefratelli di Roma e psicologia del benessere con tecnica orientale,la dott.ssa Michelle Geoffroy è un appassionata cultrice di antropologia e sociologia oltre ad essere un esperta in Cultura e Tradizioni Orientali. Nel 2007 ha partecipato a Pechino e Shangai, in qualità di Assistente per il Galateo, nelle trattative d affari tra imprenditori italiani e cinesi, organizzate dal Mistero degli Esteri. 2

3 INDICE Capitolo 1. INTRODUZIONE AL GALATEO CINESE 2 Capitolo 2. PRIMO INCONTRO 5 Capitolo 3. GALATEO A TAVOLA 7 Capitolo 4. GALATEO CINESE PER IL MONDO DEGLI AFFARI 14 Capitolo 5. LA FACCIA 19 Capitolo 6. LA CONCEZIONE DEL TEMPO 22 Capitolo 7. IL PRIMO CONTATTO D AFFARI 25 Capitolo 8. REGALI AZIENDALI 28 3

4 1 CAPITOLO - INTRODUZIONE AL GALATEO CINESE - Onore gui 4

5 INTRODUZIONE AL GALATEO CINESE L intento di questa breve nota è fornire alcune indicazioni pratiche per affrontare con successo l incontro con persone molto diverse da noi, sia nella mentalità, sia nella quotidianità. L influenza della filosofia di Confucio (V sec. a.c.) fu determinante per la cultura cinese. L epoca in cui visse Confucio fu un periodo di tumulti e rivolte sociali e la sua filosofia consiste in una serie di regole di comportamento per riportare armonia nella società. Il suo principale contributo alla società cinese (che a tutt oggi influenza le prassi) in estrema sintesi è: - una rigida educazione morale, - l importanza delle relazioni interpersonali, - l istituzione della famiglia ed il rispetto per gli anziani ed i superiori, - il rifiuto del conflitto, - la necessità dell armonia sociale, - il concetto di faccia (ancora adesso uno dei concetti cardine della socialità cinese). 5

6 Per queste ragioni culturali antiche i cinesi attribuiscono molto valore alle relazioni interpersonali, che sono per loro allo stesso tempo un vincolo ed una garanzia. Da un punto di vista sociale è un tabù non onorare i propri impegni nei confronti di persone vicine e amiche. Diversamente dall occidente, non è invece considerato moralmente riprovevole prendersi gioco di persone che non sono considerate amiche della propria cerchia familiare e sociale. Fare affari in Cina è, perciò, impegnativo, e la migliore assicurazione per il successo dell impresa è l investimento del tempo necessario ad instaurare e rinsaldare solide relazioni personali. 6

7 2 CAPITOLO - PRIMO INCONTRO - Gentilezza "shun" 7

8 PRIMO INCONTRO E meraviglioso accogliere gli amici che arrivano da lontano (Confucio) Sono scomparsi i cerimoniali complicati della cortesia elaborati da generazioni di dotti confuciani, come prosternazione ed inchini, ma le tradizioni sono dure a morire. Oggi l uomo saluta ancora con il busto leggermente inclinato, la donna con una specie di riverenza con le mani chiuse. Oggi si incontra più facilmente cinesi che stringono velocemente la mano o entrambe le mani, ma più a lungo di quanto si usa da noi. Negli incontri di lavoro stringete la mano, se vi viene offerta, altrimenti fate un cenno del capo e presentate il vostro biglietto da visita, tenuto con due mani, il testo rivolto verso la persona che state incontrando. Vi verranno portati i biglietti delle persone che avete di fronte: cogliete i segnali gerarchici non verbali, accettando per primo il biglietto della persona più importante, prendendolo con due mani. Guardatelo con attenzione (anche se è scritto in cinese), posatelo davanti a voi e alla fine dell'incontro riponetelo, con cura, in un porta biglietti. 8

9 CAPITOLO 3 - GALATEO A TAVOLA - Felicita' "fu" 9

10 GALATEO A TAVOLA In Cina, le relazioni e gli affari spesso nascono e muoiono a tavola, quindi la prima condizione favorevole alla riuscita di un viaggio d'affari sta nell'avere un appetito da guerriero e un stomaco forte (questa è la mia conclusione dopo avere studiato il rito dei banchetti d'affari). Il principio basilare di qualsiasi banchetto è che bisogna offrire agli invitati molto di più di quanto siano in grado di mangiare. Gli inviti devono sottostare ad alcune regole: si deve rivolgere l'invito almeno 3 volte e un rifiuto credibile dev'essere fatto almeno 2 volte. Il pranzo è di solito alle 12, la cena alle 18.30: la puntualità è un dovere. Il posto d'onore, sempre secondo la tradizione, è di fronte alla porta d'entrata. Per iniziare a mangiare è opportuno aspettare il segnale di chi ha organizzato il banchetto: proporrà un primo brindisi e probabilmente vi inviterà a fare il primo assaggio e vi servirà mettendo un pezzo di pesce (la testa, considerata più gustosa) o carne nella vostra ciotola. Il padrone di casa potrebbe consultarvi offrendovi a scelta vino, birra, cognac o la locale robusta grappa: il Mao Tai. La scelta più cortese sarebbe dire che non sapete cosa scegliere e lasciare fare a lui. 10

11 Ricordatevi di congratularvi più volte sul pregio del vino o del costoso cognac, o sulla raffinatezza delle pietanze. Quando è imbandita una tavola in onore di una delegazione straniera o di un ospite occidentale, non mancheranno leccornie quali la medusa,la zuppa di pescecane, o la tartaruga e il serpente fritto. Cercate di assaggiare almeno le pietanze: un banchetto tipico è quasi sempre costituito da 10 a 20 piatti diversi. La zuppa è servita al termine del pasto per favorire la digestione. In segno di sazietà ricordatevi di non vuotare completamente il vostro piatto. Non bevete mai da soli: in genere ogni volta che si beve si propone un brindisi; il primo viene fatto all'ospite, seguito dal brindisi del principale invitato e poi da frequenti brindisi in onore dei singoli commensali. Si alza il bicchiere (facendo attenzione che il proprio bicchiere non sia più in alto di quello degli altri commensali) con entrambe le mani in direzione della persona a cui si brinda e si dice "Ganbei" o Kampai (vuota il bicchiere). I cinesi non fanno tintinnare i bicchieri e bevono il contenuto d'un fiato. Il banchetto termina quando finiscono cibo e brindisi: i cinesi non sono abituati ad attardarsi a tavola. Può succedere che veniate accolti con un applauso quando arrivate a un grande banchetto, in questo caso tutti si aspettano che applaudiate anche voi. Per finire, evitate argomenti di carattere politico o economico: il pranzo deve essere un momento distensivo, la conversazione verterà piacevolmente su temi culturali o di costumi... La cena volge alla fine quando viene servita la frutta insieme alle salviettine umide e calde per pulirsi le mani. Poco dopo dovreste prepararvi a lasciare 11

12 la tavola. Il vostro anfitrione, per questioni di educazione, non può alzarsi prima di voi: sarete quindi voi a dover fare il primo passo GALATEO DELLE BACCHETTE I Cinesi hanno sempre avuto regole ferree in tema di galateo, anche nell imbandire una tavola. In genere ci si accomoda ad una tavola rotonda. A ognuno spetta una ciotola, un piattino e una tazza di tè. Se trovate solo le bacchette da utilizzare al posto delle posate, non disperate se la maggior parte del cibo finisce sulla tovaglia invece che nella ciotola, i Cinesi capiscono che uno straniero possa avere difficoltà nell uso delle bacchette. Cercate invece di riuscire alla meglio tenendo la ciotola vicino alle labbra, mentre con le bacchette si spinge il cibo in bocca. L importante è che sappiate quello da non fare con le bacchette: - non gesticolate con esse in mano; - non puntatele mai verso una persona, è da maleducati; - non usatele per tamburellare sulle ciotole, lo fanno solo i mendicanti; - non conficcatele verticalmente in una ciotola di riso, perché ricordano i bastoncini di incenso che si bruciano per i morti. Non stupitevi se il vostro ospite utilizza le proprie bacchette per mettervi del cibo nella ciotola o nel piatto: è un segno di amicizia, bisogna sorridere educatamente e mangiare qualsiasi cosa vi viene servita. 12

13 Se per qualche motivo non potete mangiarla, lasciatela nella ciotola oppure nascondetela con del riso. Per indicare che avete finito la pietanza, posate le bacchette parallele sulla vostra ciotola. Infine, ricordatevi che se è concesso far cadere il cibo, non si devono mai far cadere le bacchette, perché considerato un presagio funesto. Non versatevi mai il tè senza averlo servito prima agli altri e ricordate di servire sempre la tazza di tè dei vostri vicini di posto quando sono vuote, così come lo faranno con voi. Per ringraziare il mescitore, potrete battere leggermente le nocche dell indice e del medio tenendo il palmo rivolto verso il basso sulla tavola. Quando riponete la teiera, evitate che il beccuccio sia rivolto verso una persona: giratelo in modo che punti all esterno della tavola o verso un posto libero. Un consiglio: non vi perdete il Tè degli otto tesori (Babao Cha) con datteri, zollette di zucchero, noce una vera delizia! 13

14 ACCENNI SULLE TRADIZIONI CULINARIE CINESI I Cinesi intenditori vi spiegheranno che la chiave di un menù raffinato è scegliere i piatti giusti per raggiungere un equilibrio tra consistenza, gusto, aroma, colore e addirittura temperatura. In Cina si dice che le cose preziose non sono le perle e la giada bensì i cinque cereali. Il riso è tenuto in grande rispetto dalla popolazione, non solo perché costituisce la base del loro sostentamento, ma perché è l accompagnamento ideale per ogni cibo di cui esalta il sapore proprio con la sua estrema semplicità. I tagliolini costituiscono l alimento base del Nord del paese, dove vengono consumati più frequentemente del riso, che è invece protagonista sulla tavola dei Cinesi del sud. I tagliolini sono spesso serviti con un brodo piccante. E della scuola di cucina settentrionale il piatto cinese più famoso di tutti: l anatra alla pechinese. Anche i pesci d acqua dolce e il pollo abbondano nelle pietanze del nord, mentre il cavolo è quasi onnipresente. In questa cucina settentrionale troviamo l influenza dei Mongoli: la grigliata e la marmitta mongola sono rielaborazioni di piatti che un tempo venivano preparati nelle cucine da campo. All epoca la cacciagione era cucinata con erbe selvatiche e cipolla, su scudi di ferro posti sopra carboni ardenti, o messa a bollire negli elmi che 14

15 ogni soldato riempiva d acqua. Oggi la marmitta mongola viene servita in un recipiente di coccio. La Cina orientale, attraversata dalle pescose acque dello Yanzi, dove vive la pregiatissima carpa argentata, è diventata il paradiso dei buongustai. E da questa regione, lo Hunan, che sono emigrati milioni di cuochi in ogni parte del mondo. Maiale, pollame, legumi e semi di soia sono gli ingredienti più diffusi, anche se la scuola di cucina occidentale ha portato l uso del peperoncino (introdotto dai mercanti spagnoli). Il tè è parte integrante della quotidianità di ogni Cinese, come dimostra un antico detto che include questa bevanda tra i sette bisogni essenziali della vita, insieme a combustibile, olio, riso, sale, salse di soia e aceto. Se il tè è la bevanda più diffusa in Cina, la birra lo segue a ruota. La birra è di origine tedesca perché la città di Qingdao, in cui viene prodotta, era una concessione tedesca, ed i Cinesi ne ereditarono lo stabilimento. I Cinesi amano anche i liquori preparati con erbe ed altri ingredienti, che considerano benefici per la salute e per le loro proprietà ricostituenti o afrodisiache. Per esempio, per il viaggiatore affaticato, ci sono gli alcolici medicinali, dall incontestabile effetto ricostituente, come l alcool di crisantemo, l alcool al midollo di ossa di tigre, l alcool al midollo di corna di cervo. Il liquore contenente api morte, serpenti in salamoia o lucertole è apprezzato per le presunte proprietà toniche: in generale, più è velenosa la creatura racchiusa nella bottiglia, più potente si considerano gli effetti stimolanti. Sono spesso utilizzati per brindare durante i banchetti. 15

16 CAPITOLO 4 - GALATEO CINESE PER IL MONDO DEGLI AFFARI - Saggezza"zhi" 16

17 GALATEO CINESE PER IL MONDO DEGLI AFFARI «Gli scorpioni fritti erano adagiati delicatamente sopra un letto di spaghetti di riso. Avevano le chele aperte; gli occhi sembravano puntati verso il soffitto. «"Ne provi uno" offrì premurosamente l'ospite cinese. «La sua controparte occidentale, un raffinato manager americano, fece una smorfia. «"Lui è ministro" gli ricordò il suo assistente cinese, che era il rappresentante a Pechino della società americana. L'uomo d'affari afferrò dal piatto di portata con le bacchette malferme la coda di quella delizia. "A voi sta a cuore di concludere l'affare, non è vero?" insistette il collaboratore cinese. Dando ascolto a queste parole, con gli occhi chiusi, l'americano si ficcò in bocca lo scorpione tutto intero e lasciò che si disfacesse senza azzardarsi a masticare". In Cina, rispettare le regole del galateo a tavola può aprire - o chiudere - moltissime porte. In altre parole, è fondamentale non offendere i vostri ospiti. Ma non basta. Una trattativa d'affari in Cina è infatti un processo lento e faticoso, che richiede pazienza, una tipica virtù confuciana; perseveranza, virtù che si acquisisce solo con il tempo; e uno spiccato istinto di sopravvivenza. Molti uomini d'affari stranieri si sono ormai resi conto che il miglior modo per condurre una trattativa in Cina va ricercato nei grandi testi classici di strategia militare: il trattato di Sun Tzu L'arte della guerra, scritto più di 2000 anni fa, le cui regole sono oggi applicate in Cina a molti campi di attività, e 17

18 le Trentasei strategie, che riporta esempi di abilità strategica risalenti al periodo degli Stati Guerrieri ( a.c.) e dei Tre Regni ( d.c.). Questi due testi sono profondamente radicati nella coscienza di ogni cinese di media cultura. Vengono insegnati a scuola nei corsi di letteratura, sono messi in scena nel teatro tradizionale cinese e perfino nelle serie televisive a puntate. Condurre una trattativa in Cina, o anche solo pretendere di capire la mentalità cinese, senza almeno una superficiale conoscenza di Sun Tzu e delle Trentasei strategie è illusorio e foriero di insuccessi e disillusioni. Questo libro svela i precetti dell'antica arte militare che vengono applicati oggi in Cina nelle trattative commerciali e diplomatiche. Se conosci te stesso e conosci il tuo nemico sei tu il vincitore. E se sei davvero bravo, vinci senza combattere. (Sun Tzu) Questo è il messaggio principale di Sun Tzu. In questa concisa e profonda frase del manuale sull Arte della Guerra, Maestro Sun spiega che a vincere in guerra non sono sempre i condottieri più forti o l esercito più numeroso, bensì colui che conosce se stesso e l altro in profondità, che si prepara accuratamente al conflitto, che è in grado di trasformare il vantaggio del nemico in svantaggio ed i propri limiti in punto di forza. Prima di entrare nel vivo delle ragioni della vostra visita rompete il ghiaccio con qualche chiacchiera informale: il tempo, il vostro viaggio o le bellezze del paesaggio. Questo metterà tutti a loro agio e segnalerà alla vostra controparte che siete una persona amichevole e rilassata. 18

19 La chiacchiera futile prima di un incontro è un rituale del mondo degli affari cinesi. Al primo incontro non addentratevi troppo nella descrizione delle vostre proposte: ci sarà tempo in seguito per discutere tutti i dettagli. Piuttosto cercate di conoscere meglio le persone che vi stanno dinanzi, capire posizioni e ruoli e stabilire se sono i partner che state cercando. In Cina, gli obblighi reciproci derivano dalle relazioni, non da un pezzo di carta. I rapporti d affari di successo in Cina sono quelli in cui la relazione con i partner cinesi è stata curata in ogni dettaglio, fino a conquistare la fiducia. Nella Cina del presente l uso di affrontare collettivamente le incognite e le difficoltà della vita sopravvive nella pratica capillarmente diffusa del Guanxi (pronuncia: guanscii). Essa rappresenta per i cinesi l arte delle relazioni ovvero la capacità di realizzare delle reti di interdipendenza che attraverso obblighi reciproci, garantiscono mutua proliferazione e benessere. Al giorno d oggi il Guanxi è ancora molto importante: basti pensare che i maggiori investitori diretti in Cina sono cinesi di Hong Kong e Taiwan, in quanto possono più facilmente stabilire una rete di relazioni. Poter contare sulla presentazione di una persona nota e influente è un ottimo modo di costruire la propria rete di Guanxi. E un processo che richiede tempo, ma è la strada più sicura da percorrere. L importanza che i cinesi attribuiscono alle relazioni e alla gerarchia ha un forte impatto sul concetto di sé. 19

20 Per gli occidentali il sé è sinonimo di individuo, per i cinesi la nozione di sé è corporativa o collettiva. Un cinese non percepisce se stesso come individuo indipendente e isolato, ma come la somma delle proprie relazioni con gli altri. Questa interdipendenza ha come effetto principale che tutto quello che succede agli altri ha delle ripercussioni sull individuo, perciò la reciprocità, come illustrata da Confucio, prevede che il progresso del singolo non possa prescindere dal progresso delle persone alle quali è legato e che si possa sviluppare se stessi solo dedicandosi anche attivamente alla sviluppo degli altri. E per questo che i cinesi sono sempre disponibili ad aiutare famiglie e amici, sanno che il favore sarà restituito perché si tratta di una sorta di investimento sociale. 20

21 CAPITOLO 5 - LA FACCIA - Virtu' "de" 21

22 LA FACCIA Ogni essere umano ha una faccia, come ogni albero ha la corteccia (Confucio) Questo pensiero illustra bene il concetto: come un albero senza la corteccia che lo protegge diventa vulnerabile ai parassiti o alla marcescenza, allo stesso modo un uomo che perde la faccia (rispetto di sé o dignità) perde la stima ed il rispetto del gruppo e quindi ogni possibilità di protezione o favore. Per evitare qualsiasi rischio di perdere la faccia, un cinese non presenterà mai una richiesta in forma diretta, ma, prima di tutto, illustrerà le ragioni che lo portano alla richiesta. In questo modo l interlocutore potrà seguire il ragionamento, rendendosi conto di come il vantaggio auspicato sia mutuo, e come nel presentare la richiesta, anche i suoi interessi siano stati presi in considerazione. Ancora una volta l enfasi è sulla creazione di armonia e condivisione di idee per il raggiungimento di un risultato per il bene comune. Per questa ragione essere diretti e andare dritti al punto è considerato rozzo, così come lanciarsi un una discussione sostenendo il proprio punto di vista a spada tratta è giudicato dissennato, aggressivo e improduttivo. Mentre gli occidentali pensano che la libera espressione di sentimenti, stati d animo opinione sia un segno di sincerità e maturità e tendono a considerare necessario l esprimersi per farsi capire, il modo di esprimersi 22

23 dei cinesi è indiretto e viene percepito dagli occidentali come menare il can per l aia. Più che avanzare richieste, i cinesi insinuano che la risposta a un dato problema potrebbe essere costituita da una certa soluzione in questo modo lasciando aperte tutte le possibilità di rivedere la propria posizione senza perdere la faccia. Per gli stessi motivi i cinesi raramente dicono di no. Usano piuttosto perifrasi come forse o può darsi. Un rifiuto aperto sarebbe fonte d imbarazzo per entrambe le parti. Se avanzate una proposta e la reazione del vostro interlocutore è di scuotere la testa da sinistra a destra lentamente in silenzio, sarebbe meglio modificare la richiesta piuttosto che rischiare piuttosto che mettere l altro nell imbarazzante posizione di dire di no. Allo stesso modo, esprimere critiche o commenti negative su persone, che siano esse presenti o assenti, non è ben visto. Quando parlate, non interpretate il fatto che le vostre controparti muovano il capo su è giù come in senso di assenso a quanto state dicendo: stanno solo cortesemente informandovi che vi stanno ascoltando. 23

24 CAPITOLO 6 - LA CONCEZIONE DEL TEMPO - Destino "ming" 24

25 LA CONCEZIONE DEL TEMPO Chi è prudente ed aspetta con pazienza colui che non lo è, sarà vittorioso (Sun Tzu) I cinesi sanno che gli occidentali sono sempre pressati dal tempo e che devono raggiungere il loro scopo il più velocemente possibile. I cinesi si preoccupano piuttosto di non fare errori, di far passare del tempo per verificare e mettere alla prova la controparte nell affare. Aver l aria di chi ha fretta non è mai un buona idea in Cina: espone al ridicolo di rientrare in uno stereotipo; dà l impressione di non attribuire il giusto valore alla trattativa e all affare, oltre ad offrire alla controparte cinese una micidiale arma di pressione. La vostra controparte, scoperto il vostro tallone d Achille, lo userà senza scrupoli: tenderà a far passare il tempo senza nulla concludere, o almeno così sembrerà a voi. Nel frattempo loro avranno agio di osservare il vostro livello di stress che inesorabilmente sale. Cercheranno di far slittare la firma di un contratto fino all ultimo momento, costringendovi all ansia di perdere l aereo; il tutto con l intento di farvi concedere più di quanto possiate o abbiate deciso di fare. Alla fine, pur di salvare il salvabile e non tornare a casa a mani vuote, sarete indotti a cedere. La definizione di obbiettivi strategici chiari; una guida direttiva senza indugi; il controllo dei tempi; il fattore sorpresa: questi sono gli elementi chiave. Confucio dice: moltiplicare i calcoli è il segno della vittoria, mentre il calcolare poco è il suo contrario. A maggior ragione lo sarà l assenza completa di calcolo! Persino prendere in considerazione una mancata 25

26 vittoria è sintomo di attenzione e di vera leadership. Rendete ben chiaro ai vostri partner cinesi che avete tutto il tempo del mondo prima di dover riprendere l aereo (anche se fosse domani!) e che sicuramente riuscirete insieme a risolvere qualunque controversia in merito agli affari. Infine fate in modo che la controparte capisca che, se non doveste riuscire, forse questa potrebbe essere un indicazione per voi, affinché possiate meglio riflettere sull intero accordo. A volte è meglio desistere e tornare a casa a mani vuote piuttosto che raggiungere un accordo sfavorevole (come sostiene, a ragione, il maestro Sun Tzu). È molto probabile che, se avrete pazienza e non perderete la calma, tornerete a casa vincitori e, cosa da non sottovalutare, con nuovi amici e alleati dall altra parte del mondo. 26

27 CAPITOLO 7 - IL PRIMO PRIMO CONTATTO D AFFARI - Tranquillita'"an" 27

28 IL PRIMO CONTATTO D AFFARI Il primo contatto con l azienda cinese può avvenire per lettera. La cosa migliore sarebbe una lettera di presentazione da parte di un personaggio conosciuto dall azienda cinese e di cui questa si fida. Riuscire a trovare una fonte alleata cinese sarebbe ottimo. Nel primo incontro occorrerebbe avere la presenza del vostro alleato. E normale che la vostra controparte voglia sapere chi siete, avere informazioni sulla vostra azienda, e sapere che qualcuno a loro noto in qualche modo garantisce per voi. E importante che la persona che incontrate sia al vostro stesso livello nella gerarchia manageriale, ma non vi aspettiate che possa prendere decisioni da sola, e soprattutto non in tempi brevi. Preparate una presentazione scritta della vostra azienda e del progetto che siete venuti a proporre, preparando parecchie copie. Sarete presentati a varie persone, a diversi livelli dell organizzazione, e dovrete ripetere la vostra presentazione più e più volte. Quando parlate fatelo lentamente e con lunghe pause. Ripetete i punti importanti più volte, i cinesi sono molto cauti, vi faranno molte domande per stabilire di aver capito bene, ma anche e soprattutto per mettere alla prova la vostra sincerità e pazienza. 28

29 Nel corso della discussione il fatto che un cinese dica questo non è un gran problema segnala il contrario: esiste un problema, perciò sarà meglio indagare sulla natura dell ostacolo e cercare delle soluzioni. E probabile che nel corso dell incontro o della riunione susseguente, venga offerto il tè. Non toccate il vostro fino a che il padrone di casa non ha iniziato il proprio. La tazzina verrà riempita da un cameriere o da un collega cinese ogni volta che la vuoterete. Se non volete interrompervi per ringraziare, bussate leggermente con la punta di indice e medio della mano sinistra per tre volte sul tavolo vicino alla tazza mentre viene riempita. Questo atto segnala che apprezzate l attenzione, senza che siate obbligato a interrompere la conversazione. Se non volete più tè, lasciatene un po nella tazza. Se l anfitrione lascia a lungo la sua tazza piena sul tavolo, può esser un segnale che l incontro è terminato. A quel punto sta a voi di essere pronti a lasciare la riunione, ringraziando per il tempo che vi è stato dedicato e per l ospitalità. 29

30 CAPITOLO 8 - REGALI AZIENDALI - Devozione "xiao" 30

31 REGALI AZIENDALI In passato lo scambio di regali anche sontuosi faceva parte della cultura cinese. Al giorno d oggi, i regali in ambito aziendale possono essere considerati come tentativi di corruzione, perciò è necessaria la massima discrezione. Se pensate di fare un regalo da azienda a azienda, ricordate che l omaggio dovrebbe essere presentato al più alto in grado del gruppo con cui avete negoziato e non prima della conclusione dei negoziati. Specificate che il regalo è da parte dell azienda di cui fate parte. Non fate regali eccessivamente costosi, altrimenti la controparte si sentirà in obbligo. Tra i liquori prediligete il Cognac, che piace molto. Altri regali aziendali possono essere: libri illustrati della vostra città o regione, o anche oggetti dell artigianato tipico della vostra zona. È consigliabile avere una piccola scorta di doni, così da poter restituire la cortesia nel caso in cui ne riceviate voi stessi. Volendo fare un presente ad un collega in particolare, fatelo in privato e non in azienda, come gesto di amicizia. Il vostro dono verrà rifiutato per tre volte prima di essere accettato, cosicché non si possa dire che il ricevente sia una persona avida. Spesso inoltre il dono non viene aperto in presenza del donatore. Quando finalmente il regalo è stato accettato, ringraziate. Se vi viene offerto un regalo dovreste comportarvi nello stesso modo. Se fate regali a diverse persone dello stesso livello gerarchico, fate attenzione che il loro valore sia omogeneo e, se possibile, aspettate un occasione al di fuori dell ambiente lavorativo. Non presentate mai un regalo di valore a qualcuno se siete in pubblico: potreste metterlo in imbarazzo o nei guai per via della legge sulla corruzione. Altre idee per i regali ai colleghi possono essere: penne stilografiche, dolci, vino, sigari. Se il vostro regalo è composto da una serie di oggetti, fate attenzione ai numeri: il numero otto è il più fortunato (se fate o ricevete in regalo qualcosa in una 31

32 serie di otto, esso sarà di buon augurio); il numero sei indica l appianamento delle difficoltà (anch esso di buon auspicio). Evitate il numero quattro (simboleggia la morte e naturalmente porta male), ma anche il settantatre (rappresenta il funerale) e l ottantaquattro (l incidente). I colori hanno significati simbolici in Cina: per i vostri regali scegliete della carta rossa, oro, argento e rosa. Evitate i colori connessi al lutto come il bianco, il nero, l azzurro o il giallo. Infine un accortezza: portate i vostri regali non impacchettati perché i doganieri ve li faranno aprire. 32

33 Annotazioni 33

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA COME DEFINISCE LA QUALITÀ DI UNA BEVANDA CALDA? Esigenze per la macchina da caffè del futuro. Il piacere di una deliziosa bevanda aggiunge qualità in

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI PER INIZIARE EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI Dicesi dirigente un signore che dovrebbe non dirigere ma animare; non solo animare ma testimoniare, non solo testimoniare, ma motivare. Insomma,

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore VOI esprime sia una dedica ai nostri graditissimi ospiti, destinatari delle nostre attenzioni quotidiane, sia l acronimo di VERA OSPITALITÀ ITALIANA,

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE Senza le migliaia di persone che hanno contribuito al blog, ai podcast e infine al libro di Robb Wolf, la Paleo Dieta non avrebbe potuto essere d aiuto a così tanta gente. È stato solo interagendo con

Dettagli

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola CATALOGO DEI PRODOTTI Dall orto alla tavola Tutti i prodotti della nostra gamma sono senza coloranti nè conservanti, per preservare la vera natura delle pregiate materie prime utilizzate nella lavorazione

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

DIDATTICA ALLA PIOPPA. Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit.

DIDATTICA ALLA PIOPPA. Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit. DIDATTICA ALLA PIOPPA Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit. La nostra proposta dida,ca nasce dalla voglia di infondere passione e rispe3o verso la natura e gli animali,

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Email: cose da fare e cose da non fare

Email: cose da fare e cose da non fare OUCH! Marzo 2012 IN QUESTO NUMERO Auto-completamento Cc: / CCn: Liste di distribuzione Emozioni e privacy Email: cose da fare e cose da non fare L AUTORE DI QUESTO NUMERO Fred Kerby ha collaborato a questo

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli