P.O.R. - F.S.E. Ob. 2 - Competitività regionale e occupazione ASSE 1 ADATTABILITA ANNUALITA Percorsi integrati per la creazione d impresa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P.O.R. - F.S.E. Ob. 2 - Competitività regionale e occupazione ASSE 1 ADATTABILITA ANNUALITA 2009 2010. Percorsi integrati per la creazione d impresa"

Transcript

1 P.O.R. - F.S.E. Ob. 2 - Competitività regionale e occupazione ASSE 1 ADATTABILITA ANNUALITA Percorsi integrati per la creazione d impresa VADEMECUM PER LA RENDICONTAZIONE DELLE SPESE Azione 4 e Azione 5d Sommario Fondo Sociale Europeo Ob. 2 Competitività regionale e occupazione , Descrizione dei Sistemi di gestione e di controllo... 2 Categorie di spesa ammissibili... 2 Parcella notarile riguardante la costituzione dell impresa... 2 Contratti per gli allacciamenti e i collegamenti delle utenze (esclusi i canoni)... 3 Spese di promozione e pubblicità... 3 Spese per l iscrizione in C.C.I.A.A Modalità di pagamento ammissibili... 4 Invalidazione dei documenti di spesa... 4 Variazioni del piano di spesa... 5 Ricevuta sostegno al reddito /03/2012 1/5

2 Fondo Sociale Europeo Ob. 2 Competitività regionale e occupazione , Descrizione dei Sistemi di gestione e di controllo Con Determina n 456 del 3/08/2011, la Regione Piemonte ha approvato la versione aggiornata del documento Descrizione dei Sistemi di gestione e di controllo, ai sensi di quanto previsto dal Regolamento (CE) del Consiglio n. 1083/2006. Il documento, nel quale sono descritte anche le procedure relative alle attività di selezione delle operazioni e dei controlli di I livello, è reperibile al seguente indirizzo: Categorie di spesa ammissibili Parcella notarile riguardante la costituzione dell impresa Rientrano in questa categoria le fatture/parcelle/ricevute rilasciate da studi notarili relative a servizi prestati al momento della costituzione dell impresa, anche nel caso di cessioni di azienda. Nel dettaglio, tutte le seguenti voci, nonché quelle ad esse assimilabili, presenti nella fattura/parcella/ricevuta rilasciata da studi notarili al momento della costituzione dell impresa, sono ammissibili: - onorario del notaio; - repertorio; - diritto redazione e richiesta di registrazione; - copia registro e diritto presentazione; - diritti registro imprese; - compensi tariffa notarile ex articolo 30; - rimborso spese generali; - tassa registro; - copia autentica in bollo; - tassa archivio; - bollo telematico. N.B.: Le imposte, le tasse e gli oneri sopra elencati sono ammissibili a condizione che rappresentino costi indetraibili, effettivamente e definitivamente sostenuti dal Beneficiario e che non siano ripetibili (Vedi Linee guida per la dichiarazione delle spese delle operazioni e per le richieste di rimborso FSE ). In tal caso, la fattura/parcella/ricevuta deve essere accompagnata da una dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà in cui si dichiari che le imposte, le tasse e gli oneri rendicontati costituiscono costi indetraibili, effettivamente e definitivamente sostenuti dal beneficiario (Modello Dichiarazione sostitutiva di atto notorio 14/03/2012 2/5

3 per l indetraibilità delle imposte/tasse e oneri reperibile sul percorso: sezione finanziamenti POR FSE 07/13 Sovvenzione Globale Azione 4; oppure: sezione finanziamenti - POR FSE 07/13 Sovvenzione Globale Azione 5d). Non sono ammissibili le fatture/parcelle/ricevute, di qualsiasi tipo, rilasciate da studi notarili, relative a servizi prestati in momenti diversi da quello dell atto costitutivo, anche nel caso di variazioni della compagine sociale. Contratti per gli allacciamenti e i collegamenti delle utenze (esclusi i canoni) Rientrano in questa categoria tutte le voci di spesa elencate nelle bollette di utenze allacciate nel periodo dalla data di costituzione a sei mesi dopo la presentazione della domanda, compresi le imposte, le tasse e gli oneri, ed esclusi i canoni. Spese di promozione e pubblicità Nelle Linee guida per la dichiarazione delle spese delle operazioni e per le richieste di rimborso FSE , a pagina 31/58, è riportata la seguente dicitura: Sono ammissibili le spese sostenute per avvisi pubblici (manifesti, inserzioni sui giornali, spot in televisione, ecc.) finalizzati alla pubblicizzazione dell operazione. Tale dicitura è molto restrittiva. Al fine di agevolare l impresa beneficiaria nelle effettive attività di pubblicizzazione e promozione, sono ritenute ammissibili le seguenti tipologie di spesa: - materiale pubblicitario tradizionale: volantini, brochure, manifesti, flyer, banner, pannelli pubblicitari (di qualsiasi tipo), totem, striscioni pubblicitari; - beni e servizi relativi alla creazione dell immagine coordinata: biglietti da visita, cd card, carta intestata, logo aziendale, fornitura di servizi di grafica, fornitura di servizi di pubblicità, fornitura di servizi di realizzazione del sito internet (sia di tipo web, e-commerce, blog, profilo di social network); - scritte pubblicitarie: scritte su automezzi, scritte su indumenti sportivi (nel caso di sponsorizzazioni, è ammissibile solo il costo della stampa, mentre non lo è il costo dell abbigliamento); non sono ritenute ammissibili le vetrofanie; - gadget e materiale su cui sia apposto il logo/marchio dell azienda, che abbia le caratteristiche di essere di uso comune, e ad alta visibilità: ad esempio penne, calendari, block notes. Nel caso in cui un beneficiario apponga il proprio logo/marchio su un materiale di uso specifico dell attività, sarà riconosciuto solo il costo di stampa del logo/marchio dell attività (ad esempio se un ottico appone il proprio logo/marchio sulle custodie degli occhiali, potrà rendicontare i costi di apposizione del logo/marchio, ma non il costo delle custodie); - inserzioni: su mezzi di comunicazione di massa (televisione, radio, giornali), elenchi telefonici cartacei e online; 14/03/2012 3/5

4 - fiere: è ammissibile la partecipazione a fiere di settore; in sede di rendicontazione, sarà necessario documentare l effettiva partecipazione alla fiera, ad esempio con materiale fotografico. N.B.: non è da considerarsi pubblicitario qualsiasi gadget e materiale su cui venga apposto un logo aziendale: si considera materiale pubblicitario il materiale che possa essere visto da più persone. Tutte le spese che non rientrano nelle sottocategorie elencate non sono ammissibili. Spese per l iscrizione in C.C.I.A.A. Rientrano in questa categoria tutte le voci elencate nel documento di spesa rilasciato dalla C.C.I.A.A., attestante l iscrizione dell impresa beneficiaria, compresi le tasse, le imposte e gli oneri, a condizione che rappresentino costi indetraibili, effettivamente e definitivamente sostenuti dal Beneficiario e che non siano ripetibili. Non sono ammissibili le fatture di servizi (rilasciate da consulenti o terzi) di iscrizione alla C.C.I.A.A. Modalità di pagamento ammissibili Sono ammissibili tutte le modalità di pagamento, purchè le spese siano interamente quietanzate entro i sei mesi successivi alla data di presentazione della domanda. Si ritengono ammissibili le piccole spese sostenute in contanti purché accompagnate da dichiarazione liberatoria rilasciata dal fornitore (Schema di dichiarazione liberatoria del fornitore reperibile sul percorso: sezione finanziamenti POR FSE 07/13 Sovvenzione Globale Azione 4; oppure: sezione finanziamenti - POR FSE 07/13 Sovvenzione Globale Azione 5d). Nel caso di pagamenti di diritti camerali, bollette o contratti di allacciamento, sarà sufficiente allegare alla rendicontazione fotocopia della ricevuta di pagamento emessa. Invalidazione dei documenti di spesa Tutti i documenti di spesa rendicontati devono riportare la seguente dicitura: Spesa che ha beneficiato del contributo POR FSE 07/13 Azione 4, oppure Spesa che ha beneficiato del contributo POR FSE 07/13 Azione 5 d, pena l inammissibilità della spesa. Tale dicitura deve essere apposta sul documento di spesa originale, e non sulla fotocopia dello stesso. 14/03/2012 4/5

5 Variazioni del piano di spesa In caso di variazione del piano di spesa presentato in domanda, è necessario inviare una richiesta di variazione del progetto, motivando la ragione dello scostamento. La richiesta di variazione potrà essere trasmessa contestualmente alla rendicontazione. Questo comporterà la sospensione dell esame della rendicontazione in attesa che il Comitato Tecnico si esprima sulla richiesta di variazione. Nel caso di piccoli scostamenti, che non comportino variazioni significative e sostanziali del piano di spesa, sarà sufficiente motivare gli scostamenti al momento della rendicontazione. Ricevuta sostegno al reddito Come già comunicato nella lettera di concessione del contributo, in mancanza della ricevuta (relativa al sostegno al reddito) rilasciata dalla piattaforma informatica Sistema Piemonte, i beneficiari devono trasmettere a Finpiemonte una dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà conforme al modello disponibile sul sito (www.finpiemonte.it sezione finanziamenti POR FSE 07/13 Sovvenzione Globale Azione 4; oppure: sezione finanziamenti - POR FSE 07/13 Sovvenzione Globale Azione 5d) nella quale devono indicare l ammontare degli importi ricevuti a titolo di sostegno al reddito. Nel caso in cui i beneficiari non trasmettano la dichiarazione di ricevimento del contributo di sostegno al reddito, Finpiemonte procederà a sospendere l esame della rendicontazione delle spese di avvio e a richiedere la trasmissione del documento; in particolare, si precisa che l erogazione del contributo per le spese di avvio è subordinata alla trasmissione di tale dichiarazione. 14/03/2012 5/5

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.1.3 Innovazione e PMI ASPETTI

Dettagli

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E RENDICONTAZIONE DEI COSTI

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E RENDICONTAZIONE DEI COSTI Programma Operativo Regionale F.E.S.R. 2007-2013 Competitività regionale e occupazione ASSE 1 Innovazione e transizione produttiva ATTIVITÀ I.1.3 Innovazione e PMI CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE

Dettagli

CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI

CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI Provincia di Udine Via del Colle 10-33038 San Daniele del Friuli - p.i. 00453800302 www.comune.sandanieledelfriuli.ud.it centralino 0432 946511 fax 0432 946534 Prot. n 3366

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

BANDO PER LA COSTITUZIONE DI RETI D'IMPRESA ANNO 2014

BANDO PER LA COSTITUZIONE DI RETI D'IMPRESA ANNO 2014 BANDO PER LA COSTITUZIONE DI RETI D'IMPRESA ANNO 2014 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL BANDO Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Livorno, riconoscendo la Rete di Impresa quale strumento innovativo

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO MODALITA E PROCEDURE PER LA CONCESSIONE DI GARANZIE A FAVORE DI IMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE

FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO MODALITA E PROCEDURE PER LA CONCESSIONE DI GARANZIE A FAVORE DI IMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE ALLEGATO A FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO MODALITA E PROCEDURE PER LA CONCESSIONE DI GARANZIE A FAVORE DI IMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE 1. FINALITA` E OBIETTIVI L iniziativa prevede l utilizzo del

Dettagli

SISTEMA TURISTICO LOCALE SULCIS IGLESIENTE - PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS - PIANO DI ATTIVITA 2009 ASSE 3.2.C. SVILUPPO DELL AGGREGAZIONE

SISTEMA TURISTICO LOCALE SULCIS IGLESIENTE - PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS - PIANO DI ATTIVITA 2009 ASSE 3.2.C. SVILUPPO DELL AGGREGAZIONE SISTEMA TURISTICO LOCALE SULCIS IGLESIENTE - PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS - PIANO DI ATTIVITA 2009 ASSE 3.2.C. SVILUPPO DELL AGGREGAZIONE CONTRIBUTI PER LA COMPARTECIPAZIONE A PROGETTI FINALIZZATI A

Dettagli

LEGGE REGIONALE 13 OTTOBRE 2004, N. 23 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI

LEGGE REGIONALE 13 OTTOBRE 2004, N. 23 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI MODULO B LEGGE REGIONALE 13 OTTOBRE 2004, N. 23 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI DOMANDA PER INVESTIMENTI IMMOBILIARI/IMPIANTI TECNICI Punto 4 lettera a) del Programma r e gionale degli interventi

Dettagli

Il meccanismo degli aiuti alle imprese

Il meccanismo degli aiuti alle imprese Il meccanismo degli aiuti alle imprese Gestione gestiti delle da Finpiemonte Agevolazioni Torino, 25 gennaio 2012 Premessa Gli aiuti alle imprese gestiti da Finpiemonte sono istituiti sotto forma di regime

Dettagli

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DI CREAZIONE D IMPRESA

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DI CREAZIONE D IMPRESA ALLEGATO B INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DI CREAZIONE D IMPRESA 1. BENEFICIARI Possono presentare domanda per le agevolazioni previste dal presente allegato le imprese individuali, le società

Dettagli

Bando Progetto Sostes per Operatori Promozione dell innovazione ed aggregazione nel settore del tessile abbigliamento

Bando Progetto Sostes per Operatori Promozione dell innovazione ed aggregazione nel settore del tessile abbigliamento ALLEGATO C Bando Progetto Sostes per Operatori Promozione dell innovazione ed aggregazione nel settore del tessile abbigliamento INDICE 1. Finalità 2. Tipologie di intervento 3. Soggetti beneficiari 4.

Dettagli

Asse 1. Competitività regionale e occupazione. Attività

Asse 1. Competitività regionale e occupazione. Attività FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE P.O.R. 2007 2013 Programma Operativo Regionale Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Attività I.1.3 Innovazione

Dettagli

Poi ENERGIA Bando Efficienza Energetica 2015

Poi ENERGIA Bando Efficienza Energetica 2015 Poi ENERGIA Bando Efficienza Energetica 2015 CHECK LIST per l'istruttoria della domanda A. Modalità di presentazione delle domande di agevolazione Le imprese sono tenute a presentare la seguente documentazione:

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LO START UP

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LO START UP METTERSI IN PROPRIO A CREMONA BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LO START UP Approvato con deliberazione n. 137 del 18/09/2014 Pubblicato in data 7 Ottobre 2014 1 Obiettivi, finalità e ambiti di

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI MISURA 2.3 POR MOLISE 2000-2006 SOSTEGNO ALLA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NEL CAMPO DEI SERVIZI CULTURALI E AMBIENTALI S.F.I.D.E. Sviluppo, formazione,

Dettagli

Prot.1437 n. dd. 09.03.2012

Prot.1437 n. dd. 09.03.2012 Prot.1437 n. dd. 09.03.2012 AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE, BENEFICIARIO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A COPERTURA DELLE SPESE EFFETTIVAMENTE SOSTENUTE E DOCUMENTATE FINALIZZATO

Dettagli

Linee guida per la presentazione della rendicontazione

Linee guida per la presentazione della rendicontazione contributi a sostegno di progetti di imprenditoria femminile LR 11/2011 art. 2, commi 85 e 86 Servizio sostegno e promozione comparto produttivo industriale versione 01/2013 Linee guida per la presentazione

Dettagli

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres.

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. Regolamento concernente criteri e modalità per la concessione di contributi per

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE F.A.Q. art. 8 della L.R. 12/2004, come sostituito dall art. 33 della l.r. 30/2009 FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE 1. Modalità di presentazione

Dettagli

POR FESR 2007/2013 IoD Internet of Data

POR FESR 2007/2013 IoD Internet of Data POR FESR 2007/2013 IoD Internet of Data Attività di Finpiemonte 2 Attività di Finpiemonte Le verifiche documentali effettuate da Finpiemonte riguardano tutte le domande di rimborso presentate dai beneficiari

Dettagli

COMUNE DI MAGNANO IN RIVIERA (Provincia di Udine)

COMUNE DI MAGNANO IN RIVIERA (Provincia di Udine) AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE, BENEFICIARIO DI CONTRIBUTO FINALIZZATO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO DI SOGGETTI SVANTAGGAITI IN INIZIATIVE DI LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ PROMOSSE

Dettagli

2. QUADRO NORMATIVO E CONTESTO DI RIFERIMENTO

2. QUADRO NORMATIVO E CONTESTO DI RIFERIMENTO AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE, BENEFICIARIO DI CONTRIBUTO FINALIZZATO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO DI SOGGETTI SVANTAGGIATI IN INIZIATIVE DI LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ PROMOSSE

Dettagli

Art. 1 Soggetti beneficiari del contributo

Art. 1 Soggetti beneficiari del contributo Allegato parte integrante Criteri Criteri e modalità per la concessione di contributi a soggetti organizzatori di manifestazioni fieristiche ai sensi dell articolo 67 della legge provinciale sul commercio

Dettagli

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE Regione Calabria Dipartimento Attività Produttive MANIFESTAZIONE DI INTERESSE per la concessione di contributi a sostegno della partecipazione ad iniziative e programmi promozionali di cui alla legge regionale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico FESR 2007-2013

Dettagli

OCCUPAZIONE-, AI SENSI DELL ART. 9, 48, 49 E 50 DELLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 24 (LEGGE FINANZIARIA 2010)- REGOLAMENTO 114/2012.

OCCUPAZIONE-, AI SENSI DELL ART. 9, 48, 49 E 50 DELLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 24 (LEGGE FINANZIARIA 2010)- REGOLAMENTO 114/2012. AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE, BENEFICIARIO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A COPERTURA DELLE SPESE EFFETTIVAMENTE SOSTENUTE E DOCUMENTATE FINALIZZATO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI MISURA 4.2 AZIONE 4.2.1 POR MOLISE 2000-2006 AIUTI DE MINIMIS ALLE IMPRESE ARTIGIANE S.F.I.D.E. Sviluppo, formazione, ideazione di progetti per

Dettagli

Ministero delle Attività Produttive

Ministero delle Attività Produttive Ministero delle Attività Produttive Circolare prot. n. 946084 del 17.02.2003 Chiarimenti sulle modalità e sulle procedure per la concessione ed erogazione delle agevolazioni previste nei bandi per le incentivazioni

Dettagli

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Da inviare (su carta intestata dell ente) a: Dichiarazione di Spesa FINALE numero del / / Oggetto: La concessione del contributo/finanziamento è avvenuto

Dettagli

Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV

Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV Le norme nazionali e comunitarie hanno la prevalenza sui contenuti

Dettagli

DIPARTIMENTO PER L'IMPRESA E L'INTERNAZIONALIZZAZIONE Direzione Generale per le politiche di internazionalizzazione e la promozione degli scambi

DIPARTIMENTO PER L'IMPRESA E L'INTERNAZIONALIZZAZIONE Direzione Generale per le politiche di internazionalizzazione e la promozione degli scambi IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto Legge 22 giugno 2012 n. 83, convertito nella legge 7 agosto 2012, n. 134, concernente Misure urgenti per la crescita del Paese ; VISTO in particolare l articolo 42,

Dettagli

Articolo 1 Finalità generali

Articolo 1 Finalità generali Allegato A Deliberazione della G.R. n. 104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie, private e degli

Dettagli

VERONA INNOVAZIONE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE

VERONA INNOVAZIONE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE VERONA INNOVAZIONE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE PARTE I DISPOSIZIONI COMUNI ARTICOLO 1 (Oggetto del regolamento) 1. Il presente regolamento disciplina il funzionamento del servizio di Cassa

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE PMI PER L ADOZIONE DI INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE PMI PER L ADOZIONE DI INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE PMI PER L ADOZIONE DI INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO Art. 1- DESCRIZIONE E FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio di Avellino, intende favorire

Dettagli

Progetto speciale multiasse INTRAPRENDO. Incentivi per la creazione di nuove imprese

Progetto speciale multiasse INTRAPRENDO. Incentivi per la creazione di nuove imprese Fondazione per la Promozione della Cultura Professionale e dello Sviluppo Economico Progetto speciale multiasse INTRAPRENDO Incentivi per la creazione di nuove imprese Azioni di sostegno allo start-up

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione Generale Coordinamento Affari Generali

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione Generale Coordinamento Affari Generali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione Generale Coordinamento Affari Generali BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE ANNO ACCADEMICO 2014-15 (Budget 2014) Art. 1 (Assegnazione

Dettagli

Articolo 3 Investimenti ammessi e non ammessi a contributo Sono ammessi al contributo camerale

Articolo 3 Investimenti ammessi e non ammessi a contributo Sono ammessi al contributo camerale CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLE MICRO E PICCOLE IMPRESE AGRICOLE FINALIZZATI ALL'INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LA PROMOZIONE DEI PROPRI PRODOTTI E ATTIVITÀ (approvato dalla Giunta camerale con deliberazione

Dettagli

MODULO DI RENDICONTAZIONE Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (artt. 47 e 48 D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445)

MODULO DI RENDICONTAZIONE Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (artt. 47 e 48 D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) MODULO DI RENDICONTAZIONE Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (artt. 47 e 48 D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) A pena di revoca la rendicontazione dovrà essere formulata conformemente al presente

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE SITE NEI CENTRI URBANI PER L ACQUISTO E L INSTALLAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA.

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE SITE NEI CENTRI URBANI PER L ACQUISTO E L INSTALLAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE SITE NEI CENTRI URBANI PER L ACQUISTO E L INSTALLAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA. Art. 1 - DESCRIZIONE E FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio

Dettagli

Provincia Regionale di Caltanissetta

Provincia Regionale di Caltanissetta Provincia Regionale di Caltanissetta Codice Fiscale e Partita IVA: 00115070856 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI CULTURALI Art.1 FINALITA' La Giunta Provinciale provvede, secondo le modalità

Dettagli

Piano straordinario per l occupazione ASSE II Competitività MISURA II.1. Bando per l accesso agli Innovation Voucher

Piano straordinario per l occupazione ASSE II Competitività MISURA II.1. Bando per l accesso agli Innovation Voucher Piano straordinario per l occupazione ASSE II Competitività MISURA II.1 Bando per l accesso agli Innovation Voucher DOMANDE FREQUENTI Modalità di presentazione delle domande 1. La marca da bollo ogni 4

Dettagli

Direzione DB 18.01 Allegato 1 Bando Editoria 2014 Det. n. 496 del 10/10/2014

Direzione DB 18.01 Allegato 1 Bando Editoria 2014 Det. n. 496 del 10/10/2014 Direzione DB 18.01 Allegato 1 Bando Editoria 2014 Det. n. 496 del 10/10/2014 L. R. 25 GIUGNO 2008, N. 18 INTERVENTI A SOSTEGNO DELL EDITORIA PIEMONTESE E DELL INFORMAZIONE LOCALE CAPO II EDITORIA PIEMONTESE

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione dei dirigenti del terziario

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione dei dirigenti del terziario Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione dei dirigenti del terziario GUIDA per la gestione dei Voucher formativi 2012 Sommario Premessa... 2 1. Soggetto Responsabile del Piano: obblighi

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI A SOSTEGNO DELL ECONOMIA LOCALE, AI SENSI DELL ART.

REGOLAMENTO TECNICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI A SOSTEGNO DELL ECONOMIA LOCALE, AI SENSI DELL ART. REGOLAMENTO TECNICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI A SOSTEGNO DELL ECONOMIA LOCALE, AI SENSI DELL ART. 12 DELLA LEGGE N. 241/90 E SUCCESSIVE MODIFICHE E INTEGRAZIONI ART. 1 - SCOPI, FINALITA

Dettagli

4) Polizza fidejussoria bancaria e/o assicurativa emessa da istituti all uopo autorizzati per un importo pari al contributo erogabile.

4) Polizza fidejussoria bancaria e/o assicurativa emessa da istituti all uopo autorizzati per un importo pari al contributo erogabile. Allegato n. 1 ELENCO DOCUMENTI OCCORRENTI PER L EROGAZIONE DELL ANTICIPO 1) Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà ex art. 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, conforme al facsimile A allegato,

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Misura I.1.3 Innovazione e PMI ASPETTI

Dettagli

Le attività del progetto dovranno essere avviate entro 3 mesi dalla stipula della convenzione pena la revoca del finanziamento

Le attività del progetto dovranno essere avviate entro 3 mesi dalla stipula della convenzione pena la revoca del finanziamento PROCEDURE PER LA GESTIONE DEGLI INTERVENTI FINANZIATI TRAMITE AVVISO PUBBLICO - POR Toscana FSE 2007-2013 Normativa di riferimento DGRT n. 1179/19.12.2011 e s.m.i. Dopo l approvazione del progetto l Amministrazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Promozione degli Scambi Div.III

Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Promozione degli Scambi Div.III Modalità e modelli relativi alle domande di ammissione al finanziamento e alla rendicontazione delle iniziative promozionali ai sensi delle Legge 29 ottobre 1954, n. 1083 IL DIRETTORE GENERALE VISTA la

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione Generale Coordinamento Affari Generali (ESERCIZIO FINANZIARIO 2012)

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione Generale Coordinamento Affari Generali (ESERCIZIO FINANZIARIO 2012) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione Generale Coordinamento Affari Generali BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE ANNO ACCADEMICO 2012-2013 (ESERCIZIO FINANZIARIO

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ESPLICATIVA DI TUTTE LE FASI DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA

GUIDA OPERATIVA ESPLICATIVA DI TUTTE LE FASI DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA GUIDA OPERATIVA ESPLICATIVA DI TUTTE LE FASI DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI COERENTI CON IL TEMA DI EXPO MILANO 2015 NUTRIRE IL PIANETA, ENERGIA PER LA VITA

Dettagli

RegioneLombardia. in collaborazione con. Ente attuatore. v Bando

RegioneLombardia. in collaborazione con. Ente attuatore. v Bando RegioneLombardia la regione lombardia per le imprese delle donne v Bando servizi e risorse a portata di mano Politiche Femminili e Pari Opportunità Via Rosellini, 17-20124 Milano tel. 02/6765.4830-6745

Dettagli

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda 5. PROCEDURE 5.1 Presentazione della domanda Le domande di contributo dovranno essere predisposte e presentate esclusivamente utilizzando gli appositi servizi on-line ad accesso riservato, integrati nel

Dettagli

Bando a favore delle PMI piemontesi per lo smobilizzo dei crediti verso gli Enti locali del Piemonte

Bando a favore delle PMI piemontesi per lo smobilizzo dei crediti verso gli Enti locali del Piemonte P.O.R. 2007 2013 Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività F.E.S.R. 2007/2013 I.4.1 Accesso al credito delle PMI Bando a favore

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE PMI PER L ATTIVAZIONE DI BANDA LARGA

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE PMI PER L ATTIVAZIONE DI BANDA LARGA BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE PMI PER L ATTIVAZIONE DI BANDA LARGA Art. 1- DESCRIZIONE E FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio di Avellino, al fine di contribuire ad abbattere il

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Microcredito d Impresa della Regione Puglia - Microimprese operative - Scheda informativa sul nuovo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene

Dettagli

PREPARAZIONE E VALUTAZIONE DEI PROGETTI

PREPARAZIONE E VALUTAZIONE DEI PROGETTI Programma Operativo Regionale parte FESR 2007 2013 OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE Azione 5.1.1 Cooperazione interregionale. DGR n. 2054 del 19/11/2013 PREPARAZIONE E VALUTAZIONE DEI PROGETTI

Dettagli

LINEE GUIDA e ISTRUZIONI TECNICHE

LINEE GUIDA e ISTRUZIONI TECNICHE Legge regionale 22 aprile 2002, n. 12, art. 53 bis, c. 1 Contributi alle imprese artigiane per investimenti in ricerca, sviluppo, trasferimento tecnologico e innovazione LINEE GUIDA e ISTRUZIONI TECNICHE

Dettagli

Legge Regionale 18/2005, art. 31

Legge Regionale 18/2005, art. 31 Legge Regionale 18/2005, art. 31 AVVIO NUOVE IMPRESE D.P.REG. 114/PRES del 28.05.2010 entrato in vigore il 10.06.2010 (www.provincia.pordenone.it - modulistica settori amm.vi pol. del lavoro) REGIMI DI

Dettagli

GUIDA PER I BENENFICIARI AMMESSI AL CONTRIBUTO SULLA RENDICONTAZIONE DELLE SPESE

GUIDA PER I BENENFICIARI AMMESSI AL CONTRIBUTO SULLA RENDICONTAZIONE DELLE SPESE REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO 11 CULTURA- ISTRUZIONE RICERCA SCIENTIFICA AVVISO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI SPECIFICI PERCORSI FORMATIVI ED ITINERARI DIDATTICI INTEGRATIVI NELL AMBITO DELL INIZIATIVA

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE F.A.Q. art. 8 della L.R. 12/2004, come sostituito dall art. 33 della l.r. 30/2009 FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE 1. Modalità di presentazione

Dettagli

Regolamento per la rendicontazione dei progetti finanziati. Da Fondazione Telecom Italia FTI

Regolamento per la rendicontazione dei progetti finanziati. Da Fondazione Telecom Italia FTI Regolamento per la rendicontazione dei progetti finanziati Da Fondazione Telecom Italia FTI 1. Obbligazioni del Beneficiario: a. Destinatari del Bando [Soggetti proponenti] b. Conformità della documentazione

Dettagli

( L.R. 7 ottobre 2002, n. 23 e successive modificazioni ed integrazioni) PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE dal 1 marzo 2007

( L.R. 7 ottobre 2002, n. 23 e successive modificazioni ed integrazioni) PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE dal 1 marzo 2007 BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI UN CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSE PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI RISPARMIO ENERGETICO E DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI IN ATMOSFERA ( L.R. 7 ottobre 2002,

Dettagli

< di 10 < di 10. < di 2 < di 2

< di 10 < di 10. < di 2 < di 2 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CASERTA DIRETTI A FAVORIRE LA COSTITUZIONE E L AMPLIAMENTO DELLE RETI DI IMPRESE Art. 1 Obiettivi e finalità

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO DELLO START UP IMPRENDITORIALE E DELLE START UP INNOVATIVE

BANDO PER IL SOSTEGNO DELLO START UP IMPRENDITORIALE E DELLE START UP INNOVATIVE ** L iniziativa rientra nei progetti a valere sul Fondo di Perequazione 2014 cod. 224 Sviluppo dei servizi di sostegno alla creazione e allo start up ed Accordo MISE-Unioncamere Servizi integrati per la

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 5 dicembre 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per la realizzazione o integrazione di siti web con sistemi di gestione completa della transazione e pagamento elettronico (e-commerce) 1. La Camera

Dettagli

Schede informative delle agevolazioni

Schede informative delle agevolazioni I Schede informative delle agevolazioni Gennaio 2012 I Indice Agevolazioni attive Attività produttive POR FESR Attività I.1.3 Innovazione dei processi produttivi (PMI) pag. 1 POR FESR Attività I.1.3 Innovazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI MISURA 4.2 AZIONE 4.2.2 POR MOLISE 2000-2006 AIUTI DE MINIMIS AGLI INVESTIMENTI DELLE PICCOLE IMPRESE COMMERCIALI S.F.I.D.E. Sviluppo, formazione,

Dettagli

82 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 33 - Mercoledì 14 agosto 2013

82 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 33 - Mercoledì 14 agosto 2013 82 Bollettino Ufficiale D.d.s. 7 agosto 2013 - n. 7623 Bando per la redazione di piani di rilancio aziendale da parte delle piccole e medie imprese lombarde in attuazione dell Azione E «Piani di rilancio

Dettagli

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia MicroPrestito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene alcune informazioni sul

Dettagli

GRAFICA PUBBLICITARIA ONLINE GRAFICA EDITORIALE ONLINE SITI INTERNET e NEWSLETTER CREAZIONE PROGETTAZIONE LOGHI E/O MARCHI

GRAFICA PUBBLICITARIA ONLINE GRAFICA EDITORIALE ONLINE SITI INTERNET e NEWSLETTER CREAZIONE PROGETTAZIONE LOGHI E/O MARCHI GRAFICA CREAZIONE LOGHI LINEA GRAFICA PUBBLICITA RIVISTE e GIORNALI NEWSLETTER WEB LISTINO CONTATTI Il nostro Studio Grafico nasce dall esigenza di promuovere le aziende sfruttando le moderne tecnologie

Dettagli

INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO. (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.)

INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO. (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.) ALLEGATO A INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.) MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LE INIZIATIVE PER LA

Dettagli

Programma della Regione Piemonte, denominato Il consumatore al centro di una cultura di consapevolezza e responsabilità INTERVENTO n.

Programma della Regione Piemonte, denominato Il consumatore al centro di una cultura di consapevolezza e responsabilità INTERVENTO n. ALLEGATO B) MODULO CONSUNTIVO Alla Regione Piemonte Direzione Commercio Sicurezza e Polizia locale Settore Programmazione della rete distributiva dei carburanti Tutela e difesa dei consumatori e degli

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI ARTICOLO 1 - Finalità La Camera di Commercio di Trapani, nell ambito del progetto

Dettagli

Avviso Pubblico n. 06-2006 MASTER REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO FORMAZIONE LAVORO CULTURA E SPORT

Avviso Pubblico n. 06-2006 MASTER REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO FORMAZIONE LAVORO CULTURA E SPORT Avviso Pubblico n. 06-2006 MASTER REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO FORMAZIONE LAVORO CULTURA E SPORT Regione Basilicata - Dipartimento Formazione, Lavoro, Cultura e Sport Complemento di Programmazione POR

Dettagli

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE Art. 1- DESCRIZIONE E FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio di Avellino con il presente

Dettagli

SOGGETTI BENEFICIARI E LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO

SOGGETTI BENEFICIARI E LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO FAQ: Bando approvato con decreto n. 9441 del 18/10/2013 - Programma integrato di interventi a sostegno della creazione d impresa linea 8 Frim Start up e Re-start. SOGGETTI BENEFICIARI E LOCALIZZAZIONE

Dettagli

ALLEGATO II. Manuale per la gestione. delle Visite Preparatorie / Seminari di contatto

ALLEGATO II. Manuale per la gestione. delle Visite Preparatorie / Seminari di contatto PROGRAMMA DI APPRENDIMENTO PERMANENTE (2007 2013) 1 PROGRAMMA SETTORIALE LEONARDO DA VINCI VISITE PREPARATORIE / SEMINARI DI CONTATTO ALLEGATO II Manuale per la gestione delle Visite Preparatorie / Seminari

Dettagli

BANDO DEL 19 NOVEMBRE 2015 per la presentazione di proposte per l ammissione e la selezione dei Centri di Raccolta beneficiari del Programma

BANDO DEL 19 NOVEMBRE 2015 per la presentazione di proposte per l ammissione e la selezione dei Centri di Raccolta beneficiari del Programma per l erogazione di contributi per il potenziamento e Quali sono i possibili motivi che possono determinare l esclusione della domanda di ammissione presentata per il Bando? I possibili motivi che possono

Dettagli

ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE. PARAGRAFO 1 Disposizioni generali

ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE. PARAGRAFO 1 Disposizioni generali ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE PARAGRAFO 1 Disposizioni generali La sovvenzione si basa sul principio del cofinanziamento, in quanto completa il contributo finanziario del beneficiario. L importo

Dettagli

Bando 2014 per Organizzazioni di Volontariato del Comune di Brescia

Bando 2014 per Organizzazioni di Volontariato del Comune di Brescia COMUNE DI BRESCIA Bando 2014 per Organizzazioni di Volontariato del Comune di Brescia OBIETTIVI DEL BANDO La Fondazione della Comunità Bresciana ed il Comune di Brescia intendono congiuntamente continuare

Dettagli

FONDO REGIONALE DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO A FAVORE TITOLARI DI PARTITA IVA NELLA FASE DI AVVIO DELL ATTIVITA

FONDO REGIONALE DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO A FAVORE TITOLARI DI PARTITA IVA NELLA FASE DI AVVIO DELL ATTIVITA F.A.Q. ART. 8 DELLA L.R. 12/2004 COME SOSTITUITO DALL ART. 33 DELLA L.R. 30/2009 FONDO REGIONALE DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO A FAVORE TITOLARI DI PARTITA IVA NELLA FASE DI AVVIO DELL ATTIVITA ATTIVITA

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L'IMPRENDITORIALITÀ (FRIM) - LINEA DI INTERVENTO N.8 START UP E RE-START

FONDO DI ROTAZIONE PER L'IMPRENDITORIALITÀ (FRIM) - LINEA DI INTERVENTO N.8 START UP E RE-START FONDO DI ROTAZIONE PER L'IMPRENDITORIALITÀ (FRIM) - LINEA DI INTERVENTO N.8 START UP E RE-START DOTAZIONE BANDO SOGGETTI BENEFICIARI La dotazione finanziaria iniziale è pari ad 30.000.000,00, così suddivisa:

Dettagli

Società consortile Ass.For.SEO a r.l.

Società consortile Ass.For.SEO a r.l. Società consortile Ass.For.SEO a r.l. Organismo Intermedio per la gestione della Sovvenzione Globale finalizzata allo sviluppo e al consolidamento delle imprese cooperative del Lazio a valere sul P.O.R.

Dettagli

FAQ Frequently Asked Questions

FAQ Frequently Asked Questions FAQ Frequently Asked Questions risposte a quesiti frequenti LR 11/2011 articolo 2 commi 85 e 86 regolamento emanato con DPReg 312/2011 vers. 3/2012 1) Domande generali sul procedimento contributivo 2)

Dettagli

PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012

PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012 PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012 Disposizioni di dettaglio per la gestione e il controllo della realizzazione di progetti mirati alla lotta alla dispersione scolastica

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO

COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE, BENEFICIARIO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A COPERTURA DELLE SPESE EFFETTIVAMENTE SOSTENUTE E DOCUMENTATE FINALIZZATO

Dettagli

MODULO DI DOMANDA. Codice fiscale Tipo Documento di riconoscimento n. rilasciato da in data con scadenza in data

MODULO DI DOMANDA. Codice fiscale Tipo Documento di riconoscimento n. rilasciato da in data con scadenza in data (Marca da bollo) Allegato 1 BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI PRESTITI AGEVOLATI MEDIANTE FONDO ROTATIVO PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI PICCOLA TAGLIA (da 1 a 5 kwp) COLLEGATI ALLA RETE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE DELLE SPESE

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE DELLE SPESE Avviso Pubblico per il finanziamento di (pubblicato sul BURC n.48 del 30 novembre 2012 parte III) ALLEGATO 5 LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE DELLE SPESE Premessa e scopo della presente guida Nell'atto

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto Legge 22 giugno 2012 n. 83, convertito nella legge 7 agosto 2012, n. 134, concernente Misure urgenti per la crescita del Paese ; VISTO in particolare l articolo 42,

Dettagli

Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014

Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014 Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014 Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Rimini, nell ambito delle iniziative promozionali

Dettagli

Bando per la concessione di contributi alle imprese per l innovazione tecnologica anno 2013

Bando per la concessione di contributi alle imprese per l innovazione tecnologica anno 2013 Bando per la concessione di contributi alle imprese per l innovazione tecnologica anno 2013 La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Padova nell ambito delle iniziative promozionali

Dettagli

5. PROCEDURE. PEC innovazione-ricerca@cert.regione.piemonte.it

5. PROCEDURE. PEC innovazione-ricerca@cert.regione.piemonte.it 5. PROCEDURE Le gestione del bando, che comprende le attività di ricezione e istruttoria delle domande, concessione e revoca delle agevolazioni, controllo degli interventi realizzati, è affidata alla Direzione

Dettagli

Guida alla rendicontazione

Guida alla rendicontazione Allegato 5 Avviso pubblico per la presentazione di progetti attuativi dell intervento 4 Lavoro in proprio delle Schede Intervento Giovani protagonisti di sé e del territorio (CreAZIONI giovani) della Regione

Dettagli

LINEA 1 B: E-COMMERCE

LINEA 1 B: E-COMMERCE "Banda larga, innovazione e risparmio energetico per la crescita del sistema produttivo locale" LINEA 1 B: E-COMMERCE Per favorire lo sviluppo e/o l implementazione di soluzioni tecnologiche per operare

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Decreto Direttoriale 11.03.2014 Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 29 luglio

Dettagli

Di seguito riportiamo le pec di ogni ente.

Di seguito riportiamo le pec di ogni ente. FONDO DI ROTAZIONE E operativo il nuovo fondo di rotazione istituito con Delibera della Giunta Provinciale n. 2168 del 11/10/20013 (ex art. 34 ter 1 della Legge Provinciale 13 dicembre 1999, n. 6). Il

Dettagli

Linee guida per la presentazione dei progetti:

Linee guida per la presentazione dei progetti: Linee guida per la presentazione dei progetti: Avviso pubblico Sostegno ai giovani talenti 1. INTERVENTO Con l Avviso Sostegno ai giovani talenti si intende sostenere i giovani nell espressione del proprio

Dettagli

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione Promozione dell efficienza energetica e della produzione di energie rinnovabili (in attuazione della DGR n. 611/2008) Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione

Dettagli

GUIDA ALLA RICHIESTA DI EROGAZIONE DELLE AGEVOLAZIONI

GUIDA ALLA RICHIESTA DI EROGAZIONE DELLE AGEVOLAZIONI GUIDA ALLA RICHIESTA DI EROGAZIONE DELLE AGEVOLAZIONI Progetti di innovazione delle micro e piccole imprese La rendicontazione tecnica amministrativa finale del progetto di ricerca dovrà essere presentata

Dettagli