MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA. linee guida di applicazione del marchio e dell immagine coordinata istituzionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA. linee guida di applicazione del marchio e dell immagine coordinata istituzionale"

Transcript

1 MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA linee guida di applicazione del marchio e dell immagine coordinata istituzionale

2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. LO STUDIO GRAFICO 8. IL MARCHIO: elementi di base 9. IL SIMBOLO: significato 10. IL LOGOTIPO: lettering 11. IL SIMBOLO: composizione colori PANTONE 12. IL SIMBOLO: colori in quadricromia 13. IL SIMBOLO: in scala di grigi 14. IL MARCHIO: in scala di grigi 15. IL SIMBOLO: a colori su sfondo colorato 16. IL MARCHIO: su sfondo colorato 17. IL MARCHIO: area di rispetto e impaginazione con altri loghi 18. IL MARCHIO: tasso di riduzione 19. IL MARCHIO: versione semplificata 20. IL MARCHIO: uso scorretto 21. IL MARCHIO: richiesta di logo e patrocinio 24. IMMAGINE COORDINATA

3 INTRODUZIONE Questo manuale presenta gli elementi del sistema di identità visiva dell'asl 1 Imperiese. È stato predisposto affinché il valore dei componenti che costituiscono l'immagine si conservi integro ed inalterato nel tempo. È uno strumento utile ad uniformare la comunicazioni dirette sia all'esterno che all'interno. È stata effettuata una mappatura di tutto il materiale impiegato per comunicare e quindi è stato progettato un format grafico che renda le comunicazioni dell'azienda immediatamente e facilmente identificabili, rafforzando l'immagine della ASL con una identità precisa, chiara e omogenea. Chiunque debba operare su qualche aspetto, anche minimo del sistema di identità visiva dell'asl 1 Imperiese troverà nelle tavole che seguono gli strumenti adatti. Il manuale deve essere rigorosamente rispettato senza possibilità di adattamenti e interpretazioni personali. È uno strumento di consultazione, ma anche di controllo della qualità del marchio. Rispettare le indicazioni, applicarle in modo corretto, curare la qualità delle realizzazioni sono tre regole fondamentali affinché si possa tradurre in realtà il sistema di identità visiva, ottimizzandone i benefici. Le linee guida per l'applicazione del nuovo logotipo ASL 1 Imperiese contenute in questo documento devono essere seguite rigorosamente. Non è consentito riprodurre il logotipo in modo diverso da quanto indicato. La struttura complessa Comunicazione e Sistema Informativo è comunque sempre a disposizione per assistenza e consulenza. 1

4 LO STUDIO GRAFICO Per la realizzazione del nuovo logo aziendale è stato realizzato uno studio grafico che ha portato alla creazione di un marchio originale, comunicativo e facilmente identificabile, evocativo dell'immagine e dell'offerta di servizi dell'asl 1 Imperiese. Le caratteristiche del logo Un logo per definizione è quell'insieme di simboli grafici e tipografici che identificano un'azienda (un prodotto o un servizio). Pertanto deve: riflettere le caratteristiche e la natura dell'azienda che rappresenta; non essere ingannevole e neppure portare a pensare a qualcosa di diverso da quello a cui si riferisce; essere originale; essere facilmente riconoscibile e identificabile; essere compatto e sintetico; essere adattabile; potersi stampare nei formati più disparati, dai più piccoli (biglietti da visita, gadget) ai più grandi (striscioni e manifesti) senza perdere leggibilità; non perdere di immediatezza nemmeno quando viene stampato in bianco e nero Analisi della mission dell'azienda e del territorio Il nuovo marchio dell'asl 1 Imperiese vuol far capire, in modo sintetico, che si tratta di servizi per la salute rivolti alla popolazione della provincia di Imperia. Ecco alcune parole chiave utili per l'individuazione del logo: salute- malattia cura assistenza take care ma anche: provincia di Imperia ponente ligure 2

5 mare entroterra fiori (Riviera dei fiori) palme Ideazione della forma Il nuovo logo dell'asl 1 Imperiese intende combinare due categorie di parole chiave: salute prendersi cura territorio L'obiettivo è stato quello di trovare un simbolo grafico che riuscisse a dare rilievo ad un aspetto territoriale della provincia di Imperia e contemporaneamente che richiamasse la mission di cura e assistenza dell'asl. Come aspetto peculiare del territorio si è scelto quello della coltivazione dei fiori. La provincia di Imperia è anche nota come Riviera dei Fiori e le coltivazioni floreali costituiscono uno scenario comune sia lungo la costa che nell'entroterra. Pertanto, il fiore è il primo simbolo del nuovo logo. Tra le rappresentazioni in grado di esprimere con più immediatezza il concetto del prendersi cura si è individuato, invece, quello delle mani, aperte e tese. Per trasformare queste idee grafiche in un simbolo è stato necessario stilizzare i due disegni per uniformare il loro stile, migliorarne l'identificazione e, non da ultimo, la riproducibilità dell'intero marchio. 3

6 LO STUDIO GRAFICO Qui di seguito si riporta graficamente il processo di definizione dei simboli: TEMA Riviera dei fiori SIMBOLO STILIZZAZIONE Prendersi cura Dalla sintesi dei due simboli si è ottenuto l'elemento grafico del logo aziendale. Le foglie del fiore sono scomparse per fondersi con il disegno stilizzato delle mani aperte che le richiamano semanticamente. Il disegno così ottenuto è stato ulteriormente ottimizzato seguendo una delle regole della comunicazione visiva. Ruotandolo ed inclinandolo secondo la direzione alto-destra gli si è conferito infatti maggiore dinamicità ed apertura. 4

7 Scelta del colore Lo studio e la scelta del colore per il nuovo logo hanno avuto una importante valenza dal punto di vista della comunicazione visiva. Il logo originario era blue, tinta individuata come colore aziendale e spesso utilizzata nell'immagine coordinata della ASL (cartelli, segnaletica, arredi). Ciò che si è voluto assolutamente garantire è stata la leggibilità del logo anche nella versione ad un solo colore, in negativo, in piccole dimensioni e in tutte le situazioni critiche di chiarezza e leggibilità che si possono incontrare. Ecco la versione a colori del simbolo: Per il nuovo marchio si è scelto di mantenere una linea di continuità con il precedente, pur ampliando la gamma delle sfumature di blue utilizzate ed introducendo un nuovo colore: giallo-arancio. Pur adottando la quadricromia, si è scelto di utilizzare pochi colori per permettere maggiore flessibilità e risparmio in fase di stampa su supporti diversi. Nella versione a colori qui rappresentata, la corolla del fiore è di colore gialloarancio, con l'ombra di una tonalità più chiara. Si tratta di un colore secondario, caldo,che nell'interprestazione psicologica dei colori trasmette energia, azione, 5

8 LO STUDIO GRAFICO disponibilità, altruismo. In questo modo è anche possibile considerare la corolla come un sole che nasce. Le mani-foglie riportano quattro tonalità degradanti di blue, dallo scuro al più chiaro. Si tratta di un colore primario freddo con i relativi colori terziari in sfumatura. Scelta del logotipo Per il nome dell'azienda si è scelto di superare la predente dicitura Azienda USL preferendo il più immediato e, ormai d'uso corrente, ASL. Come font è stato mantenuto un tipo di carattere che riprendesse il logotipo precedente, così come la continuità con il colore blue. È s t a t a p e r ò i n s e r i t a un'ombra giallo-arancio che oltre a conferire spessore alla scritta rinsalda il legame cromatico con la parte iconica della corolla. Per la parola Imperiese è stato usato un carattere corsivo informale che simula l'onda del mare, per richiamare il legame con il territorio della provincia. Dal punto di vista cromatico le due nuances di blue sono le stesse che si ritrovano nel disegno delle dita delle mani. Per garantire la piena riconoscibilità del logo e per consentire una certa stabilità visiva tra il simbolo ed il logotipo sono state, infine, aggiunte le scritte più in piccolo: 6

9 AZIENDA SANITARIA N. 1 I M P E R I E S E (in alto) REGIONE LIGURIA (di lato a destra) Idealmente, le due scritte chiudono il marchio in un rettangolo, forma geometrica già presente nel logo originario. Questa è la versione completa del nuovo logo aziendale. lo osserva la possibilità di costruire propri percorsi di significato, partendo dalla propria immagine mentale di quell'azienda o servizio. Il marchio così come è stato strutturato consente, inoltre, di poter scindere all'occorrenza la parte iconica dalla scritta. Ciò garantisce una maggiore flessibilità d'uso del logo che si può adattare alle diverse esigenze di stampa. La componente iconica lascia spazio ad altre interpretazioni semiotiche che possono andare al di là dei significati fin qui esposti: un battere di ali, un sole che sorge sulle onde del mare, un abbraccio Ma un logo è anche questo: un disegno che lascia a chi 7

10 IL MARCHIO: elementi di base Composizione Il nuovo marchio dell'asl 1 Imperiese intende comunicare in modo sintetico la mission dell'azienda, ovvero che si occupa di servizi per la salute, rivolti alla popolazione della provincia di Imperia. Si compone di simboli grafici e tipografici E costruito su una griglia modulare che ne dimensiona e organizza tutti gli elementi costitutivi. Il rapporto proporzionale tra base e altezza del marchio è di 3:1. A tale rapporto devono sottostare tutti gli ingrandimenti e le riduzioni. La riproduzione del marchio richiede l assoluto rispetto delle proporzioni secondo i parametri indicati dalla gabbia grafica. 8

11 IL SIMBOLO: significato Caratteristiche Il simbolo intende combinare due concetti: prendersi cura della salute dei cittadini essere presente sul territorio della provincia di Imperia, la Riviera dei fiori In altri termini, il simbolo vuole dare rilievo alla mission di cura ed assistenza della ASL, ma contemporaneamente richiamare un aspetto territoriale della provincia di Imperia. Il simbolo non è in alcun modo modificabile per esigenze grafiche o tipografiche. Esso può essere solo ingrandito o rimpicciolito mantenendo le proporzioni, sempre nel rispetto delle regole di impaginazione. 9

12 IL LOGOTIPO: il lettering Il logotipo è costituito dalle seguenti scritte: AZIENDA SANITARIA N. 1 IMPERIESE Tipo carattere: BinnerD, formato maiuscolo Colore Pantone 282 C Rapporto proporzionale tra base e altezza è di 25:1 REGIONE LIGURIA ASL 1 Tipo carattere: BinnerD, formato maiuscolo, orientamento scritta: 90 Colore Pantone 282 C Rapporto proporzionale tra base e altezza è di 14:1 Tipo carattere: BinnerD, formato maiuscolo Colore Pantone 282 C - ombra Pantone 7406 C Rapporto proporzionale tra base e altezza è di 3:1 Imperiese Tipo carattere: MISTRAL formato minuscolo Colore Pantone 3005 C - ombra Pantone 282 C Rapporto proporzionale tra base e altezza è di 9:1 10

13 IL SIMBOLO: composizione colori PANTONE Pantone 7406 C al 50% Pantone 7406 C al 100% Pantone 3005 C al 100% Pantone 3005 C all 80% Pantone 3005 C all 65% Pantone 3005 C all 45% Pantone 3005 C all 45% 11

14 IL SIMBOLO: colori in quadricromia e RGB R 241 G 220 B 136 C 0 M 9 Y 50 K 0 C 0 M 17 Y 100 K 0 R 227 G 186 B 18 R 51 G 251 B 214 C 80 M 22 Y 0 K 0 C 100 M 28 Y 0 K 0 R 0 G 125 B 204 C 65 M 18 Y 0 K 0 R 89 G 170 B 222 C 45 M 13 Y 0 K 0 R 0 G 125 B 204 C 25 M 7 Y 0 K 0 R 191 G 222 B

15 IL SIMBOLO: in scala di grigi K - 10% K - 30% K - 80% K - 70% K - 50% K - 20% K - 30% 13

16 IL MARCHIO: in scala di grigi AZIENDA SANITARIA N. 1 IMPERIESE Nero al 100% REGIONE LIGURIA Nero al 100% ASL 1 Nero al 100%; per l ombra Nero al 40% Imperiese Nero al 40%; per l ombra Nero al 100% 14

17 IL SIMBOLO: a colori su sfondo colorato Se il simbolo è posizionato su fondi colorati deve essere circondato da un filo bianco di uno spessore pari alla 80sima parte della larghezza del simbolo. In questa versione deve essere eliminata l ombra della sfera gialla. Il filetto deve essere inserito anche nel caso di simbolo in toni di grigio. Non esiste la versione in negativo del simbolo. 15

18 IL MARCHIO: su sfondo colorato Se l intero marchio è posizionato su fondi colorati il simbolo deve essere circondato dal filo bianco. Tutte le scritte del logotipo vengono riportate in colore bianco, eliminando le ombre. 16

19 IL MARCHIO:area di rispetto e impaginazione con altri simboli 10% 100% 10% 100% Per evitare ogni tipo di interferenza visiva con altri elementi grafici messi in relazione al marchio ASL 1, è opportuno osservare sempre un area di rispetto pari al 10% della lunghezza ed al 30 %dell altezza totale del logo. L area di rispetto consente sempre una chiara ed efficace lettura del logotipo. Nel caso in cui il marchio dell ASL1 Imperiese debba essere impaginato insieme ad altri simboli, si dovranno seguire le indicazioni sopra riportate. Dovranno inoltre essere rispettate le gerarchie, che andranno dall ente di governo più globale al più locale, dall alto verso il basso e da sinistra verso destra, a meno di indicazioni dovute al particolare ruolo assunto dall uno o dall altro attore in una determinata occasione. 17

20 IL MARCHIO: tasso di riduzione 30 mm Le dimensioni del logo possono variare, rispettando l esatto rapporto tra le proporzioni in tutti gli elementi che lo compongono. Il tasso di riduzione minimo che consente comunque una soddisfacente leggibilità è di 30 millimetri di base. Al di sotto di tale misura gli elementi che compongono il marchio perdono infatti di leggibilità. Per l ingrandimento non si ravvisano particolare problemi. Nel caso di pagine web, la dimensione minima del logo è 180 pixel di base. 18

21 IL MARCHIO: versione semplificata In queste versioni sintetizzate non è riprodotto il logotipo nella sua interezza, ma viene data prevalenza alla componente grafica del simbolo. Queste versioni possono essere usate soltanto nella comunicazione interna all azienda, nel caso in cui per esigenze grafiche il marchio completo risulti difficilmente riproducibile e leggibile. Ad esempio:... Il limite minimo di riproduzione è sempre 30 millimetri. 19

22 IL MARCHIO: uso scorretto AZIENDA SANITARIA N. 1 IMPERIESE ASL1 imperiese REGIONE LIGURIA Uso scorretto Il marchio deve essere utilizzato correttamente, secondo le forme in cui è proposto nel presente manuale. Pertanto non può essere proposto con colori differenti, né essere confuso con elementi grafici addizionali, sottolineature, ornamenti o aggiunte di testo. Il logo dell ASL 1 Imperiese non dovrà mai essere: modificato in alcun modo nel lettering o nella sua composizione ruotato, allungato, compresso usato in parte in positivo e in parte in negativo usato come texture usato su fonti texturizzati usato con ombreggiature o con caratteri tridimensionali 20

23 IL MARCHIO: richiesta di logo e patrocinio L ASL1 imperiese ha facoltà di autorizzare terzi all uso del proprio marchio per manifestazioni scientifiche, formative, prodotti editoriali, informatici, etc, purché: non si crei confusione tra l utilizzatore e l ASL 1 Imperiese l iniziativa non sia legata ad obiettivi o attività incompatibili con i principi e gli scopi dell ASL 1 Imperiese L impiego del marchio dell ASL 1 Imperiese può riguardare: iniziative direttamente organizzate da alcune strutture dell Azienda (sia dal punto di vista scientifico che economico gestionale). In questo caso sotto al logo aziendale sarà specificato Organizzato da.. o Prodotto da seguito dall indicazione del Dipartimento e della Struttura di pertinenza. L Azienda metterà a disposizione personale e supporti logistico - organizzativi per l organizzazione dell evento e delle iniziative di comunicazione ad esso collegate. iniziative organizzate terzi (associazioni, enti locali...) per le quali l ASL 1 Imperiese ha concesso il patrocinio. Concedendo il patrocinio l ASL 1 Imperiese non si impegna a mettere a disposizione per l iniziativa i servizi di supporto. In questo caso accanto al logo sarà indicato Patrocinato da ASL 1 Imperiese. La presenza del logo dell Azienda su prodotti o servizi ha lo scopo do garantire che l iniziativa è stata intrapresa rispettando le indicazioni e le regole dell ASL. L autorizzazione ad utilizzare il marchio dell ASl 1 Imperiese non conferisce alcun diritto di esclusiva, non permette l appropriazione di tale simbolo o di un marchio o logotipo similare. Verrà in ogni caso verificato il rispetto dei requisiti indicati. L autorizzazione non sarà concessa qualora il simbolo sia utilizzato a fini commerciali. 21

24 IL MARCHIO: richiesta di logo e patrocinio Presentazione delle richieste Per le manifestazioni già inserite nel piano annuale della formazione, l utilizzo del logo non necessita di ulteriori autorizzazioni. Per convegni e corsi di formazione organizzati da terzi, la richiesta deve essere formulata mediante comunicazione scritta o via da inviare a La richiesta deve contenere informazioni su: data e sede della manifestazione obiettivi e tema della manifestazione il programma scientifico completo (argomenti e relatori) promotori ed eventuali sponsor agenzia o ente che organizza Nella domanda il richiedente deve dichiarare che si assume la completa responsabilità economica, gestionale e fiscale dell inizitiva. Requisiti della manifestazione scientifica per la concessione del patrocinio ASL: chiara evidenza del ruolo dell Azienda nella manifestazione coerenza degli obiettivi dell inizaitiva con gli obiettivi aziendali assunzione della copertura economica da parte dell organizzazione assenza di riferimenti pubblicitari a farmaci o Aziende 22

25 IL MARCHIO: richiesta di logo e patrocinio Tempistica La richiesta per l utilizzo del logo e per la concessione del patrocinio deve essere invita alla segreteria della Direzione aziendeale, almeno 90 giorni prima delle data prevista per la realizzazione della manifestazione. Richieste che non rispettino tale termini ma che presentino urgenza adeguatamente motivata saranno valutate dalla Direzione aziendale caso per caso. Dopo 30 giorni dalla richiesta il richiedente riceverà nota scritta con la concessione del patrocinio e l autorizzazione all uso del logo. Verranno anche fornite le indicazioni per ricevere il marchio in formato elettronico (EPS). Sul sito internet aziendale è stata attivata nella sezione Comunicazione una pagina per la richiesta di marchio compilando un apposito modulo on line, dopo avere ottenuto il patrocinio. 23

26 IMMAGINE COORDINATA Con il nuovo logo aziendale sono anche stati riprogettati tutti i documenti ed i materiali aziendali (interni ed esterni) che compongono l immagine coordinata. È stato realizzato un format grafico per garantire l immediata riconoscibilità delle comunicazione aziendali, semplificandone l identificazione. Sono stati elaborati dei modelli, raccogliendo le esigenze dei vari servizi e condividendo le proposte. I modelli, scaricabili dalla rete intranet aziendale, consentono di mantenere l omogeneità dell immagine e dell impostazione grafica, permettendo tuttavia la personalizzazione con i dati dei singoli servizi secondo indicazioni prefissate. I principali modelli progettati sono: lettera lettera Direzione Aziendale fax modulistica determinazione delibera locandina evento formativo brochure evento formativo slides e lucidi per presentazioni biglietti da visita segnaletica fuori porta È stata inoltre definito il lay- out di sito internet e intranet buste cartelline mezzi aziendali timbri 24

27 IMMAGINE COORDINATA: lettera direzione 17 25

28 IMMAGINE COORDINATA: lettera strutture 26

29 17 27

30 IMMAGINE COORDINATA: copertina fax A: Da: Società: Fax: Tel: Fax: Tel: Numero pagine: OGGETTO Urgente Da approvare Vs commenti RSVP Da inoltrare Messaggio 28

31 IMMAGINE COORDINATA: Modulistica MODULO PER Il sottoscritto nato a il, residente a in via N civico, provincia CHIEDE Firma 17 29

32 IMMAGINE COORDINATA: Il family feeling ASL 1 IMPERIESE Tutto il materiale relativo agli eventi formativi (locandine, brochure, presentazioni Power Point), alle iniziative di informazione (opuscoli, manifesti...), alle comunicazioni interne ed esterne (comunicati stampa, cartelline, e -mail, biglietto da visita, gadgets, supporti informatici e audiovisivi...), ed alla segnaletica (cartelli fuoriporta, targhe...) è uniformato dalla presenza del family feeling. Il family feeling è una importante componente del sistema di identità visiva dell ASL1 Imperiese. È formato da tre elementi: la dicitura ASL 1 IMPERIESE (orientamento 90 ) il simbolo del logo aziendale un segno grafico aggregante (costituito da assi cartesiani mobili per consentire il libero posizionamento del testo e degli altri elementi accessori). Il rapporto dimensionale tra gli assi è libero e funzionale alle esigenze di organizzazione dello spazio

Manuale di Immagine Coordinata dell Asl 5 Spezzino

Manuale di Immagine Coordinata dell Asl 5 Spezzino Manuale di Immagine Coordinata dell Asl 5 Spezzino Manuale di immagine coordinata 1. Identità visiva L identità visiva di qualsiasi organizzazione è definita dalla sua immagine coordinata la quale, a sua

Dettagli

LINEA GRAFICA PO FSE BASILICATA 2007/2013 MANUALE D USO. Fondo Sociale Europeo. Investiamo sul nostro futuro

LINEA GRAFICA PO FSE BASILICATA 2007/2013 MANUALE D USO. Fondo Sociale Europeo. Investiamo sul nostro futuro LINEA GRAFICA PO FSE BASILICATA 2007/2013 MANUALE D USO Fondo Sociale Europeo Investiamo sul nostro futuro Pubblicazione realizzata a cura della Regione Basilicata Dipartimento Formazione, Lavoro, Cultura

Dettagli

MANUALE PER L UTILIZZO DEI LOGHI.

MANUALE PER L UTILIZZO DEI LOGHI. PER L UTILIZZO DEI LOGHI. 2 MANUALE Indice Dimensioni reali e Proporzioni......................................................... 5 Colori...........................................................................

Dettagli

IL MARCHIO manuale d uso. immagine coordinata

IL MARCHIO manuale d uso. immagine coordinata IL MARCHIO manuale d uso immagine coordinata indice 1.0 premessa 3 1.1 il marchio 4 1.2 i colori istituzionali del marchio 5 1.3 il marchio a colori 6 1.4 il marchio al tratto 7 1.5 il marchio in scala

Dettagli

MANUALE IMMAGINE COORDINATA

MANUALE IMMAGINE COORDINATA MANUALE IMMAGINE COORDINATA PREMESSA Per il restyling del logo della Fondazione si è voluto percorrere strade diverse dal neurone attuale, sviluppando una proposta grafica incentrata sulle iniziali della

Dettagli

PARCO NAZIONALE DELL ARCIPELAGO DI LA MADDALENA - REGOLAMENTO SULL USO DEL MARCHIO Deliberazione del Consiglio Direttivo 28 aprile 2006 n.

PARCO NAZIONALE DELL ARCIPELAGO DI LA MADDALENA - REGOLAMENTO SULL USO DEL MARCHIO Deliberazione del Consiglio Direttivo 28 aprile 2006 n. I3 PARCO NAZIONALE DELL ARCIPELAGO DI LA MADDALENA - REGOLAMENTO SULL USO DEL MARCHIO Deliberazione del Consiglio Direttivo 28 aprile 2006 n.13 Art. 1 Finalità 1. Il presente regolamento disciplina l utilizzo

Dettagli

Regolamento e Manuale d uso del Marchio di Certificazione DNV Italia per il Sistema di Gestione

Regolamento e Manuale d uso del Marchio di Certificazione DNV Italia per il Sistema di Gestione Regolamento e Manuale d uso del Marchio di Certificazione DNV Italia per il Sistema di Gestione Questo Manuale d uso dà le indicazioni necessarie sull uso del Marchio di Certificazione del Sistema di Gestione:

Dettagli

Linee guida di utilizzo del marchio

Linee guida di utilizzo del marchio Linee guida di utilizzo del marchio Indice 1. Marchio + logotipo 1.1 Caratteristiche generali 1.2 Schema costruttivo del marchio + logotipo 1.3 Dimensioni minime del marchio + logotipo 1.4 Colori e valori

Dettagli

Regolamento per l utilizzo del logo istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Crotone

Regolamento per l utilizzo del logo istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Crotone Regolamento per l utilizzo del logo istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Crotone Rev. 0 2009 Preparato: Ufficio stampa Verificato: Segretario generale; Giunta

Dettagli

Manuale d uso del marchio Agriturismo Italia

Manuale d uso del marchio Agriturismo Italia Manuale d uso del marchio Agriturismo Italia manuale d uso per le istituzioni versione 3.1 2 3 Copyright 2013 Ministero delle politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole.it Indice 1.0

Dettagli

Manuale sull applicazione del Marchio ad uso pubblicitario

Manuale sull applicazione del Marchio ad uso pubblicitario Manuale sull applicazione del Marchio ad uso pubblicitario SOMMARIO Introduzione 3 Versione positiva - Quadricromia 5 Versione negativa - Quadricromia 7 Versione positiva - 1 colore 9 Versione negativa

Dettagli

QUALE UTILIZZARE COME

QUALE UTILIZZARE COME IL MARCHIO QUALE UTILIZZARE APPLICARLO UTILIZZARLO VERSIONE PRINCIPALE DEL MARCHIO QUALE Da utilizzare nella maggior parte degli strumenti destinati alla comunicazione interna ed esterna. Il marchio potrà

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE

Presidenza del Consiglio dei Ministri UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE Presidenza del Consiglio dei Ministri UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE Manuale d uso del logo del Servizio Civile Nazionale LÊUfficio Nazionale per il Servizio Civile si è dotato di un simbolo

Dettagli

Titolo disposto su due righe

Titolo disposto su due righe LINEA GRAFICA PO FESR BASILICATA 2007/2013 MANUALE D USO Titolo disposto su due righe Esempio di testo disposto su un rigo Comune di Matera Bando per il rifacimento del manto stradale del centro storico

Dettagli

Difatti essa è leggibile, capovolta, come l elemento decorativo, l elmetto, la figura conclusiva di un antica torre.

Difatti essa è leggibile, capovolta, come l elemento decorativo, l elmetto, la figura conclusiva di un antica torre. Il progetto è espressione prima di sintesi. Interpretando e raccogliendo stimolo dai motivi dettati dal bando di concorso, il logotipo cerca di raccontarsi e riferirsi da subito attraverso geometrie e

Dettagli

Manuale di immagine coordinata

Manuale di immagine coordinata Manuale di immagine coordinata Città di Minerbio perché un immagine coordinata La volontà di ricorrere alla stesura di un manuale di immagine coordinata nasce dall esigenza di rinnovare e razionalizzare

Dettagli

MIC Manuale di Immagine Coordinata Comune di San Fior

MIC Manuale di Immagine Coordinata Comune di San Fior MIC Manuale di Immagine Coordinata Comune di San Fior Manuale Operativo San Fior Negli ultimi anni molte trasformazioni hanno interessato anche l Ente Comune che, investito di nuove funzioni e competenze,

Dettagli

LA RETTRICE D E C R E T A

LA RETTRICE D E C R E T A Decreto n. 336.15 Prot. 9925 LA RETTRICE - Viste le Leggi sull Istruzione Universitaria; - Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168; - Visto lo Statuto dell Università per Stranieri di Siena adottato con D.R.

Dettagli

Linee guida per l'utilizzo del logo d'ateneo

Linee guida per l'utilizzo del logo d'ateneo Linee guida per l'utilizzo del logo d'ateneo Premessa Negli ultimi anni - soprattutto sul web- si è assistito a una proliferazione di svariate versioni del sigillo dell Università degli Studi di Catania,

Dettagli

Manuale d uso. allegato b.9

Manuale d uso. allegato b.9 allegato b.9 Manuale d uso. 1. Sintesi elementi base. 1.1 marchio. 1.2 logotipo. 1.3 marchio + logotipo. 1.4 Sintesi elementi base: marchio + logotipo, valorizzazione 3D a colori e in scala di grigi. 2.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MARCHI E DEI LOGHI DI ASSOCOUNSELING. Articolo 1 (Definizione e ambito di applicazione)

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MARCHI E DEI LOGHI DI ASSOCOUNSELING. Articolo 1 (Definizione e ambito di applicazione) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MARCHI E DEI LOGHI DI ASSOCOUNSELING Articolo 1 (Definizione e ambito di applicazione) Il presente regolamento definisce le indicazioni necessarie sull uso dei marchi e dei

Dettagli

Manuale d uso del marchio territoriale Trentino

Manuale d uso del marchio territoriale Trentino Manuale d uso del marchio territoriale Trentino Introduzione Questo è il Manuale d uso del marchio territoriale del Trentino, strumento di marketing territoriale sviluppato dalla Provincia Autonoma di

Dettagli

Corporate identity manual

Corporate identity manual Corporate identity manual Dal punto di vista strettamente operativo l'immagine coordinata è impostata sul marchio e sul logotipo dell'azienda e si sviluppa e si declina su tutte le applicazioni funzionali,

Dettagli

Tecniche Multimediali Lezione 3 Capatti I. IL LOGO

Tecniche Multimediali Lezione 3 Capatti I. IL LOGO IL LOGO Quello che si intende oggi quando si parla di logo è un insieme di simboli grafici e tipografici che identificano un'azienda o un prodotto in modo da differenziarlo dai suoi concorrenti sul mercato.

Dettagli

IMMAGINE COORDINATA: GUIDELINES E APPLICAZIONI

IMMAGINE COORDINATA: GUIDELINES E APPLICAZIONI IMMAGINE COORDINATA: GUIDELINES E APPLICAZIONI MARCHIO E SUE VARIANTI SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA IMMAGINE COORDINATA: GUIDELINES E APPLICAZIONI PAG. 2 MARCHIO ORIZZONTALE COMPLETO Il marchio ufficiale

Dettagli

ELEMENTI BASE 1.01. Il marchio del Comune di Milano: caratteristiche MARCHIO. Linee guida per l applicazione dell identità visiva del Comune di Milano

ELEMENTI BASE 1.01. Il marchio del Comune di Milano: caratteristiche MARCHIO. Linee guida per l applicazione dell identità visiva del Comune di Milano ELEMENTI BASE 1.01 Il marchio del Comune di Milano: caratteristiche Il marchio è costituito da quattro elementi, combinati tra loro secondo un preciso schema grafico. Questi elementi sono: 1. Lo stemma;

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale. linee guida. per le azioni di informazione e comunicazione

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale. linee guida. per le azioni di informazione e comunicazione UNIONE EUROPEA linee guida per le azioni di informazione e comunicazione contenuti il marchio ELEMENTI DI BASE I COLORI LA SCALA DI GRIGIO IL BIANCO E NERO IL LETTERING L AREA DI RISPETTO LEGGIBILITÀ E

Dettagli

Guideline per l utilizzo del logo alcotra. Interreg IIIA 2000-2006 Alpi Latine Cooperazione Transfrontaliera

Guideline per l utilizzo del logo alcotra. Interreg IIIA 2000-2006 Alpi Latine Cooperazione Transfrontaliera Guideline per l utilizzo del logo alcotra Interreg IIIA 2000-2006 Alpi Latine Cooperazione Transfrontaliera 1.1 Costruzione del logo Le proporzioni del logo sono calcolate in base all unità di misura ricavata

Dettagli

Gli elementi base costitutivi dell immagine grafica di exa comprendono:

Gli elementi base costitutivi dell immagine grafica di exa comprendono: L immagine coordinata 01 Gli elementi base costitutivi dell immagine coordinata di exa engineering s.r.l. costituiscono l identità dell azienda, l immagine grafica con cui essa comunica con l esterno e

Dettagli

musei civici fiorentini marchio e norme di utilizzo

musei civici fiorentini marchio e norme di utilizzo musei civici fiorentini marchio e norme di utilizzo Introduzione Il presente Manuale elenca le modalità di applicazione del Marchio dei Musei Civici Fiorentini su prodotti editoriali e pubblicitari relativi

Dettagli

Regolamento per l uso del logo e per la concessione del patrocinio dell Università degli Studi Roma Tre

Regolamento per l uso del logo e per la concessione del patrocinio dell Università degli Studi Roma Tre Area Affari Generali Ufficio Convenzioni, Regolamenti ed Elezioni Regolamento per l uso del logo e per la concessione del patrocinio dell Università degli Studi Roma Tre Art. Oggetto. Il presente regolamento

Dettagli

Manuale di identità. relativo al marchio Territoriale della Provincia di Trapani

Manuale di identità. relativo al marchio Territoriale della Provincia di Trapani Manuale di identità relativo al marchio Territoriale della Provincia di Trapani Introduzione Il marchio territoriale della provincia di Trapani è la componente caratterizzante di tutta la sua comunicazione.

Dettagli

Manuale di identità visiva Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Pavia

Manuale di identità visiva Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Pavia Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Pavia Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Pavia Manuale di identità visiva Questo documento contiene tutte le caratteristiche

Dettagli

Elementi base. Giugno 2007. Manuale di Identità Visiva Sapienza Università di Roma

Elementi base. Giugno 2007. Manuale di Identità Visiva Sapienza Università di Roma Elementi base Giugno 2007 Elementi Base. Marchio L emblema della Sapienza è costituito da un ovale, di colore porpora, nel quale sono inscritti un cherubino, sovrastato da una fiammella, e la dicitura

Dettagli

MANUALE D IDENTITà VISIVA

MANUALE D IDENTITà VISIVA MANUALE D IDENTITà VISIVA INDICE MARCHIO E LOGOTIPO 3. Il logo originale 3. Il logo.it 4. Colori in quadricromia 4. Colori dichiarati Pantone 4. Colori dichiarati RAL 5. Logo monocromatico nero 6. Logo

Dettagli

Questo manuale ha un fine pratico: guidare chi se ne debba servire

Questo manuale ha un fine pratico: guidare chi se ne debba servire Questo manuale ha un fine pratico: guidare chi se ne debba servire all uso corretto del marchio Regione Emilia-Romagna Cultura d Europa. Il suo segno infatti, fortemente composito e ricco, deve connotare

Dettagli

Manuale d identità visiva

Manuale d identità visiva Manuale d identità visiva Elementi Base 14 ottobre 2010 Versione 1.0 01 Marchio/Logo. Versione A 02 Marchio/Logo. Versione B 03 Marchio/Logo. Versione C orizzontale 04 Marchio/Logo. Versione C verticale

Dettagli

01 LOGOTIPO. manuale d identità visiva

01 LOGOTIPO. manuale d identità visiva MANUALE D IDENTITà VISIVA 01 LOGOTIPO 1.1 Elementi di base Due sono gli elementi che compongono il Logotipo della Croce Rossa Italiana: la croce rossa all interno dei due cerchi con il testo e la scritta,

Dettagli

LINEA GRAFICA PO FSE BASILICATA 2007/2013 MANUALE D USO

LINEA GRAFICA PO FSE BASILICATA 2007/2013 MANUALE D USO LINE GRFI PO FSE SILIT 2007/2013 MNULE USO Fondo Sociale Europeo Investiamo sul nostro futuro Pubblicazione realizzata a cura della Regione asilicata ipartimento Formazione, Lavoro, ultura e Sport utorità

Dettagli

Marchio e immagine coordinata FIAF. Disciplinare d'uso.

Marchio e immagine coordinata FIAF. Disciplinare d'uso. Marchio e immagine coordinata FIAF. Disciplinare d'uso. Introduzione Il presente documento si propone di disciplinare l'utilizzo del marchio FIAF attraverso l'identificazione degli elementi base dell'immagine

Dettagli

ASSOBIOMEDICA 2014 GUIDA ALL UTILIZZO DEL LOGO

ASSOBIOMEDICA 2014 GUIDA ALL UTILIZZO DEL LOGO ASSOBIOMEDICA 2014 GUIDA ALL UTILIZZO DEL LOGO 2 ASSOBIOMEDICA 2014 GUIDA ALL UTILIZZO DEL LOGO Il Logo ASSOBIOMEDICA è costituido da tre elementi: il simbolo, il lettering e la dicitura SIMBOLO LETTERING

Dettagli

Regole e modalità per l utilizzo del Logo della Regione Autonoma della Sardegna (stemma).

Regole e modalità per l utilizzo del Logo della Regione Autonoma della Sardegna (stemma). Allegato alla Delib.G.R. n. 19/15 del 28.4.2015 Regole e modalità per l utilizzo del Logo della Regione Autonoma della Sardegna (stemma). Premessa Il logo istituzionale è formato dallo stemma ufficiale

Dettagli

Manuale di utilizzo del logotipo

Manuale di utilizzo del logotipo Manuale di utilizzo del logotipo INDICE 3 Premessa 4 Logotipo 5 Area di rispetto 6 Colore 7 Versione in positivo bianco/nero 8 Versione in negativo bianco/nero 9 Utilizzo su fondi colore 10 Utilizzo su

Dettagli

MANUALE DI IMMAGINE COORDINATA DEL PROGETTO ACCESSIT

MANUALE DI IMMAGINE COORDINATA DEL PROGETTO ACCESSIT La Coopération au coeur de la Méditerranée La Cooperazione al cuore del Mediterraneo MANUALE DI IMMAGINE COORDINATA Linee guida per l utilizzo degli elementi grafici relativi al progetto Aggiornamento

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO. CORPORATE IMAGE - Manuale di Immagine Coordinata Per la corretta gestione dell immagine dell Ateneo

POLITECNICO DI TORINO. CORPORATE IMAGE - Manuale di Immagine Coordinata Per la corretta gestione dell immagine dell Ateneo CORPORATE IMAGE - Manuale di Immagine Coordinata Per la corretta gestione dell immagine dell Ateneo INDICE Premessa...1 Regole d uso...2 Presentazione del logo Iconografia del marchio...3 Logotipo e Logo...6

Dettagli

Manuale di identità. AZIONE 550 Marchio Consortile CONSORZIO RIPOPOLAMENTO ITTICO GOLFO DI PATTI

Manuale di identità. AZIONE 550 Marchio Consortile CONSORZIO RIPOPOLAMENTO ITTICO GOLFO DI PATTI Manuale di identità relativo al marchio consortile del Consorzio ripopolamento ittico Golfo di Patti AZIONE 550 Marchio Consortile Manuale di identità relativo al marchio consortile del Consorzio ripopolamento

Dettagli

Regole d uso dei marchi di certificazione ICEC

Regole d uso dei marchi di certificazione ICEC Approved by PRES. ICEC Date: 14.03.2014 Replaces: 04 Page 1 di 10 INDICE 1. Scopo e campo di applicazione 2. Concessione e uso del Certificato di Conformità e dei Marchi di Certificazione 2.1 Riproduzione

Dettagli

Manuale per il corretto uso del nuovo logotipo FIAB. Federazione Italiana Amici della Bicicletta ONLUS

Manuale per il corretto uso del nuovo logotipo FIAB. Federazione Italiana Amici della Bicicletta ONLUS Manuale per il corretto uso del nuovo logotipo FIAB Federazione Italiana Amici della Bicicletta ONLUS giugno 2014 Federazione Italiana Amici della Bicicletta ONLUS Nell aprile di quest anno, a Roma, il

Dettagli

CIRCOLARE SULL USO DEL LOGO DEL PIANO DI COMUNICAZIONE PO FSE 2007-2013

CIRCOLARE SULL USO DEL LOGO DEL PIANO DI COMUNICAZIONE PO FSE 2007-2013 Repubblica Italiana Regione Siciliana Assessorato Regionale dell'istruzione e della Formazione Professionale Dipartimento Regionale dell'istruzione e della Formazione Professionale CIRCOLARE SULL USO DEL

Dettagli

Il nuovo stemma del Comune di Sesto Fiorentino

Il nuovo stemma del Comune di Sesto Fiorentino Il nuovo stemma del Comune di Sesto Fiorentino Il restyling dello stemma del Comune di Sesto Fiorentino nasce dall esigenza di migliorare la comunicazione, sia interna che esterna, dell Amministrazione,

Dettagli

PROVINCIA. manuale. coordinata. dell immagine. di chieti

PROVINCIA. manuale. coordinata. dell immagine. di chieti manuale dell immagine coordinata della provincia di chieti introduzione cos è Il Manuale di immagine coordinata regola in modo organico e vincolante la presentazione dell'immagine dell'ente attraverso

Dettagli

il brand Manuale d uso del marchio

il brand Manuale d uso del marchio il brand Manuale d uso del marchio 1 contenuto introduzione 3 il brand 4 costruzione 6 colori 11 dimensioni 22 font 25 immagine coordinata 27 applicazioni 36 posizionamento 43 richiesta d uso 45 contatto

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria Regione Calabria ARPACAL Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria MANUALE DI COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE Elementi di base del Marchio-Logo istituzionale dell ARPACAL (Agenzia Regionale

Dettagli

ed.08_2013 Marchio d Area Valdobbiadene / Manuale Guida

ed.08_2013 Marchio d Area Valdobbiadene / Manuale Guida Marchio d Area Valdobbiadene / Manuale Guida MANUALE GUIDA DI IDENTITÀ VISIVA L autorevolezza di un ente pubblico come di un azienda passa attraverso l autorevolezza del marchio. Utilizzare ogni volta

Dettagli

Regole d uso dei marchi di certificazione ICEC

Regole d uso dei marchi di certificazione ICEC Approved by PRES. ICEC Date: 03.09.2012 Replaces: 03 Page 1 di 9 INDICE 1. Scopo e campo di applicazione 2. Concessione e uso del Certificato di Conformità e dei Marchi di Certificazione 2.1 Riproduzione

Dettagli

GRUPPO LUCEFIN BRAND INTRODUZIONE

GRUPPO LUCEFIN BRAND INTRODUZIONE LIBRO FIRMA GRUPPO LUCEFIN BRAND INTRODUZIONE Il Libro Firma del Gruppo Lucefin rappresenta uno strumento fondamentale per l organizzazione, la comunicazione e il rafforzamento dell Identità Visiva Aziendale.

Dettagli

Soluzioni Integrate e Supporto alle Decisioni. BRAND BOOK Sistema di identità visiva Manuale di applicazione grafica

Soluzioni Integrate e Supporto alle Decisioni. BRAND BOOK Sistema di identità visiva Manuale di applicazione grafica Soluzioni Integrate e Supporto alle Decisioni BRAND BOOK Sistema di identità visiva Manuale di applicazione grafica introduzionex xil presente documento vuole porsi come strumento di articolazione e

Dettagli

Operatore Grafico 2 anno UC 1.01

Operatore Grafico 2 anno UC 1.01 Operatore Grafico 2 anno UC 1.01 Rappresentazione prodotto grafico CONOSCENZE Riconoscere le caratteristiche e specifiche tecniche definite nel progetto grafico, tenendo conto del supporto attraverso cui

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA. Normativa Grafica

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA. Normativa Grafica Normativa Grafica Normativa Grafica Indice 1. Forme e dimensioni 1.1 Logotipo 1.2 Isotipo 1.3 Logotipo + Isotipo 1.4 Riduzioni 1 1.5 Riduzioni 2 1.6 Riduzioni 3 2. Colori 2.1 Colori sociali 2.2 Positivo

Dettagli

Progetto per la nuova immagine coordinata dell Università degli Studi di Sassari

Progetto per la nuova immagine coordinata dell Università degli Studi di Sassari oo Progetto per la nuova immagine coordinata dell Università degli Studi di Sassari Laboratorio Animazionedesign Dipartimento di Architettura Design e Urbanistica UNISS Luglio Aprile 2013_Kit _Marchio

Dettagli

FORMATI GRAFICI PER EVENTI

FORMATI GRAFICI PER EVENTI MATERIALI PER LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE 1,8 cm 12 cm 3,2 cm 12 cm 3,7 cm Carattere REGULAR 7 pt, maiuscolo. Carattere TIMES NEW ROMAN BOLD 15 pt, maiuscolo. Carattere TIMES NEW ROMAN REGULAR 10 pt.

Dettagli

IDEAZIONE DEL LOGO BANDO DI CONCORSO DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI BENEVENTO

IDEAZIONE DEL LOGO BANDO DI CONCORSO DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI BENEVENTO Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Benevento IDEAZIONE DEL LOGO DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA

Dettagli

Manuale d uso del marchio turistico della città di Roma

Manuale d uso del marchio turistico della città di Roma Manuale d uso del marchio turistico della città di Roma Sommario INTRODUZIONE 5 Composizione del marchio 7 Colori istituzionali 8 Versione monocromatica positiva e negativa 9 Utilizzo del marchio, uso

Dettagli

Società Creamiche Pregiate srl

Società Creamiche Pregiate srl Società Creamiche Pregiate srl 1 INTRODUZIONE Società Creamiche Pregiate srl INTRODUZIONE L identità aziendale si costruisce attraverso i principi ed i valori a cui essa si ispira: tale identificazione

Dettagli

PRODOTTI DI QUALITA PUGLIA

PRODOTTI DI QUALITA PUGLIA 28264 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 119 del 05-09-2013 Procedura per l utilizzo del Logo PRODOTTI DI QUALITA PUGLIA Procedura per utilizzo del logo PRODOTTI DI QUALITA PUGLIA Bollettino

Dettagli

Indice MANUALE D IDENTITÀ. 1. Il logo POSIDONIA pag. 04. 2. Il logo a quattro colori (CMYK) pag. 05. 3. Il logo in bianco e nero pag.

Indice MANUALE D IDENTITÀ. 1. Il logo POSIDONIA pag. 04. 2. Il logo a quattro colori (CMYK) pag. 05. 3. Il logo in bianco e nero pag. Manuale d identità Indice MANUALE D IDENTITÀ 1. Il logo POSIDONIA pag. 04 2. Il logo a quattro colori (CMYK) pag. 05 3. Il logo in bianco e nero pag. 06 4. Il logo a due colori pag. 07 5. Il logo Posidonia

Dettagli

CERTIFICAZIONE. UN VALORE DA COMUNICARE. DRAFT. DNV Business Assurance Marchio di Certificazione del Sistema di Gestione Manuale d uso.

CERTIFICAZIONE. UN VALORE DA COMUNICARE. DRAFT. DNV Business Assurance Marchio di Certificazione del Sistema di Gestione Manuale d uso. CERTIFICAZIONE. UN VALORE DA COMUNICARE. DNV Business Assurance Marchio di Certificazione del Sistema di Gestione Manuale d uso Aprile 2011 1. Introduzione. Le certificazioni del sistema di gestione rilasciate

Dettagli

CORSO DI INFOGRAFICA PROF. MANUELA PISCITELLI A.A.

CORSO DI INFOGRAFICA PROF. MANUELA PISCITELLI A.A. 9. Lettering Il presente file costituisce una SINTESI del materiale presentato nel corso delle lezioni. Tale sintesi non deve essere ritenuta esaustiva dell argomento, ma andrà integrata dallo studente

Dettagli

Introduzione all utilizzo del logotipo del Gruppo KB1909. Dimensione minima consentita per stampati

Introduzione all utilizzo del logotipo del Gruppo KB1909. Dimensione minima consentita per stampati 024 025 026 027 028 029 030 031 032 033 034 035 037 038 039 040 Introduzione all utilizzo del logotipo del Gruppo KB1909 Versione a colori positiva Versione a colori negativa Versione in bianco e nero

Dettagli

ANCIS Srl I 20122 Milano Viale Bianca Maria 35 segreteria@ancis.it

ANCIS Srl I 20122 Milano Viale Bianca Maria 35 segreteria@ancis.it Regolamento per l utilizzo dei marchi di certificazione RM Pagina 1 di 6 Indice STATO DEL DOCUMENTO... 2 1 SCOPO DEL REGOLAMENTO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 2 DIMENSIONI... 4 3 DECLARATORIE... 4 4 SPECIFICHE

Dettagli

MANUALE D IDENTITÀ VISIVA

MANUALE D IDENTITÀ VISIVA MANUALE D IDENTITÀ VISIVA Parte I - Gli elementi figurativi della Federazione Motociclistica Italiana Gli elementi di base Gli elementi di base Marchio e logotipo FMI Il segno distintivo della Federazione

Dettagli

SALUTE LAZIO SISTEMA SANITARIO REGIONALE MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA

SALUTE LAZIO SISTEMA SANITARIO REGIONALE MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA SALUTE LAZIO SISTEMA SANITARIO REGIONALE MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA Versione 2.1. Maggio 2014 ELEMENTI BASE Versione 2.1. Maggio 2014 ELEMENTI BASE INDICE DELLA SEZIONE IL MARCHIO.............................

Dettagli

VERSIONE 01_DICEMBRE 2015. Manuale d uso del logotipo ed esempi di applicazioni

VERSIONE 01_DICEMBRE 2015. Manuale d uso del logotipo ed esempi di applicazioni VERSIONE 01_DICEMBRE 2015 Manuale d uso del logotipo ed esempi di applicazioni INDICE 1. Logotipo e colori utilizzabili 3 2. Dimensioni massime e minime 5 3. Area di rispetto 6 4. Logotipo su fondi colorati

Dettagli

MANUALE DI CORRETTO UTILIZZO DEL MARCHIO BORMIO

MANUALE DI CORRETTO UTILIZZO DEL MARCHIO BORMIO MANUALE DI CORRETTO UTILIZZO DEL MARCHIO BORMIO IL MARCHIO COLORI ISTITUZIONALI PANT. COOL GRAY 6 CVP CMYK: 0-0-0-31 RGB: 196-197-198 PANTONE 485 CVP CMYK: 0-95-100-0 RGB: 227-34-25 MARCHIO IN BIANCO/NERO

Dettagli

Rapporti proporzionali tra gli elementi - Versione brand completa pag. 4. Rapporti proporzionali tra gli elementi - Versione per linea GDO pag.

Rapporti proporzionali tra gli elementi - Versione brand completa pag. 4. Rapporti proporzionali tra gli elementi - Versione per linea GDO pag. Indice BRAND AZIENDALE Elementi grafici distintivi pag. 3 Rapporti proporzionali tra gli elementi - Versione brand completa pag. 4 Rapporti proporzionali tra gli elementi - Versione per linea GDO pag.

Dettagli

LINEE GUIDA. per l uso dell identità visiva e del logo APIL

LINEE GUIDA. per l uso dell identità visiva e del logo APIL LINEE GUIDA per l uso dell identità visiva e del logo APIL APIL è l Associazione Professionisti dell'illuminazione. Fondata nel 1998 per iniziativa di un gruppo di professionisti attivi su tutto il territorio

Dettagli

REGOLAMENTO USO DEL LOGO

REGOLAMENTO USO DEL LOGO REGOLAMENTO Pag.1 di 9 REGOLAMENTO USO DEL LOGO MATRICE DELLE REVISIONI Rev. Data DESCRIZIONE delle MODIFICHE VERIFICATO da APPROVATO da 00 30/01/07 Riedizione e modifica Logo RAQ COM 01/07 01 20/06/08

Dettagli

Regolamento per l utilizzo del logo istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Mantova

Regolamento per l utilizzo del logo istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Mantova Regolamento per l utilizzo del logo istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Mantova Art.1 Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento disciplina l utilizzo del

Dettagli

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DELLA GARANZIA PER I GIOVANI IN COLLABORAZIONE CON LE REGIONI

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DELLA GARANZIA PER I GIOVANI IN COLLABORAZIONE CON LE REGIONI LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DELLA GARANZIA PER I GIOVANI IN COLLABORAZIONE CON LE REGIONI 1.PREMESSA Le linee guida della comunicazione della Garanzia Giovani derivano dall applicazione

Dettagli

Azioni di Informazione e Pubblicità

Azioni di Informazione e Pubblicità Azioni di Informazione e Pubblicità Linee guida per i Beneficiari del PON Governance e Assistenza Tecnica 2007-2013 UNA PA PER LA CRESCITA Novembre 2012 Sommario Introduzione... 3 Gli elementi grafici

Dettagli

SIFA. S. I. F. A. Spa

SIFA. S. I. F. A. Spa SIFA S. I. F. A. Spa S.I.F.A. spa Il marchio Le applicazioni principali Gli elementi di base La cancelleria 9a.01 La costruzione geometrica del simbolo 9b.01 La carta intestata - il primo foglio 9a.02

Dettagli

F EDERAZIONE ITALIANA DI ATLETICA LEGGERA. Linee Guida della Corporate Identity Manuale d uso del logo e delle sue applicazioni

F EDERAZIONE ITALIANA DI ATLETICA LEGGERA. Linee Guida della Corporate Identity Manuale d uso del logo e delle sue applicazioni Linee Guida della Corporate Identity Manuale d uso del logo e delle sue applicazioni Linee Guida della Corporate Identity Federazione Italiana di Atletica Leggera - aprile 2011 Indice Premessa Nome e acronimo

Dettagli

Guida ai Marchi di certificazione. Modalità di riferimento alla certificazione Uso del Certificato e del Marchio

Guida ai Marchi di certificazione. Modalità di riferimento alla certificazione Uso del Certificato e del Marchio 2 di 14 Sommario 1 Pubblicazione di certificati, marchi di certificazione e rapporti di prova - Informazioni... 3 2 Il marchio certificazione TÜV SÜD... 4 3 Differenze tra il logo e il marchio certificazione...

Dettagli

Guida sull uso del Marchio

Guida sull uso del Marchio COMUNE DI PREMANA Provincia di Lecco Via Vittorio Emanuele, 15 23834 PREMANA -Tel. 0341.890127 Fax: 0341.890437 Sito web: www.comune.premana.lc.it e-mail: info@comune.premana.lc.it Guida sull uso del Marchio

Dettagli

Applicazioni / Affissioni

Applicazioni / Affissioni Applicazioni / Affissioni 41 Manifesti pubblicitari Schema e disposizione delle informazioni (A) area riservata al logotipo del PO FSE () area riservata alle informazioni relative al messaggio pubblicitario

Dettagli

indice a cosa serve il brand book MARCHIO

indice a cosa serve il brand book MARCHIO 2 Il Brand Book ha il fine ultimo di essere un valido strumento per tutti coloro che sono chiamati, a vario titolo, ad operare con l immagine dell azienda, dando indicazioni e soluzioni sulle principali

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO ITALIALLEVA

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO ITALIALLEVA REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO ITALIALLEVA INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE pag. 3 2. TERMINI E DEFINIZIONI pag. 3 3. IL MARCHIO pag. 3 4. REGISTRAZIONE DEL MARCHIO pag. 8 5. FINALITÀ pag. 9 6. IL

Dettagli

1. GLI ELEMENTI DI BASE. Il simbolo: concetti originari

1. GLI ELEMENTI DI BASE. Il simbolo: concetti originari 1. GLI ELEMENTI DI BASE 7 Il simbolo: concetti originari Il segno distintivo del movimento sportivo italiano è chiamato a rappresentare visivamente e simbolicamente tutta l Italia dello sport e per questo

Dettagli

I CAMMINI DELLA REGINA PERCORSI TRANSFRONTALIERI LEGATI ALLA VIA REGINA

I CAMMINI DELLA REGINA PERCORSI TRANSFRONTALIERI LEGATI ALLA VIA REGINA WP6 LINEE GUIDA MANUALE D IDENTITÀ VISIVA PERCORSI TRANSFRONTALIERI LEGATI ALLA VIA REGINA Questo manuale nasce per determinare le linee guida di utilizzo del marchio, dell immagine coordinata e della

Dettagli

PERITI INDUSTRIALI LINEE GUIDA PER IL CORRETTO USO DEL MARCHIO

PERITI INDUSTRIALI LINEE GUIDA PER IL CORRETTO USO DEL MARCHIO PERITI INDUSTRIALI LINEE GUIDA PER IL CORRETTO USO DEL MARCHIO LA FILOSOFIA DEL SIMBOLO La zona circolare rappresenta la comunità dei periti industriali. Il segno all interno del cerchio raffigura le qualità

Dettagli

EXPOCTS. EXPOCTS S.p.A.

EXPOCTS. EXPOCTS S.p.A. EXPOCTS EXPOCTS S.p.A. EXPOCTS Il marchio Le applicazioni principali Gli elementi di base La cancelleria 7a.01 Il marchio istituzionale 7b.01 La carta intestata - il primo foglio 7a.02 Il marchio commerciale

Dettagli

Manuale di immagine coordinata

Manuale di immagine coordinata Manuale di immagine coordinata LOGO A LOGO A COLORI B LOGO IN BIANCO E NERO C LOGO IN NEGATIVO UTILIZZO NON CORRETTO DEL LOGO Non spostare i singoli elementi: non cambiare i colori: Non deformare le proporzioni:

Dettagli

ICONA PROGETTO SCUOLA. Linee guida

ICONA PROGETTO SCUOLA. Linee guida ICONA Linee guida 5 ELEMENTI COSTITUTIVI 6 costruzione 7 area di rispetto 8 DIMENSIONE MINIMA 9 PALETTE CROMATICA 10 CARATTERI TIPOGRAFICI 11 VERSIONE A COLORI 12 VERSIONE IN SCALA DI GRIGIO 13 CO-BRANDING

Dettagli

GUIDA ALL UTILIZZO DELLA

GUIDA ALL UTILIZZO DELLA GUIDA ALL UTILIZZO DELLA visual identity INTRODUZIONE Questo opuscolo è una guida alla visual identity per l utilizzo del logo all inteno del progetto WELCOM & CO., per garantire all Azienda un immagine

Dettagli

PROCEDURA PER L'UTILIZZO DEL LOGO AZIENDALE E LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO

PROCEDURA PER L'UTILIZZO DEL LOGO AZIENDALE E LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO 1 di 5 SOMMARIO 1 Scopo...2 2 Applicabilità...2 3 Definizioni...2 4 Modalità operative...2 4.1 Uso interno...2 4.2 Patrocinio...3 4.3 Allegato - Logo dell' Azienda USL 8...5 MATRICE DELLA REDAZIONE E REVISIONE

Dettagli

Linee guida per l applicazione dell identità visiva della Regione Basilicata Manuale d uso del marchio regionale L esame, anche sommario, degli strumenti e delle modalità utilizzati dagli organi e dalle

Dettagli

----------------------------------------------------------------------------------------------- IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TURISMO

----------------------------------------------------------------------------------------------- IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TURISMO Prot. n. (TUR/04/1969) ----------------------------------------------------------------------------------------------- IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TURISMO E QUALITA' AREE TURISTICHE Visti: - il RD 21

Dettagli

STUDIO DELL IMMAGINE COORDINATA AZIENDALE

STUDIO DELL IMMAGINE COORDINATA AZIENDALE Wineries Distribuzione Vini STUDIO DELL IMMAGINE COORDINATA AZIENDALE INDICE DEGLI ARGOMENTI Parte prima Studio della grafica e dell immagine coordinata dell azienda Wineries Distribuzione Vini. A cura

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE LINEE GUIDA DELL IDENTITÀ VISIVA ELEMENTI BASE

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE LINEE GUIDA DELL IDENTITÀ VISIVA ELEMENTI BASE UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE LINEE GUIDA DELL IDENTITÀ VISIVA 1.0 Indice sezione 1.1 Versione a colori in positivo 1.2 Versione a colori in positivo 3D 1.3 Area neutra 1.4 Area neutra del solo

Dettagli