MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA. linee guida di applicazione del marchio e dell immagine coordinata istituzionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA. linee guida di applicazione del marchio e dell immagine coordinata istituzionale"

Transcript

1 MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA linee guida di applicazione del marchio e dell immagine coordinata istituzionale

2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. LO STUDIO GRAFICO 8. IL MARCHIO: elementi di base 9. IL SIMBOLO: significato 10. IL LOGOTIPO: lettering 11. IL SIMBOLO: composizione colori PANTONE 12. IL SIMBOLO: colori in quadricromia 13. IL SIMBOLO: in scala di grigi 14. IL MARCHIO: in scala di grigi 15. IL SIMBOLO: a colori su sfondo colorato 16. IL MARCHIO: su sfondo colorato 17. IL MARCHIO: area di rispetto e impaginazione con altri loghi 18. IL MARCHIO: tasso di riduzione 19. IL MARCHIO: versione semplificata 20. IL MARCHIO: uso scorretto 21. IL MARCHIO: richiesta di logo e patrocinio 24. IMMAGINE COORDINATA

3 INTRODUZIONE Questo manuale presenta gli elementi del sistema di identità visiva dell'asl 1 Imperiese. È stato predisposto affinché il valore dei componenti che costituiscono l'immagine si conservi integro ed inalterato nel tempo. È uno strumento utile ad uniformare la comunicazioni dirette sia all'esterno che all'interno. È stata effettuata una mappatura di tutto il materiale impiegato per comunicare e quindi è stato progettato un format grafico che renda le comunicazioni dell'azienda immediatamente e facilmente identificabili, rafforzando l'immagine della ASL con una identità precisa, chiara e omogenea. Chiunque debba operare su qualche aspetto, anche minimo del sistema di identità visiva dell'asl 1 Imperiese troverà nelle tavole che seguono gli strumenti adatti. Il manuale deve essere rigorosamente rispettato senza possibilità di adattamenti e interpretazioni personali. È uno strumento di consultazione, ma anche di controllo della qualità del marchio. Rispettare le indicazioni, applicarle in modo corretto, curare la qualità delle realizzazioni sono tre regole fondamentali affinché si possa tradurre in realtà il sistema di identità visiva, ottimizzandone i benefici. Le linee guida per l'applicazione del nuovo logotipo ASL 1 Imperiese contenute in questo documento devono essere seguite rigorosamente. Non è consentito riprodurre il logotipo in modo diverso da quanto indicato. La struttura complessa Comunicazione e Sistema Informativo è comunque sempre a disposizione per assistenza e consulenza. 1

4 LO STUDIO GRAFICO Per la realizzazione del nuovo logo aziendale è stato realizzato uno studio grafico che ha portato alla creazione di un marchio originale, comunicativo e facilmente identificabile, evocativo dell'immagine e dell'offerta di servizi dell'asl 1 Imperiese. Le caratteristiche del logo Un logo per definizione è quell'insieme di simboli grafici e tipografici che identificano un'azienda (un prodotto o un servizio). Pertanto deve: riflettere le caratteristiche e la natura dell'azienda che rappresenta; non essere ingannevole e neppure portare a pensare a qualcosa di diverso da quello a cui si riferisce; essere originale; essere facilmente riconoscibile e identificabile; essere compatto e sintetico; essere adattabile; potersi stampare nei formati più disparati, dai più piccoli (biglietti da visita, gadget) ai più grandi (striscioni e manifesti) senza perdere leggibilità; non perdere di immediatezza nemmeno quando viene stampato in bianco e nero Analisi della mission dell'azienda e del territorio Il nuovo marchio dell'asl 1 Imperiese vuol far capire, in modo sintetico, che si tratta di servizi per la salute rivolti alla popolazione della provincia di Imperia. Ecco alcune parole chiave utili per l'individuazione del logo: salute- malattia cura assistenza take care ma anche: provincia di Imperia ponente ligure 2

5 mare entroterra fiori (Riviera dei fiori) palme Ideazione della forma Il nuovo logo dell'asl 1 Imperiese intende combinare due categorie di parole chiave: salute prendersi cura territorio L'obiettivo è stato quello di trovare un simbolo grafico che riuscisse a dare rilievo ad un aspetto territoriale della provincia di Imperia e contemporaneamente che richiamasse la mission di cura e assistenza dell'asl. Come aspetto peculiare del territorio si è scelto quello della coltivazione dei fiori. La provincia di Imperia è anche nota come Riviera dei Fiori e le coltivazioni floreali costituiscono uno scenario comune sia lungo la costa che nell'entroterra. Pertanto, il fiore è il primo simbolo del nuovo logo. Tra le rappresentazioni in grado di esprimere con più immediatezza il concetto del prendersi cura si è individuato, invece, quello delle mani, aperte e tese. Per trasformare queste idee grafiche in un simbolo è stato necessario stilizzare i due disegni per uniformare il loro stile, migliorarne l'identificazione e, non da ultimo, la riproducibilità dell'intero marchio. 3

6 LO STUDIO GRAFICO Qui di seguito si riporta graficamente il processo di definizione dei simboli: TEMA Riviera dei fiori SIMBOLO STILIZZAZIONE Prendersi cura Dalla sintesi dei due simboli si è ottenuto l'elemento grafico del logo aziendale. Le foglie del fiore sono scomparse per fondersi con il disegno stilizzato delle mani aperte che le richiamano semanticamente. Il disegno così ottenuto è stato ulteriormente ottimizzato seguendo una delle regole della comunicazione visiva. Ruotandolo ed inclinandolo secondo la direzione alto-destra gli si è conferito infatti maggiore dinamicità ed apertura. 4

7 Scelta del colore Lo studio e la scelta del colore per il nuovo logo hanno avuto una importante valenza dal punto di vista della comunicazione visiva. Il logo originario era blue, tinta individuata come colore aziendale e spesso utilizzata nell'immagine coordinata della ASL (cartelli, segnaletica, arredi). Ciò che si è voluto assolutamente garantire è stata la leggibilità del logo anche nella versione ad un solo colore, in negativo, in piccole dimensioni e in tutte le situazioni critiche di chiarezza e leggibilità che si possono incontrare. Ecco la versione a colori del simbolo: Per il nuovo marchio si è scelto di mantenere una linea di continuità con il precedente, pur ampliando la gamma delle sfumature di blue utilizzate ed introducendo un nuovo colore: giallo-arancio. Pur adottando la quadricromia, si è scelto di utilizzare pochi colori per permettere maggiore flessibilità e risparmio in fase di stampa su supporti diversi. Nella versione a colori qui rappresentata, la corolla del fiore è di colore gialloarancio, con l'ombra di una tonalità più chiara. Si tratta di un colore secondario, caldo,che nell'interprestazione psicologica dei colori trasmette energia, azione, 5

8 LO STUDIO GRAFICO disponibilità, altruismo. In questo modo è anche possibile considerare la corolla come un sole che nasce. Le mani-foglie riportano quattro tonalità degradanti di blue, dallo scuro al più chiaro. Si tratta di un colore primario freddo con i relativi colori terziari in sfumatura. Scelta del logotipo Per il nome dell'azienda si è scelto di superare la predente dicitura Azienda USL preferendo il più immediato e, ormai d'uso corrente, ASL. Come font è stato mantenuto un tipo di carattere che riprendesse il logotipo precedente, così come la continuità con il colore blue. È s t a t a p e r ò i n s e r i t a un'ombra giallo-arancio che oltre a conferire spessore alla scritta rinsalda il legame cromatico con la parte iconica della corolla. Per la parola Imperiese è stato usato un carattere corsivo informale che simula l'onda del mare, per richiamare il legame con il territorio della provincia. Dal punto di vista cromatico le due nuances di blue sono le stesse che si ritrovano nel disegno delle dita delle mani. Per garantire la piena riconoscibilità del logo e per consentire una certa stabilità visiva tra il simbolo ed il logotipo sono state, infine, aggiunte le scritte più in piccolo: 6

9 AZIENDA SANITARIA N. 1 I M P E R I E S E (in alto) REGIONE LIGURIA (di lato a destra) Idealmente, le due scritte chiudono il marchio in un rettangolo, forma geometrica già presente nel logo originario. Questa è la versione completa del nuovo logo aziendale. lo osserva la possibilità di costruire propri percorsi di significato, partendo dalla propria immagine mentale di quell'azienda o servizio. Il marchio così come è stato strutturato consente, inoltre, di poter scindere all'occorrenza la parte iconica dalla scritta. Ciò garantisce una maggiore flessibilità d'uso del logo che si può adattare alle diverse esigenze di stampa. La componente iconica lascia spazio ad altre interpretazioni semiotiche che possono andare al di là dei significati fin qui esposti: un battere di ali, un sole che sorge sulle onde del mare, un abbraccio Ma un logo è anche questo: un disegno che lascia a chi 7

10 IL MARCHIO: elementi di base Composizione Il nuovo marchio dell'asl 1 Imperiese intende comunicare in modo sintetico la mission dell'azienda, ovvero che si occupa di servizi per la salute, rivolti alla popolazione della provincia di Imperia. Si compone di simboli grafici e tipografici E costruito su una griglia modulare che ne dimensiona e organizza tutti gli elementi costitutivi. Il rapporto proporzionale tra base e altezza del marchio è di 3:1. A tale rapporto devono sottostare tutti gli ingrandimenti e le riduzioni. La riproduzione del marchio richiede l assoluto rispetto delle proporzioni secondo i parametri indicati dalla gabbia grafica. 8

11 IL SIMBOLO: significato Caratteristiche Il simbolo intende combinare due concetti: prendersi cura della salute dei cittadini essere presente sul territorio della provincia di Imperia, la Riviera dei fiori In altri termini, il simbolo vuole dare rilievo alla mission di cura ed assistenza della ASL, ma contemporaneamente richiamare un aspetto territoriale della provincia di Imperia. Il simbolo non è in alcun modo modificabile per esigenze grafiche o tipografiche. Esso può essere solo ingrandito o rimpicciolito mantenendo le proporzioni, sempre nel rispetto delle regole di impaginazione. 9

12 IL LOGOTIPO: il lettering Il logotipo è costituito dalle seguenti scritte: AZIENDA SANITARIA N. 1 IMPERIESE Tipo carattere: BinnerD, formato maiuscolo Colore Pantone 282 C Rapporto proporzionale tra base e altezza è di 25:1 REGIONE LIGURIA ASL 1 Tipo carattere: BinnerD, formato maiuscolo, orientamento scritta: 90 Colore Pantone 282 C Rapporto proporzionale tra base e altezza è di 14:1 Tipo carattere: BinnerD, formato maiuscolo Colore Pantone 282 C - ombra Pantone 7406 C Rapporto proporzionale tra base e altezza è di 3:1 Imperiese Tipo carattere: MISTRAL formato minuscolo Colore Pantone 3005 C - ombra Pantone 282 C Rapporto proporzionale tra base e altezza è di 9:1 10

13 IL SIMBOLO: composizione colori PANTONE Pantone 7406 C al 50% Pantone 7406 C al 100% Pantone 3005 C al 100% Pantone 3005 C all 80% Pantone 3005 C all 65% Pantone 3005 C all 45% Pantone 3005 C all 45% 11

14 IL SIMBOLO: colori in quadricromia e RGB R 241 G 220 B 136 C 0 M 9 Y 50 K 0 C 0 M 17 Y 100 K 0 R 227 G 186 B 18 R 51 G 251 B 214 C 80 M 22 Y 0 K 0 C 100 M 28 Y 0 K 0 R 0 G 125 B 204 C 65 M 18 Y 0 K 0 R 89 G 170 B 222 C 45 M 13 Y 0 K 0 R 0 G 125 B 204 C 25 M 7 Y 0 K 0 R 191 G 222 B

15 IL SIMBOLO: in scala di grigi K - 10% K - 30% K - 80% K - 70% K - 50% K - 20% K - 30% 13

16 IL MARCHIO: in scala di grigi AZIENDA SANITARIA N. 1 IMPERIESE Nero al 100% REGIONE LIGURIA Nero al 100% ASL 1 Nero al 100%; per l ombra Nero al 40% Imperiese Nero al 40%; per l ombra Nero al 100% 14

17 IL SIMBOLO: a colori su sfondo colorato Se il simbolo è posizionato su fondi colorati deve essere circondato da un filo bianco di uno spessore pari alla 80sima parte della larghezza del simbolo. In questa versione deve essere eliminata l ombra della sfera gialla. Il filetto deve essere inserito anche nel caso di simbolo in toni di grigio. Non esiste la versione in negativo del simbolo. 15

18 IL MARCHIO: su sfondo colorato Se l intero marchio è posizionato su fondi colorati il simbolo deve essere circondato dal filo bianco. Tutte le scritte del logotipo vengono riportate in colore bianco, eliminando le ombre. 16

19 IL MARCHIO:area di rispetto e impaginazione con altri simboli 10% 100% 10% 100% Per evitare ogni tipo di interferenza visiva con altri elementi grafici messi in relazione al marchio ASL 1, è opportuno osservare sempre un area di rispetto pari al 10% della lunghezza ed al 30 %dell altezza totale del logo. L area di rispetto consente sempre una chiara ed efficace lettura del logotipo. Nel caso in cui il marchio dell ASL1 Imperiese debba essere impaginato insieme ad altri simboli, si dovranno seguire le indicazioni sopra riportate. Dovranno inoltre essere rispettate le gerarchie, che andranno dall ente di governo più globale al più locale, dall alto verso il basso e da sinistra verso destra, a meno di indicazioni dovute al particolare ruolo assunto dall uno o dall altro attore in una determinata occasione. 17

20 IL MARCHIO: tasso di riduzione 30 mm Le dimensioni del logo possono variare, rispettando l esatto rapporto tra le proporzioni in tutti gli elementi che lo compongono. Il tasso di riduzione minimo che consente comunque una soddisfacente leggibilità è di 30 millimetri di base. Al di sotto di tale misura gli elementi che compongono il marchio perdono infatti di leggibilità. Per l ingrandimento non si ravvisano particolare problemi. Nel caso di pagine web, la dimensione minima del logo è 180 pixel di base. 18

21 IL MARCHIO: versione semplificata In queste versioni sintetizzate non è riprodotto il logotipo nella sua interezza, ma viene data prevalenza alla componente grafica del simbolo. Queste versioni possono essere usate soltanto nella comunicazione interna all azienda, nel caso in cui per esigenze grafiche il marchio completo risulti difficilmente riproducibile e leggibile. Ad esempio:... Il limite minimo di riproduzione è sempre 30 millimetri. 19

22 IL MARCHIO: uso scorretto AZIENDA SANITARIA N. 1 IMPERIESE ASL1 imperiese REGIONE LIGURIA Uso scorretto Il marchio deve essere utilizzato correttamente, secondo le forme in cui è proposto nel presente manuale. Pertanto non può essere proposto con colori differenti, né essere confuso con elementi grafici addizionali, sottolineature, ornamenti o aggiunte di testo. Il logo dell ASL 1 Imperiese non dovrà mai essere: modificato in alcun modo nel lettering o nella sua composizione ruotato, allungato, compresso usato in parte in positivo e in parte in negativo usato come texture usato su fonti texturizzati usato con ombreggiature o con caratteri tridimensionali 20

23 IL MARCHIO: richiesta di logo e patrocinio L ASL1 imperiese ha facoltà di autorizzare terzi all uso del proprio marchio per manifestazioni scientifiche, formative, prodotti editoriali, informatici, etc, purché: non si crei confusione tra l utilizzatore e l ASL 1 Imperiese l iniziativa non sia legata ad obiettivi o attività incompatibili con i principi e gli scopi dell ASL 1 Imperiese L impiego del marchio dell ASL 1 Imperiese può riguardare: iniziative direttamente organizzate da alcune strutture dell Azienda (sia dal punto di vista scientifico che economico gestionale). In questo caso sotto al logo aziendale sarà specificato Organizzato da.. o Prodotto da seguito dall indicazione del Dipartimento e della Struttura di pertinenza. L Azienda metterà a disposizione personale e supporti logistico - organizzativi per l organizzazione dell evento e delle iniziative di comunicazione ad esso collegate. iniziative organizzate terzi (associazioni, enti locali...) per le quali l ASL 1 Imperiese ha concesso il patrocinio. Concedendo il patrocinio l ASL 1 Imperiese non si impegna a mettere a disposizione per l iniziativa i servizi di supporto. In questo caso accanto al logo sarà indicato Patrocinato da ASL 1 Imperiese. La presenza del logo dell Azienda su prodotti o servizi ha lo scopo do garantire che l iniziativa è stata intrapresa rispettando le indicazioni e le regole dell ASL. L autorizzazione ad utilizzare il marchio dell ASl 1 Imperiese non conferisce alcun diritto di esclusiva, non permette l appropriazione di tale simbolo o di un marchio o logotipo similare. Verrà in ogni caso verificato il rispetto dei requisiti indicati. L autorizzazione non sarà concessa qualora il simbolo sia utilizzato a fini commerciali. 21

24 IL MARCHIO: richiesta di logo e patrocinio Presentazione delle richieste Per le manifestazioni già inserite nel piano annuale della formazione, l utilizzo del logo non necessita di ulteriori autorizzazioni. Per convegni e corsi di formazione organizzati da terzi, la richiesta deve essere formulata mediante comunicazione scritta o via da inviare a La richiesta deve contenere informazioni su: data e sede della manifestazione obiettivi e tema della manifestazione il programma scientifico completo (argomenti e relatori) promotori ed eventuali sponsor agenzia o ente che organizza Nella domanda il richiedente deve dichiarare che si assume la completa responsabilità economica, gestionale e fiscale dell inizitiva. Requisiti della manifestazione scientifica per la concessione del patrocinio ASL: chiara evidenza del ruolo dell Azienda nella manifestazione coerenza degli obiettivi dell inizaitiva con gli obiettivi aziendali assunzione della copertura economica da parte dell organizzazione assenza di riferimenti pubblicitari a farmaci o Aziende 22

25 IL MARCHIO: richiesta di logo e patrocinio Tempistica La richiesta per l utilizzo del logo e per la concessione del patrocinio deve essere invita alla segreteria della Direzione aziendeale, almeno 90 giorni prima delle data prevista per la realizzazione della manifestazione. Richieste che non rispettino tale termini ma che presentino urgenza adeguatamente motivata saranno valutate dalla Direzione aziendale caso per caso. Dopo 30 giorni dalla richiesta il richiedente riceverà nota scritta con la concessione del patrocinio e l autorizzazione all uso del logo. Verranno anche fornite le indicazioni per ricevere il marchio in formato elettronico (EPS). Sul sito internet aziendale è stata attivata nella sezione Comunicazione una pagina per la richiesta di marchio compilando un apposito modulo on line, dopo avere ottenuto il patrocinio. 23

26 IMMAGINE COORDINATA Con il nuovo logo aziendale sono anche stati riprogettati tutti i documenti ed i materiali aziendali (interni ed esterni) che compongono l immagine coordinata. È stato realizzato un format grafico per garantire l immediata riconoscibilità delle comunicazione aziendali, semplificandone l identificazione. Sono stati elaborati dei modelli, raccogliendo le esigenze dei vari servizi e condividendo le proposte. I modelli, scaricabili dalla rete intranet aziendale, consentono di mantenere l omogeneità dell immagine e dell impostazione grafica, permettendo tuttavia la personalizzazione con i dati dei singoli servizi secondo indicazioni prefissate. I principali modelli progettati sono: lettera lettera Direzione Aziendale fax modulistica determinazione delibera locandina evento formativo brochure evento formativo slides e lucidi per presentazioni biglietti da visita segnaletica fuori porta È stata inoltre definito il lay- out di sito internet e intranet buste cartelline mezzi aziendali timbri 24

27 IMMAGINE COORDINATA: lettera direzione 17 25

28 IMMAGINE COORDINATA: lettera strutture 26

29 17 27

30 IMMAGINE COORDINATA: copertina fax A: Da: Società: Fax: Tel: Fax: Tel: Numero pagine: OGGETTO Urgente Da approvare Vs commenti RSVP Da inoltrare Messaggio 28

31 IMMAGINE COORDINATA: Modulistica MODULO PER Il sottoscritto nato a il, residente a in via N civico, provincia CHIEDE Firma 17 29

32 IMMAGINE COORDINATA: Il family feeling ASL 1 IMPERIESE Tutto il materiale relativo agli eventi formativi (locandine, brochure, presentazioni Power Point), alle iniziative di informazione (opuscoli, manifesti...), alle comunicazioni interne ed esterne (comunicati stampa, cartelline, e -mail, biglietto da visita, gadgets, supporti informatici e audiovisivi...), ed alla segnaletica (cartelli fuoriporta, targhe...) è uniformato dalla presenza del family feeling. Il family feeling è una importante componente del sistema di identità visiva dell ASL1 Imperiese. È formato da tre elementi: la dicitura ASL 1 IMPERIESE (orientamento 90 ) il simbolo del logo aziendale un segno grafico aggregante (costituito da assi cartesiani mobili per consentire il libero posizionamento del testo e degli altri elementi accessori). Il rapporto dimensionale tra gli assi è libero e funzionale alle esigenze di organizzazione dello spazio

MANUALE DI CORRETTO UTILIZZO DEL MARCHIO BORMIO

MANUALE DI CORRETTO UTILIZZO DEL MARCHIO BORMIO MANUALE DI CORRETTO UTILIZZO DEL MARCHIO BORMIO IL MARCHIO COLORI ISTITUZIONALI PANT. COOL GRAY 6 CVP CMYK: 0-0-0-31 RGB: 196-197-198 PANTONE 485 CVP CMYK: 0-95-100-0 RGB: 227-34-25 MARCHIO IN BIANCO/NERO

Dettagli

Guida sull utilizzo del logo

Guida sull utilizzo del logo Centro di Servizio per il Volontariato della provincia di Vicenza http://www.csv-vicenza.org 2011 Perché questa Guida? La Guida fornisce indicazioni sull utilizzo del logo del CSV di Vicenza al fine di

Dettagli

MANUALE D USO Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Italiangas

MANUALE D USO Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Italiangas MANUALE D USO Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Italiangas Uso del Manuale Il nuovo Manuale fornisce ai vari settori le indicazioni riguardanti le applicazioni per un uso corretto

Dettagli

Modalità di riferimento alla certificazione Uso del certificato e del marchio

Modalità di riferimento alla certificazione Uso del certificato e del marchio Modalità di riferimento alla certificazione Uso del certificato e del marchio http://www.tuv.it/tuvitalia/guidamarchi.asp L'organizzazione deve predisporre e - dopo essere stata certificata mettere in

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Hugo Hansen L'autore L'autore Hugo Hansen vive appena fuori dalla splendida città di Copenhagen. Esperto professionista nell'ambito del design grafico,

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

SPECIFICHE DISEGNI TECNICI

SPECIFICHE DISEGNI TECNICI SPECIFICHE DISEGNI TECNICI ISTRUZIONI DI LAVORO IO_SUP02_R1 Cod. file: IO_02_R1-Specifiche tecniche.docx Pagina 1 di 9 INDICE 1. GENERALITA 2. DENOMINAZIONE DISEGNI TECNICI 3. LAYER, LINEE, COLORI E SPESSORI

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE TPO PROGETTAZIONE UD 03 GESTIONE DEL CARATTERE IL TIPOMETRO LA MISURAZIONE DEL CARATTERE A.F. 2011/2012 MASSIMO FRANCESCHINI - SILVIA CAVARZERE 1 IL TIPOMETRO: PARTI FONDAMENTALI Il tipometro è uno strumento

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

colori istituzionali PANTONE 185 C PANTONE 295 C PANTONE 185 C

colori istituzionali PANTONE 185 C PANTONE 295 C PANTONE 185 C 2 Questo manuale presenta gli elementi del sistema di identità visiva di 50&PiùEnasco. Il presente documento è destinato agli utilizzatori al fine di riprodurre correttamente il simbolo di 50&PiùEnasco,

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DEI MARCHI DI CONFORMITÀ DI SISTEMI DI GESTIONE

REGOLAMENTO GENERALE DEI MARCHI DI CONFORMITÀ DI SISTEMI DI GESTIONE REGOLAMENTO GENERALE DEI MARCHI DI CONFORMITÀ DI SISTEMI DI GESTIONE 1 Regolamento generale dei Marchi di Conformità di Sistemi di Gestione AENOR (Associazione Spagnola di Normazione e Certificazione),

Dettagli

Passaporti. della. Repubblica Italiana

Passaporti. della. Repubblica Italiana Passaporti della Repubblica Italiana Passaporti Elettronici I nuovi passaporti elettronici italiani rappresentano un documento di nuova generazione conforme alle norme ICAO e alla risoluzione dell Unione

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRODOTTO PUBBLICAZIONE INFORMATIVA NO PROFIT

SCHEDA TECNICA PRODOTTO PUBBLICAZIONE INFORMATIVA NO PROFIT SCHEDA TECNICA PRODOTTO PUBBLICAZIONE INFORMATIVA NO PROFIT APRILE 2011 INDICE INDICE... 2 DOCUMENTI CITATI... 3 1 CARATTERISTICHE GENERALI... 3 1.1 OBIETTIVI DI QUALITÀ... 3 1.2 PREREQUISITI DI AMMISSIBILITÀ...

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale. PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname?

Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale. PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname? Le schede di Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname? Tutti immagino. Quindi armatevi di pazienza

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Informazioni su CI/CD dei mezzi di comunicazione nel layout di RailAway FFS.

Informazioni su CI/CD dei mezzi di comunicazione nel layout di RailAway FFS. Informazioni su CI/CD dei mezzi di comunicazione nel layout di RailAway FFS. Ultimo aggiornamento: dicembre 2014 Inhalt. 1 Indicazioni generali sul CI/CD delle FFS.... 2 1.1 Principi relativi all immagine

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Logo pagopa per il sistema dei pagamenti elettronici a favore delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi. Premessa L Agenzia per l Italia Digitale

Dettagli

Famiglie di font. roman ( normale ) corsivo o italic grassetto o bold grassetto corsivo o bold italic

Famiglie di font. roman ( normale ) corsivo o italic grassetto o bold grassetto corsivo o bold italic Famiglie di font Nella maggior parte dei casi, un font appartiene a una famiglia I font della stessa famiglia hanno lo stesso stile grafico, ma presentano varianti Le varianti più comuni sono: roman (

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

Fondazione Teatri delle Dolomiti

Fondazione Teatri delle Dolomiti Fondazione Teatri delle Dolomiti REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D USO DEL TEATRO COMUNALE DI BELLUNO Il presente Regolamento disciplina le modalità di fruizione del Teatro Comunale da parte di terzi approvato

Dettagli

12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni)

12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni) 12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni) Ogni file è caratterizzato da un proprio nome e da una estensione, in genere tre lettere precedute da un punto; ad esempio:.est Vi sono tuttavia anche

Dettagli

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra 2: Lo strumento di luce/ombra Scostamento Luce a «0%» e Ombra a «100%» Con lo strumento di luce/ombra possono essere fissati il punto più chiaro, il punto medio e quello più scuro dell immagine. Sotto

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione 1 PREMESSA...3 PRIMA PARTE...4 1. Il Curriculum Vitae...4 Modello...5 Fac simile 1...6 2. Il Curriculum Europass...7

Dettagli

il software per la gestione del programma scientifico SEMTIFIC

il software per la gestione del programma scientifico SEMTIFIC il software per la gestione del programma scientifico SEMTIFIC le principali funzioni 1/2 CARATTERISTICHE DEL CONGRESSO SCIENTIFICO - Possibilità di predefinire le caratteristiche del congresso a supporto

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Pagina 1 di 9 Indice generale 1 Accesso alla raccolta... 3 2 Il pannello di controllo della raccolta e attivazione delle maschere...

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

La www.mailsms.it. Per contattarci ass.mailsms@gmail.com. Oppure per contatto diretto 3425824000 orari ufficio DIRETTAMENTE PROGRAMMANDONE L INVIO

La www.mailsms.it. Per contattarci ass.mailsms@gmail.com. Oppure per contatto diretto 3425824000 orari ufficio DIRETTAMENTE PROGRAMMANDONE L INVIO La www.mailsms.it E lieta di presentarvi il sistema sms numero 1 in Italia Per contattarci ass.mailsms@gmail.com Oppure per contatto diretto 3425824000 orari ufficio FINALMENTE UN SISTEMA AFFIDABILE E

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

Kingston Technology Programma di personalizzazione DataTraveler

Kingston Technology Programma di personalizzazione DataTraveler Kingston Technology Programma di personalizzazione DataTraveler KINGSTON.COM/US/USB/CUSTOMIZATION Inviare il modulo compilato al nostro responsabile vendite, via fax o email. Lato A: Logo Kingston Lato

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Manuale tecnico avanzato per la Creazione dei Profili ICC e Device-Link tramite

Manuale tecnico avanzato per la Creazione dei Profili ICC e Device-Link tramite Manuale tecnico avanzato per la Creazione dei Profili ICC e Device-Link tramite 2 Indice Le caratteristiche di Power Profiler... 4 I vantaggi di Power Profiler.... 4 Lo standard ICC.... 5 Cosa sono i profili

Dettagli

Digital Photo Professional Ver. 3.11 Istruzioni

Digital Photo Professional Ver. 3.11 Istruzioni ITALIANO Software per elaborazione, visualizzazione e modifica d'immagini RAW Digital Photo Professional Ver.. Istruzioni Contenuto delle Istruzioni DPP è l'abbreviazione di Digital Photo Professional.

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRODOTTO PROMOZIONE NO PROFIT

SCHEDA TECNICA PRODOTTO PROMOZIONE NO PROFIT SCHEDA TECNICA PRODOTTO PROMOZIONE NO PROFIT LUGLIO 2012 INDICE DOCUMENTI CITATI... 3 1 CARATTERISTICHE GENERALI... 3 1.1 OBIETTIVI DI QUALITÀ... 3 1.2 PREREQUISITI DI AMMISSIBILITÀ... 3 1.3 REGIMI TARIFFARI...

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z Progettata da Vodafone Benvenuti nel mondo della comunicazione in mobilità 1 Benvenuti 2 Impostazione della Vodafone Internet Key 4 Windows 7, Windows Vista,

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

CAPITOLO 6 Colore e trasparenza

CAPITOLO 6 Colore e trasparenza 6 CAPITOLO 6 Colore e trasparenza... Fireworks offre un'ampia gamma di opzioni per la scelta dei colori di un grafico. Si possono usare i campioni di colore predefiniti per conservare quanto più possibile

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Communiqué de presse Octobre 2013 HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Minimal e asimmetrici, due tavoli firmati Mjiila in HI-MACS Il design, è l arte di progettare degli oggetti per

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

PATENTE DI GUIDA ITALIA DESCRIZIONE MODELLO 720 P

PATENTE DI GUIDA ITALIA DESCRIZIONE MODELLO 720 P Modello di patente di guida utilizzato dal 19 gennaio 2013 (Mod. 720 P) PATENTE DI GUIDA ITALIA DESCRIZIONE MODELLO 720 P Decreto legislativo 18 aprile 2011, n. 59, con cui sono state recepite, le direttive

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO LA PRODUTTIVITÀ HA UN NUOVO LOGO ED UNA NUOVA IMMAGINE resentiamo il nuovo logo e il nuovo pay off aziendali in un momento P storico della realtà Laverda, contraddistinto

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

1.3c: Font BITMAP e Font SCALABILI

1.3c: Font BITMAP e Font SCALABILI Prof. Alberto Postiglione Dipartimento di Scienze della Comunicazione Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Salerno : Font BITMAP e Font SCALABILI Informatica Generale (Corso di Studio

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Tecnologie e metodi stampa su tessuti e supporti rigidi

Tecnologie e metodi stampa su tessuti e supporti rigidi Tecnologie e metodi stampa su tessuti e supporti rigidi Guida di orientamento tra le tecnologie e le problematiche nel mondo della stampa su tessuti e supporti rigidi Sviluppo crescita cambiamento Il lavoro

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Regole semplici per creare una buona presentazione

Regole semplici per creare una buona presentazione Regole semplici per creare una buona presentazione di Maria Rosa Mazzola Alla cl@sse 2.0 G.B. Piranesi Roma A.S. 2011-12 Le presentazioni offrono la possibilità di organizzare in modo sintetico i dati

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli