Una passione balcanica : colonialismo, etnografia e rilievo del territorio agli inizi del XX secolo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una passione balcanica : colonialismo, etnografia e rilievo del territorio agli inizi del XX secolo"

Transcript

1 66 Erminio M. Ferrucci La biblioteca dell Archiginnasio di Bologna ha inaugurato, alcuni anni or sono, una singolare e interessante mostra sulla figura di Antonio Baldacci (Bologna ), viaggiatore, geografo e botanico che per oltre cinquant anni svolse un intensa attività nei territori balcanici affacciati sull Adriatico (e non solo). La mostra è stata un occasione per riscoprire la figura dello studioso e per presentare al pubblico i risultati del lavoro di inventariazione scientifica del suo ricco archivio. È Una passione balcanica : colonialismo, etnografia e rilievo del territorio agli inizi del XX secolo Moschea a Tirana, Albania stata una vita più che intensa quella del bolognese Antonio Baldacci, caratterizzata da un attività poliedrica, ricca di interessi, viaggi, incontri, studi, lotte, imprese pionieristiche: un esistenza animata da una vera e propria passione per il mondo balcanico affacciante sull Adriatico, all epoca del tutto sconosciuto anche se molto vicino. Oggi è stato possibile inoltrarsi in questo mondo affascinante, grazie all impegno dell archivista Maria Grazia Bollini e della responsabile presso la Biblioteca comunale dell Archiginnasio della sezione dei manoscritti e dei rari, Anna Manfron. Esaudendo una sua disposizione testamentaria, l archivio personale di Antonio Baldacci, è stato donato all Archiginnasio nel 2001 con i libri appartenuti allo studioso (un nucleo composto da circa tra volumi, periodici e opuscoli, attualmente catalogati e disponibili nell ambito del Servizio bibliotecario nazionale). I documenti che compongono l archivio personale di Baldacci testimoniano fedelmente tutti i contatti avuti e le attività svolte dal 1885 al La sezione più vasta è costituita dalla corrispondenza: lettere ricevute, una piccola parte di lettere inviate (copie), cartoline. Segue una sezione costituita da biglietti da visita di personaggi che Baldacci aveva conosciuto e con cui aveva stretto significativi rapporti. Non potevano mancare le carte geografiche, 379, che riguardano il Montenegro, l Albania, parte della Grecia, l Italia e le colonie italiane della Somalia e dell Eritrea. Molte sono carte dell Istituto geografico militare dell impero austro-ungarico montate su tela per essere piegate e trasportate in viaggio. Su alcune sono visibili dei tracciati realizzati con matite colorate fatti dallo stesso Baldacci per indicare gli itinerari seguiti durante le sue esplorazioni, altre furono modificate grazie anche alle sue indicazioni ed alle verifiche condotte sul campo. Un interessante sezione è costituita dalla raccolta di materiale fotografico: fotografie, dalla fine del XIX secolo al Gran parte sono state scattate dallo stesso Baldacci nel corso dei suoi viaggi in Montenegro e in Albania, (tra il 1900 e il 1902), e nel sud Italia (nel 1906), altre sono state acquistate sul posto. Il materiale raccolto testimonia l interesse etnografico e antropologico delle ricerche effettuate. 36 di queste fotografie sono state attribuite a uno dei più importanti studi fotografici dei Balcani, fondato dall italiano Pietro Marubi in Scutari (Albania). Il fondo Baldacci rappresenta, quindi, non solo l insieme di importanti studi di botanica, geografia, antropologia, economia, ma anche di storia inerente ai territori che videro in quegli anni lo sfaldarsi dell impero ottomano, la nascita di nuove realtà territoriali, il diffondersi degli interessi economi- ci e coloniali italiani. Ricordiamo che alla mostra organizzata dall Archiginnasio si aggiunge la pubblicazione dell inventario di questo corposo archivio: Una passione balcanica tra affari, botanica e politica coloniale. Il fondo Antonio Baldacci nella Biblioteca dell Archiginnasio ( ) a cura di Maria Grazia Bollini. Le esplorazioni scientifiche Il primo viaggio fu tentato da Baldacci nel 1885, a diciassette anni, percorrendo a piedi il lungo tratto da Zara fino al confine montenegrino, senza tuttavia riuscire a raggiungere la capitale Cettigne per mancanza di mezzi economici; nel 1886, ritentando l impresa, conobbe durante il viaggio di andata padre Cesare Tondini De Quarenghi, diplomatico inviato dal Vaticano; questi lo presentò al principe Nicola del Montenegro, che iniziò ad aiutare Antonio con piccole sovvenzioni per le sue prime escursioni. Fu in tale occasione che Baldacci, allora diciannovenne, conobbe la tredicenne principessa Elena, figlia di Nicola e futura regina d Italia. Le spedizioni del 1889, 1890 e 1891 furono dedicate principalmente alle ricerche in Montenegro. Baldacci poté visitare per la prima volta nel 1892 l Albania, che a quel tempo faceva ancora parte dell impero ottomano e che divenne il campo principale delle sue ricerche negli anni successivi; nel 1893 e nel 1899 visitò Creta, interessata fra il 1896 e il 1898 dalle operazioni militari della guerra greco-turca, conclusasi con la concessione di un ampia autonomia all isola da parte dell impero ottomano. Nel corso di tali viaggi lo studioso affrontò situazioni rischiose e pericoli di vario genere, dovuti non solo alla natura impervia e in gran parte ancora selvaggia e sconosciuta di quei territori, ma anche agli scontri tra tribù rivali nelle aree di confine tra Montenegro e Albania, oltre all ostilità delle autorità ottomane verso gli stranieri che tentavano di percorrere i territori albanesi. I viaggi vennero inizialmente finanziati dalle raccolte di esemplari botanici essiccati che Baldacci vendeva a istituti scientifici italiani e stranieri, e in seguito da contributi economici elargiti dalla Società geografica italiana; il viaggio del 1902 nella regione al confine tra Albania e Montenegro costituì la prima missione scientifica italiana nel Montenegro e fu promosso e finanziato dal Ministero della pubblica istruzione. Nel corso delle sue esplorazioni scientifiche Baldacci raccolse oltre centomila esemplari di piante, alcuni di specie allora sconosciute, come il Verbascum Baldaccii Degen, la Wulfenia Baldaccii e la Forsythia europaea Degen et Baldaccii, che portano oggi il suo nome. La documentazione conservata nel fondo archivistico è costituita dall insieme delle carte prodotte, ricevute e utilizzate da Baldacci nel corso di un attività protrattasi per sessantacinque anni, dal 1885 al 1950, anno della morte. Come già ricordato, il nucleo più consistente è rappresentato dalla corrispondenza (oltre lettere ricevute, cartoline e altra corrispondenza, anche a carattere familiare); sono inoltre presenti carte e documenti personali (diplomi, passaporti, ricordi vari), minute e bozze di stampa per pubblicazioni, raccolte di materiali particolari (6.092 biglietti da visita, fotografie, giornali e periodici, carte geografiche) acquisite e conservate come materiali di lavoro, a fini di studio e di documentazione. Il fondo è di notevole interesse non solo per la sua consistenza quantitativa, ma anche per la sostanziale continuità ed integrità della corrispondenza ricevuta, e più in generale per la ricchezza e la varietà della documentazione presente. Il particolare ambito di attività di Baldacci, e cioè gli studi sui 67

2 66 Erminio M. Ferrucci La biblioteca dell Archiginnasio di Bologna ha inaugurato, alcuni anni or sono, una singolare e interessante mostra sulla figura di Antonio Baldacci (Bologna ), viaggiatore, geografo e botanico che per oltre cinquant anni svolse un intensa attività nei territori balcanici affacciati sull Adriatico (e non solo). La mostra è stata un occasione per riscoprire la figura dello studioso e per presentare al pubblico i risultati del lavoro di inventariazione scientifica del suo ricco archivio. È Una passione balcanica : colonialismo, etnografia e rilievo del territorio agli inizi del XX secolo Moschea a Tirana, Albania stata una vita più che intensa quella del bolognese Antonio Baldacci, caratterizzata da un attività poliedrica, ricca di interessi, viaggi, incontri, studi, lotte, imprese pionieristiche: un esistenza animata da una vera e propria passione per il mondo balcanico affacciante sull Adriatico, all epoca del tutto sconosciuto anche se molto vicino. Oggi è stato possibile inoltrarsi in questo mondo affascinante, grazie all impegno dell archivista Maria Grazia Bollini e della responsabile presso la Biblioteca comunale dell Archiginnasio della sezione dei manoscritti e dei rari, Anna Manfron. Esaudendo una sua disposizione testamentaria, l archivio personale di Antonio Baldacci, è stato donato all Archiginnasio nel 2001 con i libri appartenuti allo studioso (un nucleo composto da circa tra volumi, periodici e opuscoli, attualmente catalogati e disponibili nell ambito del Servizio bibliotecario nazionale). I documenti che compongono l archivio personale di Baldacci testimoniano fedelmente tutti i contatti avuti e le attività svolte dal 1885 al La sezione più vasta è costituita dalla corrispondenza: lettere ricevute, una piccola parte di lettere inviate (copie), cartoline. Segue una sezione costituita da biglietti da visita di personaggi che Baldacci aveva conosciuto e con cui aveva stretto significativi rapporti. Non potevano mancare le carte geografiche, 379, che riguardano il Montenegro, l Albania, parte della Grecia, l Italia e le colonie italiane della Somalia e dell Eritrea. Molte sono carte dell Istituto geografico militare dell impero austro-ungarico montate su tela per essere piegate e trasportate in viaggio. Su alcune sono visibili dei tracciati realizzati con matite colorate fatti dallo stesso Baldacci per indicare gli itinerari seguiti durante le sue esplorazioni, altre furono modificate grazie anche alle sue indicazioni ed alle verifiche condotte sul campo. Un interessante sezione è costituita dalla raccolta di materiale fotografico: fotografie, dalla fine del XIX secolo al Gran parte sono state scattate dallo stesso Baldacci nel corso dei suoi viaggi in Montenegro e in Albania, (tra il 1900 e il 1902), e nel sud Italia (nel 1906), altre sono state acquistate sul posto. Il materiale raccolto testimonia l interesse etnografico e antropologico delle ricerche effettuate. 36 di queste fotografie sono state attribuite a uno dei più importanti studi fotografici dei Balcani, fondato dall italiano Pietro Marubi in Scutari (Albania). Il fondo Baldacci rappresenta, quindi, non solo l insieme di importanti studi di botanica, geografia, antropologia, economia, ma anche di storia inerente ai territori che videro in quegli anni lo sfaldarsi dell impero ottomano, la nascita di nuove realtà territoriali, il diffondersi degli interessi economi- ci e coloniali italiani. Ricordiamo che alla mostra organizzata dall Archiginnasio si aggiunge la pubblicazione dell inventario di questo corposo archivio: Una passione balcanica tra affari, botanica e politica coloniale. Il fondo Antonio Baldacci nella Biblioteca dell Archiginnasio ( ) a cura di Maria Grazia Bollini. Le esplorazioni scientifiche Il primo viaggio fu tentato da Baldacci nel 1885, a diciassette anni, percorrendo a piedi il lungo tratto da Zara fino al confine montenegrino, senza tuttavia riuscire a raggiungere la capitale Cettigne per mancanza di mezzi economici; nel 1886, ritentando l impresa, conobbe durante il viaggio di andata padre Cesare Tondini De Quarenghi, diplomatico inviato dal Vaticano; questi lo presentò al principe Nicola del Montenegro, che iniziò ad aiutare Antonio con piccole sovvenzioni per le sue prime escursioni. Fu in tale occasione che Baldacci, allora diciannovenne, conobbe la tredicenne principessa Elena, figlia di Nicola e futura regina d Italia. Le spedizioni del 1889, 1890 e 1891 furono dedicate principalmente alle ricerche in Montenegro. Baldacci poté visitare per la prima volta nel 1892 l Albania, che a quel tempo faceva ancora parte dell impero ottomano e che divenne il campo principale delle sue ricerche negli anni successivi; nel 1893 e nel 1899 visitò Creta, interessata fra il 1896 e il 1898 dalle operazioni militari della guerra greco-turca, conclusasi con la concessione di un ampia autonomia all isola da parte dell impero ottomano. Nel corso di tali viaggi lo studioso affrontò situazioni rischiose e pericoli di vario genere, dovuti non solo alla natura impervia e in gran parte ancora selvaggia e sconosciuta di quei territori, ma anche agli scontri tra tribù rivali nelle aree di confine tra Montenegro e Albania, oltre all ostilità delle autorità ottomane verso gli stranieri che tentavano di percorrere i territori albanesi. I viaggi vennero inizialmente finanziati dalle raccolte di esemplari botanici essiccati che Baldacci vendeva a istituti scientifici italiani e stranieri, e in seguito da contributi economici elargiti dalla Società geografica italiana; il viaggio del 1902 nella regione al confine tra Albania e Montenegro costituì la prima missione scientifica italiana nel Montenegro e fu promosso e finanziato dal Ministero della pubblica istruzione. Nel corso delle sue esplorazioni scientifiche Baldacci raccolse oltre centomila esemplari di piante, alcuni di specie allora sconosciute, come il Verbascum Baldaccii Degen, la Wulfenia Baldaccii e la Forsythia europaea Degen et Baldaccii, che portano oggi il suo nome. La documentazione conservata nel fondo archivistico è costituita dall insieme delle carte prodotte, ricevute e utilizzate da Baldacci nel corso di un attività protrattasi per sessantacinque anni, dal 1885 al 1950, anno della morte. Come già ricordato, il nucleo più consistente è rappresentato dalla corrispondenza (oltre lettere ricevute, cartoline e altra corrispondenza, anche a carattere familiare); sono inoltre presenti carte e documenti personali (diplomi, passaporti, ricordi vari), minute e bozze di stampa per pubblicazioni, raccolte di materiali particolari (6.092 biglietti da visita, fotografie, giornali e periodici, carte geografiche) acquisite e conservate come materiali di lavoro, a fini di studio e di documentazione. Il fondo è di notevole interesse non solo per la sua consistenza quantitativa, ma anche per la sostanziale continuità ed integrità della corrispondenza ricevuta, e più in generale per la ricchezza e la varietà della documentazione presente. Il particolare ambito di attività di Baldacci, e cioè gli studi sui 67

3 68 Sclavonia (terra degli slavi o schiavoni), carta geografica del XVI secolo riportante i confini dei domini della Serenissima, dell Impero Austroungarico e dell Impero Turco ( Paesi dell area balcanica a quell epoca in gran parte ancora poco conosciuti condotti nel campo di svariate discipline scientifiche concorre ad accentuare l originalità dell insieme e le potenzialità informative del fondo. Tra il 1905 e il 1908 lo studioso svolse alcuni studi a carattere etnografico e politico-sociale in Calabria, Molise e Sicilia, su incarico del Ministero dell Istruzione pubblica; non posso nascondere lo stupore provato in questa mia ricerca, quando mi sono imbattuto in luoghi da me assai ben conosciuti, nascosti tra le foto e le lettere dello studioso bolognese. La serie Italia raccoglie 195 immagini (160 positivi, 34 negativi su pellicola, una autocromia), di cui 177 relative alla Calabria e un piccolo gruppo di diciotto foto riguardanti le minoranze slave del Molise, queste ultime raccolte da Baldacci in relazione allo studio sulle «isole slave del circondario di Larino» commissionatogli nel 1906 dal Ministro della istruzione pubblica Luigi Rava e riassunte nella pubblicazione apparsa sulla rivista tedesca «Globus», nell articolo Die Slawen von Molise (1908). Le fotografie di ambito calabrese sono suddivise in gruppi in gran parte originali, determinati sulla base del territorio (ad esempio «Sila» o «Provincia di Catanzaro») o, con maggiore precisione, della località cui si riferi scono. I singoli gruppi erano conservati entro buste da lettera recanti l indicazione manoscritta della località. Tranne alcune eccezioni, le fotografie scattate da Baldacci sono unite a scatti di altri autori, in genere fotografi professionisti o persone conosciute nel corso dei suoi numerosi soggiorni nella regione. È stato pertanto assai arduo tentare di identificare, di volta in volta, l autore delle foto: le attribuzioni indicate sono da intendersi come ipotesi che potranno eventualmente essere verificate nel corso di studi più approfonditi. Una parte delle immagini è provvista di didascalie più o meno dettagliate: sono invece assenti, tranne che in rarissimi casi, le date. Per alcuni gruppi di fotografie o singole immagini prive di qualsiasi indicazione non è stato possibile determinare riferimenti precisi a data e località. La produzione e la raccolta da parte di Baldacci di fotografie relative al Molise e alla Calabria può essere messa in relazione a due poli di interesse fonda mentali: il primo di carattere politico-economico e sociale mentre il secondo, di tipo etnografico, è incentrato sul lo studio delle usanze e dei costumi popolari. La documentazione relativa al Molise e alla Calabria costituisce un nucleo di notevole interesse, trattandosi, nel caso delle foto scattate da Baldacci, di im magini originali ed inedite e, nel caso invece di quelle dovute ad altri auto ri, di documenti iconografici certamente rari o con diffusione assai limitata. Si segnala che nelle serie Cartoline e Lettere ricevute sono conservate numerose cartoline illustrate con ritratti fotografici di donne meridionali in costume tradizionale. Razumiš na našo? La colonizzazione balcanica dell Appennino centro-meridionale Razumiš na našo? Comprendi il nostro? (Si sottintende: linguaggio). Questa è, con tutta probabilità, la prima domanda che Baldacci si senti proferire quando, nell anno 1906 visitò Montemitro (Mundimitar), uno dei più piccoli e sperduti Paesi dell Appennino molisano. Questa domanda (se mai gli fu posta), sarebbe stata pertinente: perché chi giunge in quel paese, non può esserci arrivati per caso; o con quel paese ha dei legami, oppure si è perso. Poiché ho vissuto alcuni anni importanti della mia vita in Rilievo della costa di Scutari, 1915 (Fondo Baldacci, Rilievo della Baia di Valona, 1900 circa (Fondo Baldacci, quel luogo (un po per appartenenza e un po perchè mi ero perso) e ricordo quella manciata di case che da Sant Angelo saliva al Castello e poi giù fino alla Chiesa Vecchia, disperdendosi in un reticolo di vicoli misteriosi (che promettevano grandi scoperte, ma che non portavano mai da nessuna parte), posso testimoniare il forte senso dell appartenenza di quella comunità, la profonda consapevolezza della propria diversità: una diversità che si esprime non solo nella lingua parlata (il croato), ma in un diverso approccio alla vita, in un modo diverso di affrontare la quotidianità; spopolato da una emigrazione intercontinentale, in caso di ritorno (anche dopo decenni) la collettività ti riabbraccia, come se non fossi mai partito. In realtà, l emigrazione fa parte del Dna di questi popoli: secondo alcuni studiosi, la popolazione croata giunta in queste terre inospitali nel XVI secolo, proveniva soprattutto dall Erzegovina occidentale e dall odierna Dalmazia ma principalmente, si suppone, dai Paesi dalmati di Imotski, Makarska, Neretva, (Narenta) e Sinj. Montemitro, è uno dei tre piccoli centri abitati che, insieme a S. Felice (Filič) e Acquaviva Collecroce (Kruč), conserva ancora la lingua slava. In realtà l esistenza del toponimo è di epoca assai anteriore alla migrazione slava ed è attestata da numerosi documenti. La più antica testimonianza ci perviene dalla Chronica monasterii Casinensis (anno 1024) la quale ci riferisce che «Seguenti etiam anno Benedictus quidam cum uxore sua Marenda de Castello Monte Metulo fecit oblationem suam in hoc monasterio de ecclesia Sancti Iohannis que sita est in finibus eiusdem castri iusta fluvium Trinium, cum terra modiorum ducenti LXX, ubi ipsa ecclesia edificata». In realtà la colonizzazione balcanica dell Appennino centromeridionale fu ben più ampia di quanto non si creda; lo testimoniano le tracce scolpite sulla pietra. Ad esempio, sulla facciata della chiesa parrocchiale di Palata (altro borgo rurale molisano che non conserva, però, tracce del linguaggio slavo) ancor oggi si può leggere la scritta: HOC PRIMUM DALMATIAE GENTES INOCULARE AC FUNDAMENTIS EREXERE TEMPLUM ANO MDXXXI. Tradotto: GENTE DELLA DALMAZIA, I PRIMI AD ABITARE QUESTO PAESE, DALLE FONDAMENTA HA COSTRUITO QUESTO TEMPIO NELL ANNO Molte sono le ipotesi avanzate su questo fenomeno migratorio: nell articolo Slavenske riječi u Apeninima (Frankfurter Allgemeine, n. 212 del ) Johann Georg Reissmüller ritiene che gli slavi, all inizio del XVI secolo, siano fuggiti dalla Dalmazia in seguito all invasione turca e, attraverso il mare, si siano stabiliti nel territorio molisano allora non abitato. Nell articolo Woher die südslavischen Colonien in Süditalien (Archiv für slavische Philologie, XIV, pagg , Berlin 1892) Josip Aranza sostiene, basandosi sulla lingua dell antica letteratura croata e sul linguaggio croato-molisano, che i croati del Molise provengano dai dintorni di Zara. Nel saggio Rotas Opera Tenet Arepo Sator (Roma, 1950) Teodoro Badurina espone una tesi diversa: studiando le particolarità del linguaggio croato-molisano, giunge alla conclusione che i croati del Molise siano originari dalla regione stocavo-morlacca dell Istria meridionale. Anche Mate Hraste, insigne linguista, affronta questa problematica. Nei Govori jugozapadne Istre (Zagreb,1964) a pagina 33 testualmente scrive: (...) In questa occasione la popolazione di questa fertile zona dell entroterra da Zara 69

4 68 Sclavonia (terra degli slavi o schiavoni), carta geografica del XVI secolo riportante i confini dei domini della Serenissima, dell Impero Austroungarico e dell Impero Turco ( Paesi dell area balcanica a quell epoca in gran parte ancora poco conosciuti condotti nel campo di svariate discipline scientifiche concorre ad accentuare l originalità dell insieme e le potenzialità informative del fondo. Tra il 1905 e il 1908 lo studioso svolse alcuni studi a carattere etnografico e politico-sociale in Calabria, Molise e Sicilia, su incarico del Ministero dell Istruzione pubblica; non posso nascondere lo stupore provato in questa mia ricerca, quando mi sono imbattuto in luoghi da me assai ben conosciuti, nascosti tra le foto e le lettere dello studioso bolognese. La serie Italia raccoglie 195 immagini (160 positivi, 34 negativi su pellicola, una autocromia), di cui 177 relative alla Calabria e un piccolo gruppo di diciotto foto riguardanti le minoranze slave del Molise, queste ultime raccolte da Baldacci in relazione allo studio sulle «isole slave del circondario di Larino» commissionatogli nel 1906 dal Ministro della istruzione pubblica Luigi Rava e riassunte nella pubblicazione apparsa sulla rivista tedesca «Globus», nell articolo Die Slawen von Molise (1908). Le fotografie di ambito calabrese sono suddivise in gruppi in gran parte originali, determinati sulla base del territorio (ad esempio «Sila» o «Provincia di Catanzaro») o, con maggiore precisione, della località cui si riferi scono. I singoli gruppi erano conservati entro buste da lettera recanti l indicazione manoscritta della località. Tranne alcune eccezioni, le fotografie scattate da Baldacci sono unite a scatti di altri autori, in genere fotografi professionisti o persone conosciute nel corso dei suoi numerosi soggiorni nella regione. È stato pertanto assai arduo tentare di identificare, di volta in volta, l autore delle foto: le attribuzioni indicate sono da intendersi come ipotesi che potranno eventualmente essere verificate nel corso di studi più approfonditi. Una parte delle immagini è provvista di didascalie più o meno dettagliate: sono invece assenti, tranne che in rarissimi casi, le date. Per alcuni gruppi di fotografie o singole immagini prive di qualsiasi indicazione non è stato possibile determinare riferimenti precisi a data e località. La produzione e la raccolta da parte di Baldacci di fotografie relative al Molise e alla Calabria può essere messa in relazione a due poli di interesse fonda mentali: il primo di carattere politico-economico e sociale mentre il secondo, di tipo etnografico, è incentrato sul lo studio delle usanze e dei costumi popolari. La documentazione relativa al Molise e alla Calabria costituisce un nucleo di notevole interesse, trattandosi, nel caso delle foto scattate da Baldacci, di im magini originali ed inedite e, nel caso invece di quelle dovute ad altri auto ri, di documenti iconografici certamente rari o con diffusione assai limitata. Si segnala che nelle serie Cartoline e Lettere ricevute sono conservate numerose cartoline illustrate con ritratti fotografici di donne meridionali in costume tradizionale. Razumiš na našo? La colonizzazione balcanica dell Appennino centro-meridionale Razumiš na našo? Comprendi il nostro? (Si sottintende: linguaggio). Questa è, con tutta probabilità, la prima domanda che Baldacci si senti proferire quando, nell anno 1906 visitò Montemitro (Mundimitar), uno dei più piccoli e sperduti Paesi dell Appennino molisano. Questa domanda (se mai gli fu posta), sarebbe stata pertinente: perché chi giunge in quel paese, non può esserci arrivati per caso; o con quel paese ha dei legami, oppure si è perso. Poiché ho vissuto alcuni anni importanti della mia vita in Rilievo della costa di Scutari, 1915 (Fondo Baldacci, Rilievo della Baia di Valona, 1900 circa (Fondo Baldacci, quel luogo (un po per appartenenza e un po perchè mi ero perso) e ricordo quella manciata di case che da Sant Angelo saliva al Castello e poi giù fino alla Chiesa Vecchia, disperdendosi in un reticolo di vicoli misteriosi (che promettevano grandi scoperte, ma che non portavano mai da nessuna parte), posso testimoniare il forte senso dell appartenenza di quella comunità, la profonda consapevolezza della propria diversità: una diversità che si esprime non solo nella lingua parlata (il croato), ma in un diverso approccio alla vita, in un modo diverso di affrontare la quotidianità; spopolato da una emigrazione intercontinentale, in caso di ritorno (anche dopo decenni) la collettività ti riabbraccia, come se non fossi mai partito. In realtà, l emigrazione fa parte del Dna di questi popoli: secondo alcuni studiosi, la popolazione croata giunta in queste terre inospitali nel XVI secolo, proveniva soprattutto dall Erzegovina occidentale e dall odierna Dalmazia ma principalmente, si suppone, dai Paesi dalmati di Imotski, Makarska, Neretva, (Narenta) e Sinj. Montemitro, è uno dei tre piccoli centri abitati che, insieme a S. Felice (Filič) e Acquaviva Collecroce (Kruč), conserva ancora la lingua slava. In realtà l esistenza del toponimo è di epoca assai anteriore alla migrazione slava ed è attestata da numerosi documenti. La più antica testimonianza ci perviene dalla Chronica monasterii Casinensis (anno 1024) la quale ci riferisce che «Seguenti etiam anno Benedictus quidam cum uxore sua Marenda de Castello Monte Metulo fecit oblationem suam in hoc monasterio de ecclesia Sancti Iohannis que sita est in finibus eiusdem castri iusta fluvium Trinium, cum terra modiorum ducenti LXX, ubi ipsa ecclesia edificata». In realtà la colonizzazione balcanica dell Appennino centromeridionale fu ben più ampia di quanto non si creda; lo testimoniano le tracce scolpite sulla pietra. Ad esempio, sulla facciata della chiesa parrocchiale di Palata (altro borgo rurale molisano che non conserva, però, tracce del linguaggio slavo) ancor oggi si può leggere la scritta: HOC PRIMUM DALMATIAE GENTES INOCULARE AC FUNDAMENTIS EREXERE TEMPLUM ANO MDXXXI. Tradotto: GENTE DELLA DALMAZIA, I PRIMI AD ABITARE QUESTO PAESE, DALLE FONDAMENTA HA COSTRUITO QUESTO TEMPIO NELL ANNO Molte sono le ipotesi avanzate su questo fenomeno migratorio: nell articolo Slavenske riječi u Apeninima (Frankfurter Allgemeine, n. 212 del ) Johann Georg Reissmüller ritiene che gli slavi, all inizio del XVI secolo, siano fuggiti dalla Dalmazia in seguito all invasione turca e, attraverso il mare, si siano stabiliti nel territorio molisano allora non abitato. Nell articolo Woher die südslavischen Colonien in Süditalien (Archiv für slavische Philologie, XIV, pagg , Berlin 1892) Josip Aranza sostiene, basandosi sulla lingua dell antica letteratura croata e sul linguaggio croato-molisano, che i croati del Molise provengano dai dintorni di Zara. Nel saggio Rotas Opera Tenet Arepo Sator (Roma, 1950) Teodoro Badurina espone una tesi diversa: studiando le particolarità del linguaggio croato-molisano, giunge alla conclusione che i croati del Molise siano originari dalla regione stocavo-morlacca dell Istria meridionale. Anche Mate Hraste, insigne linguista, affronta questa problematica. Nei Govori jugozapadne Istre (Zagreb,1964) a pagina 33 testualmente scrive: (...) In questa occasione la popolazione di questa fertile zona dell entroterra da Zara 69

5 70 Studi etnografici di Antonio Baldacci: uomini albanesi che posano nel costume nazionale, Studio fotografico Marubi in Scutari per A. Baldacci, 1902 (Biblioteca dell Archiginnasio, Bologna) Studi etnografici di Antonio Baldacci: famiglia di coloni slavi del Molise; studio fotografico Vetta per A. Baldacci, ( a Sebenico è immigrata in diverse direzioni. Una parte si è stabilita in Istria, un altra si è fermata stabilmente nelle isole prospicienti Zara, e un altra ha trovato riparo nella regione Molise, suddividendosi in diversi villaggi. Poco dopo continua: L idea di Badurina che i croati dell Italia meridionale provengono dalla regione stocavo-morlacca dell Istria meridionale non è attendibile, perché è più naturale pensare che i croati della Dalmazia siano emigrati in Italia attraverso il mare Adriatico che non attraverso l Istria, nella quale si sarebbero dovuti fermare per qualche tempo (per un maggior approfondimento di questi argomenti si rimanda al sito web e agli scritti dei vari autori in esso riportati). Ma l opera più suggestiva e completa sugli slavi dell Italia meridionale è stata data alle stampe a Vienna nell anno 1911 per opera di Milan Rešetar, studioso di fama mondiale, scritta per la commissione per i Balcani dell Accademia Viennese, sotto il titolo di: Die Serbokroatischen Kolonien Süditaliens. Milan Rešetar visitò le colonie proprio a seguito delle segnalazioni e dei materiali inviatigli da Baldacci, dopo la sua visita del Agghiacciante è la descrizione che lo studioso austro-croato riporta di quei luoghi: parlando di San Felice, l autore rileva che la negligenza e la trascuratezza della popolazione sono particolarmente documentate dallo stato miserabile in cui si trovano la residenza del feudatario di un tempo, abitata da una delle migliori famiglie del luogo, e la vecchia chiesa. Quest ultima situata un po fuori della località e consacrata al patrono San Felice offre, soprattutto al suo interno, un quadro così deplorevole che chiunque venga da zone meno trascurate è costretto decisamente a credere che essa non venga più usata come chiesa. Ma ciò non è vero, perché il giorno di San Felice (il 30 maggio) e tutti i venerdì del mese di maggio vi si legge ancora la Messa. Questa chiesa è però interessante perché porta sopra il portale un iscrizione di quattro righe in caratteri ebraici. Purtroppo, durante il mio soggiorno potei fare solo una debole fotografia dell iscrizione, poiché la ripresa poté essere realizzata solo sotto la pioggia e da una scala sostenuta da persone ma altrimenti liberamente sospesa nell aria. Ciononostante il consigliere di corte prof. D. H. Müller, a cui rivolgo anche qui i miei più ossequiosi ringraziamenti, è riuscito a leggere le seguenti quattro righe della fotografia, di cui però la prima è molto incerta: אנה משנה יהוה אוטו אךח.כרא che egli trascrive e traduce con ogni riserva come segue: Brâ anâ mišneh Jahweh αυτου αρχος = (sono) il figlio, l emissario di Geova, il suo primo (figlio). Si tratta dunque dell interessante fatto di un iscrizione cristiana aramaico-ebraico-greca. Parlando di Montemitro il racconto assume toni ancora più cupi: è un paesucolo abbandonato da Dio che si innalza su una ripida collina circa 550 m sopra il fiume Trigno, che segna qui il confine tra la provincia di Campobasso (Molise) e la provincia di Chieti (Abruzzi). Benché sia lontano solo 6 km circa in linea d aria da San Felice Slavo in direzione ovest, non si può raggiungere Montemitro da quest ultimo luogo in meno di quattro ore, perché lungo la miserabile via si può procedere solo a passo d uomo, cosicché, siccome in nessuno dei due luoghi c è la possibilità di pernottare, la maggior parte dei visitatori di queste colonie deve rinunciare a visitare proprio quella tra di loro che ha conservato più fedelmente il carattere slavo e la lingua slava, avendo anche il processo di italianizzazione fatto qui naturalmente i minori progressi a causa dell isolamento del luogo (tr. it. Walter Breu

6 71 e Monica Gardenghi). E al testo di Rešetar fa riferimento anche la studiosa Antonietta Marra, oggi professore associato presso l Università di Cagliari, con alcune sue riflessioni sul sistema verbale di questa lingua minoritaria, con un lavoro che si propone di indagare alcuni aspetti della morfologia verbale di un dialetto croato del tipo stokavo-ikavo parlato in tre comuni dell Italia Meridionale (Acquaviva Collecroce, San Felice e Montemitro, tutti nel Molise). Le ricerche svolte da Milan Rešetar agli inizi del Novecento indicavano questa parte della morfologia croato-molisana profondamente conservativa rispetto ad altri dialetti serbo-croati appartenenti allo stesso gruppo linguistico. L analisi dei dati raccolti da una indagine sul campo da me svolta vuole, in prima istanza, accertare quale sia la struttura attuale del sistema verbale, in maniera tale da verificare la conservazione delle forme temporali e modali attestate da Rešetar. Con maggiore dettaglio, inoltre, si guarderà all espressione del futuro, che, accanto alla conservazione di forme tradizionali, mostra anche l emergenza di una nuova struttura. Il corpus è composto di registrazioni ottenute nelle tre diverse comunità linguistiche, le quali presentano situazioni sociolinguistiche profondamente diverse, da informanti appartenenti a diversi gruppi di età. L intento è quello di analizzare in modo comparativo i dati raccolti nei tre comuni, in maniera tale da verificare se e in che maniera le modificazioni riscontrate all interno del sistema verbale siano spiegabili in termini di perdita o meno della vitalità della lingua di minoranza o di interferenza della lingua dominante. Quindi, giunti intorno al XV-XVI secolo iz d one bane mora (dall altra parte del mare) per sfuggire all avanzata ottomana nei Balcani, gli schiavoni,come furono ribattezzati dalle popolazioni locali, hanno trovato rifugio sull altra sponda dell Adriatico, in terre in gran parte spopolate dopo il terribile terremoto del 1456 e la successiva epidemia di peste. A testimoniare la dimensione di queste migrazioni rimangono i toponimi di molti altri piccoli comuni della zona, come San Giacomo degli Schiavoni o Schiavi d Abruzzo, che hanno perso però, col passare dei secoli, la lingua e con questa anche la consapevolezza della propria identità. Identità che invece si è conservata, sfidando i secoli e proprio grazie ad un forte isolamento, nei tre Paesi in cui oggi si parla ancora l antico dialetto slavo originario dell entroterra dalmata. Nel 1996, con l accordo bilaterale tra Italia e Croazia sulla protezione delle minoranze linguistiche, è arrivato finalmente il riconoscimento ufficiale della minoranza croata, ribadito un anno dopo da una legge di salvaguardia della regione Molise; oggi a Montemitro ha sede il Consolato onorario di Croazia. E mentre risuona ancora nelle mie orecchie il canto popolare tramandato nei secoli: Lipa Mara homo u ružice. Neču ke neču, se strašim do Karloviče!, ai vecchi compagni di strada a coloro che hanno avuto il coraggio di partire alla ricerca di un destino migliore, e a coloro che hanno avuto la forza di restare, per custodire l antica tradizione a tutti costoro io dedico questa mia (personale) passione balcanica.

LA MINORANZA LINGUISTICA CROATA IN ITALIA

LA MINORANZA LINGUISTICA CROATA IN ITALIA Da sportello a sportello! La tutela delle lingue minoritarie nelle altre regioni italiane: lo sportello linguistico della Comunità Montana incontra la minoranza croata del Molise. La Legge 482/99 tutela

Dettagli

LA MINORANZA LINGUISTICA CROATA

LA MINORANZA LINGUISTICA CROATA 83 LA MINORANZA LINGUISTICA CROATA Cultura e immagini dei gruppi linguistici di antico insediamento presenti in Italia 84 Ministero Interno Ufficio Centrale zone di confine e minoranze etniche - Ufficio

Dettagli

Il meglio dell Albania (7 giorni - 6 notti)

Il meglio dell Albania (7 giorni - 6 notti) Il meglio dell Albania (7 giorni - 6 notti) Il Classico tour il meglio dell albania e un viaggio assolutamente da fare per ogni visitatore che desidera scoprire l Albania entro un periodo di tempo accettabile.

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

Geografia 5ª. PRIMO PERCORSO Le comunità territoriali organizzate (pag. 102-113) Antares 5 a. Programmazione. Percorsi - conoscenze - competenze

Geografia 5ª. PRIMO PERCORSO Le comunità territoriali organizzate (pag. 102-113) Antares 5 a. Programmazione. Percorsi - conoscenze - competenze VERSO I TRAGUARDI DI COMPETENZA Geografia 5ª si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici e punti cardinali; riconosce e denomina i principali oggetti

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Massimo Madiai in una intervista Himba Namidia

Massimo Madiai in una intervista Himba Namidia Massimo Madiai in una intervista Himba Namidia A cura di Giorgio Tani - (2006) Introduzione all autore - Con il proprio lavoro fotografico, Massimo si prefigge di cogliere principalmente volti, espressioni,

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

TRA OTTOCENTO E NOVECENTO

TRA OTTOCENTO E NOVECENTO GIUSEPPE DI BENEDETTO PALERMO TRA OTTOCENTO E NOVECENTO LA CITTÀ ENTRO LE MURA nella collezione fotografica di Enrico Di Benedetto Giuseppe Di Benedetto PALERMO TRA OTTOCENTO E NOVECENTO La città entro

Dettagli

Emigrare per sopravvivere

Emigrare per sopravvivere VOLUME 3 PER LA PROVA INVALSI Unità 16 La mondialità Emigrare per sopravvivere Cognome Nome Classe Data CHI L HA SCRITTO? Nedo Rossi, docente universitario, ed Enzo Tiezzi (1938), insegnante di Chimica

Dettagli

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica Luigi Biggeri Roma, 15-16 dicembre 2005 Circondati dai paesi poveri con vasti eserciti di giovani che reclamano lavori modesti nei paesi sviluppati

Dettagli

La memoria delle terre alte. a colloquio con. Aldo Audisio. http://www.museomontagna.org/it/home/index.php

La memoria delle terre alte. a colloquio con. Aldo Audisio. http://www.museomontagna.org/it/home/index.php FOCUS ORIZZONTI La memoria delle terre alte Museo della montagna Duca degli Abruzzi Torino: il più importante del mondo a colloquio con Aldo Audisio http://www.museomontagna.org/it/home/index.php Il Museo

Dettagli

La terra del Buddha e quella che fu dei tribali.

La terra del Buddha e quella che fu dei tribali. La terra del e quella che fu dei tribali Dall'anno 2000, la parte sudorientale dello Stato del Bihar si è distaccata formando un nuovo Stato autonomo, il Jharkhand, con capitale Ranchi Si tratta di una

Dettagli

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano.

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano. 2. Storia, politica, filosofia e arte nel Rinascimento Un esempio di prospettiva: L ultima cena di Leonardo L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

Istituto Comprensivo n.6 Verona a.s. 2013-2014 Scuola Secondaria di I Grado Fainelli

Istituto Comprensivo n.6 Verona a.s. 2013-2014 Scuola Secondaria di I Grado Fainelli Istituto Comprensivo n.6 Verona a.s. 2013-2014 Scuola Secondaria di I Grado Fainelli Unità d apprendimento Il viaggio: alla scoperta di sé e dell altro Comprende: schema di unità d apprendimento scheda

Dettagli

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga,

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, Saggistica Aracne Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata.

Dettagli

Racconti popolari giapponesi

Racconti popolari giapponesi Adriana Lisboa Racconti popolari giapponesi traduzione di Natale P. Fioretto Graphe.it edizioni 2013 UN PAIO DI PAROLE DELL AUTRICE S e sei arrivato fino a qui, se hai aperto questo libro, probabilmente

Dettagli

LA MINORANZA LINGUISTICA ALBANESE (ARBËRESHE)

LA MINORANZA LINGUISTICA ALBANESE (ARBËRESHE) 133 LA MINORANZA LINGUISTICA ALBANESE (ARBËRESHE) Cultura e immagini dei gruppi linguistici di antico insediamento presenti in Italia 134 Ministero Interno Ufficio Centrale zone di confine e minoranze

Dettagli

Il progetto. Il Fondo Pasquale D Elia

Il progetto. Il Fondo Pasquale D Elia Il progetto Grazie alla collaborazione tra l Università degli Studi di Roma Sapienza e l Archivio Storico della Pontificia Università Gregoriana è stato realizzato parte del catalogo relativo al Fondo

Dettagli

Associazione Culturale LA SCOSSA PRESENTA. Il Cammino Della Musica

Associazione Culturale LA SCOSSA PRESENTA. Il Cammino Della Musica Associazione Culturale LA SCOSSA PRESENTA Il Cammino Della Musica a cura di Andrea Zuin www.ilcamminodellamusica.it Mentre camminavo per l America Latina in cerca di musica (vedi la pagina web), ho conosciuto

Dettagli

Repertorio dei beni storico ambientali 1

Repertorio dei beni storico ambientali 1 Repertorio dei beni storico ambientali 1 Indice Casate... 3 Oberga... 4 Pagliarolo... 5 Fontanelle... 6 Travaglino... 7 Oratorio di San Rocco... 8 Calvignano... 9 Castello... 10 Valle Cevino... 11 Repertorio

Dettagli

Giotto Dainelli e le grandi esplorazioni

Giotto Dainelli e le grandi esplorazioni Dott. Geol. Marco Bastogi I primi tempi Laurea nel 1900 - Studio del Monte Pròmina - Dalmazia La successione stratigrafica e origine delle ligniti di M. Promina Viaggio in Bretagna (paesaggi, vita e costumi)

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI SCHEDA SERVIZIO CULTURA E SPETTACOLO SERVIZIO BIBLIOTECARIO COMUNALE

COMUNE DI CAGLIARI SCHEDA SERVIZIO CULTURA E SPETTACOLO SERVIZIO BIBLIOTECARIO COMUNALE COMUNE DI CAGLIARI SCHEDA SERVIZIO CULTURA E SPETTACOLO SERVIZIO BIBLIOTECARIO COMUNALE In vigore dal 2012 Servizio Cultura e Spettacolo - rev 2 Servizio CULTURA E SPETTACOLO Servizio Bibliotecario Comunale

Dettagli

per il solo crimine di desiderare che la Bibbia fosse tradotta nella lingua del suo paese. Dio ha sempre protetto la Sua Parola. Studiamola!

per il solo crimine di desiderare che la Bibbia fosse tradotta nella lingua del suo paese. Dio ha sempre protetto la Sua Parola. Studiamola! Che cos'è la Chiesa Gesù disse: "Edificherò la mia chiesa" (Matteo 16:18).Cosa intendeva dire parlando di "chiesa"? Che significato aveva questa parola per i discepoli? Avrete notato che la parola chiesa

Dettagli

CURRICOLO STORIA, GEOGRAFIA, CITTADINANZA

CURRICOLO STORIA, GEOGRAFIA, CITTADINANZA 1 CURRICOLO STORIA, GEOGRAFIA, CITTADINANZA 2 Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia Il tempo della propria esistenza Formula riflessioni e considerazioni relative a se stesso. Sviluppa il

Dettagli

Il Vangelo secondo Giovanni

Il Vangelo secondo Giovanni Corso biblico diocesano 1994 Il Vangelo secondo Giovanni Conversazioni bibliche di don Claudio Doglio La festa della Dedicazione (10,22-42) Alla festa delle Capanne fa seguito la festa della Dedicazione

Dettagli

Appunti per un album di famiglia

Appunti per un album di famiglia Da Aldo Coccolo 1937, Feletto Famiglia Coccolo Bandulins di Angelo e Ancilla con figli e nipoti Appunti per un album di famiglia Feletto, 1811: in una antica mappa conservata all Archivio di Stato di Udine,

Dettagli

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

"Mostra" Memorandum, le foto fatte (e che fanno) storia Clemente Marsicola parla della mostra dell ICCD" Maria Chiara Strappaveccia

Mostra Memorandum, le foto fatte (e che fanno) storia Clemente Marsicola parla della mostra dell ICCD Maria Chiara Strappaveccia "Mostra" Memorandum, le foto fatte (e che fanno) storia Clemente Marsicola parla della mostra dell ICCD" Maria Chiara Strappaveccia Il Memorandum. Festival di fotografia storica, arrivato ormai alla IV

Dettagli

L Avventura Ottomana

L Avventura Ottomana L Avventura Ottomana Grecia, Turchia, Macedonia, Montenegro, Bosnia Erzegovina, Croazia Il viaggio Un emozionante avventura attraverso 7 paesi, 6000 km sulle strade percorse dalle truppe ottomane alla

Dettagli

Da Allumiere e Tolfa al mare

Da Allumiere e Tolfa al mare Da Allumiere e Tolfa al mare Sulle orme di Agostino 1 ALLUMIERE È importante ancorare alla realtà di appartenenza gli apprendimenti. La didattica localizzata promuove la motivazione e matura l identità

Dettagli

Inaugurazione mostra "Phobia, la paura sei tu": intervista a Milly Macis

Inaugurazione mostra Phobia, la paura sei tu: intervista a Milly Macis Inaugurazione mostra "Phobia, la paura sei tu": intervista a Milly Macis Milly Macis, nota tatuatrice cagliaritana si racconta in un intervista, poco prima dell inaugurazione della mostra Phobia la paura

Dettagli

Dante illustrato Paesaggi per la Divina Commedia

Dante illustrato Paesaggi per la Divina Commedia Dante illustrato Paesaggi per la Divina Commedia DANTE ILLUSTRATO Paesaggi per la Divina Commedia INAUGURAZIONE mercoledì 5 Settembre 2012 ore 21.00 La mostra è aperta dal 6 Settembre al 7 Ottobre 2012

Dettagli

LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi

LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi Storia, Cultura, Curiosità LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi Servizio di Radiologia Fondazione Salvatore Maugeri, Lumezzane (BS) Con la scoperta dei raggi X e con il loro utilizzo in

Dettagli

Classificazione delle lingue

Classificazione delle lingue Classificazione delle lingue è necessario un criterio un criterio potrebbe essere il numero dei parlanti; secondo una organizzazione che si chiama Linguasphere, le lingue più parlate del mondo sono le

Dettagli

Introduzione. Storia della ricerca

Introduzione. Storia della ricerca Introduzione L oggetto di questo studio è la Biennale di Dakar, che dal 7 maggio al 7 giugno 2004 presenterà la sua sesta edizione. Dak Art come è chiamata la manifestazione dal 1996 è nata grazie all

Dettagli

Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia

Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia Università degli Studi di Lecce Soprintendenza Archeologica della Puglia Provincia di Lecce Inaugurazione della Mostra Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia Intervento

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante I BENI CULTURALI Prof. Francesco Morante Cosa sono i beni culturali? I beni culturali sono tutte le testimonianze, materiali e immateriali, aventi valore di civiltà. Da questa definizione si comprende

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

RAPPORT DE STAGE Erasmus Placement. Romano Summa

RAPPORT DE STAGE Erasmus Placement. Romano Summa RAPPORT DE STAGE Erasmus Placement Febbraio Giugno 2012 Bibliothèque du département d Italien et de Roumain Université Paul-Valéry, Montpellier III Romano Summa Il mio primo contatto con la biblioteca

Dettagli

1. TEMA DEL CONCORSO FACCIA(TA) DI SICILIA

1. TEMA DEL CONCORSO FACCIA(TA) DI SICILIA L associazione neu [nòi] spazio al lavoro propone un bando di concorso rivolto a fotografi sul tema dell identità siciliana. Un occasione per raccontare la mixité della Sicilia, attraverso il confronto

Dettagli

In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned

In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned Gli anni della persecuzione nazista Dario Venegoni li ha vissuti attraverso

Dettagli

Jolanda Conti e Angelo Dragone fidanzati, 1942

Jolanda Conti e Angelo Dragone fidanzati, 1942 Jolanda Conti e Angelo Dragone fidanzati, 1942 foto Mauro Raffini Per tutta la Loro vita, ancora prima del matrimonio, Jolanda e Angelo Dragone, hanno raccolto con cura e metodo libri, lettere, fotografie

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

PROMOZIONE DEL TERRITORIO ED ESCURSIONI

PROMOZIONE DEL TERRITORIO ED ESCURSIONI Il è un associazione il cui obiettivo è la promozione e la diffusione di storia, itinerari, natura, cultura arte, gastronomia e tradizioni del territorio che si trova tra Abruzzo e Molise unito dal fiume

Dettagli

Cercemaggiore (Santuario della Madonna della Libera) Vinghiaturo

Cercemaggiore (Santuario della Madonna della Libera) Vinghiaturo la Famiglia ATO Puglia approda a Cercemaggiore (CB) alla ricerca di spiritualità e felicità interiore ma sopratutto a scoperto una bellissima storia che ha confortati i cuori dei partecipanti. Si ringrazia

Dettagli

AGRICOLA ESPOSIZIONE EVENTI POLO CITTÀ E CAMPAGNA

AGRICOLA ESPOSIZIONE EVENTI POLO CITTÀ E CAMPAGNA AGRICOLA ESPOSIZIONE EVENTI POLO CITTÀ E CAMPAGNA AGRICOLA L OBIETTIVO È CREARE UN POLO AGRICOLO, L OCCASIONE PER RIUNIRE I DIVERSI SETTORI DELL AGRICOLTURA E COLLEGARLI CON UN PUBBLICO ETEROGENEO, CREANDO

Dettagli

"FACCE. I molti volti della storia umana" Apre la mostra al Centro di Ateneo per i Musei

FACCE. I molti volti della storia umana Apre la mostra al Centro di Ateneo per i Musei "FACCE. I molti volti della storia umana" Apre la mostra al Centro di Ateneo per i Musei Sale espositive del Centro di Ateneo per i Musei Dal 14 febbraio al 14 giugno 2015 I volti umani attuali e dei nostri

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA VOLUME 1 CAPITOLO 0 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: Terra... territorio...

Dettagli

Omaggio a Giacomo Bove grande esploratore italiano

Omaggio a Giacomo Bove grande esploratore italiano FOCUS STORIA E MEMORIA Verso la conclusione del IV Anno Polare Internazionale Omaggio a Giacomo Bove grande esploratore italiano Fu tra gli scopritori del mitico Passaggio a Nord-Est Dalle terre polari

Dettagli

BIBLIOTECA DEL SENATO E MINISTERO DELLA DIFESA: UNA COLLABORAZIONE DECENNALE IN NOME DELLA CULTURA

BIBLIOTECA DEL SENATO E MINISTERO DELLA DIFESA: UNA COLLABORAZIONE DECENNALE IN NOME DELLA CULTURA BIBLIOTECA DEL SENATO E MINISTERO DELLA DIFESA: UNA COLLABORAZIONE DECENNALE IN NOME DELLA CULTURA di Ada Fichera 70 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 1/2014 Un antichità avvolgente e un fascino singolare connotano

Dettagli

Solo le montagne non s incontrano mai

Solo le montagne non s incontrano mai Laura Boldrini Solo le montagne non s incontrano mai Storia di Murayo e dei suoi due padri Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06364-7 Prima edizione: marzo

Dettagli

ANTICHE CAMPANE ISTRIANE

ANTICHE CAMPANE ISTRIANE ANTICHE CAMPANE ISTRIANE Oscurate dalla tragedia della seconda guerra mondiale che ha sconvolto la popolazione dell Istria, le vicende di alcuni beni antichi di quella terra sono ben poco conosciute. Già

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI»

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» 1 Caterina Samà via Gregorio Aracri, 24, Squillace 88069 (CZ), 0961 912117 / 338 1791895 e-mail : caterinasama@libero.it Al Magnifico Rettore dell

Dettagli

Simbolismi Storici dell Architettura

Simbolismi Storici dell Architettura Simbolismi Storici dell Architettura Mariachiara Mongelli Facoltà di Architettura Corso di Laurea Magistrale in Progettazione architettonica Federico Petronzi Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea

Dettagli

DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO!

DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO! DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO! Attività didattica 2012-2013 del Civico Museo Luoghi e Genti dell Auser Presentazione Il Civico Museo Luoghi e Genti dell Auser si avvia a compiere il suo secondo

Dettagli

ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO

ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO 1 Il nostro ruolo nel Mediterraneo Loredana Cornero - Segretaria generale Comunità radiotelevisiva italofona. Desidero ringraziare tutti i relatori presenti

Dettagli

NEWSLETTER BIBLIOTECA

NEWSLETTER BIBLIOTECA 1 di 5 02/02/2013 10.31 LA NEWSLETTER MENSILE DELLA BIBLIOTECA PROVINCIALE PASQUALE ALBINO DI CAMPOBASSO NEWSLETTER BIBLIOTECA Novembre 2012 - numero 9 Raccolta firme presso la Biblioteca Albino per l'intitolazione

Dettagli

Repertorio Cartografico REGIONE CALABRIA

Repertorio Cartografico REGIONE CALABRIA Repertorio Cartografico REGIONE CALABRIA Geografia regionale La Calabria è una regione meridionale di oltre 2.000.000 di abitanti, con capoluogo Reggio Calabria. Costituisce la punta dello stivale italiano,

Dettagli

GIORNATA DELLA MEMORIA 25 GENNAIO 2013

GIORNATA DELLA MEMORIA 25 GENNAIO 2013 GIORNATA DELLA MEMORIA 25 GENNAIO 2013 RACCONTIAMO DI LUOGHI E DI FATTI CHE NON DEVONO ESSERE DIMENTICATI RICORDIAMO COLORO CHE HANNO AVUTO IL CORAGGIO DI SCEGLIERE IL BENE Classe v Scuola Primaria di

Dettagli

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa).

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa). L età comunale può essere suddivisa in due periodi: 1. periodod affermazione daffermazione(da metà XII secolo agli inizi del Trecento); 2. periodo di crisi (dai primi decenni del Trecento al 1378 circa).

Dettagli

die Mauer il Muro 1961-2015 MOstra fotografica di Paolo BAlboni

die Mauer il Muro 1961-2015 MOstra fotografica di Paolo BAlboni die 1 9 6 1-2 0 1 5 Mauer il Muro 1961-2015 MOstra fotografica di Paolo BAlboni Die Mauer 1961-2015 A venticinque anni dalla sua caduta, il Muro di Berlino è oggi la più grande opera d arte collettiva

Dettagli

"Luoghi non comuni: Taceno e Parlasco tra leggende e storie"

Luoghi non comuni: Taceno e Parlasco tra leggende e storie "Luoghi non comuni: Taceno e Parlasco tra leggende e storie" STORIA DEL PROGETTO Il progetto denominato Luoghi non comuni: Taceno e Parlasco tra leggende e storie, inserito nel programma di sviluppo del

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno

Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno Il periodo storico che viene trattato in questa unità didattica va dagli inizi del V secolo a.c. alla fine del I secolo a.c. e riguarda la Grecia, la Macedonia

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

Società Dante Alighieri B E R L I N

Società Dante Alighieri B E R L I N SOCIETA DANTE ALIGHIERI E. V. Gesellschaft für italienische Sprache und Kultur Nollendorfstraße 24 10777 Berlin +49 (0)30-883 14 01 info@societadanteberlin.eu OGGETTO: Conferenza dal titolo La diffusione

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

Trento, novembre 2015. Alessandro Franceschini

Trento, novembre 2015. Alessandro Franceschini La storia delle città è molto spesso una storia di lente stratificazioni e l immagine che oggi abbiamo di esse non è altro che l ultima, provvisoria, tappa di un lungo lavoro di costruzione e ricostruzione.

Dettagli

FONDO NINA HARKEVITCH

FONDO NINA HARKEVITCH ARCHIVIO PER LA MEMORIA E LA SCRITTURA DELLE DONNE ALESSANDRA CONTINI BONACOSSI Archivio Contemporaneo "Alessandro Bonsanti" del Gabinetto G. P. Vieusseux FONDO NINA HARKEVITCH Censimento a cura di Beatrice

Dettagli

L esperienza del Laboratorio

L esperienza del Laboratorio L esperienza del Laboratorio Abbiamo iniziato i primi incontri nella saletta di lettura della vecchia biblioteca del Comune, vicino alle scuole di Fabro scalo, nell aprile 2004. Ci si riuniva la sera dopo

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

TECNICHE MULTIMEDIALI PER LA

TECNICHE MULTIMEDIALI PER LA TECNICHE MULTIMEDIALI PER LA DOCUMENTAZIONE E NARRAZIONE DEL PAESAGGIO. ALCUNE OPPORTUNITÀ DEL WEB. A cura di Roberta Di Fabio e Alessandra Carfagna roberta.difabio@hotmail.it alessandra.carfagna@email.it

Dettagli

GRUPPO DI EBREI ADOTTATI

GRUPPO DI EBREI ADOTTATI GRUPPO DI EBREI ADOTTATI Il 15 giugno 2009, pranzai presso la Villa Immacolata a Torreglia (PD), nello stesso tavolo con la signora Alberoni Angelina detta Imelda di Vigodarzere. In quella circostanza

Dettagli

La colonizzazione greca e le sue conseguenze

La colonizzazione greca e le sue conseguenze Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La colonizzazione greca e le sue conseguenze

Dettagli

Disse messere Orlando a santo Francesco: «Io ho in Toscana uno monte divotissimo il quale si chiama il monte della Vernia, lo quale è molto solitario

Disse messere Orlando a santo Francesco: «Io ho in Toscana uno monte divotissimo il quale si chiama il monte della Vernia, lo quale è molto solitario Itinerario Disse messere Orlando a santo Francesco: «Io ho in Toscana uno monte divotissimo il quale si chiama il monte della Vernia, lo quale è molto solitario e salvatico ed è troppo bene atto a chi

Dettagli

Augurando una positiva conclusione dell anno scolastico, porgiamo distinti saluti. Per l Associazione Euro Diracca

Augurando una positiva conclusione dell anno scolastico, porgiamo distinti saluti. Per l Associazione Euro Diracca Spett. DIRIGENTI SCOLASTICI COLLEGI DOCENTI della SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO di San Daniele del Friuli OGGETTO: proposta di attività di didattica

Dettagli

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern Il re prussiano Federico II salì al trono nel 1740 alla giovane età di 28 anni.. sotto il suo regno la Prussia diventò la quinta potenza europea per importanza, fu un politico eccezionale, un guerriero,

Dettagli

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari La vita Le scoperte Le conseguenze delle sue teorie La vita Un ritratto di Darwin da giovane Charles Darwin nacque nel 1809 in Inghilterra da una famiglia colta e portata

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

Intervista a Stefan Di Kun_Tiqi Surfboards

Intervista a Stefan Di Kun_Tiqi Surfboards Intervista a Stefan Di Kun_Tiqi Surfboards Abbiamo fatto due chiacchiere con Stefan, shaper tedesco trasferitosi da qualche anno in Cantabria, dove ha aperto il primo laboratorio-negozio europeo che produce

Dettagli

La Movida. Richiesta partecipazione al progetto Travel game, la cultura della lettura

La Movida. Richiesta partecipazione al progetto Travel game, la cultura della lettura Alla C.A. del dirigente scolastico Richiesta partecipazione al progetto Travel game, la cultura della lettura Da realizzarsi nel corso dell anno scolastico 2013-2014 Foto di gruppo Salone internazionale

Dettagli

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di La popolazione Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di trasformare il cibo in lavoro. Data l

Dettagli

Programma D'Area - L.R. 19 agosto 1996 N 30 Piano di Recupero di Iniziativa Pubblica del Complesso dell'arcispedale Sant'Anna

Programma D'Area - L.R. 19 agosto 1996 N 30 Piano di Recupero di Iniziativa Pubblica del Complesso dell'arcispedale Sant'Anna 1949 Planimetria generale dell Arcispedale S. Anna Padiglione della divisione oculistica Adriana Ascoli (1948-1949) Tra il 1948 e il 1949 fu costruito il padiglione della divisione oculistica. Progettato

Dettagli

Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung

Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung Fabio Efficace Psicologo-Associazione Medica Italiana per lo Studio dell ipnosi INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria, n 38-39, settembre

Dettagli

CASA BURGOLO Giubiasco

CASA BURGOLO Giubiasco Residenza CASA BURGOLO Giubiasco Per informazioni, riservazioni e vendita / Für Informationen, Reservierungen und Verkauf IMMOBILIARE MAZZOLENI ROBERTO SA Immobiliare Mazzoleni Roberto SA Via Stazione

Dettagli

L età delle scoperte geografiche

L età delle scoperte geografiche L età delle scoperte geografiche L Europa medievale si concentrava nell area del mar Mediterraneo. Per gli antichi l Oceano Atlantico era il simbolo della fine del mondo, l estremo limite oltre il quale

Dettagli

Rapporto sulle economie del Mediterraneo EDIZIONE 2008

Rapporto sulle economie del Mediterraneo EDIZIONE 2008 Rapporto sulle economie del Mediterraneo EDIZIONE 2008 a cura di Paolo Malanima 1 Rapporto sulle economie del Mediterraneo Edizione 2008 a cura di Paolo Malanima 2 Indice Introduzione, di Paolo Malanima

Dettagli

Rivista Calabrese di Storia del 900 1, 2011, pp. 49-58. Foto dall Impero: la guerra d Etiopia tra quotidianità e repressione. di Giuseppe Ferraro

Rivista Calabrese di Storia del 900 1, 2011, pp. 49-58. Foto dall Impero: la guerra d Etiopia tra quotidianità e repressione. di Giuseppe Ferraro Rivista Calabrese di Storia del 900 1, 2011, pp. 49-58 STUDI E RICECHE Foto dall Impero: la guerra d Etiopia tra quotidianità e repressione di Giuseppe Ferraro Le fotografie di seguito pubblicate 1 riguardano

Dettagli

NUOVI SCAFFALI IN BIBLIOTECA

NUOVI SCAFFALI IN BIBLIOTECA NUOVI SCAFFALI IN BIBLIOTECA Sono arrivati in Biblioteca quindici armadi, grandi e piccoli, nei quali potrà essere sistemata in modo razionale, la grande quantità di riviste ed annuari, sia antichi che

Dettagli

E quindi un emorragia di cervelli

E quindi un emorragia di cervelli Intervistato: Angelo Colaiacovo, Sindaco di Aliano Soggetto: prospettive per i giovani, Parco Letterario Carlo Levi, vivibilità di Aliano Luogo e data dell intervista: Aliano, agosto 2007 Audio file: Colaiacovo_2

Dettagli

I Musei dell Educazione nel mondo

I Musei dell Educazione nel mondo I Musei dell Educazione nel mondo Per conoscere la diffusione dei Musei Virtuali dell Educazione nel mondo è stata condotta un analisi sulle tipologie di modelli di musei dell educazione virtuali. Questo

Dettagli

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1 di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) San Paolo Albanese Le sue origini sono antiche. Dominio dello stato di Noia (l odierna Noepoli) per molto tempo, tra il 1526 e il 1534 fu popolato dai

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli