Casa di Carlo Goldoni _ La Casa del suo Teatro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Casa di Carlo Goldoni _ La Casa del suo Teatro"

Transcript

1 Italiano Casa di Carlo Goldoni _ La Casa del suo Teatro Booklet di accompagnamento alla visita del museo Si prega di restituire questo booklet a conclusione della visita

2 Statira dramma per musica del dottor Carlo Goldoni, Venezia, Frontespizio dell edizione Pitteri _! Il Servitore di due padroni. Commedia di tre atti in prosa, Venezia, _! 2

3 La vita di Carlo Goldoni La vita di Carlo Goldoni si sviluppa tra Venezia ove nasce nel 1707, a Ca Centanni e Parigi, dove muore nel Ragazzino dotato di ingegno non comune, manifesta da subito la sua passione per il teatro, così che prestissimo lo troviamo intento a giocare con piccoli teatrini di marionette e, bimbo di appena otto anni, a comporre un suo primo canovaccio teatrale. Le vicende famigliari lo portano spesso a viaggiare per l Italia: Perugia, Rimini, Modena, Milano Sarà anche coinvolto in schermaglie militari e in fatti bellici veri e propri. Dopo varie peripezie tra istitutori e collegi, consegue infine, a Padova, la laurea in giurisprudenza nel Sarà aiuto cancelliere e avvocato, quindi console di Genova in Venezia. Nessuna di queste professioni lo attrae, il suo pensiero e il suo tempo sono sempre rivolti a saziare la sua fame di teatro. Legge voracemente gli autori teatrali italiani e stranieri, compone piecés di vario genere (libretti per opere in musica, tragicommedie, drammi, tragedie, satire e intermezzi, poesie). Entra in contatto diretto con il mondo del teatro: impresari, autori, attori e amorose, servette, maschere, organizzatori; dal 1734 al 1743 è al servizio dei Grimani per il teatro di S. Samuele. Nel 1747 conosce l impresario teatrale Gerolamo Medebach con il quale firma un contratto per il teatro di S. Angelo. Inizia così la sua azione di riforma del teatro italiano; le sue commedie non saranno più intrecci di maniera ma veri e moderni testi teatrali completamente scritti, con le varie parti definite e assegnate, battuta per battuta. Non più scurrilità e intrecci cervellotici, non più battute di repertorio, poche o nessuna maschera: nasce il teatro illuminista e borghese, moderno. Nel 1750 Goldoni si impegna in una sorta di sfida temeraria, comporre in una sola stagione ben 16 commedie nuove. Se pure al prezzo di una profonda depressione, Goldoni riesce nell impresa e tra le nuove opere vi sono anche alcuni capolavori come La bottega del caffè. Negli stessi mesi scrive La famiglia dell antiquario, Il teatro comico, Il Bugiardo. Si susseguono nel decennio successivo opere fondamentali come Il Campiello, La locandiera, Le donne curiose, La casa nova, I Rusteghi, Sior Todero brontolon, Le baruffe chiozzotte (1762 ). E nel 1753 che passa al teatro di S. Luca, proprietà di Francesco Vendramin. Oggetto del suo teatro è oramai quasi esclusivamente il mondo borghese, il nuovo e sempre più caratterizzato strato sociale che ha via via soppiantato per dinamismo, capacità imprenditoriale, sensibilità culturale, gusto della modernità la vecchia nobiltà tradizionale. 3

4 !

5 Chiamato a Parigi al Théâtre-Italien, Goldoni prima di lasciare Venezia scrive Una delle ultime sere di carnovale una sorta di struggente commiato dalla sua città. Giunge a Parigi nel novembre del 1762; qui vivrà un ultima stagione di attività e di successi vivendo tra Parigi e Versailles. Nel 1771 si dedica alla stesura dei Mémoires, autobiografia ironica e gustosa, di spirito distaccato e colto. Muore a Parigi il 6 febbraio 1793 in totale povertà. L opera teatrale goldoniana consta di cinque tragedie, sedici tragicommedie, centotrentasette commedie, cui sono da aggiungere, a servizio della musica, due azioni sacre, venti intermezzi, tredici drammi, quarantanove drammi giocosi, tre farse e cinquantasette scenari. Mémoires de M. Goldoni. Tome premier, Parigi, Antiporta e frontespizio,libraire Duchesne _!! 5

6 Ca Centani, prospetto sulla calle Centani _! Ca Centani, prospetto sul rio di San Tomà _! Ca Centani, sezione longitudinale _ 6!

7 Ca Centani: la casa dove Carlo Goldoni nacque piano terra Je suis né à Venise, l an 1707, dans une grande et belle maison, située entre le pont de Nomboli et celui de Donna onesta, au coin de rue de Ca Centanni, sur le paroisse de S. Thomas [Sono nato a Venezia, nel 1707, in una grande e bella casa, situata tra il ponte dei Nomboli e quello della Donna onesta, all angolo della calle di Ca Centanni, nella parrocchia di San Tomà]. Così l ottantenne Carlo Goldoni ormai a Parigi da venticinque anni ricorda la sua casa natale, in apertura dei Mémoires. Ca Centani, o Centanni, meglio conosciuta come la Casa di Carlo Goldoni, fu eretta nel XV secolo. Si tratta di un tipico palazzo gotico di non eccessiva dimensione ma che presenta ancora oggi nonostante le svariate ristrutturazioni, l impianto e gli elementi tipici dell architettura civile veneziana tra la fine XIV e l esordio del XV secolo. La facciata del palazzo, estesa e ben equilibrata, si piega a seguire l andamento dello stretto rio su cui si affaccia. Elemento dominante è la bella quadrifora dalle colonne sottili e dagli archi inflessi in corrispondenza del piano nobile. Il piano terreno, cui una tipica pavimentazione in cotto dà all insieme un aspetto gradevolmente arcaico e policromo, è costituito dall androne porticato verso la riva d acqua e dalla suggestiva corte con scala scoperta che poggia su archi acuti digradanti, con balaustra in pietra d Istria a semplici pilastrini cilindrici, leoncino e pigne. I piani superiori, presentano un saloncino passante (il tradizionale portego delle case veneziane) su cui s affacciano gli altri ambienti della casa; ma l irregolarità della pianta ha tolto in parte la funzione di asse mediano che quasi sempre ha il portego in questo genere di edilizia. Proprietà della famiglia Rizzi (sul pozzo presente nella corte si può vedere scolpito un riccio che spicca nell insegna di famiglia) il palazzo fu affittato ai Zentani o Centani, da cui prese la futura denominazione, ospitando anche una fiorente Accademia artistico-letteraria. Verso la fine del 600 vi si stabilì il nonno paterno di Carlo Goldoni, Carlo Alessandro, notaio di origine modenese. La famiglia Goldoni rimase in questa casa, in cui Carlo nacque il 25 febbraio 1707, fino al Nel 1931, Ca Centani fu donata al Comune di Venezia affinchè fosse restaurata e destinata a museo goldoniano e centro di studi teatrali. (da Casa di Carlo Goldoni Marsilio 2001) 7

8 ! Anonimo, XVIII secolo. Veduta del Teatro di San Giovanni Grisostomo. Incisione, Venezia, Museo Correr _ Ludovico Ughi, Pianta topografica della città di Venezia, 1729 _! Francesco Guardi, Cena e ballo al Teatro di San Beneto _! 8

9 Il Tavoliere Nel portego del piano terra, vicino alla porta d acqua, su di un tavoliere da gioco didattico è stata applicata una riproduzione della pianta topografica di Lodovico Ughi (1729). Si tratta del più dettagliato documento cartografico che rappresenti le condizioni urbanistiche della Venezia settecentesca: su di essa sono stati evidenziati sia gli spazi in cui furono ubicate le varie dimore cittadine in cui visse Goldoni, sia quelli su cui sorgevano i molteplici edifici che, ancora nel settecento, facevano di Venezia una delle capitali della civiltà teatrale europea. Le case abitate da Carlo Goldoni Della sua longeva esistenza, Carlo Goldoni trascorse a Venezia solo una trentina di anni, per di più frammentati in un periodo che si articola dal 1707 al 1762, anno in cui lasciò Venezia e partì per Parigi. Almeno nove furono le dimore in cui si ritrovò a scandire, in tempi e modi diversi, la sua vita veneziana. I Teatri al tempo di Carlo Goldoni Venezia vive nel corso del Settecento un animata stagione di novità e di assestamenti nella sua dotazione di strutture teatrali. Se alcune sale per spettacoli vengono chiuse perché superate o inadeguate, altre ne vengono inaugurate; i teatri più importanti conoscono rifabbriche, aggiornamenti e nuove decorazioni. Nell età di Goldoni la città poteva contare ancora su una quindicina di teatri, che impegnavano autori, attori, cantanti, musicisti, scenografi protagonisti dell offerta spettacolare in una produzione intensa, sia sotto il profilo della quantità che della varietà. (da Casa di Carlo Goldoni Marsilio 2001) 9

10 Casa di Carlo Goldoni. Portego _ 10

11 Sette esercizi di meditazione per la Casa di Carlo Goldoni Tiziano Scarpa Attraversare le stanze in cui Carlo Goldoni venne al mondo e crebbe è un esperienza speciale. Un esperienza interiore, sommessa, affidata alla vostra capacità di attenzione e meditazione, e, allo stesso tempo, percorsa da un brusio impossibile da zittire. Ecco alcuni suggerimenti per visitare pensosamente questa casa. Primo esercizio: la folla Fra commedie, tragedie, tragicommedie, intermezzi, azioni sacre, drammi musicali, drammi giocosi e scenari, Goldoni scrisse circa trecento testi teatrali. Moltiplicateli per una decina di personaggi ciascuno, e avrete l idea della folla di fantasmi da cui fu abitata la sua vita. Riuscite a immaginarli, riuniti tutti insieme? Riuscite a vederli? Riempirebbero una piazza, una platea enorme, un centro congressi, un palazzetto dello sport. Adesso provate ad accatastarli dentro queste stanze, stipati uno sopra l altro, fino al soffitto, tutti insieme, ciascuno con la sua voce, i suoi desideri, le sue angosce, le sue pretese, i suoi reclami, e cercate di non impazzire. Secondo esercizio: il combattimento Carlo Goldoni è stato assalito da migliaia di personaggi, di caratteri, di mentalità, di inflessioni: un mostro dalle mille voci che avrebbe potuto far perdere la testa a chiunque. Questa bestia a mille teste ha un nome: si chiama Gli Altri. Goldoni ha affrontato Gli Altri uno per uno, entrando nel carattere di ciascuno, diventando tutti e il loro contrario: il vecchio parsimonioso e il giovane scapestrato, la vedova passionale e la ragazza cinica, il professionista assennato e il truffatore sovversivo... Immaginate Goldoni che cerca di respingere l assalto di Tutti Quanti. I fantasmi si sprigionano nella sua mente, nella sua stanza, nella sua pagina, lui li combatte singolarmente, a gruppi di due, tre, quattro, scena dopo scena, li ascolta, li inchiostra, li assorbe, li sgomina. Terzo esercizio: l immaginazione Da dove vengono i fantasmi? L allestimento di questo museo vi aiuta nella più difficile, ma anche nella più affascinante di queste meditazioni: immaginare l immaginazione di Carlo Goldoni. Guardate l arredamento. Prestate attenzione ai mobili. Questo tavolo da gioco, questa scrivania, questa dormeuse, questo paravento, questa sala da pranzo, questo tavolo, questa console, questo cassettone... Sembrano innocui attrezzi di scena. 11

12 Di solito, siamo abituati a considerarli delle scenografie, cioè quasi delle protesi dei personaggi, oggetti-satelliti che dipendono da loro. Invece sono le sorgenti dei personaggi: sono macchine produttrici di fantasmi. Immaginate lo sguardo di Goldoni che si fissa su questa sedia, sul ripiano di questa scrivania dove è poggiato quasi per caso un fascio di documenti... Da quella mobilia inerte, da quegli esseri di legno e stoffa acquattati in casa, a poco a poco sgorga una visione, una figura reclama le sue ragioni, la scrivania sta secernendo un uomo indaffarato, è un avvocato in pena, mette da parte i documenti che stava esaminando, ha bisogno di una pausa, da qualche giorno difende un cliente ma si rende conto di essersi innamorato della controparte: la sua perplessità gli dà spessore, ecco che il fantasma sta prendendo corpo... Goldoni si volta dall altra parte e vede una scacchiera, dei dadi, una sedia. Anche quel mobile emana un alone, esala una sagoma, e anch essa non si accontenta di apparire, vuole una motivazione d esistenza, è un giocatore d azzardo che combatte contro la sua coscienza e trova facilmente un sistema per abbindolarla, ma facendo questo si fonda, si realizza: il fantasma comincia a respirare, si muove... Quarto esercizio: gli spifferi Ponete mente a due piccoli particolari. Nella stanza del teatrino di marionette, troverete sulla parete a sinistra una finestrella minuscola, che dirige il vostro sguardo, lo dispone in asse con la stretta calle che conduce all ingresso stradale di casa. Invece, nel pavimento del portego, presso la dormeuse, c è un ingegnoso tombino visivo, da cui si teneva sotto controllo il piano inferiore, sorvegliando l ingresso sul canale, la porta acquea del palazzo. Sono sguardi-cannocchiali, occhiate verticali, sprofondamenti degli occhi. Sembrano sistemi per tenere gli altri sotto sorveglianza, ma sono feritoie da cui entrano le correnti d aria: la visione si insinua dentro casa, trabocca dentro, dai muri, da sotto i piedi, sprizza con tanta più forza quanto più sono ristrette le sue imboccature. Sono gli spifferi dell immaginazione. Quinto esercizio: la situazione I dipinti di scuola longhiana mostrano alcuni possibili equivalenti pittorici del teatro goldoniano. Non certo per la loro staticità. I personaggi di Goldoni non sono così rigidi. Animosi, ciarlieri, scomposti, conflittuali, infuriati, sono lontani parenti di queste figurine paralizzate sulla tela. Ma c è una cosa che Goldoni e i longhiani hanno in comune: la situazione, il vincolo fortissimo fra le persone e il loro posto. Carlo Goldoni situa: non perché prende i personaggi e li colloca in un luogo, ma, al contrario, perché prende un luogo e ne fa sbocciare dei personaggi. Guarda le caratteristiche di un luogo, le ascolta, ne vede scaturire dei fantasmi: da una cucina, da una camera, da un tavolo, come in questi dipinti. I personaggi sono conficcati, radicati nel loro luogo, come piante. Sono condannati a esso. Sono perfettamente pertinenti a quella stanza, a quel campiello, a quella locanda. Finché non arriva qualcuno che non combacia più con il posto che gli era stato assegnato, e smania, sovverte, porta in sé il vento dell altrove, facendo irrompere la prossima generazione, l autonomia femminile, il futuro. 12

13 Sesto esercizio: il dominio Nelle sue memorie, Goldoni racconta di avere giocato con le marionette, da piccolo, in un teatrino fatto costruire da suo padre, in questa casa. Il padre gli ha consegnato un dispositivo di dominio, un attrezzo per esercitarsi a manovrare le persone. Come t insegna a dominare gli altri, un teatrino di marionette? In tre modi: rimpicciolendoli, muovendoli dall alto, dando loro voce. È lo sguardo in basso, dal tombino del pavimento, dritto come un filo a piombo, che spia e allo stesso tempo governa. È la marionetta che fa da portavoce al marionettista, finché un giorno lo lascia a bocca aperta mettendosi a parlare da sola. È il filo che dirige i corpi ma allo stesso tempo li regge in piedi. È il filo che dà al marionettista l ebbrezza del dominio e allo stesso tempo lo ammanetta per sempre ai suoi personaggi. Settimo esercizio: l ospite La sua faccia. La versione domestica, la versione ufficiale. La berretta inoffensiva, la parrucca da cerimonia. Il copricapo che si è scelto, e quello che gli ha messo addosso la società. La versione da scrittore, la versione da personaggio. Uno ha generato l altro: lo scrittore ha generato il personaggio, il personaggio ha generato lo scrittore, e tutti e due si sono smentiti a vicenda. Lo sguardo è sereno, guance e mento sono tondeggianti, pochi gli spigoli, tutto è morbido e affabile. Lo si inviterebbe a cena volentieri. Nessuna diffidenza nel lasciar entrare quest uomo in casa propria. E invece vi metterà a nudo in due battute, vi annienterà ficcandovi in una scena, vi ridicolizzerà, vi mostrerà chi siete davvero... Ma il doppio ritratto indica che visitatore e padrone di casa sono la stessa persona. Carlo Goldoni ha accolto in casa sua l ospite più pericoloso: Carlo Goldoni. _ Tiziano Scarpa è nato a Venezia nel Molte biografie lo descrivono come un autore eclettico, ma noi diremo che è soprattutto e «soltanto» un artista. Il suo romanzo più conosciuto è Stabat Mater (2008, premio Strega 2009): è una storia ambientata agli inizi del Settecento nell antico Ospitale della Pietà, in cui Antonio Vivaldi componeva musica per le ragazze orfane. Molto diffusa in Italia e all estero è la guida Venezia è un pesce (2000), in cui Scarpa descrive la sua città attraverso le sensazioni che si provano con le mani, i piedi, gli occhi, il naso, la bocca, il cuore. Autore di testi teatrali, programmi radiofonici, poesie, protagonista di letture sceniche a teatro: chi meglio di lui, che nelle sue pagine ha incontrato Vivaldi, Goldoni, Leopardi, oggi, può cogliere il nuovo spirito della casa di Carlo Goldoni? Da ricordare inoltre, Cosa voglio da te (Einaudi 2003), Corpo (Einaudi 2004 e 2011), Groppi d amore nella scuraglia (Einaudi 2005 e 2010), Amami (Mondadori 2007), Comuni mortali (Effigie 2007), L infinito (Einaudi 2011). 13

14 La conversazione! primo piano Goldoni, in questo dramma giocoso per musica, ci descrive la conversazione, in casa di madama Lindora, dove si ride, si scherza, si grida, si litiga e soprattutto si gioca e si balla. L azione è poca cosa ma le scene corrono via svelte, argute, naturali e, per la sceneggiatura, questo è una delle sue migliori composizioni del genere. L autore comincia a farci sorridere fin dai primi versi, celebrando la cioccolata di cui è ghiotto, e ci fa ritrovare tanti personaggi godibili: monsieur Giacinto, viaggiatore affettato, che usa a sproposito mille linguaggi, le macchiette di don Fabio, nobile spiantato e di Sandrino, ricco plebeo, pronto a vantare e sprecare il suo denaro in ogni sorta di gioco in uso all epoca. Colpisce il carattere di madama Lindora, anche se stupisce che una così gaia vedovella si adatti poi a sposare il ridicolo viaggiatore: convince di più lo spirito indipendente di Lucrezia e anche le scene serie dell amore timido e geloso di Filiberto e Berenice non stonano più di tanto nell insieme giocoso della vicenda. Musicato dal maestro vicentino Giuseppe Scolari, il dramma fu portato in scena al teatro di S. Samuele nel carnevale 1758 e ne furono interpreti alcuni fra i migliori artisti italiani nel genere buffo. L Isola scenica qui rappresentata è ispirata all Atto primo Scena XIV Don Fabio arriva a scroccare l ennesimo pranzo in casa di Madama Lindora, che viene però differito da Lucrezia che invita tutti gli ospiti presenti a divertirsi con qualche gioco. La discussione sulla scelta del più gradito a tutti ci offre uno spaccato sia degli usi che dei divertimenti in voga all epoca. La scena è molto godibile, in quanto, oltre a descrivere con dovizia di particolari, i giochi alla moda mette in risalto e alla berlina tutti i caratteri dei protagonisti. 14

15

16

17 Tavolino per il gioco del biribisso, poggia su quattro gambe troncopiramidali strozzate sotto il piano e rastremate ed è dotato di un cassetto. Il piano, rettangolare e a libro, è decorato con laccatura a fondo rosso cupo, cui sono applicate a decupage, sul piano e lungo le gambe delle stampine ritagliate, colorate e verniciate. Seconda metà del settecento. Il biribiss, biribisse, biribissi, biribisso: questi sono le varianti con le quali era conosciuto un gioco, anch esso di puro azzardo, dove l abilità del giocatore non era assolutamente richiesta, che ha avuto notevoli punte di diffusione anche a Venezia. Il gioco è molto semplice ed è costituito da un apposito tavoliere suddiviso in un certo numero di caselle, di quantità variabile ma che spesso corrisponde a trentasei; queste caselle sono numerate e recano pure una caratteristica figura che le contraddistingue. A queste caselle corrispondono altrettante palline di legno, per lo più forate, per garantire la massima segretezza, all interno delle quali trovavano posto dei bigliettini riportanti ognuno, numero e figura di tutti quelli riportati nel tavoliere. L iconografia legata a questo gioco è normalmente indirizzata al campo degli animali, dei frutti, delle maschere, degli uccelli, dei fiori. Inserite tutte le palle all interno di un sacchetto, colui che tiene banco procede all estrazione e dopo averne estratta una, ad alta voce proclama numero e figura. Il vincitore sarà la persona che avrà posto una propria somma di denaro sulla casella corrispondente alla figura vincitrice. Il numero dei giocatori può essere illimitato. Sedie di legno intagliato, laccato in verde oliva con decorazioni floreali verdi e gialle e filettature rosse. Lo schienale è a giorno, con cartella centrale a tre fenditure verticali. Sedile imbottito con fascia sottostante ondulata con motivi a rosette rosse entro i dadi angolari; gambe troncopiramidali. Tardo settecento. Piccole specchiere dorate prive dei braccioli porta candela. Candelieri in peltro con candele. Piccolo tavolino in noce con piano rettangolare ad angoli arrotondati. Quattro gambe a lieve voluta

18 L avvocato veneziano! primo piano Con L avvocato veneziano, commedia rappresentata nella stagione teatrale , il Goldoni, non immemore della professione da lui esercitata a Pisa, porta sulla scena, in contrasto con la tradizione teatrale che rappresentava gli uomini di legge come cavillosi e intriganti, il carattere positivo di un avvocato veneziano. Scrive nella Prefazione: era ben giusto che all onoratissima mia professione dar procurassi quel risalto, che giustamente le si conviene. L avvocato Alberto Casaboni difende Florindo in una causa contro Rosaura e, conosciuta la sua avversaria, se ne innamora. Di qui una lotta fra il dovere e la passione che termina con il trionfo di entrambi: Rosaura perderà la causa ma troverà in Alberto un marito appassionato e onesto. La commedia ebbe un notevole successo e fu portata anche all estero. L Isola scenica qui rappresentata è ispirata all Atto primo Scena prima Alberto Casaboni, avvocato veneziano, è alla scrivania intento ad esaminare con grande concentrazione la causa nella quale deve difendere Florindo contro Rosaura, cliente del dottor Balanzoni. Egli prova già per la giovane, che ha visto casualmente al balcone, un tenero sentimento. L amico Lelio che arriva in visita, cerca di distrarlo da tanto lavoro invitandolo ad una conversazione in casa di Beatrice. Ma Alberto ligio al dovere tenta di declinare l invito, procrastinando i divertimenti una volta trattata la causa 18

19

20

21 Scrivania impiallacciata in radica di noce con apertura centrale per le gambe e serie di tre cassetti laterali. Un tiretto centrale superiore nasconde tre ripostigli interni. Bombatura nella parte esterna. Filettature intarsiate. Piedini a voluta ricurva. Ambito veneto; Poltroncine con schienale traforato ondulato e intagliato con motivo a otto nella cartella centrale. Braccioli sagomati terminanti a ricciolo. Sedile imbottito. Gambe anteriori a lieve voluta e traversa ad H. Ambito veneto; seconda metà del settecento. Ritratto di Carlo Goldoni: dipinto, olio su tela di Falca Alessandro detto Longhi. Ambito veneto; Specchiere in legno dorato a braccioli; porta candela. Abito: vestaglia maschile da camera. Veste da scena: panno ricamato con fili policromi sec. XX. Collezione Martinuzzi. 21

22 La donna di garbo! primo piano Amata dal Goldoni nonostante i suoi difetti «perché scritta fin dal principio per intero», La donna di garbo fu composta in occasione del carnevale del 1743 e rappresentata al teatro San Samuele di Venezia. La protagonista è Rosaura, donna che con le armi e le astuzie femminili vede trionfare le proprie ragioni sul sesso maschile e sui pregiudizi di classe, tanto radicati a quel tempo. Argomenti che il Goldoni riprenderà in seguito più volte nelle sue commedie. L Isola scenica qui rappresentata è ispirata all Atto Terzo Scena VI In casa del Dottore, Brighella fa accomodar il tavolino e le sedie dai servitori per l accademia. Arlecchino credendo vi si mangi, s asconde sotto il tavolino L immagine riprodotta a parete che evoca la scena sopracitata è presente nel tomo IX, Edizione Pasquali (1761) delle Commedie di Carlo Goldoni avvocato veneto 22

23

24

25 Tavolino ricoperto da un drappo con sopra fogli di carta sparsi. Da sotto il tavolino sbuca la maschera di Arlecchino e il suo copricapo. 25

26 La figlia obbediente! primo piano Commedia in tre atti, rappresentata la prima volta nel 1752, in cui abbondano le concessioni romanzesche care ai gusti del pubblico del tempo. Florindo, figlio di un mercante livornese, ama Rosaura figlia di Pantalone ma, quando il padre suo gli dà il permesso di sposarla, essa è già stata promessa da Pantalone al ricco e bizzarro conte Ottavio. Il dramma di Florindo si intreccia all accorata e sofferta sottomissione di Rosaura agli impegni che suo padre a preso con il Conte Ottavio. Anche Pantalone a sua volta soffre nel vedere sacrificata la figlia. Sullo sfondo vivono le vicende di Brighella, padre in qualche modo degenere che si è arricchito con i soldi che provengono dai successi della figlia Olivetta che fa la ballerina e alla quale il servo ruberà ogni bene, ma che verrà fatto acciuffare dal conte Ottavio. Dopo varie peripezie il Conte Ottavio si deciderà a rinunciare a Rosaura, che potrà finalmente sposare il suo amato Florindo. L Isola scenica qui rappresentata è ispirata all Atto secondo Scena IV, V e VI Rosaura, che deve assecondare il volere del padre che l ha promessa in sposa al conte Ottavio, decide di informare il suo innamorato Florindo che obbedirà al mio genitore la mano, sopra di cui ha egli l autorità e l arbitrio; ma non il mio cuore, il quale non è in istato di obbedire né a lui, né alla mia ragione, né alla mia volontà. Sì, è tuo questo cuore, caro il mio adorato Florindo. Ma come fare a consegnare la lettera all innamorato? Ci pensa l amica Beatrice che conduce Florindo proprio nella stanza di Rosaura. I due innamorati che si parlano e si promettono eterno amore, resisteranno agli imprudenti suggerimenti di Beatrice che li spinge ad un matrimonio di contrabbando. Ma giunge improvvisamente Pantalone sorprendendoli, tutti restano ammutoliti. Rosaura abbassa gli occhi; Florindo si cava il cappello e rimane confuso; Beatrice va dimenando il capo; finalmente Pantalone fissa gli occhi a Rosaura, e dice:... L immagine riprodotta a parete che evoca la scena sopracitata è presente nel tomo VIII, Edizione Pasquali (1761) delle Commedie di Carlo Goldoni avvocato veneto. 26

27

28

29 Tavolino o console con piano rettangolare ad angoli smussati, in legno ricurvo intagliato con motivi a pettine, a conchiglia e fitomorfi stilizzati. Quattro gambe ricurve terminanti in piedi a capriolo. Poltrona XVIII secolo Calamaio con penna d oca e fogli di carta da lettere, lettera A parete Ritratto di Carlo Goldoni con berretto, Giambattista Piazzetta Marco Alvise Pitteri, incisione, 1754 Questo ritratto risale ai primissimi mesi del 1754, come si ricava dalla lettera datata 17 luglio 1754, inviata dal Goldoni a Marco Pitteri. In questa lettera il commediografo esprime il suo vivissimo apprezzamento per l opera, ringraziando il Pitteri per l amorosa cura di eternarmi davvero coll eccellente opera delle sue mani e dandone anche una prima valutazione critica: Bizzarra è l invenzione del berrettino e de naturali capelli, che rendono più costante la somiglianza. L intaglio poi è di tal valore, che farà passare quest altra opera sua fra le più stimate della sua mano. E in effetti, l incisione è di altissima qualità, caratterizzata da una notevole vivacità e freschezza d intaglio, soprattutto resa più viva dall informale berretto che conferisce all allora quarantasettenne Goldoni un aria gioviale e giovanile. Purtroppo di quest incisione furono tirati pochi esemplari, perché il Pitteri quasi subito modificò il rame, sostituendo al berretto la parrucca (Filippo Pedrocco). Ritratto di Carlo Goldoni con parrucca, Giambattista Piazzetta Marco Alvise Pitteri, incisione, 1754 E in effetti un secondo stato del ritratto con berretto, dove appunto al berretto viene sostituira la più formale parrucca. I motivi che spinsero il Pitteri a questa variazione non sono chiari; l ipotesi più credibile è quella del Bottari che pensa che l iniziativa del rifacimento sia stata presa autonomamente dal Pitteri per avere cambiato parere, forse volendo evitare di uscire da quelli che erano i canoni della ritrattistica aulica dell epoca. L effetto della sostituzione del berretto peggiora, in parte, la qualità dell incisione, sia per la non felice esecuzione della parte rinnovata, soprattutto nel particolare dell attaccatura della parrucca alla fronte, sia perché in generale il ritratto perde in freschezza, per assumere un tono più formale, forse meno in sintonia con la personalità del Goldoni (Filippo Pedrocco). 29

30 La finta ammalata! primo piano Presentata con successo durante il carnevale del 1751 con il titolo Lo speziale, o sia la finta ammalata, questa commedia si confronta con il tema comico del malato immaginario, ricorrente nella tradizione teatrale. Nella casa del ricco Pantalone, regna la preoccupazione visto che da tempo Rosaura, sua amatissima figlia, mostra vari sintomi di malattia. A nulla sono serviti i tentativi finora intrapresi da Pantalone e da Beatrice, amica di Rosaura, per farla guarire: la giovane sostiene di non riuscire a respirare e rifiuta il cibo. Più tardi lo spettatore verrà a sapere che la ragazza, quando non è osservata, mangia di gusto. La giovane svela alla serva Colombina e all amica Beatrice di essere innamorata, ma fa fatica ad ammettere che ama proprio il medico che viene a visitarla, il dottor Onesti. Inoltre, la ragazza non ha alcuna intenzione di mostrare segni di guarigione dato che la malattia è l unico modo per ricevere le visite dell uomo che ama. Un giorno, stanco della mancanza di miglioramenti ed ignaro della reale situazione della figlia, Pantalone decide di sostituire il dottor Onesti e chiama per un consulto vari dottori tra cui il dottor Buonatesta, un presunto luminare della scienza medica. Malgrado la rabbia e la disperazione di Rosaura, Buonatesta visita la ragazza e prospetta una cura lunghissima. Beatrice decide quindi di intervenire e di andare in segreto a casa del dottor Onesti per rivelargli che il male di Rosaura è solo mal d amore ma il medico minaccia di non andare più a visitare la sua giovane paziente per non mettere in gioco la sua etica professionale e per non alimentare le passioni amorose della ragazza. Pantalone non riscontra alcun miglioramento nello stato di Rosaura: al contrario pare addirittura che la ragazza abbia perso del tutto la facoltà di parlare. Viene quindi deciso un ulteriore consulto di medici che vedrà vincitore proprio il dottor Onesti, in quanto riuscirà a sciogliere la lingua alla ragazza. A questo punto interviene Beatrice svelando pubblicamente il segreto innamoramento della giovane e nonostante le prime perplessità e la differenza sociale, il padre di Rosaura ed il dottor Onesti si lasceranno convincere ad un fidanzamento: Rosaura avrà così la cura di cui necessitava. Da La finta ammalata il Goldoni ricavò un dramma giocoso che fu musicato nel 1768 da F. J. Haydn. L Isola scenica qui rappresentata è ispirata all Atto secondo - Scena V, VI La giovane Rosaura pur soffrendo per amore, non ha perso l appetito, che soddisfa abbondantemente, di nascosto dall amica Beatrice e dalla cameriera Colombina che sono in pena per lei. 30

Casa di Carlo Goldoni _ La Casa del suo Teatro

Casa di Carlo Goldoni _ La Casa del suo Teatro Casa di Carlo Goldoni _ La Casa del suo Teatro Italiano Booklet di accompagnamento alla visita del museo Si prega di restituire questo booklet a conclusione della visita LA VITA DI CARLO GOLDONI La vita

Dettagli

La commedia dell arte e la riforma goldoniana. Materiali didattici a cura di V. Sciacca

La commedia dell arte e la riforma goldoniana. Materiali didattici a cura di V. Sciacca La commedia dell arte e la riforma goldoniana Materiali didattici a cura di V. Sciacca Parte I La commedia dell arte La commedia dell arte La commedia dell'arte è nata in Italia nel XVI secolo, ed è rimasta

Dettagli

Carlo Goldoni. La riforma del teatro comico

Carlo Goldoni. La riforma del teatro comico Carlo Goldoni La riforma del teatro comico Prima di Goldoni: la commedia dell arte I personaggi sono maschere con caratteri sempre uguali Compagnie teatrali itineranti Gli autori sono gli attori stessi

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Dalla Commedia dell'arte alla 'riforma' di Carlo Goldoni. Prof.ssa Maria Grazia Massari

Dalla Commedia dell'arte alla 'riforma' di Carlo Goldoni. Prof.ssa Maria Grazia Massari Dalla Commedia dell'arte alla 'riforma' di Carlo Goldoni Prof.ssa Maria Grazia Massari La commedia dell'arte, punto di partenza della 'riforma' goldoniana Quando? La commedia "all improvviso o "dell arte"

Dettagli

PAUL KLEE E L ITALIA

PAUL KLEE E L ITALIA PAUL KLEE E L ITALIA Componi un Diario di forme e colori! Per bambini dai 7 ai 10 anni Paul Klee, viaggiatore appassionato, ha visitato più volte l Italia e ci ha raccontato avventure, emozioni e sogni

Dettagli

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri.

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri. Testi di Joanna Bellati, Anna Lucatello, Annachiara Moretti Illustazioni di Alice Dittura, Giorgia Rizzo Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso

Dettagli

121 DALLA DIMORA ROMANA DI GOFFREDO ED ENRICA MANFREDI

121 DALLA DIMORA ROMANA DI GOFFREDO ED ENRICA MANFREDI Asta 121 DALLA DIMORA ROMANA DI GOFFREDO ED ENRICA MANFREDI 14 maggio 2013 ore 15.00 21.00 15 maggio 2013 ore 11.00 Genova, Palazzo del Melograno Piazza Campetto, 2 La collezione dei Conti Goffredo ed

Dettagli

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona)

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) Unità 1 In prima e in seconda ITIS noi studiamo I PROMESSI SPOSI. Che cosa è? I Promessi

Dettagli

Il 28 novembre 2015, noi classe 1^B, come tutti gli alunni del nostro Istituto, abbiamo aperto la nostra scuola al territorio. L esperienza è stata

Il 28 novembre 2015, noi classe 1^B, come tutti gli alunni del nostro Istituto, abbiamo aperto la nostra scuola al territorio. L esperienza è stata Il 28 novembre 2015, noi classe 1^B, come tutti gli alunni del nostro Istituto, abbiamo aperto la nostra scuola al territorio. L esperienza è stata molto positiva perché ci ha permesso di far conoscere

Dettagli

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini Pinocchio Indice illustrato CAPITOLO 1 Tutto comincia con un pezzo di legno............. 7 CAPITOLO 2 Quando un burattino ha fame.... 17 CAPITOLO 3 Il Gran

Dettagli

laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012

laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012 laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012 TEATRO DEL VENTO SNC Via Valle, 3 24030 Villa d'adda (BG) tel/fax 035/799829 348/3117058 contatto Chiara Magri info@teatrodelvento.it www.teatrodelvento.it A SCUOLA

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Ho visto il lupo DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO

Ho visto il lupo DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO Ho visto il lupo DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO Liberamente tratto da Pierino e il lupo di Prokofiev Regia, realizzazione marionette e animazione Dino Arru Con Dino e Raffaele Arru HO VISTO IL LUPO Gli ultimi

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

Paolo Beneventi David Conati

Paolo Beneventi David Conati Paolo Beneventi David Conati L animazione teatrale costituisce un momento molto importante della formazione di tutti, non solo dei bambini ma anche degli adulti. IMPARIAMO LE REGOLE Il teatro è soprattutto

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Giochi per le feste all interno dell appartamento o della classe per bambini dai 7 a 11 anni:

Giochi per le feste all interno dell appartamento o della classe per bambini dai 7 a 11 anni: Giochi per le feste all interno dell appartamento o della classe per bambini dai 7 a 11 anni: Giochi individuali: * I giochi di Kim sviluppano le capacità dei cinque sensi 1. La fattoria accecata (gioco

Dettagli

Classi II A e B scuola primaria «F. Socciarelli» Carchitti anno scolastico 2015/16

Classi II A e B scuola primaria «F. Socciarelli» Carchitti anno scolastico 2015/16 Classi II A e B scuola primaria «F. Socciarelli» Carchitti anno scolastico 2015/16 Pinocchio nel paese dei diritti è un libro pubblicato dall UNICEF sui diritti dell Infanzia in cui, ripercorrendo la storia

Dettagli

C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE. Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo

C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE. Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo Il 16 ottobre siamo andati a visitare il museo itinerante o meglio il museo è venuto da noi!! Infatti era un pullman doppio parcheggiato

Dettagli

S C H E D A D I D A T T I C A

S C H E D A D I D A T T I C A Giulietta e Romeo a r 2 TA TE AT RO n a m i t t e In s o l o Andiamo a Giocare in Teatro! D FA N SCHEDA DIDATTICA Questa è una breve biografia del compositore russo Sergej Prokofiev. Nato nel 1891 e morto

Dettagli

Il Carnevale di Venezia

Il Carnevale di Venezia Il Carnevale di Venezia Adrienn Kádek 11/10/2011 Non sei tu che ti metti la maschera, ma è la maschera a mettersi te... (A. Scarsella) Punti principali Il Carnevale antico Le maschere Le feste Il Carnevale

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

LA PIETA A SCUOLA Laboratori didattici e percorsi tematici per l anno scolastico 2010 2011

LA PIETA A SCUOLA Laboratori didattici e percorsi tematici per l anno scolastico 2010 2011 LA PIETA A SCUOLA Laboratori didattici e percorsi tematici per l anno scolastico 2010 2011 1. PREMESSA L istituto Provinciale per l Infanzia Santa Maria della Pietà è un antica istituzione veneziana che

Dettagli

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 Evento Flashmob Pensieri raccolti nel gruppo: Sabato ci siamo trovati al Centro e dopo aver indossato le magliette siamo andati tutti

Dettagli

spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012

spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012 spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012 ASSOCIAZIONE CULTURALE "IFRATELLICAPRONI" Viale Suzzani, 295 20162 Milano tel 02/6473778 333/4791105 contatto Alessandro Larocca alelarocca@virgilio.it Andrea Ruberti

Dettagli

GIORNATA DELLA MEMORIA. Per non dimenticare CINEMA A SCUOLA. Film di R. Benigni

GIORNATA DELLA MEMORIA. Per non dimenticare CINEMA A SCUOLA. Film di R. Benigni 27 gennaio 2013 GIORNATA DELLA MEMORIA Per non dimenticare CINEMA A SCUOLA Film di R. Benigni Attività di approfondimento svolte in VB - Scuola Primaria A. Schmid PRIMA DEL FILM : conversazione con la

Dettagli

COMUNE DI VIGOLO VATTARO VALUTAZIONE BENI MOBILI COMUNALI

COMUNE DI VIGOLO VATTARO VALUTAZIONE BENI MOBILI COMUNALI COMUNE DI VIGOLO VATTARO VALUTAZIONE BENI MOBILI COMUNALI Novembre 2014 1 1. ARMADIETTO Armadietto in legno con dimensioni cm 95*35*105 databile alla fine del XIX secolo, realizzato in legno di abete con

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

IL CARNEVALE IN ITALIA E IL CARNEVALE IN SPAGNA

IL CARNEVALE IN ITALIA E IL CARNEVALE IN SPAGNA IL CARNEVALE IN ITALIA E IL CARNEVALE IN SPAGNA Le origini del Carnevale Le più famose maschere Italiane della Commedia dell'arte Il Carnevale in alcune importanti città Italiane Confronto tra il Carnevale

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

arlecchina Questa maschera nasce nel '500' a Parigi. Conosciuta come l'innamorata di Arlecchino, che deve liberarsi da un corteggiatore a cui i parenti vogliono darla in sposa, per poter sposare l'arlecchino

Dettagli

I sogni dipinti del duca

I sogni dipinti del duca I sogni dipinti del duca sii depinta tutta a zigli nel campo celestro, mettendo de le stelle tra l uno ziglio e l altro Lo stesso Duca Galeazzo Maria indicava i motivi delle decorazioni delle sale della

Dettagli

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA CASA DEL BAMBINO ABBADIA LARIANA PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 IL PICCOLO PRINCIPE Non si vede bene che col cuore. L essenziale è invisibile agli occhi Antoine de Saint-

Dettagli

TEATRO. Canovacci: testi che descrivono solo la trama lasciando il dialogo e l azione scenica all improvvisazione degli attori.

TEATRO. Canovacci: testi che descrivono solo la trama lasciando il dialogo e l azione scenica all improvvisazione degli attori. TEATRO La nascita del teatro è strettamente connessa alla sfera del sacro, in particolare alle pubbliche feste e cerimonie religiose. Tale fu l origine anche del teatro greco, prima di definirsi nei due

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

Metti in scena la tua Carmen

Metti in scena la tua Carmen Metti in scena la tua Carmen Se vuoi, puoi divertirti a mettere in scena una tua rappresentazione di Carmen creando un allestimento scenico con l aiuto della fantasia e... delle tue mani. Per ricostruire

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

IL PAESAGGIO VENEZIANO. Tra Vedut"mo, Romantic"mo ed. Impression"mo. A cura $ Tarabo%i Jessica

IL PAESAGGIO VENEZIANO. Tra Vedutmo, Romanticmo ed. Impressionmo. A cura $ Tarabo%i Jessica IL PAESAGGIO VENEZIANO Tra Vedut"mo, Romantic"mo ed Impression"mo A cura $ Tarabo%i Jessica PRESENTAZIONE Il tema della mostra d arte è il paesaggio veneziano: uno dei paesaggi più suggestivi al mondo

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 SOMMARIO CAPITOLO 1 I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7 CAPITOLO 2 Il volto è la maschera rivelatrice 21 CAPITOLO 3 I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 CAPITOLO 4 Le parole

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Il melo gentile IL DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO

Il melo gentile IL DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO Il melo gentile IL DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO Di Dino Arru Con Dino Arru e le marionette del Dottor Bostik Regia Dino Arru e Silvano Antonelli Voce narrante Silvano Antonelli Musiche originali Silvano Antonelli

Dettagli

IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedut"mo, romantic"mo ed impression"mo. A cura $ Tarabo%i Jessica

IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedutmo, romanticmo ed impressionmo. A cura $ Tarabo%i Jessica IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedut"mo, romantic"mo ed impression"mo A cura $ Tarabo%i Jessica PRESENTAZIONE Il tema della mostra d arte è il paesaggio veneziano: uno dei paesaggi più suggestivi al mondo

Dettagli

Istituto Maria Consolatrice

Istituto Maria Consolatrice ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:direzioneprimaria@ismc.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

Associazione culturale senza scopo di lucro Via A. Vivaldi 15, 25015 Desenzano del Garda

Associazione culturale senza scopo di lucro Via A. Vivaldi 15, 25015 Desenzano del Garda Associazione culturale senza scopo di lucro Via A. Vivaldi 15, 25015 Desenzano del Garda Telefono 030 910 92 10 - Fax 030 910 91 11 - E Mail: info@ilnodo.com - Sito Web: www.ilnodo.com Notre Dame de Paris

Dettagli

IN MONTAGNA ECLETTICI GIRAMONDO TESTO DI MARGHERITA DALLAI / FOTO DI ADRIANO BRUSAFERRI

IN MONTAGNA ECLETTICI GIRAMONDO TESTO DI MARGHERITA DALLAI / FOTO DI ADRIANO BRUSAFERRI ECLETTICI GIRAMONDO TESTO DI MARGHERITA DALLAI / FOTO DI ADRIANO BRUSAFERRI A CELERINA, A POCHI PASSI DALLE PISTE DA SCI, L ABITAZIONE DI UNA COPPIA DI GRANDI VIAGGIATORI, CON TESTIMONIANZE DI CULTURE

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE 1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE Si dicono un sacco di cose brutte sulle sigarette, ma la verità è che si fuma perché è piacevole. È piacevole aspirare il fumo con calma, è piacevole sentirlo impossessarsi dei

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

MALEVIČ PER LA SCUOLA

MALEVIČ PER LA SCUOLA MALEVIČ PER LA SCUOLA KazimirMalevič nasce a Kiev nel 1878, e nel 1915 il suo Quadrato nero su fondo bianco che vede quest anno il centenario - è stato identificato come l icona del nostro tempo dal suo

Dettagli

1) alla maniera di Arcimboldo

1) alla maniera di Arcimboldo alla maniera di rcimboldo Per preannunciare Expo Milano 2015, Messer Tulipano presenta nell antica Orangerie del Castello di Pralormo un esposizione ispirata al tema Nutrire il Pianeta, Energia per la

Dettagli

nel nel giardino del gigante...

nel nel giardino del gigante... nel nel giardino del del gigante... Scuola dell infanzia Scuola dell infanzia - Scuola primaria classi 1^ 2^ 3^ Scuola primaria classi 4^ 5^ - Scuola secondaria di I grado Visita autogestita al Giardino

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

MALEVIČ PER LA SCUOLA

MALEVIČ PER LA SCUOLA MALEVIČ PER LA SCUOLA Kazimir Malevič nasce a Kiev nel 1878, e nel 1915 il suo Quadrato nero su fondo bianco che vede quest anno il centenario - è stato identificato come l icona del nostro tempo dal suo

Dettagli

CONFLITTO DI RUOLO. Gioco di Ruolo Diceless

CONFLITTO DI RUOLO. Gioco di Ruolo Diceless CONFLITTO DI RUOLO Gioco di Ruolo Diceless Willoworld 2007 1 LE REGOLE DEL GIOCO 1. Intro Un gioco di ruolo diceless è l evoluzione ultima del gioco di ruolo classico, un confronto tra personaggi dove

Dettagli

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori PROGETTAZIONE DIDATTICA a/s 2013-2014 Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori Breve viaggio attorno al cibo e oltre Percorso di scoperta ed interazione tra il cibo e le qualità che gli alimenti nascondono:

Dettagli

Titolo spettacolo. Eugenio Ripepi e Giorgia Brusco. avventure di

Titolo spettacolo. Eugenio Ripepi e Giorgia Brusco. avventure di Titolo spettacolo Trama Genere Le tragicomiche Adamo ed Eva sono la coppia più Comico avventure di antica del mondo. Ma cosa Adamo ed Eva succederebbe, se con una lente di ingrandimento potessimo osservare

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

L'ABITO FA L'ATTORE!

L'ABITO FA L'ATTORE! di Alessia Simone Suggerimenti per la realizzazione dei costumi di scena per uno spettacolo teatrale a scuola I costumi di scena, anche per una recita scolastica, sono un elemento importante per definire

Dettagli

Alessandro Lombardo Psicologo Psicoterapeuta Torino

Alessandro Lombardo Psicologo Psicoterapeuta Torino Pensierini Storie cliniche in forma di pensierini Alessandro Lombardo Psicologo Psicoterapeuta Torino introduzione Ogni storia è storia a sé Nel mio lavoro di psicoterapeuta sono molte le storie che incontro,

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel?

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel? Solo un bambino... Che cosa era successo a Gabriel? Era arrivato a St. Cloud con un breve destino già scritto, crudele, di orfano. Avrebbe abitato dalla zia, l anziana signora Mitchell, la vecchia maestra

Dettagli

L ATELIER DEL MUSEO IN ERBA

L ATELIER DEL MUSEO IN ERBA L ATELIER DEL MUSEO IN ERBA CHE ARTISTA MATISSE! Programma 26 settembre 2015 24 gennaio 2016 Piazza Giuseppe Buffi 8 6500 Bellinzona (Svizzera) Prenotazioni (consigliate!): tel. + 41 91 835 52 54 ATTIVITÀ

Dettagli

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù Poesia della mia prima elementare Sebbene faccio la classe prima Non mi è difficile parlare in rima, teco l augurio che il cuor mi detta

Dettagli

PER COMINCIARE TOCCA CON GLI OCCHI, NON CON LE MANI

PER COMINCIARE TOCCA CON GLI OCCHI, NON CON LE MANI PER COMINCIARE CERCA LE OPERE NELLE SALE Su ogni carta trovi il disegno di un dettaglio tratto da un opera in mostra. SCOPRI NUOVE COSE sull arte e gli artisti con le domande, i giochi e gli approfondimenti

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Borsa Italia, seconda metà del secolo XVI altezza cm 19, diametro 20 ca. Proprietà: Palazzo Madama - Museo Civico d'arte Antica, 1272/T

Borsa Italia, seconda metà del secolo XVI altezza cm 19, diametro 20 ca. Proprietà: Palazzo Madama - Museo Civico d'arte Antica, 1272/T Borsa Italia, seconda metà del secolo XVI altezza cm 19, diametro 20 ca. Proprietà: Palazzo Madama - Museo Civico d'arte Antica, 1272/T La borsa è in velluto di seta tagliato unito di colore cremisi, ricamata

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Cronache da SPECIALE IL MUSEO VA A SCUOLA. Scuola DANTE - Asti - Classe 4 A

Cronache da SPECIALE IL MUSEO VA A SCUOLA. Scuola DANTE - Asti - Classe 4 A Cronache da SPECIALE IL MUSEO VA A SCUOLA Scuola DANTE - Asti - Classe 4 A Presto, presto! Oggi Il Museo va a scuola e non possiamo farci aspettare dalla classe 4 A della scuola primaria Dante! Nella valigia

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

Straordinaria vendita a prezzo di realizzo di beni di antiquariato raccolti nel corso degli anni da antiquario abruzzese

Straordinaria vendita a prezzo di realizzo di beni di antiquariato raccolti nel corso degli anni da antiquario abruzzese Straordinaria vendita a prezzo di realizzo di beni di antiquariato raccolti nel corso degli anni da antiquario abruzzese 5000 lotti di cui oltre 1000 a libera offerta. Importanti arredi seicenteschi, mobili,

Dettagli

Borsa di studio/classe IV

Borsa di studio/classe IV 1 Borsa di studio/classe IV La storia va in fumetto Racconta la Storia di Clara dagli occhi grandi in un fumetto! 1. Riassumi la storia nelle scene che ti sembrano più importanti (per es. Clara che parla

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 Carissimi Educatori, come anticipato prima di Natale con alcune informazioni sulla Festa diocesana della Pace del 16 febbraio 2014, vi proponiamo

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Sono una ragazza. Jennifer Hayslip ci mostra, giustamente orgogliosa, la sua casa shabby chic dall animo molto vintage e un po candy.

Sono una ragazza. Jennifer Hayslip ci mostra, giustamente orgogliosa, la sua casa shabby chic dall animo molto vintage e un po candy. Sono una ragazza FOTO: JENNIFER HAYSLIP TESTO: BARBARA MEDICI Jennifer Hayslip ci mostra, giustamente orgogliosa, la sua casa shabby chic dall animo molto vintage e un po candy. 8 CASA da Sogno vintage!

Dettagli

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti La Tour Eiffel La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti 1889, Edmond de Goncourt, scrittore e critico letterario orrendo mostro

Dettagli

palazzo Ducale 1 Ritratto di una nobile e ricca collezione di mobili italiani

palazzo Ducale 1 Ritratto di una nobile e ricca collezione di mobili italiani palazzo Ducale 1 Ritratto di una nobile e ricca collezione di mobili italiani 2 Analogia di nome e di stilemi si scorgono tra il Palazzo Ducale di Venezia e la Collezione di mobili costruiti della ditta

Dettagli

PER INFORMAZIONI: ASSOCIAZIONE SPAZIO CULTURA VIA GREGORIO XII RECANATI (MC) TEL. 071.7575698 071.75704

PER INFORMAZIONI: ASSOCIAZIONE SPAZIO CULTURA VIA GREGORIO XII RECANATI (MC) TEL. 071.7575698 071.75704 LABORATORI DIDATTICI Anno scolastico 2010/2011 Museo Civico Villa Colloredo Mels Museo Beniamino Gigli PER INFORMAZIONI: ASSOCIAZIONE SPAZIO CULTURA VIA GREGORIO XII RECANATI (MC) TEL. 071.7575698 071.75704

Dettagli

Burattini : un teatro per apprendere. Burattini per favorire l introspezione

Burattini : un teatro per apprendere. Burattini per favorire l introspezione Burattini : un teatro per apprendere Che bello il teatro dei burattini! Un occasione per giocare a far finta che, inventare, ridere, far ridere e creare quell atmosfera magica utilissima e fondamentale

Dettagli

L AULA. Indica con una crocetta gli oggetti presenti nell aula C È CI SONO

L AULA. Indica con una crocetta gli oggetti presenti nell aula C È CI SONO L A SCUOLA PROPOSTE visita alla scuola denominazione di: - persone, ruoli e funzioni - spazi, arredi, oggetti e materiali realizzazione di cartelli plurilingue lettura della piantina della scuola le norme

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

Seminario sul Teatro dei Burattini

Seminario sul Teatro dei Burattini BURATTINI Seminario sul Teatro dei Burattini di Ciro Cipriano STORIA E una delle più antiche forme di spettacolo. Essa è nata con la storia dell uomo, i quali hanno sentito il bisogno di riprodurre, in

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

SCHEDA DIDATTICA. Spettacolo Tentazioni, omaggio a Hieronymus Bosch. 1. Genere: teatro di figura, animazione a vista di marionette scolpite in legno

SCHEDA DIDATTICA. Spettacolo Tentazioni, omaggio a Hieronymus Bosch. 1. Genere: teatro di figura, animazione a vista di marionette scolpite in legno SCHEDA DIDATTICA Spettacolo Tentazioni, omaggio a Hieronymus Bosch Compagnia : Il Dottor Bostik/Unoteatro 1. Genere: teatro di figura, animazione a vista di marionette scolpite in legno 2. Testo e regia:

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Museo Storico Etnografico - Sampeyre Percorsi didattici estate 2005. C era una volta..il museo racconta! Bambini al Museo.

Museo Storico Etnografico - Sampeyre Percorsi didattici estate 2005. C era una volta..il museo racconta! Bambini al Museo. Museo Storico Etnografico - Sampeyre Percorsi didattici estate 2005 C era una volta..il museo racconta! Bambini al Museo Nome e cognome Museo Storico Etnografico Sampeyre Percorsi didattici estate 2005

Dettagli

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO Un amore nascosto Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO racconto A Mario, per ringraziarlo di avermi fatto scoprire cos'è l'amore. s ei e trenta in punto: lo squillo della sveglia non poteva essere che

Dettagli

EDUCATION ACTIONAID - DOVE E COME?

EDUCATION ACTIONAID - DOVE E COME? EDUCATION ACTIONAID - DOVE E COME? Scuole coinvolte negli ultimi tre anni (Tutta Italia ma in particolare Lombardia, Lazio, Liguria, Umbria + Regioni ART): - 560 SCUOLE PRIMARIE - 145 SCUOLE SECONDARIE

Dettagli

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana Teatrando Scuola dell Infanzia Galciana TEATRANDO (Scheda 1) La nostra scuola è inserita in una realtà ancora paesana, in cui esiste da molto tempo una tradizione di teatro e di spettacolazione di piazza.

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli