Allegato 2. Relazione finale. Esperienza didattica di base. Classe L3. Paolo Latella. Lodi 22 dicembre pagina n. 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato 2. Relazione finale. Esperienza didattica di base. Classe L3. Paolo Latella. Lodi 22 dicembre 2012. pagina n. 1"

Transcript

1 Relazione finale Esperienza didattica di base Classe L3 Paolo Latella Lodi 22 dicembre 2012 pagina n. 1

2 Indice Premessa pag. 3 Moduli di laboratorio svolti per realizzare l e-commerce pag. 3 Progetto E-Commerce a.s della classe quinta D Mercurio ex quarta A ITE A. Bassi di Lodi pag. 5 La traccia dell E-Commerce (php + file di testo) classe quinta D Mercurio ex quarta A pag. 6 Conclusioni progetto E-Commerce quinta D Mercurio pag. 7 Progetto E-Commerce a.s della classe quinta I Mercurio ex quarta C ITE A. Bassi di Lodi pag. 8 Progetto educativo per alunno disabilità affetto da diplegia spastica pag. 9 Requisiti minimi di informatica di lab. per alunni con handicap psicofisico o psichico lieve pag.11 La traccia dell e-commerce (php + MySql) classe quinta I Mercurio ex quarta C Pag. 14 Conclusioni progetto E-Commerce quinta I Mercurio Pag. 15 pagina n. 2

3 Premessa L'attività del progetto: E-commerce ha coinvolto due classi la ex 4 A diventata 5 D Mercurio c/o la succursale dell Istituto Tecnico Economico Agostino Bassi e il laboratorio Mercurio Succursale in via Giovanni XXIII a Lodi. La classe ex 4 C diventata 5 I Mercurio c/o la sede dell Istituto Tecnico Economico Agostino Bassi e il laboratorio dei programmatori in via Porta Regale 2 a Lodi. I progetti sono iniziati a gennaio 2012 e sono terminati il 21 dicembre Moduli di laboratorio svolti per realizzare l E-Commerce Per consentire agli studenti della quinta D e quinta I Mercurio di poter realizzare questi siti di e-commerce sono stati trattati i seguenti argomenti e svolti nel laboratorio di informatica della sede e succursale dell istituto tecnico economico Agostino Bassi di Lodi: MODULO 1: Ripasso (gennaio febbraio) - Il linguaggio HTML e Javascript. Tempi: 6 ore di laboratorio di informatica, 2 ore di laborat orio di economia aziendale, 2 ore di laboratorio di matematica, un test di verifica pratica. Modi: lezione interattiva, lezione frontale, esempi pratici in laboratorio, lezione in video proiezione, lavori di gruppo condotti autonomamente. Strumenti di lavoro: libri di testo, testi di lettura, di consultazione, dispense, materiali in formato elettronico e cartaceo forniti dagli insegnanti ad integrazione degli argomenti trattati. Il blog del sottoscritto: (gli alunni sono registrati al blog e ricevono direttamente in la lezione e gli appunti spiegati) Verifica: una valutazione inserita direttamente on line. Per gli alunni con disabilità presenti nella classe quinta I, visti i problemi legati alla manualità pratica, tutta l attività di verifica verrà ridotta come difficoltà a parità di tempo o verrà aumentato il tempo del 40% a parità di difficoltà rispetto alla classe. Criticità: il 50% della classe quinta D (dei gruppi) non ha usato il modulo javascript nel progetto e-commerce ritenuto troppo complesso e difficile. Nella quinta I il modulo javascript non è stato usato per scelta didattica. Difficoltà: media ************************* MODULO 2 (marzo giugno e ripasso settembre dicembre ) Linguaggio Php, file txt ed inizio con MySql Tempi: 50 ore di laboratorio di informatica. In questo modulo sono stati utilizzate molte ore di economia aziendale e matematica) Modi: lezione interattiva, lezione frontale, esempi pratici in laboratorio, lezione in video proiezione, lavori di gruppo condotti autonomamente. pagina n. 3

4 Strumenti di lavoro: libri di testo, testi di lettura, di consultazione, dispense, materiali in formato elettronico e cartaceo forniti dagli insegnanti ad integrazione degli argomenti trattati. Il blog del sottoscritto: (gli alunni sono registrati al blog e ricevono direttamente in la lezione e gli appunti spiegati) Verifica: controllo degli steps dei lavori e valutazione inserita direttamente on line. Per gli alunni con disabilità presenti nella classe quinta I, visti i problemi legati alla manualità pratica, tutta l attività di verifica verrà ridotta come difficoltà a parità di tempo o verrà aumentato il tempo del 40% a parità di difficoltà rispetto alla classe. Criticità: il 20% degli alunni della classe quinta D e il 25% della classe quinta I, a tutt oggi non è in grado di sviluppare in modo autonomo la progettazione in php + file txt + MySql. pagina n. 4

5 PROGETTO E-COMMERCE a.s della classe quinta D Mercurio ex IV A Gli insegnanti coinvolti per la ex 4 A diventata 5 D Mercurio sono: prof.ssa Silvia Abbà docente di informatica gestionale prof.ssa Emanuela Gioia docente di economia aziendale prof.ssa Teresa Ieppariello docente di matematica applicata prof. Paolo Latella docente di laboratorio d informatica, economia aziendale e matematica Gli alunni della V D che hanno partecipato al progetto sono i seguenti: Nominativo 1 BARBAROSSA SALVATORE MARCO 2 BERNOCCHI CRISTINA 3 BIZZONI ANDREA 4 BIZZONI ROSSELLA 5 BOCCHIOLA MATTEO 6 CAIAZZA ALESSANDRA 7 D'AGOSTINO VINCENZO 8 FIORANI GABRIELE 9 FRANCESCHETTI DARIO 10 FUMAGALLI GIADA 11 GREGOIRE JESSICA 12 GROSSI MARTA 13 MESSINA GIADA 14 MIZZI SIMONE 15 MORONI GUIDO 16 PASSARINI ALEX 17 PISANI FRANCESCA 18 SIORI SIMONE 19 VARRIALE ALESSIA ASSUNTA 20 VESCOVI PAOLO 21 ZANONCELLI PAOLO La situazione al 21 dicembre 2012 della classe V D è la seguente:solo alcuni gruppi hanno pubblicato il loro lavoro e corretto gli errori nelle relazioni. Gli altri gruppi sono in fase conclusiva ed altri non hanno pubblicato il progetto. Allego una versione e-commerce completa dei gruppi della 5 D ex 4C Mercurio e due link degli altri due gruppi che hanno terminato il progett o. Il primo gruppo è composto da: Barbarossa, Gregoire, Pisani e Grossi, hanno realizzato il progetto in due sezioni: l area in javascript e la seconda con php e la memorizzazione dei dati nei file txt. (alla relazione allegherò il file zippato con tutto l applicativo che si può tranquillamente installare su qualsiasi server con Apache e Php. pagina n. 5

6 La traccia dell e-commerce (php + file di testo) classe 5D ex 4A: L ipermercato Bennet di Pieve Fissiraga in una fase di fidelizzazione (carta punti Bennet) vuole tener traccia dei prodotti acquistati dai clienti. Di ogni cliente si vuole conoscere nome, cognome, indirizzo e data di nascita. Di ogni tipo di prodotto è necessario sapere codice, marca, nome, tipo di confezione (bottiglia, lattina, scatola, ), quantità contenuta nella confezione (1 litro, 0.5 kg, ) e prezzo di listino. Per ogni acquisto le casse emettono uno scontrino caratterizzato dal numero della cassa, dalla data ed orario di emissione, dall elenco dei prodotti acquistati, dal prezzo di acquisto e dalla quantità di ogni prodotto. Realizzare un sito web tipo e-commerce che consenta di gestire l intera proceduta informatica, che permetta al visitatore di visualizzare i prodotti presenti in magazzino e che consenta al responsabile del Bennet di visualizzare i clienti. Gruppo: Gregoire Jessica, Barbarossa Salvatore, Grossi Marta, Pisani Francesca Link per visualizzare il progetto: ml questo file zippato comprende la relazione e tutto il software. La relazione dell intera procedura è presente nel file zippato nella cartella analisi. ecco l immagine della cartella contenente l intero applicativo: pagina n. 6

7 Ecco i link degli altri 2 gruppi: Gruppo composto da Bernocchi Cristina, Bocchiola Matteo, Fumagalli Giada, Robbiati Stefania: Segnalo anche un altro gruppo della stessa classe che ha svolto un buon lavoro composto da Paolo Zanoncelli, Guido Moroni, Vincenzo D'Agostino, Simone Siori (anche se nella relazione c è ancora qualche errore) ma il sito di e-commerce è funzionante (migliorabile!!!): 0.rar (dopo aver installato il software, per la visualizzazione è consigliato il browser Mozilla e Chrome mentre explorer è sconsigliato). pagina n. 7

8 Conclusioni progetto E-Commerce quinta D Mercurio Nella realizzazione del progetto e-commerce con la quinta D Mercurio ex 4 A non sono state riscontrate particolari difficoltà né tecniche, né metodologico-didattiche. Alla data del 21 dicembre 2012, il 50% degli studenti ha acquisito ottime competenze, il 30% degli alunni ha acquisito discrete competenze e il 20% ha difficoltà nello sviluppo e nella realizzazione della programmazione. I vari gruppi si sono relazionati spesso perché hanno riscontrato alcune difficoltà nella realizzazione del prodotto software, positiva nel complesso l abilità e le competenze acquisite dagli alunni. La relazione tra alunno e alunno è stata buona, non mancano le individualità di alto livello intellettivo e caratteriali ma spesso i vari gruppi hanno collaborato soprattutto quando si sono trovati in difficoltà nel definire alcune aree dell e-commerce, questo atteggiamento lo considero positivo perché dimostra maturità, collaborazione, spirito di gruppo, elementi che soprattutto in quinta è difficile trovare invece in questa classe è aumentato notevolmente rispetto agli anni precedenti. Ringrazio i colleghi: prof.ssa Silvia Abbà, prof.ssa Emanuela Gioia e la prof.ssa Teresa Ieppariello per l ottimo lavoro svolto insieme al sottoscritto. La relazione tra tutti noi colleghi è stata ottima. E un gruppo che lavora insieme da diversi anni, l approccio di tipo didattico-aziendale è già stato sperimentato negli anni. Non è semplice trovare docenti che hanno lo stesso desiderio di collaborazione, nella classe quinta D Mercurio, il rapporto collaborativo didattico professionale è di altissimo livello. Grazie all apporto dei colleghi di informatica, economia aziendale e matematica pertinente e ricco nell attività didattica e l autorevolezza con la quale è stati affrontati gli argomenti in fase di progettazione ha riscosso in modo positivo l efficacia didattica, nella verifica dei siti web di e-commerce dopo varie modifiche e spiegazioni dei lati critici del prodotto, i software hanno raggiunto la facilità d accesso e fruizione. Questa esperienza ha sicuramente arricchito professionalmente sia i docenti che i ragazzi, i quali hanno potuto sperimentare la realizzazione del commercio elettronico anche se naturalmente il prodotto è limitato per le caratteristiche tecniche dovute al programma didattico che ha tenuto conto di argomenti del quarto anno come i file txt. Questa esperienza continuerà il prossimo quadrimestre (febbraio 2013) perché è previsto lo sviluppo di un e-commerce completo con database relazionali e con il linguaggio php da portare agli esami di stato. pagina n. 8

9 PROGETTO E-COMMERCE a.s della classe quinta I Mercurio ex quarta C Gli insegnanti coinvolti per la classe ex 4 C diventata 5 I Mercurio sono: prof. Maurizio Lunardi docente di informatica gestionale prof.ssa Anna Bubba docente di economia aziendale prof.ssa Anna Saletta docente di matematica applicata prof. Paolo Latella docente di laboratorio d informatica, economia aziendale e matematica Gli alunni della 5 I che hanno partecipato al progetto sono i seguenti: Nominativo 1 ABBA' L ALUNNO 2 BARBARO NICOLETTA 3 BARONI NICOLETTA 4 BENVENUTI GIULIA 5 CARINI GIULIA 6 COLOMBO ESTER 7 COMASCHI STEFANO PAOLO 8 CONZA ANTONELLA 9 DURANTINO ANNA 10 FERRARI CHIARA 11 MONTINARO SILVIA 12 OCCHIATO STEFANO 13 PALA CHRISTIAN 14 PASETTI BIANCA 15 PEDRAZZINI GIUSEPPE 16 POLIZZI FEDERICA 17 PORCHERA VALENTINA 18 PRINA GIUSEPPE 19 SPELTA ALICE 20 ZANONI ANDREA Per la 5 I presento il progetto di e-commerce del gruppo: con Php e MySql con il motore MyISAM. La situazione al 21 dicembre della classe V I è che alcuni gruppi non ha nno pubblicato il lavoro, altri sono in fase di sistemazione. In questa classe sono presenti alunni con difficoltà. Di seguito vengono presentati i programmi per obiettivi minimi che tutt oggi gli alunni stanno seguendo: pagina n. 9

10 Emmanuele Società Cooper ativa Sociale ONLUS Il Mosaico Servizi Società Coop arl L Alveare Cooperativa Sociale A. R. L. Onlus Allegato 2 PROGETTO EDUCATIVO Alunno: Operatore: XXXX (per motivi di privacy) Oriana Marzani Data compilazione progetto: 10/11/2012 Data avvio progetto: 12/09/2012 classe: V I Mercurio scuola e insegnanti di riferimento: ITC Bassi (LO) Prof.ssa Cecchi Arianna nominativo insegnante di sostegno: / Il monte orario settimanale è di 25 ore così suddivise: Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Tipologia di disabilità: diplegia spastica. Risorse, eventuali ausili e spazi necessari Risorse: il carattere combattivo del ragazzo, la collaborazione dei compagni di classe, degli insegnanti e del personale scolastico. Ausili: bastoni a quattro piedi come supporto alternativo al deambulatore che l utente ha utilizzato come unico ausilio fino a quest anno scolastico. Spazi: gli stessi spazi scolastici. Potenzialità dell alunno maggiormente evidenziate L alunno è dotato di un carattere gioviale, combattivo e sportivo. Ama le sfide, e questo mi ha suggerito una strategia di intervento riguardo al supermento di certi limiti che la nuova situazione di quest anno (la nuova sede scolastica, poco accessibile alle persone con disabilità) ha presentato sin dal primo giorno. Il ragazzo ama molto socializzare e fare nuove conoscenze: questa risorsa è importantissima per far sì che si crei una rete di frequentazioni, almeno durante le ore di scuola ma pagina n. 10

11 auspicabilmente più vasta e duratura, in vista della sua vita sociale dopo la conclusione degli studi superiori. Area affettivo-relazionale OBIETTIVO - Aiutare il ragazzo ad inserirsi maggiormente nel gruppo classe. - Lasciare al ragazzo maggiore autonomia relazionale per facilitare la creazione di nuove amicizie o di consolidamento di quelle esistenti. AZIONI - Coinvolgerlo nelle attività che prevedono momenti di condivisione (in particolare durante le lezioni di Educazione Fisica). Sarebbe auspicabile che L alunno venisse coinvolto il più possibile nelle attività che i ragazzi possono svolgere insieme, perché si rafforzi il suo senso di appartenenza alla classe. - Lasciare che L alunno sperimenti un rapporto non mediato con i compagni, permettendogli momenti di totale autonomia e sfruttando le ore che il servizio di assistenza educativa non copre. Permettere inoltre ai compagni che lo vogliono accompagnare all uscita di scuola di assisterlo e di aiutarlo fisicamente negli spostamenti più difficoltosi. STRUMENTI TEMPI VERIFICA - La collaborazione dei - L intero anno scolastico. - In itinere. compagni e degli insegnanti. - Le lezioni di Educazione Fisica. Area della comunicazione OBIETTIVO - Stimolare L alunno ad avere sempre meno bisogno di me durante le lezioni, di modo che si crei un rapporto più diretto tra lui e gli insegnanti. - Stimolare il ragazzo a fare uso di un linguaggio più consono all ambiente scolastico. L alunno infatti utilizza spesso espressioni colloquiali o termini dialettali che non sempre sono opportuni. AZIONI - Invitare il ragazzo, in caso di necessità, a rivolgersi direttamente agli insegnanti, affinchè il rapporto tra lui ed i docenti non sia troppo spesso mediato da me. - Ricordare a L alunno che è perfettamente in grado di utilizzare un linguaggio adeguato, addirittura meglio di altri suoi coetanei. Insistere quindi sulla sua competenza linguistica e complimentarsi con lui quando di questa fa un utilizzo conforme al contesto. STRUMENTI TEMPI VERIFICA Il dialogo. L intero anno scolastico. In itinere. Per presa visione L Assistente Educatore scolastico Oriana Marzani pagina n. 11

12 Requisiti minimi di informatica di lab. per alunni con handicap psicofisico o psichico lieve CLASSE V a I MERCURIO prof. Paolo Latella L alunno XXXX (per motivi di privacy) è uno studente della 5^ I Mercurio, ha un carattere sereno e tranquillo, assume atteggiamenti corretti e adeguati al contesto; è aperto a nuove conoscenze e dimostra di avere un buon livello di autostima. Le relazioni all interno del contesto-classe sono positive dimostrando di aver instaurato rapporti aperti e amichevoli con quasi tutti i compagni. L alunno dimostra di avere una memoria a breve, medio termine complessivamente accettabile in quanto interagisce bene alle spiegazioni, ma ha difficoltà nel memorizzare procedimenti da applicare ai vari esercizi assegnati e la crescente complessità dei contenuti da imparare ed applicare rendono l apprendimento della materia più faticoso. Talvolta evidenzia difficoltà nell apprendimento e nell utilizzo di procedure o regole precedentemente studiate perché, anche quando il procedimento sembra essere stato globalmente compreso, sono commessi errori nella sua applicazione. L alunno dovrà raggiungere gli obiettivi minimi decisi in sede di riunione per materia tenendo conto dei programmi ministeriali. Esercitazioni sui principali argomenti del programma al fine di consolidare le conoscenze acquisite, mediante l utilizzo di fogli di calcolo e linguaggi di programmazione disponibili in laboratorio. Metodo di lavoro Lezioni frontali e dialogate, discussioni guidate, lavori di gruppo, affidamento agli studenti di lavori di approfondimento individuali e di gruppo, studio guidato del testo in adozione. Schede ed integrazioni fornite dall insegnante Attività di laboratorio Il metodo di insegnamento non esclude alcuna tecnica atta ad introdurre, consolidare e verificare gli argomenti trattati. Verifica delle abilità acquisite Esercizi alla lavagna sugli argomenti di volta in volta trattati per appurare il livello di comprensione. Prove orali individuali (due per quadrimestre e test a scelta multipla valido per l orale). Prove scritte individuali (almeno 3 per quadrimestre). Stesura individuale e/o a gruppi di lavori costruiti nell ambito del laboratorio di informatica. Classe quinta: conoscenza: sintassi e semantica di base del linguaggio php, installazione e utilizzo di una rete lan, progettare la gestione completa con modello concettuale e logico di un database: creazione, inserimento, modifica e visualizzazione. pagina n. 12

13 abilità: realizza semplici pagine web dinamiche in php con le queries per interrogare un database, utilizza il sistema di amministrazione del database phpmyadmin per creare tabelle, utilizza le funzioni di base e i comandi di rete del sistema operativo. Oltre al raggiungimento degli obiettivi minimi della disciplina, saranno presi in consideraz ione: la situazione di partenza dell alunno, la progressione nell apprendimento l impegno mostrato durante le attività, la continuità del lavoro svolto l impegno e la responsabilità nell assunzione dei propri doveri le abilità maturate rispetto agli obiettivi prefissati. L alunno non seguirà alcuna programmazione differenziata rispetto alla classe ma la sua valutazione sarà formulata tenendo in considerazione gli obiettivi minimi previsti per la classe. per maggiori approfondimenti sulla disabilità consultare il link: pagina n. 13

14 La traccia dell E-Commerce (php + MySql) classe 5I ex 4C: Realizzare un sito web tipo e-commerce che consenta di gestire l intera procedura informatica e che permetta al visitatore di visualizzare i prodotti presenti in magazzino, al responsabile di visualizzare i clienti presenti nel file. Realizzare la procedura in php con My Sql e Php, un'area con l'archivio prodotti (creazione, inserimento e visualizzazione). La visualizzazione deve poter essere utilizzata senza loggarsi ma direttamente dalla home page del sito. Un'area protetta dove si gestiscono i dati dei clienti: creazione, inserimento e visualizzazione. I dati di questo archivio possono essere consultati solo dal responsabile del negozio o dalla persona autorizzata all'inserimento dei dati. Tutte due le procedure devono essere inserite all'interno del sito web già realizzato. Gruppo: Baroni Nicoletta - Carini Giulia - Valentina Porchera - Christian Pala (Gruppo Mediaworld ) Nel file zippato c è l intera applicazione (sql + ht ml + php) questo file zippato comprende la relazione e tutto il software. La relazione dell intera procedura è presente nel file zippato nella cartella analisi. ecco l immagine della cartella contenente l intero applicativo: pagina n. 14

15 Conclusioni progetto E-Commerce quinta I Mercurio Nella realizzazione del progetto e-commerce con la quinta I Mercurio ex 4 C sono state riscontrate alcune difficoltà tecniche e metodologico-didattiche. Alla data del 21 dicembre 2012, il 45% degli studenti ha acquisito ottime competenze, il 3 5% degli alunni ha acquisito discrete competenze e il 20% ha difficoltà nello sviluppo e nella realizzazione della programmazione. I vari gruppi si sono relazionati spesso perché hanno riscontrato alcune difficoltà nella realizzazione del prodotto software, positiva nel complesso l abilità e le competenze acquisite dagli alunni. La relazione tra alunno e alunno è stata discreta. La classe si presenta eterogenea e poco collaborativa, non mancano le individualità di alto livello intellettivo e caratteriali ma i vari gruppi non hanno collaborato assiduamente. Atteggiamento poco positivo anche se la collaborazione si è dimostrata nei confronti degli studenti con disabilità. Ringrazio i colleghi: prof.ssa Anna Saletta, prof.ssa Anna Bubba, il prof. Maurizio Lunardi e l educatrice professionale Oriana Marzani per l ottimo lavoro svolto insieme al sottoscritto. La relazione tra tutti noi colleghi è stata ottima. E un gruppo che lavora insieme da diversi anni, l approccio di tipo didattico-aziendale è già stato sperimentato negli anni. Non è semplice trovare docenti che hanno lo stesso desiderio di collaborazione, nella classe quinta D Mercurio, il rapporto collaborativo didattico professionale è di a ltissimo livello, soprattutto quando ci sono degli studenti disabili che non hanno l insegnante di sostegno. L impegno si duplica ma si riesce comunque a portare a termine l attività didattica. La presenza dell assistente alla persona fornita dall amministrazione comunale ha aiutato il ragazzo disabile, purtroppo il MIUR non ha acconsentito all assegnazione di un insegnante di sostegno per l area didattica. Questa decisione la ritengo gravissima e lesiva dei diritti della persona. In un Paese democratico come l Italia, casi del genere non dovrebbero accadere. Grazie all apporto dei colleghi di informatica, economia aziendale,matematica e all intero consiglio di classe pertinente e ricco nell attività didattica e l autorevolezza con la quale sono stati affrontati gli argomenti in fase di progettazione ha riscosso in modo positivo l efficacia didattica, nella verifica dei siti web di e-commerce dopo varie modifiche e spiegazioni dei lati critici del prodotto, i software hanno raggiunto la facilità d accesso e fruizione. Questa esperienza ha sicuramente arricchito professionalmente sia i docenti che i ragazzi, i quali hanno potuto sperimentare la realizzazione del commercio elettronico anche se naturalmente il prodotto è limitato per le caratteristiche tecniche dovute al programma didattico che ha tenuto conto di argomenti della prima parte del quinto anno, cioè i database non relazionali. Questa esperienza continuerà il prossimo quadrimestre (febbraio 2013) perché è previsto lo sviluppo di un e-commerce completo con database relazionali e con il linguaggio php da portare agli esami di stato. Lodi 22 dicembre 2012 In fede Paolo Latella pagina n. 15

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6.

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6. CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI Ambito Disciplinare 6 Programma d'esame CLASSE 75/A - DATTILOGRAFIA, STENOGRAFIA, TRATTAMENTO TESTI E DATI Temi

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Anno di corso: 2004/2005. Istruzioni. Istruzioni per lo svolgimento dei progetti didattici. versione 1.1

Anno di corso: 2004/2005. Istruzioni. Istruzioni per lo svolgimento dei progetti didattici. versione 1.1 versione 1.1 per lo svolgimento dei progetti didattici Corso di Laboratorio di Programmazione II Prof. Luca Forlizzi Anno Accademico 2004-2005 GENERALITÀ...3 Scopo del documento...3 Struttura del documento...3

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20

grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20 grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20 Sortino Consuelo Pisano Antonino Impellizzeri Giulia Petriglieri Emilio Silvestro Federica Ciadamidaro Rocco graphic design 3 / triennio lunedì

Dettagli

Basi di Da( Presentazione del corso

Basi di Da( Presentazione del corso Basi di Da( Presentazione del corso Basi di Da( Prof. Riccardo Martoglia E- mail: riccardo.martoglia@unimo.it Home page del corso: h4p://www.isgroup.unimo.it/corsi/bda: 2 Basi di Dati - Presentazione del

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

GO FAR! Comenius Regio Project. La matematica ci fa andare lontano

GO FAR! Comenius Regio Project. La matematica ci fa andare lontano GO FAR! Comenius Regio Project La matematica ci fa andare lontano MA QUALE DISTANZA? IL PARTERNARIATO ITALIANO USR-EMILIA ROMAGNA DS Rosanna Rossi Coordinator Prof. Annalisa Martini Collaborator Dr. Monica

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI

PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI Giovedì 28 agosto 2014: inizio operazioni ore 10,00 PROV. 1 CISCO EMANUELA 02/02/1982 VI 2 RONCAGLIA FRANCESCA 06/03/1983 VI 3 PAGLIAMINUTA

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15

PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15 PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15 adempimenti di inizio anno 15 lunedì C.di C. 3AG 13.30 14.15 programmazione - visite studio - varie solo docenti 15 lunedì C.di

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale

Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale Nominativo / SCS AZIONINNOVA SPA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BOLOGNA UNIVERSITA' LA

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A.

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A. I Settiman 2-6 Ore Lunedi 2 Martedi 3 Mercoledi 4 Giovedì 5 Venerdì 6 II 09-13 Ore Lunedì 9 Martedì 10 Mercoledì 11 Giovedì 12 Venerdì 13 III 16-20 Ore Lunedì 16 Martedì 17 Mercoledì 18 Giovedì 19 Venerdì

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE SETTEMBRE 2013 DATASIEL S.p.A Pag. 2/23 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 1.1. Scopo...3 1.2. Servizio Assistenza Utenti...3 2. UTILIZZO DEL PROGRAMMA...4 2.1. Ricevere

Dettagli