MECCATRONICA. Modulo 2: gestione del progetto (parte 2)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MECCATRONICA. Modulo 2: gestione del progetto (parte 2)"

Transcript

1 MECCATRONICA Modulo 2: gestione del progetto (parte 2) Soluzioni (concetto) Andre Henschke Henschke Consulting Dresden Germania Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto nella produzione industriale globalizzata Progetto UE no Minos, durata dal 2005 al 2007 Progetto UE no. DE/08/LLP-LdV/TOI/ MINOS ++, durata dal 2008 al 2010 Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e la Commissione declina ogni responsabilità sull uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute.

2 Partners per la creazione, valutazione e diffusione dei progetti MINOS e MINOS**. - Chemnitz University of Technology, Institute for Machine Tools and Production Processes, Germany - np neugebauer und partner OhG, Germany - Henschke Consulting, Germany - Corvinus University of Budapest, Hungary - Wroclaw University of Technology, Poland - IMH, Machine Tool Institute, Spain - Brno University of Technology, Czech Republic - CICmargune, Spain - University of Naples Federico II, Italy - Unis a.s. company, Czech Republic - Blumenbecker Prag s.r.o., Czech Republic - Tower Automotive Sud S.r.l., Italy - Bildungs-Werkstatt Chemnitz ggmbh, Germany - Verbundinitiative Maschinenbau Sachsen VEMAS, Germany - Euroregionala IHK, Poland - Korff Isomatic sp.z.o.o. Wroclaw, Polen - Euroregionale Industrie- und Handelskammer Jelenia Gora, Poland - Dunaferr Metallwerke Dunajvaros, Hungary - Knorr-Bremse Kft. Kecskemet, Hungary - Nationales Institut für berufliche Bildung Budapest, Hungary - Christian Stöhr Unternehmensberatung, Germany - Universität Stockholm, Institut für Soziologie, Sweden Articolazione del materiale didattico Minos : moduli 1 8 (manuale, soluzioni e esercizi): Conoscenze fondamentali/ competenze interculturale, gestione del progetto/ tecnica pneumatica/ azionamenti elettrici e controlli automatici/ componenti meccatronici/ sistemi meccatronici e funzioni/ attivazione, sicurezza e teleservizio/ manutenzione remota e diagnosi Minos **: moduli 9 12 (manuale, soluzioni e esercizi): Prototipazione Rapida/ robotica/ migrazione/ Interfacce Tutti i moduli sono disponibili nelle seguenti lingue: tedesco, inglese, spagnolo, italiano, polacco, ceco e ungherese Per ulteriori informazioni si prega di contattare Dr.-Ing. Andreas Hirsch Technische Universität Chemnitz Reichenhainer Straße 70, Chemnitz Tel.: + 49(0) Fax.: + 49(0) Internet: oder

3 gestione del progetto Minos ++ Contenuto Trainerguideline Modulo Management del progetto e organizzazione 4 Consigli generali e filosofia del modulo Management del progetto e organizzazione 5 1. Lavoro nel progetto oggigiorno Lavoro nel progetto nel passato I nove campi d azione del management del progetto 7 2 Un progetto: condizioni e caratteristiche 8 3 Tipi di progetti Modello delle fasi del progetto Particolarità nel management del progetto internazionale Influssi della sociologia nel management del progetto internazionale 11 4 Programmazione e obiettivi del management del progetto 14 5 Un progetto e le sue fasi Management del progetto: gruppi di processi 16 6 Organizzazione del progetto 16 7 Conduzione del progetto 19 8 Conduzione del progetto Programmazione degli obiettivi Tecnica di programmazione in rete 23 9 Passi verso il successo del progetto Management del rischio 25 Compiti in gruppo Compito in gruppo Compito in gruppo Compito in gruppo Compito in gruppo Compito in gruppo Compito in gruppo Compito in gruppo 34 3

4 Minos ++ gestione del progetto Trainerguideline Modulo Management del progetto e dell organizzazione Descrizione del corso / Campo: - Meccatronica Obiettivi: I partecipanti si dedicano agli aspetti principali dei seguenti argomenti: - Lavoro nel progetto oggigiorno - Un progetto; condizioni e caratteristiche - Tipi di progetti - Management del progetto definizione e obiettivo - Un progetto e le sue fasi - Organizzazione del progetto - Programmazione del progetto - Passi necessari per il successo - Management del rischio Presupposti: - nessuno Partecipanti: - Lavoratori specializzati dai campi di costruzione, montaggio, servizio, manutenzione Durata del corso in minuti: 1260 min Sono necessari: Insegnante - Libro dell insegnante M2 PM/O Altro: - beamer - whiteboard / lavagna I partecipanti hanno bisogno di: - libro dell alunno M2PM/O - libro degli esercizi M2 PM/O Altro: - blocco di carta, penna 4

5 gestione del progetto Minos ++ Consigli generali e filosofia del modulo management del progetto e dell organizzazione Il presente modulo consiste in un manuale per il docente e un manuale esercizi. Richiede la presenza dei partecipanti in aula. Si rivolge ai lavoratori non laureati ma può essere usato anche per altri gruppi di persone. Il modulo non si focalizza sull integrazione di soluzioni software come MS Project, ma si dedica al trasferimento di contenuti specifici e processi di un progetto. Con l aiuto di questo modulo i partecipanti possono ottenere conoscenze: - del tipo di progetto - degli elementi di un progetto, - delle fasi di un progetto, - della programmazione di un progetto, - della realizzazione di un progetto - del controllo di una realizzazione riuscita. Gli esercizi servono per controllare la comprensione dei contenuti e per usare le nuove conoscenze. Specialmente nel caso di compiti individuali è richiesta la creatività dei partecipanti, e non ci sono soluzioni giuste o false. È compito dei partecipanti trovare una soluzione con l aiuto del manuale dello studente. Presentazione e saluto Contenuto in breve: - presentazione - presentazione del programma - discussione delle aspettative - orario, organizzazione, partner disponibili Consigli: - scambio dei biglietti da visita - presentazione del manuale per il corso - indicazione sullo svolgimento pratico del corso - presentazione del programma europeo Leonardo da Vinci Durata del capitolo in minuti: 30 minuti 5

6 Minos ++ gestione del progetto 1 Lavoro nel progetto oggigiorno Contenuto appunti -lavoro in progetti nel passato -fasi dello sviluppo del lavoro in progetti -origine dei principi d organizzazione dei progetti Consigli: i partecipanti trovano gli esempi I partecipanti hanno bisogno di: Libro dello studente M2 PM/O, libro degli esercizi M2 PM/O Inoltre c è bisogno di: un notebook, il libro del docente M2 PM/O, lavagna Durata del capitolo in minuti: 30 min Lavoro nel progetto nel passato Descriva le caratteristiche di avvenimenti storici importanti. Da conquiste storiche come le scoperte di grandi navigatori, é da dedurre il carattere di un progetto. Prima di usare il manuale per lo studente cerchi di svegliare l entusiasmo per progetti unici. Su questa base vengono discussi altri esempi per progetti unici nel passato. Quali principi d organizzazione derivano dal ambito militare può essere approfondito con rimando a Vom Kriege ( Dalla guerra ) di Carl von Klausewitz che è stato tradotto in quasi tutte le lingue del mondo. Carl Phillip Gottlieb von Clausewitz (* come Carl Phillip Gottlieb Clausewitz in Burg vicino a Magdeburgo, vicino a Breslau) era un generale prussiano e teoretico militare. Clausewitz è diventato famoso con la sua opera principale Dalla guerra. La sua teoria sulla strategia, tattica e filosofica, aveva un grande influsso sullo sviluppo dell economia della guerra in tutti i paesi dell occidente. Anche se la sua teoria è stata messa in discussione da storici inglesi come Basil Liddel Hart o John Keegan, viene sempre insegnata in tutte le principali accademie militari. Viene usata sempre nel management e nel marketing. Clausewitz si rivolgeva contro quelli che insistevano sui sistemi. Secondo lui la teoria della guerra non poteva consistere di indicazioni precise per generali. Cercava invece, di svelare i principi che emergono dagli studi sistematici della storia e del pensiero logico. Anche se trattava ideali, sottolineava sempre il riferimento alla realtà dei suoi principi. Dunque era dell opinione che campagne militari potevano essere programmate in maniera relativa, visto che influssi o avvenimenti non prevedibili potevano disturbare ogni programma. 6

7 gestione del progetto Minos I nove campi d azione del management del progetto Con l aiuto di un esempio di un progetto presente vanno elaborati i nove campi d azione del management del progetto. Il risultato dovrebbe essere una rappresentazione nella maniera seguente: Compito 1: Indichi 10 esempi di progetti storici importanti: Soluzione (esempi) per compito 1: - costruzione delle piramidi in Egitto - campagna di Alessandro in Egitto - costruzione del muro di Adriano in Inghilterra - costruzione di San Pietro a Roma - l esercito di Napoleone in Russia; usa per la prima volta nuovi mezzi logistici e si nutre di cibo in scatole - costruzione di un collegamento ferroviario fra la costa occidentale e orientale degli Stati Uniti - sviluppo del motore Otto - il primo uomo sulla luna - prima scalata sul Monte Everest - costruzione della prima centrale atomica Compito 2: Nomini i nove campi di sapere del management del progetto. Soluzione di compito 2: management d integrazione management della mole management delle date management dei costi management di qualità management del personale management della comunicazione management del rischio management del procurare I novi campi del sapere del management del progetto. 7

8 Minos ++ gestione del progetto Compito 3: Descriva i campi del sapere management dell integrazione, management del rischio e management del personale e faccia vedere il collegamento fra i tre campi con un esempio scelto da Lei. Soluzione del compito 3: pagina 3, 1.4. I nove campi del management del progetto. Gli esempi scelti devono corrispondere con le condizioni di un progetto. Permetta anche soluzioni creative dei partecipanti. 2 Un progetto condizioni e caratteristiche Contenuto: - DIN Condizioni - Obiettivi - Unicità - Possibilità di strutturazione - Organizzazione specifica Consiglio: Compito in gruppo I partecipanti hanno bisogno di: Libro del alunno M2 PM/O, libro di esercizi M2 PM/O Inoltre c è bisogno di: un notebook, il libro del insegnante M2 PM/O, lavagna Durata del capitolo in minuti: 30 min Si riferisca al carattere e la struttura di norme. Nomini lo sfondo della norma DIN e ISO. La norma DIN definisce un progetto in DIN Si riferisca soprattutto al carattere di una definzione. Le definizioni hanno un ruolo speciale soprattutto nei seguenti casi d impiego di progetti, visto che una delimitazione esatta di fronte a rappresentazioni alternative è importante. Definisca le caratteristiche di progetti in base ad esempi e studi a fondo la DIN Compito 4: Quali sette condizioni caratterizzano un progetto secondo la DIN 69901? Soluzione per compito 4: pagina 4, 2.1. DIN

9 gestione del progetto Minos ++ Compito 5: Per cinque degli esempi storici di progetti sono da nominare almeno cinque condizioni (che garantiscono che si tratti di un progetto) secondo lo schema seguente. Per la presentazione di ogni progetto va usato un foglio separato: Soluzione di compito 5 (esempio): Progetto 1: Costruzione delle piramidi in Egitto Condizione 1: Ci deve essere un obiettivo. Caratteristica: Ultimazione della tomba alla data X Condizione 2: Inizio e fine vengono stabiliti Caratteristica: Inizio dei lavori, fine con chiusura della piramide Condizione 3: un compito nuovo e complesso Caratteristica: prima costruzione nella storia dell umanità, nuova tipologia della costruzione e superamento di nuove dimensioni Condizione 4: diverse discipline partecipano Caratteristica: artigiani di tutti gli artigianati, preti e artisti Condizione 5: l organizzazione è specifica per il progetto Caratteristica: riassunto della responsabilità nella mano di un costruttore edile Condizione 6: può essere diviso in progetti singoli Caratteristica: nuova dimensione della grandezza e dell attrezzatura in un arco di tempo piccolo Condizione 7: finanze, personale e altro limitato Caratteristica: le risorse come l uso di forzati servono soltanto per raggiungere un obiettivo: finire la piramide 9

10 Minos ++ gestione del progetto 3 Tipi di progetti Contenuto: Struttura di - progetti d investimento - progetti di ricerca e di sviluppo - progetti d organizzazione paragonati con progetti: - che si svolgono ad un sistema lavorativo che si svolgono su un oggetto di lavoro - al posto di lavoro - modelli di fasi di progetti Consiglio: lavoro in gruppi I partecipanti hanno bisogno di: libro per lo studente M2 PM/O, libro con esercizi M2 PM/O Inoltre serve: un notebook, il libro del docente M2 PM/O, whiteboard Durata del capitolo in minuti: 30 min Modello delle fasi del progetto Presenti i tre tipi di progetti (progetti d organizzazione, di ricerca e di sviluppo e progetti d investimento). I partecipanti devono trovare esempi per i singoli tipi di progetto. Con l aiuto di una tabella con tre colonne (una per ogni tipo di progetto). Sviluppi caratteristiche tipiche per ogni tipo di progetto. Partendo da esempi, vanno sviluppate delle definizioni. In base a un esempio di ogni tipo di progetto è da sviluppare un modello approssimativo delle fasi di progetto. I modelli sono da rappresentare uno sotto l altro così che vengono evidenziate le differenze nel percorso Particolarità nel management internazionale del progetto Discuta con i partecipanti la tendenza della globalizzazione e esperienze personali legate alla globalizzazione. Durante la discussione è importante sviluppare un punto di vista positivo, visto che questo processo ha aspetti positivi per lavoratori innovativi. Un dibattito sulla globalizzazione e sul benessere personale non è desiderato, visto che non è l argomento vero e proprio della discussione. Gli obiettivi della globalizzazione dovrebbero essere presentati da Lei e accolti dai partecipanti. Gli esempi possono essere elaborati insieme. 10

11 gestione del progetto Minos Influsso della sociologia sul management del progetto internazionale I partecipanti parlano dell opinione che hanno della sociologia e presentano una definizione della sociologia e dei suoi campi d azione. Vedrà che quello che si intende con il termine sociologia va molto oltre il suo contenuto. Con esempi dell internazionalizzazione Lei mostri l importanza dei cosiddetti Soft- Skills, cioè fattori morbidi che sul livello personale incidono sul successo di un progetto. È da sottolineare l importanza delle mentalità diverse e dell empatia. Come esempio segue una frase di Nida-Rümelin: Il Successo economico dipende dalla base culturale e dalla formazione, tutte e due non vengono dal niente, ma si devono ancorare per generazioni. Secondo me non soltanto il sapere ha un ruolo fondamentale, ma anche la sensibilità, l empatia e la capacità di capire un'altra persona con i suoi obiettivi, la capacità di orientarsi in diversi ambienti culturali. Questo vale particolarmente per l economia internazionale, nella quale veniamo in contatto con le più diverse mentalità e culture, e dunque con persone, dette in maniera antiquata, che hanno sviluppato certe virtù, virtù del rispetto, della comprensione, della continuità, dell affidamento, della veridicità e della fiducia. Le persone hanno successo se almeno una parte rilevante del loro lavoro la fanno perché sono interessate alla cosa, perché la vogliono fare bene e non perché serve per raggiungere un altro obiettivo. Questo si spiega con l autostima; non possiamo strumentalizzare il nostro comportamento del tutto senza perderci, senza perdere la nostra identità, la nostra autostima. È nel caso più favorevole Lei comunica e interagisce partendo da una posizione: quella dell attenzione, del rispetto, della fiducia. In base a queste due citazione vanno discussi valori e norme del 21 secolo. Si riferisca anche all importanza del canone di valori dell occidente. Compito 6: Indichi i tre tipi di progetti e nomini per ogni tipo due caratteristiche principali. Soluzione per compito 6: - progetti d investimento - prezzo d acquisto alto - prodotti di elevata qualità - un possibile utilizzo prolungato - progetti di ricerca e di sviluppo - forma del progetto che richiede una programmazione intensa - caratterizzata dello sviluppo di nuove procedure e nuovi sistemi 11

MECCATRONICA. Modulo 3: tecnica pneumatica

MECCATRONICA. Modulo 3: tecnica pneumatica MECCATRONICA Modulo 3: tecnica pneumatica Esercizi (concetto) Matthias Römer Università Tecnica di Chemnitz, Germania Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto nella

Dettagli

MECCATRONICA. Modulo 2: gestione del progetto (parte 2)

MECCATRONICA. Modulo 2: gestione del progetto (parte 2) MECCATRONICA Modulo 2: gestione del progetto (parte 2) Manuale (concetto) Andre Henschke Henschke Consulting Dresden Germania Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto

Dettagli

MECCATRONICA. Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto nella produzione industriale globalizzata

MECCATRONICA. Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto nella produzione industriale globalizzata MECCATRONICA Modulo 1: conoscenze fondamentali Esercizi (concetto) Matthias Römer Università Tecnica di Chemnitz, Istituto di macchine utensili e dei processi produttivi Germania Concetto europeo per la

Dettagli

MECCATRONICA. Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto nella produzione industriale globalizzata

MECCATRONICA. Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto nella produzione industriale globalizzata MECCATRONICA Modulo 2: competenze interculturale (parte 1) Soluzioni (concetto) Christian Stöhr Christian Stöhr Unternehmensberatung Germania Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica

Dettagli

MECCATRONICA Modulo 12: Interfacce

MECCATRONICA Modulo 12: Interfacce MECCATRONICA Modulo 12: Interfacce Soluzioni (concetto) Dr.-Ing. Gabriele Neugebauer Matthias Römer np neugebauer und partner ohg, Germania Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di

Dettagli

MECCATRONICA Modulo 12: Interfacce

MECCATRONICA Modulo 12: Interfacce MECCATRONICA Modulo 12: Interfacce Manuale (concetto) Dr.-Ing. Gabriele Neugebauer Matthias Römer np neugebauer und partner ohg, Germania Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di

Dettagli

MECCATRONICA. Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto nella produzione industriale globalizzata

MECCATRONICA. Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto nella produzione industriale globalizzata MECCATRONICA Modulo 1: conoscenze fondamentali Manuale (concetto) Matthias Römer Università Tecnica di Chemnitz, Germania Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto

Dettagli

MECCATRONICA. Modulo 3: tecnica pneumatica

MECCATRONICA. Modulo 3: tecnica pneumatica MECCATRONICA Modulo 3: tecnica pneumatica Manuale (concetto) Matthias Römer Università Tecnica di Chemnitz, Istituto di macchine utensili e dei processi produttivi Germania Concetto europeo per la Formazione

Dettagli

MECCATRONICA Modulo 9: Prototipazione Rapida

MECCATRONICA Modulo 9: Prototipazione Rapida MECCATRONICA Modulo 9: Prototipazione Rapida Soluzioni (concetto) prof. dr. hab. inz. Edward Chlebus dr inż. Bogdan Dybała, dr inż. Tomasz Boratyński dr inż. Jacek Czajka dr inż. Tomasz Będza dr inż. Mariusz

Dettagli

MECCATRONICA Modulo 10: Robotica

MECCATRONICA Modulo 10: Robotica MECCATRONICA Modulo 10: Robotica Soluzioni (concetto) Petr Blecha Zdenêk Kolíbal Radek Knoflícek Ales Pochylý Tomas Kubela Radim Blecha Tomas Brezina Università Tecnica di Brno, Cechia Concetto europeo

Dettagli

MECCATRONICA. Modulo 4: azionamenti elettrici e controlli automatici

MECCATRONICA. Modulo 4: azionamenti elettrici e controlli automatici MECCATRONICA Modulo 4: azionamenti elettrici e controlli automatici Manuale (concetto) Matthias Römer Università Tecnica di Chemnitz, Istituto di macchine utensili e dei processi produttivi Germania Concetto

Dettagli

MECCATRONICA. Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto nella produzione industriale globalizzata

MECCATRONICA. Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto nella produzione industriale globalizzata MECCATRONICA Modulo 2: competenze interculturale (parte 1) Esercizi (concetto) Christian Stöhr Christian Stöhr Unternehmensberatung Germania Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica

Dettagli

MECCATRONICA Modulo 9: Prototipazione Rapida

MECCATRONICA Modulo 9: Prototipazione Rapida MECCATRONICA Modulo 9: Prototipazione Rapida Manuale (concetto) prof. dr. hab. inz. Edward Chlebus dr inż. Bogdan Dybała, dr inż. Tomasz Boratyński dr inż. Jacek Czajka dr inż. Tomasz Będza dr inż. Mariusz

Dettagli

MECCATRONICA Modulo 6: sistemi meccatronici e funzioni

MECCATRONICA Modulo 6: sistemi meccatronici e funzioni MECCATRONICA Modulo 6: sistemi meccatronici e funzioni Manuale (concetto) Jerzy Jędrzejewski Wojciech Kwaśny Zbigniew Rodziewicz Andrzej Błażejewski Politecnico di Wroclaw, Polonia Matthias Römer Università

Dettagli

MECCATRONICA Modulo 5: componenti meccatronici

MECCATRONICA Modulo 5: componenti meccatronici MEATRONIA Modulo 5: componenti meccatronici Manuale (concetto) Wojciech Kwaśny Andrzej Błażejewski Politecnico di Wroclaw, Polonia oncetto europeo per la Formazione ontinua in Meccatronica di personale

Dettagli

MECCATRONICA Modulo 6: sistemi meccatronici e funzioni

MECCATRONICA Modulo 6: sistemi meccatronici e funzioni MECCATRONICA Modulo 6: sistemi meccatronici e funzioni Soluzioni (concetto) Jerzy Jędrzejewski Wojciech Kwaśny Zbigniew Rodziewicz Andrzej Błażejewski Politecnico di Wroclaw, Polonia Matthias Römer Università

Dettagli

MECCATRONICA Modulo 5: componenti meccatronici

MECCATRONICA Modulo 5: componenti meccatronici MECCATRONICA Modulo 5: componenti meccatronici Soluzioni (concetto) Wojciech Kwaśny Andrzej Błażejewski Politecnico di Wroclaw, Istituto di ingegneria di fabbricazione e di automazione, Polonia Concetto

Dettagli

MECCATRONICA Modulo 7: attivatione, sicurezza e teleservizio

MECCATRONICA Modulo 7: attivatione, sicurezza e teleservizio MECCATRONICA Modulo 7: attivatione, sicurezza e teleservizio Manuale (concetto) Matthias Römer Università Tecnica di Chemnitz, Germania Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale

Dettagli

MECCATRONICA Moduli 5-8

MECCATRONICA Moduli 5-8 MECCATRONICA Moduli 5-8 componenti meccatronici sistemi meccatronici e funzioni manutenzione remota e diagnosi Esercizi Soluzioni (concetto) Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica

Dettagli

MECCATRONICA. Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto nella produzione industriale globalizzata

MECCATRONICA. Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto nella produzione industriale globalizzata MECCATRONICA Moduli 1-4 conoscenze fondamentali competenze interculturale, gestione del progetto tecnica pneumatica azionamenti elettrici e controlli automatici Esercizi Soluzioni (concetto) Concetto europeo

Dettagli

MECCATRONICA Modulo 10: Robotica

MECCATRONICA Modulo 10: Robotica MECCATRONICA Modulo 10: Robotica Manuale (concetto) Petr Blecha Zdenêk Kolíbal Radek Knoflícek Ales Pochylý Tomas Kubela Radim Blecha Tomas Brezina Università Tecnica di Brno, Cechia Concetto europeo per

Dettagli

I vantaggi dell internazionalizzazione delle imprese

I vantaggi dell internazionalizzazione delle imprese delle imprese presentazione Le imprese che avviano un attività di esportazione hanno la possibilità di cogliere una serie importante di opportunità di sviluppo e prosperità quali ad esempio: aumento del

Dettagli

Università degli studi di roma foro italico. Offerta formativa Università degli Studi di Roma Foro Italico Lauree Magistrali

Università degli studi di roma foro italico. Offerta formativa Università degli Studi di Roma Foro Italico Lauree Magistrali Offerta formativa Università degli Studi di Roma Foro Italico Lauree Magistrali L Università degli Studi di Roma Foro Italico è la quarta università statale di Roma, ed è l unico ateneo italiano, e uno

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr Verona Innovazione Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr 19/06/2015 Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi La parola ai nostri protagonisti Diario descrittivo

Dettagli

Fonti di energia non rinnovabili

Fonti di energia non rinnovabili Fonti di energia non rinnovabili envi.stromzivota.sk ENVI-MOBILE: Integration of mobile learning into environmental education fostering local communities development 2014-1-SK01-KA200-000481 ERAZMUS+ Programme

Dettagli

MECCATRONICA Moduli 5-8

MECCATRONICA Moduli 5-8 MECCATRONICA Moduli 5-8 componenti meccatronici sistemi meccatronici e funzioni attivazione, sicurezza e teleservizio manutenzione remota e diagnosi Manuale (concetto) Concetto europeo per la Formazione

Dettagli

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri F. Brunelleschi Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 PRESENTAZIONE DEL CORSO SERALE PROGETTO SIRIO Il CORSO SERALE A partire

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali LAUREA MAGISTRALE IN Teoria e tecnologia della comunicazione REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO

Dettagli

Cercare è per metà trovare

Cercare è per metà trovare Introduzione Cercare è per metà trovare Cercare su Internet Un Web nella Rete Struttura del libro I n t r o d u z i o n e La prima edizione del libro che avete tra le mani nasceva nel 2005. Si trattava

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO : A SCUOLA DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE

PROGETTO DIDATTICO : A SCUOLA DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE PROGETTO DIDATTICO : A SCUOLA DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE Finalità, obiettivi specifici e scelte di contenuto La finalità generale del progetto consiste nel favorire il processo di formazione attraverso

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti Attività Metodo Strumenti Durata (in ore) Riconoscere e denominare le forme geometriche presenti nell ambiente

SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti Attività Metodo Strumenti Durata (in ore) Riconoscere e denominare le forme geometriche presenti nell ambiente SCUOLA DELL INFANZIA Obiettivi di apprendimento Conoscere i poligoni regolari Contenuti Attività Metodo Strumenti Durata (in ore) Riconoscere e denominare le forme geometriche presenti nell ambiente Ricostruzione

Dettagli

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento Giugno 2005 Cari docenti, Vi ringraziamo per aver aderito al progetto ECHO mirante a fornire ai partecipanti al corso di orientamento

Dettagli

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Al questionario hanno risposto sette formatori di insegnanti di lingue. 2. Sei formatori parlano l inglese, sei il francese,

Dettagli

Company Prof.ile. Il chi. Il come. Il perché.

Company Prof.ile. Il chi. Il come. Il perché. Company Prof.ile Il chi. Il come. Il perché. Sommario Introduzione Presentazione Approccio I plus La rete di progetti Servizi Perché scegliere Toast? Clienti Contatti Introduzione Il ruolo delle agenzie

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

CREATIVE. Newsletter Numero 04 HANDMADE THINKING. Contenuto:

CREATIVE. Newsletter Numero 04 HANDMADE THINKING. Contenuto: Newsletter Numero 04 Contenuto: È iniziata la fase di divulgazione finale Un frammento del nostro manuale L opinione degli esperti I Partner del Progetto È iniziata la fase di divulgazione finale Siamo

Dettagli

L offerta formativa della Scuola Master F.lli Pesenti per l A.A.2013/2014. Il Rinnovamento della Tradizione didattica

L offerta formativa della Scuola Master F.lli Pesenti per l A.A.2013/2014. Il Rinnovamento della Tradizione didattica Presidente Prof. Ing. Antonio Migliacci Direttore Prof.ssa Arch. Ing. Paola Ronca L offerta formativa della Scuola Master F.lli Pesenti per l A.A.2013/2014 Il Rinnovamento della Tradizione didattica Scuola

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata. Facoltà di Ingegneria

Università di Roma Tor Vergata. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Importanza dell orientamento Attivare/potenziare la capacità di scegliere efficientemente la futura attività professionale. Individuare le capacità

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

Avete spirito scientifico?

Avete spirito scientifico? GIOCO n. 1 a Avete spirito scientifico? Fare ricerca richiede anche di sapere e comprendere quali sono gli atteggiamenti verso la conoscenza di chi partecipa all impresa scientifica. Per capire se possiedi

Dettagli

Business Software IT-Management Process Consulting Security for your IT Investments

Business Software IT-Management Process Consulting Security for your IT Investments Business Software IT-Management Process Consulting Security for your IT Investments www.wuerth-phoenix.com Security for your IT Investments Business Software IT-Management Process Consulting La vita è

Dettagli

IL COUNSELING Il counseling

IL COUNSELING Il counseling IL COUNSELING Il counseling è stato definito come un processo di interazione fra due persone il cui scopo è quello di favorire nel cliente una presa di coscienza della sua situazione esistenziale per supportarlo

Dettagli

With your business in the world

With your business in the world With your business in the world Global marketing Accanto alle aziende e agli imprenditori Qualunque sia la loro meta. IC&Partners Portiamo all estero le imprese. IC&Partners è una società di consulenza

Dettagli

Microprogettazione abcdigital. TUTTI I GIORNI: APERTURA E CHIUSURA Tempi Obiettivi Cosa fare Materiale di supporto Note PRIMA DI OGNI AULA IN AULA

Microprogettazione abcdigital. TUTTI I GIORNI: APERTURA E CHIUSURA Tempi Obiettivi Cosa fare Materiale di supporto Note PRIMA DI OGNI AULA IN AULA TUTTI I GIORNI: APERTURA E CHIUSURA Tempi 30 min Preparare I tablet all installazione dell App di prova Impostare su tutti i tablet la possibilità a scaricare app da internet PRIMA DI OGNI AULA Tempi 20

Dettagli

OBIETTIVI DEL MASTER

OBIETTIVI DEL MASTER L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. 2 turisti stranieri su 3 considerano la cultura e il cibo come principale motivazione di un viaggio in Italia e

Dettagli

NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTI PROFESSIONALI IPSIA C2 INDIRIZZO PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI. Settore

NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTI PROFESSIONALI IPSIA C2 INDIRIZZO PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI. Settore NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTI PROFESSIONALI IPSIA C1 INDIRIZZO MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA C2 INDIRIZZO PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI CORSI di FORMAZIONE REGIONALE Tecnico industrie Tecnico elettroniche

Dettagli

PROGETTO DAISS LEONARDO DA VINCI TRASFERIMENTO DELL INNOVAZIONE

PROGETTO DAISS LEONARDO DA VINCI TRASFERIMENTO DELL INNOVAZIONE PROGETTO DAISS LEONARDO DA VINCI TRASFERIMENTO DELL INNOVAZIONE PROJECT REFERENCE NO: UK/11/LLP-LDV/TOI-472 (2011-2013) DAISS: UN PROGETTO INNOVATIVO PER CHI CERCA LAVORO E PER CHI UN LAVORO LO OFFRE PERCHE

Dettagli

Customer Relationship Management (CRM) e miglioramento dei processi commerciali nelle PMI

Customer Relationship Management (CRM) e miglioramento dei processi commerciali nelle PMI Customer Relationship Management (CRM) e miglioramento dei processi commerciali nelle PMI Premessa La gestione dei rapporti con i clienti ovvero Customer Relationship Management (CRM) riveste un ruolo

Dettagli

La scuola per capi-azienda nelle arti e mestieri

La scuola per capi-azienda nelle arti e mestieri IFCAM - Istituto svizzero per la formazione di capi-azienda nelle arti e mestieri La scuola per capi-azienda nelle arti e mestieri Istituto svizzero per la formazione di capi azienda Scopo del corso La

Dettagli

MANUALE MOODLE STUDENTI. Accesso al Materiale Didattico

MANUALE MOODLE STUDENTI. Accesso al Materiale Didattico MANUALE MOODLE STUDENTI Accesso al Materiale Didattico 1 INDICE 1. INTRODUZIONE ALLA PIATTAFORMA MOODLE... 3 1.1. Corso Moodle... 4 2. ACCESSO ALLA PIATTAFORMA... 7 2.1. Accesso diretto alla piattaforma...

Dettagli

MIUR. I nuovi. Istituti Tecnici

MIUR. I nuovi. Istituti Tecnici I nuovi Istituti Tecnici NUOVO IMPIANTO ORGANIZZATIVO 2 SETTORI, 11 INDIRIZZI SETTORE ECONOMICO SETTORE TECNOLOGICO 1. Amministrazione, Finanza e Marketing; 2. Turismo 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia

Dettagli

Lastampa.it 03.10.2013. SCUOLA 03/10/2013 Le nostre scuole? Poco internazionali Italia in ritardo negli scambi con l estero

Lastampa.it 03.10.2013. SCUOLA 03/10/2013 Le nostre scuole? Poco internazionali Italia in ritardo negli scambi con l estero SCUOLA 03/10/2013 Le nostre scuole? Poco internazionali Italia in ritardo negli scambi con l estero Il 33% degli studenti che partono scelgono destinazioni in Europa, il 24% Usa e Canada e il 23% l America

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosof iche

Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosof iche Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosof iche Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche Preside della Facoltà di Filosofia: Prof. Roberto Mordacci PRESENTAZIONE La Laurea Magistrale in Scienze

Dettagli

Comunicazione. per il. Sintesi. Linee Guida e Materiali Didattici. Competenze di Base per il Lavoro

Comunicazione. per il. Sintesi. Linee Guida e Materiali Didattici. Competenze di Base per il Lavoro Competenze di base e Comunicazione per il Settore delle Pulizie Sintesi Linee Guida e Materiali Didattici Competenze di Base per il Lavoro Competenze di base e comunicative per lavoratori scarsamente qualificati

Dettagli

Centro Scolastico Diocesano Redemptoris Mater Scuola Primaria Paritaria D.M. 26.11.2001

Centro Scolastico Diocesano Redemptoris Mater Scuola Primaria Paritaria D.M. 26.11.2001 Centro Scolastico Diocesano Redemptoris Mater Scuola Primaria Paritaria D.M. 26.11.2001 Via Leonardo da Vinci 34 17031 Albenga Telefono 0182 554970 Galateo: lavorare con e su tutta la classe per il rispetto

Dettagli

Plurilinguismo: dal mondo a casa nostra Poster 6

Plurilinguismo: dal mondo a casa nostra Poster 6 1 Plurilingue?! Si, ma come? Spiegazioni Domande Risposte Corrette Note Non è assolutamente possibile dare una breve definizione scientifica che sia in grado di rendere la complessità del sistema di segni

Dettagli

Effetti sulla didattica dell investimento della politica regionale in attrezzature digitali nelle scuole del Mezzogiorno

Effetti sulla didattica dell investimento della politica regionale in attrezzature digitali nelle scuole del Mezzogiorno Valutazione del Quadro Strategico Nazionale 2007/2013 Effetti sulla didattica dell investimento della politica regionale in attrezzature digitali nelle scuole del Mezzogiorno PON Governance e Assistenza

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

IL PAESE QUATRICERCHIO

IL PAESE QUATRICERCHIO Scuola dell infanzia di Santa Maria in Punta UNITÀ DI APPRENDIMENTO: IL PAESE QUATRICERCHIO UN MONDO DI FORME(prima parte) Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO GRIGLIA DI OSSERVAZIONE/RUBRICA

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA SECONDARIA DI CURNO LA CELLULA Docenti: Ilaria Topan Vi allego le schede relative ad un'attività che

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

COORDINAMENTO AREA DISCIPLINARE ELETTRONICA SETTEMBRE 2014

COORDINAMENTO AREA DISCIPLINARE ELETTRONICA SETTEMBRE 2014 COORDINAMENTO AREA DISCIPLINARE ELETTRONICA SETTEMBRE 2014 Pagina 1 di 8 MATERIA: TPSEE I docenti della materia TPSEE per le classi terze, quarte e quinte dell indirizzo Elettronica, dopo aver partecipato

Dettagli

w www.itidorso.it la nuova Istruzione Tecnica: le Chiavi del tuo Futuro I.T.I.S. Guido Dorso - Avellino MIUR DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE

w www.itidorso.it la nuova Istruzione Tecnica: le Chiavi del tuo Futuro I.T.I.S. Guido Dorso - Avellino MIUR DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE MIUR DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE DIREZIONE GENERALE PER L ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE E PER I RAPPORTI CON I SISTEMI FORMATIVI DELLE REGIONI DIREZIONE GENERALE PER LO STUDENTE, L INTEGRAZIONE,

Dettagli

COME PRESENTARE UN PROFILO COMPLETO E PIÙ VISIBILE SU LINKEDIN

COME PRESENTARE UN PROFILO COMPLETO E PIÙ VISIBILE SU LINKEDIN COME PRESENTARE UN PROFILO COMPLETO E PIÙ VISIBILE SU LINKEDIN Marina Fantini Talent Solutions Marketing Manager, LinkedIn Italy & Iberia L uso dei social network e la crescente velocità dello scambio

Dettagli

PROGETTARE IL FUTURO. Oggetto: Progetto Orientamento Isc Montegranaro. Presentazione

PROGETTARE IL FUTURO. Oggetto: Progetto Orientamento Isc Montegranaro. Presentazione PROGETTARE IL FUTURO Oggetto: Progetto Orientamento Isc Montegranaro Presentazione La finalità fondamentale dell orientamento è promuovere lo sviluppo della persona. Scuola, Famiglia e Territorio hanno

Dettagli

Bolog na, 07/05/2014

Bolog na, 07/05/2014 Bologna, 07/05/2014 Come fare a costruire un curricolo verticale? Personali Situazioni d aula Indicazioni Nazionali Confronto con i colleghi, con le Istituzioni, con le famiglie,.. Ricerche in Didattica

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

percorsi professionali

percorsi professionali percorsi professionali Studio SOLIDEA propone corsi per la formazione di giovani designer interessati alle materie artistiche e creative, o per l aggiornamento di chi già esercita la professione di stilista/modellista

Dettagli

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè EVENTO OLIVETTI Milano, via Savona 15 Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè Buon giorno a tutti, è per me un piacere oggi partecipare a questo evento organizzato per la presentazione della nuova

Dettagli

ANTONIO MARTELLI MARTE E MERCURIO. Strategie militari e Strategie aziendali. Workshop del CeRiCo Marte e Mercusio : 26 Gennaio 2012

ANTONIO MARTELLI MARTE E MERCURIO. Strategie militari e Strategie aziendali. Workshop del CeRiCo Marte e Mercusio : 26 Gennaio 2012 ANTONIO MARTELLI MARTE E MERCURIO 1 Strategia d impresa e polemologia: quale rapporto? 2 Ma che c entra la strategia d impresa con la polemologia?... eppure un rapporto esiste. 3 La polemologia occidentale:

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

A c s in tutte le citt` europee

A c s in tutte le citt` europee A c s in tutte le citt` europee Leader europeo di soluzioni chiavi in mano per la vendita al dettaglio. 02 bk Group Avere un idea ben precisa è la vera chiave per arrivare al successo. Quando nel 1999

Dettagli

Dizionario Italiano/Lingua dei segni italiana

Dizionario Italiano/Lingua dei segni italiana DIZLIS 2.0 CTS IPSSS E. De Amicis Dizionario Italiano/Lingua dei segni italiana Un dizionario è un'opera che raccoglie, in modo ordinato secondo criteri anche variabili da un'opera all'altra, le parole

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA INDIRIZZI DI STUDIO

OFFERTA FORMATIVA INDIRIZZI DI STUDIO ISTITUTO TECNICO E. SCALFARO Piazza Matteotti, 1- CATANZARO Tel.: 0961 745155 - Fax: 0961 744438 E-mail:cztf010008@istruzione.it Sito: www.itiscalfaro.cz.it ANNO SCOLASTICO 2011 2012 OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

LO5.2.: SESSIONE 2 - Analisi con la vittima e il gruppo

LO5.2.: SESSIONE 2 - Analisi con la vittima e il gruppo 1. Analizzare l evento: con la vittima da sola con altri che sono coinvolti con tutto il gruppo con gli educatori LO5.2.: SESSIONE 2 - Analisi con la vittima e il gruppo BREVE DESCRIZIONE DELL ATTIVITÀ

Dettagli

UDA UNITA DI APPRENDIMENTO. Costruzione di un itinerario turistico nella città di New York

UDA UNITA DI APPRENDIMENTO. Costruzione di un itinerario turistico nella città di New York UDA Denominazione Prodotti UNITA DI APPRENDIMENTO Viaggio a New York Costruzione di un itinerario turistico nella città di New York Competenze chiave/competenze culturali GEOGRAFIA: L alunno si orienta

Dettagli

Metodi per valutare la User Experience nei servizi web

Metodi per valutare la User Experience nei servizi web Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Metodi per valutare la User Experience nei servizi web Autore: Maurizio Boscarol Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

BENVENUTI NELLA CULTURA DEL BENESSERE PRODUTTIVO

BENVENUTI NELLA CULTURA DEL BENESSERE PRODUTTIVO BENVENUTI NELLA CULTURA DEL BENESSERE PRODUTTIVO DE-143-00001 Un vantaggio per le aziende, le persone e l ambiente. Sedus (fondata nel 1871) è uno dei produttori leader in Europa di arredi e sedute per

Dettagli

Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it

Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it DA GUTENBERG ALL EBOOK Come cambia l'editoria scolastica di Valentina Gabusi DA GUTENBERG ALL EBOOK Come cambia l'editoria scolastica - Valentina Gabusi

Dettagli

www.learningschool.it

www.learningschool.it Piano di Formazione Scuola Vendite Progetto Finanziato dal Fondo Coordinato da e Informazioni: Gli ultimi 2 anni, causati dalla profonda crisi economica internazionale, hanno visto un rallentamento del

Dettagli

La guida definitiva della consulenza con Onoria.it

La guida definitiva della consulenza con Onoria.it Ciao, Siamo molto contento che tu sia qua. Il mio nome è Federico Spadaro. Benvenuti alla nostra pagina di consulenza e servizi informatici. Onoria fa consulenza sulla sicurezza informatica e servizi,

Dettagli

BIENNIO COMUNE a tutti gli indirizzi DISCIPLINE. Quadro Orario BIENNIO COMUNE. Nuovi Indirizzi Istituti Tecnici Pagina 1 1 BIENNIO

BIENNIO COMUNE a tutti gli indirizzi DISCIPLINE. Quadro Orario BIENNIO COMUNE. Nuovi Indirizzi Istituti Tecnici Pagina 1 1 BIENNIO Il seguente documento, redatto per estratti da documenti del Ministero della Pubblica Istruzione, illustra in modo sintetico ma completo l Offerta Formativa dei Nuovi Indirizzi degli Istituti Tecnici.

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia Anelia Cassai/lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA

Dettagli

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 L Osservatorio TCI sul Turismo Scolastico Perché? L idea di costituire un Osservatorio sul Turismo

Dettagli

RICERCA E SVILUPPO: DALL UNIVERSITÀ ALL INDUSTRIA

RICERCA E SVILUPPO: DALL UNIVERSITÀ ALL INDUSTRIA RICERCA E SVILUPPO: DALL UNIVERSITÀ ALL INDUSTRIA Cosa vuol dire R&D? R&D significa prima di tutto innovazione, nuove tecnologie, nuove idee. Ma concretizzare le innovazioni richiede investimenti a volte

Dettagli

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTALE ISTITUTO COMPRENSIVO B. da Montemagno DI QUARRATA a.s. 2012-2013 GRUPPO DI RICERCA-AZIONE DI MATEMATICA STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori Classi

Dettagli

L EDUCAZIONE AMBIENTALE E IL RINNOVAMENTO DEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO. Carlo Fiorentini

L EDUCAZIONE AMBIENTALE E IL RINNOVAMENTO DEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO. Carlo Fiorentini L EDUCAZIONE AMBIENTALE E IL RINNOVAMENTO DEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO Carlo Fiorentini La collaborazione ci ha portato ad individuare 5 aspetti caratterizzanti l educazione ambientale 1.

Dettagli

Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente

Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente Titolo UN VIAGGIO DI..ISTRUZIONE Argomento Attività didattica interdisciplinare preliminare al Viaggio d Istruzione a Roma: posizione geografica,

Dettagli

I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO. Palermo 9 novembre 2011

I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO. Palermo 9 novembre 2011 I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Palermo 9 novembre 2011 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO Webquest Attività di indagine guidata sul Web, che richiede la partecipazione attiva degli studenti,

Dettagli

Informatica e Telecomunicazioni

Informatica e Telecomunicazioni Informatica e Telecomunicazioni IL PROFILO DEL DIPLOMATO Il Diplomato in Informatica e Telecomunicazioni : 1. Ha competenze specifiche nel campo dei sistemi informatici, dell elaborazione dell informazione,

Dettagli

Usabilità dei Siti Web

Usabilità dei Siti Web Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Usabilità dei Siti Web Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Usabilità La efficacia, efficienza e soddisfazione con cui

Dettagli

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Gestione dei processi di vendita Master di I livello L Università degli Studi di Torino Dipartimento di Management, attraverso il Bando

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Istituto Istruzione Superiore 'Mattei Fortunato' Eboli (SA) Anno scolastico 2013/2014 Curricolo verticale Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Al termine del percorso

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli