MECCATRONICA. Modulo 2: gestione del progetto (parte 2)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MECCATRONICA. Modulo 2: gestione del progetto (parte 2)"

Transcript

1 MECCATRONICA Modulo 2: gestione del progetto (parte 2) Soluzioni (concetto) Andre Henschke Henschke Consulting Dresden Germania Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto nella produzione industriale globalizzata Progetto UE no Minos, durata dal 2005 al 2007 Progetto UE no. DE/08/LLP-LdV/TOI/ MINOS ++, durata dal 2008 al 2010 Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e la Commissione declina ogni responsabilità sull uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute.

2 Partners per la creazione, valutazione e diffusione dei progetti MINOS e MINOS**. - Chemnitz University of Technology, Institute for Machine Tools and Production Processes, Germany - np neugebauer und partner OhG, Germany - Henschke Consulting, Germany - Corvinus University of Budapest, Hungary - Wroclaw University of Technology, Poland - IMH, Machine Tool Institute, Spain - Brno University of Technology, Czech Republic - CICmargune, Spain - University of Naples Federico II, Italy - Unis a.s. company, Czech Republic - Blumenbecker Prag s.r.o., Czech Republic - Tower Automotive Sud S.r.l., Italy - Bildungs-Werkstatt Chemnitz ggmbh, Germany - Verbundinitiative Maschinenbau Sachsen VEMAS, Germany - Euroregionala IHK, Poland - Korff Isomatic sp.z.o.o. Wroclaw, Polen - Euroregionale Industrie- und Handelskammer Jelenia Gora, Poland - Dunaferr Metallwerke Dunajvaros, Hungary - Knorr-Bremse Kft. Kecskemet, Hungary - Nationales Institut für berufliche Bildung Budapest, Hungary - Christian Stöhr Unternehmensberatung, Germany - Universität Stockholm, Institut für Soziologie, Sweden Articolazione del materiale didattico Minos : moduli 1 8 (manuale, soluzioni e esercizi): Conoscenze fondamentali/ competenze interculturale, gestione del progetto/ tecnica pneumatica/ azionamenti elettrici e controlli automatici/ componenti meccatronici/ sistemi meccatronici e funzioni/ attivazione, sicurezza e teleservizio/ manutenzione remota e diagnosi Minos **: moduli 9 12 (manuale, soluzioni e esercizi): Prototipazione Rapida/ robotica/ migrazione/ Interfacce Tutti i moduli sono disponibili nelle seguenti lingue: tedesco, inglese, spagnolo, italiano, polacco, ceco e ungherese Per ulteriori informazioni si prega di contattare Dr.-Ing. Andreas Hirsch Technische Universität Chemnitz Reichenhainer Straße 70, Chemnitz Tel.: + 49(0) Fax.: + 49(0) Internet: oder

3 gestione del progetto Minos ++ Contenuto Trainerguideline Modulo Management del progetto e organizzazione 4 Consigli generali e filosofia del modulo Management del progetto e organizzazione 5 1. Lavoro nel progetto oggigiorno Lavoro nel progetto nel passato I nove campi d azione del management del progetto 7 2 Un progetto: condizioni e caratteristiche 8 3 Tipi di progetti Modello delle fasi del progetto Particolarità nel management del progetto internazionale Influssi della sociologia nel management del progetto internazionale 11 4 Programmazione e obiettivi del management del progetto 14 5 Un progetto e le sue fasi Management del progetto: gruppi di processi 16 6 Organizzazione del progetto 16 7 Conduzione del progetto 19 8 Conduzione del progetto Programmazione degli obiettivi Tecnica di programmazione in rete 23 9 Passi verso il successo del progetto Management del rischio 25 Compiti in gruppo Compito in gruppo Compito in gruppo Compito in gruppo Compito in gruppo Compito in gruppo Compito in gruppo Compito in gruppo 34 3

4 Minos ++ gestione del progetto Trainerguideline Modulo Management del progetto e dell organizzazione Descrizione del corso / Campo: - Meccatronica Obiettivi: I partecipanti si dedicano agli aspetti principali dei seguenti argomenti: - Lavoro nel progetto oggigiorno - Un progetto; condizioni e caratteristiche - Tipi di progetti - Management del progetto definizione e obiettivo - Un progetto e le sue fasi - Organizzazione del progetto - Programmazione del progetto - Passi necessari per il successo - Management del rischio Presupposti: - nessuno Partecipanti: - Lavoratori specializzati dai campi di costruzione, montaggio, servizio, manutenzione Durata del corso in minuti: 1260 min Sono necessari: Insegnante - Libro dell insegnante M2 PM/O Altro: - beamer - whiteboard / lavagna I partecipanti hanno bisogno di: - libro dell alunno M2PM/O - libro degli esercizi M2 PM/O Altro: - blocco di carta, penna 4

5 gestione del progetto Minos ++ Consigli generali e filosofia del modulo management del progetto e dell organizzazione Il presente modulo consiste in un manuale per il docente e un manuale esercizi. Richiede la presenza dei partecipanti in aula. Si rivolge ai lavoratori non laureati ma può essere usato anche per altri gruppi di persone. Il modulo non si focalizza sull integrazione di soluzioni software come MS Project, ma si dedica al trasferimento di contenuti specifici e processi di un progetto. Con l aiuto di questo modulo i partecipanti possono ottenere conoscenze: - del tipo di progetto - degli elementi di un progetto, - delle fasi di un progetto, - della programmazione di un progetto, - della realizzazione di un progetto - del controllo di una realizzazione riuscita. Gli esercizi servono per controllare la comprensione dei contenuti e per usare le nuove conoscenze. Specialmente nel caso di compiti individuali è richiesta la creatività dei partecipanti, e non ci sono soluzioni giuste o false. È compito dei partecipanti trovare una soluzione con l aiuto del manuale dello studente. Presentazione e saluto Contenuto in breve: - presentazione - presentazione del programma - discussione delle aspettative - orario, organizzazione, partner disponibili Consigli: - scambio dei biglietti da visita - presentazione del manuale per il corso - indicazione sullo svolgimento pratico del corso - presentazione del programma europeo Leonardo da Vinci Durata del capitolo in minuti: 30 minuti 5

6 Minos ++ gestione del progetto 1 Lavoro nel progetto oggigiorno Contenuto appunti -lavoro in progetti nel passato -fasi dello sviluppo del lavoro in progetti -origine dei principi d organizzazione dei progetti Consigli: i partecipanti trovano gli esempi I partecipanti hanno bisogno di: Libro dello studente M2 PM/O, libro degli esercizi M2 PM/O Inoltre c è bisogno di: un notebook, il libro del docente M2 PM/O, lavagna Durata del capitolo in minuti: 30 min Lavoro nel progetto nel passato Descriva le caratteristiche di avvenimenti storici importanti. Da conquiste storiche come le scoperte di grandi navigatori, é da dedurre il carattere di un progetto. Prima di usare il manuale per lo studente cerchi di svegliare l entusiasmo per progetti unici. Su questa base vengono discussi altri esempi per progetti unici nel passato. Quali principi d organizzazione derivano dal ambito militare può essere approfondito con rimando a Vom Kriege ( Dalla guerra ) di Carl von Klausewitz che è stato tradotto in quasi tutte le lingue del mondo. Carl Phillip Gottlieb von Clausewitz (* come Carl Phillip Gottlieb Clausewitz in Burg vicino a Magdeburgo, vicino a Breslau) era un generale prussiano e teoretico militare. Clausewitz è diventato famoso con la sua opera principale Dalla guerra. La sua teoria sulla strategia, tattica e filosofica, aveva un grande influsso sullo sviluppo dell economia della guerra in tutti i paesi dell occidente. Anche se la sua teoria è stata messa in discussione da storici inglesi come Basil Liddel Hart o John Keegan, viene sempre insegnata in tutte le principali accademie militari. Viene usata sempre nel management e nel marketing. Clausewitz si rivolgeva contro quelli che insistevano sui sistemi. Secondo lui la teoria della guerra non poteva consistere di indicazioni precise per generali. Cercava invece, di svelare i principi che emergono dagli studi sistematici della storia e del pensiero logico. Anche se trattava ideali, sottolineava sempre il riferimento alla realtà dei suoi principi. Dunque era dell opinione che campagne militari potevano essere programmate in maniera relativa, visto che influssi o avvenimenti non prevedibili potevano disturbare ogni programma. 6

7 gestione del progetto Minos I nove campi d azione del management del progetto Con l aiuto di un esempio di un progetto presente vanno elaborati i nove campi d azione del management del progetto. Il risultato dovrebbe essere una rappresentazione nella maniera seguente: Compito 1: Indichi 10 esempi di progetti storici importanti: Soluzione (esempi) per compito 1: - costruzione delle piramidi in Egitto - campagna di Alessandro in Egitto - costruzione del muro di Adriano in Inghilterra - costruzione di San Pietro a Roma - l esercito di Napoleone in Russia; usa per la prima volta nuovi mezzi logistici e si nutre di cibo in scatole - costruzione di un collegamento ferroviario fra la costa occidentale e orientale degli Stati Uniti - sviluppo del motore Otto - il primo uomo sulla luna - prima scalata sul Monte Everest - costruzione della prima centrale atomica Compito 2: Nomini i nove campi di sapere del management del progetto. Soluzione di compito 2: management d integrazione management della mole management delle date management dei costi management di qualità management del personale management della comunicazione management del rischio management del procurare I novi campi del sapere del management del progetto. 7

8 Minos ++ gestione del progetto Compito 3: Descriva i campi del sapere management dell integrazione, management del rischio e management del personale e faccia vedere il collegamento fra i tre campi con un esempio scelto da Lei. Soluzione del compito 3: pagina 3, 1.4. I nove campi del management del progetto. Gli esempi scelti devono corrispondere con le condizioni di un progetto. Permetta anche soluzioni creative dei partecipanti. 2 Un progetto condizioni e caratteristiche Contenuto: - DIN Condizioni - Obiettivi - Unicità - Possibilità di strutturazione - Organizzazione specifica Consiglio: Compito in gruppo I partecipanti hanno bisogno di: Libro del alunno M2 PM/O, libro di esercizi M2 PM/O Inoltre c è bisogno di: un notebook, il libro del insegnante M2 PM/O, lavagna Durata del capitolo in minuti: 30 min Si riferisca al carattere e la struttura di norme. Nomini lo sfondo della norma DIN e ISO. La norma DIN definisce un progetto in DIN Si riferisca soprattutto al carattere di una definzione. Le definizioni hanno un ruolo speciale soprattutto nei seguenti casi d impiego di progetti, visto che una delimitazione esatta di fronte a rappresentazioni alternative è importante. Definisca le caratteristiche di progetti in base ad esempi e studi a fondo la DIN Compito 4: Quali sette condizioni caratterizzano un progetto secondo la DIN 69901? Soluzione per compito 4: pagina 4, 2.1. DIN

9 gestione del progetto Minos ++ Compito 5: Per cinque degli esempi storici di progetti sono da nominare almeno cinque condizioni (che garantiscono che si tratti di un progetto) secondo lo schema seguente. Per la presentazione di ogni progetto va usato un foglio separato: Soluzione di compito 5 (esempio): Progetto 1: Costruzione delle piramidi in Egitto Condizione 1: Ci deve essere un obiettivo. Caratteristica: Ultimazione della tomba alla data X Condizione 2: Inizio e fine vengono stabiliti Caratteristica: Inizio dei lavori, fine con chiusura della piramide Condizione 3: un compito nuovo e complesso Caratteristica: prima costruzione nella storia dell umanità, nuova tipologia della costruzione e superamento di nuove dimensioni Condizione 4: diverse discipline partecipano Caratteristica: artigiani di tutti gli artigianati, preti e artisti Condizione 5: l organizzazione è specifica per il progetto Caratteristica: riassunto della responsabilità nella mano di un costruttore edile Condizione 6: può essere diviso in progetti singoli Caratteristica: nuova dimensione della grandezza e dell attrezzatura in un arco di tempo piccolo Condizione 7: finanze, personale e altro limitato Caratteristica: le risorse come l uso di forzati servono soltanto per raggiungere un obiettivo: finire la piramide 9

10 Minos ++ gestione del progetto 3 Tipi di progetti Contenuto: Struttura di - progetti d investimento - progetti di ricerca e di sviluppo - progetti d organizzazione paragonati con progetti: - che si svolgono ad un sistema lavorativo che si svolgono su un oggetto di lavoro - al posto di lavoro - modelli di fasi di progetti Consiglio: lavoro in gruppi I partecipanti hanno bisogno di: libro per lo studente M2 PM/O, libro con esercizi M2 PM/O Inoltre serve: un notebook, il libro del docente M2 PM/O, whiteboard Durata del capitolo in minuti: 30 min Modello delle fasi del progetto Presenti i tre tipi di progetti (progetti d organizzazione, di ricerca e di sviluppo e progetti d investimento). I partecipanti devono trovare esempi per i singoli tipi di progetto. Con l aiuto di una tabella con tre colonne (una per ogni tipo di progetto). Sviluppi caratteristiche tipiche per ogni tipo di progetto. Partendo da esempi, vanno sviluppate delle definizioni. In base a un esempio di ogni tipo di progetto è da sviluppare un modello approssimativo delle fasi di progetto. I modelli sono da rappresentare uno sotto l altro così che vengono evidenziate le differenze nel percorso Particolarità nel management internazionale del progetto Discuta con i partecipanti la tendenza della globalizzazione e esperienze personali legate alla globalizzazione. Durante la discussione è importante sviluppare un punto di vista positivo, visto che questo processo ha aspetti positivi per lavoratori innovativi. Un dibattito sulla globalizzazione e sul benessere personale non è desiderato, visto che non è l argomento vero e proprio della discussione. Gli obiettivi della globalizzazione dovrebbero essere presentati da Lei e accolti dai partecipanti. Gli esempi possono essere elaborati insieme. 10

11 gestione del progetto Minos Influsso della sociologia sul management del progetto internazionale I partecipanti parlano dell opinione che hanno della sociologia e presentano una definizione della sociologia e dei suoi campi d azione. Vedrà che quello che si intende con il termine sociologia va molto oltre il suo contenuto. Con esempi dell internazionalizzazione Lei mostri l importanza dei cosiddetti Soft- Skills, cioè fattori morbidi che sul livello personale incidono sul successo di un progetto. È da sottolineare l importanza delle mentalità diverse e dell empatia. Come esempio segue una frase di Nida-Rümelin: Il Successo economico dipende dalla base culturale e dalla formazione, tutte e due non vengono dal niente, ma si devono ancorare per generazioni. Secondo me non soltanto il sapere ha un ruolo fondamentale, ma anche la sensibilità, l empatia e la capacità di capire un'altra persona con i suoi obiettivi, la capacità di orientarsi in diversi ambienti culturali. Questo vale particolarmente per l economia internazionale, nella quale veniamo in contatto con le più diverse mentalità e culture, e dunque con persone, dette in maniera antiquata, che hanno sviluppato certe virtù, virtù del rispetto, della comprensione, della continuità, dell affidamento, della veridicità e della fiducia. Le persone hanno successo se almeno una parte rilevante del loro lavoro la fanno perché sono interessate alla cosa, perché la vogliono fare bene e non perché serve per raggiungere un altro obiettivo. Questo si spiega con l autostima; non possiamo strumentalizzare il nostro comportamento del tutto senza perderci, senza perdere la nostra identità, la nostra autostima. È nel caso più favorevole Lei comunica e interagisce partendo da una posizione: quella dell attenzione, del rispetto, della fiducia. In base a queste due citazione vanno discussi valori e norme del 21 secolo. Si riferisca anche all importanza del canone di valori dell occidente. Compito 6: Indichi i tre tipi di progetti e nomini per ogni tipo due caratteristiche principali. Soluzione per compito 6: - progetti d investimento - prezzo d acquisto alto - prodotti di elevata qualità - un possibile utilizzo prolungato - progetti di ricerca e di sviluppo - forma del progetto che richiede una programmazione intensa - caratterizzata dello sviluppo di nuove procedure e nuovi sistemi 11

MECCATRONICA. Modulo 3: tecnica pneumatica

MECCATRONICA. Modulo 3: tecnica pneumatica MECCATRONICA Modulo 3: tecnica pneumatica Esercizi (concetto) Matthias Römer Università Tecnica di Chemnitz, Germania Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto nella

Dettagli

MECCATRONICA. Modulo 2: gestione del progetto (parte 2)

MECCATRONICA. Modulo 2: gestione del progetto (parte 2) MECCATRONICA Modulo 2: gestione del progetto (parte 2) Manuale (concetto) Andre Henschke Henschke Consulting Dresden Germania Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto

Dettagli

MECCATRONICA. Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto nella produzione industriale globalizzata

MECCATRONICA. Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto nella produzione industriale globalizzata MECCATRONICA Modulo 1: conoscenze fondamentali Esercizi (concetto) Matthias Römer Università Tecnica di Chemnitz, Istituto di macchine utensili e dei processi produttivi Germania Concetto europeo per la

Dettagli

MECCATRONICA. Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto nella produzione industriale globalizzata

MECCATRONICA. Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto nella produzione industriale globalizzata MECCATRONICA Modulo 2: competenze interculturale (parte 1) Soluzioni (concetto) Christian Stöhr Christian Stöhr Unternehmensberatung Germania Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica

Dettagli

MECCATRONICA Modulo 12: Interfacce

MECCATRONICA Modulo 12: Interfacce MECCATRONICA Modulo 12: Interfacce Soluzioni (concetto) Dr.-Ing. Gabriele Neugebauer Matthias Römer np neugebauer und partner ohg, Germania Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di

Dettagli

MECCATRONICA Modulo 12: Interfacce

MECCATRONICA Modulo 12: Interfacce MECCATRONICA Modulo 12: Interfacce Manuale (concetto) Dr.-Ing. Gabriele Neugebauer Matthias Römer np neugebauer und partner ohg, Germania Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di

Dettagli

MECCATRONICA. Modulo 3: tecnica pneumatica

MECCATRONICA. Modulo 3: tecnica pneumatica MECCATRONICA Modulo 3: tecnica pneumatica Manuale (concetto) Matthias Römer Università Tecnica di Chemnitz, Istituto di macchine utensili e dei processi produttivi Germania Concetto europeo per la Formazione

Dettagli

MECCATRONICA. Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto nella produzione industriale globalizzata

MECCATRONICA. Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto nella produzione industriale globalizzata MECCATRONICA Modulo 1: conoscenze fondamentali Manuale (concetto) Matthias Römer Università Tecnica di Chemnitz, Germania Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto

Dettagli

MECCATRONICA Modulo 10: Robotica

MECCATRONICA Modulo 10: Robotica MECCATRONICA Modulo 10: Robotica Soluzioni (concetto) Petr Blecha Zdenêk Kolíbal Radek Knoflícek Ales Pochylý Tomas Kubela Radim Blecha Tomas Brezina Università Tecnica di Brno, Cechia Concetto europeo

Dettagli

MECCATRONICA. Modulo 4: azionamenti elettrici e controlli automatici

MECCATRONICA. Modulo 4: azionamenti elettrici e controlli automatici MECCATRONICA Modulo 4: azionamenti elettrici e controlli automatici Manuale (concetto) Matthias Römer Università Tecnica di Chemnitz, Istituto di macchine utensili e dei processi produttivi Germania Concetto

Dettagli

MECCATRONICA Modulo 9: Prototipazione Rapida

MECCATRONICA Modulo 9: Prototipazione Rapida MECCATRONICA Modulo 9: Prototipazione Rapida Manuale (concetto) prof. dr. hab. inz. Edward Chlebus dr inż. Bogdan Dybała, dr inż. Tomasz Boratyński dr inż. Jacek Czajka dr inż. Tomasz Będza dr inż. Mariusz

Dettagli

MECCATRONICA Modulo 9: Prototipazione Rapida

MECCATRONICA Modulo 9: Prototipazione Rapida MECCATRONICA Modulo 9: Prototipazione Rapida Soluzioni (concetto) prof. dr. hab. inz. Edward Chlebus dr inż. Bogdan Dybała, dr inż. Tomasz Boratyński dr inż. Jacek Czajka dr inż. Tomasz Będza dr inż. Mariusz

Dettagli

MECCATRONICA. Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto nella produzione industriale globalizzata

MECCATRONICA. Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto nella produzione industriale globalizzata MECCATRONICA Modulo 2: competenze interculturale (parte 1) Esercizi (concetto) Christian Stöhr Christian Stöhr Unternehmensberatung Germania Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica

Dettagli

MECCATRONICA Modulo 6: sistemi meccatronici e funzioni

MECCATRONICA Modulo 6: sistemi meccatronici e funzioni MECCATRONICA Modulo 6: sistemi meccatronici e funzioni Manuale (concetto) Jerzy Jędrzejewski Wojciech Kwaśny Zbigniew Rodziewicz Andrzej Błażejewski Politecnico di Wroclaw, Polonia Matthias Römer Università

Dettagli

MECCATRONICA Modulo 5: componenti meccatronici

MECCATRONICA Modulo 5: componenti meccatronici MEATRONIA Modulo 5: componenti meccatronici Manuale (concetto) Wojciech Kwaśny Andrzej Błażejewski Politecnico di Wroclaw, Polonia oncetto europeo per la Formazione ontinua in Meccatronica di personale

Dettagli

MECCATRONICA Moduli 5-8

MECCATRONICA Moduli 5-8 MECCATRONICA Moduli 5-8 componenti meccatronici sistemi meccatronici e funzioni manutenzione remota e diagnosi Esercizi Soluzioni (concetto) Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica

Dettagli

MECCATRONICA Modulo 6: sistemi meccatronici e funzioni

MECCATRONICA Modulo 6: sistemi meccatronici e funzioni MECCATRONICA Modulo 6: sistemi meccatronici e funzioni Soluzioni (concetto) Jerzy Jędrzejewski Wojciech Kwaśny Zbigniew Rodziewicz Andrzej Błażejewski Politecnico di Wroclaw, Polonia Matthias Römer Università

Dettagli

MECCATRONICA Modulo 5: componenti meccatronici

MECCATRONICA Modulo 5: componenti meccatronici MECCATRONICA Modulo 5: componenti meccatronici Soluzioni (concetto) Wojciech Kwaśny Andrzej Błażejewski Politecnico di Wroclaw, Istituto di ingegneria di fabbricazione e di automazione, Polonia Concetto

Dettagli

MECCATRONICA Modulo 7: attivatione, sicurezza e teleservizio

MECCATRONICA Modulo 7: attivatione, sicurezza e teleservizio MECCATRONICA Modulo 7: attivatione, sicurezza e teleservizio Manuale (concetto) Matthias Römer Università Tecnica di Chemnitz, Germania Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale

Dettagli

MECCATRONICA. Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto nella produzione industriale globalizzata

MECCATRONICA. Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto nella produzione industriale globalizzata MECCATRONICA Moduli 1-4 conoscenze fondamentali competenze interculturale, gestione del progetto tecnica pneumatica azionamenti elettrici e controlli automatici Esercizi Soluzioni (concetto) Concetto europeo

Dettagli

MECCATRONICA Modulo 10: Robotica

MECCATRONICA Modulo 10: Robotica MECCATRONICA Modulo 10: Robotica Manuale (concetto) Petr Blecha Zdenêk Kolíbal Radek Knoflícek Ales Pochylý Tomas Kubela Radim Blecha Tomas Brezina Università Tecnica di Brno, Cechia Concetto europeo per

Dettagli

MECCATRONICA Moduli 5-8

MECCATRONICA Moduli 5-8 MECCATRONICA Moduli 5-8 componenti meccatronici sistemi meccatronici e funzioni attivazione, sicurezza e teleservizio manutenzione remota e diagnosi Manuale (concetto) Concetto europeo per la Formazione

Dettagli

MECCATRONICA Modulo 9: Prototipazione Rapida

MECCATRONICA Modulo 9: Prototipazione Rapida MECCATRONICA Modulo 9: Prototipazione Rapida Manuale Esercizi Soluzioni (concetto) prof. dr. hab. inz. Edward Chlebus dr inż. Bogdan Dybała, dr inż. Tomasz Boratyński dr inż. Jacek Czajka dr inż. Tomasz

Dettagli

La guida definitiva della consulenza con Onoria.it

La guida definitiva della consulenza con Onoria.it Ciao, Siamo molto contento che tu sia qua. Il mio nome è Federico Spadaro. Benvenuti alla nostra pagina di consulenza e servizi informatici. Onoria fa consulenza sulla sicurezza informatica e servizi,

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Al questionario hanno risposto sette formatori di insegnanti di lingue. 2. Sei formatori parlano l inglese, sei il francese,

Dettagli

ANTONIO MARTELLI MARTE E MERCURIO. Strategie militari e Strategie aziendali. Workshop del CeRiCo Marte e Mercusio : 26 Gennaio 2012

ANTONIO MARTELLI MARTE E MERCURIO. Strategie militari e Strategie aziendali. Workshop del CeRiCo Marte e Mercusio : 26 Gennaio 2012 ANTONIO MARTELLI MARTE E MERCURIO 1 Strategia d impresa e polemologia: quale rapporto? 2 Ma che c entra la strategia d impresa con la polemologia?... eppure un rapporto esiste. 3 La polemologia occidentale:

Dettagli

PROGETTO DAISS LEONARDO DA VINCI TRASFERIMENTO DELL INNOVAZIONE

PROGETTO DAISS LEONARDO DA VINCI TRASFERIMENTO DELL INNOVAZIONE PROGETTO DAISS LEONARDO DA VINCI TRASFERIMENTO DELL INNOVAZIONE PROJECT REFERENCE NO: UK/11/LLP-LDV/TOI-472 (2011-2013) DAISS: UN PROGETTO INNOVATIVO PER CHI CERCA LAVORO E PER CHI UN LAVORO LO OFFRE PERCHE

Dettagli

Fonti di energia non rinnovabili

Fonti di energia non rinnovabili Fonti di energia non rinnovabili envi.stromzivota.sk ENVI-MOBILE: Integration of mobile learning into environmental education fostering local communities development 2014-1-SK01-KA200-000481 ERAZMUS+ Programme

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli

La scuola per capi-azienda nelle arti e mestieri

La scuola per capi-azienda nelle arti e mestieri IFCAM - Istituto svizzero per la formazione di capi-azienda nelle arti e mestieri La scuola per capi-azienda nelle arti e mestieri Istituto svizzero per la formazione di capi azienda Scopo del corso La

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

Lifelong Learning Programme Multiculturalism, Migration, Mathematics Education and Language

Lifelong Learning Programme Multiculturalism, Migration, Mathematics Education and Language Lifelong Learning Programme Progetto M 3 EaL Multiculturalism, Migration, Mathematics Education and Language [Contract No. 526333-LLP-1-2012-1-IT-COMENIUS-CMP] QUESTIONARIO PER INSEGNANTI DI MATEMATICA

Dettagli

L offerta formativa della Scuola Master F.lli Pesenti per l A.A.2013/2014. Il Rinnovamento della Tradizione didattica

L offerta formativa della Scuola Master F.lli Pesenti per l A.A.2013/2014. Il Rinnovamento della Tradizione didattica Presidente Prof. Ing. Antonio Migliacci Direttore Prof.ssa Arch. Ing. Paola Ronca L offerta formativa della Scuola Master F.lli Pesenti per l A.A.2013/2014 Il Rinnovamento della Tradizione didattica Scuola

Dettagli

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri F. Brunelleschi Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 PRESENTAZIONE DEL CORSO SERALE PROGETTO SIRIO Il CORSO SERALE A partire

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Standard di competenza ENETOSH per formatori ed istruttori relativo alla sicurezza e alla salute sul luogo di lavoro

Standard di competenza ENETOSH per formatori ed istruttori relativo alla sicurezza e alla salute sul luogo di lavoro Standard di competenza ENETOSH per formatori ed istruttori relativo alla sicurezza e alla salute sul luogo di lavoro Ambito di competenza: formazione iniziale e continua Livello: 6 Credito: Capacità Conoscenze

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali LAUREA MAGISTRALE IN Teoria e tecnologia della comunicazione REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO

Dettagli

Avete spirito scientifico?

Avete spirito scientifico? GIOCO n. 1 a Avete spirito scientifico? Fare ricerca richiede anche di sapere e comprendere quali sono gli atteggiamenti verso la conoscenza di chi partecipa all impresa scientifica. Per capire se possiedi

Dettagli

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTALE ISTITUTO COMPRENSIVO B. da Montemagno DI QUARRATA a.s. 2012-2013 GRUPPO DI RICERCA-AZIONE DI MATEMATICA STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori Classi

Dettagli

MOTIS MObility Training on Internationalisation of SMEs

MOTIS MObility Training on Internationalisation of SMEs SELEZIONA 30 BENEFICIARI PER UN PERIODO DI FORMAZIONE IN MOBILITÁ TRANSNAZIONALE NELL AMBITO DEL: LIFELONG LEARNING PROGRAMME Programma settoriale LEONARDO DA VINCI Azione Mobilità call 2011 Progetto MOTIS

Dettagli

Microprogettazione abcdigital. TUTTI I GIORNI: APERTURA E CHIUSURA Tempi Obiettivi Cosa fare Materiale di supporto Note PRIMA DI OGNI AULA IN AULA

Microprogettazione abcdigital. TUTTI I GIORNI: APERTURA E CHIUSURA Tempi Obiettivi Cosa fare Materiale di supporto Note PRIMA DI OGNI AULA IN AULA TUTTI I GIORNI: APERTURA E CHIUSURA Tempi 30 min Preparare I tablet all installazione dell App di prova Impostare su tutti i tablet la possibilità a scaricare app da internet PRIMA DI OGNI AULA Tempi 20

Dettagli

I VITICOLTORI E IL WEB

I VITICOLTORI E IL WEB I VITICOLTORI E IL WEB INDAGINE SULLA PRESENZA DEI VITICOLTORI ABRUZZESI SUL WEB PRESENTATION NAME VITICOLTORI WEB PRESENTATION REF NUMBER 2016-0324P CONTACT +39 333 8712602 AUTHOR FILIPPO CATANIA Direzione

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata. Facoltà di Ingegneria

Università di Roma Tor Vergata. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Importanza dell orientamento Attivare/potenziare la capacità di scegliere efficientemente la futura attività professionale. Individuare le capacità

Dettagli

I diritti dell Infanzia raccontati dai bambini. Progetto Unicef Abruzzo per le classi quinte delle scuole primarie.

I diritti dell Infanzia raccontati dai bambini. Progetto Unicef Abruzzo per le classi quinte delle scuole primarie. I diritti dell Infanzia raccontati dai bambini Progetto Unicef Abruzzo per le classi quinte delle scuole primarie. Anno scolastico 2015-2016 1 Premessa... 3 Obiettivi formativi.....3 Pianificazione didattica...

Dettagli

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva 1 Indice dei materiali Quadro normativo di riferimento Didattica tradizionale

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti Attività Metodo Strumenti Durata (in ore) Riconoscere e denominare le forme geometriche presenti nell ambiente

SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti Attività Metodo Strumenti Durata (in ore) Riconoscere e denominare le forme geometriche presenti nell ambiente SCUOLA DELL INFANZIA Obiettivi di apprendimento Conoscere i poligoni regolari Contenuti Attività Metodo Strumenti Durata (in ore) Riconoscere e denominare le forme geometriche presenti nell ambiente Ricostruzione

Dettagli

OBIETTIVI DEL MASTER

OBIETTIVI DEL MASTER L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. 2 turisti stranieri su 3 considerano la cultura e il cibo come principale motivazione di un viaggio in Italia e

Dettagli

Presentazione. Obiettivi dell area «Modelli mentali»

Presentazione. Obiettivi dell area «Modelli mentali» Presentazione In queste schede scoprirai alcuni meccanismi che si mettono in funzione quando cerchi di comprendere un testo. Un lettore esperto infatti è in grado di estrarre dal testo le informazioni

Dettagli

w www.itidorso.it la nuova Istruzione Tecnica: le Chiavi del tuo Futuro I.T.I.S. Guido Dorso - Avellino MIUR DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE

w www.itidorso.it la nuova Istruzione Tecnica: le Chiavi del tuo Futuro I.T.I.S. Guido Dorso - Avellino MIUR DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE MIUR DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE DIREZIONE GENERALE PER L ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE E PER I RAPPORTI CON I SISTEMI FORMATIVI DELLE REGIONI DIREZIONE GENERALE PER LO STUDENTE, L INTEGRAZIONE,

Dettagli

2. Descrizione del progetto imprenditoriale

2. Descrizione del progetto imprenditoriale 1. Premessa L idea imprenditoriale che sta alla base di questo business plan è la creazione di un software contabile finalizzato esclusivamente per l apprendimento dell economia aziendale. La missione

Dettagli

I vantaggi dell internazionalizzazione delle imprese

I vantaggi dell internazionalizzazione delle imprese delle imprese presentazione Le imprese che avviano un attività di esportazione hanno la possibilità di cogliere una serie importante di opportunità di sviluppo e prosperità quali ad esempio: aumento del

Dettagli

Usabilità dei Siti Web

Usabilità dei Siti Web Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Usabilità dei Siti Web Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Usabilità La efficacia, efficienza e soddisfazione con cui

Dettagli

Curriculum in Conflitti Politica internazionale e studi strategici

Curriculum in Conflitti Politica internazionale e studi strategici Piano degli Studi Curriculum in Conflitti Politica internazionale e studi strategici Anno Insegnamenti/Altre attività CFU I Culture e conflitti nel mondo contemporaneo 6 I Nazioni Unite, sicurezza collettiva

Dettagli

Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME

Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME Premessa Il progetto accoglienza è un momento fondamentale per l'inserimento dei nuovi

Dettagli

Università degli studi di roma foro italico. Offerta formativa Università degli Studi di Roma Foro Italico Lauree Magistrali

Università degli studi di roma foro italico. Offerta formativa Università degli Studi di Roma Foro Italico Lauree Magistrali Offerta formativa Università degli Studi di Roma Foro Italico Lauree Magistrali L Università degli Studi di Roma Foro Italico è la quarta università statale di Roma, ed è l unico ateneo italiano, e uno

Dettagli

Linee Guida per l Assicurazione di Qualità nell Istruzione e Formazione Professionale nei Paesi Europei

Linee Guida per l Assicurazione di Qualità nell Istruzione e Formazione Professionale nei Paesi Europei Linee Guida per l Assicurazione di Qualità nell Istruzione e Formazione Professionale nei Paesi Europei REVIMP Dalla Revisione al Miglioramento La produzione di questa brochure è stata finanziata dal Programma

Dettagli

Organizzatori di eventi, di concerti e teatri Società sportive e parchi Punti vendita Pubblico

Organizzatori di eventi, di concerti e teatri Società sportive e parchi Punti vendita Pubblico CHI SIAMO Go2 nasce dall esigenza di presentare un servizio efficiente e tecnologicamente avanzato nel settore dell entertainment sia campano sia nazionale. Forte delle passate esperienze individuali di

Dettagli

CREATIVE. Newsletter Numero 04 HANDMADE THINKING. Contenuto:

CREATIVE. Newsletter Numero 04 HANDMADE THINKING. Contenuto: Newsletter Numero 04 Contenuto: È iniziata la fase di divulgazione finale Un frammento del nostro manuale L opinione degli esperti I Partner del Progetto È iniziata la fase di divulgazione finale Siamo

Dettagli

MECCATRONICA Modulo 10: Robotica

MECCATRONICA Modulo 10: Robotica MECCATRONICA Modulo 10: Robotica Manuale Esercizi Soluzioni (concetto) Petr Blecha Zdenêk Kolíbal Radek Knoflícek Ales Pochylý Tomas Kubela Radim Blecha Tomas Brezina Università Tecnica di Brno, Cechia

Dettagli

DIARIO DI BORDO Percorsi di ricerca-azione (Come promuovere situazioni di apprendimento emotivamente positive) Progetto Emoticon a.s.

DIARIO DI BORDO Percorsi di ricerca-azione (Come promuovere situazioni di apprendimento emotivamente positive) Progetto Emoticon a.s. DIARIO DI BORDO Percorsi di ricerca-azione (Come promuovere situazioni di apprendimento emotivamente positive) Progetto Emoticon a.s. 2011/2012 Scuola MASACCIO Classe 13 ANNI Insegnante / materia Lettere

Dettagli

E BELLO PARLARE E ANCORA MEGLIO SE PARLIAMO LA STESSA LINGUA.

E BELLO PARLARE E ANCORA MEGLIO SE PARLIAMO LA STESSA LINGUA. E BELLO PARLARE E ANCORA MEGLIO SE PARLIAMO LA STESSA LINGUA. CHI SIAMO LANGUAGE CLUB è una scuola di lingue che nasce dalla passione di un gruppo di insegnanti con esperienza in ambito internazionale.

Dettagli

Business ENGLISH FULL IMMERSION In the Construction Field

Business ENGLISH FULL IMMERSION In the Construction Field Business ENGLISH FULL IMMERSION In the Construction Field Corso Intensivo (40 ore) costo del corso di formazione è di 1.000,00 IVA esclusa FINALITA Se hai bisogno di un training in lingua inglese realmente

Dettagli

Effetti sulla didattica dell investimento della politica regionale in attrezzature digitali nelle scuole del Mezzogiorno

Effetti sulla didattica dell investimento della politica regionale in attrezzature digitali nelle scuole del Mezzogiorno Valutazione del Quadro Strategico Nazionale 2007/2013 Effetti sulla didattica dell investimento della politica regionale in attrezzature digitali nelle scuole del Mezzogiorno PON Governance e Assistenza

Dettagli

Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011. Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning

Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011. Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011 Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning Studio e riflessione sui distinguo teorici e analisi delle affinità

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Bolog na, 07/05/2014

Bolog na, 07/05/2014 Bologna, 07/05/2014 Come fare a costruire un curricolo verticale? Personali Situazioni d aula Indicazioni Nazionali Confronto con i colleghi, con le Istituzioni, con le famiglie,.. Ricerche in Didattica

Dettagli

Che cosa può rendere felice la società? Quale lavoro può migliorare la società? Guida per l insegnante

Che cosa può rendere felice la società? Quale lavoro può migliorare la società? Guida per l insegnante Che cosa può rendere felice la società? Guida per l insegnante Obiettivi educativi generali Compito di esplorazione - Immaginare diverse modalità di risoluzione dei problemi. - Dare risposte originali.

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO : A SCUOLA DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE

PROGETTO DIDATTICO : A SCUOLA DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE PROGETTO DIDATTICO : A SCUOLA DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE Finalità, obiettivi specifici e scelte di contenuto La finalità generale del progetto consiste nel favorire il processo di formazione attraverso

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata B1/9 I.R.R.E. Basilicata e Consiglio Nazionale Ordine Psicologi QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata Docente referente: Prof.ssa Maria Donata La Rocca L I.R.R.E.

Dettagli

DM-Learning MOO. Manuale del Docente

DM-Learning MOO. Manuale del Docente DM-Learning MOO Manuale del Docente DM-Learning MOO è un ambiente virtuale di supporto alle attività didattiche svolte in presenza, ed è gestita da DidatticaMente.net per l I.T.I.S. Zuccante di Venezia

Dettagli

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300 L'ARCA - CONSORZIO SERVIZI PER L'INFANZIA ASSOCIAZIONE FORMAZIONE EDUCATORI Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA il guscio cooperativa sociale

Dettagli

quanto il problema principale la comprensione delle lezione tenuta dal docente in aula può venire risolto collocando lo studente in una posizione

quanto il problema principale la comprensione delle lezione tenuta dal docente in aula può venire risolto collocando lo studente in una posizione L'esperienza del Politecnico di Torino nella gestione dell'integrazione nell'università e dell'accessibilità alle risorse didattiche da parte di studenti audiolesi I sordi in università Negli ultimi anni

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA SECONDARIA DI CURNO LA CELLULA Docenti: Ilaria Topan Vi allego le schede relative ad un'attività che

Dettagli

LA RIFORMA della SCUOLA SUPERIORE

LA RIFORMA della SCUOLA SUPERIORE LA RIFORMA della SCUOLA SUPERIORE Fonti: www.istruzione.it www.venetolavoro.it/sopralamediaweb/web/index/home Il diritto-dovere all istruzione e alla formazione Il SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO si articola

Dettagli

Presentazione a cura della Commissione Europea

Presentazione a cura della Commissione Europea Presentazione a cura della Commissione Europea Introduzione Uno degli obiettivi principali di questo Glossario è quello di migliorare, attraverso la comprensione e l uso comune dei termini e delle definizioni

Dettagli

Osservazione in classe!

Osservazione in classe! Osservazione in classe IC De Filis Terni classe 4^ scuola primaria insegnante Emanuela Desideri ricercatore/osservatore Cristina Gaggioli 06 Marzo 2015 ore 10:00 Arrivo nella sede distaccata di Via Curio

Dettagli

Italia. Cento Vigne. Una storia di successo:

Italia. Cento Vigne. Una storia di successo: Una storia di successo: Cento Vigne Italia Adattare le nuove strategie di social media marketing a livello globale per avere successo nel settore enologico Cento Vigne Italia ha scoperto il segreto per

Dettagli

LE PROPOSTE. SUMMER SCHOOL estate 2014. LEAN GAME ottobre 2014. TEAM BUILDING novembre 2014. CRM (Crew Resource Management) dicembre 2014

LE PROPOSTE. SUMMER SCHOOL estate 2014. LEAN GAME ottobre 2014. TEAM BUILDING novembre 2014. CRM (Crew Resource Management) dicembre 2014 L Api di Lecco propone alle Aziende associate alcuni percorsi di formazione manageriale con l obiettivo di valorizzare la capacità di chi in azienda svolge ruoli di responsabilità ed è quindi chiamato

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

A Le piattaforme e-learning

A Le piattaforme e-learning A Le piattaforme e-learning Paolo Fusero obiettivo didattico della lezione: introdurre lo studente all utilizzo delle piattaforme e-learning e delle nuove metodologie didattiche che utilizzano la rete

Dettagli

LO5.2.: SESSIONE 2 - Analisi con la vittima e il gruppo

LO5.2.: SESSIONE 2 - Analisi con la vittima e il gruppo 1. Analizzare l evento: con la vittima da sola con altri che sono coinvolti con tutto il gruppo con gli educatori LO5.2.: SESSIONE 2 - Analisi con la vittima e il gruppo BREVE DESCRIZIONE DELL ATTIVITÀ

Dettagli

Conferenza di Catania 3 Gruppo di Lavoro: Nuove Tecnologie ed Insegnamento a Distanza

Conferenza di Catania 3 Gruppo di Lavoro: Nuove Tecnologie ed Insegnamento a Distanza Conferenza di Catania 3 Gruppo di Lavoro: Nuove Tecnologie ed Insegnamento a Distanza Maria Amata Garito Professore di Tecnologie dell Istruzione e dell Apprendimento Facoltà di Psicologia Università di

Dettagli

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione VALUTAZIONE SOMMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA Verifica acquisizione conoscenze Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione SCOPO CARATTERE

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

COORDINAMENTO AREA DISCIPLINARE ELETTRONICA SETTEMBRE 2014

COORDINAMENTO AREA DISCIPLINARE ELETTRONICA SETTEMBRE 2014 COORDINAMENTO AREA DISCIPLINARE ELETTRONICA SETTEMBRE 2014 Pagina 1 di 8 MATERIA: TPSEE I docenti della materia TPSEE per le classi terze, quarte e quinte dell indirizzo Elettronica, dopo aver partecipato

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

Liceo linguistico REGINA MUNDI. «Chi non conosce le lingue straniere, non conosce nulla della propria» (Johann Wolfgang von Goethe)

Liceo linguistico REGINA MUNDI. «Chi non conosce le lingue straniere, non conosce nulla della propria» (Johann Wolfgang von Goethe) Liceo linguistico REGINA MUNDI «Chi non conosce le lingue straniere, non conosce nulla della propria» (Johann Wolfgang von Goethe) OBIETTIVI DEL LICEO LINGUISTICO Il percorso del liceo linguistico è indirizzato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria 1^ Fase ad Aprile Continuità : visita alla Scuola Secondaria da parte dei ragazzi del nostro Istituto, con

Dettagli

Corsi di Laurea in Ingegneria Informatica

Corsi di Laurea in Ingegneria Informatica Corsi di Laurea in Ingegneria Informatica AICA Orientamento agli studi e alle professioni ICT DISI, 6 dicembre 2011 Ingegneria ICT @ UNIGE Ingegneria Informatica: cosa? Una branca dell ingegneria......

Dettagli

Servizi per la conversione in veicoli elettrici: sviluppo customizzato dell unità di comando e adattamento della struttura della rete per i veicoli

Servizi per la conversione in veicoli elettrici: sviluppo customizzato dell unità di comando e adattamento della struttura della rete per i veicoli Servizi per la conversione in veicoli elettrici: sviluppo customizzato dell unità di comando e adattamento della struttura della rete per i veicoli (CAN). Apparecchio di controllo per la comunicazione

Dettagli

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA Liceo delle Scienze Umane Alessandro da Imola /Imola Anno scolastico 2013/14 Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero Piano di

Dettagli

Rotta verso il successo con la bihlership

Rotta verso il successo con la bihlership Rotta verso il successo con la bihlership Facciamo rotta insieme verso il successo, con una partnership forte, caratterizzata da competenza, rispetto e fiducia reciproca e che noi definiamo bihlership.

Dettagli

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA Introduzione. Nei film del Neorealismo, spesso gli attori non parlano in italiano standard, ma parlano in dialetto. Cosa sono i dialetti? Come sono nati? 1. Dal latino

Dettagli

I CONTI DELLA NOSTRA SCUOLA: UN BILANCIO SOCIALE

I CONTI DELLA NOSTRA SCUOLA: UN BILANCIO SOCIALE I CONTI DELLA NOSTRA SCUOLA: UN BILANCIO SOCIALE Vorremmo provare a spiegare come funziona il bilancio della nostra scuola, quali servizi vengono offerti e come sono finanziati. Per chiarezza e trasparenza.

Dettagli

Sistemi nazionali di innovazione: la Finlandia e l Informatica

Sistemi nazionali di innovazione: la Finlandia e l Informatica Sistemi nazionali di innovazione: la Finlandia e l Informatica Prof. Enrico Nardelli Univ. Roma Tor Vergata Presidente del GRIN (Associazione Italiana Docenti Universitari di Informatica) Padova, 16 maggio

Dettagli

I.C. G. MAMAELI - a.s. 2014/2015. docenti

I.C. G. MAMAELI - a.s. 2014/2015. docenti docenti bbiamo scelto di dare un taglio più semplice e pratico ad una tematica così vasta e piena di variabili quale è quella degli alunni con D.S.A., evitando il più possibile termini tecnici o specialistici

Dettagli

obiettivi 1,2,3 sì obiettivi 4,5,6,7,8 una parte della classe

obiettivi 1,2,3 sì obiettivi 4,5,6,7,8 una parte della classe PQ 11.3 Ed. 3 del 1/9/2007 ISTITUTO MAGISTRALE STATALE ERASMO DA ROTTERDAM ATTIVITÀ DEL DOCENTE. SEZIONE C : RELAZIONE A CONSUNTIVO DOCENTE Andrea Inglese MATERIA Storia DESTINATARI 4 DSO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Come studiare matematica

Come studiare matematica Come studiare matematica Consigli pratici sul metodo di studio Se l uomo non sapesse di matematica non si eleverebbe di un sol palmo da terra. Galileo Galilei Docente di Matematica e Informatica Istituto

Dettagli

PUNTO INFORMAGIOVANI. Villa Carcina (BS)

PUNTO INFORMAGIOVANI. Villa Carcina (BS) PUNTO INFORMAGIOVANI Villa Carcina (BS) La normativa italiana Prevede per tutti i ragazzi/e: - l obbligo di istruzione per almeno 10 anni, cioè fino a 16 anni di età, - il diritto-dovere all istruzione

Dettagli