High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati"

Transcript

1 High Impact Programs 1

2 Chi siamo Performance Technology Solutions (PTS) è una società di consulenza organizzativa e formazione manageriale Il nostro nome deriva dalla metodologia di origine statunitense Human Performance Technology, un approccio sistematico per il miglioramento della performance aziendale I nostri clienti sono principalmente aziende di grandi dimensioni multinazionali (italiane ed estere) ed enti pubblici internazionali La nostra squadra è composta da un team di consulenti, formatori e coach coordinati da Diane Fryman, fondatrice ed amministratore delegato della società 2

3 La nostra offerta 3

4 High Impact Programs sono percorsi di assessment, formazione e coaching che portano risultati misurabili High Impact Programs 4

5 Alcuni commenti da parte dei nostri partecipanti Grazie a una maggiore auto-consapevolezza fornita da Facet5 e al coaching dei docenti, ho acquisito tecniche fondamentali per il mio ruolo, che mi hanno permesso di raggiungere in poco tempo risultati concreti. Ho migliorato la qualità dei feedback forniti alle persone con cui lavoro e la frequenza con cui io stesso chiedo loro feedback, in ottica di miglioramento continuo. Inoltre ho acquisito maggiore fiducia in me stesso e migliorato le mie relazioni interpersonali attraverso l adozione di comportamenti maggiormente assertivi David Falchetto Trainer H3G S.p.A. I punti di forza di questo percorso sono la chiarezza nei messaggi e nelle spiegazioni, le attività di role playing con ripresa filmata e la possibilità di analizzare e commentare l'attività nell'immediato, trovando possibili soluzioni comportamentali migliorative. Ho imparato a riconoscere ed accettare i confini della mia e dell altrui responsabilità, a rendere i collaboratori consapevoli delle proprie responsabilità ed ad utilizzare la tecnica del feedback quale strumento per farle rispettare o fornire suggerimenti Paola Pezzi Business Manager EU Branch AIM Group International S.p.A. Il corso mi ha dato una maggiore consapevolezza del fatto che io posso migliorare la percezione che gli altri hanno di me. Che ascolto attivo e feedback sono realmente alla base di relazioni migliori nel quotidiano Marco Stucchi Training Specialist Adecco Formazione E stato il corso giusto al momento giusto. Momento di riflessione e di sperimentazione; ho trovato molto utili i role play video ripresi. Ora ho degli strumenti in più per lavorare efficacemente con le persone intorno a me Marta Taverna Training Specialist - Adecco Formazione 5

6 Tipologie High Impact Programs 6

7 High Impact Programs Competenze Manageriali 7

8 COMPETENZE MANAGERIALI - COMUNICAZIONE Migliorare l efficacia della comunicazione e le relazioni lavorative con (1 di 2) Obiettivi di apprendimento Acquisire consapevolezza delle proprie caratteristiche individuali che impattano sulla comunicazione e sulle relazioni con gli altri Comprendere come gli altri possono percepire i nostri comportamenti Migliorare la propria intelligenza emotiva Acquisire tecniche per sviluppare/migliorare le proprie competenze di ascolto attivo, assertività, dare e ricevere feedback in modo costruttivo Adattare il proprio stile di comunicazione a seconda delle caratteristiche dell interlocutore 8

9 COMPETENZE MANAGERIALI - COMUNICAZIONE Migliorare l efficacia della comunicazione e le relazioni lavorative con (2 di 2) Struttura del percorso Questionario Facet5, uno strumento online di autovalutazione validato a livello internazionale, la cui reportistica verrà discussa durante un incontro individuale di due ore propedeutico alle giornate in aula. Due giorni in aula altamente interattivi con esercitazioni, role-play e compilazione di un piano d'azione creare impegno nell'applicare le nuove competenze acquisiste e per definire metodi e strumenti per valutare in modo oggettivo i progressi. Quattro sessioni di coaching supportare ciascun partecipante durante l implementazione del piano d azione. Incontro di follow-up di gruppo per condividere i risultati finora raggiunti e risolvere eventuali problemi riscontrati attraverso il confronto con i colleghi ed il formatore. 9

10 COMPETENZE MANAGERIALI - COMUNICAZIONE Come comunicare e presentare in modo efficace (1 di 2) Obiettivi di apprendimento Identificare gli elementi che rendono efficace una presentazione Pianificare e progettare i contenuti della presentazione in base agli obiettivi e alla platea Strutturare le informazioni ed i messaggi chiave in modo efficace Utilizzare efficacemente le diverse forme di linguaggio (verbale e non verbale) Tenere sotto controllo il tempo durante la presentazione Gestire lo stress durante la presentazione Interagire con il pubblico in modo efficace Valutare l efficacia della propria presentazione 10

11 COMPETENZE MANAGERIALI - COMUNICAZIONE Come comunicare e presentare in modo efficace (2 di 2) Struttura del percorso Questionari di auto-valutazione per comprendere come ciascun partecipante gestisce attualmente gli interventi di presentazione in pubblico. Due giorni in aula altamente interattivi con simulazioni di presentazioni utilizzando la videocamera e compilazione di un piano d'azione creare impegno nell'applicare le nuove competenze acquisiste e per definire metodi e strumenti per valutare in modo oggettivo i progressi. Quattro sessioni di coaching supportare ciascun partecipante durante l implementazione del piano d azione. Incontro di follow-up di gruppo per condividere i risultati finora raggiunti e risolvere eventuali problemi riscontrati attraverso il confronto con i colleghi ed il formatore. 11

12 COMPETENZE MANAGERIALI - COMUNICAZIONE Impromptu speaking (1 di 2) Impromptu Speaking è la capacità di saper fare una presentazione ed esprimere la propria opinione con efficacia (durante ad esempio riunioni aziendali) anche senza aver avuto modo di prepararsi anticipatamente. Questo percorso fornisce tecniche e strumenti per acquisire maggior sicurezza in occasione di qualsiasi tipo di intervento in pubblico. Obiettivi di apprendimento Acquisire un metodo per gestire un impromptu speaking Tenere sotto controllo l ansia quando si deve parlare in pubblico Acquisire maggior sicurezza durante gli interventi in pubblico Saper gestire le domande del pubblico Acquisire un metodo per valutare l efficacia del proprio impromptu speaking 12

13 COMPETENZE MANAGERIALI - COMUNICAZIONE Impromptu speaking (2 di 2) Struttura del percorso Questionari di auto-valutazione per comprendere l efficacia degli interventi di impromptu speaking di ciascun partecipante. Due giorni in aula altamente interattivi con simulazioni impromptu utilizzando la videocamera e compilazione di un piano d'azione creare impegno nell'applicare le nuove competenze acquisiste e per definire metodi e strumenti per valutare in modo oggettivo i progressi. Quattro sessioni di coaching supportare ciascun partecipante durante l implementazione del piano d azione. Incontro di follow-up di gruppo per condividere i risultati finora raggiunti e risolvere eventuali problemi riscontrati attraverso il confronto con i colleghi ed il formatore. 13

14 COMPETENZE MANAGERIALI - LEADERSHIP E GESTIONALE Leadership e gestione del team (1 di 2) Obiettivi di apprendimento Migliorare l efficacia della propria leadership applicando il modello della Situational Leadership Gestire efficacemente lo strumento della delega Mantenere elevata la performance del team, agendo sui fattori motivanti Acquisire tecniche per migliorare la comunicazione all interno del team Gestire efficacemente le dinamiche di gruppo, risolvendo i conflitti e sviluppando un atteggiamento collaborativo 14

15 COMPETENZE MANAGERIALI - LEADERSHIP E GESTIONALE Leadership e gestione del team (2 di 2) Struttura del percorso Questionari di auto-valutazione per comprendere l attuale stile di leadership di ciascun partecipante. Due giorni in aula altamente interattivi con esercitazioni, role-play e compilazione di un piano d'azione creare impegno nell'applicare le nuove competenze acquisiste e per definire metodi e strumenti per valutare in modo oggettivo i progressi. Quattro sessioni di coaching supportare ciascun partecipante durante l implementazione del piano d azione. Incontro di follow-up di gruppo per condividere i risultati finora raggiunti e risolvere eventuali problemi riscontrati attraverso il confronto con i colleghi ed il formatore. 15

16 COMPETENZE MANAGERIALI - LEADERSHIP E GESTIONALE Performance Improvement: Come gestire e migliorare le performance dei collaboratori (1 di 2) Obiettivi di apprendimento Stabilire obiettivi chiari e condivisi così da motivare i collaboratori Individuare i fattori chiave per analizzare le performance dei collaboratori Identificare le strategie più appropriate per risolvere i gap di performance Applicare modelli di analisi efficaci per migliorare le prestazioni Incrementare la produttività superando le resistenze e fornendo feedback costruttivi 16

17 COMPETENZE MANAGERIALI - LEADERSHIP E GESTIONALE Performance Improvement: Come gestire e migliorare le performance dei collaboratori (2 di 2) Struttura del percorso Questionari di auto-valutazione per comprendere come ciascun partecipante gestisce attualmente le performance dei suoi collaboratori. Due giorni in aula altamente interattivi con esercitazioni, role-play e compilazione di un piano d'azione creare impegno nell'applicare le nuove competenze acquisiste e per definire metodi e strumenti per valutare in modo oggettivo i progressi. Quattro sessioni di coaching supportare ciascun partecipante durante l implementazione del piano d azione. Incontro di follow-up di gruppo per condividere i risultati finora raggiunti e risolvere eventuali problemi riscontrati attraverso il confronto con i colleghi ed il formatore. 17

18 COMPETENZE MANAGERIALI - LEADERSHIP E GESTIONALE Migliorare l intelligenza emotiva con (1 di 2) L Intelligenza Emotiva è la capacità di riconoscere, comprendere e gestire le emozioni ed i comportamenti propri e degli altri in modo efficace. Ricerche dimostrano che l intelligenza emotiva è una componente importante di una leadership efficace. EI360 è un questionario 360 validato a livello internazionale sviluppato sulla base del modello di Goleman che consente di facilitare un piano di sviluppo delle diverse competenze di cui si compone l intelligenza emotiva. Obiettivi di apprendimento Individuare le diverse aree del modello dell intelligenza emotiva Acquisire consapevolezza dei propri punti di forza e di sviluppo in riferimento alle competenze facenti parte del modello Applicare tecniche e strumenti per migliorare l intelligenza emotiva in ambito lavorativo 18

19 COMPETENZE MANAGERIALI - LEADERSHIP E GESTIONALE Migliorare l intelligenza emotiva con (2 di 2) Struttura del percorso Questionario EI360, uno strumento online di valutazione 360 validato a livello internazionale, la cui reportistica verrà discussa durante un incontro individuale di due ore propedeutico alla giornata in aula. Un giorno in aula altamente interattivo con esercitazioni, role-play e compilazione di un piano d'azione creare impegno nell'applicare le nuove competenze acquisiste e per definire metodi e strumenti per valutare in modo oggettivo i progressi. Quattro sessioni di coaching supportare ciascun partecipante durante l implementazione del piano d azione. Incontro di follow-up di gruppo per condividere i risultati finora raggiunti e risolvere eventuali problemi riscontrati attraverso il confronto con i colleghi ed il formatore. 19

20 COMPETENZE MANAGERIALI - SVILUPPO PROFESSIONALE Building Key Managerial Competencies (1 di 2) Questo percorso consente di acquisire tecniche e strumenti efficaci ed immediatamente applicabili al lavoro per migliorare le competenze di comunicazione (dare e ricevere feedback, ascolto attivo, assertività), di gestione delle relazioni interpersonali e dei conflitti e di negoziazione. Obiettivi di apprendimento Comunicare feedback costruttivi, migliorando la capacità di ascolto attivo e la propria assertività Creare relazioni strategiche e proficue con il proprio capo e i propri colleghi Individuare e riconoscere le cause dei conflitti interpersonali in ambito lavorativo Acquisire ed applicare nuove strategie per gestire i conflitti efficacemente Migliorare la propria capacità negoziale 20

21 COMPETENZE MANAGERIALI - SVILUPPO PROFESSIONALE Building Key Managerial Competencies (2 di 2) Struttura del percorso Questionari di auto-valutazione per comprendere l attuale livello di competenza di ciascun partecipante rispetto ai vari ambiti trattati dal corso. Due giorni in aula altamente interattivi con esercitazioni, role-play e compilazione di un piano d'azione creare impegno nell'applicare le nuove competenze acquisiste e per definire metodi e strumenti per valutare in modo oggettivo i progressi. Quattro sessioni di coaching supportare ciascun partecipante durante l implementazione del piano d azione. Incontro di follow-up di gruppo per condividere i risultati finora raggiunti e risolvere eventuali problemi riscontrati attraverso il confronto con i colleghi ed il formatore. 21

22 COMPETENZE MANAGERIALI - SVILUPPO PROFESSIONALE Gestione efficace del tempo (1 di 2) Obiettivi di apprendimento Riconoscere e valorizzare, per ciascun partecipante, il proprio stile di gestione del tempo Utilizzare tecniche e strumenti appropriati per: completare i compiti, raggiungendo gli obiettivi programmati e rispettando le scadenze (efficacia) eliminare le perdite di tempo (efficienza) ridurre lo stress legato alle attività lavorative Fornire le linee guida per realizzare un piano di miglioramento personale volto ad amministrare il proprio tempo in maniera efficiente ed efficace in relazione alle priorità 22

23 COMPETENZE MANAGERIALI - SVILUPPO PROFESSIONALE Gestione efficace del tempo (2 di 2) Struttura del percorso Questionari di auto-valutazione per comprendere come ciascun partecipante organizza attualmente le proprie attività lavorative in termini di gestione del tempo. Due giorni in aula altamente interattivi con esercitazioni, role-play e compilazione di un piano d'azione creare impegno nell'applicare le nuove competenze acquisiste e per definire metodi e strumenti per valutare in modo oggettivo i progressi. Quattro sessioni di coaching supportare ciascun partecipante durante l implementazione del piano d azione. Incontro di follow-up di gruppo per condividere i risultati finora raggiunti e risolvere eventuali problemi riscontrati attraverso il confronto con i colleghi ed il formatore. 23

24 COMPETENZE MANAGERIALI - SVILUPPO PROFESSIONALE Gestione efficace delle riunioni (1 di 2) Obiettivi di apprendimento Individuare quando è necessario indire una riunione Acquisire un metodo sistematico per pianificare una riunione Utilizzare tecniche per coordinare la discussione, facilitando i processi di problem solving e decision making Acquisire un metodo per verbalizzare l esito della riunione e gestire i prossimi passi Valutare l efficacia della riunione 24

25 COMPETENZE MANAGERIALI - SVILUPPO PROFESSIONALE Gestione efficace delle riunioni (2 di 2) Struttura del percorso Questionari di auto-valutazione per comprendere l efficacia delle riunioni di ciascun partecipante (in qualità di leader e non). Due giorni in aula altamente interattivi con esercitazioni, role-play e compilazione di un piano d'azione creare impegno nell'applicare le nuove competenze acquisiste e per definire metodi e strumenti per valutare in modo oggettivo i progressi. Quattro sessioni di coaching supportare ciascun partecipante durante l implementazione del piano d azione. Incontro di follow-up di gruppo per condividere i risultati finora raggiunti e risolvere eventuali problemi riscontrati attraverso il confronto con i colleghi ed il formatore. 25

26 High Impact Programs Risorse Umane 26

27 RISORSE UMANE Analisi dei fabbisogni, pianificazione e controllo della formazione (1 di 2) Obiettivi di apprendimento Comprendere il processo di pianificazione e budgeting della formazione all'interno di un ciclo aziendale end-to-end Analizzare i fabbisogni e definire obiettivi tangibili e misurabili per i programmi/ progetti formativi Distinguere fra fabbisogni formativi e non formativi Quantificare, giustificare e sostenere le stime di budget nel breve e nel medio-lungo termine Applicare tecniche di controllo, analisi e aggiornamento di piani, budget e progetti formativi 27

28 RISORSE UMANE Analisi dei fabbisogni, pianificazione e controllo della formazione (2 di 2) Struttura del percorso Audit aziendale per individuare come vengono attualmente rilevati i bisogni formativi e come vengono pianificate e controllate le attività formative. Due giorni in aula altamente interattivi con esercitazioni applicative e compilazione di un piano d'azione creare impegno nell'applicare le nuove competenze acquisiste e per definire metodi e strumenti per valutare in modo oggettivo i progressi. Quattro sessioni di consulenza per guidare e supportare l implementazione del piano d azione. Incontro di follow-up per valutare l efficacia del percorso e individuare alcune azioni di proseguimento. 28

29 RISORSE UMANE Monitoraggio dell efficacia della formazione (1 di 2) Obiettivi di apprendimento Valutare l'impatto formativo sull'organizzazione a vari livelli, determinando quando è appropriato utilizzare ciascun livello di monitoraggio e identificando gli strumenti più adatti Utilizzare gli strumenti e le tecniche necessari a monitorare e migliorare i risultati della formazione Identificare le potenzialità dell'azione formativa per l organizzazione a sostegno degli obiettivi strategici aziendali, in relazione ai costi/benefici Seguire un processo step-by-step nel pianificare, condurre e documentare le attività di valutazione della formazione in modo efficace Usare un metodo collaborativo per stabilire i risultati da raggiungere e quelli raggiunti 29

30 RISORSE UMANE Monitoraggio dell efficacia della formazione (2 di 2) Struttura del percorso Audit aziendale per individuare come vengono attualmente monitorate le attività formative. Due giorni in aula altamente interattivi con esercitazioni applicative e compilazione di un piano d'azione creare impegno nell'applicare le nuove competenze acquisiste e per definire metodi e strumenti per valutare in modo oggettivo i progressi. Quattro sessioni di consulenza per guidare e supportare l implementazione del piano d azione. Incontro di follow-up per valutare l efficacia del percorso e individuare alcune azioni di proseguimento. 30

31 RISORSE UMANE Il ROI della formazione (1 di 2) Obiettivi di apprendimento Descrivere e applicare la metodologia per il calcolo del ROI della formazione Spiegare come la metodologia può essere utilizzata in diverse situazioni aziendali Distinguere le modalità di applicazione della metodologia nei casi di formazione su soft skill (es. leadership, team working, comunicazione) rispetto ai casi di formazione su hard skill (es. competenze tecniche, operative) 31

32 RISORSE UMANE Il ROI della formazione (2 di 2) Struttura del percorso Audit aziendale per individuare quali dati utili per il calcolo del ROI della formazione vengono attualmente tracciati e misurati. Due giorni in aula altamente interattivi con esercitazioni applicative e compilazione di un piano d'azione creare impegno nell'applicare le nuove competenze acquisiste e per definire metodi e strumenti per valutare in modo oggettivo i progressi. Quattro sessioni di consulenza per guidare e supportare l implementazione del piano d azione. Incontro di follow-up per valutare l efficacia del percorso e individuare alcune azioni di proseguimento. 32

33 RISORSE UMANE Instructional Systems Design: progettazione efficace degli interventi formativi (1 di 2) Obiettivi di apprendimento Applicare il processo dell'instructional Systems Design (ISD) nella progettazione della formazione Condurre un'analisi delle attività per individuare le caratteristiche dei partecipanti, il contenuto della didattica e gli obiettivi del corso Creare la struttura del corso e delle lezioni in base all'analisi delle attività Definire obiettivi di apprendimento in linea con i dati emersi dall'analisi delle attività Classificare gli obiettivi di apprendimento secondo i livelli di performance Classificare i contenuti didattici (fatti, concetti, processi, procedure, strutture, principi) Acquisire un metodo per progettare materiali didattici a seconda della tipologia di contenuto Pianificare la valutazione dell efficacia del percorso formativo 33

34 RISORSE UMANE Instructional Systems Design: progettazione efficace degli interventi formativi (2 di 2) Struttura del percorso Audit aziendale per individuare come attualmente viene effettuata la progettazione degli interventi formativi. Due giorni in aula altamente interattivi con esercitazioni applicative e compilazione di un piano d'azione creare impegno nell'applicare le nuove competenze acquisiste e per definire metodi e strumenti per valutare in modo oggettivo i progressi. Quattro sessioni di consulenza per guidare e supportare l implementazione del piano d azione. Incontro di follow-up per valutare l efficacia del percorso e individuare alcune azioni di proseguimento. 34

35 RISORSE UMANE Progettare test di valutazione dell apprendimento (1 di 2) Obiettivi di apprendimento Individuare quando utilizzare e come impostare un test di apprendimento Migliorare test a scelta multipla già esistenti individuandone gli errori Applicare linee guida per progettare in modo efficace quesiti a scelta multipla Condurre un analisi statistica delle domande di un test al fine di valutarne l efficacia 35

36 RISORSE UMANE Progettare test di valutazione dell apprendimento (2 di 2) Struttura del percorso Audit aziendale per individuare come vengono attualmente progettati i test di valutazione dello apprendimento. Due giorni in aula altamente interattivi con esercitazioni applicative e compilazione di un piano d'azione creare impegno nell'applicare le nuove competenze acquisiste e per definire metodi e strumenti per valutare in modo oggettivo i progressi. Quattro sessioni di consulenza per guidare e supportare l implementazione del piano d azione. Incontro di follow-up per valutare l efficacia del percorso e individuare alcune azioni di proseguimento. 36

37 Per maggiori informazioni Visitate il nostro sito Inviateci un all indirizzo Telefonateci al numero

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

ON LINE COACHING SCHOOL

ON LINE COACHING SCHOOL ON LINE COACHING SCHOOL ON LINE COACHING SCHOOL corso di coaching skills e avvio alla professione di coach Mentre si conclude la prima edizione, yucan.it e ICTF presentano il secondo corso online di avvio

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente Scheda di valutazione individuale area dirigenza Sessione di valutazione Nome e Cognome Valutatore Competenze e comportamenti Leggenda:,=molto indoddisfacente =insoddisfacente anno Incarico: PESATURA:

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE II LEZIONE C. Bonasia IL PROCESSO DI COMUNICAZIONE DIMENSIONE VERTICALE: top -down bottom - up DIMENSIONE ORIZZONTALE trasversale, tra persone

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011 Monitoraggio dei processi formativi Genova, 2 dicembre 2011 Premessa: un patto!!! Nel Protocollo d Intesa le organizzazioni formative garantiscono un progressivo miglioramento e innalzamento della qualità

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

APPRENDERE DAI MIGLIORI

APPRENDERE DAI MIGLIORI APPRENDERE DAI MIGLIORI QUADERNI MANAGERIALI 2008 - NO. 2 Apprendere dai migliori QUADERNI MANAGERIALI 2008 - NO. 2 Indice AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDI 2007 Capitolo I pag. 6 Capitolo II pag.10

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE

Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE Quality Evolution Consulting Formazione Manageriale Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE 7 edizione Firenze 23 maggio 2015 Firenze 120 ore al sabato 23 maggio 2015 31 ottobre 2015 Agenzia Formativa

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Glossario della Formazione in Sanità

Glossario della Formazione in Sanità Glossario della Formazione in Sanità Regione Toscana GLOSSARIO DELLA FORMAZIONE IN SANITÀ Regione Toscana Giunta Regionale Direzione generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Strumenti

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Rice,::]ca AOODGOSV - D.G. per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del S.N.I. REGISTRO UFFICIALE _. Prot. n. 0006257-21Il 0/20 14 - USCITA

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli