Al Ministro della Giustizia On. Andrea Orlando

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Al Ministro della Giustizia On. Andrea Orlando"

Transcript

1 Il Segretario Generale Roma, 30 giugno 2015 Prot /D/ Al Ministro della Giustizia On. Andrea Orlando Al Vice Ministro On. Avv. Enrico Costa Al SottoSegretario alla Giustizia dr. Cosimo Maria Ferri Al Capo di Gabinetto Cons. Giovanni Melillo al Vice Capo di Gabinetto Cons. Francesco Cascini p.c. Al Capo Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Cons. Santi Consolo Al Capo Dipartimento del Dipartimento Organizzazione Giudiziaria dr. Mario Barbuto Al Capo Dipartimento Giustizia Minorile d.ssa Annamaria Palma Guarnier Alla Direzione Generale del personale e della formazione DAP Cons. Riccardo Turrini Vita Alla Direzione Generale del personale e della formazione DOG Cons. Emilia Fargnoli Oggetto: criticità personale dirigenziale DAP: proposte e diffida Si pone all attenzione delle SS.LL. la particolarissima posizione del personale dirigente in eccedenza in virtù della riduzione dei posti di funzione dirigenziale, a seguito del provvedimento di Riorganizzazione. Infatti, a seguito dell emanazione del nuovo Regolamento di organizzazione del Ministero della Giustizia e riduzione degli uffici dirigenziali e delle dotazioni organiche, vi sarà un esubero di 4 unità nel ruolo Dirigenti di Area 1 in servizio nel Dipartimento Amministrazione Penitenziaria.

2 Appare singolare ai più come codesta Amministrazione parrebbe essersi posta come matrigna nei confronti di costoro, in particolar modo per i 4 dirigenti di Area 1, gli unici effettivamente interessati dal taglio: trattasi di dirigenti di comprovata esperienza e rilevante specializzazione, con oltre 30 anni di servizio nel DAP, i quali hanno sviluppato una altissima professionalità nel settore, degli specialist della gestione dell esecuzione penale. 1 Ebbene per costoro si auspica che possano essere trovate specifiche soluzioni organizzative adeguate sia per evitare che l Amministrazione Penitenziaria debba privarsi di tali professionalità, sulla cui selezione-formazione-valutazione si è investito molto, sia che non vengano mortificati l impegno e la verificata dedizione operativa, in definitiva, la dignità di questi lavoratori. 2 Qualora la proposta, riportata nella nota, non volesse venire accolta (appunto, da una Amministrazione che si rivelerebbe matrigna ) è assolutamente indispensabile prevedere il ricorso a forme di mobilità privilegiata verso altri ambiti del Ministero della Giustizia, ove oggi vi sono posti di funzione dirigenziale disponibili (ovvero il DOG ed il Dipartimento della Giustizia Minorile e di Comunità) nella logica della compensazione tra Dipartimenti, senza alcuna incidenza della dotazione organica di Ministero. 3 In seconda battuta, predetta mobilità potrà essere garantita nelle articolazioni periferiche dello Stato o nell Ente Regione, assicurando la territorialità al lavoratore secondo precisi limiti geografici di prossimità, al massimo regionali (cfr. ricollocazione presso altre amministrazioni comprese nell ambito della regione, circolare n.4/14 - DFP , del Ministro per la semplificazione e pubblica amministrazione). Quanto sopra evidenziato, in relazione ai processi di mobilità, risulta oltremodo necessario alla luce del recente parere della Corte dei Conti (delibera della Corte dei conti, Sezione delle Autonomie, del 16 giugno 2015, n. 19) che si è adeguato alla Circolare n.1/2015 della Funzione 1 I dirigenti area 1 sono tra i funzionari con maggiore anzianità nell'amministrazione di tutta l Amministrazione Penitenziaria (con ingresso nei ruoli dell Amministrazione negli anni 80), inquadrati già dal 2000 nella IX qualifica funzionale a seguito di vincita di concorsi pubblici ed avendo ottenuto l inquadramento nel ruolo dirigenziale dal 2008, a seguito di vincita di ulteriori concorsi pubblici selettivi: pertanto hanno maturato, fin prima dell'inquadramento nella dirigenza area 1, specifica professionalità ed esperienza nella ex carriera direttiva (ex IX qualifica funzionale), ricoprendo posti di direzione di uffici presso i provveditorati regionali (sino al 2002 riservati alla carriera direttiva; dal 2002 riservati alla carriera dirigenziale). Si evidenzia peraltro come essi siano gli unici nell Amministrazione Penitenziaria che hanno avuto accesso alla Dirigenza a seguito di vincita di concorso pubblico (senza nulla togliere alla professionalità dei funzionari direttivi inquadrati ope legis - legge 154/2005- nella dirigenza penitenziaria) 2 Ed in tal senso, con la nota n del UNADIS auspica che, con i DM attuativi relativi ai posti di funzione, per essi potranno, oltre che nei Presidi territoriali, essere previsti posti di funzione dirigenziale presso le Scuole di Formazione dell Amministrazione Penitenziaria e la nuova Direzione Generale della Formazione (ex-issp). Trattasi, infatti, di strutture ove non sono presenti le specificità eventualmente previste per la dirigenza penitenziaria (Istituti penitenziari ed UEPE), la cui Direzione pertanto, e sempre per analogia al Dipartimento della Giustizia Minorile, può essere affidata alla Dirigenza amministrativa contrattualizzata nell Area 1. 3 Si evidenzia come da anni alcuni Dirigenti di Area 1 del DAP abbiano partecipato agli interpelli del DOG senza ricevere alcuna risposta ovvero ricevendo comunicazione che dovevano presentare domanda di mobilità ex-art30 D.Lgs.165/01 (come se fossero esterni!). Così che, a seguire, risulta che da settembre 2014 almeno 4 di loro hanno presentato al DOG anche domanda di mobilità dall esterno, senza alcun riscontro a riguardo, nonostante il parere favorevole del DAP, cd.amministrazione cedente).

3 Pubblica sugli esuberi del personale delle Provincie così che non sono consentite le mobilità volontarie, per gli anni 2015 e 2016, estese a personale diverso da quello provinciale eccedentario. Analogamente, e già da prima, Enti regionali e Ministeri avevano così risposto alla domanda di mobilità di alcuni Dirigenti Area 1: al momento non è possibile dare corso a tale istanza in quanto assume carattere prioritario la ricollocazione dei dipendenti Provinciali interessati dai provvedimenti contenuti nella legge di stabilità 2015 ( L.190/2014) - Vieppiù laddove con il recente Decreto Legge 27 giugno 2015, n. 83 recante Misure urgenti in materia fallimentare, civile e processuale civile e di organizzazione e funzionamento dell'amministrazione giudiziaria", all'art. 21 è prevista l'assunzione di un contingente di unità di personale amministrativo proveniente dagli enti di area vasta da inquadrare nel ruolo dell'amministrazione giudiziaria. Per cui è con enorme preoccupazione che questa Organizzazione sta valutando la possibile posizione dei 4 Dirigenti di Area 1 che, nel momento in cui saranno formalmente dichiarati in eccedenza, non avranno alcuna possibilità di ricollocazione con la mobilità presso altre Amministrazioni, quantomeno nel biennio. Orbene, le SS.LL. vorranno convenire che ciò non può e non deve avvenire: è' di tutta evidenza che situazioni giuridiche e contrattuali uguali (personale in eccedenza) verrebbero trattate in modo differente con palese violazione della Costituzione! UNADIS chiede che, prima dell assorbimento del personale delle Provincie, il Ministero della Giustizia provveda a conferire posti di funzione dirigenziale ai Dirigenti Area 1 appartenenti allo stesso Dicastero. Se diversamente accadesse, sarebbe paradossale ed oggetto di contenzioso, certamente. E per questo e con forza che evidenziamo tale criticità e la poniamo alla massima attenzione dei vertici politici ed amministrativi del Ministero della Giustizia. A riguardo, offriamo alcune possibili soluzioni a tale criticità: 1. Una prima è una soluzione legislativa a carattere d urgenza, un emendamento normativo, che obblighi il Ministero della Giustizia a riassorbire al suo interno tutto il personale in esubero (dirigenziale e non) superando la gestione per comparti stagno tra i suoi diversi Dipartimenti, prima dell assorbimento in esso di personale proveniente dall esterno (vedi le Provincie). Sarebbe quantomeno auspicabile una specifica riformulazione dell'art. 21 in sede di conversione del D.L. 27/6/2015 del seguente tenore: Il Ministero della Giustizia, in aggiunta alle procedure di cui al presente comma e con le medesime modalità, acquisisce, a valere sul fondo istituito ai sensi del comma 96, un contingente massimo di unità di personale amministrativo proveniente con priorità dal Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria dello stesso Ministero e dagli enti di area vasta, da inquadrare nel ruolo dell'amministrazione giudiziaria ;

4 2. Una seconda soluzione amministrativa facilmente praticabile potrebbe essere la riassegnazione interna allo stesso Ministero, con conferimento di incarico presso il DOG ed il Dipartimento della Giustizia Minorile (qualora necessario, prevedendo una modifica all art.3 del Decreto 15 maggio Criteri e procedure per l'affidamento degli incarichi dirigenziali non generali ); 3. una terza è l attuazione di procedimenti atti al transito volontario nella carriera della Dirigenza penitenziaria 4 (atteso peraltro che da molti anni predetti Dirigenti, in molti casi, svolgono funzioni analoghe presso gli Uffici Detenuti e Trattamento dei Prap e che da anni vi sono istituti penitenziari senza un Dirigente titolare e con molti Dirigenti che ricoprono ruoli ad interim in istituti di complessa gestione). Alla luce di quanto esposto, più che mai appare indifferibile che codesto Dicastero si ponga la problematica ed individui soluzioni idonee. Unadis, da sempre in posizione collaborativa e costruttiva, attende un incontro ad essi dedicato, diffidando nelle more dall assorbimento di dirigenti in esubero da altre Amministrazioni o accoglimento di domande di mobilità da altri Enti. 4 Rif. legge 27 luglio 2005, n. 154 e D.Lgs. 15 febbraio 2006, n. 63, ovvero operando come con L. 395/90 è stato previsto per gli Ufficiali del disciolto Corpo degli AA.CC., in ultimo con l opzione concessa alle ex- appartenenti al ruolo delle Vigilatrici penitenziarie.

5

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno LETTERA CIRCOLARE N Roma, data protocollo Alle Direzioni Centrali All Ufficio Centrale Ispettivo Alle Direzioni Regionali e Interregionali VV.F. Agli Uffici di Staff del Capo Dipartimento Agli Uffici di

Dettagli

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO DEL CAPO DEL DIPARTIMENTO Prot. Roma, Ai rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali Federazione Nazionale Sicurezza CISL Via dei Mille, 36 00185-ROMA

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferraris:

A relazione dell'assessore Ferraris: REGIONE PIEMONTE BU9S1 05/03/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 2 marzo 2015, n. 25-1122 Attuazione dell'art. 2 del D.L. n. 101 del 31.8.2013, convertito con modificazioni in L. n. 125 del 30.10.2013.

Dettagli

Il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione

Il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e, in particolare, l articolo 30, comma 2, che demanda a un decreto del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione, previa consultazione

Dettagli

UFFICIALE.U.0004031.04-05-2015

UFFICIALE.U.0004031.04-05-2015 dipvvf.staffcadip.registro UFFICIALE.U.0004031.04-05-2015 Interno - 261 MOD.4 VCF Roma, data protocollo CIRCOLARE Alle All Alle Agli Agli Ai DIREZIONI CENTRALI UFFICIO CENTRALE ISPETTIVO SEDE DIREZIONI

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 26 giugno 2015. Definizione delle tabelle di equiparazione fra i livelli di inquadramento previsti dai contratti collettivi relativi

Dettagli

Prot. 1587/E/ 8.01.2016 Al Ministro della Giustizia On. Andrea Orlando

Prot. 1587/E/ 8.01.2016 Al Ministro della Giustizia On. Andrea Orlando Il Segretario Generale Roma, 8 gennaio 2016 Prot. 1587/E/ 8.01.2016 Al Ministro della Giustizia On. Andrea Orlando Al Capo di Gabinetto Cons. Giovanni Melillo E, p.c. Al Capo Dipartimento dell Amministrazione

Dettagli

IN VIGORE DECRETO LEGGE EFFICIENTAMENTO E RAZIONALIZZAZIONE AMMINISTRAZIONI FINANZIARIE Colaci.it

IN VIGORE DECRETO LEGGE EFFICIENTAMENTO E RAZIONALIZZAZIONE AMMINISTRAZIONI FINANZIARIE Colaci.it IN VIGORE DECRETO LEGGE EFFICIENTAMENTO E RAZIONALIZZAZIONE AMMINISTRAZIONI FINANZIARIE Colaci.it Sulla Gazzetta Ufficiale n.148 del 27.6.2012 risulta pubblicato il decreto legge n.87/2012 contenente misure

Dettagli

1. Personale dipendente dell'amministrazione Penitenziaria e della Giustizia Minorile.

1. Personale dipendente dell'amministrazione Penitenziaria e della Giustizia Minorile. Versione del 10 Giugno 2009 Linee di indirizzo per il trasferimento dei rapporti di lavoro nel SSN del personale sanitario operante in materia di sanità penitenziaria soggette ad applicazione in sede regionale

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA. Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA. Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni Circolare n.4/2005 8 novembre 2005 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri A tutti i Ministeri - Gabinetto

Dettagli

Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n.

Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n. Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n. 0025035) SOMMARIO TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Finalità e ambito di applicazione

Dettagli

EMENDAMENTO DISEGNO DI LEGGE A.S. 1577. Art. 7

EMENDAMENTO DISEGNO DI LEGGE A.S. 1577. Art. 7 Al comma 1, lettera a), sopprimere le seguenti parole: «razionalizzazione delle funzioni di polizia al fine di evitare sovrapposizioni di competenze e di favorire la gestione associata dei servizi strumentali;

Dettagli

(spendingreview) Disposizioni urgenti per la riduzione della spesa pubblica a servizi invariati

(spendingreview) Disposizioni urgenti per la riduzione della spesa pubblica a servizi invariati Disposizioni urgenti per la riduzione della spesa pubblica a servizi invariati (spendingreview) 1. La revisione degli assetti organizzativi delle pubbliche amministrazioni 2. Limiti alle assunzione nelle

Dettagli

1 La Ricostruzione di carriera dei docenti di religione

1 La Ricostruzione di carriera dei docenti di religione 1 La Ricostruzione di carriera dei docenti di religione 1.1 La situazione dei docenti di religione 1.1.1 Contesto normativo Con l approvazione della Legge 18 luglio 2003, n. 186, si è conclusa una vicenda

Dettagli

Regolamento di organizzazione del Ministero della Giustizia. Report dei contributi e delle osservazioni in merito allo schema di DPCM CROAS Piemonte

Regolamento di organizzazione del Ministero della Giustizia. Report dei contributi e delle osservazioni in merito allo schema di DPCM CROAS Piemonte Consiglio Regionale del Piemonte Regolamento di organizzazione del Ministero della Giustizia Report dei contributi e delle osservazioni in merito allo schema di DPCM CROAS Piemonte Il documento è frutto

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Schema di Regolamento di riordino dell Agenzia nazionale per la sicurezza del volo ANSV, ai sensi dell articolo 26 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112 RELAZIONE ILLUSTRATIVA L articolo 26, comma 1,

Dettagli

05217089 carlo.berdini@giustizia.it

05217089 carlo.berdini@giustizia.it INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Fax dell ufficio Email istituzionale Berdini Carlo 29/03/1967 II Fascia Dirigente Direttore

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI approvato con deliberazione G.P. n. 188 del 25.7.2001 modificato con deliberazione G.P. n. 83 del

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione SEGRETERIA PROVINCIALE CATANIA via A. di Sangiuliano, 365 95124 Catania - tel. 3488978553 - fax 0952933790 catania@uilpa.it Catania, li 03/04/2013 Prot.

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 OBBLIGO DI CONTRIBUZIONE SOCIO DI SRL IL QUESITO Alcuni miei clienti sono soci di srl e ricoprono l incarico

Dettagli

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue.

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue. Oggetto: Definizione dell assetto organizzativo della Direzione generale della Protezione Civile e modifica dell assetto organizzativo della Direzione generale del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale.

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni e MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato Ispettorato generale

Dettagli

CITTA DI POGGIARDO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA MOBILITÀ ESTERNA

CITTA DI POGGIARDO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA MOBILITÀ ESTERNA CITTA DI POGGIARDO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA MOBILITÀ ESTERNA Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n. 276 del 30.12.2013 ARTICOLO 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Collaboratore dellʹufficio Indagini della Federcalcio (dal 2003 al 2007).

CURRICULUM VITAE. Collaboratore dellʹufficio Indagini della Federcalcio (dal 2003 al 2007). CURRICULUM VITAE Paolo Del Vecchio Avvocato dello Stato Nato a Napoli il 4 gennaio 1967 Titoli di studio e professionali Laureatosi in Giurisprudenza presso l Università degli Studi di Napoli Federico

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

OGGETTO: Azienda USL RM/C parere positivo ai sensi dell art. 3 del Decreto Commissariale n. U0016 del 27 febbraio 2009. IL COMMISSARIO AD ACTA

OGGETTO: Azienda USL RM/C parere positivo ai sensi dell art. 3 del Decreto Commissariale n. U0016 del 27 febbraio 2009. IL COMMISSARIO AD ACTA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA DECRETO n. 4 del 18 01 2010 OGGETTO: Azienda USL RM/C parere positivo ai sensi dell art. 3 del Decreto Commissariale n. U0016 del 27 febbraio 2009. IL COMMISSARIO AD ACTA

Dettagli

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze,

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, VISTA la Legge 8 luglio 1986, n. 349 e s.m.i., Istituzione del Ministero dell Ambiente e norme in materia di danno ambientale ; VISTA la Legge

Dettagli

PROVINCE E EE.LL. ASSUNZIONI E MOBILITA SECONDO LA SEZIONE AUTONOMIE DELLA CORTE DEI CONTI

PROVINCE E EE.LL. ASSUNZIONI E MOBILITA SECONDO LA SEZIONE AUTONOMIE DELLA CORTE DEI CONTI BERGAMO PROVINCE E EE.LL. ASSUNZIONI E MOBILITA SECONDO LA SEZIONE AUTONOMIE DELLA CORTE DEI CONTI Il 16 giugno 2015 è stato depositato in segreteria l atteso parere della Sezione Autonomie sulle possibilità

Dettagli

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Sessione comunitaria

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Sessione comunitaria Bozza Verbale n.1/08 Seduta del 24 gennaio 2008 CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Sessione comunitaria Il giorno 24 gennaio 2008,

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca D.M. N 74

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca D.M. N 74 Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della D.M. N 74 VISTO il Testo Unico delle leggi in materia di istruzione approvato con il Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n. 297, e successive modifiche

Dettagli

Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343

Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343 Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343 "Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 303, sull'ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri, a norma dell'articolo

Dettagli

Disposizioni per il riordino della dirigenza statale e per favorire lo scambio di esperienze e l'interazione tra pubblico e privato (2).

Disposizioni per il riordino della dirigenza statale e per favorire lo scambio di esperienze e l'interazione tra pubblico e privato (2). L. 15-7-2002 n. 145 Disposizioni per il riordino della dirigenza statale e per favorire lo scambio di esperienze e l'interazione tra pubblico e privato. Pubblicata nella Gazz. Uff. 24 luglio 2002, n. 172.

Dettagli

Contenimento del ricorso a forme di lavoro flessibile

Contenimento del ricorso a forme di lavoro flessibile 30-1-2007 Speciale Finanziaria 2008 Legge 24 dicembre 2007, n. 244 II Pubblico impiego a cura di IGOR GIUSSANI E TOMMASO PIZZO Le disposizioni in materia di pubblico impiego contenute nella Finanziaria

Dettagli

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE AREA II

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE AREA II Prot. n. 5869. Roma, 24 settembre 2007. Area II Al Dirigente Generale Capo del Corpo Nazionale dei vigili del fuoco Vice Capo Dipartimento Vicario Agli Uffici di diretta collaborazione del Capo Dipartimento

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI ma integrata con le risorse europee per lo sviluppo regionale; promuove e coordina i programmi e gli interventi finanziati dai fondi strutturali, i programmi finanziati dal Fondo per lo sviluppo e la coesione,

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/11531/C21 Venezia, 17 Agosto 2011. email urgente Agli Uffici Scolastici Territoriali della Regione Veneto loro sedi

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/11531/C21 Venezia, 17 Agosto 2011. email urgente Agli Uffici Scolastici Territoriali della Regione Veneto loro sedi Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/11531/C21 Venezia, 17 Agosto 2011 email urgente Agli Uffici Scolastici Territoriali della Regione Veneto loro sedi Alle Organizzazioni sindacali regionali loro sedi Al sito

Dettagli

Deliberazione n. SCCLEG/5/2012/PREV

Deliberazione n. SCCLEG/5/2012/PREV 1 Deliberazione n. SCCLEG/5/2012/PREV REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato formata dai Magistrati:

Dettagli

Roma, 24.11.2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Loro sedi. All Area Centrale Gestione Tributi e Rapporto con gli Utenti Sede

Roma, 24.11.2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Loro sedi. All Area Centrale Gestione Tributi e Rapporto con gli Utenti Sede \ Roma, 24.11.2005 Protocollo: Rif.: Allegati: 3224/IV/2005 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Loro sedi All Area Centrale Gestione Tributi e Rapporto con gli Utenti All Area Centrale Personale

Dettagli

Oggetto: Operatori del Corpo di polizia penitenziaria impiegati negli Uffici di esecuzione penale esterna.

Oggetto: Operatori del Corpo di polizia penitenziaria impiegati negli Uffici di esecuzione penale esterna. _ Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Ministeri Enti Pubblici Università E.P. Ricerca Vigili del Fuoco Comparto Sicurezza Presidenza del Consiglio Agenzie Fiscali Dirigenza Autorità amministrative

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia Anno CXXXIV - Numero 18 Roma, 30 settembre 2013 Pubblicato il 30 settembre 2013 BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia PUBBLICAZIONE QUINDICINALE SOMMARIO PARTE PRIMA DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

A proposito di Beni Culturali e Spending Review

A proposito di Beni Culturali e Spending Review Dipartimento Ambiente e Territorio A proposito di Beni Culturali e Spending Review Titolo II - Riduzione della spesa delle Amministrazioni statali degli Enti non Territoriali Art.12 A proposito di Beni

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Copia della presente determinazione viene trasmessa a: SINDACO SEGRETARIO GENERALE ASSESSORE ALLE RISORSE UMANE DIRIGENTE ORGANIZZAZIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE SERVIZIO FINANZIARIO ALTRI SERVIZI ALBO

Dettagli

la legge 23 agosto 1988, n. 400 e successive modificazioni ed integrazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300;

la legge 23 agosto 1988, n. 400 e successive modificazioni ed integrazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTA la legge 23 agosto 1988, n. 400 e successive modificazioni ed integrazioni; VISTA la legge 23 ottobre 1992, n. 421; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo

Dettagli

MEDICI COMPETENTI PUBBLICATA IN GU PROROGA CONSEGUIMENTO CREDITI ECM

MEDICI COMPETENTI PUBBLICATA IN GU PROROGA CONSEGUIMENTO CREDITI ECM INFORMATIVA DEL 17 FEBBRAIO 2016 MEDICI COMPETENTI PUBBLICATA IN GU PROROGA CONSEGUIMENTO CREDITI ECM E stato pubblicato lo scorso 10 febbraio 2016 sulla Gazzetta ufficiale il Decreto Ministeriale (in

Dettagli

Tel.: 06/77392571 C.F.: 97248840585. Roma, 06/03/2015. Ai Dirigenti gli Uffici Territoriali dell U.S.R. per il Lazio LORO SEDI

Tel.: 06/77392571 C.F.: 97248840585. Roma, 06/03/2015. Ai Dirigenti gli Uffici Territoriali dell U.S.R. per il Lazio LORO SEDI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ufficio V I Unità Operativa Via Pianciani, 32 00185 Roma Indirizzo PEC: drla@postacert.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO REGOLAMENTO SULLA MOBILITA INTERNA DEL C O M U N E DI SAN PANCRAZIO SALENTINO (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 95 del 26 luglio 2007) 1 INDICE SISTEMATICO Art. 1 Individuazione e definizione

Dettagli

S E D E ATTI PRELIMINARI ALLE ASSUNZIONI

S E D E ATTI PRELIMINARI ALLE ASSUNZIONI 13 ottobre 2014 N. Prot. Gen. Prot. precedente Oggetto: Relazione sulle possibilità assunzionali dopo la conversione in Legge del DL. 90/2014 Al Signor Sindaco Al Signor Assessore al Personale Al Signor

Dettagli

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE DEL LAVORO NEL PUBBLICO IMPIEGO

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE DEL LAVORO NEL PUBBLICO IMPIEGO Corso universitario di formazione in LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE DEL LAVORO NEL PUBBLICO IMPIEGO Tema del corso La nuova disciplina del lavoro pubblico Obiettivi Continua senza sosta il processo di riforma

Dettagli

(Emanato con D.R. n.1139 del 4.9.2007 Affisso all Albo dell Ateneo l 11.9.2007 prot.n.20131)

(Emanato con D.R. n.1139 del 4.9.2007 Affisso all Albo dell Ateneo l 11.9.2007 prot.n.20131) Università degli studi di Napoli L Orientale Regolamento di Ateneo per l accesso all impiego del personale amministrativo, tecnico e dirigenziale a tempo indeterminato e determinato dell Università degli

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE RISORSE, L ORGANIZZAZIONE E IL BILANCIO SOTTOSCRIZIONE DEFINITIVA ACCORDO UTILIZZO DEL FONDO UNICO DI AMMINISTRAZIONE ANNO 2014 La delegazione di parte pubblica del Ministero

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Y l Il1 IIIII I IY IIlIIlllllIlIlllIlIllllIl I I Ill

Y l Il1 IIIII I IY IIlIIlllllIlIlllIlIllllIl I I Ill Mod. 401255 DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL PERSONALE E DELLA FORMAZIONE Ufficio I11 - Sez. IV - Promozioni ed avanzamenti polizia penitemiaria Prot. n. Y l Il1 IIIII

Dettagli

N. 79 Del 08/07/2013

N. 79 Del 08/07/2013 Piazza Duomo, 1 C.A.P. 80035 - C.F. 84003330630 - Partita I.V.A. : 01549321212 COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 79 Del 08/07/2013 OGGETTO: Modifica Tab. A Sez. A1 dell art. 66 del Regolamento

Dettagli

effettuato il passaggio graduale e progressivo del servizio di traduzione e

effettuato il passaggio graduale e progressivo del servizio di traduzione e MINISTERO DELLA GIUSTIZIA 3HTAmministrazione Penitenziaria CONFORME ' 'Ufficio CORTE DEI CONTI " { \ÌRì\. C-'^ ìt 0009314- la legge 15 dicembre 1990, n. 395, recante "Ordinamento del Corpo di polizia penitenziaria"

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Atteso che l articolo 27, c. 3 della Costituzione stabilisce che le pene devono tendere alla rieducazione del condannato.

PROTOCOLLO D INTESA. Atteso che l articolo 27, c. 3 della Costituzione stabilisce che le pene devono tendere alla rieducazione del condannato. PROTOCOLLO D INTESA Tra Dipartimento dell'amministrazione Penitenziaria - Provveditorato Regionale di Bari Ufficio Esecuzione Penale Esterna e Conferenza Regionale Volontariato Giustizia della Puglia Atteso

Dettagli

COMUNE DI PIACENZA DIREZIONE OPERATIVA RISORSE SERVIZIO PERSONALE E ORGANIZZAZIONE

COMUNE DI PIACENZA DIREZIONE OPERATIVA RISORSE SERVIZIO PERSONALE E ORGANIZZAZIONE Prot. Gen. n. del COMUNE DI PIACENZA DIREZIONE OPERATIVA RISORSE SERVIZIO PERSONALE E ORGANIZZAZIONE AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO MEDIANTE MOBILITA ESTERNA EX ART.

Dettagli

1. Requisiti anagrafici e contributivi per accedere al trattamento pensionistico

1. Requisiti anagrafici e contributivi per accedere al trattamento pensionistico Oggetto: D.M. n. 1058 del 23 dicembre 2013 (diramato con nota AOODPIT n.2855 del 23 dicembre 2013) - Cessazioni dal servizio dal 1 settembre 2014. Si fa riferimento alla nota AOODPIT n. 2855 del 23 dicembre

Dettagli

Il Servizio Sociale e l Assistente Sociale

Il Servizio Sociale e l Assistente Sociale Il Servizio Sociale e l Assistente Sociale Cos è il Servizio Sociale? Per Servizio Sociale si intende l area di conoscenza scientificamente fondata, collocata all interno delle scienze sociali, e conseguentemente

Dettagli

APPRENDISTATO T R I F I R Ò & PA RT N E R S AV V O C AT I WWW.TRIFIRO.IT

APPRENDISTATO T R I F I R Ò & PA RT N E R S AV V O C AT I WWW.TRIFIRO.IT APPRENDISTATO TRIFIRÒ & PARTNERS AVVOCATI WWW.TRIFIRO.IT TRIFIRÒ & PARTNERS AVVOCATI APPRENDISTATO A cura di Damiana Lesce Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con la Circolare n. 5 del 21

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità ANVUR

Programma triennale per la trasparenza e l integrità ANVUR Programma triennale per la trasparenza e l integrità ANVUR 2012-2014 1 1. PREMESSA L art. 2, comma 138, del decreto-legge 3 ottobre 2006, n. 262, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre

Dettagli

Oggetto: legge 162/2014 Sistema recupero crediti Ordinamento degli Ufficiali giudiziari

Oggetto: legge 162/2014 Sistema recupero crediti Ordinamento degli Ufficiali giudiziari Prot. 99/05/2015/uil Roma, 15 maggio 2015 On. Andrea Orlando Ministro della Giustizia Dott. Giovanni Melillo Capo di Gabinetto Dott. Mario Barbuto Capo Dipartimento dell organizzazione giudiziaria Dott.ssa

Dettagli

Curriculum di. Tiziana Di Maria. Dati personali Data di nascita: Roma il 4.09.1962 Luogo di nascita: Roma

Curriculum di. Tiziana Di Maria. Dati personali Data di nascita: Roma il 4.09.1962 Luogo di nascita: Roma Tiziana Di Maria Curriculum di Dati personali Data di nascita: Roma il 4.09.1962 Luogo di nascita: Roma Da Febbraio 2010 ricopre l incarico di Segretario Generale dell IPAB Istituto Romano di San Michele-

Dettagli

UFFICIO DEL SEGRETARIO COMUNALE ATTI GESTIONE DEL PERSONALE. L Anno duemilaquindici i addì sette del mese di Aprile, nel Comune di Zerfaliu,

UFFICIO DEL SEGRETARIO COMUNALE ATTI GESTIONE DEL PERSONALE. L Anno duemilaquindici i addì sette del mese di Aprile, nel Comune di Zerfaliu, Comune di Zerfaliu Provincia di Oristano UFFICIO DEL SEGRETARIO COMUNALE ATTI GESTIONE DEL PERSONALE Determinazione N 8 del 7/04/2015 OGGETTO: Copertura posto vacante Istruttore direttivo - Amministrativo,

Dettagli

SPISA «IL NUOVO STATUTO DELLE PROVINCE. GOVERNO, FUNZIONI E RISORSE»

SPISA «IL NUOVO STATUTO DELLE PROVINCE. GOVERNO, FUNZIONI E RISORSE» I processi di riorganizzazione e di mobilità del personale delle province SPISA «IL NUOVO STATUTO DELLE PROVINCE. GOVERNO, FUNZIONI E RISORSE» Lorenzo Broccoli Bologna, 28 aprile 2015 1 La legge 56 del

Dettagli

Servizio Gestione e Sviluppo Risorse Umane Interaziendale

Servizio Gestione e Sviluppo Risorse Umane Interaziendale Servizio Gestione e Sviluppo Risorse Umane Interaziendale OGGETTO: Attivazione di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per la realizzazione del Progetto Pianificazione e attuazione di

Dettagli

PER PROCEDURA VALUTAZIONE COMPARATIVA PER AFFIDAMENTO A TERZI ESTRANEI ALL UNIVERSITA

PER PROCEDURA VALUTAZIONE COMPARATIVA PER AFFIDAMENTO A TERZI ESTRANEI ALL UNIVERSITA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE DIPARTIMENTO GIURIDICO AVVISO PUBBLICO PER PROCEDURA VALUTAZIONE COMPARATIVA PER AFFIDAMENTO A TERZI ESTRANEI ALL UNIVERSITA DI UN INCARICO DI COLLABORAZIONE

Dettagli

Apprendistato e chiarimenti ministeriali La circolare n.5/2013

Apprendistato e chiarimenti ministeriali La circolare n.5/2013 N.55 del 04.02.2013 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DTL Modena (1) Apprendistato e chiarimenti ministeriali La circolare n.5/2013 Le sanzioni collegate al non corretto utilizzo del

Dettagli

Trentino Mobilità s.p.a. REGOLAMENTO PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI

Trentino Mobilità s.p.a. REGOLAMENTO PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI Trentino Mobilità s.p.a. REGOLAMENTO PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 21 dicembre 2012 In vigore dal 22 dicembre 2012

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. VALENTINI SIMONETTA Data di nascita 23/09/1966. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0666165122

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. VALENTINI SIMONETTA Data di nascita 23/09/1966. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0666165122 INFORMAZIONI PERSONALI Nome VALENTINI SIMONETTA Data di nascita 23/09/1966 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia Dirigente - UFFICIO CONTENZIOSO 0666591839

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei conti. Sezione regionale di controllo per le Marche. nell adunanza del 30 luglio 2003 * * *

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei conti. Sezione regionale di controllo per le Marche. nell adunanza del 30 luglio 2003 * * * Deliberazione n. 5/2003/Pens. REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti in Sezione regionale di controllo per le Marche nell adunanza del 30 luglio 2003 * * * Visto il decreto n. 1170 in data 8 novembre 1999,

Dettagli

Comune di Sant Anastasia Provincia di Napoli

Comune di Sant Anastasia Provincia di Napoli Comune di Sant Anastasia Provincia di Napoli VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO ORIGINALE N 186 del 20/06/2014 OGGETTO: RICOGNIZIONE ANNUALE DELLE SITUAZIONI DI ECCEDENZA DI PERSONALE

Dettagli

Agenzia delle Entrate Via Cristoforo Colombo, 426 C/D 00145 ROMA RACC. A.R.

Agenzia delle Entrate Via Cristoforo Colombo, 426 C/D 00145 ROMA RACC. A.R. RACC. A.R. Agenzia delle Entrate Via Cristoforo Colombo, 426 C/D 00145 ROMA Presidenza del Consiglio dei Ministri Palazzo Chigi Piazza Colonna, 370 00187 ROMA Dipartimento della Funzione Pubblica Corso

Dettagli

Prot n. 251 RS Roma, 03 giugno 2005. Al Signor Capo del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Pres. Giovanni Tinebra ROMA

Prot n. 251 RS Roma, 03 giugno 2005. Al Signor Capo del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Pres. Giovanni Tinebra ROMA Prot n. 251 RS Roma, 03 giugno 2005 Al Signor Ministro della Giustizia Sen. Roberto Castelli Al Signor Capo del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Pres. Giovanni Tinebra E, per conoscenza

Dettagli

Roma, 24 novembre 2015. Al Vice direttore - Direttore vicario. Al Vice direttore area monopoli. Ai Direttori degli Uffici e delle Direzioni centrali

Roma, 24 novembre 2015. Al Vice direttore - Direttore vicario. Al Vice direttore area monopoli. Ai Direttori degli Uffici e delle Direzioni centrali Roma, 24 novembre 2015 Prot. n. 103208 R.U. Al Vice direttore - Direttore vicario Al Vice direttore area monopoli Ai Direttori degli Uffici e delle Direzioni centrali Ai Direttori delle Direzioni interregionali

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 26-08-2013 (punto N 6 ) Delibera N 715 del 26-08-2013 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

Le novità in materia di personale contenute nella legge di stabilità 2015. Roma 11 maggio 2015

Le novità in materia di personale contenute nella legge di stabilità 2015. Roma 11 maggio 2015 Le novità in materia di personale contenute nella legge di stabilità 2015 Roma 11 maggio 2015 La legge di stabilità 2015 e il turn-over negli Enti locali (Comma 424) La legge n. 190/2014 ha introdotto

Dettagli

Ministero della Salute. Decreto 22 ottobre 2013

Ministero della Salute. Decreto 22 ottobre 2013 Ministero della Salute Decreto 22 ottobre 2013 Approvazione del programma, presentato dalla Regione Friuli-Venezia Giulia, per la realizzazione di strutture sanitarie extraospedaliere per il superamento

Dettagli

COMUNE DI CARAGLIO PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO PER LA MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA

COMUNE DI CARAGLIO PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO PER LA MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA COMUNE DI CARAGLIO PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO PER LA MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA Approvato con Deliberazione G. C. n. 219 del 16/12/2013 INDICE CAPO I Principi generali Art. 1 Principi generali...pag.

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ATTUARI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ATTUARI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Roma, 17 maggio 2012 A tutti gli Iscritti all Albo e p.c. Al Consiglio dell Ordine Nazionale degli Attuari Ai Comitati Regionali All Istituto Italiano degli Attuari Prot. n. 066/2012

Dettagli

la Regione Marche il Provveditorato dell Amministrazione Penitenziaria per le Marche

la Regione Marche il Provveditorato dell Amministrazione Penitenziaria per le Marche ACCORDO tra la Regione Marche e il Provveditorato dell Amministrazione Penitenziaria per le Marche per favorire l inclusione socio-lavorativa di persone sottoposte a provvedimenti dell autorità giudiziaria.

Dettagli

Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione

Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione TESTO Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione NOTE CAPO I - PERSONALE Art.1 (Disposizioni per il ricambio generazionale nelle pubbliche amministrazioni) 1. Sono abrogati l articolo 16 del

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012

RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012 RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012 Il Consiglio di Presidenza della Giustizia tributaria nella seduta del sentito il relatore Domenico CHINDEMI; emana la seguente risoluzione: (MODIFICA E INTEGRAZIONE

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri IL MINISTRO PER LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E L INTEGRAZIONE VISTO il decreto legge 16 maggio 2008, n. 85, recante «Disposizioni urgenti per l'adeguamento delle strutture di Governo in applicazione

Dettagli

Servizi provinciali della Motorizzazione Civile LORO SEDI

Servizi provinciali della Motorizzazione Civile LORO SEDI Palermo Prot. n. 99264 del 02 dicembre 2010 Allegati n.1 OGGETTO: Procedure per l espletamento delle attività già di competenza dei soppressi comitati provinciali per l albo degli autotrasportatori di

Dettagli

Direzioni Regionali e Interregionali LORO SEDI. Comandi Provinciali VV.F. LORO SEDI. e, p.c. Al Sig. Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Direzioni Regionali e Interregionali LORO SEDI. Comandi Provinciali VV.F. LORO SEDI. e, p.c. Al Sig. Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco REGISTRO UFFICIALE USCITA Prot. n. 19712 del 05/10/2015 s.06.04.01 Lavori Preparatori Alle All Alle Ai Agli Agli Direzioni Centrali LORO SEDI Ufficio Centrale Ispettivo SEDE Direzioni Regionali e Interregionali

Dettagli

PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE

PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE OGGETTO: Adeguamento, a partire dal 1 gennaio 2013, agli incrementi della speranza di vita dei requisiti per l accesso al pensionamento del personale appartenente

Dettagli

REGOLAMENTO. PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSIEL- INFORMATICA PER IL SISTEMA DEGLI ENTI LOCALI S.p.A.

REGOLAMENTO. PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSIEL- INFORMATICA PER IL SISTEMA DEGLI ENTI LOCALI S.p.A. REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSIEL- INFORMATICA PER IL SISTEMA DEGLI ENTI LOCALI S.p.A. CAPO I - PRINCIPI GENERALI Articolo 1 - Oggetto 1. Il presente

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE DIRIGENTE DEL CNEL BIENNIO ECONOMICO 2000-2001

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE DIRIGENTE DEL CNEL BIENNIO ECONOMICO 2000-2001 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE DIRIGENTE DEL CNEL BIENNIO ECONOMICO 2000-2001 A seguito del parere favorevole espresso in data 7 dicembre 2001 dalla Presidenza del Consiglio

Dettagli

f'/. /. / ///'.../J... ALL'UFFICIO RIJ_L CAPO Dg~P~TIMENTO- U.O.R..l- AitT' {;.( OlA ~~. SEDE

f'/. /. / ///'.../J... ALL'UFFICIO RIJ_L CAPO Dg~P~TIMENTO- U.O.R..l- AitT' {;.( OlA ~~. SEDE . f'/. /. / ///'..../J..../ jh~""~;i"~";:' r~,.,/.. /~~,;~"~".)h,;";,,.;,;,,. /"';~/'/; ;,,,~'f"'j'" (/>"...,,;#,..t;,-,,, "'~ n?/. //-).;,.",,1/,..,;(~.A:N"':"'.n,. Prot. n fii fliliiii' "'Ilfl"~"rflr

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 13 gennaio 2014. Rideterminazione delle dotazioni organiche del personale del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro e dell

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari FACOLTA DI SCIENZE Presidente :Anna Maria Giovanna Musinu Responsabile Segreteria di Presidenza: Donatella Cau

Università degli Studi di Cagliari FACOLTA DI SCIENZE Presidente :Anna Maria Giovanna Musinu Responsabile Segreteria di Presidenza: Donatella Cau FACOLTA DI SCIENZE Presidente :Anna Maria Giovanna Musinu Responsabile Segreteria di Presidenza: Donatella Cau Monserrato, 03 febbraio 2016 Prot. n 3767 del 03/02/2016 OGGETTO: Bando di selezione pubblica,

Dettagli

Corte dei conti. VISTO il Testo Unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con R.D.

Corte dei conti. VISTO il Testo Unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con R.D. Deliberazione n. SCCLEG/5/2015/PREV REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato formata dai Magistrati:

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL AGENZIA PER LE ONLUS

IL CONSIGLIO DELL AGENZIA PER LE ONLUS DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO N. 60 del 11/02/2009 Approvazione, ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 dell Atto di Indirizzo di carattere generale contenente chiarimenti

Dettagli

. '-~0' ;f..~\. :1' ~"" .~'...-.,.'1- "'~laii""

. '-~0' ;f..~\. :1' ~ .~'...-.,.'1- '~laii . '-~0' ;f..~\. :. ~Jti.~,~ ~'. :1' ~"" '!"""~ "~~.r.~'...-.,.'1- "'~laii"" :.10D. 40/255 Prot. n ~t-t;j/ezo eklz: C6:UJ/ixtà DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZION6ENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL PERSONALE

Dettagli

LA VERA STORIA( ASSURDA E INFINITA) DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA EX DIPENDENTI DEGLI EE.LL.

LA VERA STORIA( ASSURDA E INFINITA) DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA EX DIPENDENTI DEGLI EE.LL. LA VERA STORIA( ASSURDA E INFINITA) DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA EX DIPENDENTI DEGLI EE.LL. ( OVVERO UGUAGLIANZA NELLA DISUGUAGLIANZA), LEGGE 124/99 - ART.8 TRASFERIMENTO DI PERSONALE SCOLASTICO A.T.A.

Dettagli