Sviluppo di un'applicazione Android per i servizi studenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sviluppo di un'applicazione Android per i servizi studenti"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE FACOLTÀ DI SCIENZE E TECNOLOGIE Corso di Laurea In Informatica (PERCORSO GENERALE) Elaborato di Laurea Sviluppo di un'applicazione Android per i servizi studenti Relatore Chiar.mo Prof. Raffaele MONTELLA Candidato Rosario PELLECCHIA Matr. LI/827 Anno Accademico

2 Abbiamo la testa rotonda per pensare in tutte le direzioni. Francis Picabia - (1922)

3 Ringraziamenti Questa pagina è per me importante. Non avrei potuto realizzare questo desiderio da solo. Voglio innanzitutto ringraziare il Prof. Raffaele Montella che, con la sua competenza, genialità, allegria, presenza fisica e virtuale (da Chicago), mi ha accompagnato in questo lavoro di tesi. Ringrazio il Prof. Giulio Giunta, persona, la cui gentilezza, unita alla sua professionalità, mi è sempre stata di esempio e di sostegno nei momenti difficili e i docenti che, con la loro preparazione e umanità, non mi hanno fatto mai pentire della scelta fatta in un età in cui bisogna conciliare il lavoro con lo studio. Ringrazio il mio amico di studi Giuseppe e la mia amica di traduzioni Milena. Durante questo percorso ho avuto la fortuna di poter contare su amici fidati che mi sono stati vicino, soprattutto nel periodo più faticoso, alla fine, coloro che mi hanno aiutato nei momenti difficili di studi e non: Angelica, Paolo, Paolo, Paolo (ognuno di loro sa a chi mi riferisco), Alba, Claudio ed Enzo. L elenco è lungo, soprattutto con una bellissima famiglia numerosa come la mia che ha sempre creduto in me e mi ha sostenuto. A loro, che tanto amo, e senza la quale tutto ciò non sarebbe stato possibile, dedico questo mio ennesimo lavoro, il più bello, ai miei genitori Vittorio e Concetta, i miei fratelli Antonio, Fulvio, Ciro, Salvatore e la mia sorellina Gemma. Grazie di cuore. ii

4 ABSTRACT L obiettivo di questo elaborato di Laurea è la creazione di un applicazione dedicata al servizio studenti dell Università Parthenope di Napoli. Il lavoro è iniziato con un analisi delle esigenze relative ai servizi universitari ed in particolare si è approfondita la crescente necessità di avere servizi che si inseriscano in un più ampio ambito legato alle smart cities. Successivamente, si è effettuata una ricerca ed analisi delle applicazioni attualmente proposte da altre Università, sia nazionali che internazionali, raccogliendo un primo campione di possibili servizi da offrire all utenza dell Università Parthenope. Si sono analizzate le tecnologie utilizzate e le motivazioni che portano alla loro scelta. In particolare, si è descritta la tecnologia web service REST (REpresentational State Transfer) nei concetti fondamentali e i suoi vincoli nonché delle relative implicazioni architetturali. E stato scelto JSON (JavaScript Object Notation) come formato di rappresentazione dei dati scambiati fra le API adoperate e l applicazione. Si sono quindi illustrate le specifiche delle API realizzate dall Università Parthenope che hanno composto l ossatura dello sviluppo dell applicazione. La realizzazione di questi servizi è stata resa possibile dall uso del Framework FRAPI di cui si sono descritte le specifiche funzionali. Si è partecipato alla messa a punto delle API interagendo con i rispettivi autori. L applicativo è stato realizzato, secondo una scelta opportunamente documentata, su piattaforma ANDROID di cui si sono descritte le iii

5 caratteristiche architetturali e le principali funzionalità messe a disposizione del programmatore. La progettazione ha seguito una serie di analisi e ricerche compiute al fine di rendere il risultato del lavoro svolto il più possibile affidabile e rispondente alle esigenze dell utenza cui è rivolto. Questo elaborato di tesi è sinteticamente divisibile in due componenti fondamentali: il primo, formato dall analisi, la progettazione e l implementazione dell applicazione, è la parte introduttiva del documento, mentre la descrizione funzionale ed il confronto con analoghi prodotti software ne costituisce la seconda parte. In conclusione, sono stati proposti degli scenari di sviluppo futuri e possibili ampliamenti del lavoro svolto. Il contributo innovativo di questo lavoro di tesi consiste nell aver sviluppato l applicazione secondo i più avanzati canoni di quello che è definito il WEB 3.0 ovvero l internet delle cose intelligenti. Potremmo in definitiva considerarla una tesi 3.0. Infine, trattandosi di un applicazione reale e non di un mero esercizio didattico, si è utilizzata la piattaforma sociale per la realizzazione in un programma di beta-testing dell applicazione. iv

6 Indice 1. Introduzione Smart Cities Stato dell'arte Tecnologie utilizzate Il paradigma REST Storia Concetto Costraints (restrizioni) Il formato JSON Le API RESTful API Uniparthenope Il framework FRAPI Il sistema operativo ANDROID Progettazione Diagramma delle componenti Scenari: diagrammi di sequenza Diagramma dell architettura utilizzata Implementazione AndroidManifest v

7 5.2 Componenti implementate Activitiy: esempio d uso delle APIs Parthenope Dimostrazione e valutazione Storyboard scenari Conclusioni e sviluppi futuri Bibliografia vi

8 Indice delle figure Figura 1 - Caratteristiche e componenti di una Smart City... 5 Figura 2 Esempio flusso dati dal sito web a un'app Android... 6 Figura 3 - Portale sviluppatori della città di Chicago... 7 Figura 4 - Console SODA per il testing delle API... 8 Figura 5 - Screenshot app della Università Bocconi Figura 6 - Screenshot app dell Università "Sapienza" Figura 7 - Screenshot applicativo Università di Foggia Figura 8 - Screenshot app University of Chicago Figura 9 - Schema valutazione metrica applicazioni Figura 10 - Schema Api rest ed engine Figura 11 - Tipica architettura REST da un punto di vista WEB Figura 12 - Accesso dati via HTTP (approccio REST) Figura 13 Scema richieste REST tra Client e Server Figura 14 - Interfaccia di amministrazione di FRAPI Figura 15 - Interfaccia per il testing delle API realizzate con FRAPI Figura 16 - FRAPI schema Load Balancer e cache Figura 17 - Architettura di Android Figura 18 - Ambiente Software di Android Figura 19 Esecuzione di un Applicazione Java in Android Figura 20 - Android Activities Stack Figura 21 - Schema Activity - Content Provider Figura 22 - Ciclo di vita delle Activity in Android Figura 23 - Diagramma delle componenti con evidenziate le API UniParthenope Figura 24 Scenario A: utilizzo dei servizi studenti Figura 25 - Scenario B: uso Visualizzazione News Scienze e Tecnologie Figura 26 - Scenario C: visualizzazione degli orari di arrivo Bus Figura 27 - Diagramma UML Activity MenuUtente... 99

9 Figura 28 - Diagramma UML Activity NewsActivityMenu Figura 29 - Diagramma UML Activity MapsActivity Figura 30 - Diagramma UML Activity DirectoryActivity Figura 31 - Diagramma UML Activity TransitActivity Figura 32 - Diagramma UML Activity LibraryActivity Figura 33 - Diagramma UML Activity EmergencyActivity Figura 34 - Diagramma UML Activity ServicesMenu Figura 35 - Diagramma UML Activity ParthenopeActivity Figura 36 - Layout Menu Utente Figura 37 - Layout Maps Figura 38 - Layout News Figura 39 - Layout Transit Figura 40 - Layout Directory Figura 41 - Layout Library Figura 42 - Layout Video Figura 43 - Layout Emergency Figura 44 - Layout Sito Web Figura 45 - Layout Weather Figura 46 - Layout Setup Figura 47 - Layout Services Figura 48 - Schema valutazione metrica applicazioni viii

10 Capitolo 1 Introduzione Il sistema universitario italiano è certamente di grandi dimensioni ed è molto cresciuto negli ultimi decenni: bastano alcuni dati per renderlo evidente. Nel 2009/2010 le Università, statali e non statali, sono 95 (comprese le 6 Scuole Superiori ad ordinamento speciale), con entrate che nell anno 2009 per le sole università statali sono state pari a milioni di euro. Il numero dei Comuni dove è presente una sede di almeno un Corso di studio, di primo o secondo livello, è all inizio dell anno accademico 2010/2011 pari a 222. Il numero dei Corsi di studio attivi nel 2009/2010 (lauree di primo e secondo livello e a ciclo unico) era di e i corsi d insegnamento attivati nel 2008/2009 erano [1] Il sistema universitario nazionale è chiaramente, in quest epoca di globalizzazione, in concorrenza con il sistema internazionale e il confronto tra i diversi paesi deve tener conto delle differenti realtà e delle caratteristiche del sistema formativo. Analizzando le classifiche internazionali prodotte da QS World University Ranking [2] e Times Higher Education [3], che fanno riferimento a 500 Top universities, tenendo conto di vari indicatori che misurano la qualità dei processi formativi e della ricerca, è messo in evidenza che nessuna università italiana è nelle posizioni di rilievo (la prima è Bologna che occupa la 176-esima posizione). 1

11 Introduzione Tuttavia, è interessante notare che nelle prime 500 università del mondo quindici sono italiane e rappresentano, complessivamente, il 41,8% del sistema universitario nazionale in termini di studenti e oltre il 46,5% in termini di docenti. Ciò significa, verosimilmente, che il nostro sistema assicura una buona qualità media più che riuscire a far emergere effettive punte di eccellenza. D altra parte, gli studenti rappresentano la categoria primaria di stakeholder del sistema formativo universitario, essendo al tempo stesso utilizzatori diretti e compartecipi del processo di formazione. È, quindi, a loro che si devono, in primo luogo, dirigere le attenzioni del sistema, mettendo a disposizione servizi che favoriscano il diritto allo studio, il diritto a fare scelte congrue con l offerta formativa esistente e con la possibilità di lavorare a studi conclusi e il diritto ad apprendere quanto serve per realizzarsi nel lavoro e nella società civile. A tale scopo le informazioni contenute nei siti web degli Atenei sono, in genere, trasparenti e chiare e sono facilmente accessibili. I servizi agli studenti sono dunque il modo in cui il sistema universitario e le singole strutture formative intervengono al fine di soddisfare i diritti degli studenti. Sono il modo in cui il sistema, nel suo complesso, interpreta la propria funzione formativa a corredo di quella didattica in senso stretto. Al fine di favorire un miglior uso dei servizi Universitari si rende necessaria la possibilità di accedere alle informazioni anche attraverso i dispositivi mobili che, al giorno d oggi, rivestono un ruolo sempre più importante, tanto nelle aziende quando nella nostra vita privata, permettendoci di compiere operazioni e svolgere dei compiti che, fino a qualche anno fa, erano eseguibili solo attraverso un normale PC. Dal punto di vista dell informatico sviluppatore di software, le applicazioni devono essere realizzate non solo funzionanti nel senso stretto del termine, ma, anche e soprattutto, funzionali e usabili in maniera multimodale ovvero tramite interfacce desktop, mobili e d intrattenimento. In particolare negli ultimi anni gli Smartphone stanno conquistando quote sempre maggiori del mercato della telefonia mobile, raddoppiando quasi fra il 2004 e 2

12 Introduzione il 2005 (più di 12 milioni di apparecchi venduti nell'ultimo anno). Nel secondo trimestre 2011 si è verificata in Europa una maggiore vendita di Smartphone rispetto ai normali telefonini, arrivando a 21,8 milioni di unità vendute (i telefonini tradizionali arrivano a 20,4 milioni). [4] Nel mondo, attualmente, gli Smartphone rappresentano il 30% del mercato. [5] Le previsioni della IDC (International Data Corporation) vedono nel 2015 al primo posto, con uno share del 43.8 %, Android con una crescita di 4.9 punti percentuale; ed è per questo motivo che gli sforzi legati alla creazione di applicazioni per il mobile sono concentrati su questa piattaforma. 1.1 Smart Cities Lo sviluppo di applicazioni su mobile per gli studenti universitari s inserisce nel più ampio concetto di Smart Cities. Il concetto di Smart Cities sta guadagnando sempre più importanza; il fine è di rendere disponibili tutti i servizi attraverso l ICT ai cittadini, alle società private e alle autorità che sono parte del sistema di una città. Anche se la maggior parte delle città vogliono essere Smart non esiste una definizione condivisa di cosa questo significhi: esserlo in termini tecnologici, di sviluppo od amministrativi. Una Smart City è più di una città digitale. La Smart City è quella che è capace di legare il capitale fisico (infrastrutture) con quello sociale (umano e culturale) e capace di sviluppare servizi migliori, integrati, condivisi e innovativi. Deve quindi integrare tecnologia, informazione e visione politica in un programma coerente di miglioramenti urbani e dei servizi. E un errore pensare che per creare Smart Cities sia necessario un maggior investimento nell IT: ciò di cui le città e i cittadini hanno bisogno, è, invece, di utilizzare al meglio l IT con l obiettivo di integrare, con migliori risultati, la 3

13 Introduzione distribuzione delle informazioni sia a livello locale sia nazionale e/o internazionale. Il concetto di Smart Cities può anche essere usato in modi differenti: per descrivere un gruppo di organizzazioni innovative all interno di una regione; la presenza di rami dell industria molto presente nell ICT; l effettivo livello d istruzione degli abitanti di una determinata città; l uso di moderne tecnologie in un contesto urbano, etc. Una definizione chiara rimane comunque elusiva. Una Smart Cities si può definire attraverso sei caratteristiche che la rappresentano: [5] Smart Economy, Smart People, Smart Governance, Smart Mobility, Smart Environment and Smart Living. Questi sei concetti descrivono specifici fattori che possono essere importanti nel definire una Smart City; vedi rappresentazione in Figura 1. L idea di Smart City consiste nell aumento della qualità della vita dei cittadini e dei turisti. Questo scopo può essere raggiunto attraverso un aumento dell efficienza del governo e dello sviluppo delle applicazioni enviroment friendly, di un aumento della mobilità, provvedendo servizi sanitari migliori, stimolando valore economico, etc. Le applicazioni e le esigenze di una Smart City sono raggruppate in cinque caratteristiche: [6] 1) implicazioni economiche, sociali e di privacy; 2) sviluppo dell e-government; 3) salute e sussistenza; 4) sistema di trasporti intelligenti; 5) efficienza energetica ed ambiente. 4

14 Introduzione Figura 1 - Caratteristiche e componenti di una Smart City Tutti questi ambiti aumentano nuove sfide nel campo della sicurezza e della privacy poiché l utente si aspetta, implicitamente, che i sistemi di accesso a queste informazioni siano sicuri e preservino la privacy. Lo sviluppo di un e-government efficiente ed effettivo deve essere, naturalmente, un prerequisito. La chiave delle Smart Cities è quindi l accordo tra cittadini e società sulla privacy dei dati e la loro condivisione. In aggiunta a quanto detto c è la necessità che le Smart Cities siano integrate in infrastrutture nazionali, regionali e internazionali. Ad esempio la mobilità in aree urbane è sempre un problema rilevante: la congestione del traffico, il consumo di energia, etc. Tutti questi problemi possono essere alleviati, ad esempio, sfruttando sistemi di trasporto intelligenti (ITS) attraverso informazioni dettagliate sulla mobilità in tempo reale. In conclusione per raggiungere lo scopo delle Smart Cities bisogna sviluppare un certo numero di tecnologie nell ambito della comunicazione digitale wireless e cablata nonché un crescente numero di applicativi multipiattaforma per la fruizione delle informazioni in tempo reale relativamente agli ambiti sopra citati. 5

15 Introduzione In questo contesto di servizi offerti si inserisce la formazione universitaria che costituisce una delle prerogative della Smart City e che quindi deve ben integrarsi nella totalità dei servizi offerti all utenza con particolare riferimento alla Smart Governance a cui il sistema universitario cittadino afferisce. Un applicazione Europea del concetto di Smart City è la città di Edimburgo che in tutta la sua area è servita da un efficiente servizio di trasporto. La city of Edinburgh Council (CEC) [7] ha lavorato con l azienda locale (Lothian Buses) e un fornitore di sistemi (INEO Sytrans) per fornire informazioni in tempo reale al fine di soddisfare le esigenze dei passeggeri, inizialmente attraverso informazioni sulle fermate autobus attraverso un sito WEB. [8] In seguito, questo servizio è stato esteso agli utenti di Smartphone. Figura 2 Esempio flusso dati dal sito web a un'app Android Uno schema dell elaborazione del flusso dati dell applicazione è riportato in Figura 2. Si evidenzia l uso di un server intermedio per la trasformazione dei dati da fornire all utente Android. Altri servizi come, ad esempio, il servizio biblioteca e le notizie del dipartimento servizi e informazioni della città di Edimburgo hanno ampliato l offerta ai cittadini. Il lavoro di sviluppatori di app ha permesso quindi di rendere fruibili le informazioni agli utenti dei dispositivi mobili rendendoli parte di un ampio social media. Altro esempio di città all avanguardia, con l offerta di servizi per gli sviluppatori di software, è la citta di Chicago. Il portale ufficiale [9] fornisce una 6

16 Introduzione serie di open API standard che permettono l accesso ai dati della propria piattaforma stimolando lo sviluppo di applicazioni originali da parte degli utenti. Figura 3 - Portale sviluppatori della città di Chicago Il portale è inoltre arricchito di una console che permette la prova delle API. Quest utilissimo strumento permette la verifica sia delle API interne al portale sia di qualunque altra fonte di cui si ha l URI. Il sistema utilizzato è il SODA (Socrata Open Data Api console) [10], piattaforma Open Source che 7

17 Introduzione permette di sperimentare le chiamate API utilizzando una semplice sintassi che prevede l inserendo dei propri parametri. Figura 4 - Console SODA per il testing delle API In definitiva la creazione di una Smart University si realizza rendendo la governance universitaria aperta al territorio attraverso la facile fruibilità delle sue informazioni. Tutto ciò s integra perfettamente con le prerogative di una Smart Cities. 8

18 Capitolo 2 Stato dell'arte Come evidenziato, il nuovo scenario competitivo delle Università italiane impone un processo di cambiamento che passa per l adozione di un approccio imprenditoriale al fine di servire meglio i propri clienti (studenti). I servizi offerti sono la base di una competizione al fine di avere soluzioni per migliorare la propria performance. Le università italiane sono però in competizione anche con quelle Europee e Internazionali. In questo quadro di riferimento s innesta l applicazione realizzata il cui scopo è di aumentare, il già ampio, elenco di servizi offerti dall Università Parthenope di Napoli. L analisi delle funzionalità utilizzabili in un applicativo per i servizi universitari è partita con lo studio dei servizi offerti da altre università sia nazionali sia internazionali. Da una ricerca effettuata è risultato esiguo (cinque) il numero di università nazionali che tra i propri servizi offrono un applicativo su piattaforma mobile di consultazione delle informazioni. Si è quindi cercato di estrapolare un campione significativo di Università sia pubbliche che private del nord, centro e sud Italia con in aggiunta una nota università straniera. 9

19 Stato dell'arte La scelta è stata fatta attraverso la visione delle app disponibili su Google Play [11] (ex market di Google) ed è ricaduta sull Università Bocconi di Milano per il nord Italia, La Sapienza di Roma per il centro Italia e sull Università di Foggia per il sud, mentre per l estero si è analizzata l applicazione mobile dell Università di Chicago. Analizziamo quindi le applicazioni prese in esame con l elenco delle loro funzionalità ponendo attenzione anche all aspetto grafico, l usabilità e la versione Android per cui sono disponibili: Università Bocconi di Milano: Figura 5 - Screenshot app della Università Bocconi L applicazione prevede una gestione eventi, insegnamenti, video, feed e links. Varie le funzionalità tra cui: loggarsi con le proprie credenziali; modificare le impostazioni; accedere al profilo utente; ricevere messaggi; accedere alla webmail d'ateneo; visualizzare eventi sottoscritti; iscriversi alle prove d esame (studenti). L aspetto grafico è essenziale ma efficace rendendo i menù d immediata consultazione; buona la personalizzazione delle pagine con la presenza costante del logo dell ateneo. La versione Android su cui è disponibile è Android SDK 2.2 o superiori (API level 8) e l ultimo aggiornamento del software è del 24 maggio

20 Stato dell'arte L applicazione è stata sviluppata dal Cineca (consorzio, senza scopo di lucro formato da cinquantaquattro Università italiane, due Enti Nazionali di Ricerca e dal Ministero dell'università e della Ricerca). Università La sapienza di Roma: Figura 6 - Screenshot app dell Università "Sapienza" Le funzionalità di quest applicativo sono quattro e relative, principalmente, alla gestione degli esami: Profilo, che visualizza le informazioni anagrafiche, i dati personali e l'ultima dichiarazione Isee; Esami, visualizza gli esami sostenuti, suddivisi in tutti"; "certificati"; "non certificati"; Esami prenotati, visualizza le prenotazioni già effettuate con la possibilità di cancellare la prenotazione; Ricerca, visualizza la ricerca degli appelli attivi e fornisce la possibilità di prenotare l esame. L aspetto grafico è ben curato a vantaggio di una buona usabilità; discreta la personalizzazione. La versione Android su cui è disponibile è Android SDK 2.1 o superiore (API level 7) e l ultimo aggiornamento del software è del 22 maggio L applicazione è stata sviluppata da due studenti della stessa università in collaborazione con Infosapienza (Centro di progettazione di sistemi informativi dell Università La Sapienza ). 11

21 Stato dell'arte Università di Foggia: Figura 7 - Screenshot applicativo Università di Foggia L applicazione consente agli studenti di visualizzare il proprio piano di studi con i relativi voti e di eseguire prenotazioni degli esami. Visionando i commenti degli utenti, risulta, in realtà, che la funzionalità di prenotazione non è utilizzabile. L aspetto grafico è essenziale e povero di personalizzazioni. La versione Android su cui è disponibile è Android SDK 2.2 o superiore (API level 8) e l ultimo aggiornamento del software è del 12 novembre L applicazione è stata sviluppata da un gruppo di studenti della stessa università in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Economiche dell Ateneo. University of Chicago Illinois (U.S.): Le funzionalità di questa applicazione sono molteplici. Essa si distingue, dalle altre analizzate, per la completezza dell informazione offerta e per la cura dell aspetto grafico che la rende fruibile e d immediato utilizzo. 12

22 Stato dell'arte Figura 8 - Screenshot app University of Chicago Unica vera mancanza è l assenza di una funzionalità riguardante la visualizzazione del proprio piano di studi e di tutte le altre funzionalità per la gestione degli esami. Le funzionalità sono: News per la consultazione delle news universitarie; Maps per la visualizzazione delle sedi del campus universitario; Directory per la rubrica del personale dell università; Events per l accesso ad un calendario degli eventi universitari; Videos per la visione, attraverso youtube, dei video; Transit per la visualizzazione del locale sistema di trasporto per il collegamento con l università; Library per la consultazione della biblioteca universitaria; Images per la visualizzazione di una galleria di immagini; Emergency per la chiamata rapida a numeri di emergenza; Website per il collegamento al sito dell università e Tours che visualizza un tour degli edifici universitari con una descrizione testuale ed audio. L aspetto grafico è particolarmente curato, la navigabilità dei menu efficace e di conseguenza l applicazione ha un ottima usabilità. La versione Android su cui è disponibile è Android SDK 2.0 o superiore (API level 6) e l ultimo aggiornamento del software è del 12 settembre L applicazione è stata sviluppata dall UCHICAGO MOBILE CENTER [12], dipartimento della Chicago University che si occupa dello sviluppo di applicazioni su dispositivi mobili e della promozione di applicazioni realizzate dagli studenti; i quali possono inviare i propri lavori che, una volta approvati, vengono pubblicati in un apposita area di download. 13

23 Stato dell'arte Riportiamo quindi un quadro riassuntivo delle funzionalità delle varie applicazioni analizzate con una metrica di valutazione pesata. La metrica usata non poteva rientrare tra quelle standard di valutazione del software (complessità ciclomatica, punti funzione, copertura di codice, numero di classi e interfacce, etc) perché tutte utilizzano delle stime basate sul codice sorgente che, naturalmente, non si ha a disposizione. Altra metrica poteva essere la valutazione pubblicata su GooglePlay, ma l applicazione della Parthenope non è ancora pubblicata. Si è quindi utilizzata una metrica che, di ogni funzionalità dell applicazione, valuta la qualità della funzionalità stessa partendo dal valore zero per la funzionalità inesistente fino a cinque per la funzionalità ottima. La valutazione tiene presente della velocità di ottenimento del risultato, del layout e della completezza della funzionalità. 14

24 Stato dell'arte Tabella 1 - Comparazione funzionalità applicazioni per servizi universitari Università SDK Gestione esami Mappa News Eventi Rubrica Atri Servizi Università Bocconi Milano Guida On Line Agenda Links Università La Sapienza Roma Università di Foggia Chicago University Biblioteca Video Trasporti Immagini Emergenza Tour Sito WEB È evidente la ricchezza delle funzionalità offerte dall Università di Chicago che, tuttavia, non ha alcuna funzionalità riguardante la gestione degli esami studenti. 15

25 Stato dell'arte Il grafico seguente sintetizza le valutazioni ottenute: Atri Servizi Rubrica 10 5 Eventi News Mappa 0 Università Bocconi Milano Università La Sapienza Roma Università di Foggia Chicago University Gestione esami Figura 9 - Schema valutazione metrica applicazioni 16

26 Capitolo 3 Tecnologie utilizzate In questo capitolo saranno descritte le tecnologie utilizzate per la realizzazione della nostra applicazione. L architettura di base è stata implementata in modo RESTful, architettura che sarà descritta nelle caratteristiche e prerogative. Tale architettura è ormai considerata uno standard nella realizzazione di Web Service. I servizi utilizzati sono quelli UniParthenope e rispettano pienamente gli standard REST. La trasmissione dello stato di rappresentazione delle risorse avviene attraverso l uso del formato JSON. La scelta di tale formato, alternativo all XML, è determinata dalla sua semplicità di utilizzo ed efficacia nella descrizione di ogni tipo di risorsa. La realizzazione dei servizi (API) UniParthenope sono stati realizzati attraverso il Framework FRAPI, un Framework Open Source PHP-based che rispetta anch esso le direttive REST. Per lo sviluppo dell applicativo, destinato ai terminali mobili, si è imposta la scelta di Android per la quantità di mercato acquisita, sempre in crescente aumento, e per la versatilità di sviluppo. Queste scelte hanno determinato la realizzazione di un applicativo facilmente riutilizzabile in altre categorie di dispositivi come i tablet o i mini-pc e soprattutto integrabile con i sempre più numerosi componenti messi a disposizione dei developer Android. 17

27 Tecnologie utilizzate 3.1 Il paradigma REST L architettura alla base del lavoro realizzato è REST (Representational State Transfer), acronimo di trasferimento dello stato rappresentativo. REST è uno stile architetturale software per i sistemi distribuiti d ipermedia come il World Wide Web. REST ha visto la sua nascita grazie al lavoro di dottorato di R.Filding. Filding è, tra l altro, uno dei principali autori dell HHTP. [13] Un applicazione che rispetta completamente le restrizioni REST è generalmente indicata come RESTFul Storia Lo stile architettonico REST fu sviluppato in parallelo con l HTTP basandosi su di un progetto esistente. La larga implementazione di un sistema conforme allo stile architetturale di REST è il WWW. REST semplifica la caratterizzazione architetturale del WEB rispettando le macro-interazioni delle quattro componenti del WEB, ovvero i server di origine, i gatway, i proxy ed i client, senza però imporre limiti ai singoli elementi. In definitiva, l architettura REST regola il corretto comportamento dei partecipanti Concetto L'idea è di usare una comunicazione tra macchine basata su richieste HTTP anziché utilizzare meccanismi come CORBA, RPC (Remote Procedure Calls) o i Web Services (SOAP, WSDL,..) rendendo il sistema architetturale più leggero. 18

28 Tecnologie utilizzate Figura 10 - Schema Api rest ed engine In molti casi, il World Wide Web, basato sull' HTTP, può essere visto come un' architettura basata sulla tecnologia REST. Le applicazioni basate su REST, dette anche RESTful, usano richieste HTTP per inviare dati (creare e/o aggiornare), leggere dati (eseguire query), e cancellare dati. Quindi REST usa richieste HTTP per tutti e quattro le operazioni di CRUD (Create/Read/Update/Delete). Nonostante la sua semplicità, REST è completo, non c'è nulla che si possa fare tramite un Web Service che non sia realizzabile mediante un'architettura RESTful. Nel dettaglio lo stile architetturale di REST consiste di un lato client e un lato server: i client inviano le richieste ai server; i server elaborano le richieste e restituiscono le risposte appropriate. Richieste e risposte si basano sul trasferimento di rappresentazioni di risorse. 19

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it IDom MANUALE UTENTE Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it 2 COPYRIGHT Tutti i nomi ed i marchi citati nel documento appartengono ai rispettivi proprietari. Le informazioni

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI

GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI ESSE3 VERBALIZZAZIONE ONLINE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO SERVIZIO FRONT OFFICE GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI ESSE3 VERBALIZZAZIONE

Dettagli

Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design

Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design Come si trovano oggi i clienti? Così! ristorante pizzeria sul mare bel Perchè è importante

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Firma Digitale Remota Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Versione: 0.3 Aggiornata al: 02.07.2012 Sommario 1. Attivazione Firma Remota... 3 1.1 Attivazione Firma Remota con Token YUBICO... 5

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Attiva la APP di GoToMeeting. Clicca su ATTIVA APP

Attiva la APP di GoToMeeting. Clicca su ATTIVA APP Questo breve manuale ha lo scopo di mostrare la procedura con la quale interfacciare la piattaforma di web conferencing GoToMeeting e la tua piattaforma E-Learning Docebo. Questo interfacciamento consente

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II*

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* Indice 1. Informazioni generali 2. Parte I: obiettivi, gestione e risorse del Dipartimento

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS Introduzione La nostra soluzione sms2biz.it, Vi mette a disposizione un ambiente web per una gestione professionale dell invio di

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Business Process Reengineering

Business Process Reengineering Business Process Reengineering AMMISSIONE ALL'ESAME DI LAUREA Barbagallo Valerio Da Lozzo Giordano Mellini Giampiero Introduzione L'oggetto di questo lavoro riguarda la procedura di iscrizione all'esame

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche APPLICATIVO SBN-UNIX IN ARCHITETTURA CLIENT/SERVER 2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Manuale d uso (Versione

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica: WebMail Una Webmail è un'applicazione web che permette di gestire uno o più account di posta elettronica attraverso un Browser.

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Applicazione gestionale progettata per gestire tutti gli aspetti di palestre, centri sportivi e centri benessere Sicuro Personalizzabile

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli