Sviluppo di un'applicazione Android per i servizi studenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sviluppo di un'applicazione Android per i servizi studenti"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE FACOLTÀ DI SCIENZE E TECNOLOGIE Corso di Laurea In Informatica (PERCORSO GENERALE) Elaborato di Laurea Sviluppo di un'applicazione Android per i servizi studenti Relatore Chiar.mo Prof. Raffaele MONTELLA Candidato Rosario PELLECCHIA Matr. LI/827 Anno Accademico

2 Abbiamo la testa rotonda per pensare in tutte le direzioni. Francis Picabia - (1922)

3 Ringraziamenti Questa pagina è per me importante. Non avrei potuto realizzare questo desiderio da solo. Voglio innanzitutto ringraziare il Prof. Raffaele Montella che, con la sua competenza, genialità, allegria, presenza fisica e virtuale (da Chicago), mi ha accompagnato in questo lavoro di tesi. Ringrazio il Prof. Giulio Giunta, persona, la cui gentilezza, unita alla sua professionalità, mi è sempre stata di esempio e di sostegno nei momenti difficili e i docenti che, con la loro preparazione e umanità, non mi hanno fatto mai pentire della scelta fatta in un età in cui bisogna conciliare il lavoro con lo studio. Ringrazio il mio amico di studi Giuseppe e la mia amica di traduzioni Milena. Durante questo percorso ho avuto la fortuna di poter contare su amici fidati che mi sono stati vicino, soprattutto nel periodo più faticoso, alla fine, coloro che mi hanno aiutato nei momenti difficili di studi e non: Angelica, Paolo, Paolo, Paolo (ognuno di loro sa a chi mi riferisco), Alba, Claudio ed Enzo. L elenco è lungo, soprattutto con una bellissima famiglia numerosa come la mia che ha sempre creduto in me e mi ha sostenuto. A loro, che tanto amo, e senza la quale tutto ciò non sarebbe stato possibile, dedico questo mio ennesimo lavoro, il più bello, ai miei genitori Vittorio e Concetta, i miei fratelli Antonio, Fulvio, Ciro, Salvatore e la mia sorellina Gemma. Grazie di cuore. ii

4 ABSTRACT L obiettivo di questo elaborato di Laurea è la creazione di un applicazione dedicata al servizio studenti dell Università Parthenope di Napoli. Il lavoro è iniziato con un analisi delle esigenze relative ai servizi universitari ed in particolare si è approfondita la crescente necessità di avere servizi che si inseriscano in un più ampio ambito legato alle smart cities. Successivamente, si è effettuata una ricerca ed analisi delle applicazioni attualmente proposte da altre Università, sia nazionali che internazionali, raccogliendo un primo campione di possibili servizi da offrire all utenza dell Università Parthenope. Si sono analizzate le tecnologie utilizzate e le motivazioni che portano alla loro scelta. In particolare, si è descritta la tecnologia web service REST (REpresentational State Transfer) nei concetti fondamentali e i suoi vincoli nonché delle relative implicazioni architetturali. E stato scelto JSON (JavaScript Object Notation) come formato di rappresentazione dei dati scambiati fra le API adoperate e l applicazione. Si sono quindi illustrate le specifiche delle API realizzate dall Università Parthenope che hanno composto l ossatura dello sviluppo dell applicazione. La realizzazione di questi servizi è stata resa possibile dall uso del Framework FRAPI di cui si sono descritte le specifiche funzionali. Si è partecipato alla messa a punto delle API interagendo con i rispettivi autori. L applicativo è stato realizzato, secondo una scelta opportunamente documentata, su piattaforma ANDROID di cui si sono descritte le iii

5 caratteristiche architetturali e le principali funzionalità messe a disposizione del programmatore. La progettazione ha seguito una serie di analisi e ricerche compiute al fine di rendere il risultato del lavoro svolto il più possibile affidabile e rispondente alle esigenze dell utenza cui è rivolto. Questo elaborato di tesi è sinteticamente divisibile in due componenti fondamentali: il primo, formato dall analisi, la progettazione e l implementazione dell applicazione, è la parte introduttiva del documento, mentre la descrizione funzionale ed il confronto con analoghi prodotti software ne costituisce la seconda parte. In conclusione, sono stati proposti degli scenari di sviluppo futuri e possibili ampliamenti del lavoro svolto. Il contributo innovativo di questo lavoro di tesi consiste nell aver sviluppato l applicazione secondo i più avanzati canoni di quello che è definito il WEB 3.0 ovvero l internet delle cose intelligenti. Potremmo in definitiva considerarla una tesi 3.0. Infine, trattandosi di un applicazione reale e non di un mero esercizio didattico, si è utilizzata la piattaforma sociale per la realizzazione in un programma di beta-testing dell applicazione. iv

6 Indice 1. Introduzione Smart Cities Stato dell'arte Tecnologie utilizzate Il paradigma REST Storia Concetto Costraints (restrizioni) Il formato JSON Le API RESTful API Uniparthenope Il framework FRAPI Il sistema operativo ANDROID Progettazione Diagramma delle componenti Scenari: diagrammi di sequenza Diagramma dell architettura utilizzata Implementazione AndroidManifest v

7 5.2 Componenti implementate Activitiy: esempio d uso delle APIs Parthenope Dimostrazione e valutazione Storyboard scenari Conclusioni e sviluppi futuri Bibliografia vi

8 Indice delle figure Figura 1 - Caratteristiche e componenti di una Smart City... 5 Figura 2 Esempio flusso dati dal sito web a un'app Android... 6 Figura 3 - Portale sviluppatori della città di Chicago... 7 Figura 4 - Console SODA per il testing delle API... 8 Figura 5 - Screenshot app della Università Bocconi Figura 6 - Screenshot app dell Università "Sapienza" Figura 7 - Screenshot applicativo Università di Foggia Figura 8 - Screenshot app University of Chicago Figura 9 - Schema valutazione metrica applicazioni Figura 10 - Schema Api rest ed engine Figura 11 - Tipica architettura REST da un punto di vista WEB Figura 12 - Accesso dati via HTTP (approccio REST) Figura 13 Scema richieste REST tra Client e Server Figura 14 - Interfaccia di amministrazione di FRAPI Figura 15 - Interfaccia per il testing delle API realizzate con FRAPI Figura 16 - FRAPI schema Load Balancer e cache Figura 17 - Architettura di Android Figura 18 - Ambiente Software di Android Figura 19 Esecuzione di un Applicazione Java in Android Figura 20 - Android Activities Stack Figura 21 - Schema Activity - Content Provider Figura 22 - Ciclo di vita delle Activity in Android Figura 23 - Diagramma delle componenti con evidenziate le API UniParthenope Figura 24 Scenario A: utilizzo dei servizi studenti Figura 25 - Scenario B: uso Visualizzazione News Scienze e Tecnologie Figura 26 - Scenario C: visualizzazione degli orari di arrivo Bus Figura 27 - Diagramma UML Activity MenuUtente... 99

9 Figura 28 - Diagramma UML Activity NewsActivityMenu Figura 29 - Diagramma UML Activity MapsActivity Figura 30 - Diagramma UML Activity DirectoryActivity Figura 31 - Diagramma UML Activity TransitActivity Figura 32 - Diagramma UML Activity LibraryActivity Figura 33 - Diagramma UML Activity EmergencyActivity Figura 34 - Diagramma UML Activity ServicesMenu Figura 35 - Diagramma UML Activity ParthenopeActivity Figura 36 - Layout Menu Utente Figura 37 - Layout Maps Figura 38 - Layout News Figura 39 - Layout Transit Figura 40 - Layout Directory Figura 41 - Layout Library Figura 42 - Layout Video Figura 43 - Layout Emergency Figura 44 - Layout Sito Web Figura 45 - Layout Weather Figura 46 - Layout Setup Figura 47 - Layout Services Figura 48 - Schema valutazione metrica applicazioni viii

10 Capitolo 1 Introduzione Il sistema universitario italiano è certamente di grandi dimensioni ed è molto cresciuto negli ultimi decenni: bastano alcuni dati per renderlo evidente. Nel 2009/2010 le Università, statali e non statali, sono 95 (comprese le 6 Scuole Superiori ad ordinamento speciale), con entrate che nell anno 2009 per le sole università statali sono state pari a milioni di euro. Il numero dei Comuni dove è presente una sede di almeno un Corso di studio, di primo o secondo livello, è all inizio dell anno accademico 2010/2011 pari a 222. Il numero dei Corsi di studio attivi nel 2009/2010 (lauree di primo e secondo livello e a ciclo unico) era di e i corsi d insegnamento attivati nel 2008/2009 erano [1] Il sistema universitario nazionale è chiaramente, in quest epoca di globalizzazione, in concorrenza con il sistema internazionale e il confronto tra i diversi paesi deve tener conto delle differenti realtà e delle caratteristiche del sistema formativo. Analizzando le classifiche internazionali prodotte da QS World University Ranking [2] e Times Higher Education [3], che fanno riferimento a 500 Top universities, tenendo conto di vari indicatori che misurano la qualità dei processi formativi e della ricerca, è messo in evidenza che nessuna università italiana è nelle posizioni di rilievo (la prima è Bologna che occupa la 176-esima posizione). 1

11 Introduzione Tuttavia, è interessante notare che nelle prime 500 università del mondo quindici sono italiane e rappresentano, complessivamente, il 41,8% del sistema universitario nazionale in termini di studenti e oltre il 46,5% in termini di docenti. Ciò significa, verosimilmente, che il nostro sistema assicura una buona qualità media più che riuscire a far emergere effettive punte di eccellenza. D altra parte, gli studenti rappresentano la categoria primaria di stakeholder del sistema formativo universitario, essendo al tempo stesso utilizzatori diretti e compartecipi del processo di formazione. È, quindi, a loro che si devono, in primo luogo, dirigere le attenzioni del sistema, mettendo a disposizione servizi che favoriscano il diritto allo studio, il diritto a fare scelte congrue con l offerta formativa esistente e con la possibilità di lavorare a studi conclusi e il diritto ad apprendere quanto serve per realizzarsi nel lavoro e nella società civile. A tale scopo le informazioni contenute nei siti web degli Atenei sono, in genere, trasparenti e chiare e sono facilmente accessibili. I servizi agli studenti sono dunque il modo in cui il sistema universitario e le singole strutture formative intervengono al fine di soddisfare i diritti degli studenti. Sono il modo in cui il sistema, nel suo complesso, interpreta la propria funzione formativa a corredo di quella didattica in senso stretto. Al fine di favorire un miglior uso dei servizi Universitari si rende necessaria la possibilità di accedere alle informazioni anche attraverso i dispositivi mobili che, al giorno d oggi, rivestono un ruolo sempre più importante, tanto nelle aziende quando nella nostra vita privata, permettendoci di compiere operazioni e svolgere dei compiti che, fino a qualche anno fa, erano eseguibili solo attraverso un normale PC. Dal punto di vista dell informatico sviluppatore di software, le applicazioni devono essere realizzate non solo funzionanti nel senso stretto del termine, ma, anche e soprattutto, funzionali e usabili in maniera multimodale ovvero tramite interfacce desktop, mobili e d intrattenimento. In particolare negli ultimi anni gli Smartphone stanno conquistando quote sempre maggiori del mercato della telefonia mobile, raddoppiando quasi fra il 2004 e 2

12 Introduzione il 2005 (più di 12 milioni di apparecchi venduti nell'ultimo anno). Nel secondo trimestre 2011 si è verificata in Europa una maggiore vendita di Smartphone rispetto ai normali telefonini, arrivando a 21,8 milioni di unità vendute (i telefonini tradizionali arrivano a 20,4 milioni). [4] Nel mondo, attualmente, gli Smartphone rappresentano il 30% del mercato. [5] Le previsioni della IDC (International Data Corporation) vedono nel 2015 al primo posto, con uno share del 43.8 %, Android con una crescita di 4.9 punti percentuale; ed è per questo motivo che gli sforzi legati alla creazione di applicazioni per il mobile sono concentrati su questa piattaforma. 1.1 Smart Cities Lo sviluppo di applicazioni su mobile per gli studenti universitari s inserisce nel più ampio concetto di Smart Cities. Il concetto di Smart Cities sta guadagnando sempre più importanza; il fine è di rendere disponibili tutti i servizi attraverso l ICT ai cittadini, alle società private e alle autorità che sono parte del sistema di una città. Anche se la maggior parte delle città vogliono essere Smart non esiste una definizione condivisa di cosa questo significhi: esserlo in termini tecnologici, di sviluppo od amministrativi. Una Smart City è più di una città digitale. La Smart City è quella che è capace di legare il capitale fisico (infrastrutture) con quello sociale (umano e culturale) e capace di sviluppare servizi migliori, integrati, condivisi e innovativi. Deve quindi integrare tecnologia, informazione e visione politica in un programma coerente di miglioramenti urbani e dei servizi. E un errore pensare che per creare Smart Cities sia necessario un maggior investimento nell IT: ciò di cui le città e i cittadini hanno bisogno, è, invece, di utilizzare al meglio l IT con l obiettivo di integrare, con migliori risultati, la 3

13 Introduzione distribuzione delle informazioni sia a livello locale sia nazionale e/o internazionale. Il concetto di Smart Cities può anche essere usato in modi differenti: per descrivere un gruppo di organizzazioni innovative all interno di una regione; la presenza di rami dell industria molto presente nell ICT; l effettivo livello d istruzione degli abitanti di una determinata città; l uso di moderne tecnologie in un contesto urbano, etc. Una definizione chiara rimane comunque elusiva. Una Smart Cities si può definire attraverso sei caratteristiche che la rappresentano: [5] Smart Economy, Smart People, Smart Governance, Smart Mobility, Smart Environment and Smart Living. Questi sei concetti descrivono specifici fattori che possono essere importanti nel definire una Smart City; vedi rappresentazione in Figura 1. L idea di Smart City consiste nell aumento della qualità della vita dei cittadini e dei turisti. Questo scopo può essere raggiunto attraverso un aumento dell efficienza del governo e dello sviluppo delle applicazioni enviroment friendly, di un aumento della mobilità, provvedendo servizi sanitari migliori, stimolando valore economico, etc. Le applicazioni e le esigenze di una Smart City sono raggruppate in cinque caratteristiche: [6] 1) implicazioni economiche, sociali e di privacy; 2) sviluppo dell e-government; 3) salute e sussistenza; 4) sistema di trasporti intelligenti; 5) efficienza energetica ed ambiente. 4

14 Introduzione Figura 1 - Caratteristiche e componenti di una Smart City Tutti questi ambiti aumentano nuove sfide nel campo della sicurezza e della privacy poiché l utente si aspetta, implicitamente, che i sistemi di accesso a queste informazioni siano sicuri e preservino la privacy. Lo sviluppo di un e-government efficiente ed effettivo deve essere, naturalmente, un prerequisito. La chiave delle Smart Cities è quindi l accordo tra cittadini e società sulla privacy dei dati e la loro condivisione. In aggiunta a quanto detto c è la necessità che le Smart Cities siano integrate in infrastrutture nazionali, regionali e internazionali. Ad esempio la mobilità in aree urbane è sempre un problema rilevante: la congestione del traffico, il consumo di energia, etc. Tutti questi problemi possono essere alleviati, ad esempio, sfruttando sistemi di trasporto intelligenti (ITS) attraverso informazioni dettagliate sulla mobilità in tempo reale. In conclusione per raggiungere lo scopo delle Smart Cities bisogna sviluppare un certo numero di tecnologie nell ambito della comunicazione digitale wireless e cablata nonché un crescente numero di applicativi multipiattaforma per la fruizione delle informazioni in tempo reale relativamente agli ambiti sopra citati. 5

15 Introduzione In questo contesto di servizi offerti si inserisce la formazione universitaria che costituisce una delle prerogative della Smart City e che quindi deve ben integrarsi nella totalità dei servizi offerti all utenza con particolare riferimento alla Smart Governance a cui il sistema universitario cittadino afferisce. Un applicazione Europea del concetto di Smart City è la città di Edimburgo che in tutta la sua area è servita da un efficiente servizio di trasporto. La city of Edinburgh Council (CEC) [7] ha lavorato con l azienda locale (Lothian Buses) e un fornitore di sistemi (INEO Sytrans) per fornire informazioni in tempo reale al fine di soddisfare le esigenze dei passeggeri, inizialmente attraverso informazioni sulle fermate autobus attraverso un sito WEB. [8] In seguito, questo servizio è stato esteso agli utenti di Smartphone. Figura 2 Esempio flusso dati dal sito web a un'app Android Uno schema dell elaborazione del flusso dati dell applicazione è riportato in Figura 2. Si evidenzia l uso di un server intermedio per la trasformazione dei dati da fornire all utente Android. Altri servizi come, ad esempio, il servizio biblioteca e le notizie del dipartimento servizi e informazioni della città di Edimburgo hanno ampliato l offerta ai cittadini. Il lavoro di sviluppatori di app ha permesso quindi di rendere fruibili le informazioni agli utenti dei dispositivi mobili rendendoli parte di un ampio social media. Altro esempio di città all avanguardia, con l offerta di servizi per gli sviluppatori di software, è la citta di Chicago. Il portale ufficiale [9] fornisce una 6

16 Introduzione serie di open API standard che permettono l accesso ai dati della propria piattaforma stimolando lo sviluppo di applicazioni originali da parte degli utenti. Figura 3 - Portale sviluppatori della città di Chicago Il portale è inoltre arricchito di una console che permette la prova delle API. Quest utilissimo strumento permette la verifica sia delle API interne al portale sia di qualunque altra fonte di cui si ha l URI. Il sistema utilizzato è il SODA (Socrata Open Data Api console) [10], piattaforma Open Source che 7

17 Introduzione permette di sperimentare le chiamate API utilizzando una semplice sintassi che prevede l inserendo dei propri parametri. Figura 4 - Console SODA per il testing delle API In definitiva la creazione di una Smart University si realizza rendendo la governance universitaria aperta al territorio attraverso la facile fruibilità delle sue informazioni. Tutto ciò s integra perfettamente con le prerogative di una Smart Cities. 8

18 Capitolo 2 Stato dell'arte Come evidenziato, il nuovo scenario competitivo delle Università italiane impone un processo di cambiamento che passa per l adozione di un approccio imprenditoriale al fine di servire meglio i propri clienti (studenti). I servizi offerti sono la base di una competizione al fine di avere soluzioni per migliorare la propria performance. Le università italiane sono però in competizione anche con quelle Europee e Internazionali. In questo quadro di riferimento s innesta l applicazione realizzata il cui scopo è di aumentare, il già ampio, elenco di servizi offerti dall Università Parthenope di Napoli. L analisi delle funzionalità utilizzabili in un applicativo per i servizi universitari è partita con lo studio dei servizi offerti da altre università sia nazionali sia internazionali. Da una ricerca effettuata è risultato esiguo (cinque) il numero di università nazionali che tra i propri servizi offrono un applicativo su piattaforma mobile di consultazione delle informazioni. Si è quindi cercato di estrapolare un campione significativo di Università sia pubbliche che private del nord, centro e sud Italia con in aggiunta una nota università straniera. 9

19 Stato dell'arte La scelta è stata fatta attraverso la visione delle app disponibili su Google Play [11] (ex market di Google) ed è ricaduta sull Università Bocconi di Milano per il nord Italia, La Sapienza di Roma per il centro Italia e sull Università di Foggia per il sud, mentre per l estero si è analizzata l applicazione mobile dell Università di Chicago. Analizziamo quindi le applicazioni prese in esame con l elenco delle loro funzionalità ponendo attenzione anche all aspetto grafico, l usabilità e la versione Android per cui sono disponibili: Università Bocconi di Milano: Figura 5 - Screenshot app della Università Bocconi L applicazione prevede una gestione eventi, insegnamenti, video, feed e links. Varie le funzionalità tra cui: loggarsi con le proprie credenziali; modificare le impostazioni; accedere al profilo utente; ricevere messaggi; accedere alla webmail d'ateneo; visualizzare eventi sottoscritti; iscriversi alle prove d esame (studenti). L aspetto grafico è essenziale ma efficace rendendo i menù d immediata consultazione; buona la personalizzazione delle pagine con la presenza costante del logo dell ateneo. La versione Android su cui è disponibile è Android SDK 2.2 o superiori (API level 8) e l ultimo aggiornamento del software è del 24 maggio

20 Stato dell'arte L applicazione è stata sviluppata dal Cineca (consorzio, senza scopo di lucro formato da cinquantaquattro Università italiane, due Enti Nazionali di Ricerca e dal Ministero dell'università e della Ricerca). Università La sapienza di Roma: Figura 6 - Screenshot app dell Università "Sapienza" Le funzionalità di quest applicativo sono quattro e relative, principalmente, alla gestione degli esami: Profilo, che visualizza le informazioni anagrafiche, i dati personali e l'ultima dichiarazione Isee; Esami, visualizza gli esami sostenuti, suddivisi in tutti"; "certificati"; "non certificati"; Esami prenotati, visualizza le prenotazioni già effettuate con la possibilità di cancellare la prenotazione; Ricerca, visualizza la ricerca degli appelli attivi e fornisce la possibilità di prenotare l esame. L aspetto grafico è ben curato a vantaggio di una buona usabilità; discreta la personalizzazione. La versione Android su cui è disponibile è Android SDK 2.1 o superiore (API level 7) e l ultimo aggiornamento del software è del 22 maggio L applicazione è stata sviluppata da due studenti della stessa università in collaborazione con Infosapienza (Centro di progettazione di sistemi informativi dell Università La Sapienza ). 11

21 Stato dell'arte Università di Foggia: Figura 7 - Screenshot applicativo Università di Foggia L applicazione consente agli studenti di visualizzare il proprio piano di studi con i relativi voti e di eseguire prenotazioni degli esami. Visionando i commenti degli utenti, risulta, in realtà, che la funzionalità di prenotazione non è utilizzabile. L aspetto grafico è essenziale e povero di personalizzazioni. La versione Android su cui è disponibile è Android SDK 2.2 o superiore (API level 8) e l ultimo aggiornamento del software è del 12 novembre L applicazione è stata sviluppata da un gruppo di studenti della stessa università in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Economiche dell Ateneo. University of Chicago Illinois (U.S.): Le funzionalità di questa applicazione sono molteplici. Essa si distingue, dalle altre analizzate, per la completezza dell informazione offerta e per la cura dell aspetto grafico che la rende fruibile e d immediato utilizzo. 12

22 Stato dell'arte Figura 8 - Screenshot app University of Chicago Unica vera mancanza è l assenza di una funzionalità riguardante la visualizzazione del proprio piano di studi e di tutte le altre funzionalità per la gestione degli esami. Le funzionalità sono: News per la consultazione delle news universitarie; Maps per la visualizzazione delle sedi del campus universitario; Directory per la rubrica del personale dell università; Events per l accesso ad un calendario degli eventi universitari; Videos per la visione, attraverso youtube, dei video; Transit per la visualizzazione del locale sistema di trasporto per il collegamento con l università; Library per la consultazione della biblioteca universitaria; Images per la visualizzazione di una galleria di immagini; Emergency per la chiamata rapida a numeri di emergenza; Website per il collegamento al sito dell università e Tours che visualizza un tour degli edifici universitari con una descrizione testuale ed audio. L aspetto grafico è particolarmente curato, la navigabilità dei menu efficace e di conseguenza l applicazione ha un ottima usabilità. La versione Android su cui è disponibile è Android SDK 2.0 o superiore (API level 6) e l ultimo aggiornamento del software è del 12 settembre L applicazione è stata sviluppata dall UCHICAGO MOBILE CENTER [12], dipartimento della Chicago University che si occupa dello sviluppo di applicazioni su dispositivi mobili e della promozione di applicazioni realizzate dagli studenti; i quali possono inviare i propri lavori che, una volta approvati, vengono pubblicati in un apposita area di download. 13

23 Stato dell'arte Riportiamo quindi un quadro riassuntivo delle funzionalità delle varie applicazioni analizzate con una metrica di valutazione pesata. La metrica usata non poteva rientrare tra quelle standard di valutazione del software (complessità ciclomatica, punti funzione, copertura di codice, numero di classi e interfacce, etc) perché tutte utilizzano delle stime basate sul codice sorgente che, naturalmente, non si ha a disposizione. Altra metrica poteva essere la valutazione pubblicata su GooglePlay, ma l applicazione della Parthenope non è ancora pubblicata. Si è quindi utilizzata una metrica che, di ogni funzionalità dell applicazione, valuta la qualità della funzionalità stessa partendo dal valore zero per la funzionalità inesistente fino a cinque per la funzionalità ottima. La valutazione tiene presente della velocità di ottenimento del risultato, del layout e della completezza della funzionalità. 14

24 Stato dell'arte Tabella 1 - Comparazione funzionalità applicazioni per servizi universitari Università SDK Gestione esami Mappa News Eventi Rubrica Atri Servizi Università Bocconi Milano Guida On Line Agenda Links Università La Sapienza Roma Università di Foggia Chicago University Biblioteca Video Trasporti Immagini Emergenza Tour Sito WEB È evidente la ricchezza delle funzionalità offerte dall Università di Chicago che, tuttavia, non ha alcuna funzionalità riguardante la gestione degli esami studenti. 15

25 Stato dell'arte Il grafico seguente sintetizza le valutazioni ottenute: Atri Servizi Rubrica 10 5 Eventi News Mappa 0 Università Bocconi Milano Università La Sapienza Roma Università di Foggia Chicago University Gestione esami Figura 9 - Schema valutazione metrica applicazioni 16

26 Capitolo 3 Tecnologie utilizzate In questo capitolo saranno descritte le tecnologie utilizzate per la realizzazione della nostra applicazione. L architettura di base è stata implementata in modo RESTful, architettura che sarà descritta nelle caratteristiche e prerogative. Tale architettura è ormai considerata uno standard nella realizzazione di Web Service. I servizi utilizzati sono quelli UniParthenope e rispettano pienamente gli standard REST. La trasmissione dello stato di rappresentazione delle risorse avviene attraverso l uso del formato JSON. La scelta di tale formato, alternativo all XML, è determinata dalla sua semplicità di utilizzo ed efficacia nella descrizione di ogni tipo di risorsa. La realizzazione dei servizi (API) UniParthenope sono stati realizzati attraverso il Framework FRAPI, un Framework Open Source PHP-based che rispetta anch esso le direttive REST. Per lo sviluppo dell applicativo, destinato ai terminali mobili, si è imposta la scelta di Android per la quantità di mercato acquisita, sempre in crescente aumento, e per la versatilità di sviluppo. Queste scelte hanno determinato la realizzazione di un applicativo facilmente riutilizzabile in altre categorie di dispositivi come i tablet o i mini-pc e soprattutto integrabile con i sempre più numerosi componenti messi a disposizione dei developer Android. 17

27 Tecnologie utilizzate 3.1 Il paradigma REST L architettura alla base del lavoro realizzato è REST (Representational State Transfer), acronimo di trasferimento dello stato rappresentativo. REST è uno stile architetturale software per i sistemi distribuiti d ipermedia come il World Wide Web. REST ha visto la sua nascita grazie al lavoro di dottorato di R.Filding. Filding è, tra l altro, uno dei principali autori dell HHTP. [13] Un applicazione che rispetta completamente le restrizioni REST è generalmente indicata come RESTFul Storia Lo stile architettonico REST fu sviluppato in parallelo con l HTTP basandosi su di un progetto esistente. La larga implementazione di un sistema conforme allo stile architetturale di REST è il WWW. REST semplifica la caratterizzazione architetturale del WEB rispettando le macro-interazioni delle quattro componenti del WEB, ovvero i server di origine, i gatway, i proxy ed i client, senza però imporre limiti ai singoli elementi. In definitiva, l architettura REST regola il corretto comportamento dei partecipanti Concetto L'idea è di usare una comunicazione tra macchine basata su richieste HTTP anziché utilizzare meccanismi come CORBA, RPC (Remote Procedure Calls) o i Web Services (SOAP, WSDL,..) rendendo il sistema architetturale più leggero. 18

28 Tecnologie utilizzate Figura 10 - Schema Api rest ed engine In molti casi, il World Wide Web, basato sull' HTTP, può essere visto come un' architettura basata sulla tecnologia REST. Le applicazioni basate su REST, dette anche RESTful, usano richieste HTTP per inviare dati (creare e/o aggiornare), leggere dati (eseguire query), e cancellare dati. Quindi REST usa richieste HTTP per tutti e quattro le operazioni di CRUD (Create/Read/Update/Delete). Nonostante la sua semplicità, REST è completo, non c'è nulla che si possa fare tramite un Web Service che non sia realizzabile mediante un'architettura RESTful. Nel dettaglio lo stile architetturale di REST consiste di un lato client e un lato server: i client inviano le richieste ai server; i server elaborano le richieste e restituiscono le risposte appropriate. Richieste e risposte si basano sul trasferimento di rappresentazioni di risorse. 19

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE FACOLTÀ DI SCIENZE E TECNOLOGIE Corso di Laurea In Informatica

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE FACOLTÀ DI SCIENZE E TECNOLOGIE Corso di Laurea In Informatica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE FACOLTÀ DI SCIENZE E TECNOLOGIE Corso di Laurea In Informatica Sviluppo di un'applicazione Android per i servizi studenti Relatore Chiar.mo Prof. Raffaele MONTELLA

Dettagli

Il Paradigma REST per lo sviluppo di applicazioni Web 2.0

Il Paradigma REST per lo sviluppo di applicazioni Web 2.0 tesi di laurea Anno Accademico 2006/2007 Il Paradigma REST per lo sviluppo di applicazioni Web 2.0 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo correlatore Ing. Marcello Cinque candidato Antonio Alonzi Matr.

Dettagli

Sviluppo di un applicazione mobile per la gestione degli interventi tecnici tramite geolocalizzazione

Sviluppo di un applicazione mobile per la gestione degli interventi tecnici tramite geolocalizzazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA Corso di Laurea in informatica Anno Accademico 2011-2012 Sviluppo di un applicazione mobile per la gestione degli interventi tecnici tramite geolocalizzazione Relatore:

Dettagli

Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni

Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni White paper Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni Panoramica Questo documento analizza il supporto alla programmabilità nell'infrastruttura ACI (Application Centric

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Come funziona il WWW. Architettura client-server. Web: client-server. Il protocollo

Come funziona il WWW. Architettura client-server. Web: client-server. Il protocollo Come funziona il WWW Il funzionamento del World Wide Web non differisce molto da quello delle altre applicazioni Internet Anche in questo caso il sistema si basa su una interazione tra un computer client

Dettagli

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web Il World Wide Web Il Web Claudio Fornaro ver. 1.3 1 Il World Wide Web (ragnatela di estensione mondiale) o WWW o Web è un sistema di documenti ipertestuali collegati tra loro attraverso Internet Attraverso

Dettagli

Casi di studio sulla migrazione di applicazioni web verso servizi REST Anno Accademico 2008/2009

Casi di studio sulla migrazione di applicazioni web verso servizi REST Anno Accademico 2008/2009 tesi di laurea Casi di studio sulla migrazione di applicazioni web verso servizi REST Anno Accademico 2008/2009 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Marco Chimenti Matr. 534/1940 OBBIETTIVI

Dettagli

Riccardo Solimena e Stefano Dellafiore Javaday IV Roma 30 gennaio 2010

Riccardo Solimena e Stefano Dellafiore Javaday IV Roma 30 gennaio 2010 Applicazioni RESTful con Jersey Come realizzare un microblog in 10 minuti About us Senior Consultant @ Milano About us Senior Consultant @ Lugano JIP Java Italian Portal Sito Internet - http://www.javaportal.it/

Dettagli

Internet Architettura del www

Internet Architettura del www Internet Architettura del www Internet è una rete di computer. Il World Wide Web è l insieme di servizi che si basa sull architettura di internet. In una rete, ogni nodo (detto host) è connesso a tutti

Dettagli

Centro Servizi e Sala Controllo

Centro Servizi e Sala Controllo Progetto SNIFF (Sensor Network Infrastructure For Factors) INFRASTRUTTURA DI SENSORI PER IL RILEVAMENTO DI INQUINANTI NELL ARIA PON RC1 [PON01_02422] Settore Ambiente e Sicurezza Comune di Crotone 1 Napoli,

Dettagli

Realizzazione di un sistema di logging prototipale per la piattaforma

Realizzazione di un sistema di logging prototipale per la piattaforma tesi di laurea Realizzazione di un sistema di logging prototipale per la piattaforma Android Anno Accademico 2011 / 2012 relatore Ch.mo prof. Marcello Cinque candidato Dario De Meis Matr. 528 / 741 Smartphone

Dettagli

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Michele Ruta Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Politecnico di Bari 1di 29 Indice Introduzione ai Port Community

Dettagli

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013 e di e di Candidato: Luca Russo Docente: Corso di laurea in Informatica Applicata Facoltá di Scienze e Tecnologie Programmazione su Reti 27 Marzo 2013 Traccia d esame Sviluppare multitier con disaccoppiamento

Dettagli

Servizi web in LabVIEW

Servizi web in LabVIEW Servizi web in LabVIEW Soluzioni possibili, come si utilizzano. 1 Soluzioni possibili WEB SERVER Dalla versione 5.1 di LabVIEW è possibile implementare un Web server che consente di operare da remoto sul

Dettagli

Nuvola It Data Space

Nuvola It Data Space MANUALE UTENTE INDICE 1. Descrizione servizio... 3 1.1. Informazioni sul servizio di Telecom Italia... 3 1.2. Ruoli e Autenticazione per il servizio di Telecom Italia... 3 1.3. Strumenti... 5 1.4. Documentazione...

Dettagli

Un Sistema per il Monitoraggio di Reti di Sensori da Terminali Mobili

Un Sistema per il Monitoraggio di Reti di Sensori da Terminali Mobili tesi di laurea Anno Accademico 2008/2009 relatori Ch.mo prof. Stefano Russo Ch.mo prof. Marcello Cinque candidato Luca Trevisani Matr. 534/1047 Monitoraggio Contesto Studio di fenomeni e grandezze ambientali

Dettagli

Oreste Signore, Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa

Oreste Signore, <oreste@w3.org> Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa http://www.w3c.it/education/2012/upra/basicinternet/#(1) 1 of 16 Oreste Signore, Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa Master in Comunicazione

Dettagli

Laboratorio di RETI DI CALCOLATORI

Laboratorio di RETI DI CALCOLATORI Laboratorio di RETI DI CALCOLATORI A.A. 2009-2010 I WEB SERVICES Carlo Mastroianni Laboratorio di Reti di Calcolatori - Orario lunedì, 11:30-13:30, aula 40B mercoledì, 10:00-11:30, laboratorio settimo

Dettagli

Progettazione e Sviluppo dell Applicazione Web Share Mobile per Dispositivi Mobili Multipiattaforma. Elaborato di Laurea di: Marco Stanzani

Progettazione e Sviluppo dell Applicazione Web Share Mobile per Dispositivi Mobili Multipiattaforma. Elaborato di Laurea di: Marco Stanzani UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Facoltà di Ingegneria Enzo Ferrari Sede di Modena Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Progettazione e Sviluppo dell Applicazione Web

Dettagli

Web Service Architecture

Web Service Architecture Giuseppe Della Penna Università degli Studi di L Aquila dellapenna@di.univaq.it http://dellapenna.univaq.it Engineering IgTechnology Info92 Maggioli Informatica Micron Technology Neta Nous Informatica

Dettagli

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni)

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Progettazione di Sistemi Interattivi Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Docente: Daniela Fogli Gli strati e la rete Stratificazione da un altro punto di vista: i calcolatori

Dettagli

Progetto Gennaio 2013: Social Chat Internazionale

Progetto Gennaio 2013: Social Chat Internazionale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO, DIPARTIMENTO DI INFORMATICA LAUREA TRIENNALE IN COMUNICAZIONE DIGITALE CORSO DI RETI DI CALCOLATORI ANNO ACCADEMICO 2011/2012 Progetto Gennaio 2013: Social Chat Internazionale

Dettagli

DESIGN PATTERN ESERCITAZIONE UML E DP INGEGNERIA DEL SOFTWARE. A quali pattern si riferiscono i tre schemi?

DESIGN PATTERN ESERCITAZIONE UML E DP INGEGNERIA DEL SOFTWARE. A quali pattern si riferiscono i tre schemi? ESERCITAZIONE UML E DP INGEGNERIA DEL SOFTWARE Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica Corso di Laurea in Informatica, A.A. 2014 2015 rcardin@math.unipd.it DESIGN PATTERN A quali pattern

Dettagli

Applicazioni web centrati sui dati (Data-centric web applications)

Applicazioni web centrati sui dati (Data-centric web applications) Applicazioni web centrati sui dati (Data-centric web applications) 1 ALBERTO BELUSSI ANNO ACCADEMICO 2009/2010 WEB La tecnologia del World Wide Web (WWW) costituisce attualmente lo strumento di riferimento

Dettagli

ADA. E learning e open source

ADA. E learning e open source 1 ADA. E learning e open source ADA 1.7.1 Come cresce un Ambiente Digitale per l'apprendimento open source Maurizio Graffio Mazzoneschi 2 Cos'è il software libero Libertà 0, o libertà fondamentale: la

Dettagli

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP Corso di Sistemi Distribuiti Prof. S. Balsamo Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP [ 777775] 1 INTRODUZIONE 3 2 RPC 3 3 SOAP (SIMPLE OBJECT ACCESS PROTOCOL) 3 4 UTILIZZO DI SOAP COME PROTOCOLLO

Dettagli

Enrico Fagnoni BOTK IN A NUTSHELL

Enrico Fagnoni <e.fagnoni@e-artspace.com> BOTK IN A NUTSHELL Enrico Fagnoni BOTK IN A NUTSHELL 20/01/2011 1 Business Ontology ToolKit Business Ontology Toolkit (BOTK) è un insieme estensibile di strumenti per realizzare applicazioni basate

Dettagli

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura... 3 2 Composizione della Fornitura... 3 2.1 Piattaforma

Dettagli

Siti web centrati sui dati (Data-centric web applications)

Siti web centrati sui dati (Data-centric web applications) Siti web centrati sui dati (Data-centric web applications) 1 A L B E R T O B E L U S S I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 2 / 2 0 1 3 WEB La tecnologia del World Wide Web (WWW) costituisce attualmente

Dettagli

Come funziona internet

Come funziona internet Come funziona internet Architettura client server URL/URI Richiesta (Request) Risposta (Response) Pagina url e uri Uno Uniform Resource Identifier (URI, acronimo più generico rispetto ad "URL") è una stringa

Dettagli

Sistemi Informativi e Servizi in Rete

Sistemi Informativi e Servizi in Rete Sistemi Informativi e Servizi in Rete prof. V. De Antonellis Dipartimento di Ingegneria dell'informazione Università di Brescia valeria.deantonellis@ing.unibs.it Materiale del corso Sito web: www.ing.unibs.it/~deantone/

Dettagli

Specifiche tecniche per la realizzazione del Modello offline Energy City Virtual Lab. Antonio Disi, Serena Lucibello. Report RdS/2013/163

Specifiche tecniche per la realizzazione del Modello offline Energy City Virtual Lab. Antonio Disi, Serena Lucibello. Report RdS/2013/163 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Specifiche tecniche per la realizzazione del Modello offline Energy City Virtual

Dettagli

Programmazione Fondi Strutturali 2007/2013 P.O.N. FSE A.S. 2013/2014 SCHEDA PROGETTUALE MODULO. Obiettivo: C Azione: 1 Riferimento interno:

Programmazione Fondi Strutturali 2007/2013 P.O.N. FSE A.S. 2013/2014 SCHEDA PROGETTUALE MODULO. Obiettivo: C Azione: 1 Riferimento interno: ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE GUGLIELMO MARCONI Piazza Poerio 2, 70126 Bari - Tel.080-5534450 Fax.080-5559037 - www.marconibari.it - info@marconibari.it Programmazione Fondi Strutturali 2007/2013

Dettagli

Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it

Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it 1 Il web come architettura di riferimento Architettura di una applicazione web Tecnologie lato server: Script (PHP, Pyton, Perl), Servlet/JSP, ASP Tecnologie lato

Dettagli

Progetto e sviluppo di un applicazione per il pilotaggio remoto di reti

Progetto e sviluppo di un applicazione per il pilotaggio remoto di reti tesi di laurea Progetto e sviluppo di un applicazione per il pilotaggio remoto di reti di sensori Anno Accademico 2011/2012 relatore Ch.mo prof. Marcello Cinque candidato Andrea Fretta Matr. 534003135

Dettagli

Internet e World Wide Web

Internet e World Wide Web Alfonso Miola Internet e World Wide Web Dispensa C-02 Settembre 2005 1 Nota bene Il presente materiale didattico è derivato dalla dispensa prodotta da Luca Cabibbo Dip. Informatica e Automazione Università

Dettagli

Corso App modulo Android. Antonio Gallo info@laboratoriolibero.com

Corso App modulo Android. Antonio Gallo info@laboratoriolibero.com Corso App modulo Android Antonio Gallo info@laboratoriolibero.com Strumentazione: PC + smartphone Android + cavo micro USB per connessione Framework Phonegap SDK di Android JDK (Java) Eclipse (opzionale)

Dettagli

Progetto Febbraio 2013 - Appello 1: Diffusione di tweets sul grafo di Twitter

Progetto Febbraio 2013 - Appello 1: Diffusione di tweets sul grafo di Twitter UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO, DIPARTIMENTO DI INFORMATICA LAUREA TRIENNALE IN COMUNICAZIONE DIGITALE CORSO DI RETI DI CALCOLATORI ANNO ACCADEMICO 2011/2012 Progetto Febbraio 2013 - Appello 1: Diffusione

Dettagli

ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN

ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN PORTALE WEB NELL AMBITO DELLA MISURA 2.6. DEL POI ENERGIA FESR 2007 2013

Dettagli

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web parte 1 Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web (1) Modello a tre livelli in cui le interazioni tra livello presentazione e livello applicazione sono mediate

Dettagli

Nicolò Carandini HTTP, Web Services e RestSharp (II parte) 1

Nicolò Carandini HTTP, Web Services e RestSharp (II parte) 1 Nicolò Carandini HTTP, Web Services e RestSharp (II parte) 1 HTTP, Web Services e RestSharp Dopo aver descritto nella prima parte di quest articolo 1 le basi su cui poggia la comunicazione nel Word Wide

Dettagli

Analisi e sviluppo di un componente per un ESB open source

Analisi e sviluppo di un componente per un ESB open source tesi di laurea Anno Accademico 2010/2011 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana correlatore Ing. Ciro Romano candidato Rosario Celotto Matr. 534/1459 Introduzione L attività svolta è stata l analisi

Dettagli

PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI

PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI 1 Web Link Monitor... 2 2 Database Browser... 4 3 Network Monitor... 5 4 Ghost Site... 7 5 Copy Search... 9 6 Remote Audio Video

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service

Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service Corso di Sistemi Distribuiti Stefano Iannucci iannucci@ing.uniroma2.it Anno

Dettagli

Web e HTTP. path name. host name Realizzato da Roberto Savino. www.someschool.edu/somedept/pic.gif

Web e HTTP. path name. host name Realizzato da Roberto Savino. www.someschool.edu/somedept/pic.gif Web e HTTP Terminologia Una pagina web consiste di oggetti Un oggetto può essere un file HTML, una immagine JPG, ecc. Una pagina web consiste di un file HTML base che fa riferimento a diversi oggetti al

Dettagli

EyesDGTV. Your digital terrestrial television. Soluzioni Informatiche

EyesDGTV. Your digital terrestrial television. Soluzioni Informatiche EyesDGTV Your digital terrestrial television Soluzioni Informatiche Cos è EyesDGTV è la soluzione che Betacom propone per la televisione digitale terrestre. Basata su tecnologie consolidate, quali J2EE

Dettagli

I punti preliminari da trattare

I punti preliminari da trattare Alma Mater Studiorum Università di Bologna Facoltà di Economia - Bologna CLEA, CLED, CLEF,CLEM Prof. Jacopo Di Cocco Idoneità informatica e Sistemi informatici Parte prima Il word wide web e l informazione

Dettagli

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET)

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso

Dettagli

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org 1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org Prefazione. Da Hello World a Hello World Wide Web. Hello World è la prima frase stampata a video dal primo programma di esempio scritto

Dettagli

AREA STUDENTI. Manuale d'uso. Rielaborazione del. Claroline 1.3 - Manuale per gli Studenti

AREA STUDENTI. Manuale d'uso. Rielaborazione del. Claroline 1.3 - Manuale per gli Studenti AREA STUDENTI Manuale d'uso Rielaborazione del Claroline 1.3 - Manuale per gli Studenti Edizione: 01 Revisione: 00 Release software: 1.8.3 Data: 30/03/2007 ELEARNING SYSTEM ITIS A. Einstein - MANUALE STUDENTI

Dettagli

Architettura del. Sintesi dei livelli di rete. Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4)

Architettura del. Sintesi dei livelli di rete. Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4) Architettura del WWW World Wide Web Sintesi dei livelli di rete Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4) - Connessione fisica - Trasmissione dei pacchetti ( IP ) - Affidabilità della comunicazione

Dettagli

CORSO EDA Informatica di base. Introduzione alle reti informatiche Internet e Web

CORSO EDA Informatica di base. Introduzione alle reti informatiche Internet e Web CORSO EDA Informatica di base Introduzione alle reti informatiche Internet e Web Rete di computer Una rete informatica è un insieme di computer e dispositivi periferici collegati tra di loro. Il collegamento

Dettagli

Corso Creare Siti WEB

Corso Creare Siti WEB Corso Creare Siti WEB INTERNET e IL WEB Funzionamento Servizi di base HTML CMS JOOMLA Installazione Aspetto Grafico Template Contenuto Articoli Immagini Menu Estensioni Sito di esempio: Associazione LaMiassociazione

Dettagli

Evoluzione dell applicazione mobile Travel Intoscana e realizzazione del sistema delle applicazioni territoriali

Evoluzione dell applicazione mobile Travel Intoscana e realizzazione del sistema delle applicazioni territoriali Evoluzione dell applicazione mobile Travel Intoscana e realizzazione del sistema delle applicazioni territoriali CIG: 6261506635 Specifiche tecniche Pagina 1 Sommario 1. Oggetto del servizio... 3 1.1 Contesto

Dettagli

Metodologie e strumenti per il collaudo di applicazioni Web

Metodologie e strumenti per il collaudo di applicazioni Web Università degli studi Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Metodologie e strumenti per il collaudo di applicazioni Web Candidato: Luca De Francesco Relatore Chiar.mo Prof. Salvatore Tucci Correlatore Ing.

Dettagli

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL è una tecnica di trasmissione dati che permette l accesso a Internet fino a 8 Mbps in downstream ed 1 Mbps

Dettagli

INTRODUZIONE: ALL INCLUSIVE

INTRODUZIONE: ALL INCLUSIVE INTRODUZIONE: ALL INCLUSIVE è l insieme di servizi, strumenti e tecniche che rendono un sito web accessibile e ottimizzato per assicurare che venga rinvenuto nelle prime posizioni sui motori di ricerca.

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 6

Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Lo strato di applicazione protocolli Programma della lezione Applicazioni di rete client - server

Dettagli

Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi

Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni Gestione ICT Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi Amministrazione: Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Responsabile dei sistemi informativi Nome

Dettagli

REST; WebSocket (RFC 6455)

REST; WebSocket (RFC 6455) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Corso di Linguaggi e Tecnologie Web II modulo Tecnologie e Sistemi Web-oriented A. A. 2014-2015 LINGUAGGI E TECNOLOGIE WEB REST; WebSocket (RFC 6455)

Dettagli

LBINT. http://www.liveboxcloud.com

LBINT. http://www.liveboxcloud.com 2014 LBINT http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di commerciabilità

Dettagli

Portale ScuolaMia. Guida all utilizzo del Portale. Il Portale ScuolaMia Guida all utilizzo del Portale Progetto Servizi Scuola-Famiglia via web

Portale ScuolaMia. Guida all utilizzo del Portale. Il Portale ScuolaMia Guida all utilizzo del Portale Progetto Servizi Scuola-Famiglia via web Portale ScuolaMia Guida all utilizzo del Portale Il Portale ScuolaMia Guida all utilizzo del Portale Progetto Servizi Scuola-Famiglia via web VERSIONE 1.0 DEL 17 FEBBRAIO 2010 INDICE IL PORTALE SCUOLAMIA...

Dettagli

Internet e Tecnologia Web

Internet e Tecnologia Web INTERNET E TECNOLOGIA WEB Corso WebGis per Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006 ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it Internet e Tecnologia Web...1 TCP/IP...2 Architettura Client-Server...6

Dettagli

G I O R D A N I A L E S S A N D R A I T T S E R A L E G. M A R C O N I

G I O R D A N I A L E S S A N D R A I T T S E R A L E G. M A R C O N I Introduzione ad XML G I O R D A N I A L E S S A N D R A I T T S E R A L E G. M A R C O N I XML XML (Extensible Markup Language) è un insieme standard di regole sintattiche per modellare la struttura di

Dettagli

Indice generale. Parte I Anatomia del Web...21. Introduzione...xiii

Indice generale. Parte I Anatomia del Web...21. Introduzione...xiii Indice generale Introduzione...xiii Capitolo 1 La sicurezza nel mondo delle applicazioni web...1 La sicurezza delle informazioni in sintesi... 1 Primi approcci con le soluzioni formali... 2 Introduzione

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba.

Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba. Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba.it Dipartimento di Informatica Università di Bari Centro di Competenza ICT:

Dettagli

Il Provvedimento del Garante

Il Provvedimento del Garante Il Provvedimento del Garante Il provvedimento del Garante per la Protezione dei dati personali relativo agli Amministratori di Sistema (AdS) Misure e accorgimenti prescritti ai titolari dei trattamenti

Dettagli

Per la ricerca di soggetti qualificati per la progettazione e lo sviluppo del Portale agroalimentare

Per la ricerca di soggetti qualificati per la progettazione e lo sviluppo del Portale agroalimentare Per la ricerca di soggetti qualificati per la progettazione e lo sviluppo del Portale agroalimentare CIG: Z7A142CF56 Specifiche tecniche Sommario 1. Oggetto del servizio... 2 1.1 Documenti di riferimento...2

Dettagli

MANUALE DI INTEGRAZIONE API SMSSmart (v 2.2)

MANUALE DI INTEGRAZIONE API SMSSmart (v 2.2) MANUALE DI INTEGRAZIONE API SMSSmart (v 2.2) Questo documento contiene le informazioni necessarie per l interfacciamento con il gateway SMS di SMSSmart. Il suo utilizzo è riservato ai clienti che abbiano

Dettagli

Manuale Vetrina Virtuale AREA PROMOZIONI

Manuale Vetrina Virtuale AREA PROMOZIONI PIATTAFORMA INTEGRATA PER LA CONDIVISIONE DI ESPERIENZE TURISTICHE, LA PROMOZIONE, LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL PATRIMONIO TURISTICO-CULTURALE NEL COMUNE DI GIOIA DEL COLLE Manuale Vetrina Virtuale

Dettagli

Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web

Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web Mattia Gentilini Relatore: Renzo Davoli Laurea Specialistica in Informatica I Sessione A.A. 2005/2006

Dettagli

Smart City: Città Ideale 2.0

Smart City: Città Ideale 2.0 Smart City: Città Ideale 2.0 Smart City è uno spazio urbano ben diretto, che affronta le sfide della globalizzazione e della crisi economica con lo sviluppo sostenibile, con attenzione alla coesione sociale,

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

Il funzionamento delle reti

Il funzionamento delle reti Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno mutando l

Dettagli

SCUOLA POLITECNICA. 1 semestre Facoltativa Voto in trentesimi

SCUOLA POLITECNICA. 1 semestre Facoltativa Voto in trentesimi SCUOLA ANNO ACCADEMICO OFFERTA 2015/2016 ANNO ACCADEMICO EROGAZIONE 2017/2018 CORSO DILAUREA INSEGNAMENTO TIPO DI ATTIVITA' AMBITO CODICE INSEGNAMENTO 18033 SETTORI SCIENTIFICO-DISCIPLINARI SCUOLA POLITECNICA

Dettagli

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server 1 Prerequisiti Pagine statiche e dinamiche Pagine HTML Server e client Cenni ai database e all SQL 2 1 Introduzione In questa Unità si illustra il concetto

Dettagli

L utente generico può saltare da un punto all altro del documento o da un documento all altro seguendo i link

L utente generico può saltare da un punto all altro del documento o da un documento all altro seguendo i link WWW: World Wide Web Definizione di ipertesto Un Ipertesto è un documento che contiene al suo interno link (collegamenti) ad altri documenti o ad altre sezioni dello stesso documento. Le informazioni non

Dettagli

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante CONOSCENZE DI INFORMATICA 1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante 2) Una memoria in sola lettura con la particolarità di essere cancellata in particolari condizioni è detta:

Dettagli

Progetto e sviluppo di una Applicazione Android per l accesso a reti di sensori senza filo

Progetto e sviluppo di una Applicazione Android per l accesso a reti di sensori senza filo tesi di laurea Progetto e sviluppo di una Applicazione Android per l accesso a reti di sensori Anno Accademico 2009 2010 relatore Ch.mo prof. Marcello Cinque candidato Nicola Lubrano Matr. 534/1397 Contesto

Dettagli

aggiunge del testo nella parte finale del tag, in questo caso la stringa da controllare.

aggiunge del testo nella parte finale del tag, in questo caso la stringa da controllare. Capitolo 6 jquery Negli ultimi anni è stata rilasciata una mole incalcolabile di framework JavaScript, più o meno completi, realizzati per supportare nel miglior modo possibile lo sviluppatore web aiutandolo

Dettagli

Lab. Programmazione Sistemi Mobili e Tablets

Lab. Programmazione Sistemi Mobili e Tablets Lab. Programmazione Sistemi Mobili e Tablets Anno Accademico : 2011-2012 Matricola Studente: De Guidi Enrico 156464 Titolo del Progetto: Let s go Data:04/09/12 Introduction: Let s go è un applicazione

Dettagli

INFORMATICA DISTRIBUITA. lez 4 Livello applicazione

INFORMATICA DISTRIBUITA. lez 4 Livello applicazione INFORMATICA DISTRIBUITA prof. lez 4 Livello applicazione Università degli Studi di Milano Scienze e Tecnologie della Comunicazione Musicale a.a. 2009-2010 applicazioni di rete Processo: programma in esecuzione

Dettagli

OGGETTO: Servizi didattici avanzati con Google Apps for Education

OGGETTO: Servizi didattici avanzati con Google Apps for Education LICEO SCIENTIFICO STATALE "FILIPPO LUSSANA" Via Angelo Maj, 1 24121 BERGAMO 035 237502 Fax: 035 236331 Sito e contatti: www.liceolussana.com Codice fiscale: 80026450165 Circolare N. 27 Bergamo, 26 settembre

Dettagli

CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE

CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE Internet (La rete delle reti) è l insieme dei canali (linee in rame, fibre ottiche, canali radio, reti satellitari, ecc.) attraverso cui passano le informazioni quando vengono

Dettagli

Appendice D. D. Web Services

Appendice D. D. Web Services D. D.1 : cosa sono I cosiddetti sono diventati uno degli argomenti più attuali nel panorama dello sviluppo in ambiente Internet. Posti al centro delle più recenti strategie di aziende del calibro di IBM,

Dettagli

Master Quiz. Matteo Zignani. 18 agosto 2014

Master Quiz. Matteo Zignani. 18 agosto 2014 UNIVESITÁ DEGLI STUDI DI MILANO LAUREA TRIENNALE IN COMUNICAZIONE DIGITALE PROGETTO LABORATORIO DI RETI DI CALCOLATORI Master Quiz Matteo Zignani 18 agosto 2014 1 PRESENTAZIONE DEL PROBLEMA Lo studente

Dettagli

Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Smartphone Anno Accademico 2005/2006

Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Smartphone Anno Accademico 2005/2006 tesi di laurea Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Stefano Russo correlatore Ing. Massimo Ficco candidato Giorgio

Dettagli

Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi

Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi Indice Standard ISO/OSI e TCP/IP Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi Modello Client / Server I Socket Il World Wide Web Protocollo HTTP Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A.

Dettagli

I Principali Servizi del Protocollo Applicativo

I Principali Servizi del Protocollo Applicativo 1 I Principali Servizi del Protocollo Applicativo Servizi offerti In questa lezione verranno esaminati i seguenti servizi: FTP DNS HTTP 2 3 File Transfer Protocol Il trasferimento di file consente la trasmissione

Dettagli

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati Lezione 2 S.I.T. PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Corso di Laurea Magistrale in Scienze Ambientali Alessandra Raffaetà Dipartimento di Informatica Università Ca Foscari Venezia Basi di Dati

Dettagli

Presentazione Franchising. www.make-it-app.com Tel. +39 0287188686

Presentazione Franchising. www.make-it-app.com Tel. +39 0287188686 Presentazione Franchising www.make-it-app.com Tel. +39 0287188686 Sedi 3 Fatti trovare! Mostra l elenco delle sedi, con una scheda personalizzata per ognuna di esse. L utente potrà raggiungerti subito,

Dettagli

WebRatio. L altra strada per il BPM. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8

WebRatio. L altra strada per il BPM. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 WebRatio L altra strada per il BPM Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 Il BPM Il BPM (Business Process Management) non è solo una tecnologia, ma più a grandi linee una disciplina

Dettagli

Università Politecnica delle Marche. Progetto Didattico

Università Politecnica delle Marche. Progetto Didattico Università Politecnica delle Marche Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e dell Automazione Sede di Ancona Anno Accademico 2011-2012 Corso di Tecnologie WEB Docente prof. Alessandro

Dettagli

Corso Base. Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO

Corso Base. Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO Corso Base Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO Java Java è un Linguaggio di Programmazione orientato agli oggetti. Un Linguaggio di Programmazione è un linguaggio ad alto livello, dotato

Dettagli