Relazione gestionale del Direttore amministrativo Antonino Di Guardo anno 2010 INDICE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione gestionale del Direttore amministrativo Antonino Di Guardo anno 2010 INDICE"

Transcript

1 Relazione gestionale del Direttore amministrativo Antonino Di Guardo anno 2010 INDICE 1. Premessa 2. Centri di spesa autonomi 3 Offerta formativa e servizi agli studenti 4. Risultati di bilancio - esercizio finanziario anno Uffici di staff della Direzione amministrativa ALLEGATO 1 Obiettivi gestionali assegnati al personale dirigente e responsabile di sezione complessa ALLEGATO 2. Tavoli tecnici ALLEGATO 3. Dati numerici 1

2 PARTE PRIMA 1. Premessa Le evidenze riportate nella presente relazione rimarcano le principali azioni assunte e/o coordinate, nel corso dell anno 2010, d intesa con i responsabili delle unità organizzative interessate, nell intento di perseguire le priorità gestionali correlate agli obiettivi strategici, come individuati dagli organi, dal Rettore e dai componenti lo staff rettorale secondo materia delegata. Atteso che la struttura tecnico-amministrativa costituisce supporto strumentale al conseguimento delle finalità istituzionali dell Ateneo, sono proseguite, anche nell anno 2010, le attività di riorganizzazione delle unità di servizio centrali e dei centri di spesa autonomi, con particolare riferimento a funzioni/processi, ruoli/responsabilità, relazioni infra/interfunzionali, secondo il processo logico-sequenziale di cui alla tabella che segue. 1. Obiettivi strategici di Ateneo (linee ministeriali, organi dell Ateneo, stakeholder) 4. Monitoraggio, Valutazione, Riprogettazione 2. Obiettivi gestionali/operativi 3. Macro-organizzazione e Micro-organizzazione 2

3 Le attività di riorganizzazione e innovazione realizzate in corso d anno sono state ispirate ai principi e ai criteri generali definiti e deliberati dagli organi, già nella seduta congiunta del : distinzione tra le funzioni di indirizzo, di programmazione e di controllo in capo agli organi di governo e le funzioni di attuazione e di gestione amministrativa, tecnica e finanziaria in capo al Direttore amministrativo, ai dirigenti e, nei limiti stabiliti dalle disposizioni interne, normative e contrattuali, ai responsabili di struttura; centralità dell utenza e rendicontazione sociale; imparzialità, semplificazione e snellimento delle procedure; pubblicità degli atti e accesso ai dati, ai documenti e alle informazioni; informatizzazione delle attività/servizi e integrazione in sistemi informativi; semplificazione degli ambiti organizzativi e flessibilità gestionale; valutazione dei risultati/prestazioni, nel rispetto del principio del merito; valorizzazione e promozione delle professionalità del personale tecnico-amministrativo e dirigente, anche mediante la formazione e l aggiornamento continuo delle competenze; adeguatezza degli ambienti di lavoro e studio, anche sotto il profilo della prevenzione e sicurezza; sistema di relazioni sindacali orientato alla trasparenza dei comportamenti delle parti, alla reciproca collaborazione e alla prevenzione dei conflitti; pari opportunità; collaborazione con altre istituzioni pubbliche e private. Tenuto conto della continua evoluzione del contesto normativo, con particolare riferimento alle disposizioni del d.lgs. 165/2001 e s.m.i. e, nel rispetto dei principi di efficienza, efficacia, economicità e trasparenza, il Direttore amministrativo ha assicurato in relazione alla macro-organizzazione, in particolare: l omogeneità degli ambiti funzionali e la titolarità dei medesimi, in coerenza con le esigenze organizzative e il grado di autonomia/responsabilità/competenze delle singole categorie professionali; la definizione degli obiettivi gestionali, determinando al contempo le risorse professionali, finanziarie e strumentali necessarie per raggiungere gli obiettivi assegnati ai dirigenti e ai responsabili di strutture; il monitoraggio e la valutazione degli obiettivi raggiunti, in correlazione ai risultati attesi (vedi Allegato 1). Tenuto conto degli obiettivi assegnati, con riferimento alla micro-organizzazione, i dirigenti e i responsabili delle unità organizzative (sezioni) hanno assicurato, in particolare: d intesa con il Direttore amministrativo la definizione della modellistica organizzativa e del sistema delle responsabilità di competenza; l adozione delle iniziative e degli atti necessari ad assicurare la migliore gestione delle risorse professionali, finanziarie, strumentali e informative di competenza; la valutazione del personale assegnato, nel rispetto del principio del merito. 3

4 Interventi di riorganizzazione funzionale Anno 2010 Oggetto Provvedimento Data Individuazione delle Sezioni complesse D.D.A. n Riorganizzazione della Sezione complessa Pianificazione, Controllo e Bilancio D.D.A. n Trasferimento personale/competenze della Ripartizione Risorse Edilizie D.D.A. n Riorganizzazione della Sezione complessa Centracon D.D.A. n Riorganizzazione della Sezione complessa Servizi Economali e Contratti D.D.A. n Interventi di riorganizzazione per l'amministrazione Centrale: - Sez. Servizi agli Studenti e alla Didattica - Ripartizione Mobilità internazionale; - Sez. Ricerca e Dottorati; - Divisione II - Risorse Umane - Sez. Stipendi, Pensioni e Fiscalità - Ripartizione Pensioni e Riscatti; - Ripartizione Bilancio, Uscite e Missioni; - Divisione IV - Affari tecnici, edilizi e generali; - Divisione V - Infrastrutture e Servizi Informativi. D.D.A. n E bene ricordare che, se improntare le attività di gestione secondo criteri di efficienza, efficacia, economicità e trasparenza costituisce oramai da tempo un imperativo per tutte le amministrazioni pubbliche, la continua tensione alla massimizzazione gestionale mal si coniuga, da una parte, con il decremento costante di risorse professionali e finanziarie, dall altra, con l aumento di vincoli e adempimenti burocratici cui l Ateneo è chiamato a corrispondere. In proposito, si ricordano il ripristino dei controlli preventivi di legittimità della Corte dei conti, gli adempimenti in materia di tracciabilità di flussi finanziari e di verifica della regolarità fiscale e contributiva. Gli organi dell Ateneo, in corso d anno, in particolare il Consiglio di Amministrazione nella seduta dd , hanno ritenuto opportuno procedere alla costituzione dell Organismo indipendente di Valutazione (OiV-t), previsto dall art. 14 del d.lgs. 150/2009, pur in assenza di un adempimento cogente per le università, nelle more di disporre di norme di raccordo tra le attività della Commissione per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle Amministrazioni pubbliche (CiVIT), quelle 4

5 dell Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (ANVUR) e le attività dei Nuclei di valutazione, come acclarato dalla delibera n. 09/2010 dd della CiVIT. Nella suddetta delibera, la CiVIT, organo nazionale preposto alla gestione e definizione degli standard e delle linee guida in materia di misurazione delle performance delle amministrazioni pubbliche (ex art. 13 del d.lgs. 150/2009), precisa che le università sono comunque destinatarie della nuova disciplina dettata dal d.lgs. 150/2009, dovendo svolgere, seppure in piena autonomia e con modalità organizzative proprie, procedure di valutazione delle strutture e del personale al fine di promuovere, anche attraverso l utilizzo di sistemi premianti selettivi, il merito e il miglioramento della performance, organizzativa e individuale. Di seguito, le nuove funzioni richieste dal rinnovato quadro normativo che vanno ad affiancarsi, integrandole, alle originarie competenze dei Nuclei di valutazione. monitorare il funzionamento complessivo del sistema di valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni ed elaborare una relazione annuale sullo stato dello stesso; comunicare le criticità riscontrate ai competenti organi interni di governo e amministrazione, nonché alla Corte dei conti, all'ispettorato per la funzione pubblica e alla CiVIT; supportare gli organi politico-amministrativi nella definizione degli obiettivi strategici; contribuire, attraverso il sistema di misurazione e valutazione, all allineamento dei comportamenti del personale alla missione dell organizzazione; validare la Relazione annuale sulla performance, di cui all'art. 10 del d.lgs. 150/2009, e assicurarne la visibilità attraverso la pubblicazione sul sito istituzionale; garantire la correttezza dei processi di misurazione e valutazione, nonché di erogazione degli strumenti premiali, nel rispetto del principio di valorizzazione del merito e della professionalità; proporre, sulla base del sistema di misurazione e valutazione, all'organo di indirizzo politico amministrativo la valutazione annuale dei dirigenti di vertice; verificare i risultati e le buone pratiche di promozione delle pari opportunità; realizzare le indagini sul personale dipendente, volte a rilevare il livello di benessere organizzativo e il grado di condivisione del sistema di valutazione, nonché la rilevazione della valutazione del proprio superiore gerarchico, da parte del personale. In considerazione della quantità e natura delle competenze da ricondurre al Nucleo di valutazione, come detto, si è proceduto alla costituzione dell Organismo indipendente di Valutazione che, di concerto con la Direzione amministrativa e supportato dal Servizio Relazioni sindacali, opererà in sinergia e raccordo con il Nucleo di valutazione, assicurando le competenze tecniche necessarie a garantire le succitate funzioni. 5

6 Tutte le attività di riorganizzazione e innovazione realizzate sono state prioritariamente orientate alla realizzazione degli obiettivi strategici dell Ateneo (vedi in tabella che segue il raggruppamento degli obiettivi per aree di intervento), coerenti con le Linee generali di indirizzo , come definite dal MIUR con il d.m. 50/2010. A tal fine, si è proceduto ad assumere, in particolare, le seguenti iniziative: realizzare un aggiornamento della mappatura delle attività e dei processi connessi agli obiettivi strategici; consolidare e ampliare l offerta dei servizi online; rafforzare l affidabilità, la sicurezza e la tempestività dei flussi di dati/informazioni, in ottica di sistema; salvaguardare il livello di finanziamento delle attività di ricerca e dei correlati servizi di supporto; salvaguardare il livello di finanziamento dei servizi e interventi a favore dei servizi agli studenti; stabilizzare il sistema di rendicontazione sociale. Area di intervento Formazione e Servizi agli studenti - Razionalizzazione dell'offerta formativa Incremento dell offerta formativa interatenei Riduzione del numero dei corsi Riduzione della disseminazione territoriale - Qualificazione dell'offerta formativa Area di intervento Ricerca scientifica e Trasferimento di conoscenza - Potenziamento delle attività di ricerca e di formazione alla ricerca Incremento delle risorse finanziarie e strumentali Implementazione di logiche di valutazione e premialità della produttività scientifica dei professori e dei ricercatori Incremento della consistenza dei ricercatori, anche non strutturati Razionalizzazione dei corsi di dottorato e incremento del numero delle borse di studio attribuite ai corsi di dottorato - Internazionalizzazione della ricerca Monitoraggio del rapporto docenti/studenti Rilevazione delle opinioni degli studenti frequentanti Incremento del grado di attrattività dell'offerta formativa per gli studenti stranieri, in particolare, per i corsi di laurea magistrale e di dottorato Incremento del grado di attrattività dei corsi di laurea magistrale nei confronti dei migliori laureati in altri Atenei Incremento del numero dei laureati in corso, monitorando i CFU Monitoraggio dei tempi dell'inserimento lavorativo Attenzione alle vocazioni culturali e produttive del territorio Sostegno ai programmi di collaborazione e scambio internazionali Sostegno all acquisizione di risorse finanziarie, mediante contratti e convenzioni e partecipazione a progetti in sede internazionale Incremento del grado di attrattività dei corsi di dottorato per studenti stranieri 6

7 Area di intervento Formazione e Servizi agli studenti - Internazionalizzazione dell'offerta formativa Potenziamento dei servizi a supporto dei programmi di mobilità in ingresso e in uscita Incremento dell offerta formativa in lingua inglese Incremento degli accordi interatenei per titoli congiunti o doppio titolo - Servizi agli studenti Potenziamento dei servizi di orientamento, tutoraggio, tirocinio e stage Potenziamento della formazione integrativa e di supporto Potenziamento delle attività di fund raising, a sostegno di premi e borse Ampliamento dei servizi online e dematerializzazione dei procedimenti, anche mediante la digitalizzazione della documentazione Area di intervento Ricerca scientifica e Trasferimento di conoscenza - Ampliamento e consolidamento dei legami con il mondo produttivo e dei servizi Incremento dei dottorati in settori strategici e sostenuti dalle imprese Incremento delle reti di collaborazioni industriali nazionali e internazionali, mediante diffusione di informazioni sul patrimonio universitario di conoscenze, tecnologie e strumentazione Potenziamento dei servizi dell ILO, in materia di proprietà intellettuale, start up e spin off universitari Incremento del portafoglio brevetti 2. Centri di spesa autonomi 2.1 Strutture dipartimentali. Risulta ancora di rilievo, nel corso dell anno 2010, la prosecuzione del riassetto dei centri di spesa autonomi, in particolare, delle strutture dipartimentali. Trattasi di complessi percorsi di riorganizzazione che hanno naturalmente investito anche gli ambiti amministrativi di supporto, sotto il profilo logistico, organizzativo, gestionale e professionale. In proposito, è bene anticipare che, al , la consistenza del numero dei dipartimenti ha registrato un ulteriore decremento: 21 unità, a fronte delle 32 unità al e delle 38 unità al Nell anno 2006, si contavano 41 strutture dipartimentali. 7

8 Dipartimenti al (n. 21 unità) 1. Clinico Universitario di Anestesia, Chirurgia, Anatomia Patologica, Dermatol., Epatol. e Sc. Molecolari ACADEM 2. Clinico di Biomedicina 3. Clinico di Scienze della Riproduzione e dello Sviluppo e di Scienze di Medicina pubblica 4. Clinico di Scienze Mediche, Tecnologiche e Traslazionali 5. Filosofia, Lingue e Letterature 6. Fisica 7. Geoscienze 8. Ingegneria Civile e Ambientale 9. Ingegneria Industriale e dell Informazione 10. Ingegneria Meccanica e Navale 11. Matematica e Informatica 12. Progettazione Architettonica e Urbana 13. Psicologia 14. Scienze Chimiche e Farmaceutiche 15. Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche 16. Scienze Giuridiche 17. Scienze Politiche e Sociali 18. Scienze del Linguaggio, dell'interpretazione e Traduzione 19. Scienze della Formazione e dei Processi Culturali 20. Scienze della Vita 21. Storia e Culture dall'antichità al Mondo Contemporaneo 8

9 1. Economia e Tecnica aziendale 2. Elettrotecnica, Elettronica e Informatica 3. Filosofia 4. Fisica 5. Formazione ed Educazione 6. Ingegneria civile e ambientale 7. Ingegneria meccanica 8. Ingegneria navale, del mare e per l ambiente Dipartimenti al (n. 32 unità) 9. Letterature straniere, Comparatistica e Studi culturali 10. Matematica applicata alle Scienze economiche, statistiche ed attuariali 11. Matematica e Informatica 12. Materiali e Risorse naturali 13. Progettazione architettonica e urbana 14. Psicologia 15. Scienze chimiche 16. Scienze del Linguaggio, dell Interpretazione, della Traduzione 17. Scienze dell Antichità 18. Scienze dell Uomo 19. Scienze della Terra 20. Scienze della Vita 21. Scienze economiche e statistiche 22. Scienze farmaceutiche 23. Scienze geografiche e storiche 24. Scienze geologiche, ambientali e marine 9

10 25. Scienze giuridiche 26. Scienze politiche 27. Storia e Storia dell Arte Continua - Dipartimenti al (n. 32 unità) 28. Clinico di Anestesia, Chirurgia, Anatomia Patologica, Dermatol., Epatol. e Sc. Molecolari 29. Clinico di Biomedicina 30. Clinico di Scienze della Riproduzione e dello Sviluppo 31. Clinico di Scienze di Medicina pubblica 32. Clinico di Scienze Mediche, Tecnologiche e Traslazionali 1. Astronomia 2. Economia e Tecnica aziendale 3. Elettrotecnica, Elettronica ed Informatica 4. Filosofia 5. Fisica 6. Fisica teorica 7. Formazione ed Educazione Dipartimenti al (n. 38 unità) 8. Ingegneria chimica, dell ambiente e delle materie prime 9. Ingegneria civile e ambientale 10. Ingegneria meccanica 11. Ingegneria navale, del mare e per l ambiente 12. Italianistica, Linguistica, Comunicazione, Spettacolo 13. Letterature straniere, Comparatistica e Studi culturali 14. Matematica applicata alle Scienze economiche, statistiche ed attuariali 15. Matematica e Informatica 10

11 16. Materiali e Risorse naturali 17. Progettazione architettonica e urban. 18. Psicologia 19. Scienze chimiche Continua - Dipartimenti al (n. 38 unità) 20. Scienze del Linguaggio, dell Interpretazione, della Traduzione 21. Scienze dell Antichità 22. Scienze dell Uomo 23. Scienze della Terra 24. Scienze della Vita 25. Scienze economiche e statistiche 26. Scienze farmaceutiche 27. Scienze geografiche e storiche 28. Scienze geologiche, ambientali e marine 29. Scienze giuridiche 30. Scienze politiche 31. Storia e Storia dell Arte 32. Clinico di Biomedicina 33. Clinico di Medicina clin. e sper. e Neuroscienze clin. e sper. 34. Clinico di Sc. chirurgiche generali, anestes. e medicina intensiva 5 35 Clinico di Sc. chirurgiche specialist., Biomateriali e Bioimpianti 36. Clinico di Sc. clin., morfologiche e tecnologiche 37. Clinico di Sc. della Riproduzione e dello Sviluppo 38. Clinico di Sc. di Medicina pubblica 11

12 2.2 Commissione per la Valutazione della Ricerca (CVR). Nel corso dell anno 2010, va segnalata l attività istruttoria che ha portato alla costituzione della CVR, con il compito di promuovere, in coordinazione con il Nucleo di Valutazione di Ateneo, la sperimentazione, l'applicazione e la diffusione di metodologie e pratiche di valutazione, secondo criteri nazionali e internazionali, strumentali al rilevamento, all analisi e al sostegno della qualità dell'attività scientifica svolta nell'ateneo. La commissione istruttoria, nominata dal Consiglio delle Strutture Scientifiche dd , con la partecipazione del Collaboratore rettorale per la Ricerca scientifica, ha proceduto all elaborazione di una bozza di testo regolamentare, delineando funzioni, composizione e operatività della CVR. Il testo definitivo del Regolamento, all esito di un approfondita fase di elaborazione e confronto, è stato approvato dal Consiglio delle Strutture Scientifiche dd , dal Senato Accademico dd e dal Consiglio di Amministrazione dd Nell ambito del su richiamato riassetto dei centri di spesa autonomi, di altrettanto rilievo gestionale risultano gli esiti dei processi di riorganizzazione che hanno interessato il Centro Coordinamento e Sviluppo Progetti e Apparecchiature (CSPA), il Centro Servizi di Ateneo per il Trasferimento delle Conoscenze Centracon e il Centro Linguistico di Ateneo (CLA). 2.3 Centro Coordinamento e Sviluppo Progetti e Apparecchiature (CSPA). Il percorso di riordino è stato avviato nell anno 2008 (vedi delibera del CdA dd ), mediante la nomina di un apposita commissione consiliare, con il compito di analizzare funzioni e competenze delle singole strutture (settori) componenti il CSPA, nonché, di concerto con la Direzione amministrativa, proporre un piano di riorganizzazione. A fine 2009, assunto il parere favorevole del Consiglio delle Strutture Scientifiche, con proprie deliberazioni, il Senato Accademico dd e il Consiglio di Amministrazione dd , nel riconfermare l interesse strategico dell Ateno alla creazione di un Sistema Trieste per la stabulazione, hanno approvato la ricollocazione del Settore Stabulario e Sperimentazione Animale dal CSPA al Dipartimento di Scienze della Vita, con contestuale attribuzione, a quest ultimo, delle attività e delle risorse correlate. Infine, sempre assunto il parere favorevole del Consiglio delle Strutture Scientifiche, il Senato Accademico dd e il Consiglio di Amministrazione dd hanno deliberato la disattivazione del CSPA e dei relativi settori, a far data dall 1 gennaio 2011, disponendo altresì: la trasformazione dei settori in servizi di interesse generale dell Ateneo; la costituzione, per ciascun servizio, di un comitato tecnico-scientifico; la gestione dei servizi da parte dei dipartimenti interessati e la contestuale ripartizione del materiale inventariale; di dare mandato al Direttore amministrativo di porre in atto tutti i provvedimenti necessari e di provvedere alla riallocazione del personale tecnico-amministrativo. 2.4 Centro Servizi di Ateneo per il Trasferimento delle Conoscenze (Centracon). Il secondo percorso di riordino ha registrato nel Centracon la confluenza delle preesistenti unità organizzative denominate: Edizioni Università di Trieste (EUT), Sistema Bibliotecario di Ateneo (SBA), Sistema museale di Ateneo (SmaTs) e Museo nazionale dell Antartide (MNA) - Sezione di Trieste. Centracon, che ha conservato l assetto di centro di spesa autonomo, è stato istituito con DR 572/2010 dd In precedenza: il Consiglio delle Strutture Scientifiche dd aveva espresso parere favorevole all iniziativa; il Senato Accademico dd e il Consiglio di Amministrazione dd ne avevano approvato l istituzione. Infine, con proprio decreto 1073/2010 dd , il Direttore amministrativo ha definito l articolazione interna e la dotazione organica di Centracon. 12

13 Il Regolamento di Centracon è stato approvato, assunto il parere favorevole del Consiglio delle Strutture Scientifiche dd , nella seduta del Senato Accademico dd e del Consiglio di Amministrazione dd Il predetto Regolamento definisce: le finalità; le attività; l utenza; gli organi di gestione e di indirizzo scientifico. Una norma transitoria prevede la progressiva armonizzazione dei regolamenti di funzionamento delle singole unità organizzative confluite nel Centracon, entro il Centro Linguistico di Ateneo (CLA). In corso d anno, la su richiamata Commissione consiliare, sempre di concerto con la Direzione amministrativa, ha avviato il percorso di riordino del CLA, istituito nell anno 1992, con la finalità di coordinare le attività di supporto all insegnamento delle lingue straniere nell Ateneo e, dall 1 gennaio 2003, configurato quale centro di spesa autonomo. Il Senato Accademico dd e il Consiglio di Amministrazione dd , assunto il parere favorevole del Consiglio delle Strutture Scientifiche, hanno deliberato di assegnare la gestione amministrativo - contabile del CLA al Dipartimento di Scienze del Linguaggio, dell'interpretazione, della Traduzione, configurandola come "Sezione" dotata di autonomia gestionale, ma non di autonomia finanziario-contabile. Altresì, Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di dare mandato al Direttore amministrativo di provvedere alla revisione del vigente Regolamento del CLA. 3. Offerta formativa e servizi agli studenti 3.1 Riorganizzazione dell offerta formativa. Parimenti impegnativo il percorso di riorganizzazione dell offerta formativa che ha dovuto inevitabilmente confrontarsi con l ulteriore contrazione del personale docente e ricercatore e i sopravvenuti vincoli in materia di requisiti minimi per l'attivazione dei corsi. Anche in questo caso, trattasi di complessi percorsi di riorganizzazione che hanno impattato sulle strutture di servizio delle facoltà e dell Amministrazione centrale, sotto il profilo organizzativo, gestionale e professionale. Corsi di laurea triennali Offerta formativa Corsi di studio 2008/ / /11 43 (compresi 3 corsi replicati in altra sede) 35 (compreso 1 corso replicato in altra sede) Corsi di laurea specialistici/magistrali Corsi di laurea triennali interateneo Corsi di laurea specialistici/magistrali interateneo Corsi di laurea vecchio ordinamento Corsi di laurea a ciclo unico (5/6 anni) (*) (*) Attività post lauream Scuole di specializzazione Master di I e II livello Corsi di perfezionamento Dottorati di ricerca 2008/ / / Totale Totale

14 Nota (*) Si segnala che i corsi di laurea interateneo, attivati ad anni alterni, presentano specifiche problematiche organizzativo - gestionali che coinvolgono anche l aspetto, non secondario, di una modellistica di tassazione condivisa tra gli atenei interessati. I suddetti percorsi di riorganizzazione scientifica e didattica, che sono stati supportati dall Amministrazione, tra l altro, attraverso la costituzione di specifici Tavoli tecnici (*), con competenze professionali riconducibili ad ambiti organizzativi diversi (giuridici, finanziari, informatici, biblioteconomici, logistici), hanno richiesto complesse e molteplici azioni amministrativo-gestionali e di formazione del personale mirate, in particolare: all aggiornamento del profilo di competenze (saperi/capacità) del Segretario amministrativo e dello SdaF e al consolidamento delle rispettive reti professionali; all intercettazione di nuove identità professionali, da destinare al supporto delle attività di ricerca e di trasferimento tecnologico; all analisi della vigente modellistica organizzativa, in preparazione dell implementazione della contabilità economicopatrimoniale e del bilancio unico, per garantire l omogeneità e la correttezza delle rilevazioni contabili e la loro fedele rappresentazione nel bilancio di Ateneo. Nota (*) Anche nel corso dell anno 2010, attraverso l aggregazione temporanea in Tavoli tecnici (vedi Allegato 2) di personale individuato in ragione delle proprie competenze ed esperienze professionali, si è inteso migliorare la condivisione di protocolli di lavoro e informativi in logica di processi e raccordo interfunzionale. Le modalità di funzionamento dei suddetti Tavoli, formalizzati in qualità di ambiti di analisi/studio/istruttoria, riferiti a specifiche tematiche di natura tecnica e amministrativa, costituiscono autonoma prassi organizzativa. Compete al Direttore amministrativo definire: finalità, composizione e ruolo di coordinamento operativo; al Coordinatore operativo compete organizzare le attività e rendicontare i risultati conseguiti. Integrando la specializzazione, caratterizzante le funzioni, con il coordinamento di competenze professionali afferenti ad ambiti organizzativi diversi, si è inteso peraltro accelerare la realizzazione di progetti di innovazione e sviluppo; altresì, si è inteso perseguire un progressivo contenimento dei costi organizzativi derivanti dalla parcellizzazione dei procedimenti e delle responsabilità. In questa prospettiva, si è investito su attività formative mirate a incrementare i saperi specialistici, anche al fine di promuovere il senso della convenienza di appartenere a famiglie professionali riconosciute dalla comunità. 3.2 Servizi agli studenti. Nel corso dell anno 2010, è stata realizzata la manifestazione - l Università di Trieste per il lavoro. L evento ha inteso favorire opportunità di incontro tra laureandi/neolaureati e sistema economico regionale e nazionale. Il programma della giornata ( ) si è articolato in: incontri tra referenti delle risorse umane delle aziende e degli enti partecipanti e neolaureati; workshop su fabbisogni occupazionali, imprenditorialità, opportunità di tirocinio all'estero, come redigere un CV o una lettera di presentazione. 14

15 L iniziativa dello Sportello Lavoro dell Ateneo Sezione Servizi agli Studenti e alla Didattica tesaurizza l esperienza e i risultati conseguiti in ambito di placement universitario, con il Programma FIxO - Formazione & Innovazione per l Occupazione, già a partire dall anno A tale proposito, si ricorda che l Ateneo ha confermato la propria adesione al Programma FIxO /2010, prorogato al con nota del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali DG/POF/N.9743 dd Le attività e gli obiettivi previsti dalla nuova fase del Programma sono stati oggetto del Protocollo Operativo tra Italia Lavoro S.p.A., agenzia tecnica del Ministero, e l Università degli Studi di Trieste. Il Programma prevede le seguenti linee intervento funzionali a: sostenere i placement universitari nell adozione di meccanismi di cooperazione con le istituzioni regionali e con gli operatori pubblici e privati del mercato del lavoro; dotare i placement universitari di un maggiore livello di specializzazione e qualificazione dei servizi; incentivare l utilizzo di dispositivi e misure di politica attiva del lavoro (tirocini, contratto di apprendistato, orientamento alle professioni, etc.) finalizzati a rafforzare le competenze e a fornire strumenti di orientamento al mondo del lavoro ai laureati e ai dottori di ricerca; definire un sistema informativo sui laureati (banca dati laureati), in cui siano resi disponibili ai soggetti istituzionali e agli operatori del mercato del lavoro i dati anagrafici e professionali sui neolaureati. Sempre in tema di servizi agli studenti, nel corso dell anno 2010, è stata effettuata una selezione pubblica finalizzata all individuazione dell operatore a cui affidare la fornitura di un ambiente di lavoro integrato per gli studenti, per un periodo di cinque anni, senza oneri a carico dell Ateneo, con le seguenti funzioni: servizio di posta elettronica, con indirizzo mnemonico basato sul nome e cognome dello studente; rubrica; sistemi di messaggistica; applicativi di videoscrittura; fogli elettronici; calendario; possibilità di condivisione di documenti con altri utenti. Tale ambiente di lavoro sarà disponibile su qualsiasi PC e dispositivo mobile connesso a internet, usando le proprie credenziali di Ateneo. La nuova modalità consentirà all Ateneo, non solo un ampliamento di servizi, ma anche risparmi immediati, legati ai costi di personale e delle licenze antivirus per la posta studenti, quantificabili in ca. Euro annui, e risparmi in prospettiva, non dovendo più gestire e aggiornare l infrastruttura tecnologica (hardware e software) necessaria. 4. Risultati di bilancio - esercizio finanziario anno 2010 Congiuntamente al su menzionato riassetto dei centri di spesa autonomi e alla riorganizzazione dell offerta formativa, per far fronte all attesa contrazione del FFO, stimata in sede previsionale al 4,5%, sono state ulteriormente consolidate le azioni mirate al contenimento della spesa improduttiva, alla ricerca di fonti di finanziamento non storiche, all incentivazione 15

16 al prepensionamento del personale docente e tecnico amministrativo. Azione, quest ultima, intrapresa anche con l intento di confermare, per l anno 2010, la permanenza al di sotto della soglia del 90% del rapporto tra assegni fissi per il personale di ruolo e FFO. In particolare, la formazione del bilancio di previsione - esercizio 2010 è stata orientata al perseguimento dei seguenti obiettivi: copertura delle spese obbligatorie per il personale di ruolo; mantenimento del livello di finanziamento delle attività di ricerca e dei correlati servizi di supporto; mantenimento del livello di finanziamento dei servizi e interventi a favore degli studenti; mantenimento del livello di finanziamento per gli interventi in materia di prevenzione e sicurezza; mantenimento del livello di finanziamento dei servizi e interventi a favore del personale. Inoltre, nell anno 2010, in considerazione del valore percentuale 89,82%, conseguito nel precedente anno 2009, vale a dire al di sotto del su richiamato limite del 90%, l Ateneo ha potuto impegnare 11,90 PO, nell ambito dei punti disponibili, che hanno consentito: l assunzione di n. 6 ricercatori di ruolo, di cui 1 finanziato dal MIUR al 50%; il reclutamento di n. 33 unità di personale TA per stabilizzazioni e PEV; la stipula di n 15 contratti con ricercatori a tempo determinato su fondi esterni. Infine, sempre nel corso del 2010, si è provveduto all erogazione del conguaglio economico al personale CEL, a seguito della stipula, nel 2009, di apposito contratto integrativo, finalizzato a marginalizzare i rischi di un nuovo potenziale contenzioso giudiziario. Nonostante la complessiva contrazione del finanziamento al sistema universitario nazionale e i crescenti vincoli imposti alle voci di bilancio dell Ateneo, in ragione del contenimento della spesa pubblica, si può affermare che gli obiettivi, come declinati nelle poste del bilancio di previsione - esercizio 2010, sono stati raggiunti, senza compromettere l equilibrio finanziario, com è desumibile dal documento di bilancio consuntivo, presentato in pareggio. A tale proposito, si veda in nota il parere del Collegio dei Revisori favorevole all approvazione del conto consuntivo (*). Nota (*) Il Collegio rende la prescritta relazione a norma del regolamento di Ateneo e, conclusivamente, nel dare atto: 1. che la gestione 2010 dell Università degli Studi di Trieste si è svolta in conformità alle prescrizioni di legge e dei regolamenti, per quanto riguarda, in particolare, i profili di regolarità delle scritture contabili, delle cui risultanze sono state redatti appositi verbali; 2. che l Amministrazione ha rispettato le disposizioni in materia di contenimento della spesa pubblica che hanno interessato l attività gestionale del 2010; 3. che l Amministrazione, per quanto attiene alle spese effettive, nell esercizio 2010, per assegni fissi al personale di ruolo e di quanto considerato a valere sul FFO, ai fini dei limiti fissati dalla normativa in vigore, ha realizzato un rapporto pari al 90,83% collocandosi al di sopra del limite del 90%; 4. che i dati riferiti alla gestione di competenza e a quella dei residui corrispondono a quelli desunti dalle scritture stesse e, segnatamente per le riscossioni e i pagamenti, ai dati complessivi rilevati dal tabulato reso dall Istituto cassiere UNICREDIT BANCA S.p.A. Agenzia n. 23 di Trieste Severo B- alla chiusura dell esercizio 2010; 5. che la gestione dell esercizio 2010 dell Università di Trieste si è svolta in conformità alle prescrizioni di legge e dei regolamenti; pertanto esprime parere favorevole all approvazione del conto consuntivo dell Università degli Studi di Trieste, per l esercizio finanziario

17 L obiettivo di mantenere il livello delle spese fisse per il personale di ruolo, al di sotto della percentuale del 90% del FFO, non è stato conseguito, indipendentemente dalle politiche/azioni gestionali assunte, a causa della forte contrazione del finanziamento ministeriale, pari a meno 4,86%, a fronte della stima in sede previsionale del 4,5%. %. Al predetto decremento, inoltre, va aggiunto il minore trasferimento di risorse premiali (10% del FFO), rispetto alle aspettative, per l inatteso mutamento degli indicatori utilizzati nel 2010, fortemente penalizzanti per il nostro Ateneo (es. didattica: percentuale degli occupati a tre anni dal conseguimento del titolo; es. ricerca: è diminuito il peso dell indicatore VTR CIVR). Si commentano, di seguito, alcune macro tendenze per voci aggregate, allo scopo di evidenziare gli elementi più qualificanti e caratterizzanti il bilancio consuntivo 2010, a fronte degli obiettivi di cui al bilancio preventivo Anno AF/FFO puro Evoluzione del rapporto spese fisse personale di ruolo/ffo AF/FFO (senza riduzioni e con convenzioni) AF/FFO (con applicazione correttivi) ,00% 93,50% 90,83% ,78% 93,24% 89,82% ,50% 95,98% 92,59% ,22% 94,67% 91,64% ,65% 94,98% 90,20% ,89% 93,24% 87,97% ,80% 92,80% 89,58% 4.1 Entrate. Il complesso delle somme accertate nell anno 2010 (al netto delle partite di giro) ammonta a Euro , rispetto alla previsione assestata risulta un meno di Euro Le categorie di entrate più consistenti sono: MIUR - Euro (66,80%), di cui FFO - Euro ; Contribuzione studentesca Euro (12,52%); Regione FVG Euro (7,18%). 17

18 Fonte di finanziamento Previsione iniziale (a) Risultanze gestionali di competenza Esercizio 2010 Previsione assestata (b) diff. previsione iniziale/assestata (b-a) accertato (c) differenza (c-b) MIUR , , , , ,00 Studenti , , , , ,45 Regione FVG , , , , ,18 Altri Ministeri e organismi internazionali 0, , , ,00 0,00 Enti e privati , , , , ,95 Attività , , , , ,63 Mutui e prestiti 0, , , ,27 0,00 UE , , , ,55 0,00 Altre entrate , , , , ,96 Totale entrate (- PG e avanzo) , , , , ,09 Utilizzo Avanzo libero 0, ,00 Avanzo finalizzato , ,62 Totale avanzo , ,62 Totale entrate + avanzo - PG , ,37 In particolare: le entrate da trasferimenti dello Stato hanno registrato un decremento di ca. Euro , a causa della diminuzione del FFO; tali minori entrate sono state compensate con la revisione delle poste annoverate nell avanzo finalizzato (vedi delibera CdA dd ); le entrate contributive, per iscrizioni ai corsi di studio, sono risultate maggiori rispetto all anno 2009, più Euro , ma inferiori alle previsioni iniziali, per sovrastima della tendenza alle iscrizioni, in sede di formazione del bilancio preventivo 2010, meno Euro ; il rapporto tra il gettito da contribuzione studentesca per i corsi di I e II livello, al netto dei rimborsi, e il fondo di finanziamento ordinario, è pari al 19,08%, al di sotto del limite del 20%, di cui al dpr 306/1997; risultano in decremento le assegnazioni di fondi regionali, relativamente ai corsi di laurea professionalizzanti di area medica, ca. meno Euro

19 Rappresentazione grafica della composizione delle entrate Esercizio 2010 Enti e privati 0,73% Altri Ministeri 0,45% Attività 0,09% Mutui e prestiti 0,96% UE 0,35% Altre entrate 10,93% Composizione percentuale entrate 2010 al netto delle partite di giro e dei riporti dell'avanzo ( ,66) Studenti 12,52% Regione FVG 7,18% MIUR 66,80% MIUR Studenti Regione FVG Altri Ministeri Enti e privati Attività Mutui e prestiti UE Altre entrate 19

20 4.2 Uscite. Le uscite complessive ammontano (al netto delle partite di giro) a ca. Euro , con una flessione di Euro (4.96%), rispetto al volume impegnato nell anno Le voci di spesa più significative sono: personale Euro (64,92%); nel 2009, Euro (Irap esclusa); spese funzionamento Euro (13,29%); nel 2009, Euro ; trasferimenti interni/esterni Euro (7,26%); nel 2009, Euro Composizione delle uscite per macro voci di spesa Esercizio 2010 Tipologia Previsione Previsione Diff.prev.iniziale Impegni di Imp. % Rimanenza iniziale (a) definitiva (b) /definitiva(b-a) competenza ( c ) (b-c) TOTALE USCITE (senza PG) , , , ,83 100,00% ,54 SPESE DI PERSONALE , , , ,66 64,92% ,27 PERSONALE CONVENZIONATO , , , ,39 3,55% 2.756,81 DOCENZA SOSTITUTIVA , , , ,56 1,41% ,56 COMPENSI SERVIZI A TERZI , , , ,18 0,14% ,93 ALTRE SPESE DI PERSONALE , , , ,40 0,42% ,60 SPESE STRUTTURALI E ISTITUZ , , , ,78 13,29% ,39 TRASFERIM. A TERZI , , , ,70 0,25% ,19 IMPOSTE E TASSE , , , ,10 5,05% ,60 ONERI FINANZIARI , , , ,13 0,61% ,95 FONDI , , ,18 0,00 0,00% ,82 SPESE IN C/CAPITALE , , , ,41 1,33% ,05 ESTINZIONE MUTUI , , , ,28 1,76% ,36 TRASFERIMENTI , , , ,24 7,26% ,01 Partite di giro e contab. speciali , , , ,27 0,00 TOTALE USCITE con PG , , , , ,54 In particolare: va evidenziato il forte contenimento della spesa relativa al personale di ruolo, dovuto prevalentemente a cessazioni dal servizio, superiori a quelle preventivate, in particolare, nell ambito del personale docente e ricercatore (dicembre 2009, in servizio: 829 unità dicembre 2010, in servizio: 745 unità); le spese di funzionamento, che risultano in diminuzione rispetto al 2009, sia per vincoli di legge, sia per le politiche di contenimento adottate dall Ateneo, sono comunque in linea con le previsioni; a tale proposito, è doveroso evidenziare che la continua contrazione di risorse rischia di tradursi in impoverimento dei livelli di risultato e in un calo dei livelli di efficacia dell azione amministrativa, oramai capace solo marginalmente di individuare ulteriori recuperi di margini di inefficienza; 20

PIANO DELLA PERFORMANCE. Anno 2014 stralcio 1.1.2014 30.4.2014

PIANO DELLA PERFORMANCE. Anno 2014 stralcio 1.1.2014 30.4.2014 PIANO DELLA PERFORMANCE Anno 2014 stralcio 1.1.2014 30.4.2014 Art. 10, D.lgs. n. 150 del 27.10.2009 (Delibera del C.d.A. 31/1/2014) 1. Premessa - Analisi del contesto interno L Ateneo sta concludendo la

Dettagli

Regolamento dell Università degli Studi Link Campus University di amministrazione, finanza e contabilità

Regolamento dell Università degli Studi Link Campus University di amministrazione, finanza e contabilità Regolamento dell Università degli Studi Link Campus University di amministrazione, finanza e contabilità INDICE TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Articolo 1 - Oggetto e definizioni Articolo 2 - Finalità Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI AGRARIA. Indice

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI AGRARIA. Indice REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI AGRARIA Indice TITOLO I PRINCIPI GENERALI...2 Art. 1 - Ambito di applicazione...2 Art. 2 - Sede, personale e assetto organizzativo...2

Dettagli

Regolamento dell Università degli Studi Link Campus University di amministrazione, finanza e contabilità

Regolamento dell Università degli Studi Link Campus University di amministrazione, finanza e contabilità Regolamento dell Università degli Studi Link Campus University di amministrazione, finanza e contabilità INDICE TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Articolo 1 - Oggetto e definizioni Articolo 2 - Finalità Articolo

Dettagli

Regolamento di amministrazione, finanza e contabilità

Regolamento di amministrazione, finanza e contabilità Regolamento di amministrazione, finanza e contabilità INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 - Oggetto Articolo 2 - Finalità Articolo 3 - Competenze dei soggetti preposti all amministrazione, finanza

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ Emanato con D.R. n. 159 del 22 febbraio 2016 INDICE TITOLO I NORME GENERALI... 4 Art. 1 Principi e finalità del regolamento... 4 Art. 2 Principi e

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Art. 11, c. 8, lett. a), D.lgs. n. 150 del 27.10.2009) PREMESSA Il presente documento, redatto ai sensi dell art. 11, c. 8, lettera a), del decreto

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legge 16 maggio 2008 n. 85, convertito con modificazioni dalla legge 14 luglio 2008, n. 121 e, in particolare, l art. 1, commi 1 e 5, con il quale è stato, rispettivamente, istituito il

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DECRETO MINISTERIALE 15 OTTOBRE 2013, N.827 LINEE GENERALI DI INDIRIZZO DELLA PROGRAMMAZIONE DELLE UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2013-2015 VISTO il decreto legge 16 maggio 2008 n. 85, convertito con modificazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ (emanato con decreto rettorale 19 aprile 2013 n. 254)

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ (emanato con decreto rettorale 19 aprile 2013 n. 254) REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ (emanato con decreto rettorale 19 aprile 2013 n. 254) INDICE TITOLO I NORME GENERALI CAPO I Principi e finalità Articolo 1 (Ambito

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150)

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) 1 INDICE Introduzione pag 3 1. Caratteristiche del Sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

PIANO DELLA PERFORMANCE 2014 2016

PIANO DELLA PERFORMANCE 2014 2016 PIANO DELLA PERFORMANCE 2014 2016 Parere del Senato Accademico del 17 settembre 2014 Approvato nel Consiglio di Amministrazione del 24 settembre 2014 INDICE 1. PRESENTAZIONE DEL PIANO... 3 2. SINTESI DELLE

Dettagli

APPROVAZIONE DELLE ARTICOLAZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE FUNZIONI, DI CUI ALL'ART. 8 DELLE "LINEE GENERALI DI ORGANIZZAZIONE DELL'ATENEO ":

APPROVAZIONE DELLE ARTICOLAZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE FUNZIONI, DI CUI ALL'ART. 8 DELLE LINEE GENERALI DI ORGANIZZAZIONE DELL'ATENEO : Allegato al D.D. n. 3/2015, prot. n. 3530 del 29.01.2015 APPROVAZIONE DELLE ARTICOLAZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE FUNZIONI, DI CUI ALL'ART. 8 DELLE "LINEE GENERALI DI ORGANIZZAZIONE DELL'ATENEO ": - RETTORATO

Dettagli

Allegato n. 2 Organigramma dell Ente

Allegato n. 2 Organigramma dell Ente Allegato n. 2 Organigramma dell Ente Edizione 01/2014 - Rev. 01 1. Piano organizzativo delle strutture amministrative, Didattiche e di Ricerca L'Università degli Studi di Milano-Bicocca presenta un organizzazione

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE

Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE - Viste le Leggi sull Istruzione Universitaria; - Visto l art.11, comma 2, del Decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n.150 Attuazione della legge 4 marzo 2009, n.

Dettagli

ALLEGATO 2. DIPARTIMENTI schema base. Direzione di Dipartimento. Segreteria amministrativa Segreteria didattica Laboratori

ALLEGATO 2. DIPARTIMENTI schema base. Direzione di Dipartimento. Segreteria amministrativa Segreteria didattica Laboratori DIPARTIMENTI schema base Direzione di Dipartimento Segreteria amministrativa Segreteria didattica Laboratori 1 STRUTTURE ATTIVATE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA - DIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE

Dettagli

Regolamento per l'amministrazione, la Finanza e la Contabilità della Scuola Normale Superiore (in vigore dal 01.01.2014)

Regolamento per l'amministrazione, la Finanza e la Contabilità della Scuola Normale Superiore (in vigore dal 01.01.2014) Regolamento per l'amministrazione, la Finanza e la Contabilità della Scuola Normale Superiore (in vigore dal 01.01.2014) (emanato con Decreto del Direttore n. 420 del 09.10.2013, pubblicato in pari data

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1136 del 01 settembre 2015 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1136 del 01 settembre 2015 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1136 del 01 settembre 2015 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE DI CUI ALLA L. 251/2000. TRA la Regione del Veneto

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA AREA LEGALE E GENERALE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA AREA LEGALE E GENERALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA AREA LEGALE E GENERALE Pubblicato in albo web 17.7.2015 Decreto n. 5864 I L R E T T O R E Vista la L. del 9.5.1989, n. 168 e s.m.i.; Vista la L. del 30.12.2040, n. 240

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE All. C) Bando n. 3/11 del 25.5.2011 F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome IRENE D AMURI Data di nascita 18/07/1970 Qualifica EP Amministrazione Incarico attuale Responsabile

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Bozza. Schema di disegno di legge recante delega in materia di riforma del lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni e di trasparenza

Bozza. Schema di disegno di legge recante delega in materia di riforma del lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni e di trasparenza Bozza Schema di disegno di legge recante delega in materia di riforma del lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni e di trasparenza Art.1 (Delega al Governo in materia di riforma del lavoro

Dettagli

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE approvato dal Senato Accademico nella seduta del 10.05.2013 n. 300/5609

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 15 ottobre 2013 Definizione delle linee generali di indirizzo della programmazione delle Universita', per il triennio 2013/2015. (Decreto

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 PREMESSA L Università degli Studi dell Aquila adotta il presente programma triennale per la trasparenza e l integrità, in ottemperanza a quanto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese 1 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO Ai sensi del DM 270/2004 Emanato con D.R. n. 15863 dell'08.04.2010 Ultime modifiche apportate con D.R. Rep. n. 964/2013 del 05/08/2013 Entrato in vigore il 02/08/2013

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 (ai sensi dell art. 11 del decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n. 150/2009) Premessa Il Liceo M. Gioia di Piacenza realizza le proprie finalità

Dettagli

Linee guida per la l efficienza della gestione la trasparenza e la prevenzione della corruzione 2014-2016

Linee guida per la l efficienza della gestione la trasparenza e la prevenzione della corruzione 2014-2016 Linee guida per la l efficienza della gestione la trasparenza e la prevenzione della corruzione 2014-2016 1.- Premessa La legge 6.11.2012 n. 190 ed in particolare il decreto legislativo 14.3.2013, n. 33

Dettagli

AMBITI PRIORITARI DI INTERVENTO DELLA DIREZIONE GENERALE E OBIETTIVI DELLE AREE DIRIGENZIALI

AMBITI PRIORITARI DI INTERVENTO DELLA DIREZIONE GENERALE E OBIETTIVI DELLE AREE DIRIGENZIALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Direzione Generale Università degli Studi di Pavia AMBITI PRIORITARI DI INTERVENTO DELLA DIREZIONE GENERALE E OBIETTIVI DELLE AREE DIRIGENZIALI ANNO 2016 Premessa Il presente

Dettagli

SCHEDA PER LA DESCRIZIONE DELLA POSIZIONE

SCHEDA PER LA DESCRIZIONE DELLA POSIZIONE SCHEDA PER LA DESCRIZIONE DELLA POSIZIONE Questa scheda rappresenta uno strumento utile per descrivere una specifica posizione organizzativa, illustrandone le principali attività, le principali relazioni

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3387 del 02/10/2015 Firmatari: MANFREDI Gaetano

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3387 del 02/10/2015 Firmatari: MANFREDI Gaetano DR/2015/3387 del 02/10/2015 Firmatari: MANFREDI Gaetano REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TITOLO I ART.

Dettagli

Articolo 5 Progetto Formativo

Articolo 5 Progetto Formativo REGOLAMENTO DI ATENEO SUI MASTER UNIVERSITARI (emanato con D.R. n. 41 2015, prot. n. 999 I/3 del 19.01.2015) Articolo 1 Ambito del Regolamento 1. In attuazione dell articolo 1, comma 15, della legge 14

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO Emanato con D.R. n. 11632 del 05/12/2005 e successive modificazioni ed integrazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione Decreto Rettorale di emanazione Rep. n. 628/2008, Prot. 14296 del 2 aprile 2008

Dettagli

Quanto sopra premesso per evidenziare che, nel corso dell esercizio 2013 si è provveduto a:

Quanto sopra premesso per evidenziare che, nel corso dell esercizio 2013 si è provveduto a: Allegato 1 Riclassificazione della spesa per missioni e programmi Con l entrata in vigore del decreto legislativo 27 gennaio 2012, n. 18 Introduzione della contabilità economico-patrimoniale, della contabilità

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2012-2014 Sommario 1. Premessa... 3 2. Selezione dei dati da pubblicare... 4 3. Descrizione delle modalità di pubblicazione online dei dati... 8 4.

Dettagli

SCHEMA DI. Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale della presente Intesa.

SCHEMA DI. Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale della presente Intesa. SCHEMA DI Intesa tra la Provincia autonoma di Trento e l Università degli Studi di Trento, con riferimento all esercizio 2013, afferente gli obblighi e i vincoli a carico dell Università al fine di assicurare

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE. (emanato con D.R. n. 40 2015, prot. n. 998 I/3 del 19.01.

REGOLAMENTO DI ATENEO SUI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE. (emanato con D.R. n. 40 2015, prot. n. 998 I/3 del 19.01. REGOLAMENTO DI ATENEO SUI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (emanato con D.R. n. 40 2015, prot. n. 998 I/3 del 19.01.2015) Articolo 1 Ambito del Regolamento 1. In attuazione dell articolo

Dettagli

ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE

ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE NATURA E FINALITÀ DELL ATENEO Come riportato dall art. 1 dello Statuto, l Università di Firenze è un istituzione pubblica, espressione della

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Classificazione della spesa delle università per missioni e programmi VISTI gli articoli

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014. (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014. (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014 (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Indice Premessa 1. Descrizione del Sistema 1.1. La Nuova Organizzazione

Dettagli

Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica.

Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica. Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica. Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento è adottato ai sensi della normativa

Dettagli

SEMINARIO SULLA RIFORMA DELL UNIVERSITA

SEMINARIO SULLA RIFORMA DELL UNIVERSITA SEMINARIO SULLA RIFORMA DELL UNIVERSITA Disegno di legge in materia di organizzazione e qualità del sistema universitario, di personale accademico e di diritto allo studio Approvato dal Consiglio dei Ministri

Dettagli

Modello di AQ. Presidio per l Assicurazione della Qualità di Ateneo

Modello di AQ. Presidio per l Assicurazione della Qualità di Ateneo Modello di AQ Presidio per l Assicurazione della Qualità di Ateneo Composizione del Presidio per l Assicurazione della Qualità di Ateneo (triennio 2012/13 2013/14 2014/15) Prof.ssa Laura Calafà (Presidente)

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

La composizione delle poste di bilancio... pag. 26

La composizione delle poste di bilancio... pag. 26 Il bilancio di previsione 2013 e il bilancio triennale 2013-2015 Relazione descrittiva delle poste di bilancio Consiglio di Amministrazione del 21 dicembre 2012 INDICE Il Bilancio Unico di Ateneo 2013-2015.

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI BOTTICINO (Provincia di Brescia) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art 7 Decreto Legislativo 150/2009 Giugno 2013 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 I CARATTERISTICHE DELL

Dettagli

PROCESSO DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ DI ATENEO

PROCESSO DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ DI ATENEO PROCESSO DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ DI ATENEO Organizzazione del processo di assicurazione della qualità Le funzioni di progettazione, osservazione e controllo del processo di assicurazione della qualità

Dettagli

Art. 1 Principi e riferimenti normativi

Art. 1 Principi e riferimenti normativi Provvedimento Dirigenziale Rep. 3649/2012 Protocollo n. 59815 del 21/12/2012 OGGETTO: Emanazione delle linee guida riportanti i criteri per la definizione delle indennità di responsabilità ALLEGATO 2)

Dettagli

Art. 3 Piano finanziario Art. 4 - Copertura finanziaria del Master Universitario

Art. 3 Piano finanziario Art. 4 - Copertura finanziaria del Master Universitario Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Modificato con D.R. n. 1033 2013 Prot. n 24843 del 10.07.2013 REGOLAMENTO MASTER

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO TITOLO I Principi e disposizioni generali Articolo 1 Principi e finalità del regolamento 1. Il presente regolamento ha come obiettivo la

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ INDICE TITOLO I -PRINCIPI... 4 Art. 1 Principi generali... 4 Art. 2 Finalità del regolamento di Ateneo per la finanza e la contabilità, richiamo alle

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTABILITÀ REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTABILITÀ INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto Articolo 2 Finalità Articolo 3 Competenze dei soggetti preposti all amministrazione, finanza e

Dettagli

Relazione Obiettivi del Direttore Generale. ANNO 2013 Torino, 31 marzo 2014

Relazione Obiettivi del Direttore Generale. ANNO 2013 Torino, 31 marzo 2014 Relazione Obiettivi del Direttore Generale ANNO 2013 Torino, 31 marzo 2014 1 Sommario Premessa...3 Attuazione della nuova organizzazione della struttura tecnico amministrativa di Ateneo in coerenza con

Dettagli

Definizione delle linee generali d indirizzo della programmazione delle Università per il triennio 2010-2012

Definizione delle linee generali d indirizzo della programmazione delle Università per il triennio 2010-2012 Testo aggiornato al 15 novembre 2012 Decreto ministeriale 23 dicembre 2010, n. 50 Gazzetta Ufficiale 31 maggio 2011, n. 125 Definizione delle linee generali d indirizzo della programmazione delle Università

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. AG IL RETTORE Decreto n. 425 VISTO VISTO il DM 270/04 ed in particolare l art.3 comma 9 che recita Restano ferme le disposizioni di cui all'articolo 6 della legge 19 novembre 1990, n. 341, in materia

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA Art. 1 (Finalità) 1 Emanato con D.D. n. 630 del 27/09/2011; modificato con D.R. n. 214 del 07/05/2014. 1. Il

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI CHIMICA E FARMACIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI CHIMICA E FARMACIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI CHIMICA E FARMACIA Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento disciplina l'organizzazione e il funzionamento del Dipartimento

Dettagli

SEZIONE I: DISPOSIZIONI GENERALI

SEZIONE I: DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI CORSI DI MASTER DI I E DI II LIVELLO, DI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI CORSI DI ALTA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (Emanato con DR n. 401, Prot. n. 8186 del

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE

REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE Art. 1 - Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento di contabilità, adottato in applicazione dell art. 71 terdecies della Legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40

Dettagli

REGISTRO 83/bis DECRETO N 580 IL RETTORE

REGISTRO 83/bis DECRETO N 580 IL RETTORE REGISTRO 83/bis DECRETO N 580 IL RETTORE richiamato lo Statuto e il Regolamento Generale di Ateneo; richiamata la Legge 9 maggio 1989, n. 168; richiamato il D.lgs n. 165 del 30.03.2001 recante Norme generali

Dettagli

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE 1 ITALIAN UNIVERSITY LINE...1 CAPO I...3 Disposizioni generali...3 Art. 1 - Istituzione...3 Art. 2 - Natura giuridica e fonti normative...3 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con D.R. n. 417 del 24 marzo 2015) INDICE Pag. Art. 1 Oggetto 2 Art. 2 Caratteristiche dei corsi 2 Art. 3 Istituzione - attivazione - rinnovo 2 Art.

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015

Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015 Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015 INTRODUZIONE L Ateneo per gestire al meglio la complessità del momento presente e sfruttare le opportunità del futuro,

Dettagli

Università Iuav di Venezia. Piano triennale di prevenzione della corruzione 2013-2015

Università Iuav di Venezia. Piano triennale di prevenzione della corruzione 2013-2015 Università Iuav di Venezia Piano triennale di prevenzione della corruzione 2013-2015 (ai sensi dell art. 1, comma 5, lett. a) della legge 6 novembre 2012, n. 190) 1 1. Premessa La legge 6 novembre 2012,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Allegato al D.R. n. 172 del 23.12.2011 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO (approvato dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione nelle rispettive sedute del

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO DEI MASTER UNIVERSITARI DI I E DI II LIVELLO E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI ALTA FORMAZIONE PERMANENTE E RICORRENTE

REGOLAMENTO DI ATENEO DEI MASTER UNIVERSITARI DI I E DI II LIVELLO E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI ALTA FORMAZIONE PERMANENTE E RICORRENTE REGOLAMENTO DI ATENEO DEI MASTER UNIVERSITARI DI I E DI II LIVELLO E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI ALTA FORMAZIONE PERMANENTE E RICORRENTE INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI...3 Art. 1 Ambito di

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Scarperia (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (Parte integrante dell Ordinamento generale degli uffici e dei servizi) Approvato

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

PROCESSO DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ DI ATENEO

PROCESSO DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ DI ATENEO PROCESSO DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ DI ATENEO Organizzazione del processo di assicurazione della qualità Le funzioni di progettazione, osservazione e controllo del processo di assicurazione della qualità

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010)

REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010) REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010) emanato con D.R. n. 192 del 27 febbraio 2014 INDICE Art. 1 Istituzione 2 Pag. Art. 2 Attribuzioni 2

Dettagli

Le entrate e le spese

Le entrate e le spese 1. Introduzione Nella presente sezione vengono sviluppate alcune considerazioni collegate alla composizione delle entrate e delle spese dell Ateneo Genovese così come rappresentate nel Conto Consuntivo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E RESPONSABILITA A LIVELLO DI ATENEO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E RESPONSABILITA A LIVELLO DI ATENEO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E RESPONSABILITA A LIVELLO DI ATENEO L'Università degli Studi di Perugia, per assolvere i propri fini primari quali la ricerca scientifica, il

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale RELAZIONE ILLUSTRATIVA SULLA GESTIONE DELL'ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 Il rendiconto

Dettagli

Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 (Ambito di applicazione)

Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 (Ambito di applicazione) REGOLAMENTO INTERNO IN MATERIA DI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E PERMANENTE, DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO E DEI MASTER DI ALTO APPRENDISTATO (emanato con decreto rettorale

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-17

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-17 PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-17 Pubblicato: 28 gennaio 2015 1 INTRODUZIONE L art. 10 del D.Lgs prevede che ogni amministrazione adotti un Programma triennale per la trasparenza

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2010

BILANCIO DI PREVISIONE 2010 MCA II - Area Finanziaria BILANCIO DI PREVISIONE 2010 NOTA INTEGRATIVA La finalità dalla presente nota, che costituisce parte integrante del bilancio di previsione 2010, è quella di illustrare i principali

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Documento condiviso tra le Università di Macerata e Camerino in attuazione degli indirizzi dell accordo di programma dell 11 febbraio 2010 tra Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca,

Dettagli

Internazionalizzazione dell Offerta Formativa. Programmi di studio integrati e Corsi di studio in lingua inglese

Internazionalizzazione dell Offerta Formativa. Programmi di studio integrati e Corsi di studio in lingua inglese Internazionalizzazione dell Offerta Formativa Programmi di studio integrati e Corsi di studio in lingua inglese Negli ultimi decenni, la riforma universitaria ha modificato in modo radicale la visione

Dettagli

Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO. dell Università degli Studi di Perugia

Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO. dell Università degli Studi di Perugia Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO dell Università degli Studi di Perugia (Emanato con decreto rettorale n. 66 del 26 gennaio 2015) 1 Indice TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

Bilancio Consuntivo 2009

Bilancio Consuntivo 2009 Bilancio Consuntivo 2009 EUT EDIZIONI UNIVERSITÀ DI TRIESTE Sommario Parte prima Consuntivo 2009 del Centro di Spesa Principale I Relazione del Centro di Spesa Principale 7 1 Introduzione al Conto Consuntivo

Dettagli

Regolamento per l assunzione di ricercatori universitari a tempo determinato

Regolamento per l assunzione di ricercatori universitari a tempo determinato Emanato con D.R. n. 621/2012 del 05.04.2012 Modificato con D.R. n. 860/2013 del 05.06.2013 Modificato con D.R. n. 1490/2015 del 29/10/2015 Regolamento per l assunzione di ricercatori universitari a tempo

Dettagli

Università Politecnica delle Marche

Università Politecnica delle Marche RELAZIONE AL BILANCIO 2014 Allegato 1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA 1. INTRODUZIONE L Università Politecnica delle Marche in attuazione del D.Lgs. 18 del 27/1/2012 adotta a decorrere dal 1.1.2014 il sistema di

Dettagli

ART. 6 ATTIVAZIONE DELLA PROCEDURA

ART. 6 ATTIVAZIONE DELLA PROCEDURA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL RECLUTAMENTO, DEL REGIME GIURIDICO E DEL TRATTAMENTO ECONOMICO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO (D.R. N. 501 del 31.10.2013) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione; Schema di decreto legislativo recante la disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche di bilancio e di reclutamento degli atenei in attuazione della delega prevista

Dettagli

REGOLAMENTO DI BUDGET 2015

REGOLAMENTO DI BUDGET 2015 REGOLAMENTO DI BUDGET 2015 Premessa La programmazione Aziendale ricomprende in modo integrato il documento di programmazione annuale, il Piano Performance, gli Obiettivi di Interesse Regionale, gli obiettivi

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO ANNO 2012

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO ANNO 2012 AREA AMMINISTRATIVA Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06494991 Fax 0649499059 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO ANNO 2012 Il decreto legislativo

Dettagli