Relazione gestionale del Direttore amministrativo Antonino Di Guardo anno 2010 INDICE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione gestionale del Direttore amministrativo Antonino Di Guardo anno 2010 INDICE"

Transcript

1 Relazione gestionale del Direttore amministrativo Antonino Di Guardo anno 2010 INDICE 1. Premessa 2. Centri di spesa autonomi 3 Offerta formativa e servizi agli studenti 4. Risultati di bilancio - esercizio finanziario anno Uffici di staff della Direzione amministrativa ALLEGATO 1 Obiettivi gestionali assegnati al personale dirigente e responsabile di sezione complessa ALLEGATO 2. Tavoli tecnici ALLEGATO 3. Dati numerici 1

2 PARTE PRIMA 1. Premessa Le evidenze riportate nella presente relazione rimarcano le principali azioni assunte e/o coordinate, nel corso dell anno 2010, d intesa con i responsabili delle unità organizzative interessate, nell intento di perseguire le priorità gestionali correlate agli obiettivi strategici, come individuati dagli organi, dal Rettore e dai componenti lo staff rettorale secondo materia delegata. Atteso che la struttura tecnico-amministrativa costituisce supporto strumentale al conseguimento delle finalità istituzionali dell Ateneo, sono proseguite, anche nell anno 2010, le attività di riorganizzazione delle unità di servizio centrali e dei centri di spesa autonomi, con particolare riferimento a funzioni/processi, ruoli/responsabilità, relazioni infra/interfunzionali, secondo il processo logico-sequenziale di cui alla tabella che segue. 1. Obiettivi strategici di Ateneo (linee ministeriali, organi dell Ateneo, stakeholder) 4. Monitoraggio, Valutazione, Riprogettazione 2. Obiettivi gestionali/operativi 3. Macro-organizzazione e Micro-organizzazione 2

3 Le attività di riorganizzazione e innovazione realizzate in corso d anno sono state ispirate ai principi e ai criteri generali definiti e deliberati dagli organi, già nella seduta congiunta del : distinzione tra le funzioni di indirizzo, di programmazione e di controllo in capo agli organi di governo e le funzioni di attuazione e di gestione amministrativa, tecnica e finanziaria in capo al Direttore amministrativo, ai dirigenti e, nei limiti stabiliti dalle disposizioni interne, normative e contrattuali, ai responsabili di struttura; centralità dell utenza e rendicontazione sociale; imparzialità, semplificazione e snellimento delle procedure; pubblicità degli atti e accesso ai dati, ai documenti e alle informazioni; informatizzazione delle attività/servizi e integrazione in sistemi informativi; semplificazione degli ambiti organizzativi e flessibilità gestionale; valutazione dei risultati/prestazioni, nel rispetto del principio del merito; valorizzazione e promozione delle professionalità del personale tecnico-amministrativo e dirigente, anche mediante la formazione e l aggiornamento continuo delle competenze; adeguatezza degli ambienti di lavoro e studio, anche sotto il profilo della prevenzione e sicurezza; sistema di relazioni sindacali orientato alla trasparenza dei comportamenti delle parti, alla reciproca collaborazione e alla prevenzione dei conflitti; pari opportunità; collaborazione con altre istituzioni pubbliche e private. Tenuto conto della continua evoluzione del contesto normativo, con particolare riferimento alle disposizioni del d.lgs. 165/2001 e s.m.i. e, nel rispetto dei principi di efficienza, efficacia, economicità e trasparenza, il Direttore amministrativo ha assicurato in relazione alla macro-organizzazione, in particolare: l omogeneità degli ambiti funzionali e la titolarità dei medesimi, in coerenza con le esigenze organizzative e il grado di autonomia/responsabilità/competenze delle singole categorie professionali; la definizione degli obiettivi gestionali, determinando al contempo le risorse professionali, finanziarie e strumentali necessarie per raggiungere gli obiettivi assegnati ai dirigenti e ai responsabili di strutture; il monitoraggio e la valutazione degli obiettivi raggiunti, in correlazione ai risultati attesi (vedi Allegato 1). Tenuto conto degli obiettivi assegnati, con riferimento alla micro-organizzazione, i dirigenti e i responsabili delle unità organizzative (sezioni) hanno assicurato, in particolare: d intesa con il Direttore amministrativo la definizione della modellistica organizzativa e del sistema delle responsabilità di competenza; l adozione delle iniziative e degli atti necessari ad assicurare la migliore gestione delle risorse professionali, finanziarie, strumentali e informative di competenza; la valutazione del personale assegnato, nel rispetto del principio del merito. 3

4 Interventi di riorganizzazione funzionale Anno 2010 Oggetto Provvedimento Data Individuazione delle Sezioni complesse D.D.A. n Riorganizzazione della Sezione complessa Pianificazione, Controllo e Bilancio D.D.A. n Trasferimento personale/competenze della Ripartizione Risorse Edilizie D.D.A. n Riorganizzazione della Sezione complessa Centracon D.D.A. n Riorganizzazione della Sezione complessa Servizi Economali e Contratti D.D.A. n Interventi di riorganizzazione per l'amministrazione Centrale: - Sez. Servizi agli Studenti e alla Didattica - Ripartizione Mobilità internazionale; - Sez. Ricerca e Dottorati; - Divisione II - Risorse Umane - Sez. Stipendi, Pensioni e Fiscalità - Ripartizione Pensioni e Riscatti; - Ripartizione Bilancio, Uscite e Missioni; - Divisione IV - Affari tecnici, edilizi e generali; - Divisione V - Infrastrutture e Servizi Informativi. D.D.A. n E bene ricordare che, se improntare le attività di gestione secondo criteri di efficienza, efficacia, economicità e trasparenza costituisce oramai da tempo un imperativo per tutte le amministrazioni pubbliche, la continua tensione alla massimizzazione gestionale mal si coniuga, da una parte, con il decremento costante di risorse professionali e finanziarie, dall altra, con l aumento di vincoli e adempimenti burocratici cui l Ateneo è chiamato a corrispondere. In proposito, si ricordano il ripristino dei controlli preventivi di legittimità della Corte dei conti, gli adempimenti in materia di tracciabilità di flussi finanziari e di verifica della regolarità fiscale e contributiva. Gli organi dell Ateneo, in corso d anno, in particolare il Consiglio di Amministrazione nella seduta dd , hanno ritenuto opportuno procedere alla costituzione dell Organismo indipendente di Valutazione (OiV-t), previsto dall art. 14 del d.lgs. 150/2009, pur in assenza di un adempimento cogente per le università, nelle more di disporre di norme di raccordo tra le attività della Commissione per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle Amministrazioni pubbliche (CiVIT), quelle 4

5 dell Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (ANVUR) e le attività dei Nuclei di valutazione, come acclarato dalla delibera n. 09/2010 dd della CiVIT. Nella suddetta delibera, la CiVIT, organo nazionale preposto alla gestione e definizione degli standard e delle linee guida in materia di misurazione delle performance delle amministrazioni pubbliche (ex art. 13 del d.lgs. 150/2009), precisa che le università sono comunque destinatarie della nuova disciplina dettata dal d.lgs. 150/2009, dovendo svolgere, seppure in piena autonomia e con modalità organizzative proprie, procedure di valutazione delle strutture e del personale al fine di promuovere, anche attraverso l utilizzo di sistemi premianti selettivi, il merito e il miglioramento della performance, organizzativa e individuale. Di seguito, le nuove funzioni richieste dal rinnovato quadro normativo che vanno ad affiancarsi, integrandole, alle originarie competenze dei Nuclei di valutazione. monitorare il funzionamento complessivo del sistema di valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni ed elaborare una relazione annuale sullo stato dello stesso; comunicare le criticità riscontrate ai competenti organi interni di governo e amministrazione, nonché alla Corte dei conti, all'ispettorato per la funzione pubblica e alla CiVIT; supportare gli organi politico-amministrativi nella definizione degli obiettivi strategici; contribuire, attraverso il sistema di misurazione e valutazione, all allineamento dei comportamenti del personale alla missione dell organizzazione; validare la Relazione annuale sulla performance, di cui all'art. 10 del d.lgs. 150/2009, e assicurarne la visibilità attraverso la pubblicazione sul sito istituzionale; garantire la correttezza dei processi di misurazione e valutazione, nonché di erogazione degli strumenti premiali, nel rispetto del principio di valorizzazione del merito e della professionalità; proporre, sulla base del sistema di misurazione e valutazione, all'organo di indirizzo politico amministrativo la valutazione annuale dei dirigenti di vertice; verificare i risultati e le buone pratiche di promozione delle pari opportunità; realizzare le indagini sul personale dipendente, volte a rilevare il livello di benessere organizzativo e il grado di condivisione del sistema di valutazione, nonché la rilevazione della valutazione del proprio superiore gerarchico, da parte del personale. In considerazione della quantità e natura delle competenze da ricondurre al Nucleo di valutazione, come detto, si è proceduto alla costituzione dell Organismo indipendente di Valutazione che, di concerto con la Direzione amministrativa e supportato dal Servizio Relazioni sindacali, opererà in sinergia e raccordo con il Nucleo di valutazione, assicurando le competenze tecniche necessarie a garantire le succitate funzioni. 5

6 Tutte le attività di riorganizzazione e innovazione realizzate sono state prioritariamente orientate alla realizzazione degli obiettivi strategici dell Ateneo (vedi in tabella che segue il raggruppamento degli obiettivi per aree di intervento), coerenti con le Linee generali di indirizzo , come definite dal MIUR con il d.m. 50/2010. A tal fine, si è proceduto ad assumere, in particolare, le seguenti iniziative: realizzare un aggiornamento della mappatura delle attività e dei processi connessi agli obiettivi strategici; consolidare e ampliare l offerta dei servizi online; rafforzare l affidabilità, la sicurezza e la tempestività dei flussi di dati/informazioni, in ottica di sistema; salvaguardare il livello di finanziamento delle attività di ricerca e dei correlati servizi di supporto; salvaguardare il livello di finanziamento dei servizi e interventi a favore dei servizi agli studenti; stabilizzare il sistema di rendicontazione sociale. Area di intervento Formazione e Servizi agli studenti - Razionalizzazione dell'offerta formativa Incremento dell offerta formativa interatenei Riduzione del numero dei corsi Riduzione della disseminazione territoriale - Qualificazione dell'offerta formativa Area di intervento Ricerca scientifica e Trasferimento di conoscenza - Potenziamento delle attività di ricerca e di formazione alla ricerca Incremento delle risorse finanziarie e strumentali Implementazione di logiche di valutazione e premialità della produttività scientifica dei professori e dei ricercatori Incremento della consistenza dei ricercatori, anche non strutturati Razionalizzazione dei corsi di dottorato e incremento del numero delle borse di studio attribuite ai corsi di dottorato - Internazionalizzazione della ricerca Monitoraggio del rapporto docenti/studenti Rilevazione delle opinioni degli studenti frequentanti Incremento del grado di attrattività dell'offerta formativa per gli studenti stranieri, in particolare, per i corsi di laurea magistrale e di dottorato Incremento del grado di attrattività dei corsi di laurea magistrale nei confronti dei migliori laureati in altri Atenei Incremento del numero dei laureati in corso, monitorando i CFU Monitoraggio dei tempi dell'inserimento lavorativo Attenzione alle vocazioni culturali e produttive del territorio Sostegno ai programmi di collaborazione e scambio internazionali Sostegno all acquisizione di risorse finanziarie, mediante contratti e convenzioni e partecipazione a progetti in sede internazionale Incremento del grado di attrattività dei corsi di dottorato per studenti stranieri 6

7 Area di intervento Formazione e Servizi agli studenti - Internazionalizzazione dell'offerta formativa Potenziamento dei servizi a supporto dei programmi di mobilità in ingresso e in uscita Incremento dell offerta formativa in lingua inglese Incremento degli accordi interatenei per titoli congiunti o doppio titolo - Servizi agli studenti Potenziamento dei servizi di orientamento, tutoraggio, tirocinio e stage Potenziamento della formazione integrativa e di supporto Potenziamento delle attività di fund raising, a sostegno di premi e borse Ampliamento dei servizi online e dematerializzazione dei procedimenti, anche mediante la digitalizzazione della documentazione Area di intervento Ricerca scientifica e Trasferimento di conoscenza - Ampliamento e consolidamento dei legami con il mondo produttivo e dei servizi Incremento dei dottorati in settori strategici e sostenuti dalle imprese Incremento delle reti di collaborazioni industriali nazionali e internazionali, mediante diffusione di informazioni sul patrimonio universitario di conoscenze, tecnologie e strumentazione Potenziamento dei servizi dell ILO, in materia di proprietà intellettuale, start up e spin off universitari Incremento del portafoglio brevetti 2. Centri di spesa autonomi 2.1 Strutture dipartimentali. Risulta ancora di rilievo, nel corso dell anno 2010, la prosecuzione del riassetto dei centri di spesa autonomi, in particolare, delle strutture dipartimentali. Trattasi di complessi percorsi di riorganizzazione che hanno naturalmente investito anche gli ambiti amministrativi di supporto, sotto il profilo logistico, organizzativo, gestionale e professionale. In proposito, è bene anticipare che, al , la consistenza del numero dei dipartimenti ha registrato un ulteriore decremento: 21 unità, a fronte delle 32 unità al e delle 38 unità al Nell anno 2006, si contavano 41 strutture dipartimentali. 7

8 Dipartimenti al (n. 21 unità) 1. Clinico Universitario di Anestesia, Chirurgia, Anatomia Patologica, Dermatol., Epatol. e Sc. Molecolari ACADEM 2. Clinico di Biomedicina 3. Clinico di Scienze della Riproduzione e dello Sviluppo e di Scienze di Medicina pubblica 4. Clinico di Scienze Mediche, Tecnologiche e Traslazionali 5. Filosofia, Lingue e Letterature 6. Fisica 7. Geoscienze 8. Ingegneria Civile e Ambientale 9. Ingegneria Industriale e dell Informazione 10. Ingegneria Meccanica e Navale 11. Matematica e Informatica 12. Progettazione Architettonica e Urbana 13. Psicologia 14. Scienze Chimiche e Farmaceutiche 15. Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche 16. Scienze Giuridiche 17. Scienze Politiche e Sociali 18. Scienze del Linguaggio, dell'interpretazione e Traduzione 19. Scienze della Formazione e dei Processi Culturali 20. Scienze della Vita 21. Storia e Culture dall'antichità al Mondo Contemporaneo 8

9 1. Economia e Tecnica aziendale 2. Elettrotecnica, Elettronica e Informatica 3. Filosofia 4. Fisica 5. Formazione ed Educazione 6. Ingegneria civile e ambientale 7. Ingegneria meccanica 8. Ingegneria navale, del mare e per l ambiente Dipartimenti al (n. 32 unità) 9. Letterature straniere, Comparatistica e Studi culturali 10. Matematica applicata alle Scienze economiche, statistiche ed attuariali 11. Matematica e Informatica 12. Materiali e Risorse naturali 13. Progettazione architettonica e urbana 14. Psicologia 15. Scienze chimiche 16. Scienze del Linguaggio, dell Interpretazione, della Traduzione 17. Scienze dell Antichità 18. Scienze dell Uomo 19. Scienze della Terra 20. Scienze della Vita 21. Scienze economiche e statistiche 22. Scienze farmaceutiche 23. Scienze geografiche e storiche 24. Scienze geologiche, ambientali e marine 9

10 25. Scienze giuridiche 26. Scienze politiche 27. Storia e Storia dell Arte Continua - Dipartimenti al (n. 32 unità) 28. Clinico di Anestesia, Chirurgia, Anatomia Patologica, Dermatol., Epatol. e Sc. Molecolari 29. Clinico di Biomedicina 30. Clinico di Scienze della Riproduzione e dello Sviluppo 31. Clinico di Scienze di Medicina pubblica 32. Clinico di Scienze Mediche, Tecnologiche e Traslazionali 1. Astronomia 2. Economia e Tecnica aziendale 3. Elettrotecnica, Elettronica ed Informatica 4. Filosofia 5. Fisica 6. Fisica teorica 7. Formazione ed Educazione Dipartimenti al (n. 38 unità) 8. Ingegneria chimica, dell ambiente e delle materie prime 9. Ingegneria civile e ambientale 10. Ingegneria meccanica 11. Ingegneria navale, del mare e per l ambiente 12. Italianistica, Linguistica, Comunicazione, Spettacolo 13. Letterature straniere, Comparatistica e Studi culturali 14. Matematica applicata alle Scienze economiche, statistiche ed attuariali 15. Matematica e Informatica 10

11 16. Materiali e Risorse naturali 17. Progettazione architettonica e urban. 18. Psicologia 19. Scienze chimiche Continua - Dipartimenti al (n. 38 unità) 20. Scienze del Linguaggio, dell Interpretazione, della Traduzione 21. Scienze dell Antichità 22. Scienze dell Uomo 23. Scienze della Terra 24. Scienze della Vita 25. Scienze economiche e statistiche 26. Scienze farmaceutiche 27. Scienze geografiche e storiche 28. Scienze geologiche, ambientali e marine 29. Scienze giuridiche 30. Scienze politiche 31. Storia e Storia dell Arte 32. Clinico di Biomedicina 33. Clinico di Medicina clin. e sper. e Neuroscienze clin. e sper. 34. Clinico di Sc. chirurgiche generali, anestes. e medicina intensiva 5 35 Clinico di Sc. chirurgiche specialist., Biomateriali e Bioimpianti 36. Clinico di Sc. clin., morfologiche e tecnologiche 37. Clinico di Sc. della Riproduzione e dello Sviluppo 38. Clinico di Sc. di Medicina pubblica 11

12 2.2 Commissione per la Valutazione della Ricerca (CVR). Nel corso dell anno 2010, va segnalata l attività istruttoria che ha portato alla costituzione della CVR, con il compito di promuovere, in coordinazione con il Nucleo di Valutazione di Ateneo, la sperimentazione, l'applicazione e la diffusione di metodologie e pratiche di valutazione, secondo criteri nazionali e internazionali, strumentali al rilevamento, all analisi e al sostegno della qualità dell'attività scientifica svolta nell'ateneo. La commissione istruttoria, nominata dal Consiglio delle Strutture Scientifiche dd , con la partecipazione del Collaboratore rettorale per la Ricerca scientifica, ha proceduto all elaborazione di una bozza di testo regolamentare, delineando funzioni, composizione e operatività della CVR. Il testo definitivo del Regolamento, all esito di un approfondita fase di elaborazione e confronto, è stato approvato dal Consiglio delle Strutture Scientifiche dd , dal Senato Accademico dd e dal Consiglio di Amministrazione dd Nell ambito del su richiamato riassetto dei centri di spesa autonomi, di altrettanto rilievo gestionale risultano gli esiti dei processi di riorganizzazione che hanno interessato il Centro Coordinamento e Sviluppo Progetti e Apparecchiature (CSPA), il Centro Servizi di Ateneo per il Trasferimento delle Conoscenze Centracon e il Centro Linguistico di Ateneo (CLA). 2.3 Centro Coordinamento e Sviluppo Progetti e Apparecchiature (CSPA). Il percorso di riordino è stato avviato nell anno 2008 (vedi delibera del CdA dd ), mediante la nomina di un apposita commissione consiliare, con il compito di analizzare funzioni e competenze delle singole strutture (settori) componenti il CSPA, nonché, di concerto con la Direzione amministrativa, proporre un piano di riorganizzazione. A fine 2009, assunto il parere favorevole del Consiglio delle Strutture Scientifiche, con proprie deliberazioni, il Senato Accademico dd e il Consiglio di Amministrazione dd , nel riconfermare l interesse strategico dell Ateno alla creazione di un Sistema Trieste per la stabulazione, hanno approvato la ricollocazione del Settore Stabulario e Sperimentazione Animale dal CSPA al Dipartimento di Scienze della Vita, con contestuale attribuzione, a quest ultimo, delle attività e delle risorse correlate. Infine, sempre assunto il parere favorevole del Consiglio delle Strutture Scientifiche, il Senato Accademico dd e il Consiglio di Amministrazione dd hanno deliberato la disattivazione del CSPA e dei relativi settori, a far data dall 1 gennaio 2011, disponendo altresì: la trasformazione dei settori in servizi di interesse generale dell Ateneo; la costituzione, per ciascun servizio, di un comitato tecnico-scientifico; la gestione dei servizi da parte dei dipartimenti interessati e la contestuale ripartizione del materiale inventariale; di dare mandato al Direttore amministrativo di porre in atto tutti i provvedimenti necessari e di provvedere alla riallocazione del personale tecnico-amministrativo. 2.4 Centro Servizi di Ateneo per il Trasferimento delle Conoscenze (Centracon). Il secondo percorso di riordino ha registrato nel Centracon la confluenza delle preesistenti unità organizzative denominate: Edizioni Università di Trieste (EUT), Sistema Bibliotecario di Ateneo (SBA), Sistema museale di Ateneo (SmaTs) e Museo nazionale dell Antartide (MNA) - Sezione di Trieste. Centracon, che ha conservato l assetto di centro di spesa autonomo, è stato istituito con DR 572/2010 dd In precedenza: il Consiglio delle Strutture Scientifiche dd aveva espresso parere favorevole all iniziativa; il Senato Accademico dd e il Consiglio di Amministrazione dd ne avevano approvato l istituzione. Infine, con proprio decreto 1073/2010 dd , il Direttore amministrativo ha definito l articolazione interna e la dotazione organica di Centracon. 12

13 Il Regolamento di Centracon è stato approvato, assunto il parere favorevole del Consiglio delle Strutture Scientifiche dd , nella seduta del Senato Accademico dd e del Consiglio di Amministrazione dd Il predetto Regolamento definisce: le finalità; le attività; l utenza; gli organi di gestione e di indirizzo scientifico. Una norma transitoria prevede la progressiva armonizzazione dei regolamenti di funzionamento delle singole unità organizzative confluite nel Centracon, entro il Centro Linguistico di Ateneo (CLA). In corso d anno, la su richiamata Commissione consiliare, sempre di concerto con la Direzione amministrativa, ha avviato il percorso di riordino del CLA, istituito nell anno 1992, con la finalità di coordinare le attività di supporto all insegnamento delle lingue straniere nell Ateneo e, dall 1 gennaio 2003, configurato quale centro di spesa autonomo. Il Senato Accademico dd e il Consiglio di Amministrazione dd , assunto il parere favorevole del Consiglio delle Strutture Scientifiche, hanno deliberato di assegnare la gestione amministrativo - contabile del CLA al Dipartimento di Scienze del Linguaggio, dell'interpretazione, della Traduzione, configurandola come "Sezione" dotata di autonomia gestionale, ma non di autonomia finanziario-contabile. Altresì, Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di dare mandato al Direttore amministrativo di provvedere alla revisione del vigente Regolamento del CLA. 3. Offerta formativa e servizi agli studenti 3.1 Riorganizzazione dell offerta formativa. Parimenti impegnativo il percorso di riorganizzazione dell offerta formativa che ha dovuto inevitabilmente confrontarsi con l ulteriore contrazione del personale docente e ricercatore e i sopravvenuti vincoli in materia di requisiti minimi per l'attivazione dei corsi. Anche in questo caso, trattasi di complessi percorsi di riorganizzazione che hanno impattato sulle strutture di servizio delle facoltà e dell Amministrazione centrale, sotto il profilo organizzativo, gestionale e professionale. Corsi di laurea triennali Offerta formativa Corsi di studio 2008/ / /11 43 (compresi 3 corsi replicati in altra sede) 35 (compreso 1 corso replicato in altra sede) Corsi di laurea specialistici/magistrali Corsi di laurea triennali interateneo Corsi di laurea specialistici/magistrali interateneo Corsi di laurea vecchio ordinamento Corsi di laurea a ciclo unico (5/6 anni) (*) (*) Attività post lauream Scuole di specializzazione Master di I e II livello Corsi di perfezionamento Dottorati di ricerca 2008/ / / Totale Totale

14 Nota (*) Si segnala che i corsi di laurea interateneo, attivati ad anni alterni, presentano specifiche problematiche organizzativo - gestionali che coinvolgono anche l aspetto, non secondario, di una modellistica di tassazione condivisa tra gli atenei interessati. I suddetti percorsi di riorganizzazione scientifica e didattica, che sono stati supportati dall Amministrazione, tra l altro, attraverso la costituzione di specifici Tavoli tecnici (*), con competenze professionali riconducibili ad ambiti organizzativi diversi (giuridici, finanziari, informatici, biblioteconomici, logistici), hanno richiesto complesse e molteplici azioni amministrativo-gestionali e di formazione del personale mirate, in particolare: all aggiornamento del profilo di competenze (saperi/capacità) del Segretario amministrativo e dello SdaF e al consolidamento delle rispettive reti professionali; all intercettazione di nuove identità professionali, da destinare al supporto delle attività di ricerca e di trasferimento tecnologico; all analisi della vigente modellistica organizzativa, in preparazione dell implementazione della contabilità economicopatrimoniale e del bilancio unico, per garantire l omogeneità e la correttezza delle rilevazioni contabili e la loro fedele rappresentazione nel bilancio di Ateneo. Nota (*) Anche nel corso dell anno 2010, attraverso l aggregazione temporanea in Tavoli tecnici (vedi Allegato 2) di personale individuato in ragione delle proprie competenze ed esperienze professionali, si è inteso migliorare la condivisione di protocolli di lavoro e informativi in logica di processi e raccordo interfunzionale. Le modalità di funzionamento dei suddetti Tavoli, formalizzati in qualità di ambiti di analisi/studio/istruttoria, riferiti a specifiche tematiche di natura tecnica e amministrativa, costituiscono autonoma prassi organizzativa. Compete al Direttore amministrativo definire: finalità, composizione e ruolo di coordinamento operativo; al Coordinatore operativo compete organizzare le attività e rendicontare i risultati conseguiti. Integrando la specializzazione, caratterizzante le funzioni, con il coordinamento di competenze professionali afferenti ad ambiti organizzativi diversi, si è inteso peraltro accelerare la realizzazione di progetti di innovazione e sviluppo; altresì, si è inteso perseguire un progressivo contenimento dei costi organizzativi derivanti dalla parcellizzazione dei procedimenti e delle responsabilità. In questa prospettiva, si è investito su attività formative mirate a incrementare i saperi specialistici, anche al fine di promuovere il senso della convenienza di appartenere a famiglie professionali riconosciute dalla comunità. 3.2 Servizi agli studenti. Nel corso dell anno 2010, è stata realizzata la manifestazione - l Università di Trieste per il lavoro. L evento ha inteso favorire opportunità di incontro tra laureandi/neolaureati e sistema economico regionale e nazionale. Il programma della giornata ( ) si è articolato in: incontri tra referenti delle risorse umane delle aziende e degli enti partecipanti e neolaureati; workshop su fabbisogni occupazionali, imprenditorialità, opportunità di tirocinio all'estero, come redigere un CV o una lettera di presentazione. 14

15 L iniziativa dello Sportello Lavoro dell Ateneo Sezione Servizi agli Studenti e alla Didattica tesaurizza l esperienza e i risultati conseguiti in ambito di placement universitario, con il Programma FIxO - Formazione & Innovazione per l Occupazione, già a partire dall anno A tale proposito, si ricorda che l Ateneo ha confermato la propria adesione al Programma FIxO /2010, prorogato al con nota del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali DG/POF/N.9743 dd Le attività e gli obiettivi previsti dalla nuova fase del Programma sono stati oggetto del Protocollo Operativo tra Italia Lavoro S.p.A., agenzia tecnica del Ministero, e l Università degli Studi di Trieste. Il Programma prevede le seguenti linee intervento funzionali a: sostenere i placement universitari nell adozione di meccanismi di cooperazione con le istituzioni regionali e con gli operatori pubblici e privati del mercato del lavoro; dotare i placement universitari di un maggiore livello di specializzazione e qualificazione dei servizi; incentivare l utilizzo di dispositivi e misure di politica attiva del lavoro (tirocini, contratto di apprendistato, orientamento alle professioni, etc.) finalizzati a rafforzare le competenze e a fornire strumenti di orientamento al mondo del lavoro ai laureati e ai dottori di ricerca; definire un sistema informativo sui laureati (banca dati laureati), in cui siano resi disponibili ai soggetti istituzionali e agli operatori del mercato del lavoro i dati anagrafici e professionali sui neolaureati. Sempre in tema di servizi agli studenti, nel corso dell anno 2010, è stata effettuata una selezione pubblica finalizzata all individuazione dell operatore a cui affidare la fornitura di un ambiente di lavoro integrato per gli studenti, per un periodo di cinque anni, senza oneri a carico dell Ateneo, con le seguenti funzioni: servizio di posta elettronica, con indirizzo mnemonico basato sul nome e cognome dello studente; rubrica; sistemi di messaggistica; applicativi di videoscrittura; fogli elettronici; calendario; possibilità di condivisione di documenti con altri utenti. Tale ambiente di lavoro sarà disponibile su qualsiasi PC e dispositivo mobile connesso a internet, usando le proprie credenziali di Ateneo. La nuova modalità consentirà all Ateneo, non solo un ampliamento di servizi, ma anche risparmi immediati, legati ai costi di personale e delle licenze antivirus per la posta studenti, quantificabili in ca. Euro annui, e risparmi in prospettiva, non dovendo più gestire e aggiornare l infrastruttura tecnologica (hardware e software) necessaria. 4. Risultati di bilancio - esercizio finanziario anno 2010 Congiuntamente al su menzionato riassetto dei centri di spesa autonomi e alla riorganizzazione dell offerta formativa, per far fronte all attesa contrazione del FFO, stimata in sede previsionale al 4,5%, sono state ulteriormente consolidate le azioni mirate al contenimento della spesa improduttiva, alla ricerca di fonti di finanziamento non storiche, all incentivazione 15

16 al prepensionamento del personale docente e tecnico amministrativo. Azione, quest ultima, intrapresa anche con l intento di confermare, per l anno 2010, la permanenza al di sotto della soglia del 90% del rapporto tra assegni fissi per il personale di ruolo e FFO. In particolare, la formazione del bilancio di previsione - esercizio 2010 è stata orientata al perseguimento dei seguenti obiettivi: copertura delle spese obbligatorie per il personale di ruolo; mantenimento del livello di finanziamento delle attività di ricerca e dei correlati servizi di supporto; mantenimento del livello di finanziamento dei servizi e interventi a favore degli studenti; mantenimento del livello di finanziamento per gli interventi in materia di prevenzione e sicurezza; mantenimento del livello di finanziamento dei servizi e interventi a favore del personale. Inoltre, nell anno 2010, in considerazione del valore percentuale 89,82%, conseguito nel precedente anno 2009, vale a dire al di sotto del su richiamato limite del 90%, l Ateneo ha potuto impegnare 11,90 PO, nell ambito dei punti disponibili, che hanno consentito: l assunzione di n. 6 ricercatori di ruolo, di cui 1 finanziato dal MIUR al 50%; il reclutamento di n. 33 unità di personale TA per stabilizzazioni e PEV; la stipula di n 15 contratti con ricercatori a tempo determinato su fondi esterni. Infine, sempre nel corso del 2010, si è provveduto all erogazione del conguaglio economico al personale CEL, a seguito della stipula, nel 2009, di apposito contratto integrativo, finalizzato a marginalizzare i rischi di un nuovo potenziale contenzioso giudiziario. Nonostante la complessiva contrazione del finanziamento al sistema universitario nazionale e i crescenti vincoli imposti alle voci di bilancio dell Ateneo, in ragione del contenimento della spesa pubblica, si può affermare che gli obiettivi, come declinati nelle poste del bilancio di previsione - esercizio 2010, sono stati raggiunti, senza compromettere l equilibrio finanziario, com è desumibile dal documento di bilancio consuntivo, presentato in pareggio. A tale proposito, si veda in nota il parere del Collegio dei Revisori favorevole all approvazione del conto consuntivo (*). Nota (*) Il Collegio rende la prescritta relazione a norma del regolamento di Ateneo e, conclusivamente, nel dare atto: 1. che la gestione 2010 dell Università degli Studi di Trieste si è svolta in conformità alle prescrizioni di legge e dei regolamenti, per quanto riguarda, in particolare, i profili di regolarità delle scritture contabili, delle cui risultanze sono state redatti appositi verbali; 2. che l Amministrazione ha rispettato le disposizioni in materia di contenimento della spesa pubblica che hanno interessato l attività gestionale del 2010; 3. che l Amministrazione, per quanto attiene alle spese effettive, nell esercizio 2010, per assegni fissi al personale di ruolo e di quanto considerato a valere sul FFO, ai fini dei limiti fissati dalla normativa in vigore, ha realizzato un rapporto pari al 90,83% collocandosi al di sopra del limite del 90%; 4. che i dati riferiti alla gestione di competenza e a quella dei residui corrispondono a quelli desunti dalle scritture stesse e, segnatamente per le riscossioni e i pagamenti, ai dati complessivi rilevati dal tabulato reso dall Istituto cassiere UNICREDIT BANCA S.p.A. Agenzia n. 23 di Trieste Severo B- alla chiusura dell esercizio 2010; 5. che la gestione dell esercizio 2010 dell Università di Trieste si è svolta in conformità alle prescrizioni di legge e dei regolamenti; pertanto esprime parere favorevole all approvazione del conto consuntivo dell Università degli Studi di Trieste, per l esercizio finanziario

17 L obiettivo di mantenere il livello delle spese fisse per il personale di ruolo, al di sotto della percentuale del 90% del FFO, non è stato conseguito, indipendentemente dalle politiche/azioni gestionali assunte, a causa della forte contrazione del finanziamento ministeriale, pari a meno 4,86%, a fronte della stima in sede previsionale del 4,5%. %. Al predetto decremento, inoltre, va aggiunto il minore trasferimento di risorse premiali (10% del FFO), rispetto alle aspettative, per l inatteso mutamento degli indicatori utilizzati nel 2010, fortemente penalizzanti per il nostro Ateneo (es. didattica: percentuale degli occupati a tre anni dal conseguimento del titolo; es. ricerca: è diminuito il peso dell indicatore VTR CIVR). Si commentano, di seguito, alcune macro tendenze per voci aggregate, allo scopo di evidenziare gli elementi più qualificanti e caratterizzanti il bilancio consuntivo 2010, a fronte degli obiettivi di cui al bilancio preventivo Anno AF/FFO puro Evoluzione del rapporto spese fisse personale di ruolo/ffo AF/FFO (senza riduzioni e con convenzioni) AF/FFO (con applicazione correttivi) ,00% 93,50% 90,83% ,78% 93,24% 89,82% ,50% 95,98% 92,59% ,22% 94,67% 91,64% ,65% 94,98% 90,20% ,89% 93,24% 87,97% ,80% 92,80% 89,58% 4.1 Entrate. Il complesso delle somme accertate nell anno 2010 (al netto delle partite di giro) ammonta a Euro , rispetto alla previsione assestata risulta un meno di Euro Le categorie di entrate più consistenti sono: MIUR - Euro (66,80%), di cui FFO - Euro ; Contribuzione studentesca Euro (12,52%); Regione FVG Euro (7,18%). 17

18 Fonte di finanziamento Previsione iniziale (a) Risultanze gestionali di competenza Esercizio 2010 Previsione assestata (b) diff. previsione iniziale/assestata (b-a) accertato (c) differenza (c-b) MIUR , , , , ,00 Studenti , , , , ,45 Regione FVG , , , , ,18 Altri Ministeri e organismi internazionali 0, , , ,00 0,00 Enti e privati , , , , ,95 Attività , , , , ,63 Mutui e prestiti 0, , , ,27 0,00 UE , , , ,55 0,00 Altre entrate , , , , ,96 Totale entrate (- PG e avanzo) , , , , ,09 Utilizzo Avanzo libero 0, ,00 Avanzo finalizzato , ,62 Totale avanzo , ,62 Totale entrate + avanzo - PG , ,37 In particolare: le entrate da trasferimenti dello Stato hanno registrato un decremento di ca. Euro , a causa della diminuzione del FFO; tali minori entrate sono state compensate con la revisione delle poste annoverate nell avanzo finalizzato (vedi delibera CdA dd ); le entrate contributive, per iscrizioni ai corsi di studio, sono risultate maggiori rispetto all anno 2009, più Euro , ma inferiori alle previsioni iniziali, per sovrastima della tendenza alle iscrizioni, in sede di formazione del bilancio preventivo 2010, meno Euro ; il rapporto tra il gettito da contribuzione studentesca per i corsi di I e II livello, al netto dei rimborsi, e il fondo di finanziamento ordinario, è pari al 19,08%, al di sotto del limite del 20%, di cui al dpr 306/1997; risultano in decremento le assegnazioni di fondi regionali, relativamente ai corsi di laurea professionalizzanti di area medica, ca. meno Euro

19 Rappresentazione grafica della composizione delle entrate Esercizio 2010 Enti e privati 0,73% Altri Ministeri 0,45% Attività 0,09% Mutui e prestiti 0,96% UE 0,35% Altre entrate 10,93% Composizione percentuale entrate 2010 al netto delle partite di giro e dei riporti dell'avanzo ( ,66) Studenti 12,52% Regione FVG 7,18% MIUR 66,80% MIUR Studenti Regione FVG Altri Ministeri Enti e privati Attività Mutui e prestiti UE Altre entrate 19

20 4.2 Uscite. Le uscite complessive ammontano (al netto delle partite di giro) a ca. Euro , con una flessione di Euro (4.96%), rispetto al volume impegnato nell anno Le voci di spesa più significative sono: personale Euro (64,92%); nel 2009, Euro (Irap esclusa); spese funzionamento Euro (13,29%); nel 2009, Euro ; trasferimenti interni/esterni Euro (7,26%); nel 2009, Euro Composizione delle uscite per macro voci di spesa Esercizio 2010 Tipologia Previsione Previsione Diff.prev.iniziale Impegni di Imp. % Rimanenza iniziale (a) definitiva (b) /definitiva(b-a) competenza ( c ) (b-c) TOTALE USCITE (senza PG) , , , ,83 100,00% ,54 SPESE DI PERSONALE , , , ,66 64,92% ,27 PERSONALE CONVENZIONATO , , , ,39 3,55% 2.756,81 DOCENZA SOSTITUTIVA , , , ,56 1,41% ,56 COMPENSI SERVIZI A TERZI , , , ,18 0,14% ,93 ALTRE SPESE DI PERSONALE , , , ,40 0,42% ,60 SPESE STRUTTURALI E ISTITUZ , , , ,78 13,29% ,39 TRASFERIM. A TERZI , , , ,70 0,25% ,19 IMPOSTE E TASSE , , , ,10 5,05% ,60 ONERI FINANZIARI , , , ,13 0,61% ,95 FONDI , , ,18 0,00 0,00% ,82 SPESE IN C/CAPITALE , , , ,41 1,33% ,05 ESTINZIONE MUTUI , , , ,28 1,76% ,36 TRASFERIMENTI , , , ,24 7,26% ,01 Partite di giro e contab. speciali , , , ,27 0,00 TOTALE USCITE con PG , , , , ,54 In particolare: va evidenziato il forte contenimento della spesa relativa al personale di ruolo, dovuto prevalentemente a cessazioni dal servizio, superiori a quelle preventivate, in particolare, nell ambito del personale docente e ricercatore (dicembre 2009, in servizio: 829 unità dicembre 2010, in servizio: 745 unità); le spese di funzionamento, che risultano in diminuzione rispetto al 2009, sia per vincoli di legge, sia per le politiche di contenimento adottate dall Ateneo, sono comunque in linea con le previsioni; a tale proposito, è doveroso evidenziare che la continua contrazione di risorse rischia di tradursi in impoverimento dei livelli di risultato e in un calo dei livelli di efficacia dell azione amministrativa, oramai capace solo marginalmente di individuare ulteriori recuperi di margini di inefficienza; 20

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto " ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA L'UNIVERSITA' DI SCIENZE GASTRONOMICHE E L'UNIVERSIT A' DEGLI STUDI DI TORINO. L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con sede legale

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI DIDATTICA INTEGRATIVA, IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER ATTIVITA ESTERNE DEI PROFESSORI

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

STATUTO DELL AUTONOMIA

STATUTO DELL AUTONOMIA Atti della Commissione statutaria 1 Università degli Studi di Sassari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI STATUTO DELL AUTONOMIA SOMMARIO PREAMBOLO Definizioni TITOLO I - PRINCIPI Capo I - Principi generali

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

DENTRO IL LABIRINTO. Roma, aprile 2011. La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10)

DENTRO IL LABIRINTO. Roma, aprile 2011. La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10) Roma, aprile 2011 DENTRO IL LABIRINTO La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10) di Emanuela Stefani e Vincenzo Zara DENTRO IL LABIRINTO. LA SOSTENIBILITA'

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

STATUTO TITOLO 1 IDENTITÀ, MISSIONE, OGGETTO DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA.

STATUTO TITOLO 1 IDENTITÀ, MISSIONE, OGGETTO DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA. STATUTO DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA TITOLO 1 IDENTITÀ, MISSIONE, OGGETTO DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA Definizioni 1. Ai fini dello Statuto, dei Regolamenti e degli atti dell Ateneo

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA. Università degli studi di Roma Foro Italico 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA. Università degli studi di Roma Foro Italico 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Università degli studi di Roma Foro Italico 2014-2016 Approvato nel Consiglio di Amministrazione del 22 Gennaio 2014 1 INTRODUZIONE: ORGANIZZAZIONE

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (ex art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Definito dal Nucleo di Valutazione nella seduta del 06

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 SUA-RD Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 Finalità della presentazione Questa presentazione ha lo scopo di esaminare le modalità di compilazione della

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti

Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti Versione 1.1 2 dicembre 2014 Sommario 1 Introduzione... 3 2 Cosa devono fare docenti, ricercatori,

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341;

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341; UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICA IL RETTORE Ii[NyMITÀ DEGLI STUDI MI I ACATANIA Protocollo Generale 0 8 APR. 2014 Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012 VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Verbale n. 1/2012 Il giorno 20 marzo 2012 alle ore 15.00 presso la sede universitaria di Via dei Caniana n. 2, si

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli