PERSONAGGI. Mondadori Education

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PERSONAGGI. Mondadori Education"

Transcript

1 PERSONAGGI Un personaggio esiste solo nei termini decisi dallo scrittore: il suo destino è quello di rimanere intrappolato nella dimensione della pagina, entro i confini della narrazione. Egli ha, probabilmente, un'esistenza autonoma, ma essa rimane un mistero, nascosta tra le righe delle storie non scritte (o non ancora). Nella vita reale, infatti, esistono persone, ma non personaggi: il concetto di personaggio è una categoria esclusivamente letteraria. Quello che uno scrittore decide di riportare sulla pagina in merito alla biografia, al carattere, al modo di muoversi di un essere umano o, nel caso di Böll, di una tazza è una scelta artistica. I vari scrittori presentano i loro personaggi (principali o secondari) con tecniche diverse tra loro: cosa sappiamo di loro? Da quale punto di vista? La Chola, la Ela e la Cufina, descritte da uno sguardo adulto, ci farebbero la stessa impressione? Cosa pensa di Oscar il suo vicino di casa? E qual è la storia della zia di Candida V.? Jane Austen, Jack & Alice (AUSTEN 2012, pp ). Ora può essere opportuno ritornare all'eroe di questo Romanzo, il fratello di Alice, di cui credo di non aver avuto praticamente mai occasione di parlare; il che può essere in parte dovuto alla sua sfortunata propensione per l'alcool, la quale lo privò in modo così completo dell'uso di quelle facoltà di cui la Natura l'aveva dotato, che non faceva mai alcunché degno di essere riportato. La sua Morte avvenne poco tempo dopo la partenza di Lucy e fu la conseguenza naturale di questa pratica perniciosa. Con il suo decesso la sorella divenne la sola erede di una grandissima fortuna che, dandole nuove Speranze di rendersi accettabile quale moglie di Charles Adams, non potevano mancare di essere molto piacevoli per lei e visto che l'effetto era Gioioso, la Causa non poteva essere troppo lamentata. Honoré de Balzac, Secondo studio di donna (BALZAC 1944, p. 103). In quel momento era deplorevolmente smagrita; aveva le gote coperte di polvere come un frutto esposto alle intemperie della strada. Vestita a malapena di cenci, stanca per le marce, i capelli in disordine e appiccicati assieme sotto un mezzo berretto di marmotta, vi era tuttavia in lei qualcosa della donna; i suoi movimenti erano belli, la bocca rosea, ma sciupata, i denti bianchi, le linee del viso e del petto, attrattive che la miseria e il freddo e l'incuria non avevano ancora intieramente guastate, parlavano ancora di amore a chi potesse pensare a una donna. Rosina d'altronde era di natura fragile in apparenza, ma nervosa e piena di forza. Samuel Beckett, Ding-dong (BECKETT 1972, pp ). Il suo modo di parlare era quello di una donna del popolo, ma di una gentildonna del popolo. La sua gonna aveva fatto il suo tempo, ma riusciva tuttavia ad essere rispettabile. Egli notò con sofferenza che essa ostentava intorno al collo l'insidioso pellicciotto finto così diffuso nei bassifondi un po' pretenziosi. L'unico elemento deplorabile del suo abbigliamento, come Belacqua osservò nel suo esame frettoloso, erano le calzature le crudeli scarpe dritte fuori misura della suffragetta o dell'assistente sociale. Ma lui non dubitò per un attimo che gliele avessero regalate, o che le avesse prese al banco dei pegni per un nonnulla. Era di altezza superiore alla media e ben piantata. Poteva aver passato la mezz'età. Ma il suo viso, ah il suo viso, era ciò a cui Belacqua preferirebbe riferirsi come alla sua figura, era così pieno di luce. Lo sollevò su di lui, e non per errore. Traboccante di luce e sereno, serenissimo, non recava alcuna traccia di sofferenza, e per questo fatto soltanto poteva dirsi un viso da notare. Tuttavia, come certi volti tormentati che lui aveva visto, come il

2 volto della National Gallery di Merrion Square del Maestro degli Occhi Stanchi, esso pareva esser venuto da molto lontano e sottendere un angolo di afflizione infinitamente stretto, così come gli occhi mettono a fuoco una stella. I lineamenti erano inespressivi, soltanto luminosi, impassibili e sicuri, pietrificati in radiosità, o qualcos'altro che procurava questo effetto, poiché il lettore è pregato di prender nota che questo essere zuccheroso appartiene a Belacqua. Un gesto espressivo, disse lui, un'alterazione o un corrugamento avrebbe soltanto avuto l'effetto di un faro oscurato. Le implicazioni di questa immagine trionfante, il giusto e l'ingiusto, ecc., è meglio tralasciarle. Heinrich Böll, Il destino di una tazza senza manico (BÖLL 1964, p. 21). Nessuno, là dentro, sa naturalmente che io sono nata esattamente venticinque anni fa sotto un albero di Natale e che venticinque anni sono un'età incredibilmente avanzata per una semplice tazza da caffè: le creature della nostra razza che senza essere usate sonnecchiano nelle cristalliere, vivono molto più a lungo di noi, semplici tazze. Jorge Luis Borges, La forma della spada (BORGES 1995, p. 109). Una sera che non dimenticherò, giunse tra di noi un affiliato di Munster: un certo John Vincent Moon. Aveva appena vent'anni. Era magro e molle a un tempo; dava la spiacevole impressione d'essere invertebrato. Aveva scorso con fervore e con vanità quasi tutte le pagine di non so quale manuale comunista; il materialismo dialettico gli serviva per tagliar corto a qualsiasi discussione. Le ragioni che può avere un uomo per abominarne un altro, o per amarlo, sono infinite: Moon riduceva la storia universale a un sordido conflitto economico. Affermava che la rivoluzione è destinata a trionfare. Gli dissi che a un gentleman non possono interessare che le cause perdute... Anton P. Čechov, Anima cara (ČECHOV 2007, p. 933). Olen'ka ascoltava Kukin in silenzio, tutta seria, e accadeva che le spuntassero negli occhi le lacrime. Alla fin fine le disgrazie di Kukin la commossero ed ella prese ad amarlo. Egli era piccolo di statura, scarno, con una faccia gialla, i capelli tirati sulle tempie, parlava con un'esile vocetta da tenore e, quando parlava, storceva la bocca, e sul viso aveva sempre dipinta la disperazione; ma tuttavia aveva suscitato in lei un vero, profondo sentimento. Ella amava di continuo qualcuno e di ciò non poteva far a meno. Prima aveva amato il suo babbo, che ora se ne stava, malato, in poltrona, in una camera buia, e respirava affannosamente; aveva amato sua zia, che talora, una volta ogni due anni, arrivava da Brjànsk; e ancora prima, quando studiava nel ginnasio inferiore, aveva amato il suo insegnante di lingua francese. Era una signorina quieta, bonaria, compassionevole, con uno sguardo mite e dolce, molto sana, Nel guardare le sue guance pienotte e rosee, il suo morbido collo bianco con un neo scuro, il buon sorriso ingenuo che aveva sul volto, quando ascoltava qualcosa di gradito, gli uomini pensavano: Sì, non c'è male... e sorridevano anch'essi, e le signore in visita non si potevan trattenere dal prenderla a un tratto per la mano nel mezzo della conversazione, dicendole in un moto di piacere: «Anima cara!» Fausta Cialente, Le statue (CIALENTE 1976, pp ). Egli era un fanciullo silenzioso e timido. Quando i compagni si riunivano intorno al suo letto o, avvenimento ancora più straordinario, gli succedeva di poterli ricevere sul terrazzino, si sentiva dolorosamente estraneo, non perché non li conoscesse e non fosse abituato ai loro giochi o discorsi. Egli aveva un'intuizione febbrile di come, sano, sarebbe entrato con un balzo nella loro esistenza, avrebbe imparato in un attimo un gergo che la lunga solitudine faceva cadere in disuso, e i loro segreti, menzogne, irrisioni, sotterfugi; le funzioni di un bambino «sano» gli sembravano, oltre che

3 piacevoli, facilissime. Julio Cortázar, I veleni (CORTÁZAR 2003, pp ). Dall'altro lato del giardino stavano già affacciandosi le Negri, che erano impossibili e per questo non ci frequentavamo. Le chiamavano la Chola, la Ela e la Cufina, poverine. Erano buone ma tanto stupide, e non si poteva giocare con loro. Alla nonna facevano pena, però la mamma non le invitava mai a casa perché scoppiavano litigi con mia sorella e con me. Tutte e tre volevano fare il capobanda ma non sapevano né il gioco del mondo né le biglie né guardie e ladri né liberi tutti, e l'unica cosa che sapevano fare era ridere come delle sceme e parlare di tante cose che non so a chi potessero interessare. Il padre era consigliere comunale e avevano le Orpington fulve. Noi allevavamo le Rhode Island che dànno più uova. Antonio Debenedetti, Il coccorito ruffiano (DEBENEDETTI 1972, pp ). Sovente Oscar provava un tormentoso bisogno di abbracciare qualcuno o qualcosa, allora esasperato raccoglieva le ginocchia contro il petto e le stringeva con tutta la forza delle sue braccia scarne e coperte da una sottile peluria. Invariabilmente, in certe ore del giorno, i muscoli della spalla e dell'avambraccio destro gli si contraevano dolorosamente. Intanto i piedi surriscaldati gli fumavano nel feltro delle pantofole servizievoli e di buon uso come due antiche vaporiere sfiancate. Lungo le gambe gli montava un formicolio, un pizzicore che raggiungeva le sudate regioni inguinali. Non sopportava più il contatto con la lana. Maglie e altri intimi indumenti gli procuravano un insoffribile fastidio, come se fosse tribolato da nugoli di mosche cavalline o di minuscole formiche rossobrune. Per di più sortiva da quei panni, aderentissimi alla sua pelle, un odore vagante simile a quello che insapora le palestre dei ginnasiali. Per soffrir meno, Oscar aveva imparato a camminare con la nuca rigida, la schiena curva e le gambe dure come scope dentro il solletico dei calzoni. Alfred Döblin, La ballerina e il corpo (DÖBLIN 2004, pp ). A diciott'anni aveva un figuretta leggera come seta, neri occhi smisurati. Il viso lungo dai tratti decisi, quasi come quello di un ragazzo. La voce chiara, priva di qualsiasi seduzione e musicalità, concitata; un'andatura rapida, impaziente. Era scostante, osservava con sguardo lucido le sue colleghe prive di talento, annoiata dai loro lamenti. A diciannove anni fu colpita da un mal pallido che conferì al suo volto un candore misterioso in contrasto con la crocchia dei capelli neroazzurri. Le sue membra si appesantirono, ma continuò a danzare. Se era sola, pestava il piede per terra, minacciava il proprio corpo, gli si accaniva contro. A nessuno parlava della sua debolezza. Digrignava i denti per quella cosa stupida, infantile, che solo da poco aveva imparato a sottomettere. Nikolaj Gogol', Il calesse (GOGOL' 1957, pp ). Fra i proprietari, la persona più di riguardo era Pifagòr Pifagòrovič Čertokùckij, un nobile della più alta aristocrazia del distretto di B., il quale faceva più baccano degli altri alle elezioni, ed era giunto su una carrozza elegantissima. Aveva prestato servizio, tempo addietro, in un reggimento di cavalleria, ed era stato uno degli ufficiali più brillanti e più in vista; per lo meno lo si era veduto a moltissimi balli e convegni, dovunque il suo reggimento avesse stanza; del resto, su questo punto, si possono interpellare le ragazze di Tambòv e Sibìrsk... È probabile che egli avrebbe fatto risuonare anche altri governatori di una gloria per lui lusinghiera se non fosse stato costretto a congedarsi in seguito a una di quelle tali circostanze che son dette solitamente «accidenti sgradevoli»: sia che avesse dato uno schiaffo a qualcuno d'età un po' troppo avanzata, che lo schiaffo se lo fosse preso non ricordo bene il dettaglio fatto è che venne invitato a dar le dimissioni. Del resto egli non perse

4 affatto il suo tono per questo: portava un frac dalla vita rialzata, a mo' delle uniformi, gli speroni alle scarpe e, sotto il naso, i baffetti perché altrimenti si sarebbe potuto pensare che egli avesse prestato servizio nella infanteria, la quale egli, a volte, chiamava per disprezzo infanterume, e a volte infantazione. Egli era sempre presente a tutte le fiere molto frequentate, dove i precordi della Russia, fatti di mammucce, figlietti, figlioline, e pingui possidenti, si riversano per darsi buon tempo, giungendo su calessini, biroccini, bagheri, e certe carrozze che nessuno mai vide neanche in sogno. Fiutava, lontano le mille miglia, ogni luogo, dove poteva essere accampato un reggimento di cavalleria, e vi accorreva immancabilmente per incontrarsi coi giovani ufficiali; saltava giù, con grazia, alla loro presenza, dal calesse, e in quattro e quattr'otto aveva già fatto amicizia. Hermann Hesse, Ricordo di Mwamba (HESSE 1997, p. 38). Davanti a noi, seduto su un barile, c'era Mwamba, il negro che proveniva dall'interno, il cui compito a bordo era quello di farci divertire nelle ore di noia raccontandoci delle storie e facendo scherzi un po' insolenti nel suo buffo inglese da negro infarcito di errori grotteschi fatti apposta. Stava seduto e fumava sigari, si cullava andando a tempo con il rollio della nave, roteava gli occhi e dispensava storie con avarizia, a piccole porzioni. Per ogni storia riceveva un sigaro, ed era perlopiù ben pagato dato che molte delle sue storie non valevano nulla, e che in altre circostanze nessuno sarebbe stato a sentirle. Francesco Jovine, Uno che si salva (JOVINE 1960, p. 392). Nel primo pomeriggio aveva chiacchierato a lungo con la signora De Donato. Costei parlava una lingua mista dei vernacolo e di italiano libresco, pretenziosa e imprecisa. Aveva tenuto a far sapere che lei era una donna istruita perché era stata in collegio a Roma per cinque anni, e che solo un grande amore per un giovane delle sue parti l'aveva costretta a stare venti anni in un paesello di Abruzzo. Lei era una donna di carattere; benché fornita di «dote e di doti», aveva detto calcando le parole, si era ostinata a fare un matrimonio di amore. Ma poi, morto il marito, con quattro figli, che fare in un villaggio di montagna? Farli marcire o «schiudere loro la strada dell'avvenire»? Aveva preferito schiudere la strada dell'avvenire, aveva venduto le sue terre e la casa di provincia e ne aveva comprata una in città. Franz Kafka, Undici figli (KAFKA 1970, p. 255). Il terzo figlio è bello anche lui, ma non di quella bellezza che mi piace. È la bellezza del cantante: bocca sinuosa; occhi sognanti; una testa che, per spiccar bene, ha bisogno di un drappeggio dietro di sé; petto che si gonfia esageratamente; mani che facilmente si levano in alto e troppo facilmente ricadono in basso; gambe che si muovono con ricercatezza, perché non sanno portare. Inoltre il tono della sua voce non è pieno: per un momento inganna; fa tender l'orecchio all'intenditore; ma subito dopo si spegne. Arturo Loria, Gli evasi (LORIA 1961, pp ). Zambrino era un famoso eroe dell'evasione. Nella testa piccola, sotto la fronte prominente si maturavano i piani che il coraggio e la pazienza appresa con gli anni attuavano in modo miracoloso. Per lui l'evadere non nasceva dall'amore naturale alla libertà, ma da un bisogno acre di sfidare e sorprendere la vigilanza di chi voleva tenerlo prigioniero. Quando, ripreso per la terza volta, gli erano stati offerti grandi privilegi rispetto agli altri forzati per diventarne un guardiano, aveva rifiutato quasi volessero togliergli il solo gusto che gli era rimasto in vita. Elsa Morante, Un uomo senza carattere (MORANTE 1994, pp ).

5 Quell'anno però fece la sua comparsa Candida V., ospite di una sua zia vecchia e zitella. Anche la signorina, del resto, era poco meno di una vecchia zitella, avendo da qualche anno oltrepassata la trentina. Ella asseriva di avere ventisei anni, ed era ancora abbastanza fresca; piccola e grassa, camminava sulle gambe corte ancheggiando con sussiego. Aveva una grande chioma nera, faccia tonda con occhi lucenti, ciglia lunghe, denti bianchi e minuti. La storia di questa signorina è presto detta. Alice Munro, Cara amica di gioventù (MUNRO 1998, pp ). Flora ed Ellie erano due donne alte, con occhi e capelli scuri, spalle strette e gambe lunghe. Ellie era un rottame, naturalmente, ma Flora aveva ancora uno splendido portamento, eretto e aggraziato. Poteva sembrare una regina, diceva mia madre anche mentre andava in città su quel carro che avevano. Per andare in chiesa usavano un calesse o una slitta, ma quando andavano in città dovevano spesso trasportare sacchi di lana tenevano qualche pecora o di prodotti agricoli da vendere, e portare a casa le provviste che compravano. Non facevano spesso quel viaggio di pochi chilometri. Robert sedeva davanti e guidava il cavallo Flora era perfettamente in grado di guidare un cavallo, ma doveva essere sempre l'uomo a farlo. Flora stava in piedi alle sue spalle, reggendosi ai sacchi. Faceva sempre il viaggio di andata e ritorno in piedi, mantenendosi in equilibrio senza difficoltà, il cappello nero in testa. Quasi ridicola, ma non del tutto. Sembrava la regina degli zingari, pensava mia madre, con quei capelli neri e la pelle sempre un po' abbronzata, imperturbabile nella sua flessuosità e spavalderia. Naturalmente le mancavano gli orecchini d'oro e gli abiti dai colori vivaci. Mia madre le invidiava il fisico snello e gli zigomi alti. Alice Munro, Il sasso nel pascolo (MUNRO 2008b, pp ). Inutile, non sono mai riuscita a distinguerle. Si assomigliavano troppo. Dovevano esserci tra i dodici e i quindici anni tra la prima e l'ultima, ma a me sembrava che fossero tutte sulla cinquantina, più vecchie dei miei genitori, ma non proprio vecchie. Erano tutte scarne e di ossatura minuta e un tempo potevano essere state abbastanza alte, ma ormai fatiche e postura dimessa le avevano ingobbite. Certe tenevano i capelli corti, con un taglio semplice, da bambina; altre invece avevano le trecce puntate in cima alla testa. Nessuna di loro era ancora del tutto bruna, e nessuna già tutta grigia. Avevano facce pallide, sopracciglia irte e folte, occhi accesi e infossati, chi grigio-azzurri, chi grigio-verdi, chi grigi. Assomigliavano parecchio a mio padre, che non stava curvo però, e i cui lineamenti si erano aperti in modo diverso, facendo di lui un bell'uomo. Assomigliavano parecchio a me. Allora non lo sapevo, né avrei voluto saperlo. Ma se dovessi smettere di curarmi i capelli, di truccarmi e di depilarmi le sopracciglia, se mi mettessi un informe vestito a fiori e sopra un grembiule e andassi in giro a testa bassa e braccia conserte? Beh, allora sì. Perciò, quando mia madre e le sue cugine mi esaminavano, voltandomi verso la luce e chiedendosi: «È una Chaddeley, o no? Tu che ne dici?», era la faccia dei Fleming che avevano davanti agli occhi, e a dire il vero anche una faccia più bella della loro. (Non che avessero pretesa di essere carine; a loro bastava portare il marchio dei Chaddeley). Robert Musil, La portoghese (MUSIL 1960, p. 47). Sua moglie, quando non leggeva in quei suoi libri illustrati, prendeva il vecchio servitore che governava il castello e con lui vagabondava per i boschi. Il bosco si schiude ma la sua anima si nasconde; ella si apriva la strada frammezzo agli alberi, s'arrampicava su per le pietraie, vedeva animali e piste, ma nulla riportava a casa se non quei piccoli spaventi, difficoltà sormontate e curiosità soddisfatte, che perdevano ogni interesse appena portati fuori dalla foresta, e quella verde immagine che lei già conosceva dai racconti prima di venire a vivere nel paese; un mondo che, se non si riusciva a penetrarvi, tornava a chiudersi dietro le spalle.

6 Aldo Palazzeschi, Re pomodoro (PALAZZESCHI 1957, pp ). In un veste di broccato rosa e bianco a incrostazioni d'argento, la donna era distesa morbidamente sopra un lit de repos. Le braccia nude e fino alla metà dei seni il petto. Sorridente e soddisfatta guardava l'uomo. Or si aggiustava addosso un fiore un pizzo od un gioiello, ora cacciava dalla gonna immensa il piedino calzato di rosso, mostrando la caviglia per controllare la perfezione della propria bellezza in ogni punto. Sorrideva vieppiù all'uomo rimasto fermo e ad occhi spalancati, non riuscendo a distrarli dalla figura della donna che per guardarsi intorno timido e sospettoso: i mobili imponenti della camera, le figure nei quadri e negli arazzi, i tappeti morbidi e il letto che pareva il trono di tutte le morbidezze sotto l'alcova. E non appena poté riscuotersi da tanto stupore, battendo e ribattendo il ciglio prese a guardarsi addosso. I piedi nudi e polverosi, le braccia, il petto villoso... e poi guardava lei... e più ella sorrideva con disinvoltura e con grande allegria del suo smarrimento, sempre lisciandosi qualcosa con somma voluttà o sopra o sotto. Non soltanto non la vedeva come cosa che gli appartenesse, ma bensì come non fosse stata una cosa viva e vera di questo mondo, ma arcisicuro di vedere in sogno. Luigi Pirandello, Mondo di carta (PIRANDELLO 1952, p. 159). Fin da quando aveva imparato a compitare, era stato preso da quella manía furiosa. Affidato da anni e anni alle cure di una vecchia domestica che lo amava come un figliuolo, avrebbe potuto campare sul suo più che discretamente, se per l'acquisto dei tanti e tanti libri che gl'ingombravano in gran disordine la casa, non si fosse perfino indebitato. Non potendo più comprarne di nuovi, s'era dato già due volte a rileggersi i vecchi, a rimasticarseli a uno a uno tutti quanti dalla prima all'ultima pagina. E come quegli animali che per difesa naturale prendono colore e qualità dai luoghi, dalle piante in cui vivono, così poco a poco era diventato quasi di carta: nella faccia, nelle mani, nel colore della barba e dei capelli. Discesa a grado a grado tutta la scala della miopía, ormai da alcuni anni pareva che i libri se li mangiasse davvero, anche materialmente, tanto se li accostava alla faccia per leggerli. J.D. Salinger, Per Esmé: con amore e squallore (SALINGER 2009, p. 110). Il bambino, che doveva avere cinque anni, non era ancora pronto. Si liberò, divincolandosi, dal suo giubbotto; poi, con l'espressione di marmorea impassibilità propria dei rompiscatole nati, si diede metodicamente a infastidire la governante spingendo in avanti e poi di nuovo indietro la sua sedia, molte volte di seguito e sempre guardandola fisso. La governante, tenendo la voce bassa, gli ordinò due o tre volte di mettersi a sedere e, in altre parole, di piantarla di far lo scemo, ma solo quando sua sorella gli parlò si decise ad applicare il fondo della schiena al fondo della sedia. Subito dopo prese il suo tovagliolo e se lo mise sulla testa. Sua sorella lo tolse, lo aprì e glielo piegò in grembo. Ardengo Soffici, Satana in treno (SOFFICI 1958, p. 20). Io che ero seduto di faccia potei osservarlo anche meglio degli altri, e il suo aspetto, non so perché, mi colpì subito molto gradevolmente. Era pallido, alto e snello; la sua faccia pensosa, completamente rasa, avrebbe potuto esprimere una grande bontà se due occhi verdastri non vi avessero portato come un lampo di cattiveria che veniva rinforzato da un ghigno sarcastico, il quale guizzava quasi costantemente fra le linee sinuose dei labbri. Aveva i capelli di un nero perfetto, ma quantunque la sua età non potesse superare di molto i trent'anni la loro rarità in cima al cranio faceva indovinare a prima vista in lui uno di quei vecchi precoci che hanno brucato troppo in furia l'albero della vita e per i quali non resta ormai che il piacere amaro di ruminare i ricordi del passato. Era vestito con molta cura di nero e portava intorno al collo una cravatta di seta verde.

7 Italo Svevo, Argo e il suo padrone (SVEVO 2004, pp ). Argo non era un personaggio molto importante neppure fra' cani. I cacciatori dicevano che non fosse di razza molto pure perché il suo corpo era un po' troppo lungo. Tutti riconoscevano la bellezza del suo occhio vivo (anche quello troppo grande per un cane da caccia) del suo muso dal disegno preciso e della sua ampia cervice. A caccia era impulsivo; qualche giorno era aggressivo come quegli ubbriachi che aggrediscono perché portati dal loro peso. Le bastonature giovavano qualche volta ma più sovente aumentavano la sua bestialità e allora pareva un toro in una bottega di porcellane. Forse per questo suo carattere alleviò un po' il dolore della mia sconsolata solitudine. Balordo e invadente, quando non mi faceva arrabbiare, mi faceva ridere. Federigo Tozzi, Il temporale (TOZZI 1963, pp ). Antonio era un timido, e non aveva mai sentito niente per nessuna donna. Da studente ne aveva fatte di tutti i colori, ma così era sempre più sicuro di non innamorarsi sul serio. Una donna onesta, per lui, era così differente a quelle che aveva avvicinato, che gli pareva di essere ancora vergine. Egli studiava meglio gli ammalati che le ammalate; per visitare una donna cercava di far più presto che fosse possibile, disattento, sempre con l'idea di poterne fare a meno. Non conosceva affatto come vivevano le sorelle, quantunque fossero sempre con lui. Inoltre, egli amava sinceramente suo fratello; con un attaccamento così profondo che, quando erano lontani, gli confidava sempre tutto; scrivendo per lui perfino una specie di diario; con l'illusione, molte volte, di esprimere più i sentimenti del fratello che i propri. Come, dunque, s'era innamorato della cognata?

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba CAPITOLO PRIMO RE E STELLA DEL CIELO Re e stella del cielo Il mio nome è uno dei miei primi successi. Ho subito imparato (è stato lui, mi sembra, il primo che mi ha detto questo), che Arturo è una stella:

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

Un mondo che neanche immagini

Un mondo che neanche immagini Un mondo che neanche immagini Federica Bracale UN MONDO CHE NEANCHE IMMAGINI romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Federica Bracale Tutti i diritti riservati Come sarebbe bello dire per caso.

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015)

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) Da circa otto mesi sto svolgendo un percorso di letture ad alta

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

ha gli occhi di colore marrone scuro, la bocca regolare, le labbra carnose, il

ha gli occhi di colore marrone scuro, la bocca regolare, le labbra carnose, il Alessia legge a Giulia Alessia descrive Giulia: ha gli occhi di colore marrone scuro, la bocca regolare, le labbra carnose, il naso piccolo come una patatina, i capelli lisci raccolti in una coda di colore

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Comprensione di semplici testi

Comprensione di semplici testi PERCORSI DIDATTICI Comprensione di semplici testi di: Mavale scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 6-8 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper leggere e comprendere semplici

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Progetto grafco di Mariagrazia Rocchetti

Progetto grafco di Mariagrazia Rocchetti Il giardino segreto Progetto grafco di Mariagrazia Rocchetti Titolo originale: The Secret Garden Traduzione di Angela Restelli Fondelli 1956 Fratelli Fabbri Editori, Milano 2000 RCS Libri S.p.A., Milano

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri.

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri. Testi di Joanna Bellati, Anna Lucatello, Annachiara Moretti Illustazioni di Alice Dittura, Giorgia Rizzo Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso

Dettagli

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE 6 CAPITOLO I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE Quando sento narrare la mia infanzia mi sembra di ascoltare un racconto di fantasia con un personaggio, che poi sarei io, al centro di tante attenzioni

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Lettere in classe. Percorsi didattici del TFA di area letteraria della Sapienza, a cura di Paola

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO Io racconto, tu mi ascolti. Noi ci conosciamo Istituto comprensivo n.8 ( Fe ) SCUOLA PRIMARIA DI BAURA Classe seconda Ins: Anna Maria Faggioli, Marcello Gumina, Stefania Guiducci.

Dettagli

john boyne il bambino con il pigiama a righe

john boyne il bambino con il pigiama a righe john boyne il bambino con il pigiama a righe 3 Proprietà letteraria riservata 2006 by John Boyne 2007 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07962-4 Titolo originale dell opera: The Boy in the Striped

Dettagli

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO.

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO. SEMPLICEMENTE INSIEME per condividere esperienze, notizie, gioie, conquiste, vittorie, delusioni, difficoltà, sofferenze come in famiglia, senza giudizi, rispettando l opinione di ciascuno, certi che ognuno

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

II Circolo didattico Castelvetrano

II Circolo didattico Castelvetrano Progetto continuità Scuola dell infanzia Scuola primaria Anno Scolastico 2011/2012 Passo dopo passo II Circolo didattico Castelvetrano È molto importante curare nella scuola il passaggio tra ordini diversi,

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

FIABE CINESI E TIBETANE

FIABE CINESI E TIBETANE http://web.tiscali.it FIABE CINESI E L'uccello a nove teste La pantera I geni dei fiori TIBETANE Le montagne innevate e l'uccello della felicità. L'UCCELLO A NOVE TESTE C'erano una volta un re e una regina

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Un dollaro e ottantasette centesimi.

Un dollaro e ottantasette centesimi. Un dollaro e ottantasette centesimi. ERA TUTTO. E sessanta centesimi erano in pennies. Pennies risparmiati uno o due alla volta, contendendoli al droghiere e al fruttivendolo e al macellaio, finché, di

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Lidia e Rolando Lidia aveva appena 15 anni quando ha conosciuto Rolando, che di anni ne aveva 21. Rolando era un appassionato giocatore di calcio e lei una tifosa, si sono incontrati dunque ad un campo

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

Illustrazioni di Silvia Provantini. Rizzoli

Illustrazioni di Silvia Provantini. Rizzoli Illustrazioni di Silvia Provantini Rizzoli A Nonno Elio, che fece innamorare una fata Yoro, il solitario «C he la riunione straordinaria abbia inizio.» Antea, l antica Fata dell Acqua dolce, sbatté solennemente

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI Da quando il signor Bartolomeo aveva perso tutti i suoi capelli era diventato molto triste. Dapprima i capelli erano diventati grigi e avevano iniziato a diradarsi. Poi

Dettagli

La strada che non andava in nessun posto

La strada che non andava in nessun posto La strada che non andava in nessun posto All uscita del paese si dividevano tre strade: una andava verso il mare, la seconda verso la città e la terza non andava in nessun posto. Martino lo sapeva perché

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e si va Il paese della RABBIA 1. Dove si sente la rabbia 2. Io mi arrabbio quando 3. Cosa mi aiuta 4.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Il Gatto con gli stivali. Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte

Il Gatto con gli stivali. Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte Il Gatto con gli stivali Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte Ogni suo bene aveva disfatto Tranne un mulino, un asino e un gatto Le divisioni furon presto fatte Senza bisticci

Dettagli

La regina delle nevi di H.C. Andersen. Maria De Nigris Insegnante di scuola primaria

La regina delle nevi di H.C. Andersen. Maria De Nigris Insegnante di scuola primaria La regina delle nevi di H.C. Andersen Maria De Nigris Insegnante di scuola primaria Introduzione Rileggendo queste fiabe di Andersen, con la maturità di oggi, ho potuto cogliere la ricchezza delle descrizioni

Dettagli

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che storia leggiamo stasera? Lo scalpiccìo dei piedini sulla scala echeggiò per tutta la casa. Tino entrò di corsa, già in pigiama, ansioso di ascoltare una storia.

Dettagli

Come si fa la Prova di comprensione della lettura.

Come si fa la Prova di comprensione della lettura. Come si fa la Prova di comprensione della lettura. Paola Lovesio Istituto Comprensivo di Rocchetta Tanaro Scuola secondaria di I grado Maggiora Vergano Refrancore Media.vergano@libero.it Class IA 1 IL

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli

Racconti visioni e libri per rospi da baciare

Racconti visioni e libri per rospi da baciare febbraio 2008 Cari bambini e ragazzi che verrete al festival chiamato AIUTO, STO CAMBIANDO! Racconti visioni e libri per rospi da baciare a Cagliari dall 8 all 11 ottobre 2009 NOTA: questa la lettera originale,

Dettagli

C era una volta. Endi il Folletto

C era una volta. Endi il Folletto C era una volta Endi il Folletto Storia elaborata dalle Classi Terze delle scuole: Le Grazie Pittura San Vito - Politi Endi, il folletto, è un fanciullo di corporatura esile e non molto alto. I suoi occhi

Dettagli

Quasi stelle di Marcella Bettini

Quasi stelle di Marcella Bettini Quasi stelle di Marcella Bettini Illustrazione di Simonetta Fratini Quasi-stelle C era una volta una casa con tante finestre con le persiane verdi a pallini blu che, quando si aprivano, sembravano ali

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli