ISTITUTO COMPRENSIVO B. BARBARANI MINERBE VERONA. SCUOLA DELL INFANZIA Don A. Perazzani di Boschi Sant Anna

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO B. BARBARANI MINERBE VERONA. SCUOLA DELL INFANZIA Don A. Perazzani di Boschi Sant Anna"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO B. BARBARANI MINERBE VERONA SCUOLA DELL INFANZIA Don A. Perazzani di Boschi Sant Anna SANTA LUZIA VIEN DE NOTE CO LE SCARPE TUTE ROTE Documenti, testimonianze, racconti e poesie

2 INDICE Introduzione pag 4 Presentazione del contesto pag 6 Il comune pag 6 L istituto comprensivo pag 7 La leggenda di S. Luzia pag 8 La vita, il martirio, il culto pag 11 S. Luzia nella tradizione della bassa veronese pag 14 I racconti dei nonni pag 17 Le poesie pag 24 E per concludere pag 26 2

3 PER COMINCIARE Santa Luzia vien de note con le scarpe tute rote co l capelo belo belo Santa Luzia vien dal cielo. Ed anche Santa Luzia vien de note, co' le scarpe tute rote, co'l capelo ala romana, Santa Lùzia l'é me mama. Due poesie simili molto conosciute, due significati diversi, due poesie che segnano il passaggio dall essere bambino all essere grande. È da queste poche rime che è nata l idea del titolo del nostro progetto, come sottolineano i nonni nei loro racconti anche nel momento in cui viene rivelato il mistero, questa notte rimane comunque ricca di fascino e di emozioni. 3

4 INTRODUZIONE Halloween, Santa Lucia, Babbo Natale, la Befana quante occasioni ci sono al giorno d oggi in cui i bambini si aspettano di ricevere regali... tutti? in ogni occasione? ma tutto questo fa perdere il valore dell attesa del sospirato regalo? Per cogliere le diverse motivazioni della nostra scelta di ideare un progetto didattico attorno alla leggenda di Santa Lucia e di far sì, che attorno ad esso, si metta in moto un intera comunità non si può prescindere da un analisi del contesto territoriale. La nostra scuola fa parte dell Istituto Comprensivo di Minerbe ma ha sede nel piccolo comune di Boschi Sant Anna e rappresenta luogo importante di relazione e di aggregazione. L orgoglio della propria indipendenza dalle altre municipalità viciniori caratterizza tutti i cittadini di Boschi, ma da tempo il comune proprio per la sua posizione di confine con altri centri più grossi e per la vicinanza ad un importante arteria di comunicazione come la Strada Statale n. 10 che collega la parte meridionale della provincia veronese rispettivamente a Mantova e Padova, è interessato dall insediamento di numerose giovani famiglie originarie dai comuni limitrofi o addirittura da altri stati. L influenza di ciò ma anche dei mass media rischia di far perdere il fascino alle tradizioni locali e di far nascere nuovi riti oltre che bisogni. A tutto questo si deve aggiungere che la leggenda di Santa Lucia molto sentita nel veronese è quasi sconosciuta nelle provincie limitrofe di Padova e Vicenza. Inoltre, da due anni, lo sfondo integratore della nostra programmazione didattica sono le emozioni che i bambini vivono quotidianamente e la leggenda di Santa Lucia ci ha permesso di analizzarne molte: dall emozione dell attesa, al timore di non essere stati sufficientemente buoni, alla delusione o alla paura che la Santa stessa può suscitare nei bambini più piccoli. 4

5 Tutto questo si accorda, secondo noi, perfettamente con le finalità del concorso: valorizzare l identità culturale veneta, nell ottica di una riscoperta da parte delle giovani generazioni della proprie tradizioni e della propria storia, al fine di consolidare l idea di appartenenza ad una comunità territoriale sia che sia quella che ti ha dato i natali che quella in cui vivi la tua vita quotidiana e le tue relazioni interpersonali. Ma non potevamo certo fare tutto ciò da sole come insegnanti. Il primo passo doveva essere il coinvolgere attorno a questo progetto dei rappresentanti delle istituzioni, delle associazioni culturali, i singoli cittadini, i genitori ma soprattutto chi poteva rappresentare la memoria di questa tradizione e cioè gli anziani del paese e del territorio. Fondamentale è stato il ricorrere alle memorie orali dei nostri anziani perché ci offre un esempio concreto di uno dei più preziosi servizi che questa stagione della vita può rendere: essere custode della memoria collettiva. Prenderne coscienza e riconoscere all anziano un ruolo importante di consultazione, in quanto testimone e depositario di una saggezza antica in cui affondano anche le radici della nostra odierna cultura, è stato molto importante per i bambini. Ma come sottolinea Dino Coltro non c è fiaba, canto, aneddoto che non esprima la sua impronta regionale nella quale ha risalto il paese, il luogo dove la narrazione e il canto hanno tratto origine. In questo senso anche la classe sociale che produce un certo tipo di narrazione ha la sua importanza. Il veicolo per far passare queste memorie è stata la lingua orale, il dialetto usato dai nonni e poco conosciuto dai piccoli nipoti. Tramite questo progetto didattico sono passati quindi: i ricordi dei nonni, la lingua, le tradizioni, i valori di un tempo e il sentirsi tutti parte di un evento che unisce grandi e piccini. 5

6 PRESENTAZIONE DEL CONTESTO IL COMUNE Il comune di Boschi Sant Anna è uno dei più piccoli della provincia di Verona (9 km² e 1452 abitanti) e si colloca nella zona sud-est al confine tra le provincie di Padova e Vicenza. Dista 45 km da Verona e 6 km da Legnago, principale città di riferimento. L'abitato è composto dal capoluogo e dalle frazioni Boschi San Marco ed Oni. Nel territorio sorgono alcune contrade e numerose case a corte e casolari. Le imprese registrate sono 138 che sono un numero considerevole considerate le dimensioni del comune, tra queste risultano ancora prevalenti quelle del settore agricolo, segue il settore delle costruzioni e poi il commercio. Nel territorio sono presenti e piuttosto attive, oltre alla Parrocchia e un circolo Noi, alcune associazioni sportive, l associazione Combattenti e Reduci, l Avis, un comitato festeggiamenti e una Biblioteca. Dal 2006 è funzionante anche un baby-parking nato per soddisfare le esigenze del crescente numero di famiglie con entrambi i genitori occupati. 6

7 L ISTITUTO COMPRENSIVO L Istituto comprensivo Berto Barbarani di Minerbe nasce con l anno scolastico 1999/2000 e aggrega verticalmente tre ordini di scuola: infanzia, primaria e secondaria di primo grado e, come sottolineato nel POF, questo rappresenta una sfida e un anticipazione del superamento della suddivisione in ordini e gradi scolastici della scuola di base. La presenza degli allievi per molti anni nella stessa istituzione scolastica favorisce, inoltre, lo sviluppo di rapporti educativi più profondi, l assunzione di forti responsabilità in ordine al successo/insuccesso scolastico da parte di tutti gli operatori coinvolti nel processo di apprendimento/insegnamento e richiede la diffusione di stili relazionali cooperativi nonché la necessità di confrontarsi sui curricoli al fine di rafforzarne la continuità. Il territorio dell istituto si colloca nella zona sud della provincia di Verona, è abbastanza vasto e caratterizzato da centri urbani di piccole dimensioni dove persiste una frammentazione della popolazione in abitazioni spesso isolate e lontane dal centro. Il bacino d utenza è quindi costituito dai comuni di Minerbe, Roverchiara, Bonavigo, Boschi Sant Anna e Bevilacqua. Alcuni alunni della scuola secondaria di Roverchiara provengono dal comune di Angiari. In questi comuni il settore primario costituiva, fino a pochi anni fa, il settore principale; nel tempo soprattutto a Minerbe e Bevilacqua sono andate sviluppandosi delle industrie favorite dalla vicinanza a Legnago e al miglioramento e ampliamento delle vie di comunicazione. Questo sviluppo ha favorito un discreto flusso migratorio soprattutto dal nord Africa, dall est Europa e la presenza di molte giovani coppie. La popolazione scolastica dell Istituto è pertanto in costante aumento. 7

8 LA LEGGENDA DI SANTA LUZIA Cari butini vegnì qua che ve conto 'na storia......la storia de Santa Luzia... Lucia è nata tantissimi anni fa a Siracusa, era la figlia di una famiglia molto ricca ed era una delle ragazza più belle della città. In quell'epoca dominavano gli antichi romani e da poco era arrivata nel grande impero la religione di Gesù. Ben presto Lucia decise di regalare ai poveri tutte le ricchezze per seguire la sua via. Purtroppo, però, chi come lei aveva fatto questa scelta veniva perseguitato. Anche Lucia fu processata e condannata. Alcune persone molto cattive decisero di toglierle i suoi bellissimi occhi, ma non sapevano che lei sarebbe diventata un simbolo importante per la gente che viveva schiacciata dal potere dell'imperatore e che il suo nome sarebbe diventato subito sinonimo di luce. È da allora che Lucia protegge il bene degli occhi di tutti gli esseri umani. Ma una volta salita al cielo, cosa accadde? Lucia si presentò al cancello del paradiso con i suoi occhi belli sul piattino e suonò il campanello. San Pietro arrivò con la sua solita calma e nel vederla tanto bella e sfortunata, ma comprendendo soprattutto il grande amore che aveva nel cuore, le disse di esprimere un desiderio. Presa dall'emozione si vide inondare da una grandissima luce e rispose che avrebbe voluto rendere felici i bambini del mondo portando loro i giochi che tanto desideravano. San Pietro le spiegò che già altri portavano regali ai bambini. C'era San Nicola che ogni anno si travestiva da Babbo Natale, i Re Magi dai lontani paesi d'oriente, persino il piccolo Gesù Bambino ed una vecchietta chiamata Befana. Ma il lavoro era tantissimo e, nonostante fossero così in tanti a portare i doni, molti bambini rimanevano senza regali e giocattoli. Lucia pensò a come dovevano essere tristi quei bambini dei quali nessuno si 8

9 ricordava e scelse con entusiasmo di diventare la loro santa preferita. Le spiegarono che i doni dovevano essere consegnati nel periodo di Natale, ma lei per ripagare in qualche modo i bambini che fino ad allora erano rimasti senza regali decise di far arrivare a loro per primi i doni, per fare in modo che avessero più tempo per giocare. Scelse così il giorno a lei più caro, il giorno del suo compleanno, il 13 dicembre, perché regalare qualcosa agli altri nella sua festa era per la maniera più bella per festeggiarla. Dovette poi risolvere il problema del trasporto: visto che i giocattoli e i dolcetti da consegnare erano veramente tanti, decise di assumere due aiutanti. Il primo fu un piccolo asinello che aveva visto lavorare duramente tutto il santo giorno per tutti i giorni dell'anno a far girare una macina di mulino; ma l'asinello aveva bisogno di essere accudito ogni giorno: doveva essere pulito e strigliato e quando un mattino vide un vecchio signore seduto sul bordo di una strada gli propose questo lavoro. Si chiamava Castaldo ed era un tipo un po' strano, taciturno, sempre chiuso nel suo pastran nero dal quale spunta solo il suo grosso naso rosso, rosso purtroppo non sempre e solo di freddo, ma anche per qualche bicchierino di vino che il buon uomo beveva di nascosto per riscaldarsi nelle gelide notti di dicembre. Nelle sere che precedono il 13 dicembre si può sentire suonare un campanellino. E' Santa Lucia che gira per le strade dove abitano i bambini ai quali porterà dei doni. Fa questo per ricordare loro di spedire le letterine con le loro richieste, ma anche per segnarsi il percorso per quando porterà poi i regali. A volte succede che, se in queste sere in qualche casa vede un bambino che la sta pensando, arriva alla sua porta, suona il suo campanellino e lancia in casa dolcetti e caramelle. La sera del 12 dicembre dopo aver letto tutte le letterine e aver 9

10 segnato sulle sue speciali cartine geografiche il percorso, si fa aiutare dal signor Castaldo a caricare i doni sul carretto dell'asino e tutti e tre si mettono in viaggio. Quando arriva la sua notte, prima di andare a letto, ogni bambino dovrebbe ricordarsi di mettere fuori dalla porta qualcosa per l'asinello. Se non si riesce a trovargli un pò di paglia o fieno, si può lasciargli un pò di zucchero o, meglio ancora, una ciotolina con un pò di cereali della colazione, ne va matto. Per il signor Castaldo, invece, si può preparare sul tavolo un piatto con un pò di minestra e un pezzo di pane. Dopo aver lasciato qualcosa per gli aiutanti di Santa Lucia, tutti i bambini devono andare subito a letto perché non si sa di preciso a che ora lei possa passare. Se quando passa trova qualche bambino sveglio deve saltare quella casa e a volte capita che se il giro è molto lungo e i giocattoli particolarmente numerosi, non fa in tempo a passare, quindi niente tivù e presto a letto. Qualcuno dice che Santa Lucia non vuole essere vista ed è per questo che potrebbe buttare la cenere negli occhi, ma lei non lo farebbe mai visto che agli occhi ci tiene in modo particolare! E per quanto riguarda il carbone? Perché mai dovrebbe sobbarcarsi la fatica di portare carbone a chi non si merita regali? Ma Santa Lucia lo sa che ogni bambino, per quanto birichino, nel giorno della sua festa merita un dono speciale 10

11 LA VITA, IL MARTIRIO, IL CULTO Santa Lucia vergine e martire Siracusa, III secolo - 13 dicembre 304 La vergine e martire Lucia è una delle figure più care alla devozione cristiana. Come ricorda il Messale Romano è una delle sette donne menzionate nel Canone Romano. Vissuta a Siracusa, sarebbe morta martire sotto la persecuzione di Diocleziano (intorno all'anno 304). Gli atti del suo martirio raccontano di torture atroci inflittele dal prefetto Pascasio, che non voleva piegarsi ai segni straordinari che attraverso di lei Dio stava mostrando. Proprio nelle catacombe di Siracusa, le più estese al mondo dopo quelle di Roma, è stata ritrovata un'epigrafe marmorea del IV secolo che è la testimonianza più antica del culto di Lucia. Una devozione diffusasi molto rapidamente: già nel 384 Sant'Orso le dedicava una chiesa a Ravenna, papa Onorio I poco dopo un'altra a Roma. Oggi in tutto il mondo si trovano reliquie di Lucia e opere d'arte a lei ispirate. Gli atti del martirio di Lucia di Siracusa sono stati rinvenuti in due antiche e diverse redazioni: l una in lingua greca il cui testo più antico risale al sec. V; l altra, in quella latina, riconducibile alla fine del sec. V o agli inizi del sec. VI ma comunque anteriore al sec. VII e che di quella greca pare essere una traduzione. Il martirio incomincia con la visita di Lucia assieme alla madre Eutichia, al sepolcro di Agata a Catania, per chiedere la guarigione dalla malattia da cui era affetta la madre: un inarrestabile flusso di sangue dal quale non era riuscita a guarire neppure con le dispendiose cure mediche, alle quali si era sottoposta. Lucia ed Eutichia partecipano alla celebrazione eucaristica durante la quale ascoltano proprio la lettura evangelica sulla guarigione di un emorroissa. Lucia, quindi, incita la madre ad avvicinarsi al sepolcro di 11

12 Agata e a toccarlo con assoluta fede e cieca fiducia nella guarigione miracolosa per intercessione della potente forza dispensatrice della vergine martire. Lucia, a questo punto, è presa da un profondo sonno che la conduce ad una visione onirica nel corso della quale le appare Agata che, mentre la informa dell avvenuta guarigione della madre le predice pure il suo futuro martirio, che sarà la gloria di Siracusa. Al ritorno dal pellegrinaggio, proprio sulla via che le riconduce a Siracusa, Lucia comunica alla madre la sua decisione vocazionale: consacrarsi a Cristo! A tale fine le chiede pure di potere disporre del proprio patrimonio per devolverlo in beneficenza. Eutichia, però, non vuole concederle i beni paterni ereditati alla morte del marito, avendo avuto cura non solo di conservarli orgogliosamente intatti e integri ma di accrescerli pure in modo considerevole. Le risponde, quindi, che li avrebbe ereditati alla sua morte e che solo allora avrebbe potuto disporne a suo piacimento. Tuttavia, proprio durante tale viaggio di ritorno, Lucia riesce, con le sue insistenze, a convincere la madre, la quale finalmente le da il consenso di devolvere il patrimonio paterno in beneficenza, cosa che la vergine avvia appena arrivata a Siracusa. Però, la notizia dell alienazione dei beni paterni arriva subito a conoscenza del promesso sposo della vergine, che se ne accerta proprio con Eutichia alla quale chiede anche i motivi di tale imprevista quanto improvvisa vendita patrimoniale. In seguito il fidanzato di Lucia, forse esacerbato dai continui rinvii del matrimonio, decide di denunciare al governatore Pascasio la scelta cristiana della promessa sposa, la quale, condotta al suo cospetto è sottoposta al processo. Dopo un interrogatorio assai fitto di scambi di battute che la vergine riesce a controbattere con la forza e la sicurezza di chi è ispirato da Cristo, il governatore Pascasio le infligge la pena del postrìbolo proprio al fine di operare in Lucia una sorta di esorcismo inverso allontanandone lo Spirito Santo. Mossa dalla forza di Cristo, la vergine Lucia reagisce con risposte provocatorie, che incitano Pascasio ad attuare subito il suo tristo proponimento. La vergine, infatti, energicamente gli dice che, dal momento che la sua mente non cederà alla concupiscenza della carne, quale che sia la violenza che potrà subire il suo corpo contro la sua volontà, ella resterà comunque casta, pura e incontaminata nello spirito e nella mente. A questo punto si assiste ad un prodigioso evento: la vergine diventa inamovibile e salda sicché, nessun tentativo riesce a trasportarla al lupanare, nemmeno i maghi appositamente convocati dallo spietato Pascasio. Esasperato da tale straordinario evento, il cruento governatore ordina che sia bruciata, eppure neanche il fuoco riesce a scalfirla e Lucia perisce per spada! Sicché, piegate le ginocchia, la vergine attende il colpo di grazia e, dopo avere 12

13 profetizzato la caduta di Diocleziano e Massimiliano, è decapitata. A Siracusa un inveterata tradizione popolare vuole che, dopo avere esalato l ultimo respiro, il corpo di Lucia sia stato devotamente tumulato nello stesso luogo del martirio. Infatti, secondo la pia devozione dei suoi concittadini, il corpo della Santa fu riposto in un arcosolio, cioè in una nicchia ad arco scavata nel tufo delle catacombe e usata come sepolcro. Fu così che le catacombe di Siracusa, che ricevettero le sacre spoglie della v. e m., presero da lei anche il nome e ben presto attorno al suo sepolcro si sviluppò una serie numerosa di altre tombe, perché tutti i cristiani volevano essere tumulati accanto all amatissima Lucia. Ma, nell'878 Siracusa fu invasa dai Saraceni per cui i cittadini tolsero il suo corpo da lì e lo nascosero in un luogo segreto per sottrarlo alla furia degli invasori. A Venezia il suo culto era già attestato dal Kalendarium Venetum del sec. XI, nei Messali locali del sec. XV, nel Memoriale Franco e Barbaresco dell inizio del 1500, dove era considerata festa di palazzo, cioè festività civile. Durante la crociata del 1204 i Veneziani lo trasportarono nel monastero di San Giorgio a Venezia ed elessero Santa Lucia compatrona della città. In seguito le dedicarono pure una grande chiesa, dove il corpo fu conservato fino al 1863, quando questa fu demolita per la costruzione della stazione ferroviaria (che per questo si chiama Santa Lucia); il corpo fu trasferito nella chiesa dei SS. Geremia e Lucia, dove è conservato tutt oggi. Una delle più antiche tradizioni veronesi racconta che le spoglie della santa siracusana passarono da Verona durante il loro viaggio verso la Germania intorno al sec. X, fatto che spiegherebbe anche la diffusione del culto della santa sia a Verona che nel nord Europa. Secondo un altra tradizione, il culto di santa Lucia a Verona risalirebbe al periodo di dominio della Serenissima su Verona. Assai diffusa è a tutt oggi la celebrazione del culto di Lucia quale santa patrona degli occhi. Ciò sembra suffragato anche dalla vasta rappresentazione iconografica, che, 13

14 tuttavia, è assai variegata, in quanto nel corso dei secoli e nei vari luoghi si è arricchita di nuovi simboli e di varie valenze. Ma è stato sempre così? Quando nasce in effetti questo patronato e perché? Dal Medioevo si va sempre più consolidando la taumaturgia di Lucia quale santa patrona della vista e dai secc. XIV-XV si fa largo spazio un innovazione nell iconografia: la raffigurazione con in mano un piattino (o una coppa) dove sono riposti i suoi stessi occhi. Come si spiega questo tema? È, forse, passato dal testo orale all iconografia? Oppure dall iconografia all elaborazione orale? E tale dilatazione nei fenomeni religiosi è un atto di devozione e fede? È pure vero che la semantica esoterica data al nome della v. e m. di Siracusa è la caratteristica che riveste, accendendola di intensa poesia, la figura e il culto di Lucia, la quale diventa, nel corso dei secoli e nei vari luoghi una promessa di luce, sia materiale che spirituale. SANTA LUZIA NELLA TRADIZIONE DELLA BASSA VERONESE Tratto da Paese perduto di Dino Coltro - Cierre edizioni 13 DICEMBRE: S. LUZIA (S. LUCIA) S. Lucia è venerata nel veronese e in altre parti del Veneto come portatrice dei doni ai bambini, secondo una tradizione comune a molti paesi dell Europa centro-orientale. La sua popolarità veneta trova forse radici nel fatto che la tomba della santa si trova a Venezia, pur essendo vissuta e martirizzata a Siracusa. La leggenda narra che la giovinetta percorreva le vie di Siracusa accompagnata da un servo e da un asinello carico di doni per i bambini della città. E così l aspettano i bambini la notte del miracolo, con el musseto stanco che si tira dietro un carrettino pieno de roba bona. 14

15 Le è di aiuto el castaldo, personaggio legato al ricordo del servo siracusano. In genere, la sera della vigilia, i bambini aiutati dagli adulti preparano alla Santa qualcosa perché possa ristorarsi, caffè o caffellatte, non dimenticando una manciata di fieno e l acqua per l asinello. La mattina, al risveglio, i più piccoli trovano el piato de S. Luzia, con paste de spumilia, na naranza, on pomo, calche carobola. I più fortunati potevano trovare anche dei datari, datteri, o un cavallino di cartapesta, magari con il carrettino; le bambine, una bambola di pezza, tutto però di dimensioni molto modeste: na olta S. Luzia l era pitoca, si dice. Preparato il «ricevimento a S. Lucia», i bambini devono andare a letto presto, ficarse soto le cuerte e chiudere bene gli occhi se no S. Luzia la te buta el sabion e si perde la vista. Questo particolare richiama l altro aspetto della venerazione a S. Lucia: è la protettrice della vista, contro le malattie degli occhi. Il 13 dicembre, i devoti di S. Lucia si bagnano gli occhi con l acqua santa dell avelo; in mancanza dell acquasantiera, basta inumidire le pupille con la saliva o acqua. La festa veronese de S. Luzia pare abbia origine nel 1200/1300, quando gli abitanti, in particolare i bambini della città, furono colpiti da un epidemia agli occhi. Le madri fecero voto nella basilica di S. Zeno che avrebbero offerto doni ai bambini poveri, ogni anno nella ricorrenza del martirio di S. Lucia, se avessero ottenuto la guarigione dalla grave malattia. Quindi, i bancheti di S. Lucia in Piazza Brà ripetono un voto secolare; soltanto che S. Luzia la deventa sempre più cara e sofisticata. In molte zone del Veneto occidentale, la sera della vigilia si accendono i falò e si brucia la veceta. Qualcuno ritiene che si confonda S. Lucia con la Befana e, probabilmente, può darsi che le due figure vengano sovrapposte. In realtà, la tradizione del brugnelo, del falò, resta legata alla festa di S. Lucia perché prima della riforma gregoriana del calendario del 1582, la ricorrenza scadeva nel solstizio d inverno, in pratica poco lontana 15

16 dall attuale Natale. I falò difatti, si accendono ancora oggi in molti paesi da Natale all Epifania e il loro significato arcaico appare chiaro anche se ormai nessuno ne conserva memoria, se non per certi aspetti, giudicati, dai più, atti di superstizione. Il solstizio d inverno rappresentava agli occhi degli antichi la «morte» del sole, per cui l accensione dei fuochi voleva propiziare il ritorno della luce. I popoli scandinavi ritenevano Lucia un essere astrale, che durante il solstizio si abbandonava ad una caccia selvaggia nei boschi, seguita con grida e strepiti dagli elfi e dagli spiriti suoi sudditi. La «notte di S. Lucia» è, dai Norvegesi, considerata la più lunga, appunto perché collegata con il solstizio e quindi il giorno della «vigilia» è il più breve dell anno; presso gli antichi indicava senza dubbio la fine di un ciclo vegetativo. In questo senso, si spiega il detto proverbiale da S. Luzia na ponta de ucia, la luce del giorno si allunga dopo la S. Lucia del calendario antico: l espressione è rimasta anche dopo la riforma. Alla saga celtico-norvegese alcuni studiosi si rifanno per spiegare l asinello di S. Lucia e il frastuono di campanacci e ferraglie con cui appare. Sarebbe un residuo della cavalcata della Lucia pagana nei boschi, accompagnata dagli elfi schiamazzanti. I «doni» invece, ripetono una credenza ancora viva in Sicilia, radicata nell antichità pre-cristiana, conservata dal legame che il mondo contadino mantiene con i trapassati. Lucia, in sostanza è una «santa», meglio una «morta» con poteri «divini» che ritorna nel mondo a portare doni. Per questo, secondo la tradizione romana del rito degli dei manes, si devono offrire cibi e bevande; gesto che si ripete ancora oggi da parte dei bambini nella sera della vigilia. La Santa preavverte la sua venuta e fa sempre sentire la sua presenza con il suono della trombeta de S. Luzia, un suono dolce, smorzato come se venisse da lontano. La consuetudine de sonare la trombeta da parte dei fruttivendoli e anche degli altri «ambulanti» era un tempo diffusa e radicata nel costume. Può produrre anche rumori di catene, passi con le sgiavare ecc., accostandosi cosi ai riti del falò. Un altro aspetto su cui fare una riflessione è el piato de S. Luzia, con le paste de spumilia, raffiguranti gallinelle con la cresta rossa, frutta (pere con la foglia verde, ciliege) e il ciuffo di gelato a forma di panna montata. Alcune fonti, testimoniano che per S. Lucia si preparavano i puoti, figure di pasta frolla fatte con farina e onto, rappresentanti porcellini, 16

17 stelle, fiori e uno spicchio di luna. Le loro creazioni erano cotte nel forno del paese, che nel tempo de S. Luzia, era aperto nel pomeriggio, per questo fatto. I pezzi forti della loro creazione erano appunto, i puoti: la figura femminile e maschile, con el porzeleto da la panza rotonda, grasso e rotondo. Dalle parti di Bonavigo, Albaredo, Minerbe, ricordano le paste a forma di porcellino, ma non la tradizione di prepararle in casa. La raffigurazione con la pasta di porcellini e di altri animali era un tempo molto diffusa e trova moltissime testimonianze nell Europa centro-orientale. I RACCONTI DEI NONNI Tratti da Gli anziani raccontano raccolta di giornalini pubblicati dalla vicina casa di riposo. EL GIORNO DE SANTA LUZZIA de A. L. Santa Luzzia vien de note co' le scarpe ture rote..." L avea impara in préssia, parché ela no la se desmentegasse de passar da mì che no vedea l ora che vegnesse chel giomo (parfìn el Nadale e el compleano no jéra cossì speta). Za da qualche giorno la se fasea sentire butando na sbranca de caramele de zucaro atraverso i veri sarà de la finestra o zò da la capa del camin (gran bel mistero che gò tegnù daconto coando sò deventà mama e gò fato da Santa Luzzia a me fiola). Anca i buteleti più grandi, davanti a sti fati i se disea 17

18 tra lori: L è proprio ela che la jà butà, doman a scola ghe lo disemo a coei che no ghe crede!" Noialtri piasse picoli no je scoltavimo gnanca, parchè erimo massa ciapà da l emozzion. L era la festa più sentia de tuto l ano e la maestra, noialtri più picoli, la ne lassava a casa parchè zugassimo. Coalche zugatolo ghe l ò ancora imente: la musseta de cartapesta, (me pianze el core saver che l è andà finir ne la sofita de on me parente e che nol vol più darmela); el bancheto de legno come coel de scola ma più picolo. Le bambole de segaùre cò la testa de gesso, le se rompea subito rabaltàndosse da la caregheta. Coanto gò pianto par che le ceste de pùa massa pesanti! Ma la sorpresa no l èra finìa co' l regalo in fondo al leto: na volta vegnù zò da le scale, su la tola de la cusìna, trovaino du piati e du bicèri sporchi par ela e el sò gastaldo (cossì la me disea me mama) e on poco de fien par el musseto. Sto grande venimento l é dura fin coando a scola coalchedun (l avaria copa) nol m à fato vèrzare i oci: in coel momento tuto l icanto par mi, a l è finìo. RICORDI DE SANTA LUSSIA (de Graziella Fossa, Oppeano) Santa Lùssia, la Santa de l età piassé bela, la me ricorda quanto l era belo spetarla. Quando s'era picola, no vedéa l ora che vegnésse chel giorno, parché la me portàa on piato de robe: un pomo, nespole, carobole, un poche de carameléte, na stechéta de mandolato. EI piato l era belo pien! Tante olte ghe disea a me mama: Come mai Santa Lùssia no Ia me porta na bambola anca a mì?" Me mama Ia me guardàa e la taséa. Na matina arente al piato de Santa Lùssia, gò visto na bela bambola de pessa. S era cossì contenta che me la son tegnùa streta al cor par tuto el giorno. A la sera l ò messa in sìma al comò, par vedàrla piassé ben. Che la note ò dormio contenta, parché Santa Lùssia la sèa ricorda anca de mi. La matina quando me son sveà (svegliata) Ia bambola no la gh era pì. Alora so' na da me mama e go domanda come mai no gh era pì la bambola. Me mama ma m à dito che Santa Lùssia la se l avèa porta ìa par portarmela l ano dopo. Mi che s era picola, no capea che le bambole le costàa i schei che no gh era. L ano dopo Santa Lùssia la me porta oncora la stessa bambola e mì alora gò capio che no se podea vérgne chel che se volea. La me bam bola l era de pessa e rento l era piena de segaùre, 18

19 ma l era cossita fata ben che la parea un Angeleto. Quando son arivà a capir el valor de tante robe, so sta proprio contenta, parché che la bambola l era el ben de me mama: in ani de miseria, ma pieni de calor da ricordar par sempre! SANTA LUCIA (de Franca lsolan Ramazzotto ) La contrà Cadelsette la se cata (si trova) verso matina del comune de Albaredo D Adige. Li gh e na bela Cesolìna co tacà in parte la canonica ormai bandonà. La Cesolìna ogni ano, al trédese de dicembre la vien verta, parché drento gh e la statua de Santa Lucia co n piato in man e in tel piato i so oci. Na olta i fasèa on bel sagròn, ma desso, pena pena (appena) la Messa. Da la casa in do gò passa tuta la me gioventù, a la Cesèta, ghe pocopì de cm chilometro. La Messa, na olta, i la fasea de matina bonòra che gh era oncora scuro: se nasèa ia in còngrega (gruppo) co la gente che ne stasèa rente e nasèino ia a pie anca se gh era la neve alta. Mi jera sempre tacà par man a me nona e me ricordo, che la me contàva che Santa Luzia la stasèa in mezzo al mare e sicome che la volea mantegnèrse na brava e bona butéla, on bruto omo el gà cavà i oci col piròn (forchetta), ma ela no la gà gnanca sentìo male, parché el Signore el ghe l'a solevà (tolto). In te on bastimento la gà passà el mare e quando l è rivà a la riva, el Signore el gà fato crèssare do ale e Ela l e xolà fin a le Cadasete (Cadelsette) e l è deventà statua. Prima che scomizièsse la Messa, me nona la me disèa: Coresìn, varda che la creatura lì, poarina, I ga cava i oci e i ghe li gà messi in tel piato e Ela la ne li fa vèdare, parchè se tegnèmo dacònto (ben curati) i nostri. Dai che preghèmo, parchè con piassè preghèmo manco a Ela ghe fa sbrùsia (bruciore) poarina!" Dopo ver pregà, me nona la pociàva i dei (tingeva le dita) in te l àcoa Santa, po la tocava i oci de Santa Lucia e la bagnava i mèi (miei) e i soi. La me diséa che Santa Luzia l è la Santa dei butìni e la protetrice de la vista. 19

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Aldo Moro Scuola dell Infanzia Collodi Corbetta Anno Scolastico 2012-2013

Istituto Comprensivo Statale Aldo Moro Scuola dell Infanzia Collodi Corbetta Anno Scolastico 2012-2013 alla Istituto Comprensivo Statale Aldo Moro Scuola dell Infanzia Collodi Corbetta Anno Scolastico 2012-2013 IL CALENDARIO DELL AVVENTO Collaborando con la Città dei Bambini, ogni sezione ha preparato su

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de Nome: Telefono: Data: Kurs- und Zeitwunsch: 1. Ugo è a. italiano b. da Italia c. di Italia d. della Italia 3. Finiamo esercizio. a. il b. lo c. gli d. l 5. Ugo e Pia molto. a. non parlano b. non parlare

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Il mistero del Natale dimenticato. Scuola dell infanzia di Boschi Sant Anna

Il mistero del Natale dimenticato. Scuola dell infanzia di Boschi Sant Anna Il mistero del Natale dimenticato Scuola dell infanzia di Boschi Sant Anna MILLE FIOCCHI BIANCHI Quell anno faceva tanto freddo e a Paesello ognuno se ne stava rintanato al calduccio nella sua casetta.

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Scuola d infanzia statale sezione C - a.s. 2014-15

Scuola d infanzia statale sezione C - a.s. 2014-15 Scuola d infanzia statale sezione C - a.s. 2014-15 Ricordi di viaggio Ecco siamo arrivati alla fine di questo anno di scuola. Abbiamo fatto un viaggio nel tempo: le ore, i giorni, le stagioni; i nostri

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

In quel momento i raggi del sole tornarono a risplendere nel villaggio e anche sui volti di tutti gli abitanti che da quel giorno capirono di

In quel momento i raggi del sole tornarono a risplendere nel villaggio e anche sui volti di tutti gli abitanti che da quel giorno capirono di C era una volta, al di là del grande faggio, un piccolo villaggio, qui gli abitanti vivevano felici; amavano coltivare ed avevano rispetto per il Sole che donava ogni giorno calore e luce ed anche per

Dettagli

ANNO I n. 3-Dicembre A.S. 2010-2011. Si desti l umanità intera a lodare. l Emmanuel Dio con noi disceso dal cielo a donarci la Salvezza!

ANNO I n. 3-Dicembre A.S. 2010-2011. Si desti l umanità intera a lodare. l Emmanuel Dio con noi disceso dal cielo a donarci la Salvezza! A.S. 2010-2011 ANNO I n. 3-Dicembre Si desti l umanità intera a lodare l Emmanuel Dio con noi disceso dal cielo a donarci la Salvezza! Il 15 dicembre la classe II I si è recata al Teatro Curci di Barletta

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì!

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Limerik di Ettore (nipotino grande) 9 PREFAZIONE È stata un emozione

Dettagli

Emergency Lunedì io e la mia classe siamo andati nell'aula Magna della nostra scuola. C'erano due persone; la prima persona che abbiamo incontrato si

Emergency Lunedì io e la mia classe siamo andati nell'aula Magna della nostra scuola. C'erano due persone; la prima persona che abbiamo incontrato si Emergency Lunedì io e la mia classe siamo andati nell'aula Magna della nostra scuola. C'erano due persone; la prima persona che abbiamo incontrato si chiama Francesca, era molto simpatica; la seconda invece

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

E pace in terra. raccolta di poesie di alcuni alunni delle classi 3A 3B 3E 2A. della Scuola Media C.Aschieri di S.Pietro in Cariano 13.12.

E pace in terra. raccolta di poesie di alcuni alunni delle classi 3A 3B 3E 2A. della Scuola Media C.Aschieri di S.Pietro in Cariano 13.12. E pace in terra raccolta di poesie di alcuni alunni delle classi 3A 3B 3E 2A della Scuola Media C.Aschieri di S.Pietro in Cariano 13.12.2007 INTRODUZIONE Il lavoro è stato svolto all interno di tre classi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALDA COSTA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALDA COSTA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALDA COSTA SCUOLA PRIMARIA ALDA COSTA FERRARA CLASSE IV A A.S. 2014/15 PARTECIPIAMO AL CONCORSO Luciana Albieri Edizione2015 Associazione Dammi la Mano SON TUTTE BELLE LE FAMIGLIE

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana il piacere di muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana Muoviti per la salute Scienziati, medici ed esperti di problemi legati all età anziana

Dettagli

Enzo l incontro con Gesù

Enzo l incontro con Gesù Enzo l incontro con Gesù Enzo Casagni ENZO L INCONTRO CON GESÙ Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Enzo Casagni Tutti i diritti riservati A Gesù che mi ha sempre seguito fin dal seno

Dettagli

CIAO, SONO LA BEFANA. TI VOGLIO RACCONTARE UNA DELLE TANTE STORIE CHE RACCONTANO SU DI ME. E COME TUTTE LE STORIE LA MIA COMINCIA CON

CIAO, SONO LA BEFANA. TI VOGLIO RACCONTARE UNA DELLE TANTE STORIE CHE RACCONTANO SU DI ME. E COME TUTTE LE STORIE LA MIA COMINCIA CON NON SONO TANTO BELLA. HO UN NASO LUNGO E BITORZOLUTO, MA SONO TANTO, TANTO BUONA. CIAO, SONO LA BEFANA. TI VOGLIO RACCONTARE UNA DELLE TANTE STORIE CHE RACCONTANO SU DI ME. E COME TUTTE LE STORIE LA MIA

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno

Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno Progetto Accoglienza Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno Ieri 22 settembre è stata una giornata speciale per noi alunni di Gorno delle classi3a, 4a e 5a... infatti non siamo stati

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

favola di Eleonora Eleonori

favola di Eleonora Eleonori LA LA STORIA STORIA DEL DEL PICCHIO PICCHIO FILIPPO FILIPPO favola di Eleonora Eleonori Questa è la storia del picchio Filippo e della sua famiglia composta di moglie e tre figlioletti: Rino, Pino e Mino.

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo.

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo. PRESENTAZIONE Giornalino sul FATTO DA I BAMBINI DELLA 4^B CON L AIUTO DELL INS.TE (PISCHEDDA ELISABETTA) DELLA SCUOLA ELEMENTARE ITALO CALVINO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BEINASCO ANNO SCOLASTICO 2005/2006

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Ricerca azione LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE. Dott.ssa Stefania Ferrari

Ricerca azione LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE. Dott.ssa Stefania Ferrari Ricerca azione LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE Dott.ssa Stefania Ferrari Villafranca, Marzo/Maggio 2010 Osservazione delle competenze di ascolto e produzione orale nella narrazione Insegnanti

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C P A G I N A 1 UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C Giorno 27 novembre, noi alunni della classe 5^ A Primaria del plesso Romana, ci siamo recati presso la sede centrale dell Istituto comprensivo Piero

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA 1 ANNO SCOLASTICO 2009/2010 L educazione religiosa nella scuola dell infanzia concorre alla formazione integrale del bambino, promovendo la maturazione

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Un compleanno speciale

Un compleanno speciale Testo teatrale ideato dalla classe 5D Un compleanno speciale ATTO UNICO Sceneggiatura a cura di Monica Maglione. Coreografia: Elisa Cattaneo / Alessandro Riela. Musiche: Papi, Sexy Back. Narratore: Davide

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino Programmazione 2014/2015 Elaborato da: Aiello Valentina Scuola dell Infanzia San Matteo Nichelino Nella scuola dove siamo Quando in cerchio ci troviamo Si fa bella l esperienza Non possiamo farne senza!

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista Allegato 11 INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08 Proponi ai nonni e ai genitori la seguente intervista Intervista 1. Con che cosa giocavi? 2. Chi ti comprava i giochi? 3. Ne

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia,

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, in tutte le sue varie forme, dal punto di vista storico,

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Istituto Comprensivo "NOTARESCO"

Istituto Comprensivo NOTARESCO Istituto Comprensivo "NOTARESCO" Anno Scolastico 2015/2016 PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA Insegnante Testa Maria Letizia MAPPA CONCETTUALE DIO HA POSTO IL MONDO NELLE NOSTRE

Dettagli