PRINCIPALI RISCHI DELL ATTIVITA SCOLASTICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRINCIPALI RISCHI DELL ATTIVITA SCOLASTICA"

Transcript

1 La scarsa conoscenza dei rischi preclude la possibilità di adottare le misure di prevenzione più idonee ad eliminare o ridurre le fonti di pericolo presenti in una scuola PRINCIPALI RISCHI DELL ATTIVITA SCOLASTICA Normalmente, in una scuola non esistono rischi di particolare natura e/o gravità se tutte le attività vengono eseguite adottando la dovuta diligenza e utilizzando prudentemente le attrezzature. Tuttavia è sempre possibile che, nonostante tutte le precauzioni, possano verificarsi incidenti dovuti a: disattenzione superficialità mancato rispetto delle regole comportamentali nell utilizzo dei laboratori Nella tabella seguente si analizzano le possibili situazioni di rischio in una scuola

2 AULA AULA LUOGO PERSONALE RISCHI CONSEGUENZE DOCENTI ALUNNI DOCENTI postura scorretta scivolamenti, cadute cause esterne (rottura vetri sedie, scossa elettrica etc..) comportamenti scorretti stress danni da rumore danni oculari patologie vocali danni struttura ossea traumi, e/o lesioni, stress danni da elettrocuzione irritabilità, ipoacusia, deficit visivi, danni a carico della laringe etc.. AULA COLLABOR. SCOLASTICI Scivolamenti cadute derivanti dalla loro mansione, movimentazione carichi allergie traumi, e/o lesioni, dermatiti SCALE CORRIDOI TUTTI Cadute scivolamenti traumi, e/o lesioni PALESTRA ALUNNI Legati alla pratica sportiva traumi, e/o lesioni LABORATORIO INFORMATICA ALUNNI DOCENTI postura scorretta lavoro al VDT danni oculari, scosse elettriche danni visivi danni struttura ossea schok elettrici UFFICIO SEGRETERIA PERSONALE ADDETTO lavoro al VDT arredi inadeguati postura scorretta rumore, stress, allergie scosse elettriche danni visivi danni struttura ossea schok elettrici ipoacusia demotivazione difficoltà relazionale assenteismo RISCHI PER LA SICUREZZA: le scale, i corridoi e gli spazi comuni: RISCHI: - Cadute con contusioni, traumi o fratture - Urti accidentali CAUSE: - Movimenti scorretti - Pavimenti scivolosi - Mancanza di bande antisdrucciolo nelle pedate dei gradini - Eccessivo affollamento PREVENZIONE: - Calma e cautela nel salire e scendere le scale - Comportamenti adeguati (non correre, non spintonarsi) - Vigilanza da parte del personale docente e ATA, soprattutto negli orari di entrata, di uscita e durante l intervallo.

3 Le aule Le aule - Scivolamenti e/o cadute RISCHI -Igienico-ambientali - Guasti elettrici -incendio CAUSE: - Pavimenti bagnati o scivolosi - Microclima inadeguato dovuto ad eccessivo affollamento dei locali, al cattivo funzionamento dell impianto di riscaldamento o alla presenza di umidità - Presenza di spigoli vivi nelle ante degli infissi o negli arredi - Utilizzo imprudente di spine o prese elettriche PREVENZIONE: - Pulizia dei pavimenti nei tempi e nei modi adeguati - Aerazione manuale dei locali - Controllo del corretto funzionamento dell impianto di riscaldamento - Interventi di manutenzione straordinaria al fine di eliminare le cause dell insorgere di umidità - Posa in opera di para spigoli negli arredi - Controllo della regolarità delle prese e delle spine - Installazione di rilevazione di fumo. La sala insegnanti e la biblioteca: RISCHI: - Caduta di materiale - Ingombro di spazi -Incendio CAUSE: - Sovraccarico delle scaffalature - Concentrazione di materiale cartaceo PREVENZIONE: - Riordino dei libri negli appositi scaffali - Controllo dell usura e della tenuta delle scaffalature e degli arredi - Evitare carichi pesanti - Installazione di rilevatori di fumo e presidi antincendio appositi.

4 La palestra: RISCHI: - Contusioni, distorsioni, traumi - Utilizzo di attrezzature in modo non idoneo CAUSE: - Disattenzione o movimenti scoordinati - Poca concentrazione durante lo svolgimento degli esercizi - Utilizzo errato degli attrezzi - Urti contro le attrezzature PREVENZIONE: - Seguire scrupolosamente le indicazioni degli insegnanti - Mantenere la concentrazione durante lo svolgimento degli esercizi - Controllo costante delle attrezzature presenti - Mantenere le vie di fuga libere da ingombri, attrezzature, palloni, strumenti - Installazione di rilevatori di fumo e presidi antincendio appositi - Utilizzo di apposita cartellonistica di sicurezza. I magazzini, gli archivi ed i depositi: RISCHI: -Igienico -ambientali - Caduta di materiali - Ingombro di spazi -Incendio CAUSE: - Presenza di umidità, muffe, polveri - Sovraccarico delle scaffalature - Concentrazione presenza di materiale cartaceo - Possibilità di corto circuito e presenza di materiale infiammabile PREVENZIONE: - Collocazione delle diverse categorie merceologiche in ambienti separati e su scaffalature metalliche - Tenere ben aerati ed asciutti i locali mediante interventi di manutenzione straordinaria atti ad eliminare le cause di umidità e muffe - Tenere i prodotti chimici (detersivi, disinfettanti, disinfestanti) o comunque liquidi infiammabili in un apposito locale ed in appositi armadi chiusi a chiave - Controllo dell usura e della tenuta delle scaffalature e degli arredi - Evitare carichi pesanti - Mantenere le vie di fuga libere da ingombri Controllo e manutenzione periodica dei locali e dell impianto elettrico - Installazione di rilevatori di fumo e presidi antincendio appositi - Collocazione di appositi cartelli indicanti il carico massimo ammissibile sulle scaffalature.

5 Il laboratorio d informatica: RISCHI: - Guasti elettrici - Affaticamento visivo e muscolare -Incendio CAUSE: - Presenza di numerose spine e prese multiple - Riflessi sullo schermo - Assunzione di posture scorrette - Presenza di materiale altamente infiammabile. PREVENZIONE: - Gli alunni devono attenersi scrupolosamente alle indicazioni del docente per quanto riguarda l uso dei PC - Controllo e manutenzione periodica dell impianto elettrico - Pulizia e controllo costante delle macchine - Assumere una postura corretta (piedi ben appoggiati al pavimento, schiena poggiata allo schienale e avambracci poggiati al piano di lavoro) - Effettuare un riposo o cambiamento di attività di almeno 15 minuti dopo l eventuale uso di videoterminali protratto per due ore - Installazione di rilevatori di fumo e presidi antincendio appositi - Alla chiusura dei laboratori, interrompere l erogazione di corrente elettrica disattivando l interruttore generale - Utilizzo di apposita cartellonistica di sicurezza Gli spogliatoi ed i servizi igienici: RISCHI: -Scivolamento - Trasmissione batterica -Igienico ambientali - Guasti elettrici CAUSE: - Pavimenti bagnati - Igiene e pulizia inadeguate dei locali - Presenza di umidità PREVENZIONE: - Pulizia dei pavimenti nei tempi e nei modi adeguati - Pulizia costante dei sanitari, delle maniglie delle porte e degli interruttori - Frequente ricambio dell aria - Controllo periodico dell impianto elettrico - Non sostare a lungo ed evitare l affollamento

6 La centrale termica: RISCHI: -Incendi - Esplosioni CAUSE: - Impianto elettrico non a norma o guasto - Presenza di materiali infiammabili - Fughe di gas. PREVENZIONE: - Controllo periodico dell impianto elettrico - Manutenzione periodica e certificata della caldaia - Installazione di rilevatori di fumo e presidi antincendio appositi - Utilizzo di apposita cartellonistica di sicurezza. Prima di movimentare qualsiasi oggetto pesante ricordarsi di: Il peso massimo movimentabile manualmente da un solo lavoratore è indicato in 30 Kg Afferrare bene il carico prima di sollevarlo Effettuare spostamenti graduali partendo dalla posizione a ginocchia flesse Operare spostando i carichi in modo simmetrico se si devono trasportare due pesi contemporaneamente Tenere le gambe in modo che l apertura crei una base di ancoraggio più ampia RISCHI PER LA SALUTE: La movimentazione manuale dei carichi:

7 Sollevare il carico flettendo le ginocchia e mantenendo la schiena in posizione retta Mantenere il carico in posizione prossima al corpo Non caricare nulla sulla spalla Nel movimentare il carico da un punto ad un altro non torcere il busto, ma spostare le gambe Appoggiare la schiena al mobile e far forza sulle gambe se si devono spostare armadi Utilizzare quanto più possibile ogni mezzo meccanico utile e rispettare la portata massima degli stessi per movimentare i pesi Mantenere nel trasporto dei pesi la colonna dritta ed evitare di ruotare il corpo Conservare i pesi più pesanti sui ripiani a portata di mano al fine di evitare sforzi. UTILIZZO DI VIDEOTERMINALI La postazione deve rispondere a requisiti precisi in termini di attrezzature e della loro collocazione rispetto alle caratteristiche dell ambiente. Il posto di lavoro è l insieme che comprende le attrezzature munite di videoterminale, eventualmente con tastiera ovvero altro sistema di immissione dati, incluso il mouse, il software per l interfaccia uomo macchina, gli accessori opzionali, le apparecchiature connesse, comprendenti l unità a dischi, il telefono, il modem, la stampante, il supporto per i documenti, la sedia, il piano di lavoro, Nonché l ambiente di lavoro immediatamente circostante. Il lavoratore soggetto a rischio VDT è colui che utilizza un attrezzatura munita di videoterminali in modo sistematico o abituale per 20 ore settimanali, dedotte le interruzioni previste dall art. 175 del D. Lgs. 81/2008.

8 All atto della valutazione del rischio il datore di lavoro analizza le postazioni di lavoro con particolare riferimento a: Rischi per la vista e per gli occhi Problemi nella postura e per l affaticamento visivo e mentale Condizioni ergonomiche e di igiene ambientale Il lavoratore ha diritto ad un interruzione della sua attività mediante opportune pause di 15 minuti ogni 2 ore di applicazione continuativa al videoterminale. L art. 176 stabilisce che i lavoratori siano sottoposti alla sorveglianza sanitaria con particolare riferimento a: Rischi per la vista e per gli occhi Rischi per l apparato muscolo scheletrico. Le visite devono essere ripetute con periodicità biennale per i lavoratori che abbiano compiuto i 50 anni di età, quinquennale se di età inferiore. Ai fini della prevenzione è pertanto necessario: progettare ergonomicamente il posto di lavoro con una corretta scelta degli arredi e dei videoterminali organizzare correttamente il lavoro, rispettando le pause ed evitando di mantenere una posizione inalterata per tempi prolungati, la digitazione rapida e l uso del mouse per lunghi periodi. È poi importante: avere a disposizione un videoterminale moderno e appropriato nonché arredi regolabili in base alle dimensioni corporee dell operatore avere un piano di lavoro con spazio sufficiente per l appoggio degli avambracci e per la corretta collocazione dello schermo, della tastiera e del mouse allestire il posto di lavoro in modo ottimale in funzione delle dimensioni corporee dell operatore (altezza del sedile, del piano di lavoro e posizione dello schermo); usare occhiali appropriati per correggere eventuali difetti di vista; fare pause per rilassarsi; alternare spesso al lavoro al videoterminale attività lavorative in posizione eretta. In alcuni casi può essere utile disporre di accessori ergonomici come i poggiapiedi o i poggiapolsi per l uso di tastiera e mouse o di accessori che consentano di lavorare anche in piedi.

9 I NUOVI RISCHI Stress lavoro-correlato, secondo accordo europeo 8 ottobre 2004 Rischi riguardanti le lavoratrici in stato di gravidanza, secondo il D.Lgs. 151/2001 Riconoscimento delle mansioni vietate Verifica dei rischi per la gestante anche per le mansioni non vietate (adozione di precauzioni o spostamento o astensione anticipata) Rischi connessi alle differenze di genere Garantire pari opportunità Rischi da molestie Rischi connessi alle differenze di età Allievi giovanissimi (ridotta percezione del rischio, custodia, sorveglianza) Maturi di età superiore ai 55 anni Rischi connessi alle differenze di provenienza da altri Paesi Difficoltà linguistiche (anche connesse all in-formazione sulla sicurezza) Differenze culturali e religiose (clima d aula) RISCHI PSICOSOCIALI E STRESS LAVORO CORRELATO star bene o male a scuola ai sensi del D.Lgs 81/2008 Articolo 37, comma 1, lettera b In ogni vita ci sono delle difficoltà per cui non siamo preparati. Leggete, imparate e siate pronti per la vita e la guarigione (Bernard S. Siegel)

10 STRESS ED EQUILIBRIO Entro un certo limite lo stress è la forza necessaria ad affrontare le situazioni, aiuta le persone a sentirsi vive ed a migliorarsi UNA BUONA QUALITÀ DELLA VITA SI HA MANTENENDO IL NOSTRO ORGANISMO E LA NOSTRA MENTE ENTRO UNA TENSIONE OTTIMALE Cos è lo stress? alcune definizioni Lo stress dovuto al lavoro può essere definito come un insieme di reazioni fisiche ed emotive dannose che si manifesta quando le richieste poste dal lavoro non sono commisurate alle capacità, risorse o esigenze del lavoratore. Lo stress connesso al lavoro può influire negativamente sulle condizioni di salute e provocare persino infortuni (NIOSH, Stress at work, 1999) È uno stato caratterizzato da livelli elevati di eccitazione e ansia, spesso accompagnati da senso di inadeguatezza. (Commissione Europea, Guida allo stress legato all attività lavorativa, 1999) Lo stress, potenzialmente, può colpire in qualunque luogo di lavoro e qualunque lavoratore, a prescindere dalla dimensione dell azienda, dal campo di attività, dal tipo di contratto o di rapporto di lavoro. (Accordo Europeo sullo stress sul lavoro 8 ottobre 2004)

11 EUSTRESS E DISTRESS Eustress (condizione di stress positivo): quando le pressioni che agiscono su di noi rientrano all'interno di un limite tollerabile Distress (condizione di stress negativo): quando le sollecitazioni sono troppo intense e prolungate ed eccedono la capacità di risposta oppure quando le sollecitazioni sono troppo povere, fanno sperimentare noia e monotonia, inibendo la normale attività psicobiologica dell'organismo ACCORDO EUROPEO IN TEMA DI STRESS DA LAVORO DELL 8/10/2004 «Lo stress è uno stato, che si accompagna a malessere e disfunzioni fisiche, psicologiche o sociali e che consegue dal fatto che le persone non si sentono in grado di superare i gap rispetto alle richieste e o alle attese nei loro confronti» Alcuni Indicatori suggeriti dall Accordo Europeo: alto assenteismo elevata rotazione del personale conflitti interpersonali lamentele frequenti da parte dei lavoratori Alcuni elementi di analisi/misura suggerite dall Accordo Europeo dell organizzazione e i processi di lavoro delle condizioni e l ambiente di lavoro della comunicazione dei fattori soggettivi Alcune cause indicate dalla letteratura medica: ripetuti mutamenti di turno lavoro notturno prestazione di attività lavorativa in emergenza lavoro ripetitivo

12 Lo stress non è una malattia ma una situazione di prolungata tensione che può ridurre l efficienza sul lavoro e può determinare un cattivo stato di salute. Non tutte le manifestazioni di stress sul lavoro possono essere considerate come stress lavoro-correlato Anche lo stress che ha origine fuori dall ambito di lavoro può condurre a cambiamenti nel comportamento e ad una ridotta efficienza sul lavoro Ma è bene ricordare che la sfera privata non è di pertinenza del datore di lavoro che può intervenire esclusivamente: 1)sull organizzazione del lavoro 2)sull ambiente lavorativo NELL UNIONE EUROPEA, lo stress legato all attività lavorativa è il secondo problema di salute più comune nel mondo del lavoro, dopo i dolori alla schiena, che colpisce quasi un lavoratore su tre. sono 40 milioni i lavoratori che ogni anno accusano disturbi correlabili allo stress il conseguente costo sociale ammonta a 20 miliardi di euro il 50% di questi lavoratori ritiene che la causa principale sia la pressione temporale (troppo da fare in poco tempo) oltre il 30% ritiene che la causa principale sia il mancato controllo sul compito il 23% attribuisce allo stress frequenti sintomi di stanchezza generalizzata (senza causa apparente e ancor prima di iniziare la giornata lavorativa)

13 LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO VA ESEGUITA RISPETTANDO LE STESSE PROCEDURE E GLI STESSI PROCESSI UTILIZZATI PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI PRESENTI SUL LUOGO DI LAVORO: IDENTIFICAZIONE delle fonti di stress ADOZIONE di misure per l eliminazione, RIDUZIONE e prevenzione dei rischi COMUNICAZIONE dei risultati della valutazione MONITORAGGIO e revisione periodica COS È ILBURNOUT (D.M.P)? Il termine burnout (letteralmente, scoppiato, bruciato, esaurito ) compare per la prima volta negli anni Trenta nel gergo dell atletica professionale e indica il fenomeno per il quale un atleta, dopo alcuni anni di successi, si esaurisce e non è più capace di dare nulla dal punto di vista agonistico. A partire dagli anni Settanta venne introdotto negli Stati Uniti in riferimento all ambito lavorativo, in relazione agli operatori dei servizi sociali, alle cosiddette professioni di aiuto, le helping profession. Queste categorie di lavoratori, infatti, dopo mesi di impegno e dedizione per gli altri si sentono bruciati, hanno un crollo morale dovuto proprio ad un sovraccarico di stress cronico che deriva dall interazione con le persone che dovrebbero aiutare (stress occupazionale)

14 SINDROME DEL BURNOUT Affaticamento fisico ed emotivo Atteggiamento distaccato e apatico nei rapporti interpersonali (studenti,colleghi) Sentimento di frustrazione dovuto alla mancata realizzazione delle proprie aspettative Quattro gli aspetti peculiari che rappresentano il CUORE DELLA SINDROME: 1.ESAURIMENTO: l individuo si sente completamente sfinito dal punto di vista emozionale, senza più le forze per ricominciare, si percepisce come inutile e cercherà il minimo contatto con la gente. 2. SPERSONALIZZAZIONE: lo sviluppo dei sentimenti negativi verso gli altri avanza a tal punto da considerare negativamente anche se stesso, iniziando a diventare freddi e indifferenti e provando sensi di colpa per come stanno trattando gli altri 3. RIDOTTA REALIZZAZIONE PERSONALE SUL LAVORO: si sentono falliti e cercano di rimediare rivolgendosi a psicoterapeuti o cambiano lavoro.

15 Più recentemente, nell ormai ampia letteratura in merito, è stata descritta una quarta caratteristica: 4) LA PERDITA DELLA CAPACITÀ DEL CONTROLLO (smarrimento cioè di quel senso critico che consente di attribuire all esperienza lavorativa la giusta dimensione): la professione finisce per assumere un importanza smisurata nell ambito della vita di relazione e l individuo non riesce a "staccare" mentalmente tendendo a lasciarsi andare anche a reazioni emotive, impulsive e violente. LO STUDIO GETSEMANI : studio sul rapporto tra le professioni, in particolare l insegnamento, e le patologie psichiatriche, coordinato dal medico Vittorio LODOLO D ORIA "Nell'Orto degli Ulivi un Maestro in preda a tristezza e angoscia. I suoi discepoli, diversi per provenienza e cultura, disorientati e stanchi. La comunità ostile. Le istituzioni contro. Un lungo avvenire davanti." Perché Getsemani? Molti insegnanti si sentono soli e abbandonati dalle istituzioni, dagli studenti-discepoli e dalla comunità e diventano così preda della tristezza e dell angoscia. Da qui il parallelismo con l episodio di Gesù maestro per eccellenza - nell orto del Getsemani. Spesso la loro condizione di disagio psico-fisico non viene riconosciuta dal medico come risultante dello stress professionale. A questo subentra disistima, isolamento, vergogna e sfiducia che attivano reazioni di adattamento negative (bere, fumare, pasticciarsi con psicofarmaci).

16 Lo studio Getsemani, rappresenta nel nostro Paese l analisi forse più conosciuta del problema burnout tra la classe docente italiana e merita di essere conosciuta. Lo studio parte dall'analisi degli accertamenti sanitari per l'inabilità al lavoro, svolta dai Collegi Medici della ASL Città di Milano nel periodo 1/92-12/01 per un totale di casi clinici. Opera un confronto tra quattro macrocategorie professionali di dipendenti dell'amministrazione Pubblica (insegnanti, impiegati, personale sanitario, operatori). In controtendenza con gli stereotipi diffusi nell'opinione pubblica (gli insegnanti lavorano solo al mattino, non hanno motivi per essere stressati, hanno tre mesi di vacanze e altri privilegi.), i risultati dimostrano che la categoria è soggetta a una frequenza di patologie psichiatriche molto elevata. Getsemani approfondisce inoltre cause, fattori predisponenti, reazioni di adattamento individuale, aspetti sociali, ipotesi d'intervento nella classe docente, stratificata per livello d'insegnamento (scuola materna, elementare, media, superiore). Lo studio GETSEMANI: risultati INSEGNANTI (n.696) patologie psichiatriche nel 49,2% IMPIEGATI (n.595) patologie psichiatriche nel 34,9% SANITARI (n.418) patologie psichiatriche nel 26, 5% degli accertamenti d inabilità al lavoro OPERATORI (n.1340) patologie psichiatriche nel 15,7%

17 LO STRESS NEI DOCENTI: una piramide a tre strati Isolamento PATOLOGIA PSICHIATRICA Esclusione/ Espulsione sociale BURNOUT Imbarazzo - Regressive Supporto Sociale Recupero/ Reinserimento Eustress Bassa capacità reattiva individuale Alta capacità reattiva individuale Normalità Tra la scuola pubblica e privata si contano circa un milione di insegnanti rappresentabili come un unica piramide suddivisa in tre strati a seconda delle condizioni di salute psicofisica individuale: 1) LA BASE DELLA PIRAMIDE: vi si trovano coloro che sono in buona salute. Ci si dovrà occupare di prevenzione e salvaguardare il benessere psicofisico di chi esercita la professione Formare gli insegnanti in modo completo senza tralasciare di metterli in guardia sugli effetti collaterali della loro professione. Successivamente occorrerà mettere in grado i docenti di gestire le proprie energie e di auto-valutare le proprie condizioni psicofisiche, monitorandole nel tempo, attraverso le necessarie capacità di critica e giudizio. Non è certamente da escludere un coinvolgimento dei mass-media per cercare quantomeno di ridurre i dannosi stereotipi sulla professione insegnante e restituire maggior dignità alla categoria.

18 2) LO STRATO INTERMEDIO: popolato da coloro che sono in una situazione di burnout. Andrà predisposto quello che gli anglosassoni chiamano social support che consiste nella creazione di strutture psicologiche di ascolto, informazione, condivisione. L obiettivo di tale iniziativa consiste nell evitare all insegnante in difficoltà quei sentimenti di vergogna ed isolamento tipici dell individuo che si trova ad attraversare questa fase transitoria. Infatti, se non individuata per tempo, la situazione può degenerare velocemente verso la patologia mentale e la rapida perdita delle capacità di critica e giudizio, con la conseguente esclusione sociale. 3) L APICE: L composto da coloro che sono vittime di una psicopatologia. Si dovrà pensare, insieme al mondo medico-scientifico, ad identificarli, agganciarli e curarli, affinché non arrechino danni a se stessi e all utenza. Il tutto dovrà tendere a perseguire la guarigione dell individuo, con l obiettivo finale di favorire, dove ve ne siano i presupposti, il reinserimento lavorativo e sociale del soggetto. I FATTORI PROFESSIONALI USURANTI La categoria degli insegnanti è sottoposta a numerosi stress di tipo professionale. La loro natura, sia in generale che con specifico riferimento allo scenario scolastico italiano, può essere ricondotta ad alcuni fattori riguardanti: 1) LA PECULIARITÀ DELLA PROFESSIONE: LE RELAZIONI rapporto con studenti e genitori classi numerose situazione di precariato conflittualità tra colleghi costante necessità aggiornamento 2) LA TRASFORMAZIONE DELLA SOCIETÀ VERSO UNO STILE DI VITA SEMPRE PIÙ MULTIETNICO E MULTICULTURALE crescita del numero di studenti extracomunitari e degli interscambi culturali come effetti della globalizzazione

19 3) IL CONTINUO EVOLVERSI DELLA PERCEZIONE DEI VALORI SOCIALI nuove politiche a favore dell HC con inserimento di alunni disabili nelle classi delega educativa da parte della famiglia a fronte dell assenza di genitori-lavoratori o di famiglie monoparentali 5) IL SUSSEGUIRSI CONTINUO DI RIFORME autonomia scolastica innalzamento della scuola dell obbligo ingresso nel mondo della scuola anticipato all età di cinque anni e mezzo 4) L EVOLUZIONE L SCIENTIFICA avvento dell era informatica e delle nuove tecnologie di comunicazione elettronica 6) MAGGIOR PARTECIPAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE DECISIONI conseguente livellamento dei ruoli con i docenti decreti delegati del 74 Statuto degli studenti/studentesse del DPR 239/98 7) IL PASSAGGIO CRITICO DALL INDIVIDUALISMO AL LAVORO IN ÈQUIPE scomparsa dell insegnante unico Insegnamento basato su pluralità di docenti 8) L INADEGUATO RUOLO ISTITUZIONALE ATTRIBUITO/RICONOSCIUTO ALLA PROFESSIONE retribuzione insoddisfacente risorse sempre più carenti Precarietà mobilità scarsa considerazione da parte dell opinione pubblica.etc

20 LE CONSEGUENZE COME SI PUÒ PREVENIRE? Cosa può fare allora un insegnante per evitare di essere colpito da burnout? Come per ogni altra patologia, occorre ricordare che prevenire è meglio che curare. Le possibili strategie di prevenzione possono essere attuate su più piani: individuale, organizzativo, istituzionale. SUL PIANO INDIVIDUALE, i cambiamenti possono essere messi in atto dal singolo insegnante. Tali strategie rappresentano tutte quelle azioni che, messe in atto in condizioni di stress, aiutano a fronteggiarlo. Solo a titolo di esempio, è meglio: programmare il lavoro in modo scrupoloso per tutta la settimana onde evitare di essere colti impreparati e dover affrontare situazioni di incertezza cercare un po di relax dopo il lavoro (concedendosi uno sport, una passeggiata o un po di tempo da dedicare all hobby preferito, una chiacchierata con amici, la lettura di un buon libro) leggere alcuni aspetti legati al lavoro anche in chiave umoristica dimenticare il lavoro alla fine della giornata.

21 SUL PIANO ORGANIZZATIVO, gli insegnanti possono cercare di attuare alcune strategie direttamente nell ambito lavorativo. Come si dice è piùfacile ristrutturare un ruolo che ristrutturare il carattere sia dell individuo che della società. Sicuramente un docente non può diminuire il numero degli alunni per classe, ma può dare suggerimenti di tipo organizzativo, che migliorino le condizioni di lavoro. Tali suggerimenti possono poi essere spesi in diversi ambiti: dalla programmazione delle attività curriculari al turn over degli insegnanti. Tutto ciò ovviamente presuppone una grande attenzione al livello della comunicazione all interno dello staff di direzione. SUL PIANO ISTITUZIONALE, le strategie necessarie per evitare il burnout degli insegnanti sono quelle di tipo sociologico. Mi riferisco, ad esempio, alla possibilità per i docenti di usufruire di un polo di ascolto collocato anche all interno della scuola. Ci si potrebbe avvalere della figura di uno psicologo scolastico, al quale chiedere uno spazio da dedicare anche agli insegnanti. Tutto questo naturalmente presuppone che la stessa Istituzione scolastica riconosca il burnout come una sindrome che può colpire il corpo docente e che, di conseguenza, organizzi non solo alcuni incontri per spiegarlo, ma fornisca anche i mezzi e le strategie per evitarlo ed eventualmente fronteggiarlo. Come insegnante mi viene spontaneo questo suggerimento: se non è l istituzione a trattare spontaneamente l argomento, perché non siamo noi a proporlo al primo Collegio docenti dell anno scolastico? In fondo, il lavoro che siamo chiamati a svolgere non è solo di tipo educativo e didattico: il nostro scopo è anche quello di creare una situazione di benessere ai nostri alunni e di conseguenza alle loro famiglie. Proviamo allora a partire dal semplice presupposto che solo curando il benessere personale e professionale abbiamo qualche chance di raggiungere l obiettivo più importante della nostra mission e cioè lo star bene a scuola.

22 IL RISCHIO CHIMICO A SCUOLA Il rischio di natura chimica è un rischio igienico- ambientale dovuto alla presenza di agenti chimici. E' legato essenzialmente alla mancata cognizione della pericolosità di ciò che si utilizza durante le lavorazioni e/o attività di laboratorio. Ogni sostanza o preparato può essere tossica per l'uomo quando causa danni organici e/o funzionali. La sostanza tossica può presentarsi sotto diverse forme (gas, polveri, vapori, ecc.) e può causare danni all'organismo venendo inalata attraverso le vie respiratorie, per contatto cutaneo, per ingestione, ecc. RISCHI Le vie attraverso le quali gli agenti chimici si possono introdurre nell'organismo sono tre: a. inalazione b. penetrazione attraverso la cute o le mucose c. ingestione Per classificare, ai fini della pericolosità, le sostanze e i preparati si considerano gli effetti fisici e gli effetti biologici. Le sostanze pericolose sono suddivise nelle seguenti classi di pericolo p in funzione della loro potenzialità: Esplosive (E) Comburenti (O) Altamente infiammabili (F+) Facilmente infiammabili (F) Infiammabili Molto tossici (T+) Tossici (T) Nocivi (Xn) Corrosivi (C) Irritanti (Xi) Sensibilizzanti Pericolosi per l ambiente (N) Cancerogeni Teratogeni Mutagene

23 OCCHIO ALL ETICHETTA Leggere sempre l etichetta l prima di utilizzare un prodotto chimico Non farlo significa ignorare i rischi che si corrono Non travasare sostanze in contenitori diversi dagli originali Se devi farlo, ricordati di bonificare prima accuratamente il nuovo contenitore, togliendo, se presente, la vecchia etichetta ed etichettandolo di nuovo Verifica che tutti i materiali pericolosi siano propriamente etichettati Se non sei sicuro di cosa contiene un contenitore, evita di usarne il contenuto e avverti il tuo superiore. Il produttore deve fornire alla ditta acquirente delle confezioni della sostanza o del preparato regolarmente etichettato una scheda di sicurezza della sostanza o del preparato. Sull etichetta devono essere riportate nome commerciale del preparato dati del fabbricante, importatore o distributore nome chimico dei componenti più significativi, dal punto di vista tossicologico simbolo grafico del pericolo frasi di rischio (frasi R) consigli di prudenza (frasi S) quantita

24 NORME DI COMPORTAMENTO DURANTE L IMPIEGO L DI AGENTI CHIMICI analizzare con attenzione la scheda di sicurezza che accompagna l'agente chimico in uso tenere aperti i recipienti contenenti prodotti pericolosi solo per il tempo strettamente necessario osservare le indicazioni riportate sulle etichette evitare il travaso di prodotti pericolosi in contenitori non idonei, privi di indicazioni sul contenuto È inoltre necessario osservare alcune fondamentali norme di difesa contro gas, fumi, polveri, vapori nocivi verificare che gli impianti di aspirazione e ventilazione siano in funzione evitare di porsi in corrispondenza del flusso di gas, fumi, polveri e vapori determinato dagli impianti di aspirazione IL RISCHIO BIOLOGICO Le scuole sono annoverate tra i cosiddetti ambienti indoor (ambienti confinati di vita e di lavoro). In esse si svolgono sia attività didattiche in aula, in palestra, e/o in laboratorio, sia attività amministrative. Nelle scuole il rischio biologico è prevalentemente di natura infettiva: il rischio di allergie o intossicazioni è, infatti, sovrapponibile a quello della popolazione generale. L esposizione agli agenti biologici è prevalentemente inalatoria o avviene per contatto con superfici e oggetti contaminati.

D. LGS. 81/08 L USO IN SICUREZZA DEI VIDEOTERMINALI LO STRESS DA LAVORO

D. LGS. 81/08 L USO IN SICUREZZA DEI VIDEOTERMINALI LO STRESS DA LAVORO D. LGS. 81/08 L USO IN SICUREZZA DEI VIDEOTERMINALI LO STRESS DA LAVORO I Videoterminali Riferimenti normativi: D. Lgs. 81 del 2008 Titolo VII (art.i. 172 179) RISCHIO VDT Cos è lavoro al videoterminale?

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA

VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA Per i dipendenti della scuola, identificati in base al profilo omogeneo di attività, sono riassunti ed identificati i rischi specifici tipici e quanto previsto

Dettagli

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA Pagina 1 di 5 Nella scuola sono state individuate ed integrate su indicazione del personale, le seguenti misure di prevenzione e protezione: MISURE ANTINCENDIO E DI EMERGENZA Tutto il personale docente

Dettagli

RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI

RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI I principali fattori di rischio vanno ricercati in : una scarsa conoscenza ed applicazione dei principi ergonomici; una mancanza di informazione e di consapevolezza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO ANNO 2014 PROGRAMMA INTERVENTI PER LA SICUREZZA IN AZIENDA OGGETTO: D. LGS. 81/08 E S.M.I. SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO. L impostazione del programma aziendale per

Dettagli

Come. Uso di attrezzature munite di videoterminali

Come. Uso di attrezzature munite di videoterminali ing. Domenico Mannelli Come Uso di attrezzature munite di videoterminali DEFINIZIONI videoterminale: schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato

Dettagli

Dispense tratte dal manuale Inail

Dispense tratte dal manuale Inail Dispense tratte dal manuale Inail Relazionare tenendo conto dei seguenti punti: Quali sono i possibili disturbi dovuti al lavoro al videoterminale? Cosa si può fare per evitarli? (posizione del monitor

Dettagli

Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative. Obblighi normativi. Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio

Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative. Obblighi normativi. Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative Obblighi normativi Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio Stress lavoro correlato Tema di attualità Incidenza elevata Cambiamento

Dettagli

Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica

Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica Definizioni Danno: alterazione transitoria o permanente dell organismo umano o/e delle sue funzioni Danno biologico: infortunio o malattia

Dettagli

LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE

LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE Ergonomia / Videoterminali / Utilizzo sicuro dei VDT LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE Introduzione Gli aspetti posturali connessi al lavoro al VDT sulla salute dei lavoratori sono stati studiati da molti

Dettagli

Formazione sicurezza studente lavoratore

Formazione sicurezza studente lavoratore Formazione sicurezza studente lavoratore ILVIDEOTERMINALE 1. Definizione del termine Videoterminale 2. Definizione del termine Vidoterminalista 3. Definizione del termine Posto di lavoro 4. Obblighi del

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Il comportamento corretto e prudente di ognuno è il miglior modo di prevenzione contro ogni genere di infortunio - Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc. - Non

Dettagli

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici Claudio Arcari Piacenza,15 Febbraio 2001 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I Titolo II Titolo III Titolo

Dettagli

Il lavoro al Videoterminale (VDT)

Il lavoro al Videoterminale (VDT) Servizio Prevenzione e Protezione Viale Innovazione, 2-Edificio U11-20126 Milano tel.02-64486190-fax 02-64486191 Il lavoro al Videoterminale (VDT) Effetti sulla salute e prevenzione I videoterminali Negli

Dettagli

RISCHI NELLA PRODUZIONE DI PASTICCERIA

RISCHI NELLA PRODUZIONE DI PASTICCERIA RISCHI NELLA PRODUZIONE DI PASTICCERIA Speciale Inserti: Rischi in Pasticceria Pagina 1 Attività svolta L attività del pasticcere prevede la produzione dei prodotti dolciari, dalla preparazione della materia

Dettagli

VIDEOTERMINALI & SALUTE

VIDEOTERMINALI & SALUTE VIDEOTERMINALI & SALUTE note informative per il personale dell Istituto note informative per il personale dell Istituto Pagina 1 Il presente documento informativo è stato promosso dal Servizio di Prevenzione

Dettagli

D.LGS. 81/08 TITOLO VII Art. 172 Campo di applicazione

D.LGS. 81/08 TITOLO VII Art. 172 Campo di applicazione 1 D.LGS. 81/08 TITOLO VII Art. 172 Campo di applicazione Le norme del presente titolo si applicano alle attività lavorative che comportano l uso di attrezzature munite di videoterminali. Non si applicano

Dettagli

ATTIVITA E FATTORI DI RISCHIO INCOMPATIBILI CON LA GRAVIDANZA

ATTIVITA E FATTORI DI RISCHIO INCOMPATIBILI CON LA GRAVIDANZA ATTIVITA E FATTORI DI RISCHIO INCOMPATIBILI CON LA GRAVIDANZA RISCHI LEGATI A CONDIZIONI PERSONALI In caso di disturbi, questi devono essere segnalati, perché possano essere presi gli opportuni provvedimenti.

Dettagli

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni.

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. CAMPO DI APPLICAZIONE Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. FIGURE INTERESSATE Datore di Lavoro Lavoratore

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA VIDEOTERMINALI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

Esposizione ad agenti biologici

Esposizione ad agenti biologici Esposizione ad agenti biologici Il Titolo X corrisponde al Titolo VIII del D.Lgs. 626/94 di attuazione della direttiva 90/679/CEE, relativa alla protezione di lavoratori contro i rischi derivanti dall

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E VIDEOTERMINALI. A cura di: Danilo Monarca e Massimo Cecchini

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E VIDEOTERMINALI. A cura di: Danilo Monarca e Massimo Cecchini CORSO RESPONSABILI DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e dell Accordo tra Stato e Regioni 26 gennaio 2006 MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E VIDEOTERMINALI A cura di:

Dettagli

Dispositivi di Protezione Individuale e Segnaletica

Dispositivi di Protezione Individuale e Segnaletica Dispositivi di Protezione Individuale e Segnaletica 1. Dispositivi di Protezione Individuale 2. Segnaletica di Sicurezza Rev. 2 ottobre 2009 Dispositivi di Protezione Individuale e Segnaletica slide 1

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE

PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 6 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS Circ. n. 10 Ai docenti Al personale ATA Albo Sito web Prot. N.3657/S2 Oggetto: disposizioni in materia di sicurezza e prevenzione rischi (D. Lgs. 81/08 ex legge 626/94). Per opportuna conoscenza e per

Dettagli

Gli ambienti di lavoro: spazio, aerazione, illuminazione, illuminazione di emergenza. I Servizi: Spogliatoi, Lavelli, Servizi igienici

Gli ambienti di lavoro: spazio, aerazione, illuminazione, illuminazione di emergenza. I Servizi: Spogliatoi, Lavelli, Servizi igienici Gli ambienti di lavoro: spazio, aerazione, illuminazione, illuminazione di emergenza I Servizi: Spogliatoi, Lavelli, Servizi igienici VIDEOTERMINALI Decreto Legislativo 81/2008 Decreto ministeriale 2 ottobre

Dettagli

Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore. Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore

Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore. Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Normativa di riferimento Requisiti di ammissione Durata e modalità Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore Il modulo B5 è il corso

Dettagli

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE Pagina 1 di 5 INDICE Scopo Riferimenti normativi Campo di applicazione Responsabilità ed aggiornamento Rischi derivanti dall uso di apparecchiature a funzionamento elettrico Cautele e misure di prevenzione

Dettagli

Catalogo corsi Formazione E-Learning FORMAZIONE GENERALE

Catalogo corsi Formazione E-Learning FORMAZIONE GENERALE Catalogo corsi Formazione E-Learning FORMAZIONE GENERALE Obiettivi del corso: Fornire i concetti di rischio, danno, prevenzione, protezione, organizzazione della prevenzione aziendale, diritti, doveri

Dettagli

CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO LICEO SCIENTIFICO BERTRAND RUSSELL CLES (Tn) CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Modulo 4: Lavoro al Video Terminale secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

VOCABOLARIO DELLA SICUREZZA (SAFETY) DEFINIZIONI: Pericolo Rischio Prevenzione Protezione Formazione Informazione Addestramento Buone prassi

VOCABOLARIO DELLA SICUREZZA (SAFETY) DEFINIZIONI: Pericolo Rischio Prevenzione Protezione Formazione Informazione Addestramento Buone prassi VOCABOLARIO DELLA SICUREZZA (SAFETY) DEFINIZIONI: Pericolo Rischio Prevenzione Protezione Formazione Informazione Addestramento Buone prassi federico.ricci@unimore.it Psicologo del Lavoro e delle Organizzazioni

Dettagli

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP Ing Antonio Giorgi Ing. Antonio Giorgi RSPP Il Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei

Dettagli

Formazione specifica Unità Didattica 1. L ambiente e le attrezzature di lavoro

Formazione specifica Unità Didattica 1. L ambiente e le attrezzature di lavoro Formazione specifica Unità Didattica 1 L ambiente e le attrezzature di lavoro Definizione di ambiente di lavoro D.Lgs. 81/2008 Per luogo di lavoro si intende: i luoghi destinati a ospitare posti di lavoro,

Dettagli

della SICUREZZA e della SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO

della SICUREZZA e della SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO M. LEPORE della SICUREZZA e della SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO Manuale ad uso dei lavoratori Informazione dei lavoratori ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e s.m.i. della SICUREZZA DEFINIZIONI...5

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI (Titolo VI del D. Lgs. 81/2008 s.m.i.) INDICE 1. SOLLEVARE E TRASPORTARE 3 1.1. LA RMATIVA 3 2. EFFETTI SULLA SALUTE 4 3. PRINCIPI DI PREVENZIONE 4 3.1. MOVIMENTI 4 3.2.

Dettagli

10. I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA

10. I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA 10. I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA 1 FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA 1. RISCHI CONNESSI ALL ATTIVITA SCOLASTICA: RISCHI SPECIFICI (V.

Dettagli

MALATTIE PROFESSIONALI

MALATTIE PROFESSIONALI MALATTIE PROFESSIONALI L Informazione aiuta la Prevenzione Il lavoro è parte della tua vita, non la tua malattia. Lavorare bene ti fa bene! Malattie Professionali Lesione dovuta a causa lenta che produce

Dettagli

Sicurezza nei luoghi di lavoro

Sicurezza nei luoghi di lavoro Sicurezza nei luoghi di lavoro Il termine ergonomia indica l insieme delle tecniche, degli strumenti e degli accorgimenti che consentono di creare un ambiente di lavoro sicuro e confortevole. Le norme

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. Ing. Antonio Giorgi RSPP

CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. Ing. Antonio Giorgi RSPP I.C. A. VOLTA Via Botticelli, 31 04100 Latina CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 Ing. Antonio Giorgi RSPP Videoterminali 2 VDT : CONCETTI

Dettagli

Date delle lezioni del corso: Sede del corso: Segreteria organizzativa: Programma del corso: Giovedì 5 Novembre 2015 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00

Date delle lezioni del corso: Sede del corso: Segreteria organizzativa: Programma del corso: Giovedì 5 Novembre 2015 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00 Date delle lezioni del corso: Data Ora Giovedì 5 Novembre 2015 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00 Martedì 10 Novembre 2015 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00 Giovedì 12 Novembre 2015 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00 Martedì

Dettagli

della SICUREZZA NELLA SCUOLA

della SICUREZZA NELLA SCUOLA Informazione ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, D.M. 382/98, D.M. 363/98 e Circolare Ministero Pubblica Istruzione n. 119 del 29/4/1999 A B C della SICUREZZA NELLA SCUOLA Manuale ad uso dei docenti,

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

DEFINIZIONI. SALUTE = stato di completo benessere psicofisico di una Persona

DEFINIZIONI. SALUTE = stato di completo benessere psicofisico di una Persona GLI INFORTUNI Gli infortuni sul lavoro oltre a costituire un evento drammatico e sconvolgente per i Lavoratori coinvolti e le loro famiglie, per i Colleghi di lavoro e tutto il Personale aziendale, hanno

Dettagli

7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione

7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione 7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione 2. FASE DI LAVORAZIONE: Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 3. CODICE INAIL: 4. FATTORE DI RISCHIO:

Dettagli

CATALOGO CORSI ANNO 2013 - E-LEARNING -

CATALOGO CORSI ANNO 2013 - E-LEARNING - CATALOGO CORSI ANNO 2013 - E-LEARNING - (F.GEN-00-F) Destinatari: Tutto il personale dipendente, escluso il legale rappresentante Obiettivi del corso: Fornire i concetti di rischio, danno, prevenzione,

Dettagli

L ERGONOMIA APPLICATA AL LAVORO IN UFFICIO. Redatto da Dott.Guido Perina- Medico Competente

L ERGONOMIA APPLICATA AL LAVORO IN UFFICIO. Redatto da Dott.Guido Perina- Medico Competente L ERGONOMIA APPLICATA AL LAVORO IN UFFICIO PATOLOGIA DA INDOOR: NON SOLO IL VIDEOTERMINALE 1) Problemi legati all'affaticamento fisico e mentale: lo stress 2) Disturbi al Sistema Muscolo-Scheletrico 3)

Dettagli

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI impaginato sintesidef 29-04-2008 19:34 Pagina 66 GRAFICO 11 DEDICANO PIÙ DI 20 ORE A SETTIMANA AL LAVORO DOMESTICO E DI CURA * 7 51,8 58,9 62,4 Uomini 29,0 27,3 20,1 Donne Meno di 35 anni Da 36 a 45 anni

Dettagli

I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE E COLLETTIVA

I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE E COLLETTIVA I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE E COLLETTIVA a cura di Marialuisa Diodato SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI nelle industrie estrattive

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI nelle industrie estrattive IL NUOVO TESTO UNICO sulla SICUREZZA del LAVORO LA VALUTAZIONE DEI RISCHI nelle industrie estrattive G. Luzzana - S. Piazzolla E. Arsuffi A. Angeretti SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI

Dettagli

Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza. Assistente Amministrativo e D.S.G.A.

Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza. Assistente Amministrativo e D.S.G.A. A cura del Responsabile S.P.P.- 2010-2011 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza Assistente Amministrativo e D.S.G.A.

Dettagli

Date delle lezioni del corso:! Sede del corso:! Segreteria organizzativa:! Programma del corso:!

Date delle lezioni del corso:! Sede del corso:! Segreteria organizzativa:! Programma del corso:! Date delle lezioni del corso: Data Ora Martedì 23 Settembre 2014 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00 Martedì 30 Settembre 2014 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00 Martedì 7 Ottobre 2014 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00

Dettagli

Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza In collaborazione con: Con il coordinamento scientifico di: Tabella 1. Prospetto delle Classi di Laurea Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Normativa Con l'introduzione

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

RISCHI ADDETTO PULIZIE

RISCHI ADDETTO PULIZIE Organismo Paritetico Provinciale RISCHI ADDETTO PULIZIE Speciale Inserti: Rischi Addetto Pulizie Pagina 1 Attività svolta L attività dell addetto prevede la pulizia degli ambienti di lavoro di uffici,

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi per SCI CLUB

Documento di Valutazione dei Rischi per SCI CLUB IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI OCCUPAZIONALI A SUPPORTO DELLE ATTIVITÀ SPORTIVE DI UNO SCI CLUB - Pag. 1 di 15 - RACCOLTA INFORMAZIONI INIZIALI Realtà operativa Dati dello Sci Club, tipologia di

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE: DPI

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE: DPI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE: DPI CORSO B RSPP DATORI DI LAVORO Lucca 25 Giugno 2013 D.Lgs.n.81/2008 s.m.i. - Art. 18 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente 1. Il datore di lavoro e i dirigenti

Dettagli

Requisiti e prescrizioni per la sicurezza dei lavoratori

Requisiti e prescrizioni per la sicurezza dei lavoratori Requisiti e prescrizioni per la sicurezza dei lavoratori 32 Requisiti e Prescrizioni di Sicurezza Il D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. indica requisiti e prescrizioni per: - Luoghi di Lavoro; - Uso delle attrezzature

Dettagli

FORMAZIONE A COSTO ZERO PER FAR CRESCERE LA SICUREZZA PER LE IMPRESE DI TUTTI I SETTORI

FORMAZIONE A COSTO ZERO PER FAR CRESCERE LA SICUREZZA PER LE IMPRESE DI TUTTI I SETTORI PROGRAMMA CORSI: FORMAZIONE A COSTO ZERO PER FAR CRESCERE LA SICUREZZA PER LE IMPRESE DI TUTTI I SETTORI CORSO DI FORMAZIONE OBBLIGATORIA E AGGIORNAMENTO PER PREPOSTI E PER DIRIGENTI Art. 37 D. Lgs. 81/08

Dettagli

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese Il concetto di sicurezza a scuola è quasi sempre associato a situazioni di rischio connesse alla vulnerabilità degli edifici scolastici e alle questioni inerenti la loro sicurezza strutturale, igienica

Dettagli

AGGIORNAMENTO DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI U.O.I.A.N. DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA

AGGIORNAMENTO DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI U.O.I.A.N. DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA AGGIORNAMENTO DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI U.O.I.A.N. DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA Il Servizio Igiene degli Alimenti si prefigge la sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti, delle bevende e dell'acqua

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO VII ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI

D.Lgs. 81/08 TITOLO VII ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro STOP DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC

Dettagli

REGOLAMENTO DI SICUREZZA PER GLI STUDENTI

REGOLAMENTO DI SICUREZZA PER GLI STUDENTI REGOLAMENTO DI SICUREZZA PER GLI STUDENTI Articolo 1 - Premessa 1. Di seguito sono riassunte le norme generali di prevenzione e quelle di emergenza, alle quali tutti gli studenti-ospiti dell Università

Dettagli

RSPP DATORE DI LAVORO

RSPP DATORE DI LAVORO RSPP DATORE DI LAVORO RSPP RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Il corso si propone la finalità di fornire ai Datori di Lavoro le conoscenze necessarie per poter svolgere direttamente

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Allegato al contratto di appalto relativo al.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Allegato al contratto di appalto relativo al. (art. 26 comma 3 D.Lgs. 8/8) di 5 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 8/8 Allegato al contratto di appalto relativo al Servizio di accompagnamento su scuolabus

Dettagli

L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE?

L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE? L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE? RISCHI CONNESSI ALL USO DEL VDT L USO DEL VDT NON E MAI CAUSA DELL INSORGENZA DI PATOLOGIE SPECIFICHE L USO DEL VDT PUO SLATENTIZZARE O PEGGIORARE I SINTOMI

Dettagli

LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI

LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI operazioni di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o piu lavoratori, comprese le azioni del sollevare,

Dettagli

RLS (Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ) 32 ORE DESTINATARI: lavoratori

RLS (Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ) 32 ORE DESTINATARI: lavoratori RLS (Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ) 32 ORE DESTINATARI: lavoratori OBIETTIVO DEL CORSO: Acquisire nozioni utili in tema di salute e sicurezza, conoscere compiti e responsabilità dei soggetti

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi LEZIONE # 2 Gestione della Prevenzione, D.Lgs. 81/08 SICUREZZA

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO dott. rag. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 06.08.2010 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO I continui cambiamenti a livello di organizzazione del lavoro,

Dettagli

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella LAVORARE SICURI! Formazione e informazione dei lavoratori per l igiene e la sicurezza sul

Dettagli

SIMBOLI CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53

SIMBOLI CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53 CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53 CONSERVARE SOTTO CHIAVE - FUORI DALLA PORTATA DEI BAMBINI - LONTANO DA LOCALI ABITAZIONE - LONTANO

Dettagli

ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R E DEI CONSIGLI DI PRUDENZA S E DELLE LORO RELATIVE COMBINAZIONI ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R

ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R E DEI CONSIGLI DI PRUDENZA S E DELLE LORO RELATIVE COMBINAZIONI ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R Le sigle R e S sempre presenti sulle etichette dei prodotti chimici utilizzati in laboratorio rappresentano rispettivamente una definizione dei rischi specifici connessi con l impiego della sostanza chimica

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

ASPETTI INTRODUTTIVI COMUNI ALLE ATTIVITA COMPORTANTI L IMPIEGO DEGLI AGENTI BIOLOGICI E DELLE SOSTANZE CHIMICHE

ASPETTI INTRODUTTIVI COMUNI ALLE ATTIVITA COMPORTANTI L IMPIEGO DEGLI AGENTI BIOLOGICI E DELLE SOSTANZE CHIMICHE ASPETTI INTRODUTTIVI COMUNI ALLE ATTIVITA COMPORTANTI L IMPIEGO DEGLI AGENTI BIOLOGICI E DELLE SOSTANZE CHIMICHE Università degli Studi di Perugia 1Servizio di Prevenzione e Art. 2. lettera v - D.Lgs 81/08

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. Gestione della Sicurezza nella Scuola 51

RISCHIO BIOLOGICO. Gestione della Sicurezza nella Scuola 51 RISCHIO BIOLOGICO Igiene : per garantire la salubrità ambientale è necessario che i pavimenti siano sistematicamente puliti e periodicamente disinfettati; le pareti ed i soffitti non devono ravvisare la

Dettagli

LA GESTIONE EFFICACE DEI RISCHI E LA

LA GESTIONE EFFICACE DEI RISCHI E LA XVI^ GIORNATA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO organizzata dalla Commissione Provinciale per la sicurezza sul lavoro LA GESTIONE EFFICACE DEI RISCHI E LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Dr.ssa Caterina

Dettagli

Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali

Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali Profilo Assistente Amministrativo e D.S.G.A. In questo documento informativo vengono indicati per ciascuna mansione professionale

Dettagli

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA PROGRAMMA CORSI SICUREZZA 1 Formazione Generale Lavoratori Destinatari: Tutti i lavoratori. Dipendenti a tempo indeterminato e determinato, apprendisti, soci lavoratori di cooperativa, associati in partecipazione,

Dettagli

ISTITUTO ATERNO-MANTHONE'

ISTITUTO ATERNO-MANTHONE' ISTITUTO ATERNO-MANTHONE' INTRODUZIONE Il termine sicurezza nella comune accezione indica una caratteristica di ciò che non presenta pericoli o ne è ben difeso. Sicurezza è una caratteristica anche delle

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione IL D.LGS. 81/08 (come già previsto dal D.Lgs.. 626/94) INDICA IL PERCORSO DA COMPIERE PER INNALZARE IL LIVELLO DI SICUREZZA E QUALITA

Dettagli

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei Regolamento sull uso e conservazione dei prodotti di pulizia Il presente Regolamento si prefigge di fornire utili indicazioni ai collaboratori scolastici: sulla prevenzione contro il rischio chimico derivante

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Il Decreto Legislativo 81/2008 (noto anche come Testo Unico della Sicurezza del Lavoro ) ha maggiormente sottolineato rispetto al vecchio D.Lgs. 626/94 l importanza

Dettagli

LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO. Informazioni per la prevenzione e la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO. Informazioni per la prevenzione e la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO SPISAL Servizio Prevenzione Igiene Sicurezza negli Ambienti di Lavoro SIL Servizio integrazione lavorativa Opuscolo realizzato nell ambito di un percorso

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella COMUNICATO N. 028 DOCENTI Oggetto: Informazione sui rischi e sulla sicurezza. Le informazioni previste dalle vigenti normative sui rischi e sulla sicurezza sono trasmesse, ai fini di una idonea formazione

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

Sicurimpariamo Comportamenti di sicurezza e gestione delle attività

Sicurimpariamo Comportamenti di sicurezza e gestione delle attività Sicurimpariamo Comportamenti di sicurezza e gestione delle attività a cura di Emanuele Azzarelli Ispettore tecnico della Direzione Territoriale del Lavoro di Torino Marzo 2012 Le sostanze chimiche Detergenti

Dettagli

Regolamento alunni della Scuola Primaria

Regolamento alunni della Scuola Primaria Regolamento alunni della Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO DI FICARAZZI Cortile Giallombardo - 90010 FICARAZZI La Scuola, come ogni società esistente, richiede il rispetto di regole chiare e precise

Dettagli

Per minimizzare i rischi potenziali di lesioni da posizioni fisiche non confortevoli, è importante adottare una postura corretta.

Per minimizzare i rischi potenziali di lesioni da posizioni fisiche non confortevoli, è importante adottare una postura corretta. Lo stress Fattori di stress: Scarsa conoscenza del software e dell hardware; mancanza di informazioni sulla progettazione, sull organizzazione e sui e sui risultati del lavoro; mancanza di una propria

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III Gli Impianti e le Apparecchiature Elettriche RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI Art. 80 comma 1 IL Datore di Lavoro provvede affinchè i materiali

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE Direttore Dr. Claudio Soave Strada Le Grazie, 8-37134 Verona - Tel. 045 8027627-0458027627 - Fax 045 8027626 e-mail: servizio. prevenzioneprotezione@univr.it

Dettagli

Servizio Antincendi e Protezione Civile. Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F.

Servizio Antincendi e Protezione Civile. Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F. Servizio Antincendi e Protezione Civile Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F. SCALE PORTATILI Riferimenti normativi: Il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Sicurimpariamo al. Inail Sede di Torino Centro 21 marzo 2012 Funzione Prevenzione Roberto Sciarra

Sicurimpariamo al. Inail Sede di Torino Centro 21 marzo 2012 Funzione Prevenzione Roberto Sciarra Sicurimpariamo al Ferrante Aporti Inail Sede di Torino Centro 21 marzo 2012 Funzione Prevenzione Roberto Sciarra 1 Comportamenti di sicurezza e gestione delle attività 2 Principali figure della sicurezza:

Dettagli

La sicurezza sul lavoro. Concetti di base e accenni alla normativa vigente

La sicurezza sul lavoro. Concetti di base e accenni alla normativa vigente La sicurezza sul lavoro Concetti di base e accenni alla normativa vigente BENVENUTI! Contenuti: - Cenni storici; - Concetti di base: Infortunio e Malattia lavoro-corr. Pericolo Rischio Valutazione dei

Dettagli

Bagolino,30 ottobre 2014. valutazione dei rischi connessi all attività lavorativa e didattica 10.1 PERSONALE AMMINISTRATIVO

Bagolino,30 ottobre 2014. valutazione dei rischi connessi all attività lavorativa e didattica 10.1 PERSONALE AMMINISTRATIVO M i n i s t e r o d e l l I s t r u zi o n e, d e l l U n i v e r s i t à e d e l l a R i c e r c a Istituto Comprensivo di Bagolino Via A. Lombardi 18-25072 Bagolino (BS) C.M. BSIC806008 - C.F. 87002590179

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Progetto o del programma: E possibile rendere sicure le sostanze pericolose Identificativo della Linea o delle Linee di intervento generale/i : Prevenzione degli eventi

Dettagli

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE "Frasi di Rischio" ( R ) e "Consigli di Prudenza" ( S )

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE Frasi di Rischio ( R ) e Consigli di Prudenza ( S ) ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE "Frasi di Rischio" ( R ) e "Consigli di Prudenza" ( S ) La Legge 29 Maggio 1974, N 0 256 obbliga tutti i fabbricanti di prodotti aventi determinate caratteristiche

Dettagli

D.Lgs. 81/08 I FATTORI DI RISCHIO. Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione

D.Lgs. 81/08 I FATTORI DI RISCHIO. Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione D.Lgs. 81/08 I FATTORI DI RISCHIO Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione D.Lgs. 81/08 Fattori di rischio Identificazione delle principali tipologie di fattori di rischio RISCHI PER LA SICUREZZA

Dettagli

Vivere in sicurezza a scuola e... a casa

Vivere in sicurezza a scuola e... a casa ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CORIO Via Ponte Picca, 2 10070 CORIO (TO) iccorio@libero.it www.iccorio.altervista.org Vivere in sicurezza a scuola e... a casa 1 SOMMARIO TI SPIEGO LE PAROLE DIFFICILI

Dettagli

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ N. 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28 comma 1, 1bis e art. 29, D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Affidamento di servizi didattico/educativi e di integrazione scolastica: Accompagnamento sugli scuolabus Centri

Dettagli