DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO 09/04/2008, n. 81

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO 09/04/2008, n. 81"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio XXI Varese Via Copelli n Varese; Tel.0332/ fax n.0332/ Posta Elettronica Certificata: Ufficio Responsabile della Sicurezza, Prevenzione e Protezione Prot. n. MIUR AOO USPVA R.U A.03.c. del DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO 09/04/2008, n. 81 INDICE L AZIENDA DATI GENERALI CRITERI ADOTTATI PER LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA E LA SALUTE DURANTE IL LAVORO DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA' LUOGO DI LAVORO - PIANO INTERRATO - PIANI TERRA E RIALZATI (UFFICI) USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO SORVEGLIANZA SANITARIA E PRONTO SOCCORSO EVACUAZIONE INDIVIDUAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE, DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA SICUREZZA - PREVENZIONE INCENDI - MEZZI DI ESTINZIONE INCENDIO - AREE DI TRANSITO - SPAZIO DI LAVORO E ATTREZZATURE DI LAVORO - IMPIANTI ELETTRICI - MICROCLIMA - SCALE - PORTE MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI PROTEZIONE DA AGENTI CANCEROGENI PROTEZIONE DA AGENTI BIOLOGICI PROGRAMMA DELLE MISURE RITENUTE OPPORTUNE PER GARANTIRE IL MIGLIORAMENTO NEL TEMPO DEI LIVELLI DI SICUREZZA PEL L ANNO 2010 ORGANIGRAMMA SICUREZZA USP 1

2 L AZIENDA DATI GENERALI DENOMINAZIONE: UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA - UFFICIO XXI - VARESE SEDE: VIA COPELLI, VARESE ATTIVITA': UFFICIO DI TIPO AMMINISTRATIVO SCOLASTICO NUMERO ADDETTI ATTUALI: Totale n. 56 (M. n F. n. 36) CRITERI ADOTTATI PER LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA E LA SALUTE DURANTE IL LAVORO La presente relazione è stata elaborata in collaborazione con il responsabile del servizio prevenzione e protezione Raiola Antonio (nomina MIURAOOUSPVA/R.U./988/AO1A del 09/02/2010). Per il Medico Competente dr. Beninato Giovanni si rimanda al paragrafo relativo alla Sorveglianza Sanitaria. Non si è potuto consultare: il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza, per vacanza provvisoria del ruolo in attesa di indicazione del nuovo rappresentante. A tale proposito, con nota prot. n. MIUR AOO USPVA R.U A.03.c del 10/09/2010 è stata richiesta a tutto il Personale, alle R.S.U. e alle OO.SS. di provvedere, con cortese urgenza, alla sua individuazione. A seguito verbale di sopralluogo, in data , del medico competente è emersa la necessità di indire quanto prima una data in cui effettuare l elezione di un RLS tra tutti i dipendenti della sede di Varese. Si provvede, pertanto, a darne ulteriore comunicazione a tutto il Personale, alle RSU e alle organizzazioni sindacali con nota prot. n A.03.c. del e si resta in attesa che le SS.LL. diano indicazione di una data disponibile, in caso contrario si provvederà d ufficio ad indicare una data durante la quale tutti i lavoratori, sia elettori che candidati, potranno esprimere liberamente la loro preferenza con regolare elezione e scrutinio finale. Ad elezione avvenuta si provvederà: con atto integrativo, ad indicare nel presente documento di valutazione rischi il nominativo del Rappresentante dei Lavoratori eletto e a consegnargli copia del presente D.V.R. 2

3 Per la valutazione dei rischi si è fatto riferimento a: principi, criteri ed indicazioni di cui al D.L.vo 81/2008; esperienza del Dirigente dell Ufficio e del RSSP; prassi e criteri di buona amministrazione, di puntualità procedurale, di responsabilità operativa diffusa, di condivisione comunicativa, di attenzione documentale. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA' Si tratta sostanzialmente di ufficio di tipo amministrativo inquadrato nel comparto Ministeri, della Pubblica Amministrazione. L ufficio eroga, all interno del MIUR, in esecuzione di normative nazionali e regionali, o su specifiche deleghe dell Ufficio Scolastico Regionale, ove necessario in raccordo territoriale con altre pubbliche amministrazioni (provincia, comuni, prefettura, asl, università, ) nonché con soggetti pubblici e privati di particolare rilevanza territoriale (associazioni datoriali e dei lavoratori, comunità religiose, fondazioni culturali e simili, ) servizi scolastici amministrativi e formativi in provincia di Varese a favore di: personale e utenti della scuola di Stato; istituzioni scolastiche statali e non statali di ogni ordine e grado della provincia di Varese. Tali servizi comportano un insieme di attività: in parte preminente, a carattere ed ambiente amministrativi, come insieme di uffici dotati diffusamente di videoterminali, rete telefonica e fotocopiatrici; in parte ulteriore, di magazzino ed archivio materiali, in ambienti caratterizzati anche da movimentazioni manuali di carichi. LUOGO DI LAVORO L edificio di proprietà dell Amministrazione Provinciale di Varese, è sito in Varese Via Copelli, 6. L edificio viene utilizzato da data anteriore al 01/01/

4 Gli uffici sono disposti ai piani terra, primo e secondo, con idonei sistemi di collegamenti interni (scale ed ascensore), nonché di uscite e scale di sicurezza. L accesso comune (lavoratori ed utenti) avviene esclusivamente, attraverso atrio di ingresso posto al piano terra, da porta vetrata dotata di congegni di autochiusura e maniglione antipanico ma con vetro non di sicurezza. I servizi igienici sono adeguati per numero e caratteristiche e separati per i due sessi, inoltre sono presenti, servizi igienici per persone diversamente abili. Il luogo di lavoro, complessivamente, risulta adeguatamente aerato, riscaldato, protetto dal soleggiamento, illuminato naturalmente ed artificialmente. La pulizia degli uffici è affidata ad impresa specializzata nel settore a cui ogni anno vengono appaltati i lavori. Gli arredi sono generalmente idonei salvo alcune scrivanie con gli angoli vivi ed il piano scuro. PIANO INTERRATO - ARCHIVIO I locali al piano interrato, adibiti ad archivio, si sviluppano anche nella zona sottostante al parcheggio esterno di sud est per ca 479,9 metri quadri. Gli stessi sono stati recentemente messi al riparo da precedenti infiltrazioni dal parcheggio, attraverso specifici interventi (giungo 2009) da parte dell Amministrazione Provinciale. Nell archivio non c è presenza continuativa di lavoratori, il numero utilizzato negli stessi locali è variabile e molto basso (da 1 a 3 persone). La presenza del personale è tendenzialmente contenuta attraverso sistematico spostamento di blocchi di pratiche ai settori di ufficio richiedenti. I locali archivio sono provvisti: di via di uscita di emergenza, con porta in ferro e maniglione antipanico, con uscita direttamente nel parcheggio esterno a cielo libero (sud est); inoltre attraverso il vano scala comunica con l ala sud est del corridoio di piano terra in prossimità di due uscite di sicurezza anch esse con uscita al predetto parcheggio; di allarme con sirena per la rilevazione dei fumi collegato al Comando dei Vigili del Fuoco, posizionato sotto il predetto vano scala; i serramenti interni sono in legno - i rapporti areo illuminanti sono idonei. 4

5 PIANO TERRA Vi sono collocati: l atrio per l ingresso e l accoglienza del pubblico con bacheca per esterno; diversi uffici interni ai servizi amministrativi; PIANO PRIMO un locale che contiene n. 2 armadi RACK e le attrezzature per il funzionamento raccordato di tutte le apparecchiature informatiche dell ufficio: - n. 2 server per la rete Ministeriale SIDI ; - la centrale per la gestione telefonica VOIP ; - n. 5 server per apparecchiature di supporto al monitoraggio delle attività provinciali. Sono attivi n. 2 condizionatori al fine di non far surriscaldare i concentratori. diversi uffici interni ai servizi amministrativi. PIANO SECONDO Vi sono collocati gli ulteriori uffici. USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO Non esistono zone pericolose e tutti i lavoratori sono informati sulle modalità d'uso, per le operazioni e secondo le condizioni per le quali sono adatte le attrezzature di lavoro. Sono impiegate apparecchiature elettriche per l illuminazione, elaboratori elettronici, stampanti e fotocopiatrici. Gli impianti risultano eseguiti conformemente alla normativa vigente come da certificazione agli atti USP, rilasciata in data 30 agosto 2001 dall Amm. Prov. di Varese. Non sussistono lavorazioni particolarmente pericolose, in quanto non vi sono prodotti chimici in uso di particolare rischio (D.Lsg. 3 aprile 2006, n. 152; D.Lsg 25/01, D.L. 277/91). 5

6 SORVEGLIANZA SANITARIA E PRONTO SOCCORSO Ai sensi dell art. 45 c.2 del d.lgs. 81/2008, in applicazione del D.M. n.388/03 (Ministero della Salute) e successivi decreti ministeriali di adeguamento, il luogo di lavoro è dotato di attrezzature minime di pronto soccorso: n. 2 cassette di P.S. conservate in posizione facilmente accessibile e note a tutti i lavoratori con comunicazione di servizio, dell Ufficio del Consegnatario, prot. n A06a del , e dell Ufficio del Responsabile della Sicurezza prot. n A.03.a del in data si è provveduto alla designazione della squadra di primo soccorso (Prot. n A01a). L Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia, con nota prot. MIUR AOO DRLO R.U del , comunica che la Sorveglianza Sanitaria è aggiudicata in favore della Global Medical Service S.r.l., iscritta al Registro delle Imprese presso il Tribunale di Milano al n , P. IVA e C.F , sede legale e domicilio ai fini del presente atto in Milano, Piazza S. Giovanni Battista alla Creta, 1. Il medico competente dr. Beninato Giovanni (nomina della Global Medical Service S.r.l. con comunicazione del , protocollata dallo scrivente Ufficio con n A.03.c del ) consultato il presente D.V.R., propone come da scheda di sopralluogo del , agli atti: modifica del piano sanitario con inserimento di esame ECG e SPIROMETRICO per tutti i dipendenti con mansioni di collaboratore scolastico, periodicità biennale; formazione degli addetti al primo soccorso e antincendio; consiglia di valutare insieme al RSPP e RLS l adeguamento di alcune postazioni VDT alle norme tecniche vigenti e l eventuale sostituzione di alcuni monitor per quei soggetti che presentano giudizi di idoneità con prescrizioni e/o limitazioni. 6

7 EVACUAZIONE DEI LAVORATORI Tutti gli addetti sono informati (disposizione del Dirigente USP prot. n A01a del ) che in caso di incendio non domabile con i mezzi di estinzione presenti, devono: abbandonare gli edifici secondo i percorsi segnalati, portandosi in luoghi sicuri all esterno dell edificio; avvisare nel modo più tempestivo il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco al numero telefonico 115. INDIVIDUAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE, DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA SICUREZZA Sono state individuate le singole criticità presenti e si definiscono le misure preventive da adottare: i locali adibiti ad ufficio, pure in presenza di notevoli quantità di carta negli armadi non presentano situazioni di particolare rischio di incendio, vista l assoluta assenza di sorgenti innescanti. Al proposito: nell edificio sono ubicati n. 11 estintori e n. 3 idranti a parete (UNI 45) che vengono regolarmente revisionati a cura dell Amministrazione Provinciale, proprietaria dell immobile; gli addetti alla squadra antincendio ne conoscono localizzazioni e funzionamento. In data si è provveduto all aggiornamento della squadra per l attuazione delle misure di prevenzione e lotta antincendio (Prot. n A.03.c.). PREVENZIONE INCENDI Nell edificio è presente una centrale termica alimentata a gasolio di nuova istallazione dalla ditta individuata dall Amministrazione Provinciale e ad oggi non risulta agli atti di questo Uff. Scol. alcuna documentazione. 7

8 La centrale termica è situata in un locale interrato, senza alcuna comunicazione con i locali adibiti ad altre attività, con accesso direttamente dall esterno. Per la valutazione del rischio di incendio è stato più volte richiesto all Amm. Prov. di fornire: certificazione di prevenzione incendi o nulla osta provvisorio; documentazione di installazione della centrale termica e delle certificazioni previste dalle normative vigenti rilasciate dai vigili del fuoco di Varese. Ultima richiesta, di quanto predetto, inviata all Amm. Prov. con nota prot. n del MEZZI DI ESTINZIONE INCENDIO: Nei locali archivio: sarà necessario implementare il numero degli estintori già presenti; considerato l elevato carico di incendio per la presenza di materiale combustibile (carta), la necessità di realizzare idonea compartimentazione antincendio con l installazione di porte aventi caratteristiche di resistenza al fuoco predeterminata (REI) e con la sostituzione delle porta in legno posta tra l archivio e il vano scala interno all Ufficio Scolastico (piano interrato), inviata richiesta all Amm. Prov. con prot. n del E necessario effettuare scrupolosamente i regolari controlli riguardo le esatte collocazioni (verificabili nei prospetti planimetrici affissi sulle pareti dei piani) degli estintori mobili e degli idranti posizionati ai piani. Ultima verifica al fine dei controlli periodici dei dispositivi antincendio sopra descritti è stata effettuata a settembre 2010 dalla ditta Gielle di Galantucci Luigi con sede operativa a San Donato Milanese). Ai sensi del disposto del comma 3 dell art. 18 del D.Lgs. 81/08, lo scrivente datore di lavoro ha più volte richiesto (ultima nota del Dirigente USP prot. n del ) all ente proprietario la necessità di adeguamento alle norme antincendio dei locali dati in uso per l attività in oggetto. 8

9 AREE DI TRANSITO Non presentano particolari situazioni di rischio. Si prevede un sistema di controllo volto a monitorare costantemente le eventuali situazioni di rischio che possono presentarsi lungo l attività lavorativa: evitare lo stoccaggio disordinato del materiale in uso alle attività, in modo tale da rendere agevolmente percorribili i passaggi e non creare ostacolo ai presidi antincendio ed ai quadri elettrici; lasciare le uscite e le vie di esodo libere da ostacoli e materiale. SPAZIO DI LAVORO E ATTREZZATURE DI LAVORO E necessario mantenere il corretto ordine degli oggetti esposti e delle attrezzature di lavoro al fine di non intralciare i percorsi di transito interni. All interno degli ambienti di lavoro non devono esserci materiali e/o parti di impianti di qualsiasi genere non più utilizzati che possono costituire fonti di pericolo (caduta materiali, intralcio, elettrocuzione, ecc.) e pertanto ove presenti bisogna provvedere alla loro rimozione. Si prevede pertanto una programmazione di interventi di manutenzione ordinaria al fine di mantenere standard di sicurezza adeguati al tipo di attività. Le postazioni di lavoro, in termini di spazi minimi funzionali risultano conformi alla normativa e non si rilevano condizioni di affollamento tali da pregiudicare l attività lavorativa. Non sono utilizzate attrezzature che richiedono verifiche obbligatorie periodiche (recipienti in pressione, ecc..), fatta salva la normale manutenzione da effettuarsi ai fini della rispondenza nel tempo dei requisiti di affidabilità, funzionalità e di tutela della sicurezza e salute dei lavoratori o prevista dalle istruzioni d'uso del costruttore, aggiornando, qualora l'apparecchiatura ne sia fornita, il relativo libretto di manutenzione. In particolare pur non essendo utilizzate polveri, vernici, colle, solventi, prodotti tossici o infiammabili, per il normale uso di prodotti commerciali (toner per fotocopiatrici, spray o alcool per pulizie monitor, hardware e arredi vari) gli addetti sono informati (disposizione del Dirigente Usp prot n A01a del 9

10 ) di utilizzare le precauzioni riportate dal produttore sulle confezioni e di riferirsi al pronto soccorso in caso di inconveniente. Fermo restando la formazione prevista dalle norme vigenti sono stati nominati gli addetti al pronto soccorso, ai quali in caso di emergenza, i lavoratori si debbono rivolgere per istruzioni e coordinamento dei comportamenti inerenti le attrezzature di lavoro. IMPIANTI ELETTRICI Gli impianti elettrici sono stati rifatti, come risulta da documento del 30 agosto 2001 dell Amm. Prov. di Varese delle opere di adeguamento normativo e completamento Ufficio Scolastico Provinciale, agli atti USP. È stato realizzato l impianto di protezione contro le scariche atmosferiche e ad oggi non risulta agli atti USP alcuna documentazione, pertanto è stata richiesta più volte certificazione all Amm. Prov.: - nota prot. n 2147 A16b del ; - nota prot. n 9192 del ; Inoltre, con le predette note è stato richiesto, se per questo edificio scolastico è stata presentata all ISPESL di Varese la documentazione relativa all impianto di messa a terra. Dovranno essere previsti controlli periodici su tutti gli impianti e quale misura prevenzionistica da attuare. Si ribadisce che i controlli periodici sugli impianti dovranno essere annotati su apposito registro dei controlli "ad hoc" secondo quanto prescritto dal D.P.R. n.462 del 2001 (regolamento di semplificazione del procedimento per la denuncia di installazioni e dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche, di dispositivi di messa a terra di impianti elettrici e di impianti elettrici pericolosi). Nell attività di formazione si darà informazione sui rischi derivanti dall utilizzo di eventuali strumenti elettrici d ufficio. Si mette in evidenza che: il lavoratore non è autorizzato a compiere qualsiasi tipo di intervento di riparazione, modifica, di natura elettrica sui macchinari, e inoltre si 10

11 ribadisce che ogni malfunzionamento, anomalia, inefficienza dovrà essere sollecitamente segnalata al responsabile di area e l'attrezzatura guasta dovrà essere messa fuori uso. Altresì, è stata fatta comunicazione a tutti i dipendenti, con dispositivo Prot. N 2152 A01a del , del divieto assoluto dell uso di stufette, termoventilatori, fornelli, lampade o simili. Ai fini della sicurezza degli impianti elettrici contro le sovracorrenti si individua quale misura di prevenzione e protezione, la verifica programmata con cadenza mensile della efficienza degli interruttori differenziali; la verifica semestrale; da parte di azienda specializzata individuata dall Amministrazione Provinciale di Varese. Si segnala che in data , a seguito di controllo periodico, il tecnico della Ditta GIELLE ha verbalizzato al punto 8 (anomalie e difetti) del registro delle attrezzature antincendio quanto segue non presenti luci di emergenza funzionanti non corrispondono al numero delle posizioni della planimetria. Per quanto sopra esposto è stato richiesto, all Amm. Provinciale un sollecito intervento di ripristino delle condizioni di sicurezza delle anomalie segnalate (nota prot. n del ). MICROCLIMA Sarà cura del Datore di Lavoro verificare il rispetto di condizioni microclimatiche adeguate facendo ricorso, se nel caso, a soluzioni più idonee per il raggiungimento di un adeguato comfort. Viene reso noto al personale dipendente che è severamente proibito impiegare corpi scaldanti personali "difformi dalle norme tecniche"; il personale che dovesse rilevare condizioni igrotermiche non conformi all attività lavorativa dovrà immediatamente segnalare il problema al Datore di Lavoro evitando qualsiasi intervento di tipo autonomo. In considerazione delle condizioni ambientali e climatiche: 11

12 è stata richiesta dal Dirigente USP verifica della temperatura nel locale archivio, come da verbale di sopralluogo del 12 febbraio 2010 agli atti; la gestione di tale verifica viene affidata alla sig.ra Coralluzzo Angela che a tal fine si servirà dell assistenza della Ditta Nelsa. SCALE Sarà cura del Datore di Lavoro e del Preposto verificare il rispetto delle condizioni di integrità e stabilità dei gradini e dei corrimano delle scale. I controlli andranno altresì effettuati con particolare riferimento all integrità delle strisce antiscivolo. PORTE L uscita comune (lavoratori ed utenti) avviene, esclusivamente attraverso lo stesso atrio di ingresso posto al piano terra da porta vetrata dotata di congegni di autochiusura e maniglione antipanico, ma con vetro non di sicurezza. Nelle stesse condizioni trovasi tutte le altre porte relative alle uscite di sicurezza e secondarie. Pertanto si provvede a: richiesta all Amm. Prov. di verificare la messa a norma delle porte dell atrio di ingresso e di tutte le altre uscite delle vie di esodo con vetro di sicurezza, il ripristino della corretta fruibilità della via di esodo posta al piano secondo in prossimità dell Ufficio Dirigenza, nei locali archivio considerato l elevato carico di incendio per la presenza di materiale combustibile (carta) la necessità di realizzare idonea compartimentazione antincendio con l installazione di porte aventi caratteristiche di resistenza al fuoco predeterminata (REI) e con la sostituzione della porta in legno posta tra l archivio e il vano scala interno all Ufficio Scolastico (piano interrato) - (prot. n. MIUR AOO USPVA R.U del ); segnalazione interna del Dirigente prot n 2431 AO1a del ; richieste del Dirigente all Amministrazione Provinciale di verificarne la messa a norma: - prot n 2149 A16b del 15/03/2010; - prot n 9192 del

13 MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Nei locali magazzino e archivio può avvenire la movimentazione di carichi; sono a disposizione un carrello, caschi, guanti e grembiuli da lavoro. In caso di movimentazione manuale gli addetti sono stati informati e formati sulle modalità di esecuzione del lavoro e dei rischi connessi. Si provvederà sempre, quando possibile, a frazionare i carichi. Il personale addetto a tale servizio deve essere inviato al medico competente per gli accertamenti sanitari opportuni. USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI Sono impiegate attrezzature munite di videoterminali. Conseguentemente sono presenti n 82 postazioni di lavoro idonee e correttamente illuminate, cui corrispondono n 82 sedie a norma. Il personale addetto è stato informato e formato circa i rischi e le modalità operative da attuare. PROTEZIONE DA AGENTI CANCEROGENI Per l'attività in oggetto non sono utilizzati agenti cancerogeni (sorgenti ionizzanti ecc.). PROTEZIONE DA AGENTI BIOLOGICI Per l'attività in oggetto non sono utilizzati agenti biologici. PROGRAMMA DELLE MISURE RITENUTE OPPORTUNE PER GARANTIRE IL MIGLIORAMENTO NEL TEMPO DEI LIVELLI DI SICUREZZA ENTRO L ANNO 2010: Documento per l Amministrazione Provinciale unificato e riepilogativo di segnalazioni e richieste sistematicamente aggiornate e complete per quanto di pertinenza, nonché per quanto atto a consentire maggiore confort e sicurezza nei luoghi di lavoro; Documento per i lavoratori, unificato e riepilogativo sugli obblighi e sui diritti di pertinenza, con contestuali istruzioni ed informazioni necessarie o comunque utili (di cui al D.L.vo 81/2008). 13

14 ORGANIGRAMMA SICUREZZA USP DI VARESE INCARICO Emanazione ordine di evacuazione Responsabile dell emergenza Responsabile della Sicurezza, Prevenzione e Protezione Addetti al primo soccorso Squadra antincendio Controllo quotidiano della praticabilità delle vie d uscita Diffusione ordine di evacuazione NOMINATIVI Il dirigente: Claudio Merletti o sostituto designato Raiola Antonio BAMONTE ANNA BARBARO LEONILDE CORALLUZZO ANGELA DALIA RITA LAPRICA ANNA TERESA MARCON ANTONELLA PIRRI PAOLA REA GRAZIA SCHENA CLAUDIO CUMBO CALOGERO FERRAIOLI NICOLA GAZZOTTI GIUSEPPE GIORGI ANGELO NUCIFORA TULLIO RESTEGHINI GIOVANNI SICLARI ANTONIO Ausiliari in servizio Personale in servizio in portineria Varese, 28 ottobre 2010 f.to IL Responsabile della Sicurezza Antonio Raiola f.to Il Dirigente Claudio Merletti 14

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA MOD. Art/A 1-07-2002 15:17 Pagina 1 Numero ALBO MARCA DA BOLLO Mod. ART/A ISCRIZIONE DI DITTA INDIVIDUALE REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

ALLE OO.SS. DEL COMPARTO SCUOLA ALL' U.R.P.

ALLE OO.SS. DEL COMPARTO SCUOLA ALL' U.R.P. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ufficio Scolastico Provinciale di Roma Via Luigi Pianciani, 32 00185 Roma sito: http:/www.lazio.istruzione.it/csa/csa_roma.shtml

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA mod. DICH. POSA OPERA-2004 pag. 1 Rif. Pratica VV.F. n. DICHIARAZIONE DI CORRETTA POSA IN OPERA DEI MATERIALI CLASSIFICATI AI FINI DELLA REAZIONE AL FUOCO (COMPRESI I PRODOTTI VERNICIANTI IGNIFUGHI), DELLE

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

all esercizio, direttamente, sia da luogo pubblico, che da luogo privato aperto al pubblico.

all esercizio, direttamente, sia da luogo pubblico, che da luogo privato aperto al pubblico. "Esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande: i controlli della Polizia Municipale sulla sorvegliabilità dei locali e sulle uscite di sicurezza" Magg. Centrone dott. Giovanni Comandante

Dettagli