DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO 09/04/2008, n. 81

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO 09/04/2008, n. 81"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio XXI Varese Via Copelli n Varese; Tel.0332/ fax n.0332/ Posta Elettronica Certificata: Ufficio Responsabile della Sicurezza, Prevenzione e Protezione Prot. n. MIUR AOO USPVA R.U A.03.c. del DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO 09/04/2008, n. 81 INDICE L AZIENDA DATI GENERALI CRITERI ADOTTATI PER LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA E LA SALUTE DURANTE IL LAVORO DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA' LUOGO DI LAVORO - PIANO INTERRATO - PIANI TERRA E RIALZATI (UFFICI) USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO SORVEGLIANZA SANITARIA E PRONTO SOCCORSO EVACUAZIONE INDIVIDUAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE, DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA SICUREZZA - PREVENZIONE INCENDI - MEZZI DI ESTINZIONE INCENDIO - AREE DI TRANSITO - SPAZIO DI LAVORO E ATTREZZATURE DI LAVORO - IMPIANTI ELETTRICI - MICROCLIMA - SCALE - PORTE MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI PROTEZIONE DA AGENTI CANCEROGENI PROTEZIONE DA AGENTI BIOLOGICI PROGRAMMA DELLE MISURE RITENUTE OPPORTUNE PER GARANTIRE IL MIGLIORAMENTO NEL TEMPO DEI LIVELLI DI SICUREZZA PEL L ANNO 2010 ORGANIGRAMMA SICUREZZA USP 1

2 L AZIENDA DATI GENERALI DENOMINAZIONE: UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA - UFFICIO XXI - VARESE SEDE: VIA COPELLI, VARESE ATTIVITA': UFFICIO DI TIPO AMMINISTRATIVO SCOLASTICO NUMERO ADDETTI ATTUALI: Totale n. 56 (M. n F. n. 36) CRITERI ADOTTATI PER LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA E LA SALUTE DURANTE IL LAVORO La presente relazione è stata elaborata in collaborazione con il responsabile del servizio prevenzione e protezione Raiola Antonio (nomina MIURAOOUSPVA/R.U./988/AO1A del 09/02/2010). Per il Medico Competente dr. Beninato Giovanni si rimanda al paragrafo relativo alla Sorveglianza Sanitaria. Non si è potuto consultare: il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza, per vacanza provvisoria del ruolo in attesa di indicazione del nuovo rappresentante. A tale proposito, con nota prot. n. MIUR AOO USPVA R.U A.03.c del 10/09/2010 è stata richiesta a tutto il Personale, alle R.S.U. e alle OO.SS. di provvedere, con cortese urgenza, alla sua individuazione. A seguito verbale di sopralluogo, in data , del medico competente è emersa la necessità di indire quanto prima una data in cui effettuare l elezione di un RLS tra tutti i dipendenti della sede di Varese. Si provvede, pertanto, a darne ulteriore comunicazione a tutto il Personale, alle RSU e alle organizzazioni sindacali con nota prot. n A.03.c. del e si resta in attesa che le SS.LL. diano indicazione di una data disponibile, in caso contrario si provvederà d ufficio ad indicare una data durante la quale tutti i lavoratori, sia elettori che candidati, potranno esprimere liberamente la loro preferenza con regolare elezione e scrutinio finale. Ad elezione avvenuta si provvederà: con atto integrativo, ad indicare nel presente documento di valutazione rischi il nominativo del Rappresentante dei Lavoratori eletto e a consegnargli copia del presente D.V.R. 2

3 Per la valutazione dei rischi si è fatto riferimento a: principi, criteri ed indicazioni di cui al D.L.vo 81/2008; esperienza del Dirigente dell Ufficio e del RSSP; prassi e criteri di buona amministrazione, di puntualità procedurale, di responsabilità operativa diffusa, di condivisione comunicativa, di attenzione documentale. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA' Si tratta sostanzialmente di ufficio di tipo amministrativo inquadrato nel comparto Ministeri, della Pubblica Amministrazione. L ufficio eroga, all interno del MIUR, in esecuzione di normative nazionali e regionali, o su specifiche deleghe dell Ufficio Scolastico Regionale, ove necessario in raccordo territoriale con altre pubbliche amministrazioni (provincia, comuni, prefettura, asl, università, ) nonché con soggetti pubblici e privati di particolare rilevanza territoriale (associazioni datoriali e dei lavoratori, comunità religiose, fondazioni culturali e simili, ) servizi scolastici amministrativi e formativi in provincia di Varese a favore di: personale e utenti della scuola di Stato; istituzioni scolastiche statali e non statali di ogni ordine e grado della provincia di Varese. Tali servizi comportano un insieme di attività: in parte preminente, a carattere ed ambiente amministrativi, come insieme di uffici dotati diffusamente di videoterminali, rete telefonica e fotocopiatrici; in parte ulteriore, di magazzino ed archivio materiali, in ambienti caratterizzati anche da movimentazioni manuali di carichi. LUOGO DI LAVORO L edificio di proprietà dell Amministrazione Provinciale di Varese, è sito in Varese Via Copelli, 6. L edificio viene utilizzato da data anteriore al 01/01/

4 Gli uffici sono disposti ai piani terra, primo e secondo, con idonei sistemi di collegamenti interni (scale ed ascensore), nonché di uscite e scale di sicurezza. L accesso comune (lavoratori ed utenti) avviene esclusivamente, attraverso atrio di ingresso posto al piano terra, da porta vetrata dotata di congegni di autochiusura e maniglione antipanico ma con vetro non di sicurezza. I servizi igienici sono adeguati per numero e caratteristiche e separati per i due sessi, inoltre sono presenti, servizi igienici per persone diversamente abili. Il luogo di lavoro, complessivamente, risulta adeguatamente aerato, riscaldato, protetto dal soleggiamento, illuminato naturalmente ed artificialmente. La pulizia degli uffici è affidata ad impresa specializzata nel settore a cui ogni anno vengono appaltati i lavori. Gli arredi sono generalmente idonei salvo alcune scrivanie con gli angoli vivi ed il piano scuro. PIANO INTERRATO - ARCHIVIO I locali al piano interrato, adibiti ad archivio, si sviluppano anche nella zona sottostante al parcheggio esterno di sud est per ca 479,9 metri quadri. Gli stessi sono stati recentemente messi al riparo da precedenti infiltrazioni dal parcheggio, attraverso specifici interventi (giungo 2009) da parte dell Amministrazione Provinciale. Nell archivio non c è presenza continuativa di lavoratori, il numero utilizzato negli stessi locali è variabile e molto basso (da 1 a 3 persone). La presenza del personale è tendenzialmente contenuta attraverso sistematico spostamento di blocchi di pratiche ai settori di ufficio richiedenti. I locali archivio sono provvisti: di via di uscita di emergenza, con porta in ferro e maniglione antipanico, con uscita direttamente nel parcheggio esterno a cielo libero (sud est); inoltre attraverso il vano scala comunica con l ala sud est del corridoio di piano terra in prossimità di due uscite di sicurezza anch esse con uscita al predetto parcheggio; di allarme con sirena per la rilevazione dei fumi collegato al Comando dei Vigili del Fuoco, posizionato sotto il predetto vano scala; i serramenti interni sono in legno - i rapporti areo illuminanti sono idonei. 4

5 PIANO TERRA Vi sono collocati: l atrio per l ingresso e l accoglienza del pubblico con bacheca per esterno; diversi uffici interni ai servizi amministrativi; PIANO PRIMO un locale che contiene n. 2 armadi RACK e le attrezzature per il funzionamento raccordato di tutte le apparecchiature informatiche dell ufficio: - n. 2 server per la rete Ministeriale SIDI ; - la centrale per la gestione telefonica VOIP ; - n. 5 server per apparecchiature di supporto al monitoraggio delle attività provinciali. Sono attivi n. 2 condizionatori al fine di non far surriscaldare i concentratori. diversi uffici interni ai servizi amministrativi. PIANO SECONDO Vi sono collocati gli ulteriori uffici. USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO Non esistono zone pericolose e tutti i lavoratori sono informati sulle modalità d'uso, per le operazioni e secondo le condizioni per le quali sono adatte le attrezzature di lavoro. Sono impiegate apparecchiature elettriche per l illuminazione, elaboratori elettronici, stampanti e fotocopiatrici. Gli impianti risultano eseguiti conformemente alla normativa vigente come da certificazione agli atti USP, rilasciata in data 30 agosto 2001 dall Amm. Prov. di Varese. Non sussistono lavorazioni particolarmente pericolose, in quanto non vi sono prodotti chimici in uso di particolare rischio (D.Lsg. 3 aprile 2006, n. 152; D.Lsg 25/01, D.L. 277/91). 5

6 SORVEGLIANZA SANITARIA E PRONTO SOCCORSO Ai sensi dell art. 45 c.2 del d.lgs. 81/2008, in applicazione del D.M. n.388/03 (Ministero della Salute) e successivi decreti ministeriali di adeguamento, il luogo di lavoro è dotato di attrezzature minime di pronto soccorso: n. 2 cassette di P.S. conservate in posizione facilmente accessibile e note a tutti i lavoratori con comunicazione di servizio, dell Ufficio del Consegnatario, prot. n A06a del , e dell Ufficio del Responsabile della Sicurezza prot. n A.03.a del in data si è provveduto alla designazione della squadra di primo soccorso (Prot. n A01a). L Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia, con nota prot. MIUR AOO DRLO R.U del , comunica che la Sorveglianza Sanitaria è aggiudicata in favore della Global Medical Service S.r.l., iscritta al Registro delle Imprese presso il Tribunale di Milano al n , P. IVA e C.F , sede legale e domicilio ai fini del presente atto in Milano, Piazza S. Giovanni Battista alla Creta, 1. Il medico competente dr. Beninato Giovanni (nomina della Global Medical Service S.r.l. con comunicazione del , protocollata dallo scrivente Ufficio con n A.03.c del ) consultato il presente D.V.R., propone come da scheda di sopralluogo del , agli atti: modifica del piano sanitario con inserimento di esame ECG e SPIROMETRICO per tutti i dipendenti con mansioni di collaboratore scolastico, periodicità biennale; formazione degli addetti al primo soccorso e antincendio; consiglia di valutare insieme al RSPP e RLS l adeguamento di alcune postazioni VDT alle norme tecniche vigenti e l eventuale sostituzione di alcuni monitor per quei soggetti che presentano giudizi di idoneità con prescrizioni e/o limitazioni. 6

7 EVACUAZIONE DEI LAVORATORI Tutti gli addetti sono informati (disposizione del Dirigente USP prot. n A01a del ) che in caso di incendio non domabile con i mezzi di estinzione presenti, devono: abbandonare gli edifici secondo i percorsi segnalati, portandosi in luoghi sicuri all esterno dell edificio; avvisare nel modo più tempestivo il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco al numero telefonico 115. INDIVIDUAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE, DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA SICUREZZA Sono state individuate le singole criticità presenti e si definiscono le misure preventive da adottare: i locali adibiti ad ufficio, pure in presenza di notevoli quantità di carta negli armadi non presentano situazioni di particolare rischio di incendio, vista l assoluta assenza di sorgenti innescanti. Al proposito: nell edificio sono ubicati n. 11 estintori e n. 3 idranti a parete (UNI 45) che vengono regolarmente revisionati a cura dell Amministrazione Provinciale, proprietaria dell immobile; gli addetti alla squadra antincendio ne conoscono localizzazioni e funzionamento. In data si è provveduto all aggiornamento della squadra per l attuazione delle misure di prevenzione e lotta antincendio (Prot. n A.03.c.). PREVENZIONE INCENDI Nell edificio è presente una centrale termica alimentata a gasolio di nuova istallazione dalla ditta individuata dall Amministrazione Provinciale e ad oggi non risulta agli atti di questo Uff. Scol. alcuna documentazione. 7

8 La centrale termica è situata in un locale interrato, senza alcuna comunicazione con i locali adibiti ad altre attività, con accesso direttamente dall esterno. Per la valutazione del rischio di incendio è stato più volte richiesto all Amm. Prov. di fornire: certificazione di prevenzione incendi o nulla osta provvisorio; documentazione di installazione della centrale termica e delle certificazioni previste dalle normative vigenti rilasciate dai vigili del fuoco di Varese. Ultima richiesta, di quanto predetto, inviata all Amm. Prov. con nota prot. n del MEZZI DI ESTINZIONE INCENDIO: Nei locali archivio: sarà necessario implementare il numero degli estintori già presenti; considerato l elevato carico di incendio per la presenza di materiale combustibile (carta), la necessità di realizzare idonea compartimentazione antincendio con l installazione di porte aventi caratteristiche di resistenza al fuoco predeterminata (REI) e con la sostituzione delle porta in legno posta tra l archivio e il vano scala interno all Ufficio Scolastico (piano interrato), inviata richiesta all Amm. Prov. con prot. n del E necessario effettuare scrupolosamente i regolari controlli riguardo le esatte collocazioni (verificabili nei prospetti planimetrici affissi sulle pareti dei piani) degli estintori mobili e degli idranti posizionati ai piani. Ultima verifica al fine dei controlli periodici dei dispositivi antincendio sopra descritti è stata effettuata a settembre 2010 dalla ditta Gielle di Galantucci Luigi con sede operativa a San Donato Milanese). Ai sensi del disposto del comma 3 dell art. 18 del D.Lgs. 81/08, lo scrivente datore di lavoro ha più volte richiesto (ultima nota del Dirigente USP prot. n del ) all ente proprietario la necessità di adeguamento alle norme antincendio dei locali dati in uso per l attività in oggetto. 8

9 AREE DI TRANSITO Non presentano particolari situazioni di rischio. Si prevede un sistema di controllo volto a monitorare costantemente le eventuali situazioni di rischio che possono presentarsi lungo l attività lavorativa: evitare lo stoccaggio disordinato del materiale in uso alle attività, in modo tale da rendere agevolmente percorribili i passaggi e non creare ostacolo ai presidi antincendio ed ai quadri elettrici; lasciare le uscite e le vie di esodo libere da ostacoli e materiale. SPAZIO DI LAVORO E ATTREZZATURE DI LAVORO E necessario mantenere il corretto ordine degli oggetti esposti e delle attrezzature di lavoro al fine di non intralciare i percorsi di transito interni. All interno degli ambienti di lavoro non devono esserci materiali e/o parti di impianti di qualsiasi genere non più utilizzati che possono costituire fonti di pericolo (caduta materiali, intralcio, elettrocuzione, ecc.) e pertanto ove presenti bisogna provvedere alla loro rimozione. Si prevede pertanto una programmazione di interventi di manutenzione ordinaria al fine di mantenere standard di sicurezza adeguati al tipo di attività. Le postazioni di lavoro, in termini di spazi minimi funzionali risultano conformi alla normativa e non si rilevano condizioni di affollamento tali da pregiudicare l attività lavorativa. Non sono utilizzate attrezzature che richiedono verifiche obbligatorie periodiche (recipienti in pressione, ecc..), fatta salva la normale manutenzione da effettuarsi ai fini della rispondenza nel tempo dei requisiti di affidabilità, funzionalità e di tutela della sicurezza e salute dei lavoratori o prevista dalle istruzioni d'uso del costruttore, aggiornando, qualora l'apparecchiatura ne sia fornita, il relativo libretto di manutenzione. In particolare pur non essendo utilizzate polveri, vernici, colle, solventi, prodotti tossici o infiammabili, per il normale uso di prodotti commerciali (toner per fotocopiatrici, spray o alcool per pulizie monitor, hardware e arredi vari) gli addetti sono informati (disposizione del Dirigente Usp prot n A01a del 9

10 ) di utilizzare le precauzioni riportate dal produttore sulle confezioni e di riferirsi al pronto soccorso in caso di inconveniente. Fermo restando la formazione prevista dalle norme vigenti sono stati nominati gli addetti al pronto soccorso, ai quali in caso di emergenza, i lavoratori si debbono rivolgere per istruzioni e coordinamento dei comportamenti inerenti le attrezzature di lavoro. IMPIANTI ELETTRICI Gli impianti elettrici sono stati rifatti, come risulta da documento del 30 agosto 2001 dell Amm. Prov. di Varese delle opere di adeguamento normativo e completamento Ufficio Scolastico Provinciale, agli atti USP. È stato realizzato l impianto di protezione contro le scariche atmosferiche e ad oggi non risulta agli atti USP alcuna documentazione, pertanto è stata richiesta più volte certificazione all Amm. Prov.: - nota prot. n 2147 A16b del ; - nota prot. n 9192 del ; Inoltre, con le predette note è stato richiesto, se per questo edificio scolastico è stata presentata all ISPESL di Varese la documentazione relativa all impianto di messa a terra. Dovranno essere previsti controlli periodici su tutti gli impianti e quale misura prevenzionistica da attuare. Si ribadisce che i controlli periodici sugli impianti dovranno essere annotati su apposito registro dei controlli "ad hoc" secondo quanto prescritto dal D.P.R. n.462 del 2001 (regolamento di semplificazione del procedimento per la denuncia di installazioni e dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche, di dispositivi di messa a terra di impianti elettrici e di impianti elettrici pericolosi). Nell attività di formazione si darà informazione sui rischi derivanti dall utilizzo di eventuali strumenti elettrici d ufficio. Si mette in evidenza che: il lavoratore non è autorizzato a compiere qualsiasi tipo di intervento di riparazione, modifica, di natura elettrica sui macchinari, e inoltre si 10

11 ribadisce che ogni malfunzionamento, anomalia, inefficienza dovrà essere sollecitamente segnalata al responsabile di area e l'attrezzatura guasta dovrà essere messa fuori uso. Altresì, è stata fatta comunicazione a tutti i dipendenti, con dispositivo Prot. N 2152 A01a del , del divieto assoluto dell uso di stufette, termoventilatori, fornelli, lampade o simili. Ai fini della sicurezza degli impianti elettrici contro le sovracorrenti si individua quale misura di prevenzione e protezione, la verifica programmata con cadenza mensile della efficienza degli interruttori differenziali; la verifica semestrale; da parte di azienda specializzata individuata dall Amministrazione Provinciale di Varese. Si segnala che in data , a seguito di controllo periodico, il tecnico della Ditta GIELLE ha verbalizzato al punto 8 (anomalie e difetti) del registro delle attrezzature antincendio quanto segue non presenti luci di emergenza funzionanti non corrispondono al numero delle posizioni della planimetria. Per quanto sopra esposto è stato richiesto, all Amm. Provinciale un sollecito intervento di ripristino delle condizioni di sicurezza delle anomalie segnalate (nota prot. n del ). MICROCLIMA Sarà cura del Datore di Lavoro verificare il rispetto di condizioni microclimatiche adeguate facendo ricorso, se nel caso, a soluzioni più idonee per il raggiungimento di un adeguato comfort. Viene reso noto al personale dipendente che è severamente proibito impiegare corpi scaldanti personali "difformi dalle norme tecniche"; il personale che dovesse rilevare condizioni igrotermiche non conformi all attività lavorativa dovrà immediatamente segnalare il problema al Datore di Lavoro evitando qualsiasi intervento di tipo autonomo. In considerazione delle condizioni ambientali e climatiche: 11

12 è stata richiesta dal Dirigente USP verifica della temperatura nel locale archivio, come da verbale di sopralluogo del 12 febbraio 2010 agli atti; la gestione di tale verifica viene affidata alla sig.ra Coralluzzo Angela che a tal fine si servirà dell assistenza della Ditta Nelsa. SCALE Sarà cura del Datore di Lavoro e del Preposto verificare il rispetto delle condizioni di integrità e stabilità dei gradini e dei corrimano delle scale. I controlli andranno altresì effettuati con particolare riferimento all integrità delle strisce antiscivolo. PORTE L uscita comune (lavoratori ed utenti) avviene, esclusivamente attraverso lo stesso atrio di ingresso posto al piano terra da porta vetrata dotata di congegni di autochiusura e maniglione antipanico, ma con vetro non di sicurezza. Nelle stesse condizioni trovasi tutte le altre porte relative alle uscite di sicurezza e secondarie. Pertanto si provvede a: richiesta all Amm. Prov. di verificare la messa a norma delle porte dell atrio di ingresso e di tutte le altre uscite delle vie di esodo con vetro di sicurezza, il ripristino della corretta fruibilità della via di esodo posta al piano secondo in prossimità dell Ufficio Dirigenza, nei locali archivio considerato l elevato carico di incendio per la presenza di materiale combustibile (carta) la necessità di realizzare idonea compartimentazione antincendio con l installazione di porte aventi caratteristiche di resistenza al fuoco predeterminata (REI) e con la sostituzione della porta in legno posta tra l archivio e il vano scala interno all Ufficio Scolastico (piano interrato) - (prot. n. MIUR AOO USPVA R.U del ); segnalazione interna del Dirigente prot n 2431 AO1a del ; richieste del Dirigente all Amministrazione Provinciale di verificarne la messa a norma: - prot n 2149 A16b del 15/03/2010; - prot n 9192 del

13 MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Nei locali magazzino e archivio può avvenire la movimentazione di carichi; sono a disposizione un carrello, caschi, guanti e grembiuli da lavoro. In caso di movimentazione manuale gli addetti sono stati informati e formati sulle modalità di esecuzione del lavoro e dei rischi connessi. Si provvederà sempre, quando possibile, a frazionare i carichi. Il personale addetto a tale servizio deve essere inviato al medico competente per gli accertamenti sanitari opportuni. USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI Sono impiegate attrezzature munite di videoterminali. Conseguentemente sono presenti n 82 postazioni di lavoro idonee e correttamente illuminate, cui corrispondono n 82 sedie a norma. Il personale addetto è stato informato e formato circa i rischi e le modalità operative da attuare. PROTEZIONE DA AGENTI CANCEROGENI Per l'attività in oggetto non sono utilizzati agenti cancerogeni (sorgenti ionizzanti ecc.). PROTEZIONE DA AGENTI BIOLOGICI Per l'attività in oggetto non sono utilizzati agenti biologici. PROGRAMMA DELLE MISURE RITENUTE OPPORTUNE PER GARANTIRE IL MIGLIORAMENTO NEL TEMPO DEI LIVELLI DI SICUREZZA ENTRO L ANNO 2010: Documento per l Amministrazione Provinciale unificato e riepilogativo di segnalazioni e richieste sistematicamente aggiornate e complete per quanto di pertinenza, nonché per quanto atto a consentire maggiore confort e sicurezza nei luoghi di lavoro; Documento per i lavoratori, unificato e riepilogativo sugli obblighi e sui diritti di pertinenza, con contestuali istruzioni ed informazioni necessarie o comunque utili (di cui al D.L.vo 81/2008). 13

14 ORGANIGRAMMA SICUREZZA USP DI VARESE INCARICO Emanazione ordine di evacuazione Responsabile dell emergenza Responsabile della Sicurezza, Prevenzione e Protezione Addetti al primo soccorso Squadra antincendio Controllo quotidiano della praticabilità delle vie d uscita Diffusione ordine di evacuazione NOMINATIVI Il dirigente: Claudio Merletti o sostituto designato Raiola Antonio BAMONTE ANNA BARBARO LEONILDE CORALLUZZO ANGELA DALIA RITA LAPRICA ANNA TERESA MARCON ANTONELLA PIRRI PAOLA REA GRAZIA SCHENA CLAUDIO CUMBO CALOGERO FERRAIOLI NICOLA GAZZOTTI GIUSEPPE GIORGI ANGELO NUCIFORA TULLIO RESTEGHINI GIOVANNI SICLARI ANTONIO Ausiliari in servizio Personale in servizio in portineria Varese, 28 ottobre 2010 f.to IL Responsabile della Sicurezza Antonio Raiola f.to Il Dirigente Claudio Merletti 14

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti Q. & S. - Qualità & Sicurezza S.r.l. L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti All inizio di ogni anno il Dirigente di ciascun Istituto Scolastico

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE DON BOSCO VIA LOMBARDI; 16 BAGOLINO (BS)

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE DON BOSCO VIA LOMBARDI; 16 BAGOLINO (BS) DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE DON BOSCO VIA LOMBARDI; 16 BAGOLINO (BS) 06/10/2014 ALBERTI Carlo Data sopralluogo Elaboratore

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA

Dettagli

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA INTRODUZIONE A norma del Decreto 26 Agosto 1992 il Dirigente scolastico

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Servizio Istruzione via del Carmine

Dettagli

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria Varlungo

Dettagli

Registro antincendio e dei controlli periodici

Registro antincendio e dei controlli periodici Registro antincendio e dei controlli periodici Art. 12 del D. M. 26 agosto 1992 Art. 4. D.M 10 marzo 1998 D.Lgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151 www.sicurezzainnanzitutto.it

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.)

Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.) Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.) Sezione o Faldone Argomento Documentazione Rif. Legislativo Documento: Emittente / Oggetto

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE 1. autorizzazioni edilizie planimetrie aggiornate (sede dell impresa) certificato di Licenza d Uso o Agibilità (sede dell

Dettagli

OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione.

OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione. OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione. Addetti Pulizie : Procedure per gli Operatori Esterni / DUVRI. Il sottoscritto, Arch. Filippo Fasulo, in qualità

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV)

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) PIANO DI EMERGENZA (Linee guida) SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) Anno scolastico 2014/2015 file:pem_primaria_trevignano.doc 1 di 21 PREMESSA Il piano di emergenza è uno

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Sede Decentrata n.4 via f.lli Antoni

Dettagli

PAIS. L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico: controlli, adempimenti, aggiornamenti. Andrea Bighi - Dirigente Scolastico

PAIS. L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico: controlli, adempimenti, aggiornamenti. Andrea Bighi - Dirigente Scolastico L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico: controlli, adempimenti, aggiornamenti Andrea Bighi - Dirigente Scolastico All inizio di ogni anno scolastico il Dirigente dell Istituto è chiamato

Dettagli

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2 Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 1.2 D.Lgs. 81/2008 Attuazione dell articolo 1 della Legge 123/2007, in materia

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA MAN - Pag. 1 di 12 MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA AI SEN SI DELL AR T. 30 D.Lg Lgs. 81/20 08 MAN - Pag. 2 di 12 Attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE MONTIRONE (BS)

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE MONTIRONE (BS) DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE MONTIRONE (BS) 27/05/2013 SCARINZI Alessandra Data sopralluogo Elaboratore File:Primaria_Montirone_giugno_2013

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Diop Mor Samb Modou FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA SICUREZZA SCU NELLA SCUOLA Procedure operative per la gestione del corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOVUTI ALLE INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOVUTI ALLE INTERFERENZE REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOVUTI ALLE INTERFERENZE (Preliminare) (Art. 26 Decreto Legislativo 81/08) GARA PER L AFFIDAMENTO DELLA MANUTENZIONE

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze Adempimento degli obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione di cui all art. 26 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008.

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Padiglione 38. San Salvi FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Padiglione 38. San Salvi FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Padiglione 38 San Salvi FIRENZE 1 STRUTTURA Residenza Universitaria

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

ing. Domenico Mannelli ESPERIENZA METODOLOGICA PER GESTIRE LA SICUREZZA NELLA SCUOLA

ing. Domenico Mannelli ESPERIENZA METODOLOGICA PER GESTIRE LA SICUREZZA NELLA SCUOLA ing. Domenico Mannelli ESPERIENZA METODOLOGICA PER GESTIRE LA SICUREZZA NELLA SCUOLA PRINCIPALI ADEMPIMENTI del Dirigente scolastico 1.Organizzativi 2.Tecnici 3.Procedurali 2008 2/45 Adempimenti organizzativi

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SEDE OPERATIVA PISCINA COMUNALE COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Gestione Piscina Comunale Data emissione I revisione

Dettagli

(D.Lgs. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni)

(D.Lgs. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni) Catalogo Corsi di Formazione in materia di Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni) Per ulteriori informazioni e per conoscere le date dei corsi pianificati scrivere

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA UNIVERSITARIA BRUSCHI CARRARA

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA UNIVERSITARIA BRUSCHI CARRARA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA UNIVERSITARIA BRUSCHI CARRARA 1 STRUTTURA SEDE RESIDENZA UNIVERSITARIA BRUSCHI VIA

Dettagli

CHECKLIST PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO

CHECKLIST PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA SUL LAVORO CHECKLIST PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali. Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008

Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali. Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008 Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008 Oggetto dell appalto: Contratto per la gestione dell impianto sportivo calcistico Aldo Nelli in località Oste Dirigente/

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 13 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ALL INTERNO DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ALL INTERNO DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ALL INTERNO DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA (Emanato con D.R. n. 1215 del 28 giugno 2007, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 69) Sommario

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA. Bianca Garavaglia

SCUOLA DELL INFANZIA. Bianca Garavaglia STUDIO ASSOCIATO 626 Via Novara 24-21011 CASORATE SEMPIONE (VA) MISURE A CARICO DELL ENTE LOCALE ISTITUTO COMPRENSIVO G. A. BOSSI SCUOLA DELL INFANZIA Bianca Garavaglia Via Miani, 3 Busto A. (VA) Data

Dettagli

GESTIONE DELLA SICUREZZA

GESTIONE DELLA SICUREZZA ASM S.p.A. AMBIENTE SERVIZI MOBILITA Via Galcianese 15, 59100 Prato SERVIZIO DI GESTIONE IMPIANTO DI SELEZIONE E TRATTAMENTO RIFIUTI URBANI, SPECIALI ASSIMILATI E SPECIALI NON PERICOLOSI AI FINI DELLA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO N.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO N. DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO N. BERTHER Piazza Marconi, 2 25010 SAN ZENO (BS) 27/05/2013 SCARINZI Alessandra

Dettagli

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico Biennio

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Sede Amministrativa Viale Gramsci,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO I.S.A 10

ISTITUTO COMPRENSIVO I.S.A 10 ISTITUTO COMPRENSIVO I.S.A 10 Informazioni e disposizioni in materia di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro [artt 36, 18 c. 1, l. f), l) D.Lgs. 81/08] Ed.1 Rev.0_14 INDICE 1. Disposizioni

Dettagli

ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08)

ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08) ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08) Appalto per RISTORAZIONE SCOLASTICA COMMITTENTE COMUNE DI CREAZZO DITTA APPALTATRICE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA BARACCA SUD. Via GARIBALDI GHEDI (BS)

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA BARACCA SUD. Via GARIBALDI GHEDI (BS) DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA BARACCA SUD Via GARIBALDI GHEDI (BS) 14/05/2015 SCARINZI Roberto Data Sopralluogo Elaboratore File:Primaria_Baraccasud_Ghedi_maggio_2015

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI ( 1 ) ai sensi dell'art. 26 del D.Lgs. 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI ( 1 ) ai sensi dell'art. 26 del D.Lgs. 81/08 RÉGION AUTONOME VALLÉE D AOSTE VILLE D AOSTE REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA CITTÀ DI AOSTA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI ( 1 ) ai sensi dell'art. 26 del D.Lgs. 81/08 NOTA: criteri di

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI (ex Art. 37 D.Lgs. N. 81/2008) Organizzatore del Corso: Direzione Didattica di Mirandola Responsabile e Docente

Dettagli

SICUREZZA NEGLI EDIFICI SCOLASTICI Progetti, soluzioni, prospettive

SICUREZZA NEGLI EDIFICI SCOLASTICI Progetti, soluzioni, prospettive SICUREZZA NEGLI EDIFICI SCOLASTICI Progetti, soluzioni, prospettive Venerdi 27 Febbraio 2015 Ore 9.00 17.30 Cascina Medici del Vascello La Venaria Reale AiFOS Certificazioni AiFOS è un associazione senza

Dettagli

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO Pagina 1 di 5 ALLEGATO H Il Datore di Lavoro Il R.S.P.P: visto l R.L.S. Prof.ssa Margherita Ventura Geom. Gabriele Sbaragli Ins. Nadia Capezzali Pagina 2 di 5 In via generale per tutti i plessi scolastici.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ALLEGATO D) CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ESTERNO DI SUPPORTO AL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE E PROTEZIONE NEL LUOGO DI LAVORO PER IL TRIENNIO 2011/2013. ART. 1 OGGETTO

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Modulo 2 Gestione e organizzazione della sicurezza Organizzazione

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Azienda: I.I.S. A. GENTILESCHI DI CARRARA via: Sarteschi n. 1 città: Carrara

Dettagli

polizia amministrativa agibilità articolo 80 del TULPS modello 6_04_02

polizia amministrativa agibilità articolo 80 del TULPS modello 6_04_02 N. identificativo marca da bollo: (La marca da bollo deve essere annullata e conservata in originale a cura del soggetto interessato) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

Profession Power Group - PPG Medicina del lavoro - Sicurezza e igiene sui luoghi di lavoro. Servizi

Profession Power Group - PPG Medicina del lavoro - Sicurezza e igiene sui luoghi di lavoro. Servizi Profession Power Group - PPG Medicina del lavoro - Sicurezza e igiene sui luoghi di lavoro Servizi BrainCare S.r.l., opera anche nel settore Medicina del Lavoro offrendo alle Aziende Clienti, i suoi servizi

Dettagli

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO dispensa informativa per docenti e non docenti A CURA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PREMESSA Le informazioni contenute nella presente dispensa sono nozioni

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI SIENA

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI SIENA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI SIENA 1 STRUTTURA SEDE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI 53,

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.)

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.) Indice: 1. Quali sono le principali leggi di riferimento per gli adempimenti sicurezza sui luoghi di lavoro? 2. Quali sono le aziende che hanno l obbligo di adempiere a quanto previsto dal D.Lgs. 81/08?

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA MAMELI. Via DELLA CHIESA, 73 - BRESCIA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA MAMELI. Via DELLA CHIESA, 73 - BRESCIA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA MAMELI Via DELLA CHIESA, 73 - BRESCIA 11/11/2014 SCARINZI Roberto Data Sopralluogo Elaboratore \\Server-hp\dati\-

Dettagli

DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE

DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE LOGO DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2009/2010 IL COMMITTENTE/RESPONSABILE ARTVEN ASSOCIAZIONE ALLEGATO AL CONTRATTO N Pag. 1 di 8 DATI DELL INSEDIAMENTO IN CUI

Dettagli

Note sulla designazione da parte del dirigente scolastico delle figure preposte alla sicurezza

Note sulla designazione da parte del dirigente scolastico delle figure preposte alla sicurezza SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole RETE DI SCUOLE E AGENZIE PER LA SICUREZZA della Provincia di Firenze Note sulla designazione da parte del dirigente scolastico delle

Dettagli

Prot. MIUR AOO DRLO R.U. 1363 del 28/01/2010

Prot. MIUR AOO DRLO R.U. 1363 del 28/01/2010 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale Per La Lombardia DIREZIONE GENERALE Via Ripamonti, 85 20141 MILANO Tel. 02/574627.1 Fax 02/56814272 direzione-lombardia@istruzione.it

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALL ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE PIER FORTUNATO CALVI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALL ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE PIER FORTUNATO CALVI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALL ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE PIER FORTUNATO CALVI VIA C. MARCHESI, 73 32100 BELLUNO 24/04/2014 SCARINZI Roberto

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) Residenza Universitaria G.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) Residenza Universitaria G. Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) Residenza Universitaria G.

Dettagli

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi La sicurezza sui luoghi di lavoro Norme di sicurezza per costruzione e gestione impianti sportivi Ing. Luca Magnelli Firenze 19 ottobre 2010 D.M. 18 marzo

Dettagli

Systema Consulting Srl

Systema Consulting Srl Corso di Formazione RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) valido ai sensi del com. 11, art. 37 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ed all art. 2 del D.M. 16/01/97 SEDE DEL CORSO: Via C.A.

Dettagli

3. APPLICABILITÀ La presente procedura si applica a tutti i dipendenti della Società Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA

3. APPLICABILITÀ La presente procedura si applica a tutti i dipendenti della Società Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Gestione emergenze P08 Rev 02 del 14/06/2014 1. DISTRIBUZIONE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FORMAZIONE INFORMAZIONE PER STUDENTI E SIMILARI AFFERENTI ALLA FACOLTA DI VETERINARIA IN MATERIA DI Sicurezza e Salute dei Lavoratori sul Luogo di Lavoro UNIVERSITA DEGLI

Dettagli

DOCUMENTO INT. VALUTAZIONE RISCHI II C.D. Giovanni XXIII PATERNO OTTOBRE 2013. PLESSO CENTRALE CENTRO E.D.A Via Vulcano,12 95047 Paternò (CT)

DOCUMENTO INT. VALUTAZIONE RISCHI II C.D. Giovanni XXIII PATERNO OTTOBRE 2013. PLESSO CENTRALE CENTRO E.D.A Via Vulcano,12 95047 Paternò (CT) DOCUMENTO INT. VALUTAZIONE RISCHI II C.D. Giovanni XXIII PATERNO OTTOBRE 2013 PLESSO CENTRALE CENTRO E.D.A Via Vulcano,12 95047 Paternò (CT) C.M: : CTEE06800N e-mail:ctee06800n@istruzione.it DATORE DI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NEVIANO DEGLI ARDUINI E LESIGNANO DE BAGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO NEVIANO DEGLI ARDUINI E LESIGNANO DE BAGNI Committente: ISTITUTO COMPRENSIVO NEVIANO DEGLI ARDUINI E LESIGNANO DE BAGNI Ubicazione/riferimento: Scuola dell Infanzia di Lesignano Dè Bagni Scuola Primaria di Lesignano Dè Bagni Scuola Secondaria di

Dettagli

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO (art. 26 comma 1 lett. b D.Lgs 81/2008) e MISURE ADOTTATE

Dettagli

d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica

d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica A cura dell ufficio legale della Federfarma INDICE 1. Ambito di applicazione p.3

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA LASCHI AREZZO

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA LASCHI AREZZO Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA LASCHI AREZZO 1 STRUTTURA SEDE RESIDENZA LASCHI (AREZZO) Via G. Laschi, 24 AREZZO

Dettagli

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag.

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag. Indice Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio GENERALITA Pag. 3 1. ATTIVITA SVOLTA Pag. 3 2. DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA E DELL ATTIVITÀ SVOLTA Pag. 3 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3 2.2

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax c.f. - p. i.v.a. via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax 01985140134 e-mail : scilecco@tin.it - scicomo@tin.it A.L.E.R.

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO PROCEDURE STANDARDIZZATE

SICUREZZA SUL LAVORO PROCEDURE STANDARDIZZATE SERVIZIO AZIENDA SICURA SICUREZZA SUL LAVORO PROCEDURE STANDARDIZZATE Informa il titolare sugli adempimenti previsti dalle disposizioni normative vigenti Effettua la verifica della conformità legislativa

Dettagli

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto.

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. SEMINARIO TECNICO DI AGGIORNAMENTO NORME DI PREVENZIONE I N C E N D I GENERALI E SEMPLIFICATE La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. Rimini

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI di S. Giovanni in Fiore (Cs)

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI di S. Giovanni in Fiore (Cs) DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (ART.28 DLgs 81/2008) S C H E D A N. 2 ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI di S. Giovanni in Fiore (Cs) EDIFICIO SCOLASTICO Dante Alighieri ( SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA 1

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA E PUNTO RISTORO ROSELLINI

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA E PUNTO RISTORO ROSELLINI Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA E PUNTO RISTORO ROSELLINI PISA 1 STRUTTURA SEDE RESIDENZA ROSELLINI Via Rosellini,

Dettagli

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/1 generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/25 Contenuti DM 10/03/98 1/2 Valutazione dei rischi di incendio, protettive e precauzionali di esercizio Controllo

Dettagli

SEDE di Via Massaua. Scuola Primaria.

SEDE di Via Massaua. Scuola Primaria. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.C.S. CARDARELLI - MASSAUA Via Scrosati, 4-20146 Milano Centralino 02.884.41534 - Fax 02.884.44514 - Didattica 02.884.44511 Amministrazione 02.884.41541-

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO art. 7, D. Lgs. 626/94 Legge delega n 123/2007 art. 26 Testo Unico 1 art.7 D.Lgs. 626/94 Il datore di lavoro, in caso di AFFIDAMENTO DEI LAVORI ALL INTERNO

Dettagli

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto.

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto. ESPRESSIONI SPECIFICHE DELLA PREVENZIONE INCENDI ( ESTRATTO DEL D.M. 30 NOVEMBRE 1983 ) Ai fini di un uniforme linguaggio ed uniforme applicazione delle norme emanate, si è rilevata la necessità di determinare

Dettagli

AGGIORNAMENTO AL DOCUMENTO PER LA SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI NELLA SCUOLA

AGGIORNAMENTO AL DOCUMENTO PER LA SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI NELLA SCUOLA Documento Unico Pagina 1 di 18 N Prot. /A23 del 24.09.2013 Data : 24.09.2013 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE TOMMASO D ORIA Istituto Tecnico settore Elettronica ed Elettrotecnica Istituto Tecnico

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi per la sicurezza e la salute sul lavoro

Documento di valutazione dei rischi per la sicurezza e la salute sul lavoro Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi S.p.A. Società soggetta al controllo della Provincia di Cuneo Sede in Cuneo Corso Nizza, 9 - tel. 0171697550 fax 0171603693 - reperibilità 3484539005 PEC acquedotto.langhe@legalmail.it

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA 00187 Roma Via di San Basilio, 72 Tel. +39 06.42.00.84 Fax +39 06.42.00.84.44/5 www.cnpi.it

Dettagli

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica Anno Scolastico 2013/2014 e 2014/2015 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

SRAFFA VIA COMBONI - BRESCIA. 21/05/2012 SCARINZI Roberto. 1 di 63

SRAFFA VIA COMBONI - BRESCIA. 21/05/2012 SCARINZI Roberto. 1 di 63 ADEMPIMENTI A CARICO DELLA PROVINCIA PER LA MESSA A NORMA ED IN SICUREZZA DELLA SEDE CENTRALE DELL ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE SERVIZI COMMERCIALI E TURISMO SRAFFA VIA COMBONI - BRESCIA 21/05/2012 SCARINZI

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

CIRCOLARE N. 61. 1. Assegnazione nomine Piano di Emergenza: Ruoli e Funzioni.

CIRCOLARE N. 61. 1. Assegnazione nomine Piano di Emergenza: Ruoli e Funzioni. N Prot.: 0002376 C.I. del 08/04/2015 Uscita A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO All AA L. RENNA SEDE AL SITO WEB www.icpresicceacquarica.gov.it CIRCOLARE N. 61 Oggetto: Piano di Gestione delle Emergenze In

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida.

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida. 3 L EDIFICIO SCOLASTICO 3.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO 3.1.1.IMPIANTO TERMICO CENTRALE -E presente all interno dell edificio nel piano seminterrato il locale caldaie. Ciascuna delle due caldaie

Dettagli

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA Documentazione aziendale DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA - Pratiche comunali: certificazione di agibilità - Denuncia di nuovo lavoro all INAIL (almeno 5 gg prima inizio

Dettagli

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA DATA 16/10/20006 1 / 7 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE 1.

Dettagli