Valutazioni cliniche - ambientali per la prescrizione dell'ausilio. Dott. Luigi Virone

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutazioni cliniche - ambientali per la prescrizione dell'ausilio. Dott. Luigi Virone"

Transcript

1 Dott. Luigi Virone

2 L AIAS è una struttura in cui si effettuano diverse metodiche riabilitative, rivolte alle disabilità di tipo neurologico. (ISTITUTO DI RIABILITAZIONE EX ART. 26 L. 833/78) Rieducazione neuromotoria Psicomotricità Logopedia Terapia occupazionale

3 Equipe multidisciplinare Si effettuano circa 1500 trattamenti settimanali!

4 Tali trattamenti si possono effettuare con tre tipi diversi di regimi: Trattamenti ambulatoriali Trattamenti domiciliari Trattamenti in regime seminternato

5 Questo tipo di assistenza mette a disposizione del cittadino quattro tipologie di dispositivi: gli ausili: si tratta di strumenti, utensili o apparecchiature che permettono alla persona disabile di compiere un atto che non potrebbe fare in condizioni normali (ad esempio carrozzina) le protesi: sono quelle apparecchiature che sostituiscono parte mancanti del corpo le ortesi: sono apparecchiature che migliorano la funzionalità di una parte del corpo compromessa (ad esempio scarpe ortopediche) i presìdi: sono oggetti che aiutano a prevenire o curare determinate patologie (ad esempio catetere per l'incontinenza, ausili per assorbimento urina).

6 Assistenti sociali Caregiver Deve essere in grado di gestire o ad aiutare a gestire l ausilio Terapista riabilitatore Addestrare il paziente all utilizzo dell ausilio AUSILIO (esigenze cliniche del paziente) Tecnico ortopedico Deve adattare e personalizzare l ausilio al paziente Psicologi Medico un'attenta valutazione delle condizioni cliniche della persona disabile

7 Gli ausili possono essere raggruppati in tre categorie funzionali: ausili per la comunicazione, lo studio e il lavoro ausili per la vita quotidiana ausili per la mobilita

8 AUSILI PER LA MOBILITÀ

9 AUSILI PER LA MOBILITÀ ausili per la mobilità personale ausili per la posizione seduta automobili speciali adattamenti di automobili motocicli

10 AUSILI PER LA MOBILITÀ ausili per la mobilità personale ausili per la posizione seduta automobili speciali adattamenti di automobili motocicli CARROZZINE PASSEGGINI BICICLETTE AUSILI PER LA DEAMBULAZIONE UTILIZZATI CON UN BRACCIO AUSILI PER LA DEAMBULAZIONE UTILIZZATI CON DUE BRACCIA AUSILI PER IL SOLLEVAMENTO

11 AUSILI PER LA MOBILITÀ ausili per la mobilità personale ausili per la posizione seduta automobili speciali adattamenti di automobili motocicli CARROZZINE PASSEGGINI BICICLETTE AUSILI PER LA DEAMBULAZIONE UTILIZZATI CON UN BRACCIO AUSILI PER LA DEAMBULAZIONE UTILIZZATI CON DUE BRACCIA AUSILI PER IL SOLLEVAMENTO

12 AUSILI PER LA MOBILITÀ ausili per la mobilità personale CARROZZINE - CARROZZINE MANUALI AD AUTOSPINTA (possono essere spinte e guidate dall occupante) - CARROZZINE MANUALI DA TRASPORTO O DA TRANSITO (fatte per essere spinte da un accompagnatore) - CARROZZINE ELETTRICHE OD ELETTRONICHE (il cui movimento è determinato da motori comandati dall occupante o, più raramente, da un accompagnatore)

13 CARROZZINE

14 AUSILI PER LA MOBILITÀ ausili per la mobilità personale CARROZZINE Il base al tipo di TELAIO si distinguono in: Telaio pieghevole (detto anche a crociera) Rigide (più leggera e robusta, telaio privo di snodi, con ruote estraibili) Telaio pieghevole con dispositivo di bloccaggio (combina le caratteristiche delle due precedenti)

15 AUSILI PER LA MOBILITÀ ausili per la mobilità personale ausili per la posizione seduta automobili speciali adattamenti di automobili motocicli CARROZZINE PASSEGGINI BICICLETTE AUSILI PER LA DEAMBULAZIONE UTILIZZATI CON UN BRACCIO AUSILI PER LA DEAMBULAZIONE UTILIZZATI CON DUE BRACCIA AUSILI PER IL SOLLEVAMENTO È indicato per il trasporto all'esterno dì bambini con disabilità importanti che necessitano di maggiori aiuti per il mantenimento posturale.

16 AUSILI PER LA MOBILITÀ ausili per la mobilità personale ausili per la posizione seduta automobili speciali adattamenti di automobili motocicli CARROZZINE PASSEGGINI BICICLETTE AUSILI PER LA DEAMBULAZIONE UTILIZZATI CON UN BRACCIO AUSILI PER LA DEAMBULAZIONE UTILIZZATI CON DUE BRACCIA AUSILI PER IL SOLLEVAMENTO

17 AUSILI PER LA MOBILITÀ ausili per la mobilità personale ausili per la posizione seduta automobili speciali adattamenti di automobili motocicli CARROZZINE PASSEGGINI BICICLETTE AUSILI PER LA DEAMBULAZIONE UTILIZZATI CON UN BRACCIO AUSILI PER LA DEAMBULAZIONE UTILIZZATI CON DUE BRACCIA AUSILI PER IL SOLLEVAMENTO

18 AUSILI PER LA MOBILITÀ ausili per la mobilità personale ausili per la posizione seduta automobili speciali adattamenti di automobili motocicli CARROZZINE PASSEGGINI BICICLETTE AUSILI PER LA DEAMBULAZIONE UTILIZZATI CON UN BRACCIO AUSILI PER LA DEAMBULAZIONE UTILIZZATI CON DUE BRACCIA AUSILI PER IL SOLLEVAMENTO

19 AUSILI PER LA MOBILITÀ ausili per la mobilità personale ausili per la posizione seduta automobili speciali adattamenti di automobili motocicli CARROZZINE PASSEGGINI BICICLETTE AUSILI PER LA DEAMBULAZIONE UTILIZZATI CON UN BRACCIO AUSILI PER LA DEAMBULAZIONE UTILIZZATI CON DUE BRACCIA AUSILI PER IL SOLLEVAMENTO

20 AUSILI PER LA MOBILITÀ ausili per la mobilità personale ausili per la posizione seduta automobili speciali adattamenti di automobili motocicli SEGGIOLONI POLIFUNZIONALE SISTEMI DI POSTURA CUSCINI ANTIDECUBITO Seggiolone ortopedizzato che può consentire al disabile una posizione seduta, distesa o altre posizioni funzionali alle specifiche necessità, fino al limite della posizione statica supina od orizzontale.

21 AUSILI PER LA MOBILITÀ ausili per la mobilità personale ausili per la posizione seduta automobili speciali adattamenti di automobili motocicli SEGGIOLONI SISTEMI DI POSTURA CUSCINI ANTIDECUBITO Gli ausili di postura modulari personalizzabili si possono prescrivere a soggetti affetti da disabilità grave, secondaria a menomazioni motorie che determinano una importante insufficienza posturale. Gli ausili posturali sono composti da: - base di sostegno - sistema posturale

22 AUSILI PER LA MOBILITÀ ausili per la mobilità personale ausili per la posizione seduta automobili speciali adattamenti di automobili motocicli SEGGIOLONI SISTEMI DI POSTURA CUSCINI ANTIDECUBITO LE BASI Dl SOSTEGNO sono strutture di supporto appositamente predisposte per sostenere il sistema posturale e gli aggiuntivi; si dividono in: base da interno o da esterno.. I sistemi di postura possono essere applicati anche su un normale ausilio per la mobilità (carrozzina). I SISTEMI POSTURALI sono realizzati con elementi predisposti personalizzabili o con elementi su misura in materiale sintetico modellato su calco negativo/positivo. Si dividono in rapporto alla regione corporea: - unità posturale per bacino - unità posturale per il tronco/bacino - unità posturale per il capo - unità posturale per arto superiore - unità posturale per arto inferiore

23 AUSILI PER LA MOBILITÀ ausili per la mobilità personale ausili per la posizione seduta automobili speciali adattamenti di automobili motocicli Seggioloni sistemi di postura CUSCINI ANTIDECUBITO

24

25 AUSILI PER LA MOBILITÀ ausili per la mobilità personale ausili per la posizione seduta automobili speciali adattamenti di automobili motocicli AUTOMOBILI CON SISTEMA DI ABBASSAMENTO DEL PIANALE Autovettura che, tramite delle sospensioni idropneumatiche o sistemi alternativi, consente di abbassare il pianale per permettere un più agevole accesso all'abitacolo di una persona in carrozzina.

26 AUSILI PER LA MOBILITÀ ausili per la mobilità personale ausili per la posizione seduta automobili speciali adattamenti di automobili motocicli Adattamenti dei comandi di guida Cinture di sicurezza e imbragature per automobile Sedili e cuscini speciali per automobile Sollevapersone per autoveicoli Pedane elevatrici per autoveicoli Sistemi per riporre la carrozzina nell'automobile Ancoraggi per fissare la carrozzina nell'autoveicolo

27 AUSILI PER LA MOBILITÀ ausili per la mobilità personale ausili per la posizione seduta automobili speciali adattamenti di automobili motocicli Motoveicoli a due, tre o quattro ruote, provvisti di appositi accorgimenti per facilitare la guida e l'equilibrio a persone con disabilità.

28 Linee guida per la scelta e l adattamento delle carrozzine nelle diverse forme di disabilità

29 Linee guida per la scelta e l adattamento delle carrozzine nelle diverse forme di disabilità Soggetti attivi con buon controllo del tronco e normale funzionalità degli arti superiori

30 Linee guida per la scelta e l adattamento delle carrozzine nelle diverse forme di disabilità Soggetti attivi con buon controllo del tronco e normale funzionalità degli arti superiori SOGGETTI PARAPLEGICI SOGGETTI CON MALFORMAZIONE DEGLI ARTI INFERIORI AMPUTATI

31 Linee guida per la scelta e l adattamento delle carrozzine nelle diverse forme di disabilità Soggetti attivi con buon controllo del tronco e normale funzionalità degli arti superiori Questi soggetti richiedono carrozzine assettate in modo che, oltre al comfort, consentano di ottimizzare la efficienza della spinta, la scorrevolezza, la manovrabilità, la trasportabilità. La possibilità di modificare la posizione delle ruote rispetto al telaio consente la regolazione delle dimensioni della carrozzina e la distribuzione del peso influendo sul rendimento meccanico, sulla manovrabilità, sul comfort e sulla sicurezza.

32 Linee guida per la scelta e l adattamento delle carrozzine nelle diverse forme di disabilità Soggetti attivi con buon controllo del tronco e normale funzionalità degli arti superiori L efficienza di spinta è massima quando: - Le mani sono appoggiate ad ore 12 sul cerchio di spinta - Il gomito è flesso a L asse trasversale delle spalle si trova a 5-10 cm dietro l asse delle ruote van der Woude L.H.V: The wheelchair user interface: the core of ergonomics? In: Ergonomics of manual wheelchair propulsion. Ed. Pro Juventute, pp , van der Woude Luc H.V., Veeger D., Rozendal RH.: Ergonomics of manual wheelchair propulsion. In: Wheelchair, research, evalvation and information. Ed. Pro Juventute Milano, pp , 1985.

33 Linee guida per la scelta e l adattamento delle carrozzine nelle diverse forme di disabilità Soggetti attivi con buon controllo del tronco e normale funzionalità degli arti superiori Per ottimizzare l'efficienza della spinta è anche opportuno ridurre l'angolo di abduzione delle spalle durante la spinta; a tal fine sono essenzialmente tre i provvedimenti da prendere: - campanatura delle ruote di spinta che, tra l'altro, consente un aumento della stabilità laterale della carrozzina; - scelta della larghezza adatta del sedile; - sostituzione, là dove possibile, dei braccioli con semplici spondine. Veeger H.EJ., van der Woude L.H.V., Rozendal RH.: The effect of rear wheel camber in manual wheelchair propulsion. J. of Rehab. Res. and Development. Vol. 26, n. 2, pp ,1989. Veeger H.E.J.: Biomechanics of manual wheelchair propulsion. In: Ergonomic of manual wheelchair propulsion. Ed. Pro Juventute Milano, pp , 1993.

34 Linee guida per la scelta e l adattamento delle carrozzine nelle diverse forme di disabilità Soggetti con grave compromissione del controllo del tronco e degli arti superiori

35 Linee guida per la scelta e l adattamento delle carrozzine nelle diverse forme di disabilità Soggetti con grave compromissione del controllo del tronco e degli arti superiori Per questi soggetti è necessario utilizzare: un sistema con schienale alto e avvolgente (altrimenti lasciano scivolare in avanti la pelvi per dare stabilità al tronco), eventualmente applicare sponde laterali, cinghie e appoggiatesta. vanno utilizzati sistemi che permettano di inclinare schienale e appoggia gambe (per consentire l'assunzione di posizioni semisdraiate, e sistemi basculanti che permettono di variare l'assetto posturale nello spazio senza variare gli angoli articolari) I braccioli trovano per lo più una valida indicazione (devono essere regolati alla giusta altezza, sufficientemente larghi, morbidi e avvolgenti)

36 Linee guida per la scelta e l adattamento delle carrozzine nelle diverse forme di disabilità Soggetti con grave compromissione del controllo del tronco e degli arti superiori In presenza di spasmi in estensione (soggetti cerebrolesi) può essere controindicata l'inclinazione all'indietro dello schienale generalmente è invece consigliabile il posizionamento delle anche delle ginocchia e delle tibiotarsiche a un angolo di flessione superiore a 90 (cuscino a cuneo) e l'applicazione di un tavolino. Spesso sono richiesti accessori per la stabilizzazione del bacino, degli arti inferiori e dei piedi.

37 Linee guida per la scelta e l adattamento delle carrozzine nelle diverse forme di disabilità Cuneo divaricatore Può essere usato per contrastare la deformità a colpo di vento degli arti inferiori, mentre è assolutamente controindicato per impedire lo scivolamento in avanti del bacino Per evitare lo scivolamento si possono usare le cinture pelviche di contenimento

38 Linee guida per la scelta e l adattamento delle carrozzine nelle diverse forme di disabilità Soggetti con emiplegia

39 Linee guida per la scelta e l adattamento delle carrozzine nelle diverse forme di disabilità Soggetti con emiplegia Le carrozzine utilizzate dalle persone con emiplegia, possono essere: 1. ad autospinta 2. elettriche.

40 Linee guida per la scelta e l adattamento delle carrozzine nelle diverse forme di disabilità Soggetti con emiplegia Le carrozzine ad autospinta sono consigliabili per persone con un discreto livello di autonomia cognitiva e motoria. Le carrozzine ad autospinta utilizzate dai soggetti emiplegici sono essenzialmente di tre tipi: carrozzine a doppio corrimano carrozzina ad autospinta assistita carrozzine a monoleva carrozzine per l'autospinta a piede.

41 Valutazione ambientale per la prescrizione dell'ausilio

42 Prima di prescrivere qualsiasi ausilio bisogna valutare: l ambiente esterno che circonda il disabile (Presenza di scale, scivoli, gradini) l ambiente domestico che accoglie il disabile (La larghezza di porte ed ascensori, la presenza di gradini, le condizioni della pavimentazione... ma anche la scelta e la disposizione degli arredi) i mezzi di trasporto che sfrutta il disabile

43 Legge 9 gennaio 1989, n. 13 "Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati." (Pubblicata nella G. U. 26 gennaio 1989, n. 21)

44 Accesso all abitazione con presenza di marciapiedi e scale

45

46

47 Presenza di scale

48

49

50 Ingombro di rotazione

51

52 legge n. 13 del 9 gennaio 1989 Ministero affari sociali Ministero Lavori Pubblici Dal 2007 al 2008 in assenza di uno specifico capitolo nel Bilancio regionale, si è provveduto all assegnazione delle necessarie risorse finanziarie, gravando sul Fondo delle Autonomie Locali Domande al Sindaco del comune entro il 1 marzo di ogni anno Comuni

53 Dal 2009 a tutt oggi non hanno trovato alcuna copertura finanziaria nel Bilancio regionale portatori di handicap sono da anni in attesa del contributo per l abbattimento delle barriere architettoniche!!

54 «Disabile sequestrato in casa per la presenza di barriere architettoniche» Assoluta noncuranza delle leggi e convenzioni internazionali ed europee relative ai diritti delle persone con disabilità (art.20 della legge 833/78; Dichiarazione di Madrid del 2003;Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità del 3/5/2008; legge 3/3/2009 n 18 che ratifica la convenzione di New York del 2006 ) da parte di amministratori locali,con funzioni pubbliche o private, i quali puntualmente hanno mostrato di disinteressarsi del fatto che la maggior parte delle persone con disabilità vive in condizioni di povertà,della necessità di affrontare l impatto negativo ( delle condizioni economiche) sulle persone con disabilità,di far rispettare i principi generali, il rispetto per la dignità intrinseca, l autonomia individuale, compresa la libertà di compiere le proprie scelte e l indipendenza delle persone con disabilità, di garantire l accesso a servizi sanitari,.inclusi i servizi di riabilitazione ( art.3;art.25 legge 3 marzo 2009 n.18)

55 La maggioranza degli ausili che sono acquisiti per persone con disabilità vengono messi da parte un anno dopo essere stati forniti Congressional Office of Technology Assessment. Technology and handicapped people. New York: Springer-Verlag, 2005.

56 Quali sono le ragioni più importanti dell'abbandono degli ausili? - inefficacia dell'ausilio nel conseguire lo scopo che si intendeva raggiungere; - guasti o malfunzionamenti dell'ausilio o funzionamento inadeguato; - sviluppo di conoscenze e capacità che rendono l'ausilio non più necessario; - estetica inaccettabile dell'ausilio.

57 Al fine cli massimizzare le capacità funzionali e minimizzare gli abbandoni nell'effettuazione di un programma di fornitura di ausili si dovrebbero seguire questi principi: 1) il processo di PRESCRIZIONE dovrebbe includere e documentare le seguenti valutazioni e considerazioni:

58 Al fine cli massimizzare le capacità funzionali e minimizzare gli abbandoni nell'effettuazione di un programma di fornitura di ausili si dovrebbero seguire questi principi: 1) il processo di PRESCRIZIONE dovrebbe includere e documentare le seguenti valutazioni e considerazioni: valutazione medica e delle funzioni cognitive sensoriali neuromuscolari e muscoloscheletriche, con documentazione delle anomalie funzionali, accertamento della prognosi e della appropriatezza dell'ausilio sul piano medico per il paziente (il paziente è in condizioni stabili? Ci sono problemi medici che potrebbero rendere pericoloso l'utilizzo dell'ausilio?). Valutazione del potenziale di recupero (il paziente potrà imparare a svolgere una certa funzione in modo efficace anche senza un ausilio?). Valutazione degli eventuali ausili che erano stati prescritti in precedenza per lo stesso motivo (Perché l'ausilio non è più appropriato? Se è rotto può essere riparato? Può essere riadattato per essere nuovamente utile?).

59 Al fine cli massimizzare le capacità funzionali e minimizzare gli abbandoni nell'effettuazione di un programma di fornitura di ausili si dovrebbero seguire questi principi: 1) il processo di PRESCRIZIONE dovrebbe includere e documentare le seguenti valutazioni e considerazioni: Valutazione di come l'ausilio proposto si può interfacciare con altri ausili e adattarsi all'ambiente domestico o lavorativo e alle normali attività quotidiane del paziente (Ci sono limitazioni di spazio? C'è necessità di maggiore energia elettrica? Ci sono problemi di rumorosità?). Accertamento del fatto che gli obiettivi di miglioramento funzionale o di inserimento scolastico o lavorativo che l'ausilio si propone siano effettivamente realizzabili per il paziente/utente (il paziente, la famiglia, gli insegnanti, i datori e i compagni di lavoro sono d'accordo sul fatto che gli obiettivi proposti siano realizzabili?).

60 2) La prescrizione dovrebbe essere scritta in modo da riflettere le considerazioni fatte da tutti gli operatori coinvolti nel processo di scelta dell'ausilio (team interprofessionale). Dovrebbe comprendere anche specifiche precauzioni d'uso e i risultati attesi. 3) Deve essere predisposto un programma ben definito di installazione dell'ausilio e di addestramento all'uso sia per l'utente che per i familiari, insegnanti, datori e colleghi di lavoro o altre persone coinvolte nella sua utilizzazione.

61 CONCLUSIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

4.03 Stato al 1 gennaio 2013

4.03 Stato al 1 gennaio 2013 4.03 Stato al 1 gennaio 2013 Mezzi ausiliari dell AI Professione e vita quotidiana 1 Gli assicurati dell AI hanno diritto, nei limiti fissati in un elenco allestito dal Consiglio federale, ai mezzi ausiliari

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

MANUALE D USO MB3195-IT-B

MANUALE D USO MB3195-IT-B MANUALE D USO IT -B Introduzione Ci congratuliamo con voi per aver acquistato questa nuova sedia a rotelle. La qualità e la funzionalità sono le caratteristiche fondamentali di tutte le sedie a rotelle

Dettagli

ACQUISTO AUTO: IVA AGEVOLATA

ACQUISTO AUTO: IVA AGEVOLATA ACQUISTO AUTO: IVA AGEVOLATA Al momento dell'acquisto di un veicolo, nuovo o usato, le persone disabili o i familiari che le hanno fiscalmente in carico possono usufruire di una riduzione dell'aliquota

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI Premessa...Pag.2 1. Introduzione..Pag.2 1.a Definizione di barriera architettonica....pag.2 1.b Antropometria e quadro esigenziale.....pag.3

Dettagli

Una casa su misura. Domande e risposte per migliorare l accessibilità domestica. A cura di Devis Trioschi

Una casa su misura. Domande e risposte per migliorare l accessibilità domestica. A cura di Devis Trioschi Una casa su misura Domande e risposte per migliorare l accessibilità domestica A cura di Devis Trioschi Fisioterapista Centro Regionale Ausili di Bologna È un iniziativa Regione Emilia Romagna Programma

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Guida alle agevolazioni e contributi per le persone con disabilità

Guida alle agevolazioni e contributi per le persone con disabilità Guida alle agevolazioni e contributi per le persone con disabilità ANNA MARIA DAPPORTO Assessore Politiche Sociali Regione Emilia-Romagna Sono lieta di presentare la seconda edizione di questa guida informativa

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI MARZO 2013 aggiornamento

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI MARZO 2013 aggiornamento l agenzia aggiornamento in f orma MARZO 2013 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto 4 2. Per

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

La prevenzione delle cadute nell anziano

La prevenzione delle cadute nell anziano Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari La prevenzione delle cadute nell anziano Consigli utili Indice II problema delle

Dettagli

In forma con la FASCIA ELASTICA

In forma con la FASCIA ELASTICA RICHIEDETE In forma con la FASCIA ELASTICA L O R I G L E I N A www.thera-band.de Istruzioni professionali per il Vostro allenamento quotidiano Astrid Buscher Charlotta Cumming Gesine Ratajczyk Indice

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA l agenzia inf orma aggiornamento dicembre 2013 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA INDICE 1. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI... 2 2. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO... 4 Chi ne

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20.

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20. Lo Studio Lo StudioFisiocenter del Dottor Marco Giudice è un team di professionisti che offre supporto e assistenza per la risoluzione di un ampia gamma di problemi fisici. Operano in ambito preventivo,

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI giugno 2010 aggiornamento

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI giugno 2010 aggiornamento l agenzia aggiornamento in f giugno 2010 orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto 4 2. Per

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI novembre 2011 aggiornamento

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI novembre 2011 aggiornamento l agenzia aggiornamento in f orma novembre 2011 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto 4 2.

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI AGGIORNATA CON LA NORMATIVA IN VIGORE A MAGGIO 2008 INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Consigli per muoverti bene con la persona che assisti

Consigli per muoverti bene con la persona che assisti 8. Strumenti per qualificare il lavoro di cura a domicilio Consigli per muoverti bene con la persona che assisti Assessorato alla Promozione delle politiche sociali e di quelle educative per l infanzia

Dettagli

Che cos è l ergonomia

Che cos è l ergonomia norme ergonomiche per le attrezzature di lavoro, il posto di lavoro e l ambiente di lavoro. Che cos è l ergonomia La parola ergonomia deriva dal greco ergo, che significa lavoro, e nomos che significa

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA Gli aggiornamenti più recenti proroga al 31/12/2015 della maggior detrazione Irpef per l eliminazione delle barriere architettoniche agevolazione

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi DOLCE FAR NIENTE IN NATUZZI SOGNIAMO UN MONDO PIÙ CONFORTEVOLE. CHIAMATELA PASSIONE, MA È IL NOSTRO IMPEGNO PER DONARVI BENESSERE. PER NOI, UNA POLTRONA NON È UN SEMPLICE OGGETTO, ESSA HA UNA PRESENZA

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

www.altrex.com EN 1004 Manuale di montaggio e uso Ponteggi su ruote 5100 e 5200, Ponteggio con scale integrate 5300, Ponteggi pieghevoli 5400 e 5500

www.altrex.com EN 1004 Manuale di montaggio e uso Ponteggi su ruote 5100 e 5200, Ponteggio con scale integrate 5300, Ponteggi pieghevoli 5400 e 5500 Manuale di montaggio e uso Ponteggi su ruote 5100 e 5200, Ponteggio con scale integrate 5300, Ponteggi pieghevoli 5400 e 5500 EN 1004 752903 www.altrex.com 1 of 32 Manuale montaggio e uso N art. 752903

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO. servizi d integrazione sanitaria. Salute Più. Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto

SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO. servizi d integrazione sanitaria. Salute Più. Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO servizi d integrazione sanitaria Salute Più Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto Edizione 2013 1 Salute Più Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto Edizione

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 1 LIFTKAR, il carrello motorizzato saliscale e MODULKAR, il carrello manuale. 2 3 Caratteristiche principali: 1) Tubolare in Alluminio in

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO

Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO Gli ausili per l'autonomia nella vita 1 AUTONOMIA 1,2 RECUPERO DI UN NUOVO EQUILIBRIO Relazione

Dettagli

IL METODO OCRA Per la valutazione dei rischi da movimenti ripetitivi per gli arti superiori

IL METODO OCRA Per la valutazione dei rischi da movimenti ripetitivi per gli arti superiori 2008 IL METODO OCRA Per la valutazione dei rischi da movimenti ripetitivi per gli arti superiori Manuale teorico pratico professionale sul più diffuso metodo di analisi per la valutazione del rischio CTD

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Pagina 1 di 6. Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica

Pagina 1 di 6. Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica Pagina 1 di 6 Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica OGTTO: Adesione al Lotto n. 5 della convenzione denominata AUSILI DISABILI 2, per la fornitura di Sollevatori

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Dott.ssa Elisa Parri*, Prof. Mario Marella*, Dott.ssa Elena Castellini*, Dott. Matteo Levi

Dettagli

- SALTUARIASALTUARIA-OCCASIONALE

- SALTUARIASALTUARIA-OCCASIONALE LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI IN EDILIZIA LA VALUTAZIONE DEI RISCHI L art. 168 definisce per il DDL una sequenza di azioni PARTENDO DAL POSTO DI LAVORO: 1) Individuazione e valutazione ATTIVA ai

Dettagli

FABS/M (Facilitators and Barriers Survey/Mobility 1 ) Valutazione di Facilitatori e Barriere/Mobilità (Traduzione sperimentale in lingua italiana)

FABS/M (Facilitators and Barriers Survey/Mobility 1 ) Valutazione di Facilitatori e Barriere/Mobilità (Traduzione sperimentale in lingua italiana) FABS/M (Facilitators and Barriers Survey/Mobility 1 ) Valutazione di Facilitatori e Barriere/Mobilità (Traduzione sperimentale in lingua italiana) n.prog.: Iniz: Luogo di abitazione: Data di nascita: Dominio

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA

IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA IL SOCCORSO ALLE PERSONE

Dettagli

I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA

I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA per lavoratori La formazione vincente. Il CFRM, Centro Formazione e Ricerca Macchine del Gruppo Merlo, è la prima struttura in Italia ed una delle prime in Europa specializzata

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Guida alle agevolazioni e contributi per le persone. con disabilità

Guida alle agevolazioni e contributi per le persone. con disabilità Guida alle agevolazioni e contributi per le persone con disabilità 2010 TERESA MARZOCCHI Assessore Politiche Sociali Regione Emilia-Romagna antonino gentile Direttore Regionale Agenzia Entrate Emilia-Romagna

Dettagli

ALLEGATO I MODALITA DI APPLICAZIONE Ginocchio a comando elettronico C-LEG

ALLEGATO I MODALITA DI APPLICAZIONE Ginocchio a comando elettronico C-LEG ALLEGATO I MODALITA DI APPLICAZIONE Ginocchio a comando elettronico C-LEG PRESENTAZIONE AZIENDA La Ns. Azienda Ortopedia Meridionale di Zungri S. & C. S.a.S., presente sul mercato dal 1981, opera nel settore

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Convenzione sulla circolazione stradale

Convenzione sulla circolazione stradale Convenzione sulla circolazione stradale Conclusa a Vienna l 8 novembre 1968 Le Parti contraenti, nell intento di facilitare la circolazione stradale internazionale e di accrescere la sicurezza nelle strade

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Guida alle situazioni di emergenza

Guida alle situazioni di emergenza Guida alle situazioni di emergenza 2047 DAF Trucks N.V., Eindhoven, Paesi Bassi. Nell interesse di un continuo sviluppo dei propri prodotti, DAF si riserva il diritto di modificarne le specifiche o l

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

INFORMAZIONI E CONDIZIONI GENERALI

INFORMAZIONI E CONDIZIONI GENERALI INFORMAZIONI E CONDIZIONI GENERALI Con l'accesso, la visualizzazione, la navigazione o l'utilizzo del materiale o dei servizi disponibili in questo sito o attraverso di esso, l'utente indica di aver letto

Dettagli