MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA"

Transcript

1 ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA - ATTILIO ODERO - COSTRUIRSI IL FUTURO Genova Sestri Ponente - 4 Via Briscata Fax e mail - sito web MANUALE DELLA SICUREZZA AD USO PERSONALE SCOLASTICO ED ALLIEVI Ai sensi dell articolo 36 del D.Lgs. 81/08, del DM 382/98 e 363/98-C.M.P.I. 119/99 Elaborato dal prof. Pier Giorgio Puppo e Sig. Mauro Ferraris rev. 05 novembre

2 SCUOLA,DOCENTI ED ALLIEVI... 4 ORGANIGRAMMA SICUREZZA SCUOLA... 5 I PRINCIPALI RISCHI NELLA SCUOLA... 7 Spazi comuni... 7 Rischio nell uso delle scale... 7 Illuminazione... 7 Biblioteca... 7 Microclima... 7 RISCHI NEI LABORATORI / OFFICINE... 8 RISCHI ELETTRICI E MECCANICI : CORSO ELETTRICO... 8 RISCHI ELETTRICI E MECCANICI : CORSO ELETTRONICO RISCHI ELETTRICI E MECCANICI : CORSO MECCANICO LAVORO D UFFICIO Rischio elettrico Scale a mano Attrezzi manuali LA PALESTRA La palestra dopo l orario scolastico IL LAVORO AL COMPUTER ART T.U. 81/ Nessun rischio è dovuto ai videoterminali Il computer nelle aule e negli uffici Quali sono i rischi per la salute Come evitare l insorgenza di disturbi muscolo-scheletrici Come evitare l insorgenza di problemi visivi LABORATORI DIDATTICI ED OFFICINE Laboratorio di meccanica Laboratori di elettrotecnica Laboratori di elettronica Laboratori informatica Laboratori scientifici Laboratori tecnologici Laboratorio di meccanica - Laboratori tecnologici Laboratorio di Fisica - Laboratorio Scienze Laboratori di elettrotecnica - Laboratori di elettronica Laboratori informatica Regole condivise per l uso della rete Internet e sicurezza delle TIC Strategie della scuola per garantire la sicurezza delle TIC Elenco regole allievi Elenco regole insegnanti Sito internet Posta elettronica Chat Forum Blog NORME ANTINCENDIO allegato VII D.M (art.3 comma 1 punto f ) Il triangolo del fuoco L incendio si distingue in tre fasi: Gli agenti estinguenti Le attrezzature di estinzione incendi Estintore portatile Naspo antincendio

3 La prevenzione incendi IL PRIMO SOCCORSO D.M. N.388 del In caso di infortunio: Quando l infortunato appare grave l addetto al primo soccorso deve: Norme per il primo soccorso agli infortunati Istruzioni per l uso dei materiali di medicazione ESERCITAZIONE DI EVACUAZIONE D.M. 10 Marzo 98 ;T.U.81/08 TITOLO MODALITA DI EVACUAZIONE EVACUAZIONE IN CASO DI ALLUVIONE IN CASO DI TERREMOTO SEGNALETICA E CARTELLONISTICA D.lgs. 493 del art. 162 T.U. 81/

4 SCUOLA,DOCENTI ED ALLIEVI Questo manualetto è diretto ai Docenti, al Personale ATA ed agli Studenti ed ha lo scopo di fornire l informazione sulla sicurezza prevista dell art 36 del D.Lgs 81/08 (TESTO UNICO del 09/04/08). Le direttive europee recepite nella legislazione italiana dal decreto Legislativo 09/04/08, n. 81, prevedono espressamente che anche la scuola rientri tra i settori dove si devono applicare le misure volte a garantire la sicurezza e la salute dei lavoratori durante il lavoro. Gli edifici scolastici con aule, laboratori, palestre, uffici, corridoi e spazi comuni sono considerati infatti ambiente di lavoro ed ad essi si devono quindi applicare tutte le norme di sicurezza e di prevenzione previste dalla legge per i luoghi di lavoro. Inoltre l art. 2 comma a del T.U. stabilisce espressamente che anche gli allievi di ogni tipo di istituzione scolastica, oltre naturalmente al Personale Docente ed ATA, sono equiparati a tutti gli effetti ai lavoratori delle aziende. Naturalmente la scuola presenta specificità differenti da un azienda o una fabbrica vere e proprie, ma i principi di base per la sicurezza rimangono gli stessi. Il Ministero della Pubblica Istruzione con il decreto n. 292/96 ha individuato nel Dirigente Scolastico colui che esercita le funzioni che la legge pone a carico del datore di lavoro. Un successivo regolamento approvato con D.M. 29/09/98 n. 382 e la Circolare Ministero Pubblica Istruzione n. 119 del 29/04/99 costituiscono con quelli già citati la normativa di base per l organizzazione e l applicazione delle specifiche norme della sicurezza sul lavoro nella scuola. 4

5 ORGANIGRAMMA SICUREZZA SCUOLA DIRIGENTE SCOLASTICO (Datore di Lavoro) Giacobbe Andrea Medico Competente (MC) Barattini Riccardo Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP) Galiano Roberto Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Simonetta Silvano Addetti Servizio Prevenzione e Protezione (ASPP) Ferraris Mauro Fracchia Marina Puppo Pier Giorgio Spinoglio Sergio Addetti gestione emergenza Primo Soccorso/ Evacuazione Bruzzone Marinella Ciurcovich Sonja Ieraci Carmela Terrile Angela Addetti gestione emergenza Antincendio / Evacuazione Berrino Santino Bombardieri Salvatore Desogus Angelo Pirlo Roberta

6

7 I PRINCIPALI RISCHI NELLA SCUOLA Di norma i rischi più ricorrenti negli edifici scolastici sono dovuti a: fatiscenza della struttura mancanza di manutenzione inadeguatezza degli arredi, attrezzature e macchine Gli interventi da attuarsi devono essere programmati ed è necessario fare richiesta, per tempo, all ente Locale ( Comune per le Scuole Elementari e Medie Inferiori, Provincia per le Scuole Medie Superiori) che deve intervenire per la messa a norma dell edificio di cui è proprietario o comunque responsabile. Spazi comuni Gli spazi comuni devono poter essere utilizzati da tutti ed è quindi vietato depositarvi materiale di qualsiasi tipo sulle aree di transito: nel caso di necessità temporanea di depositi è obbligatorio circoscrivere con apposite barriere l area interessata e segnalare in modo ben visibile le barriere e gli ingombri Rischio nell uso delle scale I rischi nell uso delle scale sono dovuti all assenza di corrimano, ringhiere basse o pericolanti, presenza di vetrate non protette, mancanza di bande antisdrucciolo, gradini sconnessi o rotti. La sicurezza delle scale, così come l eliminazione delle barriere architettoniche, è un intervento a carico dell Ente Locale che deve provvedere ad eliminare le possibili cause di pericolo. Se il rischio è evidente ed imminente il Dirigente scolastico deve prendere provvedimenti immediati come la chiusura delle scale o, almeno, l uso limitato o sorvegliato. Illuminazione L illuminazione è uno degli elementi fondamentali della sicurezza e la salvaguardia della salute nelle aule, laboratori e corridoi. Nel caso di corpi illuminanti inadeguati o di assenza totale con conseguente scarsa illuminazione è necessario richiedere all Ente Locale competente di dotare i locali dell illuminazione adeguata e la rapida messa a norma : in attesa che gli adeguamenti siano effettuati i bisogna evitare l uso continuativo di ambienti non a norma. Limitare la presenza ed interdire le zone in ombra. Biblioteca Rischi specifici sono legati al carico di incendio, vista la presenza di materiale cartaceo e facilmente incendiabile, alla presenza di polvere, all uso di fotocopiatrici. Non accumulare carta inutilmente, eliminare periodicamente la polvere, mantenere in efficienza le fotocopiatrici. Microclima La qualità dell aria rappresenta una costante per la sicurezza e la salvaguardia della salute: il pericolo maggiore è costituito dall affollamento delle aule e dalla mancanza di aria di ricambio. Il numero massimo di studenti ammissibile in un aula dipende dalla sua superficie ed è stabilito dalla normativa sull edilizia scolastica (D.M. 26 agosto 1992). È inoltre necessario controllare il buon funzionamento dell impianto di riscaldamento al fine di assicurare temperature confortevoli. Richiedere all Ente Locale la messa a norma degli spazi con microclima inadeguato ed, in attesa degli interventi, controllare periodicamente la temperatura e isolare le parti inadeguate. Garantire una efficiente aerazione aprendo periodicamente le finestre. Non utilizzare permanentemente locali con superficie non a norma. 7

8 RISCHI NEI LABORATORI / OFFICINE RISCHI ELETTRICI E MECCANICI : CORSO ELETTRICO CRITERI ADOTTATI Per la valutazione dei rischi si è adottato il criterio (consolidato) di valutazione basato sulla correlazione dei fattori determinanti ai fini della stima del livello di rischio, con particolare sguardo e riguardo alla possibilità che un determinato pericolo correlato risulti potenzialmente significativo a determinare maggiore situazione di rischio. Destinazione lavorativa - Mansioni: Operatore elettrico / Tecnico dell industria elettrica Il pericolo connesso all'utilizzo di elettricità è presente ovunque, nei laboratori e nelle officine. Il rischio che ne deriva va dall'innesco di incendi in seguito a scariche elettriche o surriscaldamento dei cavi, ai danni a persone in seguito a dispersioni o contatto con parti in tensione. FATTORI DI RISCHIO X X X Movimentazione manuale di carichi Rischio posturale Fumi Polveri Microclima Rumore (Lex(8h) < 80 dba Vibrazioni mano braccio Rischio chimico Videoterminale < 20h/sett. Lavoro in quota Rischio vs terzi Tra le principali misure di prevenzione contro i rischi elettrici si possono citare le seguenti: 1. non manomettere i dispositivi elettrici se non si dispone di sufficiente qualificazione tecnica, e non farli manomettere da persona non qualificata, non competente e non specializzata, 2. riparare immediatamente le parti di dispositivi elettrici guaste o danneggiate, evitando, ad esempio, di lasciare cavi con la guaina corrosa, 3. utilizzare solo apparecchi elettrici impermeabili all'acqua, omologati per impieghi in luoghi umidi o bagnati, 4. utilizzare solo materiale elettrico a norma di legge e certificato per ridurre le conseguenza negative dei sovraccarichi di corrente: tutti gli impianti elettrici, in tutti i loro componenti costitutivi (cabine, quadri elettrici, fili, cavi, prese, spine, interruttori) devono essere conformi alle norme CEI e costituiti in modo tale da rendere impossibile qualsiasi contatto accidentale con elementi sotto tensione, 5. non eliminare mai o modificare valvole, interruttori di sicurezza o altri dispositivi di protezione, 6. installare nel circuito elettrico interruttori protettivi a corrente di difetto particolarmente sensibile (salvavita), 7. non modificare mai spine e prese, evitare l'uso di prese volanti (ciabatte) ed evitare i grappoli di spine nella stessa presa multipla, 8. evitare soluzioni improvvisate quali cavi volanti e l'utilizzo di isolamenti approssimativi, 9. non aprire mai apparecchi elettrici senza prima averli disinseriti dalla corrente, 10. programmare con cadenza regolare accurati interventi manutentivi di controllo e verifica degli impianti elettrici, 11. non tollerare usi impropri di impianti o attrezzature elettriche, 8

9 12. gli interruttori elettrici devono essere tali da evitare ogni rischio di contatto accidentale, avere un adeguato grado di protezione (contro polveri, liquidi, gas, vapori) in relazione all'ambiente, ai prodotti, ai materiali e alle sostanze presente sul luogo di lavoro, 13. le spine devono essere tali da rendere impossibile il contatto accidentale con le parti in tensione della presa e con la parte in tensione della spina durante le fasi di inserimento e disinserimento, 14. i cavi elettrici devono essere dotati di idonea resistenza, anche meccanica, in relazione alle condizioni di impiego e non devono costituire intralcio, non devono formare lunghi percorsi né presentare intrecci o grovigli. 9

10 RISCHI ELETTRICI E MECCANICI : CORSO ELETTRONICO CRITERI ADOTTATI Per la valutazione dei rischi si è adottato il criterio (consolidato) di valutazione basato sulla correlazione dei fattori determinanti ai fini della stima del livello di rischio, con particolare sguardo e riguardo alla possibilità che un determinato pericolo correlato risulti potenzialmente significativo a determinare maggiore situazione di rischio. Destinazione lavorativa - Mansioni: Operatore elettronico / Tecnico dell industria elettronica Il pericolo connesso all'utilizzo di elettricità ed elettronica è presente ovunque, nei laboratori e nelle officine. Il rischio che ne deriva va dall'innesco di incendi in seguito a scariche elettriche o surriscaldamento dei cavi, ai danni a persone in seguito a dispersioni o contatto con parti in tensione. FATTORI DI RISCHIO Movimentazione manuale di carichi X Rischio posturale Fumi Polveri Microclima Rumore (Lex(8h) < 80 dba X Vibrazioni mano braccio Rischio chimico X Videoterminale < 20h/sett. Tra le principali misure di prevenzione contro i rischi elettronici si possono citare le seguenti: non manomettere i dispositivi elettrici ed elettronici se non si dispone di sufficiente qualificazione tecnica, e non farli manomettere da persona non qualificata, non competente e non specializzata, riparare immediatamente le parti di dispositivi elettrici ed elettronici guaste o danneggiate, evitando, ad esempio, di lasciare cavi con la guaina corrosa, utilizzare solo apparecchi elettrici ed elettronici impermeabili all'acqua, omologati per impieghi in luoghi umidi o bagnati, utilizzare solo materiale elettrico ed elettronico a norma di legge e certificato per ridurre le conseguenza negative dei sovraccarichi di corrente: tutti gli impianti elettrici ed elettronici, in tutti i loro componenti costitutivi (cabine, quadri elettrici, fili, cavi, prese, spine, interruttori) devono essere conformi alle norme CEI e costituiti in modo tale da rendere impossibile qualsiasi contatto accidentale con elementi sotto tensione, non eliminare mai o modificare valvole, interruttori di sicurezza o altri dispositivi di protezione, installare nel circuito elettrico ed elettronico interruttori protettivi a corrente di difetto particolarmente sensibile (salvavita), non modificare mai spine e prese, evitare l'uso di prese volanti (ciabatte) ed evitare i grappoli di spine nella stessa presa multipla, evitare soluzioni improvvisate quali cavi volanti e l'utilizzo di isolamenti approssimativi, non aprire mai apparecchi elettrici ed elettronici senza prima averli disinseriti dalla corrente, programmare con cadenza regolare accurati interventi manutentivi di controllo e verifica degli impianti elettrici ed elettronici, non tollerare usi impropri di impianti o attrezzature elettriche ed elettroniche, gli interruttori elettrici ed elettronici devono essere tali da evitare ogni rischio di contatto accidentale, avere un adeguato grado di protezione (contro polveri, liquidi, gas, vapori) in relazione all'ambiente, ai prodotti, ai materiali e alle sostanze presente sul luogo di lavoro, 10

11 le spine devono essere tali da rendere impossibile il contatto accidentale con le parti in tensione della presa e con la parte in tensione della spina durante le fasi di inserimento e disinserimento, i cavi elettrici ed elettronici devono essere dotati di idonea resistenza, anche meccanica, in relazione alle condizioni di impiego e non devono costituire intralcio, non devono formare lunghi percorsi né presentare intrecci o grovigli. 11

12 RISCHI ELETTRICI E MECCANICI : CORSO MECCANICO CRITERI ADOTTATI Per la valutazione dei rischi si è adottato il criterio (consolidato) di valutazione basato sulla correlazione dei fattori determinanti ai fini della stima del livello di rischio, con particolare sguardo e riguardo alla possibilità che un determinato pericolo correlato risulti potenzialmente significativo a determinare maggiore situazione di rischio. Destinazione lavorativa - Mansioni: Operatore meccanico e/o operatore alla riparazione dei veicoli a motore / Tecnico dell industria meccanica Il rischio meccanico che può essere prodotto dagli elementi delle macchine (o dai pezzi lavorati) è condizionato in particolare: dalla loro forma (i.e. elementi taglienti, spigoli vivi, parti di forma aguzza anche se fìssi), dalla loro posizione relativa (i.e. può comportare zone di schiacciamento, di taglio, di trascinamento, etc, quando sono in movimento), dallo loro massa e dalla loro stabilità (energia potenziale di elementi che possono spostarsi sotto l'effetto della gravità), dalla loro massa e dalla loro velocità (energia cinetica di elementi in movimento controllato o incontrollato), dalla loro accelerazione, dall'insufficienza della loro resistenza meccanica (che può provocare rotture, cedimenti strutturali o esplosioni pericolose), dall'accumulo di energia potenziale [da parte degli elementi elastici (molle) o di liquidi o di gas sotto pressione o sotto vuoto. FATTORI DI RISCHIO X X X X X X Movimentazione manuale di carichi Rischio posturale Movimenti ripetitivi arti superiori Fumi Polveri Microclima Rumore (Lex(8h)) <80dBA Vibrazioni mano braccio Vibrazioni a tutto il corpo Radiazioni ottiche artificiali Rischio Biologico Rischio chimico Videoterminale < 20h/sett Norme generali di protezione delle macchine Durante la valutazione dei rischi legata all'uso di una macchina dobbiamo valutare i seguenti aspetti: Organi lavoratori Elementi mobili Organi di trasmissione del moto Impianto elettrico di bordo macchina 12

13 Dispositivi di comando Proiezione di materiali Visibilità della zona operativa stabilità Tutti gli organi che possono costituire pericolo (pulegge, cinghie, cremagliere, ingranaggi, parti sporgenti, ecc.) devono essere muniti di protezioni, essere segregati o provvisti di idonei dispositivi di sicurezza per evitare possibili appigli, urti e contatto con gli operatori. Pertanto, in funzione del tipo di rischio, deve essere predisposta una idonea protezione o riparo o dispositivo che sia di tipo mobile, fisso o immateriale (es. fotocellule). In particolare si deve intendere per riparo di protezione (cfr. Norma UNI EN 953/00):Elemento di una macchina usato in modo specifico per fornire protezione mediante una barriera fisica. Occorre eliminare i bordi ed angolo vivi, parti taglienti, aperture che possano "intrappolare" parti del corpo o indumenti; rendere la macchina intrinsecamente sicura per mezzo della: forma e posizione delle parti (i.e. restrizione di spazi che impediscano ad alcune parti del corpo possano insinuarsi nella zona pericolosa); limitazione delle forze di attuazione; limitazione delle masse e/o velocità; limitazione del rumore, delle vibrazioni e così via; considerare adeguatamente tutte le regole professionali relative alla progettazione e costruzione delle macchine in esame ed in particolare : sollecitazioni meccaniche (limitare le cause, usare soluzioni costruttive corrette, prevedere limitatori di sovraccarico, evitare sollecitazioni a fatica, equilibrare staticamente e dinamicamente i componenti rotanti, etc.) materiali (aventi proprietà note ed adeguate, tenendo conto dei fenomeni corrosivi, invecchiamento, usura, abrasione, disomogeneità, etc.) tecnologie, procedimenti, fonti di energia (usando ad esempio dispositivi idropneumatici e fluidi resistenti al fuoco in caso di atmosfere esplosive, oppure prevedendo l'uso di dispositivi elettrici speciali); trasmissione (o impedimento) del moto di componenti importanti per la sicurezza; rispetto dei principi ergonomici, ed in particolare di quelli relativi alle dimensione media del corpo degli europei, limitazione della fatica, limitazione degli sforzi, prese agevoli, silenziosità, assenza di vibrazioni meccaniche, assenza di monotonia (i.e. l'operatore non sia obbligato ad una sequenza automatica di cicli), sufficiente illuminazione (autonoma nelle zone critiche), visibilità ed identificabilità dei comandi, coerenza tra la posizione e/o l'azionamento rispetto all'effetto dei comandi, dispositivi di segnalazione di agevole visione ed interpretazione, comandabilità di tutte le operazioni da posizione sicure, individuabilità della presenza di altri operatori esposti a pericolo. 13

14 RISCHI ELETTRICI E MECCANICI : CORSO TERMOIDRAULICO CRITERI ADOTTATI Per la valutazione dei rischi si è adottato il criterio (consolidato) di valutazione basato sulla correlazione dei fattori determinanti ai fini della stima del livello di rischio, con particolare sguardo e riguardo alla possibilità che un determinato pericolo correlato risulti potenzialmente significativo a determinare maggiore situazione di rischio. Destinazione lavorativa - Mansioni: Operatore termoidraulico / Tecnico dei sistemi energetici Il rischio termo idraulico/meccanico che può essere prodotto dagli elementi delle macchine (o dai pezzi lavorati) è condizionato in particolare: dalla loro forma (i.e. elementi taglienti, spigoli vivi, parti di forma aguzza anche se fìssi), dalla loro posizione relativa (i.e. può comportare zone di schiacciamento, di taglio, di trascinamento, etc, quando sono in movimento), dallo loro massa e dalla loro stabilità (energia potenziale di elementi che possono spostarsi sotto l'effetto della gravità), dalla loro massa e dalla loro velocità (energia cinetica di elementi in movimento controllato o incontrollato), dalla loro accelerazione, dall'insufficienza della loro resistenza meccanica (che può provocare rotture, cedimenti strutturali o esplosioni pericolose), dall'accumulo di energia potenziale [da parte degli elementi elastici (molle) o di liquidi o di gas sotto pressione o sotto vuoto. FATTORI DI RISCHIO X X X X X X Movimentazione manuale di carichi Rischio posturale Movimenti ripetitivi arti superiori Fumi Polveri Microclima Rumore (Lex(8h)) <80dBA Vibrazioni mano braccio Vibrazioni a tutto il corpo Radiazioni ottiche artificiali Rischio Biologico Rischio chimico Videoterminale <20 h/sett. Norme generali di protezione delle macchine Durante la valutazione dei rischi legata all'uso di una macchina dobbiamo valutare i seguenti aspetti: Organi lavoratori Elementi mobili Organi di trasmissione del moto Impianto elettrico di bordo macchina Dispositivi di comando Proiezione di materiali 14

15 Visibilità della zona operativa stabilità Tutti gli organi che possono costituire pericolo (pulegge, cinghie, cremagliere, ingranaggi, parti sporgenti, ecc.) devono essere muniti di protezioni, essere segregati o provvisti di idonei dispositivi di sicurezza per evitare possibili appigli, urti e contatto con gli operatori. Pertanto, in funzione del tipo di rischio, deve essere predisposta una idonea protezione o riparo o dispositivo che sia di tipo mobile, fisso o immateriale (es. fotocellule). In particolare si deve intendere per riparo di protezione (cfr. Norma UNI EN 953/00):Elemento di una macchina usato in modo specifico per fornire protezione mediante una barriera fisica. Occorre eliminare i bordi ed angolo vivi, parti taglienti, aperture che possano "intrappolare" parti del corpo o indumenti; rendere la macchina intrinsecamente sicura per mezzo della: forma e posizione delle parti (i.e. restrizione di spazi che impediscano ad alcune parti del corpo possano insinuarsi nella zona pericolosa); limitazione delle forze di attuazione; limitazione delle masse e/o velocità; limitazione del rumore, delle vibrazioni e così via; considerare adeguatamente tutte le regole professionali relative alla progettazione e costruzione delle macchine in esame ed in particolare : sollecitazioni meccaniche (limitare le cause, usare soluzioni costruttive corrette, prevedere limitatori di sovraccarico, evitare sollecitazioni a fatica, equilibrare staticamente e dinamicamente i componenti rotanti, etc.) materiali (aventi proprietà note ed adeguate, tenendo conto dei fenomeni corrosivi, invecchiamento, usura, abrasione, disomogeneità, etc.) tecnologie, procedimenti, fonti di energia (usando ad esempio dispositivi idropneumatici e fluidi resistenti al fuoco in caso di atmosfere esplosive, oppure prevedendo l'uso di dispositivi elettrici speciali); trasmissione (o impedimento) del moto di componenti importanti per la sicurezza; rispetto dei principi ergonomici, ed in particolare di quelli relativi alle dimensione media del corpo degli europei, limitazione della fatica, limitazione degli sforzi, prese agevoli, silenziosità, assenza di vibrazioni meccaniche, assenza di monotonia (i.e. l'operatore non sia obbligato ad una sequenza automatica di cicli), sufficiente illuminazione (autonoma nelle zone critiche), visibilità ed identificabilità dei comandi, coerenza tra la posizione e/o l'azionamento rispetto all'effetto dei comandi, dispositivi di segnalazione di agevole visione ed interpretazione, comandabilità di tutte le operazioni da posizione sicure, individuabilità della presenza di altri operatori esposti a pericolo. 15

16 LAVORO D UFFICIO Il lavoro d ufficio riguarda anche le attività in depositi, archivio, magazzino con rischi di incendio. I principali rischi sono dovuti alla scarsa fruibilità degli spazi, mancata distanza minima tra i mobili e gli arredi, scaffalature in equilibrio precario, sedie e armadi non a norma rotti o sconnessi. Spesso non è possibile adeguare le attrezzature d ufficio ( mobili, armadi, scaffalature ) ed in questi casi vanno chiaramente evidenziati (cartelli, bande colorate, informazione..) i rischi e le difficoltà di circolazione. Controllare giornalmente l igiene e pulizia dei locali e degli arredi. Ordinare le carte per evitare muffe e polveri. Garantire i passaggi interni, lasciare liberi i corridoi. Archiviare le carte non di uso corrente Negli archivi o depositi, tenere a disposizione ed utilizzare guanti in lattice, mascherine antipolvere, libretti e regolamenti d uso. Stabilire regolamenti e procedure. Rischio elettrico Gli infortuni di tipo elettrico si hanno quando una persona entra in contatto con la corrente elettrica. Questo contatto può essere di due tipi: contatto diretto o contatto indiretto. Il contatto diretto si ha quando si viene a contatto con una parte dell impianto normalmente in tensione, come ad es. un conduttore, un morsetto, l attacco di una lampada Si parla invece di contatto indiretto quando si viene a contatto con una parte dell impianto elettrico normalmente non in tensione che accidentalmente ha assunto una tensione pericolosa a causa di un guasto: è il caso ad esempio dell involucro metallico di un motore o di un attrezzo. Gli involucri metallici delle apparecchiature e tutte le loro parti metalliche normalmente non in tensione, devono essere - messe a terra mediante conduttori di opportuna sezione. Gli impianti elettrici dei locali devono essere a norma, non presentare fili scoperti, prese volanti o prese a muro non fissate adeguatamente. In caso di infortunio elettrico i danni saranno maggiori quanto più è alta la corrente che circola attraverso il corpo umano: le conseguenze più gravi si hanno quando la corrente elettrica attraversa la testa e il torace. Non intervenire mai su apparecchiature in tensione: prima di effettuare qualsiasi intervento togliere tensione. Non utilizzare mai apparecchiature che appaiano comunque non in perfetta efficienza. Bisogna fare molta attenzione quando si usano le spine e le prese multiple. Devono essere sempre a norma e sempre integre e non bisogna mai fare riparazioni provvisorie con mastici, attaccatutto o nastro isolante. Nell estrarre le spine non bisogna strappare il cavo ma prendere con le mani la spina ed estrarla dalla presa tenendo possibilmente questa premuta contro il suo sostegno. Scale a mano Le scale semplici portatili (a mano) devono essere costruite con materiale adatto alle condizioni d impiego, devono essere sufficientemente resistenti nell insieme e nei singoli elementi e devono avere dimensioni appropriate al loro uso. Le scale, se di legno, devono avere pioli fissati ai montanti mediante incastro. I pioli devono essere privi di nodi ed incastrati nei montanti, i quali devono essere trattenuti con tiranti in ferro applicati sotto i due pioli estremi; nelle scale lunghe più di 4 metri deve essere applicato anche un tirante intermedio. È vietato l uso di scale che presentino listelli di legno chiodati sui montanti al posto dei pioli rotti. Esse devono inoltre essere provviste di: 16

17 dispositivi antisdrucciolo alle estremità inferiori dei due montanti; ganci di trattenuta o appoggi antisdrucciolo alle estremità inferiori, quando sia necessario per assicurare la stabilità della scala. Attrezzi manuali Gli utensili elettrici portatili devono essere muniti di interruttore incorporato che consenta l avviamento e l arresto della macchina in completa sicurezza. Le attrezzature devono essere mantenute pulite e devono essere custodite in appositi armadi. Non utilizzare mai attrezzi che per qualsiasi motivo non appaiano in perfetta efficienza LA PALESTRA Nelle palestre avvengono circa il 30% degli infortuni dovuti non solo alla pratica sportiva e ad esercizi non corretti, ma anche per la presenza inevitabile od accidentale di attrezzi, ingombri, corpi illuminanti non protetti. Fonte di rischio sono anche gli spogliatoi ed i servizi igienici, spesso inesistenti o piccoli, con pulizia precaria, insufficienti o ad uso promiscuo. Come in tutti i locali, l impianto elettrico deve essere a norma e non vi devono essere fili che pendono o cavi e prese volanti. I cosiddetti piccoli incidenti vengono spesso ignorati o trattati superficialmente mentre una semplice conoscenza delle norme di primo soccorso sarebbe sufficiente per intervenire tempestivamente sulle possibili insorgenze di successive conseguente. Le regole di base per avere una palestra sicura sono: Adeguata e visibile segnaletica delle vie di uscita e dell antincendio. Porte esterne dotate di maniglie antipanico. Vie di fuga libere da ingombri, attrezzature, sacche, palloni, strumenti, ecc. Nel caso siano presenti macchinette distributrici di bevande o cibi, esse devono essere sistemate in luoghi illuminati e all esterno dei perimetri di gioco e dei corridoi. Cassetta di Pronto Soccorso, sempre controllata e con presenza anche di ghiaccio sintetico, bende, fasce elastiche, cerotti di grandi dimensioni. Estintore a polvere Si deve però ricordare come un attenta azione di informazione e formazione rivolta al personale docente, del resto obbligatoria in base all art del T.U. 81/08 è indispensabile per la prevenzione della sicurezza e della salute. In modo specifico i docenti di educazione fisica dovrebbero frequentare i corsi di primo soccorso e dell antincendio essendo presenti nei locali in cui si svolgono le attività fisiche. Gli spogliatoi devono essere idonei con armadietti capaci e servizi igienici dedicati. La pulizia della palestra e delle sue pertinenze deve essere permanente e continua. Evitare che gli studenti facciano la doccia a piedi nudi. La palestra dopo l orario scolastico Le palestre sono spesso utilizzate dopo l orario scolastico da enti e associazioni sportive che non sempre dedicano la dovuta attenzione ed osservanza alle norme di sicurezza. La messa a disposizione della palestra compete al proprietario della struttura che deve, per evitare possibili responsabilità, assicurarsi che i locali siano a norma. La gestione della sicurezza spetta invece ad un responsabile dell ente sportivo. Il Dirigente scolastico, in quanto datore di lavoro ed affidatario dei locali, è responsabile della consegna dei locali che deve avvenire con comunicazione scritta circa le principali misure da adottare in ordine alla sicurezza ed ai rischi specifici presenti in loco. Allo stesso tempo il personale ausiliario ed i docenti dovranno avere cura di verificare attentamente, al mattino seguente, la funzionalità delle attrezzature e la tenuta in ordine della palestra al fine di evitare incidenti. 17

18 Anomalie, manomissioni, accatastamenti, disordine, sporcizia devono essere segnalati tempestivamente e rimossi prima dell uso dei locali per le lezioni di educazione fisica. IL LAVORO AL COMPUTER ART T.U. 81/08 Nessun rischio è dovuto ai videoterminali Va chiarito, preliminarmente, che tutti gli studi e le indagini epidemiologiche sinora svolti portano a escludere, per i videoterminali, rischi specifici derivanti da radiazioni, ionizzanti e non ionizzanti, sia a carico dell operatore sia della prole. In particolare, nei posti di lavoro con videoterminale, le radiazioni ionizzanti si mantengono a livelli rilevabili nei comuni ambienti di vita e di lavoro. Per quanto si riferisce ai campi elettromagnetici, la presenza della marcatura CE sul videoterminale garantisce che tali campi siano mantenuti al di sotto dei limiti raccomandati e riscontrabili nei comuni ambienti di vita ove sono utilizzate apparecchiature elettriche e televisive. Il computer nelle aule e negli uffici Per lavorare e studiare con il PC è necessario un ambiente idoneo ed una postazione a norma. Il piano di lavoro deve essere non riflettente e sufficientemente ampio per contenere i materiali necessari e le attrezzature (video, tastiera, stampante ) La sedia deve essere possibilmente di tipo girevole, con una base a cinque punti di appoggio col piano dello schienale regolabile. Molto importante è la posizione del PC in relazione all illuminazione al fine di evitare riflessi sullo schermo. La postazione deve essere correttamente orientata rispetto alle finestre cercando di posizionare il PC parallelamente alle fonti di luce siano esse naturali o artificiali, al fine di evitare contrasti eccessivi, riflessi e sorgenti abbaglianti. Quali sono i rischi per la salute Il computer non costituisce di per sé un fattore diretto di rischio per la salute dello studente o dell operatore. Può essere la sua utilizzazione in condizioni ambientali e/o organizzative inadeguate che può determinare disturbi riconducibili all affaticamento psicofisico di chi lo usa. I principali rischi per la salute di chi usa il computer sono l affaticamento muscolare e quello visivo. L affaticamento muscolare si manifesta con dolori alle spalle o al collo o dolori alla colonna vertebrale dovuti al mantenere per lungo tempo posizioni fisse e non ergonomicamente corrette Una postura scorretta può determinare una eccessiva o non uniforme sollecitazione dell apparato muscolo scheletrico. L affaticamento visivo riguarda l occhio in quanto si comporta come una camera fotografica dotata di controllo automatico della luminosità e del fuoco. Nell occhio normale la contrazione dei muscoli ciliari determina l accomodamento cristallino, con conseguente messa a fuoco degli oggetti dell ambiente. Il lavoro al computer richiede un impegno visivo caratterizzato da una visione di tipo ravvicinato protratta nel tempo e ciò potrebbe comportare un affaticamento del sistema visivo. Come evitare l insorgenza di disturbi muscolo-scheletrici Per prevenire tali disturbi occorre: assumere la postura corretta di fronte al video, con piedi ben poggiati al pavimento e schiena poggiata allo schienale della sedia, regolando opportunamente l altezza della sedia e l inclinazione dello schienale posizionare lo schermo del video di fronte in maniera che lo spigolo superiore dello schermo sia posto un po più in basso dell orizzontale che passa per gli occhi dell operatore; 18

19 disporre la tastiera davanti allo schermo, il mouse od eventuali altri dispositivi di uso frequente sullo stesso piano della tastiera ed in modo che siano facilmente raggiungibili eseguire la digitazione e utilizzare il mouse evitando irrigidimenti delle dita e del polso, curando di ottenere gli avambracci appoggiati sul piano di lavoro in modo da alleggerire la tensione dei muscoli del collo e delle spalle; appoggiare gli avambracci al piano di lavoro, scaricando così il loro peso dalla colonna vertebrale: per fare ciò è di conseguenza necessario spostare la tastiera ad una distanza di 10 cm almeno dal bordo del piano di lavoro. Come evitare l insorgenza di problemi visivi Per prevenire tali problemi occorre: illuminare correttamente il posto di lavoro, possibilmente con la luce naturale, anche mediante la regolazione di tende o veneziane oppure con una buona illuminazione artificiale; orientare ed inclinare lo schermo per eliminare, per quanto è possibile, riflessi sulla sua superficie assumere la postura corretta di fronte al video in modo tale che la distanza occhi- schermo sia pari a circa cm; distogliere periodicamente lo sguardo dal video per guardare oggetti lontani, al fine di ridurre l affaticamento visivo; non dedicarsi ad attività che richiedono un intenso impegno visivo, come ad esempio la correzione di un testo scritto, durante le pause; utilizzare eventuali mezzi di correzione della vista, occhiali, solo quando prescritti dal medico. effettuare la pulizia periodica dello schermo e, per evidenti motivi di igiene, anche della tastiera, del mouse e di tutte le altre periferiche. È in ogni caso opportuna e consigliabile dopo non meno di 45 minuti di lavoro continuo una breve pausa: alzarsi dalla sedia, camminare per riattivare la circolazione e sciogliere i muscoli, rivolgere lo sguardo ad oggetti lontani per ripristinare la naturale tensione dei muscoli oculari e della fronte, rilassarsi per allentare la concentrazione mentale. 19

20 LABORATORI DIDATTICI ED OFFICINE SIGLE dei laboratori/officine del nostro Istituto : Laboratorio di meccanica ( OMU Officina Macchine Utensili - OMA Officina Meccanica Auto- OAG Officina Aggiustaggio- OSA Officina Saldatura - LIT Laboratorio Impianti Termici LM Laboratorio Macchine- Frigoristi ) Laboratori di elettrotecnica ( OE1 - OE2 - OE3 ) Laboratori di elettronica ( OEL1 - OLE2 - - OEL4 ) (OEL3 progetto CLASSE 2.0) Laboratori informatica ( INFO1 - INFO2 - Area Server ) Laboratori scientifici ( LFisica LScienze ) Laboratori tecnologici ( LT0 - LT1 ) I locali destinati a laboratorio o officina devono essere ubicati fuori terra oppure se interrati o seminterrati devono avere da parte del Comune un apposita deroga. Essi devono presentare un altezza netta maggiore o uguale a 3 m. Nei laboratori e nelle officine devono essere garantite sufficienti condizioni di illuminazione e di ricambio dell aria. Gli impianti elettrici devono essere a norma. Le porte devono consentire una rapida uscita e devono aprirsi agevolmente verso le vie di esodo. In presenza di rischio di incendio o di esplosione la larghezza minima delle porte dovrà essere pari ad almeno m. 1,20. Nei laboratori e nelle officine deve essere rigorosamente rispettata la segnaletica di sicurezza e prescritto. quando previsto, l uso dei dispositivi di protezione individuali (DPI) art. 75 comma 1 T.U 81/08 e Dlgs.475/99. DOCENTI E TECNICI CHE OPERANO NEI LABORATORI ED OFFICINE SONO TENUTI ALL INIZIO DELL ANNO AD INFORMARE GLI STUDENTI SUI POSSIBILI PERICOLI E SULLE NORME DI COMPORTAMENTO DA TENERE IN LABORATORIO O OFFICINA. LO STESSO DICASI OGNI VOLTA CHE SI UTILIZZA UNO STRUMENTO PER LA PRIMA VOLTA. Laboratorio di meccanica - Laboratori tecnologici In base alla normativa vigente le macchine devono essere marcate CE e se sprovviste di tale marcatura devono essere revisionate. Gli elementi delle macchine, quando costituiscono un pericolo devono essere protetti o provvisti di dispositivi di sicurezza. 20

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA Pagina 1 di 5 Nella scuola sono state individuate ed integrate su indicazione del personale, le seguenti misure di prevenzione e protezione: MISURE ANTINCENDIO E DI EMERGENZA Tutto il personale docente

Dettagli

2. I mobili e gli arredi devono essere disposti in modo da consentire agevoli spostamenti, lasciando libero l accesso ai locali.

2. I mobili e gli arredi devono essere disposti in modo da consentire agevoli spostamenti, lasciando libero l accesso ai locali. DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA PERSONALE DOCENTE E ATA: istruzioni sull uso di mobili ed arredi, attrezzature e macchine, apparecchiature elettriche. Si evidenziano di seguito le istruzioni sull

Dettagli

Dispense tratte dal manuale Inail

Dispense tratte dal manuale Inail Dispense tratte dal manuale Inail Relazionare tenendo conto dei seguenti punti: Quali sono i possibili disturbi dovuti al lavoro al videoterminale? Cosa si può fare per evitarli? (posizione del monitor

Dettagli

Sicurezza nei luoghi di lavoro

Sicurezza nei luoghi di lavoro Sicurezza nei luoghi di lavoro Il termine ergonomia indica l insieme delle tecniche, degli strumenti e degli accorgimenti che consentono di creare un ambiente di lavoro sicuro e confortevole. Le norme

Dettagli

VIDEOTERMINALI & SALUTE

VIDEOTERMINALI & SALUTE VIDEOTERMINALI & SALUTE note informative per il personale dell Istituto note informative per il personale dell Istituto Pagina 1 Il presente documento informativo è stato promosso dal Servizio di Prevenzione

Dettagli

Bagolino,30 ottobre 2014. valutazione dei rischi connessi all attività lavorativa e didattica 10.1 PERSONALE AMMINISTRATIVO

Bagolino,30 ottobre 2014. valutazione dei rischi connessi all attività lavorativa e didattica 10.1 PERSONALE AMMINISTRATIVO M i n i s t e r o d e l l I s t r u zi o n e, d e l l U n i v e r s i t à e d e l l a R i c e r c a Istituto Comprensivo di Bagolino Via A. Lombardi 18-25072 Bagolino (BS) C.M. BSIC806008 - C.F. 87002590179

Dettagli

Sicurimpariamo al. Inail Sede di Torino Centro 21 marzo 2012 Funzione Prevenzione Roberto Sciarra

Sicurimpariamo al. Inail Sede di Torino Centro 21 marzo 2012 Funzione Prevenzione Roberto Sciarra Sicurimpariamo al Ferrante Aporti Inail Sede di Torino Centro 21 marzo 2012 Funzione Prevenzione Roberto Sciarra 1 Comportamenti di sicurezza e gestione delle attività 2 Principali figure della sicurezza:

Dettagli

D.U.V.R.I. INFORMAZIONE E COOPERAZIONE IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO PER IL GESTORE DEL SERVIZIO DI OUTSOURCING INFORMATICO

D.U.V.R.I. INFORMAZIONE E COOPERAZIONE IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO PER IL GESTORE DEL SERVIZIO DI OUTSOURCING INFORMATICO D.U.V.R.I. INFORMAZIONE E COOPERAZIONE IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO PER IL GESTORE DEL SERVIZIO DI OUTSOURCING INFORMATICO Nel rispetto di quanto previsto all articolo 26 del D.Lgs.n.81/2008

Dettagli

della SICUREZZA NELLA SCUOLA

della SICUREZZA NELLA SCUOLA Informazione ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, D.M. 382/98, D.M. 363/98 e Circolare Ministero Pubblica Istruzione n. 119 del 29/4/1999 A B C della SICUREZZA NELLA SCUOLA Manuale ad uso dei docenti,

Dettagli

D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine)

D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine) Allegato E alla direttiva del 7 gennaio 2015 RISCHI MECCANICI 1 - PREMESSA Il D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine) ha introdotto nel panorama normativo sulla tutela della salute nei luoghi di lavoro importanti

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 6 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima modifica Approvata

Dettagli

Dr.ssa Cristina Gremita - UOPSAL Vigevano

Dr.ssa Cristina Gremita - UOPSAL Vigevano LUOGHI DI LAVORO Dr.ssa Cristina Gremita - UOPSAL Vigevano LUOGHI DI LAVORO (TITOLO II D.LGS 626/94) Si intendono per luogo di lavoro: i luoghi destinati a contenere posti di lavoro ubicati all interno

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

APPENDICE A MISURE DI PREVENZIONE PER DOCENTI. Attività didattica in aula

APPENDICE A MISURE DI PREVENZIONE PER DOCENTI. Attività didattica in aula APPENDICE A MISURE DI PREVENZIONE PER DOCENTI Descrizione attività Attività didattica in aula L attività è costituita fondamentalmente dalle lezioni che l insegnate impartisce agli alunni, avvalendosi

Dettagli

L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE?

L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE? L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE? RISCHI CONNESSI ALL USO DEL VDT L USO DEL VDT NON E MAI CAUSA DELL INSORGENZA DI PATOLOGIE SPECIFICHE L USO DEL VDT PUO SLATENTIZZARE O PEGGIORARE I SINTOMI

Dettagli

Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza. Assistente Amministrativo e D.S.G.A.

Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza. Assistente Amministrativo e D.S.G.A. A cura del Responsabile S.P.P.- 2010-2011 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza Assistente Amministrativo e D.S.G.A.

Dettagli

Comune di Montelanico P.zza Vittorio Emanuele, 31 Montelanico (RM)

Comune di Montelanico P.zza Vittorio Emanuele, 31 Montelanico (RM) Comune di Montelanico P.zza Vittorio Emanuele, 31 Montelanico (RM) 1a PIANO DI PREVENZIONE E PROGRAMMA DI ATTUAZIONE (REGISTRO/DIARIO DI PREVENZIONE) Aggiornamento: 26 febbraio 2015 Euservice s.r.l. -

Dettagli

Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali

Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali Profilo Assistente Amministrativo e D.S.G.A. In questo documento informativo vengono indicati per ciascuna mansione professionale

Dettagli

Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio. (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98)

Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio. (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98) Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98) RISC_INC Rev. 1 Pagina 1 di 12 Sede direzionale / amministrativa NOMINATIVO AZIENDA

Dettagli

Sicurezza al videoterminale

Sicurezza al videoterminale http://magazine.paginemediche.it/it/366/dossier/medicina-del-lavoro/detail_1917_sicurezza-al-videoter... Pagina 1 di 12 Magazine paginemediche.it: attualità e approfondimento sulla salute Medicina del

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS Circ. n. 10 Ai docenti Al personale ATA Albo Sito web Prot. N.3657/S2 Oggetto: disposizioni in materia di sicurezza e prevenzione rischi (D. Lgs. 81/08 ex legge 626/94). Per opportuna conoscenza e per

Dettagli

LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE

LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE Ergonomia / Videoterminali / Utilizzo sicuro dei VDT LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE Introduzione Gli aspetti posturali connessi al lavoro al VDT sulla salute dei lavoratori sono stati studiati da molti

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA VIDEOTERMINALI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

Addetto al Videoterminale Sett. Amministrativo/Ufficio

Addetto al Videoterminale Sett. Amministrativo/Ufficio 1 Indice LA FIGURA DEL LAVORATORE AI VIDEOTERMINALI... 7 Chi è? 7 Quale formazione? 7 IN BREVE... 8 Le istruzioni per l uso corretto del computer 8 LA LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO... 9 Significato della

Dettagli

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 1 Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 DEFINIZIONE Luoghi destinati a ospitare posti di lavoro, ubicati all interno dell azienda o dell unità produttiva, nonché ogni altro luogo di pertinenza dell'azienda

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE Pagina 1 di 5 INDICE Scopo Riferimenti normativi Campo di applicazione Responsabilità ed aggiornamento Rischi derivanti dall uso di apparecchiature a funzionamento elettrico Cautele e misure di prevenzione

Dettagli

PROCEDURA 05/B UTILIZZO ERGONOMIA POSTAZIONI VIDEOTERMINALI

PROCEDURA 05/B UTILIZZO ERGONOMIA POSTAZIONI VIDEOTERMINALI PROCEDURA 05/B UTILIZZO ERGONOMIA POSTAZIONI VIDEOTERMINALI ATTREZZATURE Osservazione generale. L'utilizzazione in sé dell'attrezzatura non deve essere fonte di rischio per i lavoratori. Spazio Come indicato

Dettagli

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni.

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. CAMPO DI APPLICAZIONE Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. FIGURE INTERESSATE Datore di Lavoro Lavoratore

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO Via Giulia, 38 - Roma SICUREZZA NELLA SCUOLA (Opuscolo informativo per

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella COMUNICATO N. 028 DOCENTI Oggetto: Informazione sui rischi e sulla sicurezza. Le informazioni previste dalle vigenti normative sui rischi e sulla sicurezza sono trasmesse, ai fini di una idonea formazione

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Modulo 2 Gestione e organizzazione della sicurezza Organizzazione

Dettagli

Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali del Servizio di Calcolo

Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali del Servizio di Calcolo Pag. 1 di 7 Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali del Servizio di Calcolo PREMESSA Questa nota e indirizzata al personale dipendente dell INFN e/o ad esso assimilato che

Dettagli

Norme generali e compiti dell insegnante

Norme generali e compiti dell insegnante Prot. n. 6389 C/14 Potenza, 15 novembre 2012 REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE, DELLA SALA FITNESS E DELLE ATTREZZATURE IN ESSE PRESENTI (Delibera del Consiglio d Istituto del 13 novembre

Dettagli

Come. Uso di attrezzature munite di videoterminali

Come. Uso di attrezzature munite di videoterminali ing. Domenico Mannelli Come Uso di attrezzature munite di videoterminali DEFINIZIONI videoterminale: schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato

Dettagli

RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI

RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI I principali fattori di rischio vanno ricercati in : una scarsa conoscenza ed applicazione dei principi ergonomici; una mancanza di informazione e di consapevolezza

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Il comportamento corretto e prudente di ognuno è il miglior modo di prevenzione contro ogni genere di infortunio - Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc. - Non

Dettagli

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE MISURE PREVENTIVE PER TUTTI I LAVORATORI E vietato depositare e manipolare sostanze infiammabili in quantità superiori alla normale dotazione prevista.

Dettagli

Istituto Comprensivo ABBA-ALIGHIERI

Istituto Comprensivo ABBA-ALIGHIERI Mobili ed arredi, attrezzature e macchine, apparecchiature elettriche. Istituto Comprensivo ABBA-ALIGHIERI Via Ruggero Marturano, 77/79 90142 Palermo Circolare n. 20/d Palermo, 25/09/2013 A tutto il Personale

Dettagli

SEGNALETICA OFFICINA MECCANICA E PRESCRIZIONI DI COMPORTAMENTO Prof. Mariottini Antonio

SEGNALETICA OFFICINA MECCANICA E PRESCRIZIONI DI COMPORTAMENTO Prof. Mariottini Antonio ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO MARGARITONE VIA FIORENTINA 179 AREZZO SEGNALETICA OFFICINA MECCANICA E PRESCRIZIONI DI COMPORTAMENTO Prof. Mariottini Antonio CORSO SERALE 1 SEGNALETICA

Dettagli

Davanti al PC - Le ultime novità

Davanti al PC - Le ultime novità Davanti al PC - Le ultime novità Le nuove regole alla luce dei cambiamenti legislativi Le linee guida d'uso dei videoterminali (Decreto 2 ottobre 2000 del Ministero del lavoro e della previdenza sociale)

Dettagli

Procedura di sicurezza Postazioni Videoterminale

Procedura di sicurezza Postazioni Videoterminale LICEO STATALE G. TURRISI COLONNA Procedura di sicurezza Postazioni Videoterminale Revisione: 00 Data: 29/03/2011 1 A emissione OGGETTO Indicazioni riguardanti la corretta gestione delle postazioni di lavoro

Dettagli

10. I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA

10. I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA 10. I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA 1 FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA 1. RISCHI CONNESSI ALL ATTIVITA SCOLASTICA: RISCHI SPECIFICI (V.

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ***

PIANO DI EMERGENZA *** OTTI *** PREMESSA DEL REGISTRO DEI REGISTRO DEI Con l entrata in vigore del DPR 12 gennaio 1998 n. 37 regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, ai sensi dell art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI RISORSE TECNOLOGICHE E DI RETE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI RISORSE TECNOLOGICHE E DI RETE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Comprensivo Regina Margherita Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di primo

Dettagli

Formazione sicurezza studente lavoratore

Formazione sicurezza studente lavoratore Formazione sicurezza studente lavoratore ILVIDEOTERMINALE 1. Definizione del termine Videoterminale 2. Definizione del termine Vidoterminalista 3. Definizione del termine Posto di lavoro 4. Obblighi del

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze Gestione emergenze 1. Piano di emergenza 2. Misure di prevenzione 3. Misure di Protezione 4. Estintori e fuochi 5. Evacuazione dai locali 6. Controlli periodici Rev. 1 ott. 2009 Situazioni di emergenza

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA. Istruzione Liceale - Istruzione Tecnica Economica

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA. Istruzione Liceale - Istruzione Tecnica Economica MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto di Istruzione Superiore Guglielmo Oberdan Istruzione Liceale - Istruzione Tecnica Economica viale Merisio n. 14-24047 TREVIGLIO (BG)

Dettagli

SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002

SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002 Scuola di cittadinanza attiva SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002 settembre 2002 1 PREMESSA Poiché il tema della sicurezza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA. Oggetto:

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA. Oggetto: ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA Oggetto: DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO D. LEG. 9/04/2008 SCUOLA MEDIA RANNA VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA ANNO

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio per il Personale, Ufficio per la sicurezza sul lavoro EDIFICIO REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 Responsabile della gestione del

Dettagli

SICUREZZA NELLE SCUOLE Decreto Legislativo 81/2008 e norme correlate Relatore: GAETANO GRIECO AMBROSTUDIO S.R.L. Milano Consulenze e servizi per le Scuole La tutela nelle scuole riguarda: Il personale

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

Il rischio infortuni nelle attività d ufficio

Il rischio infortuni nelle attività d ufficio Il rischio infortuni nelle attività d ufficio Movimentazione dei materiali Prendere posizione vicino al carico, di fronte alla direzione di spostamento, con i piedi su una base stabile e leggermente divaricati

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi ai sensi del D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008

Documento di Valutazione dei Rischi ai sensi del D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008 INTRODUZIONE Pagina 1 In applicazione del D.lgs. 81/08 e s.m.i. Titolo III, art. 69 che definisce le attrezzature di lavoro: 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente titolo si intende per:

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze Adempimento degli obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione di cui all art. 26 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008.

Dettagli

INFORMATIVA SUI RISCHI E SICUREZZA DEI LAVORATORI DEGLI ALUNNI E DEGLI UTENTI DELLA SCUOLA (DLGS 81/2008 Art. 17 e 18)

INFORMATIVA SUI RISCHI E SICUREZZA DEI LAVORATORI DEGLI ALUNNI E DEGLI UTENTI DELLA SCUOLA (DLGS 81/2008 Art. 17 e 18) INFORMATIVA SUI RISCHI E SICUREZZA DEI LAVORATORI DEGLI ALUNNI E DEGLI UTENTI DELLA SCUOLA (DLGS 81/2008 Art. 17 e 18) SEZIONE A RAPPRESENTAZIONE SCHEMATICA DEL PROCESSO INFORMATIVO RELATIVO ALLA SICUREZZA

Dettagli

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione 4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione D.Lgs 81/08 - TITOLO II LUOGHI DI LAVORO Articolo 63- Requisiti di salute e sicurezza Allegato IV Luoghi di di

Dettagli

LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi

LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi Bergamo 10 febbraio 2012 dott. Giuseppe Trapletti Quali sono le principali situazioni di rischio elettrico?

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA COMUNE DI SIENA Allegato B DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA (ai sensi dell art. 26, comma 3 del D.lgs 81/2008)

Dettagli

Università degli Studi di Udine

Università degli Studi di Udine Disposizione n. 1/2001 del 06.04.2001 (ex art. 2, lett. S, del Regolamento interno sulla sicurezza) DIVIETI E LIMITAZIONI (ex D.P.R. 547/55, D.M. 26.08.1982, D.M. 08.03.1985, D.Lgs. 626/94, D.M. 10.03.1998,

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 10 MARZO 1998 N 64. Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro

DECRETO MINISTERIALE 10 MARZO 1998 N 64. Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro DECRETO MINISTERIALE 10 MARZO 1998 N 64 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro Art. 2. - Valutazione dei rischi di incendio 1. Obbligo del datore

Dettagli

IL DVR (documento di valutazione dei rischi) A cura di: Ing. Francesco De Matteis

IL DVR (documento di valutazione dei rischi) A cura di: Ing. Francesco De Matteis IL DVR (documento di valutazione dei rischi) A cura di: Ing. Francesco De Matteis Cosa si intende per rischio nei luoghi di lavoro? (Art.2 DLgs 81/08): probabilità di raggiungimento del livello potenziale

Dettagli

DISPOSIZIONI COMUNI A TUTTO IL PERSONALE

DISPOSIZIONI COMUNI A TUTTO IL PERSONALE Allegato 1 Circolare Interna n. 02 DISPOSIZIONI COMUNI A TUTTO IL PERSONALE E vietato introdurre o usare, nell edificio scolastico: - solventi, vernici, smalti, sostanze in genere, classificate tossiche,

Dettagli

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA Allegato 02 REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

Dettagli

Norme e linee guida (regolamento) per un uso corretto delle Risorse Tecnologiche e di Rete dell Istituto Comprensivo Teodoro Ciresola.

Norme e linee guida (regolamento) per un uso corretto delle Risorse Tecnologiche e di Rete dell Istituto Comprensivo Teodoro Ciresola. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA LOMBARDIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO TEODORO CIRESOLA V.LE BRIANZA

Dettagli

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro Il D.Lgs. 626/94 stabilisce le misure generali di tutela della salute e della sicurezza

Dettagli

Esempio di redazione di un DVR in uno studio professionale medico

Esempio di redazione di un DVR in uno studio professionale medico Esempio di redazione di un DVR in uno studio professionale medico Contesto di riferimento ipotizzato: studio professionale medico con un titolare (datore di lavoro), Dott. X, un lavoratore addetto alla

Dettagli

Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare

Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare Introduzione Poiché, anche a seguito della valutazione effettuata in conformità all art. 4, comma 1, del D.Lvo 626/94, risultano rischi che non possono

Dettagli

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA DATA 16/10/20006 1 / 7 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE 1.

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA

VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA Per i dipendenti della scuola, identificati in base al profilo omogeneo di attività, sono riassunti ed identificati i rischi specifici tipici e quanto previsto

Dettagli

55 Distretto Scolastico Mercato S. Severino

55 Distretto Scolastico Mercato S. Severino 55 Distretto Scolastico Mercato S. Severino AUTONOMIA N. 93 SA2T2 ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI Via Pigno - 84086 ROCCAPIEMONTE (SA) Tel./fax 081 931587 - C.F.: 8002332 065 0 Prot. N. del A TUTTO

Dettagli

Esempio di redazione DVR in uno studio professionale legale

Esempio di redazione DVR in uno studio professionale legale Esempio di redazione DVR in uno studio professionale legale Contesto di riferimento ipotizzato: studio professionale legale del Dott. X con due lavoratori dipendenti (Sig. A e Sig.ra B) e due praticanti

Dettagli

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI della rispondenza della posizione delle porte REI al progetto di

Dettagli

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Estratto dal: Decreto Ministeriale del 10 marzo 1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro. 3.1. DEFINIZIONI

Dettagli

PROGRAMMA TEMPORALE DELLE VERIFICHE SCHEDA DI CONTROLLO DEGLI ESTINTORI PORTATILI SCHEDA DI CONTROLLO NASPI IDRANTI MANICHETTE

PROGRAMMA TEMPORALE DELLE VERIFICHE SCHEDA DI CONTROLLO DEGLI ESTINTORI PORTATILI SCHEDA DI CONTROLLO NASPI IDRANTI MANICHETTE SOMMARIO PROGRAMMA TEMPORALE DELLE VERIFICHE SCHEDA DI CONTROLLO DEGLI ESTINTORI PORTATILI SCHEDA DI CONTROLLO NASPI IDRANTI MANICHETTE SCHEDA DI CONTROLLO RIVELAZIONE D INCENDIO SCHEDA DI CONTROLLO ALLARMI

Dettagli

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag.

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag. Indice Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio GENERALITA Pag. 3 1. ATTIVITA SVOLTA Pag. 3 2. DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA E DELL ATTIVITÀ SVOLTA Pag. 3 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3 2.2

Dettagli

GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Durata: 2 anni dalla data di sottoscrizione del contratto

GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Durata: 2 anni dalla data di sottoscrizione del contratto Allegato 3 COMUNE DI BORGO SAN LORENZO DOCUMENTO UNICO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81, art. 26 GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE

Dettagli

L ERGONOMIA APPLICATA AL LAVORO IN UFFICIO. Redatto da Dott.Guido Perina- Medico Competente

L ERGONOMIA APPLICATA AL LAVORO IN UFFICIO. Redatto da Dott.Guido Perina- Medico Competente L ERGONOMIA APPLICATA AL LAVORO IN UFFICIO PATOLOGIA DA INDOOR: NON SOLO IL VIDEOTERMINALE 1) Problemi legati all'affaticamento fisico e mentale: lo stress 2) Disturbi al Sistema Muscolo-Scheletrico 3)

Dettagli

Requisiti e prescrizioni per la sicurezza dei lavoratori

Requisiti e prescrizioni per la sicurezza dei lavoratori Requisiti e prescrizioni per la sicurezza dei lavoratori 32 Requisiti e Prescrizioni di Sicurezza Il D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. indica requisiti e prescrizioni per: - Luoghi di Lavoro; - Uso delle attrezzature

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. Ing. Antonio Giorgi RSPP

CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. Ing. Antonio Giorgi RSPP I.C. A. VOLTA Via Botticelli, 31 04100 Latina CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 Ing. Antonio Giorgi RSPP Videoterminali 2 VDT : CONCETTI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Corso di formazione per i Rappresentanti del Lavoratori per la sicurezza eireferentiperlaprevenzione e sicurezza dei dipartimenti SICUREZZA AMBIENTE IENE IG SERVIZI INTEGRATI

Dettagli

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA MISURE DI SICUREZZA PASSIVA: Resistenza al fuoco delle strutture e delle porte Compartimentazione Comportamento al fuoco dei materiali MISURE

Dettagli

(ai sensi dell'art.36 del D.Lgs. 81/08)

(ai sensi dell'art.36 del D.Lgs. 81/08) SICUREZZA E SALUTE NEGLI ISTITUTI D ISTRUZIONE INFORMAZIONE AGLI STUDENTI (ai sensi dell'art.36 del D.Lgs. 81/08) La normativa in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro ad oggi vigente è quella

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

L incendio. Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1

L incendio. Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1 L incendio Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1 Generalità sugli incendi La combustione Le principali cause di incendio Sostanze estinguenti Dinamica dell'incendio I rischi per le persone e l'ambiente

Dettagli

Michele Lepore PRONTUARIO. delle AUTORIZZAZIONI, VERIFICHE, CERTIFICAZIONI e dei CONTROLLI DI SICUREZZA

Michele Lepore PRONTUARIO. delle AUTORIZZAZIONI, VERIFICHE, CERTIFICAZIONI e dei CONTROLLI DI SICUREZZA Michele Lepore PRONTUARIO delle AUTORIZZAZIONI, VERIFICHE, CERTIFICAZIONI e dei CONTROLLI DI SICUREZZA Guida agli adempimenti tecnico-amministrativi di prevenzione infortuni, igiene del lavoro e prevenzione

Dettagli

VIDEOTERMINALI E PREVENZIONE

VIDEOTERMINALI E PREVENZIONE VIDEOTERMINALI E PREVENZIONE 1 USO DEI VDT: NORMATIVA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO L uso di attrezzature munite di videoterminali (VDT) è disciplinato in Italia dal D.Lgs 81/08 TITOLO VII (art.i. 172-179).

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO VIA GRIGIONI 19

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO VIA GRIGIONI 19 PAG. 1 DI 6 NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO VIA GRIGIONI 19 APPENDICE A.7 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DEL WTE DEPOSITO TEMPORANEO DI RIFIUTI PERICOLOSI

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA Ambienti di Lavoro protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO Edizione Novembre 05 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA SEGNALETICA DI SICUREZZA PER TUTTI GLI AMBIENTI DI LAVORO ANTINCENDIO Cartello fotoluminescente o dell estintore Cartello fotoluminescente

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE A.Diaz OLBIA

SCUOLA MEDIA STATALE A.Diaz OLBIA SCUOLA MEDIA STATALE A.Diaz OLBIA REGOLE PER UN USO ACCETTABILE E RESPONSABILE DI INTERNET La Commissione incaricata dal Dirigente Scolastico ha elaborato questo documento sull uso accettabile della rete

Dettagli

Rischi per la Sicurezza

Rischi per la Sicurezza Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza Salute e Sicurezza sul lavoro - 4 Rischi

Dettagli

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO Le vie di esodo costituiscono il primo problema da affrontare quando si progetta la sicurezza di un edificio. Infatti, la sicurezza delle persone

Dettagli

BUONE PRATICHE PER UNO SPORT SICURO E CONSAPEVOLE

BUONE PRATICHE PER UNO SPORT SICURO E CONSAPEVOLE BUONE PRATICHE PER UNO SPORT SICURO E CONSAPEVOLE LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEGLI IMPIANTI SPORTIVI Bologna, 28 marzo 2015 LA GESTIONE DELLA SICUREZZA ALL INTERNO DI UN IMPIANTO SPORTIVO Gestione della

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE Il piano di Emergenza dell Istituto Siani redatto dal R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda, ha previsto l individuazione degli addetti alla

Dettagli