PROCEDURA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ATTIVITA AUSILIARIE PER LE SCUOLE DELL I. C. AOSTA - RE -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROCEDURA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ATTIVITA AUSILIARIE PER LE SCUOLE DELL I. C. AOSTA - RE -"

Transcript

1 1 A.S.AOSTA Istituto Comprensivo Statale Via Cecati, n Reggio Emilia Tel: 0522/ Fax: 0522/ Pec: Prot. n. 1983/A25 Reggio Emilia, 15 Marzo 2014 PROCEDURA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ATTIVITA AUSILIARIE PER LE SCUOLE DELL I. C. AOSTA - RE -

2 2 1. INDICE DEI PARAGRAFI Questo documento è composto dalle seguenti parti: PARAGRAFO 1. INDICE PAG. 2 PARAGRAFO 2. VERSIONI DI REVISIONE PAG. 3 PARAGRAFO 3. SCOPO DELLA PROCEDURA PAG. 4 PARAGRAFO 4. PARAGRAFO 5. PARAGRAFO 6. TIPOLOGIE DI OPERAZIONI PREVISTE NELLO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA AUSILIARIE PAG. 4 OPERAZIONI DI PULIZIA DEGLI AMBIENTI SCOLASTICI PAG. 4 OPERAZIONI DI ACCUDIENZA BAMBINI PAG. 16

3 2. VERSIONI DI REVISIONE 3 NUMERO DATA PARAGR. DESCRIZIONE VARIAZIONI APPORTATE TUTTI VERSIONE INIZIALE DELLA PROCEDURA TUTTI LA PROCEDURA E STATA ESTESA A TUTTE LE SCUOLE DELL I.C. AOSTA, QUINDI ANCHE ALLE SCUOLE DELL INFANZIA E ALLE SCUOLE PRIMARIE. E STATO INTRODOTTO IL PARAGRAFO 6.

4 3. SCOPO DELLA PROCEDURA Questa procedura è stata predisposta per fornire ai lavoratori una serie di misure Comportamentali ed organizzative da osservare nello svolgimento di attività ausiliarie nella scuola secondaria di 1^ grado, al fine di tutelare i lavoratori stessi attraverso una formazione ed informazione appropriata. 4. TIPOLOGIE DI OPERAZIONI PREVISTE NELLO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA AUSILIARIE Nella procedura si sono considerate le seguenti operazioni nell ambito delle attività ausiliarie: OPERAZIONI DI PULIZIA DEGLI AMBIENTI SCOLASTICI OPERAZIONI DI ACCUDIENZA DEI BAMBINI 5. OPERAZIONI DI PULIZIA DEGLI AMBIENTI SCOLASTICI RISCHI LEGATI ALL ESECUZIONE DI INTERVENTI DI PULIZIA PER AMBIENTI SCOLASTICI. 5.2 ELENCO DEGLI INTERVENTI DI PULIZIA RICHIESTI PER GLI AMBIENTI SCOLASTICI. Nella procedura sono stati presi in considerazione i seguenti tipi di interventi di pulizia: ATTIVITA DI SPAZZAMENTO ATTIVITA DI ASPIRAZIONE ATTIVITA DI SMACCHIATURA ATTIVITA DI LAVAGGIO ED ASCIUGATURA ATTIVITA DI INCERATURA ATTIVITA DI LUCIDATURA ATTIVITA DI PULIZIA AD UMIDO ATTIVITA DI DISINFEZIONE ATTIVITA DI SPOLVERO ATTIVITA DI RIMOZIONE RAGNATELE ATTIVITA DI ASPORTAZIONE RIFIUTI ATTIVITA DI SVUOTAMENTO. 4

5 5.3. ATTIVITA DI SPAZZAMENTO Definizione Consiste nella rimozione ed asportazione di ogni rifiuto con attrezzature idonee e deposito in appositi contenitori Zone ed oggetti da spazzare Pavimenti in genere, arredati e non (marmo, ceramica, gres, linoleum, legno, ecc). Pavimenti e zone particolari arredati (locali seminterrati adibiti a depositi, archivi,ecc) e non arredati (passaggi e locali vuoti). Pavimenti infermeria e servizi igienici, arredati e non. Scale ( in genere, comprensive di quelle esterne di emergenza ). Pianerottoli. Balconi. Ascensori e montacarichi. Cortili e giardini Attrezzatura in dotazione Scopa manuale Scopa elettrostatica ( a frange in cotone o a garze) Misure di prevenzione e protezione da adottare L attività analizzata provoca una movimentazione notevole di polvere, con il rischio di inalazione della stessa e di disturbi a livello dermatologico Per ridurre i possibili effetti negativi causati dal contatto con la polvere, la principale attività di prevenzione consiste nel creare barriere fisiche, ossia nell usare sempre i mezzi di protezione personale, che per la specifica operazione si possono individuare nelle seguenti tipologie: guanti in lattice, (eventuali creme barriera per mani) mascherine. tempestiva segnalazione al medico, in caso di stati irritativi tipo arrossamenti, disidratazione, desquamazioni cutanee In particolare e necessario che l uso di guanti venga svolto nel seguente Modo: i guanti devono essere indossati puliti sulla pelle asciutta; devono essere integri e costruiti di materiale adatto a ciò che si deve maneggiare; 5

6 se il loro uso si prolunga nel tempo, vanno tolti periodicamente per fare areare la pelle; se la cute è danneggiata, e opportuno che i lavoratori indossino guanti di cotone sotto quelli di protezione: vanno evitati quelli felpati all interno Al fine di una minor produzione di polvere, e opportuno l impiego, invece della scopa tradizionale, di scope a frange in cotone o in garze: la camicia scopante viene ricoperta dalla garza inumidita che permette di raccogliere ed asportare, oltre ai rifiuti più grossi, anche la polvere più fine senza provocarne il sollevamento ATTIVITA DI ASPIRAZIONE Definizione Consiste nell asportazione meccanica di polvere o rifiuti di piccola dimensione. Può comprendere la battitura se occorre, da effettuarsi in ambienti aperti Zone ed oggetti da aspirare Pavimenti in genere arredati e non (moquette, tappeti) Arredamenti (video, tastiere, telefoni, terminali, stampanti) Poltrone Attrezzature in dotazione attualmente, non sono in dotazione alle scuole aspiratori e/o aspirapolvere elettrici Misure di prevenzione e protezione da adottare Il tipo di attività espone l operatore a rischi di natura principalmente elettrica ed e pertanto necessario adottare le seguenti misure di prevenzione - protezione: usare sempre attrezzature elettriche in buono stato di mantenimento, verificando che le protezioni meccaniche dei cavi elettrici non siano rotte, specialmente vicino al pressacavo della presa e all attacco nella macchina elettrica; e necessario verificare che i cavi flessibili non presentino giunte o riparazioni con nastratura e che siano serrati alle spine e/o alle prese volanti con gli appositi stringi-cavo; non fare uso di triple e di prese in generale non a norma, vale a dire parzialmente inefficienti nell isolamento, di portata non sufficiente all utilizzazione, senza presa di terra e con grado di protezione non adeguato; 6

7 non utilizzare la macchina in presenza di sostanze liquide sul pavimento o con le mani bagnate, a meno che la macchina non sia predisposta per tale tipo di funzionamento; verificare che le spine e le prese volanti siano dello stesso tipo di prese utilizzate nei locali in cui viene svolta l attività di pulizia, in modo che non si renda necessario l impiego di spine adattatrici o multiple I principali accorgimenti al fine di garantire un buon livello di sicurezza consistono nel: evitare di tirare l aspiratore per il cavo elettrico di alimentazione, in quanto vi potrebbe essere il rischio di distacco dei cavi elettrici, con la possibilità di creare contatti, trascinare o accompagnare la macchina sempre per l apposita maniglia evitando di farla urtare contro il mobilio o farla cadere; non staccare mai le prese di corrente tirando il cavo; sottoporre la macchina alle operazioni di manutenzione periodiche indicate sul libretto delle istruzioni; rimuovere gli intasamenti in quanto a lungo andare provocano un surriscaldamento del motore con relativo rischio di natura elettrica Per l esecuzione dell operazione è comunque sempre necessario utilizzare i guanti in lattice; per la modalità d impiego dei guanti si faccia al riferimento al paragrafo ATTIVITA DI SMACCHIATURA Definizione Consiste nell aspirazione di macchie di ogni tipo con idonei prodotti Zone e oggetti da smacchiare Pavimenti in genere, arredati e non (marmo, ceramica, gres, linoleum, moquette, tappeti, etc); Pavimenti e zone particolari arredati (aree circostanti distributori automatici di bevande) Attrezzature in dotazione Panno Raschino Prodotti specifici Misure di prevenzione e protezione da adottare Per l esecuzione dell operazione analizzata e necessario usare sempre i mezzi di protezione personale, che si possono individuare nelle seguenti 7

8 tipologie: guanti in lattice antiacido, eventuali creme barriera per mani; mascherina, nel caso di utilizzo di sostanze che presentano rischi da inalazione; tempestiva segnalazione al medico in caso di stati irritativi, tipo arrossamenti Per le modalità di impiego dei guanti si faccia riferimento al Paragrafo ATTIVITA DI LAVAGGIO E ASCIUGATURA Definizione Consiste nell eliminazione di ogni tipo di sporcizia o macchia con attrezzature idonee, utilizzando soluzioni detergenti o prodotti specifici. Comprende la risciacquatura e l asciugatura, se necessaria Zone e oggetti da lavare ed asciugare Pavimenti in genere arredati e non (marmo, ceramica, gres, linoleum, moquette, tappeti, ecc.); Pavimenti di zone particolari, arredati e non (aree circostanti distributori automatici di bevande, locali seminterrati adibiti a depositi, passaggi e locali vuoti sotterranei); Pavimenti di infermeria e servizi igienici, arredati e non; Scale (in genere comprensive di corrimano e ringhiere); Pianerottoli e balconi; Ascensori e montacarichi (pavimento, se presenti); Arredamenti (persiane avvolgibili) e veneziane; Cestini portarifiuti (non e necessaria l operazione di asciugatura); Attrezzature in dotazione Macchina Lavapavimenti (per ambienti ampi); Lavatore manuale Monospazzola Strofinacci di colore diverso per ciascun oggetto da lavare Carrello MOP manuale con acqua Panno per asciugare e carta asciugante Spatola tergivetro 8

9 Nebulizzatore manuale Scale Prodotti specifici per la pulizia Misure di prevenzione e protezione da adottare Per l esecuzione dell operazione analizzata è necessario usare sempre i mezzi di protezione personale, che si possono individuare nelle seguenti tipologie: guanti in lattice, eventuali creme barriera per mani; tempestiva segnalazione al medico in caso di stati irritativi arrossamenti; Per l uso della macchina lavapavimenti, rispettare contenute nel libretto delle istruzioni; 9 le indicazioni Per le modalita di impiego dei guanti si faccia riferimento al paragrafo Per l esecuzione di lavori in altezza e necessario: non utilizzare mezzi differenti da quelli in dotazione, tipo sedie, sgabelli tavoli etc.; usare calzature adeguate, scarpe basse ed allacciate; non utilizzare tacchi, zoccoli, ciabatte; che gli indumenti indossati non ostacolino in nessun modo i movimenti; ideali per lavori in altezza sono le tute; usare sempre, quando, e necessario, le cinture di sicurezza e i caschi Utilizzo delle scale Gli operatori devono prestare molta attenzione alle scale e, in particolar modo, verificare che esse: presentino i necessari requisiti di resistenza e di idoneità; che siano mantenute in buono stato di conservazione e di efficienza; che siano dotate di dispositivi antisdrucciolo; che non superino l altezza di 5 m (se scale doppie) e che siano dotate di dispositivi di limitazione all apertura; che presentino una lunghezza dimensionata all altezza del lavoro da svolgere; Durante l impiego e di fondamentale importanza il rispetto delle seguenti regole comportamentali: tutti gli spostamenti delle scale devono essere effettuati con la persona e il materiale a terra;

10 10 la salita e la discesa vanno effettuate con l operatore rivolto verso la scala; non e possibile salire sulla piattaforma e sul gradino immediatamente sottostante delle scale doppie, se queste non sono dotate di parapetto; e vietata la presenza contemporanea di due operatori sulla stessa scala ATTIVITA DI INCERATURA Descrizione Consiste nel distribuire uniformemente sul pavimento uno strato di prodotto a base di cera. Si precisa che tale attività potrà essere posta in atto solo ed esclusivamente durante i periodi di chiusura della scuola (Vacanze estive) ed a seguito di formale autorizzazione del Dirigente Scolastico e/o del Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi Zone da incerare Pavimenti in generale arredati e non (legno) Attrezzature in dotazione Panno Macchina per la cera (attualmente non in dotazione) Misure di prevenzione e protezione da adottare Per l analisi delle misure di prevenzione e protezione in questo tipo di attivita di faccia riferimento al paragrafo ATTIVITA DI LUCIDADURA Descrizione Consiste in un intervento con attrezzi appositi, su particolari preventivamente lavati o puliti, allo scopo di conferire ai particolari stessi un livello estetico migliore Zone ed oggetti da lucidare Pavimenti in genere arredati e non (legno) Parti metalliche Arredamenti (targhe, insegne) Attrezzature utilizzate Panno Monospazzola Prodotti specifici Lucidatrice elettrica, se presente.

11 5.8.4 Misure di prevenzione e protezione da adottare Per l analisi delle misure di prevenzione e protezione in questo tipo di attivita si faccia riferimento al paragrafo con aggiunta delle seguenti indicazioni: Nella macchina lucida- pavimenti la sostituzione della spazzola deve essere Realizzata con la spina di alimentazione disinserita ATTIVITA DI PULIZIA AD UMIDO Descrizione Consiste nell eliminazione di sporcizia con attrezzature idonee e con utilizzo di sostanze Liquide Zone ed oggetti da pulire ad umido Pavimenti in genere arredati e non (legno) Pareti (modulari, divisori, tramezzi, etc. in materiale sintetico) Soffitti (controsoffittature metalliche o plastiche) Lavagne tradizionali Rivestimenti piastrellati (ambienti in genere, comprese infermerie e servizi igienici)ascensori e montacarichi (cabine, porte e guide). Radiatori Arredamenti: mobili sedie, tavoli, armadi, fotocopiatrici, lampade, etc. o altro collocato nelle aule, negli uffici, nei corridoi, nelle scale e negli altri ambienti scolastici; Armadietti e altri contenitori di medicinali, attrezzature dell infermeria Tende in genere Attrezzature in dotazione Panno Spugna Pelli Scale Prodotti specifici Misure di prevenzione e protezione da adottare Per l esecuzione dell operazione analizzata e necessario usare sempre i mezzi di protezione personale, che si possono individuare nelle seguenti tipologie: guanti in lattice, eventuale creme bariera per mani 11

12 12 tempestiva segnalazione al medico in caso di stati irritativi tipo arrossamenti, disidratazione, desquamazioni cutanee. Per le modalità di impiego dei guanti si faccia riferimento al paragrafo Per l esecuzione di lavori in altezza e necessario fare riferimento al paragrafo ATTIVITA DI DISINFEZIONE Descrizione Consiste nell applicazione di prodotti ad azione batterica in maniera tale da ridurre il più possibile il rischio di contrarre malattie infettive Zone ed oggetti da disinfettare Servizi igienici; Pavimenti infermeria e servizi igienici, arredati e non; Rivestimenti piastrellati dell infermeria e dei servizi igienici ; Arredamenti (video, tastiere, telefoni, terminali, stampanti, banchi, piani di appoggio in genere, armadietti, ecc); Cestini portarifiuti (in genere, compresi quelli dell infermeria) Attrezzature in dotazione Panno Strofinaccio Prodotti appositi, disinfettanti, antibatterici Misure di prevenzione e protezione da adottare Per l esecuzione dell attività in analisi e necessario eseguire e rispettare determinate misure di prevenzione e protezione, che consistono nel: utilizzo di guanti in lattice; utilizzo dell apposita mascherina nel caso di possibile inalazione di sostanze disinfettanti pericolose; evitare di mangiare e di fumare durante il lavoro e comunque, compiere queste azioni solo dopo accurata pulizia delle mani; segnalare alla Dirigenza e al medico eventuali disturbi alla salute, quali diarrea o febbri di non chiara origine; predisporre le schede informative sui rischi e sulle corrette modalità di utilizzo dei prodotti Bisogna inoltre rispettare le seguenti procedure di intervento:

13 13 le eventuali operazioni di travaso dei liquidi, dai contenitori industriali forniti dalle aziende produttrici, ai recipienti ad uso degli addetti, devono essere eseguite in ambiente ben ventilato in cui sia presente un punto acqua, da personale esperto e dotato di protezione idonee, quali: guanti, o creme barriera per la cute; occhiali, per proteggere gli occhi dagli schizzi dei prodotti più aggressivi; maschere con filtri idonei per protegger le vie respiratorie nel caso in cui possa sussistere la possibilità di sviluppo di gas o vapori; Sui recipienti ad uso degli addetti deve essere predisposta una idonea etichetta, sulla quale compaiano: norme del prodotto, modalita di uso, rischi possibili per il lavoratore, precauzioni da adottare in caso di spandimenti e di contatti accidentali; Non si deve in nessun modo travasare liquidi in contenitori usualmente impiegati per bevande alimentari; e sempre presente il pericolo, soprattutto nei mesi estivi, di avvelenamenti e causticazioni di mucose del tubo digerente L informazione di tutti i lavoratori in merito alle possibili e più utili azioni di immediato soccorso in caso di contatto accidentale con sostanze aggressive, e contenuta nelle schede di sicurezza dei singoli prodotti ATTIVITA DI SPOLVERO Descrizione Consiste nella rimozione della polvere con apposite attrezzature, allo scopo di ridurre il livello di esposizione dei lavoratori a tale sostanza Zone ed oggetti da spolverare Pareti in genere, Scale (corrimano, ringhiere), Radiatori, Arredamenti: mobili, sedie banchi, tavoli, armadi, fotocopiatrici, lampade, etc. o altro collocato nelle aule, nei corridoi, nelle scale, e negli altri ambienti scolastici; Video, tastiere, telefoni, terminali, stampanti; Armadietti ed altri contenitori di medicinali ed attrezzature dell infermeria; Quadri ed altro appeso alle pareti; Targhe ed insegne,

14 Lampadari, Tende in genere Attrezzature in dotazione Panno antistatico, Spolverino antistatico corto, Spazzola, Scala Prodotti specifici Misure di prevenzione e protezione da adottare Per l esecuzione dell operazione analizzata e necessario usare sempre i mezzi di protezione personale, che si possono individuare nelle seguenti tipologie: guanti in lattice, eventuali creme - barriera per le mani; tempestiva segnalazione al medico in caso di stati irritativi, tipo arrossamenti, disidratazione, desquamazioni cutanee. Per le modalità di impiego dei guanti si faccia riferimento al paragrafo Per l esecuzione di lavori in altezza e necessario fare riferimento al Paragrafo ATTIVITA DI RIMOZIONE DELLE RAGNATELE Descrizione Consiste nell asportazione di ragnatele da zone collocate in altezza Zone soggette alla rimozione delle ragnatele: Pareti in genere, Soffitti in genere Attrezzatura in dotazione Spolverino antistatico lungo Misure di prevenzione e protezione da adottare Per l esecuzione dell operazione analizzata e necessario usare Sempre i mezzi di protezione personale, che si possono individuare nelle seguenti tipologie: guanti in lattice, ed eventuale creme barriera per le mani.

15 5.13. ATTIVITA DI ASPORTAZIONE DEI RIFIUTI Descrizione Consiste nella raccolta di rifiuti grossolani sparsi, e nel successivo deposito in appositi contenitori Zone soggette all asportazione di rifiuti Pavimenti in genere. arredati e non (marmo, ceramica gres, linoleum, etc.); Pavimenti di zone particolari, arredati e non: - aree circostanti i distributori automatici di bevande, - locali sotterranei o seminterrati adibiti a depositi, archivi, etc, - passaggi e locali vuoti sotterranei, - pavimenti dell infermeria e dei servizi igienici, arredati e non, - Scale in genere, comprese quelle di emergenza, - Pianerottoli e balconi, - Ascensori e montacarichi (pavimento) Attrezzature in dotazione Contenitori per deposito rifiuti Misure di prevenzione e protezione da adottare Per lo svolgimento dell attività considerata e necessario avere comportamenti adeguati per prevenire il contatto o per rendere più tempestivi, in caso di infortunio, i controlli sanitari per il lavoratore Le principali misure di prevenzione consistono nell utilizzo dei mezzi di protezione personale, che per la specifica operazione si possono individuare nelle seguenti tipologie di guanti: guanti in lattice anti-puntura, a cinque dita, guanti in pelle a cinque dita E necessario inoltre: evitare di mangiare e di fumare durante il lavoro e comunque compiere queste azioni solo dopo accurata pulizia delle mani; segnalare alla Dirigenza e al medico i disturbi alla salute, quali diarrea o febbri di non chiara origine L allontanamento dei sacchi dei rifiuti deve essere fatto rispettando le seguenti cautele: non spingere i sacchi con i piedi, non sollevare e trasportare i sacchi vicino al corpo. 15

16 E bene segnalare alla Dirigenza gli infortuni occorsi, in modo puntuale e per iscritto, anche per eventi non immediatamente inabilitanti, come le punture di ago: solo così il lavoratore può, nel caso di sviluppo di un infezione, documentare ed ottenere il riconoscimento del danno riportato ATTIVITA DI SVUOTAMENTO Descrizione Consiste nella rimozione di materiale di scarto da appositi contenitori che lo racchiudono Zone e oggetti da svuotare Cestini portarifiuti (in genere, compresi quelli dell infermeria e dei servizi igienici); Attrezzature in dotazione Contenitori per deposito rifiuti Misure di prevenzione e protezione da adottare Per l analisi delle misure di prevenzione e protezione, in questo tipo di attività, si faccia riferimento al paragrafo , con l aggiunta delle seguenti indicazioni: Nell esecuzione dell operazione di svuotamento necessita rispettare le seguenti cautele: non introdurre le mani nel cestino portarifiuti da svuotare; non introdurre le mani nel sacco di conferimento rifiuti; l operazione di svuotamento deve essere eseguita afferrando il contenitore all esterno e capovolgendolo nel sacco in modo che i rifiuti contenuti vi cadano per gravità; nel caso rimangano residui di rifiuti nel cestino, e necessario rimuoverli con attrezzature adeguate (pinze, palette, etc). 6. OPERAZIONI DI ACCUDIENZA BAMBINI 6.1. Rischi legati allo svolgimento dell attività di accudienza dei bambini Assunzione frequente di posture incongrue, dovuta al fatto di agire in un habitat progettato per lo più a misura di bambino; Sollevamento manuale di carichi, rappresentati dai bambini stessi, che a 3 4 e 5 anni di età possono pesare anche kg., con probabili disturbi a livello dorso-lombare per gli addetti (che sono, per lo più, di sesso femminile);

17 Rischio di contagio da malattie infettive trasmesse dai bambini Modalità di esecuzione delle operazioni di sollevamento, trasporto e deposito dei bambini Sollevamento Per sollevare un bambino, non si devono tenere le gambe tese e la schiena curva; bisogna invece flettere le ginocchia, tenendo la schiena diritta in maniera che lo sforzo sia sopportato dai muscoli delle gambe e non dai reni Trasporto I bambini non devono essere trasportati camminando all indietro Durante il trasporto, e opportuno mantenere il bambino appoggiato al corpo, con il peso ripartito sulle braccia E opportuno evitare di passare in luoghi poco praticabili o ingombri Deposito Per depositare un bambino e necessario procedere con cautela, caricando sempre le gambe e non la schiena Misure di prevenzione e protezione da adottare nell accudienza dei bambini Studiare adeguati compromessi nella scelta e sistemazione di arredi e di strutture come lavabi, fasciatoi, letti, strutture ludiche, etc Fornire al personale adeguata informazione circa le modalità più corrette di esecuzione delle manovre più frequenti e rischiose Sollecitare gli educatori stessi affinché stimolino ed animino le capacità motorie dei bambini (garantendo comunque la loro sicurezza), educandoli a compiere da soli movimenti di salita e di discesa dagli arredi destinati alle varie funzioni educative ed assistenziali. La Dirigente scolastica (Dott.ssa Gelsomina De Leo)

ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione

ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione REGIONE CALABRIA Azienda Ospedaliera Bianchi Melacrino Morelli ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione Servizio pulizie - ALLEGATO N 2 Pagina 1 di 6 PULIZIA GIORNALIERA AREE AD ALTO RISCHIO 1 Servizi

Dettagli

ALLEGATO 1A DESCRIZIONI DELLE PRESTAZIONI

ALLEGATO 1A DESCRIZIONI DELLE PRESTAZIONI ALLEGATO 1A DESCRIZIONI DELLE PRESTAZIONI A1 - UFFICI SALE RIUNIONI AULE INFORMATIZZATE ARCHIVI CORRENTI DI PIANO BIBLIOTECHE UFFICIO CASSA SALA MEDICA* UFFICIO INFORMAZIONE E PASSI BOX VIGILANZA - SPOGLIATOI

Dettagli

PROCEDURA DI SANIFICAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI

PROCEDURA DI SANIFICAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI Distretto Scolastico 11 IX CIRCOLO DIDATTICO STATALE JAPIGIA I Plesso San Francesco Via Peucetia n. 50 BARI Tel. 0805530943/5541991 fax 080 5524042 Plesso Don Orione Viale Japigia n.140 BARI Tel./Fax 0805537467

Dettagli

PROTOCOLLO DI IGIENE AMBIENTALE: PROCEDURA DI SANIFICAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI

PROTOCOLLO DI IGIENE AMBIENTALE: PROCEDURA DI SANIFICAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PARINI Via Roma, 56 - Gorla Minore (VA) *************************** 1. Plesso A. MANZONI Tel. 0331/601198 2. Plesso D. ALIGHIERI Tel: 0331/600607 3. Plesso G. PARINI Tel.:

Dettagli

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei Regolamento sull uso e conservazione dei prodotti di pulizia Il presente Regolamento si prefigge di fornire utili indicazioni ai collaboratori scolastici: sulla prevenzione contro il rischio chimico derivante

Dettagli

Regolamento recante disposizioni sull uso e la conservazione dei prodotto di pulizia e sulle modalita di svolgimento delle operazioni di pulizia

Regolamento recante disposizioni sull uso e la conservazione dei prodotto di pulizia e sulle modalita di svolgimento delle operazioni di pulizia 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Alberto Burri Trestina Città di Castello (PG) APPENDICE G Regolamento recante disposizioni sull uso e la conservazione dei prodotto di pulizia e sulle modalita di svolgimento

Dettagli

APPENDICE C MISURE DI PREVENZIONE PER COLLABORATORI SCOLASTICI ADDETTI ALLA PULIZIA

APPENDICE C MISURE DI PREVENZIONE PER COLLABORATORI SCOLASTICI ADDETTI ALLA PULIZIA APPENDICE C MISURE DI PREVENZIONE PER COLLABORATORI SCOLASTICI ADDETTI ALLA PULIZIA L attività degli addetti alla pulizia consiste nella pulizia, detersione e disinfezione dei locali scolastici Lavoratori

Dettagli

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Gruppo Operativo per la Lotta alle Infezioni Ospedaliere Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Data 1^ stesura: 02:07.98 Edizione: 1 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO AUTORI: Gruppo

Dettagli

ANALISI PREZZO N A1 A) PULIZIA GIORNALIERA

ANALISI PREZZO N A1 A) PULIZIA GIORNALIERA A) PULIZIA GIORNALIERA ANALISI PREZZO N A1 - Spazzatura dei pavimenti di tutti gli ambienti, comprese le scale, i servizi igienici con esclusione dei pavimenti dei locali cantinati e archivi. Costo mano

Dettagli

COMUNE DI LECCO. Settore finanziario, società partecipate gare e contratti Servizio economato e provveditorato

COMUNE DI LECCO. Settore finanziario, società partecipate gare e contratti Servizio economato e provveditorato COUNE DI LECCO ettore finanziario, società partecipate gare e contratti ervizio economato e provveditorato ALLEATO C CHEDE DI PULIZIA ED IIENE ABIENTALE LEENDA. = Tutti i giorni (da lunedì a venerdì più

Dettagli

ALLEGATO P8 NORME E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PULIZIE

ALLEGATO P8 NORME E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PULIZIE ALLEGATO P8 NORME E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PULIZIE L esecuzione delle pulizie dovrà avvenire con il supporto di mezzi, tecniche e personale, in grado di garantire un elevato standard di igiene. Le

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. Gestione della Sicurezza nella Scuola 51

RISCHIO BIOLOGICO. Gestione della Sicurezza nella Scuola 51 RISCHIO BIOLOGICO Igiene : per garantire la salubrità ambientale è necessario che i pavimenti siano sistematicamente puliti e periodicamente disinfettati; le pareti ed i soffitti non devono ravvisare la

Dettagli

liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, 38023 CLES (TRENTO) REGOLAMENTO IN MERITO AD OPERAZIONI DI PULIZIA E DI MANUTENZIONE DEGLI AMBIENTI SCOLASTICI

liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, 38023 CLES (TRENTO) REGOLAMENTO IN MERITO AD OPERAZIONI DI PULIZIA E DI MANUTENZIONE DEGLI AMBIENTI SCOLASTICI liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, 38023 CLES (TRENTO) Prot. 1165/C5 Cles, 20/02/2012 Al personale Ata Collaboratori scolastici Al Fas Al RLS Pubblicato sito www.liceorussell.eu/ Area riservata docenti/sicurezza

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE SECONDO LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE SECONDO LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE SECONDO LA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE ED ANALISI DEI RISCHI) PREMESSA Il presente opuscolo fornisce alcune indicazioni ritenute utili

Dettagli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli Protocollo di pulizia per l'asilo Nido II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli standard che dovranno essere rispettati al fine di assicurare l'adeguata pulizia dell'asilo

Dettagli

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO 1 Criteri generali Per quanto sia stato ampiamente dimostrato che le superfici ambientali sono, di per sé, difficilmente responsabili della trasmissione

Dettagli

Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À

Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali C O M U N E di AMALFI U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À R E L A Z I O N E T E C N I C A P E R I L S E R V I Z I O D I P U

Dettagli

RISCHI ADDETTO PULIZIE

RISCHI ADDETTO PULIZIE Organismo Paritetico Provinciale RISCHI ADDETTO PULIZIE Speciale Inserti: Rischi Addetto Pulizie Pagina 1 Attività svolta L attività dell addetto prevede la pulizia degli ambienti di lavoro di uffici,

Dettagli

NUOVI OBBLIGHI del DATORE di LAVORO

NUOVI OBBLIGHI del DATORE di LAVORO NUOVI OBBLIGHI del DATORE di LAVORO Valutazione dei rischi Formazione e informazione Nomina addetti alle emergenze Istituisce il SPP Gestione DPI Riunione periodica RISCHI SPECIFICI Possibilità che si

Dettagli

della SICUREZZA per le IMPRESE di PULIZIE

della SICUREZZA per le IMPRESE di PULIZIE MANOLA ANGIOLI BARBARA LOGGINI A B C della SICUREZZA per le IMPRESE di PULIZIE Informazione dei lavoratori ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 1 A B C della SICUREZZA per le Imprese di

Dettagli

SEDE MUNICIPALE PIAZZA UMBERTO I (Servizio a canone)

SEDE MUNICIPALE PIAZZA UMBERTO I (Servizio a canone) SEDE MUNICIPALE PIAZZA UMBERTO I (Servizio a canone) N. ORARIO D UFFICIO LUNEDÌ, MERCOLEDI, VENERDI 8:00 14:00 MARTEDI: 8:00 13:00 14:00 18:30 GIOVEDÌ: 8.00-13.00; 14.00-17.30 SABATO: 8.00-13.00 SUPERFICI

Dettagli

Progetto dell appalto - art. 279 D.P.R. 207/2010

Progetto dell appalto - art. 279 D.P.R. 207/2010 Procedura aperta per l'affidamento del servizio di Pulizia del Museo Nazionale dell Automobile Avv. Giovanni Agnelli, Corso Unità d Italia 40, 10126 Torino Entità complessiva dell appalto 390.000,00 oltre

Dettagli

Regolamento interno recante disposizioni sulle modalita di svolgimento delle operazioni di pulizia

Regolamento interno recante disposizioni sulle modalita di svolgimento delle operazioni di pulizia Istituto di Istruzione Superiore Morcone Piazza Manente 82026 Morcone (BN) - Tel. 0824956423 - Fax 0824955688 C.F. 92029100622 - Codice Meccanografico bnis01200c - e-mail bnis01200c@ istruzione.it Sez.

Dettagli

Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado

Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado PROCEDURA DI GESTIONE DELLE PULIZIE Pag. 1/7 Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado INDICE 1. SCOPO... 2 2.

Dettagli

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA Pagina 1 di 5 Nella scuola sono state individuate ed integrate su indicazione del personale, le seguenti misure di prevenzione e protezione: MISURE ANTINCENDIO E DI EMERGENZA Tutto il personale docente

Dettagli

STUDIO DENTISTICO DOTT. GIUSEPPE ARENA Via S.Maria della Croce Di Gregorio (trav.priv. 5) C./mare del Golfo (TP) Tel. 0924 33466

STUDIO DENTISTICO DOTT. GIUSEPPE ARENA Via S.Maria della Croce Di Gregorio (trav.priv. 5) C./mare del Golfo (TP) Tel. 0924 33466 OGGETTO: REQUISITI ORGANIZZATIVI GENERALI STUDIO DENTISTICO MODALITA DI PULIZIA, LAVAGGIO, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DI TUTTI GLI STRUMENTI ED ACCESSORI OGNI PAZIENTE E DA CONSIDERARE POTENZIALMENTE

Dettagli

MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI

MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI Data 30-11-2009 Rev. N. 01 Pagina 1 di 5 MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI Ddl RSPP RLS INDICE ISTITUTO MAGISTRALE STATALE LEONARDO DA VINCI Data 30-11-2009 Rev.

Dettagli

DIVISIONE CONVIVENZE

DIVISIONE CONVIVENZE SISTEMA DI SANIFICAZIONE STOVIGLIE l) ammollo igienizzante; 2) detersione meccanica o manuale; 3) asciugatura meccanica o manuale con carta monouso o per naturale vaporazione. KEY 01 KEY 02 indicato per

Dettagli

Allegato B.23 - Schede pulizie periodiche Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto di questa gara

Allegato B.23 - Schede pulizie periodiche Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto di questa gara Allegato B.23 - Schede pulizie periodiche Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto di questa gara Queste attività di pulizia periodica devono essere eseguite con le cadenze riportate. Tutte le attività di

Dettagli

Sicurimpariamo Comportamenti di sicurezza e gestione delle attività

Sicurimpariamo Comportamenti di sicurezza e gestione delle attività Sicurimpariamo Comportamenti di sicurezza e gestione delle attività a cura di Emanuele Azzarelli Ispettore tecnico della Direzione Territoriale del Lavoro di Torino Marzo 2012 Le sostanze chimiche Detergenti

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Il comportamento corretto e prudente di ognuno è il miglior modo di prevenzione contro ogni genere di infortunio - Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc. - Non

Dettagli

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI Casa di Cura Villa delle Querce LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI PREMESSA Le pulizie e la sanificazione degli ambienti sanitari rivestono un ruolo importante non solo per il significato

Dettagli

La pulizia dei suddetti locali effettuata in occasione di cerimonie o celebrazioni in giorni feriali è ricompresa nella pulizia giornaliera.

La pulizia dei suddetti locali effettuata in occasione di cerimonie o celebrazioni in giorni feriali è ricompresa nella pulizia giornaliera. - (allegato varie strutture comunali) SCHEDA TECNICA PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE PER VARIE STRUTTURE COMUNALI (Palazzo Nuovo III Palazzi Locali Vigili Urbani Campo Scuola /Stadio) CONDIZIONI

Dettagli

2. I mobili e gli arredi devono essere disposti in modo da consentire agevoli spostamenti, lasciando libero l accesso ai locali.

2. I mobili e gli arredi devono essere disposti in modo da consentire agevoli spostamenti, lasciando libero l accesso ai locali. DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA PERSONALE DOCENTE E ATA: istruzioni sull uso di mobili ed arredi, attrezzature e macchine, apparecchiature elettriche. Si evidenziano di seguito le istruzioni sull

Dettagli

Pulizia e Sanificazione Ambienti

Pulizia e Sanificazione Ambienti P-E03 Rev. 2 Pag. 1 di 8 SCOPO E APPLICABILITA DEL DOCUMENTO Il presente documento descrive le modalità con le quali viene erogato il servizio di pulizia e sanificazione degli ambienti presso Fondazione

Dettagli

SOMMARIO: Motivo revisione. Redazione. Verifica. Approvazione Autorizzazione. RSPP: P.I. M. Bolchi Dr. L. Corradini PROCEDURA DI SICUREZZA

SOMMARIO: Motivo revisione. Redazione. Verifica. Approvazione Autorizzazione. RSPP: P.I. M. Bolchi Dr. L. Corradini PROCEDURA DI SICUREZZA Pag. 1 di 6 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative

Dettagli

ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE

ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE 1 Norme Generali Prodotti di Sanificazione RISPETTARE E AGGIORNARE IL PIANO DI SANIFICAZIONE IN MODO PERIODICO E OGNI VOLTA CHE INTERVENGONO DEI CAMBIAMENTI (indicare

Dettagli

Circolare n.7 Fiumicino, 10 settembre 2015 AL D.S.G.A. SEDE A TUTTO IL PERSONALE ATA LORO SEDI LORO SEDI

Circolare n.7 Fiumicino, 10 settembre 2015 AL D.S.G.A. SEDE A TUTTO IL PERSONALE ATA LORO SEDI LORO SEDI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MACCARESE Viale Castel San Giorgio, 205 00054 Maccarese Fiumicino (RM)

Dettagli

7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione

7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione 7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione 2. FASE DI LAVORAZIONE: Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 3. CODICE INAIL: 4. FATTORE DI RISCHIO:

Dettagli

SOMMARIO: Emissione: 08/11/1996 Aggiornamento: 24/09/2001 Motivo revisione Prima emissione Sistema Gestione Qualità Distribuzione Controllata

SOMMARIO: Emissione: 08/11/1996 Aggiornamento: 24/09/2001 Motivo revisione Prima emissione Sistema Gestione Qualità Distribuzione Controllata Pag. 1 di 9 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative

Dettagli

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA Allegato 02 REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

Dettagli

MATERIALE INFORMATIVO PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO.

MATERIALE INFORMATIVO PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BUDRIO VIA GIOVANNI XXIII - N.2 40054 BUDRIO (BO) Tel. e fax 051/6920614 C.F. 91201420378 - C.M. BOIC86900R - e-mail: boic86900r@istruzione.it boic86900r@pec.istruzione.it

Dettagli

Servizio Sala Bar Ai Piani

Servizio Sala Bar Ai Piani Servizio Sala Bar Ai Piani 1. COMPARTO: ALBERGHIERO 2. FASE DI LAVORAZIONE: SERVIZIO AI PIANI BAR - SALA 3. COD.INAIL: 4. FATTORE DI RISCHIO: STRUTTURE MACCHINE IMPIANTI ELETTRICI 5. CODICE DI RISCHIO

Dettagli

TIPOLOGIA LOCALI, PRESTAZIONI DI PULIZIA, SPECIFICHE TECNICHE E FORNITURA ACCESSORI E MATERIALE.

TIPOLOGIA LOCALI, PRESTAZIONI DI PULIZIA, SPECIFICHE TECNICHE E FORNITURA ACCESSORI E MATERIALE. TIPOLOGIA LOCALI, PRESTAZIONI DI PULIZIA, SPECIFICHE TECNICHE E FORNITURA ACCESSORI E MATERIALE. Indice: 1 TIPOLOGIA LOCALI E OPERAZIONI DI PULIZIA... 3 1.1 SERVIZI IGIENICI/SPOGLIATOI:...3 1.1.1 FORNITURE

Dettagli

La sicurezza negli uffici. Conoscere i rischi -- Programma LEONARDO

La sicurezza negli uffici. Conoscere i rischi -- Programma LEONARDO I lavori di ufficio non sono esenti da rischi (cadute, scivolate, tagli, elettrocuzioni, scottature, ecc.) Per la propria ed altrui sicurezza attenersi alle più elementari norme di prudenza Il fenomeno

Dettagli

Un materiale compatto

Un materiale compatto IL PERICOLO AMIANTO Un materiale compatto è meno pericoloso di un materiale friabile Può essere ridotto in polvere solo con l impiego l di attrezzi meccanici La percentuale di amianto presente è minima

Dettagli

Aree ad uso ufficio differenti dal livello dirigenziale generale

Aree ad uso ufficio differenti dal livello dirigenziale generale ALLEGATO A APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA ORDINARIA DELLE SEDI DEL MIPAAF - CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO - ELENCO SEDI E RELATIVE SUPERFICI (IN MQ) DISTINTE PER TIPOLOGIA DESCRIZIONE

Dettagli

Allegato 3 - ELENCO PRESTAZIONI DI PULIZIA E RELATIVE FREQUENZE DI INTERVENTO

Allegato 3 - ELENCO PRESTAZIONI DI PULIZIA E RELATIVE FREQUENZE DI INTERVENTO Allegato 3 - ELENCO PRESTAZIONI DI PULIZIA E RELATIVE FREQUENZE DI INTERVENTO LEGENDA: il numero indicato prima della indica la frequenza nel periodo considerato; la colonna gg/sett. indica i giorni lavorativi

Dettagli

INTERVENTO DI TIPO 1 (PER COMPLESSIVI METRI QUADRI 5.730 CIRCA)

INTERVENTO DI TIPO 1 (PER COMPLESSIVI METRI QUADRI 5.730 CIRCA) ALLEGATO E1 INTERVENTO DI TIPO 1 (PER COMPLESSIVI METRI QUADRI 5.730 CIRCA) PRESTAZIONI DA EFFETTUARSI CON CADENZA GIORNALIERA: - pulizia/lavaggio di pavimenti, scale e vani elevatori (con esclusione delle

Dettagli

Circ. N. 65. A tutto il personale docente e ATA dell Istituto. Alla DSGA. Sito Web

Circ. N. 65. A tutto il personale docente e ATA dell Istituto. Alla DSGA. Sito Web Via Mons L Bellomi, 1-37137 VERONA - Tel 045/953031 - Fax 045/8621819 web page: wwwic5veronagovit e-mail: vric87700c@istruzioneit pec: vric87700c@pecistruzioneit Circ N 65 Prot n 1001/A23 Verona,27022015

Dettagli

Dispositivi di protezione individuale DPI

Dispositivi di protezione individuale DPI Cosa sono Dispositivi di protezione individuale DPI È considerato DPI qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata o portata dal lavoratore per tutelarsi da uno o più rischi per la sicurezza e

Dettagli

Il rischio infortuni nelle attività d ufficio

Il rischio infortuni nelle attività d ufficio Il rischio infortuni nelle attività d ufficio Movimentazione dei materiali Prendere posizione vicino al carico, di fronte alla direzione di spostamento, con i piedi su una base stabile e leggermente divaricati

Dettagli

PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE Settore Alberghiero

PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE Settore Alberghiero PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE Settore Alberghiero 1. PRINCIPIO: PER LA PULIZIA : Il vapore saturo secco generato da una caldaia sotto pressione (da 4 a 7 bar) ad una temperatura fino a 160 C possiede

Dettagli

PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE

PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEFINIZIONI Per pulizia si intende la rimozione meccanica dello sporco da superfici ed oggetti. Di norma viene eseguita con l impiego di acqua e detergenti diluiti

Dettagli

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI IN TUTTI I LOCALI SCOLASTICI E obbligo per tutto il personale: attenersi e far attenere gli alunni alle disposizioni ai fini della prevenzione e protezione individuale

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali C.d.G. 591 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLE SEDI DEL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Via Flavia n. 6 - Via Fornovo n. 8 - Via C. De Lollis

Dettagli

Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica

Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica Definizioni Danno: alterazione transitoria o permanente dell organismo umano o/e delle sue funzioni Danno biologico: infortunio o malattia

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS Circ. n. 10 Ai docenti Al personale ATA Albo Sito web Prot. N.3657/S2 Oggetto: disposizioni in materia di sicurezza e prevenzione rischi (D. Lgs. 81/08 ex legge 626/94). Per opportuna conoscenza e per

Dettagli

PROTOCOLLO DI PULIZIA A VAPORE E SANIFICAZIONE Centri Fitness e Palestre

PROTOCOLLO DI PULIZIA A VAPORE E SANIFICAZIONE Centri Fitness e Palestre PROTOCOLLO DI PULIZIA A VAPORE E SANIFICAZIONE Centri Fitness e Palestre 1. PRINCIPIO: PER LA PULIZIA : Il vapore saturo secco generato da una caldaia sotto pressione (da 4 a 7 bar) ad una temperatura

Dettagli

Schede tecniche prodotti per la pulizia, la detergenza e la manutenzione delle pavimentazioni

Schede tecniche prodotti per la pulizia, la detergenza e la manutenzione delle pavimentazioni prodotti per la pulizia, la detergenza e la manutenzione delle pavimentazioni Pagina n.2 / 11 Sommario PULISCI PAVIMENTI... 3 DETERGENTE FORTE... 4 DETERGENTE ACIDO... 5 DETERGENTE BASICO... 6 CERA STUCCO...

Dettagli

Gestione dei rifiuti solidi associativi

Gestione dei rifiuti solidi associativi LA NUOVA REGALDI Gestione dei solidi associativi VADEMECUM PER I VOLONTARI DELLA PULIZIA INDICE Riassunto 1 1. Introduzione 1 2. Strumenti di lavoro 1 2.1. Ubicazione degli strumenti di lavoro... 1 2.1.

Dettagli

ALLEGATO 1/A AL CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ANNO 2007 SERVIZI DI PULIZIA ORDINARIA PRESSO LE SEDI DELL ACCADEMIA DI BRERA

ALLEGATO 1/A AL CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ANNO 2007 SERVIZI DI PULIZIA ORDINARIA PRESSO LE SEDI DELL ACCADEMIA DI BRERA ALLEGATO 1/A AL CAPTOLATO SPECALE D'APPALTO ANNO 2007 SERVZ D PULZA ORDNARA PRESSO LE SED SPAZ AMMNSTRATV 1 Asportazione delle ragnatele. NTERVENT QUOTDAN 2 3 4 5 aperte). Particolare attenzione deve essere

Dettagli

PROCEDURE PER GLI ADDETTI INTERNI ALLE PULIZIE PARTE PRIMA ELENCO DELLE SOSTANZE

PROCEDURE PER GLI ADDETTI INTERNI ALLE PULIZIE PARTE PRIMA ELENCO DELLE SOSTANZE PROCEDURE PER GLI ADDETTI INTERNI ALLE PULIZIE PARTE PRIMA ELENCO DELLE SOSTANZE Il D.S.G.A. dovrà produrre l Elenco delle Sostanze Utilizzate (prodotti per la pulizia, l igiene, ecc.). L originale del

Dettagli

PULIZIE ORDINARIE PULIZIE PERIODICHE

PULIZIE ORDINARIE PULIZIE PERIODICHE Allegato 1a PULIZIE ORDINARIE PULIZIE PERIODICHE PULIZIE ORDINARIE AREE ESTERNE (AREA 01) (carta, foglie, mozziconi di sigaretta, lattine, ecc.) Svuotatura dei contenitori per rifiuti e sostituzione sacco

Dettagli

rainbowsystem.com Rexair LLC Troy, Michigan 2011 Rexair LLC R14116R-0 Printed in U.S.A.

rainbowsystem.com Rexair LLC Troy, Michigan 2011 Rexair LLC R14116R-0 Printed in U.S.A. rainbowsystem.com Rexair LLC Troy, Michigan 2011 Rexair LLC R14116R-0 Printed in U.S.A. numero a tutela del cliente Come parte del Programma di Tutela del Cliente Rexair, ogni Rainbow RainJet riceve un

Dettagli

www.cleprin.it PAVIMENTI

www.cleprin.it PAVIMENTI www.cleprin.it PAVIMENTI BRILL LAVAPAVIMENTI DETERGENTE LAVAPAVIMENTI PROFUMATO Detergente lavapavimenti profumato per la manutenzione quotidiana dei pavimenti. La sua formulazione contiene particolari

Dettagli

Università per Stranieri di Siena APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE AMBIENTALE, COMPRESO LA FORNITURA DI

Università per Stranieri di Siena APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE AMBIENTALE, COMPRESO LA FORNITURA DI Università per Stranieri di Siena APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE AMBIENTALE, COMPRESO LA FORNITURA DI SPECIFICI MATERIALI DI CONSUMO CODICE CIG: 017074680C ALLEGATI AL

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

Giornaliero asportazione di residui e incrostazioni; lavaggio manuale accurato, con l ausilio di spazzole per la detersione successivo risciacquo

Giornaliero asportazione di residui e incrostazioni; lavaggio manuale accurato, con l ausilio di spazzole per la detersione successivo risciacquo Quarto, li 09 settembre 2014 Prot. n. Tit. Al Personale Collaboratore scolastico dell Istituto Comprensivo di Quarto Don Lorenzo Milani LORO SEDI e agli Operatori delle Ditte di Pulizia dell Istituto Comprensivo

Dettagli

COMPORTAMENTI DI PREVENZIONE GENERALE

COMPORTAMENTI DI PREVENZIONE GENERALE COMPORTAMENTI DI PREVENZIONE GENERALE Il comportamento corretto e prudente di ognuno è la migliore forma di prevenzione contro gli infortuni. QUINDI: Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc..

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO MULTISERVICE (PULIZIA, PORTIERATO FACCHINAGGIO) PER UFFICI COMUNALI

PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO MULTISERVICE (PULIZIA, PORTIERATO FACCHINAGGIO) PER UFFICI COMUNALI PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO MULTISERVICE (PULIZIA, PORTIERATO FACCHINAGGIO) PER UFFICI COMUNALI PROGETTO TECNICO e INSERIMENTO SOCIO - LAVORATIVO LOTTO 2 SOGGETTO PARTECIPANTE. Progetto Tecnico -

Dettagli

Schede di intervento pulizie

Schede di intervento pulizie CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO per l esecuzione del servizio di pulizie civili, facchinaggio, disinfestazione e derattizzazione presso il Gruppo IREN Lotto 2 - ALLEGATO 2 Schede di intervento pulizie Torino,

Dettagli

Istruzioni per l uso. Importato e Distribuito da Media Shopping S.p.A. Viale Europa 44 20093 Cologno Monzese (MI)

Istruzioni per l uso. Importato e Distribuito da Media Shopping S.p.A. Viale Europa 44 20093 Cologno Monzese (MI) Istruzioni per l uso Brevetto USA n. 7.152.267 Brevetto USA n. 7.340.795 Brevetto USA n. 7.591.039 In attesa di ulteriori brevetti Importato e Distribuito da Media Shopping S.p.A. Viale Europa 44 20093

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore- Carlo Pisacane ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SERVIZI DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA

Istituto d Istruzione Superiore- Carlo Pisacane ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SERVIZI DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA Istituto d Istruzione Superiore- Carlo Pisacane ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SERVIZI DI ENOGASTRONOMIA E COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO DI INCENDIO SI STA VERIFICANDO UN FOCOLAIO D INCENDIO SI STA

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

EDISU PIEMONTE Servizio di Prevenzione e Protezione

EDISU PIEMONTE Servizio di Prevenzione e Protezione EDISU PIEMONTE Servizio di Prevenzione e Protezione Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze redatto in relazione alle attività comprese nell appalto Servizio Ristorazione (art. 26, comma

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( D. Lgs. n. 626 del 19/09/94 )

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( D. Lgs. n. 626 del 19/09/94 ) Allegato 03 REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI AGGIORNAMENTO DEL DOCUMENTO SULLA SICUREZZA D. Lgs. 81/08 e s.m.i. PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( D. Lgs. n. 626 del 19/09/94 ) PROCEDURE

Dettagli

IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI

IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI S.C. Prevenzione Rischio Infettivo IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI BIONIL GRANULI Sodio Dicloro-isocianurato Panno assorbente monouso Guanti monouso

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEL FAX

UTILIZZO IN SICUREZZA DEL FAX Pagina 1 di 6 SOMMARIO Generalita... 2 Scopo... 2 Riferimenti normativi... 2 Responsabilità ed aggiornamento... 2 Campo di applicazione... 3 Procedure operative e di sicurezza... 3 Scelta della posizione...

Dettagli

Scuola secondaria Statale ITCeG L. Einaudi Documento di valutazione dei rischi per la maternità Revisione n 3 del 16-09-2010

Scuola secondaria Statale ITCeG L. Einaudi Documento di valutazione dei rischi per la maternità Revisione n 3 del 16-09-2010 1/9 Azienda : (D.lgs 151/01) Il presente documento è finalizzato ad identificare la presenza di fattori di rischio per le lavoratrici madri e per individuare le misure di prevenzione e le procedure necessarie

Dettagli

UFFICIO TECNICO COMUNALE

UFFICIO TECNICO COMUNALE UFFICIO TECNICO COMUNALE COMUNE DI TRIGGIANO P.IVA: 00865250724 - Tel. 0804628.206 - Fax: 0804628.203 e-mail: llpp@comune.triggiano.bari.it SERVIZIO DI PULIZIA IMMOBILI COMUNALI, CUSTODIA E MANUTENZIONE

Dettagli

Dr.ssa Cristina Gremita - UOPSAL Vigevano

Dr.ssa Cristina Gremita - UOPSAL Vigevano LUOGHI DI LAVORO Dr.ssa Cristina Gremita - UOPSAL Vigevano LUOGHI DI LAVORO (TITOLO II D.LGS 626/94) Si intendono per luogo di lavoro: i luoghi destinati a contenere posti di lavoro ubicati all interno

Dettagli

Comunità Montana dell Esino Frasassi Prescrizioni Tecniche. Allegato 2) PRESCRIZIONI TECNICHE

Comunità Montana dell Esino Frasassi Prescrizioni Tecniche. Allegato 2) PRESCRIZIONI TECNICHE Allegato 2) PRESCRIZIONI TECNICHE L appalto ha per oggetto l esecuzione dei lavori di pulizia e sanificazione da effettuarsi mediante prestazione d opera, di materiali, di mezzi ed attrezzature per la

Dettagli

1. PULIZIA E LAVAGGIO DI PAVIMENTI, ARREDI, VETRATE, SCALE MISURE TECNICHE, ORGANIZZATIVE E PROCEDURALI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

1. PULIZIA E LAVAGGIO DI PAVIMENTI, ARREDI, VETRATE, SCALE MISURE TECNICHE, ORGANIZZATIVE E PROCEDURALI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE 1. PULIZIA LAVAGGIO PAVIMNTI, ARR, VTRAT, SCAL 1.1 Lavaggio dei pavimenti TIPO cadute per scivolament o, anche per le persone presenti che si trovino a transitare nell area interessata. P x D = R (2 x

Dettagli

Prestazioni: Durata: 25.000 sqm a 150 RPM utilizzo standard con appropriata manutenzione.

Prestazioni: Durata: 25.000 sqm a 150 RPM utilizzo standard con appropriata manutenzione. Disco Bianco Per lucidatura a secco Scotch-Brite TM Disco Bianco è composto da una fibra sintetica di elevata qualità, in una struttura aperta di materiale non tessuto. Le particelle lucidanti sono cosparse

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BRERA MANSIONARIO

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BRERA MANSIONARIO annuali trimestrali giornalieri MANSIONARIO GARA D APPALTO RELATIVA AD UN CONTRATTO ANNUALE PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO LE SEDI DELL CIG n. 707405BC. Le sedi indicate saranno oggetto delle attività

Dettagli

COMUNE DI LIVORNO U.O.VA ATTIVITA EDUCATIVE Uff. Ristorazione, Arredi e Logistica servizi ausiliari esterni

COMUNE DI LIVORNO U.O.VA ATTIVITA EDUCATIVE Uff. Ristorazione, Arredi e Logistica servizi ausiliari esterni COMUNE DI LIVORNO U.O.VA ATTIVITA EDUCATIVE Uff. Ristorazione, Arredi e Logistica servizi ausiliari esterni Allegato n. 4 SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA E STRAORDINARIA

Dettagli

NATURA DELLE PRESTAZIONI DI PULIZIA E SERVIZIO DI SALA

NATURA DELLE PRESTAZIONI DI PULIZIA E SERVIZIO DI SALA ALLEGATO "B" 6 pagine NATURA DELLE PRESTAZIONI DI PULIZIA E SERVIZIO DI SALA Le strutture assistenziali e relativi uffici, indicate all art. 1 del presente Capitolato d Appalto sono dislocate in tre edifici

Dettagli

7.7. FASE 7 - Lavaggio e pulizia attrezzi ed utensili (manuale e con macchine)

7.7. FASE 7 - Lavaggio e pulizia attrezzi ed utensili (manuale e con macchine) 7.7. FASE 7 - Lavaggio e pulizia attrezzi ed utensili (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione 2. FASE DI LAVORAZIONE: Lavaggio e pulizia attrezzi ed utensili (manuale e con macchine) 3. CODICE

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola Opuscolo informativo per gli studenti Strumento d informazione ai sensi del D. Lgs. 81/2008. L utente è tenuto a conoscerne

Dettagli

SERVIZIO AMBIENTALE INTEGRATO DEI COMPLESSI IMMOBILIARI DELLE GRANDI STAZIONI CAPITOLATO TECNICO LOTTO 1

SERVIZIO AMBIENTALE INTEGRATO DEI COMPLESSI IMMOBILIARI DELLE GRANDI STAZIONI CAPITOLATO TECNICO LOTTO 1 SERVIZIO AMBIENTALE INTEGRATO DEI COMPLESSI IMMOBILIARI DELLE GRANDI STAZIONI CAPITOLATO TECNICO LOTTO 1 1 INDICE PREMESSA GENERALE 6 A) SERVIZIO DI PULIZIA. 7 A) 1 DEFINIZIONE DI AREA E AMBITO OMOGENEO

Dettagli

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare:

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: Aspetti generali Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: la progettazione dei locali e delle strutture l organizzazione

Dettagli

Collaboratore Scolastico

Collaboratore Scolastico A cura del Responsabile S.P.P.- 2010-2011 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza Collaboratore Scolastico Vengono

Dettagli

SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO

SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO SICUREZZA DPI DISPOSITIVI PROTEZIONE INDIVIDUALE CAMICE GUANTI OCCHIALI PROTETTIVI VANNO INDOSSATI SEMPRE IN LABORATORIO

Dettagli

(ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI)

(ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI) (ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI) Tabella A - Quantificazione aree su cui effettuare il servizio Tipologia

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE PER LA PULIZIA E LA SANIFICAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI

INDICAZIONI OPERATIVE PER LA PULIZIA E LA SANIFICAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI Data 15-04-2013 Rev. N. 1 Pagina 1 di 8 INDICAZIONI OPERATIVE PER LA PULIZIA E LA SANIFICAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI AZIENDA SEDE E UNITA OPERATIVA ISTITUTO MAGISTRALE STATALE LEONARDO DA VINCI P.zza

Dettagli

Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari

Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari Dal 01/01/15, come previsto dal Piano di Azione Nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari, diventeranno obbligatorie le norme relative al Deposito

Dettagli

Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali

Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Vittorio Alfieri C.so Alfieri, n. 367 Asti C.F. 92040320050 Codice Ministero ATIS003007 con sezioni associate LICEO CLASSICO V.ALFIERI - C.so Alfieri, 367 14100 Asti Tel.

Dettagli

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Il presente documento descrive le procedure per la pulizia e sanificazione ambientale dell Azienda Ospedaliera. Le imprese concorrenti potranno

Dettagli