SCALE SEMPLICI SCALE PORTATILI SCALE SEMPLICI. 6^ Istituto Comprensivo B.Ciari. LAVORO IN QUOTA art.107

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCALE SEMPLICI SCALE PORTATILI SCALE SEMPLICI. 6^ Istituto Comprensivo B.Ciari. LAVORO IN QUOTA art.107"

Transcript

1 6^ Istituto Comprensivo B.Ciari FORMAZIONE SPECIFICA modulo 3 LAVORO IN QUOTA RADIAZIONI RADON LAVORO IN QUOTA art.107 Attività lavorativa che espone il lavoratore al rischio di caduta da una quota posta ad altezza superiore a 2 m rispetto ad un piano stabile ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 1 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 2 SCALE PORTATILI Attrezzature manuali frequentemente impiegate Associate ad un elevato livello di rischio (caduta dall'alto) Scale semplici Scale doppie SCALE SEMPLICI Le scale semplici devono avere dimensioni (principalmente la lunghezza) appropriate alle effettive esigenze di lavoro i pioli (di tipo antisdrucciolevole) convenientemente fissati ai montanti (per quelle in legno sono tassativi il sistema ad incastro e l'assenza di nodi) dispositivi di appoggio antiscivolo applicati alla base dei montanti, montanti (se di legno) trattenuti da tiranti in ferro applicati sotto i due pioli di estremità, e da un tirante intermedio (per quelle lunghe più di m 4) ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 3 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 4 SCALE SEMPLICI PERICOLO PER LA STABILITÀ Se esiste pericolo per le condizioni di stabilità della scala, essa deve essere dotata all'estremità superiore di sistemi di trattenuta (ganci) oppure vincolata in modo da evitare sbandamenti, slittamenti, oscillazioni, rovesciamenti o inflessioni eccessive oppure dotata di appoggi antisdrucciolevoli ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 5 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 6

2 SCALE SEMPLICI Quando rimane il pericolo di sbandamento, le scale debbono essere rese sicure o trattenute al piede da altra persona SCALE DOPPIE Deve essere previsto un dispositivo (catena o altro sistema) che ne impedisca l'apertura oltre il limite prefissato dal fabbricante L'altezza massima non può superare i 5 metri ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 7 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 8 SCALE La corretta inclinazione della scala, fondamentale per evitare rischi di instabilità o di rottura, si ottiene posizionandone la base ad una distanza dalla verticale del punto di appoggio superiore corrispondente ad 1/4 della lunghezza di scala compresa tra gli appoggi SCALE Le superfici di appoggio (inferiore o superiore) devono risultare: livellate e piane (ovvero essere rese tali) non cedevoli nè mobili (non devono essere utilizzate, ad es., porte o finestre non bloccate) capaci di resistere alle azioni complessive che su di esse vengono a scaricarsi durante l'impiego (si pensi al sollevamento di materiali, ovvero all'uso di attrezzature) ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 9 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 10 SCALE Se la scala serve per accedere ad un piano, la sua lunghezza deve essere tale che i montanti sporgano di almeno 1 metro oltre il piano. SCALE È buona norma, per garantire l'equilibrio della persona Evitare di operare permanendo oltre il terzultimo piolo (in caso contrario si deve ricorrere a scala di maggiore lunghezza) Mantenere sgombri da ostacoli o materiali i punti di accesso alla scala, sia in basso, sia in sommità. ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 11 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 12

3 SCALE Salire e scendere conservando il viso rivolto verso la scala e mantenere salda la presa delle mani (che devono essere rigorosamente tenute libere, riponendo attrezzi, utensili e materiali minuti in tasche o borse da portare a tracolla) SI NO ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 13 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 14 LAVORO AL VIDEOTERMINALE Videoterminalista Lavoratore che utilizza una attrezzatura munita di videoterminale in modo sistematico o abituale per almeno 20 ore/settimana Posto di lavoro Insieme che comprende le attrezzature munite di videoterminale, la tastiera, software, accessori opzionali, il telefono, il modem, la stampante, il supporto per i documenti, la sedia, il piano di lavoro, l ambiente di lavoro immediatamente circostante ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 15 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 16 Il Datore di lavoro analizza i posti di lavoro muniti di con particolare riguardo a: problemi per la vista problemi legati alla postura affaticamento fisico e mentale Tali effetti non sono l inevitabile conseguenza del lavoro a In genere derivano da un inadeguata progettazione del posto e delle modalità di lavoro. Essi possono essere prevenuti: l applicazione di principi ergonomici comportamenti adeguati da parte degli utilizzatori ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 17 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 18

4 DISTURBI OCULO VISIVI SINTOMI bruciore, lacrimazione senso di corpo estraneo ammiccamento frequente fastidio alla luce, pesantezza visione annebbiata o sdoppiata stanchezza alla lettura cefalea Sono disturbi reversibili DISTURBI OCULO VISIVI PRINCIPALI CAUSE illuminazione inadatta riflessi da superfici lucide luce diretta (artificiale o naturale) su monitor o occhi presenza di superfici di colore estremo (bianco o nero) monitor inadeguato impegno visivo statico, ravvicinato, protratto nel tempo ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 19 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 20 DISTURBI MUSCOLO SCHELETRICI PRINCIPALI SENSAZIONI senso di peso, di fastidio intorpidimento dolore rigidità di: collo schiena spalle braccia mani DISTURBI MUSCOLO SCHELETRICI PRINCIPALI CAUSE posizione di lavoro scorretta errata scelta degli arredi posizione di lavoro fissa e mantenuta per lungo tempo movimenti rapidi e ripetitivi delle mani (uso di tastiera e mouse) ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 21 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 22 FATICA MENTALE PRINCIPALI CAUSE carico di lavoro superiore o inferiore alle capacità della persona mancanza di riconoscimento lavoro monotono e/o ripetitivo isolamento da colleghi software o hardware inadeguati fattori ambientali: spazio, microclima FATICA MENTALE DISTURBI DI TIPO PSICOLOGICO O PSICOSOMATICO mal di testa, stanchezza irritabilità, tensione nervosa ansia, depressione insonnia problemi digestivi ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 23 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 24

5 RISCHI DA RADIAZIONI IONIZZANTI Sono esclusi RISCHI da radiazioni ionizzanti e non, sia a carico dell operatore che della prole La presenza del marchio CE sul assicura che i campi elettromagnetici sono al di sotto dei limiti raccomandati e riscontrabili laddove sono utilizzate apparecchiature elettriche e televisive. LINEE GUIDA D USO DEI VIDEOTERMINALI Prevenzione nell attività a dell insorgenza di: disturbi muscolo scheletrici affaticamento visivo fatica mentale ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 25 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 26 LINEE GUIDA D USO DEI VIDEOTERMINALI PREVENZIONE DISTURBI OCULO VISIVI Ai primi sintomi di affaticamento fare piccole pause Socchiudere le palpebre per 1/2 minuto Distogliere lo sguardo dagli oggetti vicini e rivolgerlo verso quelli lontani Verificare l illuminazione e le tende Eliminare riflessi e/o abbagliamenti Seguire con lo sguardo il perimetro del soffitto LINEE GUIDA D USO DEI VIDEOTERMINALI PREVENZIONE DISTURBI MUSCOLO SCHELETRICI Verificare che la parte alta del monitor sia al livello degli occhi Verificare la distanza del monitor e della tastiera Stare seduti ben eretti con i piedi ben poggiati Regolare bene l altezza e l inclinazione della sedia Ai primi sintomi di dolore al collo o alle estremità concedersi una pausa alzandosi e muovendosi ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 27 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 28 LINEE GUIDA D USO DEI VIDEOTERMINALI PREVENZIONE FATICA MENTALE Svolgendo attività fisica Sfruttando al meglio le pause Adottando comportamenti corretti conformemente alla formazione e alla informazione ricevuta LINEE GUIDA D USO DEI VIDEOTERMINALI Gli operatori addetti a per 4 ore consecutive hanno diritto ad una interruzione del lavoro mediante: pausa cambiamento di attività Le modalità sono demandate alla contrattazione (anche aziendale) In assenza di contrattazione ha comunque diritto ad una pausa di 15 min. ogni 120 min. ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 29 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 30

6 LINEE GUIDA D USO DEI VIDEOTERMINALI LA SORVEGLIANZA SANITARIA È dovuta per chi utilizza i videoterminali sistematicamente e abitualmente per almeno 20 ore settimanali RADIAZIONI PERIODICITÀ biennale per i lavoratori classificati idonei con prescrizioni e quelli con più di 50 anni tutti gli altri ogni 5 anni ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 31 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 32 RADIAZIONI Radiazioni non ionizzanti e ionizzanti Lo spettro può essere diviso in due sezioni, a seconda che le onde siano dotate o meno di energia sufficiente a ionizzare gli atomi della materia con la quale interagiscono: RADIAZIONI Radiazioni non ionizzanti e ionizzanti (NIR = Non Ionizing Radiations), comprendono le radiazioni fino alla luce visibile; L inquinamento elettromagnetico o elettrosmog è prodotto da con frequenza inferiore a quella della luce infrarossa. radiazioni ionizzanti (IR = Ionizing Radiations), coprono la parte dello spettro dalla luce ultravioletta ai raggi gamma ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 33 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 34 RADIAZIONI Radiazioni non ionizzanti e ionizzanti RADIAZIONI Radiazioni elettromagnetiche comunemente chiamate campi elettromagnetici che, al contrario delle radiazioni ionizzanti, non possiedono l energia sufficiente per modificare le componenti della materia e degli esseri viventi (atomi, molecole). ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 35 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 36

7 RADIAZIONI Le possono essere suddivise in: campi elettromagnetici a frequenze estremamente basse (ELF) radiofrequenze (RF) microonde (MO) infrarosso (IR) luce visibile RADIAZIONI ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 37 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 38 Campi elettromagneti Campi elettromagnetici (CEM) I campi elettromagnetici hanno origine dalle cariche elettriche, dal loro movimento (corrente elettrica) e dalla loro accelerazione. L oscillazione delle cariche elettriche, ad esempio in un'antenna o in un conduttore percorso da corrente, produce campi elettrici e magnetici che si propagano nello spazio sotto forma di onde. Campi e onde elettromagnetiche Le onde elettromagnetiche sono una forma di propagazione dell energia nello spazio e, a differenza delle onde meccaniche, si possono propagare anche nel vuoto. Il campo elettrico (E) e il campo magnetico (H) oscillano perpendicolarmente alla direzione dell onda. La velocità di propagazione delle onde elettromagnetiche è di Km/s. ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 39 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 40 Campi e onde elettromagnetiche L onda elettromagnetica è caratterizzata da altre tre grandezze fisiche: intensità del campo elettrico misurata in volt/metro (V/m); intensità del campo magnetico misurata in ampere/metro (A/m); intensità dell energia trasportata misurata in Joule. effetti acuti sulla salute Per esposizione a alte frequenze sono stati segnalati: opacizzazione del cristallino, anomalie alla cornea alterazioni delle funzioni neurali e neuromuscolari alterazioni del sistema muscolari Per esposizione a basse frequenze (ad es. 50 Hz) sono stati segnalati: effetti sul sistema visivo e sul sistema nervoso centrale stimolazione di tessuti eccitabili extrasistole e fibrillazione ventricolare ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 41 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 42

8 effetti cronici sulla salute analizzati attraverso numerose indagini epidemiologiche i maggiori organismi scientifici nazionali ed internazionali concordano nel ritenere che, allo stato attuale delle conoscenze, esiste una debole correlazione tra l esposizione a campi elettromagnetici e cancro, limitatamente alle frequenze estremamente basse (ELF). effetti cronici sulla salute L Organizzazione Mondiale per la Sanità (OMS) sostiene che i dati scientifici disponibili, non forniscono alcuna prova diretta che l esposizione alle alte frequenze (RF) induca o favorisca il cancro, ne che abbrevi la durata della vita. Altri studi ipotizzano, che l esposizione a basse frequenze (ELF), provochi un aumento del rischio di leucemia infantile, indicano il valore di 0.4µT per il campo magnetico come soglia per la manifestazione dell effetto. ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 43 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 44 effetti cronici sulla salute L Istituto Superiore della Sanità stima che in Italia, assumendo un nesso di causalità tra esposizione a campi elettromagnetici a frequenza estremamente bassa e rischio di leucemia, un caso ogni 400 di leucemia infantile potrebbe essere imputato all esposizione ai campi magnetici prodotti dalle linee elettriche. Altre ricerche scientifiche e molti studi sugli animali non hanno invece riscontrato effetti di lungo periodo delle radiazioni ELF. effetti cronici sulla salute Il National Institute of Environmental Health Sciences (NIEHS - USA) ha valutato i campi ELF come "possibili cancerogeni per l uomo" (classe III), in base alla 5 categorie indicate dall Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) che ha classificato gli agenti potenzialmente cancerogeni. ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 45 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 46 Le sorgenti Le sorgenti che producono radiazioni ad alta frequenza (RF - Radio Frequencies) sono gli impianti radiotelevisivi, le Stazioni Radio Base e i telefoni cellulari. Le sorgenti che producono radiazioni a bassa frequenza (ELF - Extremely Low Frequencies), sono gli elettrodotti, le sottostazioni elettriche e le cabine di trasformazione. Le sorgenti RF Stazioni radio base Poste di solito a m da terra (il campo elettrico aumenta con l altezza da terra) e la bassa potenza utilizzata (per evitare interferenze dei segnali) determinano nella maggioranza dei casi livelli di campo elettromagnetico molto bassi. ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 47 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 48

9 Le sorgenti RF Telefoni cellulari Trasmettono molta meno potenza delle Stazioni Radio Base, ma la testa dell utente, essendo quasi a contatto con l antenna, è sottoposta ad un significativo assorbimento di potenza, con conseguente aumento della temperatura e rischio per la salute Le sorgenti RF Impianti radio-televisivi L abituale ubicazione dei ripetitori lontano dai centri abitati permette di realizzare installazioni conformi alle norme di sicurezza relative all esposizione della popolazione. ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 49 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 50 Le sorgenti ELF Le sorgenti ELF linee di distribuzione della corrente elettrica ad alta, media e bassa tensione come gli elettrodotti elettrodomestici e dispositivi elettrici in genere. Elettrodotti e distribuzione dell energia Elettrica I campi elettrici e magnetici generati dagli elettrodotti si comportano come grandezze indipendenti tra loro. ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 51 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 52 Le sorgenti ELF Il campo elettrico dipende: dalla tensione della linea (cresce al crescere della tensione) dalla distanza dalla linea (decresce allontanandosi dalla linea) dall altezza dei conduttori da terra (decresce all aumentare dell altezza) I livelli di campo elettrico sono stabili nel tempo in una data posizione spaziale. Il campo elettrico è facilmente schermabile da parte di materiali quali legno o metalli, ma anche alberi o edifici. ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 53 Le sorgenti ELF Il campo magnetico dipende: dalla corrente che scorre lungo i fili conduttori delle linee (aumenta con l intensità di corrente sulla linea); dalla distanza dalla linea (decresce allontanandosi dalla linea); dall altezza dei conduttori da terra (decresce all aumentare dell altezza). I livelli di campo magnetico variano nel tempo in funzione della variazione di corrente che può essere considerevole durante il giorno a seconda della richiesta di energia. Il campo magnetico è difficilmente schermabile. ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 54

10 Le sorgenti ELF Le sorgenti domestiche dei campi ELF Tutti gli apparecchi alimentati con l energia elettrica sono sorgenti di campi elettrici e magnetici ELF L intensità dei campi è molto variabile a seconda del tipo di elettrodomestico, della sua potenza, della condizione di funzionamento Il campo elettrico è sempre presente negli ambienti domestici indipendentemente dal funzionamento degli elettrodomestici. Le sorgenti ELF Le sorgenti domestiche dei campi ELF Il campo magnetico, invece, si produce solamente quando gli apparecchi vengono messi in funzione. I campi generati dagli apparecchi domestici sono localizzati in vicinanza della sorgente e quindi interessano solitamente zone parziali del corpo e diminuiscono notevolmente con l aumentare della distanza (tendono ad azzerarsi oltre i 50 cm). ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 55 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 56 luce off campo magnetico radiazioni ionizzanti campo elettrico luce on La capacità di ionizzare e di penetrare all interno della materia dipende dall energia e dal tipo di radiazione emessa, e dalla composizione e dallo spessore del materiale attraversato. Le radiazioni alfa (2 protoni + 2 neutroni) possiedono un'elevata capacità ionizzante e una limitata capacità di diffusione in aria, possono essere bloccate con un foglio di carta o un guanto di gomma. Sono pericolose per l organismo se si ingeriscono o inalano sostanze in grado di produrle. ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 57 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 58 radiazioni ionizzanti Le radiazioni beta (elettroni) sono più penetranti rispetto a quelle alfa, circa un metro in aria e un cm sulla pelle, possono essere fermate da sottili spessori di metallo, come un foglio di alluminio, o da una tavoletta di legno di pochi centimetri. Le radiazioni x e gamma (fotoni emessi per eccitazione all interno del nucleo o all interno dell atomo) attraversano i tessuti a seconda della loro energia e richiedono per essere bloccate schermature spesse in ferro, piombo e calcestruzzo. radiazioni ionizzanti effetti sulla salute Lesioni temporanee o permanenti a seconda: - della dose - della via di esposizione irraggiamento esterno, inalazione, ingestione - della radiazione assorbita - della sensibilità del tessuto irradiato ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 59 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 60

11 radiazioni ionizzanti effetti sulla salute radiazioni ionizzanti effetti sulla salute L esposizione a dosi di radiazioni insufficienti a causare la distruzione immediata delle cellule può comunque portare lesioni rilevabili dopo alcuni anni. I tessuti più sensibili alle radiazioni sono quelli ad elevato ricambio cellulare come il midollo osseo,la pelle, le mucose, gli spermatozoi. I danni più gravi derivano dall interazione delle radiazioni ionizzanti con i cromosomi. Gli effetti provocati da radiazioni ionizzanti possono essere: Somatici (interessano i diversi tessuti dell organismo) Genetici (colpiscono le cellule deputate alla riproduzione causando alterazioni genetiche nei discendenti dell individuo irradiato) I danni possono verificarsi in conseguenza a irradiazioni acute o a effetti cronici derivanti da esposizioni continuate. ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 61 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 62 radiazioni ionizzanti sorgenti Radioattività naturale Radioisotopi primordiali, presenti, fin dalla formazione della Terra, nell aria, nell acqua, nel suolo e quindi nei cibi e nei materiali da costruzione. Si tratta dell Uranio-238, dell Uranio-235 e del Torio- 232, che decadono in radionuclidi a loro volta instabili fino alla generazione del Piombo stabile. Tra di essi è rilevante il Radon-222. Raggi cosmici emessi dalle reazioni nucleari stellari. ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 63 radiazioni ionizzanti sorgenti Radioattività artificiale Elementi radioattivi entrati in atmosfera a seguito di esperimenti atomici, cessati nella metà degli anni 70 (Sr-90, Pu-240, Pu-239, Pu-238); Emissioni dell industria dell energia nucleare e attività di ricerca; Residui dell incidente di Chernobyl o altri incidenti (Cs-137, Cs-134) in alcune regioni d Europa; Irradiazione medica a fini diagnostici e terapici (I- 131, I-125, Tc-99, Tl-201, Sr-89, Ga-67, In-111). ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 64 RISCHIO RADON RISCHIO RADON Gas radioattivo, di origine naturale. È inodore, incolore. Prodotto dal decadimento radioattivo del radio, generato a sua volta dal decadimento dell uranio 238, elemento presente in tutte le rocce della crosta terrestre. È ritenuto responsabile del 50% dell esposizione media della popolazione alle sorgenti naturali di radiazione ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 65 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 66

12 RISCHIO RADON Il radon, prodotto all interno delle rocce, in presenza di fessure o aperture, si può diffondere all interno di un edificio. Negli ambienti confinati tende a concentrarsi; è considerato quindi un inquinante tipicamente indoor. L origine del radon giustifica la presenza ubiquitaria - negli ambienti di vita - negli ambienti di lavoro ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 67 RISCHIO RADON Caratteristiche del suolo sottostante l edificio (contenuto di radio nel terreno, facilità di fuoriuscita dal suolo, presenza di faglie in vicinanza dell edificio); Caratteristiche dell edificio (contenuto di radio e facilità di fuoriuscita dai materiali utilizzati, tipologia dell edificio e dell attacco a terra, tecnica costruttiva, modo in cui sono disposti i locali, stato e manutenzione dell edificio); Condizioni ambientali (temperatura, pressione, umidità, condizioni meteorologiche); Stato/modo di utilizzo dell edificio (riscaldamento, abitudini di vita, ricambi di aria, ecc). ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 68 RISCHIO RADON effetti sulla salute Classificato dallo WHO/IARC come un cancerogeno di gruppo 1. Aumento di rischio di sviluppo del cancro polmonare: secondo agente di rischio di tumore polmonare, dopo il fumo di tabacco. ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 69 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 70 RISCHIO RADON Veneto il 10% del territorio regionale è ad alto potenziale di radon sono le abitazioni stimate in cui si supera il livello di riferimento di 200 Bq/mc 500 sono le scuole in cui il livello di radon è stimato superiore i 200 Bq/mc 10 sono le strutture di ricovero a rischio Tumori polmonari causati dal radon: 350 all anno (su casi totali) Tumori evitabili: 50 per anno, pari al 14% ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 71 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 72

13 Art.45 del Testo Unico IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 73 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 74 Art.43 del Testo Unico Il Datore di lavoro designa i lavoratori incaricati di attuare le misure di PS I LAVORATORI addetti PS non possono rifiutare la designazione se non per giustificato motivo. PRONTO SOCCORSO Procedure complesse, con ricorso a farmaci e strumentazione, orientate a diagnosticare il danno e a curare l infortunato Chi? Personale sanitario ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 75 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 76 Valutazioni ed interventi mirati ad assistere un infortunato che possano essere compiute da un astante fino all arrivo di un appropriato soccorso. Chi? Qualsiasi persona RESPONSABILITÀ DELL ADDETTO PS Non esistono livelli di responsabilità intermedia tra quella del cittadino e quella dell operatore sanitario. L addetto PS è perseguibile qualora non presti soccorso in caso di necessità ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 77 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 78

14 RESPONSABILITÀ DELL ADDETTO PS OMISSIONE DI SOCCORSO (art. 593 CP) Detenzione fino a 12 mesi o multa fino a euro Aspetti organizzativi 1.Controllare la scena dell infortunio e la pericolosità dell ambiente circostante per l infortunato, per sé e gli altri lavoratori OBBLIGO DI PRESTARE ASSISTENZA se il rischio non èsostenibile AVVISARE LE AUTORITÀ COMPETENTI 2.Controllare le condizioni dell infortunato 3.Se la causa dell infortunio agisce ancora, rimuoverla ovvero allontanare l infortunato Soccorrere può voler dire anche solo attivare il 118 e impedire spostamenti incongrui ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 79 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 80 Aspetti organizzativi 1.Valutare se la situazione necessita di altro aiuto oltre al proprio e, se necessario, allertare il 118 ovvero predisporre il trasporto dell infortunato in ospedale con l auto 2.Attuare misure di sopravvivenza, evitare l aggravamento delle lesioni anche attraverso una corretta posizione, rassicurare e confortare l infortunato 3.Fornire ai soccorritori informazioni circa la dinamica dell infortunio e le prime cure praticate ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 81 Aspetti organizzativi Gestione del panico L addetto PS deve essere consapevole che la gestione della situazione si esaurirà in minuti, con l arrivo del 118. Gli operatori del 118 sono un riferimento sicuro e competente: forniscono già al telefono indicazioni chiare e praticabili sul cosa fare in attesa del loro arrivo. Una volta attivato il 118, la responsabilità dell addetto PS è limitata alla protezione dell infortunato. ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 82 Aspetti organizzativi Gestione del panico Qualora presente un altro addetto PS, la condivisione della gestione della situazione può dare maggiore sicurezza. Partecipare a simulazioni di soccorso può aiutare l addetto PS a prendere confidenza con le proprie reazioni emotive. L addetto PS potrà rassicurare l infortunato informandolo sull arrivo imminente dell ambulanza. Aspetti organizzativi Gestione del panico E importante che l addetto PS non abbandoni mai l infortunato e mantenga con lui un contatto verbale e anche fisico. Nella comunicazione verbale e nei gesti l addetto PS dovrà mantenere, quanto più possibile, toni e atteggiamenti pacati. ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 83 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 84

15 Aspetti organizzativi La chiamata al 118 è gratuita e viene sempre registrata. Risponde un operatore del SUEM (Servizio Urgenza e Emergenza Medica) La centrale operativa è provinciale in collegamento con ULSS e con basi ambulanza ospedali e Croce Rossa della provincia La chiamata al 118 cosa dire LUOGO EVENTO Aspetti organizzativi Località esatta dell evento, via e numero civico, eventuali punti di riferimento, percorso più breve Infortunio o malore, dinamica infortunio, eventuale pericolo incendio fornire il proprio numero telefonico e lasciare libera la linea INFORTUNATI Quanti sono, schiacciati, incastrati, coscienti, parlano, si muovono, respirano ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 85 ing. Carlo CASSOL 6^IC " B.Ciari " - Padova 86

CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. Ing. Antonio Giorgi RSPP

CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. Ing. Antonio Giorgi RSPP I.C. A. VOLTA Via Botticelli, 31 04100 Latina CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 Ing. Antonio Giorgi RSPP Videoterminali 2 VDT : CONCETTI

Dettagli

VIDEOTERMINALI E PREVENZIONE

VIDEOTERMINALI E PREVENZIONE VIDEOTERMINALI E PREVENZIONE 1 USO DEI VDT: NORMATIVA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO L uso di attrezzature munite di videoterminali (VDT) è disciplinato in Italia dal D.Lgs 81/08 TITOLO VII (art.i. 172-179).

Dettagli

P4 FORMAZIONE DEI. Formazione specifica dei lavoratori: GESTIONE INFORTUNI E PIANO DI PS

P4 FORMAZIONE DEI. Formazione specifica dei lavoratori: GESTIONE INFORTUNI E PIANO DI PS Formazione specifica dei lavoratori: GESTIONE INFORTUNI E PIANO DI PS P4 FORMAZIONE DEI LAVORATORI EX D.Lgs. 81/08 (art. 37) E ACCORDO STATO-REGIONI 21/12/2011 GESTIONE DEGLI INFORTUNI e INCIDENTI Occorre

Dettagli

Campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti

Campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti RSA rovincia di Milano Campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti L insieme di tutte le onde elettromagnetiche, classificate in base alla loro frequenza, costituisce lo spettro elettromagnetico, che

Dettagli

RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI

RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI I principali fattori di rischio vanno ricercati in : una scarsa conoscenza ed applicazione dei principi ergonomici; una mancanza di informazione e di consapevolezza

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA VIDEOTERMINALI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

ONDE ELETTROMAGNETICHE

ONDE ELETTROMAGNETICHE ONDE ELETTROMAGNETICHE ONDE ELETTROMAGNETICHE Sono parte integrante dell ambiente in cui viviamo e lavoriamo Di origine artificiale (per esempio le onde radio, radar e nelle telecomunicazioni) Di origine

Dettagli

Con il termine elettrosmogsi designa il presunto inquinamento derivante dalla formazione di campi elettromagnetici (CEM) dovuti a radiazioni

Con il termine elettrosmogsi designa il presunto inquinamento derivante dalla formazione di campi elettromagnetici (CEM) dovuti a radiazioni ELETTROSMOG Con il termine elettrosmogsi designa il presunto inquinamento derivante dalla formazione di campi elettromagnetici (CEM) dovuti a radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti, quali quelle prodotte

Dettagli

Le grosse elettrocalamite per il sollevamento o la cernita di materiali ferrosi rientrano tra le sorgenti pericolose?

Le grosse elettrocalamite per il sollevamento o la cernita di materiali ferrosi rientrano tra le sorgenti pericolose? Un antenna WiFi posizionata nella tromba delle scale, che quindi fornisce il segnale a più piani, può causare danni alle persone e in particolare ai bambini? Non ci sono evidenze scientifiche di danni

Dettagli

Sicurezza al videoterminale

Sicurezza al videoterminale http://magazine.paginemediche.it/it/366/dossier/medicina-del-lavoro/detail_1917_sicurezza-al-videoter... Pagina 1 di 12 Magazine paginemediche.it: attualità e approfondimento sulla salute Medicina del

Dettagli

L ERGONOMIA APPLICATA AL LAVORO IN UFFICIO. Redatto da Dott.Guido Perina- Medico Competente

L ERGONOMIA APPLICATA AL LAVORO IN UFFICIO. Redatto da Dott.Guido Perina- Medico Competente L ERGONOMIA APPLICATA AL LAVORO IN UFFICIO PATOLOGIA DA INDOOR: NON SOLO IL VIDEOTERMINALE 1) Problemi legati all'affaticamento fisico e mentale: lo stress 2) Disturbi al Sistema Muscolo-Scheletrico 3)

Dettagli

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa IL RADON Il Radon è un gas radioattivo presente nel suolo e nei materiali da costruzione. La presenza di Radon è legata all abbondanza di minerali radioattivi naturali nella crosta terrestre: le due forme

Dettagli

ONDE IN CHIARO. Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto. A proposito di. inquinamento elettromagnetico

ONDE IN CHIARO. Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto. A proposito di. inquinamento elettromagnetico Ns.rif.:web/banca_dati/linee_guida/elettrosmog/Anno2004/018 ONDE IN CHIARO Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto A proposito di. inquinamento elettromagnetico Termini

Dettagli

Sicurimpariamo al. Inail Sede di Torino Centro 21 marzo 2012 Funzione Prevenzione Roberto Sciarra

Sicurimpariamo al. Inail Sede di Torino Centro 21 marzo 2012 Funzione Prevenzione Roberto Sciarra Sicurimpariamo al Ferrante Aporti Inail Sede di Torino Centro 21 marzo 2012 Funzione Prevenzione Roberto Sciarra 1 Comportamenti di sicurezza e gestione delle attività 2 Principali figure della sicurezza:

Dettagli

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Quando si parla di inquinamento elettromagnetico o più comunemente elettrosmog ci si riferisce alle alterazioni del campo magnetico naturale generate

Dettagli

Onde in chiaro. Onde in chiaro. Area Tecnico-Scientifica Osservatorio Agenti Fisici. A proposito di... inquinamento elettromagnetico.

Onde in chiaro. Onde in chiaro. Area Tecnico-Scientifica Osservatorio Agenti Fisici. A proposito di... inquinamento elettromagnetico. Onde in chiaro A proposito di... inquinamento elettromagnetico Onde in chiaro A proposito di... inquinamento elettromagnetico a cura di: Arpav Area Tel. +39 045 807 43 51 ARPAV Agenzia Regionale per la

Dettagli

Anno 1. ELETTROSMOG ( Inquinamento elettromagnetico )

Anno 1. ELETTROSMOG ( Inquinamento elettromagnetico ) Anno 1 ELETTROSMOG ( Inquinamento elettromagnetico ) Dispense preparate da : Tiziano Guerzoni In collaborazione con Sergio Berti ORGANIZZAZIONE DELLE DISPENSE Basi propedeutiche Effetti 1 BASI PROPEDEUTICHE

Dettagli

Sicurezza nei luoghi di lavoro

Sicurezza nei luoghi di lavoro Sicurezza nei luoghi di lavoro Il termine ergonomia indica l insieme delle tecniche, degli strumenti e degli accorgimenti che consentono di creare un ambiente di lavoro sicuro e confortevole. Le norme

Dettagli

Come. Uso di attrezzature munite di videoterminali

Come. Uso di attrezzature munite di videoterminali ing. Domenico Mannelli Come Uso di attrezzature munite di videoterminali DEFINIZIONI videoterminale: schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato

Dettagli

FTA-I-ClimIllumn-V.ppt - ESCLUSIVO uso didattico interno - videoterminali

FTA-I-ClimIllumn-V.ppt - ESCLUSIVO uso didattico interno - videoterminali ottobre 2008 1 elio giroletti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA dip. fisica nucleare e teorica via bassi 6, 27100 pavia, italy tel. 038298.7905 - girolett@unipv.it - www.unipv.it/webgiro microclima, illuminazione

Dettagli

OPUSCOLO PER I LAVORATORI

OPUSCOLO PER I LAVORATORI 1 OPUSCOLO PER I LAVORATORI A cura: del Dott. Davide Antonelli 2 SCALE A MANO Tale attrezzatura È prevista per superare dislivelli e per effettuare lavorazioni straordinarie a carattere eccezionale e temporaneo.

Dettagli

elettrosmog radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti frequenze.

elettrosmog radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti frequenze. Con il termine elettrosmog si intende l'inquinamento elettromagnetico derivante da radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti quali quelle prodotte dalle infrastrutture di telecomunicazioni come la radiodiffusione

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

ONDE ELETTROMAGNETICHE: RISCHIO PER LA SALUTE? Il dibattito circa l influenza delle onde eletromagnetiche sulla nostra salute permane vivace e

ONDE ELETTROMAGNETICHE: RISCHIO PER LA SALUTE? Il dibattito circa l influenza delle onde eletromagnetiche sulla nostra salute permane vivace e ONDE ELETTROMAGNETICHE: RISCHIO PER LA SALUTE? Il dibattito circa l influenza delle onde eletromagnetiche sulla nostra salute permane vivace e controverso e provoca ricorrenti allarmismi nell opinione

Dettagli

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione 4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione D.Lgs 81/08 - TITOLO II LUOGHI DI LAVORO Articolo 63- Requisiti di salute e sicurezza Allegato IV Luoghi di di

Dettagli

CAMPI ELETTROMAGNETICI

CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI Che cos è un campo elettromagnetico? Un campo elettromagnetico è una regione dello spazio in cui c è tensione elettrica. È il caso, ad esempio, della regione di spazio in cui vi

Dettagli

Formazione sicurezza studente lavoratore

Formazione sicurezza studente lavoratore Formazione sicurezza studente lavoratore ILVIDEOTERMINALE 1. Definizione del termine Videoterminale 2. Definizione del termine Vidoterminalista 3. Definizione del termine Posto di lavoro 4. Obblighi del

Dettagli

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank.

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank. LE RADIAZIONI Nel campo specifico di nostro interesse la radiazione è un flusso di energia elettromagnetica o di particelle, generato da processi fisici che si producono nell atomo o nel nucleo atomico.

Dettagli

EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI

EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI In questo capitolo analizzeremo le problematiche legate agli effetti che i campi elettromagnetici a radiofrequenza possono avere nei confronti dell uomo. Verranno,

Dettagli

Il lavoro al Videoterminale (VDT)

Il lavoro al Videoterminale (VDT) Servizio Prevenzione e Protezione Viale Innovazione, 2-Edificio U11-20126 Milano tel.02-64486190-fax 02-64486191 Il lavoro al Videoterminale (VDT) Effetti sulla salute e prevenzione I videoterminali Negli

Dettagli

L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE?

L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE? L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE? RISCHI CONNESSI ALL USO DEL VDT L USO DEL VDT NON E MAI CAUSA DELL INSORGENZA DI PATOLOGIE SPECIFICHE L USO DEL VDT PUO SLATENTIZZARE O PEGGIORARE I SINTOMI

Dettagli

USO DI VIDEOTERMINALI

USO DI VIDEOTERMINALI USO DI VIDEOTERMINALI In senso stretto un videoterminale (o VDT) è un apparecchio di visualizzazione simile allo schermo televisivo, che permette di vedere le informazioni immagazzinate nel nostro computer.

Dettagli

CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO LICEO SCIENTIFICO BERTRAND RUSSELL CLES (Tn) CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Modulo 4: Lavoro al Video Terminale secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA Pagina 1 di 5 Nella scuola sono state individuate ed integrate su indicazione del personale, le seguenti misure di prevenzione e protezione: MISURE ANTINCENDIO E DI EMERGENZA Tutto il personale docente

Dettagli

IL RISCHIO NUCLEARE. Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze

IL RISCHIO NUCLEARE. Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze IL RISCHIO NUCLEARE Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze radioattive o in seguito a esplosioni di centrali o armi nucleari. L'esposizione

Dettagli

Misure di prevenzione Misure di prevenzione. o Aumento distanza dalla fonte.

Misure di prevenzione Misure di prevenzione. o Aumento distanza dalla fonte. LEZIONE 11 Le radiazioni ionizzanti i rischi Particolarità o La loro rilevazione risulta complessa o Necessaria in contesti chimici, sanitari e nucleari. I rischi per la salute dei lavoratori o Apparato

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

Campi elettromagnetici: conoscenze attuali e misure a Pavia

Campi elettromagnetici: conoscenze attuali e misure a Pavia Campi elettromagnetici: conoscenze attuali e misure a Pavia Gli esseri viventi sono da sempre esposti alle radiazioni naturali prodotte dalla Terra, dall atmosfera e dal Sole: raggi cosmici, radiazioni

Dettagli

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni.

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. CAMPO DI APPLICAZIONE Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. FIGURE INTERESSATE Datore di Lavoro Lavoratore

Dettagli

DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione

DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione Effetti biologici delle radiazioni Range, esposizione Dose assorbita, equivalente, efficace Danno biologico Dosi limite e radioprotezione pag.1 Le radiazioni

Dettagli

Ogni persona è esposta alla radioattività naturale derivante da: Radiazioni di origine cosmica che arrivano sulla Terra;

Ogni persona è esposta alla radioattività naturale derivante da: Radiazioni di origine cosmica che arrivano sulla Terra; Ogni persona è esposta alla radioattività naturale derivante da: Radiazioni di origine cosmica che arrivano sulla Terra; Sostanze radioattive naturali presenti nell aria, nell acqua e nel cibo; Sostanze

Dettagli

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica RADIAZIONI PERICOLOSE PER LA SALUTE: VERO O FALSO? 1. Le radiazioni ionizzanti possono danneggiare l organismo dell uomo. Vero. Il danno provocato dalle radiazioni ionizzanti dipende da molti fattori,

Dettagli

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08)

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) SCALE SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) E riconosciuta la conformità delle scale portatili, alle seguenti condizioni: a) le scale portatili siano costruite conformemente alla norma tecnica UNI EN 131

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO VII ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI

D.Lgs. 81/08 TITOLO VII ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro STOP DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC

Dettagli

Viaggio tra le ONDE PER SAPERNE DI PIU

Viaggio tra le ONDE PER SAPERNE DI PIU PER SAPERNE DI PIU Su queste tematiche esiste una notevole pubblicistica, di seguito si segnalano alcuni siti web di valenza istituzionale, che si occupano di salute e di ambiente e quindi anche dell argomento

Dettagli

Davanti al PC - Le ultime novità

Davanti al PC - Le ultime novità Davanti al PC - Le ultime novità Le nuove regole alla luce dei cambiamenti legislativi Le linee guida d'uso dei videoterminali (Decreto 2 ottobre 2000 del Ministero del lavoro e della previdenza sociale)

Dettagli

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE:

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: PRINCIPALI ASPETTI ED ELEMENTI DI CONOSCENZA TERRITORIALE Daniela de Bartolo Settore Aria ed Agenti Fisici U.O. Agenti Fisici ed Energia ARPA Lombardia Sede Centrale Viale

Dettagli

CAMPI ELETTROMAGNETICI

CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI EFFETTI SANITARI Nembro 9 ottobre 2007 Dr. Pietro Imbrogno Dr.ssa Lucia Antonioli Area Dipartimentale SALUTE E AMBIENTE Esposizione ai campi elettromagnetici L umanità è sempre stata

Dettagli

Dispense tratte dal manuale Inail

Dispense tratte dal manuale Inail Dispense tratte dal manuale Inail Relazionare tenendo conto dei seguenti punti: Quali sono i possibili disturbi dovuti al lavoro al videoterminale? Cosa si può fare per evitarli? (posizione del monitor

Dettagli

Addetto al Videoterminale Sett. Amministrativo/Ufficio

Addetto al Videoterminale Sett. Amministrativo/Ufficio 1 Indice LA FIGURA DEL LAVORATORE AI VIDEOTERMINALI... 7 Chi è? 7 Quale formazione? 7 IN BREVE... 8 Le istruzioni per l uso corretto del computer 8 LA LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO... 9 Significato della

Dettagli

LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA

LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA Spettro elettromagnetico Radiazioni termiche: microonde infrarossi Radiazioni ionizzanti: ultravioletti raggi X raggi gamma pag.1 Spettro elettromagnetico (fermi)

Dettagli

SOMMARIO GENERALE. Capitolo 3: Normative sui campi elettromagnetici, Luisa Biazzi Le raccomandazioni internazionali ed europee, le leggi italiane

SOMMARIO GENERALE. Capitolo 3: Normative sui campi elettromagnetici, Luisa Biazzi Le raccomandazioni internazionali ed europee, le leggi italiane SOMMARIO GENERALE INDICE SPECIFICO 2-4 Introduzione generale, Giovanni Bellenda, Rino Pavanello 5-48 Capitolo 1: Principi fisici-interazioni-effetti, Luisa Biazzi Premessa: quale elettrosmog?, fisica dei

Dettagli

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili.

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili. Come utilizzare le scale a mano o portatili. SCALE A MANO NORME GENERALI Bisogna innanzitutto avere presente il concetto che le scale a mano devono servire esclusivamente per lavori assolutamente particolari

Dettagli

RAPPORTO SULLO STATO DELL AMBIENTE DEL COMUNE DI SCANZOROSCIATE 11. LE RADIAZIONI

RAPPORTO SULLO STATO DELL AMBIENTE DEL COMUNE DI SCANZOROSCIATE 11. LE RADIAZIONI 11. LE RADIAZIONI 11.1. Premessa Le radiazioni si distinguono in radiazioni ionizzanti e radiazioni non ionizzanti. Con il termine radiazioni ionizzanti si intendono le radiazioni in grado di rimuovere

Dettagli

CAMPI ELETTROMAGNETICI

CAMPI ELETTROMAGNETICI Riferimenti Normativi Decreto Legislativo 81/2008 come modificato da D. Lgs. 106/09 TITOLO VIII AGENTI FISICI Capo IV Protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a campi elettromagnetici Art. 207

Dettagli

Lavoro al Videoterminale. Ai sensi del D.Lgs. 81/08 Titolo VII Attrezzature munite di VDT

Lavoro al Videoterminale. Ai sensi del D.Lgs. 81/08 Titolo VII Attrezzature munite di VDT Lavoro al Videoterminale Ai sensi del D.Lgs. 81/08 Titolo VII Attrezzature munite di VDT Campo di applicazione (art. 172) Le norme del presente titolo si applicano alle attività lavorative che comportano

Dettagli

Radon e salute. A cura di: Anita Cappello, Martina Greco, Marina Rampinini 20/11/2012. ASL di Milano. Dipartimento di Prevenzione

Radon e salute. A cura di: Anita Cappello, Martina Greco, Marina Rampinini 20/11/2012. ASL di Milano. Dipartimento di Prevenzione Radon e salute A cura di: Anita Cappello, Martina Greco, Marina Rampinini 20/11/2012 ASL di Milano Dipartimento di Prevenzione Struttura semplice dipartimentale Salute e Ambiente Via Statuto 5 20121 Milano

Dettagli

Requisiti e prescrizioni per la sicurezza dei lavoratori

Requisiti e prescrizioni per la sicurezza dei lavoratori Requisiti e prescrizioni per la sicurezza dei lavoratori 32 Requisiti e Prescrizioni di Sicurezza Il D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. indica requisiti e prescrizioni per: - Luoghi di Lavoro; - Uso delle attrezzature

Dettagli

PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI DERIVANTI DALL USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI PREMESSA ORGANIZZAZIONE DELL AREA DI LAVORO

PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI DERIVANTI DALL USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI PREMESSA ORGANIZZAZIONE DELL AREA DI LAVORO PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI DERIVANTI DALL USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI PREMESSA... Lungi dal volere riportare aridamente le prescrizioni in merito all uso di attrezzature munite

Dettagli

VIDEOTERMINALI & SALUTE

VIDEOTERMINALI & SALUTE VIDEOTERMINALI & SALUTE note informative per il personale dell Istituto note informative per il personale dell Istituto Pagina 1 Il presente documento informativo è stato promosso dal Servizio di Prevenzione

Dettagli

La valutazione dei rischi da campi elettromagnetici in ambiente lavorativo

La valutazione dei rischi da campi elettromagnetici in ambiente lavorativo La valutazione dei rischi da campi elettromagnetici in ambiente lavorativo Generalità sui campi elettromagnetici (CEM) Campi elettromagnetici naturali Campo elettrico Campo magnetico Campi elettromagnetici

Dettagli

Prima di ogni impiego è necessario accertare lo stato di conservazione della scala, in particolare:

Prima di ogni impiego è necessario accertare lo stato di conservazione della scala, in particolare: Le scale Opuscolo in materia di Salute e Sicurezza L'impiego di scale portatili, di diverso forma o tipologia, è consuetudine in ogni luogo di lavoro. L'accesso ai ripiani superiori di una scaffalatura,

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

REQUISITI AMBIENTE DI LAVORO

REQUISITI AMBIENTE DI LAVORO LINEE GUIDA PER IL CORRETTO UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI REQUISITI AMBIENTE DI LAVORO Di seguito vengono specificate le precauzioni che debbono essere adottate in funzione dell utilizzo sistematico ed abituale

Dettagli

D.LGS. 81/08 TITOLO VII Art. 172 Campo di applicazione

D.LGS. 81/08 TITOLO VII Art. 172 Campo di applicazione 1 D.LGS. 81/08 TITOLO VII Art. 172 Campo di applicazione Le norme del presente titolo si applicano alle attività lavorative che comportano l uso di attrezzature munite di videoterminali. Non si applicano

Dettagli

I FATTORI DI RISCHIO. Ing. Guido SAULE

I FATTORI DI RISCHIO. Ing. Guido SAULE I FATTORI DI RISCHIO Ing. Guido SAULE I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO I rischi lavorativi presenti negli ambienti di lavoro, in conseguenza dello svolgimento delle attività lavorative in un determinato

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E VIDEOTERMINALI. A cura di: Danilo Monarca e Massimo Cecchini

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E VIDEOTERMINALI. A cura di: Danilo Monarca e Massimo Cecchini CORSO RESPONSABILI DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e dell Accordo tra Stato e Regioni 26 gennaio 2006 MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E VIDEOTERMINALI A cura di:

Dettagli

Radon. un problema per la salute negli ambienti confinati. Centro Regionale per le Radiazioni Ionizzanti e non Ionizzanti

Radon. un problema per la salute negli ambienti confinati. Centro Regionale per le Radiazioni Ionizzanti e non Ionizzanti Radon un problema per la salute negli ambienti confinati Centro Regionale per le Radiazioni Ionizzanti e non Ionizzanti 1 ARPA PIEMONTE Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Piemonte Realizzazione

Dettagli

Analisi Ambientale del Distretto Conciario Toscano. Scheda 3 Inquinamento elettromagnetico

Analisi Ambientale del Distretto Conciario Toscano. Scheda 3 Inquinamento elettromagnetico Analisi Ambientale del Distretto Conciario Toscano Scheda 3 Inquinamento elettromagnetico Indice 1. Basse frequenze... 79 2. RadioFrequenze e MicroOnde... 84 3. Attività ARPAT nel Distretto, Pareri SRB...

Dettagli

Campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici

Campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici Campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici Anna Maria Vandelli Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL Modena SPSAL Sassuolo Campo Elettrico: si definisce campo elettrico il fenomeno fisico che conferisce

Dettagli

Campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici. Anna Maria Vandelli Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL Modena SPSAL Sassuolo

Campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici. Anna Maria Vandelli Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL Modena SPSAL Sassuolo Campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici Anna Maria Vandelli Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL Modena SPSAL Sassuolo Campo Elettrico: si definisce campo elettrico il fenomeno fisico che conferisce

Dettagli

capitolo CAMPI ELETTROMAGNETICI E RADON LE CONDIZIONI AMBIENTALI

capitolo CAMPI ELETTROMAGNETICI E RADON LE CONDIZIONI AMBIENTALI capitolo 16 CAMPI ELETTROMAGNETICI E RADON LE CONDIZIONI AMBIENTALI 16. CAMPI ELETTROMAGNETICI E RADON 16.1 Stazioni radiobase (SRB)...250 16.2 Impianti radiotelevisivi (RTV)...251 16.3 Le reti di trasmissione

Dettagli

COMUNE DI TRIESTE AREA SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI TRIESTE AREA SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI TRIESTE AREA SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE INFORMAZIONE PER LA POPOLAZIONE IN CASO DI SOSTA DI NAVI MILITARI A PROPULSIONE NUCLEARE Trieste, Luglio 2007 INFORMAZIONE PER LA

Dettagli

RISCHI DA CAMPI ELETTROMAGNETICI E SISTEMI WI-FI

RISCHI DA CAMPI ELETTROMAGNETICI E SISTEMI WI-FI RISCHI DA CAMPI ELETTROMAGNETICI E SISTEMI WI-FI PRINCIPALI FONTI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI: ELETTRODOTTI ELETTRODOMESTICI TELEFONIA MOBILE RETI DATI WIRELESS ANTENNE RADIO BC 1 IL CAMPO ELETTRICO È una

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO PIANO DI PRIMO SOCCORSO Squadra di sicurezza In Istituto sono presenti n.18 persone addestrate e formate al Primo Soccorso L addetto di primo soccorso (PS) è una persona formata ed opportunamente addestrata

Dettagli

TU art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza

TU art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole PRIMO SOCCORSO: Aspetti organizzativi 7.13 CORSO DI FORMAZIONE RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA EX D.Lgs. 81/08 Primo soccorso

Dettagli

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI Le radiazioni ionizzanti sono quelle onde elettromagnetiche in grado di produrre coppie di ioni al loro passaggio nella materia (raggi X, raggi gamma, raggi corpuscolari). Le radiazioni non

Dettagli

Paleontologia. Archeologia. Radioisotopi. Industria. Biologia. Medicina

Paleontologia. Archeologia. Radioisotopi. Industria. Biologia. Medicina Paleontologia Industria Radioisotopi Archeologia Medicina Biologia I radioisotopi I radioisotopi (o radionuclidi), sono dei nuclidi instabili che decadono emettendo energia sottoforma di radiazioni, da

Dettagli

Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo -Pavia

Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo -Pavia Effetti biologici derivanti da dall interazione tra fasci laser utilizzati nelle applicazioni industriali ed il corpo umano Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS

Dettagli

LE RADIAZIONI NON IONIZZANTI

LE RADIAZIONI NON IONIZZANTI 3 LE RADIAZIONI NON IONIZZANTI - INTRODUZIONE - LE RADIAZIONI NON IONIZZANTI - GLI EFFETTI SULLA SALUTE UMANA - L ATTIVITA DI CONTROLLO DELL ARPAV - LE SORGENTI RF - ALTA FREQUENZA E IL SETTORE DELLE TELECOMUCAZIONI

Dettagli

ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO

ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO According Dangerous Road è un accordo che regola il trasporto di merci pericolose in tutto il mondo ed è stipulato fra la maggior parte delle nazioni, che devono rispettarlo

Dettagli

Definizione. La terra. Folgorazione. Rischi elettrico. Effetti. Tipi di corrente elettrica. Cavi. Adempimenti Primo Soccorso

Definizione. La terra. Folgorazione. Rischi elettrico. Effetti. Tipi di corrente elettrica. Cavi. Adempimenti Primo Soccorso 1 Tipi di corrente elettrica Rischi elettrico Definizione Cavi La terra Folgorazione Effetti Adempimenti Primo Soccorso 2 Possiamo paragonare la corrente elettrica ad una cascata e l energia trasferita

Dettagli

La radioattività e la datazione al radio-carbonio

La radioattività e la datazione al radio-carbonio 1 Espansione 2.2 La radioattività e la datazione al radio-carbonio Henry Becquerel. I coniugi Pierre e Marie Curie. La radioattività La radioattività è un fenomeno naturale provocato dai nuclei atomici

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI e rischi connessi 2 La struttura dell atomo nucleo elettrone protone neutrone 3 Numero di protoni (e di elettroni)

Dettagli

L inquinamento radioattivo

L inquinamento radioattivo L inquinamento radioattivo È un alterazione dell ambiente prodotta da materiali radioattivi, liberati da malfunzionamento degli impianti nucleari errato stoccaggio delle scorie La radioattività È la tendenza

Dettagli

PROCEDURA 05/B UTILIZZO ERGONOMIA POSTAZIONI VIDEOTERMINALI

PROCEDURA 05/B UTILIZZO ERGONOMIA POSTAZIONI VIDEOTERMINALI PROCEDURA 05/B UTILIZZO ERGONOMIA POSTAZIONI VIDEOTERMINALI ATTREZZATURE Osservazione generale. L'utilizzazione in sé dell'attrezzatura non deve essere fonte di rischio per i lavoratori. Spazio Come indicato

Dettagli

NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO

NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO Anno 2014 Inquadramento del tema L esposizione a campi elettromagnetici (CEM) associata al rischio per la salute rappresenta una

Dettagli

CAPITOLO 1. 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2

CAPITOLO 1. 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2 CAPITOLO 1 LA MEDICINA E L IGIENE DEL LAVORO Sommario 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2 FIGURE E COMPITI DELLA MEDICINA DEL LAVORO Il medico

Dettagli

ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO)

ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO) ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO) Aggiornato il 7 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE...

Dettagli

UTILIZZAZIONE DEI VIDEOTERMINALI

UTILIZZAZIONE DEI VIDEOTERMINALI UTILIZZAZIONE DEI VIDEOTERMINALI Gianluca Sotis (UPP-CNR, Roma) Definizioni (art. 173) Videoterminale: schermo alfa numerico o grafico Per lavoratore che utilizza videoterminali si intende un soggetto

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale Presentazione informativa per chi lavora utilizzando attrezzature munite di videoterminali (VDT) inclusi gli studenti che frequentano il laboratorio didattico informatico. Ai

Dettagli

Fattori di rischio a scuola I^ parte CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.4

Fattori di rischio a scuola I^ parte CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.4 Fattori di rischio a scuola I^ parte Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 1.4 Rischio infortunistico connesso alle strutture Strutture: competenze e normativa Ente proprietario/gestore

Dettagli

SCUOLA e CASA A MISURA DI RADON

SCUOLA e CASA A MISURA DI RADON I.I.S.S. "Alessandro Greppi" PROGETTO SCUOLA e CASA A MISURA DI RADON Responsabile: prof. Valter Giuliani 1. IL PROGETTO IN SINTESI Il radon, gas radioattivo naturale proveniente dal sottosuolo, che non

Dettagli

Procedura di sicurezza Postazioni Videoterminale

Procedura di sicurezza Postazioni Videoterminale LICEO STATALE G. TURRISI COLONNA Procedura di sicurezza Postazioni Videoterminale Revisione: 00 Data: 29/03/2011 1 A emissione OGGETTO Indicazioni riguardanti la corretta gestione delle postazioni di lavoro

Dettagli

Rischi connessi all organizzazione del lavoro e di natura ergonomica: rischio. Tutela delle lavoratrici madri

Rischi connessi all organizzazione del lavoro e di natura ergonomica: rischio. Tutela delle lavoratrici madri MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Rischi connessi all organizzazione del lavoro e di natura ergonomica: rischio connesso all uso dei videoterminali e movimentazione

Dettagli

LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale

LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale Radioattività naturale Sorgenti esterne e sorgenti interne L uomo è sottoposto ad irradiazione naturale dovuta a sorgenti sia esterne che interne. L irradiazione

Dettagli

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni non ionizzanti

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni non ionizzanti Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni non ionizzanti Per questo corso non si consiglia nessun libro di testo t pertanto t il file contiene sia pagine didattiche sia pagine di approfondimento messe a punto

Dettagli

Ing. Massimo Esposito U-SERIES srl - Bologna www.ravenna2014.it

Ing. Massimo Esposito U-SERIES srl - Bologna www.ravenna2014.it Radioattività in casa. Radon e valutazione della qualità ambientale. Decreti, Direttive e il futuro in Italia. Ing. Massimo Esposito U-SERIES srl - Bologna Radioattività naturale in edilizia L esposizione

Dettagli

Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente. Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011

Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente. Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011 Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011 RISCHI SANITARI DA FALL OUT RADIOATTIVO Giampiero Tosi Fall

Dettagli

Corso di Medicina del Lavoro

Corso di Medicina del Lavoro Corso di Medicina del Lavoro Malattie muscoloscheletriche e da agenti fisici Il rischio da Videoterminale Il rischio da Videoterminale 1 of 55 Legislazione Titolo VI del D.lgs. 626/94, che ha recepito

Dettagli