PROTOCOLLO N. 1 PROTOCOLLO OPERATIVO DI PULIZIA PER TIPOLOGIA DI AREA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROTOCOLLO N. 1 PROTOCOLLO OPERATIVO DI PULIZIA PER TIPOLOGIA DI AREA"

Transcript

1 PROTOCOLLO N. 1 PROTOCOLLO OPERATIVO DI PULIZIA PER TIPOLOGIA DI AREA

2 DEFINIZIONI Aree a Basso Rischio (BR): sale d attesa, uffici, segreterie, archivi, scale, servizi igienici, corridoi e aree comuni. Area a Medio Rischio (MR): ambulatori All interno di tutte le tipologie di area, è previsto l utilizzo del sistema a panni e mop preimpregnati, per pavimenti e superfici. PRINCIPI GENERALI Effettuare una corretta pulizia per sfregamento utilizzando panni e mop preimpregnati, per pavimenti e superfici è il metodo più semplice e valido per ottenere la riduzione della carica microbica (anche in presenza di materiale organico visibile) e per facilitare le successive operazioni di disinfezione. Le pulizie devono iniziare dalla zona meno sporca verso quella più contaminata e dall alto verso il basso secondo il seguente ordine: - Uffici - Sala d attesa - atrii, corridoi - servizi igienici - ambulatori Le superfici deterse devono, per quanto possibile, essere asciugate prima della disinfezione (per evitare l eccessiva diluizione del disinfettante). Per specifiche allergie utilizzare appositi detergenti. Utilizzare sempre idonei Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I.) durante le procedure di pulizia. Allo stesso modo ogni panno pluriuso utilizzato per pavimenti o per superfici diverse, dopo l uso, deve essere inviato al lavaggio. In caso di contaminazione con materiale infetto o presunto tale è necessario rimuovere tale materiale con guanti e prodotti monouso (carta), detergere la zona e successivamente disinfettare con ipoclorito di sodio all 1% o altro disinfettante idoneo. I disinfettanti devono essere usati secondo le modalità prescritte (diluizione; preparazione estemporanea ed utilizzo entro 24 ore; tempi di contatto; ecc), conservati nel contenitore originale chiuso e locati in armadio dedicato. 2

3 N.B. Evitare il rabboccamento dei contenitori (sia di detergente, sia di disinfettante) In occasione di trattamenti con prodotti che possono rendere anche solo temporaneamente scivolose le superfici pavimentate, tale situazione dovrà essere evidenziata con l esposizione di segnaletica indicante il pericolo. Decontaminazione: procedura che attraverso l impiego di disinfettanti a concentrazione elevata e per tempi di contatto ben precisi, permette di ottenere una riduzione della carica microbica, che tutela, anche se solo in parte, il personale che dovrà procedere alla successiva detersione. Dopo la decontaminazione, infatti, per le successive operazioni di pulizia dovranno essere adottate, le misure precauzionali di protezione. Scopatura e lavaggio ad umido utilizzando panni e mop preimpregnati, per pavimenti e superfici. Non devono mai essere adottati sistemi di scopatura a secco, per evitare il sollevamento della polvere, con conseguente ricontaminazione microbica delle superfici. A tal fine, non è ammesso l uso di scope in setole di crine o nylon, spazzoloni, spazzolini, stracci comuni per pavimenti, spugne comuni, piumini, segature. Disinfezione: è l operazione che segue la detersione, in grado di abbattere ulteriormente (fino al 99%), anche se temporaneamente, la contaminazione microbica delle superfici. Gli operatori dell impresa devono sempre tenere presente che la pulizia è l asportazione meccanica dello sporco da qualsiasi superficie, ed è l azione preliminare alla disinfezione, e quindi è necessario che i due momenti siano separati. TECNICHE DI LAVORO Spolveratura ad umido degli arredi e superfici panni e mop preimpregnati Utilizzare secchio e panno di colore idoneo in base alla superficie da trattare, il panno deve essere bagnato nella soluzione detergente ed utilizzato ben strizzato al fine di evitare sgocciolature. Nel caso di sporco difficile utilizzare il panno ben intriso di soluzione e procedere ad un secondo passaggio con panno ben strizzato al fine di asciugare la parte detersa. Si ricorda di utilizzare la tecnica di spolveratura secondo schema ad S. Scopatura ad umido o con velina Iniziare la scopatura ad umido dal fondo della stanza convogliando lo sporco verso l ingresso secondo schema ad S, raccoglierlo con apposito scopino e paletta. Utilizzare uno o più panni per ogni locale, raccoglierli in appositi sacchi per l invio al lavaggio o eliminarli nei rifiuti se monouso. 3

4 Detersione del pavimento Utilizzare panni e mop preimpregnati. Riempire il serbatoio dell applicatore di soluzione detergente, azionando il pomolo posto in cima all asta dell applicatore bagnare il panno, procedere alla detersione del pavimento iniziando dal fondo della stanza verso l ingresso secondo schema ad S. Utilizzare uno o più panni (panni e mop preimpregnati )per ogni locale. I panni usati, se multiuso, devono essere raccolti in appositi sacchi ed inviati al lavaggio. N.B.: ATTENZIONE ALLA COMPATIBILITA DEI PRODOTTI DETERGENTI E DISINFETTANTI USATI CON LE ATTREZZATURE E SUPERFICI DA TRATTARE. PRODOTTI DA UTILIZZARE Detergente Detergente Disinfettante Detergente igienizzante per arredi, pavimenti ecc. Detergente a schiuma frenata per lavapavimenti Per pavimenti, pareti, arredi metallici, arredi non metallici Capo I - DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI DI PULIZIA ORDINARIA E PERIODICA La metodica delle operazioni di seguito indicate, dove non specificato, vale per tutte le aree a rischio MEDIO e BASSO. La metodologia nonché le macchine ed i prodotti da impiegare nelle diverse aree di intervento sono così contraddistinte: MR = aree a MEDIO RISCHIO BR = aree a BASSO RISCHIO Gli interventi, che vengono di seguito elencati, dovranno essere eseguiti dagli operatori dell'impresa con particolare riguardo alla tipologia di area interessata ed alle esigenze specifiche delle medesime. A. PULIZIA ORDINARIA QUOTIDIANA B. RISANAMENTO UNA VOLTA L ANNO C. PULIZIA VETRI, INFISSI INTERNI E ESTERNI 4

5 D. PULIZIA VENEZIANE E. SCOPATURA A MACCHINA, INTEGRATA DA INTERVENTI MANUALI NELLE ZONE DI DIFFICLE ACCESSO (CORTILI) E DEL MAGAZZINO Gli operatori dell'impresa, qualora nel corso degli interventi di pulizia, dovessero riscontrare guasti o altri problemi in genere (malfunzionamento di attrezzature, insegne, infissi interni ed esterni, corpi illuminanti, interruttori e prese elettriche, impianti termosanitari, vasca da bagno, doccia, WC, lavabo, bidet, etc. porta-rotoli carta igienica ed altri distributori in genere), dovranno avvertire immediatamente il Responsabile della Struttura, in modo da consentire di ovviare in tempi brevi al guasto o all'inconveniente. A) PULIZIA ORDINARIA QUOTIDIANA Il personale dell'impresa deve eseguire nei locali interessati le sotto elencate operazioni differenziando le metodiche, in relazione alla tipologia di zona (MR, BR): aprire le finestre; pulizia dei cestini e bidoni portarifiuti; pulizia dei posacenere, ove presenti, avendo cura se del caso di rifornirli di sabbia; spolveratura ad umido dei davanzali interni ed esterni (prestando particolare attenzione alle fessure ed ai giunti dove si possono depositare organismi e particelle di polvere); spolveratura ad umido degli elementi di riscaldamento nelle superfici interne ed esterne; spolveratura ad umido delle bocchette dove è presente l impianto di condizionamento; spolveratura ad umido dei corpi illuminanti a muro e degli interruttori elettrici; eliminazione di impronte e macchie dai vetri, specchi, cristalli, porte, maniglie, stipiti; pulizia di scale, balconi, terrazze e corrimano; spolveratura ad umido di tutti gli arredi fissi e mobili presenti nei vari ambienti a seconda della tipologia di zona (tavoli, sedie, armadi, scrivanie, attaccapanni, portaombrelli, estintori, etc.); lavaggio accurato delle rubinetterie e delle piastrelle a muro; lavaggio accurato di tutti i pavimenti (curando i battiscopa, gli angoli e spazi dietro le porte e dietro gli elementi del bagno); deragnatura. METODO: Utilizzare secchio e panno di colore diverso e soluzione idonea: MR = detergente e disinfettante all occorrenza BR = detergente. A.1 Pulizia ordinaria quotidiana degli ambulatori (aree MR): 5

6 panni e mop preimpregnati, per pavimenti e superfici detergente e disinfettante Operazioni. spolveratura ad umido con soluzione detergente di tutte le superfici più soggette al deposito dello sporco (piani di lavoro, tavolini, sedie, mensole, carrelli, scrivanie, lettini visita, armadi, etc.) sciacquare, asciugare e disinfettare; lavaggio accurato del lavandino con prodotti sgrassanti idonei e sciacquare, asciugare e disinfettare; lavaggio accurato della pavimentazione, ponendo particolare cura agli angoli, dietro le porte e sotto ai mobiletti che arredano la sala medica lasciare asciugare e disinfettare. Arredi: tutti gli arredi in zona degenza (comodini, tavoli, sedie, poltrone, telefoni, ecc.). Lettino: tutte le superfici lavabili del lettino del paziente. Porte: lavaggio accurato, lato interno ed esterno, con particolare riguardo alle maniglie e zone adiacenti. Pareti: intervenire sulle zone adiacenti al letto, alle porte ed agli interruttori. Infissi: intervenire sulle maniglie. Interruttori: per motivi di sicurezza il panno deve essere ben strizzato. Passarlo sulla pulsantiera e la parete circostante (almeno per un raggio di 20 cm.) Nel caso di pulsantiere volanti usare le stesse precauzioni ed intervenire anche sui cavi elettrici. Davanzali: intervenire su tutta la superficie. A.2 Pulizia ordinaria quotidiana dei servizi igienici: Il personale dell'impresa provvede: al lavaggio accurato degli accessori (specchi, mensole, portasciugamani, porta sapone, spazzolino WC ecc.) e quindi alla loro disinfezione; a cospargere gli elementi che compongono il servizio igienico: lavabo, vaso del WC, bidet, doccia, vasca da bagno e tutte le mensole e le superfici in ceramica e metalliche, di prodotti idonei all'eliminazione di ossidazione e residui calcarei e quindi procedere al lavaggio di tutte le superfici con prodotti detergenti sgrassanti, sciacquare accuratamente, asciugare, disinfettare e lasciare agire; a cospargere la pavimentazione di soluzione detergente + acqua; lavare con tamponi o pagliette abrasive tutta la superficie, in particolar modo dietro gli elementi del servizio igienico, negli angoli e zoccolature. Lavare la pavimentazione, sciacquare, lasciar asciugare, disinfettare e lasciare agire; 6

7 a lavare e disinfettare eventuali sedie, sgabelli, etc. e risistemarli al proprio posto. A.3 Sanitizzazione zona lavabo (sanitari e superfici sopra i pavimenti) - secchio e panno, tampone abrasivo - detergente e disinfettante - Liberare il locale da tutto ciò che può essere di ingombro. - Dopo avere fornito di carta e sapone i distributori, detergere prima e disinfettare poi con il panno identificato per colore imbevuto nella soluzione disinfettante lavabo e rubinetterie; intervenire sul lavabo ed area adiacente, sulle rubinetterie e sul sifone. - Lavare accuratamente, detergere e disinfettare i rivestimenti murali. - Lavare accuratamente e risciacquare i cestini getta carta e i bidoni portarifiuti e l arredo bagno. Distributori: pulire e lavare i distributori di carta e di sapone. Specchi: dopo il lavaggio asciugare con asciugamani di carta. Vasche, docce: intervenire su tutte le superfici smaltate, le rubinetterie, le aree adiacenti ed eventuali vetri di cabina doccia utilizzando panno intriso di sostanza detergente e sgrassante; sciacquare accuratamente con acqua pulita; lavare e sciacquare le assi o gli sgabelli. Eventuali residui di sporco tenace vanno rimossi con l aiuto di emulsione a basso potere abrasivo. Dopo aver sciacquato e asciugato procedere a disinfezione e non asciugare per permettere l azione residua. A.4 Sanitizzazione zona WC panni e mop preimpregnati, per superficie e per i pavimenti; - detergente e disinfettante - detergere con il panno e disinfettare. Tazza WC parte interna: eliminare i residui presenti nella parte interna del WC con la spazzola; attivare lo sciacquone ed immergere la spazzola per WC nella tazza, versare nella tazza circa 40 cc. di disinfettante puro e dopo aver eseguito la pulizia esterna della tazza (descritta di seguito) sfregare energicamente con la spazzola su tutta la superficie interna e riattivare, dopo 5 minuti, lo sciacquone. Ciò darà modo al prodotto di agire meglio. 7

8 Tazze WC parte esterna: intervenire sul coperchio, sulla lunetta e su tutta la parte esterna e aree adiacenti verticali con detergente e disinfettante. Bidet: utilizzare un panno intriso di sostanza detergente e sgrassante idonea per la pulizia delle superfici smaltate; sciacquare accuratamente con acqua calda tutto il bidet e lavare le pareti circostanti con un panno imbevuto di sostanze detergenti. Procedere a disinfezione delle parti interne ed esterne. Pareti di separazione e/o limitrofe ai WC: pulire con cura, detergere e disinfettare tutta la superficie. Contenitore e spazzola WC: pulire con detergente la spazzola WC ed il relativo contenitore e disinfettare. A.5 Disincrostazione lavabi, rubinetterie, tazze WC tampone abrasivo disincrostante. Non devono essere utilizzate soluzioni a base di acidi forti (cloridrico, nitrico, ecc.). Irrorare la soluzione detergente disincrostante sulle superfici e sfregare con cura. Risciacquare. A.6 Pulizia ordinaria quotidiana degli ascensori: vedi sistema panni e mop preimpregnati, per superficie e per i pavimenti detergente e disinfettante portare l'ascensore al piano per effettuare la pulizia, e, per precauzione, bloccare l'ascensore al piano. spolverare le pareti della cabina; eliminare scritte e macchie sulle pareti e sulle porte con prodotti idonei; raccogliere i rifiuti eventualmente depositati sul pavimento; togliere con la spatola la gomma americana ed ogni residuo eventualmente presente; spolverare i punti luce e le pulsantiere; lavare con panno umido le maniglie e la pulsante; lavare con panno umido di detergente le porte sia interne che esterne a tutti i piani; pulire le guide dell'ascensore per permettere la regolare apertura e chiusura delle porte; 8

9 lavare la pavimentazione con particolare cura degli angoli; attendere che il pavimento sia asciutto per ripristinare il funzionamento dell'ascensore oppure asciugare. A.7 Pulizia ordinaria quotidiana delle scale d'emergenza e non d'emergenza interne: vedi sistema panni e mop preimpregnati, per superficie e per i pavimenti detergente posizionare i cartelli per avvisare il pubblico di pulizia scale; scopare ad umido tutta la scala, rimuovendo con raschietto eventuali tracce di gomma americana, pulendo durante la discesa i davanzali; al pianerottolo sostituire i sacchetti nei contenitori portarifiuti e pulire eventuali posacenere a colonna o a parete e gli eventuali cartelli segnaletici; spolverare e detergere, scendendo, le ringhiere (anche nelle parti inferiori) e il corrimano, sostituendo il panno almeno ad ogni piano. pulire con panno umido e detergente le finestre e le porte dei piani eliminando le impronte e le macchie su maniglie, vetri, intelaiature; lavare con acqua più detergente tutta la scala iniziando dall alto con idoneo attrezzo e soluzione detergente, avendo cura di sostituire il panno almeno ad ogni piano. B) RISANAMENTO UNA VOLTA L ANNO Il personale dell'impresa deve eseguire nei locali interessati le sottoelencate operazioni differenziando le metodiche, come precedentemente descritto, in relazione alla tipologia di zona ( MR, BR): - Sgomberare il locale da tutto ciò che può essere di ingombro (attrezzature ed arredi vari), chiedere in tal senso indicazioni al personale della Committente, e collocare il materiale rimosso nei corridoi od in altri locali; - Aprire le finestre; Spolverare ad umido il soffitto e tutte le superfici dove si deposita la polvere; Lavaggio accurato e risciacquo dei cestini getta carta e dei bidoni portarifiuti e DISINFEZIONE; Lavaggio accurato dei lavandini e relativa rubinetteria con prodotti idonei all'eliminazione delle incrostazioni e dei residui calcarei e sciacquare e DISINFEZIONE;; Lavaggio dei rivestimenti murali e DISINFEZIONE;; Spolveratura ad umido delle bocchette dove è presente l impianto di condizionamento lavaggio e DISINFEZIONE;; Lavaggio dei davanzali interni ed esterni con particolare attenzione alle fessure ed ai giunti dove si possono depositare organismi e particelle di polvere e DISINFEZIONE;; Lavaggio delle porte, stipiti, cardini, maniglie, serrature e DISINFEZIONE;; 9

10 Lavaggio con panno umido delle apparecchiature elettriche, degli interruttori, prese, corpi illuminanti. Questi ultimi vengono lavati a fondo previo lo smontaggio da parte del personale tecnico della Committente e DISINFEZIONE;. Spolveratura ad umido degli estintori; Aspirazione e lavaggio degli elementi di riscaldamento nelle superfici sia interne che esterne; Aspirazione accurata delle griglie di aerazione, eliminazione dello sporco anche mediante l'uso di raschietto, lavaggio accurato; Lavaggio ventole a soffitto e DISINFEZIONE;; Lavaggio accurato di specchi e mensole e DISINFEZIONE;; Spolveratura e lavaggio di tutti gli armadi; Rimozione degli arredi mobili per consentire accurata pulizia sopra e dietro gli stessi, pulizia anche all interno degli stessi, se preventivamente svuotati dal personale della Committente; Lavare accuratamente e quindi trattare con prodotti specifici per la pulizia dell'acciaio le attrezzature fisse in acciaio; Cospargere la pavimentazione di soluzione detergente più acqua; lavare con tamponi o pagliette abrasive tutta la superficie in particolar modo angoli e zoccolature. Lavare la pavimentazione con la monospazzola, aspirare tutta la superficie con particolare riguardo agli angoli, lavare la pavimentazione e DISINFEZIONE;; Spolverare ad umido e/o lavare e quindi disinfettare il materiale, comprese le attrezzature sanitarie asportate dal locale interessato all'intervento e collocate temporaneamente nel corridoio od in altro ambiente e riposizionarle al proprio posto; METODO: B.1 Lavaggio pareti lavabili - pareti piastrellate BR MR: atomizzatore idoneo, idonea attrezzatura, tergivetro aspirante; Prodotti: MR = detergente e disinfettante BR = detergente Macchina: - aspira liquidi Sia per MR che per BR l operazione va eseguita in tre fasi: Coprire le prese elettriche eventualmente presenti con nastro adesivo, distribuire la soluzione detergente sanitizzante (MR) o detergente (BR) con atomizzatore o idonea attrezzatura. Distribuire la soluzione. Asciugare con tergivetro aspirante. B.2 Deragnatura ed aspirazione polvere da pareti e soffitti non lavabili macchina aspiratore 10

11 MR = aspiratore con microfiltro (con capacità filtrante 0,3 micron) e asta telescopica BR = aspiratore con asta telescopica. Non è consentito l uso di spazzole per la rimozione delle ragnatele in quanto rimuovono e non trattengono la polvere delle superfici. L uso dell aspiratore con asta telescopica consente di accedere alle parti alte senza l uso delle scale. Il microfiltro (aree MR) va sostituito almeno ogni 6 mesi. B.3 Aspirazione apparecchi illuminazione, caloriferi, condizionatori, bocchette aerazione, tende veneziane e tende a rullo MR = aspiratore con microfiltro e asta BR = aspiratore con asta. B.4 Lavaggio apparecchi di illuminazione secchio e panno Prodotti: MR = detergente e disinfettante BR = detergente.. L operazione va eseguita con panno ben strizzato avendo cura di intervenire su tutta la superficie dell apparecchiatura ed in particolare su: vetri diffusori interni/esterni, previo smontaggio parabole riflettenti dispositivo di illuminazione (neon, lampade...) Curare in modo particolare l asciugatura con panni asciutti. B.5 Lavaggio caloriferi, condizionatori panno e secchio identificato per colore e aspirapolvere (con microfiltro per MR) Prodotti: MR = detergente e disinfettante BR = detergente Far procedere l aspirazione e lavare con soluzione detergente e panno identificato per colore, eliminando a fine operazione i segni di gocciolature del pavimento. Caloriferi vanno puliti con panno umido; almeno una volta all'anno tutti i termosifoni ed i vari elementi di riscaldamento (salvo i termoconvettori) devono essere lavati con acqua e detergente, preferibilmente nel periodo estivo per evitare la rapida asciugatura della soluzione lavante, comunque in occasione dell'intervento di risanamento. B.6 Aspirazione e lavaggio meccanico pavimenti (grandi superfici: bagni ecc.) 11

12 Aspiratore Monospazzola Lavasciuga detergente. Nei corridoi e nelle aree comuni libere effettuare il lavaggio con lavasciuga e monospazzola e prodotto detergente. Ciò consente di non interrompere il traffico per pavimento bagnato. B.7 Servizi igienici: Il personale dell Impresa, provvede a: lavare accuratamente specchi, mensole, portasciugamani, porta sapone; lavare le pareti a tutta altezza e disinfettare cospargere tutte le superfici in ceramica e metalliche di lavabo, vaso del WC, bidet, doccia, vasca da bagno con prodotti idonei all'eliminazione di ossidazione e residui calcarei. Procedere quindi con il lavaggio di tutte le superfici con prodotti detergenti sgrassanti, sciacquare accuratamente, asciugare, disinfettare e lasciare agire. cospargere la pavimentazione di soluzione detergente + acqua; lavare con tamponi o pagliette abrasive tutta la superficie, in particolar modo dietro gli elementi del servizio igienico, negli angoli e zoccolature. Lavare la pavimentazione con particolare riguardo ai battiscopa, agli angoli e dietro gli elementi dei servizi igienici. Sciacquare, lasciare asciugare, disinfettare e lasciare agire. lavare e disinfettare eventuali sedie, sgabelli, etc. e risistemarli al proprio posto. METODO: B.7.1. Pulizia zona lavabo (sanitari e superfici sopra i pavimenti e pareti) secchio e panno, tampone abrasivo detergente e disinfettante liberare il locale da tutto ciò che può essere di ingombro. dopo avere fornito di carta e sapone i distributori, detergere prima e disinfettare poi con il panno identificato per colore imbevuto nella soluzione disinfettante lavabo e rubinetterie; intervenire sul lavabo ed area adiacente, sulle rubinetterie e sul sifone. lavare accuratamente, detergere e disinfettare i rivestimenti murali. lavare accuratamente e risciacquare i cestini gettacarta e i bidoni portarifiuti e l arredo bagno. Distributori: pulire e lavare i distributori di carta e di sapone. Specchi: dopo il lavaggio asciugare con asciugamani di carta. 12

13 Vasche, docce: intervenire su tutte le superfici smaltate, le rubinetterie, le aree adiacenti ed eventuali vetri di cabina doccia utilizzando panno intriso di sostanza detergente e sgrassante; sciacquare accuratamente con acqua pulita; lavare e sciacquare. Eventuali residui di sporco tenace vanno rimossi con l aiuto di emulsione a basso potere abrasivo. Dopo aver sciacquato e asciugato, procedere alla disinfezione e non asciugare per permettere l azione residua. B.7.2. Sanitizzazione zona WC secchio e panno detergente e disinfettante detergere con il panno e disinfettare. Tazza WC parte interna: eliminare i residui presenti nella parte interna del WC con la spazzola; attivare lo sciacquone ed immergere la spazzola per WC nella tazza. Versare nella tazza circa 40 cc. di disinfettante puro e dopo aver eseguito la pulizia esterna della tazza (descritta di seguito) sfregare energicamente con la spazzola su tutta la superficie interna e riattivare, dopo 5 minuti, lo sciacquone. Ciò darà modo al prodotto di agire meglio. Tazza WC parte esterna: intervenire sul coperchio, sulla lunetta e su tutta la parte esterna e aree adiacenti verticali con detergente e disinfettante. Bidet: utilizzare un panno intriso di sostanza detergente e sgrassante idonea per la pulizia delle superfici smaltate; sciacquare accuratamente con acqua calda tutto il bidet e lavare le pareti circostanti con un panno imbevuto di sostanze detergenti. Procedere alla disinfezione delle parti interne ed esterne. Pareti di separazione e/o limitrofe ai WC: pulire con cura, detergere e disinfettare tutta la superficie. Contenitore e spazzola WC: pulire con detergente la spazzola WC ed il relativo contenitore e disinfettare. B.7.3. Disincrostazione lavabi, rubinetterie, tazze WC tampone abrasivo. 13

14 disincrostante. Non devono essere utilizzate soluzioni a base di acidi forti (cloridrico, nitrico, ecc.). Irrorare la soluzione detergente disincrostante sulle superfici e sfregare con cura. Risciacquare. B.8 Pulizia davanzali, verande, corridoi ed atrii: vedi sistema panni e mop preimpregnati per i pavimenti e superfici. Macchine: lavasciuga Prodotti: detergente sgrassante. Eliminare eventuali residui organici dai davanzali, dalla ringhiera, dai corrimano, da eventuali pareti divisorie e dalla pavimentazione con particolare attenzione alle fessure ed ai giunti dove si possono depositare organismi e particelle di polvere; Lavare ad umido la ringhiera, le eventuali pareti divisorie e la pavimentazione; Eliminare le impronte dalle porte, maniglie e stipiti; Lavare le porte ed infissi in genere e spolverare ad umido i corpi illuminanti. Pulire le superfici lavabili, la segnaletica, i paracolpi; Aspirare zerbini e tappeti negli ingressi, e aver cura di aspirare il pavimento sottostante; Nei balconi e terrazze provvedere all'eliminazione di eventuali residui organici dai davanzali, dalla ringhiera, da eventuali pareti divisorie e dalla pavimentazione con particolare attenzione alle fessure ed ai giunti dove si possono depositare organismi e particelle di polvere Liberare gli ambienti dagli arredi eventualmente presenti (tavolini e sedie), prima di iniziare la fase di lavaggio del pavimento; Lavare accuratamente la pavimentazione con l'ausilio di lavasciuga se gli spazi lo consentono; Lavare i battiscopa presenti lungo i corridoi, balconi, sale attesa, atrii, con particolare cura agli angoli, zone dietro le porte e sotto sedie, arredi vari ed elementi di riscaldamento; Lavare i rivestimenti murali. B.9 Ascensori vedi sistema panni e mop preimpregnati per i pavimenti e superfici. Prodotti: detergente e disinfettante 14

15 portare l'ascensore al piano per effettuare la pulizia, e per precauzione, bloccare l'ascensore al piano. spolverare le pareti della cabina; eliminare scritte e macchie sulle pareti e sulle porte con prodotti idonei; raccogliere i rifiuti eventualmente depositati sul pavimento; togliere con la spatola la gomma americana ed ogni residuo eventualmente presente; spolverare i punti luce e le pulsantiere; lavare con panno umido le maniglie e la pulsanteria; lavare con panno umido di detergente le porte sia interne che esterne a tutti i piani, sciacquare, asciugare e disinfettare; pulire le guide dell'ascensore per permettere la regolare apertura e chiusura delle porte; lavare con detergente la pavimentazione con particolare cura degli angoli, sciacquare, asciugare e disinfettare; attendere che il pavimento sia asciutto per ripristinare il funzionamento dell'ascensore; B.10 Scale d'emergenza e non d'emergenza interne ed esterne: vedi sistema panni e mop preimpregnati per i pavimenti e superfici. detergente e disinfettante posizionare i cartelli per avvisare il pubblico di pulizia scale; scopare tutta la scala, rimuovendo con raschietto eventuali tracce di gomma americana od altro tipo di sporco, pulendo durante la discesa i davanzali; al pianerottolo sostituire i sacchetti nei contenitori portarifiuti e pulire eventuali posacenere a colonna o a parete; spolverare accuratamente tutte le pareti ed il soffitto della tromba delle scale; pulire con panno umido e detergente le finestre e le porte dei piani eliminando le impronte su maniglie, vetri, intelaiature; lavare e disinfettare, scendendo, le ringhiere (anche nelle parti inferiori) ed il corrimano, sostituendo almeno ad ogni piano il panno; lavare con acqua e detergente e disinfettare la scala (alzata e pedata, zoccolature con particolare riguardo agli angoli e dietro le porte) avendo cura di utilizzare sostanze idonee al materiale di costruzione. C) PULIZIA DEI VETRI, DEGLI INFISSI E PARETI VETRATE La parte esterna delle grandi vetrate dovrà essere effettuata 1 volta all anno, mentre quella interna quattro volte l anno. METODO: Pulizia vetri ed infissi (interni ed esterni) ed eventuali zanzariere. 15

16 Deve essere eseguita dagli operatori dell Impresa in due fasi: INFISSI: Spolveratura accurata del telaio dall'infisso Lavaggio dell'intelaiatura interna ed esterna a tutta altezza con assorbente intriso di detergente. Asciugatura con panno. panno VETRI:Lavaggio dei vetri delle finestre, dei vetri divisori, dei vetri delle porte sulle due facciate e ogni qualsiasi vetro o divisore in plexiglass (in ogni e qualsiasi locale e/o zona inclusa nell'appalto) con panno assorbente intriso di detergente sgrassante preferibilmente neutro al fine di non intaccare i serramenti Asciugatura e lucidatura. La pulizia dei vetri e dei davanzali delle finestre dal lato esterno dovrà avvenire mediante l'impiego di ponteggi mobili o altri analoghi mezzi. Il personale dell'impresa dovrà fare uso di cinture di sicurezza omologate, scale a sgabello (tre gradini), scale telescopiche ed eventualmente ponteggi. secchio con vello, panno sintetico assorbente e tergivetro aspirante o tergivetro; Macchina: aspiraliquidi (se usato il tergivetro-aspirante) Prodotti: - MR = detergente preferibilmente di tipo alcolico - BR = detergente preferibilmente di tipo alcolico. N.B.: Le attrezzature per la pulizia dei vetri dovranno permanere sul posto per il tempo strettamente necessario all'attività di pulizia ed andranno comunque rimosse nel più breve tempo possibile; le predette operazioni devono essere rinviate in caso di pioggia o maltempo, che possano compromettere e rendere vana la prestazione stessa. D) PULIZIA DELLE VENEZIANE La pulizia delle veneziane dovrà essere effettuata 2 volta all anno. METODO: Pulizia veneziane Gli operatori dell Impresa debbono procedere nel seguente modo: BR e MR = detergente Veneziane : - Spolverare la testata e le singole lamelle ad una ad una. - Lavare e asciugare la testata e le singole lamelle ad una ad una o il rullo. È peraltro preferibile che le veneziane e tende a rullo siano smontate per essere lavate in vasca. In ogni caso aver cura durante il lavaggio di non bagnare le 16

17 parti metalliche dove si trovano gli ingranaggi che potrebbero essere soggetti a formazione di ruggine. - Le veneziane e tende a rullo smontate dovranno essere correttamente rimontate al loro posto dopo la pulizia. E) SCOPATURA A MACCHINA, INTEGRATA DA INTERVENTI MANUALI NELLE ZONE DI DIFFICILE ACCESSO (CORTILI) E DEL MAGAZZINO METODO: Il personale dell'impresa deve eseguire nelle zone interessate e con le frequenze indicate le sottoelencate operazioni: asportare da dette zone tutto il materiale costituente la normale o stagionale caduta delle piante e degli arbusti, foglie, aghi delle conifere intervenendo con apposita macchina, e, ad integrazione, manualmente in caso di zone anguste e di difficile accesso per eliminare lo sporco grossolano nei parcheggi, nelle vie di accesso, nei cunicoli e nelle intercapedini; pulire e disintasare i tombini; pulire i tappeti presenti all'interno e all'esterno degli ingressi. MAGAZZINO: da pulire quattro volte all anno AREE ESTERNE (FRONTE INGRESSO): da pulire quattro tutti i giorni AREE ESTERNE (RAMPA): da pulire quattro volte all anno Gli operatori dell'impresa dovranno pulire quattro volte l anno il magazzino e dovranno essere dotati di: motospazzatrice (sempre in caso di pulizia dei parchi, di cortili e/o altri ampi spazi) scope carriole aspiratori elettrici per pulitura zerbini TABELLA RIASSUNTIVA INTERVENTI E CALENDARIZZAZIONE AREA PRIMO PIANO AMBULATORI UFFICI, SERVIZI IGIEN., AREE TRANS. E COMUNI A PUL. ORD. B RISAN. C VETRI, INT. C VETRI, EST. D VENEZ. E SC. MAN. E A MACCH. 1G 1A 4A 1A 2A / SCALE 1G 1A 4A / / / AREE ESTERNE - FRONTE / / / / / 1G 17

18 * è prevista la un risanamento annuale e la spalatura neve per un totale circa di 20 ore annue LEGENDA: DESCRIZIONE INTERVENTI A: Pulizia ordinaria quotidiana B: Risanamento C: Pulizia vetri e infissi interni e esterni D: Pulizia veneziane E: Scopatura manuale e a macchina FREQUENZA INTERVENTI G: giorno S: settimana M: mese A: anno 18

PROTOCOLLO N. 1 PROTOCOLLO OPERATIVO DI PULIZIA PER TIPOLOGIA DI AREA

PROTOCOLLO N. 1 PROTOCOLLO OPERATIVO DI PULIZIA PER TIPOLOGIA DI AREA PROTOCOLLO N. 1 PROTOCOLLO OPERATIVO DI PULIZIA PER TIPOLOGIA DI AREA DEFINIZIONI Aree a Basso Rischio (BR): uffici, segreterie, archivi, magazzini, servizi igienici corridoi e aree comuni. All interno

Dettagli

ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione

ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione REGIONE CALABRIA Azienda Ospedaliera Bianchi Melacrino Morelli ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione Servizio pulizie - ALLEGATO N 2 Pagina 1 di 6 PULIZIA GIORNALIERA AREE AD ALTO RISCHIO 1 Servizi

Dettagli

Allegato 3 - ELENCO PRESTAZIONI DI PULIZIA E RELATIVE FREQUENZE DI INTERVENTO

Allegato 3 - ELENCO PRESTAZIONI DI PULIZIA E RELATIVE FREQUENZE DI INTERVENTO Allegato 3 - ELENCO PRESTAZIONI DI PULIZIA E RELATIVE FREQUENZE DI INTERVENTO LEGENDA: il numero indicato prima della indica la frequenza nel periodo considerato; la colonna gg/sett. indica i giorni lavorativi

Dettagli

SEDE MUNICIPALE PIAZZA UMBERTO I (Servizio a canone)

SEDE MUNICIPALE PIAZZA UMBERTO I (Servizio a canone) SEDE MUNICIPALE PIAZZA UMBERTO I (Servizio a canone) N. ORARIO D UFFICIO LUNEDÌ, MERCOLEDI, VENERDI 8:00 14:00 MARTEDI: 8:00 13:00 14:00 18:30 GIOVEDÌ: 8.00-13.00; 14.00-17.30 SABATO: 8.00-13.00 SUPERFICI

Dettagli

INTERVENTO DI TIPO 1 (PER COMPLESSIVI METRI QUADRI 5.730 CIRCA)

INTERVENTO DI TIPO 1 (PER COMPLESSIVI METRI QUADRI 5.730 CIRCA) ALLEGATO E1 INTERVENTO DI TIPO 1 (PER COMPLESSIVI METRI QUADRI 5.730 CIRCA) PRESTAZIONI DA EFFETTUARSI CON CADENZA GIORNALIERA: - pulizia/lavaggio di pavimenti, scale e vani elevatori (con esclusione delle

Dettagli

PULIZIE ORDINARIE PULIZIE PERIODICHE

PULIZIE ORDINARIE PULIZIE PERIODICHE Allegato 1a PULIZIE ORDINARIE PULIZIE PERIODICHE PULIZIE ORDINARIE AREE ESTERNE (AREA 01) (carta, foglie, mozziconi di sigaretta, lattine, ecc.) Svuotatura dei contenitori per rifiuti e sostituzione sacco

Dettagli

COMUNE DI LECCO. Settore finanziario, società partecipate gare e contratti Servizio economato e provveditorato

COMUNE DI LECCO. Settore finanziario, società partecipate gare e contratti Servizio economato e provveditorato COUNE DI LECCO ettore finanziario, società partecipate gare e contratti ervizio economato e provveditorato ALLEATO C CHEDE DI PULIZIA ED IIENE ABIENTALE LEENDA. = Tutti i giorni (da lunedì a venerdì più

Dettagli

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Il presente documento descrive le procedure per la pulizia e sanificazione ambientale dell Azienda Ospedaliera. Le imprese concorrenti potranno

Dettagli

UFFICIO TECNICO COMUNALE

UFFICIO TECNICO COMUNALE UFFICIO TECNICO COMUNALE COMUNE DI TRIGGIANO P.IVA: 00865250724 - Tel. 0804628.206 - Fax: 0804628.203 e-mail: llpp@comune.triggiano.bari.it SERVIZIO DI PULIZIA IMMOBILI COMUNALI, CUSTODIA E MANUTENZIONE

Dettagli

Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À

Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali C O M U N E di AMALFI U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À R E L A Z I O N E T E C N I C A P E R I L S E R V I Z I O D I P U

Dettagli

Aree ad uso ufficio differenti dal livello dirigenziale generale

Aree ad uso ufficio differenti dal livello dirigenziale generale ALLEGATO A APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA ORDINARIA DELLE SEDI DEL MIPAAF - CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO - ELENCO SEDI E RELATIVE SUPERFICI (IN MQ) DISTINTE PER TIPOLOGIA DESCRIZIONE

Dettagli

TIPOLOGIA LOCALI, PRESTAZIONI DI PULIZIA, SPECIFICHE TECNICHE E FORNITURA ACCESSORI E MATERIALE.

TIPOLOGIA LOCALI, PRESTAZIONI DI PULIZIA, SPECIFICHE TECNICHE E FORNITURA ACCESSORI E MATERIALE. TIPOLOGIA LOCALI, PRESTAZIONI DI PULIZIA, SPECIFICHE TECNICHE E FORNITURA ACCESSORI E MATERIALE. Indice: 1 TIPOLOGIA LOCALI E OPERAZIONI DI PULIZIA... 3 1.1 SERVIZI IGIENICI/SPOGLIATOI:...3 1.1.1 FORNITURE

Dettagli

Schede di intervento pulizie

Schede di intervento pulizie CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO per l esecuzione del servizio di pulizie civili, facchinaggio, disinfestazione e derattizzazione presso il Gruppo IREN Lotto 2 - ALLEGATO 2 Schede di intervento pulizie Torino,

Dettagli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli Protocollo di pulizia per l'asilo Nido II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli standard che dovranno essere rispettati al fine di assicurare l'adeguata pulizia dell'asilo

Dettagli

ALLEGATO P8 NORME E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PULIZIE

ALLEGATO P8 NORME E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PULIZIE ALLEGATO P8 NORME E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PULIZIE L esecuzione delle pulizie dovrà avvenire con il supporto di mezzi, tecniche e personale, in grado di garantire un elevato standard di igiene. Le

Dettagli

Pulizia e Sanificazione Ambienti

Pulizia e Sanificazione Ambienti P-E03 Rev. 2 Pag. 1 di 8 SCOPO E APPLICABILITA DEL DOCUMENTO Il presente documento descrive le modalità con le quali viene erogato il servizio di pulizia e sanificazione degli ambienti presso Fondazione

Dettagli

(ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI)

(ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI) (ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI) Tabella A - Quantificazione aree su cui effettuare il servizio Tipologia

Dettagli

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI Casa di Cura Villa delle Querce LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI PREMESSA Le pulizie e la sanificazione degli ambienti sanitari rivestono un ruolo importante non solo per il significato

Dettagli

ALLEGATO 1A DESCRIZIONI DELLE PRESTAZIONI

ALLEGATO 1A DESCRIZIONI DELLE PRESTAZIONI ALLEGATO 1A DESCRIZIONI DELLE PRESTAZIONI A1 - UFFICI SALE RIUNIONI AULE INFORMATIZZATE ARCHIVI CORRENTI DI PIANO BIBLIOTECHE UFFICIO CASSA SALA MEDICA* UFFICIO INFORMAZIONE E PASSI BOX VIGILANZA - SPOGLIATOI

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. Servizio di Pulizia e Sanificazione Ambienti degli Istituti Riuniti di Assistenza S. Giovanni Battista di Chieti CIG 52983798A9

CAPITOLATO TECNICO. Servizio di Pulizia e Sanificazione Ambienti degli Istituti Riuniti di Assistenza S. Giovanni Battista di Chieti CIG 52983798A9 CIG 529898A9 AREE AD ALTO GRADO DI DETERIORAMENTO RIEPILOGO PRESTAZIONI E FREQUENZE SUGGERITE PRELIMINARI svuotatura cestini e posacenere raccolta rifiuti PAVIMENTI scopatura ad umido aspirazione zerbini

Dettagli

Piano Interrato. Piano terra: Piano primo: Piano secondo: Di seguito si descrivono le operazioni e le frequenze delle stesse: Operazioni giornaliere

Piano Interrato. Piano terra: Piano primo: Piano secondo: Di seguito si descrivono le operazioni e le frequenze delle stesse: Operazioni giornaliere ALLEGATO A al Capitolato Speciale di Gara Servizio di pulizia e disinfezione giornaliera integrato da lavori periodici di pulizia a fondo. I centri servizio oggetto del presente appalto sono: Residenza

Dettagli

Operazioni di Pulizia Ordinaria Relative alle Diverse Zone e alle Attrezzature

Operazioni di Pulizia Ordinaria Relative alle Diverse Zone e alle Attrezzature COMUNE DI CASTELNUOVO SCRIVIA Provincia di Alessandria SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Allegato N. 5 Operazioni di Pulizia Ordinaria Relative alle Diverse Zone e alle Attrezzature 1 1 DEFINIZIONE DELLE

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BRERA MANSIONARIO

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BRERA MANSIONARIO annuali trimestrali giornalieri MANSIONARIO GARA D APPALTO RELATIVA AD UN CONTRATTO ANNUALE PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO LE SEDI DELL CIG n. 707405BC. Le sedi indicate saranno oggetto delle attività

Dettagli

Comune di VANZAGO. Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA

Comune di VANZAGO. Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Comune di VANZAGO Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Marzo

Dettagli

ALLEGATO C DISCIPLINARE TECNICO RELATIVO ALLE OPERAZIONI E FREQUENZA DI PULIZIA.

ALLEGATO C DISCIPLINARE TECNICO RELATIVO ALLE OPERAZIONI E FREQUENZA DI PULIZIA. Procedura Aperta per l affidamento del servizio di pulizia, sanificazione e sanitizzazione dei presidi ospedalieri e strutture territoriali dell Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro. ALLEGATO C DISCIPLINARE

Dettagli

Protocollo pulizia e sanificazione ambientale

Protocollo pulizia e sanificazione ambientale Revisione Redazione Verifica e controllo Approvazione Coord. di Struttura Direttore di Struttura dott. Franca Chiasera Luigi Ferrari Revisione 00 1 edizione aprile 09 Medico coord. sanitario dott. Nina

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA GIORNALIERA, PERIODICA E SANIFICAZIONE DELLE STRUTTURE ASL AVELLINO CIG: 5508909F81

SERVIZIO DI PULIZIA GIORNALIERA, PERIODICA E SANIFICAZIONE DELLE STRUTTURE ASL AVELLINO CIG: 5508909F81 REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO Via degli Imbimbo 10/12 83100 Avellino www.aslavellino.it Dr.ssa Emilia Vozzella Dr.ssa Sabatina D Andrea ALLEGATO A) al Capitolato Speciale d Appalto

Dettagli

ALLEGATO 1 A ELENCO DELLE PRESTAZIONI DA ESEGUIRE

ALLEGATO 1 A ELENCO DELLE PRESTAZIONI DA ESEGUIRE ALLEATO 1 A ELENCO DELLE PRETAZIONI DA EEUIRE 1 ERVIZIO DI PULIZIA A RIDOTTO IPATTO ABIENTALE PER LE EDI DELI UFFICI DI ÆUA ROA.P.A. Il servizio di pulizia proposto si riferisce ad unità tipologiche differenziate

Dettagli

COMUNE DI LIVORNO U.O.VA ATTIVITA EDUCATIVE Uff. Ristorazione, Arredi e Logistica servizi ausiliari esterni

COMUNE DI LIVORNO U.O.VA ATTIVITA EDUCATIVE Uff. Ristorazione, Arredi e Logistica servizi ausiliari esterni COMUNE DI LIVORNO U.O.VA ATTIVITA EDUCATIVE Uff. Ristorazione, Arredi e Logistica servizi ausiliari esterni Allegato n. 4 SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA E STRAORDINARIA

Dettagli

UOC DAIORT Direzione Assistenza Infermieristica Ostetrica Riabilitativa e Tecnica. Procedura di pulizia e sanificazione della Morgue

UOC DAIORT Direzione Assistenza Infermieristica Ostetrica Riabilitativa e Tecnica. Procedura di pulizia e sanificazione della Morgue UOC DAIORT Direzione Assistenza Infermieristica Ostetrica Riabilitativa e Tecnica Procedura di pulizia e sanificazione della Morgue Gruppo di Lavoro CPSE- I DAIORT : Dr.ssa Liana Nanni CPSE-I DAIORT :

Dettagli

Allegato B al Capitolato

Allegato B al Capitolato Allegato B al Capitolato ROSSO ARANCIONE 1 ARANCIONE 2 GIALLO Aree trapianto, alto isolamento, sale operatorie, presale, sala lavaggio antisettico mani e sale induzione risveglio, percorso pulito, corridoi

Dettagli

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Gruppo Operativo per la Lotta alle Infezioni Ospedaliere Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Data 1^ stesura: 02:07.98 Edizione: 1 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO AUTORI: Gruppo

Dettagli

Gara per la fornitura del Servizio Mensa per i minori ospiti dell Istituto Penale Minorenni e del Centro Prima Accoglienza di Milano

Gara per la fornitura del Servizio Mensa per i minori ospiti dell Istituto Penale Minorenni e del Centro Prima Accoglienza di Milano Gara per la fornitura del Servizio Mensa per i minori ospiti dell Istituto Penale Minorenni e del Centro Prima Accoglienza di Milano ALLEGATO 5 AL CAPITOLATO SPECIFICHE TECNICHE DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA

Dettagli

ISTRUZIONE DI LAVORO: SANIFICAZIONE AMBIENTALE

ISTRUZIONE DI LAVORO: SANIFICAZIONE AMBIENTALE Azienda Ospedaliero - Universitaria Careggi - Viale Pieraccini, 17-50139 FIRENZE Servizio Infermieristico Ostetrico Aziendale Pag. 1 di 26 SOMMARIO 1 SCOPO...2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3 RIFERIMENTI...2

Dettagli

ALLEGATO 1/A AL CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ANNO 2007 SERVIZI DI PULIZIA ORDINARIA PRESSO LE SEDI DELL ACCADEMIA DI BRERA

ALLEGATO 1/A AL CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ANNO 2007 SERVIZI DI PULIZIA ORDINARIA PRESSO LE SEDI DELL ACCADEMIA DI BRERA ALLEGATO 1/A AL CAPTOLATO SPECALE D'APPALTO ANNO 2007 SERVZ D PULZA ORDNARA PRESSO LE SED SPAZ AMMNSTRATV 1 Asportazione delle ragnatele. NTERVENT QUOTDAN 2 3 4 5 aperte). Particolare attenzione deve essere

Dettagli

Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico GAETANO MARTINO Messina SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA. Allegato n.

Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico GAETANO MARTINO Messina SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA. Allegato n. Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico GAETANO MARTINO Messina SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D ONERI INDICE - 1 Definizione

Dettagli

Allegato n. 4 SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA

Allegato n. 4 SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Allegato n. 4 SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Aprile 2014 1 Sommario DEFINIZIONE DELLE AREE (NOTE)... 4 DEFINIZIONE DEI TRATTAMENTI (NOTE)... 5 SEZIONE 1 - OPERAZIONI

Dettagli

DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO

DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO ALLEATO 2 lotto 1 Modugno (BA) DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OETTO DELL APPALTO Tabella A - Quantificazione aree su cui effettuare il servizio PIANO TERRA Tipologia di aree Descrizione

Dettagli

Gara per la fornitura del Servizio di Ristorazione per la Mensa Obbligatoria di Servizio per il personale di Polizia Penitenziaria

Gara per la fornitura del Servizio di Ristorazione per la Mensa Obbligatoria di Servizio per il personale di Polizia Penitenziaria Gara per la fornitura del Servizio di Ristorazione per la Mensa Obbligatoria di Servizio per il personale di Polizia Penitenziaria ALLEGATO 5 AL CAPITOLATO SPECIFICHE TECNICHE DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA

Dettagli

ALLEGATO J1) Frequenze A B C D E F G giorn sett. mens. bim. sem. ann. 2. Ambienti destinazioni Ambienti destinazioni Interventi previsti

ALLEGATO J1) Frequenze A B C D E F G giorn sett. mens. bim. sem. ann. 2. Ambienti destinazioni Ambienti destinazioni Interventi previsti ALLEGATO J) Ambienti destinazioni Ambienti destinazioni Interventi previsti Pavimenti piastrelle, linoleum, di tutti gli ambienti materiale versato sul pavimento. Lavaggio manuale con prodotti detergenti

Dettagli

Comune di Castelfidardo

Comune di Castelfidardo Allegato A1 LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui) PERIODICITA PULIZIA: Pulizie giornaliere di tutti i locali: a) aspirazione/battitura

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO MULTISERVICE (PULIZIA, PORTIERATO FACCHINAGGIO) PER UFFICI COMUNALI

PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO MULTISERVICE (PULIZIA, PORTIERATO FACCHINAGGIO) PER UFFICI COMUNALI PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO MULTISERVICE (PULIZIA, PORTIERATO FACCHINAGGIO) PER UFFICI COMUNALI PROGETTO TECNICO e INSERIMENTO SOCIO - LAVORATIVO LOTTO 2 SOGGETTO PARTECIPANTE. Progetto Tecnico -

Dettagli

ANALISI PREZZO N A1 A) PULIZIA GIORNALIERA

ANALISI PREZZO N A1 A) PULIZIA GIORNALIERA A) PULIZIA GIORNALIERA ANALISI PREZZO N A1 - Spazzatura dei pavimenti di tutti gli ambienti, comprese le scale, i servizi igienici con esclusione dei pavimenti dei locali cantinati e archivi. Costo mano

Dettagli

Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria.

Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria. Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria. ALLEGATO 5 AL CAPITOLATO SPECIFICHE TECNICHE DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO 1

CAPITOLATO TECNICO 1 CAPITOLATO TECNICO 1 1 DEFINIZIONI A. Per Struttura Complessa (denominata S.C.) s intende qualsiasi ripartizione organizzativa provvista di un Responsabile. B. Per Rappresentante della Direzione Sanitaria

Dettagli

PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE Settore Alberghiero

PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE Settore Alberghiero PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE Settore Alberghiero 1. PRINCIPIO: PER LA PULIZIA : Il vapore saturo secco generato da una caldaia sotto pressione (da 4 a 7 bar) ad una temperatura fino a 160 C possiede

Dettagli

Progetto dell appalto - art. 279 D.P.R. 207/2010

Progetto dell appalto - art. 279 D.P.R. 207/2010 Procedura aperta per l'affidamento del servizio di Pulizia del Museo Nazionale dell Automobile Avv. Giovanni Agnelli, Corso Unità d Italia 40, 10126 Torino Entità complessiva dell appalto 390.000,00 oltre

Dettagli

LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui)

LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui) Allegato A1 LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui) PERIODICITA PULIZIA: Pulizie giornaliere di tutti i locali: a) aspirazione/battitura

Dettagli

ASSEGNAZIONE INCARICO PER LA GESTIONE DELL'ATTIVITA' DI PULIZIA DEI LOCALI DELLA SCUOLA ALBERGHIERA CITTA' DI LAVAGNA

ASSEGNAZIONE INCARICO PER LA GESTIONE DELL'ATTIVITA' DI PULIZIA DEI LOCALI DELLA SCUOLA ALBERGHIERA CITTA' DI LAVAGNA ASSEGNAZIONE INCARICO PER LA GESTIONE DELL'ATTIVITA' DI PULIZIA DEI LOCALI DELLA SCUOLA ALBERGHIERA CITTA' DI LAVAGNA Lavagna Sviluppo s.c.r.l. intende assegnare incarico, concludendo apposito contratto,

Dettagli

Pagina 1. UFFICI Aspirazione / battitura pavimenti tessili, stuoie, zerbini giornaliera

Pagina 1. UFFICI Aspirazione / battitura pavimenti tessili, stuoie, zerbini giornaliera Pagina 1 SCHEDA TECNICA INTERVENTI elaborata per la gara di pulizia dei nuovi locali della sezione distaccata di Gragnano del Tribunale di Torre Annunziata (NA), predisposta per consentire la prestazione

Dettagli

ALLEGATO 1A - Scheda delle Prestazioni

ALLEGATO 1A - Scheda delle Prestazioni LLETO 1 - cheda delle Prestazioni UFFICI*, LE RIUNIONI, ULE INFORTIZZTE, BIBLIOTECHE, UFFICIO C, L EDIC, BOX VIILNZ, POLITOI genzia pazzatura dei pavimenti ad umido = giornaliera polveratura ad umido punti

Dettagli

Nucleo Assistenziale: Casa Albergo Piano delle pulizie ordinarie e straordinarie

Nucleo Assistenziale: Casa Albergo Piano delle pulizie ordinarie e straordinarie O P E R A R O M A N I (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona) Via Roma, 21 38060 - NOMI (TN) Costituita ai sensi della L.R. 21 settembre 2005, n. 7. Nucleo Assistenziale: Casa Albergo Piano delle pulizie

Dettagli

DIVISIONE CONVIVENZE

DIVISIONE CONVIVENZE SISTEMA DI SANIFICAZIONE STOVIGLIE l) ammollo igienizzante; 2) detersione meccanica o manuale; 3) asciugatura meccanica o manuale con carta monouso o per naturale vaporazione. KEY 01 KEY 02 indicato per

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITA. Servizio pulizie. UNITA OPERATIVA : turno 1 o A (1 piano) ORARIO 7.30-12.30 (per il turno 1) Orario 8.30 12.30 (per il turno A)

PIANO DELLE ATTIVITA. Servizio pulizie. UNITA OPERATIVA : turno 1 o A (1 piano) ORARIO 7.30-12.30 (per il turno 1) Orario 8.30 12.30 (per il turno A) PIANO DELLE ATTIVITA Servizio pulizie UNITA OPERATIVA : turno 1 o A (1 piano) ORARIO 7.30-12.30 (per il turno 1) Orario 8.30 12.30 (per il turno A) ore 8.30 alle ore 11.45 ore 11.45 alle ore 12.30 Pulizia

Dettagli

COMUNE DI CAPANNORI SCHEDA TECNICA PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE PER VARIE STRUTTURE COMUNALI CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI

COMUNE DI CAPANNORI SCHEDA TECNICA PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE PER VARIE STRUTTURE COMUNALI CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI ALLEGATO A2 COMUNE DI CAPANNORI SCHEDA TECNICA PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE PER VARIE STRUTTURE COMUNALI CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI Le operazioni di pulizia riportate dal presente Capitolato

Dettagli

PULIZIA E SANIFICAZIONE NELLE STRUTTURE SCOLASTICHE

PULIZIA E SANIFICAZIONE NELLE STRUTTURE SCOLASTICHE PULIZIA E SANIFICAZIONE NELLE STRUTTURE SCOLASTICHE Documento di indirizzo Dipartimento di Prevenzione S. C. Igiene e Sanità Pubblica Edizione 1.1 giugno 2012 Realizzazione a cura di: Trovato Giulia Responsabile

Dettagli

Pulizia, Sanificazione ambientale, Derattizzazione e Disinfestazione

Pulizia, Sanificazione ambientale, Derattizzazione e Disinfestazione Allegato 4 Pulizia, Sanificazione ambientale, Derattizzazione e Disinfestazione La metodologia utilizzata dovrà garantire la pulizia e la disinfezione degli ambienti utilizzando attrezzi e materiali per

Dettagli

GARA A PROCEDURA APERTA PER GESTIONE SERVIZI DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DI ALCUNE STRUTTURE AZIENDALI E DI LAVAGGIO DELLE STOVIGLIE * * * * *

GARA A PROCEDURA APERTA PER GESTIONE SERVIZI DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DI ALCUNE STRUTTURE AZIENDALI E DI LAVAGGIO DELLE STOVIGLIE * * * * * GARA A PROCEDURA APERTA PER GESTIONE SERVIZI DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DI ALCUNE STRUTTURE AZIENDALI E DI LAVAGGIO DELLE STOVIGLIE * * * * * CAPITOLATO TECNICO-PRESTAZIONALE Art. 1 OPERAZIONI E FREQUENZE

Dettagli

IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI

IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI S.C. Prevenzione Rischio Infettivo IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI BIONIL GRANULI Sodio Dicloro-isocianurato Panno assorbente monouso Guanti monouso

Dettagli

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO Pulitura, lavatura e disinfezione dei servizi igienici, dei lavabi, delle pareti, dei pavimenti, dei gabinetti di decenza e di ogni altro sanitario avendo cura che i condotti

Dettagli

SUB - ALLEGATO 2. Schede tecniche prestazionali per aree e categoria di locale

SUB - ALLEGATO 2. Schede tecniche prestazionali per aree e categoria di locale PROCEDURA APERTA FINALIZZATA ALL ACQUISIZIONE DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE A RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE, DISINFESTAZIONE E DERATIZZAZIONE E SERVIZI COMPLEMENTARI PER GLI IMMOBILI DELLA REGIONE

Dettagli

PROTOCOLLO DI PULIZIA A VAPORE E SANIFICAZIONE Centri Fitness e Palestre

PROTOCOLLO DI PULIZIA A VAPORE E SANIFICAZIONE Centri Fitness e Palestre PROTOCOLLO DI PULIZIA A VAPORE E SANIFICAZIONE Centri Fitness e Palestre 1. PRINCIPIO: PER LA PULIZIA : Il vapore saturo secco generato da una caldaia sotto pressione (da 4 a 7 bar) ad una temperatura

Dettagli

x x x o PRESIDIO OSPEDALIERO LEVANTE

x x x o PRESIDIO OSPEDALIERO LEVANTE PRESIDI SPEDALIER LEVANTE AREE AD ALTISSIM RISCHI SETTRI DEGENZIALI CRITICI X: SETTRI DEGENZIALI CRITICI (TUTTE LE TERAPIE INTENSIVE, UNITÀ CRNARICA, NENATLGIA, NEFRLGIA, SALE VISITA E LCALI DIAGNSTICA

Dettagli

PROTOCOLLO DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA

PROTOCOLLO DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA PROTOCOLLO DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA ART. I - PRESTAZIONI DEL SERVIZIO DI PULIZIA/SANIFICAZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI Il servizio comprende le seguenti tipologie principali di prestazioni,

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO SERVIZIO DI PULIZIA DEL MATERIALE ROTABILE E DEI LOCALI OFFICINA-DEPOSITO DELLA SOCIETA TRASPORTO FERROVIARIO TOSCANO

CAPITOLATO DI APPALTO SERVIZIO DI PULIZIA DEL MATERIALE ROTABILE E DEI LOCALI OFFICINA-DEPOSITO DELLA SOCIETA TRASPORTO FERROVIARIO TOSCANO CAPITOLATO DI APPALTO SERVIZIO DI PULIZIA DEL MATERIALE ROTABILE E DEI LOCALI OFFICINA-DEPOSITO DELLA SOCIETA TRASPORTO FERROVIARIO TOSCANO L'oggetto dell'appalto è la pulizia interna ed esterna dei rotabili

Dettagli

ALLEGATO N 1 DISCIPLINARE TECNICO SERVIZIO DI PULIZIE E SANIFICAZIONE CLASSIFICAZIONE AREE

ALLEGATO N 1 DISCIPLINARE TECNICO SERVIZIO DI PULIZIE E SANIFICAZIONE CLASSIFICAZIONE AREE ALLEGATO N 1 DISCIPLINARE TECNICO SERVIZIO DI PULIZIE E SANIFICAZIONE CLASSIFICAZIONE DIFFERENZIAZIONE TIPOLOGIA RISCHIO TIPOLOGIA COLORE ZONA DESCRIZIONE SPAZI AMBIENTALI ESTERNI Grigio Pensiline, marciapiedi,

Dettagli

PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE

PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEFINIZIONI Per pulizia si intende la rimozione meccanica dello sporco da superfici ed oggetti. Di norma viene eseguita con l impiego di acqua e detergenti diluiti

Dettagli

PROTOCOLLO DI IGIENE AMBIENTALE: PROCEDURA DI SANIFICAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI

PROTOCOLLO DI IGIENE AMBIENTALE: PROCEDURA DI SANIFICAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PARINI Via Roma, 56 - Gorla Minore (VA) *************************** 1. Plesso A. MANZONI Tel. 0331/601198 2. Plesso D. ALIGHIERI Tel: 0331/600607 3. Plesso G. PARINI Tel.:

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI COMUNALI PERIODO MESI VENTIQUATTRO

SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI COMUNALI PERIODO MESI VENTIQUATTRO SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI COMUNALI PERIODO MESI VENTIQUATTRO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO (DUVRI) E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i.)

Dettagli

COMUNE di VALENZA. (Provincia di Alessandria) MODALITA DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI PULIZIA: DISCIPLINA DI DETTAGLIO

COMUNE di VALENZA. (Provincia di Alessandria) MODALITA DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI PULIZIA: DISCIPLINA DI DETTAGLIO COMUNE di VALENZA (Provincia di Alessandria) MODALITA DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI PULIZIA: DISCIPLINA DI DETTAGLIO A- ADEMPIMENTI DELL AGGIUDICATARIO RIFERITI AL PERIODO PRECEDENTE L INIZIO DEL SERVIZIO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI GARA PER IL SERVIZIO DI PULIZIE PRESSO LE DIVERSE STRUTTURE DELL ISTITUTO

CAPITOLATO SPECIALE DI GARA PER IL SERVIZIO DI PULIZIE PRESSO LE DIVERSE STRUTTURE DELL ISTITUTO FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di diritto pubblico (D.M. 28/4/2006) C.F. 00303490189 - P. I.V.A. 00580590180 V.le Golgi, 19 27100 Pavia

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia Settore II Finanziario - Servizio Patrimonio CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia Settore II Finanziario - Servizio Patrimonio CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE Codice CIG: 34069808D4 Pagina 1 di 16 SOMMARIO PREMESSE Art. 1 OGGETTO DELLA PROCEDURA Art. 2

Dettagli

Pagina 1 SCHEDA TECNICA AREE UFFICI INTERVENTI PULIZIA TRIBUNALE

Pagina 1 SCHEDA TECNICA AREE UFFICI INTERVENTI PULIZIA TRIBUNALE Pagina 1 SCHEDA TECNICA AREE UFFICI INTERVENTI PULIZIA TRIBUNALE AREE ZONE ATTIVITA' ESPLETATA FREQUENZA ALTA MEDIA BASSA Aspirazione / battitura pavimenti tessili, stuoie, zerbini Detersione pavimenti

Dettagli

PROCEDURA DI SANIFICAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI

PROCEDURA DI SANIFICAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI Distretto Scolastico 11 IX CIRCOLO DIDATTICO STATALE JAPIGIA I Plesso San Francesco Via Peucetia n. 50 BARI Tel. 0805530943/5541991 fax 080 5524042 Plesso Don Orione Viale Japigia n.140 BARI Tel./Fax 0805537467

Dettagli

Allegato B.23 - Schede pulizie periodiche Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto di questa gara

Allegato B.23 - Schede pulizie periodiche Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto di questa gara Allegato B.23 - Schede pulizie periodiche Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto di questa gara Queste attività di pulizia periodica devono essere eseguite con le cadenze riportate. Tutte le attività di

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Allegato 2-bis al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI PULIZIA DA SVOLGERE PRESSO LA CASA ALBERGO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE DELL IMMOBILE EX SANTORIO SEDE DELLA SISSA

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE DELL IMMOBILE EX SANTORIO SEDE DELLA SISSA CPITOLTO PECILE D PPLTO PER L FFIDENTO DEL ERVIZIO DI PULIZI ED IIENE BIENTLE DELL IOBILE EX NTORIO EDE DELL I LLETO 1 PERIODICIT DELI INTERVENTI Pagina 1 di 8 cheda pulizie giornaliere e periodiche REE

Dettagli

COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo

COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo Allegato A1 PALAZZO RESIDENZA MUNICIPALE Piazza V. Veneto n 1 Pulizie giornaliere di tutti i locali (tutti i giorni dal lunedì al venerdì compreso): a) pulizia,

Dettagli

MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI

MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI Data 30-11-2009 Rev. N. 01 Pagina 1 di 5 MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI Ddl RSPP RLS INDICE ISTITUTO MAGISTRALE STATALE LEONARDO DA VINCI Data 30-11-2009 Rev.

Dettagli

GARA D APPALTO CON PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO PER I SERVIZI DI PULIZIA FORESTERIA, CAMERE E PORTIERATO

GARA D APPALTO CON PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO PER I SERVIZI DI PULIZIA FORESTERIA, CAMERE E PORTIERATO GARA D APPALTO CON PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO PER I SERVIZI DI PULIZIA FORESTERIA, CAMERE E PORTIERATO CIG 4230168D0D Capitolato servizi foresteria Pagina 1 di 8 Timbro e firma del partecipante

Dettagli

ULSS N. 3 BASSANO DEL GRAPPA, N. 4 ALTO VICENTINO N. 5 OVEST VICENTINO e N. 6 VICENZA DIPARTIMENTO INTERAZIENDALE DI AREA VASTA

ULSS N. 3 BASSANO DEL GRAPPA, N. 4 ALTO VICENTINO N. 5 OVEST VICENTINO e N. 6 VICENZA DIPARTIMENTO INTERAZIENDALE DI AREA VASTA ULSS N. 3 BASSANO DEL GRAPPA, N. 4 ALTO VICENTINO N. 5 OVEST VICENTINO e N. 6 VICENZA DIPARTIMENTO INTERAZIENDALE DI AREA VASTA PROCEDURA APERTA AI SENSI DEL D.LGS N. 163/06 E S.M.I. PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

La Casalinga Ideale - CASA DOP

La Casalinga Ideale - CASA DOP Bagno (n.1) tempo stimato 25' o Vuota gli armadietti del bagno, uno alla volta; o Butta i cosmetici scaduti o aperti da troppo tempo; o Pulisci l'interno dell'armadietto; o Riponi all'interno le cose che

Dettagli

ALLEGATO B5 LOTTO 5 - MQ. 11.688 CIRCA

ALLEGATO B5 LOTTO 5 - MQ. 11.688 CIRCA ALLEGATO B5 LOTTO 5 - MQ. 11.688 CIRCA ITER DIREZIONE VIA REVELLO 18 CENTRO PER L IMMAGINE E IL CINEMA D ANIMAZIONE 1 PIANO VIA MILLELIRE, 40 LUDOTECA ALIOSSI VIA MILLELIRE, 40 CENTRO PER LA CULTURA LUDICA

Dettagli

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO 1 Criteri generali Per quanto sia stato ampiamente dimostrato che le superfici ambientali sono, di per sé, difficilmente responsabili della trasmissione

Dettagli

www.cleprin.it DISINCROSTANTI

www.cleprin.it DISINCROSTANTI DISINCROSTANTI DECAL DETERGENTE DISINCROSTANTE ACIDO Detergente disincrostante acido per la pulizia e l eliminazione di incrostazioni, calcio e macchie di ruggine su tutte le superfici dure resistenti

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI Allegato 2-bis al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO

Dettagli

PROTOCOLLO DI PULIZIA A VAPORE E SANIFICAZIONE Uffici

PROTOCOLLO DI PULIZIA A VAPORE E SANIFICAZIONE Uffici PROTOCOLLO DI PULIZIA A VAPORE E SANIFICAZIONE Uffici 1. PRINCIPIO: PER LA PULIZIA : Il vapore saturo secco generato da una caldaia sotto pressione (da 4 a 7 bar) ad una temperatura fino a 160 C possiede

Dettagli

Allegato A al Capitolato d Appalto. 1) Palazzo Comunale P.zza Visconti 23 intervento: dal lunedì al venerdì

Allegato A al Capitolato d Appalto. 1) Palazzo Comunale P.zza Visconti 23 intervento: dal lunedì al venerdì Allegato A al Capitolato d Appalto 1) Palazzo Comunale P.zza Visconti 23 intervento: dal lunedì al venerdì - svuotatura, pulizia e sostituzione sacchetto cestini carta, contenitori per rifiuti differenziati,

Dettagli

RISCHI INDIVIDUALI RELATIVI ALL ATTIVITA SVOLTA

RISCHI INDIVIDUALI RELATIVI ALL ATTIVITA SVOLTA DISPOSIZIONI DA SEGUIRE DA PARTE DEL PERSONALE PER LA PREVENZIONE DEI RISCHI INDIVIDUALI RELATIVI ALL ATTIVITA SVOLTA COLLETTIVI IGIENICO SANITARI DELLA COMUNITA RISCHI INDIVIDUALI RELATIVI ALL ATTIVITA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BOVA MARINA - CONDOFURI IL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA QUALITÀ DI DATORE DI LAVORO

ISTITUTO COMPRENSIVO BOVA MARINA - CONDOFURI IL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA QUALITÀ DI DATORE DI LAVORO MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria ISTITUTO COMPRENSIVO BOVA MARINA - CONDOFURI Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO UFFICIO VIII ex DGPOB GARA EUROPEA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA - MINISTERO DELLA SALUTE. LOTTO 2 COMANDO CARABINIERI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DELL ENTE INDICE

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DELL ENTE INDICE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DELL ENTE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO INDICE ART. 2 RILEVAMENTO ZONE DI INTERESSE ART. 3 METODOLOGIE GENERALI DI INTERVENTO ART. 4 ORGANIZZAZIONE

Dettagli

FACOLTÀ DI ARCHITETTURA CENTRO DI SERVIZI

FACOLTÀ DI ARCHITETTURA CENTRO DI SERVIZI UNIVERSITÀ DI GENOVA FACOLTÀ DI ARCHITETTURA CENTRO DI SERVIZI ALLEGATO B PROCEDURA DI AFFIDAMENTO IN ECONOMIA DEL SERVIZIO DI PULIZIA INTERNA E DEGLI SPAZI ESTERNI DELLA FACOLTÀ DI ARCHITETTURA DELL UNIVERSITÀ

Dettagli

CIG 05805561F7 CAPITOLATO TECNICO. Titolo I Descrizione dell appalto. Art. 6 Oneri ulteriori dell impresa aggiudicataria del servizio

CIG 05805561F7 CAPITOLATO TECNICO. Titolo I Descrizione dell appalto. Art. 6 Oneri ulteriori dell impresa aggiudicataria del servizio ALLEGATO B PROCEDURA DI AFFIDAMENTO MEDIANTE GARA A COTTIMO FIDUCIARIO DEL SERVIZIO DI PULIZIA INTERNA E DEGLI SPAZI ESTERNI DELLA FACOLTÀ DI ARCHITETTURA DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA STRADONE

Dettagli

La pulizia dei suddetti locali effettuata in occasione di cerimonie o celebrazioni in giorni feriali è ricompresa nella pulizia giornaliera.

La pulizia dei suddetti locali effettuata in occasione di cerimonie o celebrazioni in giorni feriali è ricompresa nella pulizia giornaliera. - (allegato varie strutture comunali) SCHEDA TECNICA PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE PER VARIE STRUTTURE COMUNALI (Palazzo Nuovo III Palazzi Locali Vigili Urbani Campo Scuola /Stadio) CONDIZIONI

Dettagli

NATURA DELLE PRESTAZIONI DI PULIZIA E SERVIZIO DI SALA

NATURA DELLE PRESTAZIONI DI PULIZIA E SERVIZIO DI SALA ALLEGATO "B" 6 pagine NATURA DELLE PRESTAZIONI DI PULIZIA E SERVIZIO DI SALA Le strutture assistenziali e relativi uffici, indicate all art. 1 del presente Capitolato d Appalto sono dislocate in tre edifici

Dettagli

ART. 1 - MACCHINARI, ATTREZZATURE E MATERIALI DI CONSUMO

ART. 1 - MACCHINARI, ATTREZZATURE E MATERIALI DI CONSUMO SPECIFICHE TECNICHE E LAVORAZIONI PREVISTE PER L ESECUZIONE DELSERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO SITI NEL NUOVO COMPRENSORIO DI COMPETENZA DELLA STU

Dettagli

R.S.A. per anziani L. ACCORSI

R.S.A. per anziani L. ACCORSI 1 ALLEGATO 3 R.S.A. per anziani L. ACCORSI STABILE via Colombes MQ. calpestabili MQ. superf. vetrate seminterrato 1000 piano terra 1060 primo piano 1060 secondo piano 950 3 piano non utilizzato quarto

Dettagli

Titolo I Descrizione dell appalto

Titolo I Descrizione dell appalto Titolo I Descrizione dell appalto Art. 1 Oggetto del Capitolato 1. Costituisce oggetto del presente Capitolato l esecuzione del servizio di pulizia giornaliera, integrato da lavori periodici di pulizia

Dettagli