PROTOCOLLO N. 1 PROTOCOLLO OPERATIVO DI PULIZIA PER TIPOLOGIA DI AREA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROTOCOLLO N. 1 PROTOCOLLO OPERATIVO DI PULIZIA PER TIPOLOGIA DI AREA"

Transcript

1 PROTOCOLLO N. 1 PROTOCOLLO OPERATIVO DI PULIZIA PER TIPOLOGIA DI AREA

2 DEFINIZIONI Aree a Basso Rischio (BR): sale d attesa, uffici, segreterie, archivi, scale, servizi igienici, corridoi e aree comuni. Area a Medio Rischio (MR): ambulatori All interno di tutte le tipologie di area, è previsto l utilizzo del sistema a panni e mop preimpregnati, per pavimenti e superfici. PRINCIPI GENERALI Effettuare una corretta pulizia per sfregamento utilizzando panni e mop preimpregnati, per pavimenti e superfici è il metodo più semplice e valido per ottenere la riduzione della carica microbica (anche in presenza di materiale organico visibile) e per facilitare le successive operazioni di disinfezione. Le pulizie devono iniziare dalla zona meno sporca verso quella più contaminata e dall alto verso il basso secondo il seguente ordine: - Uffici - Sala d attesa - atrii, corridoi - servizi igienici - ambulatori Le superfici deterse devono, per quanto possibile, essere asciugate prima della disinfezione (per evitare l eccessiva diluizione del disinfettante). Per specifiche allergie utilizzare appositi detergenti. Utilizzare sempre idonei Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I.) durante le procedure di pulizia. Allo stesso modo ogni panno pluriuso utilizzato per pavimenti o per superfici diverse, dopo l uso, deve essere inviato al lavaggio. In caso di contaminazione con materiale infetto o presunto tale è necessario rimuovere tale materiale con guanti e prodotti monouso (carta), detergere la zona e successivamente disinfettare con ipoclorito di sodio all 1% o altro disinfettante idoneo. I disinfettanti devono essere usati secondo le modalità prescritte (diluizione; preparazione estemporanea ed utilizzo entro 24 ore; tempi di contatto; ecc), conservati nel contenitore originale chiuso e locati in armadio dedicato. 2

3 N.B. Evitare il rabboccamento dei contenitori (sia di detergente, sia di disinfettante) In occasione di trattamenti con prodotti che possono rendere anche solo temporaneamente scivolose le superfici pavimentate, tale situazione dovrà essere evidenziata con l esposizione di segnaletica indicante il pericolo. Decontaminazione: procedura che attraverso l impiego di disinfettanti a concentrazione elevata e per tempi di contatto ben precisi, permette di ottenere una riduzione della carica microbica, che tutela, anche se solo in parte, il personale che dovrà procedere alla successiva detersione. Dopo la decontaminazione, infatti, per le successive operazioni di pulizia dovranno essere adottate, le misure precauzionali di protezione. Scopatura e lavaggio ad umido utilizzando panni e mop preimpregnati, per pavimenti e superfici. Non devono mai essere adottati sistemi di scopatura a secco, per evitare il sollevamento della polvere, con conseguente ricontaminazione microbica delle superfici. A tal fine, non è ammesso l uso di scope in setole di crine o nylon, spazzoloni, spazzolini, stracci comuni per pavimenti, spugne comuni, piumini, segature. Disinfezione: è l operazione che segue la detersione, in grado di abbattere ulteriormente (fino al 99%), anche se temporaneamente, la contaminazione microbica delle superfici. Gli operatori dell impresa devono sempre tenere presente che la pulizia è l asportazione meccanica dello sporco da qualsiasi superficie, ed è l azione preliminare alla disinfezione, e quindi è necessario che i due momenti siano separati. TECNICHE DI LAVORO Spolveratura ad umido degli arredi e superfici panni e mop preimpregnati Utilizzare secchio e panno di colore idoneo in base alla superficie da trattare, il panno deve essere bagnato nella soluzione detergente ed utilizzato ben strizzato al fine di evitare sgocciolature. Nel caso di sporco difficile utilizzare il panno ben intriso di soluzione e procedere ad un secondo passaggio con panno ben strizzato al fine di asciugare la parte detersa. Si ricorda di utilizzare la tecnica di spolveratura secondo schema ad S. Scopatura ad umido o con velina Iniziare la scopatura ad umido dal fondo della stanza convogliando lo sporco verso l ingresso secondo schema ad S, raccoglierlo con apposito scopino e paletta. Utilizzare uno o più panni per ogni locale, raccoglierli in appositi sacchi per l invio al lavaggio o eliminarli nei rifiuti se monouso. 3

4 Detersione del pavimento Utilizzare panni e mop preimpregnati. Riempire il serbatoio dell applicatore di soluzione detergente, azionando il pomolo posto in cima all asta dell applicatore bagnare il panno, procedere alla detersione del pavimento iniziando dal fondo della stanza verso l ingresso secondo schema ad S. Utilizzare uno o più panni (panni e mop preimpregnati )per ogni locale. I panni usati, se multiuso, devono essere raccolti in appositi sacchi ed inviati al lavaggio. N.B.: ATTENZIONE ALLA COMPATIBILITA DEI PRODOTTI DETERGENTI E DISINFETTANTI USATI CON LE ATTREZZATURE E SUPERFICI DA TRATTARE. PRODOTTI DA UTILIZZARE Detergente Detergente Disinfettante Detergente igienizzante per arredi, pavimenti ecc. Detergente a schiuma frenata per lavapavimenti Per pavimenti, pareti, arredi metallici, arredi non metallici Capo I - DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI DI PULIZIA ORDINARIA E PERIODICA La metodica delle operazioni di seguito indicate, dove non specificato, vale per tutte le aree a rischio MEDIO e BASSO. La metodologia nonché le macchine ed i prodotti da impiegare nelle diverse aree di intervento sono così contraddistinte: MR = aree a MEDIO RISCHIO BR = aree a BASSO RISCHIO Gli interventi, che vengono di seguito elencati, dovranno essere eseguiti dagli operatori dell'impresa con particolare riguardo alla tipologia di area interessata ed alle esigenze specifiche delle medesime. A. PULIZIA ORDINARIA QUOTIDIANA B. RISANAMENTO UNA VOLTA L ANNO C. PULIZIA VETRI, INFISSI INTERNI E ESTERNI 4

5 D. PULIZIA VENEZIANE E. SCOPATURA A MACCHINA, INTEGRATA DA INTERVENTI MANUALI NELLE ZONE DI DIFFICLE ACCESSO (CORTILI) E DEL MAGAZZINO Gli operatori dell'impresa, qualora nel corso degli interventi di pulizia, dovessero riscontrare guasti o altri problemi in genere (malfunzionamento di attrezzature, insegne, infissi interni ed esterni, corpi illuminanti, interruttori e prese elettriche, impianti termosanitari, vasca da bagno, doccia, WC, lavabo, bidet, etc. porta-rotoli carta igienica ed altri distributori in genere), dovranno avvertire immediatamente il Responsabile della Struttura, in modo da consentire di ovviare in tempi brevi al guasto o all'inconveniente. A) PULIZIA ORDINARIA QUOTIDIANA Il personale dell'impresa deve eseguire nei locali interessati le sotto elencate operazioni differenziando le metodiche, in relazione alla tipologia di zona (MR, BR): aprire le finestre; pulizia dei cestini e bidoni portarifiuti; pulizia dei posacenere, ove presenti, avendo cura se del caso di rifornirli di sabbia; spolveratura ad umido dei davanzali interni ed esterni (prestando particolare attenzione alle fessure ed ai giunti dove si possono depositare organismi e particelle di polvere); spolveratura ad umido degli elementi di riscaldamento nelle superfici interne ed esterne; spolveratura ad umido delle bocchette dove è presente l impianto di condizionamento; spolveratura ad umido dei corpi illuminanti a muro e degli interruttori elettrici; eliminazione di impronte e macchie dai vetri, specchi, cristalli, porte, maniglie, stipiti; pulizia di scale, balconi, terrazze e corrimano; spolveratura ad umido di tutti gli arredi fissi e mobili presenti nei vari ambienti a seconda della tipologia di zona (tavoli, sedie, armadi, scrivanie, attaccapanni, portaombrelli, estintori, etc.); lavaggio accurato delle rubinetterie e delle piastrelle a muro; lavaggio accurato di tutti i pavimenti (curando i battiscopa, gli angoli e spazi dietro le porte e dietro gli elementi del bagno); deragnatura. METODO: Utilizzare secchio e panno di colore diverso e soluzione idonea: MR = detergente e disinfettante all occorrenza BR = detergente. A.1 Pulizia ordinaria quotidiana degli ambulatori (aree MR): 5

6 panni e mop preimpregnati, per pavimenti e superfici detergente e disinfettante Operazioni. spolveratura ad umido con soluzione detergente di tutte le superfici più soggette al deposito dello sporco (piani di lavoro, tavolini, sedie, mensole, carrelli, scrivanie, lettini visita, armadi, etc.) sciacquare, asciugare e disinfettare; lavaggio accurato del lavandino con prodotti sgrassanti idonei e sciacquare, asciugare e disinfettare; lavaggio accurato della pavimentazione, ponendo particolare cura agli angoli, dietro le porte e sotto ai mobiletti che arredano la sala medica lasciare asciugare e disinfettare. Arredi: tutti gli arredi in zona degenza (comodini, tavoli, sedie, poltrone, telefoni, ecc.). Lettino: tutte le superfici lavabili del lettino del paziente. Porte: lavaggio accurato, lato interno ed esterno, con particolare riguardo alle maniglie e zone adiacenti. Pareti: intervenire sulle zone adiacenti al letto, alle porte ed agli interruttori. Infissi: intervenire sulle maniglie. Interruttori: per motivi di sicurezza il panno deve essere ben strizzato. Passarlo sulla pulsantiera e la parete circostante (almeno per un raggio di 20 cm.) Nel caso di pulsantiere volanti usare le stesse precauzioni ed intervenire anche sui cavi elettrici. Davanzali: intervenire su tutta la superficie. A.2 Pulizia ordinaria quotidiana dei servizi igienici: Il personale dell'impresa provvede: al lavaggio accurato degli accessori (specchi, mensole, portasciugamani, porta sapone, spazzolino WC ecc.) e quindi alla loro disinfezione; a cospargere gli elementi che compongono il servizio igienico: lavabo, vaso del WC, bidet, doccia, vasca da bagno e tutte le mensole e le superfici in ceramica e metalliche, di prodotti idonei all'eliminazione di ossidazione e residui calcarei e quindi procedere al lavaggio di tutte le superfici con prodotti detergenti sgrassanti, sciacquare accuratamente, asciugare, disinfettare e lasciare agire; a cospargere la pavimentazione di soluzione detergente + acqua; lavare con tamponi o pagliette abrasive tutta la superficie, in particolar modo dietro gli elementi del servizio igienico, negli angoli e zoccolature. Lavare la pavimentazione, sciacquare, lasciar asciugare, disinfettare e lasciare agire; 6

7 a lavare e disinfettare eventuali sedie, sgabelli, etc. e risistemarli al proprio posto. A.3 Sanitizzazione zona lavabo (sanitari e superfici sopra i pavimenti) - secchio e panno, tampone abrasivo - detergente e disinfettante - Liberare il locale da tutto ciò che può essere di ingombro. - Dopo avere fornito di carta e sapone i distributori, detergere prima e disinfettare poi con il panno identificato per colore imbevuto nella soluzione disinfettante lavabo e rubinetterie; intervenire sul lavabo ed area adiacente, sulle rubinetterie e sul sifone. - Lavare accuratamente, detergere e disinfettare i rivestimenti murali. - Lavare accuratamente e risciacquare i cestini getta carta e i bidoni portarifiuti e l arredo bagno. Distributori: pulire e lavare i distributori di carta e di sapone. Specchi: dopo il lavaggio asciugare con asciugamani di carta. Vasche, docce: intervenire su tutte le superfici smaltate, le rubinetterie, le aree adiacenti ed eventuali vetri di cabina doccia utilizzando panno intriso di sostanza detergente e sgrassante; sciacquare accuratamente con acqua pulita; lavare e sciacquare le assi o gli sgabelli. Eventuali residui di sporco tenace vanno rimossi con l aiuto di emulsione a basso potere abrasivo. Dopo aver sciacquato e asciugato procedere a disinfezione e non asciugare per permettere l azione residua. A.4 Sanitizzazione zona WC panni e mop preimpregnati, per superficie e per i pavimenti; - detergente e disinfettante - detergere con il panno e disinfettare. Tazza WC parte interna: eliminare i residui presenti nella parte interna del WC con la spazzola; attivare lo sciacquone ed immergere la spazzola per WC nella tazza, versare nella tazza circa 40 cc. di disinfettante puro e dopo aver eseguito la pulizia esterna della tazza (descritta di seguito) sfregare energicamente con la spazzola su tutta la superficie interna e riattivare, dopo 5 minuti, lo sciacquone. Ciò darà modo al prodotto di agire meglio. 7

8 Tazze WC parte esterna: intervenire sul coperchio, sulla lunetta e su tutta la parte esterna e aree adiacenti verticali con detergente e disinfettante. Bidet: utilizzare un panno intriso di sostanza detergente e sgrassante idonea per la pulizia delle superfici smaltate; sciacquare accuratamente con acqua calda tutto il bidet e lavare le pareti circostanti con un panno imbevuto di sostanze detergenti. Procedere a disinfezione delle parti interne ed esterne. Pareti di separazione e/o limitrofe ai WC: pulire con cura, detergere e disinfettare tutta la superficie. Contenitore e spazzola WC: pulire con detergente la spazzola WC ed il relativo contenitore e disinfettare. A.5 Disincrostazione lavabi, rubinetterie, tazze WC tampone abrasivo disincrostante. Non devono essere utilizzate soluzioni a base di acidi forti (cloridrico, nitrico, ecc.). Irrorare la soluzione detergente disincrostante sulle superfici e sfregare con cura. Risciacquare. A.6 Pulizia ordinaria quotidiana degli ascensori: vedi sistema panni e mop preimpregnati, per superficie e per i pavimenti detergente e disinfettante portare l'ascensore al piano per effettuare la pulizia, e, per precauzione, bloccare l'ascensore al piano. spolverare le pareti della cabina; eliminare scritte e macchie sulle pareti e sulle porte con prodotti idonei; raccogliere i rifiuti eventualmente depositati sul pavimento; togliere con la spatola la gomma americana ed ogni residuo eventualmente presente; spolverare i punti luce e le pulsantiere; lavare con panno umido le maniglie e la pulsante; lavare con panno umido di detergente le porte sia interne che esterne a tutti i piani; pulire le guide dell'ascensore per permettere la regolare apertura e chiusura delle porte; 8

9 lavare la pavimentazione con particolare cura degli angoli; attendere che il pavimento sia asciutto per ripristinare il funzionamento dell'ascensore oppure asciugare. A.7 Pulizia ordinaria quotidiana delle scale d'emergenza e non d'emergenza interne: vedi sistema panni e mop preimpregnati, per superficie e per i pavimenti detergente posizionare i cartelli per avvisare il pubblico di pulizia scale; scopare ad umido tutta la scala, rimuovendo con raschietto eventuali tracce di gomma americana, pulendo durante la discesa i davanzali; al pianerottolo sostituire i sacchetti nei contenitori portarifiuti e pulire eventuali posacenere a colonna o a parete e gli eventuali cartelli segnaletici; spolverare e detergere, scendendo, le ringhiere (anche nelle parti inferiori) e il corrimano, sostituendo il panno almeno ad ogni piano. pulire con panno umido e detergente le finestre e le porte dei piani eliminando le impronte e le macchie su maniglie, vetri, intelaiature; lavare con acqua più detergente tutta la scala iniziando dall alto con idoneo attrezzo e soluzione detergente, avendo cura di sostituire il panno almeno ad ogni piano. B) RISANAMENTO UNA VOLTA L ANNO Il personale dell'impresa deve eseguire nei locali interessati le sottoelencate operazioni differenziando le metodiche, come precedentemente descritto, in relazione alla tipologia di zona ( MR, BR): - Sgomberare il locale da tutto ciò che può essere di ingombro (attrezzature ed arredi vari), chiedere in tal senso indicazioni al personale della Committente, e collocare il materiale rimosso nei corridoi od in altri locali; - Aprire le finestre; Spolverare ad umido il soffitto e tutte le superfici dove si deposita la polvere; Lavaggio accurato e risciacquo dei cestini getta carta e dei bidoni portarifiuti e DISINFEZIONE; Lavaggio accurato dei lavandini e relativa rubinetteria con prodotti idonei all'eliminazione delle incrostazioni e dei residui calcarei e sciacquare e DISINFEZIONE;; Lavaggio dei rivestimenti murali e DISINFEZIONE;; Spolveratura ad umido delle bocchette dove è presente l impianto di condizionamento lavaggio e DISINFEZIONE;; Lavaggio dei davanzali interni ed esterni con particolare attenzione alle fessure ed ai giunti dove si possono depositare organismi e particelle di polvere e DISINFEZIONE;; Lavaggio delle porte, stipiti, cardini, maniglie, serrature e DISINFEZIONE;; 9

10 Lavaggio con panno umido delle apparecchiature elettriche, degli interruttori, prese, corpi illuminanti. Questi ultimi vengono lavati a fondo previo lo smontaggio da parte del personale tecnico della Committente e DISINFEZIONE;. Spolveratura ad umido degli estintori; Aspirazione e lavaggio degli elementi di riscaldamento nelle superfici sia interne che esterne; Aspirazione accurata delle griglie di aerazione, eliminazione dello sporco anche mediante l'uso di raschietto, lavaggio accurato; Lavaggio ventole a soffitto e DISINFEZIONE;; Lavaggio accurato di specchi e mensole e DISINFEZIONE;; Spolveratura e lavaggio di tutti gli armadi; Rimozione degli arredi mobili per consentire accurata pulizia sopra e dietro gli stessi, pulizia anche all interno degli stessi, se preventivamente svuotati dal personale della Committente; Lavare accuratamente e quindi trattare con prodotti specifici per la pulizia dell'acciaio le attrezzature fisse in acciaio; Cospargere la pavimentazione di soluzione detergente più acqua; lavare con tamponi o pagliette abrasive tutta la superficie in particolar modo angoli e zoccolature. Lavare la pavimentazione con la monospazzola, aspirare tutta la superficie con particolare riguardo agli angoli, lavare la pavimentazione e DISINFEZIONE;; Spolverare ad umido e/o lavare e quindi disinfettare il materiale, comprese le attrezzature sanitarie asportate dal locale interessato all'intervento e collocate temporaneamente nel corridoio od in altro ambiente e riposizionarle al proprio posto; METODO: B.1 Lavaggio pareti lavabili - pareti piastrellate BR MR: atomizzatore idoneo, idonea attrezzatura, tergivetro aspirante; Prodotti: MR = detergente e disinfettante BR = detergente Macchina: - aspira liquidi Sia per MR che per BR l operazione va eseguita in tre fasi: Coprire le prese elettriche eventualmente presenti con nastro adesivo, distribuire la soluzione detergente sanitizzante (MR) o detergente (BR) con atomizzatore o idonea attrezzatura. Distribuire la soluzione. Asciugare con tergivetro aspirante. B.2 Deragnatura ed aspirazione polvere da pareti e soffitti non lavabili macchina aspiratore 10

11 MR = aspiratore con microfiltro (con capacità filtrante 0,3 micron) e asta telescopica BR = aspiratore con asta telescopica. Non è consentito l uso di spazzole per la rimozione delle ragnatele in quanto rimuovono e non trattengono la polvere delle superfici. L uso dell aspiratore con asta telescopica consente di accedere alle parti alte senza l uso delle scale. Il microfiltro (aree MR) va sostituito almeno ogni 6 mesi. B.3 Aspirazione apparecchi illuminazione, caloriferi, condizionatori, bocchette aerazione, tende veneziane e tende a rullo MR = aspiratore con microfiltro e asta BR = aspiratore con asta. B.4 Lavaggio apparecchi di illuminazione secchio e panno Prodotti: MR = detergente e disinfettante BR = detergente.. L operazione va eseguita con panno ben strizzato avendo cura di intervenire su tutta la superficie dell apparecchiatura ed in particolare su: vetri diffusori interni/esterni, previo smontaggio parabole riflettenti dispositivo di illuminazione (neon, lampade...) Curare in modo particolare l asciugatura con panni asciutti. B.5 Lavaggio caloriferi, condizionatori panno e secchio identificato per colore e aspirapolvere (con microfiltro per MR) Prodotti: MR = detergente e disinfettante BR = detergente Far procedere l aspirazione e lavare con soluzione detergente e panno identificato per colore, eliminando a fine operazione i segni di gocciolature del pavimento. Caloriferi vanno puliti con panno umido; almeno una volta all'anno tutti i termosifoni ed i vari elementi di riscaldamento (salvo i termoconvettori) devono essere lavati con acqua e detergente, preferibilmente nel periodo estivo per evitare la rapida asciugatura della soluzione lavante, comunque in occasione dell'intervento di risanamento. B.6 Aspirazione e lavaggio meccanico pavimenti (grandi superfici: bagni ecc.) 11

12 Aspiratore Monospazzola Lavasciuga detergente. Nei corridoi e nelle aree comuni libere effettuare il lavaggio con lavasciuga e monospazzola e prodotto detergente. Ciò consente di non interrompere il traffico per pavimento bagnato. B.7 Servizi igienici: Il personale dell Impresa, provvede a: lavare accuratamente specchi, mensole, portasciugamani, porta sapone; lavare le pareti a tutta altezza e disinfettare cospargere tutte le superfici in ceramica e metalliche di lavabo, vaso del WC, bidet, doccia, vasca da bagno con prodotti idonei all'eliminazione di ossidazione e residui calcarei. Procedere quindi con il lavaggio di tutte le superfici con prodotti detergenti sgrassanti, sciacquare accuratamente, asciugare, disinfettare e lasciare agire. cospargere la pavimentazione di soluzione detergente + acqua; lavare con tamponi o pagliette abrasive tutta la superficie, in particolar modo dietro gli elementi del servizio igienico, negli angoli e zoccolature. Lavare la pavimentazione con particolare riguardo ai battiscopa, agli angoli e dietro gli elementi dei servizi igienici. Sciacquare, lasciare asciugare, disinfettare e lasciare agire. lavare e disinfettare eventuali sedie, sgabelli, etc. e risistemarli al proprio posto. METODO: B.7.1. Pulizia zona lavabo (sanitari e superfici sopra i pavimenti e pareti) secchio e panno, tampone abrasivo detergente e disinfettante liberare il locale da tutto ciò che può essere di ingombro. dopo avere fornito di carta e sapone i distributori, detergere prima e disinfettare poi con il panno identificato per colore imbevuto nella soluzione disinfettante lavabo e rubinetterie; intervenire sul lavabo ed area adiacente, sulle rubinetterie e sul sifone. lavare accuratamente, detergere e disinfettare i rivestimenti murali. lavare accuratamente e risciacquare i cestini gettacarta e i bidoni portarifiuti e l arredo bagno. Distributori: pulire e lavare i distributori di carta e di sapone. Specchi: dopo il lavaggio asciugare con asciugamani di carta. 12

13 Vasche, docce: intervenire su tutte le superfici smaltate, le rubinetterie, le aree adiacenti ed eventuali vetri di cabina doccia utilizzando panno intriso di sostanza detergente e sgrassante; sciacquare accuratamente con acqua pulita; lavare e sciacquare. Eventuali residui di sporco tenace vanno rimossi con l aiuto di emulsione a basso potere abrasivo. Dopo aver sciacquato e asciugato, procedere alla disinfezione e non asciugare per permettere l azione residua. B.7.2. Sanitizzazione zona WC secchio e panno detergente e disinfettante detergere con il panno e disinfettare. Tazza WC parte interna: eliminare i residui presenti nella parte interna del WC con la spazzola; attivare lo sciacquone ed immergere la spazzola per WC nella tazza. Versare nella tazza circa 40 cc. di disinfettante puro e dopo aver eseguito la pulizia esterna della tazza (descritta di seguito) sfregare energicamente con la spazzola su tutta la superficie interna e riattivare, dopo 5 minuti, lo sciacquone. Ciò darà modo al prodotto di agire meglio. Tazza WC parte esterna: intervenire sul coperchio, sulla lunetta e su tutta la parte esterna e aree adiacenti verticali con detergente e disinfettante. Bidet: utilizzare un panno intriso di sostanza detergente e sgrassante idonea per la pulizia delle superfici smaltate; sciacquare accuratamente con acqua calda tutto il bidet e lavare le pareti circostanti con un panno imbevuto di sostanze detergenti. Procedere alla disinfezione delle parti interne ed esterne. Pareti di separazione e/o limitrofe ai WC: pulire con cura, detergere e disinfettare tutta la superficie. Contenitore e spazzola WC: pulire con detergente la spazzola WC ed il relativo contenitore e disinfettare. B.7.3. Disincrostazione lavabi, rubinetterie, tazze WC tampone abrasivo. 13

14 disincrostante. Non devono essere utilizzate soluzioni a base di acidi forti (cloridrico, nitrico, ecc.). Irrorare la soluzione detergente disincrostante sulle superfici e sfregare con cura. Risciacquare. B.8 Pulizia davanzali, verande, corridoi ed atrii: vedi sistema panni e mop preimpregnati per i pavimenti e superfici. Macchine: lavasciuga Prodotti: detergente sgrassante. Eliminare eventuali residui organici dai davanzali, dalla ringhiera, dai corrimano, da eventuali pareti divisorie e dalla pavimentazione con particolare attenzione alle fessure ed ai giunti dove si possono depositare organismi e particelle di polvere; Lavare ad umido la ringhiera, le eventuali pareti divisorie e la pavimentazione; Eliminare le impronte dalle porte, maniglie e stipiti; Lavare le porte ed infissi in genere e spolverare ad umido i corpi illuminanti. Pulire le superfici lavabili, la segnaletica, i paracolpi; Aspirare zerbini e tappeti negli ingressi, e aver cura di aspirare il pavimento sottostante; Nei balconi e terrazze provvedere all'eliminazione di eventuali residui organici dai davanzali, dalla ringhiera, da eventuali pareti divisorie e dalla pavimentazione con particolare attenzione alle fessure ed ai giunti dove si possono depositare organismi e particelle di polvere Liberare gli ambienti dagli arredi eventualmente presenti (tavolini e sedie), prima di iniziare la fase di lavaggio del pavimento; Lavare accuratamente la pavimentazione con l'ausilio di lavasciuga se gli spazi lo consentono; Lavare i battiscopa presenti lungo i corridoi, balconi, sale attesa, atrii, con particolare cura agli angoli, zone dietro le porte e sotto sedie, arredi vari ed elementi di riscaldamento; Lavare i rivestimenti murali. B.9 Ascensori vedi sistema panni e mop preimpregnati per i pavimenti e superfici. Prodotti: detergente e disinfettante 14

15 portare l'ascensore al piano per effettuare la pulizia, e per precauzione, bloccare l'ascensore al piano. spolverare le pareti della cabina; eliminare scritte e macchie sulle pareti e sulle porte con prodotti idonei; raccogliere i rifiuti eventualmente depositati sul pavimento; togliere con la spatola la gomma americana ed ogni residuo eventualmente presente; spolverare i punti luce e le pulsantiere; lavare con panno umido le maniglie e la pulsanteria; lavare con panno umido di detergente le porte sia interne che esterne a tutti i piani, sciacquare, asciugare e disinfettare; pulire le guide dell'ascensore per permettere la regolare apertura e chiusura delle porte; lavare con detergente la pavimentazione con particolare cura degli angoli, sciacquare, asciugare e disinfettare; attendere che il pavimento sia asciutto per ripristinare il funzionamento dell'ascensore; B.10 Scale d'emergenza e non d'emergenza interne ed esterne: vedi sistema panni e mop preimpregnati per i pavimenti e superfici. detergente e disinfettante posizionare i cartelli per avvisare il pubblico di pulizia scale; scopare tutta la scala, rimuovendo con raschietto eventuali tracce di gomma americana od altro tipo di sporco, pulendo durante la discesa i davanzali; al pianerottolo sostituire i sacchetti nei contenitori portarifiuti e pulire eventuali posacenere a colonna o a parete; spolverare accuratamente tutte le pareti ed il soffitto della tromba delle scale; pulire con panno umido e detergente le finestre e le porte dei piani eliminando le impronte su maniglie, vetri, intelaiature; lavare e disinfettare, scendendo, le ringhiere (anche nelle parti inferiori) ed il corrimano, sostituendo almeno ad ogni piano il panno; lavare con acqua e detergente e disinfettare la scala (alzata e pedata, zoccolature con particolare riguardo agli angoli e dietro le porte) avendo cura di utilizzare sostanze idonee al materiale di costruzione. C) PULIZIA DEI VETRI, DEGLI INFISSI E PARETI VETRATE La parte esterna delle grandi vetrate dovrà essere effettuata 1 volta all anno, mentre quella interna quattro volte l anno. METODO: Pulizia vetri ed infissi (interni ed esterni) ed eventuali zanzariere. 15

16 Deve essere eseguita dagli operatori dell Impresa in due fasi: INFISSI: Spolveratura accurata del telaio dall'infisso Lavaggio dell'intelaiatura interna ed esterna a tutta altezza con assorbente intriso di detergente. Asciugatura con panno. panno VETRI:Lavaggio dei vetri delle finestre, dei vetri divisori, dei vetri delle porte sulle due facciate e ogni qualsiasi vetro o divisore in plexiglass (in ogni e qualsiasi locale e/o zona inclusa nell'appalto) con panno assorbente intriso di detergente sgrassante preferibilmente neutro al fine di non intaccare i serramenti Asciugatura e lucidatura. La pulizia dei vetri e dei davanzali delle finestre dal lato esterno dovrà avvenire mediante l'impiego di ponteggi mobili o altri analoghi mezzi. Il personale dell'impresa dovrà fare uso di cinture di sicurezza omologate, scale a sgabello (tre gradini), scale telescopiche ed eventualmente ponteggi. secchio con vello, panno sintetico assorbente e tergivetro aspirante o tergivetro; Macchina: aspiraliquidi (se usato il tergivetro-aspirante) Prodotti: - MR = detergente preferibilmente di tipo alcolico - BR = detergente preferibilmente di tipo alcolico. N.B.: Le attrezzature per la pulizia dei vetri dovranno permanere sul posto per il tempo strettamente necessario all'attività di pulizia ed andranno comunque rimosse nel più breve tempo possibile; le predette operazioni devono essere rinviate in caso di pioggia o maltempo, che possano compromettere e rendere vana la prestazione stessa. D) PULIZIA DELLE VENEZIANE La pulizia delle veneziane dovrà essere effettuata 2 volta all anno. METODO: Pulizia veneziane Gli operatori dell Impresa debbono procedere nel seguente modo: BR e MR = detergente Veneziane : - Spolverare la testata e le singole lamelle ad una ad una. - Lavare e asciugare la testata e le singole lamelle ad una ad una o il rullo. È peraltro preferibile che le veneziane e tende a rullo siano smontate per essere lavate in vasca. In ogni caso aver cura durante il lavaggio di non bagnare le 16

17 parti metalliche dove si trovano gli ingranaggi che potrebbero essere soggetti a formazione di ruggine. - Le veneziane e tende a rullo smontate dovranno essere correttamente rimontate al loro posto dopo la pulizia. E) SCOPATURA A MACCHINA, INTEGRATA DA INTERVENTI MANUALI NELLE ZONE DI DIFFICILE ACCESSO (CORTILI) E DEL MAGAZZINO METODO: Il personale dell'impresa deve eseguire nelle zone interessate e con le frequenze indicate le sottoelencate operazioni: asportare da dette zone tutto il materiale costituente la normale o stagionale caduta delle piante e degli arbusti, foglie, aghi delle conifere intervenendo con apposita macchina, e, ad integrazione, manualmente in caso di zone anguste e di difficile accesso per eliminare lo sporco grossolano nei parcheggi, nelle vie di accesso, nei cunicoli e nelle intercapedini; pulire e disintasare i tombini; pulire i tappeti presenti all'interno e all'esterno degli ingressi. MAGAZZINO: da pulire quattro volte all anno AREE ESTERNE (FRONTE INGRESSO): da pulire quattro tutti i giorni AREE ESTERNE (RAMPA): da pulire quattro volte all anno Gli operatori dell'impresa dovranno pulire quattro volte l anno il magazzino e dovranno essere dotati di: motospazzatrice (sempre in caso di pulizia dei parchi, di cortili e/o altri ampi spazi) scope carriole aspiratori elettrici per pulitura zerbini TABELLA RIASSUNTIVA INTERVENTI E CALENDARIZZAZIONE AREA PRIMO PIANO AMBULATORI UFFICI, SERVIZI IGIEN., AREE TRANS. E COMUNI A PUL. ORD. B RISAN. C VETRI, INT. C VETRI, EST. D VENEZ. E SC. MAN. E A MACCH. 1G 1A 4A 1A 2A / SCALE 1G 1A 4A / / / AREE ESTERNE - FRONTE / / / / / 1G 17

18 * è prevista la un risanamento annuale e la spalatura neve per un totale circa di 20 ore annue LEGENDA: DESCRIZIONE INTERVENTI A: Pulizia ordinaria quotidiana B: Risanamento C: Pulizia vetri e infissi interni e esterni D: Pulizia veneziane E: Scopatura manuale e a macchina FREQUENZA INTERVENTI G: giorno S: settimana M: mese A: anno 18

ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE

ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO TRIENNALE DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE - SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI DELLA ASL N 7 DI CARBONIA ( Lotto Unico - CIG

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti PROCEDURA DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA, IGIENE AMBIENTALE E FACCHINAGGIO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI UFFICI DELL

Dettagli

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DEL COMUNE DI CERIANO LAGHETTO E SERVIZI AUSILIARI - PERIODO 01/01/2011 31/12/2013 (CIG 058147692A) ART. 1 - OGGETTO

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

Capitolato Tecnico Servizi di Pulizia degli uffici e servizi annessi CIG 57752742DF Gara per l'affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e

Capitolato Tecnico Servizi di Pulizia degli uffici e servizi annessi CIG 57752742DF Gara per l'affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e Servizi di Pulizia degli uffici e servizi annessi CIG 57752742DF Gara per l'affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e servizi annessi da prestare presso la sede di Roma - Piazza Poli, 37/42 00187

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GARA EUROPEA A PROCEDURA RISTRETTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFESTAZIONE, PRESTAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO E LA MINUTA MANUTENZIONE DEI LOCALI, RELATIVI AGLI IMMOBILI

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

CONSIP S.p.A. ALLEGATO 8 PREZZI

CONSIP S.p.A. ALLEGATO 8 PREZZI ALLEGATO 8 PREZZI Allegato 8 - Prezzi Pag. 1 di 15 INDICE SEZIONE 1 PREZZI DEI SERVIZI PREDEFINITI 3 1.1 Servizi di Consulenza Gestionale 3 1.2 Servizi di Manutenzione degli Impianti 4 1.3 Servizi di Pulizia

Dettagli

Con la presente scrittura privata in tre originali, di cui uno per uso di. registrazione e due per uso delle parti, tra l Istituto Poligrafico e Zecca

Con la presente scrittura privata in tre originali, di cui uno per uso di. registrazione e due per uso delle parti, tra l Istituto Poligrafico e Zecca CONTRATTO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI STABILIMENTI DI ROMA DELL ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO S.p.A.: - STABILIMENTO DI P.ZZA VERDI - P.zza Verdi 10 - STABILIMENTO SALARIO Via

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2010-2013.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2010-2013. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE FINANZIARIA Settore Acquisto Beni e Servizi e Gestione Contratti CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL

Dettagli

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati Rossana Prola Valter Rapizzi LA MANUTENZIONE DELLE PISCINE PUBBLICHE E PRIVATE Dario Flaccovio Editore A mio padre, che crede ancora che io abbia sprecato una laurea per fare l idraulico. Rossana Prola

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

3 2A B K D 6 F O H E T 5. Vtt Eco Pro 3000 Lux No-Volt - Cod. M0S05353 - Edizione 1G09

3 2A B K D 6 F O H E T 5. Vtt Eco Pro 3000 Lux No-Volt - Cod. M0S05353 - Edizione 1G09 R I J G 2 L B K A 5 3 2A C 1 M D 6 4 R S Q F O H E T 5 7 6 4 21 9 9 12 15 22 9 8 10 13 17 16 16 14 18 19 20 23 24 Vtt Eco Pro 3000 Lux No-Volt - Cod. M0S05353 - Edizione 1G09 ITALIANO Vaporetto Eco Pro

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 Gli inquilini sono tenuti oltre che all osservanza delle disposizioni contenute nel contratto di locazione anche a quelle del

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l'affidamento del servizio di pulizia ordinaria della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven, 48 Roma. CIG 6220354E7E ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA Procedura aperta per l affidamento del servizio di pulizia ordinaria e di attività ausiliarie accessorie per la sede nazionale di Fondimpresa sita in Roma in via della Ferratella in Laterano n. 33 CAPITOLATO

Dettagli

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PARTE PRIMA (prima della compilazione leggere le istruzioni a pag. 2) MANIFESTAZIONE: (nome della manifestazione) SEDE:

Dettagli

Casa dello Studente Leonardo da Vinci Dateo Gauss Khayyam Archimede Carta dei servizi

Casa dello Studente Leonardo da Vinci Dateo Gauss Khayyam Archimede Carta dei servizi Area Tecnico Edilizia Area Servizi Residenziali Residenze universitarie Casa dello Studente Leonardo da Vinci Dateo Gauss Khayyam Archimede Politecnico di Milano Area Tecnico Edilizia Piazza Leonardo da

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte Sistema di verifica ATTIVITA DI VERIFICA A norma dell articolo 4 del regolamento CE 852/2004, Reg Ce 2073/2005 gli operatori del settore alimentare sono tenuti a rispettare i criteri microbiologici attraverso

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA Dipartimento per i Servizi nel Territorio Direzione Generale per il Personale della Scuola e dell Amministrazione CONVENZIONE QUADRO TRA IL MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, D'INTESA CON IL MINISTERO

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Pulizia e igiene... semplicemente

Pulizia e igiene... semplicemente Aspirapolvere centralizzato www.sistemair.it Pulizia e igiene... semplicemente La forza del sistema sta nella sua semplicità: con un tubo flessibile pulisci tutta la casa! 4 2 3 1 1 Centrale aspirante

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit Sifoni per vasca da bagno Geberit. Sistema.............................................. 4.. Introduzione............................................. 4.. Descrizione del sistema.................................

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

TRATTAMENTO TRADIZIONALE DEL COTTO TOSCANO

TRATTAMENTO TRADIZIONALE DEL COTTO TOSCANO VOCI DI CAPITOLATO 1 TRATTAMENTO TRADIZIONALE DEL COTTO TOSCANO CT1) TRATTAMENTO PREFUGATURA trattamento della superficie in cotto,da effettuarsi a superficie perfettamente asciutta mediante stesura con

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica e sovvenzionata

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

HDQ 2K40. Manuale per la sicurezza

HDQ 2K40. Manuale per la sicurezza HDQ 2K40 Manuale per la sicurezza R5905304IT/02 02/03/2015 Barco nv Noordlaan 5, B-8520 Kuurne Phone: +32 56.36.82.11 Fax: +32 56.36.883.86 Supporto: www.barco.com/en/support Visitate il web: www.barco.com

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

VADEMECUM SUL CONTRATTO MULTISERVIZI

VADEMECUM SUL CONTRATTO MULTISERVIZI Asal - Associazione delle Scuole Autonome del Lazio SEDE OPERATIVA: 115 Circolo Didattico di Roma Angelo Mauri Via Angelo Mauri, 5 00139 ROMA Tel. 068104305 Fax: 068107723 e-mail: presidente@scuolelazio.it

Dettagli

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali.

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. SERVIZIO SEGRETERIA AA.GG. CAPITOLATO SPECIALE D ONERI per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. Pontecagnano Faiano,lì 28.07.2005 (Aggiornamento 4.08.2005) INDICE ART.1 NORME DI

Dettagli

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti THERMATILE & BREVETTATO Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti 1 Che cos è? Thermatile è l innovativo sistema brevettato di riscaldamento radiante in fibra di carbonio, di soli 4 millimetri

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

Richiesta ai Clienti

Richiesta ai Clienti Richiesta ai Clienti Tutte le riparazioni eseguite su questo orologio, escludendo le riparazioni riguardanti il cinturino, devono essere effettuate dalla CITIZEN. Quando si desidera avere il vostro orologio

Dettagli

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO [PIANO DI AUTOCONTROLLO PER L IGIENE DEGLI ALIMENTI] SEZIONE 1 BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO SOMMARIO Dati aziendali...2 Manutenzione dei Locali e delle Attrezzature... 4 Procedure operative standard

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm CT LISCIATURE C40-F10 A2 fl CONFORME ALLA NORMA EUROPEA Nivorapid EN 13813 Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

REQUISITI DELLE ATTIVITA DEL FOOD

REQUISITI DELLE ATTIVITA DEL FOOD Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione Piazzale San Lorenzo Giustiniani 11/D 30174 Zelarino Venezia tel. 041 2607135 8486-8465 fax 041 2607145 REQUISITI DELLE ATTIVITA DEL FOOD

Dettagli

Scotchcal serie IJ 20

Scotchcal serie IJ 20 3M Italia, Dicembre 2010 Scotchcal serie IJ 20 Bollettino Tecnico 3M Italia Spa COMMERCIAL GRAPHICS 3M, Controltac, Scotchcal, Comply and MCS sono marchi 3M Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello Fax:

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

Industria dei prodotti lattiero caseari Le soluzioni inox

Industria dei prodotti lattiero caseari Le soluzioni inox Industria dei prodotti lattiero caseari Le soluzioni inox Che acciaio scegliere per ogni applicazione? Materiale Mercato finale Pezzi in inox Temperatura ( C) Serbatoio con agitatore Tutti i prodotti caseari

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA LA COTTURA IN PENTOLA A PRESSIONE La pentola a pressione è uno strumento ancora tutto da scoprire, da conoscere e da valorizzare, sia dal punto di vista

Dettagli

REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00

REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00 REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE Sede di- BASSANO DEL GRAPPA (VI) Via Cereria, 15 tel. 0424 885500 - fax

Dettagli

Idee bagno. Nuove. idee. per il vostro bagno.

Idee bagno. Nuove. idee. per il vostro bagno. Idee bagno Nuove idee per il vostro bagno. I 1 La formula INSIDE di wedi Prima della ristrutturazione State pensando a un bagno nuovo o volete semplicemente modernizzarlo? Allora la formula INSIDE di wedi

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp Erkopress 300 Tp-ci Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Apparecchio di termostampaggio con compressore integrato e riserva di

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

People. Process. Product.

People. Process. Product. People. Process. Product. INTRODUZIONE Il programma StoreSafe è stato creato per identificare i prodotti Cambro che aiutano gli operatori nel settore della ristorazione collettiva a soddisfare i requisiti

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 15-03-1984 REGIONE CAMPANIA

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 15-03-1984 REGIONE CAMPANIA LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 15-03-1984 REGIONE CAMPANIA

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

NE MULTIRINSE Lavastoviglie a nastro

NE MULTIRINSE Lavastoviglie a nastro line GREY NE MULTIRINSE Lavastoviglie a nastro 5 buoni motivi per scegliere la serie NE MR 1 Economia Tutte le lavastoviglie della serie NE MULTIRINSE sono dotate del sistema rivoluzionario MULTIRINSE,

Dettagli

HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos

HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a tua disposizione tutte le informazioni utili per una scelta consapevole Consulta le pagine che seguono

Dettagli

DEOS DEOS 11 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual

DEOS DEOS 11 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual DEOS Manuale d uso User manual DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER DEOS 11 Egregio Signore, desideriamo ringraziarla per aver preferito nel suo acquisto un nostro deumidificatore. Siamo certi di averle fornito

Dettagli