Valutazione della Check-list sulla Sicurezza del Circolo VC085

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutazione della Check-list sulla Sicurezza del Circolo VC085"

Transcript

1 Valutazione della Check-list sulla curezza del Circolo VC085 >> Presentazione La valutazione dei rischi rappresenta il punto di partenza nel processo di gestione della sicurezza degli ambienti di lavoro, Circoli-oratori compresi. Consiste in un esame sistematico di tutti gli aspetti dell attività lavorativa, volto a stabilire: 1) cosa può provocare lesioni o danni; 2) se è possibile eliminare i pericoli e, nel caso in cui ciò non sia possibile, quali misure di prevenzione o di protezione sono o devono essere messe in atto per controllare i rischi. tenga presente che può costituire un pericolo qualsiasi cosa (materiali e strumenti di lavoro, apparecchiature, impianti, metodi o prassi di lavoro) potenzialmente in grado di arrecare danno, nel breve o nel lungo tempo. Per rischio si intende la possibilità, elevata o ridotta, che qualcuno possa subire danni a causa di un determinato pericolo. Su queste basi, per ogni risposta fornita alla Check-list, abbiamo assegnato una valutazione sulla irregolarità/conformità, in relazione al rischio che tale situazione fa scaturire. >> Le risposte alla Check-list hanno fornito un "grado di rischio", generalizzato dal seguente grafico percentuale: 11,5% 32,8% 55,7% Rischio Alto: 0,0% Rischio Medio: 11,5% Rischio Basso: 32,8% Rischio M.Basso: 55,7% Rischio Molto Basso: situazione positiva per la quale non sono necessari particolari accorgimenti, tranne il normale monitoraggio. Rischio Basso: possibile pericolo, dal quale potrebbe scaturire un danno. Necessitano valutazioni aggiuntive ed eventuale programmazione di interventi. Rischio Medio: è necessario intervenire o adottare delle procedure di controllo per ridurre il rischio. Se trascurato, potrebbe portare a danni anche gravi. Rischio Alto: irregolarità per la quale necessitano interventi di miglioria o di salvaguardia urgenti, non procrastinabili! >> Segue la valutazione dettagliata dei rischi, con alcune note e/o indicazioni relative Struttura edilizia impianti Risp. NOTE ed INDICAZIONI 1) L edificio ove sono ubicati gli ambienti in uso è stato costruito nell'anno? 1974 Apprendiamo dalla vostra mail accompagnatoria degli importanti lavori di ristrutturazione del piano superiore. 2) E stata fatta una ristrutturazione completa e/o parziale nell'anno? Bene anche per i due adeguamenti al piano terra (barre alle finestre; rampa d'accesso). Trattasi di importanti 2011 lavori a vantaggio anche della questione curezza. 3) Tale ristrutturazione ha riguardato: Stuttura architettonica Impianto eletrico e/o termico Pavimentazione o serramenti o sanitari 4) Gli ambienti in uso sono: in proprietà in comodato d'uso gratuito in affitto oneroso 25/05/2011 NOI Associazione - Oratori e Circoli 1/6

2 5) In caso di comodato d uso gratuito o affitto oneroso, tra comodante e comodatario esiste: una scrittura privata registrata una scrittura privata non registrata un verbale di Consiglio Direttivo 6) Esiste il certificato di agibilità dell immobile (o degli ambienti) in uso? 7) Esiste un locale adibito alla somministrazione di alimenti e bevande? 8) In caso affermativo, si è in possesso dell autorizzazione sanitaria? 9) Esistono ambienti adibiti esclusivamente e perennemente a deposito-magazzino? 10) Se si, per quali materiali? Carta-cartone Generi alimentari Attrezzi-macchinari Detersivi Altro (specificare) 11) Esistono ambienti adibiti a sale polivalenti o sale convegni? 12) Il più grande di tali ambienti, come posti a sedere, può contenere numero di persone: Fino a 99 Tra 100 e 199 Oltre ) I posti a sedere (sedie-poltroncine) del sopradescritto ambiente sono: Fissi Mobili 14) Tali sedie-poltroncine sono in materiale ignifugo certificato? 15) Tale sala ha un Certificato di Prevenzione Incendi emesso dai VVF? Il CPI sarebbe stato necessario se la sala avesse avuto capienza superiore ai 100 posti a sedere. 16) Esiste un ufficio-segreteria nell'edificio/oratorio? 17) L altezza degli ambienti è non minore a 3 metri Alcuni 18) La porta principale di accesso all edificio da su: Suolo pubblico Suolo privato ad uso pubblico Suolo privato ad uso privato Evidenziamo l'importanza di un contratto in forma scritta, magari come semplice verbale di Direttivo. Ciò permette chiarezza anche sulla responsabilità in merito alla curezza. Attenzione alla conservazione degli alimenti, alla pulizia ed igiene; alla formazione degli addetti volontari. Risposta non necessaria, vista la precedente. Le sale riunioni-convegni vanno gestite con attenzione, perché comportano un numero elevato di presenze contempranee. In merito alla sala sotto i 100 posti, per le sedie non fisse si ricorda che la normativa prevede che esse siano collegate rigidamente tra loro, in file. Ciascuna fila non può contenere più di 10 sedie, in gruppi di 10 file. Attenzione, anche, al materiale con cui sono costruite le sedie. L'obbligo del materaile ignifugo scaturisce da una valutazione rischio incendio dell'intero edificio, quindi non è possibile stabilirlo a priori. Certamente è comunque consigliato l'acquisto di sedie ignifughe, ormai vendute comunemente. 25/05/2011 NOI Associazione - Oratori e Circoli 2/6

3 19) La porta principale di accesso ha apertura verso l esterno? (Vedi nota successiva) 20) La sua larghezza è: 80 cm 90 cm 120 cm 21) E fornita di maniglione antipanico? 22) L edificio, ove sono situati gli ambienti in uso, è composto da più piani? 23) Esistono scale interne? 24) La larghezza delle rampe di tali scale è: Maggiore di 1,20 m Minore di 1,20 m Uguale a 1,20 m 25) Sono dotate (almeno su un lato) di corrimano? 26) I gradini sono antiscivolo o hanno accorgimenti adeguati? 27) L'edificio è dotato di un ascensore/montacarichi? 28) Esistono scale esterne all'edificio? 29) Se sì, in quale materiale sono costruite? Calcestruzzo Acciaio 30) Di quanti servizi igienici è fornita la struttura ove sono ubicati gli ambienti in uso? 31) Vi è un servizio igienico per il personale interno (es. operatori bar)? 32) Vi è almeno un servizio igienico idoneo alle persone diversamente abili? 33) I servizi igienici sono distinti tra utenza maschile e utenza femminile? 34) Nell edificio vi sono pareti vetrate? 35) Su tali pareti vetrate, vi sono anche porte di comunicazione o uscita? 2 n è detto sia obbligatoria la porta antipanico (seppur auspicabile): dipende dal numero e collocazione delle uscite di emergenza e dalla valutazione incendio dell'intero edificio. Per una conferma o meno su questa prescrizione è inevitabile consultare un esperto del settore o un progettista edile. Un edificio a più piani presuppone una maggiore necessità di attenzione per quanto riguarda l'antincendio e la sicurezza in generale. Un'attenzione particolare deve sempre essere rivolta alle scale interne, spesso fonti di pericoli per la sicurezza. La normativa prevede che i gradini siano in materiale con opportuno coefficiente di attrito (=antiscivolo). Diversamente è sempre possibile applicare sui gradini delle strisce adesive antiscivolo, acquistabili comunemente. Per un edificio a più piani possono essere necessarie scale aggiuntive esterne di emergenza; questo dipende dall'affluenza e dalle attività svolte negli ambienti. La necessità viene decretata da un professionista del settore o da un progettista edile. Questa prescrizione non vi riguarda, non avendo il bar. Per questa eventuale prescrizione, riferita ai servizi igienici nei locali pubblici e privati, bisogna far riferimento ai regolamenti comunali o alle disposizioni dell'asl di competenza territoriale. 25/05/2011 NOI Associazione - Oratori e Circoli 3/6

4 36) Per l edifico (o gli ambienti in uso) si è in possesso della dichiarazione di conformità dell'impianto elettrico, completa degli allegati obbligatori per legge? 37) Per l edificio (o gli ambienti in uso) si è in possesso del libretto impianto termico e/o di controllo della caldaia? 38) L edificio (o alcuni ambienti di esso) è fornito di impianto di condizionamento? 39) L impianto termico ed elettrico sono revisionati periodicamente? Da personale specializzato, esterno Da volontari, interni Macchinari ed attrezzature 1) Indicare il tipo di apparecchi-strumenti sotto riportati, presenti nell'edificio ed usati più o meno frequentemente: Personal computer / Computer portatile Videoproiettore Fotocopiatrice Stampante laser Fax Televisore Radio-stereo HiFi 2) Quali dei seguenti macchinari-strumenti di pulizia sono presenti nell'edificio, ed usati più o meno frequentemente? Pulitrice "industriale" pavimenti Aspirapolvere Idropulitore Lavapiatti 3) Quale dei seguenti elettrodomestici sono presenti nell'edificio, ed usati più o meno Forno a microonde Piastra elettrica Cucina a gas Frigorifero 4) Quali dei seguenti apparecchi sono presenti nell'edificio (o adiacenze), ed usati più o meno frequentemente? Macchina rasa erba Decespugliatore 5) Quali dei seguenti attrezzi sono presenti nell'edificio (o adiacenze), ed usati più o meno frequentemente? Scala lineare a pioli Scala a libro Trabattello Trapano elettrico curezza dei lavoratori 1) Vi sono dei lavoratori dipendenti (o ad essi equiparati), assunti dall'associazione? (contratto tempo pieno o part-time; contratto a progetto; contratto accessorio;...) n è obbligo di legge, soprattutto per voi che non avete lavoratori dipendenti. La dotazione di apparecchiature elettriche, sia da intrattenimento che quelle per la conservazione degli alimenti, obbliga ad attenzioni particolari in merito all'impianto elettrico e conseguente rischio di elettrocuzione. Gli apparecchi devono essere certificati e controllati. Di essi va conservata garanzia e libretto istruzioni. Da non sottovalutare stato e portata di prolunghe e prese elettriche, soprattutto se utilizzate da valontari! (Vedi nota precedente) (Vedi nota precedente) Rasaerba e decespugliatore solo all'apparenza sono attrezzi "banali": i rischi intrinseci sono l'incendio, rischio di taglio e ferite agli occhi, il rumore Vanno adoperati da persone con esperienza e garantita la manutenzione. Attenzione anche all'eventuale "conservazione" della benzina. La pericolosità delle scale portatili è troppo spesso sottovalutata: gli infortuni sono frequenti! Assicurarsi che siano stabili, abbiano garanzia di conformità e vengano usate correttamente. 25/05/2011 NOI Associazione - Oratori e Circoli 4/6

5 2) Se sì, dichiarare se: E' stato nominato il RSPP o svolto il corso per RSPP da parte del datore di lavoro E' stato eletto il Responsabile dei Lavoratori per la curezza (RLS) e comunicato all'inail E' stato redatto il Documento di Valutazione Rischi o autocertificata la valutazione dei rischi E' stato formato l'addetto alla prevenzione incendi E' stato formato l'addetto al primo soccorso E' stato nominato il Medico competente (se previsto dai rischi lavorativi) 3) Vi sono dei lavoratori autonomi, retribuiti dall'associazione-oratorio, che prestano operaservizi in modo occasionale 4) Ci si appoggia ad una Cooperativa di servizi per determinati servizi-lavori? Se sì, quali: Formazione-animazione Pulizie oratorio Gestione bar 5) Vi sono delle persone che, in qualità di volontari, ricoprono con una certa continuità (= più giorni in un mese), l'incarico-mansione di: addetto sala conferenze turnista bar addetto manutenzione impianti elettrico e/o termico addetto manutenzione ambienti interni addetto alla manutenzione degli spazi esterni curezza antincendio e primo soccorso 1) Tra le persone che prestano servizio volontario con una certa continuità (più giorni al mese), ce n'è una che ha svolto un corso formativo di pronto soccorso? 2) Tra le persone che prestano servizio volontario con una certa continuità (più giorni al mese), ce n'è una che ha svolto un corso formativo antincendio? 3) E' presente, almeno in un ambiente dell'edificio, una cassetta sanitaria di primo soccorso? 4) L'edificio o un ambiente di esso ha un Certificato di Prevenzione Incendi rilasciato dai VV.F.? 5) Sono presenti estintori portatili negli ambienti dell'edificio? 6) Sono presenti idranti fissi nell'edificio? Il non avere lavoratori dipendenti (o ad essi equiparati) solleva da adempimenti quali nomina del Responsabile della curezza, Medico competente, Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, Rimane il fatto che i volontari sono equiparati dal D.Lgs. 81/2008 ai lavoratori autonomi, con oneri sulla sicurezza soprattutto a proprio carico. Il Circolo Associazione, però, dovrà fornire ai volontari-lavoratori strumenti sicuri e/o certificati per svolgere il proprio servizio e, se necessario per il tipo di strumento, formarli al corretto utilizzo. Se i volontari poi, usano prese di corrente e/o prolunghe, la responsabilità del corretto funzionamento dell impianto elettrico ricade sul Circolo-Associazione; mentre il volontario risponde degli eventuali strumenti propri, portati da casa. Avere volontari addetti a specifiche mansioni, obbliga il "datore di lavoro" a vigilare sul loro modo di operare, nei riguardi della sicurezza. Se opportuno, oltre a strumenti di lavoro idonei, andrà loro fornita una informazione sulle mansioni che eseguono e sui "rischi" comunque presenti negli ambienti ove operano. Formalmente, non avendo lavoratori dipendenti, non siete soggetti all'obbligo di corsi primo soccorso ed antincendio. Sono comunque consigliati, magari attraverso corsi "minimi". La presenza di queste persone formate, diventa tutelante soprattutto in occasione di attività-manifestazioni con partecipazione di un numero elevato di persone. ricorda che gli estitori portatili vanno periodicamente verificati e manutentati da ditte specializzate e collocati in numero non minore di uno per piano. 25/05/2011 NOI Associazione - Oratori e Circoli 5/6

6 7) Vi è la presenza di un impianto a soffitto di spegnimento automatico dell'incendio? 8) Vi è la presenza di dispositivi di rilevamento incendio/fumi? 9) Esternamente all'edificio, vi sono attacchi per autopompa dei VV.F.? 10) L'edificio è in possesso di uscite d'emergenza? 11) Vi è la presenza della segnaletica d'emergenza a muro? 12) L'edificio (o parte di esso) è in possesso dell'illuminazione di emergenza? In merito alle risposte fornite alle domande si precisa che la necessità di quelle dotazioni è frutto della valutazione generale dei rischi e dall'architettura dell'edificio: per questo non possiamo dare delle indicazioni generali. Inevitabile, chiedere un parere ad un esperto del settore o un progettista edile. Servizio di prevenzione e protezione 1) è seguiti da una figura professionale, esperta di sicurezza degli ambienti e dei luoghi di lavoro? 2) E' stata fatta una valutazione dei rischi presenti neglii ambienti dell'edificio e di quelli causati da attrezzature utilizzate, a prescindere dalla presenza di lavoratori dipendenti nell'associazione? 3) E' stato predisposto un programma di misure opportune per il miglioramento dei livelli di sicurezza degli ambienti e/o attrezzature? 4) L'edificio è in possesso di un piano di emergenza-evacuazione? 5) organizzano riunioni informative e/o corsi di formazione per volontari affinchè prestino il loro servizio in sicurezza? (Vedi note nella sezione "curezza lavoratori") Nel vostro caso non è un obbligo di legge, tale figura. Ciò non esenta dal chiedere, occasionalmente, delle consulenze specifiche, per dissipare eventuali dubbi. La valutazione dei rischi consente di avere un'idea appropriata degli adempimenti sulla sicurezza e la conseguente possibilità di programmare interventi migliorativi. Ovviamente la valutazione va fatta con l'aiuto di un esperto del settore. Predisporre un programma di miglioramento, significa monitorare continuamente la situazione della sicurezza; può esser fatto anche con delle semplici schede ricognitive ed informative. La "semplicità" dei vostri ambienti, probabilmente, non comporta l'obbligo del piano di emergenza, anche se dei semplici cartelli grafici, o basilari indicazioni da tenere nelle emergenze, sarebbero consigliabili, a maggior ragione ricordando che l'edificio è a più piani. te - In merito alla valutazione-analisi fornita, per semplificare la comprensione ai "non addetti ai lavori", si è privilegiata l'immediatezza dell'aspetto grafico del questionario, con semplici note a lato, anzichè una relazione tecnica, con sistematici riferimenti a normative. evidenzia che la valutazione della curezza attraverso la presente Check-list è funzione della precisione e correttezza delle risposte del compilatore (Circolo) e del fatto che l'analizzatore non visiona gli ambienti "dal vivo". Per approfondimenti ed indicazioni aggiuntive, quindi, non si può prescindere dalla consuelenza di un professionista. 25/05/2011 NOI Associazione - Oratori e Circoli 6/6

IDENTIFICAZIONE AZIENDA. FIGURE PREPOSTE ALLA SICUREZZA SUI LUGHI DI LAVORO (indicare solo se sono presenti)

IDENTIFICAZIONE AZIENDA. FIGURE PREPOSTE ALLA SICUREZZA SUI LUGHI DI LAVORO (indicare solo se sono presenti) IDENTIFICAZIONE AZIENDA Ragione Sociale Azienda Nome del Datore di lavoro/legale Rappresentante (identificato con chi ha il potere di spesa e decisionale) P.Iva Azienda Codica Fiscale Azienda Tel Azienda

Dettagli

BUONE PRATICHE PER UNO SPORT SICURO E CONSAPEVOLE

BUONE PRATICHE PER UNO SPORT SICURO E CONSAPEVOLE BUONE PRATICHE PER UNO SPORT SICURO E CONSAPEVOLE LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEGLI IMPIANTI SPORTIVI Bologna, 28 marzo 2015 LA GESTIONE DELLA SICUREZZA ALL INTERNO DI UN IMPIANTO SPORTIVO Gestione della

Dettagli

D.U.V.R.I. ( Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze ) ( D.Lgs. art. 26 D.Lgs. 81/08)

D.U.V.R.I. ( Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze ) ( D.Lgs. art. 26 D.Lgs. 81/08) D.U.V.R.I. ( Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze ) ( D.Lgs. art. 26 D.Lgs. 81/08) Impresa appaltatrice: Appaltatore: Amministrazione Comunale di San Romano In Garfagnana Affidamento

Dettagli

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese Il concetto di sicurezza a scuola è quasi sempre associato a situazioni di rischio connesse alla vulnerabilità degli edifici scolastici e alle questioni inerenti la loro sicurezza strutturale, igienica

Dettagli

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO Pagina 1 di 5 ALLEGATO H Il Datore di Lavoro Il R.S.P.P: visto l R.L.S. Prof.ssa Margherita Ventura Geom. Gabriele Sbaragli Ins. Nadia Capezzali Pagina 2 di 5 In via generale per tutti i plessi scolastici.

Dettagli

DELL'ATTO DI NOTORIETA'

DELL'ATTO DI NOTORIETA' via iscritto in data incaricato dal Sig, in qualità di REDIGE LA SEGUENTE PERIZIA DI ASSEVERAMENTO SULL IMPIANTO ELETTRICO 1 via iscritto al della provincia di al N in data incaricato dal Sig, in qualità

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA SICUREZZA SCU NELLA SCUOLA Procedure operative per la gestione del corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

Dettagli

D.Lgs 9 aprile 2008, n.81

D.Lgs 9 aprile 2008, n.81 D.Lgs 9 aprile 2008, n.81 Definizioni Ai sensi dell art.2 del decreto 81/2008, si precisa che: 1. Datore di lavoro: è il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Nel caso Suo è la persona

Dettagli

NOTE INDICATIVE sugli obblighi di formazione sulla sicurezza sul lavoro

NOTE INDICATIVE sugli obblighi di formazione sulla sicurezza sul lavoro NOTE INDICATIVE sugli obblighi di formazione sulla sicurezza sul lavoro Chi svolge l attività in forma individuale, e senza avere dipendenti subordinati, non ha obblighi in materia di formazione sulla

Dettagli

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Gestione del rischio incendio nella scuola MODULO B Unità didattica B5-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 Il quadro

Dettagli

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 1 Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 DEFINIZIONE Luoghi destinati a ospitare posti di lavoro, ubicati all interno dell azienda o dell unità produttiva, nonché ogni altro luogo di pertinenza dell'azienda

Dettagli

Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA

Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA Istituto Comprensivo MAHATMA GANDHI Via Corinaldo, 41 00156 Roma Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA D.Lgs. n. 81/2008, art. 32, comma 2 >Figure sensibili addette all antincendio

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Dal 2008 è entrata in vigore una nuova legge, il Decreto Legislativo 81/2008 o TESTO UNICO SULLA SICUREZZA SUL LAVORO. IL D.Lgs. 81/08 ha introdotto anche in Italia

Dettagli

VADEMECUM DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA NELLE SCUOLE A.S. 2014-2015

VADEMECUM DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA NELLE SCUOLE A.S. 2014-2015 VADEMECUM DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA NELLE SCUOLE A.S. 2014-2015 Di seguito vengono riportati i principali adempimenti da assolvere, in base alla tipologia di istituto scolastico, mansioni

Dettagli

Quadro normativo. Obbligo di richiesta del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) per le scuole con più di 100 persone D.M.

Quadro normativo. Obbligo di richiesta del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) per le scuole con più di 100 persone D.M. Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Il Piano antincendio scolastico 6.1a CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI Quadro

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA STATALE DELL INFANZIA TREVISO BRESCIANO (BS)

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA STATALE DELL INFANZIA TREVISO BRESCIANO (BS) DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA STATALE DELL INFANZIA TREVISO BRESCIANO (BS) 21/10/2015 ALBERTI Carlo Data sopralluogo Elaboratore File:Infanzia_Treviso_Bresciano_2015

Dettagli

Quesiti di prevenzione incendi

Quesiti di prevenzione incendi Quesiti di prevenzione incendi Raccolta 2010/2011 183 domande e risposte a cura di Mario Abate Direttore Vice Dirigente Comando VVF Milano (Le risposte ai quesiti sono riferite alle norme vigenti al momento

Dettagli

ALLEGATO 1 - Dichiarazione del datore di lavoro dell'impresa appaltatrice

ALLEGATO 1 - Dichiarazione del datore di lavoro dell'impresa appaltatrice ALLEGATO 1 - Dichiarazione del datore di lavoro dell'impresa appaltatrice DICHIARAZIONE DEL DATORE DI LAVORO DELL IMPRESA APPALTATRICE IN MERITO AL POSSESSO DEI REQUISITI TECNICO PROFESSIONALI OBBLIGATORI

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Sede Decentrata n.4 via f.lli Antoni

Dettagli

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti Q. & S. - Qualità & Sicurezza S.r.l. L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti All inizio di ogni anno il Dirigente di ciascun Istituto Scolastico

Dettagli

Comune di Roccafranca

Comune di Roccafranca Comune di Roccafranca PROVINCIA DI BRESCIA 25030 Roccafranca (BS) C.F. 00729210179 P.IVA 00576090989 Tel.: 030 7092005-53 Fax: 030 7090235 Sito internet: www.comune.roccafranca.bs.it e-mail: protocollo@pec.comune.roccafranca.bs.it

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Pavia, 25/01/2006 Prot. n. 2892 Titolo IX Classe 3 Fascicolo 14-2006 Allegati n. 1 Ai Direttori/Responsabili Strutture universitarie Ai Dirigenti Ai Direttori dei Centri: - CNR Sezioni ospitate - INFN

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA. Oggetto:

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA. Oggetto: ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA Oggetto: DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO D. LEG. 9/04/2008 SCUOLA MEDIA RANNA VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA ANNO

Dettagli

Adempimenti legislativi in merito alla sicurezza sui luoghi di lavoro, ambiente e igiene alimentare.

Adempimenti legislativi in merito alla sicurezza sui luoghi di lavoro, ambiente e igiene alimentare. 1 GUIDA ALLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Adempimenti legislativi in merito alla sicurezza sui luoghi di lavoro, ambiente e igiene alimentare. INDICE 1. Introduzione: la sicurezza sui luoghi di lavoro

Dettagli

oggetto: Adeguamenti strutturali e manutentivi relativi all applicazione della normativa di igiene e sicurezza sul lavoro

oggetto: Adeguamenti strutturali e manutentivi relativi all applicazione della normativa di igiene e sicurezza sul lavoro (Carta intestata dell Istituzione Scolastica) Al Provincia/ Comune/ Municipio ) (il destinatario deve essere il soggetto tenuto alla fornitura e manutenzione dell immobile)... data... oggetto: Adeguamenti

Dettagli

CHECKLIST PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO

CHECKLIST PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA SUL LAVORO CHECKLIST PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO

Dettagli

DESCRIZIONE DELL'UNITÀ PRODUTTIVA

DESCRIZIONE DELL'UNITÀ PRODUTTIVA Schede preliminari identificative dell Istituzione scolastica e degli eventuali plessi, che vanno compilate, per ogni singolo edificio, ed inviate al seguente indirizzo e-mail 81@euservice.it euservice

Dettagli

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti 01. Esistono scale fisse a gradini 01.01. Le scale che presentano dislivelli pericolosi dispongono di parapetti sui lati aperti 01.02. I parapetti sono di tipo normale. Per lavori edili o di manutenzione

Dettagli

LA SICUREZZA DEI VOLONTARI NELLE PARROCCHIE

LA SICUREZZA DEI VOLONTARI NELLE PARROCCHIE LA SICUREZZA DEI VOLONTARI NELLE PARROCCHIE A cura di Dott. Sergio PIAZZOLLA Medico del Lavoro P.I. Ernesto ARSUFFI Tecnico della Prevenzione Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro A.

Dettagli

DESCRIZIONE DELL'UNITÀ PRODUTTIVA

DESCRIZIONE DELL'UNITÀ PRODUTTIVA Schede preliminari identificative dell Istituzione scolastica e degli eventuali plessi, che vanno compilate, per ogni singolo edificio, ed inviate al seguente indirizzo e-mail 81@euservice.it euservice

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA C AD U T I D I P I AZ Z A L O G G I A.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA C AD U T I D I P I AZ Z A L O G G I A. DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA S C U O L A S T AT AL E S E C O N D AR I A D I 1 G R AD O C AD U T I D I P I AZ Z A L O G G I A Via MATTEOTTI, 20 25016

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE INNOVAZIONE E RICERCA EDUCATIVA Palazzo Gerini Via Michelangelo Buonarroti n 10 Firenze

ISTITUTO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE INNOVAZIONE E RICERCA EDUCATIVA Palazzo Gerini Via Michelangelo Buonarroti n 10 Firenze ISTITUTO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE INNOVAZIONE E RICERCA EDUCATIVA Palazzo Gerini Via Michelangelo Buonarroti n 10 Firenze Progetto Definitivo Esecutivo Sistemazione degli uffici ex IRRE Campania in

Dettagli

SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002

SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002 Scuola di cittadinanza attiva SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002 settembre 2002 1 PREMESSA Poiché il tema della sicurezza

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA DE NICOLA SIENA

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA DE NICOLA SIENA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA DE NICOLA SIENA 1 STRUTTURA SEDE RESIDENZA DE NICOLA Via De Nicola, 9 SIENA tel

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA MATTIOLI SIENA

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA MATTIOLI SIENA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA MATTIOLI SIENA 1 STRUTTURA SEDE RESIDENZA MATTIOLI Via P. A. MATTIOLI, 8 SIENA tel

Dettagli

Convegni. La sicurezza sul luogo di lavoro Il DVR Standardizzato

Convegni. La sicurezza sul luogo di lavoro Il DVR Standardizzato Convegni La sicurezza sul luogo di lavoro Il DVR Standardizzato Dott. Emanuele Garavello Avvocatura Curia Arcivescovile della Arcidiocesi di Milano Ottobre 2013 1 INDICE Protagonisti della sicurezza. Adempimenti.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Servizio Istruzione via del Carmine

Dettagli

CHECK LIST PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEI PRINCIPALI OBBLIGHI DOCUMENTALI E DI ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA

CHECK LIST PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEI PRINCIPALI OBBLIGHI DOCUMENTALI E DI ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA CHECK LIST PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEI PRINCIPALI OBBLIGHI DOCUMENTALI E DI ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA Pagina 2 di 8 Sommario 1. FINALITA E USO DEL DOCUMENTO... 3 2. VERIFICA DELLA DOCUMENTAZIONE

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO -0-01/08/2014 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Ex art. 30 DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008 n. 81 e successive integrazioni e modificazioni redatto secondo le Linee Guida UNI INAIL

Dettagli

DBConsulenze. Bottaro Arch.Alessandro

DBConsulenze. Bottaro Arch.Alessandro CHECK LIST PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEI PRINCIPALI OBBLIGHI DOCUMENTALI E DI ORGANIZZAZIONE DELLA CUREZZA PRINCIPALI OBBLIGHI CUREZZA SUL LAVORO Sommario 1. FINALITA E USO DEL DOCUMENTO... 2 2. VERIFICA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE TREVISO BRESCIANO (BS)

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE TREVISO BRESCIANO (BS) DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE TREVISO BRESCIANO (BS) 21/10/2015 ALBERTI Carlo Data sopralluogo Elaboratore File:Primaria_Treviso_Bresciano_2015

Dettagli

QUALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEGLI STUDI MEDICI PROFESSIONALI?

QUALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEGLI STUDI MEDICI PROFESSIONALI? Sicurezza, Igiene del Lavoro, Problematiche Ambientali QUALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEGLI STUDI MEDICI PROFESSIONALI? una guida pratica per verificare la completezza degli obblighi di

Dettagli

DUVRI- Procedura di Sicurezza PS 1-2015 Affidamento di opere ed appalti. Comune di Bricherasio

DUVRI- Procedura di Sicurezza PS 1-2015 Affidamento di opere ed appalti. Comune di Bricherasio 2015 DUVRI- Procedura di Sicurezza PS 1-2015 Affidamento di opere ed appalti Comune di Bricherasio Sommario INTRODUZIONE... 3 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 RESPONSABILITÀ... 3 ATTIVITÀ DI COMPETENZA DEL

Dettagli

Le principali attività per adempiere agli obblighi relativi alla sicurezza e salute negli ambienti di lavoro (Testo Unico 81/2008) sono:

Le principali attività per adempiere agli obblighi relativi alla sicurezza e salute negli ambienti di lavoro (Testo Unico 81/2008) sono: Principali obblighi per i Datori di Lavoro di piccole/medie imprese (settore commercio) in seguito all entrata in vigore del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro D.Lgs 81/2008 Le principali attività

Dettagli

Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio. (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98)

Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio. (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98) Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98) RISC_INC Rev. 1 Pagina 1 di 12 Sede direzionale / amministrativa NOMINATIVO AZIENDA

Dettagli

CAPITOLO 6 MISURE ORGANIZZATIVE

CAPITOLO 6 MISURE ORGANIZZATIVE Pagina 1 di 9 CAPITOLO 6 MISURE ORGANIZZATIVE Organizzazione del lavoro Contratti d appalto e contratti d opera Analisi, pianificazione e controllo Formazione ed informazione Partecipazione Documentazione

Dettagli

81@euservice.it oppure al fax: 0623325743

81@euservice.it oppure al fax: 0623325743 Schede preliminari identificative dell Istituzione scolastica e degli eventuali plessi, che vanno compilate, per ogni singolo edificio, ed inviate al seguente indirizzo e-mail 81@euservice.it oppure al

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni.

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. CAMPO DI APPLICAZIONE Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. FIGURE INTERESSATE Datore di Lavoro Lavoratore

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

ADEMPIMENTI A CARICO DEL COMUNE PER LA MESSA A NORMA ED IN SICUREZZA DELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE

ADEMPIMENTI A CARICO DEL COMUNE PER LA MESSA A NORMA ED IN SICUREZZA DELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE ADEMPIMENTI A CARICO DEL COMUNE PER LA MESSA A NORMA ED IN SICUREZZA DELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE C O R N I AN I O R Z I N U O V I ( B S ) 26/11/2014 SCARINZI Roberto

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI ai sensi dell'art. 26 del D.Lgs. 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI ai sensi dell'art. 26 del D.Lgs. 81/08 RÉGION AUTONOME VALLÉE D AOSTE VILLE D AOSTE REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA CITTÀ DI AOSTA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI ai sensi dell'art. 26 del D.Lgs. 81/08 NOTA: criteri di valutazione

Dettagli

LOCALI DI PUBBLICO D.M. 19.08.1996

LOCALI DI PUBBLICO D.M. 19.08.1996 LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO D.M. 19.08.1996 CAMPO APPLICAZIONE a) Teatri (sia al chiuso che all aperto); b) Cinematografi (anche drive-in); c) cinema-teatri; d) auditori e sale convegni; e) locali di

Dettagli

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08).

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). ALLEGATO 4 al Capitolato DISCIPLINARE SICUREZZA STAMPANTI 1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). Oggetto: attività di noleggio

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

Campo di applicazione del D.lgs 81/08, ovvero chi è interessato L art. 3 definisce il campo di applicazione della normativa.

Campo di applicazione del D.lgs 81/08, ovvero chi è interessato L art. 3 definisce il campo di applicazione della normativa. Informazioni sul Dlgs 81/08 pag. 1 D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Sicurezza sugli ambienti di lavoro Cosa è il D.lgs 81/08 Il D.lgs 81/08 sostituisce, come Testo Unico, la previgente Legge 626/94 e le altre

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALITA

RELAZIONE TECNICA GENERALITA RELAZIONE TECNICA GENERALITA L'Amministrazione del Comune di Gonnoscodina ha conferito all Ing. Elio Musa l'incarico della progettazione, direzione lavori, contabilità, per i lavori riguardanti MANUTENZIONE

Dettagli

Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti

Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti Dr. Sebastiano Papa Principali soggetti

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Il comportamento corretto e prudente di ognuno è il miglior modo di prevenzione contro ogni genere di infortunio - Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc. - Non

Dettagli

OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione.

OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione. OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione. Addetti Pulizie : Procedure per gli Operatori Esterni / DUVRI. Il sottoscritto, Arch. Filippo Fasulo, in qualità

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs n 81 dei 9 aprile 2008 (ex Legge 3 agosto 2007 n 123) APPALTO: Servizio di Refezione scolastica per la scuola dell infanzia e

Dettagli

LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI

LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI ChiesadiMilano LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI CENNI SULLA LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ED IL PIANO DI EMERGENZA DOCUMENTI DA PREDISPORRE E CONSERVARE Relatore: Ing.

Dettagli

oggetto: Adeguamenti strutturali e manutentivi relativi all applicazione della normativa di igiene e sicurezza sul lavoro

oggetto: Adeguamenti strutturali e manutentivi relativi all applicazione della normativa di igiene e sicurezza sul lavoro (Carta intestata dell Istituzione Scolastica) Al Provincia/ Comune/ Municipio ) (il destinatario deve essere il soggetto tenuto alla fornitura e manutenzione dell immobile)... data... oggetto: Adeguamenti

Dettagli

OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs.

OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. CLI:1608 Committente: COMUNITA MONTANA DELL ESINO-FRASASSI via DANTE, FABRIANO - (AN) 0732-6951 Ditta Appaltatrice: ragione sociale indirizzo recapito telefonico e fax OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA. (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa)

LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA. (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole RETE DI SCUOLE E AGENZIE PER LA SICUREZZA della Provincia di Firenze LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA

Dettagli

I NOSTRI SERVIZI ED I NOSTRI PRODOTTI

I NOSTRI SERVIZI ED I NOSTRI PRODOTTI ANTINCENDIO I NOSTRI SERVIZI ED I NOSTRI PRODOTTI GESTIONE COMPUTERIZZATA ATTREZZATURA ANTINCENDIO Esclusivo software gestionale per l elaborazione dei dati analitici, riferimenti UNI e scadenze operative

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio per il Personale, Ufficio per la sicurezza sul lavoro EDIFICIO REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 Responsabile della gestione del

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE 1. autorizzazioni edilizie planimetrie aggiornate (sede dell impresa) certificato di Licenza d Uso o Agibilità (sede dell

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FORMAZIONE INFORMAZIONE PER STUDENTI E SIMILARI AFFERENTI ALLA FACOLTA DI VETERINARIA IN MATERIA DI Sicurezza e Salute dei Lavoratori sul Luogo di Lavoro UNIVERSITA DEGLI

Dettagli

AFP Linee guida SGSL. Scuola sicura La scuola può e deve diventare il luogo primo e prioritario in cui si insegna e si attua la prevenzione.

AFP Linee guida SGSL. Scuola sicura La scuola può e deve diventare il luogo primo e prioritario in cui si insegna e si attua la prevenzione. AFP Linee guida SGSL Scuola sicura La scuola può e deve diventare il luogo primo e prioritario in cui si insegna e si attua la prevenzione. Argomenti I rischi legati al luogo di lavoro DRONERO Emergenza

Dettagli

Consulenza e Servizi a supporto delle Piccole e Medie Imprese

Consulenza e Servizi a supporto delle Piccole e Medie Imprese SCHEDA MONITORAGGIO IMPRESE ASSOCIATE DENOMINAZIONE DELL IMPRESA FORMA GIURIDICA PARTITA IVA Comune Cap Tel e-mail Nome e Cognome Data e Luogo di nascita Residenza Codice Fiscale Tel. E-mail: DATI GENERALI

Dettagli

Sicurezza nei luoghi di lavoro

Sicurezza nei luoghi di lavoro Sicurezza nei luoghi di lavoro Il termine ergonomia indica l insieme delle tecniche, degli strumenti e degli accorgimenti che consentono di creare un ambiente di lavoro sicuro e confortevole. Le norme

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali. Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008

Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali. Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008 Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008 Oggetto dell appalto: Contratto per la gestione dell impianto sportivo calcistico Aldo Nelli in località Oste Dirigente/

Dettagli

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO (art. 26 comma 1 lett. b D.Lgs 81/2008) e MISURE ADOTTATE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. - BOZZA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. - BOZZA COMUNE DI COSSIGNANO Gara per l affidamento del servizio di mensa scolastica per la scuola dell infanzia e la scuola primaria anni scolastici 2012/2013 e 2013/2014. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO ORATORIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA SECONDARIA STATALE DI 1 GRADO DI IDRO (BS)

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO ORATORIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA SECONDARIA STATALE DI 1 GRADO DI IDRO (BS) DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO ORATORIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA SECONDARIA STATALE DI 1 GRADO DI IDRO (BS) 28/10/2015 ALBERTI Carlo Data sopralluogo Elaboratore File:

Dettagli

Oggetto: VALUTAZIONE RISCHI da INTERFERENZA

Oggetto: VALUTAZIONE RISCHI da INTERFERENZA ALLEGATO n. 7 alla GARA DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZI DI ASSISTENZA PER L AUTONOMIA E LA COMUNICAZIONE PERSONALE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Svolta nelle seguenti scuole: Scuola infanzia

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO Repubblica Italiana CITTÁ DI MAZARA DEL VALLO REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO (in attuazione del decreto

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA COMUNE DI SIENA Allegato B DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA (ai sensi dell art. 26, comma 3 del D.lgs 81/2008)

Dettagli

SINTESI D.L. N. 81/2008

SINTESI D.L. N. 81/2008 SINTESI D.L. N. 81/2008 LA SICUREZZA NELL AMBITO SCOLASTICO LA TUTELA DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Il decreto legislativo 81/ 08 prescrive le misure finalizzate alla tutela della salute e alla

Dettagli

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA Documentazione aziendale DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA - Pratiche comunali: certificazione di agibilità - Denuncia di nuovo lavoro all INAIL (almeno 5 gg prima inizio

Dettagli

Il Decreto legislativo 626 del 1994 stabilisce delle misure generati di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori.

Il Decreto legislativo 626 del 1994 stabilisce delle misure generati di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori. INTRODUZIONE Il Decreto legislativo 626 del 1994 stabilisce delle misure generati di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori. Fra queste misure l'uso dei SEGNALI DI AVVERTIMENTO E SICUREZZA

Dettagli

AFFIDAMENTO SERVIZO DI MANUTENZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

AFFIDAMENTO SERVIZO DI MANUTENZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ANTHEA S.R.L. VIA DELLA LONTRA 30, 47923 RIMINI (RN) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (EX ART. 26 DEL D.LGS. 81/2008) AFFIDAMENTO SERVIZO DI MANUTENZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro

La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro Ascom Vittorio Veneto Servizio Corsi e Formazione Corso Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione - a cura di Giovanni Benincà La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi

Dettagli

Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008

Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008 Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008 1 UCTSP MILANO 27 GIUGNO 2008 STEFANIA CASOTTO RESPONSABILE DEI SERVIZI AMBIENTE - SICUREZZA - POLITICHE ENERGETICHE Agenda 2 La definizione di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008)

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) Ruoli Identità Funzioni Datore di lavoro (DdL) Dirigente scolastico Cfr. art.18

Dettagli

Dove. La sicurezza degli ambienti

Dove. La sicurezza degli ambienti ing. Domenico Mannelli Dove La sicurezza degli ambienti PERICOLO= La potenzialità che una macchina o un impianto o, ancora, un processo possano causare danni. (Es. Scala priva di strisce antiscivolo )

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO N.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO N. DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO N. BERTHER Piazza Marconi, 2 25010 SAN ZENO (BS) 27/05/2013 SCARINZI Alessandra

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUDIT INIZIALE

QUESTIONARIO DI AUDIT INIZIALE QUESTIONARIO DI AUDIT INIZIALE Raccolta dati sull'unità familiare e sulla unità abitativa La è un azione del Comune di San Giuseppe Vesuviano in attuazione della Pianificazione Ambientale Comunale. Il

Dettagli

Richiesta idoneità sede didattica temporanea

Richiesta idoneità sede didattica temporanea ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE Richiesta idoneità sede didattica temporanea Allegato 4 al Dispositivo per l Accreditamento degli Organismi di Formazione Professionale REGIONE

Dettagli

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO QUALIFICA RUOLO FUNZIONI E MANSIONI DIRIGENTE SCOLASTICO DATORE DI LAVORO Definisce gli interventi, le priorità, le necessità finanziarie, riguardo

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SEDE OPERATIVA PISCINA COMUNALE COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Gestione Piscina Comunale Data emissione I revisione

Dettagli