SINTESI PROGETTI SCUOLA PRIMARIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SINTESI PROGETTI SCUOLA PRIMARIA"

Transcript

1 SINTESI PROGETTI SCUOLA PRIMARIA TRINITY (LINGUA INGLESE) Il progetto, rivolto agli alunni delle classi quinte della scuola primaria, è finalizzato alla realizzazione di corsi di potenziamento di lingua inglese per incrementare le competenze comunicative dei ragazzi e per la preparazione dell esame di certificazione internazionale del Trinity College London (I, II, III grado). PISCINA NEW GREEN HILL Corso di nuoto rivolto alle classi V della scuola primaria di M.Stern Nuovo. GIOCHI MATEMATICI (UNIVERSITA BOCCONI) Giochi matematici proposti e realizzati in collaborazione con l Università Bocconi rivolto agli alunni delle classi IV e V. ED. ALLA SALUTE In collaborazione con la ASL per un corretto stile di vita. ED. ALLA LEGALITA Progetto rivolto a tutte le classi della scuola primaria che mira alla conoscenza ed al rispetto delle regole alla convivenza civile e alla conoscenza dei principi fondamentali del nostro ordinamento giuridico. FRUTTA NELLE SCUOLE-SAPERE SAPORI Sensibilizzazione ad una corretta educazione alimentare. IL PIACERE DELLA LETTURA CONDIVISA Progetto in rete con le scuole del IV e V Municipio finalizzato a promuovere il piacere della lettura. IL VIAGGIO NELLA MEMORIA : Itinerario formativo che prepari ad essere cittadini d Europa e del mondo, nel rispetto e nella valorizzazione delle diversità, prevenzione dell intolleranza e del razzismo, promuovendo la convivenza democratica, la cittadinanza attiva. AMA PER LA SCUOLA Incontri con operatori AMA per sensibilizzare gli alunni alle problematiche del riciclaggio. SPORTELLO PSICO-PEDAGOGICO Supporto ad alunni e famiglie in particolari situazioni di difficoltà. CONTINUITA Organizzazione di percorsi didattici comuni, attività e incontri tra scuola dell infanzia-primaria-scuola secondaria di I grado dell I.C. Uruguay. SCUOLE APERTE (CHITARRA-PIANOFORTE) Corsi di chitarra e pianoforte in orario extracurricolare. MUSE Progetto multiculturale europeo dedicato alla realizzazione di percorsi di danza, musica e teatro. BAMBINI AL CENTRO

2 Realizzazione di percorsi sulle emozioni e sulla creatività. NONNI SU INTERNET Alfabetizzazione informatica rivolto ai nonni del quartiere. LIM (Lavagne Interattive Multimediali) SINTESI PROGETTI SCUOLA SECONDARIA I GRADO TRINITY (LINGUA INGLESE) Il progetto, rivolto agli alunni delle classi prime e terze, è finalizzato alla realizzazione di corsi di potenziamento di lingua inglese per incrementare le competenze comunicative dei ragazzi e per la preparazione dell esame di certificazione internazionale del Trinity College London (I, II, III grado). PATENTE EUROPEA (COMPUTER) Corso di potenziamento in ambito informatico per il conseguimento della Patente Europea, attraverso lezioni frontali ed interattive; simulazioni di esami; preparazione agli esami finali per il rilascio della certificazione ECDL. PISCINA NEW GREEN HILL Corso di nuoto rivolto alle classi I della sede centrale-via di Settebagni 281 CENTRI SPORTIVI STUDENTESCHI GIOCHI DELLA GIOVENTU GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI LIM (Lavagne Interattive Multimediali) GIOCHI MATEMATICI (UNIVERSITA BOCCONI) Giochi matematici proposti e realizzati in collaborazione con l Università Bocconi. ED. ALLA SALUTE In collaborazione con la ASL per un corretto stile di vita. ED. ALLA LEGALITA Progetto rivolto a tutte le classi della scuola secondaria che mira alla conoscenza ed al rispetto delle regole alla convivenza civile e alla conoscenza dei principi fondamentali del nostro ordinamento giuridico. ED. ALLA SICUREZZA Progetto realizzato in collaborazione con la protezione civile AVS COSMOS per la tutela dell ambiente. ED. STRADALE Avvio ad una educazione alla mobilità sostenibile, responsabile e sicura. AMA PER LA SCUOLA Incontri con operatori AMA per sensibilizzare gli alunni alle problematiche del riciclaggio. SAPERE SAPORI Sensibilizzazione ad una corretta educazione alimentare. IL PIACERE DELLA LETTURA CONDIVISA

3 Progetto in rete con le scuole del IV e V Municipio finalizzato a promuovere il piacere della lettura. IL VIAGGIO NELLA MEMORIA : Itinerario formativo che prepari ad essere cittadini d Europa e del mondo, nel rispetto e nella valorizzazione delle diversità, prevenzione dell intolleranza e del razzismo, promuovendo la convivenza democratica, la cittadinanza attiva. CONTINUITA Organizzazione di percorsi didattici comuni, attività e incontri tra scuola dell infanzia-primaria-scuola secondaria di I grado dell I.C. Uruguay. ORIENTAMENTO Attività di orientamento per motivare ad una scelta consapevole della scuola secondaria di secondo grado; incontri con i referenti delle scuole superiori, consiglio orientativo dei docenti. PROGETTO MAGELLANO Somministrazione di una batteria di 8 test messa a punto da un gruppo di ricercatori, coordinati dal Prof. Soresi dell Università di Padova, in collaborazione con Giunti O.S., per aiutare lo studente dell ultimo anno della Scuola Secondaria di Primo Grado nella scelta della scuola secondaria di secondo grado. CINEFORUM-CINEMA A SCUOLA Cineforum in orario scolastico per i ragazzi, accompagnato dallo studio del linguaggio cinematografico per fornire strumenti che possano sviluppare un senso critico ed una capacità di analisi nei confronti di problematiche attuali. FACILE EST (CORSO DI LATINO) Corso di avviamento allo studio della lingua latina in orario extracurricolare. RECUPERO MATEMATICA-ITALIANO PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI LICENZA MEDIA SCUOLE APERTE (CHITARRA-PIANOFORTE) Corsi di chitarra e pianoforte in orario extracurricolare. SPORTELLO PSICO-PEDAGOGICO Supporto ad alunni e famiglie in particolari situazioni di difficoltà. RAGAZZI AL CENTRO Sportello d ascolto per alunni e genitori, metodo di studio, cicli formativi.

4 7. SCHEDE PROGETTI ISTITUTO Titolo progetto: Emozion arti Referente: Micozzi Comunicare e condividere emozioni e sentimenti Riflettere sul valore dell amore, dell amicizia e della solidarietà Conoscere pratiche volte al benessere fisico ed emotivo e saperlo seguire creando un abitudine Rielaborare e comunicare esperienze e vissuto Ascoltare e comprendere un testo letto anche di autori letterari del passato Usare i linguaggi espressivi per comunicare e rappresentare Comunicare, esprimere emozioni, raccontare utilizzando i linguaggi del corpo Osservare le immagini e le opere artistiche Interpretare il messaggio e l emozione delle opere d arte - Esperienze di ascolto attraverso la narrazione di racconti e video racconti. - Attività espressive, grafico pittorico e manipolative. - Giochi e lettura di immagini. - Verbalizzazioni libere e guidate. - Poesie e canzoncine. - Coopertive learning. - Classi coinvolte:tutte le sezioni della scuola dell infanzia dei tre plessi.

5 Titolo progetto: SAPERE I SAPORI Referente: Laura Lauricella - Prevenire i disturbi del comportamento alimentare; - formare giovani consumatori critici; promuovere stili di vita sani; - conoscere i prodotti tipici del proprio territorio: dalla produzione alla trasformazione e commercializzazione; - promuovere, anche nelle famiglie, informazioni adeguate alla diffusione di una corretta alimentazione - Esperienze dirette; attività di laboratorio; ricerca documentazione. Questionari sulle abitudini alimentari; schede; opuscoli; audiovisivi; raccolta fotografica; lezioni frontali; visite guidate ad aziende di produzione e di trasformazione, mercati, supermercati; interventi di esperti. Classi coinvolte: classi di scuola secondaria I grado classi di scuola primaria

6 Titolo progetto: GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI Referente: Laura Lauricella Avviare i ragazzi a varie discipline sportive, privilegiando il momento ludico e formativo Curare la preparazione psico fisica degli alunni, programmando le attività da seguire, in base alle loro capacità. Classi coinvolte: classi della Scuola secondaria di I grado

7 Titolo progetto: GIOCHI DELLA GIOVENTU Referente: Laura Lauricella Sollecitare l impegno a carattere sportivo degli alunni, per il contrasto alla sedentarietà, promuovere la cultura dello sport come occasione di crescita formativa. Percorso pre-sportivo e ludico-motorio fondato sullo sviluppo delle abilità fondamentali nei giochi collettivi, identificando il gruppo/classe con la squadra. Classi coinvolte: classi scuola secondaria I grado

8 Titolo progetto: CENTRI SPORTIVI STUDENTESCHI Referente: Laura Lauricella Il progetto si articola in due fasi di lavoro: curricolare ed extra curricolare, mira a favorire una unità di interventi di attività motorie e sportive per rispondere al principio della continuità formativa. Preparazione ad alcune specialità di atletica leggera, al gioco della pallavolo,del badminton, del tiro a segno, del tennis tavolo e del canottaggio indoor. Classi coinvolte: Tutte le classi di scuola secondaria e le quinte della scuola elementare

9 Titolo progetto: EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA (AVS) Referente: Laura Lauricella Il progetto ha lo scopo di avvicinare gli alunni della scuole elementare e media, alle tematiche inerenti la protezione civile e la tutela dell ambiente. Lezione frontale, con l ausilio di strumenti multimediali, di presentazione sul ruolo della Protezione Civile in Italia; storia, struttura, organizzazione e ruolo del volontariato; attività pratiche con i ragazzi: assistenza alle operazioni di montaggio della tenda ministeriale P 88 e della tenda Ferrino ; dimostrazione di spegnimento incendi; dimostrazione utilizzo attrezzature in dotazione; allestimento di un ponte radio con relativa sala operativa. Classi coinvolte:classi scuola primaria e secondaria di I grado

10 Titolo progetto: CORSO DI NUOTO AL NEW GREEN HILL Referente: Laura Lauricella - Avvicinare i ragazzi allo sport del nuoto, familiarizzando con l ambiente acqua. - Praticare uno sport completo e salutare che distribuisce il movimento omogeneamente su tutto il corpo, favorendo la salute, la longevità ed il benessere fisico e psicologico. - Apportare benefici estetici e fisici con un aumento della massa magra ed una riduzione di quella grassa, lo sviluppo dell'impalcatura ossea e l'espansione della gabbia toracica, la correzione di eventuali deviazioni della colonna vertebrale e il miglioramento della coordinazione motoria e respiratoria. Divisione del gruppo classe in due livelli, in base alle capacità natatorie pregresse e successivamente in due corsie, per seguire un programma personalizzato. Perfezionamento dei 4 stili del nuoto, impostazione del tuffo a candela e di testa. Giochi in acqua, staffette. Classi coinvolte: classi della scuola secondaria di I grado e V scuola primaria plesso Stern

11 Titolo progetto: ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI FLUSSI MIGRATORI- CINEMA A SCUOLA Il progetto, destinato a tutti gli alunni, italiani e stranieri, del nostro Istituto, vuole superare le difficoltà di integrazione fra i bambini. Per questo motivo il lavoro si sviluppa in verticale per le varie fasce d età, dalla scuola dell infanzia a quella secondaria di 1 grado tutti gli alunni sono coinvolti in attività di laboratorio, di gioco, di studio, attività informatiche ma soprattutto di CINEFORUM. Ogni plesso ha allestito un AULA VIDEO nella quale saranno proiettati i film da proporre, tenendo conto della fascia d età, degli apprendimenti relativi e dello sviluppo emotivo. Le referenti hanno preparato schede di presentazione per ogni film oltre ad una scheda di lettura. attraverso la lettura e comprensione di un libro, la visione di un film gli alunni saranno accompagnati ad apprendere le forme della lingua italiana e alla costruzione di un pensiero critico rispetto a quanto appreso. Classi coinvolte: classi scuola primaria e secondaria I grado

12 Titolo progetto: CINEMA A SCUOLA: UN VIAGGIO INTERIORE Questo progetto segue il precedente e ne condivide le finalità volte all integrazione degli alunni stranieri e italiani dei tre ordini di scuola. E previsto un cineforum in orario scolastico per i ragazzi, un eventuale cineforum pomeridiano per le famiglie e un aggiornamento per le docenti. Il progetto si differenzia dal precedente per le tematiche da affrontare, che si spostano dalla conoscenza di altri paesi e culture alla conoscenza di sé stessi. E un viaggio interiore nelle emozioni per conoscere meglio sé stessi e creare i presupposti per un benessere psico-fisico indispensabile a sviluppare sempre maggiori competenze. Attraverso la visione di film si intende dare strumenti che possano sviluppare un senso critico e una capacità di analisi nei confronti di problematiche attuali. Classi coinvolte:scuola primaria e scuola secondaria I

13 Titolo progetto: SPORT CON LA SCUOLA Referente: ASSPORT IV -Sviluppare la funzione comunicativa come scambio affettivo attraverso giochi di finzione, di ruolo e di imitazione, -sviluppare la funzione cognitiva di discriminazione di forme, grandezze degli spazi intorno, di oggetti specifici e non specifici, - scoprire le relazioni causa-effetto che lega oggetti ed azioni, - sviluppare le capacità senso-percettive attraverso il controllo della postura e degli atteggiamenti, sviluppare inoltre, la percezione della contrazione eccentrica e concentrica e del rilassamento, - sviluppo della coordinazione, - adattamento alle dinamiche generate dal gruppo. La nostra attenzione sarà posta alla modulazione dei contenuti e all approccio pedagogico nella facilitazione delle esperienze Saranno privilegiati giochi ed esercitazioni che possano stimolare i bambini ad affinare sempre di più le abilità, a consolidare la lateralità, a differenziare gli emisomi nella utilizzazione segmentata del corpo. Nei giochi di squadra si cercherà di sviluppare i concetti di cooperazione e collaborazione, il rispetto delle regole che sono necessarie alla relazione interpersonale promuovente e a preservare l incolumità degli allievi. Classi coinvolte: Scuola dell infanzia Stern e Cinquina

14 Titolo progetto: SPORT CON LA SCUOLA Referente: ASSPORT IV Gli obiettivi già menzionati per la Scuola dell Infanzia saranno approfonditi nella Scuola Primaria. Il loro sviluppo sarà condizionato dallo stile di insegnamento, dalla personalità e dall esperienza sportiva specifica di ogni Operatore, così come dagli stili cognitivi e di apprendimento degli alunni, la composizione e la storia sportiva della classe, l interazione e il supporto degli insegnanti interni. L articolazione dei contenuti potrà quindi risultare non omogenea, pur nella fondamentale coerenza con il modello di riferimento originario, proprio per questa contestualizzazione. La nostra attenzione sarà posta alla modulazione dei contenuti e all approccio pedagogico nella facilitazione delle esperienze. Saranno privilegiati giochi ed esercitazioni che possano stimolare i bambini ad affinare sempre di più le abilità, a consolidare la lateralità, a differenziare gli emisomi nella utilizzazione segmentata del corpo. Nei giochi di squadra si cercherà di sviluppare i concetti di cooperazione e collaborazione, il rispetto delle regole che sono necessarie alla relazione interpersonale promuovente e a preservare l incolumità degli allievi. Classi coinvolte: Classi della scuola primaria

15 Titolo progetto: LINGUA INGLESE SCUOLA DELL INFANZIA Referente: D aguì Francesca - Formare un atteggiamento positivo verso l'apprendimento della lingua - straniera. - Rendere cosciente il bambino che la lingua straniera e' un ulteriore strumento - di comunicazione. - Riconoscere e comprendere i suoni e i fenomeni tipici della lingua. - Individuare semplici parole inglesi nel linguaggio corrente Nel processo d'insegnamento-apprendimento verra' privilegiato l'aspetto sociale-comunicativo del linguaggio verbale nelle capacita' linguistiche di ascoltare e parlare. Accanto alla priorita' data al momento orale,l'altro elemento significativo sara' l'aspetto ludico.le attivita' adeguate ad un apprendimento naturale saranno quelle basate sui giochi e movimenti,sulle drammatizzazioni,i dialoghi e i canti. Per coinvolgere totalmente i bambini saranno organizzate attivita' pratiche manipolative con pupazzi e cartelloni; sara' promosso l'ascolto di dialoghi e filastrocche in lingua inglese. Inoltre,essendo il progetto nel suo secondo anno di svolgimento,si provvedera' a consolidare e ampliare le competenze acquisite precedentemente dagli alunni di quattro e cinque anni mentre a quelli di tre anni si impartiranno strutture molto semplici e basilari. Classi coinvolte: sezioni della scuola dell infanzia

16 Titolo progetto: Trinity Referente: Maria Stefania Politano Il progetto, destinato agli alunni delle classi terze, è finalizzato alla realizzazione di corsi pomeridiani di lingua inglese per incrementare le competenze comunicative dei ragazzi e per la preparazione dell esame di certificazione internazionale del Trinity College London (I, II, III grado). Tale certificazione risulta particolarmente adatta ai ragazzi dell età della scuola media, perché incentrata sulle competenze orali che, se adeguatamente rinforzate in questa fascia d età, possono determinare un atteggiamento positivo e disinvolto nell uso della lingua straniera, facendone una reale risorsa comunicativa. - potenziamento delle conoscenze in lingua inglese soprattutto con riguardo allo sviluppo del lessico e all uso consapevole e corretto delle strutture; - sviluppo della fluency e delle abilità orali in genere per una competenza comunicativa reale Scelte metodologiche: scansione in unità didattiche utilizzo di metodologie comunicative (simulazioni, role-play, group work, pair work, giochi linguistici, ascolto di cd, visione film) prevalenza della lingua orale sulla scritta Materiali utilizzati: schede, cassetteaudio, cd, dvd, cd rom dizionari bilingue e monolingue giochi, poster, flashcard realia (oggetti e materiali che appartengono alla vita dei ragazzi) Prerequisiti richiesti per l accesso ai corsi: possesso delle competenze linguistiche previste per il livello iniziale ed elementare (I,II,III grado) della certificazione Trinity; valutazione positiva in merito a comportamento e impegno Destinatari: alunni delle classi terze con buone conoscenze di base nella lingua inglese Tempi e articolazione dei corsi: da gennaio ad aprile con una pausa nel mese di marzo, gli ultimi due incontri saranno poco prima dell esame, in aprile. ore1.30 settimanali per un totale di 15 ore Sede scuola media Uruguay Modalità di monitoraggio, verifica e valutazione:

17 - costante monitoraggio della produzione orale - listening comprehension - controllo e correzione di esercizi e di testi - ricaduta e continuità con il lavoro di inglese svolto in classe nelle ore curricolari; - esiti esame finale Titolo progetto: Trinity Referente: Maria Stefania Politano - Riconoscimento dell importanza della lingua inglese,della sua conoscenza come mezzo di comunicazione nell ambiente europeo ed internazionale; - sviluppo di un atteggiamento di interesse ;formazione di una cultura di base; - sviluppo della capacità di comprendere, esprimere e comunicare; - potenziamento linguistico attraverso il percorso formativo del Trinity con conseguente arricchimento di quelli che sono le opportunità per lo sviluppo della competenza linguistica e della consapevolezza interculturale degli alunni,configurando così una risposta di alto profilo alle sollecitazioni provenienti dalle stesse politiche comunitarie per la formazione del Cittadino Europeo. Il percorso assume una valenza educativa e formativa fondamentale,corrisponde ai bisogni linguistici degli alunni,contiene elementi stimolanti e motivanti per l apprendimento linguistico. Inoltre rende consapevole l alunno e il modo di rapportarsi diversamente all altro tramite una lingua diversa dalla propria comprendente language functions, grammar, lexis, phonology. Classi coinvolte: classi quinte scuola primaria

18 Titolo progetto: LIM -Formare la capacità di confrontarsi dinamicamente con la realtà conoscitiva e tecnico-operativa che si evolve verso l impiego di strumenti e metodologie ad alta automazione. -Formare l adattamento delle potenzialità conoscitive ed espressive individuali inducendo modelli di pensiero e strategie operative mediate dall impegno di strumenti multimediali e telematici. -Aumentare il livello di interesse delle lezioni/relazioni, creando la possibilità di una partecipazione più costruttiva da parte degli alunni e presentando contenuti che, potranno essere riutilizzati o rielaborati in forma collaborativa. - Lettura e decodificazione di dati emessi dal PC - Produzione ed elaborazione di dati immessi nel PC e nella LIM - Ideazione, produzione e pubblicazione di elaborati con caratteristiche multimediali e multidisciplinari, attraverso l uso della LIM - Scrivere, realizzare forme geometriche, catturare immagini da qualsiasi fonte o applicativo, utilizzare la ricca galleria di oggetti tematici (matematica, italiano, scienze, geometria, geografia, storia, musica, ecc...) - Salvare, stampare, distribuire gli appunti della lezione nei formati più comuni (BMP, GIF, JPEG, PDF, HTML). - Utilizzare, restando alla lavagna, tutti gli applicativi e le risorse del computer mediante la penna elettronica; inoltre, su ogni videata proiettata introdurre in ogni momento annotazioni personali. - Memorizzare le schermate con tutte le note e gli appunti del docente/relatore. Ripercorrere le videate archiviate, in sequenza oppure a piacere, per richiamare i punti focali o riassumere gli argomenti trattati. Classi coinvolte:classi scuola secondaria I grado

19 Titolo progetto: Giochi matematici della Bocconi Referente: Nada Rifugio Promuovere ed individuare l eccellenza Stimolare la mente dei ragazzi, orientarli, aiutarli a ragionare correttamente, interessarli alle discipline scientifiche Il mettersi in gioco La seria competizione per dare il meglio di sé Una serie di giochi matematici che gli studenti devono risolvere individualmente nel tempo di 90 minuti Le difficoltà dei giochi sono previste in funzione alle diverse categorie Testi di allenamento per preparare alla competizione matematica Gratificazione per la partecipazione Classi coinvolte: classi IV-V scuola primaria classi Scuola secondaria I grado

20 Titolo progetto: Il viaggio della memoria Referente: Rita Stella Barbara Falasca OBIETTIVI EDUCATIVI - Educare i ragazzi ad un atteggiamento che superi ogni visione unilaterale dei problemi ed avvicini all intuizione di valori comuni pur nelle differenze culturali e religiose, realizzando una solida educazione alla pace, al rispetto dei diritti umani in un dialogo interculturale. - Favorire una nuova dimensione formativa dell educazione con l obiettivo di prevenire ogni forma di condotta negativa quali bullismo e aggressività. - Tramutare occasioni di confronto multiculturale e plurietnico, in atteggiamenti di prevenzione dell intolleranza e del razzismo. - Seguire un itinerario formativo che prepari ad essere cittadini d Europa e del mondo, nel rispetto e nella valorizzazione delle diversità, promuovendo la convivenza democratica, la cittadinanza attiva. OBIETTIVI DIDATTICI GENERALI: - Proporre un itinerario di studio, di ricerca e di approfondimento sui temi della storia come memoria individuale e collettiva, come memoria della vita quotidiana. - Conoscere i trascorsi storici che hanno segnato con efferata violenza i conflitti tra popoli e le diverse etnie e mostrare la realtà attuale stimolando sentimenti di fiducia che permettano di migliorare la qualità dell integrazione e realizzare Progetti di vita. - Conoscere culture e religioni diverse, nell ambito dei programmi scolastici, secondo premesse ed aree disciplinari capaci di proporre anche strumenti che stimolino e agevolino lo sviluppo di conoscenza critica. - Sperimentare situazioni di arricchimento e di maturazione in vista di una convivenza basata sulla cooperazione, lo scambio e l'accettazione produttiva della diversità come valore ed opportunità di crescita democratica. ( Ogni docente sceglierà le attività che vorrà realizzare) Accendere la memoria (informazione storica): Creare un ambiente interattivo con gli studenti, in modo che essi possano trovare spazio per i loro interventi, sollecitando empatia e riflessione sul significato e sulle dinamiche della memoria storica di ogni avvenimento che i docenti di classe sceglieranno come tappa del viaggio. Costruire la memoria: Lettura in classe ( o individuale) di testi e/o passi letterari antologici. Ascolto di testimonianze dal vivo e/o visione di film tematici. Ricerche individuali e/o di gruppo.

21 Vivere la memoria: Relazioni e riflessioni; scambio e dibattiti a classi aperte. Realizzazione individuale e/o in gruppi laboratoriali di un testo poetico o in prosa o di una rappresentazione pittorica. Realizzazione di un dizionario delle parole chiave della memoria e del rispetto tra i popoli. Studio di un progetto grafico e realizzazione di prodotti di vario tipo: grafico pittorici, multimediali, musicali realizzati anche nell ambito delle iniziative legate al Progetto Continuità. Partecipazione a spettacoli teatrali sulla memoria. Realizzazione di un breve spot pubblicitario o di rappresentazioni teatrali. Esecuzione di brani musicali legati all Unità d Italia. Visite guidate a luoghi collegati al fare Memoria. Partecipazione a concorsi della memoria indetti da vari Enti. Allestimento di una mostra di fine anno con gli elaborati liberamente realizzati Classi coinvolte:classi scuola primaria e scuola secondaria I grado

22 Titolo progetto: MUS-E (Musique Europe) Referente: Nazzarena Faraglia Mus-e è un progetto multiculturale europeo dedicato ai bambini che si propone di contrastare, attraverso esperienze artistiche, l emarginazione e il disagio sociale nelle scuole. Nasce dalla mente di Yehudi Meunhin, con lo scopo di promuovere l integrazione e la valorizzazione delle diversità fra i più piccoli. Artisti professionisti guidano verso le discipline più diverse per favorire l accoglienza delle differenze là dove è più alto il disagio socio-culturale e quindi umano. Nasce dal desiderio di aiutare i bambini a maturare le proprie potenzialità espressive e la propria capacità di osservazione e di relazione. Discipline praticate: musica, canto, teatro, danza, mimo, arti plastiche, discipline collettive che facilitano la comunicazione e la condivisione dell esperienza in forme diverse dal linguaggio verbale, ma con un linguaggio universale in cui le differenze diventano ricchezze. Il programma viene proposto a scuole con elevata presenza di bambini immigrati e dal difficile background socio-culturale dove il linguaggio artistico può favorire l incontro fra culture oltre a permettere la libertà di espressione anche ai diversamente abili. Le attività si svolgono durante l orario scolastico, sono indirizzate ai bambini della scuola primaria e sono gratuite. Gli artisti, con specifica preparazione culturale, si distinguono per un forte orientamento pedagogico e la predisposizione a lavorare con i bambini, collaborano con gli insegnanti e concludono l attività con una lezione aperta. Classi coinvolte: Scuola primaria Cinquina

23 Titolo progetto: Ballando con le stelline Referente: Ass. Sport. Dilett. MR.MABO - Incentivare la scoperta di sé stimolando il rispetto dell altro, soprattutto del diverso da sè, incoraggiando e, se necessario, correggendo, le attitudini sociali dei bambini e dei ragazzi. - Favorire la conoscenza, la comunicazione e la relazione di gruppo. - Diffondere la pratica della Danza trasmettendo a bambini e ragazzi la volontà di raggiungere risultati sviluppando la propria personalità attraverso il sano agonismo ed il gesto atletico arricchito da elementi quali armonia, musicalità, interpretazione e coordinamento dei movimenti. Per l infanzia e le classi prima e seconda l'impianto sarà prevalentemente ludico: dal gioco "a tempo" si passerà gradualmente all'esecuzione di una coreografia di gruppo prendendo spunto dall affascinante mondo delle fiabe Disney. Lezione tipo: Riscaldamento corporeo con esercizi di ginnastica ad imitazione diretta;primo approccio con la parte musicale (ritmo); Primo approccio con il ballo tramite esercitazioni in forma di gioco; Spiegazione di alcune semplici coreografie. Terza quarta e quinta scuola Primaria Per le classi superiori,data anche una predisposizione fisica maggiore ci si avvicinerà in maniera più netta alle tecnica della danza moderna e dell hip hop, impostando il lavoro su presupposti diversi: il bambino sarà condotto alla scoperta coerente del proprio corpo e sarà educato al rapporto con l'altro ponendo l'accento tanto sull'euritmia ed il movimento corretto quanto sulle dinamiche di rispetto e aiuto reciproco fondamentali in un gruppo. Per avvicinarsi maggiormente al mondo dei bambini si sceglieranno musiche tratte da film famosi. Lezione tipo: Riscaldamento corporeo con esercizi di ginnastica ad imitazione diretta;esercitazioni per la coordinazione motoria; La diversità dei generi musicali e stili di ballo; Spiegazione di alcune coreografie; Tecnica di alcune figure della danza moderna/hip hop/contemporanea Costruzione di una coreografia da parte degli alunni. Classi coinvolte: Sezioni A-B Marcigliana - Sezioni A-B Cinquina II A Stern Nuovo

24 Titolo progetto: AMA per la scuola Referente: Alessia Boccalari Sensibilizzare gli alunni verso semplici regole per la raccolta differenziata,. Educare al rispetto e alla pulizia delle aree verdi, in particolare del proprio quartiere e degli spazi condivisi come la scuola. Sollecitare gli alunni ad effettuare la raccolta differenziata. Determinare cambiamenti negli atteggiamenti e nei comportamenti, sia a livello individuale che collettivo. - Brainstorming - Visione di filmati, discussioni, lettura del quotidiano, definizione del significato del termine degrado. - Approntare interventi didattici che cerchino di coniugare opportunità di conoscenza, di sapere, di apprendimento/insegnamento con quelli della soddisfazione motivazionale. - Scelta di una didattica attiva, che vede nell'ambiente circostante una fonte di informazione, uno stimolo a superare la passività, una provocazione a conoscerlo mediante l'esplorazione e la progettazione. - Partecipazione attiva da parte dei soggetti coinvolti secondo le modalità della ricerca-azione. - Approccio di tipo globale all'ambiente in cui trovare stimoli per la ricerca, la riflessione, la sperimentazione, la soluzione dei problemi. Classi coinvolte: tutte le classi della scuola primaria dei plessi Stern e Cinquina

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo.

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Tutti i bambini che ne fanno richiesta v engono ammessi al Coro,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: O.N.M.I.C. - Opera Nazionale Mutilati Invalidi Civili- Codice di accreditamento: NZ01189 Albo e

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli