ANALISI REALE E COMPLESSA a.a

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008"

Transcript

1 ANALISI REALE E COMPLESSA Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli (o complessi), definite in uno stesso dominio D (spesso un intervllo di R). In primo luogo dobbimo definire cos si intende per convergenz; cpiremo (ci limiteremo d un cso) che le definizioni dte sono dello stesso tipo di quelle dte per l convergenz delle successioni di numeri reli, sono cioè bste su un opportuno concetto di intorno di un funzione, o meglio su un concetto di pll, o disco, centrt in un funzione simile quello di intervllo centrto in un numero rele. Dopo le definizioni di convergenz e i reltivi esempi, psseremo studire quli proprietà si conservno l limite. Dimostreremo per esempio che sotto lcune ipotesi il limite degli integrli [risp. derivte] è l integrle [risp. derivt] del limite. Osservimo infine che un serie di funzioni è un cso prticolre di successione di funzioni gicché l successione delle ridotte è un successione di funzioni llo stesso modo in cui un serie è un cso prticolre di successione. 1.2 Definizioni di convergenz Convergenz puntule Definizione 1 Sino D un insieme non vuoto, f n : D C, n IN, e f : D C funzioni. Si dice che l successione di funzioni {f n } converge puntulmente f in D se, per ogni x D, l successione numeric {f n (x)} h per limite f(x). Si dice che l serie di funzioni n f n converge puntulmente f se l successione delle ridotte { n k=0 f k} converge putulmente f. L ggettivo puntule signific che l successione converge per ogni punto del dominio. Si potrebbe ricondurre questo tipo di convergenz llo schem generle del concetto di limite, definendo un fmigli di intorni per un funzione f; ciò esul dgli scopi del nostro corso. Esempi. 1) Si f n : R R, x n. Quest successione di funzioni non h limite puntule in R, perché per x > 1 e per x = 1, x n non converge. Invece in ] 1, 1] converge puntulmente. Inftti, come già visto, lim n xn = { 0 per x < 1 1 per x = 1. Posto f(1) = 1, f(x) = 0 per x < 1, l successione {f n } converge puntulmente f in ] 1, 1]. Osservimo che, pur essendo le f n continue per ogni n, il limite puntule f è discontinuo. 1

2 2) Ponimo e n x, x R. Non è difficile verificre che f n converge puntulmente in R ll funzione f così definit: { 0 per x 0 f(x) = 1 per x = 0. 3) Ponimo { n per 0 < x < 1/n 0 ltrove. Allor {f n } converge puntulmente in R f 0 (dimostrrlo!!). Idem per l successione di funzioni (dett doppietto ) n per 1/n < x < 0 n per 0 < x < 1/n 0 ltrove. 4) Anche l successione {n sin(x/n)} converge puntulmente in R ( cos?). 5) Si ϕ : R R un funzione derivbile. Considerimo l successione di funzioni definite d n(ϕ(x + 1 n ) ϕ(x)). È chiro che l successione (f n ) n IN è puntulmente convergente e si h lim f n(x) = dϕ n + dx (x). 6) Disegnre il grfico e studire l convergenz puntule dell successione di funzioni n 2 (x + 1/n) per 1/n < x < 0 n 2 (1/n x) per 0 < x < 1/n 0 ltrove. Esercizio. Si (f n ) n IN un successione di funzioni crescenti venti f come limite puntule. Provre che f è crescente. Uno dei principli intenti nel definire l convergenz di successioni di funzioni è quello di fre in modo che proprietà importnti verificte d tutte le funzioni dell successione sino mntenute nche dll funzione limite. Come si vede dll esercizio precedente, l monotoni viene effettivmente mntenut l limite. Quest è nche un delle pochissime proprietà rispettt dl limite puntule. Vedimo inftti il seguente esempio. Esempio. Considerimo l successione di funzioni dte d x x n 2

3 Verificre che il limite puntule dell successione (f n ) n IN è { 1 lim f per x 0 n(x) = f(x) := x 3 n + 0 x = 0. Trccire il grfico di f e delle f n e verificre che ciscun delle funzioni f n è limitt, continu, derivbile (nzi di clsse C ), integrbile in senso generlizzto su R. Invece il limite puntule non è limitto, nè continuo, nè loclmente integrbile. L esempio precedente motiv l ricerc di un definizione di limite divers d quello puntule, per un successione di funzioni. Convergenz uniforme Definizione 2 Sino D un insieme non vuoto, f n : D C, n IN, e f : D C funzioni. Si dice che l successione di funzioni (f n ) n IN converge uniformemente f (in simboli, f n f) in D se lim f(x) f n (x) = 0. sup n Si dice che l serie n f n converge uniformemente f se l successione delle ridotte converge uniformemente f. È ovvimente essenzile cpire l differenz fr convergenz puntule ed uniforme. In primo luogo è evidente che Proposizione 1 Se un successione di funzioni converge uniformemente f in D, llor converge f puntulmente in D. Inftti, f n converge puntulmente d f in D, se e solo se lim f(x) f n(x) = 0 per ogni x D ; n tuttvi, come vedremo, non necessrimente lim sup f(x) f n (x) = 0. n Più precismente, un modo per esprimere l convergenz puntule in D è il seguente: ε > 0, x D, n ε,x : n > n ε,x = f(x) f n (x) < ε ; l scrittur n ε,x evidenzi che n ε,x dipende si d ε che d x. Un modo per esprimere l convergenz uniforme, invece, è (per l definizione di limite): ε > 0, n ε : n > n ε = f(x) f n (x) < ε x D. L differenz consiste quindi nel ftto che, nel secondo cso, n ε non dipende d x, è cioè uniforme rispetto d x D. L definizione di convergenz uniforme può essere ricondott llo schem noto di limite con gli intorni. Si può definire come intorno (per l topologi 3

4 dell convergenz uniforme) di un funzione f ogni insieme che conteng, per qulche ε > 0, un insieme del tipo { g : D R : sup g(x) f(x) < ε }. Il significto geometrico dell insieme precedente è chirito dll figur seguente: di tle insieme fnno prte tutte le funzioni il cui grfico pprtiene d un tubo di semimpiezz ε, centrto nel grfico di f (v. l figur nel testo p. 12). Mostrimo come ci poss effettivmente essere convergenz puntule senz che quell uniforme bbi luogo. Esempio. L successione x n non converge uniformemente in ] 1, 1] e neppure in ] 1, 1[. Converge, invece, uniformemente 0 in [, b] per ogni coppi, b con 1 < < b < 1. Dll Proposizione 1 ricvimo che, se vi è convergenz uniforme, l funzione limite deve coincidere con il limite puntule f. Clcolimo llor sup f(x) f n (x) = sup x n = 1 per ogni n IN. x ] 1,1] x ] 1,1[ Ovvimente ciò dice che non vi è convergenz uniforme. Invece l convergenz uniforme in [, b] h luogo, perché sup x [,b] x n = ( mx{, b } ) n 0. Esercizi vri. Studire l convergenz puntule ed uniforme delle seguenti successioni di funzioni: x 1 + nx 2, g n(x) = nx 1 + nx. Svolgimento. È evidente che f n (x) 0 per ogni x R. Per controllre l convergenz uniforme, cerchimo il sup di f n (x), x R cioè il mssimo fr sup f n e inf f n. Con fcili clcoli si ottiene che il mssimo è rggiunto in 1/ n e il minimo in 1/ n. Il mssimo di f n è 1/(2 n) 0; f n converge uniformemente in R ll costnte 0. Per qunto rigurd g n, osservimo che converge puntulmente ll funzione segno, cioè 1 per x < 0 sign(x) = 0 per x = 0 1 per x > 0. Per studire l convergenz uniforme in R dobbimo quindi trovre sup g n (x) sign(x). x R Non è difficile dimostrre che tle sup è 1 (si osservi nche che il sup non è un mssimo; ciò non deve stupire, perché l funzione di cui trovre l estremo superiore non è continu, e l insieme non è limitto). L successione quindi non converge uniformemente in R. Provre che invece converge uniformemente nel complementre di ogni intervllo perto che contiene l origine. 4

5 Osservzione. Nell risoluzione degli esercizi sull convergenz uniforme, può essere utile notre che, se f : D R è un funzione, llor sup f(x) = sup = mx{sup mx{f(x), f(x)} = mx{sup f(x), inf f(x)}. f(x), sup f(x)} Proposizione 2 (Criterio per l convergenz uniforme di un successione di funzioni) Sino (f n ) n IN un successione di funzioni in D ed f il suo limite puntule. Se esiste un successione infinitesim ( n ) n IN in R tle che llor f n f in D. f n (x) f(x) n, per ogni x D, L dimostrzione del criterio è immedit e si lsci per esercizio. Vle comunque l pen di sottolinerlo perchè f notre come per provre l convergenz uniforme non si necessrio clcolre esplicitmente i sup f n (x) f(x), m si sufficiente trovrne un stim con un successione infinitesim. Esempio. Considerimo l successione (f n ) n IN ove sin (nx+x2 ) n. È chiro che lim n + 0 per ogni x R ed inoltre f n (x) 1 n, dunque l successione (f n) n IN converge uniformemente. Il clcolo esplicito di sup x R f n (x) potrebbe invece sembrre più lborioso. Un importnte ed utile criterio per l convergenz uniforme delle serie di funzioni è il seguente: Teorem 1 (Criterio di Weierstrss) Sino f n : D R (o C) funzioni e sino c n numeri reli positivi. Se, per ogni n IN vle f n (x) c n x D e l serie c n converge, llor l serie f n converge uniformemente in D. Un serie di funzioni che soddisf le ipotesi del teorem precedente si dice spesso un serie totlmente convergente. Il criterio di Weierstrss si esprime llor dicendo che l convergenz totle implic l convergenz uniforme. Dimostrzione. Per il criterio del confronto, l serie f n (x) converge ssolutmente e quindi converge, per ogni x D; chimimo f l su somm puntule e ponimo C = c n. Dobbimo mostrre che l successione delle ridotte converge uniformemente f. Si h n sup f(x) f k (x) = sup f k (x) sup k=0 k=n+1 f k (x) 5 k=n+1 k=n+1 c k = C n c k. k=0

6 L ultim espressione tende ovvimente 0 per n. L dimostrzione è conclus. Il precedente criterio h molte ppliczioni. Studimo dpprim l serie geometric. Esempio. Ricordimo che l serie z n, z C, n=0 converge puntulmente 1/(1 z) in {z C : z < 1}. In tle insieme non converge uniformemente. Inftti 1 n sup 1 z z k = sup z n+1 1 z = +. z <1 k=0 Usndo il criterio di Weierstrss si vede subito che l serie geometric converge uniformemente in {z C : z r} per ogni 0 < r < 1, perché in tle insieme z n r n, ed essendo r < 1, r n < +. Esercizi. 1) Provre che l serie esponenzile converge uniformemente in {z C : z r} per ogni r > 0. 2) Provre che per ogni α > 1 l serie converge uniformemente in R. n=1 1.3 Teoremi di pssggio l limite z <1 sin nx n α I seguenti risultti contengono condizioni sufficienti ffinché lcune proprietà dei termini di un successione di funzioni si conservino l limite; lcuni fr gli esercizi finli mostrno come, in ssenz di ipotesi, tli proprietà non sino in generle più verificte. Il primo teorem rigurd l continuità del limite uniforme di funzioni continue. Teorem 2 Sino D un sottoinsieme non vuoto di R, f n : D C, n IN, e f : D C funzioni. Se tutte le f n sono continue in x 0 D e f n f uniformemente in D, llor nche f è continu in x 0. Dimostrzione. Fissimo ε > 0. Per l convergenz uniforme, esiste n IN tle che si h, per ogni x I, f(x) f n (x) < ε/3. Per l continuità di f n, esiste δ > 0 tle che x x 0 < δ = f n (x) f n (x 0 ) < ε/3. Ne segue che, per x x 0 < δ si h f(x) f(x 0 ) f(x) f n (x) + f n (x) f n (x 0 ) + f n (x 0 ) f(x 0 ) ε/3 + ε/3 + ε/3 = ε. L dimostrzione è conclus. 6

7 Il precedente risultto può essere usto negli esercizi nche per dimostrre che un successione di funzioni continue non converge uniformemente in un certo intervllo. Ad esempio, si vede subito che l successione geometric non converge uniformemente in ] 1, 1], perché il limite puntule è discontinuo in 1. Tuttvi l continuità del limite puntule non dà nessun informzione sull convergenz uniforme negli intervlli chiusi strettmente contenuti in ] 1, 1]. Teorem 3 (Pssggio l limite sotto il segno di integrle) Si (f n ) n IN un successione di funzioni definite nell intervllo [, b] tle che f n f. Se ogni f n è integrbile secondo Riemnn in [, b], nche f è Riemnn integrbile in [, b] e si h f(x) dx = lim n + f n (x) dx. Dimostrzione. Provimo il risultto solo nel cso in cui le funzioni f n dell successione sino continue. Sppimo llor che nche il loro limite uniforme f è un funzione continu e quindi Riemnn integrbile nell intervllo chiuso e limitto [, b]. Per le proprietà dell integrle su intervlli orientti scrivimo or l stim b f(x) dx f n (x) dx = (f(x) f n (x)) dx f(x) f n (x) dx sup f(z) f n (z) dx = b sup f(x) f n (x), x [,b] z [,b] d cui segue il risultto per definizione di convergenz uniforme. Osservzione. Fccimo notre che l dimostrzione del teorem precedente verific in reltà il ftto che lim n + f(x) f n (x) dx = 0. Teorem 4 (Pssggio l limite sotto il segno di derivt) Si (f n ) n IN un successione di funzioni derivbili definite nell intervllo [, b]. Se esistono un funzione g : [, b] R, x o [, b] e λ R tli che df n dx g e lim n + f n(x o ) = λ, llor l successione (f n ) n IN converge uniformemente d un funzione f : [, b] R derivbile e tle che d dx lim f n = df n + dx = g = lim df n n + dx. Perciò f è quell primitiv f : [, b] R di g tle che f(x o ) = λ. Se in prticolre le funzioni f n sono di clsse C 1, llor g è continu e quindi f(x) = λ + x 0 g(t) dt. 7

8 Dimostrzione. Provimo il risultto solo nel cso in cui le funzioni f n dell successione sino di clsse C 1. Per il teorem fondmentle del clcolo possimo llor scrivere f n (x o ) + x o f n(t) dt, per ogni x [, b]. (1) Per il Teorem di pssggio l limite sotto il segno di integrle, ottenimo dunque il limite puntule lim f n(x) = λ + g(t) dt =: f(x), n + x o che definisce un funzione f : [, b] R, integrle indefinito di g. Poichè per il Teorem 2 l funzione g è continu, possimo llor ffermre che f è derivbile (nzi di clsse C 1 ) e si h df dx = g. Provimo infine che l convergenz dell successione (f n ) n IN è in reltà uniforme. Usndo l definizione di f, l formul (1), l disuguglinz tringolre per il modulo e le proprietà dell integrle, scrivimo l stim seguente. f n (x) f(x) f n (x o ) λ + x o x f n (x o ) λ + g(t) dt x o (t) g(t) dt df x n (t) dt dx x o df n dx f n (x o ) λ + b sup df n (z) g(z). z [,b] dx Poichè il termine ll destr delle disuguglinze non dipende d x [, b] ed è quindi mggiornte dell insieme { f n (x) f(x) : x [, b]}, concludimo llor che sup f n (x) f(x) f n (x o ) λ + b sup df n (z) g(z), x [,b] z [,b] dx dove ncor il termine destr è infinitesimo per n +, per le nostre ipotesi. Possimo llor concludere per definizione di convergenz uniforme. I teoremi di pssggio l limite per le successioni di funzioni possono essere riformulti per le serie di funzioni. Si h quindi, in prticolre, Teorem 5 Si {f n } un successione di funzioni continue d [, b] in R tle che l serie di funzioni n=1 f n converge S uniformemente in [, b]. Allor: 1) S è continu in [, b]; 2) S(x) dx = n=1 f n(x) dx. Esercizio. L funzione e x2 non h, com è noto, un primitiv esprimibile elementrmente. Clcolimone lo sviluppo in serie di McLurin. Si h e x2 = n=0 8 ( 1) n x2n n!,

9 e l serie converge uniformemente (provrlo) in ogni intervllo limitto. Si h perciò, per il teorem del pssggio l limite sotto il segno di integrle, 0 e t2 dt = = ( 1) n n=0 0 t 2n n! dt ( 1) n x 2n+1 (2n + 1)n!. n=0 1.4 Esercizi vri 1) (Tem d esme di Anlisi Mtemtic I, luglio 95) Si consideri l successione di funzioni rctn[(x + 1) n ], x R : ) se ne studi l convergenz puntule; b) si dimostri che converge uniformemente in [ 1, 1/2]; c) si clcoli 1/2 lim n 1 f n (x) dx. 2) Dimostrre che l successione x 2 + 1/n converge uniformemente in R ll funzione x. Osservre che l funzione limite non è derivbile; cioè l convergenz uniforme dell successione non è sufficiente d ssicurre l derivbilità del limite. Si consideri or l successione g n (x) = sin (n2 x) n. Se ne clcoli il limite puntule g e si provi che è uniforme. Si dic se g n converge puntulmente g. 3) Dimostrre che l successione { n per 0 < x < 1/n 0 ltrove non converge uniformemente in [0, 1]. Dimostrre che non h luogo il pssggio l limite sotto il segno di integrle; osservre, quindi, che l convergenz puntule non è sufficiente per ssicurre tle pssggio l limite. 4) Dimostrre che l successione di funzioni n log(1+x/n) converge uniformemente ( cos?) in ogni intervllo del tipo [, ], > 0. 5) Si consideri l successione di funzioni sin(nx)e nx x 0. Trovrne il limite puntule f e dimostrre che non h luogo l convergenz uniforme in [0, + [. È vero che f n f puntulmente? Si pss l limite sotto il segno di integrle in ogni intervllo del tipo [0, ]? 9

10 6) Dt l successione di funzioni f n : R \ [ 1, 0] R, dove ( ( log 1 + x)) 1 n. (i) Determinre l insieme di convergenz D R \ {0} ed il limite puntule f : D R. (ii) C è convergenz uniforme di f n d f su D? convergenz uniforme in ], ] D? o lmeno, fissto < sup D, si h 7) Si k un numero nturle fissto. Si dimostri che se α > k + 1 l serie di funzioni n=1 converge in R d un funzione di clsse C k. 8) Si pong Si(x) = sin nx n α 0 sin t t (seno integrle di x). Si di per noto lo sviluppo in serie di Mc Lurin sin t t = dt ( 1) n t 2n (2n + 1)!. n=0 Si clcoli lo sviluppo in serie di McLurin di Si( ), giustificndo tle clcolo medinte i teoremi di convergenz per le serie di funzioni. 9) (Dl compito del 16/12/2004) Si consideri l successione di funzioni f n (t) = n n χ [ n 2, n] (t), n IN. Si studi l convergenz puntule e uniforme in R di {f n (t)}. Svolgimento. Per ogni t fissto, f n (t) è definitivmente costnte ed ugule 0. Perciò f n converge puntulmente in R ll funzione null. Siccome mx t R f n (t) = n n +, non c è convergenz uniforme. 10) (Dl compito del 20/9/2005) Si {f n }, n IN, n > 0 l successione di funzioni così definit { sin x x per 1/n x n, 0 ltrimenti. Si f(x) = { sin x x per x 0, 0 ltrimenti. Stbilire se l successione f n converge f puntulmente o uniformemente in R. 11) (Adttto dl compito dell ) Si f n l successione definit d f n (t) = χ Pn (t), P n = [2, ] [3, ]... [n, n + 1 ], t R, n 2. n2 10

11 1. Disegnre il grfico di f n (ricordre che χ A ( ) indic l funzione crtteristic di un insieme A); 2. studire l convergenz puntule e uniforme dell successione f n in R; 3. studire l convergenz uniforme dell successione f n in [0, R], per ogni R > 0 fissto. 12) (Dl compito del ) Si studino l convergenz puntule ed uniforme in R dell successione di funzioni nxe n x. 13) (Dl compito del ) Si dt l successione di funzioni { f n }n 1 definit d { (tnh x) e x n se x > 0, e n se x 0, (si ricordi che tnh x = sinh x/ cosh x). 1. Si clcoli il limite puntule di { f n }n 1 per n Si verifichi se { f n }n 1 converge uniformemente in R oppure in [ 1, 1]. 11

Il lemma di ricoprimento di Vitali

Il lemma di ricoprimento di Vitali Il lemm di ricoprimento di Vitli Si I = {I} un fmigli di intervlli ciusi contenuti in R. Diremo ce l fmigli I ricopre l insieme E nel senso di Vitli (oppure ce I è un ricoprimento di Vitli di E) se per

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

Pietro Baldi Successioni e serie di funzioni. 1 Convergenza puntuale

Pietro Baldi Successioni e serie di funzioni. 1 Convergenza puntuale Pietro Bldi Successioni e serie di funzioni Testi di riferimento: W. Rudin, Principi di Anlisi Mtemtic, McGrw-Hill Libri Itli; N. Fusco, P. Mrcellini, C. Sbordone, Anlisi Mtemtic Due, Liguori Editore;

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

Integrali dipendenti da un parametro e derivazione sotto il segno di integrale.

Integrali dipendenti da un parametro e derivazione sotto il segno di integrale. 1 Integrli dipendenti d un prmetro e derivzione sotto il segno di integrle. Considerimo l funzione f(x, t) : A [, b] R definit nel rettngolo A [, b], essendo A un sottoinsieme perto di R e [, b] un intervllo

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1

Appunti di Analisi Matematica 1 Appunti di Anlisi Mtemtic 1 MASTER IN ECONOMIA DIGITALE & e-business Centro per lo studio dei sistemi complessi Università di Sien Mrzo 2005 Prof. Polo Nistri Un funzione (o ppliczione) tr due insiemi

Dettagli

Successioni di funzioni

Successioni di funzioni Successioni di funzioni 3.1 Introduzione Considerimo l successione (x n ) n0,icuiterminisono 1, x,x 2,x 3,..., x n,... Si trtt dell progressione geometric di termine inizile 1 e rgione x, che bbimo già

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Integrale Improprio. f(x) dx =: Osserviamo che questa definizione ha senso dal momento che per ogni y è ben definito l integrale b

Integrale Improprio. f(x) dx =: Osserviamo che questa definizione ha senso dal momento che per ogni y è ben definito l integrale b Integrle Improprio In queste lezioni riprendimo l teori dell integrzione in un vribile, l ide è di estendere l integrle definito nche in csi in cui l funzione integrnd o l intervllo di integrzione non

Dettagli

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica Nome Cognome cls 5D 18 Mrzo 01 Problem Verific di mtemtic In un sistem di riferimento crtesino Oy, si consideri l funzione: ln f ( > 0 0 e si determini il vlore del prmetro rele in modo tle che l funzione

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY DANIELE ANDREUCCI DIP. METODI E MODELLI, UNIVERSITÀ LA SAPIENZA VIA A.SCARPA 16, 00161 ROMA, ITALY ndreucci@dmmm.unirom1.it 1. Notzione fondmentle e prime definizioni

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Calcolo integrale

Corso di Analisi Matematica. Calcolo integrale .. 2011/12 Lure triennle in Informtic Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle Avvertenz Questi sono ppunti informli delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli studenti. Prte del mterile

Dettagli

Osserviamo che per trovare le costanti A e B possiamo anche ragionare così: se moltiplichiamo l equazione x + 1 (x + 2)(x + 3) = A.

Osserviamo che per trovare le costanti A e B possiamo anche ragionare così: se moltiplichiamo l equazione x + 1 (x + 2)(x + 3) = A. 88 Roberto Turso - Anlisi 2 Osservimo che per trovre le costnti A e B possimo nche rgionre così: se moltiplichimo l equzione + ( + 2)( + 3) = A + 2 + B + 3 per + 2, dopo ver semplificto, ottenimo + + 3

Dettagli

1 Il problema del calcolo dell area di una regione piana limitata

1 Il problema del calcolo dell area di una regione piana limitata Anlisi Mtemtic 2 1 CORSO DI STUDI IN SMID CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 CAPITOLO 1 INTEGRALI DI FUNZIONI DI UNA VARIABILE REALE 1 Il problem del clcolo dell re di un regione pin limitt Se si consider un

Dettagli

1 Integrali generalizzati su intervalli illimitati

1 Integrali generalizzati su intervalli illimitati Lezioni per il corso di Anlisi 2, AA 07-08. Dott.ss Sndr Lucente Argomento: Integrli generlizzti 1 1 Integrli generlizzti su intervlli ilitti Definizione 1.1. Si f : [,[ R un funzione continu. Se esiste

Dettagli

DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA. Indice

DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA. Indice DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA ANNAMARIA MONTANARI Indice. Integrle di Riemnn.. Proprietà elementri dell integrle di Riemnn 5.2. Teorem fondmentle del clcolo integrle. Primitive 6.3. Integrle generlizzto

Dettagli

Serie di Potenze. Introduciamo il concetto di convergenza puntuale ed uniforme per successioni. { 0 se 1 < x < 1

Serie di Potenze. Introduciamo il concetto di convergenza puntuale ed uniforme per successioni. { 0 se 1 < x < 1 Serie di Potenze Introducimo il concetto di convergenz puntule ed uniforme per successioni di funzioni. Definizione 1 Si I un intervllo di R. Si dt l vrire di n N l funzione f n : I R. Dicimo che l successione

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 16/17 Integrali impropri cap10.pdf 1

INTEGRALI IMPROPRI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 16/17 Integrali impropri cap10.pdf 1 INTEGRALI IMPROPRI c Pol Gervsio - Anlisi Mtemtic - A.A. 6/7 Integrli impropri cp.pdf Abbimo visto che l integrle di Riemnn è definito per funzioni limitte e su intervlli limitti. Si or I R un intervllo

Dettagli

FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI

FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI Considerimo un funzione f : I R, dove I è un intervllo di R. Si c un punto interno I in cui f è discontinu. Diremo che c è un punto di discontinuità di prim

Dettagli

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes I Teoremi di Green, dell divergenz o di Guss e di Stokes In R Si un sottoinsieme limitto di R semplice rispetto d entrmbi gli ssi crtesini con costituit dll unione di un numero finito di sostegni di curve

Dettagli

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x)

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x) Nome.Cognome Clsse D 7 Aprile 0 Verific di mtemtic Problem (punti ) Sono dte le funzioni: f ( ) =, g ( ) = ( ) ) determinre il dominio di f() e di g() b) determinre, senz l uso dell clcoltrice f ( ) c)

Dettagli

Scuola di Dottorato in Scienze e Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione.

Scuola di Dottorato in Scienze e Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione. T. ZOLZZI. Appunti del corso di Introduzione ll Anlisi Funzionle Scuol di Dottorto in Scienze e Tecnologie dell Informzione e dell Comuniczione. NOTA. L utore desider ringrzire le studentesse di dottorto,

Dettagli

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003 Liceo Scientifico Sperimentle nno - Problem Bernrdo Pedone ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI nno - PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ di dimetro OA =, l rett t tngente γ

Dettagli

Erasmo Modica. : K K K

Erasmo Modica.  : K K K L insieme dei numeri reli L INSIEME DEI NUMERI REALI Ersmo Modic helthinsurnce@tin.it www.glois.it Per introdurre l insieme dei numeri reli si hnno disposizione diversi modi. Generlmente l iennio si preferisce

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali Equivlenz tr equzioni di Lgrnge e problemi AM Cherubini 20 Aprile 2007 1 / 21 Problemi Mostrimo or come si possono ricvre sistemi di equzioni con struttur lgrngin in un mbito diverso: prim si er crtterizzt

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 00 Sessione strordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PRBLEMA Con riferimento un sistem monometrico

Dettagli

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez.

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez. Fcoltà di Economi - Università di Sssri Anno Accdemico 2004-2005 Dispense Corso di Econometri Docente: Lucino Gutierrez Algebr Linere Progrmm: 1.1 Definizione di mtrice e vettore 1.2 Addizione e sottrzione

Dettagli

FUNZIONI IPERBOLICHE

FUNZIONI IPERBOLICHE FUNZIONI IPERBOLICHE Umberto Mrconi Diprtimento di Mtemtic Pur e Applict Pdov Premess Si [, [, fissto. Voglimo cpire cos signific: w dw perché l funzione integrnd è illimitt. Se considerimo, per b [, [,

Dettagli

Lezione 16 Derivate ed Integrali

Lezione 16 Derivate ed Integrali Lezione 16 Derivte ed Integrli Frnk Sullivn 1 Dicembre 11 1 Prim Or Compiti di letture ed esercizi per 3 Dicembre Durnte l lezione di oggi pplicheremo le regole per differenzire funzioni l clcolo di integrli.

Dettagli

Scheda Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI. 0,+. Inoltre valgono le

Scheda Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI. 0,+. Inoltre valgono le Sched Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI L funzione esponenzile Assegnto un numero rele >0, si dice funzione esponenzile in bse l funzione Grfici dell funzione esponenzile Se = l funzione esponenzile è costnte:

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio di dimetro OA,

Dettagli

INTERVALLI NELL INSIEME R

INTERVALLI NELL INSIEME R INTEVALLI NELL INSIEME Lo studio dell topologi (1) (dl greco "nlysis situs" ossi "studio del luogo") dell'insieme è di fondmentle importnz per gli rgomenti e i prolemi di nlisi infinitesimle. Il "luogo"

Dettagli

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione Stbilità dei sistemi di controllo in retrozione Criterio di Nyquist Il criterio di Nyquist Estensione G (s) con gudgno vribile Appliczione sistemi con retrozione positiv 2 Criterio di Nyquist Stbilità

Dettagli

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio.

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio. Domnde preprzione terz prov. Considert, come esempio, l funzione nell intervllo [,], il cndidto illustri il concetto di integrle definito. INTEGRALE DEFINITO, prendendo in esme un generic funzione f()

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

Esercizi svolti Limiti. Prof. Chirizzi Marco.

Esercizi svolti Limiti. Prof. Chirizzi Marco. Cpitolo II Limiti delle funzioni di un vribile Esercizi svolti Limiti Prof. Chirizzi rco www.elettrone.ltervist.org 1) Verificre che risult: = Dobbimo provre che per ogni ε positivo, rbitrrimente piccolo,

Dettagli

8. Prodotto scalare, Spazi Euclidei.

8. Prodotto scalare, Spazi Euclidei. 8. Prodotto sclre, Spzi Euclidei. Ricordimo l definizione di prodotto sclre di due vettori del pino VO 2 (vle in modo del tutto nlogo nche in VO 3 ). Definizione: Sino v, w VO 2 e si θ l ngolo convesso

Dettagli

Integrali. all integrale definito all integrale indefinito. Integrali: riepilogo

Integrali. all integrale definito all integrale indefinito. Integrali: riepilogo Integrli ll integrle deinito ll integrle indeinito Indice dell lezione Integrle Deinito Rettngoloide Integrle deinito come re del rettngoloide Esempi e propriet Primitiv Teorem ondmentle del clcolo integrle

Dettagli

1. Elementi di analisi funzionale Esercizi

1. Elementi di analisi funzionale Esercizi . Elementi di nlisi funzionle Esercizi http://www.cirm.unibo.it/~brozzi/mi/pdf/mi-cp.-ese.pdf.. Spzi vettorili.. Spzi vettorili normti.-. Dimostrre l diseguglinz tringolre in C n reltivmente ll norm (

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

1 Definizione di integrale di Riemann 1. 2 Condizioni di esistenza dell integrale di Riemann 3. 3 Proprietà dell integrale di Riemann 4

1 Definizione di integrale di Riemann 1. 2 Condizioni di esistenza dell integrale di Riemann 3. 3 Proprietà dell integrale di Riemann 4 DEFINIZIONE DI INTEGRALE DI RIEMANN Integrle di Riemnn Indice Definizione di integrle di Riemnn Condizioni di esistenz dell integrle di Riemnn 3 3 Proprietà dell integrle di Riemnn 4 4 Clcolo dell integrle

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI e MATRICI ASSOCIATE

APPLICAZIONI LINEARI e MATRICI ASSOCIATE APPLICAZIONI LINEARI e MATRICI ASSOCIATE Dt un ppliczione f: V W con V e W spzi vettorili si dice che f è un ppliczione linere o omomorfismo f(v + v 2 ) = f(v ) + f(v 2 ) v, v 2 V f(αv) = α f(v) v V e

Dettagli

Analisi e Geometria 1

Analisi e Geometria 1 Anlisi e Geometri Esercizi sugli integrli Integrli propri. Clcolre i seguenti integrli immediti: I = I = I 5 = ln e e d I = e + e + 6e + e d I = rtg ln ( + ln ) d I 6 = e e + d d rtg + ( + ) ( + ( + )

Dettagli

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti Anno 5 Appliczione del clcolo degli integrli definiti 1 Introduzione In quest lezione vedremo come pplicre il clcolo dell integrle definito per determinre le ree di prticolri figure pine, i volumi dei

Dettagli

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo:

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo: Sistemi lineri Un equzione linere nelle n incognite x 1, x 2, x,, x n è un equzione nell qule le incognite ppiono solo con esponente 1, ossi del tipo: 1 x 1 + 2 x 2 + x +!+ n x n = b con 1, 2,,, n numeri

Dettagli

Funzioni a variazione limitata

Funzioni a variazione limitata Cpitolo 1 Funzioni vrizione limitt 1.1 Il problem delle primitive di funzioni L 1 Il problem dell ricerc delle primitive di un ssegnt funzione f : I R con I = [, b] intervllo limitto, cioè le soluzioni

Dettagli

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA di Giuli Cnzin e Dominique Cppelletti Come potrete notre inoltrndovi nel corso di Introduzione ll economi, l interpretzione dell teori economic non presuppone conoscenze

Dettagli

INTEGRAZIONE NUMERICA

INTEGRAZIONE NUMERICA INTEGRAZIONE NUMERICA Frncesc Pelosi Diprtimento di Mtemtic, Università di Rom Tor Vergt CALCOLO NUMERICO.. 008 009 http://www.mt.unirom.it/ pelosi/ INTEGRAZIONE NUMERICA p.1/0 INTEGRAZIONE NUMERICA Dt

Dettagli

Il calcolo integrale

Il calcolo integrale CAPITOLO 4 Il clcolo integrle Il problem che ffrontimo in questo cpitolo è il clcolo di ree di lcune regioni del pino. Inizimo il cpitolo spiegndo quli regioni pine simo interessti. Questi rgomenti sono

Dettagli

LEZIONE 20. è lineare. Per la commutatività del prodotto scalare segue anche la linearità dell applicazione

LEZIONE 20. è lineare. Per la commutatività del prodotto scalare segue anche la linearità dell applicazione LEZIONE 20 20.1. Prodotti sclri. Definizione 20.1.1. Si V uno spzio vettorile su R. Un prodotto sclre su V è un ppliczione tle che:, : V V R (v 1, v 2 ) v 1, v 2 (PS1) per ogni v 1, v 2 V si h v 1, v 2

Dettagli

Dispense di MATEMATICA PER L INGEGNERIA 4

Dispense di MATEMATICA PER L INGEGNERIA 4 ispense di MATEMATICA PER L INGEGNERIA 4 Qurto trimestre del o nno del Corso di Lure in Ingegneri Elettronic ocente: Murizio Romeo Mggio 25 ii Indice Integrzione delle funzioni di più vribili. Insiemi

Dettagli

a con base a maggiore di 1 Dominio Codominio Crescenza/decrescenza Funz Crescente in Concavità/convessità Strettamente convessa in

a con base a maggiore di 1 Dominio Codominio Crescenza/decrescenza Funz Crescente in Concavità/convessità Strettamente convessa in Funzione esponenzile Dto un numero rele >0, l funzione si chim funzione esponenzile di bse e f prte dell fmigli delle funzioni elementri. Il suo ndmento (crescenz o decrescenz) è strettmente legto l vlore

Dettagli

SUGLI INSIEMI. 1.Insiemi e operazioni su di essi

SUGLI INSIEMI. 1.Insiemi e operazioni su di essi SUGLI INSIEMI 1.Insiemi e operzioni su di essi Il concetto di insieme è primitivo ed è sinonimo di clsse, totlità. Si A un insieme di elementi qulunque. Per indicre che è un elemento di A scriveremo A.

Dettagli

F (r(t)), d dt r(t) dt

F (r(t)), d dt r(t) dt Cmpi vettorili Un cmpo vettorile è un funzione vlori vettorili F : A R, con A R n, ove in questo cso l imensione el ominio e el coominio è l stess. F ( 1, 2,..., n ) (f 1 ( 1, 2,..., n ), f 2 ( 1, 2,...,

Dettagli

x = x(t) y = y(t) t [a, b]

x = x(t) y = y(t) t [a, b] Dt un curv continu. Curve ed integrli di line : t [, b] i punti () = (x(), y()) e (b) = (x(b), y(b)) si chimno primo e secondo estremo dell curv, rispettivmente. L curv si dice chius se () = (b). L curv

Dettagli

1 Funzioni continue: definizioni e prime proprietà. 2 Continuità delle funzioni elementari 2

1 Funzioni continue: definizioni e prime proprietà. 2 Continuità delle funzioni elementari 2 FUNZIONI CONTINUE FUNZIONI CONTINUE: DEFINIZIONI E PRIME PROPRIETÀ Funzioni continue Indice Funzioni continue: definizioni e prime proprietà 2 Continuità delle funzioni elementri 2 3 Funzioni continue

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 005 Sessione suppletiv Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Sono dti un pirmide

Dettagli

, dove s n è la somma parziale n-esima definita da. lim s n = lim s n = + (= ). a n = a 1 + a 2 +...

, dove s n è la somma parziale n-esima definita da. lim s n = lim s n = + (= ). a n = a 1 + a 2 +... . serie umeriche Def. (serie). Dt u successioe ( ) (co R per ogi ), si chim serie di termie geerle l successioe (s ), dove s è l somm przile -esim defiit d () s = + 2 +... + = k. L serie coverge (semplicemete)

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI E LOGARITMI RICHIAMI DI TEORIA dom f Im f grfico Funzioni esponenzili y=^ con > Funzioni esponenzili y=^ con

Dettagli

Elementi grafici per Matematica

Elementi grafici per Matematica Elementi grfici per Mtemtic Sommrio: Sistemi di coordinte crtesine... Grfici di funzioni... 4. Definizione... 4. Esempi... 5.3 Verificre iniettività e suriettività dl grfico... 8.4 L rett... 9.5 Esempi

Dettagli

ELEMENTI DI TEORIA DEI NUMERI

ELEMENTI DI TEORIA DEI NUMERI ELEMENTI DI TEORIA DEI NUMERI 1. Richimi di teori Con Z indichimo l insieme dei numeri reltivi. Comincimo con il ricordre l definizione di quoziente e resto dell divisione di due numeri in Z. Definizione

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI E LOGARITMI 1 se 0, per ogni R ; Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se >0: Sono definite: se >0: Non sono definite: Csi prticolri: Le proprietà delle

Dettagli

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per Funzioni di utilità (finlmente un po di geroglifici, dopo i grffiti) NB: non fte leggere queste pgine un mtemtico, ltrimenti mi msscr!. Definizione e proprietà Considerimo due eni e di interesse per un

Dettagli

POTENZA CON ESPONENTE REALE

POTENZA CON ESPONENTE REALE PRECORSO DI MATEMATICA VIII Lezione ESPONENZIALI E LOGARITMI E. Modic mtemtic@blogscuol.it www.mtemtic.blogscuol.it POTENZA CON ESPONENTE REALE Definizione: Dti un numero rele > 0 ed un numero rele qulunque,

Dettagli

QUADERNI DIDATTICI. Dipartimento di Matematica

QUADERNI DIDATTICI. Dipartimento di Matematica Università ditorino QUADERNI DIDATTICI del Diprtimento di Mtemtic G. Zmpieri Anlisi Vettorile.. 21/22 Quderno # 1 - Novembre 21........... Getno Zmpieri - Anlisi Vettorile 1 PREFAZIONE Questo quderno

Dettagli

1 Integrali impropri di funzioni continue

1 Integrali impropri di funzioni continue ntegrli impropri di funzioni continue. ntegrli impropri su intervlli semiperti Definizione Dt un funzione continu f : [, b) R, con b +, si dice che f è integrbile se esiste finito il t b f(x) dx ed in

Dettagli

Teorema della Divergenza (di Gauss)

Teorema della Divergenza (di Gauss) eorem dell ivergenz (di Guss) i un dominio tridimensionle regolre, l cui frontier è un superficie chius orientt con cmpo normle unitrionˆ uscente d. e F(,,z) F (,,z) i F (,,z) j F (,,z) k è un cmpo vettorile

Dettagli

Topologia Algebrica e Analisi Complessa

Topologia Algebrica e Analisi Complessa Ginluc Occhett Note di Topologi Algeric e Anlisi Compless Diprtimento di Mtemtic Università di Trento Vi Sommrive 14 38050 - ovo (TN) Not per l lettur Queste note rccolgono gli rgomenti (lcuni vriili

Dettagli

Integrazione numerica. I(f) := Non sempre si riesce a trovare la forma esplicita della primitiva.

Integrazione numerica. I(f) := Non sempre si riesce a trovare la forma esplicita della primitiva. Approssimzione numeric di: Motivzioni. Integrzione numeric I(f) = f(x)dx. Non sempre si riesce trovre l form esplicit dell primitiv. Vlutzione costos dell primitiv. L funzione d integrre può essere dt

Dettagli

Esercizi su spazi ed operatori lineari

Esercizi su spazi ed operatori lineari Esercizi su spzi ed opertori lineri Corso di Fisic Mtemtic 2,.. 2013-2014 Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno 23 Ottobre 2013 1 Spzio L 2 Esercizio 1. Per = 0, b = 1, dire quli delle seguenti funzioni

Dettagli

Calcolo Integrale. F (x) = f(x)?

Calcolo Integrale. F (x) = f(x)? 3 Clcolo Integrle Nello studio del clcolo differenzile si è visto come si può ssocire d un funzione l su derivt. Il clcolo integrle si occup del problem inverso: dt un funzione f è possibile determinre

Dettagli

Integrale definito. Introduzione: il problema delle aree

Integrale definito. Introduzione: il problema delle aree Integrle definito Introduzione: il prolem delle ree Il prolem delle ree è uno dei tre grndi prolemi che ci sono stti trmndti dgli ntichi, che lo definivno come il prolem dell qudrtur del cerchio: trovre,

Dettagli

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è:

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è: 1) In un equzione differenzile del tipo y (t)= y(t), con > 0, il tempo di rddoppio, cioè il tempo T tle che y(t+t)=y(t) è: A) T = B) 1 T = log e C) 1 T = log e ** D) 1 T = E) T = log e ) L equzione differenzile

Dettagli

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli:

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli: Acidi Deboli Si definisce cido debole un cido con < 1 che risult perciò solo przilmente dissocito in soluzione. Esempi di cidi deboli: Acido cetico (H OOH) 1.75 1-5 Acido scorbico (vitmin ) 1 6.76 1-5.5

Dettagli

Il calcolo integrale: intro

Il calcolo integrale: intro Il clcolo integrle: intro Le ppliczioni del clcolo integrle sono svrite: esistono, inftti, molti cmpi, dll fisic ll ingegneri, dll iologi ll economi, in cui si f lrgo uso degli integrli. Per fornire l

Dettagli

26/03/2012. Integrale Definito. Calcolo delle Aree. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi:

26/03/2012. Integrale Definito. Calcolo delle Aree. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: ppunti di nlisi mtemtic: Integrle efinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle efinito lcolo delle ree di fig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

Esercizi svolti su serie di Fourier

Esercizi svolti su serie di Fourier Esercizi svolti su serie di Fourier Esercizio. (Onda quadra. Determinare i coefficienti di Fourier della funzione x [, f(x = x [, prolungata a una funzione -periodica su R (d ora in poi denoteremo con

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

Complementi sull integrazione

Complementi sull integrazione Complementi sull integrzione ( cur di L. Pisni) C.d.L. in Mtemtic Università degli Studi di Bri A.A. 2003/04 Indice Riepilogo dell teori. Integrle di Riemnn........................... Continuità rispetto

Dettagli

Funzioni 1. 3) una legge che ad un elemento x di X associa al più un unico elemento ( x)

Funzioni 1. 3) una legge che ad un elemento x di X associa al più un unico elemento ( x) Funzioni Un funzione f d X in Y è costituit d un tern di elementi ) un insieme X, detto dominio di f 2) un insiemey, detto codominio di f f di Y. Nel cso, in cui X,Y sino sottinsiemi di R, generlmente

Dettagli

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così:

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così: Considerimo il seguente problem: si vuole trovre il numero rele tle che: = () L esponente () cui elevre l bse () per ottenere il numero è detto ritmo (ritmo in bse di ), indicto così: In prticolre in questo

Dettagli

ESERCIZI SUGLI INTEGRALI IMPROPRI

ESERCIZI SUGLI INTEGRALI IMPROPRI ESERCIZI SUGLI INTEGRALI IMPROPRI cur di Michele Scgli RICHIAMI TEORICI INTEGRALI IMPROPRI NOTEVOLI L integrle CONVERGE dx, < DIVERGE per

Dettagli

fattibile con le tecniche elementari che imparerai in seguito. Ad esempio il polinomio

fattibile con le tecniche elementari che imparerai in seguito. Ad esempio il polinomio Scomposizione di un polinomio in fttori Scomporre in fttori primi un polinomio signific esprimerlo come il prodotto di due più polinomi non più scomponibili Ad esempio 9 = ( 3) fttore 1 ( + 3) fttore +

Dettagli

Imparare: cosa, come, perché.

Imparare: cosa, come, perché. GIOCO n. 1 Imprre: cos, come, perché. L pprendimento scolstico non è solo questione di metodo di studio, m di numerose situzioni di tipo personle e di gruppo, oppure legte l contesto in cui pprendimo.

Dettagli

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione MANUALE DI SUPPOTO ALL UTILIZZO DELLA PIATTAFOMA SINTEL GUIDA ALLE FOMULE DI AGGIUDICAZIONE Pgin 1 di 21 AGENZIA EGIONALE CENTALE ACQUISTI Indice 1 INTODUZIONE... 3 1.1 Cso di studio... 4 2 FOMULE DI CUI

Dettagli

Teoria in sintesi ESPONENZIALI. Potenze con esponente reale. La potenza. Sono definite: Non sono definite: Casi particolari :

Teoria in sintesi ESPONENZIALI. Potenze con esponente reale. La potenza. Sono definite: Non sono definite: Casi particolari : Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se >, per ogni R se, per tutti e soli gli R se

Dettagli

Note di Derivate ed Integrali

Note di Derivate ed Integrali 1 Note di Derivte ed Integrli Versione 1.0 Lmberto Lmberti & Corrdo Msci prte II Integrle, derivte, teoremi sulle derivte, nlisi locle, nlisi globle 16 Ottobre 2002 2 Indice 1 L integrle 5 1.1 Aree ed

Dettagli

Seconda prova maturita 2016 soluzione secondo problema di matematica scientifico

Seconda prova maturita 2016 soluzione secondo problema di matematica scientifico Second prov mturit 06 soluzione secondo problem di mtemtic scientifico Skuol.net June, 06 Primo Problem Le tre funzioni proposte sono f () ( ) k f () 6 + 9k + f () cos( π k ). Punto Affinche l funzione

Dettagli

Salvatore Loris Pelella. Corso di. Matematica RCS LIBRI EDUCATION SPA

Salvatore Loris Pelella. Corso di. Matematica RCS LIBRI EDUCATION SPA Slvtore Loris Pelell Corso di Mtemtic RCS LIBRI EDUCATION SPA ISBN 88-45-084-3 004 RCS Libri S.p.A.- Milno Prim edizione: gennio 004 Ristmpe 004 005 006 3 4 5 Stmp: V. Bon, Torino Coordinmento editorile

Dettagli

METTITI ALLA PROVA. b. Posto che a, b e c siano i valori trovati al punto precedente, calcola: lim fx ( ); lim fx ( ).

METTITI ALLA PROVA. b. Posto che a, b e c siano i valori trovati al punto precedente, calcola: lim fx ( ); lim fx ( ). Mettiti ll prov METTITI ALLA PROVA Limiti e continuità b - + c e, c Si dt l funzione f ( ) se $ 0! = * sin, con b,! R, c! R + se 0 Ricv i vlori di, b e c in modo tle che: f() si continu in = 0 ; lim f

Dettagli

Integrali curvilinei e integrali doppi

Integrali curvilinei e integrali doppi Integrli curvilinei e integrli doppi Integrli curvilinei di prim specie Prim di inizire l trttzione di questo rgomento dimo l definizione di curv. Per curv nello 3 3 spzio R intendimo un sottoinsieme di

Dettagli