ANALISI REALE E COMPLESSA a.a

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008"

Transcript

1 ANALISI REALE E COMPLESSA Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli (o complessi), definite in uno stesso dominio D (spesso un intervllo di R). In primo luogo dobbimo definire cos si intende per convergenz; cpiremo (ci limiteremo d un cso) che le definizioni dte sono dello stesso tipo di quelle dte per l convergenz delle successioni di numeri reli, sono cioè bste su un opportuno concetto di intorno di un funzione, o meglio su un concetto di pll, o disco, centrt in un funzione simile quello di intervllo centrto in un numero rele. Dopo le definizioni di convergenz e i reltivi esempi, psseremo studire quli proprietà si conservno l limite. Dimostreremo per esempio che sotto lcune ipotesi il limite degli integrli [risp. derivte] è l integrle [risp. derivt] del limite. Osservimo infine che un serie di funzioni è un cso prticolre di successione di funzioni gicché l successione delle ridotte è un successione di funzioni llo stesso modo in cui un serie è un cso prticolre di successione. 1.2 Definizioni di convergenz Convergenz puntule Definizione 1 Sino D un insieme non vuoto, f n : D C, n IN, e f : D C funzioni. Si dice che l successione di funzioni {f n } converge puntulmente f in D se, per ogni x D, l successione numeric {f n (x)} h per limite f(x). Si dice che l serie di funzioni n f n converge puntulmente f se l successione delle ridotte { n k=0 f k} converge putulmente f. L ggettivo puntule signific che l successione converge per ogni punto del dominio. Si potrebbe ricondurre questo tipo di convergenz llo schem generle del concetto di limite, definendo un fmigli di intorni per un funzione f; ciò esul dgli scopi del nostro corso. Esempi. 1) Si f n : R R, x n. Quest successione di funzioni non h limite puntule in R, perché per x > 1 e per x = 1, x n non converge. Invece in ] 1, 1] converge puntulmente. Inftti, come già visto, lim n xn = { 0 per x < 1 1 per x = 1. Posto f(1) = 1, f(x) = 0 per x < 1, l successione {f n } converge puntulmente f in ] 1, 1]. Osservimo che, pur essendo le f n continue per ogni n, il limite puntule f è discontinuo. 1

2 2) Ponimo e n x, x R. Non è difficile verificre che f n converge puntulmente in R ll funzione f così definit: { 0 per x 0 f(x) = 1 per x = 0. 3) Ponimo { n per 0 < x < 1/n 0 ltrove. Allor {f n } converge puntulmente in R f 0 (dimostrrlo!!). Idem per l successione di funzioni (dett doppietto ) n per 1/n < x < 0 n per 0 < x < 1/n 0 ltrove. 4) Anche l successione {n sin(x/n)} converge puntulmente in R ( cos?). 5) Si ϕ : R R un funzione derivbile. Considerimo l successione di funzioni definite d n(ϕ(x + 1 n ) ϕ(x)). È chiro che l successione (f n ) n IN è puntulmente convergente e si h lim f n(x) = dϕ n + dx (x). 6) Disegnre il grfico e studire l convergenz puntule dell successione di funzioni n 2 (x + 1/n) per 1/n < x < 0 n 2 (1/n x) per 0 < x < 1/n 0 ltrove. Esercizio. Si (f n ) n IN un successione di funzioni crescenti venti f come limite puntule. Provre che f è crescente. Uno dei principli intenti nel definire l convergenz di successioni di funzioni è quello di fre in modo che proprietà importnti verificte d tutte le funzioni dell successione sino mntenute nche dll funzione limite. Come si vede dll esercizio precedente, l monotoni viene effettivmente mntenut l limite. Quest è nche un delle pochissime proprietà rispettt dl limite puntule. Vedimo inftti il seguente esempio. Esempio. Considerimo l successione di funzioni dte d x x n 2

3 Verificre che il limite puntule dell successione (f n ) n IN è { 1 lim f per x 0 n(x) = f(x) := x 3 n + 0 x = 0. Trccire il grfico di f e delle f n e verificre che ciscun delle funzioni f n è limitt, continu, derivbile (nzi di clsse C ), integrbile in senso generlizzto su R. Invece il limite puntule non è limitto, nè continuo, nè loclmente integrbile. L esempio precedente motiv l ricerc di un definizione di limite divers d quello puntule, per un successione di funzioni. Convergenz uniforme Definizione 2 Sino D un insieme non vuoto, f n : D C, n IN, e f : D C funzioni. Si dice che l successione di funzioni (f n ) n IN converge uniformemente f (in simboli, f n f) in D se lim f(x) f n (x) = 0. sup n Si dice che l serie n f n converge uniformemente f se l successione delle ridotte converge uniformemente f. È ovvimente essenzile cpire l differenz fr convergenz puntule ed uniforme. In primo luogo è evidente che Proposizione 1 Se un successione di funzioni converge uniformemente f in D, llor converge f puntulmente in D. Inftti, f n converge puntulmente d f in D, se e solo se lim f(x) f n(x) = 0 per ogni x D ; n tuttvi, come vedremo, non necessrimente lim sup f(x) f n (x) = 0. n Più precismente, un modo per esprimere l convergenz puntule in D è il seguente: ε > 0, x D, n ε,x : n > n ε,x = f(x) f n (x) < ε ; l scrittur n ε,x evidenzi che n ε,x dipende si d ε che d x. Un modo per esprimere l convergenz uniforme, invece, è (per l definizione di limite): ε > 0, n ε : n > n ε = f(x) f n (x) < ε x D. L differenz consiste quindi nel ftto che, nel secondo cso, n ε non dipende d x, è cioè uniforme rispetto d x D. L definizione di convergenz uniforme può essere ricondott llo schem noto di limite con gli intorni. Si può definire come intorno (per l topologi 3

4 dell convergenz uniforme) di un funzione f ogni insieme che conteng, per qulche ε > 0, un insieme del tipo { g : D R : sup g(x) f(x) < ε }. Il significto geometrico dell insieme precedente è chirito dll figur seguente: di tle insieme fnno prte tutte le funzioni il cui grfico pprtiene d un tubo di semimpiezz ε, centrto nel grfico di f (v. l figur nel testo p. 12). Mostrimo come ci poss effettivmente essere convergenz puntule senz che quell uniforme bbi luogo. Esempio. L successione x n non converge uniformemente in ] 1, 1] e neppure in ] 1, 1[. Converge, invece, uniformemente 0 in [, b] per ogni coppi, b con 1 < < b < 1. Dll Proposizione 1 ricvimo che, se vi è convergenz uniforme, l funzione limite deve coincidere con il limite puntule f. Clcolimo llor sup f(x) f n (x) = sup x n = 1 per ogni n IN. x ] 1,1] x ] 1,1[ Ovvimente ciò dice che non vi è convergenz uniforme. Invece l convergenz uniforme in [, b] h luogo, perché sup x [,b] x n = ( mx{, b } ) n 0. Esercizi vri. Studire l convergenz puntule ed uniforme delle seguenti successioni di funzioni: x 1 + nx 2, g n(x) = nx 1 + nx. Svolgimento. È evidente che f n (x) 0 per ogni x R. Per controllre l convergenz uniforme, cerchimo il sup di f n (x), x R cioè il mssimo fr sup f n e inf f n. Con fcili clcoli si ottiene che il mssimo è rggiunto in 1/ n e il minimo in 1/ n. Il mssimo di f n è 1/(2 n) 0; f n converge uniformemente in R ll costnte 0. Per qunto rigurd g n, osservimo che converge puntulmente ll funzione segno, cioè 1 per x < 0 sign(x) = 0 per x = 0 1 per x > 0. Per studire l convergenz uniforme in R dobbimo quindi trovre sup g n (x) sign(x). x R Non è difficile dimostrre che tle sup è 1 (si osservi nche che il sup non è un mssimo; ciò non deve stupire, perché l funzione di cui trovre l estremo superiore non è continu, e l insieme non è limitto). L successione quindi non converge uniformemente in R. Provre che invece converge uniformemente nel complementre di ogni intervllo perto che contiene l origine. 4

5 Osservzione. Nell risoluzione degli esercizi sull convergenz uniforme, può essere utile notre che, se f : D R è un funzione, llor sup f(x) = sup = mx{sup mx{f(x), f(x)} = mx{sup f(x), inf f(x)}. f(x), sup f(x)} Proposizione 2 (Criterio per l convergenz uniforme di un successione di funzioni) Sino (f n ) n IN un successione di funzioni in D ed f il suo limite puntule. Se esiste un successione infinitesim ( n ) n IN in R tle che llor f n f in D. f n (x) f(x) n, per ogni x D, L dimostrzione del criterio è immedit e si lsci per esercizio. Vle comunque l pen di sottolinerlo perchè f notre come per provre l convergenz uniforme non si necessrio clcolre esplicitmente i sup f n (x) f(x), m si sufficiente trovrne un stim con un successione infinitesim. Esempio. Considerimo l successione (f n ) n IN ove sin (nx+x2 ) n. È chiro che lim n + 0 per ogni x R ed inoltre f n (x) 1 n, dunque l successione (f n) n IN converge uniformemente. Il clcolo esplicito di sup x R f n (x) potrebbe invece sembrre più lborioso. Un importnte ed utile criterio per l convergenz uniforme delle serie di funzioni è il seguente: Teorem 1 (Criterio di Weierstrss) Sino f n : D R (o C) funzioni e sino c n numeri reli positivi. Se, per ogni n IN vle f n (x) c n x D e l serie c n converge, llor l serie f n converge uniformemente in D. Un serie di funzioni che soddisf le ipotesi del teorem precedente si dice spesso un serie totlmente convergente. Il criterio di Weierstrss si esprime llor dicendo che l convergenz totle implic l convergenz uniforme. Dimostrzione. Per il criterio del confronto, l serie f n (x) converge ssolutmente e quindi converge, per ogni x D; chimimo f l su somm puntule e ponimo C = c n. Dobbimo mostrre che l successione delle ridotte converge uniformemente f. Si h n sup f(x) f k (x) = sup f k (x) sup k=0 k=n+1 f k (x) 5 k=n+1 k=n+1 c k = C n c k. k=0

6 L ultim espressione tende ovvimente 0 per n. L dimostrzione è conclus. Il precedente criterio h molte ppliczioni. Studimo dpprim l serie geometric. Esempio. Ricordimo che l serie z n, z C, n=0 converge puntulmente 1/(1 z) in {z C : z < 1}. In tle insieme non converge uniformemente. Inftti 1 n sup 1 z z k = sup z n+1 1 z = +. z <1 k=0 Usndo il criterio di Weierstrss si vede subito che l serie geometric converge uniformemente in {z C : z r} per ogni 0 < r < 1, perché in tle insieme z n r n, ed essendo r < 1, r n < +. Esercizi. 1) Provre che l serie esponenzile converge uniformemente in {z C : z r} per ogni r > 0. 2) Provre che per ogni α > 1 l serie converge uniformemente in R. n=1 1.3 Teoremi di pssggio l limite z <1 sin nx n α I seguenti risultti contengono condizioni sufficienti ffinché lcune proprietà dei termini di un successione di funzioni si conservino l limite; lcuni fr gli esercizi finli mostrno come, in ssenz di ipotesi, tli proprietà non sino in generle più verificte. Il primo teorem rigurd l continuità del limite uniforme di funzioni continue. Teorem 2 Sino D un sottoinsieme non vuoto di R, f n : D C, n IN, e f : D C funzioni. Se tutte le f n sono continue in x 0 D e f n f uniformemente in D, llor nche f è continu in x 0. Dimostrzione. Fissimo ε > 0. Per l convergenz uniforme, esiste n IN tle che si h, per ogni x I, f(x) f n (x) < ε/3. Per l continuità di f n, esiste δ > 0 tle che x x 0 < δ = f n (x) f n (x 0 ) < ε/3. Ne segue che, per x x 0 < δ si h f(x) f(x 0 ) f(x) f n (x) + f n (x) f n (x 0 ) + f n (x 0 ) f(x 0 ) ε/3 + ε/3 + ε/3 = ε. L dimostrzione è conclus. 6

7 Il precedente risultto può essere usto negli esercizi nche per dimostrre che un successione di funzioni continue non converge uniformemente in un certo intervllo. Ad esempio, si vede subito che l successione geometric non converge uniformemente in ] 1, 1], perché il limite puntule è discontinuo in 1. Tuttvi l continuità del limite puntule non dà nessun informzione sull convergenz uniforme negli intervlli chiusi strettmente contenuti in ] 1, 1]. Teorem 3 (Pssggio l limite sotto il segno di integrle) Si (f n ) n IN un successione di funzioni definite nell intervllo [, b] tle che f n f. Se ogni f n è integrbile secondo Riemnn in [, b], nche f è Riemnn integrbile in [, b] e si h f(x) dx = lim n + f n (x) dx. Dimostrzione. Provimo il risultto solo nel cso in cui le funzioni f n dell successione sino continue. Sppimo llor che nche il loro limite uniforme f è un funzione continu e quindi Riemnn integrbile nell intervllo chiuso e limitto [, b]. Per le proprietà dell integrle su intervlli orientti scrivimo or l stim b f(x) dx f n (x) dx = (f(x) f n (x)) dx f(x) f n (x) dx sup f(z) f n (z) dx = b sup f(x) f n (x), x [,b] z [,b] d cui segue il risultto per definizione di convergenz uniforme. Osservzione. Fccimo notre che l dimostrzione del teorem precedente verific in reltà il ftto che lim n + f(x) f n (x) dx = 0. Teorem 4 (Pssggio l limite sotto il segno di derivt) Si (f n ) n IN un successione di funzioni derivbili definite nell intervllo [, b]. Se esistono un funzione g : [, b] R, x o [, b] e λ R tli che df n dx g e lim n + f n(x o ) = λ, llor l successione (f n ) n IN converge uniformemente d un funzione f : [, b] R derivbile e tle che d dx lim f n = df n + dx = g = lim df n n + dx. Perciò f è quell primitiv f : [, b] R di g tle che f(x o ) = λ. Se in prticolre le funzioni f n sono di clsse C 1, llor g è continu e quindi f(x) = λ + x 0 g(t) dt. 7

8 Dimostrzione. Provimo il risultto solo nel cso in cui le funzioni f n dell successione sino di clsse C 1. Per il teorem fondmentle del clcolo possimo llor scrivere f n (x o ) + x o f n(t) dt, per ogni x [, b]. (1) Per il Teorem di pssggio l limite sotto il segno di integrle, ottenimo dunque il limite puntule lim f n(x) = λ + g(t) dt =: f(x), n + x o che definisce un funzione f : [, b] R, integrle indefinito di g. Poichè per il Teorem 2 l funzione g è continu, possimo llor ffermre che f è derivbile (nzi di clsse C 1 ) e si h df dx = g. Provimo infine che l convergenz dell successione (f n ) n IN è in reltà uniforme. Usndo l definizione di f, l formul (1), l disuguglinz tringolre per il modulo e le proprietà dell integrle, scrivimo l stim seguente. f n (x) f(x) f n (x o ) λ + x o x f n (x o ) λ + g(t) dt x o (t) g(t) dt df x n (t) dt dx x o df n dx f n (x o ) λ + b sup df n (z) g(z). z [,b] dx Poichè il termine ll destr delle disuguglinze non dipende d x [, b] ed è quindi mggiornte dell insieme { f n (x) f(x) : x [, b]}, concludimo llor che sup f n (x) f(x) f n (x o ) λ + b sup df n (z) g(z), x [,b] z [,b] dx dove ncor il termine destr è infinitesimo per n +, per le nostre ipotesi. Possimo llor concludere per definizione di convergenz uniforme. I teoremi di pssggio l limite per le successioni di funzioni possono essere riformulti per le serie di funzioni. Si h quindi, in prticolre, Teorem 5 Si {f n } un successione di funzioni continue d [, b] in R tle che l serie di funzioni n=1 f n converge S uniformemente in [, b]. Allor: 1) S è continu in [, b]; 2) S(x) dx = n=1 f n(x) dx. Esercizio. L funzione e x2 non h, com è noto, un primitiv esprimibile elementrmente. Clcolimone lo sviluppo in serie di McLurin. Si h e x2 = n=0 8 ( 1) n x2n n!,

9 e l serie converge uniformemente (provrlo) in ogni intervllo limitto. Si h perciò, per il teorem del pssggio l limite sotto il segno di integrle, 0 e t2 dt = = ( 1) n n=0 0 t 2n n! dt ( 1) n x 2n+1 (2n + 1)n!. n=0 1.4 Esercizi vri 1) (Tem d esme di Anlisi Mtemtic I, luglio 95) Si consideri l successione di funzioni rctn[(x + 1) n ], x R : ) se ne studi l convergenz puntule; b) si dimostri che converge uniformemente in [ 1, 1/2]; c) si clcoli 1/2 lim n 1 f n (x) dx. 2) Dimostrre che l successione x 2 + 1/n converge uniformemente in R ll funzione x. Osservre che l funzione limite non è derivbile; cioè l convergenz uniforme dell successione non è sufficiente d ssicurre l derivbilità del limite. Si consideri or l successione g n (x) = sin (n2 x) n. Se ne clcoli il limite puntule g e si provi che è uniforme. Si dic se g n converge puntulmente g. 3) Dimostrre che l successione { n per 0 < x < 1/n 0 ltrove non converge uniformemente in [0, 1]. Dimostrre che non h luogo il pssggio l limite sotto il segno di integrle; osservre, quindi, che l convergenz puntule non è sufficiente per ssicurre tle pssggio l limite. 4) Dimostrre che l successione di funzioni n log(1+x/n) converge uniformemente ( cos?) in ogni intervllo del tipo [, ], > 0. 5) Si consideri l successione di funzioni sin(nx)e nx x 0. Trovrne il limite puntule f e dimostrre che non h luogo l convergenz uniforme in [0, + [. È vero che f n f puntulmente? Si pss l limite sotto il segno di integrle in ogni intervllo del tipo [0, ]? 9

10 6) Dt l successione di funzioni f n : R \ [ 1, 0] R, dove ( ( log 1 + x)) 1 n. (i) Determinre l insieme di convergenz D R \ {0} ed il limite puntule f : D R. (ii) C è convergenz uniforme di f n d f su D? convergenz uniforme in ], ] D? o lmeno, fissto < sup D, si h 7) Si k un numero nturle fissto. Si dimostri che se α > k + 1 l serie di funzioni n=1 converge in R d un funzione di clsse C k. 8) Si pong Si(x) = sin nx n α 0 sin t t (seno integrle di x). Si di per noto lo sviluppo in serie di Mc Lurin sin t t = dt ( 1) n t 2n (2n + 1)!. n=0 Si clcoli lo sviluppo in serie di McLurin di Si( ), giustificndo tle clcolo medinte i teoremi di convergenz per le serie di funzioni. 9) (Dl compito del 16/12/2004) Si consideri l successione di funzioni f n (t) = n n χ [ n 2, n] (t), n IN. Si studi l convergenz puntule e uniforme in R di {f n (t)}. Svolgimento. Per ogni t fissto, f n (t) è definitivmente costnte ed ugule 0. Perciò f n converge puntulmente in R ll funzione null. Siccome mx t R f n (t) = n n +, non c è convergenz uniforme. 10) (Dl compito del 20/9/2005) Si {f n }, n IN, n > 0 l successione di funzioni così definit { sin x x per 1/n x n, 0 ltrimenti. Si f(x) = { sin x x per x 0, 0 ltrimenti. Stbilire se l successione f n converge f puntulmente o uniformemente in R. 11) (Adttto dl compito dell ) Si f n l successione definit d f n (t) = χ Pn (t), P n = [2, ] [3, ]... [n, n + 1 ], t R, n 2. n2 10

11 1. Disegnre il grfico di f n (ricordre che χ A ( ) indic l funzione crtteristic di un insieme A); 2. studire l convergenz puntule e uniforme dell successione f n in R; 3. studire l convergenz uniforme dell successione f n in [0, R], per ogni R > 0 fissto. 12) (Dl compito del ) Si studino l convergenz puntule ed uniforme in R dell successione di funzioni nxe n x. 13) (Dl compito del ) Si dt l successione di funzioni { f n }n 1 definit d { (tnh x) e x n se x > 0, e n se x 0, (si ricordi che tnh x = sinh x/ cosh x). 1. Si clcoli il limite puntule di { f n }n 1 per n Si verifichi se { f n }n 1 converge uniformemente in R oppure in [ 1, 1]. 11

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

Il lemma di ricoprimento di Vitali

Il lemma di ricoprimento di Vitali Il lemm di ricoprimento di Vitli Si I = {I} un fmigli di intervlli ciusi contenuti in R. Diremo ce l fmigli I ricopre l insieme E nel senso di Vitli (oppure ce I è un ricoprimento di Vitli di E) se per

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

Pietro Baldi Successioni e serie di funzioni. 1 Convergenza puntuale

Pietro Baldi Successioni e serie di funzioni. 1 Convergenza puntuale Pietro Bldi Successioni e serie di funzioni Testi di riferimento: W. Rudin, Principi di Anlisi Mtemtic, McGrw-Hill Libri Itli; N. Fusco, P. Mrcellini, C. Sbordone, Anlisi Mtemtic Due, Liguori Editore;

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1

Appunti di Analisi Matematica 1 Appunti di Anlisi Mtemtic 1 MASTER IN ECONOMIA DIGITALE & e-business Centro per lo studio dei sistemi complessi Università di Sien Mrzo 2005 Prof. Polo Nistri Un funzione (o ppliczione) tr due insiemi

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

Successioni di funzioni

Successioni di funzioni Successioni di funzioni 3.1 Introduzione Considerimo l successione (x n ) n0,icuiterminisono 1, x,x 2,x 3,..., x n,... Si trtt dell progressione geometric di termine inizile 1 e rgione x, che bbimo già

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY DANIELE ANDREUCCI DIP. METODI E MODELLI, UNIVERSITÀ LA SAPIENZA VIA A.SCARPA 16, 00161 ROMA, ITALY ndreucci@dmmm.unirom1.it 1. Notzione fondmentle e prime definizioni

Dettagli

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica Nome Cognome cls 5D 18 Mrzo 01 Problem Verific di mtemtic In un sistem di riferimento crtesino Oy, si consideri l funzione: ln f ( > 0 0 e si determini il vlore del prmetro rele in modo tle che l funzione

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes I Teoremi di Green, dell divergenz o di Guss e di Stokes In R Si un sottoinsieme limitto di R semplice rispetto d entrmbi gli ssi crtesini con costituit dll unione di un numero finito di sostegni di curve

Dettagli

Scuola di Dottorato in Scienze e Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione.

Scuola di Dottorato in Scienze e Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione. T. ZOLZZI. Appunti del corso di Introduzione ll Anlisi Funzionle Scuol di Dottorto in Scienze e Tecnologie dell Informzione e dell Comuniczione. NOTA. L utore desider ringrzire le studentesse di dottorto,

Dettagli

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003 Liceo Scientifico Sperimentle nno - Problem Bernrdo Pedone ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI nno - PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ di dimetro OA =, l rett t tngente γ

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x)

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x) Nome.Cognome Clsse D 7 Aprile 0 Verific di mtemtic Problem (punti ) Sono dte le funzioni: f ( ) =, g ( ) = ( ) ) determinre il dominio di f() e di g() b) determinre, senz l uso dell clcoltrice f ( ) c)

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 00 Sessione strordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PRBLEMA Con riferimento un sistem monometrico

Dettagli

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez.

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez. Fcoltà di Economi - Università di Sssri Anno Accdemico 2004-2005 Dispense Corso di Econometri Docente: Lucino Gutierrez Algebr Linere Progrmm: 1.1 Definizione di mtrice e vettore 1.2 Addizione e sottrzione

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio di dimetro OA,

Dettagli

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali Equivlenz tr equzioni di Lgrnge e problemi AM Cherubini 20 Aprile 2007 1 / 21 Problemi Mostrimo or come si possono ricvre sistemi di equzioni con struttur lgrngin in un mbito diverso: prim si er crtterizzt

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio.

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio. Domnde preprzione terz prov. Considert, come esempio, l funzione nell intervllo [,], il cndidto illustri il concetto di integrle definito. INTEGRALE DEFINITO, prendendo in esme un generic funzione f()

Dettagli

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione Stbilità dei sistemi di controllo in retrozione Criterio di Nyquist Il criterio di Nyquist Estensione G (s) con gudgno vribile Appliczione sistemi con retrozione positiv 2 Criterio di Nyquist Stbilità

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 005 Sessione suppletiv Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Sono dti un pirmide

Dettagli

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per Funzioni di utilità (finlmente un po di geroglifici, dopo i grffiti) NB: non fte leggere queste pgine un mtemtico, ltrimenti mi msscr!. Definizione e proprietà Considerimo due eni e di interesse per un

Dettagli

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA di Giuli Cnzin e Dominique Cppelletti Come potrete notre inoltrndovi nel corso di Introduzione ll economi, l interpretzione dell teori economic non presuppone conoscenze

Dettagli

, dove s n è la somma parziale n-esima definita da. lim s n = lim s n = + (= ). a n = a 1 + a 2 +...

, dove s n è la somma parziale n-esima definita da. lim s n = lim s n = + (= ). a n = a 1 + a 2 +... . serie umeriche Def. (serie). Dt u successioe ( ) (co R per ogi ), si chim serie di termie geerle l successioe (s ), dove s è l somm przile -esim defiit d () s = + 2 +... + = k. L serie coverge (semplicemete)

Dettagli

Elementi grafici per Matematica

Elementi grafici per Matematica Elementi grfici per Mtemtic Sommrio: Sistemi di coordinte crtesine... Grfici di funzioni... 4. Definizione... 4. Esempi... 5.3 Verificre iniettività e suriettività dl grfico... 8.4 L rett... 9.5 Esempi

Dettagli

Topologia Algebrica e Analisi Complessa

Topologia Algebrica e Analisi Complessa Ginluc Occhett Note di Topologi Algeric e Anlisi Compless Diprtimento di Mtemtic Università di Trento Vi Sommrive 14 38050 - ovo (TN) Not per l lettur Queste note rccolgono gli rgomenti (lcuni vriili

Dettagli

QUADERNI DIDATTICI. Dipartimento di Matematica

QUADERNI DIDATTICI. Dipartimento di Matematica Università ditorino QUADERNI DIDATTICI del Diprtimento di Mtemtic G. Zmpieri Anlisi Vettorile.. 21/22 Quderno # 1 - Novembre 21........... Getno Zmpieri - Anlisi Vettorile 1 PREFAZIONE Questo quderno

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI E LOGARITMI 1 se 0, per ogni R ; Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se >0: Sono definite: se >0: Non sono definite: Csi prticolri: Le proprietà delle

Dettagli

Dispense di MATEMATICA PER L INGEGNERIA 4

Dispense di MATEMATICA PER L INGEGNERIA 4 ispense di MATEMATICA PER L INGEGNERIA 4 Qurto trimestre del o nno del Corso di Lure in Ingegneri Elettronic ocente: Murizio Romeo Mggio 25 ii Indice Integrzione delle funzioni di più vribili. Insiemi

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI e MATRICI ASSOCIATE

APPLICAZIONI LINEARI e MATRICI ASSOCIATE APPLICAZIONI LINEARI e MATRICI ASSOCIATE Dt un ppliczione f: V W con V e W spzi vettorili si dice che f è un ppliczione linere o omomorfismo f(v + v 2 ) = f(v ) + f(v 2 ) v, v 2 V f(αv) = α f(v) v V e

Dettagli

F (r(t)), d dt r(t) dt

F (r(t)), d dt r(t) dt Cmpi vettorili Un cmpo vettorile è un funzione vlori vettorili F : A R, con A R n, ove in questo cso l imensione el ominio e el coominio è l stess. F ( 1, 2,..., n ) (f 1 ( 1, 2,..., n ), f 2 ( 1, 2,...,

Dettagli

a con base a maggiore di 1 Dominio Codominio Crescenza/decrescenza Funz Crescente in Concavità/convessità Strettamente convessa in

a con base a maggiore di 1 Dominio Codominio Crescenza/decrescenza Funz Crescente in Concavità/convessità Strettamente convessa in Funzione esponenzile Dto un numero rele >0, l funzione si chim funzione esponenzile di bse e f prte dell fmigli delle funzioni elementri. Il suo ndmento (crescenz o decrescenz) è strettmente legto l vlore

Dettagli

LEZIONE 20. è lineare. Per la commutatività del prodotto scalare segue anche la linearità dell applicazione

LEZIONE 20. è lineare. Per la commutatività del prodotto scalare segue anche la linearità dell applicazione LEZIONE 20 20.1. Prodotti sclri. Definizione 20.1.1. Si V uno spzio vettorile su R. Un prodotto sclre su V è un ppliczione tle che:, : V V R (v 1, v 2 ) v 1, v 2 (PS1) per ogni v 1, v 2 V si h v 1, v 2

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI E LOGARITMI RICHIAMI DI TEORIA dom f Im f grfico Funzioni esponenzili y=^ con > Funzioni esponenzili y=^ con

Dettagli

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli:

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli: Acidi Deboli Si definisce cido debole un cido con < 1 che risult perciò solo przilmente dissocito in soluzione. Esempi di cidi deboli: Acido cetico (H OOH) 1.75 1-5 Acido scorbico (vitmin ) 1 6.76 1-5.5

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è:

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è: 1) In un equzione differenzile del tipo y (t)= y(t), con > 0, il tempo di rddoppio, cioè il tempo T tle che y(t+t)=y(t) è: A) T = B) 1 T = log e C) 1 T = log e ** D) 1 T = E) T = log e ) L equzione differenzile

Dettagli

Il calcolo integrale: intro

Il calcolo integrale: intro Il clcolo integrle: intro Le ppliczioni del clcolo integrle sono svrite: esistono, inftti, molti cmpi, dll fisic ll ingegneri, dll iologi ll economi, in cui si f lrgo uso degli integrli. Per fornire l

Dettagli

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione MANUALE DI SUPPOTO ALL UTILIZZO DELLA PIATTAFOMA SINTEL GUIDA ALLE FOMULE DI AGGIUDICAZIONE Pgin 1 di 21 AGENZIA EGIONALE CENTALE ACQUISTI Indice 1 INTODUZIONE... 3 1.1 Cso di studio... 4 2 FOMULE DI CUI

Dettagli

Imparare: cosa, come, perché.

Imparare: cosa, come, perché. GIOCO n. 1 Imprre: cos, come, perché. L pprendimento scolstico non è solo questione di metodo di studio, m di numerose situzioni di tipo personle e di gruppo, oppure legte l contesto in cui pprendimo.

Dettagli

METTITI ALLA PROVA. b. Posto che a, b e c siano i valori trovati al punto precedente, calcola: lim fx ( ); lim fx ( ).

METTITI ALLA PROVA. b. Posto che a, b e c siano i valori trovati al punto precedente, calcola: lim fx ( ); lim fx ( ). Mettiti ll prov METTITI ALLA PROVA Limiti e continuità b - + c e, c Si dt l funzione f ( ) se $ 0! = * sin, con b,! R, c! R + se 0 Ricv i vlori di, b e c in modo tle che: f() si continu in = 0 ; lim f

Dettagli

Teoria in sintesi ESPONENZIALI. Potenze con esponente reale. La potenza. Sono definite: Non sono definite: Casi particolari :

Teoria in sintesi ESPONENZIALI. Potenze con esponente reale. La potenza. Sono definite: Non sono definite: Casi particolari : Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se >, per ogni R se, per tutti e soli gli R se

Dettagli

Teorema della Divergenza (di Gauss)

Teorema della Divergenza (di Gauss) eorem dell ivergenz (di Guss) i un dominio tridimensionle regolre, l cui frontier è un superficie chius orientt con cmpo normle unitrionˆ uscente d. e F(,,z) F (,,z) i F (,,z) j F (,,z) k è un cmpo vettorile

Dettagli

Salvatore Loris Pelella. Corso di. Matematica RCS LIBRI EDUCATION SPA

Salvatore Loris Pelella. Corso di. Matematica RCS LIBRI EDUCATION SPA Slvtore Loris Pelell Corso di Mtemtic RCS LIBRI EDUCATION SPA ISBN 88-45-084-3 004 RCS Libri S.p.A.- Milno Prim edizione: gennio 004 Ristmpe 004 005 006 3 4 5 Stmp: V. Bon, Torino Coordinmento editorile

Dettagli

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici.

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici. Il Primo Principio dell Termodinmic non fornisce lcun indiczione rigurdo d lcuni spetti prtici. l evoluzione spontne delle trsformzioni; non individu cioè il verso in cui esse possono vvenire. Pistr cld

Dettagli

Integrali curvilinei e integrali doppi

Integrali curvilinei e integrali doppi Integrli curvilinei e integrli doppi Integrli curvilinei di prim specie Prim di inizire l trttzione di questo rgomento dimo l definizione di curv. Per curv nello 3 3 spzio R intendimo un sottoinsieme di

Dettagli

Problemi di Sturm-Liouville

Problemi di Sturm-Liouville Problemi di Sturm-Liouville Alberto Tibldi 11 dicembre 2012 1 Introduzione e definizioni generli Nell mbito di problemi fisici/ingegneristici, spesso si h che fre con equzioni lle derivte przili (PDE:

Dettagli

Formule di Gauss Green

Formule di Gauss Green Formule di Guss Green In queste lezioni voglimo studire il legme esistente tr integrli in domini bidimensionli ed integrli urvilinei sull frontier di questi. In seguito i ouperemo del problem nlogo nello

Dettagli

Complementi di Matematica e Calcolo Numerico A.A. 20010-2011 Laboratorio 10 - Integrazione numerica

Complementi di Matematica e Calcolo Numerico A.A. 20010-2011 Laboratorio 10 - Integrazione numerica Complementi di Mtemtic e Clcolo Numerico A.A. 20010-2011 Lbortorio 10 - Integrzione numeric Dtunfunzionef vlorireliperclcolre b fornisce l funzione predefinit qud Sintssi: q=qud(f,,b,tol) input: f funzione

Dettagli

Integrazione numerica di funzioni con singolarità

Integrazione numerica di funzioni con singolarità UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA Fcoltà di Scienze Mtemtiche, Fisiche e Nturli Corso di Lure in Mtemtic Integrzione numeric di funzioni con singolrità RELATORE Dr. Frncesco Dell Accio CANDIDATO Contrtese

Dettagli

ESERCIZI ESERCIZI. Test di autoverifica... 206 Prova strutturata conclusiva... 208 ESERCIZI

ESERCIZI ESERCIZI. Test di autoverifica... 206 Prova strutturata conclusiva... 208 ESERCIZI Indice cpitolo Insiemi ed elementi di logic... 7 8 Insiemi... Operzioni con gli insiemi... 8 Introduzione ll logic... 9 Connettivi e tvole di verità... Espressioni proposizionli... 0 Predicti e quntifictori...

Dettagli

( x) a) La simmetrica della parabola rispetto all origine è tale che: La parabola di equazione y = x + ax a ha vertice V = = mentre la parabola y S

( x) a) La simmetrica della parabola rispetto all origine è tale che: La parabola di equazione y = x + ax a ha vertice V = = mentre la parabola y S Sessione ordinri 996 Liceo di ordinmento Soluzione di De Ros Nicol ) In un pino, riferito d un sistem di ssi crtesini ortogonli (O), sono ssegnte le prbole di equzione:, dove è un numero rele positivo.

Dettagli

Facoltà di Ingegneria

Facoltà di Ingegneria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Fcoltà di Ingegneri Corso di Lure Specilistic in Ingegneri per l Ambiente e il Territorio TESINA DI CALCOLO NUMERICO Anlisi dell errore nei metodi di risoluzione dei

Dettagli

Lezione 7: Rette e piani nello spazio

Lezione 7: Rette e piani nello spazio Lezione 7: Rette e pini nello spzio In quest lezione i metteremo in un riferimento rtesino ortonormle dello spzio. I primi oggetti geometrii he individuimo sono le rette e i pini. Per qunto rigurd le rette

Dettagli

I. COS E UNA SUCCESSIONE

I. COS E UNA SUCCESSIONE 5 - LE SUCCESSIONI I. COS E UNA SUCCESSIONE L sequez 0 = = 0 3 = 3 = 4 =... 3 5 = +... costituisce u esempio di SUCCESSIONE. 90 Ecco u ltro esempio di successioe: 3 4 = 3 = 3 3 = 3 4 = 3... = 3... U successioe

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

3. Il calcolo a scuola (2): l uso della calcolatrice 1

3. Il calcolo a scuola (2): l uso della calcolatrice 1 Didttic 3. Il clcolo scuol (2): l uso dell clcoltrice 1 Ginfrnco Arrigo 57 1. Clcoli con un sol operzione L prim cos d insegnre d un giovne llievo che voglimo educre ll uso corretto dei moderni mezzi di

Dettagli

La parabola. Fuoco. Direttrice y

La parabola. Fuoco. Direttrice y L prol Definizione: si definise prol il luogo geometrio dei punti del pino equidistnti d un punto fisso detto fuoo e d un rett fiss dett direttrie. Un rppresentzione grfi inditiv dell prol nel pino rtesino

Dettagli

Aniello Murano Problemi non decidibili e riducibilità

Aniello Murano Problemi non decidibili e riducibilità Aniello Murno Problemi non decidibili e riducibilità 9 Lezione n. Prole chive: LBA e PCP Corso di Lure: Informtic Codice: Emil Docente: murno@ n.infn.it A.A. 2008-2009 LBA Liner bounded utomton DEFINIZIONE:

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO. FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di laurea in Ingegneria Meccanica. Tesina del corso di

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO. FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di laurea in Ingegneria Meccanica. Tesina del corso di UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di lure in Ingegneri Meccnic Tesin del corso di TRASMISSIONE DEL CALORE Docente Prof. Ing. Gennro Cuccurullo Tesin n.7a Effetti termici del

Dettagli

Esercizi svolti su serie di Fourier

Esercizi svolti su serie di Fourier Esercizi svolti su serie di Fourier Esercizio. (Onda quadra. Determinare i coefficienti di Fourier della funzione x [, f(x = x [, prolungata a una funzione -periodica su R (d ora in poi denoteremo con

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

ANALISI VETTORIALE. Giovanni Maria Troianiello. 31 ottobre 2010. 1 Approfondimenti sull integrale di Riemann 3. 2 Integrali impropri e serie 5

ANALISI VETTORIALE. Giovanni Maria Troianiello. 31 ottobre 2010. 1 Approfondimenti sull integrale di Riemann 3. 2 Integrali impropri e serie 5 ANALISI VETTORIALE Giovnni Mri Troiniello 31 ottobre 2010 Indice 1 Approfondimenti sull integrle di Riemnn 3 2 Integrli impropri e serie 5 3 Criterio del confronto, convergenz ssolut, convergenz condiziont

Dettagli

Esercizi svolti. Luca Granieri

Esercizi svolti. Luca Granieri Esercizi svolti Luc Grnieri Gli esercizi qui rccolti sono trtti dlle prove ssegnte nei concorsi di mmissione l dottorto di ricerc in mtemtic negli ultimi nni ed in diverse università itline. Per ogni esercizio

Dettagli

SPAZI METRICI. Uno spazio metrico X con metrica d si indica con il simbolo (X, d). METRICI 1

SPAZI METRICI. Uno spazio metrico X con metrica d si indica con il simbolo (X, d). METRICI 1 SPAZI METRICI Nel piano R 2 o nello spazio R 3 la distanza fra due punti è la lunghezza, o norma euclidea, del vettore differenza di questi due punti. Se p = (x, y, z) è un vettore in coordinate ortonormali,

Dettagli

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile di funzioni reali di una variabile Corso di Analisi Matematica - capitolo VI Facoltà di Economia, UER Maria Caterina Bramati Université Libre de Bruxelles ECARES 22 Novembre 2006 Intuizione di ite di funzione

Dettagli

CLASSI PRIME 2013/14

CLASSI PRIME 2013/14 LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B. GRASSI CLASSI PRIME 2013/14 INDICAZIONI DI LAVORO PER LA SOSPENSIONE DEL GIUDIZIO IN FISICA Liceo scientifico e liceo delle scienze pplicte In relzione lle esigenze del secondo

Dettagli

CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014

CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014 CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014 MODULO A LEZIONE N. 10 LE SCRITTURE CONTABILI Il lesing IL CONTRATTO DI LEASING Il lesing è un contrtto tipico (non previsto dl Codice Civile) per mezzo del qule l ziend

Dettagli

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI Abbiamo studiato successioni e serie numeriche, ora vogliamo studiare successioni e serie di funzioni. Dato un insieme A R, chiamiamo successione di funzioni

Dettagli

Teoria dell integrazione elementare

Teoria dell integrazione elementare [versione del 5 mggio 29] Teori dell integrzione elementre Andre Crpignni Diprtimento di Mtemtic Applict Università di Pis Per tre cose vle l pen vivere: l mtemtic, l music, l more. Rento Cccioppoli Introduzione

Dettagli

10. Completare la seguente tabella, in cui sono riportate le produzioni assolute e relative di tre colture altamente diffuse in Italia.

10. Completare la seguente tabella, in cui sono riportate le produzioni assolute e relative di tre colture altamente diffuse in Italia. ESERCIZI DI BASE 1. I soci proprietri di un piccol compgni gricol sono tre: i signori A, B, C. Mentre i signori A e C hnno l stess quot di prtecipzione ll ziend, il signor B h solo il 50% dell quot degli

Dettagli

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001 Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone Mturità scientific, corso di ordinmento, sessione ordinri 000-001 PROBLEMA 1 Si consideri l seguente relzione tr le vribili reli x, y: 1 1 1 +

Dettagli

Conversione A/D e D/A. Quantizzazione

Conversione A/D e D/A. Quantizzazione Conversione A/D e D/A Per il trttmento dei segnli sempre più vengono preferite soluzioni di tipo digitle. È quindi necessrio, in fse di cquisizione, impiegre dispositivi che convertno i segnli nlogici

Dettagli

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 1. Il dominio della funzione f(x) = log (x2 + 1)(4 x 2 ) (x 2 2x + 1) è: (a) ( 2, 2) (b) ( 2, 1) (1, 2) (c) (, 2) (2, + ) (d) [ 2, 1) (1, 2] (e) R \{1} 2. La funzione f : R R

Dettagli

-STRUTTURE DI LEWIS SIMBOLI DI LEWIS

-STRUTTURE DI LEWIS SIMBOLI DI LEWIS STRUTTURE DI LEWIS SIMBLI DI LEWIS ELETTRI DI VALEZA: sono gli elettroni del guscio esterno, i responsbili principli delle proprietà chimiche di un tomo e quindi dell ntur dei legmi chimici che vengono

Dettagli

IRRAGGIAMENTO: APPLICAZIONI ED ESERCIZI

IRRAGGIAMENTO: APPLICAZIONI ED ESERCIZI Elis Gonizzi N mtricol: 3886 Lezione del -- :3-:3 IRRAGGIAMENO: APPLICAZIONI ED EERCIZI E utile l fine di comprendere meglio le ppliczioni e gli esercizi ricordre cos si intend con i termini CORPI NERI

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014 Nome docente Borgn Giorgio Mteri insegnt Mtemtic Clsse Previsione numero ore di insegnmento IV G IPSIA ore complessive di insegnmento 33 settimne X 3 ore = 99 ore Nome Ins. Tecn. Prtico Testo in dozione

Dettagli

Febbraio 2014. PROGETTO: Studio di Architettura e Urbanistica Dott. Arch. Guido Leoni Via Affò, 4 - Parma - tel. 0521.233423

Febbraio 2014. PROGETTO: Studio di Architettura e Urbanistica Dott. Arch. Guido Leoni Via Affò, 4 - Parma - tel. 0521.233423 Comune di Poviglio Provinci di Reggio Emili Relzione illustrtiv dell Delierzione Consilire di pprovzione, dei coefficienti e prmetri di conversione che ssicurno l equivlenz tr le definizioni e le modlità

Dettagli

L INTEGRALE DEFINITO b f (x) d x a 1

L INTEGRALE DEFINITO b f (x) d x a 1 L INTEGRALE DEFINITO ( ) d ARGOMENTI. Il Trpezoide re del Trpezoide. L itegrle deiito de. Di Riem. Proprietà dell itegrle deiito teorem dell medi. L uzioe itegrle teorem di Torricelli-Brrow e corollrio

Dettagli

Il dominio della funzione, cioè l'insieme dei valori che si possono attribuire a x è tutto R ;

Il dominio della funzione, cioè l'insieme dei valori che si possono attribuire a x è tutto R ; CAPITOLO ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI Teori in sintesi Potenze con esponente rele L potenz è definit: se > 0, per ogni R se 0, per tutti e soli gli R se < 0, per tutti e soli gli Z. + Sono definite:

Dettagli

ANALISI MATEMATICA (Corso di Laurea in informatica) II MODULO A. Boccuto

ANALISI MATEMATICA (Corso di Laurea in informatica) II MODULO A. Boccuto ANALISI MATEMATICA (Corso di Lure in informtic) II MODULO A. Boccuto LIBRI CONSIGLIATI ADAMS: Clcolo differenzile, Vol. I VINTI: Lezioni di Anlisi Mtemtic, Vol. I e II ZWIRNER: Esercizi di Anlisi Mtemtic,

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

Elettronica dei Sistemi Digitali Il test nei sistemi elettronici: guasti catastrofici e modelli di guasto (parte I)

Elettronica dei Sistemi Digitali Il test nei sistemi elettronici: guasti catastrofici e modelli di guasto (parte I) Elettronic dei Sistemi Digitli Il test nei sistemi elettronici: gusti ctstrofici e modelli di gusto (prte I) Vlentino Lierli Diprtimento di Tecnologie dell Informzione Università di Milno, 26013 Crem e-mil:

Dettagli

Introduzione all algebra

Introduzione all algebra Introduzione ll lgebr E. Modic ersmo@glois.it Liceo Scientifico Sttle S. Cnnizzro Corso P.O.N. Modelli mtemtici e reltà A.S. 2010/2011 Premess Codificre e Decodificre Nell vit quotidin ci cpit spesso di

Dettagli

A i è un aperto in E. i=1

A i è un aperto in E. i=1 Proposizione 1. A è aperto se e solo se A c è chiuso. Dimostrazione. = : se x o A c, allora x o A = A o e quindi esiste r > 0 tale che B(x o, r) A; allora x o non può essere di accumulazione per A c. Dunque

Dettagli

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE Il limite di una funzione è uno dei concetti fondamentali dell'analisi matematica. Tramite questo concetto viene formalizzata la nozione di funzione continua e

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE Definizione: Si chiama successione numerica una funzione definita su IN a valori in IR, cioè una legge che associa ad ogni intero n un numero reale a n. Per abuso di linguaggio, si

Dettagli

I costi dell impresa. Litri di benzene per unità di tempo. Linea di isocosto

I costi dell impresa. Litri di benzene per unità di tempo. Linea di isocosto 7 I costi dell impres 7.1. Per l combinzione di equilibrio dei due input, si ved il grfico successivo. L pendenz dell line di isocosto e` pri ll opposto del rpporto tr i prezzi dei fttori: -10 = 2 = -5.

Dettagli

Pareti verticali Cappotto esterno

Pareti verticali Cappotto esterno Preti verticli Cppotto esterno L isolmento termico dei fbbricti dll esterno, comunemente detto cppotto, h vuto le sue prime ppliczioni lcuni decenni f e ncor oggi costituisce uno dei sistemi di isolmento

Dettagli