Regolamento Internalizzatore Sistematico RetLots Exchange

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento Internalizzatore Sistematico RetLots Exchange"

Transcript

1 Regolamento Internalizzatore Sistematico RetLots Exchange Data di entrata in vigore: 6 ottobre 2014 Banca IMI 1 Regolamento

2 Indice 1 INTRODUZIONE 2 DEFINIZIONI 3 CATEGORIE DI CLIENTI AMMESSI 4 REGOLE E STRUTTURE ORGANIZZATIVE 4.1 Comitato di Gestione del Mercato 4.2 Market Hub 4.3 Unità FICC 4.4 Controlli CIB 5 Obblighi di Transaction Reporting 6 Requisiti di Record Keeping 7 Obblighi di Pre-trade e Post-Trade Transparency 7.1 Strumenti obbligazionari 8 Strumenti negoziabili 9 Modalità di negoziazione 9.1 Calendario e orari di negoziazione 9.2 Tipologie di Ordine 9.3 Negoziazione continua 9.4 Modifica e revoca degli Ordini 9.5 Validità temporale e parametri associabili all Ordine 9.6 Market making e obblighi di liquidità 9.7 Gestione errori 9.8 Modalità di ammissione e degli strumenti finanziari dalle negoziazioni 9.9 Limiti di variazione dei prezzi, limiti di quantità per Ordine e prezzi di riferimento 9.10 Sospensione temporanea delle negoziazioni 9.11 Modalità di revoca degli strumenti finanziari dalle negoziazioni 9.12 Riscontro e regolamento delle operazioni Banca IMI 2 Regolamento

3 1 Introduzione Il presente regolamento disciplina l organizzazione e la gestione dell Internalizzatore sistematico RetLots Exchange (di seguito RetLots Exchange) di Banca IMI S.p.A. (di seguito Banca IMI). In qualità di internalizzatore sistematico, Banca IMI negozia per conto proprio, in modo organizzato, frequente e sistematico, eseguendo gli ordini dei clienti al di fuori di un mercato regolamentato o di un sistema multilaterale di negoziazione. L attività di internalizzazione sistematica è disciplinata dal Testo Unico della Finanza e dal Regolamento Mercati adottato dalla CONSOB con delibera n del 29 ottobre 2007 e successive modifiche e integrazioni. 2 Definizioni Ai fini del presente Regolamento valgono le seguenti definizioni: Ammissione alle Negoziazioni Indica l'ammissione di uno strumento finanziario alla negoziazione su RetLots Exchange. Calendario di Borsa Italiana E il calendario operativo diffuso dalla Borsa Italiana. Calendario TARGET 2 Il Calendario TARGET 2 è l'elenco delle giornate in cui il sistema TARGET 2 risulta operativo. Clienti Indica gli intermediari finanziari che trasmettono Ordini eseguibili su RetLots Exchange. Comparto domestico Indica l insieme degli strumenti finanziari il cui regolamento avviene tramite Monte Titoli, ovvero gli strumenti finanziari non accentrati in Monte Titoli il cui regolamento avviene presso banche italiane. Comparto estero Indica l insieme degli strumenti finanziari il cui regolamento avviene tramite Depositarie estere. Giorno lavorativo Indica un giorno in cui RetLots Exchange è aperto. Mercato Regolamentato Sistema multilaterale, amministrato e/o gestito dal gestore del mercato, che consente o facilita l'incontro - al suo interno e in base alle sue regole non discrezionali - di interessi multipli di acquisto e di vendita di terzi relativi a strumenti finanziari, in modo da dare luogo a contratti relativi a strumenti finanziari ammessi alla negoziazione conformemente alle sue regole e/o ai suoi sistemi, e che è autorizzato e funziona regolarmente e ai sensi delle disposizioni della Direttiva 2004/39/CE. Mercato Regolamentato di riferimento Indica il mercato, come definito all articolo 2, comma 1, lettera j) della direttiva 2003/71/CE, di prima quotazione degli strumenti finanziari o, nel caso l ammissione alla quotazione sia avvenuta su più mercati, quello più liquido. Banca IMI 3 Regolamento

4 Mercato Ufficiale Indica una borsa valori nella quale ha luogo la Quotazione ufficiale di strumenti finanziari ai sensi della Direttiva Europea 2001/34 o, nel caso di paesi non appartenenti all'unione Europea, un mercato regolamentato e sorvegliato da autorità riconosciute dai poteri pubblici funzionante in modo regolare, direttamente o indirettamente accessibile al pubblico e definito con un termine equivalente "borsa" dalla legislazione locale. Negoziazione Continua Indica la modalità di negoziazione che prevede l'inserimento e la cancellazione di proposte di negoziazione finalizzata alla conclusione immediata di contratti. Si distinguono le seguenti tipologie di proposte di negoziazione: proposta di acquisto o di vendita immessa dai Clienti in forma anonima (di seguito anche Ordine ); proposta di acquisto o di vendita di Banca IMI (di seguito anche Quota ), contenente i dati e le informazioni necessarie per la sua visualizzazione ed esecuzione. Ordine Limit È un Ordine con limite di prezzo. Può essere eseguito solo in presenza di una Quota di segno contrario avente prezzo uguale o inferiore se in acquisto, uguale o superiore se in vendita. Ordine Market È un Ordine senza limite di prezzo. Può essere eseguito a qualsiasi prezzo in presenza di una Quota di segno contrario. Ordine Persistente Un Ordine Limit è definito persistente se non è accompagnato da istruzione di validità temporale Immediate-or-cancel e/o da istruzione di validità basata sull esito dell Ordine All-or-nothing. Prezzo di chiusura Il prezzo di chiusura è uguale alla media aritmetica delle proposte di negoziazione generate dalle quote presenti sul book dello strumento finanziario al momento della chiusura delle negoziazioni. Qualora sia presente sul book una sola proposta di negoziazione il prezzo di chiusura e' pari al prezzo della quota esposta dal Market Maker. In assenza di quotazioni del Market Maker al momento della chiusura delle negoziazioni, il prezzo di chiusura e' pari al prezzo dell'ultimo contratto concluso sullo strumento stesso nella giornata di negoziazione, oppure, in assenza di contratti, al prezzo di chiusura del giorno precedente. Regolamento Mercati Indica il Regolamento Mercati adottato dalla CONSOB con delibera n del 29 ottobre 2007 e successive modifiche e integrazioni. Tick di prezzo Indica il valore minimo di scostamento dei prezzi delle Proposte di Negoziazione (Ordini e Quote) per ciascuno degli strumenti finanziari. Banca IMI 4 Regolamento

5 3 Categorie di Clienti ammessi L accesso a RetLots Exchange è consentito esclusivamente a intermediari finanziari Clienti di Banca IMI, che abbiano accettato che i propri Ordini possano essere eseguiti su RetLots Exchange. L Internalizzatore Sistematico è accessibile da parte degli intermediari attraverso un sistema di raccolta Ordini. 4 Regole e strutture organizzative Le strutture organizzative coinvolte nella gestione e nel controllo di RetLots Exchange sono: Comitato di Gestione del Mercato; Unità Market Hub; Unità FICC (Capital Markets); Unità Controlli CIB. Di seguito si riporta un dettaglio delle strutture con particolare focus sulle relative competenze e responsabilità. 4.1 Comitato di Gestione del Mercato Il Comitato di Gestione del Mercato stabilisce le modalità di organizzazione e funzionamento di RetLots Exchange. In particolare, il Comitato di Gestione del Mercato prende decisioni generali in materia di: - condizioni e modalità di ammissione, revoca e sospensione degli Strumenti Finanziari dalle negoziazioni - condizioni e modalità di svolgimento delle negoziazioni e di funzionamento dei servizi ad essi strumentali - modalità di accertamento, pubblicazione e diffusione dell informativa. Il Comitato di Gestione del Mercato può delegare alle singole unità organizzative compiti operativi di attuazione delle decisioni generali in materia di: - orari di contrattazione - ammissione, revoca e cancellazione degli Strumenti Finanziari dalle negoziazioni - modalità di negoziazione - definizione dei Parametri negoziazione di mercato - monitoraggio del flusso di ordini dei Clienti - monitoraggio del flusso di ordini presenti nell Internalizzatore Sistematico - monitoraggio e garanzia delle soluzioni tecniche e sicurezza informatica - garanzia sull informativa in termini di contenuti e modalità - garanzia delle registrazioni dei contratti conclusi nonché degli ordini - rilevazione anomalie di funzionamento - sospensione o chiusura temporanea delle negoziazioni. Il Comitato di Gestione del Mercato viene inoltre informato in caso di gravi anomalie di carattere tecnico o finanziario e ogni qualvolta sia compromesso il rispetto della normativa poiché lo stesso è garante del rispetto della normativa vigente. La gestione ed il controllo di RetLots Exchange vengono effettuati dal Comitato di Gestione del Mercato, organo composto dai Responsabili delle seguenti unità operative : - Banca IMI: Market Hub - Banca IMI: FICC Banca IMI 5 Regolamento

6 - Banca IMI: Ufficio Legale - Intesa Sanpaolo: Servizio Cordinamento e Monitoraggio Operations della Div. CIB - Intesa Sanpaolo Group Services: Servizio Sistemi Applicativi Finanza - Intesa Sanpaolo: Servizio Rischi di Mercato e Valutazioni Finanziarie - Intesa Sanpaolo:Servizio Compliance Corporate e Investment Banking. In caso di assenza o impedimento di un componente, lo stesso può designare, previo accordo con il Presidente del Comitato, un suo sostituto tra i Dirigenti/Quadri Direttivi appartenenti alla propria struttura. Il ruolo del Presidente del Comitato di Gestione è assolto dal Responsabile dell unità Market Hub ovvero da persona da quest ultimo delegata. E data facoltà al Presidente di estendere in via meramente consultiva le adunanze del Comitato, anche ai rappresentanti dei Clienti e ad esponenti dell alta dirigenza di Banca IMI. Il Comitato di Gestione del Mercato si riunisce almeno con cadenza bimestrale e può comunque essere convocato con procedura d urgenza. Il Comitato di Gestione del Mercato è convocato dal Presidente, il quale formula l ordine del giorno. L avviso di convocazione, con l indicazione sommaria degli argomenti da trattare contiene l ora e la data della riunione e deve essere inviato via almeno dieci giorni prima della riunione e, nei casi d urgenza, almeno 24 ore prima. Il Comitato di Gestione del Mercato è validamente costituito (anche nelle ipotesi di convocazione d urgenza) con la presenza di tutti i suoi componenti. È ammessa la partecipazione a distanza alle riunioni mediante l utilizzo di idonei sistemi di collegamento a distanza, a condizione che tutti gli aventi diritto possano parteciparvi ed essere identificati e sia loro consentito di seguire la riunione e di intervenire in tempo reale alla trattazione degli argomenti, nonché di ricevere, trasmettere o visionare documenti. In tale caso, la riunione del comitato si considera tenuta nel luogo in cui si trova il Presidente. Qualora non siano presenti tutti i membri, il Presidente annulla la convocazione dell adunanza. Ad ogni membro del Comitato, Presidente compreso, spetta un voto. Le delibere sono assunte a maggioranza e, in caso di parità, prevale il voto del Presidente. 4.2 Market Hub Propone, di concerto con l Unità FICC, al Comitato di Gestione del Mercato sia l ammissione alla negoziazione di nuovi strumenti finanziari, sia l eventuale revoca dalle negoziazioni. 4.3 Unità FICC E la struttura deputata ad assicurare liquidità agli strumenti finanziari negoziati su RetLots Exchange tramite pubblicazione continuativa di Quote aggiornate. 4.4 Controlli CIB E l ufficio, inserito nel Servizio Coordinamento e Monitoraggio Operations della Direzione Strategie e Risorse della Divisione Corporate e Investment Banking di Intesa Sanpaolo S.p.A., deputato al controllo dell applicazione del presente Regolamento. All Unità Controlli CIB sono attribuiti i seguenti compiti: verificare e controllare il rispetto del presente Regolamento al fine di assicurare un regolare funzionamento di RetLots Exchange; effettua le attività operative di Ammissione alle Negoziazioni per i nuovi strumenti finanziari; Banca IMI 6 Regolamento

7 sospendere o revocare strumenti finanziari nei casi espressamente previsti dal presente Regolamento; verificare il rispetto degli obblighi di liquidità; dare immediato avviso al pubblico in caso di sospensioni o revoche; comunicare eventuali variazioni degli strumenti negoziabili (nuovi listing/delisting) alla CONSOB; predisporre -in via generale- le comunicazioni riguardanti RetLots Exchange comprese quelle relative alle comunicazioni periodiche alle autorità di vigilanza. 5 Obblighi di Transaction Reporting In conformità con l art. 23 del Regolamento Mercati Banca IMI comunica alla CONSOB il più rapidamente possibile, e al più tardi entro la fine del giorno lavorativo successivo alla transazione, i dettagli delle operazioni effettuate su strumenti finanziari ammessi alla negoziazione in mercati regolamentati dei paesi dell Unione Europea nonché di Islanda e Norvegia (c.d. Paesi Rilevanti a fini degli obblighi di transaction reporting). 6 Requisiti di Record Keeping In conformità con gli obblighi di registrazione previsti dal Regolamento Mercati (art.21), con riferimento all operatività sull Internalizzatore vengono registrati in formato elettronico tutti i contratti conclusi, corredati dalle seguenti informazioni: data e ora di esecuzione dell operazione; indicazione se l operazione è stata conclusa in acquisto o in vendita; codice identificativo dello Strumento Finanziario oggetto dell operazione; prezzo unitario, al netto delle eventuali commissioni, e l indicazione della valuta nella quale il prezzo è espresso; quantità; controparte dell operazione. Nello stesso archivio vengono inoltre registrate le medesime informazioni, per quanto compatibili, relative agli Ordini e alle Quote trasmessi all Internalizzatore Sistematico. In particolare, in luogo della data e ora di esecuzione, dovranno essere indicati la data e l orario di ricezione/immissione dell Ordine/Quota e gli eventuali parametri associabili all Ordine. Le suddette registrazioni vengono conservate per un periodo non inferiore a cinque anni, per consentire di effettuare in ogni momento ricerche su ogni singolo Strumento Finanziario, ogni singola tipologia di operazione, nonché ogni singolo partecipante a RetLots Exchange. 7 Obblighi di Pre-trade e Post-Trade Transparency Banca IMI, come previsto dal Titolo IV (Obblighi di comunicazione delle operazioni e regime di trasparenza) del Regolamento Mercati, rende disponibili le informazioni pre-negoziazione e post-negoziazione relative all operatività svolta su RetLots Exchange durante il normale orario di contrattazione. Le informazioni pre-negoziazione vengono pubblicate non appena disponibili durante l orario di contrattazione di RetLots Exchange e rimangono accessibili fino al loro aggiornamento. L informativa pre-negoziazione e quella post-negoziazione vengono rese disponibili sul sito internet (http://retlotsexchange.bancaimi.com/rex/). 7.1 Strumenti obbligazionari Per ciascuno strumento obbligazionario, Banca IMI rende disponibili le seguenti informazioni prenegoziazione: Banca IMI 7 Regolamento

8 prezzo (espressi nella divisa di quotazione) in acquisto e in vendita con le relative quantità; dettaglio dell ultimo contratto concluso: prezzo, quantità, data, ora. Per ciascuno strumento obbligazionario, Banca IMI rende disponibili le seguenti informazioni postnegoziazione: entro l inizio della giornata successiva di negoziazione: il numero di contratti conclusi; le quantità e il controvalore complessivamente scambiati; il prezzo dell ultimo contratto concluso; il prezzo minimo e il prezzo massimo. entro il terzo Giorno lavorativo di ogni mese: il numero di contratti conclusi; le quantità complessivamente negoziate ed il controvalore scambiato; il prezzo minimo e il prezzo massimo; il prezzo medio ponderato relativo ai contratti conclusi in acquisto e in vendita; il prezzo, la quantità e la data dell ultimo contratto concluso. 8 Strumenti negoziabili Su Retlots Exchange possono essere trattati: Titoli di Stato italiani ed esteri, Obbligazioni agency e sovranazionali, Obbligazioni bancarie e corporate, Obbligazioni high yield e emergenti, rientranti nelle seguenti casistiche: titoli di debito emessi da Stati membri dell OCSE, con rating investment grade assegnato da almeno due primarie agenzie internazionali di rating; titoli di debito emessi da Stati membri dell Unione Europea già non compresi nel precedente alinea. L ammissione alla negoziazione sull Internalizzatore Sistematico RetLots Exchange dei suddetti strumenti finanziari è subordinata all autorizzazione del Comitato di Gestione; strumenti finanziari emessi da soggetti italiani ed esteri ammessi alla negoziazione in un mercato Regolamentato o in sistema multilaterale di negoziazione italiano o di un altro paese dell Unione Europea o già diffusi tra il pubblico in Italia o già distribuiti presso il pubblico in un paese dell'unione Europea ai sensi dell art. 2 comma 6 punto 2 del Regolamento Emittenti (si veda Regolamento di attuazione del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, concernente la disciplina degli emittenti). 9 Modalità di negoziazione Le negoziazioni si svolgono secondo modalità di Negoziazione Continua. Il Comitato di Gestione del Mercato individua insiemi di strumenti finanziari con modalità e orari di negoziazione omogenei. 9.1 Calendario e orari di negoziazione Il calendario di negoziazione adottato è il Calendario di Borsa Italiana. Eventuali deroghe al Calendario di Borsa Italiana saranno pubblicizzate mediante apposito comunicato nella sezione avvisi dell informativa dell Internalizzatore Sistematico. Banca IMI 8 Regolamento

9 L orario di negoziazione di RetLots Exchange è dalle 9.00 alle Gli Ordini ricevuti al di fuori dell orario di negoziazione sono rifiutati. 9.2 Tipologie di Ordine La volontà negoziale dei Clienti si esprime attraverso Ordini in forma anonima. Gli Ordini possono essere di tipo Limit o Market. Gli Ordini devono contenere le seguenti informazioni: strumento finanziario oggetto dell Ordine (ISIN e relativa descrizione); tipo di operazione: acquisto / vendita; quantitativo oggetto dell Ordine; condizioni di prezzo; condizioni di tempo. 9.3 Negoziazione continua Durante la Negoziazione Continua la conclusione di contratti avviene, per la quantità disponibile, mediante abbinamento automatico tra Ordini e Quote. Gli Ordini dei Clienti sono ordinati ed eseguiti secondo il criterio di priorità temporale determinato dall orario di immissione. Sono ammessi i soli ordini con quantitativo pari o multiplo al taglio minimo per l obbligazione. L esecuzione parziale/inesecuzione totale di un Ordine Limit con indicazione specifica Immediate-orcancel o di un Ordine Market dà luogo, per la quantità non soddisfatta, ad un ineseguito. Al termine dell orario di negoziazione, gli Ordini Limit senza indicazione specifica Immediate-or-cancel sono automaticamente cancellati. Contestualmente viene data al Cliente notifica della mancata esecuzione. 9.4 Modifica e revoca degli Ordini La modifica o la revoca di un Ordine possono essere effettuate unicamente dal Cliente che ha trasmesso l Ordine prima che lo stesso sia stato eseguito. 9.5 Validità temporale e parametri associabili all Ordine La validità temporale massima di un Ordine è pari alla seduta di negoziazione nel corso della quale l Ordine stesso è stato trasmesso a RetLots Exchange. Per gli Ordini Limit è ammesso il parametro temporale Good-for-day ovvero valido sino a fine giornata. La quantità non eseguita entro la fine della seduta di negoziazione è automaticamente cancellata. In assenza di indicazione esplicita da parte del Cliente in merito alla validità temporale, l Ordine è considerato come Good-for-day. Per gli Ordini Limit è possibile utilizzare il parametro di validità temporale Immediate-or-cancel (o Esegui-e-cancella o Fill-and-kill). Gli ordini Market sono sempre gestiti come ordini Immediate-or-cancel anche qualora sprovvisti di indicazione specifica da parte del cliente. 9.6 Market making e obblighi di liquidità Banca IMI espone quotidianamente e in via continuativa almeno una Quota in acquisto per gli strumenti obbligazionari ammessi alla negoziazione su RetLots Exchange. I prezzi delle Quote sono determinati sulla base di modelli interni di pricing e in funzione delle condizioni di mercato. Banca IMI assicura il regolare aggiornamento delle Quote in acquisto e vendita. Qualora uno strumento obbligazionario fosse caratterizzato da scarsa liquidità e/o in particolari condizioni di mercato, Banca IMI può non offrire Quote in vendita per lo strumento. Banca IMI effettua l immissione di una sola Quota (quotazione mono-livello). Banca IMI 9 Regolamento

10 Le Quote devono contenere le seguenti informazioni: ISIN dello strumento finanziario a cui si riferisce la Quota; prezzo e quantitativo della Quota; tipo di quotazione: denaro / lettera; orario della quotazione: orario di immissione della Quota. Al fine di rispettare gli obblighi di liquidità, Banca IMI espone, per ciascuna Quota, un nominale pari ad almeno euro. Il rispetto degli obblighi di market making e di liquidità in capo a Banca IMI è oggetto di controllo da parte dell Unità Controlli CIB. 9.7 Gestione errori L Unità Controlli CIB può disporre ed effettuare la cancellazione dei contratti conclusi sull Internalizzatore Sistematico RetLots Exchange, nei seguenti casi: 1. Gli operatori contraenti, ovvero il cliente, per il tramite di Market Hub, o il Market Maker, che intendano di comune accordo cancellare uno o più contratti, possono proporre all Unità Controlli CIB la cancellazione dei contratti conclusi su concorde richiesta motivata, inoltrando la richiesta tempestivamente entro e non oltre la chiusura del mercato della giornata stessa in cui i contratti sono stati conclusi. L Ufficio Controlli CIB comunica al Market Maker e ai clienti coinvolti, per il tramite di Market Hub, lo svolgimento della procedura di gestione degli errori e le relative misure adottate. Ottenuto il consenso scritto, l Ufficio Controlli CIB provvede alla cancellazione dei contratti. 2. Il cliente, per il tramite di Market Hub, o il Market Maker possono proporre all Unità Controlli CIB la cancellazione di contratti conclusi su richiesta motivata. Tale provvedimento è adottato purché si verifichino tutte le seguenti condizioni: il Cliente o il Market Maker che ha effettuato l errore di immissione di un Ordine che ha generato uno o più contratti, ne faccia tempestiva richiesta entro la chiusura della giornata di negoziazione; il Cliente o il Market Maker abbia commesso un errore materiale evidente; la perdita attesa per il Cliente o per il Market Maker, derivante dall immissione di un Ordine errato, non sia inferiore a euro. Il valore della perdita attesa è determinato dalla differenza tra il prezzo al quale è stato concluso il contratto ed il prezzo di riferimento K al momento in cui il Cliente o il Market Maker ha inoltrato la richiesta di cancellazione. Il prezzo di riferimento K è pari al valore dello strumento finanziario su altra sede di negoziazione, al momento dell immissione della proposta errata; ovvero nel caso sia impossibile determinare tale valore, il prezzo di riferimento K è il prezzo denaro/lettera esposto dal Market Maker Banca IMI al momento in cui il Cliente o il Market Maker ha inoltrato la richiesta di cancellazione. 3. La cancellazione di un contratto concluso può altresì essere effettuata, su richiesta del Cliente o del Market Maker in caso di eseguito parziale, qualora la quantità non eseguita dell ordine rappresenti, per lo specifico strumento finanziario, un quantitativo inferiore al minimo negoziabile. 9.8 Modalità di ammissione degli strumenti finanziari dalle negoziazioni Il Comitato di Gestione del Mercato stabilisce periodicamente l elenco degli strumenti finanziari ammessi alla negoziazione, ad eccezione delle obbligazioni emesse da istituti di credito italiani e dei titoli classificati come investment grade, per le quali l ammissione alla negoziazione è attribuita al Presidente del Comitato. Tali nuove ammissioni vengono tempestivamente comunicate alla CONSOB da parte dell Unità Controlli CIB. Banca IMI 10 Regolamento

11 9.9 Limiti di variazione dei prezzi, limiti di quantità per Ordine e prezzi di riferimento I prezzi delle Quote e degli Ordini possono variare per valori pari o multipli dei tick di prezzo calcolati per ogni Strumento Finanziario. Il valore del tick di prezzo è fissato a 0,01 per tutti gli strumenti finanziari, con eccezione di B.O.T. e C.T.Z., per i quali il valore del tick è fissato a 0,001. Sono previsti dei limiti finalizzati al controllo automatico delle regolarità delle contrattazioni. In particolare, data la tipologia di titoli trattati, i limiti fissati sono i seguenti: 1. Primo Limite: corrisponde al limite massimo di variazione delle Quote e degli Ordini rispetto al prezzo di chiusura del giorno precedente. Le Quote e gli Ordini che non rispettano tale parametro vengono automaticamente rifiutati. Tale limite è posto pari a ±10% per tutti gli strumenti finanziari ammessi alla negoziazione, ad eccezione degli zero coupon bond e dei titoli di stato per i quali il primo limite è pari rispettivamente a ±20% e ±5%. 2. Secondo limite: corrisponde al limite massimo di variazione tra due contratti consecutivi sullo stesso Strumento Finanziario nell arco di una giornata. Le Quote e gli Ordini che potrebbero generare contratti aventi uno scostamento di prezzo, rispetto al precedente contratto concluso, superiore al limite 2 sono rifiutati. Tale limite è posto a ±5% per tutti gli strumenti finanziari ammessi alla negoziazione, ad eccezione degli zero coupon bond per i quali il secondo limite è pari a ±10%. Il Comitato di Gestione del Mercato può ampliare per periodi limitati e definiti i limiti indicati ai punti 1. e 2. su uno o più strumenti finanziari, qualora si riscontrino particolari condizioni di mercato. In caso di variazioni significative di mercato tali da determinare il mancato rispetto dei limiti indicati, al fine di consentire all Unità FICC l inserimento di Quote in linea con il mercato stesso, l Unità Controlli CIB effettua una modifica di tali limiti, previa autorizzazione del Comitato di Gestione del Mercato, o in casi di particolare urgenza del Presidente del Comitato con immediata comunicazione al Comitato di Gestione del Mercato Sospensione temporanea delle negoziazioni La sospensione delle negoziazioni di uno strumento finanziario avviene in caso di immissione di una Quota che possa generare contratti con uno scostamento di prezzo, rispetto all ultimo contratto concluso, superiore al Secondo Limite. La sospensione termina con l immissione di una Quota valida da parte di Banca IMI. La sospensione temporanea delle negoziazioni da parte dell Unità Controlli CIB può avvenire inoltre, su segnalazione dell Unità FICC e previa consultazione del Presidente del Comitato di Gestione del Mercato, in caso di default di un emittente, sovraesposizione al rischio di controparte da parte di Banca IMI o condizioni anomale di mercato. In tal caso Banca IMI provvede a dare tempestiva notizia della sospensione al pubblico. Qualora l Unità FICC segnalino condizioni di mercato che non consentano di preservare il carattere sistematico dell attività di internalizzazione diverse da quelle indicate, l Unità Controlli CIB può procedere alla sospensione temporanea delle negoziazioni solo previa autorizzazione del Presidente del Comitato di Gestione del Mercato, dandone immediata comunicazione al Comitato di Gestione del Mercato. La sospensione temporanea dalla negoziazione di uno strumento finanziario può essere disposta anche a seguito di obblighi contrattuali o come misura prevista dal modello della Banca per la gestione di potenziali rilevanti casi di conflitti di interessi, derivanti da altre attività o servizi prestati da Banca IMI, o per la gestione dei flussi delle informazioni privilegiate o confidenziali all interno della stessa. In tali casi la esigenza di restrizione è comunicata dal Servizio Compliance Corporate & Investment Banking della Direzione Centrale Compliance di Intesa Sanpaolo S.p.A. all Unità FICC che avrà cura di sottoporre senza indugio tale questione al Comitato di Gestione del Mercato al fine di valutare: - la presenza o meno di obblighi di quotazione derivanti da impegni assunti dalla Banca, sia in fase di collocamento sia al di fuori di una precedente attività di collocamento; - la possibilità di introdurre, nel caso sussistano tali impegni contrattuali, restrizioni parziali all attività di market making in ragione dei predetti obblighi o altre misure alternative, elaborate sulla base delle indicazioni all uopo fornite dalla Compliance. Nell ambito del Comitato di Gestione del Mercato, l Unità Controlli CIB è informata delle decisioni assunte in tema di restrizioni per i successivi adempimenti di competenza. Banca IMI 11 Regolamento

12 Banca IMI provvede a dare tempestiva notizia al pubblico delle sospensioni. L Unità Controlli CIB provvede a riepilogare periodicamente al Comitato di Gestione del Mercato le sospensioni disposte Modalità di revoca degli strumenti finanziari dalle negoziazioni Qualora si protraggano le condizioni che hanno causato la sospensione di uno Strumento Finanziario da parte dell Unità Controlli CIB, il Comitato di Gestione del Mercato ne può disporre la revoca. La revoca di uno strumento finanziario può avvenire anche su proposta motivata di qualsiasi Unità. La revoca è deliberata dal Comitato di Gestione del Mercato a maggioranza assoluta. L approvazione della revoca dovrà essere comunicata all Unità Controlli CIB, che darà avvio all iter di cancellazione ed alla relativa comunicazione alla CONSOB. In caso di rimborso anticipato di uno Strumento Finanziario da parte dell emittente, l Unità Controlli CIB provvede d ufficio alla cancellazione dello stesso dalle negoziazioni entro i due giorni lavorativi precedenti la data prevista per il rimborso anticipato, dandone comunicazione al Comitato durante la prima riunione utile. La cancellazione dalle negoziazioni di strumenti finanziari a scadenza avviene, in funzione del ciclo di regolamento, nei due giorni lavorativi precedenti la data di scadenza dello strumento stesso Riscontro e regolamento delle operazioni Gli strumenti finanziari saranno regolati presso Monte Titoli, Euroclear, Clearstream, Intesa Sanpaolo o presso le principali depositarie a livello internazionale. Il ciclo di regolamento è il seguente: Titoli del Comparto estero strumenti non Quotati su un Mercato Ufficiale: il secondo Giorno lavorativo successivo alla negoziazione tenendo conto delle festività previste dal calendario internazionale; strumenti Quotati su un Mercato Ufficiale: secondo il ciclo di regolamento previsto dal Mercato di Riferimento tenendo conto delle festività previste dal calendario internazionale. Titoli del Comparto domestico per tutti gli strumenti, il regolamento avviene il secondo Giorno lavorativo successivo alla negoziazione, tenendo conto delle festività previste dal Calendario TARGET 2. Per gli strumenti quotati su più mercati ufficiali viene identificato e comunicato, prima dell inizio della quotazione, il comparto di appartenenza e il circuito di regolamento di riferimento per la liquidazione. Banca IMI 12 Regolamento

Regolamento Internalizzatore Sistematico RetLots Exchange. Data di entrata in vigore: 6 ottobre 2014

Regolamento Internalizzatore Sistematico RetLots Exchange. Data di entrata in vigore: 6 ottobre 2014 Internalizzatore Sistematico RetLots Exchange Data di entrata in vigore: 6 ottobre 2014 1 Indice 1. Introduzione... 3 2. Definizioni... 3 3. Categorie di clienti ammessi... 5 4. Regole e strutture organizzative...

Dettagli

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A (Titolo illiquido ai sensi della Comunicazione Consob n. 9019104 del 2 marzo 2009) Copia della presente Policy è a disposizione

Dettagli

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Versione Aggiornata

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Versione Aggiornata INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A Versione Aggiornata Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca

Dettagli

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A. Versione Aggiornata 28/11/2014

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A. Versione Aggiornata 28/11/2014 INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A Versione Aggiornata 28/11/2014 Copia della presente Informativa è a disposizione della clientela presso tutte

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATO AZIONI BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE

REGOLAMENTO MERCATO AZIONI BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE REGOLAMENTO MERCATO AZIONI BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE Codici ISIN: IT0001040820, IT0004459241, IT0004734205, IT0004841349 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 23/02/2015 Data di entrata

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI NEGOZIAZIONE INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI BARI S.C.P.A. E UTILIZZO DEL FONDO ACQUISTO AZIONI PROPRIE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI NEGOZIAZIONE INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI BARI S.C.P.A. E UTILIZZO DEL FONDO ACQUISTO AZIONI PROPRIE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI NEGOZIAZIONE INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI BARI S.C.P.A. E UTILIZZO DEL FONDO ACQUISTO AZIONI PROPRIE TITOLO I- DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 - Oggetto

Dettagli

BCC BARLASSINA. Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da

BCC BARLASSINA. Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da BCC BARLASSINA (ai sensi delle Linee-Guida interassociative ABI-Assosim-Federcasse per l applicazione delle misure di attuazione della Direttiva

Dettagli

POLICY PER LA NEGOZIAZIONE DI AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Approvata dal CDA nella seduta del 30/07/2012

POLICY PER LA NEGOZIAZIONE DI AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Approvata dal CDA nella seduta del 30/07/2012 POLICY PER LA NEGOZIAZIONE DI AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A Approvata dal CDA nella seduta del 30/07/2012 INDICE PREMESSA...3 1.1. Fattori di Rischio...3 2.2. Funzionamento e formazione prezzi...4

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al PROSPETTO DI BASE SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al PROSPETTO DI BASE SUL PROGRAMMA Società per Azioni Sede Legale in Aprilia (LT), Piazza Roma, snc Iscrizione al Registro delle Imprese di Latina e Codice Fiscale/Partita Iva n.00089400592 Capitale sociale al 31 dicembre 2009 Euro 6.671.440

Dettagli

ISTRUZIONI DI ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO DEL MERCATO BONDVISION MTF

ISTRUZIONI DI ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO DEL MERCATO BONDVISION MTF ISTRUZIONI DI ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO DEL MERCATO BONDVISION MTF ISTRUZIONI DI ATTUAZIONE DEL TITOLO I DEL REGOLAMENTO (DISPOSIZIONI GENERALI) Art.1. Definizioni (Art. 2 Reg.) 1. Le definizioni di cui

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI 1. Definizioni Strategia di Esecuzione o anche semplicemente Strategia : le misure, i meccanismi e le procedure adottate da MPS Capital Services - Banca

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MERCATO INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA S.C.P.A.

REGOLAMENTO DEL MERCATO INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA S.C.P.A. REGOLAMENTO DEL MERCATO INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA S.C.P.A. TITOLO I- DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 - Oggetto del Mercato Interno. Art. 2 Modifiche al

Dettagli

Policy per la negoziazione e per il rimborso delle Azioni di propria emissione

Policy per la negoziazione e per il rimborso delle Azioni di propria emissione Azioni di propria emissione Marzo 2016 SOMMARIO Premessa... 5 Regole interne per la negoziazione di Azioni BPC... 5 Strategia di esecuzione... 5 Soggetti ammessi alla negoziazione... 6 Modalità di conferimento

Dettagli

Negoziazione di azioni, diritti di opzione ed obbligazioni emesse da Cassa di Risparmio di Bolzano S.p.A.

Negoziazione di azioni, diritti di opzione ed obbligazioni emesse da Cassa di Risparmio di Bolzano S.p.A. Negoziazione di azioni, diritti di opzione ed obbligazioni emesse da Cassa di Risparmio di Bolzano S.p.A. Versione del 27-10-2015 Azioni proprie Per la negoziazione di azioni proprie ci si avvale della

Dettagli

REGOLAMENTO aprile 2014 1

REGOLAMENTO aprile 2014 1 REGOLAMENTO 1 Sommario 1. Strumenti negoziabili... 3 2. Struttura del Sistema... 3 3. Unità Operative e personale addetto... 3 4. Criteri di formazione dei prezzi... 4 5. Regime di trasparenza pre-negoziazione...

Dettagli

Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c.

Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c. Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c. (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative per l applicazione delle

Dettagli

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato.

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. Decreto 13 maggio 1999, n. 219 Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. IL MINISTRO DEL TESORO DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA Visto il decreto legislativo 24 febbraio 1998,

Dettagli

Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca

Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca Banca di Credito Cooperativo Dell Alta Brianza Alzate Brianza Società Cooperativa Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca (Adottata ai

Dettagli

MONTE TITOLI. 3.4 Assemblee e Identificazione dei titolari di strumenti finanziari

MONTE TITOLI. 3.4 Assemblee e Identificazione dei titolari di strumenti finanziari MONTE TITOLI ISTRUZIONI AL SERVIZIO DI GESTIONE ACCENTRATA PER INTERMEDIARI ED EMITTENTI STRUMENTI FINANZIARI GESTITI DA MONTE TITOLI DIRETTAMENTE OPERAZIONI DEL SERVIZIO Omissis 3.4 Assemblee e Identificazione

Dettagli

Copia della presente Informativa è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Cassa www.lacassa.com

Copia della presente Informativa è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Cassa www.lacassa.com INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A (Titolo illiquido ai sensi della Comunicazione Consob n. 9019104 del 2 marzo 2009) Copia della presente Informativa

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up e Obbligazioni a Tasso Step-Up Callable.

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up e Obbligazioni a Tasso Step-Up Callable. CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up e Obbligazioni a Tasso Step-Up Callable. Banca

Dettagli

in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento

in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1. INTRODUZIONE Come previsto dalla disciplina in materia di best execution della direttiva MiFID 2004/39/CE e della direttiva 2010/43/UE (recante modalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO

REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO Via Brera 21, 20121 Milano Capitale sociale i.v. Euro 306.612.100 Codice fiscale, Partita IVA ed iscrizione al Registro imprese di Milano n. 07918170015 Soggetta ad attività di direzione e coordinamento

Dettagli

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA DI CESENA 11/05/2009 11/11/2011 TF

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI TASSO FISSO 3,50% 20/09/2011-20/09/2013 54ª DI MASSIMI 15.000.000,00 ISIN IT0004761448

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI TASSO FISSO 3,50% 20/09/2011-20/09/2013 54ª DI MASSIMI 15.000.000,00 ISIN IT0004761448 CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI TASSO FISSO Banca Popolare del Lazio 3,50% 20/09/2011-20/09/2013 54ª DI MASSIMI 15.000.000,00 ISIN IT0004761448 Le presenti

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BCC

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO SOCIETA COOPERATIVA Sede sociale in Via Matteotti 11, 35044 Montagnana (Padova) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5411, all Albo delle Società Cooperative

Dettagli

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CODICE ISIN IT0004471485 DENOMINATO Banca Popolare Pugliese s.c.p.a. 2009/2013 Tasso Fisso 2,50 Serie 257

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CODICE ISIN IT0004471485 DENOMINATO Banca Popolare Pugliese s.c.p.a. 2009/2013 Tasso Fisso 2,50 Serie 257 Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI 05262.1 Sede Legale: 73052 Parabita (Le) Via Provinciale per Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: 73046 Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO ZERO COUPON BCC

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

WM CAPITAL S.p.A. PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

WM CAPITAL S.p.A. PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING WM CAPITAL S.p.A. PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING 1. Premessa La presente procedura (la Procedura ) riguarda le operazioni sul capitale di WM Capital S.p.A. (la Società o l Emittente ) e/o del

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana Credito Cooperativo Tasso Fisso

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana Credito Cooperativo Tasso Fisso MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Banca Centropadana Credito Cooperativo in qualità di Emittente e di Responsabile del collocamento CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso Banca di Anghiari

Dettagli

Regolamento per la raccolta, trasmissione e negoziazione. tramite l Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane. delle azioni ordinarie

Regolamento per la raccolta, trasmissione e negoziazione. tramite l Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane. delle azioni ordinarie Regolamento per la raccolta, trasmissione e negoziazione tramite l Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane delle azioni ordinarie della Banca di Credito Popolare S.C.p.A. Adottato dal Consiglio

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO Collocatore Pagina 1 di 12 A) SCHEDA IDENTIFICATIVA funzionamento. Denominazione, tipologia e durata del

Dettagli

Banca della Bergamasca CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO

Banca della Bergamasca CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BANCA DELLA BERGAMASCA

Dettagli

Politica per la Negoziazione di prodotti finanziari

Politica per la Negoziazione di prodotti finanziari Politica per la Negoziazione di prodotti finanziari (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative per l applicazione delle misure Consob di livello 3 in tema di prodotti finanziari illiquidi del

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato BANCA DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE BANCA delle MARCHE SPA TV ASTA BOT A 6

Dettagli

Condizioni Definitive al Prospetto di Base periodo 2006/2007 Obbligazioni Zero Coupon

Condizioni Definitive al Prospetto di Base periodo 2006/2007 Obbligazioni Zero Coupon Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI 05262.1 Sede Legale: 73052 Parabita (Le) Via Provinciale per Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: 73046 Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo del Chianti Fiorentino

Banca di Credito Cooperativo del Chianti Fiorentino Banca di Credito Cooperativo del Chianti Fiorentino in qualità di Emittente Società Cooperativa con sede legale in piazza Arti e Mestieri, San Casciano Val di Pesa Firenze iscritta all Albo delle Banche

Dettagli

II SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

II SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007 soggetta a direzione e coordinamento di ICCREA HOLDING

Dettagli

BANCA CREMASCA. Credito Cooperativo Soc. Coop.

BANCA CREMASCA. Credito Cooperativo Soc. Coop. BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Soc. Coop. POLICY DI PRICING E REGOLE INTERNE PER LA NEGOZIAZIONE/EMISSIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DELLA BANCA (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 2 agosto 2011 Data di entrata in vigore: 8 agosto 2011 Aggiornamento del

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Introduzione Lo scopo di questo documento è fornire informazioni sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini di Mediobanca - Banca di Credito

Dettagli

Sedi di esecuzione per tipologia di strumento finanziario, canale di vendita filiale. Edizione Dicembre 2012

Sedi di esecuzione per tipologia di strumento finanziario, canale di vendita filiale. Edizione Dicembre 2012 Sedi di esecuzione per tipologia di strumento finanziario, canale di vendita filiale Edizione Dicembre 2012 DETTAGLIO DELLE VENUES E DEGLI INTERMEDIARI PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA ORDINI E NEGOZIAZIONE

Dettagli

Politica di Pricing per la Emissione e Negoziazione dei Prestiti Obbligazionari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo di Carate Brianza

Politica di Pricing per la Emissione e Negoziazione dei Prestiti Obbligazionari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo di Carate Brianza Politica di Pricing per la Emissione e Negoziazione dei Prestiti Obbligazionari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo di Carate Brianza (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative per l applicazione

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA SEZIONE 4 Società per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA

Dettagli

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso BANCO DI SARDEGNA S.P.A. Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale al 31 dicembre 2007 euro 155.247.762,00 i.v. Cod.

Dettagli

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP Banca Popolare del Lazio Step Up 11/12/2012-2015 59a DI 20.000.000,00 ISIN IT0004873235 Le presenti Condizioni

Dettagli

MASSIMI 24/05/2011-24/05/2014 20.000.000.00 ISIN IT0004720865

MASSIMI 24/05/2011-24/05/2014 20.000.000.00 ISIN IT0004720865 CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP Banca Popolare del Lazio Step Up 24/05/2011-24/05/2014 50a DI MASSIMI 20.000.000.00 ISIN IT0004720865 Le presenti

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana Credito Cooperativo Step Up / Step Up Amotizing

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana Credito Cooperativo Step Up / Step Up Amotizing MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Banca Centropadana Credito Cooperativo in qualità di Emittente e di Responsabile del collocamento CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana

Dettagli

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE in qualità di Emittente Sede legale in Cantù, Corso Unità d Italia 11 Iscritta all Albo delle Banche al n. 719 (Cod. ABI 08430), all Albo delle Cooperative al n. A165516, al Registro delle Imprese di Como

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA (08 giugno 2010) La Markets in Financial Instruments

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 11/03/2014 Premessa La presente policy viene redatta sulla base di quanto disposto dalla comunicazione

Dettagli

Diritti di Opzione Aumento di Capitale Banca Prospetto Informativo Regolamento Biverbanca

Diritti di Opzione Aumento di Capitale Banca Prospetto Informativo Regolamento Biverbanca REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MEDIAZIONE DIRITTI DI OPZIONE DERIVANTI DALL AUMENTO DI CAPITALE DI BANCA C.R. ASTI SPA (art. 1 comma 5, lett. e) e comma 5 sexies del D.Lgs. n. 58/98) 1. Oggetto del Regolamento

Dettagli

30 APRILE 2010 (Prima convocazione)

30 APRILE 2010 (Prima convocazione) CARRARO S.p.A. Sede legale in Campodarsego (PD) Via Olmo n. 37 Capitale Sociale Euro 23.914.696 i.v. Codice fiscale, Partita IVA e iscrizione Registro Imprese di Padova n. 00202040283 REA di Padova 84033

Dettagli

Banca della Bergamasca CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO STEP UP/STEP DOWN

Banca della Bergamasca CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO STEP UP/STEP DOWN Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO STEP UP/STEP DOWN BANCA DELLA

Dettagli

ISTRUZIONI SERVIZIO DI REGOLAMENTO ESTERO

ISTRUZIONI SERVIZIO DI REGOLAMENTO ESTERO ISTRUZIONI SERVIZIO DI REGOLAMENTO ESTERO A P R I L E 2 0 1 0 I N D I C E 1 PREMESSA...4 2 SCHEMA OPERATIVO SERVIZIO DI REGOLAMENTO ESTERO (CONTRO PAGAMENTO)...5 3 CARATTERISTICHE GENERALI DEL SERVIZIO...6

Dettagli

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente 1. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente CASSA CENTRALE RAIFFEISEN DELL ALTO ADIGE S.p.A. con sede legale in 39100 Bolzano, via Laurin 1

Dettagli

PROSPETTO BASE. CONDIZIONI DEFINITIVE relative al programma di prestiti obbligazionari denominato

PROSPETTO BASE. CONDIZIONI DEFINITIVE relative al programma di prestiti obbligazionari denominato CASSA RURALE DI TRENTO - Banca di Credito Cooperativo - Società Cooperativa con sede legale in Trento, via Belenzani 6. Iscritta all albo delle banche tenuto dalla Banca d'italia al n. 2987.6; al Registro

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO VARIABILE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA ALPI MARITTIME CREDITO COOPERATIVO CARRU S.C.P.A. in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO Banca Alpi Marittime Credito Cooperativo Carrù S.c.p.a.

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo del Veneziano Società Cooperativa

Banca di Credito Cooperativo del Veneziano Società Cooperativa Banca di Credito Cooperativo del Veneziano Società Cooperativa Sede legale: via Villa 147 30010 Bojon di Campolongo Maggiore (VE), Sede amministrativa: riviera Matteotti 14 30034 Mira (VE) Codice ABI 08407

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO Per l offerta relativa al programma di emissione denominato ROVIGOBANCA - TASSO FISSO IT0004750425 RovigoBanca 01/08/2015 TF 3,60% Le presenti Condizioni Definitive sono

Dettagli

Autorizzazione all acquisto di azioni proprie e al compimento di atti di disposizione sulle medesime.

Autorizzazione all acquisto di azioni proprie e al compimento di atti di disposizione sulle medesime. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ELICA S.P.A. RELATIVA ALLA PROPOSTA DI AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI REDATTA

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE Emittente Rating Emittente Denominazione delle Obbligazioni Codice ISIN Grado di Subordinazione del Prestito Autorizzazione all emissione Ammontare totale del prestito Valore Nominale e Taglio Minimo Periodo

Dettagli

Banca Monteriggioni Credito Cooperativo Soc. Coop.

Banca Monteriggioni Credito Cooperativo Soc. Coop. Banca Monteriggioni Credito Cooperativo Soc. Coop. in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA MONTERIGGIONI CREDITO COOPERATIVO SOC. COOP. STEP UP BANCA

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

COMUNICAZIONE TECNICA N. 1

COMUNICAZIONE TECNICA N. 1 COMUNICAZIONE TECNICA N. 1 Data: 21/07/2014 Ora: 00.01 Oggetto: Comunicazioni in materia di compensazione, garanzia e liquidazione La presente Comunicazione Tecnica contiene indicazioni in merito: 1) alla

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO Sede sociale e Direzione Generale: Imola, Via Emilia n. 196 Capitale Sociale 7.668.082,80 Euro

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA ALPI MARITTIME CREDITO COOPERATIVO CARRU S.C.P.A. in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO Banca Alpi Marittime Credito Cooperativo Carrù S.c.p.a.

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.P.A. 2009-2011 TASSO VARIABILE INDICIZZATO AL RENDIMENTO DEL BOT IN ASTA ISIN IT0004506207

BANCO DI SARDEGNA S.P.A. 2009-2011 TASSO VARIABILE INDICIZZATO AL RENDIMENTO DEL BOT IN ASTA ISIN IT0004506207 BANCO DI SARDEGNA S.P.A. Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale al 31 dicembre 2007 euro 155.247.762,00 i.v. Cod.

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

BTP ITALIA: Emissione Aprile 2014

BTP ITALIA: Emissione Aprile 2014 BTP ITALIA: Emissione Aprile 2014 Nota tecnica per gli intermediari, gli operatori di mercato e tutti i soggetti preposti allo svolgimento delle fasi di distribuzione BTP Italia: Emissione Aprile 2014

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. "BANCA DI SASSARI S.p.a. OBBLIGAZIONI STEP UP" ISIN IT0004680358

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. BANCA DI SASSARI S.p.a. OBBLIGAZIONI STEP UP ISIN IT0004680358 APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA DI SASSARI S.p.a. OBBLIGAZIONI STEP UP" ISIN IT0004680358 Le presenti Condizioni Definitive

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. "BANCA DI SASSARI S.p.a. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO " ISIN IT0004618051

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. BANCA DI SASSARI S.p.a. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO  ISIN IT0004618051 APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA DI SASSARI S.p.a. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO " ISIN IT0004618051 Le presenti Condizioni

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

- CASSA DI RISPARMIO DI LORETO S.P.A. OBBLIGAZIONI ZERO COUPON

- CASSA DI RISPARMIO DI LORETO S.P.A. OBBLIGAZIONI ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato CARILO - CASSA DI RISPARMIO DI LORETO S.P.A. OBBLIGAZIONI ZERO

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. Banca di Credito Cooperativo OROBICA di Bariano e Cologno al Serio.

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. Banca di Credito Cooperativo OROBICA di Bariano e Cologno al Serio. Banca di Credito Cooperativo OROBICA di Bariano e Cologno al Serio CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Credito Cooperativo OROBICA di Bariano e Cologno al Serio Tasso Fisso

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente REGOLAMENTO DI EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO 2007/2009 TF 4,5% 106^ EMISSIONE

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA in qualità di Emittente

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA in qualità di Emittente MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al Prospetto di base sul Programma di emissione

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al Prospetto di base sul Programma di emissione Società per Azioni Sede Legale in Aprilia (LT), Piazza Roma, snc Iscrizione al Registro delle Imprese di Latina e Codice Fiscale/Partita Iva n.00089400592 Capitale sociale al 31 dicembre 2007 Euro 6.671.440

Dettagli

Sesta Emissione - Scheda informativa

Sesta Emissione - Scheda informativa BTP Italia Sesta Emissione - Scheda informativa Emittente Rating Emittente Annuncio dell emissione Tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito Modalità di collocamento sul MOT Quotazione Taglio minimo

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI Edizione Luglio 2013 Il presente documento rappresenta la sintesi delle attività svolte

Dettagli

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA Classification Policy PREMESSA, FONTI NORMATIVE ED OBIETTIVO DEL DOCUMENTO... 3 1. DEFINIZIONI... 3 1.1. CLIENTI PROFESSIONALI...

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Strategia. degli ordini

Strategia. degli ordini Strategia di Trasmissione degli ordini Edizione 05/2012 INDICE Premessa 2 Fattori e criteri di esecuzione 2 Strategia di trasmissione degli ordini 2 Trattamento di ordini disposti in particolari condizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO. "IBL BANCA S.p.A. 27/11/2014 27/11/2019 T.F. Subordinate Tier II"" Istituto Bancario del Lavoro S.p.A.

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO. IBL BANCA S.p.A. 27/11/2014 27/11/2019 T.F. Subordinate Tier II Istituto Bancario del Lavoro S.p.A. REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO "IBL BANCA S.p.A. 27/11/2014 27/11/2019 T.F. Subordinate Tier II"" Istituto Bancario del Lavoro S.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Via di Campo Marzio, 46-00186

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

CREDITO DI ROMAGNA S.p.A.

CREDITO DI ROMAGNA S.p.A. CREDITO DI ROMAGNA S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA CREDITO DI ROMAGNA OBBLIGAZIONI A STEP UP STEP DOWN CREDITO DI ROMAGNA S.p.A. STEP UP 02/02/2010 02/02/2013 SERIE 85 IT0004571151

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE 75 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 105/I0029624P.G. NELLA SEDUTA DEL 27/04/2004 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

Signori Azionisti, * * * 1) PRINCIPALI MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE.

Signori Azionisti, * * * 1) PRINCIPALI MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELL ORGANO AMMINISTRATIVO ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI CONVOCATA PER IL GIORNO 29 APRILE 2015 RELATIVA AL SETTIMO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

Modalità operative di trasmissione degli ordini

Modalità operative di trasmissione degli ordini Modalità operative di trasmissione degli ordini 18/06/2012 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Scopo 4 1.2 Riferimenti Normativi 4 1.3 Definizioni 4 2. QUALITÀ DELL ESECUZIONE 6 3. FATTORI DI ESECUZIONE 7 3.1 Eccezioni

Dettagli

Ai fini del presente Regolamento i termini in maiuscolo indicati qui di seguito hanno il seguente significato:

Ai fini del presente Regolamento i termini in maiuscolo indicati qui di seguito hanno il seguente significato: 1. Definizioni REGOLAMENTO DEI WARRANT PRIMI SUI MOTORI 2012-2015 Ai fini del presente Regolamento i termini in maiuscolo indicati qui di seguito hanno il seguente significato: AIM Italia significa il

Dettagli