Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.lazio-aerospazio.it"

Transcript

1 Distretto Tecnologico Aerospaziale del Lazio Filas S.p.A. Area Distretti e Reti aerospazio.it 0

2 I Distretti Tecnologici in Italia 1/2 Distribuiti nelle 20 regioni italiane, i Distretti Tecnologici sono stati creati grazie a un azione congiunta fra Regioni e Governo. Il loro ruolo è quello di promuovere la collaborazione fra grandi imprese, PMI e Organismi di Ricerca su progetti innovativi. La creazione di un Distretto è determinata da alcune caratteristiche di base della Regione. Il Miur valuta la situazione del territorio, la fattibilità, la potenzialità del progetto e la capacità di attrarre investimenti. È necessaria la presenza sul territorio di università e centri di ricerca autorevoli, di una diffusa imprenditorialità e di risorse umane altamente qualificate. Una struttura di governance ha il ruolo di collettore fra le attività dei centri di ricerca e le attività delle imprese su progetti altamente tecnologici in grado di avere ricadute positive sul mercato. Fonte: 1

3 I Distretti Tecnologici in Italia 2/2 I Distretti Tecnologici (Distretti High-Tech) rappresentano il nuovo modello per lo sviluppo e la competitività dei sistemi industriali territoriali riconosciuti su scala istituzionale, europea e nazionale I Distretti Tecnologici nascono da un azione congiunta fra Regioni e Governo con il fine di promuovere la collaborazione fra grandi e piccole/medie imprese e gli Organismi di Ricerca su progetti innovativi Un Distretto è riconosciuto e finanziato dal MIUR a seguito di una richiesta della Regione e della presentazione di uno studio di fattibilità Elementi di valutazione: situazione del territorio, potenzialità del progetto (capacità di generare indotto, la fattibilità economico-finanziaria) e la capacità di attrarre investimenti Centri di ricerca Governance Grandi Imprese Distretto Tecnologico Filiera produttiva Sistema finanziario Eccellenza in campo scientifico -tecnologico Università 2

4 Distretto Tecnologico Aerospaziale del Lazio Nel 2004 firmato l Accordo di Programma Quadro (APQ) tra Regione Lazio e MIUR per la costituzione del Distretto Tecnologico Aerospaziale del Lazio con stanziamento previsto di Euro 62 M nel periodo Filas incaricata dalla Regione Lazio di coordinare i lavori del Distretto Fatturato campione di 230 imprese DTA Lazio Euro Miliardi 3,879 4,221 CAGR ,4% 4,357 4,909 Grandi Imprese PMI 5,166 Oltre a ca. 250 Imprese (ca. 30,000 addetti), Il DTA comprende: 5 Università (La Sapienza, Tor Vergata, RomaTre, Cassino, Viterbo) 10 Enti/Centri di ricerca (ASI, CNR, CSM, ENEA, ) 4 Facoltà di Ingegneria, 12 Dipartimenti e 30 programmi di formazione superiore N. Addetti Totale DTA Migliaia 19,6 21,3 22,5 24,3 24,3 3,000 tra professori universitari, ricercatori e altri specialisti 3

5 Performance del DTA nel periodo dell Accordo di Programma Quadro (APQ tra Regione, MIUR, MEF) Tasso di crescita fatturato DTA Lazio* vs. valore aggiunto industria Lazio e Italia % Nel triennio , il DTA Lazio è cresciuto di ca. il 9% medio annuo vs. ca. 4% del settore aerospaziale a livello nazionale (fonte AIAD) Il settore aerospaziale genera circa il 30% del prodotto industriale del Lazio Aerospazio Lazio Industria Lazio Industria Italia Pur con il rallentamento del 2008, il settore aerospaziale del Lazio mostra tassi di crescita superiori al comparto Industria regionale ed italiano totale negli ultimi tre anni * Per il settore aerospaziale del Lazio sono stati utilizzati i dati di fatturato in quanto i dati di valore aggiunto disponibili si riferiscono ad un campione più limitato Fonte: ISTAT; Banca d Italia 4

6 Modello di implementazione del DTA: 5 aree di presidio Erogazione di fondi pubblici (ed attrazione di fondi privati) alle imprese per attività di R&S 1.Gestione dei dei finanziamenti per R&S Servizi professionali e partenariati in laboratori di R&S, piattaforme di collaborazione a vantaggio della community 4.Servizi a valore aggiunto, laboratori e piattaforme abilitanti 5.Supporto allo allo sviluppo della domanda Brokeraggio per Public Procurement, partenariati Domanda Offerta di tecnologia delle PMI del Lazio 2.Trasf.Tec. ee collaborazione tra organismi di ricerca e aziende Sviluppo di accordi e incentivazione alla collaborazione tra imprese e organismi di ricerca per programmi di R&S e trasferimento tecnologico 3.Startup Start-up and expansion capital Offerta di finanziamenti e servizi volti alla creazione (start-up financing) e/o alla crescita di imprese (capitale di rischio per expansion capital) 5

7 Modello di gestione del DTA dettaglio Gestione dei finanziamenti per R&S Gestione dei finanziamenti per R&S Servizi a valore aggiunto, laboratori e piattaforme abilitanti Supporto allo sviluppo della domanda Trasf Tec e Collaborazione tra istituti di ricerca e aziende Start-up and expansion capital Obiettivo: Erogazione di fondi pubblici (ed attrazione di fondi privati) a imprese per attività di R&S con procedura bando selettivo

8 Gestione Finanziamenti per R&S attività svolte 1 Bando DTA 2005 MUR (bando chiuso) Primo bando di nel 2005 per la ricerca industriale e formazione nel settore aerospaziale. Beneficiari: GI, PMI, Organismi di Ricerca Risultati: :35 domande pervenute per un valore complessivo di circa 99 M. Avviati 9 progetti di R&S Progetti innovativi (ex lege 23) destinati a PMI (bando chiuso) Risultati: 8 progetti in de minimis per studi di fattibilità e business planning nell aerospazio Fondo ricerca scientifica - art. 41.c LR 09/05 (bando per Progetti di Ricerca e Assegni di ricerca destinati a PMI) Risultati: 165 domande per assegni e 243 domande per progetti pervenute per 5M (n.b. non solo aerospazio). Avviati 3 progetti di R&S nell aerospazio per

9 Gestione Finanziamenti per R&S attività da svolgere Secondo bando del MUR per 14,69 M Lancio del secondo bando MIUR per il DTA Lazio per il finanziamento di progetti di ricerca industriale e formazione con focus ai due macro trend tecnologici del DTA. Destinatari: Imprese, Università, Centri di Ricerca, Parchi Scientifici, Consorzi e Società Consortili In attesa di finalizzazione da parte del MIUR per la pubblicazione del bando POR FESR art. 1.I In linea con il Piano Stratgeico Regionale presentato dalla IX legislatura si prevede la costituzione, ampliamento e funzionamento sul territorio regionale di progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, al fine di promuovere un approccio integrato atto a sviluppare forti sinergie tra sistema della ricerca e mondo produttivo e ad agevolare i processi di trasferimento tecnologico

10 Modello di gestione del DTA dettaglio Trasferimento Tecnologico e collaborazione tra organismi di ricerca ed imprese Gestione dei finanziamenti per R&S Servizi a valore aggiunto, laboratori e piattaforme abilitanti Supporto allo sviluppo della domanda Trasf Tec e Collaborazione tra istituti di ricerca e aziende Start-up and expansion capital Obiettivo: Sviluppo di accordi e incentivazione alla collaborazione tra imprese e organismi di ricerca per programmi di R&S e trasferimento tecnologico

11 Trasferimento Tecnologico e Collaborazione tra organismi di ricerca ed imprese attività svolte Fondo per lo sviluppo economico, ricerca e innov. - Art. 182 c4 LR 04/06 Risultati: Stipulate Convenzioni tra Atenei e Regione Lazio per riqualificazione di laboratori di ricerca (24M non solo aerospazio). Stipula di 5 Accordi tra PST e Regione Lazio per programmi di incentivazione dell innovazione e trasf tec (21M non solo aerospazio) Bando Marchio e Premio Innovalazio (concorso a premio annuale destinato a PMI) Marchio e Premio ( ) per le 3 imprese più innovative dell anno (per prodotto, processo e modello di sviluppo business) Risultati: 18 marchi assegnati e due premi per ad imprese aerospazio PITT Trasferimento tecnologico (strumento a sportello destinato a PMI) fino a per progetti di trasferimento di nuove tecnologie e know-how da centri di ricerca e università a PMI Risultati: 12 cantieri di trasferimento conclusi TECHNOLOGY COOPERATION AGREEMENT Technology adaptation Company Technology Need identification YES No Company visit Technology Need assessment YES Identification of solutions No

12 Collaborazione tra Enti di ricerca ed imprese: Trasferimento Tecnologico PITT Trasferimento tecnologico (strumento a sportello attualmente chiuso) fino a per progetti di trasf. di nuove tecnologie e know-how da centri di ricerca e università a imprese regionali Risultati: 12 cantieri di trasferimento conclusi PITT Ragione Sociale Titolo progetto Attività impresa J&S Srl ETS 06 - Sviluppo di un sistema di Automazione Industriale allenamento all'espulsione da aviogetto militare Optikon 2000 SpA Termometro a film sottile fabbricato su accessorio per chirurgia oftalmica Sviluppati con tecnologie di deposizione metallica a film sottile SDS srl (Systems Development & Support) Deep Blue srl Progettazione e realizzazione di una antenna piana a doppia polarizzazione circolare Sistemi multi-agente per la risoluzione di conflitti in uno spazio aereo di tipo Free Flight IFEX Italia srl Firecopter - Sistema di spegnimento incendi montato su elicottero Controllore di volo, puntamento e nuovi materiali per aumentare il pay_load utile Tecno Drive srl Sviluppo di un sollevatore innovativo di derivazione aeronautica da destinare all'adattamento di Vetture per disabili CML snc Rete di sensori intelligenti per impieghi Applicazioni SAR in rete locale aeroportuali Duel Spa Dotto "Servizi Avanzati per il turismo" Produzioni ed elaborazioni di informazione real time da localizzazione GPS AETEA snc Sanitari a scomparsa Totale Materiali compositi Techniteia Advanced Sviluppo di software di compressione e di Elaborazione info e sviluppo Paradigms srl ricerca per database di immagini SW per settore aerospaziale, fornitore NASA Blue Magic srl Microturbina Idraulica Impiego di materiali compositi strutturali Kosmotras Sistema di lancio spaziale "Dner-Space tug" per il lancio di payloads Studio di fattibilità

13 Modello di gestione del DTA dettaglio Sviluppo di impresa start up & expansion capital Gestione dei finanziamenti per R&S Servizi a valore aggiunto, laboratori e piattaforme abilitanti Supporto allo sviluppo della domanda Trasf Tec e Collaborazione tra istituti di ricerca e aziende Start-up and expansion capital Obiettivo: Offerta di finanziamenti e servizi volti alla creazione (start-up financing) e/o alla crescita di imprese (capitale di rischio per expansion capital)

14 Sviluppo di impresa (Start up & Expansion Capital) attività svolte Capitale di rischio Filas Attraverso interventi nel capitale di rischio, Filas supporta sia la nascita di nuove imprese (start up financing) sia lo sviluppo di PMI (expansion capital) che vogliano realizzare attività ad alto contenuto tecnologico ed innovativo ovvero avviare progetti di rinnovamento e miglioramento tecnologico di processo e/o di prodotto/servizio di notevole entità. (strumento a sportello attivo) Business Lab Filas (strumento a sportello) è un Laboratorio per la creazione d'impresa a partire da idee innovative generate da Università, Centri di ricerca e aziende. Attraverso un sistema operativo e un percorso agevolato per fare business si propone di aumentare e qualificare il tasso di natalità e successo delle imprese innovative e generare occupazione e nuove opportunità di sviluppo tecnologico. Risultati: 9 start-up nel settore Aerospazio dal 2004 (tasso di successo del 42%) feasibility studies Research results Research Centres Project proposal Evaluation NO YES Selection business/management training market analysis IP protection Business plan Business laboratory Start - up

15 Sviluppo di impresa (Business Lab) attività svolte Business Lab Filas (strumento a sportello) Business lab finanzia studi di fattibilità e business planning per il trasferimento sul mercato di tecnologie innovative. Opera in forte sinergia con gli incubatori del Lazio: E2bLab Tor vergata, Sapienza Innovazione, ILO Roma 3, Bic Lazio, ESA-Esrin Frascati incubation centre Risultati: 9 start-up nel settore Aerospazio dal 2004 (tasso di successo del 42%). Gruppo Acme Solutions Tema sviluppo di un SW per il workflow management Sensactional Tech ing mecc Tor Vergata Aerosekur PICSAT- Ing. Aerosp.Sapienza Hypersat Telerilevamento IUSM DMA Ing-Sapienza - sistema di criorefrigerazione Produzione di una strumentazione criogenica e sotto vuoto per micromisure su chip sviluppo di un nuovo paracadute sviluppo di microsatelliti Svilupppo di piattaforme aerospaziali dedicate al monitoraggio di catastrofi ambientali Produzione di geoinformazione da dati di telerilevamento satellitare DI VCM - dispositivo indossabile per misurazione capacità motoria Produzione di un apparato per criorefrigerazione

16 Modello di gestione del DTA dettaglio Servizi a valore aggiunto, laboratori e piattaforme abilitanti Gestione dei finanziamenti per R&S Servizi a valore aggiunto e partnership in laboratori e piatt. abilitanti Supporto allo sviluppo della domanda Trasf Tec e Collaborazione tra istituti di ricerca e aziende Start-up and expansion capital Obiettivo: Servizi professionali e partenariati in laboratori di ricerca e piattaforme di collaborazione a vantaggio della community (e.g. osservatori tecnologici e di mercato, laboratori come il Galileo Test Range, Lazio Connect, portale DTA, Lazio-side e webinar ) 15

17 Servizi a valore aggiunto, laboratori e piattaforme abilitanti (1/2) attività svolte Laboratori di Ricerca Progetto Galileo Test Range Il GTR rappresenta un fondamentale strumento per lo sviluppo e la valorizzazione delle forti competenze (industria, ricerca, università) presenti nell'area laziale nel campo della navigazione satellitare, che coinvolgerà anche altri enti tra cui ASI e ENAV Risultati : collaudo positivo del primo stadio dell infrastruttura di Fase A del GTR. Siglata Convenzione ASI-Regione Lazio per avvio Fase B, per l up-grading dell infrastruttura e sperimentazioni presso il Laboratorio GTR di imprese e centri R&S Missione Soyouz- ENEIDE Risultati: frutto di una joint venture con ESA, ASI, Finmeccanica e Regione Lazio. Effettuate 17 sperimentazioni di progetti di ricerca sulla Stazione Spaziale Internazionale 16

18 Servizi a valore aggiunto, laboratori e piattaforme abilitanti (2/2) strumenti e progetti a supporto del DTA Al fine di accelerare i processi di aggregazione e/o collaborazione nel Sistema Industriale e della Ricerca del Lazio sono stati sviluppati 2 strumenti collegati e sinergici: 1. (nuova versione del portale on line) Il portale degli operatori (imprese ed enti di ricerca) del DTA Lazio con strumenti interattivi di informazione e collaborazione ed il database per la mappatura e la promozione delle competenze merceologiche e tecnologiche 2. (principali imprese ed enti di ricerca del DTA: 44 Soci nella Community) La piattaforma tecnico-giuridica della rete collaborativa rivolta agli operatori del DTA con esplicita vocazione alla promozione del collaborative enterprising Inoltre, con l obiettivo di favorire l incontro tra Domanda e Offerta di applicazioni nel contesto dei servizi a valore aggiunto per le Pubbliche Amministrazioni, è in corso il progetto Space2Land Public Procurement di applicazioni spaziali mirato allo sviluppo di sinergie tra Domanda Offerta Centri di Ricerca per la realizzazione di progetti collaborativi ed integrati basati sull utilizzo di applicazioni spaziali avanzate (navigazione satellitare, osservazione della terra, telecomunicazioni) il Progetto è dettagliato nella sezione successiva dedicata al Supporto allo sviluppo della domanda

19 Strumenti e progetti a supporto del DTA (1/3) Il portale del DTA - Rinnovato ed ulteriormente sviluppato da Filas, a partire da un applicazione prototipale progettata insieme con Confindustria Lazio e Univ. La Sapienza, con l obiettivo di mettere "in rete" le imprese e gli Organismi di Ricerca e permettere loro di accedere, nella successiva fase di sviluppo del progetto, ad una serie di iniziative a sostegno dell'innovazione correlata alle filiere produttive del DTA Un punto di accesso per promuovere il DTA a livello nazionale ed internazionale. Lo sviluppo di è il primo passo per fornire al mercato nazionale e internazionale, da un lato, la visibilità del sistema DTA nel suo complesso e, dall'altro, la mappatura delle competenze merceologiche e tecnologiche dei singoli attori del DTA Un nuovo e sempre aggiornato punto di osservazione per identificare le eccellenze del DTA, per valutare le opportunità di sviluppo del settore nel contesto dei programmi regionali, nazionali ed europei (VII PQ della Ricerca della UE) nonché le opportunità di cooperazione a livello mondiale

20 Strumenti e progetti a supporto del DTA (2/3) DTA/Filas Informazioni istituzionali e link per servizi di supporto Filas Progetti Descrizione e accesso ai principali progetti/strumenti di supporto sviluppati da Filas, tra cui: DTAwebDB, Lazio CONNECT, Space2Land, Tech Exchange, Business Lab, Training, Sidereus Communications Comunicazioni rilevanti per il settore (Focus) Bandi e Concorsi nazionali ed internazionali (Call) News Ultime notizie continuamente aggiornate da ASI ed ESA Eventi Informazione e link ai principali eventi nazionali ed internazionali del settore Contatti Contatti dei responsabili Filas per le varie aree di competenza (direzione, commerciale, amministrazione, ) 19

21 Strumenti e progetti a supporto del DTA (3/3) I 44 Soci comprendono 8 GI (Agusta Westland, Engineering, Northrop Grumman, Rheinmetall, Selex Gaileo, Selex S.I., Telespazio, Thales Alenia), 25 PMI e 11 Dipartimenti 20 di Università/Centri di Ricerca

22 Piattaforme collaborative (3/3) Lazio_Connect Costituisce lo strumento del collaborative enterprising nel settore aerospazio (associazione costituita nel 2009 come strumento tecnico-giuridico tra Imprese, Consorzi Industriali, Parchi Tecnologici, Università ed Organismi di Ricerca, nel settore aerospaziale), avente l obiettivo di: - Supportare i processi di collaborazione e/o aggregazione tra grandi imprese e PMI - supportare il sistema della ricerca nella compagine industriale laziale - generare business addizionale Operativamente, promuove alleanze in un integrato network tra aziende, istituzioni e centri di ricerca, legalmente indipendenti, che si uniscono in task-force temporanee per svolgere un dato progetto condividendo competenze e risorse L associazione ad oggi conta 43 soci tra i principali operatori nazionali del settore 21

23 Strumenti e progetti a supporto del DTA (3/3) DTAwebDB (http://www.lazio-aerospazio.it/web/guest/dta) Sezione del portale DTA dedicata alla mappatura delle competenze merceologiche e tecnologiche del settore nel Lazio (attualmente operativa in versione β, ulteriore sviluppo in corso) Funzionalità di ricerca di: Aziende o Organismi di ricerca Prodotti o servizi Progetti o programmi di ricerca

24 Modello di gestione del DTA dettaglio Supporto allo sviluppo della domanda e promozione in ambito nazionale ed internazionale del DTA Gestione dei finanziamenti per R&S Servizi a valore aggiunto, laboratori e piattaforme abilitanti Supporto allo sviluppo della domanda Trasf Tec e Collaborazione tra istituti di ricerca e aziende Start-up and expansion capital Obiettivo: Facilitazione e brokeraggio per public procurement e partenariati Domanda-Offerta di tecnologia delle aziende del Lazio e promozione in ambito nazionale ed internazionale 23

25 Sviluppo della Domanda Space2Land Razionale Modello tradizionale technology push non sempre efficace Domanda Pubblica/ bisogni latenti Difficoltà delle PMI a stimolare domanda e a partecipare al Public Procurement Implicazioni Avvicinare la domanda pubblica all innovazione e creare opportunità di mercato concrete attraverso l approvvigionamento pubblico (technology public procurement) Creare una domanda (azione market driven ) sufficiente a generare economie di scala e abbassare le barriere in entrata di trasferimento dei servizi satellitari sul mercato Garantire la sostenibilità degli investimenti attraverso la condivisione dei costi delle prime fasi di sviluppo (precommerciale) e dei servizi operativi, non replicare investimenti condivisibili Favorire l incontro tra Domanda ed Offerta di tecnologia nel Lazio promuovendo grandi progetti di innovazione di particolare interesse regionale derivanti da soluzioni tecnologiche innovative delle imprese e della ricerca del Lazio (GI/PMI/Enti ricerca), le cui applicazioni servano al miglioramento di specifici servizi per l utente finale/cittadino 24

26 Modello di funzionamento di Space2Land Acquisizione delle informazioni attraverso tecnologia satellitare Domanda - Ambiente Domanda - Territorio Vigili del Fuoco Dir. Reg. Protezione Civile Domanda - Mobilità Ares 118 Offerta ARPA SIRA ASTRAL ANAS Produttori di Software Fornitori di HW System Integrator Fornitori di terminali e sensori Società TLC Piattaforma con modello giuridico da definire (consorzio, società mista, ) Oggetto della fattibilità Flussi informativi Flussi finanziari ARDIS SIRDIS Consorzi di bonifica Corpo Forestale Stato Emittenti radio-tv Ufficio idrografico mareograf. 25 ARP Enti locali Aziende agricole Comagnie Assicuraz Protez. Civile Nazionale Telecom Eni Fornitori LBS ARDIS SITR Fornitori dati cartografici digitali Acea Enel ARP SISTER Lazio Uffici demaniali Cotral Infoblu Fornitori LBS Call center Polizia Roma Serv.Mob. Radio e TV Aziende trasp.priv. Atac Autostr. per l Italia Operatori turistici Cittadini Aremol Enti locali ACI - Luceverde 25

27 Supporto allo sviluppo della domanda e promozione in ambito nazionale ed internazionale Attività internazionali - attività svolte Network Europeo delle regioni utilizzatrici tecnologie spaziali ( NEREUS ) La Regione Lazio - in ambito Comitato delle Regioni - ha partecipato ai lavori per la costituzione di un network al fine di supportare lo sviluppo di applicazioni spaziali. Principali partner: Midi-Pyrénées (France), Baden-Württemberg, Bavaria, Network Distretti Aerospaziali Europei ( ENCADRE ) Coordinato dalla DG Enterprise della UE, il DTA partecipa al network finalizzato alla collaborazione (MOU) tra distretti aerospaziali europei. Principali Partners: Cluster Stuttgart (Germany), Cluster Prague (Czech Rep.), Cluster Baviera (Germany), Rapporti sistematici con cluster manager internazionali Filas in collaborazione con le associazioni di categoria ha contatti sistematici con cluster manager di distretti aerospaziali internazionali: Tolosa, Sophia Antipolis, Baviera, Hertfordshire, Paesi Baschi, Olanda, Benelux, Canada, Abu Dhabi, Marocco, Messico, Cina, India e Singapore Progetto Sidereus con CINA (Progetto Commissione Europea-Programma Asia Invest) Filas è project coordinator per un business match-making tra aziende del DTA del Lazio e aziende cinesi, indiane e malesiane. Organizzato evento di avvio a Pechino nel novembre 2008 Progetto COIN (Collaboration and Interoperability in Networked Enterprises) per sperimentare servizi innovativi di collaborazione in scenari industriali realistici nel settore aerospaziale DG INFSO Missione Soyouz- ENEIDE frutto di una joint venture con ESA, ASI, Finmeccanica e Regione Lazio. Effettuate 17 sperimentazioni di progetti di ricerca sulla Stazione Spaziale Internazionale Supporto trasversale al Sistema Industriale del DTA nel partecipare a bandi VII PQ, ASI, MSE e Industria

28 Supporto allo sviluppo della domanda e promozione in ambito nazionale ed internazionale Progetto SIDEREUS Ha preso il via a Pechino dal 26 al 28 novembre 2008 l evento organizzato dalla Filas e finanziato dalla UE per promuovere la cooperazione internazionale nel comparto aerospaziale circa 60 le imprese europee provenienti da Italia, Spagna, Germania e Gran Bretagna, per l Asia da Cina, India, Singapore e Tailandia. L organizzazione ha previsto un totale di circa 1400 incontri tra imprese, 8 incontri one-to-one per ogni azienda partecipante. Le quattro nazioni europee, nell ambito del progetto, sono rappresentate dalla Regione Lazio per l Italia, dalla Baviera per la Germania, dai Paesi Baschi per la Spagna e dall Hertfordshire per la Gran Bretagna. Il progetto Sidereus ha rappresentato un opportunità unica per le PMI di entrare in contatto con le grandi aziende e i responsabili delle commesse pubbliche, soprattutto viste le caratteristiche del settore in cui prevalgono investimenti pubblici e poche grandi aziende leader di mercato. 27

29 Supporto allo sviluppo della domanda e promozione in ambito nazionale ed internazionale attività da espandere Individuazione dei più avanzati cluster internazionali Analisi competenze e prodotti di ciascun cluster Posizionamento del DTA rispetto ai benchmarks internazionali e strategia di comunicazione Toulouse Piano di attività di collaborazione da proporre a ciascun cluster con diverse tipologie di azione tra cui: - scambio di scienziati e tecnici - creazione congiunta di nuove imprese high-tech - sostegno alla partecipazione a gare e forniture internazionali per le nostre PMI - esecuzione di programmi bilaterali e multilaterali di ricerca e di trasferimento tecnologico - organizzazione di eventi di business match-making Roma Coordinamento con altre iniziative a valenza internazionale condotte da altri Enti istituzionalmente demandati alla promozione internazionale sia a livello di Governo Regionale che Nazionale (MSE, ASI, MSE/ICE, InvestItalia, IPI, Sace, Simest, Sprint Lazio) anche tramite definizione di specifici accordi 28

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento. Esempi e strumenti di attuazione. A. A Beccara I. Pilati Trento RISE

Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento. Esempi e strumenti di attuazione. A. A Beccara I. Pilati Trento RISE Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento Esempi e strumenti di attuazione A. A Beccara I. Pilati Trento RISE S3 PAT ICT Micro nano-elett. Qualità della vita Agrifood Nanotech. Fotonica

Dettagli

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma Ing. Gaetano Trotta Responsabile Unico di Progetto Nata nel 1978, è una Società di Ingegneria

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 23 aprile 2014, n. G06045 POR FESR LAZIO 2007-2013 ASSE I - Attività I.1 "Potenziamento e messa

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione L Impresa Estesa come motore dell Innovazione VOIP e RFID Andrea Costa Responsabile Marketing Clienti Enterprise 0 1. Innovazione: un circolo virtuoso per l Impresa Profondità e latitudine (l azienda approfondisce

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Con l'europa, il Lazio cambia e riparte 45 progetti per lo sviluppo, il lavoro e la coesione sociale

Con l'europa, il Lazio cambia e riparte 45 progetti per lo sviluppo, il lavoro e la coesione sociale Con l'europa, 45 progetti per lo sviluppo, il lavoro e la coesione sociale 1 2 INDICE INTRODUZIONE 6 PARTE A - Quadro unitario della programmazione delle risorse finanziarie per le politiche di sviluppo

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

PRISMA PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER SMART-GOVERNMENT. Progetto PRISMA

PRISMA PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER SMART-GOVERNMENT. Progetto PRISMA PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER SMART-GOVERNMENT PRISMA Progetto PRISMA SMART CITIES AND COMMUNITIES AND SOCIAL INNOVATION Cloud Computing per smart technologies PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA Progetto SPIN OVER Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 27 gennaio 2005 progetto Spin Over, a cura del Gruppo iella Nasini e Sandra

Dettagli

Direzione Generale dell Industria

Direzione Generale dell Industria PO R FESR 2007-2013 A sse VI C om petitività- Linee di attività 6.2.2.i) e 6.2.3.a) D eliberazione della G iunta Regionale n. 51/25 del 24.09.2008 Interventi per favorire l'innovazione del sistem a delle

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE.

COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE. COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE. Milano, 31 gennaio 2013. Il Gruppo CBT, sempre attento alle esigenze dei propri clienti

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Scheda descrittiva del progetto

Scheda descrittiva del progetto Scheda descrittiva del progetto 1. Anagrafica di progetto Titolo Banda ultralarga Acronimo (se esiste) UltraNet Data Inizio Data Fine 01/09/2011 31/12/2014 Budget totale (migliaia di euro) 60,50k Responsabile

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Osservatorio Internet of Things

Osservatorio Internet of Things Osservatorio Internet of Things Internet of Things, mercato e applicazioni: quali segnali dall Italia e dal mondo? Angela Tumino, angela.tumino@polimi.it Innovation Day, 25 Settembre 2014 L Internet of

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli