Art. 1 - L.R. n D.A. 22/2009 Allegato n. 8 SCHEDA TECNICA E BUSINESS PLAN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Art. 1 - L.R. n. 23.12. 2008 - D.A. 22/2009 Allegato n. 8 SCHEDA TECNICA E BUSINESS PLAN"

Transcript

1 Art. - L.R D.A. /009 Allegato. 8 SCHEDA TECNICA E BUSINESS PLAN A CORREDO DEL MODULO PER LA DOMANDA DI AGEVOLAZIONE AI SENSI DELL ART. DELLA LEGGE REGIONALE 6 DICEMBRE 008, N. 3 E DEL P.O. FESR 007/03, Obiettivo Operativo 5..3, liee di iterveto, e 5 Numero programma di ivestimeto Bado A - DATI IMPRESA A. - Geeralità Impresa A. - Deomiazioe A. - Natura giuridica A.3 - Legale Rappresetate A.4 - Partita Iva A.5 - Codice fiscale A.6 - Dimesioe Impresa A.7 - Impresa artigiaa A.8 - Impresa agricola A.9 - Idirizzo di posta elettroica certificata per tutte le comuicazioi A - Iscrizioe Registro Imprese A. - Provicia A. - Numero A.3 - Data A3 - Sede legale A3. - Nazioe A3. - Provicia A3.3 - Città A3.4 - CAP A3.5 - Idirizzo A3.6 - Telefoo A3.7 - Fax A4 Pricipali attività svolte dall impresa (ache al di fuori dell uità locale iteressata dal presete programma) 3 A5 - Domicilio speciale al quale chiede che vagao trasmesse le evetuali comuicazioi postali riguardati il presete programma di ivestimeti A5. - Nazioe A5. - Provicia A5.3 - Città A5.4 - CAP A5.5 - Idirizzo A5.6 - Telefoo A5.7 - Fax

2 A5.8 - Presso A6 - Estremi Atto Costitutivo A6. - Data atto A6. - Numero di repertorio otaio A6.3 - Numero di registrazioe A6.4 - Durata A7 - Titolari di cariche o qualifiche ei cofroti dei quali è prevista l apposita certificazioe dalla vigete ormativa atimafia Luogo di ascita Cogome Nome Nazioe Provicia Città Data di ascita Qualifica A8 - Soggetti cesiti che detegoo il 5% o più del capitale o dei diritti di voto dell impresa (l idicazioe o ha alcua attieza co la determiazioe della dimesioe dell impresa) Deomiazioe/ Cogome e Nome Codice fiscale Quota di partecipazioe (%) A9 - L impresa è cotrollata, ai sesi dell art. 359 c.c., da società estera (l idicazioe o ha alcua attieza co la determiazioe della dimesioe dell impresa essa è richiesta a soli fii statistici e o è obbligatoria) A0 L icaricato dell impresa per la pratica è il Sig. A0. - Nome e Cogome A0. - Telefoo A0.3 - Fax B - DATI SUL PROGRAMMA DI INVESTIMENTO B - Dati uità locale B. - Provicia B. - Comue B.3 - CAP B.4 - Idirizzo (via, piazza, ecc.) B.5 -. civ. B.6 - Coordiate geografiche B.6. - Latitudie B.6. - Logitudie Gradi Primi Secodi B - Settore/settori di attività dell uità locale iteressati dal programma di ivestimeti (ATECO 007)... B3 - Altri dati B3. - Tipologia del programma di ivestimeti B3. - Titolo di dispoibilità dell immobile

3 B4 - Date effettive o previste relative al programma di ivestimeti B4. - Ao esercizio precedete B4. - Data avvio a realizzazioe B4.3 - Data ultimazioe B4.4 - Ao dell esercizio successivo a quello di ultimazioe B5 - Dati capacità di produzioe e produzioe effettiva B5. - Esercizio ao precedete (fare riferimeto al puto B.4.) A Prodotti pricipali B Uità di misura/ uità di tempo C Produzioe massima/ uità di tempo D N. uità di tempo effettive/ ao B5. - Esercizio successivo a quello di ultimazioe (fare riferimeto al puto B.4.4) A Prodotti pricipali B Uità di misura/ uità di tempo C Produzioe massima/ uità di tempo D N. uità di tempo effettive/ ao E Produzioe massima teorica aua E Produzioe massima teorica aua B6 - Livelli occupazioali idotti dal programma di ivestimeti. uità di cui doe B6. - Dirigeti B6. - Quadri B6.3 - Impiegati B6.4 - Operai B6.5 - Totale B7 - Dati relativi al versameto (di cui al puto 4. delle Direttive) Importo Data B8 - Spese per ivestimeti del programma (al etto dell IVA) B8. - Da realizzare mediate locazioe fiaziaria B8. - Istituto Collaboratore Tipo di spesa Descrizioe Importo Spesa Progettazioe, studi e assimilabili Piai di impresa Progettazioi Direzioe dei lavori F Produzioe effettiva aua F Produzioe effettiva aua 3

4 Studi di fattibilità VIA e simili Collaudi di legge Oeri di cocessioe Altro Suolo aziedale, sistemazioi e idagii geogostiche Acquisto Terreo Sistemazioi Idagii geogostiche Altro Immobili, opere murarie e assimilate, impiati geerali, ifrastrutture specifiche Immobili Acquisto Mautezioe straordiaria Realizzazioe Fabbricati civili per uffici e servizi sociali Impiati geerali e allacciameti alle reti estere Riscaldameto Codizioameto Idrico Elettrico Fogario Metao Aria compressa Telefoico Altri impiati geerali Altri impiati o Strade, piazzali, recizioi, ferrovie Strade Piazzali Recizioi Allacciameti ferroviari Tettoie Cabie metao, elettriche, Basameti per macchiari Altre spese sistemazioe Altre spese o dettagliate Opere varie Macchiari, impiati, attrezzature, programmi iformatici e brevetti Macchiari Impiati 4

5 Attrezzature Programmi iformatici Brevetti Bei mobili SubTotale Totale spese per ivestimeti B9 - Riepilogo spese per ivestimeti a) Progettazioe, studi e assimilabili b) Suolo aziedale, sistemazioi ed idagii geogostiche c) Immobili, opere murarie e assimilate, impiati geerali, ifrastrutture specifiche d) Macchiari, impiati, attrezzature, programmi iformatici e brevetti Totale Importo Spese B0 - Articolazioe per ao solare delle spese per ivestimeti Ao Ao Ao Ao Ao Importo Spese B - Agevolazioi richieste (sul totale delle spese per ivestimeti) B.. - Percetuale del cotributo i B.. - Fiaziameto da agevolare coto impiati (Direttive puto. co cotributo i coto iteressi lett. a) (Direttive puto. lett. b) B.3 - Fiaziameto agevolato (Direttive puto., lettera c) B Dati relativi al fiaziameto bacario (solo el caso di richiesta di cotributo i coto iteressi) B. Importo B. Numero ai di ammortameto B.3 Numero ai di preammortameto (i aggiuta a quelli di ammortameto) B.4 Tasso di iteresse cocordato/praticato B.5 N. delibera bacaria (se applicabile) B.6 - del B3 Dati relativi al fiaziameto bacario o agevolato (solo per l evetuale provvista di mezzi propri) B3. Importo B3. Numero ai di ammortameto B3.3 Numero ai di preammortameto (i aggiuta a quelli di ammortameto) B3.4 Tasso di iteresse cocordato/praticato B3.5 N. delibera bacaria (se applicabile) B.6 - del C - ULTERIORI ELEMENTI PER IL CALCOLO DEGLI INDICATORI/MAGGIORAZIONI C - Livelli occupazioali di tutte le uità locali dell impresa richiedete ubicate el territorio della regioe Sicilia Dipedeti Dirigeti Quadri A:Terzultimo ao solare B: Peultimo ao solare C: Ultimo ao solare Variazioe (C-A) % 5

6 Impiegati Operai Totale di cui doe Totale occupati equivaleti per il calcolo dell idicatore C - Icideza sul fatturato delle spese per brevetti e ricerca e sviluppo Terzultimo bilacio o dichiarazioe dei redditi Peultimo bilacio o dichiarazioe dei redditi Ultimo bilacio o dichiarazioe dei redditi A: Spese per brevetti e ricerca e sviluppo B: Fatturato Totale % Rapporto (Totale A/ Totale B) C3 - L impresa ha già aderito ad u sistema di gestioe ambietale coforme al Regolameto EMAS o al sistema di certificazioe di prodotto Ecolabel? C4 - Il presete programma di ivestimeti prevede l itroduzioe di iovazioi di processo e/o di prodotto fializzati al coteimeto delle pressioi ambietali o alla riduzioe del cosumo delle risorse o riovabili? C5 - Il programma di ivestimeti prevede l itroduzioe di tecologie che cotribuiscoo alla riduzioe di emissioi di CO o degli altri gas serra? C6 - Il presete programma di ivestimeti è riferito alla realizzazioe, all ampliameto o all ammoderameto di impiati volti alla fabbricazioe e/o all assemblaggio di macchiari impiati, apparecchiature, compoeti ed accessori per la produzioe di eergia da fote riovabile, da cogeerazioe e/o da trigeerazioe? C7 - L uità locale oggetto del programma è ubicata all itero di u area ASI o PIP? C8 - L impresa, i relazioe all uità locale oggetto del programma, rietra ell ambito di u distretto produttivo, idustriale o agricolo? C9 - L impresa è costituita prevaletemete da professori e ricercatori uiversitari, persoale di ricerca di eti pubblici e privati, dottoradi di ricerca e titolari di assegi di ricerca? C0 - L impresa ha sottoscritto o sottoscriverà, i relazioe al presete programma di ivestimeti, protocolli di collaborazioe co eti di ricerca o Uiversità? C - Qualora il programma di ivestimeti cosiste i ua rilocalizzazioe, l uità locale da rilocalizzare è ubicata all itero di u sito ambietale defiito e perimetrato? 6

7 D - DATI PATRIMONIALI, ECONOMICI E FINANZIARI D STATO PATRIMONIALE ATTIVO A B.I B.II B.III B C.I CII. CII. C.II C.III C.IV C D Totale attivo Crediti verso i soci per versameti acora dovuti Immobilizzazioi immateriali Immobilizzazioi materiali di cui acquisti i leasig relativi al programma di ivestimeti Immobilizzazioi fiaziarie Immobilizzazioi (B.I.+B.II+B.III) Rimaeze Crediti esigibili oltre l esercizio successivo Crediti esigibili etro l esercizio successivo Crediti (CII.+CII.) Attività fiaziare che o costituiscoo immobilizzazioi Dispoibilità liquide Attivo circolate (C.I+ C.II +C.III+C.IV) Ratei e riscoti Terzultimo esercizio Peultimo esercizio Ultimo esercizio Ao successivo a quello di ultimazioe PASSIVO A.I A.II-VII A.VIII A.IX A B Capitale sociale Riserve Utili (perdite) portati a uovo Utili (perdite) dell esercizio Patrimoio etto (A.I+ A.II-VII+ A.VIII+ A.IX) Fodi per rischi e oeri C Trattameto di fie rapporto di lavoro subordiato D Debiti esigibili oltre l esercizio successivo di cui debiti per leasig relativi al programma di ivestimeti D Debiti esigibili etro l esercizio successivo Debiti (D+D) E Ratei e riscoti Terzultimo esercizio Peultimo esercizio Ultimo esercizio Ao successivo a quello di ultimazioe 7

8 Totale Passivo D - Coto ecoomico A A A3 A4 A5 Ricavi vedite e prestazioi Variazioi rimaeti prodotti fiiti e semilavorati Variazioi lavori i corso su ordiazioi Icremeti immobiliari per lavori iteri Altri ricavi e oeri Terzultimo esercizio Peultimo esercizio Ultimo esercizio Ao successivo a quello di ultimazioe A B6 B7 B8 B9 B0 B B B3 B4 B Valore della produzioe (A+A+A3+A4+A5) Materie prime, sussidiarie e merci Servizi Godimeto bei di terzi Persoale Ammortameto e svalutazioi Variazioi rimaeze e materie prime e sussidi Accatoameto per rischi Altri accatoameti Oeri diversi di gestioe Costi della produzioe (B6+ B7+ B8+ B9+ B0+ B+ B+ B3+ B4) Risultato della gestioe caratteristica (A-B) C5 C6 C7 Proveti da partecipazioi Altri proveti fiaziari Iteressi e altri oeri fiaziari Proveti e oeri fiaziari (C5+C6-C7) D8 D9 Rivalutazioi Svalutazioi Rettifica valore attività fiaziarie (D8-D9) E Proveti e oeri fiaziari Risultato prima delle imposte (A-B+C+D+E) Imposte sul reddito di esercizio Utile (perdita) dell esercizio 8

9 D3 - Piao di copertura delle spese del programma di ivestimeti Fabbisogi Immobilizzazioi agevolabili co il programma d ivestimeto co esclusioe del leasig Altre immobilizzazioi o agevolabili Caoi di leasig IVA sulle immobilizzazioi del programma di ivestimeti o sui caoi di leasig Foti di copertura Totale Eccedeze foti ao precedete Mezzi propri Cotributo i c/impiati Fiaziameto bacario (per il quale è richiesto il c.c. iteressi) Fiaziameti ordiari o agevolati Altri debiti a medio e lugo termie Debiti verso foritori Cash flow (geerato dal programma di ivestimeti) Dispoibilità moetarie ette (evetuale) Totale E - BUSINESS PLAN E - L Impresa e i suoi protagoisti E. - Presetazioe dell Impresa Ao di avvio a realizzazioe Ao di avvio a realizzazioe ao 3 ao 4 ao Totale ao 3 ao 4 ao Totale E. - Ubicazioe E - Sitesi del programma proposto E. - Caratteristiche salieti del programma (descrivere ache le spese previste el programma ma o oggetto della presete richiesta di agevolazioi) E. - Presupposti e motivazioi che e soo all origie E.3 - Obiettivi produttivi e di redditività perseguiti (Descrivere quali soo gli effetti produttivi ed ecoomici attesi) 9

10 E3 - Il prodotto/servizio E.3. - Descrizioe e caratteristiche del uovo prodotto/servizio che itede realizzare e dei bisogi di mercato che si itedoo soddisfare E3. - Evetuali prodotti/servizi già realizzati dall impresa e collegameti co quelli proposti. E3.3 Elemeti ed iformazioi utili a comprovare la sussisteza delle codizioi oggettive e soggettive per l ammissibilità alle agevolazioi. E4 Il mercato di sbocco e la cocorreza E5 Descrizioe del processo di produzioe e/o delle modalità di svolgimeto dell attività E5. Descrizioe del processo produttivo attuale e/o di quello coseguete all ivestimeto proposto ed evetuali collegameti ed itegrazioi tra i due. Descrizioe dei fattori produttivi (lavoro, capitale e kow-how), dispoibili o da acquisire E5. Descrivere il mercato di approvvigioameto delle materie prime E5.3 Descrivere l orgaizzazioe del lavoro, la struttura e il dimesioameto del persoale E6 Le prestazioi ambietali DICHIARAZIONI Il sottoscritto ato a prov il i qualità di dell impresa forma giuridica co sede legale i prov., CAP cosapevole della resposabilità peale cui può adare icotro i caso di dichiarazioi medaci o di esibizioe di atto falso o coteete dati o rispodeti a verità, ai sesi e per gli effetti degli articoli 47 e 76 del DPR. 445 del 8 dicembre 000 e s.m.i. Dichiara che tutte le otizie forite ella presete Scheda Tecica e Busiess pla e ell altra documetazioe a corredo del Modulo di domada corrispodoo al vero. 0

11 Istruzioi per la compilazioe della Scheda Tecica (puto 4. delle Direttive) La Scheda Tecica, cui si riferiscoo le preseti istruzioi, deve essere utilizzata da tutte le imprese operati ei settori ammissibili alle agevolazioi. La Scheda Tecica deve essere compilata ESCLUSIVAMENTE TRAMITE PERSONAL COMPUTER, utilizzado lo specifico software predisposto dalla società Sicilia e-servizi per coto del Dipartimeto Idustria dell Assessorato regioale dell idustria. Il documeto cocerete la Scheda Tecica ed il Busiess pla deve essere sottoscritto co firma digitale e trasmesso i forma elettroica. ATTENZIONE: Qualora, per qualsiasi motivo, la Scheda Tecica dovesse essere compilata o utilizzado lo specifico software, la domada di agevolazioi SARÀ CONSIDERATA DECADUTA. A - DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A. - ATTENZIONE: idicare la sola deomiazioe seza la forma giuridica; quest ultima va idicata esclusivamete el campo A.. A.6 - Idicare la dimesioe dell impresa (piccola, media o grade) i base ai criteri di cui alla raccomadazioe 003/36/CE del 6 maggio 003 ed al Decreto del Miistro delle attività produttive 8 aprile 005. La compilazioe di tale puto è obbligatoria ed è fializzata alla determiazioe della misura agevolativa massima spettate all impresa richiedete. L impresa stessa, quidi, deve essere ecessariamete i grado di determiare correttamete la propria dimesioe secodo i criteri vigeti. Si ricorda che le gradi imprese o possoo accedere alla presete misura agevolativa. A4 - Idicare i codici ATECO 007 delle pricipali attività svolte dall impresa ache al di fuori dell uità locale iteressata dal programma di ivestimeti da agevolare. A5 Idicare il recapito presso il quale l impresa itede ricevere le evetuali comuicazioi postali da parte del Gestore Cocessioario o del Dipartimeto Idustria dell Assessorato regioale dell idustria. E possibile chiedere che tali evetuali comuicazioi postali vegao trasmesse presso u soggetto diverso dall impresa. I tal caso idicare ei campi da A5. a A5.7 i recapiti ed al campo A5.8 le geeralità di tale soggetto. A6.4 - I caso di impresa idividuale o di impresa seza scadeza, o forire alcua idicazioe. A7 - Idicare: per le imprese idividuali: il titolare; per le società di capitali ache cosortili ai sesi dell art. 65-ter c.c., per le società cooperative, di cosorzi cooperativi, per i cosorzi di cui al libro V, titolo X, capo II, sezioe II c.c.: il legale rappresetate e tutti gli altri compoeti l'orgao di ammiistrazioe, oché ciascuo dei cosorziati che ei cosorzi o elle società cosortili detega ua partecipazioe superiore al 0%, ed i soci o cosorziati per coto dei quali le società cosortili o i cosorzi operio i modo esclusivo ei cofroti della pubblica ammiistrazioe; per i cosorzi di cui all art. 60 c.c.: chi e ha la rappresetaza e gli impreditori o società cosorziate; per le società i ome collettivo: tutti i soci; per le società i accomadita semplice: i soci accomadatari; per le società di cui all art. 506 c.c.: coloro che le rappresetao stabilmete el territorio dello Stato. Per le imprese di costruzioi si deve idicare ache il direttore tecico. ATTENZIONE: tale quadro o deve essere compilato per le iiziative che comportao u agevolazioe o superiore a ,07 euro). A8 - Idicare i soggetti, comprese le persoe fisiche, che, alla data di sottoscrizioe della Scheda Tecica, detegoo il 5% o più del capitale o dei diritti di voto dell impresa che richiede le agevolazioi, riportadoe il Codice Fiscale e la quota di partecipazioe. ATTENZIONE: tale idicazioe o viee richiesta al fie di determiare la dimesioe dell impresa, besì per cosetire l idividuazioe dell evetuale richiesta di agevolazioi da parte di altre imprese faceti capo al medesimo soggetto. A9 - L art.359 del Codice Civile riguarda le società cotrollate e le società collegate. ATTENZIONE: l idicazioe riguarda esclusivamete l evetuale cotrollo da parte di ua società estera. Il citato art. 359 c.c., a proposito di società cotrollate, così recita: Soo cosiderate società cotrollate: ) le società i cui u altra società dispoe della maggioraza dei voti esercitabili ell assemblea ordiaria; ) le società i cui u altra società dispoe di voti sufficieti per esercitare u iflueza domiate ell assemblea ordiaria; 3) le società che soo sotto iflueza domiate di u altra società i virtù di particolari vicoli cotrattuali co essa. Ai fii

12 dell applicazioe dei umeri ) e ) del primo comma si computao ache i voti spettati a società cotrollate, a società fiduciarie e a persoa iterposta; o si computao i voti spettati per coto di terzi. B - DATI SUL PROGRAMMA DI INVESTIMENTI B - Idicare l ubicazioe dell uità locale ella quale si itede realizzare il programma oggetto della domada di agevolazioi; per uità locale si veda il puto 3. delle Direttive. B - Idicare il/i settore/i di attività al/i quale/i soo destiati gli ivestimeti oggetto del programma; altre evetuali attività, se pur svolte ella stessa uità locale iteressata dall iiziativa, o devoo essere idicate. ATTENZIONE: selezioare i dati richiesti idividuadoli tra quelli della lista proposta dal software. B3. - Selezioare la tipologia del programma da agevolare (secodo le caratteristiche dello stesso e le defiizioi di cui al puto 3.3 delle Direttive), idividuadolo tra quelli della lista proposta dal software. ATTENZIONE: ad ua stessa iiziativa o può essere attribuita più di ua tipologia. B3. - Selezioare il titolo di dispoibilità dell immobile iteressato dal programma da agevolare, idividuadolo tra quelli della lista proposta dal software (si veda il puto 3.3 delle Direttive). B4. - L ao dell esercizio precedete è quello relativo all ultimo esercizio sociale chiuso prima della data di presetazioe del Modulo di domada. ATTENZIONE: el caso i cui l esercizio o coicida co l ao solare, idicare, ai fii di cui sopra, l ao solare i cui termia detto esercizio. B4. - La data (gioro/mese/ao) di avvio a realizzazioe del programma si itede coicidete co la data del primo titolo di spesa ammissibile. ATTENZIONE: si ricorda che possoo essere ammessi alle agevolazioi solo i programmi avviati a realizzazioe dopo il ricevimeto della comuicazioe del Gestore Cocessioario di cui al puto 4. delle Direttive. B4.3 - La data (gioro/mese/ao) di ultimazioe è quella dell'ultimo dei titoli di spesa ammissibili ovvero, per i bei i leasig, dell ultimo verbale di cosega dei bei. B4.4- L ao dell esercizio successivo a quello di ultimazioe del presete programma è quello del primo esercizio itero successivo alla data di ultimazioe. B5 - Co riferimeto agli esercizi precedete ( prospetto) e successivo a quello di ultimazioe ( prospetto), di cui, rispettivamete, ai precedeti puti B4. e B4.4, idicare i dati di cui alle segueti istruzioi. Nella coloa A del prospetto relativo all esercizio precedete devoo essere elecati tutti i pricipali prodotti relativi all uità locale, ache aggregati per famiglia, sia riferiti alla situazioe precedete che a quella dell esercizio successivo a quello di ultimazioe, idicado ua sola volta quelli preseti i etrambi gli esercizi. ATTENZIONE: la coloa A relativa all esercizio successivo a quello di ultimazioe o deve essere compilata; Nella coloa B del prospetto relativo all esercizio precedete devoo essere idicati, i corrispodeza a ciascuo dei prodotti della coloa A (sia a quelli precedeti che a quelli dell esercizio successivo a quello di ultimazioe ), la relativa uità di misura per uità di tempo utilizzata per idicare i dati del prospetto (ad es.: to/turo, pezzi/turo, ore-uomo/turo, kg/ora, pezzi/gioro, to/ao, ecc.,); ATTENZIONE: l uità di tempo, ove sigificativa, è preferibile che sia il turo di otto ore, ovvero, per le lavorazioi a ciclo cotiuo, le 4 ore; ATTENZIONE: la coloa B del prospetto relativo all esercizio successivo a quello di ultimazioe o deve essere compilata; Nelle coloe C, D, F devoo essere idicati, per ciascu prodotto dell'esercizio precedete, el solo primo prospetto, e per ciascu prodotto dell'esercizio successivo a quello di ultimazioe, ella corrispodete riga del solo secodo prospetto, evideziado esclusivamete le variazioi cosegueti all iiziativa da agevolare: ella coloa C: la produzioe massima teorica coseguibile, per ciascua uità di tempo idicata ella coloa B, elle migliori codizioi di fuzioameto e seza fermate di alcu tipo; ella coloa D: il umero delle uità di tempo (. di turi,. di ore,. di giori, ecc. a secoda dell uità idicata ella coloa B) lavorate ell esercizio cui si riferisce il dato ( precedete o successivo a quello di ultimazioe ), per coseguire la produzioe effettiva idicata ella coloa F; ella coloa F: la produzioe effettivamete coseguita ell esercizio cui si riferisce il dato (i. di to,. di pezzi,. di kg, ecc., a secoda dell uità idicata ella coloa B);

13 ATTENZIONE: le coloe A e B del prospetto relativo all'esercizio successivo a quello di ultimazioe e la coloa E di etrambi i prospetti, come detto, o devoo essere compilate. I particolare, i dati relativi alla coloa E viee calcolato come prodotto delle coloe C e D. B6 - Idicare, per ciascua qualifica e co evideziazioe degli occupati doe, i livelli occupazioali che si prevede di coseguire ell uità locale iteressata dal programma da agevolare a seguito del programma medesimo. Il dato o viee richiesto ai fii del calcolo di alcu idicatore utile per la formazioe delle graduatorie, besì a soli fii statistici. B7 - Al fie di accedere alle procedure di agevolazioe, l impresa deve effettuare u versameto a garazia della volotà dell impresa stessa di realizzare, i caso di coseguimeto dell agevolazioe, ei termii ed alle codizioi idicate dalle Direttive, il programma di ivestimeti proposto. L ammotare del suddetto versameto è commisurato all ivestimeto da agevolare ed è calcolato dal software. Il versameto deve essere effettuato dall impresa su u coto appositamete aperto dal Gestore Cocessioario - itestato alla Regioe Siciliaa, Assessorato dell idustria, Dipartimeto idustria e ifruttifero di iteressi e deve avveire etro la data di ioltro della Scheda Tecica e dell altra prevista documetazioe. Nel campo Data idicare la data del versameto; tale idicazioe è obbligatoria ed i asseza della stessa la Scheda Tecica o può essere valicata e trasmessa. B8 - Idicare dettagliatamete tutte le spese tra quelle ammissibili a frote delle quali si itedoo richiedere le agevolazioi. Qualora tali spese si riferiscao ad ivestimeti da realizzare co il sistema della locazioe fiaziaria, idicare SI al campo B8. e la deomiazioe della relativa società di leasig al campo B8. (quest ultima idicazioe cosete al Gestore Cocessioario di richiedere l asseso all operazioe alla stessa società di leasig, asseso idispesabile per cosetire l agevolazioe dell operazioe i locazioe fiaziaria). ATTENZIONE: PER TALI SPESE VALGONO DIVIETI, LIMITAZIONI E CONDIZIONI, CHE E NECESSARIO CONOSCERE IN SEDE DI PREDISPOSIZIONE DELLA SCHEDA TECNICA (si veda, i particolare, il puto 3.5 delle Direttive e l Allegato. 4 alle stesse). Tali spese devoo essere suddivise ei segueti capitoli: - Progettazioi, studi e assimilabili (vedasi lettera a) allegato. 4); - Suolo aziedale, sistemazioi ed idagii geogostiche (vedasi lettera b) dell allegato. 4); - Immobili, opere murarie e assimilate, impiati geerali, ifrastrutture specifiche (vedasi lett. c) dell allegato. 4); - Macchiari, impiati e attrezzature, programmi iformatici e brevetti (vedasi lettere d), e) ed f) dell allegato. 4). B0 - Idicare il totale delle spese di cui al puto B9 suddiviso per ao solare ( geaio-3 dicembre). Il primo ao è quello di avvio a realizzazioe (idicato al puto B4.), l'ultimo è quello di ultimazioe del programma (idicato al puto B4.3). Si ricorda che, qualora le spese relative a studi prelimiari di fattibilità di cui alla lettera a) dell allegato. 4 alle Direttive che o soo cosiderate ai fii dell idividuazioe della data di avvio a realizzazioe del programma siao state sosteute i u ao solare precedete quello di avvio a realizzazioe stesso, esse vao covezioalmete imputate a quello di avvio stesso. B - Si ricorda che le agevolazioi possoo essere richieste, per quato cocere le spese ammissibili per ivestimeti riepilogate al puto B9, ache i combiazioe fra loro, elle tipologie del cotributo i c/impiati, del cotributo i c/iteressi e del fiaziameto agevolato. Idicare, i corrispodeza a ciascua tipologia di agevolazioe prescelta (tipologia sigola o ache i combiazioe) la misura percetuale che si itede richiedere rispetto all ivestimeto da agevolare, secodo le idicazioi forite al puto. delle Direttive. Tale idicazioe è sigola, qualora si iteda richiedere ua sola tipologia, è doppia, se itede richiedere il cotributo i coto impiati uitamete al cotributo i coto iteressi o al fiaziameto agevolato. B - Idicare gli estremi del fiaziameto otteuto a frote del quale si itede richiedere il cotributo i coto iteressi (da compilare el solo caso i cui si iteda richiedere la tipologia del cotributo i c/iteressi). C ULTERIORI ELEMENTI PER IL CALCOLO DEGLI INDICATORI/MAGGIORAZIONI C Idicare, co riferimeto agli ultimi tre ai solari precedeti la scadeza di presetazioe della documetazioe di cui al puto 4. delle Direttive, tutti i dipedeti, a tempo determiato o idetermiato, di tutte le uità locali dell impresa richiedete ubicate el territorio della regioe Sicilia, iscritti el libro matricola e legati all impresa stessa da forme cotrattuali che prevedoo il vicolo di dipedeza, fatta eccezioe di quelli posti i cassa itegrazioe straordiaria. Si cosiderao dipedeti dell impresa ache i proprietari gestori (impreditori 3

14 idividuali) e i soci che svolgoo attività regolare ell impresa e beeficiao di vataggi fiaziari da essa foriti; questi ultimi devoo percepire u compeso per l attività svolta diverso da quello di partecipazioe agli orgai ammiistrativi della società. C - Idicare i dati relativi alle spese per brevetti e ricerca e sviluppo ed ai ricavi delle vedite e delle prestazioi (Fatturato) dell impresa el suo complesso, rilevabili dal coto ecoomico e dalla relazioe sulla gestioe ovvero dalla ota itegrativa di cui, rispettivamete, agli articoli 45, 48 e 47 del codice civile, relativi agli ultimi tre bilaci approvati o delle ultime tre dichiarazioi dei redditi presetate alla data di presetazioe del Modulo di domada (puto 4. delle Direttive). C3, C4, C5, C6, C7, C8, C9, C0 e C - Forire le idicazioi richieste ai fii del ricooscimeto delle maggiorazioi degli idicatori previste dal puto 5. delle Direttive. Tali idicazioi devoo essere supportate da specifiche descrizioi delle codizioi a supporto da riportare al puto E Busiess pla, allegado la prevista documetazioe a supporto. D PIANO DI COPERTURA DELLE SPESE E DATI FINANZIARI D - Tale prospetto deve essere compilato i modo che per ogi ao di realizzazioe le foti di copertura siao uguali o maggiori dei fabbisogi. Le evetuali eccedeze di foti di u ao vegoo utilizzate per la copertura dei fabbisogi dell'ao immediatamete successivo e soo riportate ella prima riga del quadro "FONTI DI COPERTURA" di quest ultimo ao. Le Immobilizzazioi agevolabili co il programma d ivestimeto soo quelli riepilogati al puto B9, co esclusioe delle spese i leasig. I "Caoi leasig" soo quelli relativi al totale degli ivestimeti effettuati i leasig e per i quali l'impresa prevede il pagameto ao per ao ell'arco di realizzazioe dell'ivestimeto (maxi caoe e caoi periodici), teuto coto altresì della riduzioe ricoosciuta dalla società di leasig a frote del fiaziameto agevolato previsto. "L'IVA sulle immobilizzazioi del programma" va calcolata sull'importo totale delle immobilizzazioi agevolabili e o agevolabili. I "Mezzi propri" compredoo l'effettiva immissioe di dearo fresco (sotto qualsiasi forma) da parte dei soci. I Debiti verso foritori soo relativi alle sole foriture degli immobilizzi, da agevolare o o, oggetto del programma. Il cash flow, che comprede utile etto, ammortameti ed accatoameti al TFR dell'esercizio, deve, aturalmete, essere cosiderato al etto della parte utilizzata a copertura delle esigeze fiaziarie geerate da debiti preesisteti. 4

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services 3M Prodotti per la protezioe al fuoco Buildig & Commercial Services Idice Sviluppi e treds...4-5 3M e le soluzioi aticedio...6-7 Dispositivi di attraversameto...8-19 Giuti di costruzioe...20-21 Sistemi

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

per lo Spettacolo masp CANDIDATI 2014 MASP X Sotto l Alto Patronato del Presidente della Repubblica

per lo Spettacolo masp CANDIDATI 2014 MASP X Sotto l Alto Patronato del Presidente della Repubblica Milao Italy Master i Maagemet per lo Spettacolo masp CANDIDATI 2014 MASP X Sotto l Alto Patroato del Presidete della Repubblica Lettera del Direttore Il Maestro Bertolt Brecht diceva che lo spettacolo

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Benvenuti in Ontario. Guida ai programmi e ai servizi per i nuovi arrivati in Ontario

Benvenuti in Ontario. Guida ai programmi e ai servizi per i nuovi arrivati in Ontario Beveuti i Otario Guida ai programmi e ai servizi per i uovi arrivati i Otario Idice Vivere i Otario........................................... 2 Come otteere l aiuto di cui avete bisogo.....................................

Dettagli

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Pratica: 1266018 Evasione: 2 giorni Fonti Banche dati Camere di Commercio Italiane Banche dati Atti Pregiudizievoli di Conservatoria Controllo operatori Reports Aggiornamento

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE.

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE. Compatibilità totale con ogni apparato. Si usa con pulsanti normalmente chiusi. ella linea dei pulsanti c'è il 24Vcc. Insensibile alle interruzioni di rete. Insensibile agli sbalzi di tensione. Realizzazione

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Valutazioe e riduzioe della vulerailità sismia di ediii esisteti i.a. Roma, 9-0 maggio 00 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Di Ludovio

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA MOD. Art/A 1-07-2002 15:17 Pagina 1 Numero ALBO MARCA DA BOLLO Mod. ART/A ISCRIZIONE DI DITTA INDIVIDUALE REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

Direzione Generale dell Industria

Direzione Generale dell Industria PO R FESR 2007-2013 A sse VI C om petitività- Linee di attività 6.2.2.i) e 6.2.3.a) D eliberazione della G iunta Regionale n. 51/25 del 24.09.2008 Interventi per favorire l'innovazione del sistem a delle

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE UTILIZZO DEL SOFTWARE FEDRA PLUS - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MODELLO S1 TRASFERIMENTO SEDE DA ALTRA PROVINCIA ISTRUZIONI TRIVENETO PARAGRAFO 5.4 E 12.4 Si fa presente

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

del/della... denominazione/ragione sociale... forma giuridica..., con sede legale in..., prov..., CAP... via e n. civ..., tel... fax...

del/della... denominazione/ragione sociale... forma giuridica..., con sede legale in..., prov..., CAP... via e n. civ..., tel... fax... ALLEGATO 10 DICHIRAZIONE EFFETTO INCENTIVANTE (ART. 8 REGOLAMENTO (CE) N. 800/2008) (da compilare a cura del soggetto beneficiario se Grande impresa) Spett. le REGIONE CAMPANIA UOGP Unità Operativa Grandi

Dettagli