Geo.In.Tech. S.r.l. Geology, Innovation & Technology

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Geo.In.Tech. S.r.l. Geology, Innovation & Technology"

Transcript

1 SPIN OFF dell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Geo.In.Tech. S.r.l. Geology, Innovation & Technology BUSINESS PLAN

2 INDICE 1. Premessa e introduzione Obiettivi Carattere innovativo del progetto Le caratteristiche qualitative, tecnologiche e scientifiche del progetto Geomateriali Geotermia ad alta e bassa entalpia Rischi naturali e cartografia tematica Prospettive economiche e mercato di riferimento I competitors Assetto societario Ruolo dei Professori e Ricercatori coinvolti Organi Disciplina dei rapporti tra lo Spin-off e il Dipartimento La proprietà intellettuale Piano economico-finanziario Premessa Piano Commerciale Piano degli Investimenti Piano dei costi di Struttura

3 1. Premessa e introduzione Il progetto Geo.In.Tech. S.r.l. nasce da un gruppo di ricercatori, assegnisti e borsisti dell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo che da alcuni anni hanno instaurato collaborazioni con imprese ed enti pubblici e privati in molteplici settori delle Geoscienze. Particolare attenzione è stata posta dal team di lavoro fin dal 2007 alla geotermia di alta e bassa entalpia. Da questa linea di ricerca, sviluppata attraverso tesi di laurea e di dottorato, progetti POR-FESR e di trasferimento tecnologico dall Università alle imprese (Regione Marche), nel 2011 tre geologi del DiSTeVA (Alessandro Blasi, Stefano Del Moro e Filippo Piscaglia) hanno partecipato e vinto la X edizione del concorso ECAPITAL di Fondazione Marche. I tre giovani si sono aggiudicati questa competizione per il miglior Business Plan nell ambito di idee imprenditoriali, con un progetto d innovazione tecnologica di prodotto legato alla geotermia a bassa entalpia che prevedeva la realizzazione di una nuova sonda per migliorare l efficienza energetica di impianti con pompa di calore geotermica. Dal Business Plan premiato da ECAPITAL 2011 nasce GEST s.r.l.s., attualmente iscritta al registro delle imprese start-up innovative, che opera nel settore della geotermia con lo scopo di migliorare, attraverso un processo di ricerca e sviluppo, le attuali conoscenze sul funzionamento degli impianti di geoscambio, sia da un punto di vista tecnico-progettuale che della ricerca di materiali innovativi da impiegare nel processo costruttivo delle parti costituenti il sistema. GEST s.r.l.s. intende trasformarsi in Geo.In.Tech. S.r.l. ampliando la propria offerta ad altri campi delle Geoscienze e, in base all Art.9 comma 6 del Regolamento per la costituzione di Spin-off dell Università di Urbino (Decreto Rettorale n.259 del 5 giugno 2013) chiede di diventare Spin-off universitario, allargando il proprio assetto societario a personale strutturato dell Università (docenti e ricercatori) capaci di apportare specifiche competenze e contatti ben avviati con partners industriali ed Enti pubblici e privati. 2

4 2. Obiettivi Geo.In.Tech. S.r.l., con il sostegno e la partecipazione dell Università, intende perseguire e favorire: il trasferimento al sistema economico e imprenditoriale delle esperienze di innovazione e progresso tecnologico maturate nell ambito della ricerca realizzata presso l Università di Urbino; la creazione di nuovi sbocchi professionali per giovani laureati; il miglioramento delle relazioni con il sistema produttivo. 3. Carattere innovativo del progetto L'innovazione proposta dal progetto Geo.In.Tech. S.r.l. risiede nell'invenzione di uno scambiatore di calore geotermico verticale per lo sfruttamento di una risorsa energetica rinnovabile di grande prospettiva; la geotermia a bassa entalpia. Questo nuovo scambiatore di calore verticale progettato per migliorare l'efficienza degli impianti di geoscambio, grazie all abbattimento dei costi di messa in opera e realizzazione, dovrebbe garantire un forte incremento di diffusione sul mercato nazionale di tale tipologia impiantistica. Geo.In.Tech. S.r.l. perseguirà gli obbiettivi che si prefiggeva Gest s.r.l.s., implementando le ricerche finalizzate a realizzare, testare, produrre e commercializzare una serie di soluzioni innovative nel campo del geoscambio termico, al fine di aumentare la resa termica dello scambiatore di calore e di ridurre notevolmente i costi di realizzazione di un impianto di climatizzazione con pompa di calore geotermico. Le prime simulazioni multi-fisiche effettuate sui nuovi modelli progettuali evidenziano un incremento di efficienza prossimo al % rispetto ai tradizionali scambiatori geotermici verticali a doppia U e singola U che, in data attuale, risultano essere i più diffusi sul mercato della geotermia a bassa entalpia. 3

5 4. Le caratteristiche qualitative, tecnologiche e scientifiche del progetto Geo.In.Tech. S.r.l. offrirà ai potenziali clienti, competenze specializzate nel comparto delle Geoscienze e in particolare: geomateriali attraverso lo studio di giacimenti minerari, ricerche ad hoc per industrie nel campo della produzione di cemento e laterizi, reperimento e frantumazione di inerti, caratterizzazione di materiali lapidei; geotermia ad alta e bassa entalpia mediante i) studio geologico dell area, ii) campionamento in situ, iii) realizzazione di analisi ed indagini termiche, geochimiche e petrologiche, iv) progettazione di sistemi di monitoraggio. Tra gli obiettivi viene evidenziata la possibilità per lo Spin-Off di diventare organo certificatore di sistemi con pompe di calore geotermico. rischi naturali e cartografia tematica in ambiente GIS. Progetti ad ampio respiro in collaborazione con provincie e regioni sullo sviluppo di nuovi strumenti e tecnologie applicabili al monitoraggio, alla prevenzione ed alla mitigazione del rischio idrogeologico, vulcanico e sismico. Inoltre lo Spin-off potrà supportare tecnicamente o essere lo strumento per i suddetti enti, nella realizzazione di cartografie tematiche di vario genere, da realizzarsi in ambiente GIS (cartografie geologiche, geomorfologiche, carte del potenziale geotermico, carte idrologiche ecc.). 4.1 Geomateriali Nel settore dei geomateriali d interesse industriale ed economico, lo Spin-off offrirà una serie di servizi e innovazione di processo ai propri clienti, in considerazione dell'esperienza acquisita durante l attività di ricerca universitaria. Lo Spin-off sarà in grado di offrire ai propri clienti, tramite le competenze acquisite nel campo della ricerca e approvvigionamento di materie prime (minerali e rocce), soluzioni innovative per la ricerca e lo sfruttamento di geomateriali a scopo industriale secondo modelli di sostenibilità ambientale, progettazione e risoluzione di problemi legati all estrazione (cave, miniere), esplorazione geologica di superficie, raccolta, campionamento ed elaborazione dati, analisi di laboratorio e servizi di consulenza nei seguenti campi: materie prime (calcari, marne e argille) per l industria del cemento e dei calcestruzzi; argille e sabbie per l industria dei laterizi; materiali per l edilizia per usi stradali e infrastrutture; 4

6 giacimenti minerari di vario genere (per es. ferro, rame, metalli preziosi, Terre Rare) di interesse industriale. Saranno ricercate soluzioni innovative ad hoc per soddisfare a pieno le esigenze del cliente, anche attraverso la proposta di nuovi brevetti per l estrazione di materie prime. I risultati delle attività svolte saranno consegnati al cliente secondo le modalità concordate dagli accordi presi, nel rispetto di criteri di privacy e segretezza. Geo.In.Tech. S.r.l., a differenza delle aziende già presenti sul mercato, modulerà la propria ricerca in maniera puntuale rispondendo così pienamente alle esigenze del cliente. Oltre a questo, la struttura Spin-off e il suo network universitario, permetterà all'azienda di accedere in maniera veloce e a costi ridotti a strumentazioni e laboratori specifici, rendendo disponibile al cliente un offerta a costi sicuramente concorrenziali. 4.2 Geotermia ad alta e bassa entalpia L interesse di Geo.In.Tech. S.r.l., è rivolto con particolare attenzione alla geotermia ad alta e bassa entalpia che consentono la produzione di energia elettrica attraverso lo sfruttamento dei fluidi in pressione ad altissima temperatura, l utilizzo diretto del calore (energia termica) o l impiego del sottosuolo come serbatoio termico (impianti con pompe di calore geotermico). Lo Spin-off offrirà competenze scientifiche per le indagini di geologia di superficie che sono preliminari agli studi di fattibilità nella valutazione delle potenzialità di un area geotermica. Prima di procedere a costose campagne geofisiche e di perforazione profonda, l esplorazione di superficie (geologico-strutturale, vulcanologica, petrografica, sulla geochimica dei fluidi di alta temperatura e mineralogica delle rocce sigillo impermeabili) consente, infatti, di acquisire informazioni geologiche indispensabili per affrontare adeguatamente le fasi di lavoro successive che dovrebbero portare alla costruzione di una centrale geotermoelettrica. L esperienza acquisita dai proponenti in questo campo è riconducibile alle collaborazioni avviate da alcuni anni con il settore geotermico di Enel Latin America, in particolare in Cile (concessioni geotermiche di El Tatio-La Torta e Apacheta) ed Ecuador (campo geotermico di Chachimbiro). Inoltre, grazie al progetto di cooperazione internazionale tra l Università di Urbino e l Universidad Catolica de Honduras attraverso il quale nove studenti honduregni, tra il 2008 e il 2012, si sono iscritti ai corsi di laurea in Scienze Geologiche (L-34 e LM-74), sono state già avviate esplorazioni di superficie in alcuni campi geotermici del paese centroamericano (Azacualpa, El Olivar, Aguas Calientes). Le attività nel settore della geotermia ad alta entalpia riguardano il rilevamento geologico-strutturale dell area geotermica, la raccolta di campioni delle principali formazioni rocciose e relative analisi mineralogico-petrografiche e geochimiche, il campionamento dei fluidi di alta temperatura (acque 5

7 e gas) per la determinazione della loro composizione e gli equilibri termometrici del reservoir geotermico profondo da cui provengono. A garanzia dell affidabilità scientifica e per rispondere concretamente alle esigenze dei potenziali clienti, i promotori dello Spin-off vantano esperienze di ricerca scientifica nel campo della geologia di superficie in concessioni geotermiche ad alta entalpia in Cile, Ecuador e Honduras maturate anche attraverso lo svolgimento di tesi di laurea magistrale e progetti di dottorato di ricerca. La geotermia a bassa entalpia (geoscambio) è una risorsa rinnovabile in rapida diffusione utilizzata per la climatizzazione e la produzione di acqua calda sanitaria attraverso un sistema terreno / sonda / pompa di calore applicabile a qualsiasi tipologia di edificio. GeoInTech s.r.l. metterà a disposizione competenze scientifiche nella determinazione e analisi delle caratteristiche geologiche, idrogeologiche, strutturali e termiche del sottosuolo, in particolare della sua conducibilità (λ) e capacità termica (c). Questi parametri sono in stretta relazione con la litologia, l idrogeologia e le caratteristiche geologiche generali del sottosuolo che possono essere indagate con delle prove in situ, note come test di resa termica (TRT). Un TRT permette di ricavare la conducibilità termica effettiva che integra le caratteristiche geologiche del terreno lungo tutta la colonna della sonda, includendo la presenza eventuale di falde, il tipo di riempimento della perforazione, il fluido termovettore e le caratteristiche della sonda stessa. Attraverso l esecuzione di profili verticali di temperatura durante il test o immediatamente dopo la sua esecuzione si hanno anche indicazioni sul contributo che il singolo intervallo stratigrafico può apportare allo scambio termico. Dalle informazioni ottenute è possibile eseguire una progettazione del campo sonde che raggiunga la massima efficienza rispetto allo scambio termico, che risulti maggiormente vantaggiosa dal punto di vista economico e che abbia un impatto ridotto rispetto alle modificazioni termiche del sottosuolo. L esperienza nel settore del geoscambio è iniziata nel 2007 mediante numerose collaborazioni con aziende private (Geo-net, Energy Resources, Termoidraulica & Sanitaria Gulini ecc.) in progetti co-finanziati dalla Regione Marche che hanno permesso la realizzazione di alcuni impianti con pompa di calore geotermica (ad es. presso il Campus Scientifico Enrico Mattei dell Università di Urbino) e lo studio di soluzioni innovative nel campo dei cementi termici e delle geometrie degli scambiatori verticali. Le attività nel settore della geotermia a bassa entalpia riguardano il rilevamento geologico e strutturale dell area geotermica, l indagine idrogeologica, il dimensionamento e le simulazioni dinamiche del funzionamento dell impianto, l esecuzione del 6

8 TRT, la fase realizzativa del campo geotermico e il suo monitoraggio. La competenza maturata durante le campagne di acquisizione dati svolte in questi anni, ha consentito di approfondire le problematiche legate allo sviluppo di questa fonte rinnovabile mettendone in luce le criticità e al contempo di definire in quali aspetti porre particolare attenzione nel processo d innovazione e sviluppo di tecnologia allo scopo di migliorare tali sistemi. L originalità delle idee che il gruppo ha messo in mostra in questo particolare settore, ha consentito di partecipare con successo a vari concorsi per idee imprenditoriali (ad es. premio ECAPITAL 2011 della Fondazione Marche) e di essere oggetto di particolari attenzioni da parte di alcuni incubatori aziendali (ad es. Jesi Cube). L attività del gruppo è stata oggetto di pubblicazioni divulgative e presentazioni a eventi organizzati da vari enti. Gest s.r.l.s., di cui lo Spin-off Geo.In.Tech. S.r.l. è la naturale prosecuzione di attività, è stata ad esempio selezionata tra le start up innovative nell ambito del convegno Greening Camp tenutosi a Roma nel maggio 2012 in presenza di Corrado Clini, Ministro dell Ambiente. 4.3 Rischi naturali e cartografia tematica La valutazione e la gestione dei rischi naturali rappresenta un settore strategico, anche alla luce del quadro normativo vigente che, riguardo la progettazione geologica, impone una serie di approfondimenti volti alla riqualificazione e messa in sicurezza del territorio e dei beni strutturali ed infrastrutturali. L analisi dei rischi naturali rappresenta, dunque, un settore di sicuro interesse, in considerazione dell elevata vulnerabilità del territorio e delle tipologie strutturali e infrastrutturali obsolete e spesso non conformi a quanto disposto dalle recenti normative. In tale ambito Geo.In.Tech. S.r.l. costituisce un importante punto di riferimento per la qualità e l esperienza acquisita dai soggetti che vi operano, e che, a garanzia di un costante aggiornamento scientifico-tecnologico, partecipano attivamente alle attività di ricerca accademica nello studio di soluzioni innovative da applicare alla valutazione (monitoraggio, prevenzione, mitigazione) dei rischi naturali. Geo.In.Tech. S.r.l. attraverso studi specializzati, monitoraggio con tecniche innovative dei rischi naturali e supporto alla progettazione di sistemi di prevenzione, renderà possibile il trasferimento di know-how altamente specializzato dal mondo accademico al servizio degli enti preposti alla mitigazione dei rischi naturali. La cartografia tematica realizzata in ambiente GIS fornisce delle informazioni su alcuni aspetti di un territorio e sui diversi fenomeni, sia di tipo antropico che fisico, di carattere qualitativo o quantitativo riferiti alla superficie terrestre, così da costituire una cartografia specifica. 7

9 Il prodotto cartografico informatizzato, inoltre, assolve un ruolo chiave nella comprensione dei fenomeni poiché consente una rapida visualizzazione e memorizzazione delle variabili studiate e offre la possibilità, se ben realizzato, di rispondere a più livelli di domanda, favorendo la gradualità della comprensione. 5. Prospettive economiche e mercato di riferimento Le attività proposte da Geo.In.Tech. S.r.l. in materia di geomateriali, interessano tutta la filiera delle materie prime di rilevanza industriale disponibili nei livelli superficiali o crostali poco profondi, dalla multinazionale che distribuisce geomateriali su larga scala, fino al piccolo artigiano che produce materie prime di qualità per il mercato locale. Le attività offerte saranno valide per alcune imprese che hanno capacità di investire nella ricerca di soluzioni innovative per rendere il proprio prodotto migliore e più competitivo rispetto alla concorrenza attualmente sul mercato. Il mercato delle materie prime in ambito economico e industriale in genere si è consolidato negli anni pur con significative fluttuazioni. Nonostante che in cinque anni ( ), il settore delle costruzioni in Italia abbia perso oltre un quarto degli investimenti (27,1% in termini reali), alcune delle principali società del settore hanno investito nel 2012 circa 30 milioni per rinnovare ed espandere le proprie attività di ricerca per l innovazione del prodotto e dei processi produttivi. Questo trend fa pensare che anche nel futuro prossimo (1-3 anni), probabilmente ancora di stagnazione economica, possa essere importante per tale settore produttivo investire in ricerca e sviluppo al fine di presentarsi preparati alla ripresa dell economia. Tra i possibili clienti target sono già state identificate una rosa d imprese a livello nazionale ed internazionale con le quali i proponenti lo spin-off hanno già rapporti di collaborazione scientifica: Colacem, terza società italiana nel settore del cemento che occupa circa 1700 dipendenti (in tre continenti, Europa, Nord Africa e Americhe) e con un fatturato complessivo di oltre 304 milioni di Euro nel 2011; Goldlake Group che opera nel settore aurifero e multi-metallico e possiede concessioni per l estrazione di minerali d interesse industriale ed economico (per es. ferro e oro) in America Latina (Honduras e Argentina); Industrie Pica S.p.A. azienda leader in Italia per la produzione di laterizi, con una gamma ricca e articolata di prodotti, una rete di distribuzione efficiente e capillare e un assistenza che garantisce la migliore consulenza anche nei cantieri. 8

10 Per quanto riguarda l attività dedicata al settore delle georisorse, le attività proposte dallo Spin-off si rivolgeranno alle principali imprese che possiedono expertise per gestire concessioni di aree geotermiche ad alta temperatura, dalle fasi iniziali allo studio di fattibilità, fino alla costruzione di una centrale geotermoelettrica per la produzione di energia elettrica e che, avendo possibilità di investimento in questo settore, potrebbero trarre giovamento nell istaurare rapporti di collaborazione con Geo.In.Tech. S.r.l. per stabilire collaborazioni a vari livelli. Alcune di queste realtà imprenditoriali, che operano a scala globale e con le quali sono già in corso o si potranno stabilire rapporti di vario genere a livello di ricerca ed attività imprenditoriale sono: Enel Green Power Enel Latin America (settore geotermia) (http://www.enelgreenpower.com/it-it/plants/renewable_energy/geothermal/); Magma Energy Italia s.r.l.; Alterra Power Corp (http://www.alterrapower.ca/italy); Lageo (http://www.lageo.com.sv/principal.html). Tra le fonti rinnovabili la geotermia rappresenta solo l 1% della produzione di energia elettrica mondiale, con centrali geotermiche che provvedono a una capacità istallata di circa 72ThW, un incremento di 300 MWe nel solo 2012 ed investimenti globali per circa 500 milioni di euro annui. Si ritiene pertanto che il mercato di riferimento non sia assolutamente saturo ma che anzi possa configurarsi come una grande opportunità per Geo.In.Tech. S.r.l. Il mercato della geotermia a bassa entalpia è invece strettamente legato al settore delle costruzioni e pertanto, i potenziali clienti per questo genere di offerta che Geo.In.Tech. S.r.l. propone ai propri potenziali clienti possono essere individuati in: Istituzioni pubbliche, come Comuni, Regioni e Comunità montane interessate alle risorse rinnovabili per sostenere i fabbisogni energetici di scuole, palestre, impianti sportivi, uffici e per quelle piccole realtà (aree rurali) che non sono ancora servite dalla rete gas; imprese del settore o privati nell'ambito di nuove costruzioni o di ristrutturazione di edifici esistenti, interessate a coniugare efficienza e risparmio energetico che il sistema a geoscambio può fornire. Lo sviluppo di nuove geometrie per gli scambiatori geotermici (sonde), di miscele cementizie ad alta conducibilità e di materiali innovativi, si rivolge alle aziende consolidate nel settore da anni nella vendita di sonde geotermiche, a costruttori edili particolarmente sensibili al tema della sostenibilità ambientale e della bio-architettura. I miglioramenti apportabili alla tecnologia 9

11 attualmente in uso, infatti, potrebbero consentire alle aziende leader di fornire soluzioni ancor più vantaggiose ai propri clienti, andando di conseguenza ad aumentare il proprio fatturato. La potenza termica installata nel 2010 da fonte geotermica a bassa entalpia è stata di circa 1000 MWt, con una produzione lorda di energia di 1200 Tj/a e un abbattimento delle emissioni di CO 2 pari a circa 800 KTonn/a. Assumendo un modello di sviluppo cautelativo, nel 2015 la potenza aumenterà a 1560 MWt, per arrivare a 2510 MWt nel 2020 ed, infine, a 7400 MWt nel Questo scenario indica che in meno di vent anni l energia termica prodotta da fonte geotermica a bassa entalpia potrebbe aumentare fino al 740%. Nel settore della valutazione, gestione e mitigazione dei rischi naturali, lo Spin-off si propone come partner tecnologico al servizio di Pubbliche amministrazioni. Geo.In.Tech. S.r.l., oltre ad essere in grado di implementare soluzioni avanzate in ambito geologico, garantisce capacità organizzative, logistiche e tecniche di una grande struttura, anche in termini di risorse umane e infrastrutturali, essendo, pertanto, in grado di esercitare funzioni di coordinamento e gestione in progetti di medio-ampio respiro, su aree vaste, alla cui realizzazione possano partecipare, anche professionisti del settore. Tra i possibili clienti target a livello locale, sono stati identificati Enti con cui i soci dello Spin-off hanno rapporti di collaborazione scientifica e/o professionale. Nell ambito della Regione Marche: Autorità di Bacino Regionale; Posizione di Funzione Informazioni Territorio-Ambiente e Piano Paesaggistico; Dipartimento per le politiche integrate di sicurezza e per la protezione civile centro funzionale multi rischi; A.A.T.O. (Autorità di Ambito Territoriale Ottimale); Provincia di Pesaro e Urbino; Comunità Montane; Comuni. 6. I competitors Le competenze geologiche necessarie al corretto approccio scientifico e metodologico per lo sfruttamento dei geomateriali di importanza industriale ed economica, sono proprie dei componenti di Geo.In.Tech. S.r.l. e, a livello locale (Provincia e Regione Marche), sono presenti poche realtà imprenditoriali in grado di garantire lo stesso know-how. D'altro canto rivolgendo la propria offerta a compagnie multinazionali vanno citate tra i possibili concorrenti alcuni Spin-off universitari extraregionali operanti nel campo delle Scienze 10

12 geologiche e ambientali. Sebbene sia importante la concorrenza delle suddette realtà, l'offerta molto specializzata proposta da Geo.In.Tech. S.r.l. ha tutte le capacità di concorrere alla pari con quella delle altre realtà già presenti sul mercato. Quello dei geomateriali e delle materie prime, seppure con fluttuazioni di mercato è un settore relativamente consolidato, tale da rendere non solo auspicabile ma anche probabile la possibilità di ritagliarsi, inizialmente, una nicchia di mercato a livello nazionale per poi affermarsi a livello internazionale. Nell area di sviluppo legata alla geotermia ad alta entalpia, in considerazione del fatto che le concessioni per lo sfruttamento di tale risorsa sono circoscritte solo ad areali con specifiche caratteristiche geologiche, Geo.In.Tech. S.r.l. trova, nei concorrenti che insistono geograficamente nelle immediate vicinanze di aree geotermiche i più quotati competitors, oltre che alle grandi multinazionali operanti nel settore, le quali potrebbero però instaurare rapporti di collaborazione fattiva con Geo.In.Tech. S.r.l. come già avvenuto in passato per alcuni soci dello Spin-off con Enel Latin America. I competitors che Geo.In.Tech. S.r.l. affronterà nel mercato della geotermia a bassa entalpia (geoscambio) sono, solo in senso lato, le aziende che realizzano impianti di questo tipo poiché lo Spin-off non si propone, come core business quello di realizzare impianti, bensì quello di partecipare al processo d innovazione tecnologica del sistema di geoscambio. Il team aziendale si prefigge, inoltre, di arrivare alla possibilità di diventare un organo che, dall alto dell esperienza maturata dai soci in anni di ricerca universitaria, possa garantire la corretta realizzazione di tali installazioni e la loro rispondenza a criteri di qualità elevati. Numerosi sono i tentativi di aziende sia italiane che estere di apportare innovazioni alla geometria degli scambiatori geotermici, alla qualità dei materiali che compongono l apparato, alle malte cementizie di riempimento e al processo di dimensionamento e progettazione, per garantire la massima efficienza del sistema, diminuendo i costi di messa in opera. Le ricerche già avviate da Geo.In.Tech. S.r.l. (ex GEST s.r.l.s.) nel campo della ricerca e sperimentazione di geometrie e materiali per le nuove sonde geotermiche permettono di garantire migliori prestazioni ed efficienza energetica che potrebbero portare a uno o più brevetti. Alcuni dei principali competitors in questo ambito sono: Energy Resouces S.p.A. con sede ad Ancona. Ha realizzato e testato una tipologia di sonda in polietilene a spirale che unisce, a detta dell azienda, un elevata superficie di scambio di calore con il terreno, a perforazioni a profondità ridotte, di circa metri. Purtroppo 11

13 le prime applicazioni di tali scambiatori non hanno fornito all azienda i risultati sperati presentando una serie di inconvenienti nel funzionamento. Geo-net s.r.l. con sede a Imola. Azienda affermata nella progettazione e realizzazione d impianti geotermici a bassa entalpia operante sul mercato dal L azienda è stata già partner dell Università degli Studi di Urbino nella realizzazione di progetti in ambito geotermico ai quali hanno partecipato gran parte dei soci dello Spin-off; Geotermica Saval s.r.l. con sede a Verona. Ha sviluppato una tipologia di sonde geotermiche verticali coassiali, costruite in acciaio e assemblabili in cantiere. Tali tubi garantiscono un efficiente scambio termico con il terreno e pertanto richiedono una lunghezza inferiore di metri lineari di perforazione; queste sonde verticali coassiali sono tuttavia piuttosto onerose poiché sono realizzate in acciaio e la loro durabilità nel sottosuolo è compromessa in un ambiente elettrolitico come il terreno; Rehau S.p.A., azienda tedesca leader nella produzione e distribuzione di sonde geotermiche verticali per impianti geotermici a bassa temperatura. Con riferimento esclusivo al mercato italiano, la stessa azienda nel 2009 ha venduto metri lineari di sonde geotermiche verticali (circa 800 sonde geotermiche considerando una lunghezza standard di 100 metri). Nel 2010 le vendite di REAHU sono quasi raddoppiate con metri lineari di sonde vendute (circa 1500 sonde verticali); Nel settore della valutazione, mitigazione e gestione dei rischi naturali, GeoInTech s.r.l. non si troverà in concorrenza, a livello locale (Provincia e Regione), con realtà simili di Spin-off. Nell Italia centro-settentrionale vanno però citati tra i possibili competitors alcuni spin-off universitari operanti nel campo delle Scienze geologiche e ambientali come ad esempio Nhazca s.r.l. Natural Hazards Control and Assessment, Spin-off Accademico dell Università di Roma La Sapienza, CGT spin-off GROUP, una società Spin-off dell'università degli Studi di Siena o Neos S.r.l. (Near Earth Observation Services) Spin-off dell'università degli Studi di Padova. Quello della valutazione e gestione dei rischi naturali è, purtroppo, un settore che, in Italia necessita e necessiterà negli anni a venire, di studi sulla prevenzione e monitoraggio dei rischi naturali ed in quest ottica la presenza di più soggetti operanti in questo ambito non può che rappresentare un valore aggiunto per la corretta gestione del territorio nazionale. 7. Assetto societario Forma giuridica: Società a responsabilità limitata. Denominazione: Geo.In.Tech. S.r.l. 12

14 Sede: È previsto che Geo.In.Tech. S.r.l. abbia sede legale a Mercatale di Sassocorvaro (PU) all'indirizzo risultante dall apposita iscrizione eseguita presso il Registro delle Imprese ai sensi dell'art.111 ter. disp.att. cod.civ. La Società avrà anche una sede operativa sita in Urbino presso il Campus Scientifico Enrico Mattei. Statuto e meccanismi di governance: Il dettaglio delle regole societarie è specificato nello statuto societario e al presente Business Plan. Capitale sociale: Euro ,00. Il capitale sociale sarà versato per il 25% all atto della costituzione e per il restante 75% nel corso della prima assemblea dei soci o comunque entro un anno dalla data di costituzione della società. Soci: 18% Dr. Alessandro Blasi (Dottore di Ricerca in Scienze della Terra presso l Università di Urbino, XXIV ciclo); 18% Dr. Stefano Del Moro (Dottore di Ricerca in Scienze della Terra presso l Università di Urbino, XX ciclo, attualmente assegnista di ricerca); 18% Dr. Filippo Piscaglia (Dottore di Ricerca in Scienze della Terra presso l Università di Urbino, XXII ciclo); 18% Prof. Alberto Renzulli (Professore Associato dell Università di Urbino, GEO/07); 18% Prof. Francesco Veneri (Ricercatore dell Università di Urbino, GEO/05); 10% Università di Urbino (conferimento di beni riconosciuti in 2 monitor ed un computer attualmente siti nella stanza 123 del DiSTeVa acquistati nel 2013 e del valore stimato di euro; come previsto dall Art.4, comma 2 del Regolamento per la costituzione di Spin- Off dell Università di Urbino e Decreto Rettorale n.259 del 5 giugno 2013). 7.1 Ruolo dei Professori e Ricercatori coinvolti Il personale docente e ricercatore collaborerà allo Spin-off fornendo la propria attività lavorativa fino ad un massimo di 8 ore settimanali durante i 3 anni d incubazione, fermo restando il rispetto delle norme in materia di autorizzazione a incarichi extra istituzionali (D.R. n. 18/2012 del : Regolamento per il rilascio di autorizzazioni al personale docente e ricercatore a tempo pieno per lo svolgimento di incarichi esterni retribuiti ). Tali attività saranno, quindi, compatibili con i loro compiti istituzionali e si atterranno al decreto n. 242 del 17 ottobre 2011 sul regolamento adottato del Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca per la definizione dei criteri di partecipazione di professori e ricercatori universitari a società aventi 13

15 caratteristiche di Spin-off o Start up universitari, in attuazione di quanto previsto all art. 6, comma 9, della legge 30 dicembre 2010, n Organi La società sarà amministrata da un Consiglio di Amministrazione con le modalità di cui agli articoli 2257 e 2258 del codice civile. Gli amministratori sono nominati dall'assemblea che è validamente costituita e delibera con le maggioranze previste dalla legge, vale a dire con un numero di voti pari alla metà del capitale sociale. L Università degli Studi di Urbino Carlo Bo per mezzo del Dipartimento DISTeVA ha diritto di nominare almeno un componente del Consiglio di Amministrazione. Gli amministratori possono essere scelti anche fra i non soci, sono rieleggibili e durano in carica per il tempo che sarà determinato all'atto della nomina, anche a tempo indeterminato o sino a dimissioni o revoca, anche senza giusta causa. In quest'ultimo caso, gli amministratori non hanno diritto a risarcimento danni. Non possono essere nominati amministratori, e se nominati decadono dal loro ufficio, coloro che si trovano nelle condizioni di cui all art.2382 del codice civile. 8. Disciplina dei rapporti tra lo Spin-off e il Dipartimento La convenzione che sarà sottoscritta tra il DiSTeVA e Geo.In.Tech. S.r.l. dopo la costituzione della società regolerà i rapporti tra le parti nella fase d incubazione dello Spin-off (3 anni secondo l Art.5, comma 4 del Regolamento per la costituzione di Spin-off dell Università di Urbino; Decreto Rettorale n.259 del 5 giugno 2013). Per favorire le attività dello Spin-off, la convenzione prevederà per i primi tre anni (fase d incubazione) la concessione, da parte del DiSTeVA alla società, dell uso a titolo gratuito di un locale, del Campus Scientifico Enrico Mattei e delle pertinenze utili allo svolgimento delle attività (arredamento, stampante, fax, scanner, pc con monitor, telefono), da adibire a sede operativa locale della società. L Ateneo permetterà l accesso ai locali e alle attrezzature del personale della Società o operante per conto di essa, il cui elenco sarà debitamente trasmesso dalla Società medesima, con le stesse regole vigenti per il personale universitario. La Società porrà in essere tutte le misure idonee ad assicurare la piena attuazione di quanto disposto dalla vigente normativa in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro di cui al D. Lgs. 14

16 n. 81/2008 e successive modifiche e integrazioni e dalle disposizioni previste in materia dall Ateneo. La convenzione tra le parti disciplinerà le norme di utilizzo da parte della Società della dicitura Spin-off dell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo e del logo dell Ateneo, per un periodo di tre anni rinnovabile e per le finalità previste dall oggetto sociale di Geo.In.Tech. S.r.l. Lo Spin-off, inoltre, che nelle fasi iniziali avrà una struttura organizzativa leggera, s impegnerà in convenzione a reperire le ulteriori professionalità necessarie alla sua attività anche tra i laureati, i dottorandi e i dottori di ricerca del Dipartimento DISTeVA con lo scopo di svolgere una funzione di ponte tra il percorso universitario e il mondo del lavoro e anche per favorire un futuro cambio generazionale tra i quadri e dirigenti della costituenda Società; il DiSTeVA, dal canto suo, destinerà quota parte degli utili derivanti da commesse dello spin-off al finanziamento di assegni di ricerca e/o di borse di dottorato. 15

17 8.1 La proprietà intellettuale La proprietà intellettuale dei risultati della ricerca conseguiti dallo Spin-off, posteriori alla sua costituzione, appartiene allo Spin-off medesimo. Per un periodo di cinque anni dalla nascita dello spin-off, l Università potrà richiedere, per le sue attività di ricerca/didattica, licenza d uso gratuita. Il trasferimento di proprietà intellettuale brevettata o non brevettata dall Università allo Spin-off può avvenire solo sulla base di accordi di licenza o cessione formulati a fronte di una specifica proposta economica, in relazione alla quota di diritti detenuti dall Università. 16

18 9. Piano economico-finanziario 9.1 Premessa Nei successivi paragrafi viene presentato il piano economico-finanziario di GeoInTech s.r.l. ipotizzato per i primi 3 anni di esercizio (incubazione dello Spin-off). Si evidenzia che le proiezioni sono eseguite in maniera semplificata (ad es. l IVA che dovrà essere versata viene considerata come partita di giro). Inoltre i tassi su c/c attivi e sui passivi sono considerati rispettivamente 1% e 9%. Non è prevista alcuna ripartizione degli utili tra i soci nei primi 3 anni di esercizio. 9.2 Piano Commerciale Data la variegata tipologia di offerta di Geo.In.Tech. S.r.l. (Cap. 4), è difficoltoso ipotizzare la quantità di commesse annue, la loro tipologia ma soprattutto il loro valore. Per far fronte a tale incertezza si è scelto di realizzare il piano delle vendite mantenendo un approccio decisamente conservativo, anche se i contatti già instaurati con i potenziali clienti ed i trend di crescita di aziende con tipologia di offerta comparabile lasciano sperare ad un numero di commesse maggiore di quello presentato. Il piano dei ricavi (Tab ) illustra che al primo anno sono previste un numero modesto di commesse per lo più di piccola entità; con l'affermarsi sul mercato s ipotizza un aumento delle commesse o un eventuale incremento dell'entità dei singoli lavori. I ricavi previsti dalla voce "Geotermia a bassa entalpia" sono per lo più imputabili alla distribuzione degli innovativi scambiatori di calore di cui al capitolo 2 e solo nel terzo anno per la progettazione d impianti geotermici. Tab Piano dei ricavi Anno 1 Anno 2 Anno 3 Geomateriali 20,000 25,000 40,000 Geotermia ad alta entalpia 20,000 30,000 50,000 Geotermia a bassa entalpia 30,000 45,000 60,000 Rischi naturali 30,000 80,000 70,000 Cartografia tematica 0 40,000 70,000 Totale ricavi 100, , ,000 Tasso di crescita annuo % 31.82% Tra le spese imputabili all'area commerciale avranno sicura importanza le spese di marketing (Tab ). Oltre al sito web, che fungerà da vetrina dell'azienda, i rapporti con i futuri clienti verranno instaurati grazie alla partecipazione a fiere e congressi sia nazionali che internazionali. 17

19 Tra le nuove attività promozionali previste si ritiene che l'organizzazione di corsi specifici ed altamente qualificanti avrà sicuramente un ruolo importante nell'affermarsi sul mercato ed all'attenzione di possibili clienti target. Tab Piano dei costi di marketing Anno 1 Anno 2 Anno 3 Sito Web Fiere, mostre o congressi 1,000 3,000 3,000 Attività promozionali 3,000 7,000 7,000 Totale mercato Italia 4,500 10,050 10,050 Incidenza sul fatturato Italia 4.50% 4.57% 3.47% 9.3 Piano degli Investimenti Il Piano degli Investimenti (Tab ) e il successivo Piano dei costi di Struttura (Cap. 9.4) sono stati redatti nell'ipotesi che l'università di Urbino permetta allo Spin-off di usufruire delle strutture dell'università nella misura in cui sta già ospitando il personale strutturato e non strutturato che faranno parte dello Spin-off; pertanto i costi relativi all'affitto di uffici, all'uso di laboratori ed al consumo di elettricità, ma anche le spese relative all'acquisto di mobili e arredi, stampanti e computers sono stati ipotizzate pari a zero. Non viene previsto acquisto di hardware al primo anno in quanto sono stati individuati beni informatici del valore di euro che potranno coprire la quota di capitale sociale spettante all'università. Viene previsto, comunque, l'acquisto di hardware dal secondo anno di attività e di licenze software sin dal primo, che verranno ammortizzate con quota al 25% (Tab ). Tra gli investimenti immateriali oltre alle spese di costituzione è preventivata una quota annuale per frequentare corsi di specializzazione (ammortizzati al 20%). Tab Investimenti materiali Anno 1 Anno 2 Anno 3 Hardware *0 2,000 4,000 Software 4,000 7,000 7,000 Mobili e arredi Impianti Macchinari Totale investimenti materiali 4,000 9,000 11,000 Tab Investimenti immateriali Anno 1 Anno 2 Anno 3 Spese di costituzione 2, Corsi e seminari d'aggiornamento 1,000 2,000 2,000 Totale investimenti immateriali 3,000 2,000 2,000 Totale investimenti 7,000 11,000 13,000 18

20 Tab Quota ammortamento Anno 1 Anno 2 Anno 3 Hardware ,500 Software 1,000 2,750 0 Mobili e arredi Impianti Macchinari Spese di costituzione Corsi e seminari d'aggiornamento ,000 Totale ammortamenti 1,600 4,250 2, Piano dei costi di Struttura Il piano dei costi di Struttura include il piano del personale e dei costi operativi di gestione ed è stato studiato in funzione del ruolo dei soci all'interno dell'università (personale strutturato e non strutturato). I soci strutturati in funzione della loro attività di gestione dei clienti e supervisione dei prodotti ed in relazione al limitato impegno lavorativo sono contemplati nell'area amministrativa; si evidenzia inoltre un decremento dell'attività lavorativa dei suddetti nel corso dei 3 anni di incubazione dello Spin-off. I soci non strutturati all'interno dell'università saranno coinvolti in maniera più intensa nel processo produttivo secondo le rispettive competenze e le commesse in corso d'opera (Tab ). Si prevede inoltre di poter assumere dipendenti già dal secondo anno di attività. Le spese operative relative alle commesse previste evidenziano l'importanza dell'area tecnico-produttiva all'interno di Geo.In.Tech. S.r.l. (Tab ) e analizza le risorse per le consulenze, spese per indagini o campionamenti e l'utilizzo di laboratori esterni. Per mantenere il carattere innovativo che si prefigge l'azienda sono ipotizzati dal secondo anno l'acquisto in leasing di eventuale strumentazione/macchinari (Tab ). Tab Piano del Personale Anno 1 Anno 2 Anno 3 Personale amministrativo/commerciale costo annuo cadauno 10,000 9,000 8,000 Costo personale amministrativo 20,000 18,000 16,000 Personale tecnico/produttivo costo annuo cadauno 16,000 24,000 26,000 Costo personale tecnico produttivo 48,000 96, ,000 Costo del personale 68, , ,000 19

IL RETTORE. 1) precisare gli obiettivi d Ateneo e migliorare gli strumenti e le procedure di gestione dei processi di creazione d impresa;

IL RETTORE. 1) precisare gli obiettivi d Ateneo e migliorare gli strumenti e le procedure di gestione dei processi di creazione d impresa; IL RETTORE TENUTO CONTO VISTI CONSIDERATO VISTI TENUTO CONTO TENUTO CONTO RICORDATO CONSIDERATO dell art.1 dello Statuto dell Università degli Studi di Milano Principi direttivi e finalità, che individua

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CREAZIONE DI SPIN OFF DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO

REGOLAMENTO PER LA CREAZIONE DI SPIN OFF DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO REGOLAMENTO PER LA CREAZIONE DI SPIN OFF DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Art. 1 - Definizione di Spin-Off 1. Il presente Regolamento intende favorire la costituzione di società per azioni o società

Dettagli

CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE DELLA TERRA (CLASSE 16) Consiglio della Classe 16

CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE DELLA TERRA (CLASSE 16) Consiglio della Classe 16 CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE DELLA TERRA (CLASSE 16) Consiglio della Classe 16 Presidente prof. Eleonora Paris, tel. 0737/402607 eleonora.paris@unicam.it Responsabili per l Orientamento Prof. Gino Cantalamessa,

Dettagli

Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan

Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan Copyright 2008 Antonello Garzoni - Tutti i diritti riservati. Prof. Antonello Garzoni ARTI, 20-21-22 Maggio 2008 Agenda Gli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CREAZIONE DI SPIN OFF DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA DI NAPOLI. Art. 1 Definizioni e principi generali

REGOLAMENTO PER LA CREAZIONE DI SPIN OFF DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA DI NAPOLI. Art. 1 Definizioni e principi generali REGOLAMENTO PER LA CREAZIONE DI SPIN OFF DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA DI NAPOLI Art. 1 Definizioni e principi generali 1. Il presente Regolamento, ai sensi del Decreto Legislativo

Dettagli

Linee guida strategiche e policy operativa in tema di promozione della nuova imprenditorialità e Spin-off nell Università degli Studi di Brescia

Linee guida strategiche e policy operativa in tema di promozione della nuova imprenditorialità e Spin-off nell Università degli Studi di Brescia Linee guida strategiche e policy operativa in tema di promozione della nuova imprenditorialità e Spin-off nell Università degli Studi di Brescia maggio 2014 - ver.2.2 Indice 1. Premessa 2. Panorama normativo

Dettagli

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 IL BUSINESS PLAN Il business plan è quel documento con il quale si descrive, si pianifica e si valuta l idea imprenditoriale. In esso i promotori effettuano un'analisi

Dettagli

Denominazione Società. Business Plan

Denominazione Società. Business Plan Denominazione Società Business Plan 20 20 Analisi effettuata il XX.XX.XX A cura di: Schema di Business Plan Università degli Studi di Trento Sommario del Business Plan 0. NO DISCLOSURE E DISCLAIMER...3

Dettagli

LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE

LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE TERRACQUAMBIENTE LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE Fondata nel 1992, Sinergeo è una struttura indipendente con sede a Vicenza. Essa riunisce figure professionali altamente qualificate,

Dettagli

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO DELL ATTIVITA ESTRATTIVA 4.1 Introduzione Il business plan è lo strumento alla base di ogni processo di pianificazione sistematico ed efficace.

Dettagli

L energia geotermica

L energia geotermica Sistemi geotermici: l'energia naturale 20156 MILANO - Via B. De Rolandi, 7 Tel. 02.39273134-39200007 Fax 02.39200007 - E-mail: soildata@soildata.it - C.F. e P.IVA 11425920151 L energia geotermica Per il

Dettagli

La formazione. Master Gem edizione 2014

La formazione. Master Gem edizione 2014 La formazione per la Green economy Master Gem edizione 2014 Cosa è Master Gem Corso di alta formazione ad indirizzo specialistico in materia di green economy (energie rinnovabili, efficientamento e risparmio

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CREAZIONE E PARTECIPAZIONE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL MOLISE AGLI SPIN-OFF ACCADEMICI

REGOLAMENTO SULLA CREAZIONE E PARTECIPAZIONE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL MOLISE AGLI SPIN-OFF ACCADEMICI REGOLAMENTO SULLA CREAZIONE E PARTECIPAZIONE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL MOLISE AGLI SPIN-OFF ACCADEMICI ART. 1 Spin-off accademici. Definizione e scopi 1. L Università degli Studi del Molise (di seguito

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014.

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. PREMESSA Per partecipare al concorso è necessario compilare il modulo Progetto d impresa

Dettagli

Regolamento Premio Finale migliore Idea ProGettare Smart Cities

Regolamento Premio Finale migliore Idea ProGettare Smart Cities Regolamento Premio Finale migliore Idea ProGettare Smart Cities 1. Obiettivi generali del bando L'Università degli Studi di Perugia/Dipartimento di Ingegneria (DI), con il supporto della multinazionale

Dettagli

Forniamo servizi quali studio, progettazione, costruzione e commercializzazione di impianti di generazione di energia elettrica e calore, impianti di

Forniamo servizi quali studio, progettazione, costruzione e commercializzazione di impianti di generazione di energia elettrica e calore, impianti di C O M P A N Y P R O F I L E Forniamo servizi quali studio, progettazione, costruzione e commercializzazione di impianti di generazione di energia elettrica e calore, impianti di depurazione acqua ed aria

Dettagli

Relazione sulla gestione Bilancio abbreviato al 31/12/2013

Relazione sulla gestione Bilancio abbreviato al 31/12/2013 AGENZIA DI SVILUPPO AR.ME.NA. S.P.A. Sede legale: PIAZZA MATTEOTTI N.1 NAPOLI (NA) Iscritta al Registro Imprese di NAPOLI C.F. e numero iscrizione: 05784341215 Iscritta al R.E.A. di NAPOLI n. 775540 Capitale

Dettagli

Filippo Piscaglia Via Risorgimento, 18/A 61020 Auditore (PU) Italia +39 3774206709

Filippo Piscaglia Via Risorgimento, 18/A 61020 Auditore (PU) Italia +39 3774206709 Pag 1 CURRICULUM VITAE FILIPPO PISCAGLIA Informazioni personali Nome / Cognome Indirizzo Cellulare E-mail Via Risorgimento, 18/A 61020 Auditore (PU) Italia +39 3774206709 filippo.piscaglia@gmail.com filippo.piscaglia@uniurb.it

Dettagli

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Nota bene: qui di seguito troverete delle indicazioni per la compilazione del business plan. Per avere una idea più completa possibile della vostra

Dettagli

Lo studio fornisce un'attività specialistica

Lo studio fornisce un'attività specialistica I professionisti di Energeo realizzano studi geologici, idrogeologici, geotecnici e sismici, ai sensi della legislazione vigente; questi costituisco uno strumento indispensabile e preliminare per tutte

Dettagli

PIANO DEI CONTI COAN. CA.01.010.02.01.01 Terreni 5. CA.01.010.02.01.02 Fabbricati 5. CA.01.010.02.01.03 Impianti sportivi 5

PIANO DEI CONTI COAN. CA.01.010.02.01.01 Terreni 5. CA.01.010.02.01.02 Fabbricati 5. CA.01.010.02.01.03 Impianti sportivi 5 CA.01 ATTIVO 1 CA.01.010 IMMOBILIZZAZIONI 2 CA.01.010.01 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 3 CA.01.010.01.01 Costi di impianto, di ampliamento e di sviluppo 4 CA.01.010.01.02 Diritti di brevetto e diritti di

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di: Esaminare i prospetti economico/finanziari che compongono un Business Plan. Per rendere

Dettagli

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE REGIONE PIEMONTE BU24 12/06/2014 Finpiemonte S.p.A. - Torino Percorsi integrati per la creazione d imprese innovative spin off della ricerca pubblica estesi anche alle imprese innovative che intendono

Dettagli

Forniamo servizi quali studio, progettazione, costruzione e commercializzazione di impianti di generazione di energia elettrica e calore, impianti di

Forniamo servizi quali studio, progettazione, costruzione e commercializzazione di impianti di generazione di energia elettrica e calore, impianti di C O M P A N Y P R O F I L E Forniamo servizi quali studio, progettazione, costruzione e commercializzazione di impianti di generazione di energia elettrica e calore, impianti di depurazione acqua ed aria

Dettagli

1. Il Protocollo d Intenti tra Eni e Regione Basilicata sulla Val d Agri

1. Il Protocollo d Intenti tra Eni e Regione Basilicata sulla Val d Agri 1. Il Protocollo d Intenti tra Eni e Regione Basilicata sulla Val d Agri L anno millenovecentonovantotto il giorno 18 del mese di novembre alla ore 21,15, in Roma, presso la sede della Regione Basilicata

Dettagli

il futuro è nelle tue mani GUIDA AL GEOTERMICO

il futuro è nelle tue mani GUIDA AL GEOTERMICO il futuro è nelle tue mani GUIDA AL GEOTERMICO soluzioni per l utilizzo evoluto dell energia NELLE ABITAZIONI E NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Enel Green Power, attraverso la Rete in franchising Punto Enel Green

Dettagli

BANDI MINISTERIALI. Finprogetti

BANDI MINISTERIALI. Finprogetti APRILE 2015 NEWS - RIAPERTURA CALL SERVIZI E STUDI DI FATTIBILITA 2014 (domande dal 23 marzo al 30 aprile 2015) - BANDI CAMERALI PROVINCIA DI CUNEO BANDI MINISTERIALI ISI INAIL 2014 (simulazione per l

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

REGOLAMENTO SPIN OFF DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

REGOLAMENTO SPIN OFF DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA ALLEGATO A REGOLAMENTO SPIN OFF DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Principi generali e definizioni 1. L Università degli Studi di Genova, di seguito indicata come

Dettagli

Modulo presentazione domanda Smart REV. 3 JANNELLO FRANCESCO

Modulo presentazione domanda Smart REV. 3 JANNELLO FRANCESCO 2013 Modulo presentazione domanda Smart REV. 3 JANNELLO FRANCESCO Cognome Nome Sesso Codice fiscale Nato in provincia Comune di Data nascita Doc. riconoscimento Numero INFORMATIVA Con la presente si comunica

Dettagli

incentivi alla creazione di impresa per la "

incentivi alla creazione di impresa per la Assessorato Lavoro e Formazione POR Obiettivo 2 Competitività regionale e Occupazione 2007 2013 ASSE II OCCUPABILITÀ incentivi alla creazione di impresa per la " FAC SIMILE MODELLO DI BUSINESS PLAN SCARICABILE

Dettagli

Business Plan. Sommario. Introduzione

Business Plan. Sommario. Introduzione Business Plan Sommario 1. Introduzione 2. Definizione di Business Plan (BP) cos è? 3. Le esigenze che spingono alla redazione del BP perchè? 4. 5. Dall idea all idea di business 6. Requisiti del BP 7.

Dettagli

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale MODULO PER LA VALUTAZIONE DELLE IMPRESE DI RECENTE COSTITUZIONE PER FINANZIAMENTI DI IMPORTO SUPERIORE A 50.000,00 EURO (importi in migliaia di Euro) Immobilizzazioni Rimanenze Disponibilità Bilanci previsionali

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

Executive summary della nuova normativa sulle startup

Executive summary della nuova normativa sulle startup Executive summary della nuova normativa sulle startup Dicembre 2012 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente Ulteriori

Dettagli

Il progetto esecutivo e il progetto costruttivo delle Opere Pubbliche: Reingegnerizzazione dei processi e impiego delle tecnologie

Il progetto esecutivo e il progetto costruttivo delle Opere Pubbliche: Reingegnerizzazione dei processi e impiego delle tecnologie Pagina1 Formazione e Informazione Itinerante sui LL.PP. per la Pubblica Amministrazione, Liberi professionisti, Imprese Giornata di Studio Il progetto esecutivo e il progetto costruttivo delle Opere Pubbliche:

Dettagli

Prot. n. 05798-03 del 03.07.2014 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI SPIN-OFF DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO

Prot. n. 05798-03 del 03.07.2014 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI SPIN-OFF DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO Prot. n. 05798-03 del 03.07.2014 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI SPIN-OFF DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo; VISTO il Regolamento

Dettagli

La valorizzazione della ricerca e la costituzione di imprese innovative

La valorizzazione della ricerca e la costituzione di imprese innovative La valorizzazione della ricerca e la costituzione di imprese innovative Agenda Approccio al processo innovativo Spin Off della ricerca e Start Up innovative Il Business Plan (analisi critica di un idea

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAMI DI STATO DOTTORI COMMERCIALISTI II SESSIONE 2014 TEMI D ESAME PRIMA PROVA SCRITTA (19/11/2014) TEMA N. 1 Una società di capitali, esercente attività di fonderia, risulta produttivamente articolata

Dettagli

Executive summary della normativa sulle startup innovative

Executive summary della normativa sulle startup innovative Executive summary della normativa sulle startup innovative Gennaio 2014 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente

Dettagli

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE. sociale. Periodo 2014/2015

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE. sociale. Periodo 2014/2015 AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE Percorsi integrati per la creazione d imprese innovative spin off della ricerca pubblica estesi anche alle imprese innovative che intendono avviare

Dettagli

Piscina comunale coperta

Piscina comunale coperta Piscina comunale coperta Comune di Sommacampagna Piano economico finanziario PAGE 1 Indice Premessa..... pag. 3 Valutazione del bacino d utenza...... pag. 5 Il Progetto........ pag. 8 Piano economico finanziario

Dettagli

Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del 2009

Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del 2009 Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del RISULTATI OPERATIVI IN FORTE CRESCITA: - RICAVI: 1.625 MILIONI (1.740 NEI 9 MESI, -7%) - MARGINE OPERATIVO

Dettagli

L ANALISI DI FATTIBILITA TECNICO ECONOMICA E AMBIENTALE DEGLI IMPIANTI GEOTERMICI

L ANALISI DI FATTIBILITA TECNICO ECONOMICA E AMBIENTALE DEGLI IMPIANTI GEOTERMICI PROVINCIA DI VENEZIA SERVIZIO GEOLOGICO E TUTELA DEL TERRITORIO, GEOTERMIA AUDITORIUM PROVINCIA DI VENEZIA Convegno: Energie rinnovabili per la climatizzazione L ANALISI DI FATTIBILITA TECNICO ECONOMICA

Dettagli

Schema di riferimento per il business plan

Schema di riferimento per il business plan Schema di riferimento per il business plan 1 1. IDEA IMPRENDITORIALE 1.1 Descrizione dell idea imprenditoriale 1.2 Elementi di innovatività dell idea imprenditoriale 1.3 Relazione tra il contenuto tecnologico

Dettagli

Le Guide di MCE. mostra convegno expocomfort. Solare Termico e Geotermia: A casa tra comfort e sostenibilità risparmiando energia e denaro

Le Guide di MCE. mostra convegno expocomfort. Solare Termico e Geotermia: A casa tra comfort e sostenibilità risparmiando energia e denaro Le Guide di MCE mostra convegno expocomfort Solare Termico e Geotermia: A casa tra comfort e sostenibilità risparmiando energia e denaro Il Solare termico e la Geotermia: un risparmio energetico ed economico

Dettagli

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER TEMPORARY MANAGER Il Business Plan Temporary Manager La difficoltà non sta nel credere nelle nuove idee, ma nel fuggire dalle vecchie. John Maynard Keynes Che cosa e e a cosa serve E un documento volto

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014 COLFERT S.P.A. Sede legale: VIA DEI MILLE N. 32 - FRESCADA PREGANZIOL (TV) Iscritta al Registro Imprese di TREVISO C.F. e numero iscrizione: 00401460266 Iscritta al R.E.A. di TREVISO n. 120644 Capitale

Dettagli

LA GEOTERMIA. Carlo Tricoli, ENEA - Studi e Strategie Servizio Prospettive Tecnologiche per la Sostenibilità. Trieste, 24 ottobre 2012

LA GEOTERMIA. Carlo Tricoli, ENEA - Studi e Strategie Servizio Prospettive Tecnologiche per la Sostenibilità. Trieste, 24 ottobre 2012 LA GEOTERMIA Carlo Tricoli, ENEA - Studi e Strategie Servizio Prospettive Tecnologiche per la Sostenibilità Trieste, 24 ottobre 2012 1 CONTENUTO SITUAZIONE INTERNAZIONALE SCENARI E PREVISIONI IEA INVESTIMENITI

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine).

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine). Proposta preliminare di sviluppo di un Progetto Integrato di Frontiera (PIF FORMULARIO Nome del PIF: Area Tematica ( a scelta fra quelle indicate nell appendice 1 dell Avviso Pubblico Abstract (1 pagina

Dettagli

Guida all elaborazione del Business Plan

Guida all elaborazione del Business Plan Guida all elaborazione del Business Plan GUIDA ALL ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Titolo progetto Dare un titolo al progetto che si intende sviluppare (di norma contraddistingue il prodotto/servizio che

Dettagli

Resoconto Intermedio di Gestione 31 marzo 2009

Resoconto Intermedio di Gestione 31 marzo 2009 Resoconto Intermedio di Gestione 31 marzo 2009 Retelit S.p.A., via G. Vida 19, 20127 Milano 1 RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE 31.03.2009 Indice 1. Le cariche sociali di Retelit S.p.A. pag. 3 2. Lettera

Dettagli

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO IMPRESCINDIBILE PER FARE IMPRESA MATTEO PELLEGRINI AREA ECONOMICO FINANZIARIA LEGACOOP REGGIO EMILIA Giovedì 11 dicembre 2014 Il Business Plan è uno strumento operativo finalizzato

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

TREVI: SEMESTRE IN FORTE CRESCITA

TREVI: SEMESTRE IN FORTE CRESCITA TREVI: SEMESTRE IN FORTE CRESCITA Ricavi totali a 218 milioni di euro (+30,4%) Ebitda a 23,2 milioni (+28,6%), Ebit a 11,9 milioni (+63,2%) Risultato ante imposte a 10,3 milioni (+151,7%) Migliora la posizione

Dettagli

MAPPATURA RAGIONATA DEL PROCEDIMENTO

MAPPATURA RAGIONATA DEL PROCEDIMENTO Divisione Supporto alla Ricerca Scientifica e al Trasferimento Tecnologico MAPPATURA RAGIONATA DEL PROCEDIMENTO DI COSTITUZIONE DI SPIN OFF E START UP ACCADEMICI DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO Fasi

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

INCUBATORE START CUBE. Come raggiungerlo

INCUBATORE START CUBE. Come raggiungerlo INCUBATORE START CUBE Lo Start Cube è un incubatore universitario d impresa cioè una struttura creata a sostegno di aspiranti imprenditori con l'intento di agevolare la nascita di nuove imprese. La struttura,

Dettagli

Costruzioni, Ambiente e Territorio

Costruzioni, Ambiente e Territorio Costruzioni, Ambiente e Territorio L indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio del settore tecnologico comprende due articolazioni riferite alle aree più significative del sistema edilizio, urbanistico

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di rispondere a queste tre domande: Cosa devo concretamente scrivere in un business plan?

Dettagli

1^ edizione regionale REGOLAMENTO INDICE

1^ edizione regionale REGOLAMENTO INDICE 1^ edizione regionale REGOLAMENTO INDICE 1. Definizione del progetto e obiettivi 2. Destinatari 3. Progetti ammissibili 4. Servizi offerti e premi 5. Termini e modalità di presentazione della domanda 6.

Dettagli

un insieme di discipline che consentono di conoscere Terra e formano la figura professionale del geologo

un insieme di discipline che consentono di conoscere Terra e formano la figura professionale del geologo SCIENZE GEOLOGICHE 13-1414 Febbraio 2014 Legnaro-Agripolis SCIENZE GEOLOGICHE LAUREA DI 1 LIVELLO LAUREA MAGISTRALE Geologia e Geologia Tecnica (2 anni) DOTTORATO DI RICERCA Scienze della Terra (3 anni)

Dettagli

PIANO URBAN per un Incubatore d Impresa in Bari vecchia PROGETTO ORGANIZZATIVO ESECUTIVO E PROGRAMMA DI ATTIVITA

PIANO URBAN per un Incubatore d Impresa in Bari vecchia PROGETTO ORGANIZZATIVO ESECUTIVO E PROGRAMMA DI ATTIVITA COMUNITA EUROPEA Fondo Europeo di sviluppo regionale PIANO URBAN per un Incubatore d Impresa in Bari vecchia PROGETTO ORGANIZZATIVO ESECUTIVO E PROGRAMMA DI ATTIVITA Con il Patrocinio di La proposta progettuale

Dettagli

CRESUD S.P.A. Sede: Milano P.le Principessa Clotilde, 6. Capitale Sociale: EURO 1.450.000. i.v. Registro delle Imprese C.C.I.A.A.

CRESUD S.P.A. Sede: Milano P.le Principessa Clotilde, 6. Capitale Sociale: EURO 1.450.000. i.v. Registro delle Imprese C.C.I.A.A. CRESUD S.P.A. Sede: Milano P.le Principessa Clotilde, 6 Capitale Sociale: EURO 1.450.000. i.v. Registro delle Imprese C.C.I.A.A. Milano REA n. 1693279 Codice fiscale e partita Iva: 03508790171 NOTA INTEGRATIVA

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

BANDI MINISTERIALI. Finprogetti

BANDI MINISTERIALI. Finprogetti MARZO 2015 NEWS - RIAPERTURA CALL SERVIZI E STUDI DI FATTIBILITA 2014 (domande dal 23 marzo al 30 aprile 2015) - BANDO INAIL 2014: procedure on line dal 3 marzo al 7 maggio 2015 - SMART & START: domande

Dettagli

Il finanziamento alle imprese

Il finanziamento alle imprese Il finanziamento alle imprese Alberto Balestreri Corso di Economia ed organizzazione aziendale II ING-IND/35 Laurea Specialistica in Biotecnologie Industriali Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO TITOLO I Principi e disposizioni generali Articolo 1 Principi e finalità del regolamento 1. Il presente regolamento ha come obiettivo la

Dettagli

FONDO INVESTIMENTI PER LA PATRIMONIALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LEGGE REGIONALE N 12/2011, art.1 DGR n. 4/14 del 27/01/2015

FONDO INVESTIMENTI PER LA PATRIMONIALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LEGGE REGIONALE N 12/2011, art.1 DGR n. 4/14 del 27/01/2015 FONDO INVESTIMENTI PER LA PATRIMONIALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LEGGE REGIONALE N 12/2011, art.1 DGR n. 4/14 del 27/01/2015 Allegato 1 alla domanda di finanziamento Piano di Sviluppo Aziendale - Proposta

Dettagli

Indice...Errore. Il segnalibro non è definito.

Indice...Errore. Il segnalibro non è definito. NUOVO NIDO PER L INFANZIA Modello Economico-Finanziario Comune di Bomporto 16/02/2010 Sommario Indice...Errore. Il segnalibro non è definito. LE IPOTESI DEL MODELLO ECONOMICO E FINANZIARIO... 3 Il progetto

Dettagli

I.T. MARINONI COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO TECNOLOGIE DEL LEGNO NELLE COSTRUZIONI GEOTECNICO GRAFICA E COMUNICAZIONE

I.T. MARINONI COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO TECNOLOGIE DEL LEGNO NELLE COSTRUZIONI GEOTECNICO GRAFICA E COMUNICAZIONE I.T. MARINONI DA OLTRE 50 ANNI SUL TERRITORIO PER LA FORMAZIONE COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO TECNOLOGIE DEL LEGNO NELLE COSTRUZIONI GEOTECNICO GRAFICA E COMUNICAZIONE URBANISTICA AMBIENTE GRAFICA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Consiglio di Amministrazione di Enervit S.p.A.: Approvato il Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2011

COMUNICATO STAMPA. Il Consiglio di Amministrazione di Enervit S.p.A.: Approvato il Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2011 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Enervit S.p.A.: Approvato il Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2011 Principali risultati consolidati del primo trimestre 2011: Ricavi: pari

Dettagli

Le opportunità occupazionali: I nuovi competitor e il territorio

Le opportunità occupazionali: I nuovi competitor e il territorio Organizzazione Firenze, 15 marzo 2012 via Cavour 18, Sala della Giunta Regionale LA GEOTERMIA DEL XXI SECOLO Patrocinio REGIONE TOSCANA Le opportunità occupazionali: I nuovi competitor e il territorio

Dettagli

UNA REGIONE INTELLIGENTE, SOSTENIBILE E INCLUSIVA Confronto - dibattito sul futuro delle Marche

UNA REGIONE INTELLIGENTE, SOSTENIBILE E INCLUSIVA Confronto - dibattito sul futuro delle Marche UNA REGIONE INTELLIGENTE, SOSTENIBILE E INCLUSIVA Confronto - dibattito sul futuro delle Marche La cooperazione tra il tessuto produttivo e le istituzioni locali, comunitarie e internazionali attraverso

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN GESTIONE GLOBALE E MARKETING DELL EDILIZIA

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN GESTIONE GLOBALE E MARKETING DELL EDILIZIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA DIPARTIMENTO I T A C A UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA PRIMA FACOLTÀ DI ARCHITETTURA Ludovico Quaroni REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FERRARA - BUDGET ECONOMICO 2014

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FERRARA - BUDGET ECONOMICO 2014 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FERRARA - BUDGET ECONOMICO 2014 A. PROVENTI OPERATIVI Sede Amministrativa Dipartimenti Totali Ateneo CA.PO.10 PROVENTI PROPRI EER RICAVI ES 22.159.400,00 1.374.400,00 23.533.800,00

Dettagli

I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile

I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile Alessandra Bonoli DICAM, Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e Materiali, Università degli Studi di Bologna Per contrastare il

Dettagli

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro La dimensione economico finanziaria del business plan Davide Moro I prospetti economico finanziari Da cosa è costituito un prospetto economicofinanziario Un preventivo economico-finanziario completo richiede

Dettagli

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO ALLEGATO 5 - Pag. 1 di 9 Per le imprese di nuova costituzione (ovvero quelle costituite o che hanno avviato la propria attività non oltre tre anni prima della richiesta di ammissione al Fondo di Garanzia

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA. AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle

SCHEDA INFORMATIVA. AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle SCHEDA INFORMATIVA AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle Titolo Oggetto Codice bando Rif. legislativo Rif. pubblicazione Ente emittente Ente gestore Tipologia progettuale

Dettagli

ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT)

ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT) ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT) Sintesi dei requisiti e dei contenuti Il Piano Aziendale dovrà descrivere: la situazione iniziale dell azienda agricola e gli elementi cardine

Dettagli

www.progettoscer.it PROGETTO PILOTA per Poli Industriali PRIMO in ITALIA

www.progettoscer.it PROGETTO PILOTA per Poli Industriali PRIMO in ITALIA nuovo S istema di C limatizzazione di edifici artigianali in ambito urbano basato sulle fonti Energetiche Rinnovabili PROGETTO PILOTA per Poli Industriali PRIMO in ITALIA www.progettoscer.it Il progetto

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2013. Performance in netto miglioramento nel 3Q2013

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2013. Performance in netto miglioramento nel 3Q2013 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2013. Performance in netto miglioramento nel 3Q2013 Cagliari, 14 novembre 2013 Il Consiglio di Amministrazione di ha approvato

Dettagli

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA E dott. geol. Gianluigi Giannella IL RUOLO DEL GEOLOGO PROGETTISTA Qual è il ruolo del geologo nell esecuzione dei pozzi? Spesso è solo il tramite tra il committente e la ditta di perforazione. Altre volte

Dettagli

Indicazioni per costituzione helpdesk per lo sviluppo e la promozione della geotermia a bassa entalpia

Indicazioni per costituzione helpdesk per lo sviluppo e la promozione della geotermia a bassa entalpia Indicazioni per costituzione helpdesk per lo sviluppo e la promozione della geotermia a bassa entalpia Perchè un helpdesk? Durante l interazione con gli enti locali nell ambito del progetto Regeocities,

Dettagli

BUSINESS PLAN RICHIESTA FINANZIAMENTO JEREMIE CALABRIA DESCRIZIONE DEL PROGETTO E DEGLI INVESTIMENTI PROPOSTI

BUSINESS PLAN RICHIESTA FINANZIAMENTO JEREMIE CALABRIA DESCRIZIONE DEL PROGETTO E DEGLI INVESTIMENTI PROPOSTI BUSINESS PLAN RICHIESTA FINANZIAMENTO JEREMIE CALABRIA DESCRIZIONE DEL PROGETTO E DEGLI INVESTIMENTI PROPOSTI INDICE 1. Sintesi del progetto imprenditoriale. In che cosa consiste il progetto proposto;

Dettagli

COMUNE ACQUI TERME (AL)

COMUNE ACQUI TERME (AL) COMUNE ACQUI TERME (AL) INTEGRAZIONE SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO CITTADINO CON ANNESSO POLO TECNOLOGICO PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA ED ELETTRICA, A SERVIZIO DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA O PERTINENZA

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

Corso di Laurea di I livello in Scienze Geologiche

Corso di Laurea di I livello in Scienze Geologiche Corso di Laurea di I livello in Scienze Geologiche Largo San Leonardo Murialdo, 1 00146 Roma Tel.: 06-54888207 fax: 06-54888201 e-mail: ccl_geo@uniroma3.it Obiettivi formativi Il Corso di Laurea di i livello

Dettagli

BANDO SMART & START AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLE START-UP INNOVATIVE Dr. MISE del 24/09/2014 e successive

BANDO SMART & START AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLE START-UP INNOVATIVE Dr. MISE del 24/09/2014 e successive BANDO SMART & START AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLE START-UP INNOVATIVE Dr. MISE del 24/09/2014 e successive SOGGETTI BENEFICIARI Possono beneficiare delle agevolazioni le start-up innovative*: a) Costituite

Dettagli

GEOTERMIA A BASSA ENTALPIA IN TOSCANA: Strategie ed azioni Comuni. Esperienze degli operatori di settore nella geotermia a bassa entalpia

GEOTERMIA A BASSA ENTALPIA IN TOSCANA: Strategie ed azioni Comuni. Esperienze degli operatori di settore nella geotermia a bassa entalpia GEOTERMIA A BASSA ENTALPIA IN TOSCANA: Strategie ed azioni Comuni ScuolaSuperiore S.Anna - Pisa 21 Febbraio 2013 Esperienze degli operatori di settore nella geotermia a bassa entalpia Ing.Patrizio Pastacaldi

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA Progetto SPIN OVER Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 27 gennaio 2005 Realizzata nell ambito delle attività del progetto Spin

Dettagli

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo L'importanza del Business Plan Elementi tecnici ed economici Maurizio Longo A cosa serve un Business Plan A richiedere un finanziamento in Banca E poi??? Il BP è uno strumento dinamico che serve per capire

Dettagli