Indice. Marco Barla Matricola Pagina 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. Marco Barla Matricola 3014035 Pagina 1"

Transcript

1 Indice Sommario... 2 Main highlights... 2 Financial requirements... 3 Background... 3 Key data... 4 Legal form... 4 Historical development... 4 Product and services... 5 Costi e prezzi... 5 Market, users and competitors... 5 Progetti di vendite... 6 Location... 6 Marketing... 6 Struttura compagnia... 7 Managment information... 7 Risorse umane... 7 Lavoro... 8 Aspetti legali e sociali... 9 Financial planning... 9 Marco Barla Matricola Pagina 1

2 Sommario IL sole che sorge è una cooperativa operante da tre anni nel campo dell assistenza dei bambini e degli anziani. Si cerca di fornire un sostegno agli anziani autosufficienti o parzialmente sufficienti e ai loro cari supportandoli nelle necessità quotidiane sia di offrire un aiuto alle famiglie spesso oberate da impegni lavorativi, nella cura dei propri figli. La cooperativa è cresciuta in questi tre anni in modo costante e graduale, incrementando sia il proprio giro d affari sia, di conseguenza, il proprio personale. I soci hanno tuttavia pensato di poter incrementare ulteriormente il proprio giro d affari utilizzando i canali informatici per farsi conoscere maggiormente. L utilizzo, in particolare, di un blog con interventi da parte degli utenti determinerebbe, infatti, di incrementare la clientela, andando a incidere poco sui costi per la promozione della cooperativa stessa, essendo alcuni dei soci in grado di gestire ed aggiornare il blog stesso. Attualmente i principali canali per promuovere il sole che sorge sono stati l antico ed efficace passaparola associato al volantinaggio e a due spazi pubblicitari su un emittente locale e un settimanale. Riteniamo che il media internet potrebbe essere anche un mezzo per attirare nuovi capitali. Infatti, vista la diffusione che potrebbe avere il blog di una realtà già molto conosciuta come la nostra, si potrebbero aprire interessanti discorsi di sponsorizzazione con aziende locali. Main highlights Il sole che sorge è una cooperativa di sevizi per anziani e bambini con sede a Pieve di Teco in via Sottotenente Eula 33. La sede è munita di tre computer e uno schermo al plasma, ha una sala riunioni, due uffici di segreteria e una saletta d attesa. E inoltre nelle disponibilità della cooperativa una ludoteca a Pieve di Teco. Oltre alle riunioni con il personale e con i soci, nella sede si svolge tutta la vita amministrativa della cooperativa, si gestisce la contabilità, i turni dei dipendenti e si riceve la clientela. La cooperativa ha due impiegate a tempo pieno, una più specializzata nella contabilità, l altra che si interfaccia maggiormente con la clientela e i dipendenti. Il personale che assiste anziani e bambini viene pagato in base al numero di ore di assistenza che esegue nel corso del mese. L indirizzo della cooperativa è riuscire a soddisfare le richieste dei clienti in ambito di assistenza ad anziani e bambini distinguendosi per professionalità e cordialità. La cooperativa è nata nel gennaio del 2009 da un idea di Marco Barla che ha poi coinvolto il suo amico Enrico Verdi in quest avventura. IL 2010 è stato l anno della definitiva affermazione e nel 2011 si è verificata un ulteriore crescita. Dal punto di vista giuridico trattasi di cooperativa sociale, cosa che, in prospettiva, darebbe anche la possibilità: 1) di inserire al lavoro personale in stato di svantaggio 2) di collaborare con enti pubblici 3) di collaborare con istituti scolastici. Marco Barla Matricola Pagina 2

3 Questa forma giuridica permette inoltre di godere di particolari agevolazioni fiscali e di un favorevole regime iva. L unico costo sostenuto al momento della costituzione fu quello del notaio (circa 2000). L unico capitale di rischio è quello costituito dalla quota sociale e le scelte si delineano nell assemblea dei soci (che attualmente sono dieci). I soci sono: Marco Barla (socio fondatore), Enrico Verdi, Luca Falci. Dopo una prima fase, i ruoli sono equamente distribuiti tra i soci anche se Barla si relaziona maggiormente con i clienti, Verdi segue maggiormente la parte amministrativa, mentre Matti si interessa prevalentemente degli aspetti economici legali. Il nostro mercato di riferimento è ubicato nelle provincie di Imperia e di Savona. La collocazione della sede a Pieve di teco non è casuale, ma volta ad essere di riferimento per tutta la vallata vista l alta presenza di anziani e i numerosi paesi limitrofi. Ad oggi la nostra clientela è in media di 120 persone al mese, circa 1400 su base annua. Riteniamo che con il sempre maggior passaparola, vista la professionalità con cui operiamo e con l implementazione attraverso internet della nostra comunicazione di poter incrementare la clientela arrivando a duecento/duecentotrenta clienti mensili. Siamo, allo stato attuale, l unica cooperativa del genere a Pieve di Teco. Ne esistono altre ma sono ad Imperia (30 km) e a Ormea, quindi relativamente distanti e, pertanto, il raggio territoriale ove possiamo operare è abbastanza ampio. Non escludiamo in futuro di poter creare collaborazioni con enti pubblici e case di riposo. Questo potrebbe comportare un aumento di fatturato, ma anche la necessità di assumere personale sempre più specializzato. Financial requirements Non sono previsti nuovi investimenti nel breve termine, questi potrebbero rendersi necessari qualora si decidesse di lavorare in convenzione con case di cure e ospedali. Background Il nostro servizio principale è l assistenza a bambini ed anziani e il personale è disponibile 24h su 24h. Per gli anziani prevediamo assistenza domiciliare diurna e notturna, accompagnamento, interventi per l igiene personale, assistenza al pasto (preparazione e somministrazione), assistenza alla mobilitazione ( compresa messa a letto delle persone), assistenza in ospedale ( veglie sia notturne che diurne), aiuto al bagno, servizio badanti. I servizi sono personalizzati sull esigenza del paziente : per poche ore, occasionalmente o per un urgenza. Si possono programmare interventi assistenziali per un periodo determinato più lungo. Per i bambini forniamo un servizio di baby-sitter (diurno e notturno) per venire incontro alle famiglie, una ludoteca ( servizio per bambini della scuola elementare, luogo di gioco e di incontro per accrescere le potenzialità creative e lo sviluppo psicofisico), pre-post scuola (servizio garantito per soddisfare le esigenze di genitori che lavorano, rivolto a bambini di scuola elementare un ora prima delle lezioni e un ora dopo la fine delle stesse, all interno della scuola, attraverso attività di gioco e di lettura). Marco Barla Matricola Pagina 3

4 I nostri clienti vanno perciò dai figli ai genitori che vogliono un aiuto nel seguire i loro anziani, arrivando fino agli anziani stessi che chiedono aiuto ad esempio per fare la spesa o recarsi a visite mediche. Key data Oltre ai dieci soci della cooperativa ci sono due segretarie dipendenti full-time addette a contabilità, gestione del personale e rapporti con la clientela e venti dipendenti con contratto a chiamata i quali vengono pagati in base al numero di ore che fanno. Il fatturato dell ultimo anno della cooperativa è di , il numero di clienti di ogni mese, quindi circa 1400 su base annua. Le provincie dove agiamo sono quelle di Imperia e di Savona (principalmente nell entroterra, dove abbiamo scelto di lavorare proprio per l assenza di competitors in aree limitrofe). Legal form La forma legale da noi utilizzata è quella della cooperativa. Nessuno dei dieci soci esercita attività affini a quelle della cooperativa. Il capitale sociale iniziale è di costituito dal versamento di quote da parte dei dieci soci. A differenza di una società di persone, in una cooperativa i soci rispondono solo per il capitale sottoscritto, le responsabilità specifiche degli amministratori sono quelle legate alla gestione dell impresa. L organo sovrano che prende le decisioni è l assemblea dei soci, anche se per la gestione ordinaria viene di anno in anno nominato un consiglio di amministrazione di quattro persone. La cooperativa sociale ha la possibilità di inserire al lavoro persone in stato di disagio e/o svantaggio ( cosa che non escludiamo di fare in futuro) e può collaborare con gli enti pubblici nel campo dell assistenza e nei servizi di supporto in ambito scolastico educativo o di mediazione culturale( non lo abbiamo ancora fatto ma potrebbe essere una delle idee da sviluppare in futuro). Al momento della costituzione della cooperativa redigemmo lo statuto alla presenza del notaio e lo depositammo tramite il notaio stesso presso il registro imprese della camera di commercio. Ci fu ovviamente attribuita anche una partita iva. I soci della cooperativa non avevano esperienza specifica in quest ambito. Historical development L idea originale di questo business fu di Marco Barla che ne parlò e estese l idea ai suoi amici. La sede della cooperativa è stata da subito individuata nell entroterra proprio perché non esistevano( e non esistono tuttora) competitors e anche perché spesso chi vive in vallata deve spostarsi per motivi di lavoro verso Imperia o Savona. Marco Barla Matricola Pagina 4

5 Product and services I nostri servizi di assistenza sono volti ad aiutare le famiglie che, per motivi lavorativi o altro, necessitano di un aiuto nel seguire i bambini e gli anziani. Una volta che il cliente si mette in contatto con noi e ci spiega le sue esigenze, le nostre segretarie troveranno immediatamente la migliore soluzione per le sue necessità senza che lo stesso debba preoccuparsi di nulla. Riteniamo che il dialogo favorisca una soluzione personalizzata in quanto ogni persona e ogni nucleo famigliare ha esigenze diverse. Per chi abita nell entroterra e vuole affidare i propri cari a qualcuno vicino a casa, la nostra soluzione è, al momento, ottima in quanto non necessita particolari spostamenti, contrariamente ad altre cooperative che si trovano a 30 chilometri o più da Pieve di teco. I nostri prezzi sono perfettamente competitivi sul mercato e sono previsti forti sconti per chi decide di avvalersi per un periodo più lungo del nostro servizio. Costi e prezzi Il prezzo al pubblico è di 8 all ora per il servizio di assistenza diurna, 10 per quello di assistenza notturna. Nel caso il cliente si avvalga del nostro servizio i per più di dieci giorni consecutivi viene praticato uno sconto del 15%, inoltre forniamo ai clienti una tessera in base alla quale al raggiungimento delle 25 assistenze ne riceve una gratis. Il tutto per cercare di fidelizzare il cliente stesso e creare un rapporto sempre più duraturo. Il personale viene pagato in base alle ore di lavoro, il 60% del prezzo pagato dal cliente va al nostro dipendente( cui applichiamo la ritenuta d acconto dell 11,5%) mentre il 40% rimane acquisito dalla cooperativa. Per quanto concerne le spese per la nostra sede paghiamo 600 mensili di affitto, cui aggiungere circa 300 di spese varie (abbonamento internet, luce, acqua, pulizie); le due dipendenti full-time percepiscono uno stipendio di 1000 mensili e ci costano( compresi i contributi 3300 mensili); pertanto le spese fisse ammontano circa 4200 mensili. Abbiamo inoltre contratto un assicurazione di responsabilità civile per i locali (costo 500 annui) e una polizza di responsabilità civile dell attività (costo 1500 annui). La ludoteca è un locale di proprietà di uno dei soci e messo dallo stesso a disposizione gratuitamente all inizio dell attività. Market, users and competitors I nostri clienti sono tutti residenti a Pieve di teco e nei paesi limitrofi. Oltre alla comodità di avere una sede della cooperativa vicino puntiamo molto sulla conoscenza personale.non a caso cerchiamo di selezionare i nostri dipendenti tra le persone del posto, meglio ancora se conosciute, affinché la gente possa avere fiducia e sentirsi a casa. Il rapporto umano e la fiducia in questo lavoro riteniamo possano essere un importante valore aggiunto. I clienti comprano un servizio e per noi è fondamentale che vedano la nostra cooperativa come una famiglia estesa e nei nostri dipendenti degli amici, magari loro compaesani. Marco Barla Matricola Pagina 5

6 A noi si rivolge chi ha bambini piccoli ma, per motivi di lavoro o altro deve stare fuori casa, chi ha parenti anziani magari non autosufficienti e non può seguirli tutto il giorno. Essendo, come detto, il nostro prezzo in linea con quelli di mercato,cerchiamo tramite la conoscenza dei dipendenti e la locazione della sede di dare ai clienti un servizio migliore. Progetti di vendite Considerato che la nostra clientela è ormai fidelizzata attraverso il passaparola, pensiamo di poterci espandere ulteriormente in vallata attraverso il blog che stiamo allestendo. Ormai quasi ogni famiglia ha un collegamento ad internet ed il blog, adeguatamente realizzato, dovrebbe, da nostri calcoli, consentire di incrementare la clientela mensile dagli attuali clienti a un numero oscillante tra i 150 e i 180. Questa cifra non richiederebbe un aumento dei dipendenti full-time né la necessità di acquisire nuove strutture, ma solo un incremento dei lavoratori a chiamata, cosi che non ci sarebbe nessun costo aggiuntivo per la cooperativa. Nella peggiore delle ipotesi la clientela rimarrebbe all'incirca quella attuale o se ne discosterebbe di poche unità e il nostro unico costo sarebbe solamente nel pubblicizzare il blog, spesa che non supererebbe i In tal caso si valuterebbe l assunzione part-time di una nuova dipendente in sede il cui costo ( compresi contributi) si aggirerebbe intorno ai 1000 mensili peraltro largamente assorbito dal maggior giro d affari. Location Essendo i clienti quasi tutti nell entroterra non sono richiesti ai nostri dipendenti grandi spostamenti (essendo loro stessi ivi residenti). I nostri uffici sono sufficientemente accoglienti ed eleganti per dare una buona immagine della nostra cooperativa ed essendo in centro paese sulla strada garantiscono anche una buona visibilità. Allo stato attuale non abbiamo programmato di comprare il locale dove siamo siti perché non escludiamo in futuro di spostarci in un immobile più grosso. Marketing Originariamente la forma per promuovere la cooperativa è stata il passaparola, successivamente siamo passati al volantinaggio. In una terza fase abbiamo deciso di farci pubblicità su Imperia tv( emittente locale molto seguita in provincia) attraverso spot della durata di 30 secondi che vengono passati tutti i giorni nel corso del telegiornale e durante la giornata e attraverso una pubblicità sul settimanale La Riviera anch esso molto letto in provincia. Nei nostri spot abbiamo cercato di puntare molto sul rapporto fiduciario, sul fatto che la cooperativa è, nei soci fondanti come nei dipendenti, radicata sul territorio e quindi sulla sicurezza dei rapporti interpersonali, dal momento che, nei piccoli paesi, questo è ancora un aspetto predominante. Marco Barla Matricola Pagina 6

7 Ora stiamo preparando un blog per incrementare ulteriormente il nostro giro d affari essendo ormai internet un mezzo di comunicazione molto importante nella nostra società. La nostra idea è, anche in futuro, di promozionare la cooperativa attraverso stand in occasione di fiere e mercati in provincia al fine di farci conoscere sempre di più (esempio: alle Vele d epoca a Imperia, piuttosto che alla manifestazione d aquiloni Sol e vento dove ci sono ogni anno molti genitori e molti bambini). In questo senso stiamo pensando di ampliare la nostra gamma di brochures dove vengono spiegati i servizi da noi offerti, in quanto, in caso di stand o fiere, possono tornare molto utili. Generalmente non intercorre molto tempo da quando il cliente vede la nostra pubblicità a quando prende contatto con noi, questo perché chi si interessa al prodotto probabilmente ha già necessità di questo tipo di servizio. Ciò che può far propendere il cliente per noi piuttosto che per altri è la comodità in termini di locazione e il senso di affidabilità che cerchiamo di trasmettere. I pagamenti dei clienti avvengono dopo che hanno ricevuto il servizio, abbiamo inoltre pensato di aprire un libro dei reclami oltre a consegnare al cliente schede con il loro grado di soddisfazione nei confronti del servizio ricevuto; questo per monitorare ancora meglio il lavoro dei nostri dipendenti. Struttura compagnia Capitale sociale iniziale costituito da 10 versamenti dei 10 soci di 3000 l uno Rapporti con il pubblico: Barla Operazioni amministrativo-contabili: Verdi Operazioni legali: Matti Relazioni con i clienti: impiegati e Barla in caso di necessità Marketing e rapporti con i media: Martini Immobile ludoteca messo a disposizione a titolo gratuito da: Vassallo Managment information Generalmente l assemblea dei soci si riunisce all inizio e a metà di ogni mese per valutare la relazione del Cda in merito all attività svolta, alla necessità di investimenti, alle eventuali problematiche incontrate o in merito alla verifica dei turni dei dipendenti, opportunità di business. Settimanalmente viene verificato ( generalmente il lunedì) lo stato della liquidità bancaria per effettuare spese e pagamenti Risorse umane Le persone che compongono l assemblea dei soci sono ben assortite, lavorano perfettamente in team, come dimostrato in questi due anni e si dividono in modo complementare il lavoro in base alle loro specifiche conoscenze. Per quanto gli stessi fossero originariamente dei novizi nel settore, in questi tre anni hanno acquisito la necessaria competenza sul campo. Ovviamente l esperienza acquisita da Barla negli anni nel proprio lavoro (assicurazioni) ha favorito il suo rapporto con la clientela e con i dipendenti ed è stato in questi anni un Marco Barla Matricola Pagina 7

8 valore aggiunto alla cooperativa, così come l esperienza di Verdi (commercialista) nel settore della contabilità è stato fondamentale per il procedere dell attività stessa. Spesso sono stati necessari pareri legali e in tali casi è sempre intervenuto in prima persona l avvocato Matti. Senza dimenticare la parte marketing e il rapporto con i media curata da Marti che ha una laurea proprio in questo ambito e ha sempre consigliato la strada da seguire per le campagne pubblicitarie e la cura delle brochures. Ciascuno ha messo in campo le conoscenze acquisite nella propria vita e le ha messe a disposizione della cooperativa, importante anche il compito delle impiegate (una delle quali aveva già esperienza nello specifico settore ed è stata perciò di grande aiuto). Lavoro Barla,Verdi e Matti si occupano giornalmente della cooperativa 2 ore ognuno, anche gli altri soci, compatibilmente con i loro impegni di lavoro, sono sempre operativi. Si cerca di stabilire dei turni ogni 15 giorni in modo che vi sia sempre qualcuno in sede per seguire lo svolgimento dell attività stessa ed aiutare le impiegate. I soci hanno visto nella cooperativa assistenziale un settore dove utilizzare le proprie competenze personali e professionali, per avere soddisfazioni dal punto di vista umano nel poter aiutare gli altri ed anche per, con gli anni, accrescere il proprio guadagno senza esporsi ad eccessivi rischi in termine di capitale. Investiamo nelle persone non nelle idee è il punto forte della nostra cooperativa. L idea di una cooperativa sociale non è certo una novità, ma riteniamo che la particolarità che dà un valore aggiunto della cooperativa siano le persone che la compongono: tutte molto preparate e soprattutto tutte del territorio. Crediamo inoltre che questo potrebbe essere un vantaggio competitivo (oltre ad essere i primi ad aver iniziato) rispetto a chi volesse cimentarsi nella zona nello stesso campo. Alla base del team di lavoro ci sono inoltre ottimi rapporti interpersonali tra persone che si conoscevano già da anni, cosa che ha favorito indubbiamente lo sviluppo della cooperativa. I soci della cooperativa hanno saputo integrare al meglio le singole abilità e in questi 3 anni la continua crescita dei ricavi ne è stato il risultato. Le capacità comunicative della cooperativa, il saper prendere decisioni in modo compatto, la capacità dei singoli di negoziare in caso di differenti vedute, la capacità di porsi degli obiettivi concreti e di risolvere i problemi, l aver selezionato gli elementi della squadra e l aver individuato il leader del gruppo in Barla che era anche stato il fondatore sono aspetti che si sono rivelati determinanti. Peraltro non meno importante è stata l attenzione agli aspetti finanziari e di bilancio e la cura della fase di marketing che è in continua evoluzione con la creazione del blog. Fondamentale è anche la gestione delle risorse umane del personale e dei dipendenti e cercare di sanare eventuali discussioni e pianificare al meglio i turni. Non è mancato, alla base dei risultati ottenuti, uno spirito di squadra e una sana dose di realismo (ad esempio il non porsi obiettivi irrealizzabili e l evitare di fare passi più lunghi della gamba), realismo che significa saper ammettere gli errori (ad esempio allontanammo in passato un dipendente che non era gradito dai pazienti in quanto rispondeva in modo troppo brusco agli stessi ed era stato da noi sopravvalutato). Nessun membro della cooperativa ha mai cercato di imporsi sugli altri in modo arrogante o supponente e c è sempre stata fiducia reciproca frutto della conoscenza da lunga data. Marco Barla Matricola Pagina 8

9 I soci hanno sempre preteso il meglio dal personale, a volte quasi al limite del perfezionismo ( le schede di valutazione dei dipendenti da far compilare ai clienti sono state create proprio per questo motivo), per cercar di dare un servizio all altezza. Un certo entusiasmo da parte di tutti è stato fondamentale durante il nostro percorso di crescita in questo triennio e pur essendo molti dei componenti della cooperativa complementari tra loro dal punto di vista delle mansioni ( che sono state divise da subito in modo attento) ha sempre prevalso una visione armonica d insieme, uno spirito di amicizia e di gruppo che ha prodotto azioni di squadra e non goals frutto di azioni individuali. Aspetti legali e sociali Dal punto di vista legale abbiamo seguito tutte le procedure necessarie nel 2009 quando abbiamo deciso di aprire la cooperativa: atto costitutivo e statuto depositati presso il registro imprese, denuncia di inizio attività all ufficio iva e alla camera di commercio e infine l iscrizione all albo regionale delle cooperative sociali. Per quel che concerne il limite di ore lavorative giornaliere per il personale e i compensi l avv. Matti ha seguito e segue tuttora tutti gli aspetti legali, la cooperativa ha inoltre contratto una polizza di responsabilità civile per tutelarsi per i danni che può cagionare a terzi e anche una polizza TFR per far fronte a eventuali liquidazioni da pagare alle impiegate (è importante dal nostro punto di vista non trovarsi impreparati in caso di improvvise uscite future di soldi). Riteniamo di aver dato in questi tre anni un beneficio dal punto di vista sociale a tutta la zona. Infatti, abbiamo creato più di 20 posti di lavoro (2 fissi e gli altri con contratti a chiamata) e abbiamo soprattutto aiutato le persone che necessitavano di assistenza e volevano una struttura cui affidarsi e non una singola persona, ad evitare spostamenti di km dal momento che le uniche strutture presenti erano a questa distanza. Il nostro business non dovrebbe avere grandi rischi. Il rischio maggiore sarebbe qualora aprisse un altra cooperativa dello stesso genere in zona. Tuttavia l essere partiti per primi, l aver acquisito la fiducia della gente in questi anni e il fatto di aver scelto personale del posto oltre a prezzi in linea con il mercato dovrebbe porci al riparo da grandi rischi. Il fatto che i clienti paghino la prestazione volta per volta o al massimo settimanalmente ci pone al riparo da rischi di mancati pagamenti di grosse cifre, inoltre la nostra tipologia di attività non richiede grosse spese (quali pagamento di fornitori o simili) quindi, salvo le quelle mensili fisse per affitto, acqua, gas e stipendi delle due dipendenti full-time non abbiamo molti altri costi fissi. Financial planning Sotto il profilo finanziario le partite in entrata sono liquidate e riscosse con una scadenza che al massimo è di una settimana. Per quanto concerne le uscite seguono, in generale, la stessa periodicità delle entrate ad eccezione delle retribuzioni delle due impiegate che sono pagate alla fine del mese. Il cosiddetto personale tecnico è remunerato in proporzione ai ricavi delle prestazioni erogate (60% del corrispettivo incassato) e pagato contestualmente all incasso della prestazione Tenuto conto della liquidità generata dalla gestione corrente, anche i debiti verso fornitori sono liquidati e pagati con scadenze ravvicinate. Marco Barla Matricola Pagina 9

10 La stesura del budget economico parte dai dati consuntivi dell esercizio 2011 che prevedevano una clientela acquisita di 120 persone al mese per circa 4 ore al giorno di assistenza ciascuna e per una media di 10 giorni al mese (al prezzo di 8 all ora) I beni ammortizzabili sono rappresentati da 3 computer (costo storico 2.500), l arredamento (costo storico 4.000), schermo al plasma (costo storico 1.500). I costi d impianto ammontavano ad Le aliquote di ammortamento applicate per ciascun onere pluriennale risulta essere del 20%. La creazione del BLOG dovrebbe generare un incremento delle persone assistite che si prevede pari a 150 persone nel 2012 e di 180 nel Nel 2012 si presume sia necessario assumere un altra impiegata part time nel settore amministrativo/commerciale. CONTO ECONOMICO Ricavi per prestazioni , , ,00 costo del venduto , , ,00 utile lordo sulle prestazioni , , ,00 costi commerciali , , ,00 costi amministrativi , , ,00 reddito operativo (EBIT) , , ,00 Risultato della gestione finanziaria - 200, ,00 risultato al lordo delle imposte , , ,00 imposte 1.553, , ,50 risultato d'esercizio 9.746, , ,50 Marco Barla Matricola Pagina 10

11 riclassificazione costi 2011 costi industriali costi commerciali costi amministrativi totale personale uffici , , ,00 personale tecnico , ,00 compenso soci , , , ,00 canoni locazione 3.600, , ,00 utenze 1.200, , , ,00 assicurazioni (rc) 2.000, ,00 ammortamenti 500,00 500, , ,00 pubblicità 4.200, ,00 software amministrativi e commerciali 1.000, , ,00 oneri vari di gestione 3.000, , , , , , , , ,00 si ipotizzano le rimanenze iniziali coincidenti con quelle finali Marco Barla Matricola Pagina 11

12 riclassificazione costi 2012 costi industriali costi commerciali costi amministrativi totale personale uffici , , ,00 personale tecnico , ,00 compenso soci , , , ,00 canoni locazione 3.600, , ,00 utenze 1.334, , , ,00 assicurazioni (rc) 2.000, ,00 ammortamenti 500,00 660, , ,00 pubblicità 3.600, ,00 software amministrativi e commerciali 1.000, , ,00 oneri vari di gestione 3.000, , , , , , , , ,00 si ipotizzano le rimanenze iniziali coincidenti con quelle finali Marco Barla Matricola Pagina 12

13 riclassificazione costi 2013 costi industriali costi commerciali costi amministrativi totale personale uffici , , ,00 personale tecnico , ,00 compenso soci , , , ,00 canoni locazione 4.000, , ,00 utenze 1.334, , , ,00 assicurazioni (rc) 2.000, ,00 ammortamenti 500,00 660, , ,00 pubblicità 3.600, ,00 software amministrativi e commerciali 1.000, , ,00 oneri vari di gestione 3.000, , , , , , , , ,00 si ipotizzano le rimanenze iniziali coincidenti con quelle finali La situazione patrimoniale che emerge, tenuto conto che l unico investimento previsto è rappresentato dal blog risulta essere la seguente: Marco Barla Matricola Pagina 13

14 CREDITI V SOCI IMMOBILIZZAZIONI IMPIEGHI situazione patrimoniale FONTI DI FINANZIAMENTO IMMOB IMMATER. 800, ,00 480,00 F.DI ONERI E RISCHI PATRIMONIO NETTO , , ,75 IMMOB MATERIALI 2.400, ,00 - TFR TOT IMMOBILIZZAZIONI 3.200, ,00 480,00 ATTIVO CIRCOLANTE DEBITI 3.900, , ,00 RIMANENZE 200,00 200,00 200,00 CREDITI 500,00 800, ,00 RATEI E RSCONTI LIQUIDI , , ,75 TOT ATTIVO CIRCOLANTE , , ,75 RATEI E RISCONTI TOTALE IMPIEGHI , , ,75 TOT PASS + NETTO , , ,75 I più significativi indici economici/finanziari risultano i seguenti: ROE=UTILE/CAP PROPRIO 33,64 53,35 77,16 ROI=EBIT/IMPIEGHI 35,10 59,00 83,94 LEVERAGE=IMPIEGHI/CP 1,13 1,05 1,02 Da tali indicatori emerge una elevata redditività ed una capacità significativa di espansione dell azienda con ricorso al capitale di terzi Marco Barla Matricola Pagina 14

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 GLI ADEMPIMENTI CONTABILI E FISCALI: I

Dettagli

GEsTIonE DEllE risorse umane, bilancio D EsErCIzIo, reddito fiscale, scritture D AssEsTAmEnTo

GEsTIonE DEllE risorse umane, bilancio D EsErCIzIo, reddito fiscale, scritture D AssEsTAmEnTo Temi in preparazione alla maturità GEsTIonE DEllE risorse umane, bilancio D EsErCIzIo, reddito fiscale, scritture D AssEsTAmEnTo di riccardo VAnDA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 materia: EConomIA D AzIEnDA (Classe

Dettagli

FIARC. FIARC FEDERAZIONE ITALIANA ARCIERI DI CAMPAGNA 20142 MILANO (MI) Codice Fiscale 08888610154. Bilancio al 31/12/2012

FIARC. FIARC FEDERAZIONE ITALIANA ARCIERI DI CAMPAGNA 20142 MILANO (MI) Codice Fiscale 08888610154. Bilancio al 31/12/2012 FIARC FIARC FEDERAZIONE ITALIANA ARCIERI DI CAMPAGNA 20142 MILANO (MI) Codice Fiscale 08888610154 Bilancio al 31/12/2012 Stato patrimoniale attivo 31/12/2012 31/12/2011 A) Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

Lezioni di ECONOMIA AZIENDALE Prof. Bruno RICAMO I.T.C. "G.R. CARLI" Corsi Serali

Lezioni di ECONOMIA AZIENDALE Prof. Bruno RICAMO I.T.C. G.R. CARLI Corsi Serali Lezioni di ECONOMIA AZIENDALE Prof. Bruno RICAMO I.T.C. "G.R. CARLI" Corsi Serali Il giorno 1/1/22 l'azienda ACME presenta la seguente situazione contabile: ATTIVITA' PASSIVITA' e C. N. fabbricati 212.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO ECONOMICO - PATRIMONIALE. Maggio 2008

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO ECONOMICO - PATRIMONIALE. Maggio 2008 LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO ECONOMICO - PATRIMONIALE Maggio 2008 Premessa Tutte le Auser devono per Statuto redigere un bilancio annuale costituito da: Stato patrimoniale; Conto Economico.

Dettagli

COME ELABORARE IL TUO PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

COME ELABORARE IL TUO PIANO ECONOMICO FINANZIARIO COME ELABORARE IL TUO PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Guida alla stesura del Piano Economico Finanziario per verificare la fattibilità e la sostenibilità del progetto Millionaire Digital Edition A cura del

Dettagli

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2015 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzi: Amministrazione, Finanza e Marketing e Articolazione Sistemi informativi aziendali Svolgimento

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di: Esaminare i prospetti economico/finanziari che compongono un Business Plan. Per rendere

Dettagli

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro Anno 2012 Diritto del Lavoro - Premesso il concetto di assicurazione sociale, il candidato illustri i principali adempimenti del datore di lavoro nei confronti di I.N.P.S. ed I.N.A.I.L., sia all inizio

Dettagli

Rendiconto O.U.A. 2013. Il rendiconto OUA 2013 presenta un risultato di sostanziale pareggio, sia in termini economici che

Rendiconto O.U.A. 2013. Il rendiconto OUA 2013 presenta un risultato di sostanziale pareggio, sia in termini economici che Rendiconto O.U.A. 2013 Premessa Il rendiconto OUA 2013 presenta un risultato di sostanziale pareggio, sia in termini economici che finanziari. È opportuno precisare che tale risultato, dipeso anche dall

Dettagli

RELAZIONE AL BILANCIO CONSUNTIVO

RELAZIONE AL BILANCIO CONSUNTIVO RELAZIONE AL BILANCIO CONSUNTIVO 2010 E BILANCIO PREVENTIVO 2011 ****** ****** 1 Care colleghe e cari colleghi, anche quest anno siamo qui riuniti in assemblea per l approvazione del bilancio consuntivo

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO LA GESTIONE E IL PATRIMONIO DELLE AZIENDE DI EROGAZIONE Sommario: 1. Introduzione. - 2. La gestione nelle aziende di erogazione. - 3. L aspetto finanziario della gestione. - 4. L aspetto

Dettagli

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali A.A. 2013-2014 Prof. Attilio Bruni Corso di Laurea in Comunicazione d Impresa, Marketing e Nuovi Media Il modello operativo I bilanci previsionali

Dettagli

ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 16 RENDICONTO FINANZIARIO A cura di N. Pecchiari

ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 16 RENDICONTO FINANZIARIO A cura di N. Pecchiari 1 ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 16 RENDICONTO FINANZIARIO A cura di N. Pecchiari ESERCIZIO (1) Variazioni del reddito, patrimonio, CCN e cassa Si ipotizzi di analizzare il bilancio della azienda BETA chiuso

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

Srl La predisposizione del piano finanziario

Srl La predisposizione del piano finanziario Srl La predisposizione del piano finanziario 1 Srl stato patrimoniale al 31/12/24 Attività Passività Software e licenze 55., 22., Impianti generici 15., 28., Mobili ed arredi 124., 12., Macchine elettroniche

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

Piscina comunale coperta

Piscina comunale coperta Piscina comunale coperta Comune di Sommacampagna Piano economico finanziario PAGE 1 Indice Premessa..... pag. 3 Valutazione del bacino d utenza...... pag. 5 Il Progetto........ pag. 8 Piano economico finanziario

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività:

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività: Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sulla scomposizione del reddito di esercizio nei risultati parziali generati

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE PROGETTO MERCURIO - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 20 ) Operazioni relative

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI 1 APERTURA PARTITA I.V.A. Lo psicologo che svolge in modo abituale e senza vincolo di subordinazione la propria

Dettagli

A.P.S.P. CASA LANER - FOLGARIA

A.P.S.P. CASA LANER - FOLGARIA A.P.S.P. CASA LANER FOLGARIA BUDGET 2011 L1 L2 L3 L4 L5 L6 S o t t o c o n t o Budget 2010 Budget 2011 ECONOMICO RICAVI 2.836.142,05 2.841.600,00 3 CONTO ECONOMICO 1 VALORE DELLA PRODUZIONE 2.836.142,05

Dettagli

ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE

ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE DEL 03 LUGLIO 2008 I Il candidato illustri le finalità economico

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: Capitale sociale: 10.400,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: C.E.A.M. CULTURA E ATTIVITA' MISSIONARIA SRL VIA

Dettagli

Le principali scritture di fine esercizio

Le principali scritture di fine esercizio Le principali scritture di fine esercizio A cura di: Dott Renzo Gangai Alberton Dott Cristian Gangai Alberton Dott.ssa Michela Bettella Dott Maurizio Reffo Prima di procedere con la rilevazione delle scritture

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

1. Indicare se le seguenti affermazioni sono VERE o FALSE VERO FALSO

1. Indicare se le seguenti affermazioni sono VERE o FALSE VERO FALSO 1. Indicare se le seguenti affermazioni sono VERE o FALSE VERO FALSO Nel codice civile non sono presenti principi contabili. per correttezza tecnica come clausola generale di formazione del bilancio si

Dettagli

Piano dei conti per competenza

Piano dei conti per competenza Piano dei conti per competenza PATRIMONIALE: da prima apertura contabile movimento i conti con saldo diverso da zero al 31 dicembre dell anno precedente. Il conto Patrimoniale, attivo e passivo, evidenzia

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA Anno 2000 Tema di: ECONOMIA AZIENDALE Il candidato sta esaminando, con alcuni amici neo-diplomati, la possibilità di iniziare un attività imprenditoriale in

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

Nota integrativa e Relazione sulla Gestione al bilancio chiuso il 31/12/2014 (Art. 33 del Regolamento di Amministrazione e Contabilità dell Ente)

Nota integrativa e Relazione sulla Gestione al bilancio chiuso il 31/12/2014 (Art. 33 del Regolamento di Amministrazione e Contabilità dell Ente) ORDINE DEGLI AVVOCATI DI RIMINI Palazzo di Giustizia Via Carlo Alberto dalla Chiesa, n. 11 47923 RIMINI RN Tel. 0541.389924 Fax 0541.395029 C.F.: 82012430409 E-mail: info@avvocati.rimini.it Sito Internet:

Dettagli

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 a cura di Ericka Costa SCRITTURE IN P.D. 1. L utile dell esercizio precedente viene distribuito come segue: 7.000 tra i soci,

Dettagli

Usando la cassa come misura della liquidità, l azienda è più o meno liquida alla fine dell esercizio di quanto fosse al 1 gennaio?

Usando la cassa come misura della liquidità, l azienda è più o meno liquida alla fine dell esercizio di quanto fosse al 1 gennaio? Copyright 2008 The Companies srl Capitolo 5 Il conto economico e la misurazione dei costi Problemi Problema 5-1 Ace SpA opera in un economia con alti livelli inflazionistici. Il 1 gennaio l indice dei

Dettagli

GARA NAZIONALE SIA 2015 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

GARA NAZIONALE SIA 2015 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE TECNICA E LICEALE Galileo Galilei GARA NAZIONALE SIA 2015 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE Firenze, 7 maggio 2015 E consentito l uso: - del codice Civile - della calcolatrice

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CHIUSO AL 31/12/2014

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CHIUSO AL 31/12/2014 AIC Associazione Italiana Celiachia Piemonte Valle d Aosta - ONLUS Sede in Torino (TO) Via Guido Reni, 96 int. 99 Codice Fiscale 97581930019 P Iva 08710070015 REA 1038379 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CHIUSO

Dettagli

FONDAZIONE VIALLI E MAURO PER LA RICERCA E LO SPORT - ONLUS

FONDAZIONE VIALLI E MAURO PER LA RICERCA E LO SPORT - ONLUS FONDAZIONE VIALLI E MAURO PER LA RICERCA E LO SPORT - ONLUS NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO AL 31.12.2007 La Fondazione Vialli e Mauro per la Ricerca e lo Sport Onlus, è un ente che non svolge attività commerciale

Dettagli

AMREF ITALIA ONLUS. Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2010

AMREF ITALIA ONLUS. Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2010 AMREF ITALIA ONLUS Sede in ROMA, VIA BOEZIO 17 Cod.Fiscale 97056980580 Partita IVA 05471171008 Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2010 AMREF ITALIA ONLUS Sede in ROMA Via Boezio 17 Cod. Fiscale

Dettagli

IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili)

IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili) IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili) IMPOSTA INDIRETTA sui consumi che si applica alle: 1. cessioni di beni; 2. prestazioni di servizi; compiute nel territorio

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA IL TRATTAMENTO CONTINUATIVO E SISTEMATICO DEL FLUSSO INFORMATIVO CONSENTE L

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DI CONTABILITA'

REGOLAMENTO INTERNO DI CONTABILITA' Centro Residenziale per Anziani Umberto Primo (CRAUP) di Piove di Sacco REGOLAMENTO INTERNO DI CONTABILITA' in esecuzione all'articolo 8, comma 2, Legge Regionale 23 novembre 2012, n. 43 (approvato con

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

AL LAVORO! HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca -

AL LAVORO! HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca - AL LAVORO HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca - 1 Azienda E il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa.

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

Stampa Bilancio Dal 01/01/2013 Al 31/12/2013 (Artt. 2424 e 2424-bis)

Stampa Bilancio Dal 01/01/2013 Al 31/12/2013 (Artt. 2424 e 2424-bis) Pag. 1 CONTO ECONOMICO A) Valore della produzione 2.337.018,68 2.304.701,40 RICAVI DA VENDITE E PRESTAZIONI 2.260.952,32 2.245.293,22 RICAVI R.S.A. - CASA DI SOGGIORNO 2.090.612,80 2.096.274,38 RICAVI

Dettagli

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo di Riccardo Barni PARTE I SCOPO DEL BUSINESS PLAN 1. A COSA SERVE IL B. P. A determinare i progetti futuri A verificare il raggiungimento degli obiettivi A reperire

Dettagli

FONDAZIONE PIERO E LUCILLE CORTI - ONLUS SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 30/06/2013. - Programmi software 355,05 710,00 355,05 710,00

FONDAZIONE PIERO E LUCILLE CORTI - ONLUS SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 30/06/2013. - Programmi software 355,05 710,00 355,05 710,00 FONDAZIONE PIERO E LUCILLE CORTI - ONLUS SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 30/06/2013 STATO PATRIMONIALE 30/06/2013 30/06/2012 ATTIVITA' Immobilizzazioni immateriali - Programmi software 355,05 710,00

Dettagli

CIS RUBICONE SOC.COOP.SOC.ARL ONLUS

CIS RUBICONE SOC.COOP.SOC.ARL ONLUS CIS RUBICONE SOC.COOP.SOC.ARL ONLUS Sede in VIA ANTOLINA, 273 SAVIGNANO SUL RUBICONE Codice Fiscale 01465520409 - Numero Rea 197375 197375 P.I.: 01465520409 Capitale Sociale Euro 12377.12 Forma giuridica:

Dettagli

IL COSTO DI ACQUISTO E DI PRODUZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

IL COSTO DI ACQUISTO E DI PRODUZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI IL COSTO DI ACQUISTO E DI PRODUZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI La società industriale Alfa S.p.A. deve redigere il Bilancio dell esercizio 20x5 ai sensi della normativa nazionale. A tal fine, si

Dettagli

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della Temi in preparazione alla maturità Ammortamento, contabilizzazione delle operazioni di gestione e di assestamento, bilancio sintetico a stati comparati, prospetti della Nota integrativa, calcolo delle

Dettagli

CONTI PATRIMONIALI (E FINANZIARI )

CONTI PATRIMONIALI (E FINANZIARI ) IL BILANCIO D ESERCIZIO: COSA E E COME SI LEGGE (e soprattutto come si utilizza nel controllo di gestione dell impresa) STATO PATRIMONIALE = FOTOGRAFIA DEL PATRIMONIO CONTO ECONOMICO = FILM DELLA GESTIONE

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

RICHIESTA DI ADESIONE AL CIRCUITO DI CREDITO COMMERCIALE in Moneta Complementare VENEX

RICHIESTA DI ADESIONE AL CIRCUITO DI CREDITO COMMERCIALE in Moneta Complementare VENEX RICHIESTA DI ADESIONE AL CIRCUITO DI CREDITO COMMERCIALE in Moneta Complementare VENEX Al Comitato Promotore di VEN-EXCHANGE Via Niccolò Tommaseo, 69 35131 - Padova (PD) Il sottoscritto nato a residente

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING Temi in preparazione alla maturità ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Materie: Economia aziendale (Classe 5 a Istituto Tecnico e Istituto

Dettagli

RENDICONTO FINANZIARIO GESTIONALE

RENDICONTO FINANZIARIO GESTIONALE NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE DEL TESORIERE SUL BILANCIO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO 2014 E SUL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2015 BILANCIO CONSUNTIVO AL 31 DICEMBRE 2014 Egregi Colleghi, il bilancio

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE Business Plan (PIANO DI IMPRESA) DELL IMPRESA CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE PAGE \*Arabic 1 PARTE DESCRITTIVA Parte generale a a descrizione dell impresa: - denominazione - forma giuridica

Dettagli

CRESUD S.P.A. Sede: Milano P.le Principessa Clotilde, 6. Capitale Sociale: EURO 1.450.000. i.v. Registro delle Imprese C.C.I.A.A.

CRESUD S.P.A. Sede: Milano P.le Principessa Clotilde, 6. Capitale Sociale: EURO 1.450.000. i.v. Registro delle Imprese C.C.I.A.A. CRESUD S.P.A. Sede: Milano P.le Principessa Clotilde, 6 Capitale Sociale: EURO 1.450.000. i.v. Registro delle Imprese C.C.I.A.A. Milano REA n. 1693279 Codice fiscale e partita Iva: 03508790171 NOTA INTEGRATIVA

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI ESERCIZIO AL 31/12/2013 VALORI ESPRESSI IN UNITA DI EURO

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI ESERCIZIO AL 31/12/2013 VALORI ESPRESSI IN UNITA DI EURO 1 GIOVANI E AMICI COOPERATIVA SOCIALE A RL Sede in TERRASSA PADOVANA, VIA NAVEGAURO, 50 Codice Fiscale e Partita Iva: 02269930281 Iscrizione Albo Cooperative n. A122759 Sezione Cooperative Mutualità Prevalente

Dettagli

Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM. Glossario. dei principali termini finanziari di uso quotidiano

Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM. Glossario. dei principali termini finanziari di uso quotidiano Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM dei principali termini finanziari di uso quotidiano IL PROGETTO MEDIARE.COM La presente pubblicazione è stata curata da

Dettagli

Nota integrativa al Bilancio al 31 Dicembre 2012

Nota integrativa al Bilancio al 31 Dicembre 2012 Nota integrativa al Bilancio al 31 Dicembre 2012 Introduzione Ai sensi delle disposizioni contenute nel Codice Civile in tema di bilancio di esercizio e in ottemperanza a quanto previsto dall art. 2427,

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

BILANCIO CONSUNTIVO ANNO 2014

BILANCIO CONSUNTIVO ANNO 2014 BILANCIO CONSUNTIVO ANNO 2014 DOCUMENTI ALLEGATI: Allegato 1 CONTO DEL BILANCIO COMPRENDENTE IL RENDICONTO FINANZIARIO DECISIONALE Allegato 1/A CONTO DEL BILANCIO COMPRENDENTE IL RENDICONTO FINANZIARIO

Dettagli

Milano, 30 marzo 2004

Milano, 30 marzo 2004 Milano, 30 marzo 2004 Gruppo TOD S: crescita del fatturato (+8.1% a cambi costanti). Continua la politica di forte sviluppo degli investimenti. 24 nuovi punti vendita nel 2003. TOD S Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS. BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2008 (segue): NOTA INTEGRATIVA

FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS. BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2008 (segue): NOTA INTEGRATIVA FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS Decr. G. R. Lombardia n. 49873 del 19 maggio 2000 Como - via Raimondi n. 1 Codice fiscale n. 95062550132 BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2008 (segue): NOTA

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A.

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. Sede ad Annone Veneto (VE), Viale Trieste, n. 11 Capitale sociale: 7.993.843, i.v. Codice fiscale, partita IVA e n. di iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

PUBLICOM SRL - UNIPERSONALE

PUBLICOM SRL - UNIPERSONALE PUBLICOM SRL - UNIPERSONALE Sede in PISTOIA Codice Fiscale 01440660478 - Numero Rea PISTOIA 149810 P.I.: 01440660478 Capitale Sociale Euro 14.295 i.v. Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA

Dettagli

ORGANIGRAMMA. STAFF ASP VALLONI allegato a delibera Cda n. 19 del 06.07.2012. Assemblea dei Soci. Collegio dei Revisori.

ORGANIGRAMMA. STAFF ASP VALLONI allegato a delibera Cda n. 19 del 06.07.2012. Assemblea dei Soci. Collegio dei Revisori. ORGANIGRAMMA Collegio dei Revisori Assemblea dei Soci Cda - Presidenza Direzione Generale Amministrazione, Finanza e Controllo di Gestione Risorse Umane, Organizzazione e Qualità Appalti e Forniture Sistemi

Dettagli

La destinazione e la distribuzione dell utile. Acconti su dividendi.

La destinazione e la distribuzione dell utile. Acconti su dividendi. La destinazione e la distribuzione dell utile. Acconti su dividendi. 1) La destinazione dell utile: a) aspetti normativi L art. 2364, comma 2, c.c. dispone che L assemblea ordinaria deve essere convocata

Dettagli

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali di Luciano Olivieri SOMMARIO Pag. riore alla metà dei coefficienti presi a base per il calcolo degli ammortamenti. 1. Premessa 2. La deducibilità degli ammortamenti

Dettagli

Relazione sulla gestione del Comitato - Anno 2011 Nota integrativa al Bilancio e Relazione di Missione

Relazione sulla gestione del Comitato - Anno 2011 Nota integrativa al Bilancio e Relazione di Missione WWW.TORCARBONE-FOTOGRAFIA.IT COMITATO DI QUARTIERE TORCARBONE-FOTOGRAFIA Relazione sulla gestione del Comitato - Anno 2011 Nota integrativa al Bilancio e Relazione di Missione La nostra associazione Comitato

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

ALLEGATOA1 alla Dgr n. 780 del 21 maggio 2013 pag. 1/12

ALLEGATOA1 alla Dgr n. 780 del 21 maggio 2013 pag. 1/12 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA1 alla Dgr n. 780 del 21 maggio 2013 pag. 1/12 Piano dei conti ATTIVITA' CREDITI PER QUOTE ASSOCIATIVE DA INCASSARE Crediti per quote associative da incassare Crediti

Dettagli

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 -

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 40 ) Operazioni relative alla S.p.A.:

Dettagli

Progetto di Affiliazione Professionale Mallison

Progetto di Affiliazione Professionale Mallison Progetto di Affiliazione Professionale Mallison Cos è Mallison: il Modello Il modello Mallison è semplice: concentrarsi nel fornire servizi amministrativi, contabili, fiscali e paghe alle small business.

Dettagli

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7.1 Introduzione Una delle conseguenze più rilevanti sotto il profilo economico, del primo conflitto mondiale, è stata la crisi di Wallstreet; la quale trova fondamento

Dettagli

VK24U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2013. Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore

VK24U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2013. Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2013 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore 2014 VK24U 74.90.12 Consulenza agraria fornita da agrotecnici e periti

Dettagli

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Traccia di Economia aziendale di Emanuele Perucci Il candidato, dopo aver sinteticamente illustrato le varie forme di finanziamento

Dettagli

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CECINA - VIA MAGONA, ND Fondo consortile Euro 186.000 di cui versato Euro 172.114 Iscritta alla C.C.I.A.A. di LIVORNO Codice Fiscale e N. iscrizione Registro Imprese 01228620496 Partita IVA: 01228620496

Dettagli

STUDIO RETRIBUTIVO - ROMA

STUDIO RETRIBUTIVO - ROMA STUDIO RETRIBUTIVO - ROMA Page Personnel, agenzia per il lavoro, è specializzata nella selezione di personale qualificato da inserire sia con la somministrazione di lavoro temporaneo sia mediante assunzioni

Dettagli

FINPESCA S.R.L. Relazione sulla Gestione al Bilancio chiuso il 31/12/2008

FINPESCA S.R.L. Relazione sulla Gestione al Bilancio chiuso il 31/12/2008 Sede in Via delle Industrie, 7-45014 Porto Viro (RO) Capitale sociale di euro 1.000.000 i.v. Registro delle imprese di Rovigo e codice fiscale: 01025200294 REA di Rovigo: 110161 Relazione sulla Gestione

Dettagli

STATUTO DELLA SOCIETÁ ITALIANA PER IL GAS PER AZIONI DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA DELLA SOCIETÁ CAPITALE OBBLIGAZIONI E ALTRI TITOLI DI DEBITO

STATUTO DELLA SOCIETÁ ITALIANA PER IL GAS PER AZIONI DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA DELLA SOCIETÁ CAPITALE OBBLIGAZIONI E ALTRI TITOLI DI DEBITO STATUTO DELLA SOCIETÁ ITALIANA PER IL GAS PER AZIONI DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA DELLA SOCIETÁ CAPITALE OBBLIGAZIONI E ALTRI TITOLI DI DEBITO Articolo 1 La Società Italiana per il Gas per Azioni,

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 Premessa Il bilancio consuntivo dell'esercizio chiuso al 31 dicembre 2013, composto da Stato Patrimoniale, Conto Economico e Nota Integrativa,

Dettagli

Intraprendendo. www.intraprendendo.com

Intraprendendo. www.intraprendendo.com Business Plan la guida Intraprendendo 2012 Noi di Intraprendendo crediamo che lo sviluppo dell economia non sia altro che la somma della crescita nostra e delle nostre aziende e che fare impresa e farla

Dettagli

Linee Guida per l ammissibilità delle spese

Linee Guida per l ammissibilità delle spese Regione Puglia Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva Settore Politiche Giovanili e Sport PRINCIPI ATTIVI Giovani idee per una Puglia migliore Linee Guida per l ammissibilità delle spese Con

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 UN REGIME NATURALE... 3 GLI ADEMPIMENTI

Dettagli

ORDINE DEI GIORNALISTI Consiglio Regionale delle Marche Via G. Leopardi, 2-60122 Ancona - tel 071/57237 fax 071/2083065

ORDINE DEI GIORNALISTI Consiglio Regionale delle Marche Via G. Leopardi, 2-60122 Ancona - tel 071/57237 fax 071/2083065 ORDINE DEI GIORNALISTI Consiglio Regionale delle Marche Via G. Leopardi, 2-60122 Ancona - tel 071/57237 fax 071/2083065 Bilancio consuntivo chiuso il 31/12/2014 A) STATO PATRIMONIALE ATTIVITA' 2014 2013

Dettagli

PROTOCOLLO di INTESA per la realizzazione di strutture regionali antiviolenza di cui alla l.r. 12/2007

PROTOCOLLO di INTESA per la realizzazione di strutture regionali antiviolenza di cui alla l.r. 12/2007 Staff della - Servizio ALL. A PROTOCOLLO di INTESA per la realizzazione di strutture regionali antiviolenza di cui alla l.r. 12/2007 tra REGIONE LIGURIA rappresentata dall Assessore alle Pari Opportunità

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014.

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. PREMESSA Per partecipare al concorso è necessario compilare il modulo Progetto d impresa

Dettagli

OIC 18 Ratei e Risconti Sintesi dei principali interventi

OIC 18 Ratei e Risconti Sintesi dei principali interventi OIC 18 Ratei e Risconti Sintesi dei principali interventi La disciplina dei ratei e risconti è ampliata prevedendo ulteriori disposizioni sulle condizioni per la loro rilevazione in bilancio. La disciplina

Dettagli

RATEI ATTIVI E PASSIVI

RATEI ATTIVI E PASSIVI RATEI ATTIVI E PASSIVI Costituiscono ratei attivi o passivi rispettivamente i crediti o debiti, relativi a ricavi o costi di competenza dell esercizio che si chiude e di esercizi successivi, i quali avranno

Dettagli

You need the blue way to grow your business

You need the blue way to grow your business You need the blue way to grow your business COMUNICAZIONE GRAFICA ORGANIZZAZIONE EVENTI A SCOPO BENEFICO Un team di professionisti, a disposizione delle organizzazioni NO PROFIT, in grado di farsi carico

Dettagli

Servizio di Assistenza. Domiciliare. Una mano tesa alla famiglia

Servizio di Assistenza. Domiciliare. Una mano tesa alla famiglia Servizio di Assistenza Domiciliare Una mano tesa alla famiglia Carta del Servizio 1 SOMMARIO Perché una Carta del Servizio?... 3 Presentazione del servizio... 3 Organizzazione del servizio... 4 Tariffe...

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 RETAIL Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre ai propri

Dettagli