DOPO L ATTO PRIMO. Intervento cofinanziato dall U.E. - F.E.S.R. POR Puglia 2000/2006 Misura 6.2 Azione c) Progetto Avanzare - Codice 27.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOPO L ATTO PRIMO. Intervento cofinanziato dall U.E. - F.E.S.R. POR Puglia 2000/2006 Misura 6.2 Azione c) Progetto Avanzare - Codice 27."

Transcript

1 DOPO L ATTO PRIMO Intervento cofinanziato dall U.E. - F.E.S.R. POR Puglia 2000/2006 Misura 6.2 Azione c) Progetto Avanzare - Codice 27 energym business plan bp_energym uso documento: pubblico Redatto da: garuccio Carlo, terranova Lucia Monica Verificato da: approvato da: project manager vito manzari

2 Sommario Premessa... 3 Diritti di Autore e Clausole di Riservatezza Descrizione del business Analisi dell impresa Analisi del prodotto e del servizio Analisi di mercato Analisi del settore La concorrenza Fornitori Le strategie Il piano operativo Struttura e management Dimensione economico finanziaria Ipotesi alla base dell esposozione dei dati Flussi in entrata Flussi in uscita Allegati Allegato I...22 Allegato II...24 Allegato III...27 Allegato IV _energym.doc Pagina 2 di 29

3 Premessa Il presente documento costituisce materiale prodotto nell ambito dell iniziativa Avanzare finanziata dal POR Puglia Misura 6.2 c) promossa e realizzata dal Consorzio Costellazione Apulia, Sud Sistemi Srl e Harold Srl. Diritti di Autore e Clausole di Riservatezza. Il presente documento è ad uso esclusivo del suddetto Progetto Avanzare. È vietata, pertanto, la riproduzione non autorizzata, per usi esterni al progetto _energym.doc Pagina 3 di 29

4 1 Descrizione del business Questa prima parte si prefigge lo scopo di illustrare il business attraverso una descrizione dell impresa che si andrà a costituire, del prodotto e del relativo servizio offerto da tale impresa, del mercato in cui l impresa andrà ad operare ed, infine, delle strategie che saranno adottate. 1.1 Analisi dell impresa Si prevede di fondare una nuova impresa che sviluppi e commercializzi un prodotto innovativo e offra allo stesso tempo una serie di servizi connessi al prodotto stesso. Tale impresa dovrà denominarsi Energym e si dovrà dotare di un marchio omonimo che le consentirà di caratterizzare in modo univoco e distintivo il proprio prodotto e servizio. Affinché la nuova impresa possa diventare operativa, bisogna avviare le fasi e attività di start up di un nuovo business che saranno illustrate nel dettaglio nel corso di questo business plan. 1.2 Analisi del prodotto e del servizio Il prodotto e il servizio proposti dalla Energym si rivolgono al mercato del fitness con l obiettivo di fornire gli strumenti tecnici, informatici e gestionali per poter implementare un nuovo modo di vivere la palestra. La business idea alla base della Energym è la risposta ad un duplice bisogno: da una parte il rilevante incremento di sensibilità della nostra società alle tematiche ambientali, dall altra la necessità dei centri fitness di una maggiore differenziazione al fine di ottenere un più alto vantaggio competitivo. L Energym, infatti, offre la possibilità ai centri fitness di disporre di attrezzature ginniche che permettano di convertire l energia meccanica prodotta dall atleta, attraverso il suo sforzo fisico, in energia elettrica. Tale energia sarà poi accumulata in appositi accumulatori che la renderanno disponibile ad alimentare l illuminazione dei locali, la climatizzazione degli stessi o un qualsiasi altro dispositivo elettrico _energym.doc Pagina 4 di 29

5 Il componente installato sui macchinari e il relativo flusso energetico saranno gestiti, controllati e monitorati da un software informatico appositamente elaborato. Tale supporto gestionale permetterà comunque di gestire in modo completo e integrato tutte le altre funzioni e attività tipiche di un centro fitness: dal controllo accessi alla contabilità, dalle schede di allenamento al monitoraggio statistico del centro. Il core business dell Energym consiste quindi non solo nel fornire il componente, l impianto i vari servizi associati e il software, ma soprattutto nel creare un circuito di centri fitness dislocato sul territorio, identificabile con il marchio stesso della Energym cui le palestre possono affiliarsi. L adesione al circuito e l implementazione del componente per i macchinari crea numerosi vantaggi: Un risparmio energetico dovuto alla conversione e all accumulo dell energia elettrica; La conquista di tutti i clienti che sono attenti alle tematiche di sostenibilità ambientale e risparmio energetico, grazie alla possibilità offerta loro di frequentare una palestra i cui macchinari consentono di recuperare energia. Cio sarà facilitato anche dalla esposizione del marchio Energym che il centro fitness potrà esporre e che lo segnalerà in modo immediato come esercizio che aderisce a tale circuito e che è dotato di specifici macchinari; L innovatività dei macchinari, che sarà un elemento di differenziazione della palestra e un buon cartellino da visita per l ormai crescente numero di clienti attenti anche al grado di esclusività di un centro; La possibilità (garantita dal software) di monitorare, atleta per atleta, la quantità di energia prodotta mensilmente al fine di poter legare la quota di abbonamento da corrispondere mensilmente, all ammontare dell energia prodotta (per approfondimenti su questo punto consultare la parte relativa alle strategie di marketing). L Energym in conclusione avrà la doppia funzione di impresa di prodotto e impresa di servizio. L idea è quella di un organizzazione che al suo interno progetti, assembli e commercializzi l innovativo prodotto proposto, ovvero il componente, e nello stesso tempo offra tutta una serie di servizi connessi al prodotto stesso. Per meglio comprendere il fine di questo business plan, si pensi ad un impresa che una volta progettato il nuovo componente, affidi a terzi la costruzione delle sue diverse parti. Queste _energym.doc Pagina 5 di 29

6 poi saranno assemblate all interno della nostra impresa al fine di ottenere il prodotto finito. A questo punto la Energym, oltre a commercializzare il prodotto, provvederà a fornire una serie di servizi ai clienti, quali l installazione e la manutenzione del componente, l assistenza e la manutenzione dei macchinari ora innovativi, i corsi di formazione per l utilizzo di questi macchinari, la pubblicità del centro fitness, nonché la messa a punto del software di gestione. L erogazione di tali servizi sarà affidata ad aziende terze specializzate dislocate sull intero territorio nazionale con cui si prevede di attuare forme di partnership e collaborazione. 1.3 Analisi di mercato Solo vent'anni fa il fitness - nelle diverse forme, dall'aerobica al body building - sembrava essere un fenomeno estemporaneo, una moda che, a detta di alcuni, avrebbe avuto vita breve. E invece oggi il settore è ancora in crescita, con un ritmo notevole, caratterizzato da una continua capacità d'evoluzione. Non è più una pratica riservata a pochi fanatici della forma fisica, bensì una vera e propria filosofia di vita, ormai radicata nel tessuto culturale, ad ogni livello sociale. E' parte integrante dei costumi e delle abitudini di vita degli italiani. Tale fenomeno ha suscitato l'interesse di ACNielsen C.R.A. leader mondiale nelle ricerche di mercato, che per la prima volta ha avviato un monitoraggio costante (3.500 famiglie su tutto il territorio nazionale) mirato a descrivere l'universo dei frequentatori di centri fitness in Italia e soprattutto i cambiamenti delle abitudini e preferenze. In primo luogo è emerso come i praticanti di fitness in Italia costituiscano un ampio bacino d utenza: attualmente, gli individui con età superiore a 14 anni che dichiarano di praticare fitness sono , pari all'11% della popolazione italiana. Di questi, il 3 % frequenta una struttura pubblica (comunale, scolastica, ecc), mentre l'8% frequenta un club privato. Al Centro e al Sud è più diffusa la pratica nelle strutture private rispetto al Nord, forse perché è carente la disponibilità di impianti pubblici. La distribuzione territoriale dei praticanti è invece omogenea, senza rilevanti differenze fra Nord e Sud. Si osserva invece un maggior numero di iscritti nei grandi centri abitati, laddove l'offerta dei corsi di fitness è più ampia e diversificata _energym.doc Pagina 6 di 29

7 Base: popolazione over 14 anni Si è notato come all aumentare dell età il fenomeno decresca. Si passa, infatti, dal 21% della popolazione di età compresa tra 14 e 24 anni, al 6% della fascia d'età più matura (oltre i 45 anni). Base: popolazione over 14 anni In generale gli italiani che praticano le discipline del fitness non si impegnano in maniera eccessiva. Il numero medio di allenamenti settimanali è 2,5. Oltre la metà del campione dichiara di frequentare i corsi di fitness 2-3 volte la settimana, quindi si limita a praticare quel tanto che occorre per mantenersi in forma. Per un 5%, invece, basta il pensiero: pur avendo fatto l'iscrizione, infatti, non frequenta i corsi. I maschietti frequentano di più rispetto alle femminucce. Si osserva anche che al crescere dell'età diminuisce la frequenza. Un'altra particolarità riguarda la differenza di frequenza fra utenti di strutture pubbliche (in media _energym.doc Pagina 7 di 29

8 allenamenti la settimana) e private (2,7), dove evidentemente la qualità dei servizi offerti è maggiormente incoraggiante. Un altro dato importante emerso riguarda la soddisfazione per il centro fitness attualmente frequentato che dal campione della ricerca risulta mediamente elevata, con un punteggio pari a 4 in una scala da 1 a 5 punti. Gli iscritti a strutture private esprimono un maggior livello di soddisfazione (4,1) rispetto a coloro che frequentano una struttura pubblica (3,6). Forse è questo il motivo del legame esistente fra livello di soddisfazione e frequenza settimanale, poiché ad un maggior gradimento del servizio corrisponde una maggiore frequenza settimanale. Tale osservazione dovrebbe incoraggiare i gestori a migliorare la qualità dei servizi. Tuttavia la soddisfazione appare legata anche all'esperienza maturata in altri centri fitness. Si osserva, infatti, che coloro che in passato hanno frequentato altre strutture, esprimono un livello di soddisfazione che, seppur elevato, è inferiore a quello espresso da coloro che non hanno mai cambiato struttura. E' probabile che la frequentazione di più centri, quindi la conoscenza di servizi e offerte differenti, abbia reso tali utenti maggiormente critici e selettivi _energym.doc Pagina 8 di 29

9 Anzianità media 2.4 anni In generale gli individui praticano fitness, presso la struttura attualmente frequentata, mediamente da più di due anni. Oltre la metà del campione è iscritto da più di un anno all'ultimo centro fitness che sta frequentando. Gli individui iscritti da più di un anno in una struttura, hanno una frequenza media di accesso più elevata. Anche la soddisfazione è legata all anzianità di iscrizione: gli iscritti da oltre un anno, esprimono un livello di soddisfazione mediamente più elevato rispetto a coloro che frequentano il centro fitness da minor tempo. Si è poi tentato di comprendere quali siano i potenziali clienti di un fitness center. Il 17% degli individui attualmente non iscritti (pari e ben persone) dichiara l'intenzione di iscriversi entro i prossimi sei mesi. Di questi, il 31% ha già acquisito informazioni relative all'iscrizione ad un corso di fitness, il 9% manifesta ancora incertezza, mentre il 7% esprime una buona probabilità. Solo il 2% afferma con certezza che inizierà a praticare fitness nei prossimi mesi. La più forte propensione ad iscriversi è espressa dalle donne (21%) rispetto agli uomini (14%), ed è inversamente proporzionale rispetto all'età: i più giovani manifestano maggiore propensione. Relativamente alla distribuzione territoriale, si osserva una maggiore propensione alle nuove iscrizioni al Sud rispetto alle altre aree del Paese _energym.doc Pagina 9 di 29

10 Base: non iscritti attualmente: Le discipline sono di più rispetto agli anni passati, ma la tonificazione muscolare con l'uso di piccoli pesi e attrezzi rimane quella preferita dagli utenti italiani, tant'è che rappresenta il 39,7% delle ore di corso effettuate nei fitness club (ci si riferiva alle lezioni di gruppo tipo Pump, TBW, ecc.). Ogni dieci ore di lezione nelle palestre della F.I.F., quindi, quattro sono dedicate alla tonificazione, specialmente al Centro e al Nord Italia. La seconda disciplina, sempre per quantità di ore di lezione praticate nei club, è l'aerobica, sotto diverse forme e nomi (26,7%). La disciplina nuova ed emergente è senza dubbio lo Spinning (lezioni di gruppo con l'uso di speciali cyclette) che occupa il 24,2% del monte ore, con un alto tasso di fidelizzazione. Il 9,2% delle ore, infine, è dedicato alle discipline più leggere, che riguardano più che altro il rilassamento e la ginnastica dolce (per esempio yoga, stretching, ecc.). Utilizzando lo stesso criterio d'indagine, prendendo in considerazione il monte ore settimanale di circa 50 fitness club italiani, la rivista "Il Nuovo Club" ha concluso invece che la disciplina maggiormente praticata è l'indoor cycling (in altre parole lo Spinning e le attività simili) con il 19% del monte ore totale. Al secondo posto l'aerobica (15%), poi Step (9%, che la F.I.F. aveva incluso nell'attività aerobica), arti marziali (9%), la classica ginnastica a corpo libero (8%), ed altro, non meglio definito, che occupa il 37% delle ore. Il continuo sviluppo del settore ha determinato l'espansione di molte attività economiche e commerciali annesse, piccole e medie imprese, e grandi realtà industriali (palestre, club, franchising, attività editoriali, scuole di formazione professionale, produttori e venditori di abbigliamento tecnico, accessori, integratori alimentari, attrezzature professionali o per la casa, ecc.). Oggi il settore del fitness rappresenta quindi un vero e proprio comparto economico. E' un fenomeno sociale tuttora in crescita, con un enorme potenziale. Ma al di là dell'aspetto economico, si dovrebbero valutare anche i risvolti positivi sulla salute e sul _energym.doc Pagina 10 di 29

11 benessere psico-fisico di tutti i praticanti, il cui valore è difficilmente quantificabile. Numero dei centri fitness (valori assoluti) Palestre circa (*) Piscine circa Praticanti (valori assoluti) Attuali Stimati per il (*) Cui vanno aggiunte oltre palestre inserite in strutture alberghiere. Fonte: FIAeF/SIAF. Per sondare l impatto che potrebbe avere il servizio offerto dalla Energym su coloro che frequentano le palestre e su chi le gestisce, grazie alla preziosa collaborazione della dott.sa Marilù Dealto, è stata condotta un indagine, volta ad indagare i motivi che spingono gli utenti a scegliere una determinata struttura, gli elementi ritenuti importanti per il suo successo di una palestra e la sensibilità alle tematiche ambientali. Sono stati strutturati due questionari (Allegati I e II ), il primo rivolto ai clienti e il secondo ai gestori delle palestre. A coloro che frequentano le palestre è stato chiesto in base a quali elementi scelgono la struttura da frequentare, se praticano attività fisiche all aperto e se sarebbero disposti a spendere una cifra maggiore per frequentare una palestra sostenibile a livello energetico; ai gestori sono state poste domande per capire quali elementi ritengano importanti per il successo della propria palestra, quanto incida il consumo energetico delle macchine sulle spese di gestione e se sarebbero disposti ad acquistare macchinari a basso consumo, seppur più costosi. Ad entrambe le categorie di intervistati è stato chiesto cosa fanno per rispettare l ambiente e se gradirebbero un iniziativa di marketing che proponesse la possibilità del cliente del centro fitness di ottenere sconti sulla mensilità. L indagine condotta è da considerarsi uno studio pilota, sia per i tempi ristretti nei quali è stata implementata, sia perché nel mese di luglio le palestre effettuano un orario di apertura ridotto e sono poco frequentate. I dati raccolti sono tuttavia interessanti, in particolar modo ai fini di uno studio più approfondito e su più ampia scala _energym.doc Pagina 11 di 29

12 I questionari sono stati distribuiti in sei palestre del territorio urbano barese e vi hanno risposto 33 persone: 4 gestori e 29 clienti. I clienti che hanno risposto ai questionari sono 15 uomini e 14 donne, di età compresa tra i 21 e i 47 anni. La maggior parte di essi sono lavoratori e 4 studenti. Per quanto riguarda la scelta della palestra da frequentare, il fattore di maggior incidenza emerso è la vicinanza all abitazione o al luogo di lavoro, seguito da persone che la frequentano e tecnologia delle attrezzature. L economicità non sembra essere un fattore particolarmente rilevante, così come l esclusività della palestra, anche se la mancata scelta di questi elementi potrebbe essere imputata ad una certa desiderabilità sociale. Dal punto di vista dei gestori, invece, gli utenti si iscrivono nelle loro palestre per la qualità degli istruttori e la pulizia degli ambienti. Per il successo dell attività, essi ritengono importanti i precedenti elementi, seguiti dalla tecnologia degli attrezzi. La metà degli intervistati dichiara di praticare sport e attività fisiche all aperto e, per quanto riguarda il rispetto dell ambiente, quasi tutti dicono di effettuare la raccolta differenziata dei rifiuti e di cercare, nel loro piccolo, di risparmiare acqua ed energia; qualcuno usa l auto il meno possibile. Anche in questo caso non è da trascurare l influenza della desiderabilità sociale, indotta, inoltre, dalla presenza delle alternative sotto la domanda Cosa fai per rispettare l ambiente?. In futuro potrebbe essere presa in considerazione l ipotesi di utilizzare una domanda aperta. In merito al consumo energetico delle macchine, 3 gestori hanno risposto che questo incide dal 10 al 20% sulle spese di gestione della palestra e per il quarto addirittura dal 20 al 30%. Nell interpretazione di questa risposta occorre considerare che gli intervistati, molto probabilmente, abbiano risposto riferendosi al consumo energetico totale della struttura, che comprende illuminazione, climatizzazione e aerazione degli ambienti, i quali comportano un notevole consumo di energia. Relativamente all acquisto di macchine a basso consumo, solo un gestore su 4 si dichiara disponile ad un eventuale acquisto di queste ultime, anche se più dispendioso. I clienti sono equamente divisi tra indecisi, disposti e non disposti a spendere di più per frequentare una palestra con macchine a basso impatto ambientale. Infine si osserva che l idea di un azione di marketing che preveda uno sconto proporzionale all energia spesa allenandosi è ben accetta dai clienti, seppur vi sia una buona percentuale di indecisi. Dei gestori, due si dichiarano contrari e due indecisi. Tutto ciò fa pensare che la domanda andrebbe posta diversamente e in modo più chiaro _energym.doc Pagina 12 di 29

13 Concludendo si può osservare che è ormai diffusa una certa sensibilità alle tematiche ambientali e che fare passeggiate all aperto o footing, andare in bicicletta e giocare a calcio sono attività piuttosto diffuse e che, avendone maggiore possibilità, in molti le praticherebbero maggiormente. In quest ottica, la frequentazione della palestra è vista come un attività di svago, in un luogo facile da raggiungere, dove si incontrano persone piacevoli e che non sia troppo costosa. Dunque la nostra proposta di business ha buone possibilità di svilupparsi in tale ambiente. 1.4 Analisi del settore La concorrenza Un settore costituito da imprese che svolgono la medesima attività che viene proposta in questo business plan non esiste. Se si considera il settore con un accezione più allargata del termine, allora si possono individuare aziende appartenenti all ambiente del fitness e che si dedicano ad attività più o meno simili a quella della Energym. Si pensi ai fornitori dei macchinari da palestra o ai fornitori di software. Relativamente al circuito che si intende costituire, secondo delle ricerche da noi svolte, nei prossimi cinque anni, sia in Italia che in Europa, ci sarà una sempre maggiore concentrazione di catene del fitness che hanno marchio e format comuni (standard qualitativi, gestionali, servizi uguali per ciascun centro). Già sono presenti in Europa alcune importanti catene quali Time Fitness, LA Fitness, Esporta, Swiss Training, Holmes places e Club Active, ciascuna delle quali per differenziarsi ha deciso di puntare su una specifica leva strategica: la cura della persona, l ambiente rilassante, il fitness come necessità, il lusso, la possibilità per il cliente di scegliere all interno di una vasta gamma di corsi offerta, il contenimento dei costi, lo stile di vita all insegna della salute e del benessere, l elevata tecnologia, etc. L idea della Energym è quella di puntare su un nuovo modo di vedere la palestra, di associare all idea di allenamento fisico quella di sostenibilità ambientale. Dunque la Energym si interfaccia con un problema che ha a che fare oltre che con le palestre e i loro clienti, con la tematica ambientale. E proprio questa la novità del prodotto e servizio offerto. Vista da questa prospettiva, la Energym quindi è del tutto priva di concorrenti _energym.doc Pagina 13 di 29

14 La Energym, dunque, propone una nuova tecnologia, sia in termini di prodotto che di servizio, all interno di un mercato esistente che è appunto quello delle palestre. Le barriere all entrata sono relativamente basse; ovvero, nonostante gli investimenti iniziali che in una fase di start up sono sempre ingenti, i concorrenti sono pochi se non inesistenti (se ci riferiamo alla tematica ambientale), il prodotto così come il servizio sono differenziati, il know how da possedere non è particolarmente complesso Fornitori In questa prima fase del Business Plan si sta cercando di relazionarsi con differenti tipologie di fornitori: Produttori di supporti meccanici ed elettronici che forniscano i vari componenti da assemblare; Produttori di soluzioni software per la gestione integrata dei macchinari e delle stesse strutture sportive che li ospitano; agenzie di rappresentanza e di pubblicità. Gran parte delle attività della Energym quindi sono delegate all esterno ad aziende terze che divengono partner dell iniziativa, in quanto svolgono attività essenziali nella produzione del prodotto e nella erogazione del servizio. Si vuole sottolineare che l adozione dell outsourcing è sempre e comunque finalizzata a non perdere la posizione di leder e di dominanza della Energym. E proprio per questo che all esterno non si è affidata la costruzione dell intero componente, bensì solo una parte di esso per ciascun produttore, provvedendo poi all interno all assemblaggio. Si sono inoltre effettuati calcoli specifici circa la resa energetica di due tipi di macchinari da palestra quali la cyclette e una macchina tipo lat machine. ( Per la visione di tali calcoli si vedano gli allegati 3 e 4). I risultati ottenuti, seppur preliminari, sono stati incoraggianti e hanno rafforzato le nostre tesi, nel senso che si è potuto constatare con il normale utilizzo di entrambe le macchine un buon risparmio energetico, superiore per la cyclette _energym.doc Pagina 14 di 29

15 Inoltre, per quanto concerne i software si sono avuti contatti con la Telcosys di Martina Franca che produce programmi software gestionali, chioschi multimediali nonchè software per produzioni multimediali per centri sportivi/palestre. 1.5 Le strategie L Energym non vuole essere solo una semplice catena di palestre, ma un marchio il cui nome faccia sentire forte nei clienti il senso di appartenenza e di partecipazione a tematiche quali il rispetto e la tutela dell ambiente. Tale business plan è inserito, dunque, nel contesto dello sviluppo sostenibile. E importante che i frequentatori delle palestre si rendano conto dell importanza di finalizzare il loro sforzo fisico ad un recupero seppur parziale di energia. Andare in palestra non deve più solo significare fatica, sudore, stanchezza fisica, ma anche e soprattutto attenzione all ambiente; quindi non più solo lavoro individuale sul proprio corpo, ma lavoro di gruppo in ambito di sostenibilità ambientale e risparmio energetico. Inoltre il circuito Energym proporrà alle varie palestre associate di legare il costo mensile dei loro clienti al risparmio energetico prodotto. Ad esempio si è pensato di applicare una riduzione sulla mensilità proporzionale all energia accumulata da ciascuno. Questo incentiverà i clienti a frequentare maggiormente le palestre e a fare un maggior numero di esercizi al giorno, certi di un riscontro non solo a livello del proprio corpo, ma anche a livello di risparmio energetico ed economico (sulla mensilità quindi). A livello competitivo, la Energym adotterà una strategia di differenziazione sotto i seguenti punti: di prodotto di servizio _energym.doc Pagina 15 di 29

16 di immagine di identità La prima e la seconda leva sono state ben spiegate nei paragrafi precedenti. E il caso di soffermarsi sulle altre due leve strategiche. La differenziazione di immagine è legata alla immagine stessa appunto che la Energym deve crearsi, ovvero un immagine di azienda attenta all uomo e all ambiente, soprattutto ai giorni nostri in cui sempre più tutelare l uno significa sacrificare l altro e viceversa. La differenziazione a livello di identità consiste nel creare una nuova identità per i frequentatori delle palestre: la Energym vuole distruggere il mito del palestrato attento solo ai muscoli e poco al cervello, e vuole affermare un nuovo modello di atleta sensibile a tematiche altre che vanno al di là del solo fisico. 2 Il piano operativo omissis 3 Struttura e management Omissis 4 Dimensione economico finanziaria 4.1 Ipotesi alla base dell esposizione dei dati Gli schemi di previsione dell attività della società Energym sono stati costruiti tenendo conto delle seguenti assunzioni alla base dei calcoli _energym.doc Pagina 16 di 29

17 Tutti gli incassi e i pagamenti sono supposti immediati e senza alcuna ipotesi di dilazione temporale nel regolamento della transazione commerciale. Le rimanenze sono poste pari a zero nell ipotesi che tutto cio che sia acquistato a livello di componenti sia poi lavorato e venduto. L inflazione non è stata calcolata negli schemi: tuttavia, non essendo riferita né ai ricavi né ai costi, la sua mancata considerazione comporta un alterazione di calcolo non troppo rilevante in ipotesi di svalutazione monetaria modesta. E stata considerata alla base del calcolo delle tasse un unica imposta pari al 37% 4.2 Flussi in entrata Ricavi Le proiezioni del fatturato dell impresa Energym sono state calcolate ipotizzando che i ricavi realizzati non provengano dalla vendita dei macchinari da installare nelle palestre bensì dalle royalty e dalle fee che gli esercizi sportivi corrispondono alla Energym in cambio dei suoi servizi secondo uno schema simile a quello del franchising L Energym provvederà infatti a fornire i macchinari necessari all accumulazione dell energia elettrica e ne curerà installazione sia sotto il profilo impiantistico sia sotto il profilo informatico. Inoltre garantirà gratuitamente ai centri fitness: un servizio di formazione per consentire allo staff dei centri fitness di comprendere in modo completo le potenzialità dell impianto installato; un servizio di assistenza tecnica; la promozione del centro fitness attraverso promozioni pubblicitarie. I centri fitness che decideranno di avvalersi dei servizi della Energym dovranno corrispondere alla Energym una fee annuale e una royalty sul proprio fatturato. Nel dettaglio, la fee annuale ammonta a 3000 per il primo anno ed 500 per gli anni successivi, mentre la royalty ammonta al 3% del fatturato di ogni centro fitness. Il mercato nazionale dei centri fitness conta circa 7000 esercizi ed un numero di praticanti pari a (dati Databank 2005). Mediamente una palestra conta, quindi, 710 iscritti. Considerando una mensilità di 450 l anno (45 X 10 mesi) il fatturato medio di un centro _energym.doc Pagina 17 di 29

18 fitness ammonta a Il 3% di tale fatturato, ovvero 9450 euro, costituirebbe la royalty da corrispondere alla Energym. Il fatturato incomincerà a realizzarsi nel terzo anno di attività dell impresa in quanto si è pianificato che nei primi due anni si sostengano esclusivamente costi di start-up necessari alla Energym per poter essere operativa. Per quanto concerne la proiezione del fatturato si è ipotizzato che la Energym, a seguito di una rilevante campagna pubblicitaria, possa affiliare nel suo circuito al terzo anno di attività il 2% dei centri fitness (140 esercizi) presenti sul tutto il territorio nazionale. Si è infine ipotizzato che negli anni successivi al terzo la Energym possa affiliare ogni anno un numero nuovo di centri fitness pari al 1% del totale (70 palestre ogni anno) fino ad attestarsi nel sesto anno ad un numero di esercizi affiliati pari al 5%del mercato nazionale (percentuale che si mantiene negli anni successivi al sesto). 4.3 Flussi in uscita Costi di start-up Includeremo in questa categoria di costi tutti quelli sostenuti esclusivamente dall impresa nei primi due anni di attività mentre menzioneremo più avanti quei costi che sono sostenuti sia nei primi due anni che anche in quelli successivi. I costi di start-up sono: Acquisto di un terreno della dimensione di un ettaro ( m²) nella zona industriale di Bari-Modugno. Il prezzo del terreno è di 35 al m² per un costo complessivo di euro ammortizzato in quote uguali in 7 anni. Costruzione sul terreno acquisito di un capannone di m² di cui il 10% adibiti ad uffici. Il costo del capannone è 200 al m² per il capannone eccetto l area adibita ad uffici il cui costo è di 400 al m². Il costo complessivo dello stabilimento è dunque di ammortizzato in quote uguali in 7 anni. Il pagamento avverrà in due importi uguali corrisposti nei primi due anni di attività _energym.doc Pagina 18 di 29

19 Acquisto di macchinari di assemblaggio e apparecchiature varie (computer, carrelli, attrezzature da magazzino, ecc) per un valore di ammortizzabili in 7 anni in quote uguali. Costi necessari per redigere l atto costitutivo di impresa pari a 275 sostenuti nel primo anno. Imposta per ottenere il marchio individuale Energym pagata nel primo anno e pari a 135 Spese per l affidamento ad un impresa terza della realizzazione di un software che permetta di gestire un centro fitness dotato delle apparecchiature fornite dalla Energym. Tale software avrà un costo di realizzazione pari a e sarà sostenuto nel primo anno. Ad eccezione dei primi tre, i quali verrano espressamente indicati nel conto economico, i rimanenti costi verrano contabilizzati nella voce costi generali ed amministrativi. Acquisti L impresa Energym commissiona ad aziende terze la realizzazione di componenti che verranno poi assemblati all interno dello stabilimento Energym al fine di produrre i dispositivi che verranno installati nei centri fitness per l accumulo di energia elettrica. Il costo medio dei componenti per assemblare un singolo dispositivo è di 100. Si ipotizza che per ogni centro fitness servito si debbano installare mediamente 55 apparecchi. Inoltre è necessario acquistare da un fornitore un accumulatore da 5 KWh (costo pari a 80 al KWh) per permettere l accumulo dell energia elettrica recuperata dai dispositivi installati sui macchinari ginnici. Il costo medio di una fornitura per ogni centro fitness (costituito dai 55 dispositivi e dell accumulatore) ammonta a 5900 Si ipotizza inoltre di produrre un apparecchio in più per ogni centro affiliato in caso di sostituzione di apparecchi guasti o difettati. Le forniture si calcolano a partire dal terzo anno di attività in quanto si suppone che nei primi due anni l impresa non sia ancora operativa _energym.doc Pagina 19 di 29

20 Personale L azienda Energym per poter svolgere la sua attività prevede di dover assumere a partire dal secondo anno le seguenti figure professionali cui sono associati i relativi costi di salario lordo: N 1 x amministratore delegato ( annui) N 2 x responsabili di funzione (2 x annui = annui) N 1 x esperto di contabilità aziendale ( annui) N 1 x segretaria ( annui) N 10 x operai di varie competenze ( 10 x annui = annui) Si è deciso inoltre di calcolare un fondo TFR pari al 6,9% del salario di ciascun operaio; (dato ricavato dal sito dell INPDAP). Formazione e aggiornamento Il servizio di formazione e aggiornamento propedeutico a preparare al meglio lo staff dei centri fitness che adotteranno la filosofia e le apparecchiature Energym rappresenta per l azienda un costo a gradino: dal secondo al quarto anno, dal quinto anno in avanti. Tale aumento dei costi è dovuto principalmente all aumento previsto delle palestre che si affideranno alla Energym tanto che a partire dal quinto anno sarà necessario sostenere un maggiore costo di formazione e aggiornamento per poter soddisfare tutta la clientela. Il primo anno è previsto un costo nullo in quanto si prevede di acquisire i primi clienti solo a partire dal secondo anno. Installazione e assistenza Rappresentano i costi sostenuti dalla Energym per installare i dispositivi sui macchinari ginnici delle palestre, testare ed implementare l impianto elettrico e informatico, risolvere tempestivamente eventuali guasti o difetti legati alle apparecchiature. Si è ipotizzato un costo del servizio di per il secondo e terzo anno di attività e di per gli anni successivi fino al sesto. Dal settimo anno a fronte di una stabilizzazione delle palestre affiliate ed una conseguente cessazione di nuovi clienti i costi _energym.doc Pagina 20 di 29

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Applicazione gestionale progettata per gestire tutti gli aspetti di palestre, centri sportivi e centri benessere Sicuro Personalizzabile

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S.

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S. Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENMENTO C.A.S. Ringraziamo per aver prontamente risposto al nostro questionario relativo ai Centri di Avviamento al Canottaggio

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

VenereBeautySPA Ver. 3.5. Gestione Parrucchieri e Centro Estetico

VenereBeautySPA Ver. 3.5. Gestione Parrucchieri e Centro Estetico VenereBeautySPA Ver. 3.5 Gestione Parrucchieri e Centro Estetico Gestione completa per il tuo salone Gestione clienti e servizi Tel./Fax. 095 7164280 Cell. 329 2741068 Email: info@il-software.it - Web:

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA COME DEFINISCE LA QUALITÀ DI UNA BEVANDA CALDA? Esigenze per la macchina da caffè del futuro. Il piacere di una deliziosa bevanda aggiunge qualità in

Dettagli

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI PLAYBOOK OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

Guida ai Circoli professionali del Rotary

Guida ai Circoli professionali del Rotary Guida ai Circoli professionali del Rotary Rotary International Rotary Service Department One Rotary Center 1560 Sherman Avenue Evanston, IL 60201-3698 USA www.rotary.org/it 729-IT (412) Introduzione ai

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli