Real Estate Advisory: Analisi, Valutazione e Finanza delle operazioni immobiliari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Real Estate Advisory: Analisi, Valutazione e Finanza delle operazioni immobiliari"

Transcript

1 : Analisi, Valutazione e Finanza delle operazioni immobiliari

2 Studio della fattibilità economico - finanziaria delle operazioni immobiliari Analisi e valutazione del progetto immobiliare La valutazione delle operazioni immobiliari è troppo spesso effettuata in modo superficiale e sommario rispetto a quanto sarebbe realmente necessario considerati i valori in gioco. Spesso, la valutazione di fattibilità di un progetto immobiliare si riduce al mero confronto tra costi e ricavi attesi ed alla valorizzazione sommaria dei flussi di cassa in entrata ed in uscita connessi all operazione; la risultate di questo processo di analisi è rappresentata dal calcolo di indicatori economico - finanziari ingannevoli e fuorvianti. Per oggettive difficoltà di calcolo, ad esempio, viene frequentemente trascurata l'incidenza del fattore tempo sulle variabili considerate, vale a dire la distribuzione temporale dei costi e dei ricavi, quindi delle entrate e delle uscite finanziarie, durante tutto il corso dell'operazione. Oltre il fattore tempo, vi sono molte altre variabili che spesso vengono erroneamente sottovalutate: risvolti fiscali, rischio finanziario, etc. Approssimazione e superficialità nel processo di analisi e valutazione rendono impossibile un razionale ed oggettivo confronto tra progetti d investimento alternativi comportando inefficienza nella scelta dell allocazione delle risorse finanziarie da parte dei soggetti decisori. L assenza di un processo di valutazione oggettivo e strutturato, inoltre, non consente una corretta pianificazione economica e finanziaria dell intervento rendendo impossibile la massimizzazione del ritorno economico e finanziario sul capitale investito. Saper prevedere, in presenza di variabili dinamiche, quanta ricchezza potrà creare un'operazione immobiliare nel corso della sua vita, richiede prima di tutto la capacità di costruire un modello che tenga conto di tutti gli elementi che possono influenzare l'esito del progetto e di prevedere, con ragionevole certezza, entro quali margini possono variare gli obiettivi prefissati (in termini di redditività, di indebitamento massimo, di ricchezza creata) al variare di Key Value Drivers (valori chiave) difficili da prevedere in modo puntuale. Gemino Global Advisor, attraverso l utilizzo e l applicazione di sofisticati metodi di calcolo quantitativo e grazie alla pluriennale esperienza nel campo della finanza applicata al settore immobiliare, mira a risolvere tutti questi aspetti assistendo ed affiancando il Cliente nella valutazione della fattibilità economico - finanziaria del progetto immobiliare attraverso l implementazione di un procedimento razionale, oggettivo e strutturato.

3 La valutazione economica: l analisi dei costi L analisi dei costi di realizzazione di un progetto immobiliare è il primo passaggio fondamentale che deve essere affrontato in ottica di valutazione della fattibilità economico - finanziaria della operazione in oggetto. Nella prassi comune che caratterizza il processo di valutazione della redditività di un progetto immobiliare, spesso si prendono in esame dati aggregati costruiti con eccessiva superficialità. In tale fase, è necessario valutare in maniera analitica tutte le voci di costo connesse al progetto, distinguendo opportunamente le varie voci di costo per natura e per tipologia. Nelle operazioni immobiliari, infatti, si possono classificare almeno tre diverse tipologie di costi: L analisi dei Costi Diretti di Produzione Analisi dei costi vivi del progetto immobiliare I costi vivi di costruzione sono direttamente riferibili alle differenti superfici da edificare (residenze, balconi, giardini, garage, etc.) e vengono calcolati sulla base delle risultanze del Computo Metrico Estimativo. Simulare differenti scenari relativi ai costi vivi consente di ipotizzare differenti livelli qualitativi attribuibili al progetto immobiliare. 1. Costi vivi di costruzione; 2. Costi diretti di costruzione; 3. Costi indiretti di costruzione. I primi sono direttamente attribuibili alla realizzazione materiale dell opera e sono desumibili dal Computo Metrico Estimativo; essi influiscono direttamente sul livello qualitativo del progetto. I secondi sono costi comuni specifici; essi non influiscono direttamente sulla qualità del progetto ma sono direttamente riferibili alla commessa (es. Oneri di Urbanizzazione). La terza categoria di costi è rappresentata dai costi comuni generici, vale a dire costi di struttura attribuibili al progetto solo attraverso l utilizzo di opportuni criteri di riparto (es. Personale Amministrativo). Analisi dei costi indiretti di produzione Per una corretta valutazione economica e finanziaria della operazione immobiliare è indispensabile quantificare tutti i costi non riferibili, in via specifica, alla realizzazione del progetto immobiliare e, di regola, non inseriti nel Computo Metrico Estimativo (oneri di urbanizzazione, progettazione, direzione lavori, piano di sicurezza, etc.).

4 La valutazione economica: l analisi dei ricavi Nella prassi comune la determinazione dei ricavi di vendita viene calcolata prendendo a riferimento un prezzo obiettivo aggregato più o meno vicino ai valori di mercato riferibili al territorio oggetto di intervento. Seppur tale approccio risulta essere, dal punto di vista strettamente metodologico corretto, spesso non vengono prese in considerazione diverse variabili che influiscono sulla determinazione complessiva dei ricavi e sulla loro distribuzione nel tempo. A titolo indicativo ma non esaustivo, si possono elencare: 1. Lo sconto medio applicato sul listino; 2. La percentuale di vendite in permuta; 3. La commissione di intermediazione; 4. Eventuali abbuoni commerciali; 5. Etc. Oltre alle variabili che incidono direttamente sul valore complessivo dei ricavi conseguibili dalla operazione, non bisogna trascurare poi, la dinamica relativa alla distribuzione temporale del flusso di vendite. Una dinamica molto veloce, necessariamente correlata ad una buona appetibilità di mercato, consente di minimizzare il costo dei capitali di investimento impiegati nell iniziativa. Al contrario, una dinamica lenta e farraginosa del flusso delle vendite, allunga l asse temporale di riferimento e ritarda la chiusura del progetto causando un maggior costo del captale investito con conseguente decurtazione del valore del progetto immobiliare, sia in termini economici (basti pensare ai maggiori oneri finanziari) che in termini finanziari (a causa del decremento del V.A.N.) L analisi della distribuzione dei Ricavi Analisi dei ricavi del progetto immobiliare I ricavi di vendita connessi all operazione immobiliare sono strettamente legati al prezzo di vendita al mq ed alla tipologia delle superfici vendibili (alloggi, garage, giardini, etc.). Spesso, però, in sede di valutazione dei ricavi attesi connessi all operazione, non vengono considerate molte variabili che possono influire direttamente sui ricavi totali; % sconto medio praticato sul listino: è il ribasso medio che si prevede di applicare sul prezzo di listino per le vendite chiuse direttamente, quindi senza l ausilio dell agenzia immobiliare. Esso influisce direttamente sulla redditività complessiva dell operazione e sulla distribuzione dei flussi di cassa attesi; % commissione di intermediazione: è il prezzo che bisogna pagare per l attività commerciale svolta dalla agenzia immobiliare che si occupa delle vendite. La % influisce sulla redditività complessiva dell operazione e sulla distribuzione dei flussi di cassa attesi; Livello di velocità delle vendite: rappresenta il tasso di velocità di chiusura dell operazione. Se le unità che compongono l operazione vengono vendute con un buon ritmo, la durata dell operazione si accorcia, migliora la redditività complessiva del progetto e aumenta il Valore Attuale dell operazione. In caso contrario, sia la dinamica reddituale che finanziaria peggiorano; % a saldo: rappresenta la percentuale che il cliente corrisponde, a titolo di saldo, al momento del rogito o della consegna dell unità oggetto di transazione. Le modalità di pagamento devono necessariamente essere prese in considerazione per la determinazione dei flussi di cassa attesi connessi al progetto.

5 La valutazione economica: la redditività attesa L analisi della redditività complessiva del progetto immobiliare viene effettuata detraendo dai ricavi complessivi di progetto i costi connessi all operazione. L analisi di Redditività del progetto Spesso, in sede di determinazione del Reddito Lordo, non vengono considerate alcune voci di rettifica dei flussi di entrata connessi alle vendite come sconti commerciali, commissioni di mediazione commerciale e percentuale delle permute inserite nel progetto. Inoltre, nella prassi comune, spesso non vengono considerate altre voci di costo connesse all operazione come il carico fiscale, variazione delle rimanenze, oneri finanziari, etc. Una precisa e puntuale determinazione del tasso di redditività complessiva del progetto non può prescindere dall attenta valutazione di tutti gli aspetti sopra elencati. Inoltre è necessario elaborare un piano economico prospettico in grado di evidenziare la distribuzione temporale dei costi e dei ricavi connessi al progetto immobiliare. La sintesi del processo di valutazione economica è rappresentata dal calcolo di un set di indicatori sintetici in grado di mostrare, in termini semplici ed intuitivi, la redditività dell operazione. Tali indicatori o Key Value Drivers esprimono la loro importanza ed utilità soprattutto in termini di comparabilità tra progetti di investimento alternativi. La valutazione della redditività attesa In sede di analisi e valutazione della redditività del progetto immobiliare è necessario calcolare alcuni parametri chiave in grado di mostrare, graficamente ed analiticamente, la redditività attesa connessa all operazione. Ricavi netti di vendita: rappresenta l ammontare dei ricavi totali dell operazione al netto di eventuali rettifiche rappresentate da sconti commerciali, permute, etc.; M.O.L. (Margine Operativo Lordo): è il valore aggiunto puro calcolato sulla base della differenza tra ricavi e costi diretti connessi all operazione; R.O. (Reddito Operativo): è il Margine Operativo Lordo scontato dei costi di struttura aziendale; R.L. (Reddito Lordo): Il Reddito Lordo è il reddito prodotto dall operazione prima del carico fiscale; R. N. (Reddito Netto): rappresenta il reddito lordo depurato delle imposte sul valore prodotto dall operazione; N.O.P.A.T.( Reddito Netto Operativo al netto delle imposte): rappresenta il valore aggiunto realizzato dall operazione depurato dei costi di struttura e dei costi fiscali.

6 La valutazione finanziaria: i flussi di cassa attesi La valutazione finanziaria di commessa, intesa come distribuzione sull asse temporale dei flussi in entrata ed in uscita connessi al progetto, viene spesso omessa nell ambito di analisi di fattibilità dell operazione. Molti progetti, anche se apparentemente redditizi sotto l aspetto economico, non vedono mai la fine proprio perché finanziariamente sbilanciati. Per questo motivo, l analisi della dinamica dei flussi di cassa attesi è molto importante in termini di valutazione della fattibilità progettuale. Nell analisi dei flussi di cassa attesi, però, non si può peccare di superficialità, soprattutto in termini di calcolo del fabbisogno finanziario necessario alla sostenibilità del progetto; occorre evitare di incorrere in sgradevoli situazioni di insufficienza di liquidità che potrebbero soffocare il normale svolgimento dei lavori. Spesso, nei calcoli dei flussi di cassa attesi, si omettono importanti variabili che incidono notevolmente sul risultato finale come l I.V.A., gli anticipi, le permute, le imposte, etc. Pianificare la commessa sotto l aspetto finanziario significa allineare le entrate e le uscite laddove possibile e prepararsi, per tempo, ad affrontare il periodo di massima illiquidità attraverso il procacciamento delle risorse necessarie al finanziamento dell opera. L analisi del Payback Finanziario L analisi del Fabbisogno Finanziario L analisi dei flussi di cassa attesi La pianificazione finanziaria dei flussi di cassa attesi costituisce, senza dubbio, un fattore critico di successo dell iniziativa imprenditoriale legata alla realizzazione di un progetto immobiliare. Oltre alle fonti di finanziamento proprie, infatti, è necessario determinare e quantificare la struttura del capitale di debito funzionale al progetto sia in termini di investimento iniziale (es. acquisto del terreno) che di capitale circolante (es. start up di cantiere). Oltre che alle condizioni economiche applicate sul capitale di debito, che ovviamente devono essere sostenibili da un punto di vista reddituale, è importante ricercare il miglior bilanciamento tra fonti proprie e fonti di terzi in ottica di massimizzazione del valore prodotto dall operazione.

7 La valutazione finanziaria: il ritorno atteso L analisi e la valutazione del ritorno finanziario dell operazione è un attività spesso dimenticata dagli esecutori del progetto; in realtà, a differenza della redditività economica, il ritorno finanziario è il vero termometro di successo dell iniziativa. Il tasso di rendimento finanziario, infatti, prende in considerazioni molteplici variabili che nell analisi economica vengono omesse. Il trascorrere del tempo, il costo opportunità del capitale, il payback finanziario, etc. sono concetti che possono essere valorizzati e valutati solo attraverso un attenta analisi finanziaria. L interpretazione di indicatori quali il V.A.N. (Valore Attuale Netto) e il T.I.R. (Tasso Interno di Rendimento), ad esempio, rappresentano validi supporti per la decisione tra progetti di investimento alternativi. Non solo. L analisi del payback finanziario, del periodo di massima illiquidità, etc. permette di valutare la sostenibilità finanziaria del progetto, nonché il suo ritorno monetario in termini temporali. Al fine di una corretta interpretazione delle informazioni derivanti dall analisi finanziaria, è indispensabile stimare correttamente la dinamica dei flussi di cassa connessi al progetto; in tal senso, è opportuno prevedere correttamente tutte le variabili che possono influenzare il cash flow complessivo dell operazione (aspetto fiscale, distribuzione delle entrate finanziarie, acconti, etc.). L analisi del V.A.N. cumulato di progetto Gli indici finanziari del progetto immobiliare Gli indici finanziari di un progetto di investimento sono il vero termometro di successo dell iniziativa. Tra i principali indicatori vi sono: V.A.N. (Valore Attuale Netto): rappresenta la sommatoria dei flussi di cassa in entrata ed in uscita, scontati per il CMPC (Costo Medio Ponderato del Capitale). Può essere considerato come la maggior ricchezza creata dal progetto come se fosse immediatamente disponibile; T.I.R. (Tasso Interno di Rendimento): è il tasso di rendimento che rende uguale a zero il V.A.N.; è un indicatore di appetibilità del progetto che spesso viene utilizzato in alternativa al V.A.N. (che invece è espresso in euro). Più è elevato il T.I.R. più il progetto è redditizio; Payback finanziario: è il numero di periodi (espresso in mesi) che è necessario attendere affinché i flussi positivi attualizzati dell investimento compensino i flussi negativi attualizzati; in tale punto si raggiunge il Break Even Finanziario o CutOff period; C.M.P.C. (Costo Medio Ponderato del Capitale): è il tasso che pondera il costo del debito con il costo del rendimento atteso sul capitale proprio in relazione alla strutturazione finanziaria del soggetto esecutore. Viene utilizzato per scontare i flussi di cassa prospettici.

8 Le Simulazioni: Sensitivity e Montecarlo Le simulazioni circa i possibili scenari prospettici concernenti i potenziali sviluppi dell operazione oggetto di analisi, conferiscono completezza e accuratezza all indagine economico - finanziaria di un progetto immobiliare. La Sensitivity Analisys (Analisi di Sensitività) consiste nell effettuare differenti simulazioni circa una solo variabile del progetto mantenendo invariate tutte le altre. Lo scopo di tale analisi è quello di studiare l impatto di alcuni parametri (Key Value Drivers) sul progetto complessivo. Nel caso dei progetti immobiliari, ad esempio, i due parametri che si prendono a riferimento per effettuare l Analisi di Sensitività sono: il prezzo di vendita e il costo vivo di costruzione. La simulazione di scenario attraverso l utilizzo della tecnica Montecarlo, invece, implica la costruzione di differenti scenari (di solito tre, chiamati pessimistico, inerziale, ottimistico ) in cui tutte le variabili in gioco assumono valori differenti a seconda dello scenario cui si riferiscono. Gli scenari simulati aiutano a definire meglio le variabili in gioco e a valutare correttamente tutte le tipologie di rischio inerenti al progetto. Uno degli scopi fondamentali della simulazione di scenari, infatti, è quello di definire qual è il limite minimo di sussistenza economica e finanziaria del progetto; il limite, cioè, oltre il quale non è conveniente realizzare il operazione. L analisi di Sensitività (Sensitivity Analisys) L analisi di Scenario Le simulazioni di Scenario La formulazione di differenti scenari consente al soggetto decisore di valutare correttamente i rischi connessi al progetto, soprattutto nello scenario pessimistico. Il modello, a differenza dell Analisi di Sensitività, è costituito da molteplici variabili interconnesse ed interdipendenti, alle quali vengono associati diversi valori secondo stime probabilistiche attendibili. L utilità del metodo sta nel fatto di poter costruire degli scenari prospettici attendibili e verosimili. Quando una variabile del progetto muta a causa della sua interconnessione con le altre variabili in gioco, è probabile che mutino gli equilibri di sistema influendo direttamente sulla valutazione complessiva.

9 Business Plan e Piano Finanziario dell operazione immobiliare Redazione del Piano di Business del progetto La redazione del Business Plan di Progetto e del Piano Finanziario Prospettico rappresenta uno step di fondamentale importanza ai fini della buona riuscita dell operazione. Tali documenti progettuali, infatti, si propongono l obiettivo primario di comunicare ai principali stakeholders (partner finanziari, partner industriali, investitori, etc.) gli aspetti qualitativi e quantitativi dell operazione. Sulla base dell analisi e della valutazione di tali elaborati, infatti, i diversi attori in gioco impostano il proprio processo decisionale, deliberando se e come partecipare all operazione in oggetto. Il Business Plan di un operazione immobiliare descrive il progetto sia in termini qualitativi che quantitativi, con particolare attenzione alla redditività attesa esprimibile dall operazione. Tale documento, oltre a rappresentare l andamento prospettico di carattere economico - finanziario, illustra anche i principali aspetti qualitativi come la descrizione dell intervento, i suoi punti di forza, l analisi del territorio oggetto di intervento, l analisi dei prezzi di vendita sul mercato di riferimento, etc. Il Piano Finanziario Prospettico, d altro canto, mostra gli aspetti strettamente monetari connessi all operazione. Esso, a differenza del Business Plan, viene redatto sulla base di entrate ed uscite finanziarie costituenti i flussi di cassa attesi dell operazione immobiliare. Nel Piano Finanziario viene illustrata la composizione delle Fonti di Finanziamento (Capitale Proprio e Capitale di Debito) in relazione al fabbisogno finanziario necessario per la realizzazione dell opera. Inoltre, viene evidenziata la dinamica dei flussi finanziari attivi e passivi durante tutta la vita del progetto; tale esercizio è ritenuto di fondamentale importanza al fine di valutare, attraverso l analisi D.C.F. (Discount Cash Flow Analisys), il Valore Attuale Netto (V.A.N.) dell operazione e la redditività effettiva prodotta dallo stesso. Gemino Global Advisor, grazie all esperienza ed alle capacità tecniche dei suoi professionisti, assiste il Cliente nell elaborazione del Business Plan e del Piano Finanziario Prospettico relativi al progetto immobiliare oggetto di analisi. Spesso, una presentazione completa, accurata e professionale traccia la differenza tra il successo ed il fallimento dell iniziativa imprenditoriale.

10 La stesura del Business Plan di progetto Il Business Plan relativo alla realizzazione di un iniziativa immobiliare è un documento descrittivo dell operazione che mira ad individuare sia gli aspetti qualitativi che quantitativi dell operazione. Il Format elaborato dalla Gemino Global Advisor, frutto di un esperienza ventennale nel settore, si compone delle seguenti sezioni. Descrizione del Progetto (Analisi Interna) In questa sezione si procede alla descrizione completa e dettagliata dell operazione con particolare attenzione agli aspetti qualitativi dell operazione. Nel dettaglio si individuano la natura del progetto e del suo grado qualitativo, gli elementi di differenziazione rispetto a progetti simili o similari e la descrizione dettagliata delle modalità di acquisizione dell area di intervento. Analisi del mercato di riferimento (Analisi Esterna) Questa parte del documento è dedicata all analisi del mercato immobiliare di riferimento nel territorio oggetto di intervento. In particolare si analizzano: prezzi medi di compravendita, volumi medi di compravendita, progetti immobiliari di prossima realizzazione, condizioni del mercato finanziario, etc. Piano delle vendite In questa sezione si analizzano tutti gli aspetti concernenti la vendita delle unità immobiliari connesse al progetto: distribuzione tra vendite dirette ed intermediate, prezzi applicati, budget di comunicazione, modalità di vendita, eventuali garanzie, oneri accessori, etc. Piano di progetto In questa sezione vengono fornite tutte le informazioni circa la realizzazione tecnica dell intervento: mix di unità abitative, piano temporale, partner esecutivi, modalità di approvvigionamento, etc. Analisi economica Questa parte è dedicata all analisi economica dell operazione. Vengono presi in considerazione i seguenti aspetti: prezzi, previsione delle vendite, costi vivi di costruzione, costi indiretti di costruzione, modalità di incasso/pagamento, quantificazione degli oneri finanziari, etc. Il contenuto finale del processo di definizione del Business Plan è rappresentato dal conto economico prospettico pluriennale, in cui vengono illustrate le distribuzioni temporali dei costi e dei ricavi connessi al progetto.

11 Cash Flow Analisys La Discount Cash Flow Analisys rappresenta il momento conclusivo del processo di valutazione economica a finanziaria dell operazione. Attraverso la sua implementazione, infatti, è possibile costruire un set di indicatori chiave in grado di descrivere l operazione in maniera sintetica (V.A.N., T.I.R., Payback, etc.). Un aspetto molto importante relativo all analisi dei flussi di cassa prospettici è la possibilità di impostare correttamente la pianificazione finanziaria di breve e lungo termine relativa al progetto. Grazie all analisi del fabbisogno mensile e al dato relativo al periodo di massima illiquidità, infatti, è possibile impostare a priori un piano finanziario di copertura adeguato ed equilibrato. Indici finanziari di progetto Sopra è illustrato il set di indicatori chiave utili alla valutazione economico - finanziaria dell operazione immobiliare. La corretta interpretazione degli indicatori, consente di prendere decisioni efficaci ed in grado di massimizzare il valore del progetto. Sotto viene mostrato il modello di determinazione dei flussi di cassa attesi prospettici. In tal caso è necessario sottolineare come sia fondamentale collocare correttamente le poste finanziarie in entrata ed in uscita in relazione a: Piano degli Investimenti; Piano esecutivo di Progetto; Piano delle Vendite/Commerciale L obiettivo della pianificazione finanziaria dell intervento è duplice: Evitare crisi di liquidità; Massimizzare il valore del capitale investito.

12 Strutturazione finanziaria dell operazione e supporto continuativo Copertura del fabbisogno finanziario Valutata l operazione dal punto di vista economico e finanziario e determinata correttamente la struttura delle fonti e degli impieghi connessi all operazione, occorre trovare il partner finanziario (tipicamente un banca) che sia disposta a partecipare al progetto. Gemino Global Advisor fornisce ai propri Clienti un servizio di scouting finanziario sulla base del best effort, cioè sulla base delle migliori condizioni di mercato disponibili al momento, tenuto conto della specificità dell operazione e dell area di destinazione dell intervento. Gemino Global Advisor, inoltre, assiste i suoi Clienti in itinere, in particolar modo in sede di determinazione ed erogazione dei S.A.L. di progetto, interfacciandosi con i tecnici interni ed esterni deputati alla rilevazione periodica dello stato di avanzamento dei lavori. Oltre all assistenza continuativa, Gemino Global Advisor offre anche servizio di istruzione e gestione della pratica di frazionamento del mutuo edilizio e consulenza finanziaria ai clienti finali eventuali accollatari della quota parte del mutuo.

13 Non facciamo edilizia, la rendiamo semplice. FINANZA D IMPRESA - FINANZA IMMOBILAIRE - FINANZA AGEVOLATA - STUDI & ANALISI SEDE LEGALE Pineto (TE) Strada Comunale Cannuccia, SNC Complesso Cerquitelli, 1º Piano Tel Fax SEDE OPERATIVA Spoltore (PE) Via SS 16 Bis, n. 86 ARCA delle Professioni, Scala Ciclamino, 1º Piano Tel Fax

MioERP. Immobiliari. Business Unit Consulenza e software per le aziende edili. www.italsoft.net

MioERP. Immobiliari. Business Unit Consulenza e software per le aziende edili. www.italsoft.net MioERP Immobiliari Business Unit Consulenza e software per le aziende edili MioERP Immobiliari La soluzione gestionale per l attività immobiliare Grazie all'esperienza ventennale maturata nella consulenza

Dettagli

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa Piano Industriale Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti Guida Operativa Indice 1. Premessa 2. Le componenti del Piano Industriale 3. La strategia realizzata 4. Le intenzioni strategiche

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

Finanziare il Fotovoltaico. Analisi economica, finanziaria, fiscale e patrimoniale tra diverse forme tecniche di finanziamento

Finanziare il Fotovoltaico. Analisi economica, finanziaria, fiscale e patrimoniale tra diverse forme tecniche di finanziamento Finanziare il Fotovoltaico Analisi economica, finanziaria, fiscale e patrimoniale tra diverse forme tecniche di finanziamento Novembre 2009 Indice 1. Finanziare il fotovoltaico: il caso della XYZ Srl 2.

Dettagli

La Chiave per il Successo del Tuo Business

La Chiave per il Successo del Tuo Business Finanza d Impresa Finanza Immobiliare Finanza Agevolata La Chiave per il Successo del Tuo Business Studi e Analisi Company Profile Gemino Global Advisor è una società di consulenza direzionale che eroga

Dettagli

Valutazione degli investimenti

Valutazione degli investimenti Valutazione degli investimenti Mutina Profit Consulting S.r.l. affianca l imprenditore nella valutazione degli investimenti sia in termini di sostenibilità economica, mediante la predisposizione di Business

Dettagli

IL FINANCING DELLE START UP

IL FINANCING DELLE START UP IL FINANCING DELLE START UP Facoltà Medicina e Chirurgia Verona Lunedì 4 maggio 2009 1 Il Business Plan (BP) è uno strumento di pianificazione strategica 2 1 Il processo di redazione del BP 1 - Executive

Dettagli

I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI

I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI I CRITERI DI ANALISI TECNICO-FINANZIARIA. Le practice tecniche Alessio Di Angelantonio 1. IL VALORE ATTUALE NETTO (VAN o NPV). Il criterio del VAN è uno degli

Dettagli

La catena del valore nelle operazioni di Real Estate. sintesi operativa

La catena del valore nelle operazioni di Real Estate. sintesi operativa La catena del valore nelle operazioni di Real Estate sintesi operativa La catena del valore nelle operazioni di real estate Al fine di schematizzare le sotto-attività che pongono l intero processo del

Dettagli

STIMATRIX foraii. Sandro Ghirardini

STIMATRIX foraii. Sandro Ghirardini STIMATRIX foraii Sandro Ghirardini Mantova, Novembre 2013 1 foraii rappresenta lo stato dell arte delle applicazioni STIMATRIX per la valutazione e l analisi degli investimenti immobiliari. foraii appartiene

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Pianificazione strategica e business plan

Pianificazione strategica e business plan START CUP CAMPANIA 2015 Pianificazione strategica e business plan Prof. Raffaele Fiorentino Università di Napoli Parthenope fiorentino@uniparthenope.it Napoli, 22 maggio 2015 Copyright Materiale depositato

Dettagli

Indice...Errore. Il segnalibro non è definito.

Indice...Errore. Il segnalibro non è definito. NUOVO NIDO PER L INFANZIA Modello Economico-Finanziario Comune di Bomporto 16/02/2010 Sommario Indice...Errore. Il segnalibro non è definito. LE IPOTESI DEL MODELLO ECONOMICO E FINANZIARIO... 3 Il progetto

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI TORINO

CAMERA DI COMMERCIO DI TORINO Definizioni e concetti generali 1.1 Che cos'è il business plan? Il business plan è un documento che riassume ed espone la rappresentazione dinamica e prevista dello sviluppo di un piano d impresa. Il business

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Saggio di attualizzazione, tasso di rendimento interno e saggio di capitalizzazione

Saggio di attualizzazione, tasso di rendimento interno e saggio di capitalizzazione Saggio di attualizzazione, tasso di rendimento interno e saggio di capitalizzazione 27.XI.2013 Scopo e temi della lezione I principali tassi per la misura del valore degli investimenti sono: il saggio

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 8 1 I budget intersettoriali Alcuni costi di gestione sono trasversali rispetto ai singoli budget ovvero si riflettono su

Dettagli

IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. Marco Righini

IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. Marco Righini IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Classificazione delle opere in PPP Progetti dotati di generare reddito Progetti dove il soggetto privato fornisce direttamente servizi alla

Dettagli

ANALISI DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI. Docente: Prof. Massimo Mariani

ANALISI DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI. Docente: Prof. Massimo Mariani ANALISI DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Analisi del rischio; limiti del VAN in contesti di incertezza; tecniche di descrizione del rischio dei

Dettagli

L analisi degli investimenti

L analisi degli investimenti Corso di Laurea in Produzione dell Edilizia Corso di Economia e Gestione delle Imprese 9^ lezione L analisi degli investimenti 3 maggio 2005 Prof. Federico Della Puppa - A.A. 2004-2005 Dalla teoria alla

Dettagli

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario Il Business Plan Roma, 15 maggio 2014 1 Definizione, obiettivi e requisiti [1/2] OBIETTIVI DEL BUSINESS

Dettagli

Bilancio, Finanza & Budget

Bilancio, Finanza & Budget Bilancio, Finanza & Budget Modulo 1 Analisi di bilancio Guida all analisi e alla interpretazione della struttura economica, finanziaria e patrimoniale d impresa alla luce di Basilea 2 Il corso Attraverso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (Edile)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (Edile) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Dipartimento di Ingegneria Gestionale, dell Informazione e della Produzione Corso di (Edile) Prof.ssa Maria Sole Brioschi Il (non) controllo dei costi di una commessa

Dettagli

A.T.I. xxxxx Marine APPRODO TURISTICO PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

A.T.I. xxxxx Marine APPRODO TURISTICO PIANO ECONOMICO FINANZIARIO A.T.I. xxxxx Marine APPRODO TURISTICO PIANO ECONOMICO FINANZIARIO DISCLAIMER Il presente piano economico finanziario è stato elaborato: a) per quanto riguarda le ipotesi di investimento, rilevando i dati

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI CORPORATE BANKING SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Qual è il fine dell impresa nella logica della finanza aziendale? Massimizzare la creazione del valore per

Dettagli

Obiettivi della lezione #4

Obiettivi della lezione #4 Obiettivi della lezione #4 La lezione oggi affronta i seguenti temi: modelli DCF: valore attuale netto e rendimento (saggio di rendimento interno) di un progetto il ruolo delle modalità di finanziamento

Dettagli

LA BANCA COME UN IMPRESA

LA BANCA COME UN IMPRESA . Direzione crediti LA BANCA COME UN IMPRESA La legislatura italiana definisce la Banca come un impresa autorizzata a raccogliere il risparmio, tramite forme diverse, presso il pubblico ed a erogare il

Dettagli

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Indice Prefazione Autori XI XV Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Capitolo 1 Compiti ed evoluzione della funzione finanziaria 3 1.1 Compiti e finalità della funzione finanziaria

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE

AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE CONSIGLI PRATICI E TAPPE FONDAMENTALI L imprenditrice è colei che ha una visione che riesce a trasformare in realtà. L attività imprenditoriale è: 1) un sogno che mira a valorizzare

Dettagli

Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti

Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti 30.X.2013 La metodologia estimativa La metodologia estimativa rappresenta l insieme delle tecniche e degli strumenti attraverso cui si formula

Dettagli

PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009)

PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009) PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009) Il candidato, dopo avere definito il concetto di business plan, ne specifichi la struttura

Dettagli

il Project Financing per lo sviluppo dei sistemi di trasporto la valorizzazione del progetto: il piano industriale e finanziario

il Project Financing per lo sviluppo dei sistemi di trasporto la valorizzazione del progetto: il piano industriale e finanziario il Project Financing per lo sviluppo dei sistemi trasporto la valorizzazione del progetto: il piano industriale e finanziario 7 Marzo 2002 1 definizione definizione Project Project Financing Financing

Dettagli

Budget e marchi di impresa

Budget e marchi di impresa Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 11 dicembre 2009 Budget e marchi di impresa Costi e ricavi per la pianificazione dell attività Budget e marchi di impresa

Dettagli

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: CLASSE: DISCIPLINA: COMUNE 5 AFM ECONOMIA AZIENDALE COMPETENZE: Riconoscere e interpretare i macrofenomeni economici che influenzano

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

Estimo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI INGEGNERIA. Income approach. M. Ciuna, M. Simonotti

Estimo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI INGEGNERIA. Income approach. M. Ciuna, M. Simonotti UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, AMBIENTALE, AEROSPAZIALE E DEI MATERIALI Estimo Anno accademico 2011-2012 Income approach M. Ciuna, M. Simonotti

Dettagli

Le decisioni di investimento

Le decisioni di investimento DISPENSA 6 Economia ed Organizzazione Aziendale Le decisioni di investimento 1 Le decisioni di investimento Una introduzione 2 Come è possibile misurare, attraverso grandezze economico-finanziarie, l impatto

Dettagli

Il Business Plan: il controllo e l aggiornamento

Il Business Plan: il controllo e l aggiornamento Università degli Studi di Torino Facoltà di Economia Il Business Plan: il controllo e l aggiornamento Dott.ssa ANGELA SCILLA Il Business Plan FUNZIONI: Serve per formalizzare le idee di gestione dell impresa

Dettagli

1. Analisi della rilevanza dell idea-progetto e specificazione delle alternative progettuali

1. Analisi della rilevanza dell idea-progetto e specificazione delle alternative progettuali Studi di Fattibilità e Analisi Costi Benefici L esperienza maturata dalla Proind Srl nel supporto e nell assistenza tecnica alle Pubbliche Amministrazioni in materia di valutazione di investimenti pubblici,

Dettagli

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014 IL BUSINESS PLAN PER TUTTI 25 giugno 2014 Elaborazione del Modello di Greitner Esempio di Mappa strategica Massimizzazione del profitto Remunerazione adeguata dei soci Economico Finanziaria Aumento della

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

Aspetti metodologici della valutazione economica

Aspetti metodologici della valutazione economica Aspetti metodologici della valutazione economica La valutazione economica può essere definita come l analisi comparativa dei corsi di azione alternativi in termini sia di costi, sia di conseguenze (Drummond

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE IMMOBILIARE

POLICY DI VALUTAZIONE IMMOBILIARE POLICY DI VALUTAZIONE IMMOBILIARE Sommario PREMESSA... 3 REQUISITI DEI PERITI... 3 REDAZIONE DELLE PERIZIE... 4 SCHEMA GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLE PERIZIE DI STIMA DI IMMOBILI... 5 2 PREMESSA La corretta

Dettagli

La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli. Carlo Savazzi

La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli. Carlo Savazzi La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli Agenda Metodi di valutazione in generale Il metodo dei multipli Il DCF (Discounted Cash Flow) Un esempio concreto Gli elementi extra-contabili

Dettagli

Valutazione degli investimenti aziendali

Valutazione degli investimenti aziendali Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Valutazione degli investimenti aziendali Capitolo 18 Indice degli argomenti 1. Definizione e classificazione degli investimenti 2. I profili

Dettagli

Gli ambiti della finanza aziendale

Gli ambiti della finanza aziendale LA FUNZIONE FINANZA Finanza aziendale Governo delle risorse di capitale dell azienda, attuato regolando tutti i movimenti di acquisizione e di impiego dei mezzi finanziari Gli ambiti della finanza aziendale

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

MARGHINE LA FRONTIERA VERDE

MARGHINE LA FRONTIERA VERDE MARGHINE Piano d Azione per l Energia Sostenibile della Comunità Pioniera del Marghine ALLEGATO A.2 ANALISI ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE AZIONI CHIAVE DICEMBRE 2012 PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Dettagli

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN Cos è il BUSINESS PLAN? E un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Denominazione Società. Business Plan

Denominazione Società. Business Plan Denominazione Società Business Plan 20 20 Analisi effettuata il XX.XX.XX A cura di: Schema di Business Plan Università degli Studi di Trento Sommario del Business Plan 0. NO DISCLOSURE E DISCLAIMER...3

Dettagli

Il progetto e la sua fattibilità: gli strumenti

Il progetto e la sua fattibilità: gli strumenti Il progetto e la sua fattibilità: gli strumenti 17.XII.2008 Scopo della comunicazione Abbiamo sino a qui analizzato i principali attori che entrano in gioco in un operazione di sviluppo immobiliare, le

Dettagli

Logiche e strumenti di pianificazione finanziaria

Logiche e strumenti di pianificazione finanziaria Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Logiche e strumenti di pianificazione finanziaria Capitolo 6 Indice degli argomenti 1. Perché è necessario prevedere le dimensioni dei

Dettagli

$77,9,7$ ',3,$1,),&$=,21((&21752//21(,)21',&2081,',,19(67,0(172,002%,/,$5(',7,32&+,862 DFXUDGL6HUJLR%HUHWWD

$77,9,7$ ',3,$1,),&$=,21((&21752//21(,)21',&2081,',,19(67,0(172,002%,/,$5(',7,32&+,862 DFXUDGL6HUJLR%HUHWWD $77,9,7$ ',3,$1,),&$=,21((&21752//21(,)21',&2081,',,19(67,0(172,002%,/,$5(',7,32&+,862 DFXUDGL6HUJLR%HUHWWD responsabile Pianificazione e Controllo FIMIT SGR CAPITALIA Gruppo Bancario 3$57(35,0$ FONDI

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Guida alla compilazione dello strumento : Analisi dei fabbisogni finanziari nelle attivita di lavoro autonomo e nelle micro imprese

Guida alla compilazione dello strumento : Analisi dei fabbisogni finanziari nelle attivita di lavoro autonomo e nelle micro imprese Guida alla compilazione dello strumento : Analisi dei fabbisogni finanziari nelle attivita di lavoro autonomo e nelle micro imprese Materiali redatti da Stefano Favallesi e Pietro Ramirez INDICE FUNZIONALITA

Dettagli

La valutazione degli investimenti immobiliari: l analisi costi-ricavi

La valutazione degli investimenti immobiliari: l analisi costi-ricavi La valutazione degli investimenti immobiliari: l analisi costi-ricavi Le fasi 1. Valutazione dei costi e dei ricavi dell investimento 2. Costruzione del Cash Flow 3. Assunzione del tasso di sconto 4. Elaborazione

Dettagli

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7.1 Introduzione Una delle conseguenze più rilevanti sotto il profilo economico, del primo conflitto mondiale, è stata la crisi di Wallstreet; la quale trova fondamento

Dettagli

Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria

Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria Il caso Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria di Silvia Tommaso - Università della Calabria Nella scelta delle fonti di finanziamento, necessarie alla copertura del fabbisogno

Dettagli

La valutazione nella pianificazione

La valutazione nella pianificazione Corso di «Processi di pianificazione e processi di valutazione» a.a. 2014/15 La valutazione nella pianificazione Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini stefano.stanghellini@iuav.it arch. Pietro

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

Bando per l accesso al Fondo per la realizzazione di Servizi Abitativi a Canone Convenzionato

Bando per l accesso al Fondo per la realizzazione di Servizi Abitativi a Canone Convenzionato Bando per l accesso al Fondo per la realizzazione di Servizi Abitativi a Canone Convenzionato Nota per la compilazione del piano economico-finanziario (PEF) Sommario Premessa... Elementi generali... 3

Dettagli

Il project financing per l attuazione di opere di interesse pubblico

Il project financing per l attuazione di opere di interesse pubblico Il project financing per l attuazione di opere di interesse pubblico Venezia, 3 dicembre 2014 Valentina Antoniucci valutareilprogetto2@gmail.com Estimo Corso di laurea magistrale in Architettura per il

Dettagli

La programmazione delle scelte finanziarie

La programmazione delle scelte finanziarie Economia e gestione delle imprese II La programmazione delle scelte finanziarie dott. Matteo Rossi Benevento, 23 febbraio 2009 La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso

Dettagli

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Il corso è progettato e strutturato per offrire la possibilità di aggiornare le competenze dell imprenditore

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Vi ricordate quello che abbiamo visto nelle prime lezioni? LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO. L analisi di sensitività

Vi ricordate quello che abbiamo visto nelle prime lezioni? LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO. L analisi di sensitività LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO a cura di Roberto M. Brioli Coll. Arch. Mirko Bisulli LE ANALISI DI SENSIBILITÀ Vi ricordate quello che abbiamo visto nelle prime lezioni? Alcune caratteristiche

Dettagli

ROI, WACC e EVA: strumenti di pianificazione economico finanziaria Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato

ROI, WACC e EVA: strumenti di pianificazione economico finanziaria Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Articolo pubblicato sul n 22 / 2004 di Amministrazione e Finanza edito da Ipsoa. ROI, WACC e EVA: strumenti di pianificazione economico finanziaria Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Premessa

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 La gestione della raccolta In termini generali l espressione politica della raccolta è sinonimo dell

Dettagli

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 IL BUSINESS PLAN Il business plan è quel documento con il quale si descrive, si pianifica e si valuta l idea imprenditoriale. In esso i promotori effettuano un'analisi

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

Modeling your Future Investments Per Società di Investimento

Modeling your Future Investments Per Società di Investimento Modeling your Future Investments Per Società di Investimento UN PROBLEMA DA RISOLVERE: Oggi l ideazione e strutturazione di un progetto di valutazione generale di un investimento richiede consulenti finanziari

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo 9

Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo 9 UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria A.a. 2002/2003 Parma, 27 novembre 2002 Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI 1 LA STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA LA STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA DECISIONI RILEVANTI: DI UN AZIENDA COMPRENDE TRE DECISIONI DI DIVIDENDO

Dettagli

Servizi e soluzioni in outsourcing, elaborazione dati, data entry per le PMI

Servizi e soluzioni in outsourcing, elaborazione dati, data entry per le PMI Siamo ancora in tempo Questo è l anno in cui lo scenario competitivo nel quale si muovono le PMI italiane è difficile come non mai in passato. L affiancamento di un Partner qualificato qual è implica per

Dettagli

Gli indicatori di redditività

Gli indicatori di redditività Gli indicatori di redditività Venezia, 24 aprile 2014 Prof. Antonella Faggiani Arch. Valeria Ruaro, collaboratrice alla didattica valutareilprogetto2@gmail.com Valutazione economico finanziaria del progetto

Dettagli

Parte I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI

Parte I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI INTRODUZIONE 1. IL BINOMIO CRISI E RISANAMENTO D IMPRESA 1.1. Il binomio crisi e risanamento pag. 5 1.2. Cause della crisi e ruolo del management pag. 7 1.3. Indicatori di performance e previsione della

Dettagli

Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE. La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo

Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE. La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo Business School Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo Dott. FRANCO VASELLI Siena, 22 Novembre 2012 CRISI

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

Analisi dei finanziamenti

Analisi dei finanziamenti Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei finanziamenti Capitolo 9 Indice degli argomenti 1. Analisi dei finanziamenti: l approccio dinamico 2. Analisi dei finanziamenti:

Dettagli

Allegato Tecnico: Informazioni essenziali per la selezione preliminare di potenziali opportunità di investimento

Allegato Tecnico: Informazioni essenziali per la selezione preliminare di potenziali opportunità di investimento Allegato Tecnico: Informazioni essenziali per la selezione preliminare di potenziali opportunità di investimento Settore: Dimensione: infrastrutture di vario tipo incluse quelle impiantistiche e immobiliari.

Dettagli

CALCOLI DI CONVENIENZA ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

CALCOLI DI CONVENIENZA ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI CALCOLI DI CONVENIENZA ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Per ottenere una maggiore o migliore capacità produttiva, il decisore definisce i progetti di investimento industriale per mezzo dei quali

Dettagli

Schema di riferimento per il business plan

Schema di riferimento per il business plan Schema di riferimento per il business plan 1 1. IDEA IMPRENDITORIALE 1.1 Descrizione dell idea imprenditoriale 1.2 Elementi di innovatività dell idea imprenditoriale 1.3 Relazione tra il contenuto tecnologico

Dettagli

La valutazione degli investimenti reali

La valutazione degli investimenti reali Teoria della Finanza Aziendale La valutazione degli investimenti reali 5 1-2 Argomenti Dai valori mobiliari agli investimenti reali Analisi dei progetti di investimento Determinazione dei flussi di cassa

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

Analisi degli Investimenti Capitolo 10

Analisi degli Investimenti Capitolo 10 Analisi degli Investimenti Capitolo 10 1 Criteri di valutazione degli investimenti 1. Criteri finanziari di valutazione degli investimenti - Valore Attuale Netto (VAN) - Tasso Interno di Rendimento (TIR)

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di rispondere a queste tre domande: Cosa devo concretamente scrivere in un business plan?

Dettagli

CONSULENZA COSTO FUNDING

CONSULENZA COSTO FUNDING CONSULENZA COSTO FUNDING (compresa nell abbonamento ad entrambe le membership Tassi Imprese & Professionisti e Plus Tesorerie aziendali ). Il Cliente ha a disposizione il servizio di consulenza denominato

Dettagli

ESEMPI DI STAMPE E GRAFICI OTTENIBILI CON I VARI SOFTWARE DELLA SUITE

ESEMPI DI STAMPE E GRAFICI OTTENIBILI CON I VARI SOFTWARE DELLA SUITE ESEMPI DI STAMPE E GRAFICI OTTENIBILI CON I VARI SOFTWARE DELLA SUITE ALCUNE STAMPE OTTENIBILI CON IL SOFTWARE BUDGET & BUSINESS PLAN BUDGET DELLE VENDITE (Euro) PRODOTTI E 2014 2015 2016 2017 2018 2019

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA -

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - CORSO DI PIANIFICAZIONE FINANZIARIA SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2002 Cap. 9 (Dottor

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni IL BUSINESS PLAN Il Business Plan definizioni Il business plan, o piano di impresa, riassume i contenuti, le caratteristiche e le aspettative future di un iniziativa, di un progetto o di un attività Può

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli