Real Estate Advisory: Analisi, Valutazione e Finanza delle operazioni immobiliari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Real Estate Advisory: Analisi, Valutazione e Finanza delle operazioni immobiliari"

Transcript

1 : Analisi, Valutazione e Finanza delle operazioni immobiliari

2 Studio della fattibilità economico - finanziaria delle operazioni immobiliari Analisi e valutazione del progetto immobiliare La valutazione delle operazioni immobiliari è troppo spesso effettuata in modo superficiale e sommario rispetto a quanto sarebbe realmente necessario considerati i valori in gioco. Spesso, la valutazione di fattibilità di un progetto immobiliare si riduce al mero confronto tra costi e ricavi attesi ed alla valorizzazione sommaria dei flussi di cassa in entrata ed in uscita connessi all operazione; la risultate di questo processo di analisi è rappresentata dal calcolo di indicatori economico - finanziari ingannevoli e fuorvianti. Per oggettive difficoltà di calcolo, ad esempio, viene frequentemente trascurata l'incidenza del fattore tempo sulle variabili considerate, vale a dire la distribuzione temporale dei costi e dei ricavi, quindi delle entrate e delle uscite finanziarie, durante tutto il corso dell'operazione. Oltre il fattore tempo, vi sono molte altre variabili che spesso vengono erroneamente sottovalutate: risvolti fiscali, rischio finanziario, etc. Approssimazione e superficialità nel processo di analisi e valutazione rendono impossibile un razionale ed oggettivo confronto tra progetti d investimento alternativi comportando inefficienza nella scelta dell allocazione delle risorse finanziarie da parte dei soggetti decisori. L assenza di un processo di valutazione oggettivo e strutturato, inoltre, non consente una corretta pianificazione economica e finanziaria dell intervento rendendo impossibile la massimizzazione del ritorno economico e finanziario sul capitale investito. Saper prevedere, in presenza di variabili dinamiche, quanta ricchezza potrà creare un'operazione immobiliare nel corso della sua vita, richiede prima di tutto la capacità di costruire un modello che tenga conto di tutti gli elementi che possono influenzare l'esito del progetto e di prevedere, con ragionevole certezza, entro quali margini possono variare gli obiettivi prefissati (in termini di redditività, di indebitamento massimo, di ricchezza creata) al variare di Key Value Drivers (valori chiave) difficili da prevedere in modo puntuale. Gemino Global Advisor, attraverso l utilizzo e l applicazione di sofisticati metodi di calcolo quantitativo e grazie alla pluriennale esperienza nel campo della finanza applicata al settore immobiliare, mira a risolvere tutti questi aspetti assistendo ed affiancando il Cliente nella valutazione della fattibilità economico - finanziaria del progetto immobiliare attraverso l implementazione di un procedimento razionale, oggettivo e strutturato.

3 La valutazione economica: l analisi dei costi L analisi dei costi di realizzazione di un progetto immobiliare è il primo passaggio fondamentale che deve essere affrontato in ottica di valutazione della fattibilità economico - finanziaria della operazione in oggetto. Nella prassi comune che caratterizza il processo di valutazione della redditività di un progetto immobiliare, spesso si prendono in esame dati aggregati costruiti con eccessiva superficialità. In tale fase, è necessario valutare in maniera analitica tutte le voci di costo connesse al progetto, distinguendo opportunamente le varie voci di costo per natura e per tipologia. Nelle operazioni immobiliari, infatti, si possono classificare almeno tre diverse tipologie di costi: L analisi dei Costi Diretti di Produzione Analisi dei costi vivi del progetto immobiliare I costi vivi di costruzione sono direttamente riferibili alle differenti superfici da edificare (residenze, balconi, giardini, garage, etc.) e vengono calcolati sulla base delle risultanze del Computo Metrico Estimativo. Simulare differenti scenari relativi ai costi vivi consente di ipotizzare differenti livelli qualitativi attribuibili al progetto immobiliare. 1. Costi vivi di costruzione; 2. Costi diretti di costruzione; 3. Costi indiretti di costruzione. I primi sono direttamente attribuibili alla realizzazione materiale dell opera e sono desumibili dal Computo Metrico Estimativo; essi influiscono direttamente sul livello qualitativo del progetto. I secondi sono costi comuni specifici; essi non influiscono direttamente sulla qualità del progetto ma sono direttamente riferibili alla commessa (es. Oneri di Urbanizzazione). La terza categoria di costi è rappresentata dai costi comuni generici, vale a dire costi di struttura attribuibili al progetto solo attraverso l utilizzo di opportuni criteri di riparto (es. Personale Amministrativo). Analisi dei costi indiretti di produzione Per una corretta valutazione economica e finanziaria della operazione immobiliare è indispensabile quantificare tutti i costi non riferibili, in via specifica, alla realizzazione del progetto immobiliare e, di regola, non inseriti nel Computo Metrico Estimativo (oneri di urbanizzazione, progettazione, direzione lavori, piano di sicurezza, etc.).

4 La valutazione economica: l analisi dei ricavi Nella prassi comune la determinazione dei ricavi di vendita viene calcolata prendendo a riferimento un prezzo obiettivo aggregato più o meno vicino ai valori di mercato riferibili al territorio oggetto di intervento. Seppur tale approccio risulta essere, dal punto di vista strettamente metodologico corretto, spesso non vengono prese in considerazione diverse variabili che influiscono sulla determinazione complessiva dei ricavi e sulla loro distribuzione nel tempo. A titolo indicativo ma non esaustivo, si possono elencare: 1. Lo sconto medio applicato sul listino; 2. La percentuale di vendite in permuta; 3. La commissione di intermediazione; 4. Eventuali abbuoni commerciali; 5. Etc. Oltre alle variabili che incidono direttamente sul valore complessivo dei ricavi conseguibili dalla operazione, non bisogna trascurare poi, la dinamica relativa alla distribuzione temporale del flusso di vendite. Una dinamica molto veloce, necessariamente correlata ad una buona appetibilità di mercato, consente di minimizzare il costo dei capitali di investimento impiegati nell iniziativa. Al contrario, una dinamica lenta e farraginosa del flusso delle vendite, allunga l asse temporale di riferimento e ritarda la chiusura del progetto causando un maggior costo del captale investito con conseguente decurtazione del valore del progetto immobiliare, sia in termini economici (basti pensare ai maggiori oneri finanziari) che in termini finanziari (a causa del decremento del V.A.N.) L analisi della distribuzione dei Ricavi Analisi dei ricavi del progetto immobiliare I ricavi di vendita connessi all operazione immobiliare sono strettamente legati al prezzo di vendita al mq ed alla tipologia delle superfici vendibili (alloggi, garage, giardini, etc.). Spesso, però, in sede di valutazione dei ricavi attesi connessi all operazione, non vengono considerate molte variabili che possono influire direttamente sui ricavi totali; % sconto medio praticato sul listino: è il ribasso medio che si prevede di applicare sul prezzo di listino per le vendite chiuse direttamente, quindi senza l ausilio dell agenzia immobiliare. Esso influisce direttamente sulla redditività complessiva dell operazione e sulla distribuzione dei flussi di cassa attesi; % commissione di intermediazione: è il prezzo che bisogna pagare per l attività commerciale svolta dalla agenzia immobiliare che si occupa delle vendite. La % influisce sulla redditività complessiva dell operazione e sulla distribuzione dei flussi di cassa attesi; Livello di velocità delle vendite: rappresenta il tasso di velocità di chiusura dell operazione. Se le unità che compongono l operazione vengono vendute con un buon ritmo, la durata dell operazione si accorcia, migliora la redditività complessiva del progetto e aumenta il Valore Attuale dell operazione. In caso contrario, sia la dinamica reddituale che finanziaria peggiorano; % a saldo: rappresenta la percentuale che il cliente corrisponde, a titolo di saldo, al momento del rogito o della consegna dell unità oggetto di transazione. Le modalità di pagamento devono necessariamente essere prese in considerazione per la determinazione dei flussi di cassa attesi connessi al progetto.

5 La valutazione economica: la redditività attesa L analisi della redditività complessiva del progetto immobiliare viene effettuata detraendo dai ricavi complessivi di progetto i costi connessi all operazione. L analisi di Redditività del progetto Spesso, in sede di determinazione del Reddito Lordo, non vengono considerate alcune voci di rettifica dei flussi di entrata connessi alle vendite come sconti commerciali, commissioni di mediazione commerciale e percentuale delle permute inserite nel progetto. Inoltre, nella prassi comune, spesso non vengono considerate altre voci di costo connesse all operazione come il carico fiscale, variazione delle rimanenze, oneri finanziari, etc. Una precisa e puntuale determinazione del tasso di redditività complessiva del progetto non può prescindere dall attenta valutazione di tutti gli aspetti sopra elencati. Inoltre è necessario elaborare un piano economico prospettico in grado di evidenziare la distribuzione temporale dei costi e dei ricavi connessi al progetto immobiliare. La sintesi del processo di valutazione economica è rappresentata dal calcolo di un set di indicatori sintetici in grado di mostrare, in termini semplici ed intuitivi, la redditività dell operazione. Tali indicatori o Key Value Drivers esprimono la loro importanza ed utilità soprattutto in termini di comparabilità tra progetti di investimento alternativi. La valutazione della redditività attesa In sede di analisi e valutazione della redditività del progetto immobiliare è necessario calcolare alcuni parametri chiave in grado di mostrare, graficamente ed analiticamente, la redditività attesa connessa all operazione. Ricavi netti di vendita: rappresenta l ammontare dei ricavi totali dell operazione al netto di eventuali rettifiche rappresentate da sconti commerciali, permute, etc.; M.O.L. (Margine Operativo Lordo): è il valore aggiunto puro calcolato sulla base della differenza tra ricavi e costi diretti connessi all operazione; R.O. (Reddito Operativo): è il Margine Operativo Lordo scontato dei costi di struttura aziendale; R.L. (Reddito Lordo): Il Reddito Lordo è il reddito prodotto dall operazione prima del carico fiscale; R. N. (Reddito Netto): rappresenta il reddito lordo depurato delle imposte sul valore prodotto dall operazione; N.O.P.A.T.( Reddito Netto Operativo al netto delle imposte): rappresenta il valore aggiunto realizzato dall operazione depurato dei costi di struttura e dei costi fiscali.

6 La valutazione finanziaria: i flussi di cassa attesi La valutazione finanziaria di commessa, intesa come distribuzione sull asse temporale dei flussi in entrata ed in uscita connessi al progetto, viene spesso omessa nell ambito di analisi di fattibilità dell operazione. Molti progetti, anche se apparentemente redditizi sotto l aspetto economico, non vedono mai la fine proprio perché finanziariamente sbilanciati. Per questo motivo, l analisi della dinamica dei flussi di cassa attesi è molto importante in termini di valutazione della fattibilità progettuale. Nell analisi dei flussi di cassa attesi, però, non si può peccare di superficialità, soprattutto in termini di calcolo del fabbisogno finanziario necessario alla sostenibilità del progetto; occorre evitare di incorrere in sgradevoli situazioni di insufficienza di liquidità che potrebbero soffocare il normale svolgimento dei lavori. Spesso, nei calcoli dei flussi di cassa attesi, si omettono importanti variabili che incidono notevolmente sul risultato finale come l I.V.A., gli anticipi, le permute, le imposte, etc. Pianificare la commessa sotto l aspetto finanziario significa allineare le entrate e le uscite laddove possibile e prepararsi, per tempo, ad affrontare il periodo di massima illiquidità attraverso il procacciamento delle risorse necessarie al finanziamento dell opera. L analisi del Payback Finanziario L analisi del Fabbisogno Finanziario L analisi dei flussi di cassa attesi La pianificazione finanziaria dei flussi di cassa attesi costituisce, senza dubbio, un fattore critico di successo dell iniziativa imprenditoriale legata alla realizzazione di un progetto immobiliare. Oltre alle fonti di finanziamento proprie, infatti, è necessario determinare e quantificare la struttura del capitale di debito funzionale al progetto sia in termini di investimento iniziale (es. acquisto del terreno) che di capitale circolante (es. start up di cantiere). Oltre che alle condizioni economiche applicate sul capitale di debito, che ovviamente devono essere sostenibili da un punto di vista reddituale, è importante ricercare il miglior bilanciamento tra fonti proprie e fonti di terzi in ottica di massimizzazione del valore prodotto dall operazione.

7 La valutazione finanziaria: il ritorno atteso L analisi e la valutazione del ritorno finanziario dell operazione è un attività spesso dimenticata dagli esecutori del progetto; in realtà, a differenza della redditività economica, il ritorno finanziario è il vero termometro di successo dell iniziativa. Il tasso di rendimento finanziario, infatti, prende in considerazioni molteplici variabili che nell analisi economica vengono omesse. Il trascorrere del tempo, il costo opportunità del capitale, il payback finanziario, etc. sono concetti che possono essere valorizzati e valutati solo attraverso un attenta analisi finanziaria. L interpretazione di indicatori quali il V.A.N. (Valore Attuale Netto) e il T.I.R. (Tasso Interno di Rendimento), ad esempio, rappresentano validi supporti per la decisione tra progetti di investimento alternativi. Non solo. L analisi del payback finanziario, del periodo di massima illiquidità, etc. permette di valutare la sostenibilità finanziaria del progetto, nonché il suo ritorno monetario in termini temporali. Al fine di una corretta interpretazione delle informazioni derivanti dall analisi finanziaria, è indispensabile stimare correttamente la dinamica dei flussi di cassa connessi al progetto; in tal senso, è opportuno prevedere correttamente tutte le variabili che possono influenzare il cash flow complessivo dell operazione (aspetto fiscale, distribuzione delle entrate finanziarie, acconti, etc.). L analisi del V.A.N. cumulato di progetto Gli indici finanziari del progetto immobiliare Gli indici finanziari di un progetto di investimento sono il vero termometro di successo dell iniziativa. Tra i principali indicatori vi sono: V.A.N. (Valore Attuale Netto): rappresenta la sommatoria dei flussi di cassa in entrata ed in uscita, scontati per il CMPC (Costo Medio Ponderato del Capitale). Può essere considerato come la maggior ricchezza creata dal progetto come se fosse immediatamente disponibile; T.I.R. (Tasso Interno di Rendimento): è il tasso di rendimento che rende uguale a zero il V.A.N.; è un indicatore di appetibilità del progetto che spesso viene utilizzato in alternativa al V.A.N. (che invece è espresso in euro). Più è elevato il T.I.R. più il progetto è redditizio; Payback finanziario: è il numero di periodi (espresso in mesi) che è necessario attendere affinché i flussi positivi attualizzati dell investimento compensino i flussi negativi attualizzati; in tale punto si raggiunge il Break Even Finanziario o CutOff period; C.M.P.C. (Costo Medio Ponderato del Capitale): è il tasso che pondera il costo del debito con il costo del rendimento atteso sul capitale proprio in relazione alla strutturazione finanziaria del soggetto esecutore. Viene utilizzato per scontare i flussi di cassa prospettici.

8 Le Simulazioni: Sensitivity e Montecarlo Le simulazioni circa i possibili scenari prospettici concernenti i potenziali sviluppi dell operazione oggetto di analisi, conferiscono completezza e accuratezza all indagine economico - finanziaria di un progetto immobiliare. La Sensitivity Analisys (Analisi di Sensitività) consiste nell effettuare differenti simulazioni circa una solo variabile del progetto mantenendo invariate tutte le altre. Lo scopo di tale analisi è quello di studiare l impatto di alcuni parametri (Key Value Drivers) sul progetto complessivo. Nel caso dei progetti immobiliari, ad esempio, i due parametri che si prendono a riferimento per effettuare l Analisi di Sensitività sono: il prezzo di vendita e il costo vivo di costruzione. La simulazione di scenario attraverso l utilizzo della tecnica Montecarlo, invece, implica la costruzione di differenti scenari (di solito tre, chiamati pessimistico, inerziale, ottimistico ) in cui tutte le variabili in gioco assumono valori differenti a seconda dello scenario cui si riferiscono. Gli scenari simulati aiutano a definire meglio le variabili in gioco e a valutare correttamente tutte le tipologie di rischio inerenti al progetto. Uno degli scopi fondamentali della simulazione di scenari, infatti, è quello di definire qual è il limite minimo di sussistenza economica e finanziaria del progetto; il limite, cioè, oltre il quale non è conveniente realizzare il operazione. L analisi di Sensitività (Sensitivity Analisys) L analisi di Scenario Le simulazioni di Scenario La formulazione di differenti scenari consente al soggetto decisore di valutare correttamente i rischi connessi al progetto, soprattutto nello scenario pessimistico. Il modello, a differenza dell Analisi di Sensitività, è costituito da molteplici variabili interconnesse ed interdipendenti, alle quali vengono associati diversi valori secondo stime probabilistiche attendibili. L utilità del metodo sta nel fatto di poter costruire degli scenari prospettici attendibili e verosimili. Quando una variabile del progetto muta a causa della sua interconnessione con le altre variabili in gioco, è probabile che mutino gli equilibri di sistema influendo direttamente sulla valutazione complessiva.

9 Business Plan e Piano Finanziario dell operazione immobiliare Redazione del Piano di Business del progetto La redazione del Business Plan di Progetto e del Piano Finanziario Prospettico rappresenta uno step di fondamentale importanza ai fini della buona riuscita dell operazione. Tali documenti progettuali, infatti, si propongono l obiettivo primario di comunicare ai principali stakeholders (partner finanziari, partner industriali, investitori, etc.) gli aspetti qualitativi e quantitativi dell operazione. Sulla base dell analisi e della valutazione di tali elaborati, infatti, i diversi attori in gioco impostano il proprio processo decisionale, deliberando se e come partecipare all operazione in oggetto. Il Business Plan di un operazione immobiliare descrive il progetto sia in termini qualitativi che quantitativi, con particolare attenzione alla redditività attesa esprimibile dall operazione. Tale documento, oltre a rappresentare l andamento prospettico di carattere economico - finanziario, illustra anche i principali aspetti qualitativi come la descrizione dell intervento, i suoi punti di forza, l analisi del territorio oggetto di intervento, l analisi dei prezzi di vendita sul mercato di riferimento, etc. Il Piano Finanziario Prospettico, d altro canto, mostra gli aspetti strettamente monetari connessi all operazione. Esso, a differenza del Business Plan, viene redatto sulla base di entrate ed uscite finanziarie costituenti i flussi di cassa attesi dell operazione immobiliare. Nel Piano Finanziario viene illustrata la composizione delle Fonti di Finanziamento (Capitale Proprio e Capitale di Debito) in relazione al fabbisogno finanziario necessario per la realizzazione dell opera. Inoltre, viene evidenziata la dinamica dei flussi finanziari attivi e passivi durante tutta la vita del progetto; tale esercizio è ritenuto di fondamentale importanza al fine di valutare, attraverso l analisi D.C.F. (Discount Cash Flow Analisys), il Valore Attuale Netto (V.A.N.) dell operazione e la redditività effettiva prodotta dallo stesso. Gemino Global Advisor, grazie all esperienza ed alle capacità tecniche dei suoi professionisti, assiste il Cliente nell elaborazione del Business Plan e del Piano Finanziario Prospettico relativi al progetto immobiliare oggetto di analisi. Spesso, una presentazione completa, accurata e professionale traccia la differenza tra il successo ed il fallimento dell iniziativa imprenditoriale.

10 La stesura del Business Plan di progetto Il Business Plan relativo alla realizzazione di un iniziativa immobiliare è un documento descrittivo dell operazione che mira ad individuare sia gli aspetti qualitativi che quantitativi dell operazione. Il Format elaborato dalla Gemino Global Advisor, frutto di un esperienza ventennale nel settore, si compone delle seguenti sezioni. Descrizione del Progetto (Analisi Interna) In questa sezione si procede alla descrizione completa e dettagliata dell operazione con particolare attenzione agli aspetti qualitativi dell operazione. Nel dettaglio si individuano la natura del progetto e del suo grado qualitativo, gli elementi di differenziazione rispetto a progetti simili o similari e la descrizione dettagliata delle modalità di acquisizione dell area di intervento. Analisi del mercato di riferimento (Analisi Esterna) Questa parte del documento è dedicata all analisi del mercato immobiliare di riferimento nel territorio oggetto di intervento. In particolare si analizzano: prezzi medi di compravendita, volumi medi di compravendita, progetti immobiliari di prossima realizzazione, condizioni del mercato finanziario, etc. Piano delle vendite In questa sezione si analizzano tutti gli aspetti concernenti la vendita delle unità immobiliari connesse al progetto: distribuzione tra vendite dirette ed intermediate, prezzi applicati, budget di comunicazione, modalità di vendita, eventuali garanzie, oneri accessori, etc. Piano di progetto In questa sezione vengono fornite tutte le informazioni circa la realizzazione tecnica dell intervento: mix di unità abitative, piano temporale, partner esecutivi, modalità di approvvigionamento, etc. Analisi economica Questa parte è dedicata all analisi economica dell operazione. Vengono presi in considerazione i seguenti aspetti: prezzi, previsione delle vendite, costi vivi di costruzione, costi indiretti di costruzione, modalità di incasso/pagamento, quantificazione degli oneri finanziari, etc. Il contenuto finale del processo di definizione del Business Plan è rappresentato dal conto economico prospettico pluriennale, in cui vengono illustrate le distribuzioni temporali dei costi e dei ricavi connessi al progetto.

11 Cash Flow Analisys La Discount Cash Flow Analisys rappresenta il momento conclusivo del processo di valutazione economica a finanziaria dell operazione. Attraverso la sua implementazione, infatti, è possibile costruire un set di indicatori chiave in grado di descrivere l operazione in maniera sintetica (V.A.N., T.I.R., Payback, etc.). Un aspetto molto importante relativo all analisi dei flussi di cassa prospettici è la possibilità di impostare correttamente la pianificazione finanziaria di breve e lungo termine relativa al progetto. Grazie all analisi del fabbisogno mensile e al dato relativo al periodo di massima illiquidità, infatti, è possibile impostare a priori un piano finanziario di copertura adeguato ed equilibrato. Indici finanziari di progetto Sopra è illustrato il set di indicatori chiave utili alla valutazione economico - finanziaria dell operazione immobiliare. La corretta interpretazione degli indicatori, consente di prendere decisioni efficaci ed in grado di massimizzare il valore del progetto. Sotto viene mostrato il modello di determinazione dei flussi di cassa attesi prospettici. In tal caso è necessario sottolineare come sia fondamentale collocare correttamente le poste finanziarie in entrata ed in uscita in relazione a: Piano degli Investimenti; Piano esecutivo di Progetto; Piano delle Vendite/Commerciale L obiettivo della pianificazione finanziaria dell intervento è duplice: Evitare crisi di liquidità; Massimizzare il valore del capitale investito.

12 Strutturazione finanziaria dell operazione e supporto continuativo Copertura del fabbisogno finanziario Valutata l operazione dal punto di vista economico e finanziario e determinata correttamente la struttura delle fonti e degli impieghi connessi all operazione, occorre trovare il partner finanziario (tipicamente un banca) che sia disposta a partecipare al progetto. Gemino Global Advisor fornisce ai propri Clienti un servizio di scouting finanziario sulla base del best effort, cioè sulla base delle migliori condizioni di mercato disponibili al momento, tenuto conto della specificità dell operazione e dell area di destinazione dell intervento. Gemino Global Advisor, inoltre, assiste i suoi Clienti in itinere, in particolar modo in sede di determinazione ed erogazione dei S.A.L. di progetto, interfacciandosi con i tecnici interni ed esterni deputati alla rilevazione periodica dello stato di avanzamento dei lavori. Oltre all assistenza continuativa, Gemino Global Advisor offre anche servizio di istruzione e gestione della pratica di frazionamento del mutuo edilizio e consulenza finanziaria ai clienti finali eventuali accollatari della quota parte del mutuo.

13 Non facciamo edilizia, la rendiamo semplice. FINANZA D IMPRESA - FINANZA IMMOBILAIRE - FINANZA AGEVOLATA - STUDI & ANALISI SEDE LEGALE Pineto (TE) Strada Comunale Cannuccia, SNC Complesso Cerquitelli, 1º Piano Tel Fax SEDE OPERATIVA Spoltore (PE) Via SS 16 Bis, n. 86 ARCA delle Professioni, Scala Ciclamino, 1º Piano Tel Fax

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI testo di riferimento: Analisi inanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill, 2001 cap. 10. Indice Introduzione I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia Testo di riferimento: Analisi Finanziaria, McGraw-Hill, 2002 Obiettivi della lezione Capire i profili di

Dettagli

Le metodologie alternative al VAN

Le metodologie alternative al VAN Teoria della Finanza Aziendale Le metodologie alternative al VAN 6 1-2 Argomenti Il VAN e le possibili alternative Il Payback Period Il rendimento medio contabile Il TIR Valutazione in presenza di vincoli

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali Capitolo 10 Analisi degli investimenti in beni strumentali 1 I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti 1. Il tempo di recupero (payback period) 2. Il payback period attualizzato 3. Il rendimento

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e "Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta" Bob Proctor (Fondatore e Presidente di Life Success Productions) STANDARDS INTERNAZIONALI DI VALUTAZIONE IL COST APPROACH Il Cost Approach

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Introduzione Agenda La misura del valore: i fattori che influenzano il valore di un azienda

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

DEL BUSINESS PLAN. A cura del Gruppo di Lavoro. Area Finanza Aziendale. Consigliere Delegato: Marcello Danisi

DEL BUSINESS PLAN. A cura del Gruppo di Lavoro. Area Finanza Aziendale. Consigliere Delegato: Marcello Danisi LINEE GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN A cura del Gruppo di Lavoro Area Finanza Aziendale Consigliere Delegato: Marcello Danisi Consiglieri Co Delegati: Giosuè Boldrini e Enrico Maria Guerra 1 SOMMARIO

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Avviare e sviluppare un impresa con il venture capital e il private equity GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Indice 1. Perché una guida...4 2. L investimento nel

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Analisi di bilancio per indici e per flussi

Analisi di bilancio per indici e per flussi Prof. Marco Tutino, Dipartimento di Studi Aziendali Analisi di bilancio per indici e per flussi Dispensa per il corso di Bilancio, Corso Avanzato Prof. Marco Tutino 1 INDICE 1... INTRODUZIONE... 5 2...

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli