La formulazione e la presentazione della strategia aziendale attraverso la redazione del piano industriale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La formulazione e la presentazione della strategia aziendale attraverso la redazione del piano industriale"

Transcript

1 Anno Accademico 2012/2013 CORSO DI STRATEGIA E POLITICA AZIENDALE Dispensa ad uso degli studenti La formulazione e la presentazione della strategia aziendale attraverso la redazione del piano industriale A cura di: Prof. Andrea Cardoni Dipartimento di Discipline Giuridiche ed Aziendali Università degli Studi di Perugia Novembre 2012

2 Sommario 1. Premessa Il piano industriale: aspetti introduttivi e definitori Le finalità e i contesti di redazione del piano industriale Il piano industriale come strumento di gestione strategica Le principali componenti del piano industriale Il piano economico e finanziario: schemi e logiche di elaborazione Principali riferimenti bibliografici...49 Per diventare strateghi di successo dovete vivere concretamente l esperienza. Dovete confrontarvi con l obiettivo specifico della vostra azienda, individuare delle differenze che contano, definire il vostro sistema di creazione del valore e mettere tutto assieme in una frase che sintetizza chiaramente la vostra strategia. C è un solo modo per iniziare correttamente: mettere per iscritto tutte queste cose. La formulazione scritta impone una disciplina che non è ipotizzabile nella forma orale: dà struttura al vostro pensiero. Vi obbliga a definire con parole accuratamente selezionate qual è la ragione d essere della vostra azienda e qual è il contributo di ogni componente allo sforzo complessivo. Cinthia A. Montgomery, Il ritorno della strategia, Rizzoli Etas, 2012

3 Il piano industriale 1 1. Premessa La presente dispensa rappresenta un supporto didattico per il corso di Strategia e Politica Aziendale tenuto alla Facoltà di Economia dell Università degli Studi di Perugia. In essa vengono illustrati, in particolare, i principali elementi concettuali e di contenuto riferiti alla tematica del piano industriale, considerato e interpretato come insostituibile strumento di formulazione e presentazione della strategia aziendale. La dispensa ha utilizzato come fonti bibliografiche i principali testi di letteratura economico-aziendale e taluni riferimenti manualistici maturati in ambito professionale, ed ha come principale scopo quello di coadiuvare gli studenti nello studio delle problematiche di inquadramento e di redazione del piano industriale. 2. Il piano industriale: aspetti introduttivi e definitori A livello terminologico le espressioni business plan, piano industriale e piano economico e finanziario possono essere usate come sinonimi, pur essendo ravvisabili le seguenti differenze: - il termine business plan, nell accezione italiana, sembra essere riservato a iniziative di start-up; - il piano industriale enfatizza gli aspetti reali dell attività di impresa, considerando marginali le questioni di finanza; - il piano economico e finanziario mette in risalto gli aspetti numerici, dando per assodata la strategia e lo scenario di riferimento. In questa sede si decide di adottare il termine piano industriale per puntare l accento sulla necessaria completezza del documento, e considerando una ipotesi di azienda in funzionamento. In una prospettiva generale, il piano industriale può essere considerato come quello strumento informativo e di controllo che, partendo dalle caratteristiche strutturali e produttive dell azienda, consente di: A. Cardoni Corso di Strategia e Politica Aziendale

4 Formulazione e presentazione della strategia 2 - esplicitare la visione imprenditoriale del business nel medio-lungo termine e le intenzioni strategiche del management relative alle strategie competitive dell azienda; - identificare e fissare gli obiettivi e le priorità strategiche, in modo da condividere le finalità a tutti i livelli della struttura aziendale per favorire il coordinamento e l organizzazione; - elaborare le azioni che saranno realizzate per il raggiungimento degli obiettivi strategici e l evoluzione dei key value driver e dei risultati attesi; - delineare il modello di business rispetto al quale l azienda intende tracciare il suo percorso di crescita e di sviluppo; - esprimere i valori previsionali in un orizzonte di medio/lungo termine, evidenziando i riflessi delle strategie che la stessa intende perseguire; - rendere misurabili gli obiettivi tramite la definizione di opportuni indicatori di alto livello, sia di tipo economico (fatturato, valore aggiunto, EBITDA, EBIT, ROI, ROE, ecc.), che di tipo finanziario (leva finanziaria, posizione finanziaria netta, ecc.); - favorire processi di benchmarking sulle performance economico-finanziarie attraverso il confronto con i principali competitors del settore; - analizzare preventivamente la dinamica finanziaria connessa allo sviluppo dell impresa per valutare la fattibilità e la sostenibilià del progetto strategico; - identificare un modello di pianificazione strategica entro il quale inserire il sistema di programmazione e controllo (budgeting e reporting) che parta dagli o- biettivi di lungo termine e tenga conto del business model che caratterizza l azienda. Nelle aziende caratterizzate da elevati livelli di complessità, con dimensioni mediograndi, il piano industriale riveste un ruolo vitale, risultando utile al management per la rappresentazione della propria visione imprenditoriale, permettendo ai componenti del consiglio di amministrazione di svolgere appieno il ruolo di indirizzo e controllo della società e consentendo all impresa di attirare risorse, umane e finanziarie, necessarie alla realizzazione del piano di azione (c.d. action plan). In questo contesto, sovente caratterizzato da una base azionaria non coincidente con l organo strategico-direzionale, il A. Cardoni - Corso di Strategia e Politica Aziendale

5 Il piano industriale 3 principale obiettivo del piano è quello di definire in che modo l azienda intende accrescere il valore creato per gli azionisti, essendo strutturato in modo da permettere: - la focalizzazione sulla creazione di valore nell ambito di una visione di lungo periodo. Il piano industriale è infatti un momento privilegiato per focalizzarsi sulla definizione di strategie intenzionali che consentano di massimizzare la creazione di valore, considerando che spesso le esigenze operative di breve periodo non permettono ai responsabili della direzione aziendale di dedicare tempo all analisi delle dinamiche settoriali, ai comportamenti dei competitor e all individuazione di valide opportunità. E opinione diffusa che la sostenibilità del vantaggio competitivo può essere certamente favorita dall esistenza e dalla qualità del processo di elaborazione dei piani industriali, anche in considerazione dello stretto legame tra strategic planning e strategic thinking; - la creazione di una guida per la gestione dell attività aziendale. Il piano industriale, e più propriamente l action plan, rappresenta uno strumento che guida le principali scelte operative, quali: i) l entrata in nuovi mercati, ii) l introduzione di nuovi prodotti e servizi, iii) l utilizzo di nuovi canali distributivi, iv) l ampliamento del portafoglio clienti e il reperimento di tutte le risorse - finanziarie, umane, organizzative e tecnologiche - necessarie all implementazione degli obiettivi strategici; - lo sviluppo di un processo di apprendimento. Il processo di strutturazione del piano diventa uno strumento che consente di verificare la qualità di certe intuizioni manageriali e imprenditoriali, contenendo così i correlati rischi. Infatti, la redazione del piano industriale implica di solito un processo di learning by doing che porta ad un progressivo affinamento e dunque l elaborazione di successive versioni all interno di un percorso iterativo: gli assunti errati, le aree di debolezza e le incoerenze sono così progressivamente corretti, mentre gli stimoli e le intuizioni derivanti dall esame delle prime versioni di piano vengono recepiti, integrando e migliorando il progetto strategico originale. Si realizza così un processo di learning by doing coerente con un approccio alla gestione strategica; - un miglior livello di comunicazione con il sistema degli interlocutori finanziari. La redazione e il vaglio critico del piano industriale rappresentano un modo per A. Cardoni Corso di Strategia e Politica Aziendale

6 Formulazione e presentazione della strategia 4 prepararsi a spiegare e difendere le proprie scelte strategiche nei confronti degli interlocutori finanziari al fine di limitare il rischio che esse non siano adeguatamente comprese e, per questo solo fatto, non approvate. Ciò è importante sia nei momenti ordinari della vita aziendale che in particolari operazioni o cicli di sviluppo dell attività, quali operazioni straordinarie, quotazioni, cessioni ecc. Gli obiettivi che possono essere ricercati attraverso il piano industriale sono, peraltro, molteplici e le finalità perseguite dai destinatari di tale documento possono essere tra loro differenti. 3. Le finalità e i contesti di redazione del piano industriale Se nella prospettiva più generale e completa, il piano industriale riveste il ruolo sinteticamente descritto nel paragrafo precedente, non vi è dubbio che l utilità del documento si è nel corso del tempo estesa ad una ampia serie di contesti che ne condizionano le motivazioni e le specifiche finalità di redazione. Per delineare un quadro di riferimento utile a comprendere le varie declinazioni che il documento può assumere, è utile in primo luogo differenziare la motivazioni di fondo che spingono alla sua redazione, a seconda che siano riconducibili a: - motivazioni riferite alla volontà/necessità dell impresa stessa di redigere il documento, andando poi a distinguere se tale redazione avvenga per finalità interne o esterne; - motivazioni riferite all esigenza di terzi di conoscere il percorso strategico a- ziendale e di valutare in termini previsionali i riflessi delle strategie sulle performance e sugli equilibri economico-finanziari. In termini di impostazione del documento, possiamo inoltre considerare una ulteriore differenziazione in base al contesto in cui si colloca il documento, se riferito a: - contesto gestionale, ovvero il documento viene elaborato come supporto per l esplicitazione e la condivisione della vision imprenditoriale e dell action plan, attraverso la definizione di contenuti che saranno modellati di volta in volta in base alle esigenze strategiche e operative della direzione aziendale; A. Cardoni - Corso di Strategia e Politica Aziendale

7 Il piano industriale 5 - contesto istituzionale, ovvero il documento è reso obbligatorio da determinate prescrizioni di legge e assume una valenza formale che, gioco forza, ne influenza il contenuto. Applicando la griglia di criteri appena considerati, è possibile delineare il seguente quadro di riferimento. Motivazioni legate alla volontà/necessità dell impresa In questo primo ambito, le logiche e i contesti di redazione del piano industriale possono essere ulteriormente distinti a seconda dei fini per i quali il documento viene elaborato. Tali fini possono essere: a) di carattere interno, legati a: 1) start-up dell impresa; 2) esigenze di pianificazione e controllo dello sviluppo aziendale; 3) definizione di un piano di incentivi per i manager. b) di carattere esterno, connessi alle seguenti circostanze: 1) partecipazioni a gare; 2) piani di ristrutturazione; 3) valutazione degli elementi dell attivo ; 4) procedimenti di quotazione (initial public offering - IPO); 5) operazioni straordinarie. Nel caso a) 1 (start-up) ci si trova in una fase in cui viene sviluppata una nuova idea d impresa (business idea), che vede come primo passo fondamentale il recepimento di un bisogno insoddisfatto o soddisfatto solo parzialmente da una offerta di prodotti/servizi. Il passo immediatamente successivo è rappresentato dall analisi strategica della concorrenza esistente e potenziale, che consiste nel chiedersi se al momento sul mercato vi siano già imprese che svolgano una medesima attività o che potrebbero accorpare, senza grandi difficoltà, la nuova offerta di prodotti/servizi. I motivi da cui può originare una idea di business possono essere diversi e sono riconducibili a: - scoperta di una nuova tecnologia; A. Cardoni Corso di Strategia e Politica Aziendale

8 Formulazione e presentazione della strategia 6 - espansione della domanda di un prodotto/servizio; - modificazione dei gusti dei consumatori; - successo di altre imprese; - individuazione di un bisogno del mercato. Da questa intuizione deve partire un processo organizzato di analisi e verifica dell'idea che deve portare alla redazione di un piano di fattibilità (o business plan) da cui devono emergere: - le caratteristiche tecniche del prodotto/servizio; - le tecnologie e le attrezzature necessarie; - il tipo di mercato di sbocco; - le politiche di marketing da attivare; - il capitale necessario per avviare e gestire l'impresa; - i soci/collaboratori da coinvolgere; - la forma giuridica più adeguata; - gli adempimenti burocratici da espletare. Al termine di questo processo di analisi/ricerca l'imprenditore sarà in grado di affacciarsi sul mercato con una adeguata nozione sulla realizzabilità del progetto, avendo identificato le principali azioni che saranno intraprese nel primo triennio, tenendo presente che il piano risente di una duplice problematica: - l assenza di una storia, che condiziona i rapporti con il mercato e con le banche; - l incertezza e la variabilità delle previsioni, legate sia ad eventi interni (tempi e costi connessi alla costruzione degli impianti, all ottenimento di un adeguato livello qualitativo del prodotto/servizi) che a quelli esterni (gradimento del prodotto/servizio, rapporti con la concorrenza, ritardi dei fornitori, inefficienze della rete distributiva). Nel caso a) 2 (pianificazione e controllo) il piano industriale è lo strumento con il quale il management esplicita e formalizza la sua attività di gestione strategica, potendo così ottenere una serie di importanti risultati conoscitivi e condizioni di controllo, quali: - valutazione dell impatto delle diverse strategie di crescita; - definizione e verifica del tasso di crescita sostenibile; A. Cardoni - Corso di Strategia e Politica Aziendale

9 Il piano industriale 7 - valutazione dell impatto di specifici investimenti sulla redditività complessiva dell impresa; - analisi della relazione tra i driver del valore e la redditività attesa del business; - condivisione degli obiettivi strategici con la struttura organizzativa e impostazione del sistema di programmazione e controllo per l indirizzo dell attività a- ziendale. Tale finalità va considerata come quella che maggiormente rispecchia la filosofia del piano industriale come strumento per la formulazione e la presentazione della strategia. Un documento concepito e realizzato in tale prospettiva si presenta molto completo e in grado di soddisfare ulteriori e differenti finalità informative che potrebbero presentarsi in altri contesti. E per tale motivo che ai contenuti e alle modalità di redazione del piano industriale come strumento di gestione strategica verranno dedicati i paragrafi successivi Nel caso a) 3 (definizione di un piano di incentivi per i manager) si fa riferimento alle grandi realtà aziendali dotate di una tecnostruttura manageriale, il cui ruolo viene ritenuto sempre più strategico nell ambito di processi di creazione di valore dell impresa. In tali situazioni il piano industriale può costituire il presupposto indispensabile per definire un piano di incentivi a favore del management aziendale, attraverso il quale viene redistribuita ai dirigenti una parte del valore che gli stessi hanno contribuito a creare. Nel caso b) 1 (partecipazione a gare) si possono citare una serie di interventi legislativi nei quali viene richiesta la redazione del piano industriale. Tali formulazioni, riportate a titolo esemplificativo, si riferiscono a: - appalti pubblici di opere L art. 143 Decreto Legislativo 12 Aprile 2006, n. 163 (gara per la concessione dei lavori pubblici) disciplina quanto segue: L offerta e il contratto devono contenere il piano economico-finanziario di copertura degli investimenti e della connessa gestione per tutto l arco temporale prescelto e devono prevedere la specificazione del valore residuo al netto degli ammortamenti annuali, nonché l eventuale valore residuo dell investimento non ammortizzato al termine della concessione - gestione integrata del servizio idrico L art. 143 della lex 5 gennaio 1994, n. 36 (Legge Galli) prevede che: A. Cardoni Corso di Strategia e Politica Aziendale

10 Formulazione e presentazione della strategia 8 1.La Regione adotta una Convenzione tipo e relativa disciplina per regolare i rapporti tra gli enti locali. ed i soggetti gestori dei servizi idrici integrati e.. 2.La Convenzione prevede, in particolare: a) b) l obbligo del raggiungimento dell equilibrio economico e finanziario della gestione; c) d) i criteri per la redazione del piano economico e finanziario per la gestione integrata del servizio - concessione di finanziamento a fondo perduto Nello schema definito dalla legge n.488/92 (legge quadro per la concessione di agevolazioni finanziarie in conto investimenti) è previsto che la concessione delle agevolazioni venga effettuata sulla base di una graduatoria di merito, costruita attraverso indicatori predefiniti tratti dal business plan elaborato dall impresa con il supporto di un software appositamente predisposto. Nel caso b) 2 (piani di ristrutturazione) la previsione è sempre contenuta in interventi legislativi, questa volta riferiti al particolare contesto delle procedure concorsuali, dove il documento viene contemplato come strumento necessario a supportare alcuni interventi proposti per il superamento della crisi aziendale. In particolare si fa riferimento alle previsioni più recenti, quali: - art. 67 della Legge n. 267 del 16 marzo 1942 come modificate dal decreto legislativo 169/2007 (Piano attestato): Non sono soggetti ad azione revocatoria gli atti, i pagamenti e le garanzie concesse su beni del debitore purché posti in essere in esecuzione di un piano che appaia idoneo a consentire il risanamento della esposizione debitoria dell impresa e ad assicurare il riequilibrio della sua situazione finanziaria e la cui ragionevolezza sia attestata da un professionista iscritto nel registro dei revisori contabili e che abbia i requisiti previsti dall articolo 2501-bis, quarto comma, del codice civile ; - art. 182 bis R.D. 267 del 16 marzo 1942 come modificato dal Decreto legislativo 169/2007 (Accordi di Ristrutturazione): L imprenditore in stato di crisi può domandare, depositando la documentazione di cui all art. 161, l omologazione di un accordo di ristrutturazione dei debiti stipulato con i creditori rappresentanti almeno il sessanta per cento dei crediti, unitamente ad una relazione redatta da un professionista in possesso dei requisiti di cui all art. 67, terzo comma, lettera d) sull attuabilità dell accordo stesso, con particolare riferimento alla sua idoneità ad assicurare il regolare pagamento dei creditori estranei. A. Cardoni - Corso di Strategia e Politica Aziendale

11 Il piano industriale 9 Nel caso b) 3 (valutazione degli elementi dell attivo) occorre considerare la profonda riforma intervenuta con il Decreto Legislativo 28 febbraio 2008, n. 38, il quale ha previsto per le maggiori imprese italiane (società quotate; società con strumenti finanziari diffusi tra il pubblico; banche e altri intermediari finanziari regolati da Banca d Italia; imprese di assicurazione) l obbligo, a partire dal 1 giugno 2005, di redigere il bilancio consolidato con i principi contabili internazionali IAS-IFRS emessi dallo IASB ed omologati dall EU ai sensi del Regolamento comunitario n.1006/2002; per il bilancio di esercizio lo stesso obbligo decorreva dal 1 gennaio Secondo il mutato sistema di regole contabili, il nuovo framework impone il superamento del principio del costo storico nell iscrizione delle attività materiali ed immateriali nell attivo dello stato patrimoniale, a favore del principio del fair value, sottoponendo le attività stesse all impairment test come previsto dallo IAS 36. Se il test ha ad oggetto particolari categorie di immobilizzazioni quali avviamenti, partecipazioni e unità aziendali, l individuazione del valore deve avvenire sulla base dei flussi previsionali che tali entità sono in grado di produrre in un orizzonte temporale strategico. Secondo quanto previsto dagli standard citati, l applicazione dell impairment test richiede pertanto che l impresa acquisisca informazioni relative all evoluzione delle dinamiche economiche e finanziarie attraverso l analisi di piani pluriennali e budget, anche distinti secondo una logica di aree strategiche di affari, che in questo contesto diventano strumenti di supporto per i processi di valutazione ai fini della redazione del bilancio. Nel caso b) 4 (procedimenti di quotazione - IPO) il piano industriale costituisce uno dei documenti che deve essere predisposto dall impresa che si propone per la prima volta alla quotazione nei mercati regolamentati (IPO initial public offering). In tale contesto, infatti, l azienda che intende rivolgersi agli investitori e accedere ai mercati di Borsa, deve predisporre una ampia documentazione richiesta dalla Consob in cui vengono illustrate e rese pubbliche le caratteristiche fondamentali del suo business in termini di ambito competitivo, assetto strategico, organizzativo e gestionale al fine di informare adeguatamente il potenziale azionista circa le prospettive di rischio e di rendimento della partecipazione. A. Cardoni Corso di Strategia e Politica Aziendale

12 Formulazione e presentazione della strategia 10 Nel caso b) 5 (operazioni straordinarie) l esigenza di predisporre un documento previsionale di carattere strategico deriva dall art 2501 bis, che regola le fusioni a seguito di acquisizione con indebitamento, prevedendo ad un successivo articolo (Art quinquies) che la relazione degli amministratori indichi le ragioni che giustificano l operazione contenga un piano economico e finanziario con l indicazione della fonte delle risorse finanziarie e la descrizione degli obiettivi che si intende raggiungere. Motivazioni legate ad esigenze conoscitive esterne In questo ambito, i contesti in cui si fa presente la necessità di strutturare un piano industriale sono riconnessi principalmente ai fabbisogni informativi e professionali di: 1) investitori istituzionali per la valutazione di un investimento equity; 2) finanziatori dell impresa con capitale di debito; 3) professionisti nell ambito dell applicazione di procedimenti valutativi dell impresa. Nel caso sub 1) (investitori istituzionali per la valutazione di un investimento e- quity) va considerato che l accelerazione delle operazioni di acquisto del capitale di rischio ha favorito la diffusione di modelli di valutazione delle imprese in funzionamento semplificate quali, in particolare, il metodo empirico dei moltiplicatori. Tale modello semplifica e rende di facile applicazione il procedimento valutativo, ma non agevola il compito dell investitore istituzionale sulla qualità/fattibilità dell investimento. Se si a- dotta, infatti, un moltiplicatore di mercato riferito ad un indicatore di performance dell impresa (quale potrebbe essere ad esempio: fatturato, redditi, dividendi, EBITDA) è necessario valutare la dinamica nel tempo di quel particolare fondamentale e osservarne l evoluzione futura disponendo di un piano industriale. Nel caso sub 2) (finanziatori dell impresa con capitale di debito) l esigenza viene e- spressa dai tradizionali interlocutori del sistema bancario e finanziario che, nel valutare le possibilità di affidamento e di concessione del credito, intendono accertare la solvibilità dell impresa verificando le condizioni di sussistenza dell equilibrio finanziario nel breve e lungo termine. A questo fine il piano si pone come strumento fondamentale per fornire a tali interlocutori le informazioni sulla capacità strutturale dell impresa di rimborsare i finanziamenti contratti e da contrarre e per consentire una analisi di bancabili- A. Cardoni - Corso di Strategia e Politica Aziendale

13 Il piano industriale 11 tà del piano, in cui può assumere particolare importanza l andamento di indicatori, quali: - leva finanziaria: rapporto tra patrimonio aziendale / posizione finanziaria netta, in grado di misurare la solidità della struttura finanziaria; - rapporto posizione finanziaria netta / EBITDA, espressivo della capacità teorica di rimborso dell indebitamento attraverso i flussi operativi potenziali; - rapporto tra oneri finanziari / EBITDA, che misura l incidenza del costo del debito sul margine operativo lordo. Nel caso sub 3 (professionisti nell ambito dell applicazione procedimenti valutativi dell impresa) l esigenza si riconnette alla necessità di individuare il valore economico dell impresa attraverso una stima dei flussi economici e/o finanziari futuri che, per essere ragionevolmente previsti e costituire fondamento del percorso estimativo, devono risultare da un processo di elaborazione strategica. Tenuto conto di tutti i differenti contesti in cui il piano industriale può essere utilmente elaborato e sviluppato, nella figura che segue (Fig. 1) vengono rappresentate le varie dimensioni, prospettive e valenze che possono essere attribuite allo strumento. A. Cardoni Corso di Strategia e Politica Aziendale

14 Formulazione e presentazione della strategia 12 Fig. 1 Le funzioni del piano industriale in relazione ai differenti contesti e prospettive di redazione Se il documento viene redatto nella prospettiva del professionista esterno al fine di supportare i procedimenti valutativi o previsionali utilizzati in atti e perizie che maturano in contesti giuridici e contrattuali, il piano industriale rappresenta uno strumento con una significativa valenza formale. Si tratta di una prospettiva che è facile riscontrare nelle vicende di cessione quote o operazioni straordinarie che riguardano una PMI. Nel caso in cui il piano viene elaborato dalla grande azienda che si pone in una prospettiva esterna e intende rendere visibile il suo percorso strategico agli stakeholders, il documento può assumere la veste di strumento di comunicazione. Se invece il piano viene utilizzato con prevalente finalità interna, con una forte valenza sostanziale, principalmente legata alla necessità di rendere misurabili ed oggettivi gli o- biettivi per guidare la gestione e monitorarne tempestivamente i risultati, esso si configura come insostituibile strumento di pianificazione e controllo. Infine, qualora il piano venga vissuto come momento fondamentale di elaborazione e formulazione della strategia da parte del management aziendale, fatto che tipicamente avviene nella grande impresa complessa dotata di tecnostruttura manageriale, lo stesso diventa a tutti gli effetti uno strumento di gestione strategica. A. Cardoni - Corso di Strategia e Politica Aziendale

15 Il piano industriale 13 E importante sottolineare che tali prospettive sono in grado di influenzare le forme e i contenuti del documento e non necessariamente entrano in conflitto, dal momento che un piano ben elaborato può essere in grado di soddisfare allo stesso tempo diverse finalità. 4. Il piano industriale come strumento di gestione strategica Nella vita delle aziende spesso accade che la gestione di tipo operativo, caratterizzata da decisioni abituali e di breve termine, è privilegiata rispetto alla gestione di tipo strategico che, orientata al medio-lungo termine, è particolarmente attenta all evoluzione dell ambiente. Una siffatta impostazione rischia di compromettere la sopravvivenza aziendale, soprattutto alla luce della considerazione che l evoluzione dell ambiente genera opportunità ma anche rischi che, se non valutati tempestivamente, possono trasformarsi in vere e proprie minacce. Per l alta direzione la strategia rappresenta uno strumento indispensabile per rispondere efficacemente ai mutamenti dell ambiente esterno e a quelli che si producono all interno delle stesse imprese, evitando così che la cultura delle organizzazioni diventi rigida. Il compito dell alta direzione è proprio quello di armonizzare la struttura organizzativa con le opportunità e i rischi che i cambiamenti ambientali comportano. Da questo punto di vista, l alta direzione può assumere due atteggiamenti molto differenti: 1) atteggiamento di attesa, con il quale si attende passivamente il verificarsi degli eventi e dei fenomeni evolutivi per adottare le opportune modificazioni della gestione solo quando tali fenomeni si sono chiaramente affermati; 2) un atteggiamento anticipatorio e attivo, in cui si realizza uno sforzo costante di previsione dei fenomeni evolutivi allo scopo di poter realizzare modifiche nella gestione in via anticipata e tempestiva, promuovendo azioni tese ad influenzare l evoluzione dei fenomeni stessi. Nel primo caso si osserva la mancanza di un quadro strategico di sviluppo ed un orientamento scarsamente innovativo delle politiche di gestione. Questa è la situazione che A. Cardoni Corso di Strategia e Politica Aziendale

16 Formulazione e presentazione della strategia 14 caratterizza molte PMI, la cui gestione operativa viene condotta senza un disegno programmatico di ampio respiro e ricorrendo a modelli operativi di tipo ripetitivo; la gestione tende a identificarsi con le routine organizzative e si rinuncia ad intravvedere possibilità di cambiamento. Tuttavia, in presenza di eventi imprevisti, le routine organizzative si mostrano inadeguate a fronteggiare le emergenze che possono arrivare a determinare fenomeni di crisi. Molto diverso è il caso delle aziende che manifestano un atteggiamento anticipatorio e attivo nei confronti dello sviluppo degli eventi. Queste aziende sono di norma caratterizzate da una media e grande dimensione e agiscono con prospettive di più lunga durata, attraverso la formulazione di piani strategici. In questo caso il rapporto impresaambiente, che è alla base della definizione dello scenario strategico, non è di tipo adattivo o reattivo, ma tende ad essere innovativo e a scardinare le regole del gioco vigenti sia in campo competitivo che sociale. Adottare questo tipo di approccio significa implementare, in modo convinto ed esplicito, dei processi di gestione strategica, finalizzati ad analizzare costantemente l ambiente e- sterno, valutandone i rischi e le opportunità che vi provengono, osservare le logiche di gestione interna e il proprio modello di business al fine di individuarne punti di forza e di debolezza e infine delineare la strategia più opportuna per raggiungere il successo a- ziendale. Se dal punto di vista operativo i processi di gestione strategica tendono a seguire la logica sopra menzionata (analisi dell ambiente esterno, analisi dell ambiente interno e formulazione della strategia), molto più discussa è l interpretazione circa i differenti significati attribuiti al termine. Nella prospettiva teorica, infatti, sono stati notevoli gli approfondimenti effettuati sul significato della gestione strategica di una impresa, su come viene valutata la strategia realizzata, su come si definisca la strategia intenzionale e su quali siano le altre attività rilevanti nel processo di gestione strategica. Nella tradizione harvardiana (tra i principali autori è possibile citare Andrews e Ansoff) il processo di gestione strategica è di tipo analitico-razionale nella fase di formulazione e anche in quella di realizzazione (intesa essenzialmente come fase di progettazione e realizzazione di una struttura organizzativa, in senso lato, logicamente conseguente alle scelte di strategia). Tale impostazione è decisamente top-down e si basa su un ipotesi di A. Cardoni - Corso di Strategia e Politica Aziendale

17 Il piano industriale 15 piena razionalità delle decisioni e consequenzialità logica delle realizzazioni. Già Normann mette in luce il fatto che il formarsi della business idea (ossia di una strategia o formula imprenditoriale di successo) nelle aziende è sempre un processo di learning-by-doing. Con Mintzberg si giunge ad eliminare la separazione tra pensiero e azione; la strategia è la risultante di un processo di apprendimento che procede su due gambe, quella di una strategia deliberata, che incarna il versante top-down, analitico-razionale della strategia, e quella di una strategia emergente, frutto di un processo per prova ed errore, in cui esiste una forte componente bottom-up. In seno a questo gruppo di contributi, che intendono la strategia come risultato di un processo di apprendimento continuo piuttosto che come risultato di un processo analitico ex-ante, può collocarsi anche il contributo di Quinn, che vede la strategia come un processo di incrementalismo logico in cui i leader aziendali incanalano flussi di attività ed eventi in strategie coscienti. Secondo quanto suggerito dalla letteratura aziendale le tre fasi principali del processo di gestione strategica sono rappresentate da: analisi strategica, scelta delle strategie e realizzazione delle strategia. I - ANALISI STRATEGICA Il processo di gestione strategica può iniziare in vari modi ma ben presto si pongono alcune domande. Quale impresa si vuole essere? Verso quali obiettivi muoversi? Quali capacità si intendono sviluppare? Qualsiasi scelta deve muovere dall analisi della situazione di partenza, cercare di prevedere la sua futura evoluzione e seguire continuamente l evolvere della situazione. L analisi strategica mira a: - capire quale sia e quale debba essere la posizione strategica dell organizzazione rispetto ai concorrenti e all ambiente; - comprendere quali cambiamenti sono in atto e come agiranno sull attività dell organizzazione; - decidere le azioni per raggiungere gli obiettivi e i tempi relativi; - scegliere tra le varie opzioni che si presentano; A. Cardoni Corso di Strategia e Politica Aziendale

18 Formulazione e presentazione della strategia 16 - individuare quali risorse e competenze possieda l organizzazione e come possano costituire dei vantaggi nello sfruttare le nuove opportunità. L analisi strategica ruota intorno a tre grandi concetti, rappresentati da ambiente, risorse e competenze e si articola nelle sotto-fasi approfondite qui di seguito. 1. Definizione della mission dell impresa e dei principali obiettivi di lungo termine Ogni processo di gestione strategica parte dalla definizione della mission e dei grandi obiettivi che l impresa intende raggiungere. La mission è un enunciazione molto ampia degli scopi che l impresa persegue e generalmente individua grandi aree di attività nel campo economico e sociale. La mission deve: - contenere l indicazione degli obiettivi attraverso i quali la mission stessa può essere raggiunta; - differenziare l impresa dai concorrenti; - definire il business o i business in cui l impresa intende operare; - incorporare le attese non soltanto degli azionisti e del management, ma anche degli altri stakeholders; - rappresentare una sfida da raccogliere; - incorporare i valori in cui crede l impresa e le norme di comportamento che la guidano. 2. Analisi dell ambiente esterno L ambiente esterno è per convenzione distinto in macroambiente, costituito da variabili sulle quali il management non può agire, e microambiente, costituito dalle variabili che interagiscono direttamente con l impresa: clienti, fornitori, concorrenti e relativi mercati. 2.a. - Analisi del macro-ambiente Per macro-ambiente si intende un campo di osservazione ampio, in cui devono essere presi in considerazione una serie di elementi che non sempre agiscono direttamente sull attività e sull economia dell impresa, ma scolpiscono il quadro di lungo termine in cui essa opera. Al fine di focalizzare l analisi sulle variabili più significative, la lettera- A. Cardoni - Corso di Strategia e Politica Aziendale

19 Il piano industriale 17 tura ha suggerito diversi strumenti di analisi, tra i quali la PEST analysis e l analisi delle attese degli stakeholders. 2.a.1. - Analisi delle grandi variabili Per individuare quali variabili dell ambiente esterno abbiano il maggior impatto sul futuro di un impresa la tecnica di analisi più nota è la PEST analysis, che analizza le variabili della Politica, dell Economia, della Società e della Tecnologia. Nella scelta delle variabili e nella loro interpretazione molto dipende dalla natura del settore, dalla struttura della concorrenza, dalle strategie adottate e dalle capacità del management. L impresa deve capire come le variabili principali dell ambiente possono agire sul futuro del business, come cambiano e come interagiscono l una con l altra. Va infatti ricordato che le variabili non sono entità separate, ma interdipendenti: ad esempio, una importante processo di innovazione può mettere in crisi una parte dell economia, può creare disoccupazione, tensioni sociali e spingere il governo a varare nuove leggi in materia di mobilità del lavoro da un lato, e nuove discipline della concorrenza dall altro. Per citare a titolo esemplificativo le problematiche che è possibile approfondire nelle varie sezioni possiamo ricordare: - tra le variabili della Politica: stabilità del governo, pressione fiscale, protezione dell ambiente, deregulation, privatizzazione, barriere allo scambio internazionale, ecc.; - tra le variabili dell Economia: prodotto interno lordo (PIL), consumi privati, inflazione, salari/costo del lavoro, intervento dello Stato nell economia, ecc.; - tra le variabili della Società/cultura: demografia, stili di vita, sensibilità alla difesa dell ambiente, attitudini verso il lavoro e l imprenditorialità, valori della tradizione, ecc.; - tra le variabili della tecnologia: investimenti in R&S nei vari settori dell economia, protezione della proprietà intellettuale, innovazioni ICT, ecc. A. Cardoni Corso di Strategia e Politica Aziendale

20 Formulazione e presentazione della strategia 18 2.a.2. - Analisi delle attese degli stakehoders Le attese degli stakeholders hanno un forte peso nella definizione della mission e degli obiettivi di lungo termine. Partendo da questo presupposto, è importante approfondire questa prospettiva e porsi la seguente domanda: nell interesse di chi è gestita l impresa? Rispondere a questa domanda significa individuare quali vincoli e quali attese provenienti dall ambiente esterno possono agire sulle scelte strategiche. In questo ambito occorre perciò considerare le varie categorie di portatori di interesse e le principali attese da questi espresse (Tab. 2). Tab. 2 Analisi delle attese degli stakeholders Stakeholders Azionista Management Altri collaboratori Consumatori Distributori Fornitori Finanziatori Governo Società in generale Interesse principale Dividendi; aumento del valore di mercato degli investimenti in azioni; pagamenti dei dividendi; partnership Stabilità del ruolo; progressi di carriera; remunerazione; status; responsabilità nell organizzazione Remunerazione; condizioni di lavoro; stabilità del posto di lavoro; job satisfaction Qualità dei prodotti; prezzi convenienti; continuità nell assistenza postvendita; innovazione di prodotto Consegne tempestive; affidabilità dei programmi; immagine di marca (del produttore) Continuità degli ordini; pagamenti secondo i piani Restituzione del prestito; pagamento degli interessi Pagamento delle imposte e delle tasse; contributi all occupazione e alle esportazioni; difesa dell ambiente Responsabilità nei confronti della società; gli obiettivi dell impresa non dovrebbero essere in contrasto con quelli della società in generale A. Cardoni - Corso di Strategia e Politica Aziendale

- Il piano come strumento di gestione strategica

- Il piano come strumento di gestione strategica Strategia e politica aziendale Il piano industriale - Aspetti introduttivi e definitori - Finalità e contesti di redazione - Il piano come strumento di gestione strategica Andrea Cardoni Dipartimento di

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI 10 marzo 2014 UNIVERSITA NICCOLO CUSANO La strumentalità del business plan nella valutazione dei progetti Dott. Thomas Kraicsovits Studio De Vito

Dettagli

Come fare un piano di marketing

Come fare un piano di marketing Come fare un piano di marketing Marketing strategico e operativo Definizione Un Un piano di di marketing è un un piano finanziario arricchito di di informazioni su su origini e destinazioni dei dei flussi

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Corso di Economia e gestione delle imprese

Corso di Economia e gestione delle imprese Corso di Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 Argomenti Definizione di Strategia Modelli di Analisi Strategica (e della concorrenza) Modelli di Formulazione della Strategia (Processo

Dettagli

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN Cos è il BUSINESS PLAN? E un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO DELL ATTIVITA ESTRATTIVA 4.1 Introduzione Il business plan è lo strumento alla base di ogni processo di pianificazione sistematico ed efficace.

Dettagli

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario Il Business Plan Roma, 15 maggio 2014 1 Definizione, obiettivi e requisiti [1/2] OBIETTIVI DEL BUSINESS

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO ALLEGATO B MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO Predisporre una copertina con i riferimenti dei proponenti ed il nome del progetto. Note per la compilazione: Utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile,

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014.

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. PREMESSA Per partecipare al concorso è necessario compilare il modulo Progetto d impresa

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

II- Nel corso degli ultimi anni anche grazie all intervento dei principi contabili internazionali la situazione finanziaria della società ha iniziato

II- Nel corso degli ultimi anni anche grazie all intervento dei principi contabili internazionali la situazione finanziaria della società ha iniziato ANDREA LOLLI LA RILEVAZIONE DELLE SITUAZIONI DI CRISI FINANZIARIA NELLA DOCUMENTAZIONE CONTABILE DELLE S.P.A. E QUALE STRUMENTO DI CONTROLLO DELLA GESTIONE. I- Nel corso degli ultimi anni il mondo delle

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

Business Plan. Sommario. Introduzione

Business Plan. Sommario. Introduzione Business Plan Sommario 1. Introduzione 2. Definizione di Business Plan (BP) cos è? 3. Le esigenze che spingono alla redazione del BP perchè? 4. 5. Dall idea all idea di business 6. Requisiti del BP 7.

Dettagli

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa Piano Industriale Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti Guida Operativa Indice 1. Premessa 2. Le componenti del Piano Industriale 3. La strategia realizzata 4. Le intenzioni strategiche

Dettagli

CLUB FINANZA D IMPRESA QUADERNO INFORMATIVO: IL BUSINESS PLAN. In collaborazione con L & P

CLUB FINANZA D IMPRESA QUADERNO INFORMATIVO: IL BUSINESS PLAN. In collaborazione con L & P CLUB FINANZA D IMPRESA QUADERNO INFORMATIVO: IL BUSINESS PLAN In collaborazione con L & P Pag. 2 Questa collana rappresenta uno strumento con il quale il Club Finanza d'impresa va oltre la funzione divulgativa

Dettagli

IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. Marco Righini

IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. Marco Righini IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Classificazione delle opere in PPP Progetti dotati di generare reddito Progetti dove il soggetto privato fornisce direttamente servizi alla

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

GESTIRE EFFICACEMENTE IL DEBITO: CONCORDATI STRAGIUDIZIALI, PIANI DI RISTRUTTURAZIONE E TRANSAZIONI FISCALI

GESTIRE EFFICACEMENTE IL DEBITO: CONCORDATI STRAGIUDIZIALI, PIANI DI RISTRUTTURAZIONE E TRANSAZIONI FISCALI GESTIRE EFFICACEMENTE IL DEBITO: CONCORDATI STRAGIUDIZIALI, PIANI DI RISTRUTTURAZIONE E TRANSAZIONI FISCALI Milano, 15 settembre 2009 Dott. Matteo Durola INDICE Introduzione Il piano di risanamento ex

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

Documento Unico di Programmazione 2014-2016

Documento Unico di Programmazione 2014-2016 COMUNE DI BOLOGNA Documento Unico di Programmazione 2014-2016 I nuovi strumenti della pianificazione strategica e operativa UNA GUIDA ALLA LETTURA 31 marzo 2014 Indice 1. L evoluzione della normativa

Dettagli

Scaletta della lezione:

Scaletta della lezione: LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA Scaletta della lezione: 1. Evoluzione del concetto di pianificazione strategica 2. Alcuni significati di strategia 3. Il processo decisionale strategico: la SWOT analysis 4.

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA LEZIONE N. 2 L attività di Marketing e le Strategie d Impresa Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA

Dettagli

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 IL BUSINESS PLAN Il business plan è quel documento con il quale si descrive, si pianifica e si valuta l idea imprenditoriale. In esso i promotori effettuano un'analisi

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo di Riccardo Barni PARTE I SCOPO DEL BUSINESS PLAN 1. A COSA SERVE IL B. P. A determinare i progetti futuri A verificare il raggiungimento degli obiettivi A reperire

Dettagli

Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan

Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan Copyright 2008 Antonello Garzoni - Tutti i diritti riservati. Prof. Antonello Garzoni ARTI, 20-21-22 Maggio 2008 Agenda Gli

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/ http://www.intraprendereamodena.it/ Modena, febbraio 2014 Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Premessa introduttiva: la Pianificazione Strategica (4) 2. Il Business

Dettagli

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*)

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*) Strumenti di P&C Pianificazione Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE di Pietro Dalena (*) L attività di comunicazione dello stato di salute gestionale si deve strutturare

Dettagli

ANALISI COSTI-VOLUMI-RISULTATI

ANALISI COSTI-VOLUMI-RISULTATI ANALISI COSTI-VOLUMI-RISULTATI: metodo di analisi semplificata della situazione economica di un impresa basato su poche variabili fondamentali, quali la quantità dei prodotti venduti, il prezzo unitario,

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE TERZA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE TERZA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE TERZA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali Professore a contratto Dottore di ricerca in Economia Aziendale

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150)

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) 1 INDICE Introduzione pag 3 1. Caratteristiche del Sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli)

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) IL BUSINESS PLAN Piano di marketing del prodotto x per Una sintesi finale! STRATEGIA AZIENDALE - MKG ANALITICO anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) Esterna: clienti, bisogni e desideri ambiente competitivo

Dettagli

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati MECCANICA FINANZIARIA è una società ben strutturata, composta da un team altamente qualificato e dalla pluriennale

Dettagli

Analisi SWOT. L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali.

Analisi SWOT. L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. Analisi SWOT L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. Analisi SWOT È stata sviluppata più di 50 anni fa come supporto

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

ESAME DI VALUTAZIONE D AZIENDA

ESAME DI VALUTAZIONE D AZIENDA ESAME DI VALUTAZIONE D AZIENDA (ASPETTI TEORICI ED APPLICAZIONI PRATICHE) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MACERATA FACOLTA DI ECONOMIA Anno Accademico 2014-2015 A CURA DI PIERPAOLO CEROLI Professore a contratto

Dettagli

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6)

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6) Schema 1 Gruppo di Prodotti/servizi Contributo alle vendite (percentuale) Contributo al profitto (percentuale) Attrattività del cliente (da1 a 6) Attrattività dei fornitori (da1 a 6) Attrattività della

Dettagli

Il sistema di pianificazione strategica

Il sistema di pianificazione strategica Il sistema di pianificazione strategica di Massimo Ciambotti 1 Il processo di Pianificazione Strategica Sono coinvolti tre tipi di attività: - Previsione ed analisi: indagine sui fenomeni futuri (interni

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE

AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE CONSIGLI PRATICI E TAPPE FONDAMENTALI L imprenditrice è colei che ha una visione che riesce a trasformare in realtà. L attività imprenditoriale è: 1) un sogno che mira a valorizzare

Dettagli

Impresa: sistema sociale aperto e dinamico. Impiega risorse differenziate (scarse) per

Impresa: sistema sociale aperto e dinamico. Impiega risorse differenziate (scarse) per Impresa: sistema sociale aperto e dinamico Organizzazione economica (Contenuto economico Attività e Obiettivi) Impiega risorse differenziate (scarse) per svolgere processi di acquisizione, produzione di

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing DESCRIVERE IL PROCESSO DI ANALISI COMPETITIVA

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing DESCRIVERE IL PROCESSO DI ANALISI COMPETITIVA LEZIONI N. 5 e 6 L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE DESCRIVERE IL PROCESSO DI ANALISI COMPETITIVA IDENTIFICARE E ANALIZZARE LE VARIABILI

Dettagli

TRASFORMARE UN IDEA IN UN IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

TRASFORMARE UN IDEA IN UN IMPRESA: IL BUSINESS PLAN TRASFORMARE UN IDEA IN UN IMPRESA: IL BUSINESS PLAN Prof. Alessandro Montrone Università degli Studi di Perugia Camerino, 26 giugno 2006 A. Montrone - Business Plan 1 La nuova impresa nasce da un'idea,

Dettagli

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara MODULO DI MARKETING Università di Ferrara 1 Lezione 2 DALLA STRATEGIA AL BUSINESS PLAN Università di Ferrara 2 Sommario Comprendere il ruolo e la funzione del BP Analizzare la struttura-tipo di un BP Analizzare

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Prefazione Come mai le imprese multibusiness continuano, nonostante tutto, a esistere? Come mai hanno resistito alla crisi finanziaria scoppiata nel 2007, e hanno, in ogni caso, resistito meglio rispetto

Dettagli

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP.

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2013/2014 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. 1, 2, 3) Unit 5 Slide 5.2.1 Lezioni del 29/30/31 ottobre 2013 IL

Dettagli

Il Piano di Marketing

Il Piano di Marketing Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso Strategico OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE IL CONTENUTO E LE FASI PER LA REDAZIONE DI UN PIANO DI MARKETING ACQUISIRE LE INFORMAZIONI

Dettagli

Introduzione. La parte introduttiva affronta gli obiettivi della funzione finanza dal punto di vista teorico.

Introduzione. La parte introduttiva affronta gli obiettivi della funzione finanza dal punto di vista teorico. Introduzione L aspetto finanziario della gestione aziendale riveste un ruolo strategico nella conduzione della moderna impresa ed è argomento di rilevante interesse anche dal punto di vista scolastico.

Dettagli

SALONE FRANCHISING MILANO MILANO, 7.11.2014 COME ESPORTARE UNA RETE ITALIANA ALL ESTERO. Dott.ssa Valeria Colucci Consultant, RDS & Company

SALONE FRANCHISING MILANO MILANO, 7.11.2014 COME ESPORTARE UNA RETE ITALIANA ALL ESTERO. Dott.ssa Valeria Colucci Consultant, RDS & Company SALONE FRANCHISING MILANO MILANO, 7.11.2014 COME ESPORTARE UNA RETE ITALIANA ALL ESTERO Dott.ssa Valeria Colucci Consultant, RDS & Company 1. Perchè crescere all estero: lo scenario internazionale Integrazione

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 La gestione della raccolta In termini generali l espressione politica della raccolta è sinonimo dell

Dettagli

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà Economia Corso di Strategia di Impresa A/A 2008-2009 TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE -Robert M. Grant- Peitas Patrizia INDICE 1. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

COMUNICARE L AZIENDA PER REPERIRE

COMUNICARE L AZIENDA PER REPERIRE COMUNICARE L AZIENDA PER REPERIRE CAPITALI UTILIZZANDO AL MEGLIO LE INFORMAZIONI. LE FONTI DI FINANZIAMENTO L attività d impresa, esaminata in un ottica puramente finanziaria, si sviluppa e si concretizza

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

RISCHIO E CONTROLLO DI GESTIONE. AREA STRATEGICA d AFFARI

RISCHIO E CONTROLLO DI GESTIONE. AREA STRATEGICA d AFFARI Prof. Francesco Albergo Docente di PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Corso di Laurea in Economia Aziendale Curriculum in Gestione Aziendale Organizzata UNIVERSITA degli Studi di Bari DOTTORE COMMERCIALISTA -

Dettagli

Il Fondo Seed della Regione Lombardia: un caso pratico

Il Fondo Seed della Regione Lombardia: un caso pratico Il caso pratico 45 di Laura Corsi Finanza agevolata per le imprese Ricerca e sviluppo Il Fondo Seed della Regione Lombardia: un caso pratico Il presente articolo analizza il caso di una società lombarda

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN 1 INDICE 1. Modalità di scrittura e stile del business plan... 3 2. Struttura di un business plan... 3 2.1 Sintesi...

Dettagli

CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIALITÀ. STARTING UP 2014- PRIMA EDIZIONE Dipartimento di Economia Università degli Studi di Parma

CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIALITÀ. STARTING UP 2014- PRIMA EDIZIONE Dipartimento di Economia Università degli Studi di Parma CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIALITÀ STARTING UP 2014- PRIMA EDIZIONE Dipartimento di Economia Università degli Studi di Parma MASTER in MARKETING MANAGEMENT - 2012 BUSINESS MODEL & CUSTOMER

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

1. Analisi di Bilancio

1. Analisi di Bilancio ANALISI DI BILANCIO 1. Analisi di Bilancio 1.1. La riclassificazione dei prospetti di bilancio: lo Stato Patrimoniale I dati di Stato Patrimoniale sono stati riclassificati con l obiettivo di sottoporli

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7.1 Introduzione Una delle conseguenze più rilevanti sotto il profilo economico, del primo conflitto mondiale, è stata la crisi di Wallstreet; la quale trova fondamento

Dettagli

CONTROLLO DI GESTIONE E PIANIFICAZIONE STRATEGICA

CONTROLLO DI GESTIONE E PIANIFICAZIONE STRATEGICA Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo CONTROLLO DI GESTIONE E PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

I piani strategici delle banche in periodi di crisi. Tommaso Gozzetti Salvatore Granata

I piani strategici delle banche in periodi di crisi. Tommaso Gozzetti Salvatore Granata I piani strategici delle banche in periodi di crisi Tommaso Gozzetti Salvatore Granata La definizione degli obiettivi strategici e di sviluppo di un azienda è da sempre un esigenza connaturata a ogni realtà

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 5. STRATEGIA, PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione d azienda Pianificazione strategica Pianificazione

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

Il project management, competenza trasversale da insegnare ai lavoratori di domani

Il project management, competenza trasversale da insegnare ai lavoratori di domani di Fabrizio Trainito esperto di marketing Il project management, competenza trasversale da insegnare ai lavoratori di domani La gestione dei progetti, uno strumento per raggiungere i propri obiettivi Ciascuno

Dettagli

Denominazione Società. Business Plan

Denominazione Società. Business Plan Denominazione Società Business Plan 20 20 Analisi effettuata il XX.XX.XX A cura di: Schema di Business Plan Università degli Studi di Trento Sommario del Business Plan 0. NO DISCLOSURE E DISCLAIMER...3

Dettagli

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Abstract La relazione sulla gestione costituisce uno dei principali documenti allegati al bilancio d esercizio, il

Dettagli

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Art. 67 comma 3, lettera d) Legge Fallimentare Il contenuto La riforma del diritto fallimentare ha introdotto

Dettagli

GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI

GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI a.a. 2009-10 Prof. Corrado lo Storto DIEG, Dipartimento di Ingegneria Economico-gestionale Facoltà di Ingegneria, Università di Napoli Federico

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009 ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009 1. PREMESSA: ANALISI DEGLI SCHEMI Il gruppo CDC redige il proprio bilancio consolidato, in migliaia di euro, in conformità agli IAS/IFRS

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

3. La struttura dell intervento I COSTI DI INVESTIMENTO

3. La struttura dell intervento I COSTI DI INVESTIMENTO ANALISI DI FATTIBILITA ECONOMICO - FINANZIARIA PARCO DELLO SPORT DI MONZA 1. Executive Summary L analisi della fattibilità economico finanziaria ha come finalità la verifica della sostenibilità economico-finanziaria

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli