NOTA ESPLICATIVA DEL 55 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTA ESPLICATIVA DEL 55 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154"

Transcript

1 DIPARTIMENTO INFORMATICA Servizio Rilevazioni Statistiche NOTA ESPLICATIVA DEL 55 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 Con la presente nota si forniscono alcune indicazioni di dettaglio al fine di facilitare la lettura dell aggiornamento in oggetto. In particolare si fornisce una sintesi delle principali modifiche introdotte negli schemi segnaletici e nelle variabili di classificazione delle segnalazioni delle banche, degli intermediari finanziari, gli istituti di pagamento, gli istituti di moneta elettronica e degli OICR. SEGNALAZIONI PER LE BANCHE Base informativa A1 Sezione I Dati statistici mensili Nella sezione 1.1 relativa ai dati dell Attivo, vengono: introdotte le due nuove sottovoci Altre attività Ratei attivi su titoli di debito ( ) e Altre attività Risconti attivi su titoli di debito ( ); ricodificata la sottovoce Altre attività Altre ( ) ed abrogata la sottovoce Altre attività Altre ( ). Nella sezione 1.2 relativa ai dati del Passivo, vengono: introdotte le due nuove sottovoci Altre passività Ratei passivi su titoli di debito ( ) e Altre passività Risconti passivi su titoli di debito ( ); ricodificata la sottovoce Altre passività Altre ( ) ed abrogata la sottovoce Altre attività Altre ( ). Nella sezione 1.3 relativa alle Altre informazioni, viene:

2 rimodulata la voce Rapporti con banche centrali e banche (58065) con l introduzione di nuove sottovoci; introdotta la nuova voce Cancellazioni di attività finanziarie attività di servicing (58081); introdotta la nuova voce Cessioni di finanziamenti verso clientela a istituzioni finanziarie monetarie di altri Paesi UME (58084); modificata la struttura delle voci Cessioni di finanziamenti verso clientela a soggetti diversi da Istituzioni Finanziarie monetarie Finanziamenti oggetto di cancellazione dall attivo (58083 sottovoci da 32 a 38) e Acquisti di finanziamenti verso clientela da soggetti diversi da Istituzioni Finanziarie Monetarie Oggetto di iscrizione nell attivo (58086 sottovoci da 02 a 10) per prevedere la variabile di classificazione tipo servicer ; introdotta la nuova voce Acquisti di finanziamenti verso clientela da Istituzioni Finanziarie Monetarie di altri Paesi UME (58087); introdotta la nuova voce Finanziamenti verso clientela oggetto di operazioni di cessione diverse dalle cartolarizzazioni e cancellati dall attivo Attività di servicing (58209) spostata, dalla sezione 2.1 Altri dati statistici Dati patrimoniali - Parte terza Vita residua rischio di liquidità alla sezione 1.3, la voce Finanziamenti oltre il breve termine in euro a famiglie, istituzioni senza scopo di lucro al servizio delle famiglie e società non finanziarie residenti nell area UEM (valore nominale) che dovrà ora essere trasmessa con la base informativa A1 1. Nella sezione 1.4 relativa ai Tassi di interesse, viene: introdotta la nuova voce Dati di fine periodo attività non deteriorate con durata originaria oltre un anno che prevede le sottovoci Finanziamenti alle famiglie: tasso di interesse ( ) e Finanziamenti alle società non finanziarie: tasso di interesse ( ); introdotta la nuova voce Dati di fine periodo attività deteriorate con durata originaria oltre un anno che prevede le sottovoci Finanziamenti alle famiglie: ammontare ( ) e Finanziamenti alle società non finanziarie: ammontare ( ); modificata la struttura della voce Operazioni del periodo operazioni attive finanziamenti alle famiglie diversi dagli utilizzi di carte di credito, dai conti correnti e dai prestiti rotativi (40025) per prevedere le nuove variabili rinegoziato e provincia ; modificata la struttura della voce Operazioni del periodo operazioni attive finanziamenti alle società non finanziarie diversi dagli utilizzi di carte di credito, dai conti 1 La voce veniva inviata precedentemente con frequenza trimestrale e con la base informativa A4. 2

3 correnti e dai prestiti rotativi (40035) per prevedere la nuova variabile di classificazione rinegoziato. Base informativa A2 Sezione II Dati statistici : Nella sezione 2.1 relativa ai Dati patrimoniali Parte prima, viene: rimodulata la voce Classificazione per destinazione economica: finanziamenti oltre il breve termine sull interno con l introduzione di nuove sottovoci; Base informativa A3 Sezione II Dati statistici : Nella sezione 2.3 relativa ai Servizi di pagamento viene: modificata la struttura di alcune voci della sezione per prevedere la variabile di classificazione stato. In particolare le voci sono: Movimenti e numero degli assegni circolari e movimenti degli assegni bancari interni (58520), Assegni addebitati in conto per operazioni diverse da approvvigionamento di contante (58525), Assegni su fondi a disposizione (58530), Effetti, altri titoli di credito e documenti assunti e scaduti presso l azienda segnalante o inviati ad altre aziende per l incasso (58570 sottovoci 02 e 12), Bollettini di conto (58577), Points of sale (POS): Numero apparecchiature (58585), Automatic teller machines (A.T.M.) attivi: numero apparecchiature (rilevazione per ubicazione e funzioni) (58590), Moneta elettronica: emissioni (58645), moneta elettronica: numero degli esercizi commerciali (58650), Anticipi di contante ai possessori di carte di credito (58700), Versamento contante sui conti della propria clientela (58730), Approvvigionamento di contante da parte di propria clientela presso lo sportello (58740), Versamento contante presso ATM (58735); quest ultima voce è stata anche rimodulata con l introduzione di una nuova sottovoce; viene introdotta la voce Points of sale (P.O.S.) convenzionati con l ente segnalante: numero di apparecchiature (58586); modificata la struttura di alcune voci della sezione per prevedere la nuova variabile di classificazione modalità di avvio. In particolare, le voci sono: Bonifici disposti da propria clientela (58550), Addebiti eseguiti sui conti di propria clientela (58565), Accrediti sui conti a fronte di disposizioni di incasso preautorizzate (58567); 3

4 rimodulata la voce Operazioni con carte di debito effettuate da clienti dell azienda dichiarante (lato issuing) (58625) con l introduzione di nuove sottovoci e della variabile di classificazione Settore e la contestuale abrogazione delle precedenti sottovoci; modificata la struttura di alcune voci della sezione per prevedere la variabile di classificazione Settore. In particolare, le voci sono: Versamento contante sui dei della propria clientela (58730), Versamento contante presso ATM (58735) e Approvvigionamento di contante da parte di propria clientela presso lo sportello (58740); modificata la struttura della voce utilizzi fraudolenti: carte di credito (58665) per prevedere la nuova variabile di classificazione Canali distributivi. Base informativa W Sezione III Dati di bilancio Nella sezione 3.6 relativa ai dati integrativi del Conto economico, viene: introdotta la voce Rettifiche di valore relative alla partecipazione a sistemi di garanzia dei depositi (40979) e contestualmente abrogata la voce SEGNALAZIONI PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI, ISTITUTI DI PAGAMENTO E ISTITUTI DI MONETA ELETTRONICA Base informativa 3 Sezione II Altre informazioni Nella sezione 2.4 relativa alle Garanzie e impegni, viene: introdotta la distinzione tra valore nominale netto e valore nominale lordo nelle Garanzie rilasciate: valore nominale (46570); ridenominata la voce in Garanzie rilasciate verso clientela: valore nominale netto ; introdotte le nuove voci: Garanzie rilasciate verso clientela: valore nominale lordo (52255), Garanzie rilasciate con assunzione di rischio di tipo mezzanine: attivita 4

5 sottostanti (52259), Garanzie rilasciate con assunzione di rischio sulle prime perdite in corso di escussione: attività sottostanti (52261), Garanzie rilasciate con assunzione di rischio di tipo mezzanine in corso di escussione: attività sottostanti (52265), Flusso delle garanzie con assunzione di rischio sulle prime perdite in corso di escussione: attività sottostanti (52267), Flusso delle garanzie con assunzione di rischio di tipo mezzanine in corso di escussione: attività sottostanti (52269); rimodulata la voce Garanzie deteriorate rilasciate verso clientela: valore di bilancio con l introduzione di nuove sottovoci e l abrogazione contestuale delle sottovoci 02 e 04; rimodulata la voce Garanzie rilasciate in corso di escussione con l introduzione di nuove sottovoci e l abrogazione contestuale delle sottovoci 08, 10, 12 e 14; rimodulata la voce Flusso delle garanzie in corso di escussione con l introduzione di nuove sottovoci e l abrogazione contestuale delle sottovoci 02, 04 e 06; La sezione 2.11 relativa alla Vita residua non deve essere segnalata dagli intermediari che svolgono esclusivamente l attività di riscossione dei crediti ceduti alle società veicolo e i servizi di cassa e di pagamento nell ambito di operazioni di cartolarizzazione ai sensi della Legge n. 130/99. vengono: Nella sezione 2.12 relativa ai Servizi di pagamento e moneta elettronica, introdotte le nuove voci : Points of sale (P.O.S.) convenzionati con l ente segnalante: numero di apparecchiature (58586), Versamento contante presso ATM (58735); modificate le strutture di alcune voci della sezione per prevedere la variabile di classificazione stato. In particolare le voci sono: Operazioni con carte di credito presso esercizi convenzionati con l ente segnalante (46440), Anticipi di contante ai possessori di carte di credito (46464), Operazioni con carte di credito (46468), Point of sale (P.O.S.) Numero di apparecchiature (3229), Ricevute bancarie elettroniche e similari (58569), Bollettini di conto (58577), Automatic teller machines (A.T.M.) attivi: numero apparecchiature (rilevazione per ubicazione e funzione) (58590), Moneta elettronica: emissioni (58645), moneta elettronica: numero degli esercizi commerciali (58650); rimodulata la voce Operazioni con carte di debito effettuate da clienti dell azienda dichiarante (lato issuing) (58625) con l introduzione di nuove sottovoci e della variabile di classificazione Settore e la contestuale abrogazione delle precedenti sottovoci ; modificate le strutture di alcune voci della sezione per prevedere la nuova variabile di classificazione modalità di avvio. In particolare, le voci sono: Bonifici disposti da propria clientela (58550), Addebiti eseguiti sui conti di propria clientela (58565), Accrediti sui conti a fronte di disposizioni di incasso preautorizzate (58567). 5

6 Base informativa 3S Sezione II Altre informazioni sottosezione 2.7 Cartolarizzazioni Le informazioni mensili sull attività di servicing, precedentemente inviate con la base informativa 3, dovranno ora essere trasmesse con la nuova base informativa 3S (voci 58081, 58208, 58210, 58212, e 58216) 2 e dovranno essere inoltrate entro il 12 giorno successivo alla data di riferimento. SEGNALAZIONI STATISTICHE E DI VIGILANZA DEGLI O.I.C.R. FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO E SICAV Basi informative T3 e T7 Sezione I Dati Patrimoniali Nelle sezioni 1.1 e 1.2 relative alla Attività e alle Passività, viene: prevista la disaggregazione per durata originaria per le voci: Posizione netta di liquidità: di cui liquidità disponibile ( ), Deposito per prestiti back-to-back (50444), Indebitamento: debiti con durata prestabilita ( ), Indebitamento: debiti rimborsabili con preavviso ( ), Debiti back-to-back in valuta: con durata prestabilita ( ), Debiti back-to-back in valuta: rimborsabili con preavviso ( ); modificate le strutture di alcune voci della sezione per prevedere la variabile di classificazione residenza. In particolare le voci sono: Opzioni e altri strumenti finanziari derivati (50432), Deposito di liquidità per margini presso organismi di compensazione (50442) e Opzioni e altri strumenti finanziari derivati (50476). Per le stesse voci è stata altresì introdotta la distinzione tra operazioni effettuate con IFM e operazioni effettuate con soggetti diversi da IFM. 2 Viene introdotta con il presente aggiornamento una nuova voce Cancellazioni di attività finanziarie attività di servicing che si aggiunge a quelle già inviate mensilmente. 6

7 Sezione II Informazioni sulla composizione del portafoglio Nelle sezioni 2.2 Depositi bancari e 2.5 Pronti contro termine, riporti e prestito titoli viene: prevista la disaggregazione per durata originaria per le voci: Depositi bancari: consistenze di fine periodo (50559), Prestito titoli flussi: titoli dati in prestito ( ), Prestito titoli flussi: titoli ricevuti in prestito ( ), Prestito titoli consistenze: titoli dati in prestito ( ), Prestito titoli consistenze: titoli ricevuti in prestito ( ); introdotte le nuove voci Titoli impegnati in operazioni di PCT passive (50589) e Titoli impegnati in operazioni di PCT passive (50591); Base informativa TA Sezione I Dati Patrimoniali : Nelle sezioni 1.1 e 1.2 relative alla Attività e alle Passività, viene: prevista la disaggregazione per durata originaria per le voci: Posizione netta di liquidità: di cui liquidità disponibile ( ), Deposito per prestiti back-to-back (50444), Indebitamento ( ), Indebitamento: di cui finanziamenti ipotecari ( ), Debiti verso fornitori (50461) Debiti back-to-back in valuta (50466); modificate le strutture di alcune voci della sezione per prevedere la variabile di classificazione residenza. In particolare le voci sono: Opzioni e altri strumenti finanziari derivati (50432), Deposito di liquidità per margini presso organismi di compensazione (50442) e Opzioni e altri strumenti finanziari derivati (50476). Per le stesse voci è stata altresì introdotta la distinzione tra operazioni effettuate con IFM e operazioni effettuate con soggetti diversi da IFM ; prevista la disaggregazione per valuta per le voci: Indebitamento ( ), Indebitamento: di cui finanziamenti ipotecari ( ), Debiti verso fornitori (50461) Debiti back-to-back in valuta (50466). Sezione II Informazioni sulla composizione del portafoglio Nelle sezioni 2.2 Depositi bancari, 2.4 Crediti e 2.7 Pronti contro termine, riporti e prestito titoli viene: 7

8 prevista la disaggregazione per durata originaria per le voci: Depositi bancari: consistenze di fine periodo (50559), Prestito titoli flussi: titoli dati in prestito ( ), Prestito titoli flussi: titoli ricevuti in prestito ( ), Prestito titoli consistenze: titoli dati in prestito ( ), Prestito titoli consistenze: titoli ricevuti in prestito ( ) e Portafoglio crediti a fine semestre (50802); introdotte le nuove voci Titoli impegnati in operazioni di PCT passive (50589) e Titoli impegnati in operazioni di PCT passive (50591); Sezione V Informazioni sui flussi finanziari Nella sezione 5.1 Informazioni sui flussi finanziari viene: introdotta per la voce Flussi di cassa in entrata: finanziamenti da ricevere (51152) la distinzione tra posizioni lunghe e posizioni corte. Base informativa T5 Sezione I Dati Patrimoniali Nelle sezioni 1.1 e 1.2 relative alla Attività e alle Passività, viene: prevista la disaggregazione per durata originaria per le voci: Posizione netta di liquidità: di cui liquidità disponibile ( ), Depositi per prestiti back-to-back (50444), Indebitamento: debiti con durata prestabilita ( ), Indebitamento: debiti rimborsabili con preavviso ( ), Debiti back-to-back in valuta: con durata prestabilita ( ), Debiti back-to-back in valuta: rimborsabili con preavviso ( ); modificate le strutture di alcune voci della sezione per prevedere la variabile di classificazione residenza. In particolare le voci sono: Opzioni e altri strumenti finanziari derivati (50432), Deposito di liquidità per margini presso organismi di compensazione (50442) e Opzioni e altri strumenti finanziari derivati (50476). Per le stesse voci è stata altresì introdotta la distinzione tra operazioni effettuate con IFM e operazioni effettuate con soggetti diversi da IFM. Sezione III Informazioni sulla composizione del portafoglio 8

9 Nelle sezioni 3.2 Depositi bancari e 3.5 Pronti contro termine, riporti e prestito titoli viene: prevista la disaggregazione per durata originaria per le voci: Depositi bancari: consistenze di fine periodo (50559), Prestito titoli flussi: titoli dati in prestito ( ), Prestito titoli flussi: titoli ricevuti in prestito ( ), Prestito titoli consistenze: titoli dati in prestito ( ), Prestito titoli consistenze: titoli ricevuti in prestito ( ); introdotte le nuove voci Titoli impegnati in operazioni di PCT passive (50589) e Titoli impegnati in operazioni di PCT passive (50591); VARIABILI DI CLASSIFICAZIONE TOMO II SISTEMA DELLE CODIFICHE Base informativa A1 E stata introdotta la variabile Rinegoziato (codice campo 01262). I valori previsti sono i seguenti: - SI NO... 2 È stato modificato il dominio della variabile Finalità del credito (codice campo 00022) con l introduzione delle seguenti nuove modalità e la ricodifica della modalità altro : - acquisto, costruzione, ristrutturazione immobili non residenziali consolidamento di altri prestiti e/o costituzione di liquidità altro E stato modificato il dominio della variabile Durata previsto per le voci Finanziamenti e Sofferenze. I nuovi codici sono: 9

10 - da oltre un anno fino a due anni da oltre un anno fino a cinque anni Base informativa A3 E stato modificato il dominio della variabile Codice di Stato (codice campo 00016) richiedendo l apertura per singolo Stato per tutte le voci della sezione 2.3 Servizi di pagamento. Sono state introdotte le nuove variabili: Modalità di avvio (codice campo 1279): E' rappresentata mediante codice numerico di due posizioni. I valori previsti sono: - file batch disposizione singola Canali distributivi (codice campo 00944): Per la voce i codici da utilizzare sono i seguenti: - Telefonico Televisivo Postale Altro

11 TOMO III SISTEMA DELLE CODIFICHE SEGNALAZIONI STATISTICHE E DI VIGILANZA DEGLI ORGANISMI DI INVESTIMENTO COLLETTIVO DEL RISPARMIO (O.I.C.R.) E stato modificato il dominio della variabile Durata. I codici da utilizzare nelle segnalazioni dei fondi di investimento aperti non monetari (T3) sono: - fino a un anno oltre un anno I codici da utilizzare nelle segnalazioni dei fondi di investimento aperti monetari (T7) sono: - fino a un anno oltre un anno e fino a due anni oltre due anni oltre un anno E stato modificato il livello di disaggregazione della variabile Settore che viene previsto a livello di sottogruppo per tutte le voci che presentano tale variabile. SEGNALAZIONI DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI EX ART. 107 D. lgs. 385/93, DEGLI ISTITUTI DI PAGAMENTO E DEGLI ISTITUTI DI MONETA ELETTRONICA E stato modificato il dominio della variabile Codice di Stato (codice campo 00016) prevedendo l apertura per singolo Stato per le voci della sezione II sottosezione 12 Servizi di pagamento e moneta elettronica. E stato modificato il dominio della variabile Portafoglio contabile (codice campo 01014) abrogando il valore 516 riferito ai crediti. E stato modificato il dominio della variabile Numero operazione (codice campo 00914) prevedendo il codice residuale per la segnalazione dei crediti residui dopo il rimborso degli ABS. E stata introdotta la nuova variabile Modalità di avvio (codice campo 1279) rappresentata mediante codice numerico di due posizioni. I valori previsti sono: - file batch

12 - disposizione singola TERMINI DI PRODUZIONE DEI DATI Sono stati modificati i seguenti termini di inoltro delle segnalazioni. In particolare: - le segnalazioni delle banche relative ai servizi di pagamento (sezione 2.3 Servizi di pagamento ) dovranno essere anticipate e pervenire entro il 25 del mese successivo a quello di riferimento, con cadenza trimestrale 3 ; - le segnalazioni degli intermediari finanziari che svolgono attività di servicing (sezione 2.7 Altre informazioni - Cartolarizzazioni voci mensili) dovranno pervenire entro il 12 giorno lavorativo successivo alla data di riferimento; - le segnalazioni dei fondi comuni di investimento chiusi riservati a investitori qualificati sono state allineate a quelle dei fondi comuni di investimento chiusi. DECORRENZA DELLE INNOVAZIONI SEGNALETICHE Le innovazioni segnaletiche decorrono a partire dalle segnalazioni riferite al 31 dicembre Fanno eccezione: - l anticipo del termine d inoltro dei dati sui servizi di pagamento delle banche che decorre dal 1 gennaio 2015; - la modifica relativa alla variabile portafoglio contabile (Segnalazioni degli intermediari finanziari ex art. 107) che è immediatamente applicabile. 3 Informazioni sulla base informativa in cui confluiranno tali segnalazioni verranno fornite in un secondo momento. 12

13 ERRATA CORRIGE Con l occasione sono state apportate le seguenti correzioni: SISTEMA DELLE CODIFICHE (banche e gruppi bancari) Segnalazioni di vigilanza consolidate (basi informative M1, M2 ) con riferimento alla variabile Localizzazione geografica delle attività e passività (codice 63), la lunghezza del campo è stata corretta da 5 a 3; sono state coerentemente modificate anche le codifiche afferenti al dominio della variabile (eliminando i due zeri iniziali); con riferimento alla variabile Fascia scaduto (codice 1216), è stata reintrodotta nel dominio della variabile l opzione da 1 giorno a 90 giorni (codice 398) che, per un mero errore materiale, ne era rimasta esclusa. SISTEMA DELLE CODIFICHE (enti finanziari, istituti di pagamento, istituti di moneta elettronica e gruppi di sim) Elenco generale dei codici di identificazione dei campi con riferimento alla variabile Localizzazione geografica delle attività e passività (codice 63), la lunghezza del campo è stata corretta da 5 a 3. 13

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante:

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante: Regolamento delle fatture di acquisto. Quando paghiamo una fattura di acquisto il nostro patrimonio netto non subisce variazione dal punto di vista quantitativo, ma solo qualitativo. Se paghiamo in contante

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard.

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard. YouCard, la prima carta in Italia che consente di personalizzare il codice PIN, è anche l unica carta al mondo che unisce la sicurezza delle carte prepagate, la semplicità delle carte di debito e la flessibilità

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE Tutto quello che c è da sapere per comprendere meglio l estratto di conto corrente. In collaborazione con la Banca MPS e le Associazioni dei Consumatori: Acu Adiconsum

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO Regolamento del fondo comune di investimento immobiliare chiuso riservato ad investitori qualificati PATRIMONIO UNO promosso da Patrimonio

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*)

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*) CONTO CORRENTE WEBANK L offerta commerciale della Banca contempla prodotti, servizi e attività differenti che si contraddistinguono per specifiche caratteristiche (es. i prodotti contraddistinti dal marchio

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

DEPOSITO PIU - SEZIONE INTEGRATIVA DEL FOGLIO INFORMATIVO DEL SOTTOCONTO TECNICO Condizioni dei listini valide fino al 31 luglio 2015

DEPOSITO PIU - SEZIONE INTEGRATIVA DEL FOGLIO INFORMATIVO DEL SOTTOCONTO TECNICO Condizioni dei listini valide fino al 31 luglio 2015 DEPOSITO PIU - SEZIONE INTEGRATIVA DEL FOGLIO INFORMATIVO DEL SOTTOCONTO TECNICO Condizioni dei listini valide fino al 31 luglio 2015 LISTINO BASE 3 mesi Tasso nominale partita 0,25% lordo annuo 6 mesi

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 13 del 02.10.2014 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU 1 B. TASSI

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione)

IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione) Roma, marzo 2006 BANCA D ITALIA Servizio Informazioni Sistema Creditizio INDICE PREMESSA 3 1. LE INFORMAZIONI

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 1 INDICE 1) ASPETTI GENERALI 2) CONTENUTO DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 2.1) OPERAZIONI 2.2) RAPPORTI 2.3) LEGAMI TRA SOGGETTI 3) CRITERI

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2008 Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2009 Pillar 3 1 Pillar 3 Banca Monte dei Paschi di Siena SpA Capitale Sociale 4.486.786.372,26 interamente versato Iscritta

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email Fax Sito web Creditis Servizi Finanziari

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express.

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale delle Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit,

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Finance Law Alert. Le modifiche apportate dal decreto legge "Destinazione Italia" alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti

Finance Law Alert. Le modifiche apportate dal decreto legge Destinazione Italia alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti Finance Law Alert GENNAIO 14 Le modifiche apportate dal decreto legge "Destinazione Italia" alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti In data 23 dicembre 2013, è stato pubblicato in G.U. n. 300 il

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena

Dettagli

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015 Foglio informativo INTERNET BANKING INFORMAZIONI SULLA BANCA Credito Cooperativo Mediocrati Società Cooperativa per Azioni Sede legale ed amministrativa: Via Alfieri 87036 Rende (CS) Tel. 0984.841811 Fax

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI

LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI ex articolo 5, comma 4 del decreto legislativo 7 marzo 2005. n. 82 e

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N.

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14 INDICE Carte Prepagate istruzioni per l uso 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10 3. Come acquistare on line Pag. 14 4. Come creare il 3D security Pag. 16 5. Collegamento

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli