Klausenburger Straße 9 D München VIA GENOVA N. 59/A OLBIA VIA PADRE FILIPPINI 134 ROMA VIA GIUDICE 39 ANGRI (SA)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Klausenburger Straße 9 D-81677 - München VIA GENOVA N. 59/A OLBIA VIA PADRE FILIPPINI 134 ROMA VIA GIUDICE 39 ANGRI (SA)"

Transcript

1 Klausenburger Straße 9 D München VIA GENOVA N. 59/A OLBIA VIA PADRE FILIPPINI 134 ROMA VIA GIUDICE 39 ANGRI (SA) Pag.1 progetto CNR EUROPE 2014

2 Pag.2 progetto CNR EUROPE 2014

3 INDICE: L impresa e i suoi protagonisti 4 Ubicazione Struttura 5 I SOCI Sintesi iniziativa proposta 9 Finanziamenti Europei 10 Dipartimenti CNR Europe 13 ISMEA 15 FIABA ONLUS 18 Formazione 19 Università La sapienza 21 Coaching 24 Risorse Finanziarie 31 Strategie commerciali 32 Obiettivi di reddito 35 Mercato e concorrenza 36 Scenario tecnologico 39 Struttura Sistema 40 La Piattaforma Videostreaming 42 Sorveglianza territoriale 45 Proiezioni economico/finanziarie 47 INVESTIMENTI previsti 48 Pag.3 progetto CNR EUROPE 2014

4 L impresa e i suoi protagonisti La CNR group rappresenta la più avanzata società italiana di ricerca italiana nel campo di applicazioni broadcasting, codec, brevetti nel settore della videotelefonia cellulare. Nasce dall esperienza e dal genio del prof. Roberto Matutini e il supporto di alcuni ricercatori della divisione broadcasting del centro nazionale di ricerche. Il know-how acquisito ha permesso la nascita di questa azienda, il cui proposito è trovare soluzioni innovative alle problematiche legate alla ricetrasmissione dei dati audio-video LIVE, su reti a bassa velocità Dopo una ricerca di quattro anni la CNRgroup ha brevettato un sistema che permette un nuovo modo di concepire la comunicazione a distanza. La CNR EUROPE (di cui CNRgroup è socio) si divide in tre sezioni; la sede Legale e finanziaria a Monaco (Germania); la sede operativa ad Olbia nella quale vengono sviluppate le attività progettuali, di marketing e comunicazione, la sede di Roma, atta allo sviluppo di nuove tecnologie. Pag.4 progetto CNR EUROPE 2014

5 Attualmente la ricerca è condotta da una equipe composta da quattro ingegneri e cinque programmatori e si concentra principalmente su: ricerche nel campo della fisica sperimentale. ricerche nel campo della matematica applicata ai calcoli vettoriali e matriciali per l encoding, lo streaming e gli applet di decodifica. ricerche di nuovi algoritmi di compressione digitale adibiti a trasmissioni su banda analogica telefonica fissa o mobile Gsm/Gprs. creazione di nuovi applet adibiti all utilizzo di streaming su piattaforme Java ME utilizzo della telefonia cellulare per il controllo a distanza di ambienti, su piattaforme Java con immagini live. realizzazione di nuovi streaming di compressione per la codifica di trasmissioni televisive, congressuali o scolastiche da proporre in diretta via internet su bande analogiche o a bassa velocità ma ad alta risoluzione (33K e 56k). realizzazione di nuove tecniche di trasmissione (multicast) su canali a fibra ottica. La sede di Roma si occupa principalmente della rifinitura dei progetti e della loro applicazione pratica; Vertice e management aziendale CNR EUROPE Olbia Pag.5 progetto CNR EUROPE 2014

6 Presidente Dott. Prof. Roberto Matutini Amministratore Delegato Dott. Marcos Mailmann Uffici Finanziari e amministrativi Dott. Massimo De Paoli, Rag. Raffaella Pernasetti, Rag. Paola Meloni Ufficio legale Avv. Francesco Missori. Avv. Nunzia Boccia Dirigenza Ing. P.Paolo Delinna Dipartimento Industria Settore Ambiente e Progetti Ing. Giammaria Meloni Dipartimento Industria Settore Innovazione e Progetti Dott. G.Mario Chessa Dipartimento Industria Settore Energia e Rel. Istituzionali Arch. G.Carlo Cocco Pianificazione e Progetti Dott. Agronomo Alessandro Corona Dipartimento Agricoltura Funzionari Dott.ssa Marianna Pettorru Resp. Area Finanziaria Dott. Gian Luca Roggio Assicurazioni e Brokeraggio Dott. Giacomo Isoni Dipartimento Turismo Dott.ssa Silvia Russu Dipartimento Commercio e Artigianato Dott.ssa Monia Cupellini Dipartimento Coaching e formazione Impiegati Collaboratori Geom. Giovanni Derosas Dip. Agricoltura Per. Imm.re P.Paolo Pinna Dip. Agricoltura Per. Ind.le Marco Lovicu Dip. Industria Per. Ind.le Simone Spano Dip. Industria Rag. Andrea Pira Segreteria e Accettazione Rag. Isabella Cimino Segreteria e Accettazione Sig. Davide Trudu Manutenzione e sicurezza Pag.6 progetto CNR EUROPE 2014

7 I SOCI di CNR Europe GmbH Presidente : Prof. Roberto Matutini (CNRgroup) / dot.sa Paola Meloni Titolare dei brevetti ideatore e organizzatore della struttura rapporti con le istituzioni (50%) Vice presidente onorario: dott. Carine Canonico presidente ISMEA ex generale della GDFinanza (s.q) Amministratore : dott. Marcos Maillman responsabile finanziario sede di Roma e Monaco (10%) Ufficio legale: Avv. Francesco Missori patrocinante in cassazione avv. Nunzia Boccia (civile) (10%) Rapporti Europei a favore dei disabili : Fondazione FIABA presidente Giuseppe Trieste (10%) Agricoltura / ISMEA : Soc. Italy Cibus srl Socità Italiana coltivatori Italiani (5%) dott. Mario Serpillo deputato PD Rapporti Esteri : Società Carthage for agriculture production C.a.p S.a.r. (5%) Dott. Mario Serpillo Rapporti con le Istituzioni locali : Dot.sa Paola Meloni Ufficio di rappresentanza e ricezione (10%) Rag. Raffaella Pernasetti L organizzazione del lavoro (struttura e dimensionamento del personale LOCALE e relativa evoluzione dall anno di avvio a realizzazione dell investimento fino all esercizio di regime) Sede di Olbia 15 dipendenti (13 impiegati e 2 tecnici) + amministratore e al direttore tecnico. CDA Managing Director Presidente 2 Staff Segreteria 1 Amministrazione/Gestione Organizzativa 1 Commerciale Tecnici 2 Tecnici HS SW TLC impianti - 1 Webmaster Pag.7 progetto CNR EUROPE 2014

8 La struttura GENERALE Ubicazione Sarà allestita una struttura base, localizzata in Olbia in Via Genova completa di infrastrutture - fibre ottiche e pannelli solari per l autonomia energetica idonee ad ospitare uffici territoriali; centro di produzione e formazione. La sede legale e l unità produttiva sono ubicate a Monaco; L immobile (opzionato per l acquisto) ospiterà: Pag.8 progetto CNR EUROPE 2014

9 - Direzione e Uffici amministrativi - Uffici dipartimentali Ufficio per il Pubblico CAF - Supporto per l agricoltura e progetti Europei - Laboratorio tecnico - Apparati informatici piattaforma - Aule formazione e addestramento Sintesi dell iniziativa proposta Caratteristiche salienti dell iniziativa imprenditoriale L iniziativa si incentra sulla formazione e supporto dell imprenditoria finalizzata all acquisizione di fondi comunitari Europei adibiti a servizi quali industria, formazione, commercio; energia, spettacolo ecc L innovazione tecnologica principale è l utilizzo di due rivoluzionari brevetti internazionali che determinano l unicità di questo progetto. Specie nel campo della formazione intesa a tutti i livelli e generi dove sono stanziate le maggiori risorse economiche Europee, è fondamentale l utilizzo di questa tecnologia attraverso una piattaforma di trasmissione streaming in grado di ospitare e irradiare a livello mondiale trasmissioni e prodotti LIVE in formato multicasting (trasmissione contemporanea in diversi formati) e multiplexing (simultaneità di diversi flussi trasmessivi), produzione uno a molti indirizzate a PC e telefonia mobile. I servizi sono innumerevoli descritti in seguito. La caratteristica di questa piattaforma, originata dalle performance uniche della tecnologia di compressione ivi implementata e che il prof. Matutini ha concesso in licenza a CNR EUROPE garantisce la possibilità di assicurare una reale convergenza della trasmissione di servizi su pc (anche quelli non connessi in banda larga) e su telefonini (non solo UMTS ma anche quelli di GPRS ). La missione della nuova società CNR EUROPE è quella di offrire a un utenza Locale e internazionale soluzioni complete e immediatamente disponibili e operative su progetti da presentare alla Comunità Europea atte a migliorare la qualità dei servizi nel campo energetico; dello spettacolo; dell industria; nel commercio oltre a fornire supporto sulle strutture di rete oggi esistenti Pag.9 progetto CNR EUROPE 2014

10 I FINANZIAMENTI EUROPEI ALLE IMPRESE Il governo italiano su iniziativa del Ministro per la coesione territoriale ha presentato alla Commissione europea la bozza dell Accordo di partenariato sulla programmazione dei fondi strutturali In base ai principi europei, le politiche di coesione riguardano l intero territorio nazionale, pur con modalità diverse: le regioni del centro nord sono incluse nel gruppo delle regioni europee più sviluppate; Sardegna, Abruzzo e Molise fra le regioni in transizione, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria e Sicilia, fra le regioni meno sviluppate. In base agli stessi principi, alle Regioni è destinato, per il periodo , complessivamente un contributo europeo di circa 30 miliardi di euro, di cui 7 per le regioni più sviluppate, 1 per le regioni in transizione e 20 per le regioni meno sviluppate. A tali cifre vanno aggiunti gli importi del cofinanziamento nazionale (obbligatorio per le politiche di coesione europee), pari agli stanziamenti comunitari. Nel quadro degli interventi per lo sviluppo regionale, le politiche comunitarie si sommano alle politiche nazionali, incardinate sul Fondo Sviluppo e Coesione che ha una allocazione nella legge di stabilità di circa 54 miliardi distribuiti negli anni di attività dei fondi. Nel complesso le politiche di sviluppo e coesione conteranno su circa 100 miliardi di euro. Tali risorse devono svolgere, nel ciclo , un ruolo duplice, ma strettamente integrato: da un lato continuare nell azione di potenziamento e miglioramento dei contesti regionali; dall altro assicurare un sostegno, strutturale e non congiunturale, ai processi di rafforzamento delle imprese, di incremento dell occupazione, di miglioramento del tessuto sociale dopo la grande crisi. A tal fine, la programmazione opera una prima grande scelta innovativa rispetto alle esperienze precedenti di utilizzo dei fondi: quella di specializzare il Fondo Sviluppo e Coesione nel finanziamento delle grandi opere infrastrutturali, in particolare nel campo dei trasporti e dell ambiente. Ciò consente di poter disporre di una tempistica di spesa più adatta a realizzazioni grandi e complesse sotto il profilo amministrativo e tecnico. Inoltre, permette di non vincolarsi alle scadenze che Pag.10 progetto CNR EUROPE 2014

11 riguardano i fondi strutturali di solito difficilmente compatibili con la durata dei processi di realizzazione delle opere infrastrutturali. Così, le politiche nazionali (Fondo Sviluppo e Coesione in corso e previsto per il ) si orienteranno sulla infrastrutture più importanti, oltre che su ambiti nei quali le politiche europee non intervengono; i Fondi Strutturali invece investiranno sulle imprese e sulle aree territoriali, sulle persone e sulle infrastrutture leggere, in coerenza con i regolamenti comunitari. Tab.1 Principali obiettivi del ciclo e confronto con il ciclo variazione percentuale valori percentuali ciclo rispetto al ciclo Ricerca sviluppo tecnologico e innovazione, competitività delle piccole e medie imprese Occupazione 14 +4,1 La valorizzazione dei beni ambientali e culturali oggetto nei cicli precedenti di importanti investimenti di tutela e rifunzionalizzazione - al fine di promuovere impresa e occupazione assume un ruolo estremamente importante nel programma Il programma conferma, altresì, investimenti rilevanti sia per promuovere l inclusione sociale e combattere la povertà, sia nell investimento nella scuola e nella formazione. I programmi urbani saranno costruiti mirando ad una pluralità di ambiti fra loro integrati, fra cui spiccano per importanza le forme di mobilità sostenibile, gli interventi per l efficienza e il risparmio energetico, per l economia digitale e l inclusione sociale. Nell ambito della strategia nazionale sono previsti integrazioni a partire dal rafforzamento di filiere produttive di specializzazione (nel manifatturiero, nell agricoltura, nell agroindustria e nel turismo di qualità) e dalla realizzazione di infrastrutture leggere di connessione e integrazione delle reti. Pag.11 progetto CNR EUROPE 2014

12 La programmazione conterrà altresì, all interno di programmi operativi nazionali, per l intero territorio nazionale e/o per il Mezzogiorno, azioni che richiedono una uniforme capacità attuativa, nell interesse della parità di trattamento e del costo e dell efficacia nella gestione delle misure: tipiche di questi casi sono le azioni contro la dispersione scolastica e per rafforzare le competenze degli studenti. I DIPARTIMENTI DELLA CNR EUROPE Per ottemperare alle varie richieste indicate dalla Comunita Europea la CNR EUROPE sarà suddivisa in Dipartimenti: Industria Agricoltura (ISMEA) Artigianato e Commercio Cultura, Sport e Spettacolo Turismo Formazione e università Supporto per il cittadino Nel Dipartimento Industria, hanno collocazione i settori Energia e Innovazione Tecnologica, le cui attività hanno rilevanza in merito all Ottimizzazione dell Energia Elettrica ed al monitoraggio continuo delle Aziende e/o Enti convenzionati; Il Dipartimento Tecnologia gestirà tutti i progetti relativi all utilizzo dei brevetti; alle tecnologie digitali per servizi di trasmissione su telefoni; simulazione di eventi, metereologici; formativi; universita ON LINE già in essere alla Sapienza di Roma; servizi di sorveglianza ambientale; servizi di sicurezza (banche, enti; ministeri); trasmissioni LIVE su telefonia mobile di servizi o eventi fino a 500 mila persone contemporanee; - Il Dipartimento Artigianato Pag.12 progetto CNR EUROPE 2014

13 Le risorse del Fondo saranno erogate a tali soggetti a condizione che si facciano promotori di forme di collaborazione con istituti di ricerca pubblici, università ed istituzioni scolastiche pubbliche. I finanziamenti riguarderanno programmi triennali che tutti gli attori coinvolti sono tenuti a presentare e selezionati dal Ministero dello Sviluppo Economico (Mi.S.E.) finalizzati a sviluppare i seguenti contenuti: Ricerca e sviluppo di software e hardware; condivisione e utilizzo di documentazione in maniera comunitaria; creazione di comunità on-line e fisiche per la collaborazione e condivisione di conoscenze; accesso alle tecnologie di fabbricazione digitale; creazione di nuove realtà industriali; promozione di modelli di attività di vendita non convenzionali ed innovativi; condivisione di esperienze con il territorio; sostegno per l applicazione delle idee; sostegno delle scuole del territorio attraverso la diffusione del materiale educativo sulla cultura dei makers. Commercio, Cultura, Spettacolo l accesso diretto ai Fondi Comunitari costituisce l essenza principale per il rilancio dell Economia Territoriale. In termini generali l UE offre una serie di fondi: i fondi strutturali, uno dei maggiori strumenti finanziari con cui l Unione persegue la coesione lo sviluppo economico-sociale nelle diverse regioni; i fondi che l Italia gestisce attraverso il Quadro strategico nazionale QSN; i programmi operativi nazionali e regionali (PON, POR e POIN). Senza considerare i programmi curati direttamente dalla Commissione europea: 7 FP Programma quadro della Comunità Europea per l innovazione e lo sviluppo tecnologico; finanziamenti per Internazionalizzazione d impresa e altri programmi specifici. Dipartimento del Turismo e lo Sport Pag.13 progetto CNR EUROPE 2014

14 È stato attivato un fondo da 18 milioni di euro per lo sviluppo e la diffusione della pratica sportiva. Mediate tale misura è possibile accedere a finanziamenti a fondo perduto per realizzare, ristrutturare e mettere a norma impianti sportivi. Dipartimento Agricoltura supporta, sia i nuovi insediamenti in Agricoltura per i giovani imprenditori, sia le Aziende Agricole che hanno bisogno di implementare l attività fondiaria. Formazione e gestione degli imprenditoria giovanile per l acquisizione dei fondi ISMEA SETTORI 1. Cereali e coltivazioni industriali 2. Frutta e ortaggi 3. Fiori e piante 4. Vini 5. Oli e olive mensa 6. Animali e carni 7. Lattiero caseari 8. Prodotti biologici 9. Pesca e acquacoltura ISMEA (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare) L'ISMEA è un ente pubblico economico istituito con l'accorpamento dell'istituto per Studi, Ricerche e Informazioni sul Mercato Agricolo (già ISMEA) e della Cassa per la Formazione della Proprietà Contadina, con decreto legislativo 29 ottobre 1999 n. 419, concernente il "riordinamento del sistema degli enti pubblici nazionali". Nell'ambito delle proprie funzioni istituzionali l'ismea, anche attraverso società controllate, realizza servizi informativi, assicurativi e finanziari e costituisce forme di garanzia creditizia e finanziaria per le imprese agricole e le loro forme associate, al fine di favorire l'informazione e la trasparenza dei mercati, agevolare il rapporto con il sistema bancario e assicurativo, favorire la competitività aziendale e ridurre i rischi inerenti alle attività produttive e di mercato. L'ISMEA affianca le Regioni nelle attività di riordino fondiario, attraverso la formazione e l'ampliamento della proprietà agricola, e favorisce il ricambio generazionale in agricoltura in base ad uno specifico regime di aiuto approvato dalla Commissione europea. Pag.14 progetto CNR EUROPE 2014

15 L ISMEA favorisce in tutto il territorio nazionale il riordino fondiario, l acquisto di fondi agricoli, il ricambio generazionale in agricoltura e l ampliamento della imprese agricole. I soggetti beneficiari che possono presentare domanda sono: A. I coltivatori diretti che non devono aver compiuto 50 anni al momento della presentazione della domanda B. Gli imprenditori agricoli a titolo principale che non hanno superato i 40 anni di età al momento della presentazione della domanda C. I giovani che non hanno compiuto i 40 anni al momento della presentazione della domanda, a condizione che acquisiscano entro 24 mesi dall operazione di acquisto la qualifica di imprenditore agricolo a titolo principale o di coltivatore diretto (L.441/98 art.4) D. Cooperative e piccole cooperative agricole di conduzione iscritte alla Sezione Agricola del Registro Prefettizio. I criteri di accesso per le imprese agricole sono stabiliti in relazione alla redditività, al rispetto dei requisiti minimi in materia di ambiente, igiene e benessere degli animali e alle limitazioni settoriali disposte a livello comunitario e nazionale. In particolare, in relazione al requisito della redditività dell impresa, che deve essere soddisfatto al momento in cui viene effettuato l acquisto, va accertata nel rispetto dei criteri adottati per la sua valutazione, nei PSR o nei POR predisposti dalle Regioni. Sono esclusi gli interventi di acquisto e rivendita dei terreni tra genitori e figli ad eccezione di: Successione, a favore degli eredi che intendono continuare nella conduzione o coltivazione dei terreni Prepensionamento, a favore di coloro che subentrano nella conduzione o coltivazione dei terreni. CNR EUROPE SI OCCUPERA DI AGEVOLARE LO SVILUPPO DEI PROGETTI IMPRENDITORIALI ATTI A RICEVERE I FONDI STANZIATI Pag.15 progetto CNR EUROPE 2014

16 FIABA ONLUS(Fondazione Italiana abbattimento barriere architettoniche) FIABA è presente sul territorio nazionale attraverso una rete di oltre 400 Sottoscrittori di Protocollo d Intesa: Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministeri, Regioni, Province, Comuni, Istituti di cultura, Enti, Associazioni, Università, Ordini professionali. Partner importanti con cui è continuo il dialogo e la collaborazione per impedire il sorgere e la diffusione di nuove barriere culturali e fisiche. In sinergia con FIABA i sottoscrittori si impegnano a stimolare gli organi preposti a rafforzare la vigilanza sul rispetto della normativa vigente in materia di barriere, costituendo uno specifico gruppo di lavoro, con l obiettivo di concretizzare i vari punti di coerenza presenti nelle finalità delle rispettive missioni per la tutela delle pari opportunità. SCOPO DELLA FIABA è di mettere a disposizione i fondi della Comunità Europea a tutte quelle categorie che necessitano di un supporto per le loro problematiche giornaliere di vita. Presenterà inoltre un grande progetto Europeo per UNIFICARE i linguaggi dei sordomuti con una unica lingua base che prescinde dalla nazionalità, attraverso una tecnologia innovativa brevettuale messa a disposizione dal prof. Roberto Matutini Presidente e socio fondatore Giuseppe Trieste, Gr. Uff. OMRI al merito della Repubblica, ha un importante trascorso nello sport con la partecipazione a tre Paralimpiadi: Cofondatore per lo Sport per disabili in Italia, nel 1983 costituisce ANTHAI che tuttora presiede. Nel 2000 fonda FIABA Onlus. Membro dell Osservatorio Nazionale sulla condizione delle persone con disabilità, organismo istituito contestualmente alla ratifica da parte dell Italia della Convenzione ONU sui Diritti delle persone con disabilità, è stato nominato componente della Consulta delle Associazioni dell Osservatorio permanente per l integrazione degli alunni con disabilità del MIUR e del Comitato per la promozione e il sostegno del turismo accessibile del Ministero per gli Affari Regionali, del Turismo e dello sport. Pag.16 progetto CNR EUROPE 2014 PROTOCOLLI D INTESA Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato Generale Ministro per il Rapporti con il Parlamento Ministro per gli Affari Europei Ministro per gli Affari Regionali Ministro per la Pubblica Amministrazione e

17 per la Semplificazione Ministero degli Affari Esteri Ministero dell Interno Ministero della Giustizia Ministero della Difesa Ministero dello Sviluppo Economico Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero della Salute Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Corte dei Conti Conferenza Presidente Regioni e Province Autonome UPI Unione Province d Italia ANCI Associazione Nazionale Comuni Italiani CONFINDUSTRIA Generale CRUI Conferenza dei Rettori delle Università Italiane ABI Associazione Bancaria Italiana LA FORMAZIONE LIVE /ON LINE Il prodotto/servizi broadcast forniti dai brevetti CNREurope La tecnologia per la TV o SERVIZI in diretta su web e telefoni implementata sulla piattaforma CNR EUROPE è una applicazione del sistema di compressione e trasmissione (CODEC) uno a molti, elaborato dal gruppo di ricerca CNRgroup. Comprende l acquisizione del segnale video, il ricalcolo in modo vettoriale, la trasmissione anche su banda stretta (22/30 bpi) e la ricezione (decodifica) su tutti i sistemi esistenti (Mpeg 4, Windows media video, Quicktime, Real player, 3GP). La tecnologia acquisita in licensing, tutelata da brevetto n , è stata ampiamente collaudata e validata. Ipotizziamo più avanti, alcuni esempi di progetti applicativi (con relativa valorizzazione) rilasciati in diversi settori alcuni dei quali GIA OPERATIVI! Pag.17 progetto CNR EUROPE 2014

18 I servizi forniti dai brevetti La convergenza della TV su internet e dei servizi di Streaming sui cellulari sembra essere il business del futuro ma richiede infrastrutture che, di fatto, oggi non esistono, a parte i punti sperimentali di wifi operanti in ristrette aree di alcuni aeroporti. Le infrastrutture e le risorse di trasmissione (nuovi device) saranno disponibili solo a seguito di enormi investimenti tutti ancora da effettuare e comunque non prima dei prossimi 5 anni. Al contrario la tecnologia innovativa a disposizione di CNR EUROPE rende subito disponibile questa convergenza. La piattaforma streaming, concessa in licenza da Roberto Matutini, implementa questa nuova tecnologia e rende disponibile immediatamente un ampio ventaglio di offerte competitive su un mercato tipicamente internazionale. L offerta di servizi streaming (trasmissione su internet di flussi audio-video) esistente oggi presso alcuni provider italiani ed esteri è costosa e poco flessibile. Inoltre le caratteristiche della tecnologia utilizzata finora ne impediscono la corretta fruizione su telefoni cellulare che non siano di ¾ generazione, che non siano in area servita direttamente da linea 3G/4G, e su personal computer che non siano collegati attraverso la banda larga. Inoltre gli i flussi video trasmessi sono generalmente unicast (ossia in un solo formato) per cui richiedono costose duplicazioni e ritrasmissioni sui vari formati necessari per la ricezione via PVC o mobile. Localizzazione in Sardegna E in fase di avanzata realizzazione in Sardegna un infrastruttura a larga banda che si configura come una dorsale in fibra ottica con nodi situati in corrispondenza di tutte le città capoluogo di provincia presso le quali si attesteranno le reti in fibra ottica metropolitane. L infrastruttura di backbone si integrerà con quella già prevista per il collegamento in fibra ottica verso la penisola (collegamento sottomarino Sardegna-Continente), costituito da ben 12 coppie di fibra ottica sul cavo sottomarino della Società Pag.18 progetto CNR EUROPE 2014

19 consortile Janna. CNR EUROPE conta di attivare un proprio server in Housing presso il POP di Olbia. Il progetto di sperimentazione sui servizi digitali assocerà diverse aziende sarde La Videoformazione ON LINE Le facoltà di Scienza della Comunicazione di Roma e Salerno hanno già sperimentato la fruizione a distanza delle lezioni universitarie via video con la tecnologia implementata da CNR EUROPE, agevolando tantissimi studenti. Modalità analoghe possono essere sperimentate per la formazione e aggiornamento nel lavoro, a enti pubblici, banche. Il costo di fruizione per singolo utente è dell ordine di 15 /mese. Calcolando che solo in regione Sardegna sono oltre i dipendenti pubblici impiegati in corsi di formazione e tutti hanno ormai un pc o un telefonino, e che sono circa 4 milioni gli studenti italiani in università pubbliche e private, aggiungendo che il sistema può essere altrettanto facilmente fornito all estero senza costi aggiuntivi, le opportunità sono evidenti. Il servizio fornito a 19 mila studenti porta un introito pari a circa euro/mese con costi minori del 15% e verrà acquisito nel budget CNR EUROPE Vediamo le risorse già operative nella prima università al mondo Pag.19 progetto CNR EUROPE 2014

20 Pag.20 progetto CNR EUROPE 2014

21 LE Università ON LINE (la Sapienza) Nato dalla collaborazione tra La Sapienza di Roma e la CNR Europe Facoltà di scegliere è un progetto il cui scopo è trovare nuove soluzioni ai disagi che si verificano all interno dei dipartimenti. Basato su una tecnologia di streaming assolutamente innovativa, il progetto consiste nel rendere disponibili su internet e sui videotelefoni, in diretta, le lezioni delle Università e centri di Formazione IN GENERE su reti a bassa velocità. Una videocamera ed un microfono cattureranno la lezione che, oltre ad essere trasmessa in diretta agli utenti che per qualsiasi motivo sono impossibilitati ad essere fisicamente presenti, sarà comunque disponibile 24h in un archivio accessibile agli studenti per poterla vedere e rivedere in qualunque momento. Si potrà scegliere dove, come, quando e quante volte seguire una qualunque lezione o evento interno al dipartimento. Alcuni vantaggi relativi all introduzione di questo sistema, che illustriamo come esempio, sono: Riduzione delle presenze in aula e dunque migliore gestione degli spazi. Piano di studi personalizzato; non bisognerà preoccuparsi degli orari accavallati e delle distanze tra una sede e l altra. Possibilità, per i pendolari e i fuori sede, di ridurre le loro trasferte. Possibilità di rivedere la lezione più volte con mezzi digitali, evitando registrazioni su nastro e noiosi sbobinamenti. Possibilità di volgere domande al docente in diretta, tramite un servizio di mailing dedicato. Possibilità di discutere la lezione in diretta con gli altri utenti grazie ad un servizio di chat dedicato. Si potrà scegliere dove, come, quando e quante volte seguire una qualunque lezione o evento interno al dipartimento. E bene precisare che l introduzione di questo sistema non precluderà, a chi lo voglia, la possibilità di seguire le lezioni in maniera tradizionale; permetterà invece di risolvere i problemi causati dall avvento dell università di massa; problemi che hanno posto istituzioni come questa di fronte ad un bivio: Pag.21 progetto CNR EUROPE 2014

22 chiudere il numero di iscrizione o distribuire equamente le scarse risorse disponibili tra un numero inaccettabile di studenti. L una e l altra strada prevedono comunque una riduzione del diritto a ricevere un istruzione adeguata e sebbene la seconda sia preferibile, si tratta comunque di un compromesso. Il progetto Facoltà di scegliere è invece una soluzione. Abbiamo scelto di partire da questo dipartimento perché siamo sicuri che uno strumento così versatile in mano a persone creative ed eclettiche diventerà un potente mezzo per trasmettere qualità e innovazione a tutto il panorama universitario italiano. Calcio serie D: (da utilizzare immediatamente) trasmissione live delle partite di calcio del campionato di serie D su telefonini, PC e satellite. Il modello prevede da parte di ciascuna delle 160 società della seried un canone di circa 1000 mese per consentire a tutti i propri sostenitori di seguire le partite in diretta su PC Telefonino o satellite. Il fatturato generato è di /mese con costi di produzione inferiori al 10%.. Comunicato su Sito Interregionale.com ( ) SOLLECITO PER ATTIVAZIONE CANALE WEB TV Con il presente siamo a sollecitare le Società che ancora non hanno provveduto a prendere contatti con la Società CNRgroup srl, a provvedere nel più breve tempo possibile, onde consentire l attivazione gratuita del canale web. Nel rimandare alla nostra precedente comunicazione, si invitano tutte le Società a provvedere nel più breve tempo possibile, per poter garantire il completamento del progetto Serie D Channel. Confidando nella consueta sensibilità e collaborazione, si coglie l occasione per porgere cordiali saluti. Pag.22 progetto CNR EUROPE 2014 Il Presidente William Punghellini

FIABA ONLUS Piazzale degli Archivi, 41-00144 Roma Tel. 06.43400800 / Fax 06.43400899 info@fiaba.org - ufficiostampa@fiaba.

FIABA ONLUS Piazzale degli Archivi, 41-00144 Roma Tel. 06.43400800 / Fax 06.43400899 info@fiaba.org - ufficiostampa@fiaba. FIABA ONLUS Piazzale degli Archivi, 41-00144 Roma Tel. 06.43400800 / Fax 06.43400899 info@fiaba.org - ufficiostampa@fiaba.org skype: ufficiostampafiaba www.fiaba.org CHI SIAMO FIABA ha come obiettivo quello

Dettagli

FIABA ONLUS Piazzale degli Archivi, 41-00144 Roma Tel. 06.43400800 / Fax 06.43400899 info@fiaba.org - ufficiostampa@fiaba.

FIABA ONLUS Piazzale degli Archivi, 41-00144 Roma Tel. 06.43400800 / Fax 06.43400899 info@fiaba.org - ufficiostampa@fiaba. FIABA ONLUS Piazzale degli Archivi, 41-00144 Roma Tel. 06.43400800 / Fax 06.43400899 info@fiaba.org - ufficiostampa@fiaba.org skype: ufficiostampafiaba www.fiaba.org CHI SIAMO FIABA é un organizzazione

Dettagli

Scuola per Coach Aziendale

Scuola per Coach Aziendale 1 Chi è il Coach Il Coach aiuta i propri clienti a costruire il futuro che desiderano, attivando le risorse necessarie affinché quel futuro diventi realtà. Coloro che richiedono il suo supporto, vengono

Dettagli

Titolo progetto: La scuola nella rete e l approccio all innovazione tecnologica

Titolo progetto: La scuola nella rete e l approccio all innovazione tecnologica 1. Il Progetto strategico Titolo progetto: La scuola nella rete e l approccio all innovazione tecnologica 1.1. Descrizione del progetto: L Istituto espazia ha una rete parziale cablata all interno della

Dettagli

Progetto Regionale Salvaprecari ABSTRACT

Progetto Regionale Salvaprecari ABSTRACT Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria Direzione Generale Attuazione Protocollo di Intesa Regione Liguria - MIUR del 4/11/2010 per la realizzazione

Dettagli

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN AGOSTO 2015 NEWSLETTER PON In questo numero... La programmazione 2007-2013 La programmazione 2014-2020 L avviso LAN/WLAN LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Nel 2007 la Commissione Europea ha approvato per l Italia

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Indirizzo Grafica e Comunicazione

Indirizzo Grafica e Comunicazione Istituti tecnici Settore tecnologico Indirizzo Grafica e Comunicazione L indirizzo Grafica e Comunicazione ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale, le competenze

Dettagli

Sistema di diffusione Audio/Video su streaming.

Sistema di diffusione Audio/Video su streaming. 1 Sistema di diffusione Audio/Video su streaming. IL Progetto. Il progetto illustrato nel seguito prevede mediante la tecnologia di streaming la diffusione di audio/video su misura del cliente al 100%,

Dettagli

Il progetto Valutazione & Miglioramento

Il progetto Valutazione & Miglioramento Il progetto Valutazione & Miglioramento Valutazione & Miglioramento è un progetto che si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione,

Dettagli

R E G I O N E C A L A B R I A G I U N T A R E G I O N A L E

R E G I O N E C A L A B R I A G I U N T A R E G I O N A L E R E G I O N E C A L A B R I A G I U N T A R E G I O N A L E Deliberazione n. 114 della seduta del 20/04/2015. Oggetto: Approvazione schema di Accordo ai sensi dell art. 15 della legge n. 241/90 tra il

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

C A T A L O G O A T T I V I T à F O R M A T I V A

C A T A L O G O A T T I V I T à F O R M A T I V A C A T A L O G O A T T I V I T à F O R M A T I V A COOPERAZIONE CATALOGO ISMEA 2014 B A N D O P R O M O Z I O N E D E L L O S P I R I T O E D E L L A C U L T U R A D I M P R E S A PUNTI VENDITA MULTI FUNZIONALITà

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre

Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre Profilo aziendale Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre competenze e aiutarvi ad ottenere di

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

IL MEZZOGIORNO PER L EUROPA

IL MEZZOGIORNO PER L EUROPA ROMA, 26 GENNAIO 2011 IL MEZZOGIORNO PER L EUROPA Nel corso del Vertice Euro del 26 ottobre 2011 l Italia ha assunto formalmente l impegno di accelerare e riqualificare l utilizzo dei Fondi Comunitari

Dettagli

LA SCUOLA PER LO SVILUPPO

LA SCUOLA PER LO SVILUPPO UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali Direzione Generale Politiche Regionali MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Dipartimento dell Istruzione Direzione Generale per gli Affari

Dettagli

PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica

PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica Scuola Secondaria di I grado Progetto realizzato con il contributo del Fondo Sociale Europeo - Programma Operativo Nazionale Competenze

Dettagli

FONDI STRUTTURALI EUROPEI -Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento

FONDI STRUTTURALI EUROPEI -Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento FONDI STRUTTURALI EUROPEI -Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento,

Dettagli

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale Il percorso logico Interventi Strategie siamo qui Fabbisogni Punti forza/debolezza/opportunità/minacce Contesto generale Analisi di contesto Indicatori di contesto (individuati dall UE obbligatori) Valutazione

Dettagli

L ISMEA I servizi Ismea Il subentro in agricoltura Agevolazioni per l insediamento dei giovani in agricoltura Il fondo di garanzia Informazioni e

L ISMEA I servizi Ismea Il subentro in agricoltura Agevolazioni per l insediamento dei giovani in agricoltura Il fondo di garanzia Informazioni e I Servizi ISMEA per i giovani imprenditori agricoli AGENDA L ISMEA I servizi Ismea Il subentro in agricoltura Agevolazioni per l insediamento dei giovani in agricoltura Il fondo di garanzia Informazioni

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

Prot. n. 2493/B35 Soriano nel Cimino, 8/10/2015

Prot. n. 2493/B35 Soriano nel Cimino, 8/10/2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORIANO NEL CIMINO Viale Ernesto Monaci, 37-01038 SORIANO NEL CIMINO (VT) -

Dettagli

Contrasto all abbandono scolastico in contesto interculturale

Contrasto all abbandono scolastico in contesto interculturale Contrasto all abbandono scolastico in contesto interculturale Il metodo QPA - Questionario sui Processi di Apprendimento - Il metodo QPA INDICE Premessa... 2 I. QPA: quadro teorico... 4 II. Modello di

Dettagli

Si ricorda che: PROGETTO PUNTI DI RIFERIMENTO CENTRO DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE

Si ricorda che: PROGETTO PUNTI DI RIFERIMENTO CENTRO DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE (Allegato 1) Si ricorda che: - LA DOMANDA DI SERVIZIO CIVILE VA INVIATA A : ALLE SINGOLE SEDI DI ATTUAZIONE PROGETTO - LE DOMANDE VANNO INVIATE ENTRO IL 27 LUGLIO 2009 ENTRO LE ORE 14.00 (NON FA FEDE IL

Dettagli

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco.

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. > LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. Perché investire in innovazione 2 Perché scegliere MediaNET 4 A chi si rivolge MediaNET 6 I numeri 7 Soluzioni e servizi 8 L identità MediaNET

Dettagli

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Lo scenario: Il punto di partenza L isolamento che Castelfranco Veneto soffre da anni è testimoniato anche dalla mancanza di strategia e di progettualità

Dettagli

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado CHI SIAMO La SSF Rebaudengo di Torino è un istituzione universitaria affiliata alla Facoltà di Scienze

Dettagli

DARE VALORE ALLE IMPRESE

DARE VALORE ALLE IMPRESE DARE VALORE ALLE IMPRESE Estero, crescita, nuova imprenditoria Accordo Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria indice 2 UN IMPEGNO COMUNE PER LA CRESCITA 3 I PUNTI CHIAVE DEL NUOVO ACCORDO 4

Dettagli

SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO

SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO Amministrazione, finanza e marketing Relazioni internazionali per il marketing Sistemi informativi aziendali LICEO SCIENTIFICO Viale San

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE FORMAT ACCORDO MINISTERO DELLO REGIONE SVILUPPO ECONOMICO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E REGIONE VISTO l articolo

Dettagli

SERVIZI DELLO STUDIO FARO

SERVIZI DELLO STUDIO FARO Accoglienza e ascolto della persona, delle famiglie e dei minori. Consulenza per arginare, gestire, migliorare e risolvere situazioni di crisi nelle relazioni tra coniugi, nelle relazioni genitori - figli.

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di intervento, con particolare riferimento alle

Dettagli

Il territorio e la promozione dei servizi relazionali pubblici e privati. Verso il primo piano regionale per i bambini e gli adolescenti nel Veneto Padova il 18 dicembre Francesco Gallo 1 Premessa Con

Dettagli

Antenna Europe Direct della Regione Lombardia. europedirect@regione.lombardia.it www.europedirect.regione.lombardia.it

Antenna Europe Direct della Regione Lombardia. europedirect@regione.lombardia.it www.europedirect.regione.lombardia.it Antenna Europe Direct della Regione Lombardia europedirect@regione.lombardia.it www.europedirect.regione.lombardia.it La rete Europe Direct Rete ufficiale dei centri di informazione della Commissione europea.

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO

LABORATORI DAL BASSO LABORATORI DAL BASSO La nuova idea di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. PREMESSE E OBIETTIVI DELL'INIZIATIVA Negli ultimi

Dettagli

Executive summary della normativa sulle startup innovative

Executive summary della normativa sulle startup innovative Executive summary della normativa sulle startup innovative Gennaio 2014 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA Rev 0 del 21/10/2011 Firma PREMESSA FORMAPI S.r.l. è l Ente di formazione della Confimi Impresa Abruzzo (Confederazione dell Industria Manifatturiera

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

UFFICIO LEGISLATIVO IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

UFFICIO LEGISLATIVO IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA UFFICIO LEGISLATIVO Schema di decreto legislativo concernente le norme generali relative al secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione ed i livelli essenziali delle prestazioni in materia

Dettagli

SCUOLA il provvedimento in sintesi

SCUOLA il provvedimento in sintesi la buona SCUOLA il provvedimento in sintesi Un offerta formativa più ricca e flessibile per gli studenti. Un piano straordinario di assunzioni per oltre 100.000 insegnanti. risorse stabili per la formazione

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

La Strategia Energetica Nazionale

La Strategia Energetica Nazionale La Strategia Energetica Nazionale La nuova Strategia Energetica Nazionale, diffusa a fini di consultazione pubblica, individua quattro obiettivi principali per il sistema energetico italiano: 1) Ridurre

Dettagli

Team Coaching. Firenze, 6 novembre 2012 Ordine dei Commercialisti e degli Esperti Contabili di Firenze. Lapo Baglini - Stefania Ciani

Team Coaching. Firenze, 6 novembre 2012 Ordine dei Commercialisti e degli Esperti Contabili di Firenze. Lapo Baglini - Stefania Ciani Introduzione al Coaching e alla Comunicazione efficace per migliorare il lavoro in team Firenze, 6 novembre 2012 Ordine dei Commercialisti e degli Esperti Contabili di Firenze Lapo Baglini - Stefania Ciani

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI

Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: verso una didattica innovativa per alunni e docenti Descrizione del bisogno: - Nella classe 1 D sono

Dettagli

I nuovi Istituti Tecnici

I nuovi Istituti Tecnici La riforma del Sistema di Istruzione Secondaria Superiore I nuovi Istituti Tecnici Riorganizzazione ordinamenti scolastici Principali riferimenti normativi: Legge 6 agosto 2008 n. 133 Conversione in legge,

Dettagli

Presentazione Vargiu Francesco & C Sas Sito www.vargiuscuola.it

Presentazione Vargiu Francesco & C Sas Sito www.vargiuscuola.it FONDI STRUTTURALI EUROPEI PON 2014-2020 Presentazione Sito www.vargiuscuola.it BUDGET: 3 miliardi di euro cofinanziati dai Fondi Strutturali Europei e dallo stato italiano BENEFICIARI: 8730 scuole di tutte

Dettagli

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma 3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO 3.1 Dati Generali Titolo Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI Le 6 regioni meridionali (Sicilia,Calabria, Basilicata,

Dettagli

FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020. Segreteria Nazionale CISL Scuola

FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020. Segreteria Nazionale CISL Scuola FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020 1 Legenda FSE = Fondo Sociale Europeo FESR = Fondo Europeo Sviluppo Regionale PAC = Piano Azione di Coesione FEARS = Sviluppo rurale FEAMP = Affari marittimi e pesca

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Competenze Materie Competenze associate C1 C2 SENSIBILIZZAZIONE DEI GRUPPI DI INTERESSE ORGANIZZAZIONE DI CONGRESSI, SEMINARI, MEETING, CONVENTION,

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

Produzione di beni e servizi.

Produzione di beni e servizi. Produzione di beni e servizi. Dalla tua idea alla tua impresa. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo I e Capo II Le norme nazionali e comunitarie hanno

Dettagli

Master in Retail e Store Management Napoli Prima Edizione dal 11 Ottobre 2010

Master in Retail e Store Management Napoli Prima Edizione dal 11 Ottobre 2010 Master in Retail e Store Management Napoli Prima Edizione dal 11 Ottobre 2010 La Formazione continua quale fattore di successo 4 mesi full-time 160 ore di didattica d aula e 500 ore di stage in Azienda

Dettagli

Allegato alla DGR n. del

Allegato alla DGR n. del Accordo ai sensi dell art. 15 della legge n. 241/90 tra il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, la Regione Puglia e l'istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare (ISMEA)

Dettagli

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Il Comune di Bologna promuove l impegno di tutti per la cura e la gestione dei beni

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956)

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956) Allegato B BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956) In risposta all obiettivo dell UE di garantire a tutti i cittadini

Dettagli

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi:

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi: OFFERTA FORMATIVA FINALITÁ EDUCATIVE GENERALI Nel corso dei cinque anni d articolazione dei corsi, l Istituto intende garantire agli studenti una formazione integrata che armonizzi la crescita personale,

Dettagli

Da sempre abbiamo creduto in un sogno, la nascita di una Società Finanziaria attenta ai desideri dei nostri clienti.

Da sempre abbiamo creduto in un sogno, la nascita di una Società Finanziaria attenta ai desideri dei nostri clienti. 13 1 2 Da sempre abbiamo creduto in un sogno, la nascita di una Società Finanziaria attenta ai desideri dei nostri clienti. Credion Società Finanziaria Spa nasce nel 2006 grazie alla grinta e alla determinazione

Dettagli

Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi

Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi Premessa In sede di programmazione degli obiettivi specifici dei sistemi produttivi occorre focalizzarsi sulla creazione di un sistema locale

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Invitalia: mission e obiettivi Invitalia è l Agenzia del Governo che ha l obiettivo di contribuire ad accrescere la competitività

Dettagli

Prot. n. 7110 B/2 San Giovanni in Persiceto, 12/11/2015

Prot. n. 7110 B/2 San Giovanni in Persiceto, 12/11/2015 1 MIUR Ufficio Scolastico Emilia-Romagna -USP Bologna DIREZIONE DIDATTICA STATALE di S. GIOVANNI in PERSICETO Circolo di San Giovanni in Persiceto (BO) Piazza Carducci, 6 BOE14700V C.F. 80073330377- Tel.

Dettagli

"ALVARO - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003

ALVARO - GEBBIONE Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 ISTITUTO COMPRENSIVO " - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 PIANO INTEGRATO PON 2013/14 PROT. N. AOODGAI8439 DEL 02/08/2014 Prot. 2252/18.08.2014 Al personale

Dettagli

Dirigere con successo un impresa del settore edile. Corso executive di alta formazione in gestione aziendale

Dirigere con successo un impresa del settore edile. Corso executive di alta formazione in gestione aziendale Dirigere con successo un impresa del settore edile Corso executive di alta formazione in gestione aziendale ITALSOFT GROUP per la formazione degli imprenditori del settore edile Il settore dell edilizia

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. Pag 1 di 14

CAPITOLATO TECNICO. Pag 1 di 14 GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI MONITORAGGIO, VERIFICA E SUPPORTO TECNICO AI PROGETTI REALIZZATI DALLE SCUOLE AMMESSE AL FINANZIAMENTO NELL AMBITO DELL INIZIATIVA E-INCLUSION.

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

sistemapiemonte Una rete per il piccolo commercio locale sistemapiemonte.it

sistemapiemonte Una rete per il piccolo commercio locale sistemapiemonte.it sistemapiemonte Una rete per il piccolo commercio locale sistemapiemonte.it BACKGROUND La definizione di una metodologia di studio e l analisi di buone pratiche sull utilizzo delle ICT in ambito regionale

Dettagli

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA Conoscere per governare 13 novembre 2013 Sala Polifunzionale Via Santa Maria in Via, 37 R o m a I servizi per la prima infanzia: il punto sulle Intese e il Piano di Azione

Dettagli

Uso efficace dei fondi comunitari per contribuire al rilancio dell economia e del sistema produttivo

Uso efficace dei fondi comunitari per contribuire al rilancio dell economia e del sistema produttivo Uso efficace dei fondi comunitari per contribuire al rilancio dell economia e del sistema produttivo Sabina De Luca Capo Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica Roma, 29 Novembre 2012 1 Fondi

Dettagli

L ARCHITETTO e L EUROPA L opportunità per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva nella Regione Toscana

L ARCHITETTO e L EUROPA L opportunità per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva nella Regione Toscana Sarebbe quindi un modo originale di vivere quello di chi tentasse una buona volta di non comportarsi come un individuo definito in un mondo definito dove, direi non c è che da girare due o tre bottoni

Dettagli

Garantiamo il tuo risparmio. Solarys si pone come scudo tra voi ed i fornitori per permettervi un acquisto energetico strutturato e ben pianificato.

Garantiamo il tuo risparmio. Solarys si pone come scudo tra voi ed i fornitori per permettervi un acquisto energetico strutturato e ben pianificato. Garantiamo il tuo risparmio Solarys si pone come scudo tra voi ed i fornitori per permettervi un acquisto energetico strutturato e ben pianificato. Otteniamo il massimo Dalla natura, per la natura SAF

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE EVANGELISTA TORRICELLI

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE EVANGELISTA TORRICELLI Albo d Istituto Prot. n. 6198/C23 Milano, 13 novembre 2015 Oggetto: atto d indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione del Piano Triennale dell Offerta Formativa ai sensi dell art. 1, comma

Dettagli

Ogni piccolo miglioramento è un grande miglioramento

Ogni piccolo miglioramento è un grande miglioramento Nei rapporti con le persone che ami, nell essere genitore, nella comunicazione, nel lavoro, nel business e nella vendita devi avere comportamenti eccezionali, saperti distinguere e usare una comunicazione

Dettagli

Vendilo S.p.A. Internet, trend in crescita

Vendilo S.p.A. Internet, trend in crescita Vendilo S.p.A La società Vendilo, fondata nel 2006, nasce con l obiettivo di implementare ed offrire soluzioni che aiutino i Privati e le Aziende ad avvicinarsi al mondo di internet e alle vendite online.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Roma, 18 dicembre 2009 Prot. A00DPPR n 1656/U All att.ne dei Dirigenti Scolastici degli istituti secondari di II grado statali e p.c. al al al ai Capo Del Dipartimento per l Istruzione Direttore Generale

Dettagli

Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole

Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole Agricoltura e turismo 1) sono i settori che meglio tengono nella crisi economico-finanziaria di

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 - Fax 0965/673650 COD. MEC. RCIC875006- Cod. Fisc. 92081250802

Dettagli

Consulenza e Formazione 2012

Consulenza e Formazione 2012 Consulenza e Formazione 2012 Settore: Hair Beauty - Wellness One day Seminar LA COMUNICAZIONE VERBALE, PARAVERBALE, NON VERBALE (T/C) Il buon comunicatore è quello che ottiene dalla propria comunicazione

Dettagli

L integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali

L integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali 19 gennaio 2011 L integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali Anni scolastici 2008/2009 e 2009/2010 L Istat diffonde i primi risultati

Dettagli

Linee guida Secondo ciclo di istruzione

Linee guida Secondo ciclo di istruzione Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Grafica e comunicazione Quadro orario generale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Teoria della comunicazione 60 89 Progettazione multimediale 119

Dettagli

Rete nazionale dei servizi per le politiche del lavoro

Rete nazionale dei servizi per le politiche del lavoro Nuovi ruoli Rete nazionale dei servizi per le politiche del lavoro Roberto Camera Funzionario del Ministero del lavoro Con il decreto legislativo n. 150/2015, in vigore dal 24 settembre 2015, vengono poste

Dettagli

Garanzia Giovani La proposta del Ministero del Lavoro Roma, Struttura di Missione Lunedì 30 Settembre 2013

Garanzia Giovani La proposta del Ministero del Lavoro Roma, Struttura di Missione Lunedì 30 Settembre 2013 1 Garanzia Giovani La proposta del Ministero del Lavoro Roma, Struttura di Missione Lunedì 30 Settembre 2013 2 Il percorso seguito 30 luglio 2013, insediamento della Struttura di Missione e presentazione

Dettagli

PROGETTO CLUB DEGLI ESPORTATORI

PROGETTO CLUB DEGLI ESPORTATORI ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO ECONOMICO E LA COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA LOMBARDO Asse 2 Internazionalizzazione misura D PROGETTO CLUB DEGLI ESPORTATORI AVVISO PER LA SELEZIONE DI IMPRESE ANNO 2010

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO Programma Formativo e di Certificazione per lo STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS Management e prevenzione dello Stress CORRELATO per AZIENDE ed Enti Pubblici Obiettivi formativi ed obblighi normativi:

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Elena Donazzan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Elena Donazzan riferisce quanto segue. OGGETTO: Approvazione Avviso pubblico Alternanza Scuola-Lavoro - Itinerari di Conoscenze per la presentazione di progetti sperimentali e di apprendimento. Programma Operativo Regionale - Fondo Sociale

Dettagli

IL PROGETTO ALTRI SCENARI

IL PROGETTO ALTRI SCENARI ALTRI SCENARI IL PROGETTO ALTRI SCENARI Il progetto, finanziato dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali a valere dell art. 26 della legge 845/78 ed eseguito dall Assessorato Lavoro,

Dettagli

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA Il finanziamento degli investimenti degli Enti locali e territoriali: gli strumenti ed il loro utilizzo Alessandro Panaro Milano, 23 gennaio 2015 Le fonti

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

Progetto di gestione per l aula di studio Paolotti

Progetto di gestione per l aula di studio Paolotti Progetto di gestione per l aula di studio Paolotti Premessa Il presente progetto si colloca nel quadro auspicato dalla Legge 2 dicembre 1991, n. 390, in particolare l Art. 12 nei punti d) e g), che indicano

Dettagli