Klausenburger Straße 9 D München VIA GENOVA N. 59/A OLBIA VIA PADRE FILIPPINI 134 ROMA VIA GIUDICE 39 ANGRI (SA)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Klausenburger Straße 9 D-81677 - München VIA GENOVA N. 59/A OLBIA VIA PADRE FILIPPINI 134 ROMA VIA GIUDICE 39 ANGRI (SA)"

Transcript

1 Klausenburger Straße 9 D München VIA GENOVA N. 59/A OLBIA VIA PADRE FILIPPINI 134 ROMA VIA GIUDICE 39 ANGRI (SA) Pag.1 progetto CNR EUROPE 2014

2 Pag.2 progetto CNR EUROPE 2014

3 INDICE: L impresa e i suoi protagonisti 4 Ubicazione Struttura 5 I SOCI Sintesi iniziativa proposta 9 Finanziamenti Europei 10 Dipartimenti CNR Europe 13 ISMEA 15 FIABA ONLUS 18 Formazione 19 Università La sapienza 21 Coaching 24 Risorse Finanziarie 31 Strategie commerciali 32 Obiettivi di reddito 35 Mercato e concorrenza 36 Scenario tecnologico 39 Struttura Sistema 40 La Piattaforma Videostreaming 42 Sorveglianza territoriale 45 Proiezioni economico/finanziarie 47 INVESTIMENTI previsti 48 Pag.3 progetto CNR EUROPE 2014

4 L impresa e i suoi protagonisti La CNR group rappresenta la più avanzata società italiana di ricerca italiana nel campo di applicazioni broadcasting, codec, brevetti nel settore della videotelefonia cellulare. Nasce dall esperienza e dal genio del prof. Roberto Matutini e il supporto di alcuni ricercatori della divisione broadcasting del centro nazionale di ricerche. Il know-how acquisito ha permesso la nascita di questa azienda, il cui proposito è trovare soluzioni innovative alle problematiche legate alla ricetrasmissione dei dati audio-video LIVE, su reti a bassa velocità Dopo una ricerca di quattro anni la CNRgroup ha brevettato un sistema che permette un nuovo modo di concepire la comunicazione a distanza. La CNR EUROPE (di cui CNRgroup è socio) si divide in tre sezioni; la sede Legale e finanziaria a Monaco (Germania); la sede operativa ad Olbia nella quale vengono sviluppate le attività progettuali, di marketing e comunicazione, la sede di Roma, atta allo sviluppo di nuove tecnologie. Pag.4 progetto CNR EUROPE 2014

5 Attualmente la ricerca è condotta da una equipe composta da quattro ingegneri e cinque programmatori e si concentra principalmente su: ricerche nel campo della fisica sperimentale. ricerche nel campo della matematica applicata ai calcoli vettoriali e matriciali per l encoding, lo streaming e gli applet di decodifica. ricerche di nuovi algoritmi di compressione digitale adibiti a trasmissioni su banda analogica telefonica fissa o mobile Gsm/Gprs. creazione di nuovi applet adibiti all utilizzo di streaming su piattaforme Java ME utilizzo della telefonia cellulare per il controllo a distanza di ambienti, su piattaforme Java con immagini live. realizzazione di nuovi streaming di compressione per la codifica di trasmissioni televisive, congressuali o scolastiche da proporre in diretta via internet su bande analogiche o a bassa velocità ma ad alta risoluzione (33K e 56k). realizzazione di nuove tecniche di trasmissione (multicast) su canali a fibra ottica. La sede di Roma si occupa principalmente della rifinitura dei progetti e della loro applicazione pratica; Vertice e management aziendale CNR EUROPE Olbia Pag.5 progetto CNR EUROPE 2014

6 Presidente Dott. Prof. Roberto Matutini Amministratore Delegato Dott. Marcos Mailmann Uffici Finanziari e amministrativi Dott. Massimo De Paoli, Rag. Raffaella Pernasetti, Rag. Paola Meloni Ufficio legale Avv. Francesco Missori. Avv. Nunzia Boccia Dirigenza Ing. P.Paolo Delinna Dipartimento Industria Settore Ambiente e Progetti Ing. Giammaria Meloni Dipartimento Industria Settore Innovazione e Progetti Dott. G.Mario Chessa Dipartimento Industria Settore Energia e Rel. Istituzionali Arch. G.Carlo Cocco Pianificazione e Progetti Dott. Agronomo Alessandro Corona Dipartimento Agricoltura Funzionari Dott.ssa Marianna Pettorru Resp. Area Finanziaria Dott. Gian Luca Roggio Assicurazioni e Brokeraggio Dott. Giacomo Isoni Dipartimento Turismo Dott.ssa Silvia Russu Dipartimento Commercio e Artigianato Dott.ssa Monia Cupellini Dipartimento Coaching e formazione Impiegati Collaboratori Geom. Giovanni Derosas Dip. Agricoltura Per. Imm.re P.Paolo Pinna Dip. Agricoltura Per. Ind.le Marco Lovicu Dip. Industria Per. Ind.le Simone Spano Dip. Industria Rag. Andrea Pira Segreteria e Accettazione Rag. Isabella Cimino Segreteria e Accettazione Sig. Davide Trudu Manutenzione e sicurezza Pag.6 progetto CNR EUROPE 2014

7 I SOCI di CNR Europe GmbH Presidente : Prof. Roberto Matutini (CNRgroup) / dot.sa Paola Meloni Titolare dei brevetti ideatore e organizzatore della struttura rapporti con le istituzioni (50%) Vice presidente onorario: dott. Carine Canonico presidente ISMEA ex generale della GDFinanza (s.q) Amministratore : dott. Marcos Maillman responsabile finanziario sede di Roma e Monaco (10%) Ufficio legale: Avv. Francesco Missori patrocinante in cassazione avv. Nunzia Boccia (civile) (10%) Rapporti Europei a favore dei disabili : Fondazione FIABA presidente Giuseppe Trieste (10%) Agricoltura / ISMEA : Soc. Italy Cibus srl Socità Italiana coltivatori Italiani (5%) dott. Mario Serpillo deputato PD Rapporti Esteri : Società Carthage for agriculture production C.a.p S.a.r. (5%) Dott. Mario Serpillo Rapporti con le Istituzioni locali : Dot.sa Paola Meloni Ufficio di rappresentanza e ricezione (10%) Rag. Raffaella Pernasetti L organizzazione del lavoro (struttura e dimensionamento del personale LOCALE e relativa evoluzione dall anno di avvio a realizzazione dell investimento fino all esercizio di regime) Sede di Olbia 15 dipendenti (13 impiegati e 2 tecnici) + amministratore e al direttore tecnico. CDA Managing Director Presidente 2 Staff Segreteria 1 Amministrazione/Gestione Organizzativa 1 Commerciale Tecnici 2 Tecnici HS SW TLC impianti - 1 Webmaster Pag.7 progetto CNR EUROPE 2014

8 La struttura GENERALE Ubicazione Sarà allestita una struttura base, localizzata in Olbia in Via Genova completa di infrastrutture - fibre ottiche e pannelli solari per l autonomia energetica idonee ad ospitare uffici territoriali; centro di produzione e formazione. La sede legale e l unità produttiva sono ubicate a Monaco; L immobile (opzionato per l acquisto) ospiterà: Pag.8 progetto CNR EUROPE 2014

9 - Direzione e Uffici amministrativi - Uffici dipartimentali Ufficio per il Pubblico CAF - Supporto per l agricoltura e progetti Europei - Laboratorio tecnico - Apparati informatici piattaforma - Aule formazione e addestramento Sintesi dell iniziativa proposta Caratteristiche salienti dell iniziativa imprenditoriale L iniziativa si incentra sulla formazione e supporto dell imprenditoria finalizzata all acquisizione di fondi comunitari Europei adibiti a servizi quali industria, formazione, commercio; energia, spettacolo ecc L innovazione tecnologica principale è l utilizzo di due rivoluzionari brevetti internazionali che determinano l unicità di questo progetto. Specie nel campo della formazione intesa a tutti i livelli e generi dove sono stanziate le maggiori risorse economiche Europee, è fondamentale l utilizzo di questa tecnologia attraverso una piattaforma di trasmissione streaming in grado di ospitare e irradiare a livello mondiale trasmissioni e prodotti LIVE in formato multicasting (trasmissione contemporanea in diversi formati) e multiplexing (simultaneità di diversi flussi trasmessivi), produzione uno a molti indirizzate a PC e telefonia mobile. I servizi sono innumerevoli descritti in seguito. La caratteristica di questa piattaforma, originata dalle performance uniche della tecnologia di compressione ivi implementata e che il prof. Matutini ha concesso in licenza a CNR EUROPE garantisce la possibilità di assicurare una reale convergenza della trasmissione di servizi su pc (anche quelli non connessi in banda larga) e su telefonini (non solo UMTS ma anche quelli di GPRS ). La missione della nuova società CNR EUROPE è quella di offrire a un utenza Locale e internazionale soluzioni complete e immediatamente disponibili e operative su progetti da presentare alla Comunità Europea atte a migliorare la qualità dei servizi nel campo energetico; dello spettacolo; dell industria; nel commercio oltre a fornire supporto sulle strutture di rete oggi esistenti Pag.9 progetto CNR EUROPE 2014

10 I FINANZIAMENTI EUROPEI ALLE IMPRESE Il governo italiano su iniziativa del Ministro per la coesione territoriale ha presentato alla Commissione europea la bozza dell Accordo di partenariato sulla programmazione dei fondi strutturali In base ai principi europei, le politiche di coesione riguardano l intero territorio nazionale, pur con modalità diverse: le regioni del centro nord sono incluse nel gruppo delle regioni europee più sviluppate; Sardegna, Abruzzo e Molise fra le regioni in transizione, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria e Sicilia, fra le regioni meno sviluppate. In base agli stessi principi, alle Regioni è destinato, per il periodo , complessivamente un contributo europeo di circa 30 miliardi di euro, di cui 7 per le regioni più sviluppate, 1 per le regioni in transizione e 20 per le regioni meno sviluppate. A tali cifre vanno aggiunti gli importi del cofinanziamento nazionale (obbligatorio per le politiche di coesione europee), pari agli stanziamenti comunitari. Nel quadro degli interventi per lo sviluppo regionale, le politiche comunitarie si sommano alle politiche nazionali, incardinate sul Fondo Sviluppo e Coesione che ha una allocazione nella legge di stabilità di circa 54 miliardi distribuiti negli anni di attività dei fondi. Nel complesso le politiche di sviluppo e coesione conteranno su circa 100 miliardi di euro. Tali risorse devono svolgere, nel ciclo , un ruolo duplice, ma strettamente integrato: da un lato continuare nell azione di potenziamento e miglioramento dei contesti regionali; dall altro assicurare un sostegno, strutturale e non congiunturale, ai processi di rafforzamento delle imprese, di incremento dell occupazione, di miglioramento del tessuto sociale dopo la grande crisi. A tal fine, la programmazione opera una prima grande scelta innovativa rispetto alle esperienze precedenti di utilizzo dei fondi: quella di specializzare il Fondo Sviluppo e Coesione nel finanziamento delle grandi opere infrastrutturali, in particolare nel campo dei trasporti e dell ambiente. Ciò consente di poter disporre di una tempistica di spesa più adatta a realizzazioni grandi e complesse sotto il profilo amministrativo e tecnico. Inoltre, permette di non vincolarsi alle scadenze che Pag.10 progetto CNR EUROPE 2014

11 riguardano i fondi strutturali di solito difficilmente compatibili con la durata dei processi di realizzazione delle opere infrastrutturali. Così, le politiche nazionali (Fondo Sviluppo e Coesione in corso e previsto per il ) si orienteranno sulla infrastrutture più importanti, oltre che su ambiti nei quali le politiche europee non intervengono; i Fondi Strutturali invece investiranno sulle imprese e sulle aree territoriali, sulle persone e sulle infrastrutture leggere, in coerenza con i regolamenti comunitari. Tab.1 Principali obiettivi del ciclo e confronto con il ciclo variazione percentuale valori percentuali ciclo rispetto al ciclo Ricerca sviluppo tecnologico e innovazione, competitività delle piccole e medie imprese Occupazione 14 +4,1 La valorizzazione dei beni ambientali e culturali oggetto nei cicli precedenti di importanti investimenti di tutela e rifunzionalizzazione - al fine di promuovere impresa e occupazione assume un ruolo estremamente importante nel programma Il programma conferma, altresì, investimenti rilevanti sia per promuovere l inclusione sociale e combattere la povertà, sia nell investimento nella scuola e nella formazione. I programmi urbani saranno costruiti mirando ad una pluralità di ambiti fra loro integrati, fra cui spiccano per importanza le forme di mobilità sostenibile, gli interventi per l efficienza e il risparmio energetico, per l economia digitale e l inclusione sociale. Nell ambito della strategia nazionale sono previsti integrazioni a partire dal rafforzamento di filiere produttive di specializzazione (nel manifatturiero, nell agricoltura, nell agroindustria e nel turismo di qualità) e dalla realizzazione di infrastrutture leggere di connessione e integrazione delle reti. Pag.11 progetto CNR EUROPE 2014

12 La programmazione conterrà altresì, all interno di programmi operativi nazionali, per l intero territorio nazionale e/o per il Mezzogiorno, azioni che richiedono una uniforme capacità attuativa, nell interesse della parità di trattamento e del costo e dell efficacia nella gestione delle misure: tipiche di questi casi sono le azioni contro la dispersione scolastica e per rafforzare le competenze degli studenti. I DIPARTIMENTI DELLA CNR EUROPE Per ottemperare alle varie richieste indicate dalla Comunita Europea la CNR EUROPE sarà suddivisa in Dipartimenti: Industria Agricoltura (ISMEA) Artigianato e Commercio Cultura, Sport e Spettacolo Turismo Formazione e università Supporto per il cittadino Nel Dipartimento Industria, hanno collocazione i settori Energia e Innovazione Tecnologica, le cui attività hanno rilevanza in merito all Ottimizzazione dell Energia Elettrica ed al monitoraggio continuo delle Aziende e/o Enti convenzionati; Il Dipartimento Tecnologia gestirà tutti i progetti relativi all utilizzo dei brevetti; alle tecnologie digitali per servizi di trasmissione su telefoni; simulazione di eventi, metereologici; formativi; universita ON LINE già in essere alla Sapienza di Roma; servizi di sorveglianza ambientale; servizi di sicurezza (banche, enti; ministeri); trasmissioni LIVE su telefonia mobile di servizi o eventi fino a 500 mila persone contemporanee; - Il Dipartimento Artigianato Pag.12 progetto CNR EUROPE 2014

13 Le risorse del Fondo saranno erogate a tali soggetti a condizione che si facciano promotori di forme di collaborazione con istituti di ricerca pubblici, università ed istituzioni scolastiche pubbliche. I finanziamenti riguarderanno programmi triennali che tutti gli attori coinvolti sono tenuti a presentare e selezionati dal Ministero dello Sviluppo Economico (Mi.S.E.) finalizzati a sviluppare i seguenti contenuti: Ricerca e sviluppo di software e hardware; condivisione e utilizzo di documentazione in maniera comunitaria; creazione di comunità on-line e fisiche per la collaborazione e condivisione di conoscenze; accesso alle tecnologie di fabbricazione digitale; creazione di nuove realtà industriali; promozione di modelli di attività di vendita non convenzionali ed innovativi; condivisione di esperienze con il territorio; sostegno per l applicazione delle idee; sostegno delle scuole del territorio attraverso la diffusione del materiale educativo sulla cultura dei makers. Commercio, Cultura, Spettacolo l accesso diretto ai Fondi Comunitari costituisce l essenza principale per il rilancio dell Economia Territoriale. In termini generali l UE offre una serie di fondi: i fondi strutturali, uno dei maggiori strumenti finanziari con cui l Unione persegue la coesione lo sviluppo economico-sociale nelle diverse regioni; i fondi che l Italia gestisce attraverso il Quadro strategico nazionale QSN; i programmi operativi nazionali e regionali (PON, POR e POIN). Senza considerare i programmi curati direttamente dalla Commissione europea: 7 FP Programma quadro della Comunità Europea per l innovazione e lo sviluppo tecnologico; finanziamenti per Internazionalizzazione d impresa e altri programmi specifici. Dipartimento del Turismo e lo Sport Pag.13 progetto CNR EUROPE 2014

14 È stato attivato un fondo da 18 milioni di euro per lo sviluppo e la diffusione della pratica sportiva. Mediate tale misura è possibile accedere a finanziamenti a fondo perduto per realizzare, ristrutturare e mettere a norma impianti sportivi. Dipartimento Agricoltura supporta, sia i nuovi insediamenti in Agricoltura per i giovani imprenditori, sia le Aziende Agricole che hanno bisogno di implementare l attività fondiaria. Formazione e gestione degli imprenditoria giovanile per l acquisizione dei fondi ISMEA SETTORI 1. Cereali e coltivazioni industriali 2. Frutta e ortaggi 3. Fiori e piante 4. Vini 5. Oli e olive mensa 6. Animali e carni 7. Lattiero caseari 8. Prodotti biologici 9. Pesca e acquacoltura ISMEA (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare) L'ISMEA è un ente pubblico economico istituito con l'accorpamento dell'istituto per Studi, Ricerche e Informazioni sul Mercato Agricolo (già ISMEA) e della Cassa per la Formazione della Proprietà Contadina, con decreto legislativo 29 ottobre 1999 n. 419, concernente il "riordinamento del sistema degli enti pubblici nazionali". Nell'ambito delle proprie funzioni istituzionali l'ismea, anche attraverso società controllate, realizza servizi informativi, assicurativi e finanziari e costituisce forme di garanzia creditizia e finanziaria per le imprese agricole e le loro forme associate, al fine di favorire l'informazione e la trasparenza dei mercati, agevolare il rapporto con il sistema bancario e assicurativo, favorire la competitività aziendale e ridurre i rischi inerenti alle attività produttive e di mercato. L'ISMEA affianca le Regioni nelle attività di riordino fondiario, attraverso la formazione e l'ampliamento della proprietà agricola, e favorisce il ricambio generazionale in agricoltura in base ad uno specifico regime di aiuto approvato dalla Commissione europea. Pag.14 progetto CNR EUROPE 2014

15 L ISMEA favorisce in tutto il territorio nazionale il riordino fondiario, l acquisto di fondi agricoli, il ricambio generazionale in agricoltura e l ampliamento della imprese agricole. I soggetti beneficiari che possono presentare domanda sono: A. I coltivatori diretti che non devono aver compiuto 50 anni al momento della presentazione della domanda B. Gli imprenditori agricoli a titolo principale che non hanno superato i 40 anni di età al momento della presentazione della domanda C. I giovani che non hanno compiuto i 40 anni al momento della presentazione della domanda, a condizione che acquisiscano entro 24 mesi dall operazione di acquisto la qualifica di imprenditore agricolo a titolo principale o di coltivatore diretto (L.441/98 art.4) D. Cooperative e piccole cooperative agricole di conduzione iscritte alla Sezione Agricola del Registro Prefettizio. I criteri di accesso per le imprese agricole sono stabiliti in relazione alla redditività, al rispetto dei requisiti minimi in materia di ambiente, igiene e benessere degli animali e alle limitazioni settoriali disposte a livello comunitario e nazionale. In particolare, in relazione al requisito della redditività dell impresa, che deve essere soddisfatto al momento in cui viene effettuato l acquisto, va accertata nel rispetto dei criteri adottati per la sua valutazione, nei PSR o nei POR predisposti dalle Regioni. Sono esclusi gli interventi di acquisto e rivendita dei terreni tra genitori e figli ad eccezione di: Successione, a favore degli eredi che intendono continuare nella conduzione o coltivazione dei terreni Prepensionamento, a favore di coloro che subentrano nella conduzione o coltivazione dei terreni. CNR EUROPE SI OCCUPERA DI AGEVOLARE LO SVILUPPO DEI PROGETTI IMPRENDITORIALI ATTI A RICEVERE I FONDI STANZIATI Pag.15 progetto CNR EUROPE 2014

16 FIABA ONLUS(Fondazione Italiana abbattimento barriere architettoniche) FIABA è presente sul territorio nazionale attraverso una rete di oltre 400 Sottoscrittori di Protocollo d Intesa: Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministeri, Regioni, Province, Comuni, Istituti di cultura, Enti, Associazioni, Università, Ordini professionali. Partner importanti con cui è continuo il dialogo e la collaborazione per impedire il sorgere e la diffusione di nuove barriere culturali e fisiche. In sinergia con FIABA i sottoscrittori si impegnano a stimolare gli organi preposti a rafforzare la vigilanza sul rispetto della normativa vigente in materia di barriere, costituendo uno specifico gruppo di lavoro, con l obiettivo di concretizzare i vari punti di coerenza presenti nelle finalità delle rispettive missioni per la tutela delle pari opportunità. SCOPO DELLA FIABA è di mettere a disposizione i fondi della Comunità Europea a tutte quelle categorie che necessitano di un supporto per le loro problematiche giornaliere di vita. Presenterà inoltre un grande progetto Europeo per UNIFICARE i linguaggi dei sordomuti con una unica lingua base che prescinde dalla nazionalità, attraverso una tecnologia innovativa brevettuale messa a disposizione dal prof. Roberto Matutini Presidente e socio fondatore Giuseppe Trieste, Gr. Uff. OMRI al merito della Repubblica, ha un importante trascorso nello sport con la partecipazione a tre Paralimpiadi: Cofondatore per lo Sport per disabili in Italia, nel 1983 costituisce ANTHAI che tuttora presiede. Nel 2000 fonda FIABA Onlus. Membro dell Osservatorio Nazionale sulla condizione delle persone con disabilità, organismo istituito contestualmente alla ratifica da parte dell Italia della Convenzione ONU sui Diritti delle persone con disabilità, è stato nominato componente della Consulta delle Associazioni dell Osservatorio permanente per l integrazione degli alunni con disabilità del MIUR e del Comitato per la promozione e il sostegno del turismo accessibile del Ministero per gli Affari Regionali, del Turismo e dello sport. Pag.16 progetto CNR EUROPE 2014 PROTOCOLLI D INTESA Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato Generale Ministro per il Rapporti con il Parlamento Ministro per gli Affari Europei Ministro per gli Affari Regionali Ministro per la Pubblica Amministrazione e

17 per la Semplificazione Ministero degli Affari Esteri Ministero dell Interno Ministero della Giustizia Ministero della Difesa Ministero dello Sviluppo Economico Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero della Salute Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Corte dei Conti Conferenza Presidente Regioni e Province Autonome UPI Unione Province d Italia ANCI Associazione Nazionale Comuni Italiani CONFINDUSTRIA Generale CRUI Conferenza dei Rettori delle Università Italiane ABI Associazione Bancaria Italiana LA FORMAZIONE LIVE /ON LINE Il prodotto/servizi broadcast forniti dai brevetti CNREurope La tecnologia per la TV o SERVIZI in diretta su web e telefoni implementata sulla piattaforma CNR EUROPE è una applicazione del sistema di compressione e trasmissione (CODEC) uno a molti, elaborato dal gruppo di ricerca CNRgroup. Comprende l acquisizione del segnale video, il ricalcolo in modo vettoriale, la trasmissione anche su banda stretta (22/30 bpi) e la ricezione (decodifica) su tutti i sistemi esistenti (Mpeg 4, Windows media video, Quicktime, Real player, 3GP). La tecnologia acquisita in licensing, tutelata da brevetto n , è stata ampiamente collaudata e validata. Ipotizziamo più avanti, alcuni esempi di progetti applicativi (con relativa valorizzazione) rilasciati in diversi settori alcuni dei quali GIA OPERATIVI! Pag.17 progetto CNR EUROPE 2014

18 I servizi forniti dai brevetti La convergenza della TV su internet e dei servizi di Streaming sui cellulari sembra essere il business del futuro ma richiede infrastrutture che, di fatto, oggi non esistono, a parte i punti sperimentali di wifi operanti in ristrette aree di alcuni aeroporti. Le infrastrutture e le risorse di trasmissione (nuovi device) saranno disponibili solo a seguito di enormi investimenti tutti ancora da effettuare e comunque non prima dei prossimi 5 anni. Al contrario la tecnologia innovativa a disposizione di CNR EUROPE rende subito disponibile questa convergenza. La piattaforma streaming, concessa in licenza da Roberto Matutini, implementa questa nuova tecnologia e rende disponibile immediatamente un ampio ventaglio di offerte competitive su un mercato tipicamente internazionale. L offerta di servizi streaming (trasmissione su internet di flussi audio-video) esistente oggi presso alcuni provider italiani ed esteri è costosa e poco flessibile. Inoltre le caratteristiche della tecnologia utilizzata finora ne impediscono la corretta fruizione su telefoni cellulare che non siano di ¾ generazione, che non siano in area servita direttamente da linea 3G/4G, e su personal computer che non siano collegati attraverso la banda larga. Inoltre gli i flussi video trasmessi sono generalmente unicast (ossia in un solo formato) per cui richiedono costose duplicazioni e ritrasmissioni sui vari formati necessari per la ricezione via PVC o mobile. Localizzazione in Sardegna E in fase di avanzata realizzazione in Sardegna un infrastruttura a larga banda che si configura come una dorsale in fibra ottica con nodi situati in corrispondenza di tutte le città capoluogo di provincia presso le quali si attesteranno le reti in fibra ottica metropolitane. L infrastruttura di backbone si integrerà con quella già prevista per il collegamento in fibra ottica verso la penisola (collegamento sottomarino Sardegna-Continente), costituito da ben 12 coppie di fibra ottica sul cavo sottomarino della Società Pag.18 progetto CNR EUROPE 2014

19 consortile Janna. CNR EUROPE conta di attivare un proprio server in Housing presso il POP di Olbia. Il progetto di sperimentazione sui servizi digitali assocerà diverse aziende sarde La Videoformazione ON LINE Le facoltà di Scienza della Comunicazione di Roma e Salerno hanno già sperimentato la fruizione a distanza delle lezioni universitarie via video con la tecnologia implementata da CNR EUROPE, agevolando tantissimi studenti. Modalità analoghe possono essere sperimentate per la formazione e aggiornamento nel lavoro, a enti pubblici, banche. Il costo di fruizione per singolo utente è dell ordine di 15 /mese. Calcolando che solo in regione Sardegna sono oltre i dipendenti pubblici impiegati in corsi di formazione e tutti hanno ormai un pc o un telefonino, e che sono circa 4 milioni gli studenti italiani in università pubbliche e private, aggiungendo che il sistema può essere altrettanto facilmente fornito all estero senza costi aggiuntivi, le opportunità sono evidenti. Il servizio fornito a 19 mila studenti porta un introito pari a circa euro/mese con costi minori del 15% e verrà acquisito nel budget CNR EUROPE Vediamo le risorse già operative nella prima università al mondo Pag.19 progetto CNR EUROPE 2014

20 Pag.20 progetto CNR EUROPE 2014

21 LE Università ON LINE (la Sapienza) Nato dalla collaborazione tra La Sapienza di Roma e la CNR Europe Facoltà di scegliere è un progetto il cui scopo è trovare nuove soluzioni ai disagi che si verificano all interno dei dipartimenti. Basato su una tecnologia di streaming assolutamente innovativa, il progetto consiste nel rendere disponibili su internet e sui videotelefoni, in diretta, le lezioni delle Università e centri di Formazione IN GENERE su reti a bassa velocità. Una videocamera ed un microfono cattureranno la lezione che, oltre ad essere trasmessa in diretta agli utenti che per qualsiasi motivo sono impossibilitati ad essere fisicamente presenti, sarà comunque disponibile 24h in un archivio accessibile agli studenti per poterla vedere e rivedere in qualunque momento. Si potrà scegliere dove, come, quando e quante volte seguire una qualunque lezione o evento interno al dipartimento. Alcuni vantaggi relativi all introduzione di questo sistema, che illustriamo come esempio, sono: Riduzione delle presenze in aula e dunque migliore gestione degli spazi. Piano di studi personalizzato; non bisognerà preoccuparsi degli orari accavallati e delle distanze tra una sede e l altra. Possibilità, per i pendolari e i fuori sede, di ridurre le loro trasferte. Possibilità di rivedere la lezione più volte con mezzi digitali, evitando registrazioni su nastro e noiosi sbobinamenti. Possibilità di volgere domande al docente in diretta, tramite un servizio di mailing dedicato. Possibilità di discutere la lezione in diretta con gli altri utenti grazie ad un servizio di chat dedicato. Si potrà scegliere dove, come, quando e quante volte seguire una qualunque lezione o evento interno al dipartimento. E bene precisare che l introduzione di questo sistema non precluderà, a chi lo voglia, la possibilità di seguire le lezioni in maniera tradizionale; permetterà invece di risolvere i problemi causati dall avvento dell università di massa; problemi che hanno posto istituzioni come questa di fronte ad un bivio: Pag.21 progetto CNR EUROPE 2014

22 chiudere il numero di iscrizione o distribuire equamente le scarse risorse disponibili tra un numero inaccettabile di studenti. L una e l altra strada prevedono comunque una riduzione del diritto a ricevere un istruzione adeguata e sebbene la seconda sia preferibile, si tratta comunque di un compromesso. Il progetto Facoltà di scegliere è invece una soluzione. Abbiamo scelto di partire da questo dipartimento perché siamo sicuri che uno strumento così versatile in mano a persone creative ed eclettiche diventerà un potente mezzo per trasmettere qualità e innovazione a tutto il panorama universitario italiano. Calcio serie D: (da utilizzare immediatamente) trasmissione live delle partite di calcio del campionato di serie D su telefonini, PC e satellite. Il modello prevede da parte di ciascuna delle 160 società della seried un canone di circa 1000 mese per consentire a tutti i propri sostenitori di seguire le partite in diretta su PC Telefonino o satellite. Il fatturato generato è di /mese con costi di produzione inferiori al 10%.. Comunicato su Sito Interregionale.com ( ) SOLLECITO PER ATTIVAZIONE CANALE WEB TV Con il presente siamo a sollecitare le Società che ancora non hanno provveduto a prendere contatti con la Società CNRgroup srl, a provvedere nel più breve tempo possibile, onde consentire l attivazione gratuita del canale web. Nel rimandare alla nostra precedente comunicazione, si invitano tutte le Società a provvedere nel più breve tempo possibile, per poter garantire il completamento del progetto Serie D Channel. Confidando nella consueta sensibilità e collaborazione, si coglie l occasione per porgere cordiali saluti. Pag.22 progetto CNR EUROPE 2014 Il Presidente William Punghellini

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Premessa Aiutare i figli a orientarsi alla fine del quinquennio della scuola superiore, o sostenerli nella scelta di

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, l 8 luglio 2015, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli