Agevolazioni per le im prese indust riali, art igianali e dei servizi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Agevolazioni per le im prese indust riali, art igianali e dei servizi"

Transcript

1 Legge 19 dicembre 1992, n. 488 Agevolazioni per le im prese indust riali, art igianali e dei servizi 2**(772 Agevolazioni per le im prese indust riali, art igianali e dei servizi 2%,(77,9, I l sistema agevolativo è applicato, attraverso una procedura a bando, in favore delle im prese che svolgono at t ivit à est rat t ive, m anifat t uriere, di servizi, di costruzioni, di produzione e distribuzione di energia elettrica, di vapore e acqua calda. Esso prevede la concessione di un cont ribut o in cont o im piant i alle imprese che ne abbiano fatto domanda per il relativo bando, nei termini fissati con decret o del Minist ro dell indust ria, del com m ercio e dell art igianat o, a fronte di programmi concernenti investimenti produttivi. %(1(),&,$5, I n generale, i beneficiari della legge sono piccole, medie e grandi imprese, che svolgono attività estrattive, manifatturiere, di costruzioni, di produzione e distribuzione di energia elettrica, di vapore e acqua calda e di servizi, e intendono promuovere programmi di investimento nell ambito di proprie unità produttive localizzate nelle cosiddette Aree depresse. Si applicano peraltro le seguenti lim itazioni: œ I mprese estrattive e manifatturiere: i relativi programmi di investimento possono riguardare solo uno o più dei settori produttivi di cui alle sezioni C - Estrazione di m inerali e D - Attività manifatturiere della Classificazione delle attività economiche I STAT 91. œ I mprese operanti nel settore della produzione e distribuzione di energia elettrica, di vapore ed acqua calda, di cui alle classi e della classificazione delle attività economiche I STAT 91: i relativi programmi di investimento sono ammessi limitatamente agli impianti alimentati da fonti rinnovabili o assim ilate, con potenza non superiore a 50 MW elettrici e con indice energet ico non inferiore a 0,60. œ Set t ore delle cost ruzioni di cui alla sezione F della classificazione delle attività economiche I STAT 91: l am missibilità dei beni strumentali, qualora non vengano utilizzati stabilmente nell ambito di un unica unità produttiva, è condizionata all esclusivo utilizzo degli stessi nell am bito dei cantieri ubicati nelle aree am m issibili di un unica regione. I n accordo con le normative europee, ulteriori limitazioni e divieti per i quali si rimanda alla normativa specifica, riguardano i settori seguenti:

2 œ siderurgia œ cant ierist ica navale œ fibre sint et iche œ industria automobilistica œ industrie alimentari, delle bevande e del tabacco. Sono totalmente escluse dalle agevolazioni le aziende appartenenti alle seguenti classi e categorie: œ Fabbricazioni di oli e grassi anim ali grezzi - la produzione di oli e grassi animali non commestibili; - l estrazione di oli di pesce e di mammiferi marini. œ Fabbricazione di oli e grassi da sem i e da frutti oleosi raffinati - la produzione di oli vegetali raffinati : produzione di olio di semi di soia, di arachidi, m ais, ecc. - la lavorazione degli oli vegetali : soffiatura, cottura, ossidazione, st andolizzazione, disidrat azione, idrogenazione. œ Fabbricazione di grassi anim ali raffinat i œ Produzione di margarina e di grassi commestibili simili - fabbr icazione di m argarina; - fabbricazione di altri succedanei del burro (creme da spalmare); - fabbricazione di grassi da cucina com posti. œ Fabbricazione di prodotti amidacei - fabbricazione di amidi di riso, di patate, di granoturco; - macinatura umida del granoturco; - fabbr icazione di glucosio, sciroppo di glucosio, m alt osio; - fabbricazione di glutine; - fabbricazione di tapioca. œ Fabbricazione di prodotti per l alimentazione di animali domestici œ Produzione di sidro e di altri vini a base di frutta œ Produzione di altre bevande fermentate non distillate - produzione di altre bevande fermentate non distillate, quali ad esempio idrom ele, sakè; œ Fabbricazione di malto I n generale le imprese beneficiarie devono essere iscritte al registro delle imprese (escluse le imprese di nuova costituzione) e trovarsi nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essendo sottoposte a procedure concorsuali né ad amministrazione controllata. Al momento dell avvio del programma devono trovarsi in regime di contabilità ordinaria. 7(55,725,2',$33/,&$=,21( La legge si applica alle cosidette Aree depresse, ovvero alle aree individuate dalla Com missione delle Comunità europee come ammissibili agli interventi dei fondi strutturali, obiettivi 1 e 2, quelle ammesse, ai sensi dell art. 6 del regolamento (CE) n. 1260/ 1999 del Consiglio del 21 giugno 1999, al sostegno transitorio a titolo degli obiettivi 1 e 2 (ivi compresi i territori già obiettivo 5b) e quelle rientranti nella fattispecie di cui all art c del Trattato di Roma, nonché, ferme restando le limitazioni previste dalla normativa comunitaria in materia di aiuti di Stato, la regione Abruzzo.

3 6(7725( I ndustria e servizi $=,21,,1,=,$7,9($00,66,%,/, I l program m a di invest im ent i da agevolare può riguardare la realizzazione di un nuovo im piant o, l am pliam ent o, l am m odernam ent o, la rist rut t urazione, la riconversione, la riattivazione o il trasferimento di im pianti produttivi esistenti. A tal fine si considera: œ I ) am pliam ent o il program m a che, at t raverso un increm ent o dell occupazione, sia volt o ad accrescere la capacit à di produzione dei prodot t i esist ent i o ad aggiungerne alt ra relat iva a prodot t i nuovi ( am pliam ent o orizzont ale) e/ o creare nello st esso st abilim ent o una nuova capacit à produt t iv a a m ont e o a valle dei processi produt t ivi esist ent i (ampliamento verticale); œ I I ) ammodernamento il programma che sia volto ad apportare innovazioni nell im presa con l obiettivo di conseguire un aumento della produttività e/ o un miglioramento delle condizioni ecologiche legate ai processi produttivi; œ I I I ) rist rut t urazione il program m a diret t o alla razionalizzazione dei processi produt t ivi, alla riorganizzazione, al rinnovo, all aggiornam ent o t ecnologico dell im presa; œ I V) riconversione il program m a diret t o a sost it uire i prodot t i esist ent i t ram it e l int roduzione di produzioni appart enent i a com part i m erceologici diversi attraverso la modificazione dei cicli produttivi degli im pianti esistenti; œ V) riattivazione il programma che ha come obiettivo la ripresa dell attività di insediamenti produttivi inattivi; œ VI ) t rasferim ent o il program m a volt o a rispondere alle esigenze di cambiamento della localizzazione degli im pianti determinate da decisioni e/ o da ordinanze emanate dall am ministrazione pubblica centrale e locale anche in riferimento a piani di riassetto produttivo e urbanistico, viario, o a finalità di risanamento e di valorizzazione ambientale debitamente accertata. Ciascuna domanda di agevolazioni deve essere correlata ad un programma di invest im ent i che non può riguardare più di una sola unit à produt t iva e che deve essere organico e funzionale, da solo idoneo, cioè, a conseguire gli obiet t iv i produt t ivi, econom ici ed occupazionali prefissat i dall im presa ed indicat i nella dom anda di agevolazione. 63(6($00,66,%,/, Le spese am m issibili sono quelle relat ive all acquist o, all acquisizione m ediant e locazione finanziaria o alla cost ruzione di im m obilizzazioni nella m isura in cui sono necessarie alle finalit à del program m a di invest im ent i. I n part icolare, sono ammissibili le seguenti categorie di spese: a) proget t azioni ingegnerist iche riguardant i le st rut t ure dei fabbricat i e gli im piant i, sia generali che specifici, direzione dei lavori, st udi di fat t ibilit à tecnico-economico-finanziaria e di valutazione di im patto ambientale, oneri per le concessioni edilizie, collaudi di legge, prest azioni di t erzi per l ot t enim ent o delle cert ificazioni di qualit à e am bient ali secondo st andard e m et odologie int ernazionalm ent e riconosciut i; b) suolo aziendale, sue sist em azioni e indagini geognost iche;

4 c) opere murarie e assimilate; d) infrast rut t ure specifiche aziendali; e) m acchinari, im piant i ed at t rezzat ure varie, nuovi di fabbrica, ivi com presi quelli necessari all'attività am ministrativa dell'impresa, ed esclusi quelli relativi all'at t iv it à di rappresent anza; m ezzi m obili st ret t am ent e necessari al ciclo di produzione purchè dim ensionat i alla effet t iva produzione, a servizio esclusivo dell'im piant o ogget t o delle agevolazioni f) programmi informatici; g) brevetti concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi. Per il periodo , su indicazione della Com m issione europea, le spese vengono giudicat e am m issibili solo ed esclusivam ent e qualora inserit e in programmi di investimento avviati a partire dal giorno successivo a quello di present azione del Modulo di dom anda. L ultimazione del programma deve avvenire non oltre 48 mesi dalla data del relat ivo decret o di concessione provvisoria delle agevolazioni oppure non olt re 24 mesi, nei casi per i quali sia stata richiesta e concessa l erogazione delle agevolazioni in sole due quot e. Ai fini di cui sopra, la dat a di effet t uazione della spesa è quella del relat ivo titolo ancorché quietanzato o pagato successivamente. I pagamenti dei titoli di spesa non possono essere regolat i per cont ant i, pena l esclusione del relat ivo im port o dalle agevolazioni. Per accedere alle agevolazioni le im prese devono dimostrare di essere in grado di apportare capitale proprio in misura non inferiore al 25% degli investimenti am m issibili. Non sono ammissibili i titoli di spesa nei quali l im porto complessivo imponibile dei beni agevolabili sia inferiore ad un milione di lire (516,46 euro). Non sono alt resì am m issibili le spese not arili, quelle relat ive alle scort e, quelle di pura sostituzione, quelle di funzionamento in generale e, comunque, tutte le spese non capitalizzate; sono altresì escluse le spese relative a imposte e tasse, fatta eccezione per gli oneri doganali relat ivi ai beni am m issibili in quant o cost i accessori dei beni stessi e, in quanto tali, capitalizzati. &808/$%,/,7 '(/),1$1=,$0(172 Non è ammessa cumulabilità alcuna per la stessa tipologia di intervento. 7,32/2*,(',),1$1=,$0(172 Contributi a fondo perduto (17,7 '(/),1$1=,$0(172 Le agevolazioni concedibili consistono in un contributo in c/ impianti, nei limiti delle misure massime riportate di seguito, articolate per dimensione dell im presa beneficiaria ( piccola, m edia o grande) ed ubicazione dell unit à produt t iva. Dette misure massime sono espresse in Equivalente Sovvenzione Netto (ESN) o Lordo (ESL). Si tratta di un sistema di calcolo che tiene conto, compensandoli, sia degli eventuali scostamenti temporali tra la realizzazione degli investimenti e l erogazione delle agevolazioni, sia, limitatamente all ESN,

5 dell im posizione fiscale gravant e sulle agevolazioni erogat e. Le percent uali in ESN o in ESL esprimono, quindi, l effettivo beneficio di cui l im presa gode, indipendentemente dalle modalità tem porali di realizzazione degli investimenti e di erogazione delle agevolazioni ed indipendentemente dalle imposte. 0LVXUHPDVVLPH œ Calabria: 50% ESN + 15% ESL per le Piccole e Medie I mprese (PMI ) e 50% ESN per le Grandi I m prese (GI ) œ Campania, Puglia, Basilicata, Sicilia e Sardegna: 35% ESN+ 15% ESL per le PMI e 35% ESN per le GI œ Aree depresse delle regioni Piem ont e, Valle D Aost a, Lom bardia, Trent ino- Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Abruzzo e Molise: 15% ESL per le piccole im prese e 7,5% ESL per le medie. Nelle aree "in deroga" delle stesse regioni, le percentuali sono: 10% ESL + 8% ESN per le PI, 6% ESL + 8% ESN per le MI e 8% per le GI. (17((52*$725( L ente di riferimento per la L.488/ 92 è il Ministero delle Attività Produttive. Gli adempimenti istruttori propedeutici alla concessione delle agevolazioni ed i riscont ri, gli accert am ent i e le verifiche necessari all erogazione delle agevolazioni st esse fino al saldo, nonché la gest ione delle relat ive som m e, sono affidati in concessione a banche o società di servizi controllate da banche, denom inat e banche concessionarie. Le banche concessionarie possono st ipulare sub- convenzioni con alt re banche o societ à di leasing, denom inat i ist it ut i collaborat ori, ferm a rest ando, in capo alla banca concessionaria, la titolarità dell attività istruttoria. 02'$/,7 ',(52*$=,21( La present azione di una dom anda a valere sulla Legge 488/ 92 segue la seguent e procedura: œ Present azione della Dom anda e relat iva docum ent azione alla Banca Concessionaria o, in caso di beni in locazione finanziaria, all I st it ut o Collaborat ore che provvederà ad inolt rarla alla Banca œ Accertamento da parte della Banca della la regolarità e la com pletezza del Modulo di domanda e della documentazione prevista œ La banca concessionaria procede alla ist rut t oria e redige una relazione che viene trasmessa al Ministero œ il Ministero redige le graduatorie di merito (distinte per i cosiddetti grandi proget t i, ovvero con invest im ent i am m issibili superiori a ,95 euro, e diversi dai grandi proget t i, e cioè con invest im ent i uguali o inferiori) sulla base dei seguenti criteri di valutazione: 1) valore del capit ale proprio invest it o nel program m a rispet t o all invest im ent o com plessivo 2) num ero di occupat i at t ivat i dal program m a rispet t o all invest im ent o com plessivo 3) valore dell agevolazione m assim a am m issibile rispet t o a quella richiest a

6 4) punt eggio com plessivo conseguit o dal program m a sulla base di specifiche priorit à regionali 5) punt eggio com plessivo conseguit o dal program m a sulla base di specifiche prest azioni am bient ali La concessione delle agevolazioni avviene sulla base della posizione assunt a dai program m i nelle graduat orie, seguendo l ordine decrescent e, dalla prim a fino all esaurim ent o dei fondi disponibili per ciascuna graduat oria per il bando di riferimento. œ Le agevolazioni concesse per ciascun program m a vengono rese disponibili dal Minist ero in due o t re quot e annuali, a seconda che si preveda di ult im are l invest im ent o ent ro 24 o 48 m esi rispet t ivam ent e. Ai fini delle erogazioni per stato d avanzamento, l'im presa deve avere sostenuto: - nel caso di due erogazioni: alm eno la m et à della spesa approvat a di rispet t iva com pet enza per la prim a erogazione ed il t ot ale della st essa, come eventualmente aggiornato a seguito dell ultimazione del programma, per la seconda; - nel caso di t re erogazioni: alm eno un t erzo della spesa approvat a di rispet t iva com pet enza per la prim a erogazione, alm eno i due t erzi per la seconda ed il totale della stessa, come eventualmente aggiornato a seguito dell ultim azione del programma, per la terza. œ Dopo l ultimazione del programma di investimenti e dopo aver effettuato il pagam ent o delle relat ive spese, l im presa beneficiaria delle agevolazioni e/ o l ist it ut o collaborat ore, ciascuno per le spese dallo st esso sost enut e, t rasm et t e alla banca concessionaria la docum ent azione com provant e l effet t uazione delle spese st esse. œ Una volt a verificat a la docum ent azione finale, la Banca concessionaria t rasm et t e la relazione finale al Minist ero, che provvede a pubblicare il Decret o di concessione definit iva. 352&('85( $FKLSUHVHQWDUHODGRPDQGDGLILQDQ]LDPHQWR La domanda di agevolazioni deve essere necessariamente presentata: œ alla sola banca concessionaria, qualora il program m a d invest im ent i preveda solo spese sostenute direttamente dall im presa richiedente; œ al solo istituto collaboratore, qualora il programma d investimenti preveda, in t ut t o o anche solo in part e, l acquisizione di beni t ram it e locazione finanziaria. &RPHSUHVHQWDUHODGRPDQGDGLILQDQ]LDPHQWR La domanda di finaziamento consiste nella seguente documentazione: œ Modulo di domanda. Deve essere compilato utilizzando esclusivamente il modello originale cartaceo, contenente un numero di progetto preassegnat o œ Due copie della Scheda Tecnica. La Scheda Tecnica deve essere com pilat a, pena l invalidità della domanda, tramite personal computer ed utilizzando esclusivam ent e lo specifico soft ware predispost o dal Minist ero œ Due copie del Business plan. Piano strategico aziendale composto di due

7 parti: una prima, descrittiva, concernente l impresa, il programma, l unità produttiva nell ambito della quale il programma stesso viene realizzato; una seconda parte, analitica e numerica, che, partendo da alcuni dati di base relativi all ultimo bilancio consuntivo, sviluppi i prospetti relativi agli stati patrimoniali, ai conti economici ed ai flussi finanziari, per ciascuno degli esercizi successivi fino a quello a regime. I l business plan può essere lim itato alla prima parte descrittiva: (i) per i programmi, promossi dalle imprese di tutte le categorie esclusi i servizi, inferiori a tre miliardi di lire ( ,70 euro); (ii) per i programmi promossi dalle imprese di servizi inferiori a un miliardo di lire ( ,90 euro); (iii) per i programmi di importo superiore a detti limiti ma finalizzati all adeguamento degli impianti alle norme di legge o che non determinino variazioni significative nei costi e nei ricavi dell impresa. Un indice ragionato degli argomenti che devono essere contenuti nella prima parte del business plan, da adattare alle circostanze ed alle caratteristiche specifiche di ciascun programma, è disponibile nell Allegat o n. 6 della circolare œ N 2 floppy disk contenenti, ciascuno, una copia del file della Scheda Tecnica e, nei casi previsti, del file della parte numerica del business plan, generati attraverso lo specifico software ministeriale œ Cauzione: ricevut a del versam ent o sul c/ corrent e della banca concessionaria o fideiussione bancaria ( non r ilasciabile dalla banca concessionaria alla quale si presenta la domanda) o polizza assicurativa œ Planimetria generale, in adeguata scala, dalla quale risultino la dimensione e configurazione del suolo aziendale, delle superfici copert e, di quelle destinate a viabilità interna, a verde, disponibili, ecc. œ Principali elaborati grafici relativi a ciascun fabbricato del programma, in adeguata scala e debitamente quotati, firmati, a norma di legge, dal progettista e controfirmati dall'imprenditore o dal legale rappresentante dell'im presa o suo procurat ore speciale œ Bilanci, relativi ai due esercizi precedenti la data di presentazione del Modulo di domanda delle agevolazioni, corredati di allegati esplicativi; per le imprese che a tale data non sono tenute alla redazione degli stessi, dichiarazione dei redditi relativa agli stessi due esercizi; qualora l'ultimo bilancio non fosse stato ancora approvato può esserne trasmessa la bozza sottoscritta dai legali rappresentanti dell'impresa e corredata dagli allegati esplicativi delle varie poste; le imprese che non dispongono ancora di tali due bilanci devono allegare alla domanda quello/ i disponibile/ i e la situazione patrimoniale dei soci riferita agli ultimi due anni (per le società di capit ale, i bilanci) œ Certificato di iscrizione al registro delle im prese œ Documentazione necessaria per la richiesta, da parte della banca concessionaria, delle inform azioni ant im afia œ Copia fotostatica dei Moduli di domanda e delle relative Schede Tecniche relativi ad altre iniziative temporalmente sovrapposte a quelle cui si riferisce la documentazione di cui ai punti precedenti œ Dichiarazioni previst e dalla circolare œ Copia dell autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi del D.P.R. n. 203/ 88, solo per gli impianti assoggettati all autorizzazione stessa e con

8 esclusione dei programmi classificati nuovo impianto ; œ Copia dell aut orizzazione agli scarichi idrici qualificat i com e scarichi di acqua reflue industriali ai sensi del Decreto legislativo n. 152/ 99, solo per gli impianti assoggettati all autorizzazione stessa e con esclusione dei programmi classificati nuovo impianto 7HPSLGLSUHVHQWD]LRQHGHOODGRPDQGDGLILQDQ]LDPHQWR Le domande possono essere presentate in qualsiasi momento dall apertura del bando alla sua scadenza. I termini di presentazione delle domande di agevolazioni sono fissati con decreto del Ministro delle Attività Produttive. 0RGXOLVWLFD I l Modulo di dom anda cart aceo, il facsim ile della Scheda Tecnica, le relat ive ist ruzioni ed il soft ware per la com pilazione della Scheda Tecnica st essa e l elaborazione del business plan è disponibile presso gli Uffici cent rali e periferici della Direzione Generale per il Coordinam ent o degli I ncent ivi alle I mprese del Ministero, presso le banche concessionarie, gli istituti collaboratori e presso gli uffici centrali e periferici dell I stituto per la Promozione I ndustriale. I l facsimile del Modulo e della Scheda Tecnica, il software e le relative istruzioni sono disponibili presso il seguent e sit o: ht t p: / / Legge_488-92/ Main_Legge_ ht m 3(58/7(5,25,,1)250$=,21, Ministero Attività Produttive 'LUH]LRQH*HQHUDOHSHULO&RRUGLQDPHQWRGHJOL,QFHQWLYLDOOH,PSUHVH Via Giorgione, 2/ b Roma 'LUHWWRUH*HQHUDOH: Prof. Robert o Pasca di Magliano Tel.: Fax: E- m ail: robert inindust ria.it 6HJUHWHULD: Paola Bragalone Tel.: Fax: E- m ail: segret inindust ria.it Spazio dedicato alla legge 488 sul sito del Ministero ht t p: / / inindust r ia.it/ organigram m a/ dossier.php?id_dossier= 52&sezione = organigramma&tema_dir= tema2 5,)(5,0(17,1250$7,9, œ Legge 19/12/1992 n. 488 GUI n. 299 del 21/12/1992 œ DM n.527/95 GUI n. 292 del 15/12/1995 œ Circolare n /95 GUI n. 303 del 30/12/1995 œ DM n.319/97 GUI n. 221 del 22/09/1997 œ Circolare n /97 GUI n. 291 del 15/12/1997 S.O. 247 œ Circolare n. 9000/00, GUI n. 38 del 16/2/2000 œ Circolare n /00, GUI n. 76 del 31/3/2000 œ DM n. 133/00, GUI n. 120 del 25/05/2000

9 œ DM 24/05/2000 GUI n. 123 del 29/05/2000 œ Circolare n /00 GUI n. 129 del 05/06/2000 œ DM 7/06/00 GUI n. 136 del 13/06/2000. œ DM 3/07/2000 GUI n.163 del 14/07/20007HVWRXQLFR œ DM 20 ottobre 2000, GUI n. 252 del 27/10/00 œ DM 13/11/2000 GUI n. 284 del 5/12/2000 S.O. n. 200 œ DM 21/12/2000 GUI n. 3 del 4/01/2001 œ Circolare 11/11/2002 n G.U.I. n.278 del 27/11/2002 (elenco banche concessionarie) œ DM 7/02/ G.U.R.I. n.42 del 20/02/2003 (EDQGR) ASTER non assum e alcuna responsabilità per quanto riguarda il contenuto della scheda e ricorda che fanno fede unicam ente i testi della legislazione ufficiale pubblicati nelle edizioni cartacee della Gazzetta Ufficiale e/ o Bollettino Ufficiale Regionale

Agevolazione per l acquist o o il leasing di nuove m acchine ut ensili o di produzione

Agevolazione per l acquist o o il leasing di nuove m acchine ut ensili o di produzione Legge 1329/ 65 Sabatini 2**(772 Agevolazione per l acquist o o il leasing di nuove m acchine ut ensili o di produzione %(1(),&,$5, Piccole e m edie im prese appart enent i a St at i m em bri dell Unione

Dettagli

Legge 215 (25 febbraio 1992)

Legge 215 (25 febbraio 1992) Legge 215 (25 febbraio 1992) Soggetti beneficiari: Imprese individuali, cooperative, società di persone e società di capitali aventi: a) dimensione di piccola impresa; b) gestione prevalentemente femminile:

Dettagli

CIRCOLARE N. 900315 DEL 14 LUGLIO 2000

CIRCOLARE N. 900315 DEL 14 LUGLIO 2000 CIRCOLARE N. 900315 DEL 14 LUGLIO 2000 Decreto del Ministro dell Industria, del Commercio e dell Artigianato n. 527 del 20 ottobre 1995 modificato ed integrato dai DD.MM. n. 319 del 31 luglio 1997 e n.

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 62 del 23-4-2009

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 62 del 23-4-2009 7371 REGIONE PUGLIA Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione n. 1 del 19 gennaio 2009 (in attuazione del Regolamento (CE) 800/2008 del 06.08.2008) Titolo II Aiuti agli investimenti iniziali

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

GLOSSARIO. Incentivi alla Ricerca e Sviluppo

GLOSSARIO. Incentivi alla Ricerca e Sviluppo Incentivi alla Ricerca e Sviluppo GLOSSARIO Aggiuntività E un requisito essenziale per i progetti presentati da Grandi Imprese. L aggiuntività esprime l effetto di incentivazione prodotto dall agevolazione

Dettagli

Riattivazione di una struttura alberghiera con la 488 Turismo

Riattivazione di una struttura alberghiera con la 488 Turismo Il caso pratico 51 di Tommaso Castaldo - Responsabile del servizio «legge 488/92» - Creditalia Sviluppo Impresa S.p.A.. - Società specializzata in finanziamenti agevolati (www.creditalia.it) Programmi

Dettagli

Aiuti agli investimenti iniziali per micro e piccole imprese

Aiuti agli investimenti iniziali per micro e piccole imprese Aiuti agli investimenti iniziali per micro e piccole imprese TERMINI DI PRESENTAZIONE La presentazione avviene mediante la procedura a sportello, fino ad esaurimento risorse. BENEFICIARI Microimprese:

Dettagli

AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE MICROIMPRESE E ALLE PICCOLE IMPRESE A G G I O R N A M E N T O S C H E D A D I S I N T E S I

AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE MICROIMPRESE E ALLE PICCOLE IMPRESE A G G I O R N A M E N T O S C H E D A D I S I N T E S I AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE MICROIMPRESE E ALLE PICCOLE IMPRESE A G G I O R N A M E N T O S C H E D A D I S I N T E S I (con Regolamento n. 28 del 30 dicembre 2013) Requisiti soggettivi Microimprese

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Artigianato Pmi e Internazionalizzazione

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Artigianato Pmi e Internazionalizzazione 8689 REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Artigianato Pmi e Internazionalizzazione PO 2007-2013 Asse VI - Linea 6.1 Avviso per l erogazione di Aiuti ai programmi

Dettagli

Titolo. Aiuti alle medie imprese e ai Consorzi di PMI per Programmi Integrati di Agevolazione

Titolo. Aiuti alle medie imprese e ai Consorzi di PMI per Programmi Integrati di Agevolazione REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Ricerca e Competitività Titolo Aiuti alle medie imprese e ai Consorzi di PMI per Programmi Integrati di Agevolazione Settori

Dettagli

Finanziamenti agevolati

Finanziamenti agevolati BENEFICIARI E SETTORI D INTERVENTO Beneficiari 1. microimprese (impresa che occupa meno di 10 persone, realizza un fatturato annuo o un totale di bilancio annuo non superiori a 2 milioni di euro); 2. imprese

Dettagli

Soggetti beneficiari. Possono essere presentate da microimprese e da imprese di piccola dimensione:

Soggetti beneficiari. Possono essere presentate da microimprese e da imprese di piccola dimensione: PO FESR 2007-2013. Asse VI. Linea di Intervento 6.1. Azione 6.1.4 "Aiuti ai programmi di investimento promossi da Micro e Piccole Imprese" TITOLO II sino al 31-12-2013. Finalità Agevolare progetti di investimento

Dettagli

Schema di ricevuta di versamento che la banca concessionaria deve rilasciare a fronte della cauzione di cui al punto 5.

Schema di ricevuta di versamento che la banca concessionaria deve rilasciare a fronte della cauzione di cui al punto 5. Allegato n. 13 Schema di ricevuta di versamento che la banca concessionaria deve rilasciare a fronte della cauzione di cui al punto 5.3 della circolare La sottoscritta banca concessionaria rilascia ricevuta

Dettagli

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi 1 Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi Relatore: Cristiano Vincenzi (cristiano.vincenzi@bancopopolare.it) Responsabile Funzione Finanziamenti Agevolati

Dettagli

Circolare n.234363 del 20/11/1997

Circolare n.234363 del 20/11/1997 Circolare n.234363 del 20/11/1997 Decreto del Ministro dell Industria, del Commercio e dell Artigianato n. 527 del 20 ottobre 1995, modificato ed integrato dal D.M. n. 319 del 31 luglio 1997, concernente

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

INCENTIVI ALLE IMPRESE: IL PANORAMA IN TOSCANA

INCENTIVI ALLE IMPRESE: IL PANORAMA IN TOSCANA Luglio 2004 INCENTIVI ALLE IMPRESE: IL PANORAMA IN TOSCANA Agricoltura Piano di Sviluppo Rurale: Misure 1, 9.5, 9.8, 8.1, 8.2 2 OCM Vitivinicolo.3 Credito d imposta per l Agricoltura...3 Artigianato e

Dettagli

Ministero delle Attività Produttive

Ministero delle Attività Produttive Ministero delle Attività Produttive Direzione Generale per il Coordinamento degli Incentivi alle Imprese CIRCOLARE n. 946323 del 5 agosto 2003 Graduatoria specifica finalizzata al raggiungimento di obiettivi

Dettagli

Articolo 1 (Modifiche all art. 9 del Regolamento Regionale n. 1 del 19 gennaio 2009) PARTE PRIMA

Articolo 1 (Modifiche all art. 9 del Regolamento Regionale n. 1 del 19 gennaio 2009) PARTE PRIMA 8648 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 44 del 28-03-2011 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 24 marzo 2011, n. 4 Ulteriori modifiche al Regolamento Regionale n.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

ALTRE MISURE PER LO SVILUPPO E PER IL SOSTEGNO SOCIALE

ALTRE MISURE PER LO SVILUPPO E PER IL SOSTEGNO SOCIALE ALTRE MISURE PER LO SVILUPPO E PER IL SOSTEGNO SOCIALE - Credito di imposta a favore degli investimenti e dei costi sostenuti in ricerca ed innovazione. La norma prevede la concessione di un credito di

Dettagli

1HZVOHWWHU6,7$' QXP 6HWWHPEUH 6RPPDULR 3UHVHQWD]LRQH. $WWLYLWjSURJHWWLGDWLVHUYL]LHLQL]LDWLYH pag. 3. 6,7$' pag. 4. 6WUDGDULR8QLFR pag.

1HZVOHWWHU6,7$' QXP 6HWWHPEUH 6RPPDULR 3UHVHQWD]LRQH. $WWLYLWjSURJHWWLGDWLVHUYL]LHLQL]LDWLYH pag. 3. 6,7$' pag. 4. 6WUDGDULR8QLFR pag. 1HZVOHWWHU6,7$' 6HWWHPEUH QXP 6RPPDULR 3UHVHQWD]LRQH Cosa è una newsletter pag. 2 Cosa è un groupware pag. 2 $WWLYLWjSURJHWWLGDWLVHUYL]LHLQL]LDWLYH pag. 3 6,7$' pag. 4 6WUDGDULR8QLFR pag. 6 $SSHQGLFH pag.

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 252-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, come sostituito dall articolo 4, comma

Dettagli

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 REGIONE LIGURIA Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE ASSE 1 INNOVAZIONE E COMPETITIVITA

Dettagli

CONTRATTO DI INVESTIMENTO INDUSTRIA, SERVIZI E ARTIGIANATO

CONTRATTO DI INVESTIMENTO INDUSTRIA, SERVIZI E ARTIGIANATO UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA CONTRATTO DI INVESTIMENTO INDUSTRIA, SERVIZI E ARTIGIANATO DIRETTIVE DI ATTUAZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 (Oggetto e Finalità) 1.

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres. L.R. 11/2011, art. 2, c. 96 B.U.R. 25/01/2012, n. 4 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di finanziamenti a condizioni

Dettagli

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 Vers 3/2014 GARANZIA DIRETTA (Banca) Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle PMI mediante la concessione

Dettagli

AVVISO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER DI ALTA FORMAZIONE PER L ACCESSO INDIVIDUALE ALLE OFFERTE FORMATIVE PRESENTI NEL CATALOGO INTERREGIONALE

AVVISO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER DI ALTA FORMAZIONE PER L ACCESSO INDIVIDUALE ALLE OFFERTE FORMATIVE PRESENTI NEL CATALOGO INTERREGIONALE Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale Direzione Generale Servizio Programmazione e Gestione del sistema della Formazione Professionale onale AVVISO PER L EROGAZIONE

Dettagli

RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE

RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE AGEVOLAZIONI ATTIVE INVITALIA Prestito d Onore Regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Molise, Puglia, Campania, Sardegna, Sicilia Microimpresa Regioni: Abruzzo, Basilicata,

Dettagli

Art. 2. Soggetti beneficiari e misura massima consentita delle agevolazioni

Art. 2. Soggetti beneficiari e misura massima consentita delle agevolazioni Decreto ministeriale 20 ottobre 1995, n. 527 - Regolamento recante le modalità e le procedure per la concessione ed erogazione delle agevolazioni in favore delle attività produttive nelle aree depresse

Dettagli

Programmi di investimento per innovazione, miglioramento competitivo e tutela dell ambiente nelle regioni Calabria, Campania, Puglia e Sicilia

Programmi di investimento per innovazione, miglioramento competitivo e tutela dell ambiente nelle regioni Calabria, Campania, Puglia e Sicilia CIRCOLARE A.F. N. 157 del 18 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Programmi di investimento per innovazione, miglioramento competitivo e tutela dell ambiente nelle regioni Calabria, Campania, Puglia

Dettagli

Sussidiarietà orizzontale nelle politiche regionali in materia di parità scolastica. (a cura del prof. Bruno Bordignon)

Sussidiarietà orizzontale nelle politiche regionali in materia di parità scolastica. (a cura del prof. Bruno Bordignon) Sussidiarietà orizzontale nelle politiche regionali in materia di parità scolastica (a cura del prof. Bruno Bordignon) 1 ABRUZZO 1 BASILICATA BOLZANO (Provincia Autonoma di) A livello di normativa sono

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

La legge 598/94. Piano di Investimento per i Settori Costruzioni, Commercio e Servizi

La legge 598/94. Piano di Investimento per i Settori Costruzioni, Commercio e Servizi La legge 598/94 La legge 598/94 è rivolta alle micro, piccole e medie imprese, costituite anche in forma di società cooperativa, comprese le imprese artigiane limitatamente al settore D Manifatturiero,

Dettagli

Circolare N. 91 del 18 Giugno 2015

Circolare N. 91 del 18 Giugno 2015 Circolare N. 91 del 18 Giugno 2015 Smart & Start: finanziamenti veloci per le spese incentivate Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che grazie alla convenzione tra Ministero dello Sviluppo

Dettagli

VISTA la proposta formulata dal GSE in data 10 luglio 2014; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e, in particolare, l articolo 1;

VISTA la proposta formulata dal GSE in data 10 luglio 2014; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e, in particolare, l articolo 1; Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO l articolo 26, comma 2, del decreto-legge n. 91 del 2014, convertito dalla legge 11 agosto 2014, n. 116, (di seguito: decreto-legge n. 91 del 2014) il quale dispone

Dettagli

0RGDOLWj$VVXQWLYH $FFHUWDPHQWLVDQLWDULULFKLHVWL LQHXUR. Πesam e com pleto delle urine in laboratorio. test HIV

0RGDOLWj$VVXQWLYH $FFHUWDPHQWLVDQLWDULULFKLHVWL LQHXUR. Œ esam e com pleto delle urine in laboratorio. test HIV 0RGDOLWj$VVXQWLYH &DSLWDOLGDDVVLFXUDUH $FFHUWDPHQWLVDQLWDULULFKLHVWL LQHXUR Sino a 155.000,00 ¼ Œ Com pilazione del questionario sanit ario Olt re 155.000,00 ¼ Sino a 260.000,00 ¼ Œ Œ Œ visit a del m edico

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

di Cristina Aprile e Roberto Aprile Risorse umane >> Igiene e sicurezza

di Cristina Aprile e Roberto Aprile Risorse umane >> Igiene e sicurezza INCENTIVI INAIL: DAL BANDO AI FINANZIAMENTI CONSIDERAZIONI SU TEMPI E MODALITA' DI EROGAZIONE DEL FINANZIAMENTO di Cristina Aprile e Roberto Aprile Risorse umane >> Igiene e sicurezza PREMESSA Nel corso

Dettagli

Conto Corrente. Offert a POS-sibile SFERA IMPRESA

Conto Corrente. Offert a POS-sibile SFERA IMPRESA Conto Corrente Offert a riservat a ai nuovi client i impresa, con fat t urat o annuo non superiore a 2.500.000, che richiedono cont est ualment e anche l at t ivazione del servizio POS. SEMPREPIU IMPRESA

Dettagli

Ministero delle attività produttive

Ministero delle attività produttive Ministero delle attività produttive CIRCOLARE N. 946130 del 28 aprile 2004 OGGETTO: Misura 2.1.a Pacchetto Integrato di Agevolazioni PIA Innovazione prevista dal Programma Operativo Nazionale Sviluppo

Dettagli

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati.

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati. Regolamento concernente la concessione di finanziamenti a favore delle Amministrazioni comunali del Friuli Venezia Giulia, dei Centri di assistenza tecnica alle imprese commerciali (CAT) autorizzati e

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Legge 662/1996 Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI L intervento pubblico di garanzia sul credito alle piccole e medie imprese LA NORMATIVA IN SINTESI Gestore unico MCC SpA Customer Relations Unit Fondo di

Dettagli

Consigliamo di prendere visione del bando integrale per la presentazione della domanda

Consigliamo di prendere visione del bando integrale per la presentazione della domanda Scheda esplicativa di cui all AVVISO PUBBLICO per la selezione e il finanziamento di nuove iniziative imprenditoriali promosse da Nuovi Giovani Imprenditori SCADENZA: 5 GENNAIO 2015 Consigliamo di prendere

Dettagli

Capitolo 14. Industria

Capitolo 14. Industria Capitolo 14 Industria 14. Industria Questo capitolo raccoglie informazioni sul settore dell industria in senso stretto, escluse cioè le costruzioni per le quali si rinvia all apposito capitolo. Un primo

Dettagli

Fondo per la crescita sostenibile

Fondo per la crescita sostenibile Fondo per la crescita sostenibile Intervento a favore dei Progetti di R&S negli ambiti tecnologici di Horizon 2020 (Decreti del Ministro dello sviluppo economico 20 giugno 2013 e 15 ottobre 2014) Roma,

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO CONTRATTI DI PROGRAMMA

MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO CONTRATTI DI PROGRAMMA Eurocrea Consulting MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO CONTRATTI DI PROGRAMMA Ministero Sviluppo Economico La proposta di contratto di programma per la realizzazione di un programma di investimenti industriali

Dettagli

ALLEGATO A FONDO DI ROTAZIONE

ALLEGATO A FONDO DI ROTAZIONE ALLEGATO A FONDO DI ROTAZIONE Criteri di Assegnazione dei Finanziamenti (Ai sensi della LEGGE REGIONALE N. 33 del 04.11.2002 artt. 101 e 103 e ai sensi del Regolamento (CE) N. 70/2001 della Comunità del

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres.

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. Regolamento concernente criteri e modalità per la concessione di contributi per

Dettagli

Art 1 Finalità del Bando. Art 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Beneficiari. Art. 4 Interventi finanziabili

Art 1 Finalità del Bando. Art 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Beneficiari. Art. 4 Interventi finanziabili Bando per il finanziamento di interventi edilizi da realizzare su strutture a sostegno dei centri di aggregazione giovanile. Art. 24 della legge regionale 22 marzo 2012 n. 5 (Legge per l autonomia dei

Dettagli

CIRCOLARE ESPLICATIVA DELL ASSESSORE DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO- PASTORALE (allegata al DEC. N. 97/GAB DEC A 05 del 20.01.

CIRCOLARE ESPLICATIVA DELL ASSESSORE DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO- PASTORALE (allegata al DEC. N. 97/GAB DEC A 05 del 20.01. L Assessore CIRCOLARE ESPLICATIVA DELL ASSESSORE DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO- PASTORALE (allegata al DEC. N. 97/GAB DEC A 05 del 20.01.2012) Oggetto: Circolare esplicativa relativa alle Direttive di

Dettagli

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 APERTURA DOMANDE SMART ET START ON LINE Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 sono stati definiti gli aspetti rilevanti per l accesso alle agevolazioni ed

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

CONTRATTO DI INVESTIMENTO INDUSTRIA, SERVIZI E ARTIGIANATO

CONTRATTO DI INVESTIMENTO INDUSTRIA, SERVIZI E ARTIGIANATO Unione Europea REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Repubblica Italiana CONTRATTO DI INVESTIMENTO INDUSTRIA, SERVIZI E ARTIGIANATO DIRETTIVE DI ATTUAZIONE (allegato alla Delib.G.R. n. 13/23 del 4 marzo 2008)

Dettagli

Azienda Agricola. Norme e tariffe. Ed. 01.2009. Ad esclusivo uso interno

Azienda Agricola. Norme e tariffe. Ed. 01.2009. Ad esclusivo uso interno Azienda Agricola Norme e tariffe Ad esclusivo uso interno Ed. 01.2009 Indice Norme assuntive pag. 2 Tariffe Incendio pag. 4 Furto pag. 8 Responsabilità civile pag. 9 Tutela Legale pag. 10 1 Norme assuntive

Dettagli

REGIONE SICILIANA Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento regionale degli Interventi Strutturali per l Agricoltura

REGIONE SICILIANA Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento regionale degli Interventi Strutturali per l Agricoltura Allegato A al D.D.G. n /2012 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento regionale degli Interventi Strutturali per l Agricoltura Modalità e procedure

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA. L ASSESSORE delle RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA. L ASSESSORE delle RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI D.A. n. 2740 Dip.Int.Strutt. Servizio III Unità operativa n. 32 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA L ASSESSORE delle RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI VISTO lo Statuto della Regione Siciliana; VISTA la

Dettagli

48(67,21$5,26$1,7$5,2. Cognom e e nom e dell Assicurato Data di nascita Codice fiscale

48(67,21$5,26$1,7$5,2. Cognom e e nom e dell Assicurato Data di nascita Codice fiscale 48(67,21$5,26$1,7$5,2 Cognom e e nom e dell Assicurato Data di nascita Codice fiscale DI CHI ARAZI ONI DELL ASSI CURATO RELATI VE ALLE SUE PRECEDENTI ED ATTUALI CONDIZIONI SANI TARIE 1 STATO DI SALUTE

Dettagli

Come funziona il Fondo di garanzia?

Come funziona il Fondo di garanzia? Con il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese, l Unione europea e lo Stato Italiano affiancano le imprese che hanno difficoltà ad accedere al credito bancario perché non dispongono di sufficienti

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 10 ottobre 2003 Criteri e modalita' di concessione delle agevolazioni previste dagli interventi a valere sul Fondo per le agevolazioni alla ricerca. (F.A.R.).

Dettagli

Aiuti agli investimenti iniziali per piccole e medie imprese

Aiuti agli investimenti iniziali per piccole e medie imprese Aiuti agli investimenti iniziali per piccole e medie imprese TERMINI DI PRESENTAZIONE La presentazione avviene mediante la procedura a sportello, fino ad esaurimento risorse. BENEFICIARI 1. Microimprese

Dettagli

(ora ITALIA TURISMO SpA) DATA PRESENTAZIONE PROGETTO ESECUTIVO 14/11/05 con nota di integrazione del 22/01/06. Contratto di Programma

(ora ITALIA TURISMO SpA) DATA PRESENTAZIONE PROGETTO ESECUTIVO 14/11/05 con nota di integrazione del 22/01/06. Contratto di Programma REGIONE CALABRIA - SICILIA - PUGLIA COD. REGIONI 18-19 - 16 SCHEDA CONTRATTO DI PROGRAMMA MULTIREGIONALE AGGIORNATO AL 31/12/2007 (ora ITALIA TURISMO SPA) COD. RAG i dati sono espressi in Euro DENOMINAZIONE

Dettagli

Lavoro dei disabili: domanda di compensazione territoriale

Lavoro dei disabili: domanda di compensazione territoriale Lavoro dei disabili: domanda di compensazione territoriale di Rossella Quintavalle Consulente del lavoro in Roma in breve Argomento Con nota del 17 novembre 2008, il Ministero del lavoro detta le modalità

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

Il Ministro delle Attività Produttive. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle Attività Produttive. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze Visto il decreto-legge 22 ottobre 1992, n. 415, convertito, con modificazioni, dalla legge 19 dicembre 1992,

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività - Linea di attività 6.2.1.b Programma di aiuti per Nuove Imprese Innovative NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE Giuseppe Serra Sardegna Ricerche Progetto cofinanziato

Dettagli

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Legge 662/1996 Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI L intervento pubblico di garanzia sul credito alle piccole e medie imprese LA NORMATIVA IN SINTESI Gestore unico MCC SpA Customer Relations Unit Edizione

Dettagli

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP luglio 2013 1 1. PREMESSA Il Consorzio UNI.T.I. ha come obiettivo la realizzazione di un programma dell Università degli Studi di Genova per il supporto

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi Edizione 2014 (Micro e Piccole imprese) Domande frequenti

POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi Edizione 2014 (Micro e Piccole imprese) Domande frequenti POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi Edizione 2014 (Micro e Piccole imprese) 1. COME PRESENTARE DOMANDA Domande frequenti 1.1. Come si presenta una domanda?... 6 1.2. E previsto un termine

Dettagli

Le agevolazioni finanziarie

Le agevolazioni finanziarie Regione Marche Assessorato Ar tigianato e Industria Le agevolazioni finanziarie PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Rassegna sintetica degli incentivi finanziari pre v i s t i dalla normativa nazionale e della

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA Regolamento PRESTITO D ONORE (Delibere C.P. 27/04, 4/05 ) ------------------------------- La Provincia Regionale di Enna, IV Settore Programmazione e Sviluppo Economico concede

Dettagli

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 Per chi decide di compilare on line il proprio 730 non ci sono problemi : il fisco mette a disposizione un manuale di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE (Deliberazione della Giunta della Camera di Commercio di Roma n. 59 del 21/04/2008)

Dettagli

Fondo di Rotazione per il Polesine PMI Turistiche

Fondo di Rotazione per il Polesine PMI Turistiche Fondo di Rotazione per il Polesine PMI Turistiche (Ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 LR n. 33/2002 e DGR n. 3083/2003 Aree d'intervento Sono ammissibili gli interventi

Dettagli

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Legge 662/1996 Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI L intervento pubblico di garanzia sul credito alle piccole e medie imprese LA NORMATIVA IN SINTESI Servizio Assistenza alla Clientela MedioCredito Centrale

Dettagli

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali Roma, 7 maggio 2013 Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali E la naturale prosecuzione degli interventi previsti da

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

1.2) Altre nomenclature rilevanti (NACE/CPA/CPC): CPC 71222;83101;61120;74490

1.2) Altre nomenclature rilevanti (NACE/CPA/CPC): CPC 71222;83101;61120;74490 ALLEGATO DETTAGLIO PREINFORMATIVA SERVIZI 2005 1) AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO A LUNGO TERMINE DI AUTOVEICOLI SENZA CONDUCENTE Lotto 1 Berline piccole Lotto 2 Berline medie Lotto 3 Grandi berline

Dettagli

Ministero delle Attività Produttive

Ministero delle Attività Produttive Ministero delle Attività Produttive Alle Imprese interessate Alle Banche concessionarie Agli Istituti collaboratori Alla Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. All ABI All Ass.I.Lea Alla Confindustria Alla Confapi

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento contenente criteri e modalità per la concessione di contributi a favore degli apicoltori, singoli o associati che risiedono sul territorio della Provincia e ivi esercitano l'attività apistica,

Dettagli

LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699)

LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699) Università degli studi di Bologna Facoltà di Agraria-Polo di Cesena Legislazione Vitivinicola Gabriele Testa LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699) Gabriele Testa Crediti formativi: 3 Anno accademico 2011/12

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI MISURA 2.3 POR MOLISE 2000-2006 SOSTEGNO ALLA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NEL CAMPO DEI SERVIZI CULTURALI E AMBIENTALI S.F.I.D.E. Sviluppo, formazione,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE GENERALE

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE GENERALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

Agenda. 1. Obiettivi 2. Metodologia 3. Aree tecnologiche d intervento 4. Azioni 5. Utilizzo delle risorse 6. Valutazione 7.

Agenda. 1. Obiettivi 2. Metodologia 3. Aree tecnologiche d intervento 4. Azioni 5. Utilizzo delle risorse 6. Valutazione 7. Elementi di sintesi del piano Progetto di Innovazione Industriale Efficienza energetica per la competitività e lo sviluppo sostenibile Industria 2015 1 Agenda 1. Obiettivi 2. Metodologia 3. Aree tecnologiche

Dettagli

I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA

I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA CESAR - ASNACODI Assisi, 13 febbraio 2015 Convegno GESTIRE I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA Gestione del rischio in Italia: le nuove prospettive Angelo Frascarelli è docente di Economia e Politica Agraria

Dettagli

FAQ (Risposte alle domande più frequenti) AGGIORNAMENTO AL 16/06/2015

FAQ (Risposte alle domande più frequenti) AGGIORNAMENTO AL 16/06/2015 Modalità di redazione dell elenco anagrafe delle Opere incompiute di cui all art.44-bis del DL 6/12/2011 n.201, convertito con modificazioni dalla legge 22/12/2011 n.214, ed in riferimento al Decreto 13

Dettagli

REPORTISTICA ISCRITTI

REPORTISTICA ISCRITTI Augusta Tartaglione REPORTISTICA ISCRITTI Elaborazione dati periodici forniti da Previnet. Aggiornamento al 30 giugno 2014 Augusta Tartaglione Comunicazione & Promozione comunicazione@fondofonte.it tel.

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 56, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 (legge di stabilità 2014), come modificato dalla legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge di stabilità

Dettagli

L ISMEA I servizi Ismea Il subentro in agricoltura Agevolazioni per l insediamento dei giovani in agricoltura Il fondo di garanzia Informazioni e

L ISMEA I servizi Ismea Il subentro in agricoltura Agevolazioni per l insediamento dei giovani in agricoltura Il fondo di garanzia Informazioni e I Servizi ISMEA per i giovani imprenditori agricoli AGENDA L ISMEA I servizi Ismea Il subentro in agricoltura Agevolazioni per l insediamento dei giovani in agricoltura Il fondo di garanzia Informazioni

Dettagli

MODULO DI ADESIONE AL DISCIPLINARE PER LA GESTIONE OPERATIVA DEGLI PNEUMATICI FUORI USO (PFU) RELATIVO ALL ANNO 2015.

MODULO DI ADESIONE AL DISCIPLINARE PER LA GESTIONE OPERATIVA DEGLI PNEUMATICI FUORI USO (PFU) RELATIVO ALL ANNO 2015. MODULO DI ADESIONE AL DISCIPLINARE PER LA GESTIONE OPERATIVA DEGLI PNEUMATICI FUORI USO (PFU) RELATIVO ALL ANNO 2015 Al Fondo per la gestione degli Pneumatici Fuori Uso (PFU) A: contratti@pec.pneumaticifuoriuso.it

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 1 TRIMESTRE 2015 STARTUP INNOVATIVE Elaborazioni a: 06 Aprile 2015 1 Principali evidenze A fine marzo 2015 il numero di startup innovative

Dettagli

ASSESSORATO DELL INDUSTRIA DIPARTIMENTO REGIONALE INDUSTRIA E MINIERE

ASSESSORATO DELL INDUSTRIA DIPARTIMENTO REGIONALE INDUSTRIA E MINIERE FESR Fondo europeo di sviluppo regionale Investiamo nel vostro futuro Regione Siciliana ASSESSORATO DELL INDUSTRIA DIPARTIMENTO REGIONALE INDUSTRIA E MINIERE Direttive per la concessione e l erogazione

Dettagli