Supply Chain. L assessment della supply-chain delle aziende industriali in Italia. Bruno Carm i n a t i, Federico Borra, G i o rgio Tu rconi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Supply Chain. L assessment della supply-chain delle aziende industriali in Italia. Bruno Carm i n a t i, Federico Borra, G i o rgio Tu rconi"

Transcript

1 S i n t e s i Nel 2005 Festo Consulenza e F o rmazione ha svolto una ricerc a per compre n d e re lo stato evolutivo della gestione della supply-chain nelle aziende industriali in Italia. L analisi dei risultati permette una valutazione della capacità delle i m p rese ad integrare i pro c e s s i legati alla supply-chain. Ne emerg e un quadro che evidenzia una debole propensione all impiego di sistemi di gestione basati sull integrazione delle informazioni lungo tutta la catena logistica, in particol a re si è ancora molto concentrati sui processi interni, risultano poco utilizzate le modalità gestionale che portano a identificare clienti e f o rnitori strategici e le loro informazioni chiave per gestire al meglio i propri processi di business. A l t ro fenomeno che appare è la tendenza ad impiegare tecniche e metodologie molto evolute prima ancora di aver consolidato l utilizzo delle best practice basilari per la gestione efficace ed efficiente della s u p p l y - c h a i n. Bruno Carm i n a t i, Federico Borra, G i o rgio Tu rconi L assessment della supply-chain delle aziende industriali in Italia Origine della ricerc a Negli ultimi anni la competizione dei mercati ha messo in evidenza la necessità di avere delle supply-chain sempre più eff i c a- ci ed eff i c i e n t i. G o v e rn a re l intera catena logistica ed i processi che permettono di re n d e re disponibile un prodotto o un servizio lungo un asse ideale che va dai fornitori dei fornitori ai clienti dei clienti 1 r a p- p resenta una delle sfide strategiche dell attuale era industriale. Per meglio compre n d e re come le aziende si stiano org a n i z z a n d o, Festo Consulenza e Formazione ha lanciato una ricerca sullo stato evolutivo della supply-chain nelle aziende industriali in Italia, con l obiettivo di eff e t t u a re un analisi sull utilizzo delle best practice. A tale scopo è stato messo a punto un questionario basato sullo SCOR Model del Supply Chain Council (riquadro 1), di cui Festo Consulenza e Formazione è membro. L assessment risponde al bisogno di riferimenti che i nostri clienti esprimono nell aff ro n t a re il miglioramento e il re - e n g i n e e r i n g della loro supply-chain; in sostanza nel nostro lavoro quotidiano sentiamo sempre più emerg e re i seguenti interro g a t i v i :

2 quali tecniche e metodi adottare per m i g l i o r a re? stiamo adottando efficacemente le best practice del settore? come siamo posizionati rispetto alla conc o r renza ed ai best-in-class? L a p p roccio adottato nel pre p a r a re la ricerc a è stato caratterizzato da uno studio pre l i m i n a- re e da una successiva fase di verifica sul campo; a questo proposito ringraziamo le aziende che si sono rese disponibili a testare il questionario, aiutandoci a verificare l eff i c a c i a del metodo utilizzato. La ricerca, preceduta a marzo da alcuni workshop organizzati con il Supply-Chain Council, è durata un anno (2005) e ha coinvolto oltre cento aziende italiane. La prevalenza delle aziende analizzate appartiene al comparto manifatturiero (figura 1); per lo scopo dell indagine di trend il campione delle aziende di processo assume una consistenza numerica appena accettabile. Il numero delle aziende di servizio è risultato invece esiguo e non ha permesso un analisi puntuale. L 80% del campione è inserito in un merc a t o business to business, il restante 20% in quello business to consumer. La distribuzione del fatturato (figura 2) mostra un campione equamente distribuito nelle varie fasce. Gli attori intervistati (fiura 3) appartengono soprattutto alle funzioni più coinvolte nella supply-chain (logistica e produzione), ma significativo è il numero di figure dell alta direzione: dimostra come il tema stia sempre più assumendo connotazioni di carattere strategico. Fi g u ra 1 Fi g u ra 2 Fi g u ra 3

3 Il questionario Il questionario è lo strumento con cui valutare l applicazione delle best practice rilevate dall esperienza sul campo e riconosciute dallo SCOR Model (riquadro 1). Il questionario, coerentemente con la struttura dello SCOR, è articolato in sezioni che fanno riferimento ai management process plan, source, make, deliver, oltre alla parte relativa ai dati anagrafici dell impresa. Le domande del questionario sono relative all applicazione delle best practice (vedi definizione in tabella 1) con quattro possibilità di scelta: SI - applicata, NO - non applicata, In programma nei prossimi 12 mesi, Non applicabile al nostro contesto. Definizione di Best Practice Un metodo corrente, strutturato, provato e Le domande sulle best practice, in totale 91, sono distribuite sui quattro livelli del modello di maturità della supply-chain - presentato nel paragrafo successivo. L incidenza delle risposte positive sul totale delle domande - al netto di quelle con risposta non applicabile - rappresenta la percentuale di utilizzo delle best practice per ciascun livello. Il metodo adottato: il modello di maturità della s u p p l y - c h a i n Il grado di applicazione delle best practice - definito attraverso il questionario - determina il livello di maturità della supply-chain, a cui corrisponde il livello di integrazione con gli attori - interni ed esterni - che costituiscono la supply-chain stessa. Il modello evolutivo della supply-chain dell impre s a (figura 4) riconosce quattro livelli di maturità, a cui fanno riferimento diff e renti livelli di integrazione (riquadro 2). ripetibile che produce impatti positivi sui risultati operativi desiderati Metodo - nel senso più largo del termine: processo, pratica, strategia organizzativa, tecnologia abilitante, relazioni di business, modello di business, così come la gestione dell informazione e della conoscenza. Corrente - ne emergente ne antiquata Strutturato - sono chiaramente definiti Obiettivi, Contesto, Processo e Procedura Provato - comprovato successo in ambito operativo Ripetibile - provato in molti contesti Produce impatti positivi sui risultati operativi desiderati - devono essere legati a indicatori di performance: aumento della qualità, velocità, margini,...; o diminuzione delle risorse, costi, perdite... Tabella 1 Fi g u ra 4 Gli studi e le indagini realizzate in campo dimostrano che le aziende appartenenti ai livelli 3 e 4 hanno perf o rm a n c e più elevate di quelle posizionate ai livelli 1 e 2 (figura 5) 2.

4 Transitional Mature Stage 2 Best In Class Stage 2 & Below & A b o v e O n - Time Delivery to Request 74 % % % O n - Time Delivery to Commit 79, 7 % % % Upside Production Flexibility 49.1 days 42 days 9.3 days Total SC Management Cost 12.3% of revenue 9.6%of revenue 2.8% of revenue I diff e renti livelli di maturità sono rappresentati dai profili qualitativi riportati di seguito, a cui corrispondono diversi gradi di integrazione. Fi g u ra 5

5 Supply Chain Operations Reference model (SCOR) R i q u a d ro 1 Il Supply-Chain Operations Reference-model (SCOR) è un modello di riferimento sviluppato e promosso dal Supply-Chain Council quale strumento standard e cross-industry per la diagnostica del supply-chain management. Il modello SCOR è uno strumento gestionale per descrivere tutte le attività che concorrono a soddisfare la domanda del mercato. Attraverso l utilizzo di mattoncini - processi - elementari, il modello può essere usato per rappresentare qualsiasi supply-chain, indipendentemente dal settore industriale, dalla complessità e dalla dimensione. Il modello SCOR, consente di: costruire, tra i vari attori della supply-chain, una visione condivisa sulla creazione di valore all interno e all esterno dell impresa, definire gli obiettivi di business e misurarne coerentemente le prestazioni, attivare benchmark, configurare la supply-chain, analizzare e misurare i processi chiave della supply-chain, riprogettare la supply-chain nel rispetto degli obiettivi di business, avendo come riferimento le best practice che confluiscono dinamicamente nel modello, con il contributo volontario dei membri del Council, promuovere visibilità, fiducia e collaborazione tra gli attori della supply-chain. Il modello SCOR è organizzato attorno a cinque processi primari - process types - PLAN, SOURCE, MAKE, DELIVER e RETURN. P L A N : I processi PLAN assolvono a due importanti funzioni 1. forniscono il meccanismo per bilanciare la domanda con le risorse disponibili 2. svolgono il ruolo di integrazione tra gli altri process elements ed i fornitori/clienti. Iincludono elementi quali: definizione delle priorità, pianificazione dell inventory, della distribuzione, della produzione, degli approvvigionamenti per tutti i prodotti e i canali, configurazione della supply chain, capacità di lungo termine e pianificazione risorse, business planning, manufacturing ramp-up, gestione del ciclo di vita del prodotto, pianificazione delle infrastrutture. S O U R C E : I processi Source includono: approvvigionamento materiali e serv i z i, ottenere, ricevere, ispezionare, mantenere e rilasciare i materiali, certificazione dei fornitori e feedback, qualità di acquisto, costi di ricevimento, gestione contratti, pagamenti ai fornitori, gestione magazzini materie prime, trasporto materie prime, gestione traffico e percorsi, gestione delle regole di interfaccia fornitori, gestione scorte materie prime. M A K E : Documenta i processi che trasformano le materie prime in prodotti finiti. Non tutte le organizzazioni hanno processi make. I processi make non implicano un cambio di posizione, ma un cambio delle caratteristiche del materiale ed includono: richiesta e ricevimento materiali dai processi Source, produzione e test di prodotto, confezionamento, mantenimento e/o rilascio prodotti, progettazione (per la produzione), stabilimenti e attrezzature, stato e qualità della produzione, scheduling/sequencing, capacità a breve,

6 trasporti del WIP, gestione delle regole del manufacturing, gestione delle scorte di WIP. D E L I V E R : I processi Deliver includono: gestione ordini, order- e n t ry e processo dell ordine, offerte, creare e manetenere database di clienti/prezzi/prodotti, gestione dei crediti, fatturazione, gestione magazzino prodotti finiti, configurazione prodotto, immagazzinamento, picking, packaging/labeling, consolidamento ordini, spedizioni, trasporto e installazione prodotti finiti, gestione trasporti e loro costi, schedulazione installazioni, installazione, verica performance, regole di business per canale, della gestione ordini delle consegne, gestione import/export. R E T U R N I processi Return documentano le attività connesse alla gestione dei resi (dai clienti o ai fornitori). Documentano i trasferimenti dei prodotti e non le attività che ne derivano (es. rilavorazioni, ristoccaggi, ecc) e si suddividono in: Return Source: Attività associate al reso verso fornitori, incluso comunicazioni, generazione di documentazione e trasferimento fisico. Return Deliver. Attività associate al reso da clienti, incluso comunicazioni, generazione di documentazione, trasferimento fisico e la dismissione del prodotto. Mediante successioni di questi processi e con un unico gruppo di definizioni, è possibile descrivere logicamente qualsiasi supply-chain, semplice o complessa, indipendentemente dal settore industriale di riferimento. Il modello SCOR descrive processi e non funzioni; si focalizza sulle attività e non su persone, su elementi o unità organizzative. Il modello include tutte le interazioni con il cliente (dall order- e n t ry al pagamento della fattura), tutte le transazioni fisiche sul materiale dai fornitori dei fornitori ai clienti dei clienti, quindi tutte le interazioni con il mercato (dalla comprensione della domanda aggregata al soddisfacimento degli ordini). Non include invece la generazione della domanda (marketing), la ricerca e lo sviluppo prodotto, l amministrazione ed alcuni elementi dei processi di sales e post-vendita. Il modello ha già riscontrato numerose applicazioni 3 nel panorama industriale internazionale, ed è ciclicamente aggiornato 4 sulla base dei ritorni dal campo.

7 R i q u a d ro 2 La valutazione dello stadio evolutivo a cui appartiene 1) Livello funzionale Le Funzioni dell Organizzazione sono focalizzate sul miglioramento dei propri processi interni e dell utilizzo delle proprie risorse. I Manager hanno l attenzione rivolta ai costi ed alle prestazioni delle Funzioni. Le interdipendenze tra Funzioni e/o Divisioni non sono chiaramente comprese, con il risultato di una limitata efficacia della Supply-chain. 2) Livello dell integrazione interna Sono stati definiti i processi in ottica di azienda o di divisione; le funzioni comprendono i loro ruoli nel contesto dei processi della Supply Chain. Sono presenti chiare misure della prestazione complessiva (cross-funzionale) e le singole funzioni rispondono di come contribuiscono alla performance complessiva. I fabbisogni di risorse sono individuati attraverso un analisi dei processi dell intera organizzazione. C è un processo strutturato di bilanciamento di domanda e offerta, che include forecasting, pianificazione della produzione e degli approvvigionamenti. 3) Livello dell integrazione esterna Le pratiche definite al livello 2 sono estese alle aree di interfaccia con clienti e fornitori. L azienda ha identificato clienti e fornitori strategici e le informazioni chiave di cui ha bisogno da loro per gestire al meglio i suoi processi di business. Sono in essere Joint Serv i c e Agreements e scorecard; quando la prestazione discende sotto i livelli previsti vengono intraprese azioni correttive. 4) Livello dell integrazione strategica Clienti e fornitori lavorano per definire una strategia mutuamente benefica e gli obiettivi di prestazione sono monitorati in real-time. L information technology è usata per automatizzare l integrazione dei processi di business attraverso le imprese della filiera, a supporto di una esplicita strategia di Supply-chain management. I risultati La figura 6 evidenzia il livello di maturità generale. L i n t e r p retazione del dato generale mette in evidenza una tendenza delle aziende a posizionarsi su un livello di matur i t àin cui le pratiche utilizzate privilegiano l integrazione i n t e rna ed una visione dell azienda per processi (livello 2). E m e rge chiaramente la criticità di non avere ancora c o n- solidato le modalità gestionali tipiche del livello 1 e questo rende vulnerabile la struttura della supply-c h a i n generando perf o rmance meno stabili nel tempo. Un elemento interessante è la volontà delle aziende ad a d o t t a re modalità gestionali che integrano anche gli attori esterni (fornitori e clienti). La valutazione dei best in class del campione (i migliori dieci) fa emerg e re una distribuzione più razionale delle best practices, che conferma il dato generale verso un posizionamento sul livello 2 ma, in questo caso, con un consolidamento chiaro del livello 1 (figura7). Si noti che tutte le dieci aziende appartengono a gruppi multinazionali (italiani 2, stranieri 8). Fi g u ra 6

8 La ricerca ha permesso di valutare anche il livello di maturità dei singoli processi chiave dello SCOR model. I processi PLAN (figura 8) delle aziende indagate sono posizionati nel nostro modello a cavallo tra il primo e il secondo livello. Si nota come le pratiche gestionali più utilizzate siano ancora focalizzate sulla ottimizzazione funzionale, mentre sono debolmente utilizzate quelle più orientate all integrazione dell intera supply-chain; emerge l interesse di sistemi di pianificazione avanzata (APS) che vedono il 16% del campione intenzionato alla loro implementazione nei prossimi 12 mesi. Le 5 best practices PLAN più utilizzate. Le attività di manutenzione sono concordate con la pianificazione delle produzione 85 % 5 % La progettazione e il sistematico monitoraggio e controllo del livello delle scorte sono uno strumento di gestione aziendale 76 % 6 % Esistono procedure formalizzate di rimozione dello stock obsoleto 67 % 8 % Si utilizza un modulo di pianificazione MPS 69 % 2 % La gestione del MPS (Master Production Schedule) considera i vincoli di capacità e di fornitura a fronte della domanda 62 % 8 % Le 5 best practices PLAN meno utilizzate. Esiste un software di pianificazione avanzata (APS) integrato con il sistema gestionale 30 % 16 % Fi g u ra 7 Il processo di pianificazione ha visibilità sui fornitori per quanto riguarda scorte, piani di produzione e di consegna 35 % 9 % Esiste un rapporto di supply-chain collaboration con i clienti con i quali sono state definite regole integrate di pianificazione, riapprovvigionamento materiali, cambiamento dei piani delle attività 34 % 8 % Esiste un software di pianificazione e gestione delle attività della supply chain (es: I2, Manugistic, SAP-APO) che integra l impresa con gli attori esterni (fornitori, clienti, canali d i s t r i b u t i v i ) 29 % 10 % Fi g u ra 8 I fornitori strategici sono coinvolti nell elaborazione del master plan di progetto (ETO ) 26 % 7 %

9 I processi SOURCE (figura 9) fanno emerg e re un chiaro posiz i o n a m e n t oorientato all integrazione interna. Le funzioni aziendali ritengono i fornitori una risorsa fondamentale, ma p reoccupa il mancato consolidamento di alcune modalità gestionali che possono assicurare le perf o rmance di base del processo di approvvigionamento; rimangono ancora debolmente impiegate le metodologie che portano ad una piena condivisione delle informazioni chiave del pro c e s s o. Le 5 best practices SOURCE meno utilizzate. Il sistema di pianificazione dei materiali prende in conto la disponibilità dei materiali dei fornitori 31 % 7 % Usate sistemi di comunicazione WEB o EDI con i fornitori (trasmissione e stato di avanzamento degli ordini) 26 % 12 % I fornitori consegnano il materiale direttamente nel luogo in cui verrà utilizzato 28 % 3 % Sono in essere pratiche di Vendor Management Inventory con alcuni f o r n i t o r i 19 % 12 % Sono disponibili sistemi di comunicazione WEB o EDI per il tracking della spedizione da parte dei f o r n i t o r i 17 % 7 % Le 5 best practices SOURCE più utilizzate. Fi g u ra 9 I fornitori vengono selezionati incrociando criteri di competitività con i bisogni del vostro business ( a ffidabilità, flessibilità, reattività, i n t e g r a b i l i t à...) 84 % 7 % La gran parte delle aziende coinvolte sta adottando le principali best practices dei processi MAKE (figure 10 ). La Produzione appare la più soggetta a miglioramenti e la più stressata sui risultati. La cultura manageriale e i m p renditoriale che emerge è caratterizzata da una forte volontà a snellire i processi produttivi ed a valorizzare le risorse impiegate. Esiste un programma di certificazione della qualità dei fornitori 85 % 5 % Si formulano contratti quadro basati su relazioni di partnership a medio lungo termine 81 % 6 % Esiste un sistema strutturato di criteri per la valutazione delle performance dei fornitori 75 % 11 % I piani di consegna delle materie prime e/o dei semilavorati sono definiti in collaborazione con i fornitori 85 % 1 % Fi g u ra 10

10 Le 5 best practices MAKE più utilizzate. I dati dinamici di produzione (giacenze, stato di avanzamento degli ordini, ecc.) sono accurati e aggiornati 91 % 4 % nell applicazione delle pratiche orientate all integrazione degli anelli principali della catena logistica. I clienti non sono sempre considerati un risorsa fondamentale per il miglioramento di questi processi; la fotografia che e m e rge fa intravedere delle potenziali debolezze sull efficacia in termini di livello di servizio e di aff i d a b i l i t à della supply-chain. I dati tecnici (anagarfiche, disegni, distinte base o formule, cicli e tempi di produzione, ecc.)sono accurati e aggiornati 89 % 5 % La produzione dispone delle informazioni che le occorrono per operare (piani di produzione, informazioni tecniche) e queste sono adeguatamente standardizzate e strutturate 84 % 10 % Il coinvolgimento del personale di produzione e il training continuo sono una leva strategica di gestione aziendale 81 % 9 % Sono in essere programmi di manutenzione preventiva degli i m p i a n t i 84 % 6 % Le 5 best practices MAKE meno utilizzate. Le 5 best practices DELIVER più utilizzate. Fi g u ra Viene utilizzata la progettazione collaborativa con i clienti 51 % 4 % Sono in essere programmi di manutenzione predittiva degli impianti 40 % 9 % All interno della fabbrica si usa un sistema di tracciatura elettronica dei materiali 35 % 11 % La progettazione utilizza un Product Data Management 34 % 7 % Nel caso di prodotto configurabile si utilizza un configuratore elettronico 26 % 0 % I processi DELIVER (figura11) appaiono i più in ritardo Il riferimento per tutte le esigenza del cliente è chiaro e univoco 80 % 3 % La gestione della disponibilità dei materiali è definita da regole ed è condivisa tra manufacturing e c o m m e r c i a l e 73 % 5 % Usate sistemi di comunicazione WEB o EDI con i clienti o con la rete di distribuzione (inserimento ordini e stato di avanzamento) 60 % 15 % Sono in uso sistemi di identificazione automatica quali bar-code, RFID (radio -frequency identification) per il materiale in uscita 59 % 15 % Il processo di order-entry prevede il controllo dello stato del credito del cliente 69 % 1 %

11 Le 5 best practices DELIVER meno utilizzate. Sono in essere pratiche di Vendor Management Inventory (VMI) con alcuni clienti 28 % 7 % La rete di distribuzione e/o i clienti hanno visibilità sulla disponibilità delle scorte di prodotto 29 % 5 % Sono in essere partnership (joint service agreement) tra gli attori della supply-chain per fornire un servizio integrato all utilizzatore del prodotto (es: nell installazione di software e hardware, il tecnico software è in grado di fornire assistenza s u l l h a r d w a r e ) 25 % 6 % Viene utilizzata la funzionalità di Capable To Promise (CTP) nella definizione della data di consegna promessa al cliente 26 % 5 % E utilizzato un pacchetto di Transportation Management System ( T M S ) 10 % 5 % C o n c l u s i o n i Il quadro che emerge dalla ricerca di Festo Consulenza e Formazione posiziona l industria italiana ancora molto distante da un modello evoluto di supply-chain collaborativa, capace di integrare in modo strutturato tutti gli anelli della catena ed orientato alla generazione del valore lungo tutta la filiera. Le aziende sono ancora troppo focalizzate sul miglioramento dei loro processi interni ed appare ancora debole e poco strutturata la determinazione ad andare o l t re i confini, per impostare relazioni di partnership con tutti gli attori. Siamo invece convinti che la sfida del sistema industriale italiano si giochi soprattutto sul terreno dell innovazione sistematica della supply-chain, perché la complessità che caratterizza l attuale scenario competitivo può essere aff rontata solo attraverso l impiego razionale di tutte le risorse che lo sviluppo gestionale, o rganizzativo e tecnologico continuano a mettere a d i s p o s i z i o n e. Festo Consulenza e Formazione ha voluto con questa ricerca avviare un processo che supporti le imprese ad aff ro n t a re questa sfida. Per questo motivo siamo d e t e rminati a trasform a re la ricerca in un osservatorio, aumentando costantemente la base del campione e fornendo quindi un servizio ad alto valore aggiunto alle i m p rese che vorranno fare del benchmarking uno strumento del miglioramento continuo della propria supp l y - c h a i n. A conclusione della ricerca sono stati effettuati due workshop di restituzione, realizzati a Milano e Padova, durante i quali sono intervenuti in qualità di testimonial anche alcuni responsabili aziendali di Bre m b o, Emerson, Baxi e Whirlpool. La sintesi della ricerca e dei workshop, con le testimonianze aziendali, è disponibile sul sito a. f e s t o. i t 1 Definizione tratta dal Supply-Chain Council 2 Riferimento Supply-Chain Council 3 o l t re 700 aziende, tra cui molte di riferimento, sono associate al Supply-Chain Council 4 le aziende membri del Council cooperano a questa attività attraverso comitati reclutati su base volontaria 7 4

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP Storia ed evoluzione dei sistemi ERP In questo breve estratto della tesi si parlerà dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) utilizzabili per la gestione delle commesse; questi sistemi utilizzano

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA Ottobre 12 Si ringrazia La professione della CSR in Italia Pag. 1 Si ringraziano SAS è presente in Italia dal 1987 ed è la maggiore società indipendente di software e

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

MES & EMI DI WONDERWARE. Real Collaboration. Real-Time Results.

MES & EMI DI WONDERWARE. Real Collaboration. Real-Time Results. MES & EMI DI WONDERWARE Real Collaboration. Real-Time Results. Wonderware ci ha dato la possibilita` di implementare una soluzione per la gestione di produzione e performance estesa a tutti i nostri diversi

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

ADVANCED MES SOLUTIONS

ADVANCED MES SOLUTIONS ADVANCED MES SOLUTIONS PRODUZIONE MATERIALI QUALITA MANUTENZIONE HR IIIIIIIIIaaa Open Data S.r.l. all rights reserved About OPERA OPERA MES è il software proprietario di Open Data. È un prodotto completo,

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT Via Turati 4/3, 16128 Genova Tel. 348/4103643 Fax 010/8932429 ITIL (Information Technology Infrastructure Library) 1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT In un mercato in cui il successo delle aziende è

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Integrazione tra sistemi MES e ERP

Integrazione tra sistemi MES e ERP ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SEDE DI CESENA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Informatiche Integrazione tra sistemi MES e ERP Relazione

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione

La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione Indice dei contenuti Introduzione 3 SAP Business One: le caratteristiche 4 Vantaggi per le aziende 5 Panoramica

Dettagli