Supply Chain. L assessment della supply-chain delle aziende industriali in Italia. Bruno Carm i n a t i, Federico Borra, G i o rgio Tu rconi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Supply Chain. L assessment della supply-chain delle aziende industriali in Italia. Bruno Carm i n a t i, Federico Borra, G i o rgio Tu rconi"

Transcript

1 S i n t e s i Nel 2005 Festo Consulenza e F o rmazione ha svolto una ricerc a per compre n d e re lo stato evolutivo della gestione della supply-chain nelle aziende industriali in Italia. L analisi dei risultati permette una valutazione della capacità delle i m p rese ad integrare i pro c e s s i legati alla supply-chain. Ne emerg e un quadro che evidenzia una debole propensione all impiego di sistemi di gestione basati sull integrazione delle informazioni lungo tutta la catena logistica, in particol a re si è ancora molto concentrati sui processi interni, risultano poco utilizzate le modalità gestionale che portano a identificare clienti e f o rnitori strategici e le loro informazioni chiave per gestire al meglio i propri processi di business. A l t ro fenomeno che appare è la tendenza ad impiegare tecniche e metodologie molto evolute prima ancora di aver consolidato l utilizzo delle best practice basilari per la gestione efficace ed efficiente della s u p p l y - c h a i n. Bruno Carm i n a t i, Federico Borra, G i o rgio Tu rconi L assessment della supply-chain delle aziende industriali in Italia Origine della ricerc a Negli ultimi anni la competizione dei mercati ha messo in evidenza la necessità di avere delle supply-chain sempre più eff i c a- ci ed eff i c i e n t i. G o v e rn a re l intera catena logistica ed i processi che permettono di re n d e re disponibile un prodotto o un servizio lungo un asse ideale che va dai fornitori dei fornitori ai clienti dei clienti 1 r a p- p resenta una delle sfide strategiche dell attuale era industriale. Per meglio compre n d e re come le aziende si stiano org a n i z z a n d o, Festo Consulenza e Formazione ha lanciato una ricerca sullo stato evolutivo della supply-chain nelle aziende industriali in Italia, con l obiettivo di eff e t t u a re un analisi sull utilizzo delle best practice. A tale scopo è stato messo a punto un questionario basato sullo SCOR Model del Supply Chain Council (riquadro 1), di cui Festo Consulenza e Formazione è membro. L assessment risponde al bisogno di riferimenti che i nostri clienti esprimono nell aff ro n t a re il miglioramento e il re - e n g i n e e r i n g della loro supply-chain; in sostanza nel nostro lavoro quotidiano sentiamo sempre più emerg e re i seguenti interro g a t i v i :

2 quali tecniche e metodi adottare per m i g l i o r a re? stiamo adottando efficacemente le best practice del settore? come siamo posizionati rispetto alla conc o r renza ed ai best-in-class? L a p p roccio adottato nel pre p a r a re la ricerc a è stato caratterizzato da uno studio pre l i m i n a- re e da una successiva fase di verifica sul campo; a questo proposito ringraziamo le aziende che si sono rese disponibili a testare il questionario, aiutandoci a verificare l eff i c a c i a del metodo utilizzato. La ricerca, preceduta a marzo da alcuni workshop organizzati con il Supply-Chain Council, è durata un anno (2005) e ha coinvolto oltre cento aziende italiane. La prevalenza delle aziende analizzate appartiene al comparto manifatturiero (figura 1); per lo scopo dell indagine di trend il campione delle aziende di processo assume una consistenza numerica appena accettabile. Il numero delle aziende di servizio è risultato invece esiguo e non ha permesso un analisi puntuale. L 80% del campione è inserito in un merc a t o business to business, il restante 20% in quello business to consumer. La distribuzione del fatturato (figura 2) mostra un campione equamente distribuito nelle varie fasce. Gli attori intervistati (fiura 3) appartengono soprattutto alle funzioni più coinvolte nella supply-chain (logistica e produzione), ma significativo è il numero di figure dell alta direzione: dimostra come il tema stia sempre più assumendo connotazioni di carattere strategico. Fi g u ra 1 Fi g u ra 2 Fi g u ra 3

3 Il questionario Il questionario è lo strumento con cui valutare l applicazione delle best practice rilevate dall esperienza sul campo e riconosciute dallo SCOR Model (riquadro 1). Il questionario, coerentemente con la struttura dello SCOR, è articolato in sezioni che fanno riferimento ai management process plan, source, make, deliver, oltre alla parte relativa ai dati anagrafici dell impresa. Le domande del questionario sono relative all applicazione delle best practice (vedi definizione in tabella 1) con quattro possibilità di scelta: SI - applicata, NO - non applicata, In programma nei prossimi 12 mesi, Non applicabile al nostro contesto. Definizione di Best Practice Un metodo corrente, strutturato, provato e Le domande sulle best practice, in totale 91, sono distribuite sui quattro livelli del modello di maturità della supply-chain - presentato nel paragrafo successivo. L incidenza delle risposte positive sul totale delle domande - al netto di quelle con risposta non applicabile - rappresenta la percentuale di utilizzo delle best practice per ciascun livello. Il metodo adottato: il modello di maturità della s u p p l y - c h a i n Il grado di applicazione delle best practice - definito attraverso il questionario - determina il livello di maturità della supply-chain, a cui corrisponde il livello di integrazione con gli attori - interni ed esterni - che costituiscono la supply-chain stessa. Il modello evolutivo della supply-chain dell impre s a (figura 4) riconosce quattro livelli di maturità, a cui fanno riferimento diff e renti livelli di integrazione (riquadro 2). ripetibile che produce impatti positivi sui risultati operativi desiderati Metodo - nel senso più largo del termine: processo, pratica, strategia organizzativa, tecnologia abilitante, relazioni di business, modello di business, così come la gestione dell informazione e della conoscenza. Corrente - ne emergente ne antiquata Strutturato - sono chiaramente definiti Obiettivi, Contesto, Processo e Procedura Provato - comprovato successo in ambito operativo Ripetibile - provato in molti contesti Produce impatti positivi sui risultati operativi desiderati - devono essere legati a indicatori di performance: aumento della qualità, velocità, margini,...; o diminuzione delle risorse, costi, perdite... Tabella 1 Fi g u ra 4 Gli studi e le indagini realizzate in campo dimostrano che le aziende appartenenti ai livelli 3 e 4 hanno perf o rm a n c e più elevate di quelle posizionate ai livelli 1 e 2 (figura 5) 2.

4 Transitional Mature Stage 2 Best In Class Stage 2 & Below & A b o v e O n - Time Delivery to Request 74 % % % O n - Time Delivery to Commit 79, 7 % % % Upside Production Flexibility 49.1 days 42 days 9.3 days Total SC Management Cost 12.3% of revenue 9.6%of revenue 2.8% of revenue I diff e renti livelli di maturità sono rappresentati dai profili qualitativi riportati di seguito, a cui corrispondono diversi gradi di integrazione. Fi g u ra 5

5 Supply Chain Operations Reference model (SCOR) R i q u a d ro 1 Il Supply-Chain Operations Reference-model (SCOR) è un modello di riferimento sviluppato e promosso dal Supply-Chain Council quale strumento standard e cross-industry per la diagnostica del supply-chain management. Il modello SCOR è uno strumento gestionale per descrivere tutte le attività che concorrono a soddisfare la domanda del mercato. Attraverso l utilizzo di mattoncini - processi - elementari, il modello può essere usato per rappresentare qualsiasi supply-chain, indipendentemente dal settore industriale, dalla complessità e dalla dimensione. Il modello SCOR, consente di: costruire, tra i vari attori della supply-chain, una visione condivisa sulla creazione di valore all interno e all esterno dell impresa, definire gli obiettivi di business e misurarne coerentemente le prestazioni, attivare benchmark, configurare la supply-chain, analizzare e misurare i processi chiave della supply-chain, riprogettare la supply-chain nel rispetto degli obiettivi di business, avendo come riferimento le best practice che confluiscono dinamicamente nel modello, con il contributo volontario dei membri del Council, promuovere visibilità, fiducia e collaborazione tra gli attori della supply-chain. Il modello SCOR è organizzato attorno a cinque processi primari - process types - PLAN, SOURCE, MAKE, DELIVER e RETURN. P L A N : I processi PLAN assolvono a due importanti funzioni 1. forniscono il meccanismo per bilanciare la domanda con le risorse disponibili 2. svolgono il ruolo di integrazione tra gli altri process elements ed i fornitori/clienti. Iincludono elementi quali: definizione delle priorità, pianificazione dell inventory, della distribuzione, della produzione, degli approvvigionamenti per tutti i prodotti e i canali, configurazione della supply chain, capacità di lungo termine e pianificazione risorse, business planning, manufacturing ramp-up, gestione del ciclo di vita del prodotto, pianificazione delle infrastrutture. S O U R C E : I processi Source includono: approvvigionamento materiali e serv i z i, ottenere, ricevere, ispezionare, mantenere e rilasciare i materiali, certificazione dei fornitori e feedback, qualità di acquisto, costi di ricevimento, gestione contratti, pagamenti ai fornitori, gestione magazzini materie prime, trasporto materie prime, gestione traffico e percorsi, gestione delle regole di interfaccia fornitori, gestione scorte materie prime. M A K E : Documenta i processi che trasformano le materie prime in prodotti finiti. Non tutte le organizzazioni hanno processi make. I processi make non implicano un cambio di posizione, ma un cambio delle caratteristiche del materiale ed includono: richiesta e ricevimento materiali dai processi Source, produzione e test di prodotto, confezionamento, mantenimento e/o rilascio prodotti, progettazione (per la produzione), stabilimenti e attrezzature, stato e qualità della produzione, scheduling/sequencing, capacità a breve,

6 trasporti del WIP, gestione delle regole del manufacturing, gestione delle scorte di WIP. D E L I V E R : I processi Deliver includono: gestione ordini, order- e n t ry e processo dell ordine, offerte, creare e manetenere database di clienti/prezzi/prodotti, gestione dei crediti, fatturazione, gestione magazzino prodotti finiti, configurazione prodotto, immagazzinamento, picking, packaging/labeling, consolidamento ordini, spedizioni, trasporto e installazione prodotti finiti, gestione trasporti e loro costi, schedulazione installazioni, installazione, verica performance, regole di business per canale, della gestione ordini delle consegne, gestione import/export. R E T U R N I processi Return documentano le attività connesse alla gestione dei resi (dai clienti o ai fornitori). Documentano i trasferimenti dei prodotti e non le attività che ne derivano (es. rilavorazioni, ristoccaggi, ecc) e si suddividono in: Return Source: Attività associate al reso verso fornitori, incluso comunicazioni, generazione di documentazione e trasferimento fisico. Return Deliver. Attività associate al reso da clienti, incluso comunicazioni, generazione di documentazione, trasferimento fisico e la dismissione del prodotto. Mediante successioni di questi processi e con un unico gruppo di definizioni, è possibile descrivere logicamente qualsiasi supply-chain, semplice o complessa, indipendentemente dal settore industriale di riferimento. Il modello SCOR descrive processi e non funzioni; si focalizza sulle attività e non su persone, su elementi o unità organizzative. Il modello include tutte le interazioni con il cliente (dall order- e n t ry al pagamento della fattura), tutte le transazioni fisiche sul materiale dai fornitori dei fornitori ai clienti dei clienti, quindi tutte le interazioni con il mercato (dalla comprensione della domanda aggregata al soddisfacimento degli ordini). Non include invece la generazione della domanda (marketing), la ricerca e lo sviluppo prodotto, l amministrazione ed alcuni elementi dei processi di sales e post-vendita. Il modello ha già riscontrato numerose applicazioni 3 nel panorama industriale internazionale, ed è ciclicamente aggiornato 4 sulla base dei ritorni dal campo.

7 R i q u a d ro 2 La valutazione dello stadio evolutivo a cui appartiene 1) Livello funzionale Le Funzioni dell Organizzazione sono focalizzate sul miglioramento dei propri processi interni e dell utilizzo delle proprie risorse. I Manager hanno l attenzione rivolta ai costi ed alle prestazioni delle Funzioni. Le interdipendenze tra Funzioni e/o Divisioni non sono chiaramente comprese, con il risultato di una limitata efficacia della Supply-chain. 2) Livello dell integrazione interna Sono stati definiti i processi in ottica di azienda o di divisione; le funzioni comprendono i loro ruoli nel contesto dei processi della Supply Chain. Sono presenti chiare misure della prestazione complessiva (cross-funzionale) e le singole funzioni rispondono di come contribuiscono alla performance complessiva. I fabbisogni di risorse sono individuati attraverso un analisi dei processi dell intera organizzazione. C è un processo strutturato di bilanciamento di domanda e offerta, che include forecasting, pianificazione della produzione e degli approvvigionamenti. 3) Livello dell integrazione esterna Le pratiche definite al livello 2 sono estese alle aree di interfaccia con clienti e fornitori. L azienda ha identificato clienti e fornitori strategici e le informazioni chiave di cui ha bisogno da loro per gestire al meglio i suoi processi di business. Sono in essere Joint Serv i c e Agreements e scorecard; quando la prestazione discende sotto i livelli previsti vengono intraprese azioni correttive. 4) Livello dell integrazione strategica Clienti e fornitori lavorano per definire una strategia mutuamente benefica e gli obiettivi di prestazione sono monitorati in real-time. L information technology è usata per automatizzare l integrazione dei processi di business attraverso le imprese della filiera, a supporto di una esplicita strategia di Supply-chain management. I risultati La figura 6 evidenzia il livello di maturità generale. L i n t e r p retazione del dato generale mette in evidenza una tendenza delle aziende a posizionarsi su un livello di matur i t àin cui le pratiche utilizzate privilegiano l integrazione i n t e rna ed una visione dell azienda per processi (livello 2). E m e rge chiaramente la criticità di non avere ancora c o n- solidato le modalità gestionali tipiche del livello 1 e questo rende vulnerabile la struttura della supply-c h a i n generando perf o rmance meno stabili nel tempo. Un elemento interessante è la volontà delle aziende ad a d o t t a re modalità gestionali che integrano anche gli attori esterni (fornitori e clienti). La valutazione dei best in class del campione (i migliori dieci) fa emerg e re una distribuzione più razionale delle best practices, che conferma il dato generale verso un posizionamento sul livello 2 ma, in questo caso, con un consolidamento chiaro del livello 1 (figura7). Si noti che tutte le dieci aziende appartengono a gruppi multinazionali (italiani 2, stranieri 8). Fi g u ra 6

8 La ricerca ha permesso di valutare anche il livello di maturità dei singoli processi chiave dello SCOR model. I processi PLAN (figura 8) delle aziende indagate sono posizionati nel nostro modello a cavallo tra il primo e il secondo livello. Si nota come le pratiche gestionali più utilizzate siano ancora focalizzate sulla ottimizzazione funzionale, mentre sono debolmente utilizzate quelle più orientate all integrazione dell intera supply-chain; emerge l interesse di sistemi di pianificazione avanzata (APS) che vedono il 16% del campione intenzionato alla loro implementazione nei prossimi 12 mesi. Le 5 best practices PLAN più utilizzate. Le attività di manutenzione sono concordate con la pianificazione delle produzione 85 % 5 % La progettazione e il sistematico monitoraggio e controllo del livello delle scorte sono uno strumento di gestione aziendale 76 % 6 % Esistono procedure formalizzate di rimozione dello stock obsoleto 67 % 8 % Si utilizza un modulo di pianificazione MPS 69 % 2 % La gestione del MPS (Master Production Schedule) considera i vincoli di capacità e di fornitura a fronte della domanda 62 % 8 % Le 5 best practices PLAN meno utilizzate. Esiste un software di pianificazione avanzata (APS) integrato con il sistema gestionale 30 % 16 % Fi g u ra 7 Il processo di pianificazione ha visibilità sui fornitori per quanto riguarda scorte, piani di produzione e di consegna 35 % 9 % Esiste un rapporto di supply-chain collaboration con i clienti con i quali sono state definite regole integrate di pianificazione, riapprovvigionamento materiali, cambiamento dei piani delle attività 34 % 8 % Esiste un software di pianificazione e gestione delle attività della supply chain (es: I2, Manugistic, SAP-APO) che integra l impresa con gli attori esterni (fornitori, clienti, canali d i s t r i b u t i v i ) 29 % 10 % Fi g u ra 8 I fornitori strategici sono coinvolti nell elaborazione del master plan di progetto (ETO ) 26 % 7 %

9 I processi SOURCE (figura 9) fanno emerg e re un chiaro posiz i o n a m e n t oorientato all integrazione interna. Le funzioni aziendali ritengono i fornitori una risorsa fondamentale, ma p reoccupa il mancato consolidamento di alcune modalità gestionali che possono assicurare le perf o rmance di base del processo di approvvigionamento; rimangono ancora debolmente impiegate le metodologie che portano ad una piena condivisione delle informazioni chiave del pro c e s s o. Le 5 best practices SOURCE meno utilizzate. Il sistema di pianificazione dei materiali prende in conto la disponibilità dei materiali dei fornitori 31 % 7 % Usate sistemi di comunicazione WEB o EDI con i fornitori (trasmissione e stato di avanzamento degli ordini) 26 % 12 % I fornitori consegnano il materiale direttamente nel luogo in cui verrà utilizzato 28 % 3 % Sono in essere pratiche di Vendor Management Inventory con alcuni f o r n i t o r i 19 % 12 % Sono disponibili sistemi di comunicazione WEB o EDI per il tracking della spedizione da parte dei f o r n i t o r i 17 % 7 % Le 5 best practices SOURCE più utilizzate. Fi g u ra 9 I fornitori vengono selezionati incrociando criteri di competitività con i bisogni del vostro business ( a ffidabilità, flessibilità, reattività, i n t e g r a b i l i t à...) 84 % 7 % La gran parte delle aziende coinvolte sta adottando le principali best practices dei processi MAKE (figure 10 ). La Produzione appare la più soggetta a miglioramenti e la più stressata sui risultati. La cultura manageriale e i m p renditoriale che emerge è caratterizzata da una forte volontà a snellire i processi produttivi ed a valorizzare le risorse impiegate. Esiste un programma di certificazione della qualità dei fornitori 85 % 5 % Si formulano contratti quadro basati su relazioni di partnership a medio lungo termine 81 % 6 % Esiste un sistema strutturato di criteri per la valutazione delle performance dei fornitori 75 % 11 % I piani di consegna delle materie prime e/o dei semilavorati sono definiti in collaborazione con i fornitori 85 % 1 % Fi g u ra 10

10 Le 5 best practices MAKE più utilizzate. I dati dinamici di produzione (giacenze, stato di avanzamento degli ordini, ecc.) sono accurati e aggiornati 91 % 4 % nell applicazione delle pratiche orientate all integrazione degli anelli principali della catena logistica. I clienti non sono sempre considerati un risorsa fondamentale per il miglioramento di questi processi; la fotografia che e m e rge fa intravedere delle potenziali debolezze sull efficacia in termini di livello di servizio e di aff i d a b i l i t à della supply-chain. I dati tecnici (anagarfiche, disegni, distinte base o formule, cicli e tempi di produzione, ecc.)sono accurati e aggiornati 89 % 5 % La produzione dispone delle informazioni che le occorrono per operare (piani di produzione, informazioni tecniche) e queste sono adeguatamente standardizzate e strutturate 84 % 10 % Il coinvolgimento del personale di produzione e il training continuo sono una leva strategica di gestione aziendale 81 % 9 % Sono in essere programmi di manutenzione preventiva degli i m p i a n t i 84 % 6 % Le 5 best practices MAKE meno utilizzate. Le 5 best practices DELIVER più utilizzate. Fi g u ra Viene utilizzata la progettazione collaborativa con i clienti 51 % 4 % Sono in essere programmi di manutenzione predittiva degli impianti 40 % 9 % All interno della fabbrica si usa un sistema di tracciatura elettronica dei materiali 35 % 11 % La progettazione utilizza un Product Data Management 34 % 7 % Nel caso di prodotto configurabile si utilizza un configuratore elettronico 26 % 0 % I processi DELIVER (figura11) appaiono i più in ritardo Il riferimento per tutte le esigenza del cliente è chiaro e univoco 80 % 3 % La gestione della disponibilità dei materiali è definita da regole ed è condivisa tra manufacturing e c o m m e r c i a l e 73 % 5 % Usate sistemi di comunicazione WEB o EDI con i clienti o con la rete di distribuzione (inserimento ordini e stato di avanzamento) 60 % 15 % Sono in uso sistemi di identificazione automatica quali bar-code, RFID (radio -frequency identification) per il materiale in uscita 59 % 15 % Il processo di order-entry prevede il controllo dello stato del credito del cliente 69 % 1 %

11 Le 5 best practices DELIVER meno utilizzate. Sono in essere pratiche di Vendor Management Inventory (VMI) con alcuni clienti 28 % 7 % La rete di distribuzione e/o i clienti hanno visibilità sulla disponibilità delle scorte di prodotto 29 % 5 % Sono in essere partnership (joint service agreement) tra gli attori della supply-chain per fornire un servizio integrato all utilizzatore del prodotto (es: nell installazione di software e hardware, il tecnico software è in grado di fornire assistenza s u l l h a r d w a r e ) 25 % 6 % Viene utilizzata la funzionalità di Capable To Promise (CTP) nella definizione della data di consegna promessa al cliente 26 % 5 % E utilizzato un pacchetto di Transportation Management System ( T M S ) 10 % 5 % C o n c l u s i o n i Il quadro che emerge dalla ricerca di Festo Consulenza e Formazione posiziona l industria italiana ancora molto distante da un modello evoluto di supply-chain collaborativa, capace di integrare in modo strutturato tutti gli anelli della catena ed orientato alla generazione del valore lungo tutta la filiera. Le aziende sono ancora troppo focalizzate sul miglioramento dei loro processi interni ed appare ancora debole e poco strutturata la determinazione ad andare o l t re i confini, per impostare relazioni di partnership con tutti gli attori. Siamo invece convinti che la sfida del sistema industriale italiano si giochi soprattutto sul terreno dell innovazione sistematica della supply-chain, perché la complessità che caratterizza l attuale scenario competitivo può essere aff rontata solo attraverso l impiego razionale di tutte le risorse che lo sviluppo gestionale, o rganizzativo e tecnologico continuano a mettere a d i s p o s i z i o n e. Festo Consulenza e Formazione ha voluto con questa ricerca avviare un processo che supporti le imprese ad aff ro n t a re questa sfida. Per questo motivo siamo d e t e rminati a trasform a re la ricerca in un osservatorio, aumentando costantemente la base del campione e fornendo quindi un servizio ad alto valore aggiunto alle i m p rese che vorranno fare del benchmarking uno strumento del miglioramento continuo della propria supp l y - c h a i n. A conclusione della ricerca sono stati effettuati due workshop di restituzione, realizzati a Milano e Padova, durante i quali sono intervenuti in qualità di testimonial anche alcuni responsabili aziendali di Bre m b o, Emerson, Baxi e Whirlpool. La sintesi della ricerca e dei workshop, con le testimonianze aziendali, è disponibile sul sito a. f e s t o. i t 1 Definizione tratta dal Supply-Chain Council 2 Riferimento Supply-Chain Council 3 o l t re 700 aziende, tra cui molte di riferimento, sono associate al Supply-Chain Council 4 le aziende membri del Council cooperano a questa attività attraverso comitati reclutati su base volontaria 7 4

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering.

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering. Production Engineering Research WorkGROUP IL MODELLO SCOR Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla Dipartimento di Tecnologia Meccanica, Produzione e Ingegneria Gestionale Università di Palermo Agenda

Dettagli

Il benchmark sulla Supply Chain in Italia

Il benchmark sulla Supply Chain in Italia Il benchmark sulla Supply Chain in Italia Glossario 1 Advanced Planning System (APS) Gli APS sono motori di pianificazione (software) molto potenti che consentono elevate prestazioni al processo di pianificazione

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB

LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 L organizzazione della logistica B.M.S.: Nel caso di specie si

Dettagli

Il modello SCOR: un aiuto per avviare progetti di Supply Chain

Il modello SCOR: un aiuto per avviare progetti di Supply Chain Articolo n. 6 - Ottobre 2013 Il modello SCOR: un aiuto per avviare progetti di Supply Chain GIUSEPPE LOVECCHIO PREMESSA Oggi si parla tanto di Supply Chain, come se fosse l ultima frontiera per rendere

Dettagli

Supply Chain Operations Reference - SCOR

Supply Chain Operations Reference - SCOR easypoli Supply Chain Operations Reference - SCOR Definizioni e schema di funzionamento del modello SCOR e discussione sui fornitori www.easypoli.it facebook.com/easypoli contatti@easypoli.it Supply Chain

Dettagli

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Opportunità per le PMI per ottimizzare la gestione della filiera logistico

Dettagli

Specialisti della Supply Chain

Specialisti della Supply Chain Specialisti della Supply Chain Link Management Srl Via S. Francesco, 32-35010 Limena (PD) Tel. 049 8848336 - Fax 049 8843546 www.linkmanagement.it - info@linkmanagement.it Analisi dei Processi Decisionali

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Informatica, Gestionale e dell Automazione SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK relators: Marcello

Dettagli

Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991

Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991 Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991 Fondata dall'ing. Kirchner nel 1991 Sede principale a Trieste. Filiali a Milano, Bologna, Padova e Udine Fornisce soluzioni per una Supply Chain ad alte

Dettagli

La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione

La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione Tutti i processi in un'unica piattaforma software Il software Quadra di Quadrivium è una soluzione applicativa di Supply Chain

Dettagli

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Sistemi avanzati per la gestione della supply chain: i sistemi advanced planning

Dettagli

Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991

Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991 Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991 Fornisce soluzioni per una Supply Chain ad alte prestazioni e per un'efficace pianificazione della produzione Sede principale a Trieste. Filiali a Milano,

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

Automazione gestionale

Automazione gestionale ERP, MRP, SCM e CRM Automazione gestionale verticale editoria banche assicurazioni orizzontale contabilita (ordini fatture bolle) magazzino logistica (supply chain) Funzioni orizzontali (ERP) ordini vendita

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il programma si propone di fornire alle aziende indicazioni che possano essere di supporto al miglioramento delle prestazioni del loro processo

Dettagli

Benchmark Supply-chain 2005. in collaborazione con

Benchmark Supply-chain 2005. in collaborazione con Benchmark Supply-chain 2005 in collaborazione con 1 Il problema della supply-chain DEVERTICALIZZAZIONE CONCENTRAZIONI GLOBALIZZAZIONE NUOVE TECNOLOGIE IT LOGISTICA EFFICIENTE UN PROBLEMA DI COMPLESSITA

Dettagli

INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo

INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo GLOBAL SCORECARD Uno strumento di autovalutazione, linguaggio e concetti comuni Versione base - Entry Level Introduzione Introduzione La Global Scorecard

Dettagli

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain - VANTAGGI L introduzione della soluzione software COMPASS e la contemporanea realizzazione di cambiamenti di carattere organizzativo

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.2 Gestire

Dettagli

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego. alessandro.perego@polimi.it

La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego. alessandro.perego@polimi.it La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego alessandro.perego@polimi.it Milano, Matching 2009, 23 Novembre 2009 Non-solo-distribuzione La logistica non è solo distribuzione fisica

Dettagli

INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE

INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE OD&M Consulting è una società di consulenza specializzata nella gestione e valorizzazione delle persone e nella progettazione di sistemi

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso consente al partecipante di venire a conoscenza delle opportunità che la gestione del web marketing moderno

Dettagli

Lean Office. 31 maggio 2013 Gianluca Spada (partner OPTA srl)

Lean Office. 31 maggio 2013 Gianluca Spada (partner OPTA srl) Lean Office 31 maggio 2013 Gianluca Spada (partner OPTA srl) 0 La società OPTA: il partner ideale per i tuoi progetti di miglioramento Dal 1996 OPTA affianca le aziende con interventi di consulenza organizzativa,

Dettagli

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean :

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : Consulenza di Direzione Management Consulting Formazione Manageriale HR & Training Esperienza e Innovazione La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : un passo chiave nel percorso

Dettagli

Sistemi Informativi I Lezioni di Sistemi Informativi

Sistemi Informativi I Lezioni di Sistemi Informativi 1 SISTEMI INFORMATIVI DI INTEGRAZIONE (CENNI)...2 1.1 ERP - ENTERPRISE RESOURCE PLANNING...2 1.2 SCM - SUPPLY-CHAIN MANAGEMENT...4 1.3 KW - KNOWLEDGE MANAGEMENT...5 Pagina 1 di 5 1 Sistemi Informativi

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Innovazione in produzione e logistica nell era dell economia digitale

Innovazione in produzione e logistica nell era dell economia digitale Innovazione in produzione e logistica nell era dell economia digitale Andrea Sianesi 17 maggio 2010 L innovazione ICT, una leva strategica per la competitività del sistema Italia I benefici della banda

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

Te Se M. Temi attuali di gestione della manutenzione a confronto. Osservatorio Tecnologie e Servizi per la Manutenzione

Te Se M. Temi attuali di gestione della manutenzione a confronto. Osservatorio Tecnologie e Servizi per la Manutenzione Temi attuali di gestione della manutenzione a confronto Osservatorio Tecnologie e Servizi per la Manutenzione Te Se M COME CAMBIANO I RAPPORTI FRA END-USER E FORNITORI DI SERVIZI SECONDO LA MATURITÀ DI

Dettagli

>>>>>>>>>> >>>>>>>>>> La ragione in magazzino. mobile. connect. control

>>>>>>>>>> >>>>>>>>>> La ragione in magazzino. mobile. connect. control La ragione in magazzino Warehouse è la soluzione dedicata alla gestione delle attività di magazzino che integra in un unica piattaforma informatica le tecnologie per l identificazione Automatica dei Dati:

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare

Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare M. Bettucci R. Secchi V. Veronesi Unit Produzione e Tecnologia Il libro è frutto del lavoro di ricerca svolto con il Gruppo

Dettagli

www.mbm.it MBM Italia S.r.l. - Via L. Pellizzo 14/A - 35128 Padova Tel.+39.049.2138422 - Fax +39.049.2106668 - E-mail marketing@mbm.

www.mbm.it MBM Italia S.r.l. - Via L. Pellizzo 14/A - 35128 Padova Tel.+39.049.2138422 - Fax +39.049.2106668 - E-mail marketing@mbm. 1 APACHE V4 è la soluzione ERP (Enterprise Resource Planning) di MBM Italia per le aziende di produzione. È un software integrato e modulare, che fornisce gli strumenti gestionali alle aree operative di

Dettagli

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN OPERATIONS & SUPPLY CHAIN CORSI BREVI IN GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN EXECUTIVE OPEN PROGRAMS La Divisione Executive Open Programs di MIP disegna ed eroga Programmi a catalogo, ovvero percorsi

Dettagli

LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI

LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI (ERP) Le soluzioni Axioma per l'industria Le soluzioni di Axioma per l'industria rispondono alle esigenze di tutte le aree funzionali dell azienda industriale.

Dettagli

ID e Operations. KPI produttivi e logistici con il supporto della identificazione automatica. Bologna, 15 Maggio 2012

ID e Operations. KPI produttivi e logistici con il supporto della identificazione automatica. Bologna, 15 Maggio 2012 ID e Operations KPI produttivi e logistici con il supporto della identificazione automatica Bologna, 15 Maggio 2012 Dott. Alessandro Pacelli Partner Opta Dott. Gianluca Spada Partner Opta Presentazione

Dettagli

Ridisegno Supply-chain. Esempio di un progetto di Consulenza

Ridisegno Supply-chain. Esempio di un progetto di Consulenza Ridisegno Supply-chain Esempio di un progetto di Consulenza Obiettivo dell intervento 1. Mappare l attuale sistema logistico-produttivo dei tappi mettendo in evidenza le criticità ed i potenziali miglioramenti;

Dettagli

Sellers Ln. Buyers Rd. M e d i c a l L o g i c B u y e r. Logisan

Sellers Ln. Buyers Rd. M e d i c a l L o g i c B u y e r. Logisan Logisan Buyers Rd. Sellers Ln. Non riuscivo a trovare l'auto sportiva dei miei sogni, così l'ho costruita da solo... Ferdinand Porsche Mission Ottimizziamo i processi aziendali che da sempre affliggono

Dettagli

per il settore MECCANICO

per il settore MECCANICO per il settore MECCANICO L industria meccanica italiana ha sempre ricoperto una posizione strategica nell economia del paese. Questo settore sta affrontando sfide importanti, come il continuo incremento

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Indagine sulla Logistica delle Industrie Novaresi

Indagine sulla Logistica delle Industrie Novaresi Indagine sulla Logistica delle Industrie Novaresi I. Colella Garofalo, G. Rossitti, C. Sirotti, M. Tadini Osservatorio per la Logistica Novarese Novara, 31 Marzo 2008 ACHIEVEGLOBAL (ITALIA) via Rombon,11-20134

Dettagli

Requisiti di riferimento per il successo

Requisiti di riferimento per il successo Requisiti di riferimento per il successo In questa seconda parte della nostra newsletter in cui si parla del recente report di Aberdeen sui fattori chiave di successo per la logistica di magazzino, si

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

software gestione imprese settore AEROSPAZIALE

software gestione imprese settore AEROSPAZIALE software gestione imprese settore AEROSPAZIALE L industria aerospaziale italiana ricopre un ruolo di grande rilevanza non solo per le economie territoriali ma anche per il prestigio nazionale e internazionale

Dettagli

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI Edizione fuori commercio - Vietata la riproduzione anche parziale www.adaci adaci.itit A JOB RIGHT NOW! Anno accademico 2008-2009 2009 LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

Dettagli

sommario l approccio nebri-tech l innovazione

sommario l approccio nebri-tech l innovazione RFID SYSTEMS sommario 4 OUR company 6 8 l approccio nebri-tech 10 12 14 RFID: cos è LA TRACCIABiLITà L ANTICONTRAFFAZIONE SETTORI DI APPLICAZIONE 16 PRODOTTI e servizi 18 l innovazione 4 5 OUR COMPANY

Dettagli

www.mbm.it APACHE V4 è la soluzione ERP di MBM per le a- ziende di produzione.

www.mbm.it APACHE V4 è la soluzione ERP di MBM per le a- ziende di produzione. APACHE V4 è la soluzione ERP di MBM per le a- ziende di produzione. È un software integrato e modulare, che fornisce gli strumenti gestionali alle aree operative di un azienda manifatturiera (definizione

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Raffaele Secchi Operations & Technology Management Unit Agenda Il progetto di ricerca Fashion e SCM: gli

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_ DIALOGO_ METODO_ SOLUZIONI_ COMPETENZE_ MISSION_ TECNOLOGIE_ ASSISTENZA_ MANAGEMENT_ SERVIZI_ GEWIN La combinazione di professionalità e know how tecnologico per la gestione aziendale_ L efficienza per

Dettagli

Fabbrica Intelligente & Formazione

Fabbrica Intelligente & Formazione Fabbrica Intelligente & Formazione Lo scenario emergente Ieri: strategia di costo Delocalizzazione competitiva Oggi: strategia di innovazione servizio Caratteri Strategia di localizzazione Strategia di

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

Wireless. Logistics. Aton Group Logistica. Orange mobility srl

Wireless. Logistics. Aton Group Logistica. Orange mobility srl Wireless Logistics Aton Group Logistica Automatizzare il magazzino Perché? Per ottimizzare Ottimizzare le scorte, gli spazi, i percorsi di prelievo Per garantire il proprio cliente Per aumentare l efficienza

Dettagli

Creatori di Eccellenza nella Supply Chain

Creatori di Eccellenza nella Supply Chain Creatori di Eccellenza nella Supply Chain Chi siamo Essere innovativi ma concreti, scommettere assieme sui risultati. Fare le cose che servono per creare valore nel miglior modo possibile. Questa è Makeitalia.

Dettagli

TC1: la piattaforma di Supply Chain Collaboration

TC1: la piattaforma di Supply Chain Collaboration WWW.GRUPPOTESI.COM TC1: la piattaforma di Supply Chain Collaboration Santa Vittoria 25.09.2013 La forma e i contenuti della presente documentazione sono da intendersi riservati tra il Cliente e Tesi SpA

Dettagli

Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management. Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004

Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management. Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004 Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004 Punti da discutere La delocalizzazione produttiva come elemento della strategia

Dettagli

SimplERP in sintesi. Open Source SimplERP è un progetto Open Source. Il software è pubblicato sotto licenza AGPL ed AGPL + Uso Privato.

SimplERP in sintesi. Open Source SimplERP è un progetto Open Source. Il software è pubblicato sotto licenza AGPL ed AGPL + Uso Privato. SimplERP in sintesi SimplERP è una suite completa di applicazioni aziendali dedicate alla gestione delle vendite, dei clienti, dei progetti, del magazzino, della produzione, della contabilità e delle risorse

Dettagli

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN OPERATIONS & SUPPLY CHAIN CORSI BREVI IN GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN GESTIONE E OTTIMIZZAZIONE DEI TRASPORTI www.mip.polimi.it/scm/trasporti OBIETTIVI Fornire un quadro d insieme delle

Dettagli

AGENDA. Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda. A. F. De Toni, Università di Udine

AGENDA. Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda. A. F. De Toni, Università di Udine Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda A. F. De Toni, Università di Udine AGENDA > Introduzione: i supply network > Effetti della variabilità della domanda

Dettagli

Si Fides R7. Il top della tecnologia. Su misura per la tua azienda. Una metodologia consolidata. Un ERP completo per gestire tutta la tua azienda

Si Fides R7. Il top della tecnologia. Su misura per la tua azienda. Una metodologia consolidata. Un ERP completo per gestire tutta la tua azienda Si Fides R7 Si Fides è un extended ERP realizzato interamente da Sinfo One. Si Fides nasce dalla conoscenza e dal monitoraggio dei processi dei nostri clienti e con i quali interagiamo in maniera proattiva.

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

Processi di Gestione dei Sistemi ICT

Processi di Gestione dei Sistemi ICT Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A3_1 V1.1 Processi di Gestione dei Sistemi ICT Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

La gestione dei rapporti con i fornitori è un tema cruciale per le grandi Aziende nello scenario attuale del mercato e delle sue logiche di sviluppo.

La gestione dei rapporti con i fornitori è un tema cruciale per le grandi Aziende nello scenario attuale del mercato e delle sue logiche di sviluppo. La gestione dei rapporti con i fornitori è un tema cruciale per le grandi Aziende nello scenario attuale del mercato e delle sue logiche di sviluppo. Il perfezionamento delle relazioni operative tra grandi

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

A p i c e w h i t e p a p e r Pag. 1/6

A p i c e w h i t e p a p e r Pag. 1/6 Apice è un sistema informativo in grado di gestire tutti gli aspetti di maggiore importanza nella vita di una azienda moderna: la pianificazione delle risorse, i rapporti con i clienti, la qualità, la

Dettagli

Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail

Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail Gruppo Fratelli Pietrini S.p.a - Scarpamondo. Utilizzata con concessione dell autore. Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail Partner Nome dell azienda

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

Reti di INDUSTRIA 4.0

Reti di INDUSTRIA 4.0 DALLA DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ALLA DIGITALIZZAZIONE DELLA SUPPLY CHAIN LA COMPETITIVITÀ DELLA SUPPLY CHAIN Bologna, 27 novembre 2015 Questa presentazione Imprese e competizione globale Supply Chain,

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

Fabbrica Futuro. Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO.

Fabbrica Futuro. Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO. Fabbrica Futuro Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani 27 giugno 2013 WEGE LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO. MCS, Q&O e PTM tre società di consulenza che,

Dettagli

Indice. La strategia nel sistema impresa. 1 Il sistema impresa e l ambiente competitivo Matteo Caroli 1

Indice. La strategia nel sistema impresa. 1 Il sistema impresa e l ambiente competitivo Matteo Caroli 1 00Pr_pag_CAROLI_2012 16/07/12 06.44 Pagina VII Prefazione alla quarta edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XVII XXI XXIII XXV Parte I La strategia nel sistema impresa 1 Il sistema

Dettagli

LibrERP in sintesi. www.didotech.com. Completa

LibrERP in sintesi. www.didotech.com. Completa LibrERP in sintesi LibrERP è una suite completa di applicazioni aziendali dedicate alla gestione delle vendite, dei clienti, dei progetti, del magazzino, della produzione, della contabilità e delle risorse

Dettagli

AILOG, Associazione Italiana di Logistica e di Supply Chain Management

AILOG, Associazione Italiana di Logistica e di Supply Chain Management AILOG, Associazione Italiana di Logistica e di Supply Chain Management L efficienza della Supply Chain Sanitaria AILOG, L ASSOCIAZIONE ITALIANA DI LOGISTICA E DI SUPPLY CHAIN MANAGEMENT, E STATA FONDATA

Dettagli

Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco. 19 Novembre 2001

Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco. 19 Novembre 2001 Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco 19 Novembre 2001 Valutare la trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto, misurando lo stato attuale di maturità

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Processo di Vendita Gestionale ERP ERP BILLING CRM

Processo di Vendita Gestionale ERP ERP BILLING CRM Processo di Vendita Gestionale ERP ERP BILLING CRM 1 Organizzazione Commerciale Una organizzazione commerciale è responsabile per negoziare le condizioni di vendita e distribuzione di beni e servizi. Rappresenta

Dettagli

Consulenza, sistemi informativi, elaboratori elettronici

Consulenza, sistemi informativi, elaboratori elettronici Il sistema informativo The Sequence, sviluppato dalla Sistema D.P., una software house presente nel panorama dei gestionali dal 1979, è il sistema gestionale che integra tutte le soluzioni per la gestione

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

a fianco delle imprese

a fianco delle imprese a fianco delle imprese ROMIRI DM AMA LE NUOVE IDEE Romiri Data Management crede fortemente nell innovazione come motore di sviluppo. Opera nel campo delle ICT (Information and Communication Technology)

Dettagli

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica ECCELLERE NELLA LOGISTICA Generare opportunità con la logistica INTRODUZIONE Il settore della logistica rappresenta una risorsa strategica per la competitività delle imprese e del territorio ed è attualmente

Dettagli

I processi aziendali e l industria della cornice di legno.

I processi aziendali e l industria della cornice di legno. I processi aziendali e l industria della cornice di legno. Productio Flow può essere classificato come un sistema software progettato ad hoc sulle esigenze gestionali dell industria della cornice di legno

Dettagli

Perché SAP IL CASO DELL AZIENDA. www.softwarebusiness.it

Perché SAP IL CASO DELL AZIENDA. www.softwarebusiness.it LA LA SOLUZIONE SAP SAP MILL NELLE CARTIERE Perché SAP Ciò di cui l'azienda aveva bisogno era un sistema unico ed integrato come SAP che andasse a sostituire i diversi applicativi gestionali. In questo

Dettagli

Industrial Equipment Manufacturing. Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX

Industrial Equipment Manufacturing. Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX Industrial Equipment Manufacturing Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX Vantaggi principali ñ Aumento dell efficienza operativa. ñ Integrazione di innovazioni nella produzione.

Dettagli

PROPOSTA FORMATIVA AREA SUPPLY CHAIN - LOGISTICA

PROPOSTA FORMATIVA AREA SUPPLY CHAIN - LOGISTICA PROPOSTA FORMATIVA AREA SUPPLY CHAIN - LOGISTICA Chi conosce la storia del Mago di Oz, ricorderà perfettamente che il Mago non regala nulla che i bizzarri personaggi non abbiano già in sé. Nel corso delle

Dettagli

settore MEDICAL DEVICE

settore MEDICAL DEVICE settore MEDICAL DEVICE Il comparto Medical Device è uno dei settori maggiormente in crescita del nostro panorama industriale. SAM ERP2 è il software ERP di ultima generazione progettato e sviluppato proprio

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 5 Modulo 5 Il Sistema Informativo verso il mercato, i canali ed i Clienti: I nuovi modelli di Business di Internet;

Dettagli

Ottava Edizione. La Programmazione e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. La Programmazione e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione La e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri e Controllo di Produzione : compiti 2 Rendere disponibili le informazioni necessarie per: Gestire in modo efficiente ed efficace il

Dettagli

Smart Business Management nel METAL attraverso SAP

Smart Business Management nel METAL attraverso SAP Picture Credit San Polo Lamiere S.p.A. Italy. Used with permission. Smart Business Management nel METAL attraverso SAP Partner Nome dell azienda San Polo Lamiere S.p.A. Settore Metal - Prodotti industriali

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1. 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi

Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1. 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi Indice Prefazione Premessa Introduzione XI XV XIX Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi 5 1.1 L evoluzione

Dettagli