Titolo Unità formative. 1 Cosa si intende per bene culturale ( materiale e immateriale)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Titolo Unità formative. 1 Cosa si intende per bene culturale ( materiale e immateriale)"

Transcript

1 Schema riepilogativo Unità di competenza Nr. Titolo Unità formative Analisi potenzialità sistema culturale 1 Cosa si intende per bene culturale ( materiale e immateriale) 2 Enti e Istituzioni che si occupano dei beni culturali in Italia 3 Analisi dei riferimenti legislativi e normativi in ambito di servizi culturali 4 Metodi, tecniche e fonti per l analisi del sistema culturale e territoriale di riferimento 5 Il sistema culturale: dall analisi di contesto e di potenzialità culturale all identificazione di piani di sviluppo territoriale integrato 6 Interrogare il contesto sociale attraverso la nuova forma dell etnografia digitale Totale ore UC1 Unità di competenza Nr. Titolo Unità formative 7 Tipologie e macroprogettazione di eventi Progettazione sistema Culturale 8 Gestione contabile dell'evento : principi base 9 Elaborazione piano di attività 10 L'organizzazione delle risorse umane 11 Dal contesto storico artistico all individuazione del progetto ideale di valorizzazione culturale 12 Le relazioni istituzionali e le sponsorizzazioni 13 Fund Raising e Finanziamenti Pubblici Totale ore UC2 Configurazione evento culturale 14 Studio degli eventi e degli strumenti tradizionali di promozione del territorio e valorizzazione dei prodotti/beni culturali 15 Obiettivi dell evento culturale e definizione del bene/prodotto ad essi rispondente 16 Gli attori dell evento 17 Le relazioni pubbliche e l ufficio stampa 18 Innovazione : le nuove tendenze in campo di eventi, nuove applicazioni e nuovi

2 strumenti 19 Comunicazione promozione evento: strategie consolidate e nuovi strumenti 20 Best Pratice e Modelli Vincenti di Eventi Culturali e Promozione del Territorio per sottolineare : caratterizzazione, innovazione 21 L inglese tecnico per il settore culturale 22 Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro d.lgs.81/ Conciliazione di tempi di vita e di lavoro Totale ore UC3 24 -L'avvio di un progetto imprenditoriale - dall'idea al progetto di impresa Conoscere le Start-Up culturali e Sviluppare Auto- Imprenditoria 25 - Il Business Plan e le analisi del progetto 26 - Promozione e comunicazione del progetto 27 - Aspetti legali, giuslavoristici e fiscali nell avvio di una start up culturali 28 - Nuovi Incentivi e forme di finanziamento per l avvio di una start- up culturali : le novità normative Totale Ore UC integrativa Conoscere le Start-Up Culturali e Sviluppare Auto-Imprenditoria

3 Programma Dettagliato Totale ore di aula 300 UC 1 ANALISI POTENZIALITA SISTEMA CULTURALE Obiettivi: Studiare il patrimonio culturale esistente sul territorio attraverso ricerche tematiche e sociali al fine di sviluppare le potenzialità e renderle accessibili e fruibili ad un vasto pubblico nel rispetto della normativa del settore. Risultati Attesi: Partendo dalla ricerca di fonti, repertori e banche dati produzione di un report di analisi per sviluppare e progettare un sistema culturale innovativo. Patrimonio culturale del territorio valutato e compreso. Contenuti UF 1 Cosa si intende per bene culturale (materiale e immateriale) Beni di cultura materiale, correlati alle arti visive Siti archeologici / Musei, collezioni d arte pubbliche e private Biblioteche e archivi / Beni architettonici e ambientali Arte contemporanea come bene culturale / Beni di cultura immateriale, in senso lato (musicali e demo-etnoantropologici ) 7 Tradizioni orali, musica, canto, teatro, danza, etc UF 2 Enti e Istituzioni che si occupano dei beni culturali in Italia Il MiBAC, Ministero dei Beni Ambientali e Culturali le Direzioni Regionali per i Beni Culturali e Paesaggistici Soprintendenze per Beni Archeologici Soprintendenze per i Beni Storici e Artistici Soprintendenze ai Beni Architettonici e Paesaggistici Soprintendenze per i Beni Librari e Sop. Archivistiche Gli Assessorati alla Cultura di Regioni, Province e Comuni Fondazioni, Associazioni culturali, Enti No Profit, Onlus. (FAI, ecc..) Centro Unesco Case History UF3 Analisi dei riferimenti legislativi e normativi in ambito di servizi culturali Riferimenti legislativi e normativi in ambito di servizi culturali Come si è evoluto il settore negli anni Nozioni base sulla disciplina normativa afferente all organizzazione e gestione del patrimonio culturale. Particolare attenzione sarà riservata alla questione della gestione dei diritti, anche in relazione alle nuove tecnologie e agli ambienti digitali, e alle pratiche di riuso. Le lezioni avranno un taglio monografico e tematico e affronteranno tanto problematiche di carattere teorico quando uno studio approfondito di casi emblematici. La Docenza delle UF1, UF2 e UF3 è affidata al Dr.Giuseppe Manica (Per visionare cv vedere tabella E.3.1) UF 4 Metodi, tecniche e fonti per l analisi del sistema culturale e territoriale di riferimento

4 Le modalità di schedatura dei patrimoni e delle opere conservate sul territorio Cultural Planning e Cultural Mapping Case History Festival della Filosofia di Modena Utilizzo degli archivi di settore on line RDA Resource Description and Access : codice di Catalogazione internazionale In riferimento a tale unità formativa un nostro promotore la Fondazione Romaeuropa metterà a disposizione il materiale storico di archiviazione. La Docenza delle UF4 sarà svolta dalla Dott.ssa Michelina Borsari. (Per visionare cv vedere tabella E.3.1) UF 5 Il sistema culturale: dall analisi di contesto e di potenzialità culturale all identificazione di piani di sviluppo territoriale integrato Nozioni generali di storia del territorio e dei beni artistici. Mappatura del territorio sotto il profilo antropologico, storico, sociale e culturale. POAT MiBAC I PGT-Piani di Governo del Territorio I piani territoriali di sviluppo per la Provincia di Roma La Docenza delle UF5 è affidata al Dr.Giuseppe Manica (Per visionare cv vedere tabella E.3.1) UF 6 Interrogare il contesto sociale attraverso la nuova forma dell etnografia digitale Modelli base di ricerca sociale / Individuazioni tendenze. Tecniche di indagine e comprensione della generazione dei nativi digitali Individuare i trend ascoltando i social e la rete. Il buzz L etnografia Digitale : metodo di analisi antropologica in grado di fornire una via d accesso privilegiata alla comprensione della vita al tempo della cultura tecnologicamente mediata. Case study : un innovativo progetto pilota dal titolo «Voci, parole e testi della Campania», per la creazione, la messa in rete e la fruizione di un grande archivio sociolinguistico ed etnografico digitale in italiano e in inglese (composto tra l altro di interviste audio e video, foto, dizionari dialettali, schede lessicografiche, dati toponomastici, lettere di emigrati e altre fonti e materiali parte di un ricchissimo patrimonio linguistico, antropologico, sociale e culturale della regione), finalizzato fra il resto alla promozione culturale e turistica del territorio regionale.campano Conoscenze acquisite per UC1: Conoscenze disciplinari relative al patrimonio culturale e alla sua organizzazione. Metodologie INNOVATIVE per analizzare il sistema culturale e effettuare digitale) ricerca sociale.( etnografia Principi di storia del territorio e dei beni artistici locali. Piani di sviluppo territoriale integrato Capacità acquisite Attraverso esercitazioni strutturate ( nel caso dell indagine di etnografia digitale utilizzo di personal computer e dispositivi mobile ) si acquisiranno le seguenti capacità :

5 Valutare il potenziale del patrimonio culturale esistente sul territorio Leggere ed interpretare il fabbisogno/esigenze d'uso/di fruizione del patrimonio culturale in ragione delle caratteristiche sociali e territoriali del contesto Utilizzare metodologie e tecniche di consultazione di fonti, repertori e banche dati relative al sistema culturale/territoriale di riferimento Individuare il potenziale fruitivo del patrimonio culturale e le relative opportunità di sviluppo UC 2 PROGETTAZIONE SISTEMA CULTURALE Obiettivi: Trasmettere capacità relativamente alla progettazione di un evento culturale a 360 gradi: attraverso il riconoscimento delle varie tipologie, l individuazione di quella più adatta alla committenza, la fase di macroprogettazione ed elaborazione piano attività, la budgetizzazione, l analisi del contesto territoriale e ambientale. Acquisire le nozioni base della normativa vigente i beni culturali Risultati Attesi: saper elaborare piani di sviluppo culturale territoriale in rapporto agli elementi ambientali, territoriali e sociali. Saper costruire reti con partner pubblici e privati. Contenuti UF 7 Tipologie e macroprogettazione di eventi I vari tipi di eventi: congressuali (convegni, congressi, fiere, ecc.). Differenze principali e aspetti distintivi.. Piano delle burocracies contestualizzato al tipo di evento. Eventuali vincoli esistenti e standard minimi di sicurezza, accessibilità e funzionalità Eventi culturali accessibili e fruibili : progettare l evento For ALL L attività formativa e il laboratorio esperienziale si svolgerà Superdiverso cooperativa sociale Roma Via Ponzano romano 10 La docenza della UF7 sarà svolta da Manlio Castagna e Maximiliano Uliveri (Per visionare cv vedere tabella E.3.1) UF 8 Gestione contabile dell'evento : principi base Come si finanzia un evento. L economia dello spettacolo e della cultura. Il progetto/preventivo: i servizi e relativi dati economici da presentare al committente. Tecniche di budgeting: analisi della distribuzione delle risorse La stipula di contratti di fornitura di servizio. Responsabilità e assicurazioni. Analisi di costi e ricavi. Uscite e controllo budgetario: la corretta allocazione delle risorse economiche. Il bilancio consuntivo dell evento. Il docente della UF8 sarà il Dr.Pierluigi Chiarito (Per visionare cv vedere tabella E.3.1) UF 9 Elaborazione piano di attività Metodi e tecniche di organizzazione e programmazione Analisi e scelta dei fornitori: il make or buy Programmazione di dettaglio del servizio predisposto (fiera-esposizione, congresso, open house,.ecc.) completa di: contenuti, calendario e tempistica, addetti e collaboratori, fornitori, spazi, attrezzature e impianti da utilizzare. Utilizzo diagramma di Gantt per la pianificazione temporale. Preventivo di spesa Strumenti di controllo stato avanzamento attività.

6 Elaborare evento/attività culturale accessibile a livello linguistico L ACCESSIBILITA economica: Elaborare evento che rispetti gli standard di interculturalità e le diverse sensibilità di una società multietnica. Il docente della UF9 sarà Dr Marco Fronza (Per visionare cv vedere tabella E.3.1) UF 10 L'organizzazione delle risorse umane Costituzione staff organizzativo. Produzione organigramma e Funzionigramma delle risorse per il raggiungimento degli obiettivi. Pianificazione di tabelle lavoro e la distribuzione degli incarichi. Utilizzo di metodologie e strumenti per la pianificazione dei lavori ( mappe mentali ). Matrice delle responsabilità. / Metodi e procedure standard per il monitoraggio del personale. UF 11 Dal contesto storico artistico all individuazione del progetto ideale di valorizzazione culturale Mappatura del bene/prodotto e individuazione delle migliori opportunità di comunicarlo tramite evento/manifestazione/ campagna comunicazionale Confronto tra contesto territoriale, progetto da realizzare e sostenibilità in termini economici, sociali, logistici, politici. Le UF1o e UF11 saranno svolti dal Maestro Eugenio Ottieri (Per visionare cv vedere tabella E.3.1) UF 12 Le relazioni istituzionali e le sponsorizzazioni Le relazioni istituzionali. Il concetto di lobby e l attività di lobbying: pianificazione e continuità nel tempo. Gli strumenti: convegnistica, bilancio sociale, programmi di responsabilità sociale, ecc. Le sponsorizzazioni pubbliche e private: la selezione degli sponsor e dei partners. I criteri della scelta delle sponsorizzazioni. I tempi e l'efficacia dell'azione. Il media planning e la visibilità degli sponsor. Il ruolo dell agenzia di comunicazione nell attività di lobbying e nell attività di ricerca degli sponsor. Il docente della UF12 sarà il Dr Marco Fronza (Per visionare cv vedere tabella E.3.1) UF 13 Fund Raising e Finanziamenti Pubblici Il mercato della raccolta pubblicitaria, degli sponsor privati e dei finanziamenti pubblici, nazionali ed europei. Normativa vigente e strumenti di base. I programmi comunitari e le nuovi opportunità del crowd fundraising. L'evoluzione nel web del Fund Raising : il Click Raising Finanziamenti privati per le start up Capital Venture. Il modulo sarà svolto dal Maestro Eugenio Ottieri (Per visionare cv vedere tabella E.3.1) Conoscenze acquisite Tecniche di progettazione e implementazione di piani e programmi di lavoro. Tecniche e strumenti delle relazioni pubbliche. Tecniche di comunicazione e relazione con il cliente. Capacità acquisite Assumere le caratteristiche del sistema culturale e le possibili convergenze con il quadro politico, sociale ed economico di riferimento, identificando gli elementi sostenibili

7 Individuare soluzioni per la progettazione del sistema di eventi culturali funzionali alle caratteristiche e ai fabbisogni del contesto Identificare il sistema di risorse necessario all'attivazione di interventi culturali di valorizzazione del territorio - soggetti pubblici o privati, strumenti, fonti di finanziamento, ecc. Individuare elementi progettuali funzionali alla microprogrammazione degli eventi culturali Per la valutazione si utilizzerà per la UC2 un attività di laboratorio dove, partendo dal report di analisi prodotto al termine della UC1 ai partecipanti dovranno l elaborare un piano di sviluppo di una provincia laziale o zona di Roma attraverso la realizzazione di un evento. Il piano dovrà comprendere anche un budget economico finanziario, l impegno delle risorse impegnate, piano di coinvolgimento di partner pubblici e privati che cofinanziano il piano. Nel piano occorrerà descrivere come si intende attivare una ricerca attraverso internet dei finanziamenti potenziali. UC 3 CONFIGURAZIONE EVENTO CULTURALE Obiettivi: Trasmettere la capacità di progettare un evento culturale strutturato sulla base degli obiettivi da raggiungere, delle aspettative della committenza e del territorio, e degli attori da coinvolgere. Identificare le forme più innovative di eventi ( flash mobe, eventi in spazi non convenzionali ecc..) e padroneggiare le forme di comunicazione e promozione d avanguardia tipiche del web 2.0 Risultati Attesi: saper strutture un evento culturale innovativo al fine di raggiungere obiettivi prefissati dalla committenza ; saper individuare gli elementi distintivi del network di attori pubblici e privati in funzione di reclutamento di sponsorship/finanziamenti; saper gestire i rapporti interpersonali Contenuti UF 14 Studio degli eventi e degli strumenti tradizionali di promozione del territorio e valorizzazione dei prodotti/beni culturali La rievocazione storica / Le visite guidate e l accoglienza turistica La mostra ( la temporanea e le nuove forme itineranti) I Festival / Le rassegna musicale (Case History: RAVELLO FESTIVAL) Le caratteristiche necessarie ad organizzare un buon evento enogastronomico tradizionale trasformandolo in evento culturale del territorio. La docenza è affidata al giornalista Giuseppe Iannicelli e la Dott.ssa Anna Bisogno (Per visionare cv vedere tabella E.3.1) UF 15 Obiettivi dell evento culturale e definizione del bene/prodotto ad essi rispondente Analisi delle esigenze del committente: dal cliente all individuazione e definizione del focus dell'evento. Definizione degli obiettivi attraverso un modello di SWOT Analysis Dilatare l'indagine: Pre-fruizione; fruizione; post fruizione UF 16 Gli attori dell evento Focus sui soggetti coinvolti in un evento: il network, i proprietari delle strutture di erogazione, i promotori (committenti) dell evento, organizzatore dell evento Individuazione di tutti gli stakeholders: agenzie di comunicazione, le amministrazioni pubbliche, ed altri possibili patrocinatori, partner, sostenitori etici, tecnici o economici Le relazioni all interno del network Il docente delle UF15 e UF16 sarà il Dr Marco Fronza (Per visionare cv vedere tabella E.3.1)

8 UF 17 Le relazioni pubbliche e l ufficio stampa L Ufficio Stampa: organizzazione e funzioni. Gli interventi rivolti agli organi di informazione: comunicati stampa, interviste, briefing, conferenze stampa. Il rapporto organizzativo, contrattuale ed economico con l'agenzia di spettacolo. Modelli differenziati e specifici di ufficio stampa per : grandi eventi, eventi istituzionali, eventi internazionali, eventi professionali, eventi brevi, eventi medio/lunghi. La docenza è affidata al giornalista Giuseppe Iannicelli e la Dott.ssa Anna Bisogno (Per visionare cv vedere tabella E.3.1) UF 18 Innovazione : le nuove tendenze in campo di eventi, nuove applicazioni e nuovi strumenti Creare eventi multimediali e social nell era digitale: fondamenti di social media marketing, blogging e blogtripping, come aprire e gestire un canale video e un profilo Come organizzare video - conference, training tutor, road show, ecc modulo formativo verrà erogato da diversi docenti :Janet De Nardis, Alessandro Marianantononi E Musaro Pierluigi (Per visionare cv vedere tabella E.3.1) L attività formativa e il laboratorio esperienziale che prevederà l utilizzo di strumentazione software ad hoc si svolgerà presso il Roma Web Fest a Roma durante le fasi di preparazione dell edizione Le produzioni video o installazioni multimediali ( in musei o in spazi pubblici) per l evento culturale Le nuove forme di spettacolo dal vivo che mettono in comunicazione scienza e arte nonché mondo digitale e mondo reale L attività formativa e il laboratorio esperienziale verranno erogati presso le sedi specifiche indicate nei paragrafo D.8 (Manifestazioni Fondazione Roma Europa e Manifestazione Rieti Sotterranea ) Eventi culturali accessibili e fruibili : progettare l evento For ALL con Maximiliano Ulivieri L attività formativa e il laboratorio esperienziale si svolgerà Superdiverso cooperativa sociale Roma Via Ponzano romano 10 Eventi ecosostenibili: Progettare un evento finalizzato a ridurre gli impatti ambientali, ispirato ai principi di sostenibilità,. Gli strumenti e gli accorgimenti per evitare gli sprechi, ridurre il consumo di risorse e l'emissioni dannose. Case history It.A.Ca UF 19 Comunicazione promozione evento: strategie consolidate e nuovi strumenti Le nuove strategie di comunicazione dell'evento attraverso l'applicazione delle neuroscienze per potenziare la promozione e l'offerta del servizio. Marketing neurosensoriale / Utilizzo dei canali e degli strumenti adeguati per la promozione dell'evento (inviti, locandine, presentazioni, spot). Utilizzo delle nuove tecnologie multimediali per la promozione degli eventi. Branding Reputation / Principi base di copywriting: scrivere per il web e la comunicazione pubblicitaria. Principi di social marketing e di SEO / Utilizzo dei social media per la comunicazione dell'evento. Forsquare e la promozione del territorio/ Real time social event: diffusione in tempo reale dell'evento tramite i social. Instagram, Twitter e i blog tematici nella promozione / Linkedin per l'evento professionale/aziendale. Facebook: strategie di comunicazione e gestione ottimale pagine. Hootsuite per la gestione multipla dei social.

9 Docente della UF19 sarà Aldo Monti con la partecipazione di Mirko Pallera (Per visionare cv vedere tabella E.3.1) UF 20 Best Pratice e Modelli Vincenti di Eventi Culturali e Promozione del Territorio per sottolineare : caratterizzazione, innovazione Studio e Analisi dei Modelli Virtuosi a livello nazionale di eventi culturali e promozionale territoriali (con il contributo di testimoni aziendali) fruibili attraverso i nuovi media Case Studies: Giffoni Film festival, il metodo della caratterizzazione ( intervento del patron Claudio Gubitosi) Voci dal Colosseo, progetto sperimentale per il Foro Romano che ha unito i nuovi media (tablet e cellulari ) al cinema per trasformare la tradizionale passeggiata su via dei Fori Imperiali in un viaggio interattivo nella vita dei grandi nomi dell antica Roma. (Alessandro Marianantoni, Direttore di Progetto del REMAP Center della scuola di teatro, film e televisione della UCLA University of California Los Angeles) Docenti saranno Claudio Gubitosi e Alessandro Marianantoni (Per visionare cv vedere tabella E.3.1) UF 21 L inglese tecnico per il settore culturale durata Apprendere la terminologia della lingua inglese per il settore turistico culturale Terminologia del settore. -Abilità linguistiche inerenti i maggiori canali di comunicazione Espressioni idiomatiche e verbi frasali UF 22 Modulo Sicurezza ore La conoscenza sulla sicurezza del lavoro si dividerà nella seguente maniera : Principi generali sulla Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro d.lgs.81/2008 Concetto di danno / Concetto di prevenzione / Concetto di protezione / Organizzazione della prevenzione aziendale 7 Diritti e doveri, sanzioni per i vari soggetti aziendali / Organi di vigilanza / Controllo e assistenza 7 La sicurezza nella gestione degli eventi UF 23 Conciliazione di tempi di vita e di lavoro Breve modulo di 4 ore che tratterà i temi DELLE PARI OPPORTUNITA E DELLA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO. La "Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro" è un tema che - in Italia riguarda soprattutto le donne MA CHE DEVE ESSERE CONDIVISO E PORTATO AVANTI ANCHE DAGLI UOMINI. Intervenire per un suo sviluppo concreto non vuol dire soltanto aumentare la qualità della vita delle famiglie e delle donne ma anche -e soprattutto- aumentare l'occupazione femminile e, con essa, la ricchezza del nostro Paese. Il modulo spiegherà brevemente l accordo con le Regioni attraverso la Conferenza Unificata, ha dato alla luce il "pacchetto Conciliazione" del Ministero per le Pari Opportunita'. Verranno descritte le opportunità per le aziende che hanno utilizzato le risorse del Ministero per creare nuovi servizi o implementare quelli esistenti Conoscenze acquisite Conoscenze disciplinari relative al patrimonio culturale e alla sua organizzazione. Metodologie della ricerca sociale. / Management e marketing dei beni culturali. Tecniche di progettazione e implementazione di piani e programmi di lavoro. Tecniche e strumenti delle relazioni pubbliche. / Tecniche di comunicazione e relazione con il cliente. Lingua straniera tecnica di settore Principi comuni e aspetti applicativi della legislazione vigente in materia di sicurezza.

10 La sicurezza sul lavoro: regole e modalità di comportamento (generali e specifiche). Capacità acquisite Ideare forme e percorsi di fruizione sostenibili e qualificate del bene/prodotto culturale funzionali al contesto territoriale e sociale Definire obiettivi/contenuti dell'evento culturale ed identificare beni/prodotti culturali rispondenti ad obiettivi/esigenze/fabbisogni Identificare ed attivare la rete di attori da coinvolgere nella configurazione dell'evento - professionalità, enti, ecc. Applicare forme organizzate e coordinate di lavoro a garanzia dell'organizzazione efficace dell'evento culturale ed identificare strategie comunicative per la promozione dell'evento culturale Per la valutazione dell apprendimento si utilizzerà per la UC3 un attività di laboratorio dove, partendo dalla prima progettazione dell evento quale output della UC2 si dovranno integrare elementi di innovazione, caratterizzazione e accessibilità. Si dovrà poi prevedere un piano di comunicazione attraverso i nuovi strumenti del web 2.0 e dei social, si dovrà produrre un comunicato stampa adatto al tipo di evento. UC Integrativa : Conoscere le Start-Up Culturali e Sviluppare Auto-Imprenditoria strumenti operativi e conoscenze tecniche per sviluppare l auto-impiego Obiettivi didattici: Fornire ai partecipanti la conoscenza degli strumenti di valutazione economicofinanziaria e normativa-giuridica, nonché le fonti di finanziamento per supportarli nella trasformazione di un idea in un reale progetto di investimento. L unità formativa si pone l'obiettivo di fornire gli strumenti operativi necessari per capire come passare concretamente dall'idea alla fattibilità del progetto imprenditoriale, analizzando tutti gli step da seguire per presentare il proprio progetto in maniera adeguata. Risultati Attesi : saper valutare il potenziale di fattibilità di un idea imprenditoriale, identificando opportunità e rischi, margini di miglioramento e declinazioni richieste dal mercato / riuscire a definirne un business plan e identificare possibili finanziatori / saper promuovere il proprio progetto primo e il proprio prodotto/servizio poi Contenuti UF 24 L'avvio di un progetto imprenditoriale - dall'idea al progetto di impresa: le scelte relative al mercato, le analisi e il posizionamento, l individuazione del target di utenza, individuazione di prodotti/servizi UF 25 Il Business Plan e le analisi del progetto: la valutazione di fattibilità economico-finanziaria della business idea; la convenienza economica: strumenti e indicatori; la predisposizione del Business Plan; come predisporre un pitch, come avvicinare un investitore: venture capital, business angels ed i loro metodi di valutazione UF 26 Promozione e comunicazione del progetto: promuovere la propria unicità, creare il Brand, il Logo, la Unique Selling Proposition (USP),e il Payoff; i canali di promozione del nuovo progetto: come posizionare, comunicare e rafforzare il proprio Brand, generare contatti e sviluppare network; sito personale, piattaforme, blog e loro reale influenza per l attività di comunicazione del proprio brand UF 27 Aspetti legali, giuslavoristici e fiscali nell avvio di una start up culturali: adempimenti e incentivi relativi all avvio di una nuova impresa: le novità introdotte dal Decreto Sviluppo; le nuove misure per il sostegno alle imprese avviate dai giovani o da soggetti in cerca di occupazione, la scelta della forma giuridica della nuova attività (Srls, Sas, Srl...); le novità della della riforma del lavoro: semplificazione degli oneri burocratici e le nuove norme per l auto-impiego e per l assunzione di personale; il regime fiscale agevolato per le nuove imprese: le regole di accesso al sistema fiscale dei minimi; la protezione del brand: la tutela di marchi e brevetti; la regolamentazione dei rapporti contrattuali per l ingresso dei fondi di Venture Capital

11 UF 28 Nuovi Incentivi e forme di finanziamento per l avvio di una start-up culturali: le novità normative : le nuove misure per l auto-impiego e l imprenditorialità, contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati Conoscenze : Regolamenti e strumenti economiche-finanziarie per le start-up / Regolamenti giuridici normativi per la costituzione di nuove imprese / Contributi a fondo perduto e strumenti per finanziamenti agevolati / Principi di organizzazione aziendale / Principi di management economico aziendale / Capacità : Definire e redigere un progetto di progetto di impresa / Condurre Analisi di Fattibilità e definire piano di fattibilità / Ideare Business Plan / Presentare il Progetto e Piano di Fattibilità / Applicare Strategie di Self-Branding e Self-Promotion / Utilizzare strumenti normativi, legali e finanziari per creare un impresa Modalità di valutazione: le conoscenze acquisite in questo modulo saranno oggetto di valutazione tramite delle verifiche in itinere, mentre le capacità e competenze operative saranno oggetto di valutazione attraverso l azione non formativo /esperienziale integrata dell e-mentoring tramite la Piattaforma Mercurius e la valutazione finale di tutti i progetti. Difatti tale attività prevede la messa in gioco di tutti i partecipanti nell elaborazione, sviluppo, analisi e presentazione di loro idee di start-up culturali. I progetti e le proposte saranno valutate da una commissione di tecnici oltre che da possibili finanziatori. Metodologie didattiche: La didattica in aula, che vive del confronto costante con situazioni delle realtà aziendali che ospiteranno i tirocini, è caratterizzata dal learning by doing. Le lezioni sono interattive e prevedono esercitazioni, simulazioni, discussioni guidate. Questo approccio sviluppa le capacità di identificazione delle problematiche cruciali del profilo professionale in oggetto. L obiettivo è quello di sviluppare nei partecipanti una sensibilità organizzativa e una capacità di visione strategica. In sintesi il percorso si svilupperà attraverso : - uso privilegiato del metodo esperienziale, con brevi quadri di sintesi che facilitino la concettualizzazione delle esperienze - attività di simulazione individuale per valutare il grado di apprendimento delle tecniche trasmesse - verrà utilizzato anche un business game con lo scopo di far sperimentare e comprendere il come fare attraverso l approfondimento delle teorie, la discussione di gruppo e l uso di esercitazioni. Raggiungere un elevato livello di realismo e di concretezza, che renda evidenti i collegamenti che esistono fra la definizione degli obiettivi, l attività di decision making ed i risultati competitivi. Per questo tipo di esercitazione ii corsisti saranno divisi in gruppi e opereranno tra di loro in concorrenza, su un mercato simulato. Dovranno prendere decisioni nelle comunicazione dell evento ed al termine di ogni simulazione virtuale i partecipanti riceveranno i risultati di tutti i gruppi operanti sul mercato simulato.

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon CORSI BREVI Catalogo formativo 2015 La svolge attività di formazione dal 1989 ed è stata tra i primi in Italia a introdurre percorsi formativi legati al management e al marketing culturale. L'offerta formativa

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

- MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito

- MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito Pagina 1 di 13 - MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito SOMMARIO MZ GROUP pag. 3 MZ CONGRESSI S.RL. pag. 4 PIANIFICAZIONE 1. Scelta della sede congressuale pag. 5 2. Gestione pratica ECM (Educazione

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e, in particolare,

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Bando chefare. 1. Cos è. 2. Contesto. Milano, 18/04/2015

Bando chefare. 1. Cos è. 2. Contesto. Milano, 18/04/2015 Milano, 18/04/2015 Bando chefare 1. Cos è L Associazione Culturale chefare pubblica il presente bando con la finalità di: 1. assegnare un contributo a favore di un progetto di innovazione culturale caratterizzato

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Sergio dal Maso Viale C.Colombo, 165 Foggia Telefono 328/2775122 Fax 0881/720007 E-mail Nazionalità

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS

IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS Le attività formative svolte sono riconoscibili e pertanto possono essere oggetto di domanda di rimborso a condizione che: -

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE RIEPILOGO CORSI Tecniche di negoziazione e di redazione dei contratti di vendita e di distribuzione commerciale Talenti & Vendite: la gestione della relazione commerciale Capire per vendere Tecniche di

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA 24 ottobre 2013 WEB CONFERENCE LEZIONE LIVE IN VIDEOCONFERENZA PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per l aggiornamento professionale

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo La Regione autonoma Valle d Aosta promuove e sostiene nel rispetto della normativa europea il settore cinematografico, audiovisivo e multimediale,

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro ID 142-115743 Edizione 1 Procedura per sottoscrivere la partecipazione: Il professionista sanitario che voglia conoscere i dettagli per l iscrizione al corso

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli