Iniziativa realizzata da Sviluppo Basilicata SpA nell ambito del Progetto FIDIBE (wp 3.2) Programma SEE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Iniziativa realizzata da Sviluppo Basilicata SpA nell ambito del Progetto FIDIBE (wp 3.2) Programma SEE 2007-2013"

Transcript

1

2 Iniziativa realizzata da Sviluppo Basilicata SpA nell ambito del Progetto FIDIBE (wp 3.2) Programma SEE Raffaele Ricciuti - Amministratore Unico Responsabile attività locali di progetto: Vittorio Simoncelli - Responsabile Area Progetti Sviluppo Basilicata SpA Sviluppo Basilicata SpA Project Team: Valentino Abbatantuono, Maria Giovanna Lecce, Assunta Lo Tito, Gaetano Torchia, Annamaria Verrastro Analisi ed elaborazione testi: Maria Giovanna Lecce - Area Progetti Sviluppo Basilicata SpA Traduzione: Manuela Lapenta Coordinamento editoriale: Annamaria Verrastro - Communication Service Sviluppo Basilicata SpA Sviluppo Basilicata SpA Sede legale ed operativa Via Centomani, Potenza Tel Fax Ufficio di Matera Rioni Sassi Recinto I Fiorentini Matera Tel Fax Incubatori d impresa» Area Industriale Alta Val D Agri di Viggiano Grumento Nova Tel Fax » Rioni Sassi area Civita (in corso di avviamento) Via San Nicola del Sole Matera Ci scusiamo anticipatamente per eventuali errori o inesattezze contenute nel testo Progetto grafico: BEAT di Giovanni Brienza - Potenza Finito di stampare nel mese di dicembre 2010

3

4 Il progetto FIDIBE in Basilicata (Val d Agri) Il presente Studio è realizzato da Sviluppo Basilicata nell ambito del Progetto comunitario FIDIBE - Sviluppo di Business Park Innovativi, finalizzato a favorire l innovazione e l imprenditorialità nell area di cooperazione transnazionale SEE South East Europe, attraverso l attivazione di partnership transnazionali e di azioni congiunte su questioni strategiche. In Basilicata l azione del progetto FIDIBE viene espletata da Sviluppo Basilicata nel territorio target del Comprensorio della Val d Agri. Attualmente, mentre è ancora in corso l attuazione del progetto, la società ha realizzato: la presente pubblicazione costituita dallo Studio del potenziale innovativo della Basilicata e dalla Best practice Innovation Factory lo start up dell Incubatore d Impresa nella Zona Industriale Alta Val D Agri la cui presenza può consentire di interpretare al meglio le esigenze dell area. È prevista inoltre la redazione del Manuale operativo dell IBP (Innovative Business Park) che potrà essere utilizzato sia come guida per la creazione di nuovi parchi che per l ampliamento di parchi già esistenti. L azione del progetto si colloca in coerenza con la Strategia Regionale per la ricerca e l innovazione per il periodo di programmazione che mira a migliorare le condizioni di contesto promuovendo azioni volte a sostenere progetti di ricerca ed iniziative innovative svolte, anche congiuntamente, da imprese e dagli attori della ricerca (Università, enti di ricerca, centri per l innovazione, centri per il trasferimento tecnologico) verso i quali Sviluppo Basilicata pone particolare attenzione in relazione all attivazione di partnership con riferimento anche alla possibilità di realizzazione di un distretto energetico per lo sviluppo di imprese innovative. Nel corso delle fasi di pianificazione delle attività locali del progetto, come previsto, è stato costituito un gruppo di lavoro (RNM - Regional Network Meeting) composto da appartenenti al sistema industriale, scientifico e della ricerca, delle istituzioni, dell università, delle associazioni/fondazioni e delle imprese presenti sul territorio. Il RNM è stato concepito sin dall inizio come strumento a più voci in modo da potersi avvalere della molteplicità di contributi per orientare le proposte di progetto a livello territoriale e mantenere un attenzione costante sulle tematiche dell impresa innovativa nel territorio della Val D Agri. Si ringraziano tutti gli stakeholder aderenti al progetto e, in particolar modo, Basilicata Innovazione iniziativa nata dall accordo di AREA Science Park, primo Parco Scientifico e Tecnologico d Italia, e Regione Basilicata. Basilicata Innovazione offre agli imprenditori e ai ricercatori lucani servizi e strumenti ad alto valore aggiunto a supporto della competitività del sistema imprenditoriale e della valorizzazione della ricerca e, grazie al suo Incubatore di primo miglio, continuerà a fornire, nell ambito del progetto FIDIBE, linee guida e spunti utili a raggiungere gli obiettivi prefissati. Raffaele Ricciuti Amministratore Unico Sviluppo Basilicata SpA 2

5 INDICE A) Executive summary 5 B) Storia, analisi e fattori di successo delle migliori pratiche 9 C) Considerazioni di politica regionale per le migliori pratiche 30 D) Bibliografia 33 3

6 4

7 A) Executive summary L assenza di business park operativi sul territorio lucano ha determinato la necessità di individuare un infrastruttura di supporto che fosse in grado, ad un tempo, di suggerirci i criteri necessari proprio alla definizione di business park o di una struttura similare e di fornirci, al contempo, un esempio di buona pratica per la nostra regione. A tale scopo è stato selezionato l Incubatore di Primo Miglio di Innovation Factory, in Friuli Venezia Giulia che, sebbene sia fisicamente distante dalla nostra regione, costituisce una pratica esportabile sul territorio locale. Il 24 aprile 2009 la Regione Basilicata e Area Science Park Innovation Factory hanno sottoscritto un protocollo di collaborazione per la realizzazione di un progetto denominato Basilicata Innovazione che prevede la creazione di un nuovo ente regionale deputato alla fornitura di strumenti e servizi per il sostegno della competitività delle PMI, il potenziamento del settore della ricerca nel nostro territorio e la creazione di un incubatore innovativo, costruito sul modello di Innovation Factory. Fig. 1 - Posizione geografica del Friuli Venezia Giulia e della provincia di Trieste L incubatore di primo miglio Innovation Factory è qui proposto come migliore pratica soprattutto per gli eccezionali risultati conseguiti nel campo del sostegno allo sviluppo e del supporto alle PMI innovative, al fine di promuovere l'innovazione e accrescere il potenziale innovativo e la competitività del territorio. 5

8 A) Executive Summary Innovation Factory fornisce assistenza in tutte le fasi del processo di sviluppo che vanno dal concepimento dell idea imprenditoriale, attraverso la definizione del business plan, fino all ingresso nel mercato, riducendo i possibili rischi grazie allo sviluppo di competenze imprenditoriali e alla trasformazione del "potenziale" imprenditore nell imprenditore vero e proprio, portatore di una idea capace di penetrare il mercato. Come anticipato precedentemente, Innovation Factory è localizzato in Friuli Venezia Giulia, in provincia di Trieste, all interno di Area Science Park. Area Science è ritenuto il più importante parco scientifico e tecnologico d Italia e consta di due campus che si trovano rispettivamente a Padriciano e Basovizza. Fig. 2 - Posizione geografica di Padriciano e Basovizza 6

9 A) Executive Summary Fig. 3 - Campus di Padriciano Fig. 4 - Campus di Basovizza Innovation Factory accoglie futuri imprenditori interessati a realizzare un proprio progetto d impresa e partecipa insieme a loro ai percorsi necessari per trasformare un'idea innovativa in un business di successo. Le attività dell incubatore mirano alla creazione e allo sviluppo di una nuova attività imprenditoriale ed, infatti, a seguito di una selezione iniziale, Innovation Factory 7

10 A) Executive Summary fornisce lo spazio e i servizi necessari ad affrontare la prima e più delicata fase di definizione e verifica degli aspetti tecnologici, commerciali, legali ed economici dell idea imprenditoriale. Innovation Factory offre l opportunità di sviluppare un idea innovativa in un ambiente estremamente stimolante come quello di AREA Science Park. I contatti stabiliti da AREA con i migliori gruppi di ricerca a livello internazionale, la propria rete di relazioni, derivante dall esperienza maturata nel campo del trasferimento tecnologico alle aziende, l esclusivo spirito imprenditoriale, i servizi di informazione brevettuale e documentale, l alto livello di formazione manageriale ed economico-finanziaria disponibile grazie alla collaborazioni con le migliori scuole di economia del mondo, fanno di Innovation Factory l ambiente ideale in cui trasformare il sogno di una vita in una impresa reale. Un business coach, inoltre, accompagna i futuri imprenditori lungo il percorso di sviluppo personale, partecipando attivamente alle loro sfide e aiutandoli a raggiungere l obiettivo finale: la creazione di un azienda con una forte prospettiva di successo. La collaborazione con Innovation Factory si articola in 3 fasi: Fase 1. Valutazione dell idea imprenditoriale: il proponente sottopone al comitato tecnico - scientifico di Innovation Factory la descrizione della propria idea imprenditoriale e il piano di attività propedeutiche alla nascita della nuova impresa. Fase 2. Pre-incubazione: una volta accolta la proposta e sottoscritta la convenzione per l avvio e la gestione del Gruppo di Sviluppo della futura impresa, Innovation Factory mette a disposizione spazi adeguatamente attrezzati e avvia le diverse attività in programma. Innovation Factory assiste il futuro imprenditore offrendo i servizi e le risorse necessarie a concludere con successo il percorso verso la creazione di una nuova impresa. Fase 3. Costituzione dell impresa: quando sussistono le condizioni di sostenibilità economica e di autonomia operativa, il proponente e Innovation Factory avviano la fase finale di costituzione della nuova impresa. Innovation Factory partecipa con una quota di minoranza e concorda con il proponente i meccanismi di way-out più opportuni. Il percorso di pre-incubazione e di sostegno alla neo-impresa dura al massimo 3 anni. 8

11 Innovation Factory è situato all interno di AREA Science Park, a Trieste. Creato nel 1978, Area Science Park è il primo parco tecnologico e scientifico multisettoriale d Italia ed è uno dei più grandi d Europa. Gli azionisti di Innovation Factory Scrl sono: 1. Consorzio per l Area di Ricerca Scientifica e Tecnologica di Trieste; 2. Sincrotrone Trieste ScpA - un Laboratorio Multidisciplinare sulla Luce di Sincrotrone che accoglie ricercatori in varie discipline e in diversi campi di applicazione (ulteriori informazioni su 3. Incubatore Bic Friuli Venezia Giulia Spa (ulteriori informazioni su È diretto dal Consorzio per la gestione di Area Science Park, riconosciuto dal MIUR come Ente Pubblico Nazionale di Ricerca di primo livello. Opera a livello locale e nazionale per promuovere la competitività imprenditoriale e territoriale, supportando il trasferimento tecnologico e incoraggiando l internazionalizzazione e la formazione imprenditoriale. Il parco, composto da due campus (Padriciano e Basovizza), gioca un ruolo fondamentale nella fase di start-up e di sviluppo di centri, aziende e istituti operanti nel campo della ricerca scientifica, del trasferimento tecnologico e della fornitura di servizi qualificati in settori quali: scienze naturali, biotecnologie per l agricoltura e per l industria alimentare, diagnostica, tecnologie biomediche, fisica, materiali e nanotecnologie, IT, elettronica e telecomunicazioni, energia e ambiente, ecologia marina, ecc. Il campus di Padriciano ospita la sede centrale di AREA Science Park e di Innovation Factory, oltre ad altre 62 attività appartenenti a diversi settori commerciali, mentre il campus di Basovizza ospita 22 aziende del settore high-tech. Nel corso della sua trentennale esperienza, AREA Science Park ha sviluppato una serie di progetti regionali, europei ed internazionali perseguendo la sua mission, quella, cioè, di offrire un punto di riferimento nazionale per il trasferimento tecnologico e di migliorare la competitività sia a livello regionale che nazionale. È uno dei pochi parchi scientifici e tecnologici a livello internazionale che si fonda su servizi personalizzati e face-to-face, piuttosto che sul tradizionale approccio immobiliare. Le strategie di innovazione di AREA hanno ottenuto riscontri positivi a livello nazionale, collocandosi tra i primi 100 casi di Migliore Amministrazione, ma anche a livello internazionale, ricevendo il riconoscimento di Migliore Pratica Europea per due dei suoi progetti: 1. SISTER: il primo progetto italiano dedicato alla ottimizzazione delle competenze dei sistemi di ricerca regionale sul mercato e 2. Innovation Network: un network di Centri di Competenza specia- 9

12 lizzati nei principali settori economici. È il primo network italiano per il trasferimento tecnologico in grado di monitorare e valutare i bisogni di innovazione delle aziende. Durante il suo processo di crescita, AREA ha sviluppato una grande quantità di competenze specifiche (progettazione e gestione del Parco Scientifico e Tecnologico, creazione di sistemi basati su conoscenze autosufficienti e di programmi educativi rivolti a giovani e studenti di tutti i livelli, a manager nel campo R&S, a imprenditori esistenti e potenziali) ed ha avviato numerosi progetti regionali ed internazionali, quali ad esempio: Sister - Liaison Office dedicato alla valorizzazione della ricerca per la crescita del territorio; Innovation Network che ha creato sul territorio regionale una struttura stabile al servizio delle PMI, dedicata al trasferimento di conoscenze e di tecnologie e a stimolare la nascita di progetti di innovazione; Innovation Campus la Scuola di formazione avanzata per i professionisti del trasferimento tecnologico; DOMOTICA FVG che mira all uso di tecnologie per migliorare la qualità della vita, sia in ufficio che a casa; EURAXESS-Researchers in Motion il nuovo progetto per la mobilità dei ricercatori europei; Enterprise Europe Network - la nuova rete europea di servizi alle PMI promossa dalla Direzione Generale Impresa e Industria della CE e finanziata dal programma CIP - Programma Quadro per la Competitività e l Innovazione; IUSES il progetto che promuove tra gli studenti e gli insegnanti delle scuole superiori un uso più efficiente dell energia nella vita di tutti i giorni; MIT - Massachusetts Institute of Technology of Boston una linea diretta con il Massachusetts Institute of Technology di Boston (USA), volta a promuovere in maniera più efficace la nascita di imprese spin-off della ricerca e a facilitare lo sviluppo dell innovazione; Strategic Business Insights le PMI e gli istituti di ricerca richiedono questo tipo di servizio al fine di sostenere nuovi prodotti o nuovi processi, nuove tendenze di sviluppo, investimenti per nuove opportunità imprenditoriali. Dopo aver ottenuto risultati positivi grazie ai progetti dedicati alle esigenze della ricerca universitaria e dell innovazione imprenditoriale, AREA Science Park ha risposto al crescente bisogno di realizzare un progetto per lo sviluppo di start-up, che potesse fungere da ponte tra il potenziale della ricerca universitaria (idee imprenditoriali potenziali) e le esigenze del mondo imprenditoriale (bisogni di innovazione delle aziende). 10 Nel 2006, AREA Science Park ha fondato Innovation Factory, un incubatore di primo miglio a disposizione di futuri imprenditori interessati a realizzare un proprio progetto d impresa: creare un azienda da una idea innovativa.

13 Di seguito è riportato uno schema che riassume le competenze e i 4 pilastri di AREA Science Park: Innovation network, Innovation Factory, Innovation Campus e Sister. Fig. 5 - Le competenze e i 4 pilastri di AREA Science Park Gli indicatori che seguono riassumono l impatto economico del consorzio Area Science Park ed evidenziano le ricadute estremamente positive sul territorio del Friuli Venezia Giulia (dati aggiornati al 2009): Trasferimento tecnologico e valorizzazione della ricerca accademica: aziende coinvolte; interventi di innovazione implementati; 93 brevetti depositati dalle imprese; 7,72% di crescita del fatturato attribuibile all intervento di AREA; 5,47% di crescita occupazionale attribuibile all intervento di AREA; 427 interventi di valorizzazione; 46 brevetti depositati dalla ricerca accademica; 11

14 ore di formazione; partecipanti. Management del PST: risorse di staff; 72% del personale in possesso del diploma di laurea; 10% di incremento annuale dell occupazione; 7% di aumento annuale del volume d affari; tasso di successo degli start-up nati con Area Science Park del 94%; ROI e ROE migliori rispetto alla aziende italiane. L idea di creare Innovation Factory nasce dalla convinzione che in Italia, e nel Friuli Venezia Giulia in particolare, esistono sia capitali di rischio che investitori privati. Numerosi programmi regionali, nazionali ed internazionali già esistenti prevedono il supporto finanziario allo sviluppo di idee innovative, ma non forniscono assistenza tecnica ai futuri imprenditori tanto nella fase di creazione dell idea imprenditoriale che nella fase di creazione della società e di ingresso nel mercato. L assenza di assistenza e supporto si evince anche in una percentuale piuttosto significativa di fallimenti di nuove idee, sia in fase iniziale che in fase di sviluppo, dovuta anche alla mancanza delle competenze professionali specifiche necessarie ai nuovi imprenditori che vogliono accedere con successo al mercato. Innovation Factory interviene proprio nella fase più cruciale, quella di preincubazione (pre-seed) e continua ad assistere l imprenditore fino alla fase di sviluppo aziendale (start-up), che corrisponde all ingresso nel mercato e alla definizione delle quote di mercato. La tabella 1 ripercorre le tappe principali in ordine cronologico, a partire dalla fondazione di Area Science Park e di Innovation Factory. Tab. 1 - Tappe principali dalla creazione di AREA e Innovation Factory Data Descrizione In seguito al terremoto del 1976, la Regione Friuli ed il Governo italiano hanno stanziato i fondi necessari per la ricostruzione. In questo periodo è nata l idea di creare una struttura, destinata a diventare in seguito Area Science Park, in cui la ricerca e l industria fossero strettamente collegate, allo scopo di potenziare le istituzioni scientifiche già presenti sul territorio, come il Centro Internazionale di Fisica Teoretica (Ictp) di Miramare. Il Consorzio di gestione del Parco è stato istituito grazie alla stretta collaborazione tra il CNR, la Regione Friuli Venezia Giulia, la Provincia di Trieste, il Comune di Trieste e le Università di Udine e Trieste. L ufficio centrale di Area Science Park si trova a 10 km dalla città.

15 1981 All acquisto dei terreni da parte del Ministero degli Interni, avvenuto nel 1981, hanno fatto seguito la ristrutturazione dell area e l attrazione di imprese come possibili locatari Area Science Park accoglie il suo primo locatario Il consorzio è riconosciuto Ente Nazionale di Ricerca ed ottiene il permesso di aprire nuovi uffici non solo a Trieste, ma in tutta la regione Apertura della sede decentrata di Pordenone Apertura della sede decentrata di Gorizia Nascita di Innovation Factory, l incubatore di primo miglio di Area Science Park Innovation Factory è rivolto a: ricercatori e gruppi di ricercatori che vogliono implementare il proprio progetto di start-up; imprenditori che vogliono partecipare alla creazione di nuove aziende nell ambito delle ricerche condotte in collaborazione con gli istituti di ricerca presenti nell area; giovani professionisti che vogliono sviluppare un idea imprenditoriale innovativa. Innovation Factory offre i servizi tipici dell incubatore d impresa quali: unità attrezzate in maniera specifica, aiuto nella valutazione dell idea imprenditoriale dal punto di vista tecnologico, commerciale, legale ed economico, oltre al supporto finanziario vero e proprio che prevede la possibilità di fornire il capitale iniziale. Per promuovere le iniziative imprenditoriali, Innovation Factory ed AREA Science Park, mettono a disposizione dei futuri imprenditori uffici specializzati in: reperimento di brevetti e documenti; analisi tecnica per la convalida del carattere innovativo dell idea imprenditoriale; analisi di mercato e desk analysis. Questo tipo di analisi ha lo scopo di rilevare i punti di forza e di debolezza della proposta imprenditoriale; è utile alla valutazione e alla definizione delle attività cruciali nella fase di pre-incubazione, che sono strettamente collegate al successo della futura azienda. Le attività principali dell incubatore sono la creazione e lo sviluppo di nuove aziende attraverso l assistenza continua (capitale, supporto tecnico-professionale, manageriale e finanziario, servizi d ufficio) che ha la finalità di trasformare un idea innovativa (un business dream ) in un modello imprenditoriale appropriato (un business plan ) e a renderlo coerente con le potenziali esigenze del mercato ( potential customers ). 13

16 A differenza di altri incubatori, Innovation Factory non solo gestisce gli aspetti finanziari, ma sostiene anche l imprenditore in tutte le fasi di sviluppo della società, fornendo assistenza tecnica nella fase di pre-seed, assistenza professionale nel reperimento fondi e servizi nella fase di incubazione, tutor specializzati sia interni che esterni a supporto dell intero processo di sviluppo della società fino alla fase di espansione (posizionamento sul mercato e condivisione delle quote di mercato) per uscirne una volta che il ciclo di incubazione dell azienda è completo e che la società è entrata nel mercato (figura 6). Fig. 6 - Ciclo vitale di uno start-up Fonte: PolyTechnos Venture Partners Il processo di incubazione è così articolato: 14 Fase 1. Valutazione dell idea imprenditoriale Il proponente sottopone al comitato tecnico - scientifico di Innovation Factory una descrizione della propria idea imprenditoriale e un business plan. Fase 2. Pre-incubazione Una volta passata la selezione, il proponente sottoscrive una convenzione e entra a far parte del Gruppo di Sviluppo. Da questo momento in poi, Innovation Factory assiste il futuro imprenditore nella realizzazione della sua idea. Fase 3. Creazione dell impresa di start-up Quando sussistono tutte le condizioni per cui il futuro imprenditore è in grado di operare in autonomia e di vendere il proprio prodotto ai primi clienti, Inno-

17 vation Factory, insieme con il proponente, crea la nuova società. Una volta costituita la società, Innovation Factory diventa azionista di minoranza. Le parti stabiliscono un accordo reciproco che permetterà all imprenditore di acquisire la piena proprietà della società (il meccanismo più opportuno di way out). Di seguito sono descritte nel dettaglio le tre fasi del processo di incubazione: Fase 1. Valutazione dell idea imprenditoriale Innovation Factory intraprende una fase di selezione molto rigorosa, in cui le idee imprenditoriali sono sottoposte ad uno studio di fattibilità e ad una valutazione da parte del Comitato Tecnico, a seguito della quale l idea e il budget iniziali proposti dal potenziale imprenditore possono essere accettati o rigettati (figura 7). La selezione ha lo scopo di assicurare, alla luce delle conoscenze disponibili, che siano accolte solo le idee più innovative e potenzialmente più valide dal punto di vista tecnico, economico e commerciale. Coerentemente con la sua mission, Innovation Factory non intende supportare progetti che possano rappresentare business individuali, ma tende piuttosto a dare priorità alle società con una eventuale portata industriale. Nei primi anni di attività sono state presentate e ospitate 50 nuove idee imprenditoriali, delle quali il Comitato Tecnico ne ha approvate solo 8. 15

18 Fig. 7 - Il processo di selezione delle idee imprenditoriali presso Innovation Factory 16

19 Fase 2. Pre-incubazione Una volta accettata l idea e sottoscritto l accordo iniziale, Innovation Factory fornisce l assistenza tecnica, gestionale e finanziaria necessaria allo sviluppo dell idea imprenditoriale. Il capitale non è gestito direttamente dall imprenditore, ma è Innovation Factory a sostenere tutte o parte delle spese necessarie durante l intero periodo di sviluppo. Le spese sono determinate nel budget iniziale di comune accordo col futuro imprenditore e, successivamente, approvate dall ente di gestione dell incubatore (figura 8). Fig. 8 - Il processo: dal Business Dream al Business Plan Dopo la fase di scouting e di analisi dell'idea innovativa (il "business dream"), gli imprenditori selezionati (i cosiddetti "Gruppi di Sviluppo") entrano nella fase di coaching, la fase più importante dell intero percorso, durante la quale sono chiamati a sviluppare le competenze necessarie per fare impresa. È la fase più delicata dello sviluppo poiché, in questo ambito, le attività dell'incubatore sono finalizzate a ridurre il rischio di fallimento dei futuri imprenditori e a sviluppare le loro competenze imprenditoriali tramite attività di consulenza esterna e di assistenza interna. In questa fase, Innovation Factory offre anche competenze più specialistiche, quali la verifica delle possibilità di brevettabilità della "business idea" (ad esempio un nuovo prodotto) e, grazie alla propria rete di business, inizia a creare un ponte tra l'imprenditore e i suoi nuovi potenziali clienti. I futuri imprenditori affrontano la fase di start-up solo quando sono stati chiaramente identificati gli indicatori economici e finanziari dell idea imprenditoriale e quando sono state acquisite le competenze professionali e le possibili reti di business. Come indicato nella figura 6, Innovation Factory e l imprenditore costituiranno la nuova società solo quando i clienti potenziali preven- 17

20 tivamente indicati dopo aver stabilito che non si tratta soltanto di early buyers chiederanno di acquistare il prodotto/servizio della società. In questo modo, l'incubatore assiste il futuro imprenditore mettendogli a disposizione gli strumenti, le competenze, le risorse e le reti necessarie a verificare la fattibilità tecnologica, economica, legale e commerciale dell idea imprenditoriale. Il processo di supporto assicura: a. Assistenza nell attuazione dei progetti: i futuri imprenditori ricevono assistenza tecnica dallo staff qualificato di Innovation Factory nel corso di tutte le fasi di implementazione del progetto, compresa la fase di valutazione dei risultati e la successiva attività di ri-pianificazione (che include, ad esempio, lo sviluppo del prodotto, la tutela della proprietà intellettuale, l analisi di mercato, i feedback provenienti dai primi contatti, ecc). L incubatore, inoltre, incoraggia lo scambio di informazioni ed esperienze tra gli imprenditori veri e propri e i potenziali imprenditori che si trovano a fronteggiare difficoltà simili nel processo di sviluppo della società. Innovation Factory fornisce loro i servizi e le risorse necessarie a completare con successo il percorso che conduce alla creazione di una nuova impresa. b. Assistenza finanziaria: in occasione di eventi e meeting, le iniziative imprenditoriali sono presentate ad operatori finanziari, tra cui venture capitalist specializzati in seed capital, business angel e banche d affari. c. Servizi dell incubatore: i Gruppi di Sviluppo e le società di start-up possono usufruire dei di servizi messi a disposizione da Innovation Factory e AREA; sia servizi di base (reti ICT, mensa, sale riunioni, ecc.) che opportunità promozionali rilevanti: presentazione alle principali istituzioni locali, press tour, coinvolgimento nelle iniziative di trasferimento tecnologico realizzate da AREA, partecipazione a concorsi di idee imprenditoriali di livello nazionale ed internazionale (TechGarage allo SMAU di Milano, HIT Competition a Barcellona). Nella fase di pre-incubazione, Innovation Factory monitora periodicamente il processo di creazione della nuova impresa: se uno qualsiasi degli obiettivi prefissati dal gruppo di sviluppo non è raggiunto, il processo si arresta ed il gruppo di sviluppo si scioglie senza alcun addebito a carico dell imprenditore. Se tutti gli obiettivi sono raggiunti, Innovation Factory conferma il programma e il budget del gruppo di sviluppo e procede verso la fase Fase 3. Costituzione della società di start up Come già rilevato in precedenza, solo quando i potenziali clienti sono pronti ad acquistare il nuovo prodotto o servizio (diventando in questo modo clienti reali ) l imprenditore ed Innovation Factory concordano la creazione della nuova impresa.

21 L imprenditore, in qualità di azionista di maggioranza, detiene il controllo della società, mentre Innovation Factory, in qualità di azionista di minoranza, rimane nella società per i primi 3 anni con il compito di fornire supporto durante la fase di start-up. Dopo i primi 3 anni, gli azionisti decadono secondo il meccanismo di way out che Innovation Factory ritiene più appropriato. Innovation Factory: il ruolo dell incubatore nel percorso di realizzazione dell impresa Di seguito sono riportate le variabili cruciali, che contribuiscono alla realizzazione di un business dream 1 : 1. risorse; 2. definizione della business idea; 3. competenze; 4. formazione delle abilità imprenditoriali. 1) Innovation Factory e le risorse Gli studi condotti mostrano che il successo di una società è condizionato dalla disponibilità di diverse tipologie di risorse: finanziarie, tecniche e manageriali. Più risorse uniche, inimitabili e insostituibili possiede una società, maggiore è il suo vantaggio competitivo sul mercato. L approccio di Innovation Factory nel supporto ai potenziali imprenditori si basa inizialmente sulla individuazione, di comune accordo, della direzione da seguire e delle attività da intraprendere per prime e si concentra, solo successivamente, sulla tipologia di risorse adatte a quel particolare momento. Innovation Factory ha l obiettivo di finanziare i progetti in maniera diversa rispetto ai venture capitalist. Non fornisce risorse finanziarie al potenziale imprenditore, ma provvede ai servizi necessari, come i computer, gli uffici, i collaboratori. L esperienza di modefinance, secondo Mattia Ciprian: Nella fase di creazione di un business dream, il ricercatore non ha bisogno di risorse finanziarie, ma piuttosto di una effettiva comprensione su ciò che intende fare. Se avessi ricevuto il supporto finanziario senza conoscere le fasi di sviluppo della società, il mercato e i concorrenti con cui mi sarei confrontato, avrei probabilmente sprecato tempo e denaro senza raggiungere alcun risultato ( ). Le risorse finanziarie mi sono servite solo in una fase successiva, soprattutto per sostenere i costi di gestione (computer, stipendio dei collaboratori, spese di marketing e comunicazione, ecc.). Senza il supporto di Innovation Factory nella individuazione del percorso da seguire, non saremmo stati in grado di sostenere le nostre attività future. 1 Fonte: Evidence from Innovation Factory experience of AREA Science Park in Trieste, Francesco Castellaneta. 19

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 Concorso di idee per iniziative imprenditoriali innovative Che cosa è Valore Assoluto è un iniziativa della Camera di Commercio di Bari, giunta al terzo anno di attività e finalizzata

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA Progetto SPIN OVER Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 27 gennaio 2005 progetto Spin Over, a cura del Gruppo iella Nasini e Sandra

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma Ing. Gaetano Trotta Responsabile Unico di Progetto Nata nel 1978, è una Società di Ingegneria

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA Ottobre 12 Si ringrazia La professione della CSR in Italia Pag. 1 Si ringraziano SAS è presente in Italia dal 1987 ed è la maggiore società indipendente di software e

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

PREMIO STOR-AGE. Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO

PREMIO STOR-AGE. Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO PREMIO STOR-AGE Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO Art. 1 Oggetto e finalità Il premio STOR-AGE è un iniziativa volta a supportare lo sviluppo di progetti imprenditoriali

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli