Business P Plan a cura dell Area Consulenza Aziendale TORINO, OTTOBRE 2008 Eurogroup Credito e Consulenza all impresa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Business P Plan a cura dell Area Consulenza Aziendale TORINO, OTTOBRE 2008 Eurogroup Credito e Consulenza all impresa"

Transcript

1 Business Plan a cura dell Area Consulenza Aziendale Relazione di sintesi del progetto T.M.J. TRASPORTI S.a.s. TORINO, OTTOBRE 2008 Eurogroup Credito e Consulenza all impresa Via Perugia 56 Torino Tel Fax

2 INDICE DEGLI ARGOMENTI A. ASPETTI INTRODUTTIVI...3 IL PROGETTO IMPRENDITORIALE E LE ESPRESSIONI STRATEGICHE...3 PREMESSA METODOLOGICA...5 L ORIZZONTE TEMPORALE...6 B. IL PIANO D AZIONE...7 LA STRUTTURA AZIENDALE...7 Cenni storici sulla società e sull attività svolta...7 Compagine Societaria e Management aziendale...9 L ATTIVITA OPERATIVA...10 IL MERCATO DI RIFERIMENTO E LA CONCORRENZA...12 Il mercato di riferimento...12 Analisi e stime tendenziali del mercato...12 Autotrasporto: il contesto di riferimento nazionale...13 Grado di competitività del settore...15 Evoluzione del contesto di riferimento...16 La catena del valore dell autotrasporto...18 Strategie emergenti degli operatori nel mercato dell autotrasporto...19 Attività ausiliarie al trasporto...21 LE IPOTESI DI SVILUPPO...23 IL PIANO PREVISIONALE DI VENDITA...25 La stagionalità...25 Modalità di incasso dei corrispettivi...26 I COSTI DI COMPETENZA...27 I costi esterni variabili...27 Modalità di pagamento dei debiti di fornitura...29 L evoluzione del margine di contribuzione...30 Costi Interni...31 Costi di struttura...32 Canoni di leasing...34 IL CAPITALE IMMOBILIZZATO...35 LE FONTI DI FINANZIAMENTO...36 Debiti bancari a breve termine...36 I finanziamenti di terzi...36 LE FONTI INTERNE...37 LA GESTIONE FISCALE...37 C. RIFLESSI ECONOMICI PATRIMONIALI E FINANZIARI...38 LE SIMULAZIONI PREVISIONALI ECONOMICHE...38 I RIFLESSI PATRIMONIALI...42 I FLUSSI FINANZIARI...43 Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 1

3 D. CONCLUSIONI...44 E. ALLEGATI...46 DESCRIZIONE DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: IPOTESI ANDAMENTO DEI RICAVI...47 ANDAMENTO DEI COSTI...48 INVESTIMENTI...49 FONTI DI FINANZIAMENTO...50 RIFLESSI ECONOMICI...51 RIFLESSI FINANZIARI...53 Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 2

4 A. ASPETTI INTRODUTTIVI IL PROGETTO IMPRENDITORIALE E LE ESPRESSIONI STRATEGICHE La T.M.J. TRASPORTI S.A.S. DI PITARI MANCUSO (FRANCESCA) & C. (d ora in poi T.M.J. TRASPORTI S.a.s.) ha iniziato la sua attività a fine 2004 con il conferimento dell azienda T.M.J. d.i. del titolare Mancuso Joseph, e continua a svolgere l attività di trasporti per conto terzi. La società ha visto crescere il proprio fatturato in maniera costante fino a superare il milione di euro circa. La composizione delle vendite è frazionata tra diversi clienti rappresentati da aziende nazionali ed internazionali. L attività richiede la massima flessibilità a fronte delle consegne urgenti da realizzarsi su tutto il territorio Europeo; l azienda è quindi legata ad una rete di autisti esterni che, con i mezzi aziendali, effettuano le varie consegne. L esercizio 2008 si chiuderà con una crescita notevole rispetto agli anni passati. Al fine quindi di non perdere le opportunità che il mercato offre (ordini in costante crescita) la società ha pianificato il perseguimento dei seguenti obiettivi strategici: Sviluppo delle vendite, seppur contenuto, al fine di aumentare il portafoglio clienti, diversificandolo L azienda si trova nella condizione di poter valutare l ampliamento dell attività esistente attraverso: Acquisto di un immobile strumentale ad uso ufficio e deposito mezzi e merci al fine di trasferirvi l intera attività Affiancamento dell attività di gestione logistica relativa ai trasporti al core business attuale Tali obiettivi si affiancano alla più generale necessità di Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 3

5 Ottimizzazione dei parametri eco patrimoniali idonei al miglioramento del merito creditizio La società identifica nella pianificazione strategica e nella simulazione dinamica delle variabili oggetto di analisi un utile strumento per valutare la fattibilità finanziaria delle proprie scelte e l impatto delle stesse sulla struttura economica e finanziaria di bilancio. Inoltre il monitoraggio dei principali indicatori di bilancio, inteso come strumento di consapevole diagnosi e valorizzazione aziendale, costituisce anche un importante avvicinamento alle tecniche che il sistema finanziario adotta per censire, valutare ed affidare le aziende nella propria opera di gestione del credito alle imprese - sistemi di rating interni. Nel presente elaborato verrà esaminato e valutato il progetto d impresa nei due scenari alternativi relativi a: 1) Continuazione della ordinaria attività (trasporti urgenti conto terzi) in ipotesi di mercato costante; 2) Affiancamento all attività di core business della LOGISTICA TRASPORTI per nuovi clienti. Tale sviluppo aziendale richiederebbe lo spostamento dell attività in un unica sede (ipotesi acquisto immobile). Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 4

6 PREMESSA METODOLOGICA Il presente elaborato ha la funzione di riassumere ed esporre la rappresentazione dinamica e previsiva dello sviluppo del piano d impresa della T.M.J. TRASPORTI S.a.s. Riepilogare il progetto imprenditoriale significa: o definire le sue linee strategiche e quindi gli obiettivi di medio periodo; o ottenere la simulazione dei flussi attesi economici e finanziari e quindi i prevedibili equilibri patrimoniali e performance economiche; o ricavare e ricercare, mediante approcci sistematici, valutazioni di fattibilità economica e finanziaria e quindi di opportunità. Al fine di leggere la dinamica di questa iniziativa d impresa sarà quindi necessario coordinare ed esporre determinati aspetti: o strategici, con la definizione degli obiettivi di medio termine; o monetari (economici, finanziari, patrimoniali), tramite la rigorosa selezione delle migliori ipotesi oggi sviluppabili, integrate sulla base dei trend attesi (ispirati da dati e proiezioni in parte fondate su dati terzi ed in parte ricavate dall esperienza e sensibilità imprenditoriale); o operativi, attinenti alle caratteristiche di scenario ed operative di organizzazione e sviluppo dei servizi offerti; o logiche, qualitativi e quantitativi, attinenti alla attendibilità delle ipotesi selezionate, poste a base del business plan. Per questo il documento è articolato in diverse sezioni nelle quali sono esposti gli elementi essenziali e qualificanti del progetto imprenditoriale. Il tutto con la chiara evidenza ai fini delle valutazioni del lettore delle ipotesi assunte a base delle elaborazioni qui presentate. L esplicitazione delle ipotesi consente al lettore della presente relazione di conoscere, e quindi valutare, anche i presupposti e le riflessioni di contorno allo specifico sviluppo dei calcoli dei flussi. Tale approccio rispecchia in modo rigoroso il richiamo ai principi della Chiarezza Sostanziale e Trasparenza, facenti parte dei Principi generali per la Redazione del Business Plan emanati dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti nel marzo 2001 e rivisti nel Come del pari è il riferimento a quei principi a caratterizzare l intero processo di selezione, elaborazione e valutazione di tutti gli elementi che compongono il presente lavoro. Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 5

7 L ORIZZONTE TEMPORALE L orizzonte temporale scelto al fine della simulazione in oggetto ( ) è stato definito considerando: o un orizzonte sufficiente a dare evidenza dell efficacia del miglioramento del merito creditizio e dei parametri patrimoniali economici e finanziaria che sottendono alle valutazioni di Rating; o che previsioni troppo lontane nel tempo non possono essere fondate su riscontri qualitativi e quantitativi affidabili, ma è comunque importante espandere le simulazioni dinamiche fondandole sull ipotesi di trend. A tali scopi si è scelto un orizzonte temporale di 4 esercizi. Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 6

8 B. IL PIANO D AZIONE LA STRUTTURA AZIENDALE CENNI STORICI SULLA SOCIETÀ E SULL ATTIVITÀ SVOLTA La T.M.J. TRASPORTI S.A.S. ha iniziato la sua attività a fine 2004 con il conferimento dell azienda T.M.J. d.i. (nata nel 1997) del titolare Mancuso Joseph, e continua a svolgere l attività di trasporti urgenti per conto terzi. Il servizio riguarda il trasporto di ogni genere di prodotto merceologico utilizzando i veicoli specifici per svolgere l incarico affidato. L azienda ha un parco mezzi composto da 22 veicoli aventi varie portate e tutti muniti di rilevatore di posizione satellitare. Nello specifico le caratteristiche del servizio offerto dalla T.M.J TRASPORTI S.a.s. possono essere così riepilogate: Trasporti e spedizioni nazionali ed internazionali con consegne e ritiri espressi; Servizio capillare su tutto il territorio europeo. No stop 24 ore su 24; Trasporti espressi europei con veicoli di portata non superiore a 35 q.li; Specializzati in urgenze gran volumi; Servizio con controllo totale del mezzo; Contatto telefonico con l'autista ogni 2 ore max; Assicurazione All Risck sulla merce trasportata; Assicurazione a richiesta sulla merce di valore superiore alle norme; Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 7

9 Furgoni muniti di navigatore satellitare Certificate Quality System; Servizio 24h non stop; Furgoni maxi volumi max. 29 m³; Per i clienti esigenti doppio autista con controllo satellitare del mezzo; Trasporto merci con ATV blindata; Servizio accompagnamento Managers da Caselle. Le sedi legale ed operativa sono site in via della Speranza a Beinasco (TO), dove sono ubicati gli uffici (in affitto); immobile strumentale di proprietà dell azienda sito a Cumiana e porzione di capannone a Bruino adibita a deposito mezzi. Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 8

10 COMPAGINE SOCIETARIA E MANAGEMENT AZIENDALE La compagine societaria è così costituita: Mancuso Joseph (49), Pitari Francesca (51%, socio accomandatario). Compagine societaria 51,00% 49,00% Mancuso Joseph Pitari Francesca Il Capitale Sociale versato è pari a 1.000,00. L Amministrazione della società è demandata a Pitari Francesca. Entro fine 2008 si modificherà la compagine societaria: o Mancuso Joseph (51% - socio accomandatario amministratore); o Pitari Francesca (14%); o Mancuso Francesco (35%). Il capitale sociale verrà aumentato a ,00 Euro. Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 9

11 L ATTIVITA OPERATIVA La T.M.J. TRASPORTI S.a.s. si occupa di trasporti urgenti. Il servizio riguarda il trasporto di ogni genere di prodotto merceologico utilizzando i veicoli specifici per svolgere l incarico affidato. L azienda ha infatti un parco mezzi composto da 22 veicoli aventi varie portate e tutti muniti di rilevatore di posizione satellitare. E molto importante per l azienda la flessibilità e l organizzazione del servizio per poter soddisfare le esigenze delle aziende clienti. Negli uffici siti a Beinasco vengono raccolte le telefonate in entrata (richiesta di preventivi o del servizio di trasporto) e successivamente vengono organizzati i viaggi in base ai mezzi e agli autisti disponibili. Gli autisti, detti padroncini, sono tutti esterni; una volta contattati questi recuperano il mezzo al deposito sito a Bruino, il rapporto del viaggio (committente, bene, destinatario e località) ed iniziano il loro servizio, la cui destinazione la maggior parte delle volte è in Europa. Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 10

12 Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 11

13 IL MERCATO DI RIFERIMENTO E LA CONCORRENZA IL MERCATO DI RIFERIMENTO Appare opportuno descrivere sinteticamente il contesto e l evoluzione che condizione l intera attività della T.M.J. TRASPORTI S.a.s. per supportare le scelte strategiche effettuate dal management aziendale. Tale analisi è qui condotta procedendo secondo il seguente iter logico: 1. Analisi e stime tendenziali del mercato; 2. Autotrasporto: il contesto di riferimento nazionale; 3. La catena del lavoro dell autotrasporto; 4. Grado di competitività del settore; 5. Evoluzione del mercato di riferimento; 6. Strategie emergenti degli operatori nel mercato dell autotrasporto; 7. Attività ausiliarie al trasporto. ANALISI E STIME TENDENZIALI DEL MERCATO Aspetti macroeconomici 1 Nel 2007 il trasporto di merci su strada ha beneficiato del positivo andamento dell economia nel primo semestre dell anno ed è stato solo parzialmente condizionato dal rallentamento dell economia nazionale dell ultimo trimestre. La crescita delle esportazioni hanno favorito il trasporto internazionale (+7%), però anche quello nazionale mostra una crescita sebbene più contenuta (+5,4%). Il panorama competitivo del settore conferma il lento processo di modernizzazione che vede da un lato la crescita delle imprese di medie e grandi dimensioni e dall altro la riduzione del numero delle piccole imprese, penalizzate dalle più stringenti normative di sicurezza e dalla difficoltà ad offrire servizi a valore aggiunto che consentano di sfuggire alla competizione tariffaria. La competizione tra le imprese è legata, oltre agli aspetti tariffari, alla qualità del servizio (organizzazione, tempi di resa, tracciabilità e cura del carico e flessibilità rispetto alle esigenze del cliente) e al controllo di spezzoni crescenti della filiera logistica. Le previsioni di crescita del settore non vanno oltre il 5% rispetto al 2007, tenendo conto anche degli adeguamenti di prezzo resi necessari dall aumento dei costi del carburante. Il trasporto nazionale subisce gli effetti della difficile congiuntura economica, che 1 Fonte Databank Autotrasportatori e Corrieri Agosto ^ edizione. Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 12

14 si ripercuote sulla domanda di trasporto, mentre nel trasporto internazionale le previsioni sono più positive grazie alla tenuta delle esportazioni e alle politiche di espansione adottate da alcuni anni dai principali operatori. AUTOTRASPORTO: IL CONTESTO DI RIFERIMENTO NAZIONALE 2 3 Il trasporto è sempre più una funzione integrata nel ciclo dell ordine delle aziende e delle filiere. Esso svolge un ruolo di interconnessione tra nodi logistici e assolve alle relative esigenze di bilanciamento delle capacità di stoccaggio e servizio. Il sistema dei trasporti in Italia si avvaleva nel 2004 di una rete formata (dati Istat): km autostrade; Oltre km di strade statali e di interesse regionale; km di strade provinciali; km di ferrovie. Su questa rete si spostano: 57 milioni di residenti; 240 miliardi di tonnellate - km l anno di merci. Il trasporto merci su strada sposta circa 197 miliardi di tonnellate-km anno, di cui 21 miliardi effettuato da imprese che operano conto proprio, e 176 miliardi dalle imprese che operano conto terzi. Il settore del trasporto merci su strada in Italia si caratterizza per i seguenti aspetti: è fortemente trasversale a tutti gli altri settori dell' economia del paese, del quale costituisce un aspetto fondamentale, letteralmente senza di esso l'italia non si muove; 2 Fonte Format-convegno del 29/09/2006: Truckway la sfida dell autotrasporto italiano tra liberalizzazione e sicurezza Roma. 3 Fonte Format-convegno del 14/09/2007: Truckway la sfida dell autotrasporto italiano tra liberalizzazione e sicurezza Roma. Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 13

15 rappresenta il 3,3% del Prodotto interno lordo (l'intero settore dei trasporti, incluso il trasporto delle persone, la logistica, ecc. pesa sul Pil il 10% circa); è caratterizzato da un elevato livello professionale e da un elevato livello di produttività delle aziende di trasporto" conto terzi"; elevata frammentazione delle imprese italiane. La normativa che regola il settore dei trasporti si caratterizza innanzitutto per un elevato livello di complessità, superiore a quella di molti altri settori, dovuta alla necessità di salvaguardare non solo i rapporti di lavoro, la concorrenza e gli equilibri tra domanda e offerta di servizio, ma anche altri elementi di utilità sociale, relativi ad esempio alla sicurezza del trasporto e al rispetto dell'ambiente e della sicurezza dei cittadini. Tuttavia, il settore dell autotrasporto (e l economia del paese) appare fortemente condizionato da una rete di infrastrutture insufficienti a garantire una efficiente movimentazioni di cose e persone. Gli interventi richiesti dall associazione di categoria alle Istituzione sono: incremento delle infrastrutture ferroviarie, ma soprattutto stradali; aumento della capacità delle grandi arterie dal 30 al 50%; maggiore coordinazione e pianificazione degli interventi realizzati. Alcuni numeri sul settore dell autotrasporto Le imprese registrate all' Albo degli autotrasportatori conto terzi ad oggi sono circa (fonte Albo degli autotrasportatori). Le regioni con le concentrazioni maggiori di imprese del settore dell' autotrasporto sono la Lombardia, l'emilia Romagna, il Veneto, la Sicilia e il Lazio. Il 53,1 % di tutti i lavoratori del settore trasporti in Italia opera nel settore delle merci su strada (Istat 2003). Poco più del 60% delle imprese dispone di 3 addetti o meno di tre addetti. Circa l 8% delle imprese ha oltre 15 addetti. Poco più dell'85% delle imprese sono ditte individuali o società di persone (il 64% delle imprese sono ditte individuali). Il 12% sono società di capitale. Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 14

16 Il 66,5% delle imprese del settore possiede da 1 a 3 veicoli. Il 4,4% delle imprese del settore possiede oltre 25 veicoli, considerando anche i rimorchi e i semirimorchi. Considerando solo i propulsori, il 71,2% delle imprese possiede 1/3 unità di traino. Per quanto il parco veicolare si stia rinnovando (sia pure lentamente), il 18% delle imprese possiede ancora veicoli con oltre 10 anni. Nel complesso l'età media dei veicoli è pari a 7 anni. Il 38% circa delle imprese percorre oltre Km/anno per veicolo. Il 40% circa delle imprese trasporta merci prevalentemente nella propria provincia, il 27,4% circa a livello regionale, il 28,3% circa a livello nazionale, il 2,2% a livello U.E. Per un maggior approfondimento si faccia riferimento agli allegati. GRADO DI COMPETITIVITÀ DEL SETTORE 4 Nonostante sia in atto un processo di graduale concentrazione, la struttura del settore dell autotrasporto in Italia rimane decisamente caratterizzato da una forte polverizzazione e dalla diffusa presenza di imprese medio-piccole. Ciò determina un elevato livello di competizione, in particolare sui segmenti più indifferenziati dei servizi di autotrasporto, e un generale basso potere contrattuale delle aziende medio-piccole nei confronti dei clienti, con tutta una serie di ricadute di natura contrattuale, prima tra tutta la limitata possibilità di praticare proporzionali adeguamenti delle tariffe in seguito all aumento dei costi. Le imprese di maggiori dimensioni, spesso di origine estera, oltre a beneficiare di un maggiore potere contrattuale, sono anche più competitive sul fronte dei costi grazie: alla maggiore standardizzazione dei processi interni e dei servizi erogati al cliente; all utilizzo di reti di padroncini o di imprese di piccole dimensioni a ci delegano l attività di trasporto negli ultimi stadi del processo, in genere da magazzino periferico a cliente. 4 Fonte: L auto trasportatore alle soglie di nuove sfide promosso da F.A.I., in collaborazione con TRADE.LAB. Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 15

17 Il fatto che i grandi operatori riescano quindi a competere meglio mette in ulteriore difficoltà le imprese di piccole dimensioni. Per le imprese italiane di autotrasporto non costituisce un motivo di preoccupazione l abolizione delle tariffe fisse, in quanto già scarsamente utilizzate. Più temuto appare invece l incremento della competizione derivante dall ingresso sul mercato di imprese estere, in grado di ridurre notevolmente i prezzi sfruttando i minori costi del personale e, nel caso di piccole e medie imprese, una minore propensione al puntuale rispetto delle normative di legge. EVOLUZIONE DEL CONTESTO DI RIFERIMENTO 5 Il ruolo del segmento del trasporto nella catena logistica è in profondo mutamento. Il trend complessivo infatti prevede, in linea di massima, la presenza di diversi percorsi evolutivi a livello generale: consegne più piccole e frequenti; consegne più urgenti e con finestre temporali di scarico più brevi; percorrenze più lunghe. Questi percorsi sono guidati dalla contemporanea evoluzione dell'offerta di servizi di trasporto (che non ha presentato mutamenti sostanziali di una situazione basata sull'elevata frammentazione del settore) e, soprattutto, della relativa domanda da parte delle imprese clienti. La modalità di trasporto su gomma continua e continuerà ad essere, rispetto a tutte le altre, quella assolutamente prevalente. Nonostante i rilevanti investimenti che si vanno concentrando a livello comunitario e nazionale sulle altre modalità, sulle 5 Fonte: L auto trasportatore alle soglie di nuove sfide promosso da F.A.I., in collaborazione con TRADE.LAB. Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 16

18 ferrovie, sui porti, sugli interporti e, non ultima, sulle cosiddette autostrade viaggianti (cabotaggio marittimo), la realtà è che le aziende italiane esigono attributi di servizio che oggi solo il trasporto stradale può offrire: affidabilità e conformità del sevizio, prezzo, tempo totale del door-to-door, flessibilità dei servizi. Le caratteristiche delle attività di trasporto, e quindi dei servizi offerti dagli autotrasportatori, continueranno dunque a essere guidate da questa evoluzione della domanda, oltre che dalle altre variabili strutturali. La domanda si declinerà naturalmente in modo diverso a seconda della fase del processo logistico complessivo in cui l'autotrasporto si inserisce (navettaggio, logistica inbound, logistica outbound o distribuzione ai punti vendita/consegna consumatori finali), influenzando quindi la quantità e la qualità dei servizi accessori da associare a quelli di puro trasporto. La dinamica dei ricavi nel settore è strettamente connessa all evoluzione della congiuntura economica, trovando piena corrispondenza nel tasso di crescita del PIL. Sul fronte dei costi nel recente passato la congiuntura ha registrato un forte aumento dei prezzi delle materie prime (dovuto al concorrere di fattori strutturali, come la crescita della domanda dai paesi in via di sviluppo, e speculativi di breve termine), e in particolare di quelle petrolifere. Questo aumento, unito alla presenza di una forte imposizione fiscale sui combustibili e di una notevole concentrazione nel settore della loro distribuzione, ha contribuito a far crescere notevolmente una delle principali voci di costo delle imprese, quella dei carburanti. Sul fronte delle altre voci di costo che impattano sui bilanci degli autotrasportatori, non si sono aperti particolari spiragli di riduzione, ad esempio per il costo del personale, che anzi nel prossimo futuro potrebbe andare incontro a una sostanziale perdita di produttività, dovuta all'entrata in vigore di nuove norme che riducono gli orari di lavoro. Non sono ancora stati raggiunti, inoltre, particolari guadagni di efficienza in altre aree aziendali, come ad Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 17

19 esempio l'incremento della saturazione media degli automezzi o la riduzione del numero di viaggi effettuati a vuoto dagli automezzi sulle tratte di ritorno. Le imprese hanno in generale limitate possibilità di trasferire ai clienti eventuali aumenti dei costi, in particolare per quelli indiretti, derivanti ad esempio dalla congestione del traffico o dai limiti e vincoli di legge a quest'ultimo. Su questo fronte, inoltre, si va incontro al rischio di un inasprimento delle tariffe sulle infrastrutture di comunicazione, volte alla riduzione dei livelli di congestione e inquinamento. Dal punto di vista dell'intermodalità, infine, le aziende di autotrasporto si mostrano scettiche sulla sua possibilità che essa diventi un valido concorrente del trasporto monomodale su gomma. Questo scetticismo è giustificato, oltre che dalla difesa del proprio ambito competitivo, da considerazioni relative: alla mancanza di chiarezza sulle prospettive di sviluppo che aiuti a creare massa critica su questo fronte; alla maggiore convenienza nelle attuali condizioni di volumi e distanze servite, del trasporto su gomma. LA CATENA DEL VALORE DELL AUTOTRASPORTO 6 Per analizzare i processi che si svolgono nelle imprese dell'autotrasporto si è ricorsi a una rielaborazione della "Catena del Valore". La catena del valore propone un disaggregazione dell'azienda nelle sue attività strategicamente rilevanti, per comprenderne l'andamento dei costi e le fonti di differenziazione esistenti e potenziali. Le attività strategicamente rilevanti possono essere distinte in attività primarie e di supporto. Le attività primarie nel settore dell autotrasporto possono essere modellate sulla base del processo carico-trasporto-scarico (tenendo conto che, se rilevante, un'attività di gestione di un piccolo magazzino internamente all'azienda può essere considerato congiuntamente al Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 18

20 trasporto), mentre i servizi di pre e post vendita alla clientela possono essere considerati un insieme separato dal processo di erogazione del servizio. Attività di supporto Attività primarie Amministrazione, controllo di gestione e finanza Gestione e sviluppo delle risorse umane Sistemi informativi Vendite e marketing Carico Trasporto Scarico Servizi pre e post vendita Margine Per quanto riguarda invece le attività di supporto, trattandosi di imprese di servizi, nel caso degli autotrasportatori l'approvvigionamento può essere considerato insieme all'amministrazione, controllo di gestione e finanza, ed essere invece sostituito, come attività a sé stante, dalle vendite e marketing. A queste ultime si aggiungono la Gestione e sviluppo delle risorse umane e Sistemi informativi. STRATEGIE EMERGENTI DEGLI OPERATORI NEL MERCATO DELL AUTOTRASPORTO 7 A fronte delle nuove esigenze sorte nel settore, dell evoluzione della marginalità e della competizione all interno del settore illustrata in precedenza, diventa sempre meno perseguibile una strategia improntata al conseguimento di soli vantaggi di costo, strategia a cui non si può rinunciare, ma che non può davvero più essere l'unica da utilizzare dal punto di vista competitivo. Al contrario, gli elementi per un migliore approccio al mercato risiedono soprattutto nella capacità di garantire affidabilità, flessibilità e personalizzazione del servizio ai clienti, attraverso: 6 Fonte: L auto trasportatore alle soglie di nuove sfide promosso da F.A.I., in collaborazione con TRADE.LAB. Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 19

21 la segmentazione e l'analisi della domanda, volta a identificare le attività ausiliarie a maggiore valore aggiunto per i clienti, l'accrescimento dei livelli di specializzazione dell'offerta sui segmenti (ad esempio, per tipologia di prodotti trasportati) che è possibile servire meglio e in modo differenziante rispetto ai concorrenti, l'innovazione/inserimento di servizi accessori a maggior valore aggiunto, in grado di differenziare le imprese, andare incontro in modo migliore alle esigenze della domanda e ottenere ricavi potenzialmente più alti; la collaborazione/integrazione con altri attori della filiera, se si rende necessaria per raggiungere gli obiettivi sopra Indicati. Le sfide che gli autotrasportatori devono affrontare fanno riferimento anche alla necessità di recuperare efficienza sotto diversi punti di vista. Le aree aziendali in cui è possibile intervenire variano da impresa a impresa, ma possono riguardare la gestione degli acquisti, l'amministrazione, le spese generali e i sistemi informativi in senso lato. Dal punto di vista delle attività primarie a maggior valore aggiunto (carico, trasporto, scarico, eventuale gestione del magazzino e servizi di pre e post vendita), il recupero di efficienza passa per l'implementazione di nuove tecnologie, modalità di organizzazione dell'attività e scelte strategiche in grado di garantire una migliore programmazione dei viaggi sia in andata, sia in ritorno, al fine di limitare l'incidenza di viaggi non a pieno carico. Un esempio di tecnologia utile da questo punto di vista è quella dei cosiddetti noli on-line, ossia di sistemi via Internet per la gestione dei viaggi di ritorno condivisa tra imprese diverse operanti su mercati locali differenti. Scelte strategiche che vadano nella stessa direzione sono quelle relative ad alleanze o accordi, magari anche solo temporanei per partecipare a specifiche gare, tra imprese diverse, meglio se operanti in ambiti geografici non sovrapposti e, anzi, complementari. Sul fronte delle attività di supporto, che generano un minor valore diretto per il cliente, il recupero dell'efficienza passa per l'industrializzazione dei 7 Fonte: L auto trasportatore alle soglie di nuove sfide promosso da F.A.I., in collaborazione con TRADE.LAB. Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 20

22 processi, l'investimento in strumenti informatici per lo snellimento delle attività di back office, la specializzazione delle risorse umane a loro dedicate e lo sviluppo delle competenze in questa direzione. L'aumento dei volumi di traffico gestiti, che di per sé favorisce il recupero di efficienza nelle attività sia primarie, sia di supporto, difficilmente sembra poter derivare dalla costituzione di accordi o consorzi tra le imprese operative nello stesso ambito locale (prodromi di potenziali fusioni tra operatori), a causa della forte individualità che caratterizza le aziende, e che quindi ne limita fortemente le possibilità di successo. Nonostante questo, è in atto un processo, sia pure lento, di concentrazione del settore, che anch'esso costituisce una sfida per le aziende e che dovrebbe spingere verso una situazione più simile a quella di altri paesi europei. Questa nuova sfida competitiva relativa allo sviluppo dimensionale si associa, dal punto di vista dell'evoluzione delle imprese, a quella del ricambio generazionale e del progressivo, anche se difficile, abbandono di strutture organizzative basate esclusivamente sui componenti famigliari come asse portante. L'aumento dei livelli di capitalizzazione costituisce un argomento che difficilmente si può rimandare, vista la scarsa solidità patrimoniale delle imprese e le conseguenze che, come si è già visto, questo può avere alla luce degli accordi di Basilea Il che entreranno in vigore dal Questi, dunque, costituiscono da un certo punto di vista un'occasione per il riassetto patrimoniale del settore, anche se ciò significherà ridurre i ritorni medi sul capitale investito. ATTIVITÀ AUSILIARIE AL TRASPORTO 8 Lo spedizioniere, nelle sue varie declinazioni spesso raggruppate genericamente nella definizione di attività ausiliarie al trasporto, è dunque l anima di un rinnovamento vincolato da una serie di parametri rigidi imposti dalla domanda, quali: la scarsa disponibilità di risorse finanziarie; i contenuti margini di tempo a disposizione; la ridotta volontà di accorpamento logistico tra imprese clienti. In base a tali parametri l offerta ha disegnato un sistema logistico di supporto i cui tratti caratteristici fondamentali possono essere riassunti nei seguenti punti: carichi medi molto contenuti; frequenza degli spostamenti molto elevata; 8 Fonte Rapporti Periodici ISFORT. Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 21

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2015 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzi: Amministrazione, Finanza e Marketing e Articolazione Sistemi informativi aziendali Svolgimento

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di: Esaminare i prospetti economico/finanziari che compongono un Business Plan. Per rendere

Dettagli

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 IL BUSINESS PLAN Il business plan è quel documento con il quale si descrive, si pianifica e si valuta l idea imprenditoriale. In esso i promotori effettuano un'analisi

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI 1 LA STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA LA STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA DECISIONI RILEVANTI: DI UN AZIENDA COMPRENDE TRE DECISIONI DI DIVIDENDO

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

Linee Guida per la redazione del Piano economico-finanziario

Linee Guida per la redazione del Piano economico-finanziario Linee Guida per la redazione del Piano economico-finanziario LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Con la presente nota l Amministrazione Comunale fornisce alcune linee guida per

Dettagli

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CAVA DE' TIRRENI viale GUGLIELMO MARCONI, 52 Capitale Sociale versato e 100.000,00 C.C.I.A.A. SALERNO n. R.E.A317123 Partita IVA: 03734100658 Codice Fiscale: 03734100658 Nota Integrativa al bilancio

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

L inquadramento teorico

L inquadramento teorico I preventivi economicofinanziari L inquadramento teorico Università di Pisa Le previsioni economiche: i ricavi di vendita Solitamente la prima variabile ad essere stimata corrisponde ai ricavi di vendita

Dettagli

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CECINA - VIA MAGONA, ND Fondo consortile Euro 186.000 di cui versato Euro 172.114 Iscritta alla C.C.I.A.A. di LIVORNO Codice Fiscale e N. iscrizione Registro Imprese 01228620496 Partita IVA: 01228620496

Dettagli

RELAZIONE DI STIMA RELATIVA AL POSSIBILE VALORE DI CESSIONE DELLE QUOTE DI SOCIETA DA COSTITUIRE

RELAZIONE DI STIMA RELATIVA AL POSSIBILE VALORE DI CESSIONE DELLE QUOTE DI SOCIETA DA COSTITUIRE RELAZIONE DI STIMA RELATIVA AL POSSIBILE VALORE DI CESSIONE DELLE QUOTE DI SOCIETA DA COSTITUIRE Il sottoscritto Vladimiro BOLDI COTTI, Dottore Commercialista con Studio in Mantova (MN), Via Cremona n.

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN Cos è il BUSINESS PLAN? E un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

Allegato n. 4 SCHEDA TECNICA DI PROGETTO

Allegato n. 4 SCHEDA TECNICA DI PROGETTO SCHEDA TECNICA DI PROGETTO 1 Sezione 1: Soggetto proponente 1.1. Scheda anagrafica 1. Denominazione e forma giuridica 2. Partita IVA 3. Sede legale 4. Settore di attività e codice classificazione ATECO

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA al bilancio chiuso al 31/12/2010

NOTA INTEGRATIVA al bilancio chiuso al 31/12/2010 ONLUS NOTA INTEGRATIVA al bilancio chiuso al 31/12/2010 Associazione AGIRE onlus Agenzia Italiana per la Risposta alle Emergenze sede legale in Roma via Tevere 20 sede operativa in Roma Via Aniene 26A

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli

CANOTTIERI SERVIZI SRL A SOCIO UNICO. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

CANOTTIERI SERVIZI SRL A SOCIO UNICO. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in MANTOVA - VIA SANTA MARIA NUOVA, 15 Capitale Sociale versato Euro 10.000,00 Registro Imprese di MANTOVA n. 243667 Partita IVA: 02330440203 - Codice Fiscale: 02330440203 Nota Integrativa al bilancio

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA al bilancio chiuso al 31/12/2012

NOTA INTEGRATIVA al bilancio chiuso al 31/12/2012 NOTA INTEGRATIVA al bilancio chiuso al 31/12/2012 Associazione AGIRE ONLUS Agenzia Italiana per la Risposta alle Emergenze sede legale in Roma via Tevere 20 sede operativa in Roma Via Aniene 26A codice

Dettagli

BUDGET E CASH FLOW: LA GUIDA DEFINITIVA

BUDGET E CASH FLOW: LA GUIDA DEFINITIVA I manuali di Budgetonline.it BUDGET E CASH FLOW: LA GUIDA DEFINITIVA 1 SEZIONE 1: LO SCHEMA OPERATIVO La tecnologia più utilizzata perché universalmente conosciuta e praticata è certamente rappresentata

Dettagli

al budget di cassa mensile

al budget di cassa mensile un esempio molto semplice : dal bilancio previsionale al budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO PASSIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche Scorte 100.000 Capitale

Dettagli

IL BUSINESS PLAN E IL PIANO OPERATIVO VERSIONE PER LE SCUOLE

IL BUSINESS PLAN E IL PIANO OPERATIVO VERSIONE PER LE SCUOLE Il presente documento è stato redatto da UniCredit SpA esclusivamente con finalità educative nell ambito del Programma In-formati per la presentazione in aula dei relativi contenuti. L utilizzo ai fini

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1 un esempio molto semplice con la redazione di : bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN. Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali

LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN. Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali AGENDA CARATTERI GENERALI DELLA FUNZIONE FINANZIARIA PERCHE L AZIENDA NECESSITA

Dettagli

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario Il Business Plan Roma, 15 maggio 2014 1 Definizione, obiettivi e requisiti [1/2] OBIETTIVI DEL BUSINESS

Dettagli

Piscina comunale coperta

Piscina comunale coperta Piscina comunale coperta Comune di Sommacampagna Piano economico finanziario PAGE 1 Indice Premessa..... pag. 3 Valutazione del bacino d utenza...... pag. 5 Il Progetto........ pag. 8 Piano economico finanziario

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di rispondere a queste tre domande: Cosa devo concretamente scrivere in un business plan?

Dettagli

Analisi di bilancio per indici

Analisi di bilancio per indici Analisi di bilancio per indici Al 31/12/n la Carrubba spa, svolgente attività industriale, presenta la seguente situazione contabile finale: SITUAZIONE PATRIMONIALE Software 20.000,00 Fondo ammortamento

Dettagli

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN RICHIEDENTE Azienda, ragione sociale Indirizzo Persona di contatto Numero di telefono E-mail Luogo e data Firma e qualifica della persona autorizzata Business

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA Anno 2000 Tema di: ECONOMIA AZIENDALE Il candidato sta esaminando, con alcuni amici neo-diplomati, la possibilità di iniziare un attività imprenditoriale in

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Esame di Stato anno scolastico 2014/2015 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio 1 di 6 La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio Come possono essere classificate le operazioni di gestione? La gestione aziendale è l insieme coordinato di operazioni attraverso le quali l impresa

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Rapporto fiduciario

SCHEMA DI SINTESI. Rapporto fiduciario GESTIONED IMPRESA ACCESSO AL CREDITO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI APPROFONDIMENTI ESEMPI FASCICOLO BANCHE COME NUOVO STRUMENTO DI COMUNICAZIONE FINANZIARIA (valutazione del merito creditizio) La crescente

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale La traccia assegnata come seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico Economico Aziendale) è incentrato

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Usando la cassa come misura della liquidità, l azienda è più o meno liquida alla fine dell esercizio di quanto fosse al 1 gennaio?

Usando la cassa come misura della liquidità, l azienda è più o meno liquida alla fine dell esercizio di quanto fosse al 1 gennaio? Copyright 2008 The Companies srl Capitolo 5 Il conto economico e la misurazione dei costi Problemi Problema 5-1 Ace SpA opera in un economia con alti livelli inflazionistici. Il 1 gennaio l indice dei

Dettagli

6. IL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO

6. IL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO 6. IL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO 6.1 Le ipotesi alla base del Piano economico-finanziario Il Piano economico-finanziario risponde a due esigenze fondamentali: - completare il processo di pianificazione

Dettagli

Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003

Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003 Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003 Indice pag. Premessa 3 Valore e costi della produzione consolidati 4 Posizione finanziaria netta consolidata 5 Note di commento 6 Stato

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014.

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. PREMESSA Per partecipare al concorso è necessario compilare il modulo Progetto d impresa

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

Bilancio di previsione 2012-2014 del Consorzio Grosseto Lavoro. (redatto ai sensi dell art. 18 comma 2 dello Statuto)

Bilancio di previsione 2012-2014 del Consorzio Grosseto Lavoro. (redatto ai sensi dell art. 18 comma 2 dello Statuto) Bilancio di previsione 2012-2014 del Consorzio Grosseto Lavoro (redatto ai sensi dell art. 18 comma 2 dello Statuto) Sommario Premessa... 2 1. La missione e gli obiettivi... 3 2. Il rapporto con gli Enti

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A.

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. Sede ad Annone Veneto (VE), Viale Trieste, n. 11 Capitale sociale: 7.993.843, i.v. Codice fiscale, partita IVA e n. di iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

BUDGET IL BUDGET COME STRUMENTO AZIENDALE

BUDGET IL BUDGET COME STRUMENTO AZIENDALE BUDGET Il budget è un documento amministrativo in cui vengono stabiliti in via preventiva gli atti di gestione che l'azienda intende effettuare in un periodo futuro, al fine di conseguire un determinato

Dettagli

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara MODULO DI MARKETING Università di Ferrara 1 Lezione 2 DALLA STRATEGIA AL BUSINESS PLAN Università di Ferrara 2 Sommario Comprendere il ruolo e la funzione del BP Analizzare la struttura-tipo di un BP Analizzare

Dettagli

ESAME DEL PRINCIPIO CONTABILE N. 12 COMPOSIZIONE E SCHEMI DEL BILANCIO DI ESERCIZIO DI IMPRESE MERCANTILI, INDUSTRIALI E DI SERVIZI - 30 MAGGIO 2005

ESAME DEL PRINCIPIO CONTABILE N. 12 COMPOSIZIONE E SCHEMI DEL BILANCIO DI ESERCIZIO DI IMPRESE MERCANTILI, INDUSTRIALI E DI SERVIZI - 30 MAGGIO 2005 ESAME DEL PRINCIPIO CONTABILE N. 12 COMPOSIZIONE E SCHEMI DEL BILANCIO DI ESERCIZIO DI IMPRESE MERCANTILI, INDUSTRIALI E DI SERVIZI - 30 MAGGIO 2005 di Lorenzo Gelmini Premessa Il Principio contabile n.

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

TEMI DI DISCIPLINE GIURIDICHE

TEMI DI DISCIPLINE GIURIDICHE TEMI DI DISCIPLINE GIURIDICHE Tema n. 1: Dopo aver brevemente illustrato i presupposti soggettivi del fallimento, il candidato si soffermi, in particolare, sulle problematiche attinenti: - al fallimento

Dettagli

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL Il trasporto: normativa e caratteristiche mezzi Introduzione 1 IL PUNTO DI PARTENZA MICROLOGISTICA: tutto ciò che concettualmente è (o avviene o viene

Dettagli

ANTICA FIERA DEL SOCO SRL Società con unico socio NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CHIUSO AL 31.10.2012

ANTICA FIERA DEL SOCO SRL Società con unico socio NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CHIUSO AL 31.10.2012 Antica Fiera del Soco Srl - società con unico socio ANTICA FIERA DEL SOCO SRL Società con unico socio Sede in Grisignano di Zocco (VI) Capitale Sociale: Euro 235.400,00= i.v. Codice Fiscale e Numero Iscrizione

Dettagli

Basilea 2: il ruolo del rendiconto finanziario nelle PMI

Basilea 2: il ruolo del rendiconto finanziario nelle PMI finanza d impresa Basilea 2: il ruolo del rendiconto finanziario nelle PMI Uno strumento essenziale di comunicazione e analisi aziendale Fabrizio Bencini Dottore commercialista e Partner Kon Spa Simone

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

Il tuo partner innovativo per l estero

Il tuo partner innovativo per l estero Il tuo partner innovativo per l estero Chi siamo Export Trade Solutions Srl è una società di consulenza che opera in ambito nazionale ed internazionale assistendo le aziende nella loro fase di inserimento

Dettagli

ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA RENDICONTO GENERALE

ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA RENDICONTO GENERALE ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA RENDICONTO GENERALE BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 RELAZIONE DEL TESORIERE AL BILANCIO CONSUNTIVO 2014 Dalle risultanze del Rendiconto

Dettagli

CATEGORIE DI COSTO PER MACROVOCI. Per la tipologia c) sono riconosciuti i costi riferibili a: 1. Individuazione del sostituto. 2. Progettazione.

CATEGORIE DI COSTO PER MACROVOCI. Per la tipologia c) sono riconosciuti i costi riferibili a: 1. Individuazione del sostituto. 2. Progettazione. Elenco dei costi ammissibili relativi ai progetti di azioni positive per la flessibilità art. 9 legge 8 marzo 2000, n. 53 e successive modificazioni. Criteri generali di ammissibilità dei costi e specifiche.

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Dati anagrafici Denominazione: ENOTECA REGIONALE DEL ROERO SO C.CONS.A.R.L. Sede: Capitale sociale: 11.352,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: VIA

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2007 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO AL 31/12/2007 NOTA INTEGRATIVA BILANCIO AL 31/12/2007 NOTA INTEGRATIVA La presente Nota Integrativa costituisce parte integrante del bilancio di esercizio al 31 dicembre 2007; è da considerarsi, pertanto, insieme allo schema di Stato

Dettagli

LIBERE PROFESSIONI INTELLETTUALI MB SRL

LIBERE PROFESSIONI INTELLETTUALI MB SRL LIBERE PROFESSIONI INTELLETTUALI MB SRL CON UNICO SOCIO 20900 MONZA (MI) VIA LARIO, 15 Capitale sociale:. 50.000,00 interamente versato Codice fiscale: 06660880961 Partita IVA: 06660880961 Iscritta presso

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE 389.264.707,50 VERSATO - RISERVE 3.188,7 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO - PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE. CAPOGRUPPO DEL GRUPPO BANCARIO MEDIOBANCA

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

Prof. Bruno Pirozzi. Anno accademico 2004-2005. Materiale ad uso esclusivamente didattico e con circolazione limitata agli studenti

Prof. Bruno Pirozzi. Anno accademico 2004-2005. Materiale ad uso esclusivamente didattico e con circolazione limitata agli studenti Prof. Bruno Pirozzi Anno accademico 20042005 Materiale ad uso esclusivamente didattico e con circolazione limitata agli studenti PROGRAMMA Ore 60 MODULO 1 1l azienda e il suo insieme :struttura e risorse

Dettagli

VISTI i verbali delle riunioni dell Osservatorio del 8 e 15 maggio, 6, 12 e 13 giugno;

VISTI i verbali delle riunioni dell Osservatorio del 8 e 15 maggio, 6, 12 e 13 giugno; Prot n. 18/OS/CGA del 13 giugno 2012 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per l Autotrasporto e la Logistica Osservatorio sull attività di autotrasporto Determinazione dei costi

Dettagli

PROGETTO LOCAL CASA Local Casa è il progetto mirato sul territorio

PROGETTO LOCAL CASA Local Casa è il progetto mirato sul territorio PROGETTO LOCAL CASA Il mercato immobiliare ha trovato in internet un utile alleato per dare risposte rapide ed efficaci come mai era stato possibile in passato. Il trend degli ultimi anni conferma tale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009

COMUNICATO STAMPA. Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009 COMUNICATO STAMPA Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009 Milano, 6 agosto 2009 Il Consiglio di Amministrazione di Nova Re S.p.A., riunitosi in data odierna, ha approvato

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2013. Performance in netto miglioramento nel 3Q2013

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2013. Performance in netto miglioramento nel 3Q2013 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2013. Performance in netto miglioramento nel 3Q2013 Cagliari, 14 novembre 2013 Il Consiglio di Amministrazione di ha approvato

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2009 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA al bilancio chiuso al 31/12/2009

NOTA INTEGRATIVA al bilancio chiuso al 31/12/2009 ONLUS NOTA INTEGRATIVA al bilancio chiuso al 31/12/2009 Associazione AGIRE onlus Agenzia Italiana per la Risposta alle Emergenze sede legale in Roma via Tevere 20 sede operativa in Roma Via Nizza 154 codice

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE ENERGIA E SERVIZI A.T.E.S. S.R.L.

AZIENDA TERRITORIALE ENERGIA E SERVIZI A.T.E.S. S.R.L. AZIENDA TERRITORIALE ENERGIA E SERVIZI A.T.E.S. S.R.L. Sede in VIA ROMA 1 20056 TREZZO SULL'ADDA MI Codice Fiscale 05064840969 - Numero Rea Milano 1793521 P.I.: 05064840969 Capitale Sociale Euro 80.000

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS COMITATO ADDIO PIZZO

ASSOCIAZIONE ONLUS COMITATO ADDIO PIZZO ASSOCIAZIONE ONLUS COMITATO ADDIO PIZZO Sede: via Lincoln n. 131 Palermo (PA) Codice Fiscale: 972585825 PEC: addiopizzo@pec.it BILANCIO D'ESERCIZIO AL 31/12/213 STATO PATRIMONIALE ATTIVO 31/12/213 31/12/212

Dettagli

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi MODELLO DI BUSINESS PLAN Schema esemplificativo per la redazione del piano d impresa 1) CURRICULUM VITA DEI PROPONENTI O SOCI DELL IMPRESA 2) DESCRIZIONE DEL PROGETTO 2.1 DESCRIZIONE ANALITICA DEL PRODOTTO/SERVIZIO

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7.1 Introduzione Una delle conseguenze più rilevanti sotto il profilo economico, del primo conflitto mondiale, è stata la crisi di Wallstreet; la quale trova fondamento

Dettagli

ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA PER IL CIRCOLANTE DELLE IMPRESE

ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA PER IL CIRCOLANTE DELLE IMPRESE ALLEGATO 4 - Pag. 1 di 21 ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA PER IL CIRCOLANTE DELLE IMPRESE Art. 15 Legge Regionale n. 33 del 30.12.2010 DGR Basilicata n. 606 del 29/04/2011 (Regolamento) DGR Basilicata n.

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

A.S.P. CITTA DI PIACENZA Sede legale in Piacenza Via Campagna 157

A.S.P. CITTA DI PIACENZA Sede legale in Piacenza Via Campagna 157 A.S.P. CITTA DI PIACENZA Sede legale in Piacenza Via Campagna 157 RELAZIONE sulla GESTIONE REDATTA dal CONSIGLIO di AMMINISTRAZIONE al BILANCIO dell ESERCIZIO 01/01/2012 31/12/2012 1. PREMESSA Il bilancio

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI Approvato dall Organo di indirizzo in data 17 dicembre 2015 2 SOMMARIO TITOLO I - PREMESSE Art. 1 (Ambito di applicazione)

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per il trasporto stradale e per l intermodalità Pubblicazione

Dettagli

CHL S.P.A. Sede in Firenze, Via di Novoli n. 7. Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 1.153.639, 20

CHL S.P.A. Sede in Firenze, Via di Novoli n. 7. Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 1.153.639, 20 CHL S.P.A. Sede in Firenze, Via di Novoli n. 7 Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 1.153.639, 20 Iscritta alla Sezione Ordinaria del Registro delle Imprese di Firenze al n. 68220/ Tribunale di

Dettagli