Business P Plan a cura dell Area Consulenza Aziendale TORINO, OTTOBRE 2008 Eurogroup Credito e Consulenza all impresa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Business P Plan a cura dell Area Consulenza Aziendale TORINO, OTTOBRE 2008 Eurogroup Credito e Consulenza all impresa"

Transcript

1 Business Plan a cura dell Area Consulenza Aziendale Relazione di sintesi del progetto T.M.J. TRASPORTI S.a.s. TORINO, OTTOBRE 2008 Eurogroup Credito e Consulenza all impresa Via Perugia 56 Torino Tel Fax

2 INDICE DEGLI ARGOMENTI A. ASPETTI INTRODUTTIVI...3 IL PROGETTO IMPRENDITORIALE E LE ESPRESSIONI STRATEGICHE...3 PREMESSA METODOLOGICA...5 L ORIZZONTE TEMPORALE...6 B. IL PIANO D AZIONE...7 LA STRUTTURA AZIENDALE...7 Cenni storici sulla società e sull attività svolta...7 Compagine Societaria e Management aziendale...9 L ATTIVITA OPERATIVA...10 IL MERCATO DI RIFERIMENTO E LA CONCORRENZA...12 Il mercato di riferimento...12 Analisi e stime tendenziali del mercato...12 Autotrasporto: il contesto di riferimento nazionale...13 Grado di competitività del settore...15 Evoluzione del contesto di riferimento...16 La catena del valore dell autotrasporto...18 Strategie emergenti degli operatori nel mercato dell autotrasporto...19 Attività ausiliarie al trasporto...21 LE IPOTESI DI SVILUPPO...23 IL PIANO PREVISIONALE DI VENDITA...25 La stagionalità...25 Modalità di incasso dei corrispettivi...26 I COSTI DI COMPETENZA...27 I costi esterni variabili...27 Modalità di pagamento dei debiti di fornitura...29 L evoluzione del margine di contribuzione...30 Costi Interni...31 Costi di struttura...32 Canoni di leasing...34 IL CAPITALE IMMOBILIZZATO...35 LE FONTI DI FINANZIAMENTO...36 Debiti bancari a breve termine...36 I finanziamenti di terzi...36 LE FONTI INTERNE...37 LA GESTIONE FISCALE...37 C. RIFLESSI ECONOMICI PATRIMONIALI E FINANZIARI...38 LE SIMULAZIONI PREVISIONALI ECONOMICHE...38 I RIFLESSI PATRIMONIALI...42 I FLUSSI FINANZIARI...43 Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 1

3 D. CONCLUSIONI...44 E. ALLEGATI...46 DESCRIZIONE DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: IPOTESI ANDAMENTO DEI RICAVI...47 ANDAMENTO DEI COSTI...48 INVESTIMENTI...49 FONTI DI FINANZIAMENTO...50 RIFLESSI ECONOMICI...51 RIFLESSI FINANZIARI...53 Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 2

4 A. ASPETTI INTRODUTTIVI IL PROGETTO IMPRENDITORIALE E LE ESPRESSIONI STRATEGICHE La T.M.J. TRASPORTI S.A.S. DI PITARI MANCUSO (FRANCESCA) & C. (d ora in poi T.M.J. TRASPORTI S.a.s.) ha iniziato la sua attività a fine 2004 con il conferimento dell azienda T.M.J. d.i. del titolare Mancuso Joseph, e continua a svolgere l attività di trasporti per conto terzi. La società ha visto crescere il proprio fatturato in maniera costante fino a superare il milione di euro circa. La composizione delle vendite è frazionata tra diversi clienti rappresentati da aziende nazionali ed internazionali. L attività richiede la massima flessibilità a fronte delle consegne urgenti da realizzarsi su tutto il territorio Europeo; l azienda è quindi legata ad una rete di autisti esterni che, con i mezzi aziendali, effettuano le varie consegne. L esercizio 2008 si chiuderà con una crescita notevole rispetto agli anni passati. Al fine quindi di non perdere le opportunità che il mercato offre (ordini in costante crescita) la società ha pianificato il perseguimento dei seguenti obiettivi strategici: Sviluppo delle vendite, seppur contenuto, al fine di aumentare il portafoglio clienti, diversificandolo L azienda si trova nella condizione di poter valutare l ampliamento dell attività esistente attraverso: Acquisto di un immobile strumentale ad uso ufficio e deposito mezzi e merci al fine di trasferirvi l intera attività Affiancamento dell attività di gestione logistica relativa ai trasporti al core business attuale Tali obiettivi si affiancano alla più generale necessità di Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 3

5 Ottimizzazione dei parametri eco patrimoniali idonei al miglioramento del merito creditizio La società identifica nella pianificazione strategica e nella simulazione dinamica delle variabili oggetto di analisi un utile strumento per valutare la fattibilità finanziaria delle proprie scelte e l impatto delle stesse sulla struttura economica e finanziaria di bilancio. Inoltre il monitoraggio dei principali indicatori di bilancio, inteso come strumento di consapevole diagnosi e valorizzazione aziendale, costituisce anche un importante avvicinamento alle tecniche che il sistema finanziario adotta per censire, valutare ed affidare le aziende nella propria opera di gestione del credito alle imprese - sistemi di rating interni. Nel presente elaborato verrà esaminato e valutato il progetto d impresa nei due scenari alternativi relativi a: 1) Continuazione della ordinaria attività (trasporti urgenti conto terzi) in ipotesi di mercato costante; 2) Affiancamento all attività di core business della LOGISTICA TRASPORTI per nuovi clienti. Tale sviluppo aziendale richiederebbe lo spostamento dell attività in un unica sede (ipotesi acquisto immobile). Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 4

6 PREMESSA METODOLOGICA Il presente elaborato ha la funzione di riassumere ed esporre la rappresentazione dinamica e previsiva dello sviluppo del piano d impresa della T.M.J. TRASPORTI S.a.s. Riepilogare il progetto imprenditoriale significa: o definire le sue linee strategiche e quindi gli obiettivi di medio periodo; o ottenere la simulazione dei flussi attesi economici e finanziari e quindi i prevedibili equilibri patrimoniali e performance economiche; o ricavare e ricercare, mediante approcci sistematici, valutazioni di fattibilità economica e finanziaria e quindi di opportunità. Al fine di leggere la dinamica di questa iniziativa d impresa sarà quindi necessario coordinare ed esporre determinati aspetti: o strategici, con la definizione degli obiettivi di medio termine; o monetari (economici, finanziari, patrimoniali), tramite la rigorosa selezione delle migliori ipotesi oggi sviluppabili, integrate sulla base dei trend attesi (ispirati da dati e proiezioni in parte fondate su dati terzi ed in parte ricavate dall esperienza e sensibilità imprenditoriale); o operativi, attinenti alle caratteristiche di scenario ed operative di organizzazione e sviluppo dei servizi offerti; o logiche, qualitativi e quantitativi, attinenti alla attendibilità delle ipotesi selezionate, poste a base del business plan. Per questo il documento è articolato in diverse sezioni nelle quali sono esposti gli elementi essenziali e qualificanti del progetto imprenditoriale. Il tutto con la chiara evidenza ai fini delle valutazioni del lettore delle ipotesi assunte a base delle elaborazioni qui presentate. L esplicitazione delle ipotesi consente al lettore della presente relazione di conoscere, e quindi valutare, anche i presupposti e le riflessioni di contorno allo specifico sviluppo dei calcoli dei flussi. Tale approccio rispecchia in modo rigoroso il richiamo ai principi della Chiarezza Sostanziale e Trasparenza, facenti parte dei Principi generali per la Redazione del Business Plan emanati dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti nel marzo 2001 e rivisti nel Come del pari è il riferimento a quei principi a caratterizzare l intero processo di selezione, elaborazione e valutazione di tutti gli elementi che compongono il presente lavoro. Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 5

7 L ORIZZONTE TEMPORALE L orizzonte temporale scelto al fine della simulazione in oggetto ( ) è stato definito considerando: o un orizzonte sufficiente a dare evidenza dell efficacia del miglioramento del merito creditizio e dei parametri patrimoniali economici e finanziaria che sottendono alle valutazioni di Rating; o che previsioni troppo lontane nel tempo non possono essere fondate su riscontri qualitativi e quantitativi affidabili, ma è comunque importante espandere le simulazioni dinamiche fondandole sull ipotesi di trend. A tali scopi si è scelto un orizzonte temporale di 4 esercizi. Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 6

8 B. IL PIANO D AZIONE LA STRUTTURA AZIENDALE CENNI STORICI SULLA SOCIETÀ E SULL ATTIVITÀ SVOLTA La T.M.J. TRASPORTI S.A.S. ha iniziato la sua attività a fine 2004 con il conferimento dell azienda T.M.J. d.i. (nata nel 1997) del titolare Mancuso Joseph, e continua a svolgere l attività di trasporti urgenti per conto terzi. Il servizio riguarda il trasporto di ogni genere di prodotto merceologico utilizzando i veicoli specifici per svolgere l incarico affidato. L azienda ha un parco mezzi composto da 22 veicoli aventi varie portate e tutti muniti di rilevatore di posizione satellitare. Nello specifico le caratteristiche del servizio offerto dalla T.M.J TRASPORTI S.a.s. possono essere così riepilogate: Trasporti e spedizioni nazionali ed internazionali con consegne e ritiri espressi; Servizio capillare su tutto il territorio europeo. No stop 24 ore su 24; Trasporti espressi europei con veicoli di portata non superiore a 35 q.li; Specializzati in urgenze gran volumi; Servizio con controllo totale del mezzo; Contatto telefonico con l'autista ogni 2 ore max; Assicurazione All Risck sulla merce trasportata; Assicurazione a richiesta sulla merce di valore superiore alle norme; Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 7

9 Furgoni muniti di navigatore satellitare Certificate Quality System; Servizio 24h non stop; Furgoni maxi volumi max. 29 m³; Per i clienti esigenti doppio autista con controllo satellitare del mezzo; Trasporto merci con ATV blindata; Servizio accompagnamento Managers da Caselle. Le sedi legale ed operativa sono site in via della Speranza a Beinasco (TO), dove sono ubicati gli uffici (in affitto); immobile strumentale di proprietà dell azienda sito a Cumiana e porzione di capannone a Bruino adibita a deposito mezzi. Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 8

10 COMPAGINE SOCIETARIA E MANAGEMENT AZIENDALE La compagine societaria è così costituita: Mancuso Joseph (49), Pitari Francesca (51%, socio accomandatario). Compagine societaria 51,00% 49,00% Mancuso Joseph Pitari Francesca Il Capitale Sociale versato è pari a 1.000,00. L Amministrazione della società è demandata a Pitari Francesca. Entro fine 2008 si modificherà la compagine societaria: o Mancuso Joseph (51% - socio accomandatario amministratore); o Pitari Francesca (14%); o Mancuso Francesco (35%). Il capitale sociale verrà aumentato a ,00 Euro. Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 9

11 L ATTIVITA OPERATIVA La T.M.J. TRASPORTI S.a.s. si occupa di trasporti urgenti. Il servizio riguarda il trasporto di ogni genere di prodotto merceologico utilizzando i veicoli specifici per svolgere l incarico affidato. L azienda ha infatti un parco mezzi composto da 22 veicoli aventi varie portate e tutti muniti di rilevatore di posizione satellitare. E molto importante per l azienda la flessibilità e l organizzazione del servizio per poter soddisfare le esigenze delle aziende clienti. Negli uffici siti a Beinasco vengono raccolte le telefonate in entrata (richiesta di preventivi o del servizio di trasporto) e successivamente vengono organizzati i viaggi in base ai mezzi e agli autisti disponibili. Gli autisti, detti padroncini, sono tutti esterni; una volta contattati questi recuperano il mezzo al deposito sito a Bruino, il rapporto del viaggio (committente, bene, destinatario e località) ed iniziano il loro servizio, la cui destinazione la maggior parte delle volte è in Europa. Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 10

12 Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 11

13 IL MERCATO DI RIFERIMENTO E LA CONCORRENZA IL MERCATO DI RIFERIMENTO Appare opportuno descrivere sinteticamente il contesto e l evoluzione che condizione l intera attività della T.M.J. TRASPORTI S.a.s. per supportare le scelte strategiche effettuate dal management aziendale. Tale analisi è qui condotta procedendo secondo il seguente iter logico: 1. Analisi e stime tendenziali del mercato; 2. Autotrasporto: il contesto di riferimento nazionale; 3. La catena del lavoro dell autotrasporto; 4. Grado di competitività del settore; 5. Evoluzione del mercato di riferimento; 6. Strategie emergenti degli operatori nel mercato dell autotrasporto; 7. Attività ausiliarie al trasporto. ANALISI E STIME TENDENZIALI DEL MERCATO Aspetti macroeconomici 1 Nel 2007 il trasporto di merci su strada ha beneficiato del positivo andamento dell economia nel primo semestre dell anno ed è stato solo parzialmente condizionato dal rallentamento dell economia nazionale dell ultimo trimestre. La crescita delle esportazioni hanno favorito il trasporto internazionale (+7%), però anche quello nazionale mostra una crescita sebbene più contenuta (+5,4%). Il panorama competitivo del settore conferma il lento processo di modernizzazione che vede da un lato la crescita delle imprese di medie e grandi dimensioni e dall altro la riduzione del numero delle piccole imprese, penalizzate dalle più stringenti normative di sicurezza e dalla difficoltà ad offrire servizi a valore aggiunto che consentano di sfuggire alla competizione tariffaria. La competizione tra le imprese è legata, oltre agli aspetti tariffari, alla qualità del servizio (organizzazione, tempi di resa, tracciabilità e cura del carico e flessibilità rispetto alle esigenze del cliente) e al controllo di spezzoni crescenti della filiera logistica. Le previsioni di crescita del settore non vanno oltre il 5% rispetto al 2007, tenendo conto anche degli adeguamenti di prezzo resi necessari dall aumento dei costi del carburante. Il trasporto nazionale subisce gli effetti della difficile congiuntura economica, che 1 Fonte Databank Autotrasportatori e Corrieri Agosto ^ edizione. Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 12

14 si ripercuote sulla domanda di trasporto, mentre nel trasporto internazionale le previsioni sono più positive grazie alla tenuta delle esportazioni e alle politiche di espansione adottate da alcuni anni dai principali operatori. AUTOTRASPORTO: IL CONTESTO DI RIFERIMENTO NAZIONALE 2 3 Il trasporto è sempre più una funzione integrata nel ciclo dell ordine delle aziende e delle filiere. Esso svolge un ruolo di interconnessione tra nodi logistici e assolve alle relative esigenze di bilanciamento delle capacità di stoccaggio e servizio. Il sistema dei trasporti in Italia si avvaleva nel 2004 di una rete formata (dati Istat): km autostrade; Oltre km di strade statali e di interesse regionale; km di strade provinciali; km di ferrovie. Su questa rete si spostano: 57 milioni di residenti; 240 miliardi di tonnellate - km l anno di merci. Il trasporto merci su strada sposta circa 197 miliardi di tonnellate-km anno, di cui 21 miliardi effettuato da imprese che operano conto proprio, e 176 miliardi dalle imprese che operano conto terzi. Il settore del trasporto merci su strada in Italia si caratterizza per i seguenti aspetti: è fortemente trasversale a tutti gli altri settori dell' economia del paese, del quale costituisce un aspetto fondamentale, letteralmente senza di esso l'italia non si muove; 2 Fonte Format-convegno del 29/09/2006: Truckway la sfida dell autotrasporto italiano tra liberalizzazione e sicurezza Roma. 3 Fonte Format-convegno del 14/09/2007: Truckway la sfida dell autotrasporto italiano tra liberalizzazione e sicurezza Roma. Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 13

15 rappresenta il 3,3% del Prodotto interno lordo (l'intero settore dei trasporti, incluso il trasporto delle persone, la logistica, ecc. pesa sul Pil il 10% circa); è caratterizzato da un elevato livello professionale e da un elevato livello di produttività delle aziende di trasporto" conto terzi"; elevata frammentazione delle imprese italiane. La normativa che regola il settore dei trasporti si caratterizza innanzitutto per un elevato livello di complessità, superiore a quella di molti altri settori, dovuta alla necessità di salvaguardare non solo i rapporti di lavoro, la concorrenza e gli equilibri tra domanda e offerta di servizio, ma anche altri elementi di utilità sociale, relativi ad esempio alla sicurezza del trasporto e al rispetto dell'ambiente e della sicurezza dei cittadini. Tuttavia, il settore dell autotrasporto (e l economia del paese) appare fortemente condizionato da una rete di infrastrutture insufficienti a garantire una efficiente movimentazioni di cose e persone. Gli interventi richiesti dall associazione di categoria alle Istituzione sono: incremento delle infrastrutture ferroviarie, ma soprattutto stradali; aumento della capacità delle grandi arterie dal 30 al 50%; maggiore coordinazione e pianificazione degli interventi realizzati. Alcuni numeri sul settore dell autotrasporto Le imprese registrate all' Albo degli autotrasportatori conto terzi ad oggi sono circa (fonte Albo degli autotrasportatori). Le regioni con le concentrazioni maggiori di imprese del settore dell' autotrasporto sono la Lombardia, l'emilia Romagna, il Veneto, la Sicilia e il Lazio. Il 53,1 % di tutti i lavoratori del settore trasporti in Italia opera nel settore delle merci su strada (Istat 2003). Poco più del 60% delle imprese dispone di 3 addetti o meno di tre addetti. Circa l 8% delle imprese ha oltre 15 addetti. Poco più dell'85% delle imprese sono ditte individuali o società di persone (il 64% delle imprese sono ditte individuali). Il 12% sono società di capitale. Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 14

16 Il 66,5% delle imprese del settore possiede da 1 a 3 veicoli. Il 4,4% delle imprese del settore possiede oltre 25 veicoli, considerando anche i rimorchi e i semirimorchi. Considerando solo i propulsori, il 71,2% delle imprese possiede 1/3 unità di traino. Per quanto il parco veicolare si stia rinnovando (sia pure lentamente), il 18% delle imprese possiede ancora veicoli con oltre 10 anni. Nel complesso l'età media dei veicoli è pari a 7 anni. Il 38% circa delle imprese percorre oltre Km/anno per veicolo. Il 40% circa delle imprese trasporta merci prevalentemente nella propria provincia, il 27,4% circa a livello regionale, il 28,3% circa a livello nazionale, il 2,2% a livello U.E. Per un maggior approfondimento si faccia riferimento agli allegati. GRADO DI COMPETITIVITÀ DEL SETTORE 4 Nonostante sia in atto un processo di graduale concentrazione, la struttura del settore dell autotrasporto in Italia rimane decisamente caratterizzato da una forte polverizzazione e dalla diffusa presenza di imprese medio-piccole. Ciò determina un elevato livello di competizione, in particolare sui segmenti più indifferenziati dei servizi di autotrasporto, e un generale basso potere contrattuale delle aziende medio-piccole nei confronti dei clienti, con tutta una serie di ricadute di natura contrattuale, prima tra tutta la limitata possibilità di praticare proporzionali adeguamenti delle tariffe in seguito all aumento dei costi. Le imprese di maggiori dimensioni, spesso di origine estera, oltre a beneficiare di un maggiore potere contrattuale, sono anche più competitive sul fronte dei costi grazie: alla maggiore standardizzazione dei processi interni e dei servizi erogati al cliente; all utilizzo di reti di padroncini o di imprese di piccole dimensioni a ci delegano l attività di trasporto negli ultimi stadi del processo, in genere da magazzino periferico a cliente. 4 Fonte: L auto trasportatore alle soglie di nuove sfide promosso da F.A.I., in collaborazione con TRADE.LAB. Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 15

17 Il fatto che i grandi operatori riescano quindi a competere meglio mette in ulteriore difficoltà le imprese di piccole dimensioni. Per le imprese italiane di autotrasporto non costituisce un motivo di preoccupazione l abolizione delle tariffe fisse, in quanto già scarsamente utilizzate. Più temuto appare invece l incremento della competizione derivante dall ingresso sul mercato di imprese estere, in grado di ridurre notevolmente i prezzi sfruttando i minori costi del personale e, nel caso di piccole e medie imprese, una minore propensione al puntuale rispetto delle normative di legge. EVOLUZIONE DEL CONTESTO DI RIFERIMENTO 5 Il ruolo del segmento del trasporto nella catena logistica è in profondo mutamento. Il trend complessivo infatti prevede, in linea di massima, la presenza di diversi percorsi evolutivi a livello generale: consegne più piccole e frequenti; consegne più urgenti e con finestre temporali di scarico più brevi; percorrenze più lunghe. Questi percorsi sono guidati dalla contemporanea evoluzione dell'offerta di servizi di trasporto (che non ha presentato mutamenti sostanziali di una situazione basata sull'elevata frammentazione del settore) e, soprattutto, della relativa domanda da parte delle imprese clienti. La modalità di trasporto su gomma continua e continuerà ad essere, rispetto a tutte le altre, quella assolutamente prevalente. Nonostante i rilevanti investimenti che si vanno concentrando a livello comunitario e nazionale sulle altre modalità, sulle 5 Fonte: L auto trasportatore alle soglie di nuove sfide promosso da F.A.I., in collaborazione con TRADE.LAB. Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 16

18 ferrovie, sui porti, sugli interporti e, non ultima, sulle cosiddette autostrade viaggianti (cabotaggio marittimo), la realtà è che le aziende italiane esigono attributi di servizio che oggi solo il trasporto stradale può offrire: affidabilità e conformità del sevizio, prezzo, tempo totale del door-to-door, flessibilità dei servizi. Le caratteristiche delle attività di trasporto, e quindi dei servizi offerti dagli autotrasportatori, continueranno dunque a essere guidate da questa evoluzione della domanda, oltre che dalle altre variabili strutturali. La domanda si declinerà naturalmente in modo diverso a seconda della fase del processo logistico complessivo in cui l'autotrasporto si inserisce (navettaggio, logistica inbound, logistica outbound o distribuzione ai punti vendita/consegna consumatori finali), influenzando quindi la quantità e la qualità dei servizi accessori da associare a quelli di puro trasporto. La dinamica dei ricavi nel settore è strettamente connessa all evoluzione della congiuntura economica, trovando piena corrispondenza nel tasso di crescita del PIL. Sul fronte dei costi nel recente passato la congiuntura ha registrato un forte aumento dei prezzi delle materie prime (dovuto al concorrere di fattori strutturali, come la crescita della domanda dai paesi in via di sviluppo, e speculativi di breve termine), e in particolare di quelle petrolifere. Questo aumento, unito alla presenza di una forte imposizione fiscale sui combustibili e di una notevole concentrazione nel settore della loro distribuzione, ha contribuito a far crescere notevolmente una delle principali voci di costo delle imprese, quella dei carburanti. Sul fronte delle altre voci di costo che impattano sui bilanci degli autotrasportatori, non si sono aperti particolari spiragli di riduzione, ad esempio per il costo del personale, che anzi nel prossimo futuro potrebbe andare incontro a una sostanziale perdita di produttività, dovuta all'entrata in vigore di nuove norme che riducono gli orari di lavoro. Non sono ancora stati raggiunti, inoltre, particolari guadagni di efficienza in altre aree aziendali, come ad Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 17

19 esempio l'incremento della saturazione media degli automezzi o la riduzione del numero di viaggi effettuati a vuoto dagli automezzi sulle tratte di ritorno. Le imprese hanno in generale limitate possibilità di trasferire ai clienti eventuali aumenti dei costi, in particolare per quelli indiretti, derivanti ad esempio dalla congestione del traffico o dai limiti e vincoli di legge a quest'ultimo. Su questo fronte, inoltre, si va incontro al rischio di un inasprimento delle tariffe sulle infrastrutture di comunicazione, volte alla riduzione dei livelli di congestione e inquinamento. Dal punto di vista dell'intermodalità, infine, le aziende di autotrasporto si mostrano scettiche sulla sua possibilità che essa diventi un valido concorrente del trasporto monomodale su gomma. Questo scetticismo è giustificato, oltre che dalla difesa del proprio ambito competitivo, da considerazioni relative: alla mancanza di chiarezza sulle prospettive di sviluppo che aiuti a creare massa critica su questo fronte; alla maggiore convenienza nelle attuali condizioni di volumi e distanze servite, del trasporto su gomma. LA CATENA DEL VALORE DELL AUTOTRASPORTO 6 Per analizzare i processi che si svolgono nelle imprese dell'autotrasporto si è ricorsi a una rielaborazione della "Catena del Valore". La catena del valore propone un disaggregazione dell'azienda nelle sue attività strategicamente rilevanti, per comprenderne l'andamento dei costi e le fonti di differenziazione esistenti e potenziali. Le attività strategicamente rilevanti possono essere distinte in attività primarie e di supporto. Le attività primarie nel settore dell autotrasporto possono essere modellate sulla base del processo carico-trasporto-scarico (tenendo conto che, se rilevante, un'attività di gestione di un piccolo magazzino internamente all'azienda può essere considerato congiuntamente al Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 18

20 trasporto), mentre i servizi di pre e post vendita alla clientela possono essere considerati un insieme separato dal processo di erogazione del servizio. Attività di supporto Attività primarie Amministrazione, controllo di gestione e finanza Gestione e sviluppo delle risorse umane Sistemi informativi Vendite e marketing Carico Trasporto Scarico Servizi pre e post vendita Margine Per quanto riguarda invece le attività di supporto, trattandosi di imprese di servizi, nel caso degli autotrasportatori l'approvvigionamento può essere considerato insieme all'amministrazione, controllo di gestione e finanza, ed essere invece sostituito, come attività a sé stante, dalle vendite e marketing. A queste ultime si aggiungono la Gestione e sviluppo delle risorse umane e Sistemi informativi. STRATEGIE EMERGENTI DEGLI OPERATORI NEL MERCATO DELL AUTOTRASPORTO 7 A fronte delle nuove esigenze sorte nel settore, dell evoluzione della marginalità e della competizione all interno del settore illustrata in precedenza, diventa sempre meno perseguibile una strategia improntata al conseguimento di soli vantaggi di costo, strategia a cui non si può rinunciare, ma che non può davvero più essere l'unica da utilizzare dal punto di vista competitivo. Al contrario, gli elementi per un migliore approccio al mercato risiedono soprattutto nella capacità di garantire affidabilità, flessibilità e personalizzazione del servizio ai clienti, attraverso: 6 Fonte: L auto trasportatore alle soglie di nuove sfide promosso da F.A.I., in collaborazione con TRADE.LAB. Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 19

21 la segmentazione e l'analisi della domanda, volta a identificare le attività ausiliarie a maggiore valore aggiunto per i clienti, l'accrescimento dei livelli di specializzazione dell'offerta sui segmenti (ad esempio, per tipologia di prodotti trasportati) che è possibile servire meglio e in modo differenziante rispetto ai concorrenti, l'innovazione/inserimento di servizi accessori a maggior valore aggiunto, in grado di differenziare le imprese, andare incontro in modo migliore alle esigenze della domanda e ottenere ricavi potenzialmente più alti; la collaborazione/integrazione con altri attori della filiera, se si rende necessaria per raggiungere gli obiettivi sopra Indicati. Le sfide che gli autotrasportatori devono affrontare fanno riferimento anche alla necessità di recuperare efficienza sotto diversi punti di vista. Le aree aziendali in cui è possibile intervenire variano da impresa a impresa, ma possono riguardare la gestione degli acquisti, l'amministrazione, le spese generali e i sistemi informativi in senso lato. Dal punto di vista delle attività primarie a maggior valore aggiunto (carico, trasporto, scarico, eventuale gestione del magazzino e servizi di pre e post vendita), il recupero di efficienza passa per l'implementazione di nuove tecnologie, modalità di organizzazione dell'attività e scelte strategiche in grado di garantire una migliore programmazione dei viaggi sia in andata, sia in ritorno, al fine di limitare l'incidenza di viaggi non a pieno carico. Un esempio di tecnologia utile da questo punto di vista è quella dei cosiddetti noli on-line, ossia di sistemi via Internet per la gestione dei viaggi di ritorno condivisa tra imprese diverse operanti su mercati locali differenti. Scelte strategiche che vadano nella stessa direzione sono quelle relative ad alleanze o accordi, magari anche solo temporanei per partecipare a specifiche gare, tra imprese diverse, meglio se operanti in ambiti geografici non sovrapposti e, anzi, complementari. Sul fronte delle attività di supporto, che generano un minor valore diretto per il cliente, il recupero dell'efficienza passa per l'industrializzazione dei 7 Fonte: L auto trasportatore alle soglie di nuove sfide promosso da F.A.I., in collaborazione con TRADE.LAB. Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 20

22 processi, l'investimento in strumenti informatici per lo snellimento delle attività di back office, la specializzazione delle risorse umane a loro dedicate e lo sviluppo delle competenze in questa direzione. L'aumento dei volumi di traffico gestiti, che di per sé favorisce il recupero di efficienza nelle attività sia primarie, sia di supporto, difficilmente sembra poter derivare dalla costituzione di accordi o consorzi tra le imprese operative nello stesso ambito locale (prodromi di potenziali fusioni tra operatori), a causa della forte individualità che caratterizza le aziende, e che quindi ne limita fortemente le possibilità di successo. Nonostante questo, è in atto un processo, sia pure lento, di concentrazione del settore, che anch'esso costituisce una sfida per le aziende e che dovrebbe spingere verso una situazione più simile a quella di altri paesi europei. Questa nuova sfida competitiva relativa allo sviluppo dimensionale si associa, dal punto di vista dell'evoluzione delle imprese, a quella del ricambio generazionale e del progressivo, anche se difficile, abbandono di strutture organizzative basate esclusivamente sui componenti famigliari come asse portante. L'aumento dei livelli di capitalizzazione costituisce un argomento che difficilmente si può rimandare, vista la scarsa solidità patrimoniale delle imprese e le conseguenze che, come si è già visto, questo può avere alla luce degli accordi di Basilea Il che entreranno in vigore dal Questi, dunque, costituiscono da un certo punto di vista un'occasione per il riassetto patrimoniale del settore, anche se ciò significherà ridurre i ritorni medi sul capitale investito. ATTIVITÀ AUSILIARIE AL TRASPORTO 8 Lo spedizioniere, nelle sue varie declinazioni spesso raggruppate genericamente nella definizione di attività ausiliarie al trasporto, è dunque l anima di un rinnovamento vincolato da una serie di parametri rigidi imposti dalla domanda, quali: la scarsa disponibilità di risorse finanziarie; i contenuti margini di tempo a disposizione; la ridotta volontà di accorpamento logistico tra imprese clienti. In base a tali parametri l offerta ha disegnato un sistema logistico di supporto i cui tratti caratteristici fondamentali possono essere riassunti nei seguenti punti: carichi medi molto contenuti; frequenza degli spostamenti molto elevata; 8 Fonte Rapporti Periodici ISFORT. Relazione di sintesi Business plan T.M.J. TRASPORTI S.a.s pagina n. 21

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

1 di 5 14/04/2011 19.22

1 di 5 14/04/2011 19.22 1 di 5 14/04/2011 19.22 testata Direttiva nâ 6/2011 Il presente questionario à finalizzato a rilevare le modalitã di gestione finanziaria e logistica della flotta di rappresentanza e del parco macchine

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali La procedura è multi aziendale. L'accesso al software avviene tramite password e livello di accesso definibili per utente. L'interfaccia di

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013 UNA SOLUZIONE INNOVATIVA Businesspass è la soluzione Cloud Computing, usufruibile anche tramite Tablet, ipad, iphone o Smartphone, per gestire l intero processo amministrativo e gestionale dello Studio,

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli