Le Derivate delle Funzioni Elementari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le Derivate delle Funzioni Elementari"

Transcript

1 Capitolo 4 Le Derivate delle Funzioni Elementari In questo Capitolo impareremo a trovare la formula per la funzione derivata di una funzione elementare, cioè di una funzione costruita con ingredienti di tipo algebrico, esponenziale, logaritmico e trigonometrico. Impareremo che anche una funzione apparentemente complicata come µ sin (2x) f (x) =ln +3x 4 è semplice da derivare. Prima, però, di arrivare a questo, bisogna imparare a derivare le funzioni più semplici, come quelle che si ottengono usando semplicemente il logaritmo, le funzioni trigonometriche, le potenze, e così via. Una volta note queste derivate, impareremo le regole per la derivazione delle funzioni che si ottengono dalla loro composizione. Useremo normalmente la notazione f 0 per indicare la funzione derivata di una funzione f. Questa notazione, oltre ad essere semplice, ci ricorda qual è la funzione che stiamo derivando. Questa non è l unica notazione possibile. Dipendentemente dal contesto nel quale lavoriamo, le seguenti notazioni potranno essere a volte usate. Per illustrarle, consideriamo la funzione y = f (x) =x 2. Le seguenti notazioni sono equivalenti: f 0 (x) =2x, dy dx =2x, d x 2 =2x, dx df dx =2x. la notazione dy/dx è nota come notazione di Liebnitz, dal matematico che per primo la usò. La formulazione frazionaria della notazione di Liebnitz, ricorda che la derivata è il limite del rapporto incrementale: dy dx = lim x 0 y x. Le notazioni usate si estendono al caso di derivate di ordine superiore. Nel caso della derivata seconda esse si esprimono nella seguente forma: 79

2 80 CAPITOLO 4. LE DERIVATE DELLE FUNZIONI ELEMENTARI f 00 (x) =2, d 2 y dx 2 =2, d 2 x 2 dx 2 =2, d 2 f dx 2 =2. 4. Derivate delle Potenze e dei Polinomi Ricordiamo che la derivata f 0 (a), di una funzione f nel punto,x = a è stata definita come f 0 f (a + h) f (a) (a) =lim. la definizione seguente è essenzialmente la stessa; usando il generico valore dell ingresso x si enfatizza il fatto che f 0 è una funzione. Definizione 4 Sia f una funzione. La derivata di f, indicata con f 0,èla funzione definita, per un ingresso x, da f 0 f (x + h) f (x) (x) =lim. Osserviamo quanto segue: Dominio Il dominio di f 0 è l insieme degli ingressi x di f per i quali il limite esiste. Ricerca del Limite Il limite nella definizione non si trova ponendo h =0 nella formula. Alcune manipolazioni algebriche e trucchi di calcolo sono quasi sempre necessari per poter risolvere il limite. 4.. Derivata di una Potenza Il primo problema che affrontiamo è quello di trovare la funzione derivata per le potenze. Per funzioni, cioè, della forma f (x) =x k dove k è una costante. Ognuna delle seguenti espressioni definisce una funzione potenza: x, x 2, x, x, x 5/2, x π. Iniziamo il nostro studio con le potenze non negative. Esempio 5 trovare le formule per le funzioni derivate di l (x) =x, q (x) = x 2 e c (x) =x 3.. Interpretare il risultato graficamente. Soluzione. La funzione l è lineare con coefficiente angolare. La sua derivata deve quindi essere la funzione costante l 0 (x) =. Vediamo se la definizione di funzione derivata ci conforta nel risultato: l 0 l (x + h) l (x) (x) =lim = x + h x =. h

3 4.. DERIVATE DELLE POTENZE E DEI POLINOMI 8 Vediamo come operare per le altre due funzioni. Per q si ha: q 0 (x) = q (x + h) q (x) lim = (x + h) 2 x 2 lim = x 2 +2hx + h 2 x 2 lim = lim (2x + h) =2x. h 0 Il calcolo della funzione derivata di c è quasi equivalente: c 0 (x) = c (x + h) c (x) lim = (x + h) 3 x 3 lim x 3 +3x 2 h +3xh 2 + h 3 x 3 = lim = lim 3x 2 +3xh + h 2 =3x 2. h 0 Graficamente abbiamo: x Grafico di l (x) =x x Grafico di l 0 (x) = x Grafico di q (x) =x x Grafico di q 0 (x) =2x x Grafico di c (x) =x x Grafico di c 0 (x) =3x 2 La risposta non dovrebbe sorprendere, abbiamo già visto questi grafici in precedenza. Il calcolo del limite ci assicura che le formule trovate per le derivate sono quelle corrette.

4 82 CAPITOLO 4. LE DERIVATE DELLE FUNZIONI ELEMENTARI Cosa accade se l esponente k non è un intero positivo? Esempio 6 Trovare le formule delle funzioni derivate di s (x) =x /2 = x e di n (x) =/x = x. Quali sono i domini delle funzioni derivate? Interpretare il risultato graficamente. Soluzione. Scriviamo come prima il limite del rapporto incrementale, ma l artificio algebrico che usiamo per eliminare il denominatore e risolverlo è più delicato. s 0 s (x + h) s (x) (x) = lim x + h x = lim = lim h 0 x + h x h = lim h 0 x + h + x = 2 x = 2 x /2. x + h + x x + h + x Il trucco algebrico usato è stato quello di moltiplicare e dividere per x + h + x, usato poi per semplificare il numeratore. [Si ricorda che (a b)(a + b) = a 2 b 2.] Vediamo cosa accade per la funzione n : n 0 n (x + h) n (x) (x) = lim = lim h 0 x+h x h x (x + h) = lim x (x + h) = lim h 0 x (x + h) = x 2 = x 2.

5 4.. DERIVATE DELLE POTENZE E DEI POLINOMI 83 Ecco i grafici delle quattro funzioni x x Grafico di s (x) = x Grafico di n (x) =/x x x Grafico di s 0 (x) =/ (2 x) Grafico di n 0 (x) = /x 2 Osservare il dominio. la derivata s 0 non è definita in x =0dove il grafico di s ha tangente verticale. la derivata n 0 ha lo stesso dominio della funzione n. La Regola Generale Ognuno degli esempi precedenti è un caso particolare della seguente regola generale. Proposizione 7 (Derivazione delle Potenze) Sia k una costante reale. Se f (x) =x k,allorasihaf 0 (x) =kx k. Abbiamo appena visto che la regola vale per i casi k =,k=2,k=3,k=, k =/2. Non dimostreremo la proposizione, ma alla fine del Paragrafo indicheremo come il Binomio di Newton possa essere usato per mostrarlo per tutti i valori di k interi positivi Combinazione di Potenze: La Regola della Somma e della Costante Conoscendo la derivata delle potenze è facile calcolare la derivata della combinazione di potenze (quali sono i polinomi). Esempio 8 Sia p (x) =3x 5 +7x 4 x Trovare p0 (x).

6 84 CAPITOLO 4. LE DERIVATE DELLE FUNZIONI ELEMENTARI Soluzione. Dividiamo p nei singoli componenti, deriviamo ogni singolo pezzo ed infine riassembliamo il risultato. Eco i conti, usando la notazione di Liebnitz: 3 + x 5 +7 d x 4 d dx 3 dx 3 5x x 3 2x +0 3 dy dx = d µ3x 5 +7x 4 x2 dx = 3 d dx 5x 4 +28x x. x 2 + d dx () Abbiamo appena compiuto due atti di fede rispetto alla presenza di moltiplicazioni per una costante e operazioni di somma, che giustificheremo immediatamente (ricordarsi le proprietà del limite!),. Vediamo prima il confronto dei due grafici di p edip x -20 Grafici di p edip 0 Nell esempio precedente abbiamo fatto due ipotesi ragionevoli. Le riportiamo qui in modo esplicito, sotto forma di Teorema. Teorema 9 (Derivata della Somma) Siano f e g due funzioni differenziabili, e sia h = f + g. Si ha h 0 (x) =(f + g) 0 (x) =f 0 (x)+g 0 (x).

7 4.. DERIVATE DELLE POTENZE E DEI POLINOMI 85 Dimostrazione. La dimostrazione dell affermazione precedente segue immediatamente dalla analoga proprietà dei limiti. Si ha infatti: d (f (x + h)+g (x + h)) (f (x)+g (x)) (f (x)+g (x)) = lim dx h 0 h f (x + h) f (x) g (x + h) g (x) = lim + h f (x + h) f (x) g (x + h) g (x) = lim +lim = f 0 (x)+g 0 (x) Teorema 20 (Derivata del Prodotto con una Costante) Sia k R costante, f una funzione differenziabile, e g = k f. Si ha g 0 (x) =(k f) 0 (x) =k f 0 (x). Invece di dimostrare questo secondo teorema, riflettiamo sul fatto che il grafico di k f è ottenuto dilatando verticalmente il grafico di f di un fattore k. Come pensate che questo fatto incida sulla retta tangente al grafico di f in un qualsiasi punto x = a? La risposta del teorema è che una dilatazione del grafico di f in direzione verticale, di un fattore k, moltiplica il coefficiente angolare della retta tangente nel punto x = a dello stesso fattore. Primitive Abbiamo appena visto come trovare la funzione derivata f 0 di una funzione f assegnata. Vogliamo anche considerare il problema opposto: Data una funzione f, trovare una funzione F tale che F 0 = f. La funzione F è detta primitiva di f. Per i polinomi e le potenze trovare una primitiva non è più difficile che trovare la derivata. Esempio 2 Trovare le primitive Q e S per le funzioni q (x) =x 2 e s (x) = x. Soluzione. Poiché x 3 0 =3x 2, la scelta di Q (x) =x 3 /3 è quella naturale. E facile vedere che la scelta è corretta, derivando Q 0 (x) = µ 0 3 x3 = x 3 0 = 3 3 3x2 = x 2. Per trovare una primitiva di s il ragionamento è lo stesso. Un minimo di attenzione in più va riservata al coefficiente moltiplicativo. La regola di derivazione delle potenze suggerisce per S la forma S (x) =k x 3/2, ma qual è il valore della costante k? Deriviamo per ottenere la risposta:

8 86 CAPITOLO 4. LE DERIVATE DELLE FUNZIONI ELEMENTARI ³ S 0 (x) =k x 3/2 0 3 = k 2 x/2 = x /2. Ne consegue che k =2/3 e la funzione S èalloras (x) = 2 3 x3/2. Da notare che la risposta non è univoca. Per esempio, ognuna delle seguenti funzioni x 3 3 +, x 3 3 3, e x 3 3 π + e2 sin 2 3 è una primitiva di q. Quindi ogni funzione del tipo x3 + C,conC costante, è 3 una primitiva di q. Le Primitive Non Sono Uniche L esempio precedente illustra un principio generale importante: Se F è una primitiva di f, allora lo è anche F + C, per qualsiasi valore della costante C. La ragione di ciò è semplice:due funzioni che differiscono per una costante hanno la stessa derivata. L implicazione funziona anche nell altra direzione: Se F 0 (x) =G 0 (x) per tutti gli x, allora F (x) =G (x) +C per qualche costante C. Nel caso particolare di q (x) =x 2, questi due fatti implicano esattamente ciò che l esempio aveva suggerito: (i) per ogni costante C, Q (x) =x 3 /3+C è una primitiva; e (ii) ogni primitiva ha questa forma. Ricerca delle Primitive Abbiamo visto come si derivano le potenze e le loro combinazioni lineari. La ricerca di primitive funziona nello stesso modo. La regola di derivazione delle potenze, letta al rovescio afferma che Teorema 22 (Regola delle Potenze per le Primitive) Perognicostante C eperognik (k 6= ), xk+ k + + C è una primitiva di xk. Dimostrazione. Usando la regola per la derivata, la dimostrazione è un semplice calcolo: d dx k + x k+ + C = (k +)xk k + +0=x k come affermato. L eccezione: k =. Notare che il teorema precedente non vale quando k =,poiché la divisione per zero non è permessa. Tuttavia, il caso f (x) = /x ha una primitiva ben definita, sebbene non sotto forma di potenza.

9 4.. DERIVATE DELLE POTENZE E DEI POLINOMI 87 Proposizione 23 Sia x>0, unaprimitivadellafunzione/x èlafunzione logaritmo naturale, ln (x). Non possediamo ancora gli strumenti per dimostrare questa affermazione (che proveremo più avanti), l osservazione dei due grafici la rende plausibile x x Grafico di y =/x Grafico di y =lnx Primitive delle Combinazioni Lineari La regola della derivata della somma e del prodotto per costanti vale anche quando viene applicata alla ricerca delle primitive. Esempio 24 Trovare la primitiva di p (x) =3x 5 +7x 4 x Soluzione. Come nel caso della derivazione, consideriamo i singoli elementi che compongono p, troviamo le primitive e riassembliamo. La primitiva di 3x 5 è x 6 /2, quella di 7x 4 è 7x 5 /5, quelladix 2 /3 è x 3 /9 ed infine una primitiva di è x. Quindi, una primitiva di p (x) è la funzione 2 x x5 9 x3 +x + C qualsiasi sia il valore della costante C. E facile verificare la correttezza del risultato, basta derivare per ottenere p. Esempio 25 Consideriamo la funzione f (x) =x 3 x 2 2x, il cui grafico è disegnato sotto. Quattro primitive di f, indicate con F, G, H e K (dal basso verso l alto) sono disegnate nel grafico accanto. Trovare la formula delle quattro primitive x Grafico di f (x) =x 3 x 2 2x x Grafico di F, G, H, K

10 88 CAPITOLO 4. LE DERIVATE DELLE FUNZIONI ELEMENTARI Soluzione. Notare che i quattro grafici di F, G, H e K, sono la traslazione verticale uno dell altro; questo implica che le quattro funzioni differiscono tra di loro per una costante, come deve essere poiché F 0 = G 0 = H 0 = K 0 = f. Usando il teorema per la ricerca delle primitive si ha che una primitiva di f ha la forma x 4 4 x3 3 x2 + C per qualche valore della costante C. In particolare, F, G, H e K hanno questa forma e differiscono tra loro per il valore della costante. Per esempio, il grafico mostra che F (0) =, quindi =F (0) = C = F (x) = x4 4 x3 3 x2. In modo analogo si mostra che per G, H e K i valori delle costanti sono: C =0,C =,C =2rispettivamente Il Binomio di Newton Con questa dizione, intendiamo un modo compatto di scrivere la formula esplicita della potenza n-esima (n naturale) di un binomio: (a + b) n. La formula ci dice che nx µ (a + b) n n = a n k b k k k=0 = a n + na n b + n (n ) a n 2 b nab n + b n 2 dove il coefficiente indicato simbolicamente con n k indica, al variare di k il numero µ n = k n! k!(n k)!. Mostriamo come usare questa formula per trovare la derivata di x n. Esempio 26 Sia y = x n, dove n è un numero naturale. Mostrare che dy/dx = nx n. Soluzione. Per definizione Poiché si ha dy dx =lim h 0 (x + h) n = (x + h) n x n. h nx k=0 µ n x n k h k, k

11 4.. DERIVATE DELLE POTENZE E DEI POLINOMI 89 si ottiene dy dx = lim h 0 P n n k=0 k x n k h k x n h x n + nx n h + n(n ) 2 x n 2 h nxh n + h n x n = lim = lim h 0 nx n + n (n ) x n 2 h + + nxh n 2 + h n = nx n. 2 Il fatto che ci permette di ottenere il risultato è che nello sviluppo del binomio, tutti i termini dopo i primi due coinvolgono potenze di h superiori ad uno e quindi questi termini scompaiono, quando si passa al limite anche se divisi per h.

12 90 CAPITOLO 4. LE DERIVATE DELLE FUNZIONI ELEMENTARI 4..4 Esercizi di Derivazione. Per ognuna delle funzioni f elencate sotto, calcolare l espressione algebrica della funzione derivata f 0, quindi disegnare il grafici di f edif 0 sullo stesso sistema di assi per controllare intuitivamente le risposte. (a) f (x) =3x 2 ; (b) f (x) =5x 4 ; (c) f (x) =4x 5 +3x 2 x ; (d) f (x) =4 x + x 2 ; (e) f (x) =3x /2 +4x 3/2 ; (f) f (x) = 7x /4 ; (g) f (x) =x x ; (h) f (x) =4 x 3 5x 3/2 ; (i) 3 x 2 +5; (j) f (x) =4 5 x x Trovare la derivata seconda di ognuna delle funzioni dell Esercizio.Disegnare il grafici di f edif 00 sullo stesso sistema di assi per controllare intuitivamente le risposte. 3. Trovare una primitiva per ognuna delle funzioni dell Esercizio. 4. Vuotando un serbatoio di benzina si sa che il volume di benzina rimasto nel serbatoio dopo t minuti dall apertura della valvola, è dato dalla funzione V (t) = 00, t +40t 2, espresso in litri. (a) Con quale velocità media fuoriesce la benzina nei primi 20 0? (b) Con quale velocità media fuoriesce la benzina al tempo t =20 0? (c) Spiegare cosa dice V 00 (t) sulla velocità di fuoriuscita della benzina dal serbatoio. 5. Sia f (x) =e x. Spiegare, attraverso l uso dei grafici perché f 0 (x) 6= xe x. 6. Usare la definizione di derivata per calcolare la funzione derivata f 0 delle funzioni f indicate di seguito. (a) f (x) =(x +) 2 ;

13 4.. DERIVATE DELLE POTENZE E DEI POLINOMI 9 (b) f (x) =3x 4 ; (c) f (x) = x +3; (d) f (x) = x Trovare le derivate delle seguenti funzioni. (a) f (x) =(x +2) 3 ; (b) f (x) =4(x ) 4 ; (c) f (x) =(x 3) ; (d) f (x) =3(x +2) 2 ; (e) f (x) = x +; (f) f (x) = 3 x +5; (g) f (x) = x +4 ; (h) f (x) =7(x 3) 5/3. 8. Calcolare le derivate seconde delle funzioni dell Esercizio Trovare una primitiva per ognuna delle funzioni dell Esercizio Mostrare che ( + x) r +rx quando x 0 e r. [Sugg.: usare il Principio delle corse]. Consideriamo la funzione f (x) = (000 x) 2 + x 2. (a) Dire su quali intervalli la funzione è crescente e su quali è decrescente. (b) Usando (a) decidere se è maggiore o minore di Controllare la risposta usando un calcolatore. (c) Generalizzare il risultato di (a) per la funzione f (x) =(c x) n + x n,dovec è un numero positivo ed n un numero positivo pari. Usare il risultato per decidere qual è più grosso tra i numeri 0, e Trovare l equazione della retta tangente alla curva y = x 3 6x 2 nel suo punto di flesso. 3. Quanti punti di flesso ha il grafico della funzione f (x) =2x 6 +9x 5 + 0x 4 x +2? Quali sono questi punti? 4. Sia f (x) =3x 2 8x 2 f (2 + h) f (2). Calcolare lim h 0. h

14 92 CAPITOLO 4. LE DERIVATE DELLE FUNZIONI ELEMENTARI 5. trovare l espressione simbolica per la derivata n-esima delle funzioni (a) f (x) =/x ; (b) f (x) = x. 6. Sia p (x) =x n + a x n + a 2 x n a n x + a n. (a) Calcolare dn dx n p (x) ; (b) Mostrare che dn+ p (x) =0 dxn+ (c) Mostrare che se k èunintero,k n, p (k) (0) = k!a k. 7. Sia f (x) =x n con n 2. (a) Mostrare che f è convessa nell intervallo (0, + ) ; (b) Cosa si può dire della concavità nell intervallo (, 0)? [Sugg.: Ricordarsi parità e disparità]. 8. Trovare i valori di a edib in modo tale che la retta 2x +3y = a sia tangente al grafico di f (x) =bx 2 in x =3. 9. Trovare il valore di k per il quale il grafico della funzione f (x) =2x 2 +k/x ha un flesso in x =. 20. Sia f (x) =Ax 2 + Bx + C con le seguenti proprietà: (i) f (0) = 2; (ii) f 0 (2) = 0; (iii) f 00 (0) = 4. Trovare il valore di A + B + C. 2. Trovare il valore di b per il quale la funzione f (x) =x 4 + bx 2 +8x + ha flesso orizzontale per qualche valore di x. 22. trovare c in modo che la retta y =4x+3 sia tangente alla curva y = x 2 +c. 23. Siano dati n numeri positivi 0 a a 2 a n. La loro media aritmetica A n èdefinita dalla formula A n =(a + a a n ) /n, mentre la media geometrica è data da G n =(a a 2 a n ) /n. (a) Usareunpo dialgebrapermostrarecheg 2 A 2 ;[Sugg: a a 2 = 4 [(a + a 2 ) 2 (a a 2 ) 2 ] ] (b) Usare il principio delle corse per mostrare che G 2 A 2 ; [Sugg:Sia f (a 2 )=(a + a 2 ) /2 a a 2, mostrare che f (a 2 ) 0] (c) Mostrare che G n A n, n 2 [Sugg.: Mostrare che f (a n ) = A n G n 0]. 24. Siano n ed m interi positivi, a e b numeri reali positivi.

15 4.. DERIVATE DELLE POTENZE E DEI POLINOMI 93 (a) Verificare che: (a n b n )=(a b) a n + a n 2 b + a n 3 b ab n 2 + b n ; (b) Sia f (x) =x n. Usare il risultato in (a9 per mostrare che f 0 (a) = na n ; (c) Sia g (x) =x n. Usare (b) per mostrare che g 0 (a) = na n ; (d) Sia h (x) =x m/n. Usare (a) per mostrare che h 0 (a) = m n a(m n)/n [Sugg.: xm/n a m/n x /n m a /n m = x a x /n n a /n n ]. (e) Sia k (x) =x m/n. Mostrare che k 0 (a) = m n a (m+n)/n 25. Nell esercizio precedente si è mostrato che se r è razionale, allora si ha d dx xr = rx r. In questo esercizio estendiamo il risultato al caso in cui r è un reale qualsiasi. Siano p e q razionali tali che p<r<q. (a) Assumiamo che x>0. Spiegareperchésihache x p x < xr x < xq x [Sugg: Considerare separatamente i casi 0 <x< e x>]; x (b) Usare il risultato in (a) per mostrare che p lim r x x q ; x (c) Spiegare perché il risultato in (b) implica che lim r x x = r ; (d) Supponiamo che c sia un reale qualsiasi e a 6= 0. Mostrare che x c a c x a = µ w c w µ w a c = w c c a c ; w (e) Usare (c) e (d) per mostrare che (x c ) 0 = cx c per ogni numero reale c.

16 94 CAPITOLO 4. LE DERIVATE DELLE FUNZIONI ELEMENTARI 4..5 Esercizi su Massimi e Minimi. Dire su quali intervalli sono crescenti, e su quali decrescenti, le seguenti funzioni. Trovare tutti i massimi e minimi locali. (a) f (x) =x 3 3x 2 +5; (b) f (x) = 8x 9 +9x 8 5; (c) f (x) =7x 9 8x (d) f (x) =5x 6 +6x 5 5x Trovare il valore massimo ed il valore minimo delle seguenti funzioni, negli intervalli assegnati. (a) f (x) =x 3 3x +5; [0, 2] (b) f (x) =+2x 3 x 4 ;[, 2] (c) f (x) = x 3/x ;[/4, ] (d) f (x) =x 3 x 2 ;[ 2, 0] 3. Trovare il valore massimo ed il valore minimo della funzione f (x) =x 4 3x 2 +6su ognuno dei seguenti intervalli: (a) [ 2, 2] ; (b) [ 4, 2] ; (c) [, 2] ; (d) [, ]. 4. Una particella si muove lungo l asse delle x con equazione oraria x (t) = 3t 5 25t 3 +60t, t > 0. Per quali valori di t la particella si muove verso sinistra? 5. Una particella si muove lungo l asse delle x con velocità data da v (t) =t 2. Che spazio percorre la particella nell intervallo di tempo t 3? 6. Supponiamo di azionare i freni su di un auto viaggi a 50 km/h eche questa azione dia all auto una accelerazione negativa di 5 m/ sec 2. Quanto tempo occorre perché l auto si fermi? Che distanza percorre l auto prima di fermarsi? 7. Un auto che viaggia a 80 km/h non si ferma al segnale di stop. Tre secondi più tardi un auto della polizia parte, dall altezza del segnale con un accelerazione costante di 8 m/ sec 2 Con quale velocità la macchina della polizia supera l automobile pirata? 8. Supponiamo che un rettangolo abbia la sua base sull asse delle x e i due angoli superiori sulla curva y =2 x 2. Qual è il massimo perimetro del rettangolo? 9. Trovare il punto di minima distanza dalla curva xy =4all origine.

17 4.. DERIVATE DELLE POTENZE E DEI POLINOMI Quanto vale l area del più grande rettangolo che ha la sua base sull asse x e gli angoli superiori sulla curva y =2 x 2?. Il costo del combustibile in una nave di lusso è proporzionale al quadrato della velocità. Alla velocità di 0 km/h il combustibile costa.500 Euro/h. Assumendo che la nave debba percorrere una distanza totale di D chilometri, trovare la velocità che minimizza il costo del viaggio. La velocità dipende da D? 2. Una scatola aperta si ottiene tagliando un quadrato di lato w dai quattro angoli di un rettangolo di misura 24 e 32 centimetri e piegando quindi i lati. 3. Quanto deve valere w per ottenere il massimo volume? 4. Una scatola aperta della capacità di 0 m 3 ha una lunghezza doppia della larghezza.. Il materiale di cui è fatta la scatola costa 00 Lire/m 2. Quale sono le dimensioni della scatola che ne minimizzano il costo? Quanto costa? 5. Un bicchiere può essere prodotto al costo di 600 Lire l uno. Al prezzo di 2000 Lire al pezzo, se ne possono vendere 000. Per ogni 00 lire di sconto si possono vendere 50 bicchieri in più. Quale prezzo massimizza il profitto? Quanti bicchieri vengono venduti a tale prezzo?

18 96 CAPITOLO 4. LE DERIVATE DELLE FUNZIONI ELEMENTARI 4.2 Derivata dell Esponenziale e del Logaritmo Usare la definizione di limite del rapporto incrementale per trovare la derivata di una funzione algebrica può essere complicato, ma di solito è routine Esempio 27 Se f (x) = x + trovare f 0 (x). Soluzione. Ecco come si calcola il limite f 0 f (x + h) f (x) (x) = lim x + h + x + = lim = lim h 0 x + h + x + h (x + h +) (x +) = lim x + h ++ x + x + h ++ x + x + h ++ x + = lim h 0 x + h ++ x + = 2 x +. Abbiamo usato un trucco algebrico nella terza riga, ma a parte questo il calcolo non presenta difficoltà. Le funzioni non algebriche, - quelle senza una formula algebrica - sono chiamate trascendenti. Le funzioni esponenziali, i logaritmi e le funzioni trigonometriche sono tutte funzioni trascendenti. Trovare le derivate delle funzioni trascendenti è molto più complicato. Senza formule algebriche, i limiti che definiscono le derivate, normalmente non possono essere risolti con gli usuali trucchi algebrici. Avremmo bisogno di altri metodi. Non volendo entrare nella complicazione della teoria daremo, senza dimostrazione il valore della derivata della funzione f (x) =e x Derivata delle funzioni Esponenziali Teorema 28 La derivata della funzione f (x) =e x èlafunzionef 0 (x) =e x. Teorema 29 Se g (x) =b x,allorag 0 (x) =b x ln b. Dimostrazione. Iniziamo scrivendo la derivata come limite del rapporto incrementale g 0 g (x + h) g (x) (x) = lim b x+h b x = lim = b x b h lim =lim h 0 b x bh h

19 4.2. DERIVATA DELL ESPONENZIALE E DEL LOGARITMO 97 Se esiste il b h lim = k abbiamo mostrato che (b x ) 0 = kb x. Si tratta di mostrare che il limite esiste ed il valore di k. L ideachiavepermostrarel esistenzadellimiteedilsuovaloreènotareche possiamo scrivere b h b h b 0 k =lim =lim =lim h 0 g (h) g (0) h cioè che k non è altro che il valore della derivata della funzione g nel punto x =0, o dal punto di vista grafico, il valore del coefficiente angolare della retta tangente al grafico di g nel punto (0, ). Per conoscerne il valore ricordiamo che se f (x) =e x,allora g (x) =b x = e x ln b = f (x ln b). Usando il linguaggio geometrico, possiamo dire che g è ottenuta da f per compressione orizzontale del fattore ln b. Sappiamo che il valore della derivata di e x nel punto x =0,cioè il coefficiente angolare della retta tangente ad f (x) =e x nel punto (0, ) vale. Il grafico di g ha allora retta tangente con coefficiente angolare ln b nel punto x = Derivata delle funzioni Logaritmo Per trovare la derivata delle funzioni logaritmo f (x) =log b x useremo la conoscenza della derivata sua funzione inversa f (x) =b x. Riportiamo subito le conclusioni, che verificheremo più avanti. Teorema 30 Perognivalorepositivodib 6= si ha Se b = e, si ha (log b x) 0 = x ln b. (ln x) 0 = x. L idea chiave è che, per ogni b 6= la funzione b x e log b x sono una l inversa dell altra. Geometricamente, questa relazione significa che ognuno dei due grafici può essere ottenuto dall altro per riflessione rispetto alla retta y = x. La seguente figura, che mostra il caso b = e, illustra un dato cruciale: come questa riflessione si ripercuote sulla retta tangente.

20 98 CAPITOLO 4. LE DERIVATE DELLE FUNZIONI ELEMENTARI x Funzioni inverse e loro derivate Notiamo i seguenti fatti relativi al grafico disegnato: Punti Simmetrici Un punto P =(x, y) appartiene ad un grafico se e solo se il punto P 0 =(y, x) appartiene all altro. Rette Tangenti Simmetriche Consideriamo le rette tangenti ai due grafici nei punti P e P 0 rispettivamente (una coppia di questa forma è disegnata).: Così come i grafici delle funzioni, queste rette tangenti sono simmetriche rispetto alla retta y = x. Ne segue che i coefficienti angolari delle rette tangenti nei punti P e P 0 sono reciproci. Coefficienti Angolari Reciproci Il coefficiente angolare della retta tangente nel punto P 0 =(lna, a) è la derivata della funzione y = e x nel punto x =lna. Abbiamo detto che (e x ) 0 = e x, quindi la retta tangente in P 0 ha coefficiente angolare e ln a = a. Ne segue che la retta tangente in P =(a, ln a) ha coefficiente angolare /a, così come afferma il teorema. Ricordiamo infine che, per ogni base b si ha che log b x =lnx/ ln b. Applicando la regola di derivazione per la moltiplicazione di una funzione per una costante, si ottiene la regola generale. Primitive delle Funzioni Esponenziali e Logaritmiche Le formula per le derivate delle funzioni esponenziali sono facilmente reversibili, possiamo quindi senza troppi problemi affermare il seguente teorema. Teorema 3 Sia C una costante positiva e b una base positiva. Se f (x) = e x,allora F (x) =e x + C è una primitiva di f. Se g (x) =b x, allora G (x) = b x + C è una primitiva di g. ln b

21 4.2. DERIVATA DELL ESPONENZIALE E DEL LOGARITMO 99 La ricerca della primitiva per la funzione logaritmo è meno semplice, e non possediamo in questo momento gli strumenti per ricavarla (lo vedremo più avanti), ci limitiamo quindi ad asserirla. Affermazione 32 Sia C una costante. Se f (x) = lnx, allora F (x) = x ln x x c è una primitiva di f. Sebbene l affermazione sembri uscita dal cilindro di un prestigiatore, sarà facile verificarne la validità appena avremo sviluppato i metodi per la derivazione. Per mostrare come si arriva a questa formula dovremo aspettare di aver introdotto l operazione di integrazione e le sue proprietà. Esempio 33 Trovare una primitiva della funzione f (x) =3e x 2lnx. Soluzione. Usando il Teorema e l affermazione Precedenti possiamo dire che F (x) =3e x 2(x ln x x)+c è una primitiva della funzione f, qualunque sia il valore della costante C. Esempio 34 Sia f (x) =e x =exp(x). Trovare una funzione lineare L ed una quadratica Q che approssimino f nell intorno di x =0, seguendo la seguente procedura: (a) Trovare il valore delle costanti a e b tali che la funzione lineare L (x) =a+bx abbialostessovaloredif edif 0 in x = 0, cioè tali che L (0) = f (0) e L 0 (0) = f 0 (0) ; (b) Trovare il valore della costanti a, b, e c, tali che la funzione quadratica Q (x) =a + bx + cx 2 abbialostessovaloreelestessedueprimederivatedif in x =0, cioè tali che Q (0) = f (0),Q 0 (0) = f 0 (0) e Q 00 (0) = f 00 (0) ; (c) Disegnare i grafici di f, L e Q sullo stesso sistema d assi. Qual è l approssimazione di L ediq rispetto ad f nell intervallo [ 0.5, 0.5]? Soluzione. Osserviamo immediatamente che f (x) =f 0 (x) =f 00 (x); in particolare f (0) = f 0 (0) = f 00 (0) =. (a) Sia L (x) =a + bx. Cerchiamo i valori di a edib. Notiamo subito che L (0) = a equindi,poichédeveesserel (0) = f (0) = si ha che a =. Inoltre, la derivata di L è L 0 (x) =b. Ne segue che L 0 (0) = f 0 (0) = implica b =. Quindi L (x) =+x. (b) Sia Q (x) =a+bx+cx 2. Dobbiamo, anche in questo caso trovare i valori di a, b e c. Operando come in (a) si ha che Q (0) = f (0) = = a =; Q 0 (0) = f 0 (0) = = b =. Si ha quindi, Q (x) =+x+cx 2 e dobbiamo ancora trovare c. Poiché è Q 00 (x) = 2c si ha Q 00 (x) =2c = f 00 (0) = = c =/2. Ne segue che si ha Q (x) =+x + 2 x2. (c) Ecco di seguito i grafici delle tre funzioni (l esponenziale è il più scuro)

22 200 CAPITOLO 4. LE DERIVATE DELLE FUNZIONI ELEMENTARI x Due approssimazioni di y = e x La figura mostra che vicino a x =0sia L che Q approssimano bene f; Q ancora meglio di L. Una osservazione più ravvicinata dei valori di delle funzioni per x nell intervallo [ 0.5, 0.5] mostra che f (x) L (x) f (0.5) L (0.5) 0.5 f (x) Q (x) f (0.5) Q (0.5) x Due approssimazioni di y = e x Esercizi. Per ognuna delle funzioni seguenti, calcolare la funzione derivata (a) f (x) =2e x + π ; (b) f (x) =e 3 5e x ; (c) f (x) =2e x+ ; (d) f (x) =2 x + x +; (e) f (x) =2 3 x ; (f) f (x) =e π π x + x π ; (g) f (x) =x ln 5 ;

23 4.2. DERIVATA DELL ESPONENZIALE E DEL LOGARITMO 20 (h) f (x) = 3lnx ; (i) f (x) =2log 3 x ; (j) f (x) =(ln7) x. 2. Calcolare le derivate seconde delle funzioni dell Esercizio. 3. Trovare la primitive delle funzioni dell Esercizio. 4. Qual è il coefficiente angolare della retta tangente alla curva y =3 x nel punto x =0? 5. Qual è il coefficiente angolare della retta tangente alla curva y =log 3 x nel punto x =? 6. la posizione di una particella sull asse x al tempo t > 0 (espresso in secondi) è data da x)t =lnt metri. (a) Trovare la velocità media della particella nell intervallo t e ; (b) Trovare la velocità istantanea della particella al tempo t = e. 7. Trovare l equazione della retta tangente al grafico di y = e x nel punto x =0. 8. Sia f (x) = x ln x. (a) Mostrare che f raggiunge il suo minimo valore per x =4; (b) Mostrare che f ha un flesso per x =6. 9. Sia f (x) =lnx e x. (a) Mostrare che f raggiunge il suo massimo (globale) per x =; (b) Mostrare che f è concava in tutto il dominio. 0. Siano f, L, Q come nell Esempio (34) (a) Trovare il valore della costante d per il quale la funzione cubica C (x) =Q (x) +dx 3 ha le proprietà C (0) = f (0),C 0 (0) = f 0 (0), C 00 (0) = f 00 (0), e C 000 (0) = f 000 (0) ; (b) Disegnare (con l aiuto di un calcolatore) f, L, Q e C sullo stesso sistema d assi, nell intervallo [ 3, 3] ; (c) Trovare un intervallo sul quale f (x) L (x) 0. ; (d) Trovare un intervallo sul quale f (x) Q (x) 0. ; (e) Trovare un intervallo sul quale f (x) C (x) 0... Sia f (x) =lnx. (a) Trovare il valore delle costanti a e b tali che la funzione lineare L (x) = a + b (x ) ha le proprietà L () = f () e L 0 () = f 0 () ;

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE COSA SONO LE FUNZIONI Dati due sottoinsiemi A e B non vuoti di R, una FUNZIONE da A a B è una relazione che associa ad ogni numero reale

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte 1 Introduzione In questa lezione impareremo a definire e ricercare le funzioni inverse e le funzioni composte. Al termine di questa lezione sarai in grado di:

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Dispensa sulle funzioni trigonometriche

Dispensa sulle funzioni trigonometriche Sapienza Universita di Roma Dipartimento di Scienze di Base e Applicate per l Ingegneria Sezione di Matematica Dispensa sulle funzioni trigonometriche Paola Loreti e Cristina Pocci A. A. 00-0 Dispensa

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Numeri complessi e polinomi

Numeri complessi e polinomi Numeri complessi e polinomi 1 Numeri complessi L insieme dei numeri reali si identifica con la retta della geometria: in altri termini la retta si può dotare delle operazioni + e e divenire un insieme

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue:

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue: Def. Sia f una funzione a valori reali definita in un intervallo I (itato o ilitato) e sia un punto interno all intervallo I. Si dice che f è continua nel punto se: ( )= ( ) Una funzione f è continua in

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem)

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Raccolta di Esercizi di Matematica Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Contenuti: 8-1. L ordine Algebrico delle Operazioni 8-2. Problemi sulle Percentuali 8-3. Le Forme Standard e Point-Slope

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Formule trigonometriche

Formule trigonometriche Formule trigonometriche C. Enrico F. Bonaldi 1 Formule trigonometriche In trigonometria esistono delle formule fondamentali che permettono di calcolare le funzioni goniometriche della somma di due angoli

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Lo studio di unzione Ing. Alessandro Pochì Appunti di analisi Matematica per la Classe VD (a.s. 011/01) Schema generale per lo studio di una unzione Premessa Per Studio unzione si intende, generalmente,

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1]

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: 1. y = 16 x ;. y = e 1 x +4 + x + x + 1; 3. y = 10 x x 3 4x +3x; 4. y =

Dettagli

Analisi Matematica I

Analisi Matematica I Analisi Matematica I Fabio Fagnani, Gabriele Grillo Dipartimento di Matematica Politecnico di Torino Queste dispense contengono il materiale delle lezioni del corso di Analisi Matematica I rivolto agli

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Note integrative ed Esercizi consigliati

Note integrative ed Esercizi consigliati - a.a. 2006-07 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile (CIS) Note integrative ed consigliati Laura Poggiolini e Gianna Stefani Indice 0 1 Convergenza uniforme 1 2 Convergenza totale 5 1 Numeri

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio.

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio. Appunti di Analisi Matematica Docente:Fabio Camilli SAPIENZA, Università di Roma A.A. 4/5 http://www.dmmm.uniroma.it/~fabio.camilli/ (Versione del 9 luglio 5) Note scritte in collaborazione con il prof.

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

Le funzioni reali di variabile reale

Le funzioni reali di variabile reale Prof. Michele Giugliano (Gennaio 2002) Le funzioni reali di variabile reale ) Complementi di teoria degli insiemi. A) Estremi di un insieme numerico X. Dato un insieme X R, si chiama maggiorante di X un

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

Sviluppi di Taylor Esercizi risolti

Sviluppi di Taylor Esercizi risolti Esercizio 1 Sviluppi di Taylor Esercizi risolti Utilizzando gli sviluppi fondamentali, calcolare gli sviluppi di McLaurin con resto di Peano delle funzioni seguenti fino all ordine n indicato: 1. fx ln1

Dettagli

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ;

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; 1. Un triangolo ha area 3 e due lati che misurano 2 e 3. Qual è la misura del terzo lato? : L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; nel nostro

Dettagli

Funzioni e loro grafici

Funzioni e loro grafici Funzioni e loro grafici Dicesi funzione y=f(x) della variabile x una legge qualsiasi che faccia corrispondere ad ogni valore di x, scelto in un certo insieme, detto dominio, uno ed uno solo valore di y

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

La curva grafico della funzione, partendo dal punto A(a,f(a)), si snoda con continuità, senza interruzioni, fino ad approdare nel punto B(b,f(b)).

La curva grafico della funzione, partendo dal punto A(a,f(a)), si snoda con continuità, senza interruzioni, fino ad approdare nel punto B(b,f(b)). Calcolo differenziale Il teorema di Rolle TEOREMA DI ROLLE Ipotesi f continua su [a, b] f derivabile per lo meno su (a,b) f(a) = f(b) Tesi Esiste almeno un punto c in (a, b) tale che Giustificazione con

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Appunti di Algebra Lineare

Appunti di Algebra Lineare Appunti di Algebra Lineare Indice 1 I vettori geometrici. 1 1.1 Introduzione................................... 1 1. Somma e prodotto per uno scalare....................... 1 1.3 Combinazioni lineari e

Dettagli

F (x) = f(x) per ogni x I. Per esempio:

F (x) = f(x) per ogni x I. Per esempio: Funzioni Primitive (Integrali Indefiniti) (l.v.) Pur essendo un argomento che fa parte del Calcolo Differenziale, molti autori inseriscono funzioni primitive nel capitolo sul Calcolo Integrale, in quanto

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le funzioni nel discreto 3 1.1 Le funzioni nel discreto.................................. 3 1.1.1 La rappresentazione grafica............................

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA DEFINIZIONE: Dato un numero reale a che sia a > 0 e a si definisce funzione esponenziale f(x) = a x la relazione che ad ogni valore di x associa uno e un solo

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2 L. Pandolfi Lezioni di Analisi Matematica 2 i Il testo presenta tre blocchi principali di argomenti: A Successioni e serie numeriche e di funzioni: Cap., e 2. B Questa parte consta di due, da studiarsi

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. Esercizi Esercizio 1. Date le seguenti applicazioni lineari (1) f : R 2 R 3 definita da f(x, y) = (x 2y, x + y, x + y); (2) g : R 3 R 2 definita da g(x, y, z) = (x + y, x y); (3)

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli