Esercizi per il recupero del debito formativo:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esercizi per il recupero del debito formativo:"

Transcript

1 ANNO SCOLASTICO 2005/2006 CLASSE 4 ISC Esercizi per il recupero del debito formativo: Facendo esclusivamente uso delle istruzioni del linguaggio macchina mnemonico del microprocessore INTEL 8086 viste in classe, rispondere alle seguenti domande: 1 ) Scrivere una sequenza d istruzioni che decrementi di uno il numero binario di 32 bit contenuto nei registri DX (parte alta) e AX (parte bassa). 2 ) Scrivere una sequenza d istruzioni che ruoti tutti i bit del registro AX verso sinistra di una posizione. 3 ) Scrivere una sequenza d istruzioni che ruoti tutti i bit del registro AX verso sinistra di un numero di posizioni pari al contenuto del registro CL. 4 ) Scrivere una sequenza d istruzioni che ruoti tutti i bit del registro AX verso destra di una posizione. 5 ) Scrivere una sequenza d'istruzioni che ponga ad uno il flag zero se e solo se il registro AL contiene il codice ASCII di una cifra decimale. 6 ) Scrivere una sequenza d istruzioni che copi il byte contenuto nella cella di memoria d indirizzo fisico (00000) 16 nella cella di memoria d indirizzo fisico (FFFFF) ) Scrivere una sequenza d istruzioni che copi nei registri ES e DI rispettivamente la parte segment e la parte offset dell indirizzo logico normalizzato corrispondente all indirizzo fisico contenuto nei registri DX (parte alta) ed AX (parte bassa). 8 ) Scrivere una sequenza d'istruzioni che salti all'indirizzo (200) 16 se l'indirizzo logico (ES:DI) equivale all'indirizzo fisico (12345) 16.

2 Disegnare il flow chart e scrivere la codifica nel linguaggio macchina mnemonico del microprocessore INTEL 8086 delle seguenti procedure: 1 ) Una procedura di nome GETSTR che acquisisca da tastiera una stringa di caratteri delimitati dal tasto INVIO, salvandola in formato ASCIIZ nel blocco di memoria d indirizzo fisico iniziale ES*16. NOTA: per leggere nel registro AL il codice ASCII del carattere digitato sulla tastiera, fare uso dell istruzione INT 16 con AH = 0. 2 ) Una procedura di nome TOUPPER che converta in maiuscolo tutte le lettere minuscole contenute nella stringa ASCIIZ memorizzata a partire dalla cella d indirizzo fisico ES*16. NOTA: il codice ASCII della lettera a è (61) 16, quello di A è (41) ) Una procedura di nome DISPSTR che visualizzi sul monitor in ordine inverso i caratteri della stringa ASCIIZ memorizzata a partire dalla cella d indirizzo fisico ES*16. NOTA: per visualizzare il carattere il cui codice ASCII è contenuto nel registro AL, fare uso dell istruzione INT 10 con AH = 0E e BX = 0. 4 ) Una procedura di nome MAIN che entri in un ciclo in cui, facendo uso delle procedure definite nei punti precedenti, visualizzi in maiuscolo ed in ordine inverso tutti i caratteri digitati sulla tastiera prima della pressione del tasto INVIO. Se l utente digita una stringa vuota premendo il tasto INVIO due volte di seguito, questa procedura deve restituire il controllo al sistema operativo. NOTA: per restituire il controllo al sistema operativo, fare uso dell istruzione INT 21 con AH = 4C.

3 Rispondere alle seguenti domande: 1 ) Cos è la velocità d elaborazione di un processore? 2 ) Come si calcola la velocità d elaborazione di un processore? 3 ) Quali funzioni sono svolte dall Execution Unit? 4 ) Quali sono i principali componenti interni dell Execution Unit? 5 ) Quali funzioni sono svolte dalla Bus Interface Unit? 6 ) Quali sono i principali componenti interni della Bus Interface Unit? 7 ) Scrivere la formula di traduzione degli indirizzi logici in indirizzi fisici. 8 ) Cosa sono gli indirizzi logici normalizzati? 9 ) Come si calcola l indirizzo logico normalizzato corrispondente ad un indirizzo fisico? 10 ) Come si calcolano gli indirizzi logici equivalenti ad un indirizzo logico normalizzato? 11 ) Cosa contiene il registro IP? 12 ) Cosa contiene il registro CS? 13 ) Cosa contiene il registro DS? 14 ) Cosa contiene il registro SS? 15 ) Cosa contiene il registro SP? 16 ) Scrivere il nome e la sintassi di ciascun metodo d indirizzamento degli operandi. 17 ) Scrivere la sintassi e le operazioni specificate dall istruzione MULTIPLY. 18 ) Scrivere la sintassi e le operazioni specificate dall istruzione DIVIDE. 19 ) Scrivere la sintassi e le operazioni specificate dall istruzione PUSH. 20 ) Scrivere la sintassi e le operazioni specificate dall istruzione POP. 21 ) Scrivere la sintassi e le operazioni specificate dall istruzione CALL. 22 ) Scrivere la sintassi e le operazioni specificate dall istruzione RETURN. 23 ) Scrivere la sintassi e le operazioni specificate dall istruzione INTERRUPT. 24 ) Scrivere la sintassi e le operazioni specificate dall istruzione INTERRUPT RETURN.

4 Disegnare il flow chart e scrivere la codifica, nel linguaggio assemblativo del microprocessore INTEL 8086, delle seguenti procedure: 1 ) Una procedura di nome DISPNUM che visualizzi, sullo schermo del computer, il numero di CX cifre decimali memorizzate in codice ASCII a partire dalla cella d indirizzo logico (DS : SI). 2 ) Una procedura di nome INCNUM che incrementi di uno il numero di CX cifre decimali memorizzate in codice ASCII a partire dalla cella d indirizzo logico (DS : DI). NOTA: si supponga che il numero da incrementare sia sempre minore del massimo valore rappresentabile con CX cifre decimali in modo da non dover controllare l eventuale superamento della capacità di rappresentazione del valore del numero durante il suo incremento. 3 ) Una routine di servizio delle interruzioni di nome MYISR che, facendo uso della procedura dell esercizio precedente, incrementi di 55 il numero di otto cifre decimali memorizzate in codice ASCII nell area di memoria definita dalla direttiva: NUM DB ) Una procedura di nome MAIN che, dopo aver copiato l indirizzo logico della routine di servizio delle interruzioni di nome MYISR nella posizione (1C) 16 della tabella dei vettori d interruzione, resti in attesa della pressione del tasto INVIO da parte dell utente. Quindi, prima di terminare la propria esecuzione restituendo il controllo al sistema operativo, visualizzi il numero di otto cifre decimali memorizzate in codice ASCII nell area di memoria definita dalla direttiva: NUM DB NOTA: il codice ASCII del tasto INVIO è (0D) 16. Si supponga infine di utilizzare, per tutte le procedure, il modello di memoria TINY.

5 I pipe sono delle strutture dati utilizzate, nei sistemi operativi multiprogrammati, per la comunicazione tra processi o thread. Data la seguente interfaccia: public interface PipeInterface { public char get(); public void put(char c); public void read(char[] block); public void write(char[] block); } Scrivere una classe di nome Pipe che implementi l interfaccia PipeInterface definendo, oltre a tutti i campi privati di tale classe, i seguenti metodi: 1 ) Il costruttore della classe Pipe che crea nuovi pipe in grado di memorizzare un numero di elementi pari al valore del parametro int capacity. 2 ) Il metodo get che preleva dal pipe e restituisce il primo degli elementi inseriti ma non ancora prelevati. Se il pipe è vuoto, il thread chiamante viene bloccato in attesa dell inserimento di nuovi elementi da parte di altri thread. 3 ) Il metodo put che inserisce un nuovo elemento nel pipe. Se il pipe è pieno, il thread chiamante viene bloccato in attesa del prelevamento di qualche elemento da parte di altri thread. 4 ) Il metodo read che preleva dal pipe un blocco di elementi, copiandoli nell array di caratteri fornito come parametro. Se il pipe non contiene tutti i dati richiesti, il thread chiamante viene bloccato in attesa dell inserimento di nuovi elementi da parte di altri thread. 5 ) Il metodo write che inserisce nel pipe tutti gli elementi dell array di caratteri fornito come parametro. Se il pipe non può contenere tutti i dati richiesti, il thread chiamante viene bloccato in attesa del prelevamento di qualche elemento da parte di altri thread. 6 ) Il metodo main che, dopo aver creato un nuovo pipe di capacità args[0], crei un thread di classe Producer, con parametri il pipe ed args[1], ed un thread di classe Consumer, con parametri il pipe ed args[2]. 7 ) Definire una classe di nome Producer che estenda la classe Thread in modo che il metodo run inserisca ripetutamente nel pipe fornito come primo argomento del costruttore, la stringa di caratteri fornita come secondo argomento del costruttore di tale classe. Suggerimento: per trasformare una stringa in un array di caratteri, utilizzare il metodo to- CharArray( ) della classe String. 8 ) Definire una classe di nome Consumer che estenda la classe Thread in modo che il metodo run prelevi ripetutamente dal pipe fornito come primo argomento del costruttore, un array di caratteri di lunghezza fornita come secondo argomento del costruttore di tale classe, visualizzando i caratteri dell array su una riga dello schermo.

6 Rispondere alle seguenti domande: 25 ) Qual è la causa delle interruzioni software? 26 ) Qual è la causa delle interruzioni hardware interne per errore di divisione? 27 ) Qual è la causa delle interruzioni hardware interne per modalità passo-passo? 28 ) Qual è la causa delle interruzioni hardware esterne non mascherabili? 29 ) Qual è la causa delle interruzioni hardware esterne mascherabili? 30 ) A quale tipo d interruzione corrisponde il codice 0? 31 ) A quale tipo d interruzione corrisponde il codice 1? 32 ) A quale tipo d interruzione corrisponde il codice 2? 33 ) A quale dispositivo del PC IBM è corrisponde il codice d interruzione numero 8? 34 ) A quale dispositivo del PC IBM è corrisponde il codice d interruzione numero 9? 35 ) Qual è il numero del servizio DOS get interrupt vector? 36 ) Qual è il numero del servizio DOS set interrupt vector? 37 ) Scrivere la sintassi completa dell istruzione INPUT. 38 ) Scrivere la sintassi completa dell istruzione OUTPUT. 39 ) Quali sono i principali elementi dell architettura logica di un elaboratore digitale? 40 ) Che cos è il sistema operativo? 41 ) Che cos è la memoria virtuale? 42 ) Che cos è la multiprogrammazione? 43 ) Quali sono gli stati di un processo d esecuzione di un programma? 44 ) Quali sono i principali servizi di gestione dei processi? 45 ) Quali sono le principali tecniche di schedulazione dei processi? 46 ) Che cosa contiene il descrittore di un processo? 47 ) Che cos è il multithreading? 48 ) Quand è che un insieme di processi si trova in una situazione di stallo?

Consegne estive per gli studenti con sospensione del giudizio nella materia Sistemi per l'elaborazione e la trasmissione dell'informazione.

Consegne estive per gli studenti con sospensione del giudizio nella materia Sistemi per l'elaborazione e la trasmissione dell'informazione. Consegne estive per gli studenti con sospensione del giudizio nella materia Sistemi per l'elaborazione e la trasmissione dell'informazione. Facendo esclusivamente uso delle istruzioni del linguaggio macchina

Dettagli

Interazione con il DOS e il BIOS

Interazione con il DOS e il BIOS Interazione con il DOS e il BIOS ARGOMENTI PRESENTATI IN QUESTI LUCIDI Routine di BIOS e DOS Due modalità diverse di restituire il controllo al DOS L interazione con le routine del DOS: l interrupt 21H

Dettagli

Processore Danilo Dessì. Architettura degli Elaboratori.

Processore Danilo Dessì. Architettura degli Elaboratori. Processore 8088 Architettura degli Elaboratori Danilo Dessì danilo_dessi@unica.it Subroutine Anche nel linguaggio assemblativo è possibile suddividere un programma in subroutine Per invocare una subroutine

Dettagli

Il microprocessore 8086

Il microprocessore 8086 1 Il microprocessore 8086 LA CPU 8086 Il microprocessore 8086 fa parte della famiglia 80xxx della INTEL. Il capostipite di questa famiglia è stato l 8080, un microprocessore ad 8 bit che ha riscosso un

Dettagli

Programmazione Assembly per 8088: Esercizi svolti

Programmazione Assembly per 8088: Esercizi svolti Programmazione Assembly per 8088: Esercizi svolti Marco Di Felice 13 dicembre 2006 1 Esercizio 1 (esercizio 1 del Tanenbaum, Appendice C) TESTO. Dopo l esecuzione dell istruzione MOV AX, 702 qual è il

Dettagli

Assembly. Modello x86

Assembly. Modello x86 Assembly Modello x86 1 Il microprocessore Un MICROPROCESSORE è un circuito integrato dotato di una struttura circuitale in grado di attuare un prefissato SET di ISTRUZIONI 2 Caratteristiche del microprocessore

Dettagli

Nel microprocessore 8086 abbiamo una gran quantità di registri

Nel microprocessore 8086 abbiamo una gran quantità di registri I registri del microprocessore 8086 Nel microprocessore 8086 abbiamo una gran quantità di registri AH AL AX 1 1 1 1 1 1 1 0 0 1 0 1 1 1 0 1 B H B L BX 1 0 1 0 1 0 0 1 1 1 0 1 1 0 1 0 C H C L CX 1 0 1 1

Dettagli

Famiglia dei processori INTEL

Famiglia dei processori INTEL Famiglia dei processori INTEL 1975 2002 8080-8086 - 80286-80386 - 80486 - Pentium - Pentium II-III-IV - Itanium Compatibilità del SW (assemby) 8086 80286 80386 80486 Pentium Pentium III Perché studiare

Dettagli

Esercizi sul linguaggio Assembler

Esercizi sul linguaggio Assembler Esercizi sul linguaggio Assembler Corso di Laurea di Ing. Gestionale e di Ing. delle Telecomunicazioni A.A. 2007-2008 1. A partire dalla locazione di nome simbolico CIFRA sono memorizzate le codifiche

Dettagli

ARCHITETTURA DEI MICROPROCESSORI INTEL 8086/8088

ARCHITETTURA DEI MICROPROCESSORI INTEL 8086/8088 ARCHITETTURA DEI MICROPROCESSORI INTEL 8086/8088 microprocessori Intel di terza generazione progetto originario del 1979, ancora oggi interessanti per: motivi didattici: l architettura dei processori Intel

Dettagli

Componenti e connessioni. Capitolo 3

Componenti e connessioni. Capitolo 3 Componenti e connessioni Capitolo 3 Componenti principali CPU (Unità Centrale di Elaborazione) Memoria Sistemi di I/O Connessioni tra loro Architettura di Von Neumann Dati e instruzioni in memoria (lettura

Dettagli

PASSI DI SVILUPPO DI UN PROGRAMMA: ESEMPIO

PASSI DI SVILUPPO DI UN PROGRAMMA: ESEMPIO PASSI DI SVILUPPO DI UN PROGRAMMA: ESEMPIO Programma diviso in due moduli: MA.ASM: programma pricipale e funzioni di utilità MB.ASM: sottoprogramma di elaborazione Primo modulo: MA.ASM EXTRN alfa: BYTE

Dettagli

ARCHITETTURA DEI MICROPROCESSORI INTEL 8086/8088

ARCHITETTURA DEI MICROPROCESSORI INTEL 8086/8088 ARCHITETTURA DEI MICROPROCESSORI INTEL 8086/8088 microprocessori Intel di terza generazione progetto originario del 1979, ancora oggi interessanti per: motivi didattici: l architettura dei processori Intel

Dettagli

Esercizi di riepilogo (Fondamenti di Informatica 1 Walter Didimo)

Esercizi di riepilogo (Fondamenti di Informatica 1 Walter Didimo) Esercizi di riepilogo (Fondamenti di Informatica 1 Walter Didimo) Selezione di prove di esame al calcolatore Esercizio 1 (esame del 13/01/2006) La classe Matrice definisce oggetti che rappresentano matrici

Dettagli

Architettura degli elaboratori (A)

Architettura degli elaboratori (A) Laurea in Informatica a.a. 2010-2011 Laboratorio del corso di Architettura degli elaboratori (A) Modulo 1: l Architettura dell 8086 Valeria Carofiglio Linguaggi a vari livelli e loro relazioni Programma

Dettagli

Architettura di un elaboratore. Il modello di von Neumann

Architettura di un elaboratore. Il modello di von Neumann Architettura di un elaboratore Il modello di von Neumann 4(5) componenti fondamentali unita di elaborazione: CPU memoria centrale: RAM periferiche (memoria di massa) bus di sistema bus di sistema CPU RAM

Dettagli

ARCHITETTURA DEI MICROPROCESSORI INTEL 8086/8088

ARCHITETTURA DEI MICROPROCESSORI INTEL 8086/8088 ARCHITETTURA DEI MICROPROCESSORI INTEL 8086/8088 microprocessori Intel della terza generazione progetto del 1978/79 address bus: 20 bit Ä 1M byte data bus: 8 bit per l 8088, 16 bit per l 8086 identico

Dettagli

ARCHITETTURA DEL MICROPROCESSORE INTEL 8086 (iapx86/10)

ARCHITETTURA DEL MICROPROCESSORE INTEL 8086 (iapx86/10) ARCHITETTURA DEL MICROPROCESSORE INTEL 8086 (iapx86/10) Chip con 40 piedini e 29000 transistori Progettato a metà degli anni 70, periodo in cui la densità di integrazione era relativamente bassa ( solo

Dettagli

Concetti Introduttivi

Concetti Introduttivi Concetti Introduttivi Architettura del Computer http://www.dia.uniroma3.it/~roselli/ roselli@dia.uniroma3.it Credits Materiale a cura del Prof. Franco Milicchio Introduzione In questo corso ci occuperemo

Dettagli

Set di istruzioni Z80 (quarta parte) Pagina 1 di 9 ISTRUZIONI DI SALTO

Set di istruzioni Z80 (quarta parte) Pagina 1 di 9 ISTRUZIONI DI SALTO Set di istruzioni Z80 (quarta parte) Pagina 1 di 9 ISTRUZIONI DI SALTO JP pq E un istruzione di salto assoluto incondizionato. Per salto assoluto si intende il fatto che grazie a quest istruzione, il contenuto

Dettagli

Il linguaggio assembly

Il linguaggio assembly Il linguaggio assembly Introduzione al linguaggio macchina Indice Che cos è l assembly Elementi del linguaggio Memoria di programma Registri interni e di I/O Registri particolari Rappresentazione dell

Dettagli

Introduzione all uso degli oggetti in Java (parte II) Walter Didimo

Introduzione all uso degli oggetti in Java (parte II) Walter Didimo Introduzione all uso degli oggetti in Java (parte II) Walter Didimo Esercizio all uso di oggetti Nel corso viene fornita una classe i cui oggetti permettono di leggere dati immessi dalla tastiera la classe

Dettagli

Esercizi su strutture dati

Esercizi su strutture dati Esercizi su strutture dati Marco Alberti Programmazione e Laboratorio, A.A. 2016-2017 Dipartimento di Matematica e Informatica - Università di Ferrara Ultima modifica: 21 dicembre 2016 Liste collegate

Dettagli

Linguaggio Macchina. Linguaggio Macchina. Linguaggio Macchina. Linguaggio Macchina ADD A,B ISTRUZIONE SUCCESSIVA

Linguaggio Macchina. Linguaggio Macchina. Linguaggio Macchina. Linguaggio Macchina ADD A,B ISTRUZIONE SUCCESSIVA Lezione n.11 n.11 Lezione n. 11 ARCHITETTURA INTERNA ARCHITETTURA ESTERNA CODICE MACCHINA MODI DI INDIRIZZAMENTO ARCHITETTURE A PIU' INDIRIZZI In questa lezione verranno introdotti i concetti di base relativi

Dettagli

Componenti principali. Programma cablato. Architettura di Von Neumann. Programma cablato. Cos e un programma? Componenti e connessioni

Componenti principali. Programma cablato. Architettura di Von Neumann. Programma cablato. Cos e un programma? Componenti e connessioni Componenti principali Componenti e connessioni Capitolo 3 CPU (Unita Centrale di Elaborazione) Memoria Sistemi di I/O Connessioni tra loro 1 2 Architettura di Von Neumann Dati e instruzioni in memoria

Dettagli

Informatica/ Ing. Meccanica/ Prof. Verdicchio/ 13/09/2013/ Foglio delle domande/versione 1

Informatica/ Ing. Meccanica/ Prof. Verdicchio/ 13/09/2013/ Foglio delle domande/versione 1 Informatica/ Ing. Meccanica/ Prof. Verdicchio/ 13/09/2013/ Foglio delle domande/versione 1 1) Dato un diagramma di flusso quali sono le condizioni necessarie perché si possa costruire un programma corrispondente?

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica

Corso di Laurea in Informatica Corso di Laurea in Informatica Architetture degli Elaboratori Corsi A e B Scritto del 13 Dicembre 2004 Esercizio 1 (punti -1, 3) Si consideri l architettura nota come macchina di von Neumann (a) Come le

Dettagli

Caratteri e stringhe

Caratteri e stringhe Caratteri e stringhe Caratteri Dato che un computer può memorizzare esclusivamente sequenze di bit, per memorizzare un carattere (e quindi testi) è necessario stabilire una convenzione che associa a un

Dettagli

Componenti principali

Componenti principali Componenti e connessioni Capitolo 3 Componenti principali n CPU (Unità Centrale di Elaborazione) n Memoria n Sistemi di I/O n Connessioni tra loro Architettura di Von Neumann n Dati e instruzioni in memoria

Dettagli

Programmazione in Java (I modulo)

Programmazione in Java (I modulo) Programmazione in Java (I modulo) Lezione 4 Variabili di tipo primitivo. Dichiarazione di costanti Conversioni di tipo: operatore cast Altri operatori di assegnamento Operazioni aritmetiche e di confronto

Dettagli

L insieme delle istruzioni (6)

L insieme delle istruzioni (6) L insieme delle istruzioni (6) Architetture dei Calcolatori (lettere A-I) Alcune note conclusive I due principi dell architettura a programma memorizzato Uso di istruzioni indistinguibili dai dati Uso

Dettagli

LA CODIFICA DELL INFORMAZIONE. Introduzione ai sistemi informatici D. Sciuto, G. Buonanno, L. Mari, McGraw-Hill Cap.2

LA CODIFICA DELL INFORMAZIONE. Introduzione ai sistemi informatici D. Sciuto, G. Buonanno, L. Mari, McGraw-Hill Cap.2 LA CODIFICA DELL INFORMAZIONE Introduzione ai sistemi informatici D. Sciuto, G. Buonanno, L. Mari, McGraw-Hill Cap.2 Codifica dati e istruzioni Per scrivere un programma è necessario rappresentare istruzioni

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 2

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 2 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 2 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base due sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c 0 (le c i sono cifre

Dettagli

Calcolatori Elettronici Lezione A4 Programmazione a Moduli

Calcolatori Elettronici Lezione A4 Programmazione a Moduli Calcolatori Elettronici Lezione A4 Programmazione a Moduli Ing. Gestionale e delle Telecomunicazioni A.A. 2007/08 Gabriele Cecchetti Sommario Programmazione a moduli Programmi con linguaggi misti Tempo

Dettagli

La codifica dei numeri

La codifica dei numeri La codifica dei numeri La rappresentazione dei numeri con il sistema decimale può essere utilizzata come spunto per definire un metodo di codifica dei numeri all interno degli elaboratori: la sequenza

Dettagli

Istruzioni macchina. Dove sono gli operandi? Ciclo della CPU. Elementi di un istruzione macchina. Rappresentazione delle istruzioni

Istruzioni macchina. Dove sono gli operandi? Ciclo della CPU. Elementi di un istruzione macchina. Rappresentazione delle istruzioni Istruzioni macchina Linguaggio macchina Insieme delle istruzioni (instruction set) che la CPU puo eseguire Capitolo 10 1 2 Elementi di un istruzione macchina Codice operativo Specifica l operazione da

Dettagli

I/O INTERATTIVO. scanf: quello che è indispensabile sapere printf: quello che è utile sapere

I/O INTERATTIVO. scanf: quello che è indispensabile sapere printf: quello che è utile sapere I/O INTERATTIVO scanf: quello che è indispensabile sapere printf: quello che è utile sapere Input da tastiera Funzioni disponibili (tra le altre): scanf getchar Schema di funzionamento Tastiera Sistema

Dettagli

Istruzioni di trasferimento dati

Istruzioni di trasferimento dati Istruzioni di trasferimento dati Leggere dalla memoria su registro: lw (load word) Scrivere da registro alla memoria: sw (store word) Esempio: Codice C: A[8] += h A è un array di numeri interi Codice Assembler:

Dettagli

Breve guida AL LINGUAGGIO ASSEMBLY (emulatore EMU8086)

Breve guida AL LINGUAGGIO ASSEMBLY (emulatore EMU8086) PROF. CARMELO CALARCO Breve guida AL LINGUAGGIO ASSEMBLY (emulatore EMU8086) 1 IL LINGUAGGIO ASSEMBLY Il linguaggio assembly è un linguaggio di programmazione a basso livello. Per linguaggi di basso livello

Dettagli

G L O S S A R I O. Fondamenti di Informatica I - Università degli Studi di Trento Dott. Roberti Pierluigi

G L O S S A R I O. Fondamenti di Informatica I - Università degli Studi di Trento Dott. Roberti Pierluigi G L O S S A R I O BIT: acronimo di Binary Digit. E l unità elementare di informazione. Può assumere solo il valore 0 o 1. CALCOLATORE: macchina che opera la trasformazione dei dati (informazioni) HARDWARE:

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica Architetture degli Elaboratori

Corso di Laurea in Informatica Architetture degli Elaboratori Corso di Laurea in Informatica Architetture degli Elaboratori Corsi A e B Scritto del 6 dicembre 2005 Esercizio 1 (punti -1, 2) Considerare una codifica su 8 bit in complemento a due e rappresentare i

Dettagli

Variabili. Unità 2. Domenico Daniele Bloisi. Corso di Fondamenti di Informatica Ingegneria delle Comunicazioni BCOR Ingegneria Elettronica BELR

Variabili. Unità 2. Domenico Daniele Bloisi. Corso di Fondamenti di Informatica Ingegneria delle Comunicazioni BCOR Ingegneria Elettronica BELR Corso di Fondamenti di Informatica Ingegneria delle Comunicazioni BCOR Ingegneria Elettronica BELR Domenico Daniele Bloisi Docenti Parte I prof. Silvio Salza salza@dis.uniroma1.it http://www.dis.uniroma1.it/~salza/fondamenti.htm

Dettagli

INFORMATICA. L informatica comprende:

INFORMATICA. L informatica comprende: Varie definizioni: INFORMATICA Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione Definizione proposta: Scienza della rappresentazione e dell elaborazione dell informazione

Dettagli

ERRATA CORRIGE. void SvuotaBuffer(void); void SvuotaBuffer(void) { if(getchar()!=10) {svuotabuffer();} }

ERRATA CORRIGE. void SvuotaBuffer(void); void SvuotaBuffer(void) { if(getchar()!=10) {svuotabuffer();} } ERRATA CORRIGE Pulizia del buffer di input: come fare? (1) Dopo aver richiamato getchar() per prelevare un carattere dal buffer di input, inseriamo una seconda chiamata a getchar(), senza assegnare il

Dettagli

Macchina di von Neumann/Turing

Macchina di von Neumann/Turing Macchina di von Neumann/Turing Concetto di programma memorizzato Memoria principale per dati e istruzioni ALU opera su dati in formato binario Unità di controllo che interpreta le istruzioni in memoria

Dettagli

Laboratorio di Programmazione 1 [Java]

Laboratorio di Programmazione 1 [Java] Laboratorio di Programmazione 1 [Java] Prova di esame - 26 Gennaio 2011 Tempo massimo: 50 minuti Si implementino in Java le classi Tavolo e Pizzeria. La classe Tavolo ha i seguenti attributi: nome (una

Dettagli

I puntatori sono tipi di variabili il cui valore rappresenta un indirizzo della memoria.

I puntatori sono tipi di variabili il cui valore rappresenta un indirizzo della memoria. Puntatori I puntatori sono tipi di variabili il cui valore rappresenta un indirizzo della memoria. NOTA: quando un programma viene mandato in esecuzione, ad esso viene assegnata un area di memoria di lavoro

Dettagli

Architettura dei computer

Architettura dei computer Architettura dei computer In un computer possiamo distinguere quattro unità funzionali: il processore la memoria principale (memoria centrale, RAM) la memoria secondaria i dispositivi di input/output La

Dettagli

Informatica Applicata. introduzione

Informatica Applicata. introduzione introduzione 1 INFORMATICA E' la scienza che si propone di raccogliere, organizzare, elaborare e conservare le informazioni gestendole in modo automatico. Il termine deriva dalla fusione delle parole:

Dettagli

FONDAMENTI DI INFORMATICA Lezione n. 11

FONDAMENTI DI INFORMATICA Lezione n. 11 FONDAMENTI DI INFORMATICA Lezione n. 11 ARCHITETTURA INTERNA ARCHITETTURA ESTERNA CODICE MACCHINA MODI DI INDIRIZZAMENTO ARCHITETTURE A PIU' INDIRIZZI In questa lezione verranno introdotti i concetti di

Dettagli

Algoritmi e soluzione di problemi

Algoritmi e soluzione di problemi Algoritmi e soluzione di problemi Dato un problema devo trovare una soluzione. Esempi: effettuare una telefonata calcolare l area di un trapezio L algoritmo è la sequenza di operazioni (istruzioni, azioni)

Dettagli

Programmazione II Compitino (Vers. A)

Programmazione II Compitino (Vers. A) Programmazione II Compitino (Vers. A) 15 gennaio 2015 Cognome... Nome... Matricola... Anno di corso... Nei seguenti quesiti, quando vi è richiesto di scrivere un programma, potete limitarvi al corpo del

Dettagli

GESTIONE DEI FILE IN C. Docente: Giorgio Giacinto AA 2008/2009

GESTIONE DEI FILE IN C. Docente: Giorgio Giacinto AA 2008/2009 Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile - Strutture FONDAMENTI DI INFORMATICA 2

Dettagli

Architettura hardware

Architettura hardware Architettura hardware la parte che si può prendere a calci Architettura dell elaboratore Sistema composto da un numero elevato di componenti, in cui ogni componente svolge una sua funzione elaborazione

Dettagli

Programmazione A.A Architettura dei Calcolatori. ( Lezione V ) Componenti hardware e loro schema funzionale

Programmazione A.A Architettura dei Calcolatori. ( Lezione V ) Componenti hardware e loro schema funzionale Programmazione A.A. 2002-03 I Architettura dei Calcolatori ( Lezione V ) Componenti hardware e loro schema funzionale Prof. Giovanni Gallo Dr. Gianluca Cincotti Dipartimento di Matematica e Informatica

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. E un algebra basata su tre operazioni logiche

Algebra di Boole: Concetti di base. E un algebra basata su tre operazioni logiche Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Architettura degli Elaboratori

Architettura degli Elaboratori Architettura degli Elaboratori Corso di Laurea Triennale in Informatica Università degli Studi di Bari Anno Accademico 2009-2010 Laboratorio lez1: il processore 8086/88 Prof. S.Pizzutilo I processori Intel

Dettagli

Esercitazione 11. Liste semplici

Esercitazione 11. Liste semplici Esercitazione 11 Liste semplici Liste semplici (o lineari) Una lista semplice (o lineare) è una successione di elementi omogenei che occupano in memoria una posizione qualsiasi. Ciascun elemento contiene

Dettagli

5. I device driver. Device driver - gestori delle periferiche. Struttura interna del sistema operativo Linux. Tipi di periferiche. Tipi di periferiche

5. I device driver. Device driver - gestori delle periferiche. Struttura interna del sistema operativo Linux. Tipi di periferiche. Tipi di periferiche Device driver - gestori delle periferiche Struttura interna del sistema operativo Linux Sono moduli software che realizzano l interfacciamento e la gestione dei dispositivi periferici Interagiscono con

Dettagli

Video e Tastiera con le interruzioni software del BIOS e di MSDOS

Video e Tastiera con le interruzioni software del BIOS e di MSDOS Video e Tastiera con le interruzioni software del BIOS e di MSDOS Debug del DOS Le interruzioni Il sistema operativo MSDOS fornisce funzioni richiamabili attraverso le istruzioni dell ISA x-86 nei programmi

Dettagli

Input/Output. Lettura e scrittura Caratteri e Stringhe: Terminale e file. Input/output. caratteri stringhe formattato ascii binari

Input/Output. Lettura e scrittura Caratteri e Stringhe: Terminale e file. Input/output. caratteri stringhe formattato ascii binari Input/Output Lettura e scrittura Caratteri e Stringhe: Terminale e file Input/output console file caratteri stringhe formattato ascii binari Linguaggio ANSI C Input/Output - 1 La libreria standard del

Dettagli

Ogni variabile in C è una astrazione di una cella di memoria a cui corrisponde un nome, un contenuto e un indirizzo.

Ogni variabile in C è una astrazione di una cella di memoria a cui corrisponde un nome, un contenuto e un indirizzo. Ogni variabile in C è una astrazione di una cella di memoria a cui corrisponde un nome, un contenuto e un indirizzo. int a = 5; a 5 α=&a Esistono in C particolari variabili dette puntatori che possono

Dettagli

I CARATTERI E LE STRINGHE

I CARATTERI E LE STRINGHE I CARATTERI E LE STRINGHE IL CODICE ASCII Per memorizzare i simboli grafici corrispondenti ai caratteri bisogna associare un numero intero a ciascuno di essi Il codice ASCII / æski/ (American Standard

Dettagli

Esercitazione 12. Esercizi di Ricapitolazione

Esercitazione 12. Esercizi di Ricapitolazione Esercitazione 12 Esercizi di Ricapitolazione Esercizio Scrivere un programma che, dato un numero intero positivo, stampa la sua rappresentazione binaria. ALGORITMO Scriviamo una procedura stampa_bin che,

Dettagli

Università degli studi di Roma Tor Vergata Ingegneria Medica Informatica I Programma del Corso

Università degli studi di Roma Tor Vergata Ingegneria Medica Informatica I Programma del Corso Obiettivi Di seguito vengono riportate una serie di domande che possono essere poste durante la prova formale del corso. Le seguenti domande non sono da ritenersi esaustive ma esemplificative. 1. Architettura

Dettagli

Architettura di una CPU

Architettura di una CPU Massimo VIOLANTE Politecnico di Torino Dipartimento di Automatica e Informatica Sommario Organizzazione di un processore Linguaggio macchina Modi di indirizzamento Tipi di istruzioni 2 M. Violante 1.1

Dettagli

Struttura di un elaboratore

Struttura di un elaboratore Struttura di un elaboratore Fondamenti di Informatica 1 Modello architetturale di un computer Ogni computer è costituito da un insieme di blocchi funzionali tra loro interconnessi da sistemi di comunicazioni,

Dettagli

Ciclo del Processore. Memoria

Ciclo del Processore. Memoria Ciclo del Nella figura seguente è riportata la rappresentazione semplificata ed essenziale di un computer. RESET Canali Di Ingresso Uscita Uscita Ingressi Fig. 1 Rappresentazione semplificata di un computer

Dettagli

Soluzione/* PROGRAMMAZIONE IN C */ #include <stdio.h> #include <stdlib.h>

Soluzione/* PROGRAMMAZIONE IN C */ #include <stdio.h> #include <stdlib.h> Ricerca di un elemento in vettore Scrivere un programma in linguaggio C che riceve in ingresso una sequenza di N numeri interi. I numeri sono memorizzati in un vettore. Il valore N è inserito dall utente,

Dettagli

Somma di numeri binari

Somma di numeri binari Fondamenti di Informatica: Codifica Binaria dell Informazione 1 Somma di numeri binari 0 + 0 = 0 0 + 1 = 1 1 + 0 = 1 1 + 1 = 10 Esempio: 10011011 + 00101011 = 11000110 in base e una base Fondamenti di

Dettagli

Architettura di un calcolatore e ciclo macchina. Appunti per la classe 3 Dinf

Architettura di un calcolatore e ciclo macchina. Appunti per la classe 3 Dinf Architettura di un calcolatore e ciclo macchina Appunti per la classe 3 Dinf Il Sistema di Elaborazione Computer Hardware Software 2 Hardware Struttura fisica del calcolatore formata dai circuiti elettronici

Dettagli

Sistemi Operativi. Sistemi I/O SISTEMI DI INPUT/OUTPUT. Hardware di I/O. Interfaccia di I/O per le applicazioni. Sottosistema per l I/O del kernel

Sistemi Operativi. Sistemi I/O SISTEMI DI INPUT/OUTPUT. Hardware di I/O. Interfaccia di I/O per le applicazioni. Sottosistema per l I/O del kernel SISTEMI DI INPUT/OUTPUT 10.1 Sistemi I/O Hardware di I/O Interfaccia di I/O per le applicazioni Sottosistema per l I/O del kernel Trasformazione delle richieste di I/O Stream Prestazioni 10.2 I/O Hardware

Dettagli

Introduzione Programmazione Java

Introduzione Programmazione Java Introduzione Programmazione Java Paolo Tomeo paolo.tomeo@poliba.it Regole basilari Java è case sensitive quindi prestare attenzione alle maiuscole Il commento si inserisce con // all'inizio della linea

Dettagli

Architettura di un calcolatore

Architettura di un calcolatore Architettura di un calcolatore Corso di Informatica A Vito Perrone Indice La macchina di Von Neumann Memoria CPU Bus Interfacce Esempio L algoritmo Il programma Fasi di esecuzione di un istruzione 2 1

Dettagli

ARCHITETTURA DI UN SISTEMA DI ELABORAZIONE

ARCHITETTURA DI UN SISTEMA DI ELABORAZIONE ARCHITETTURA DI UN SISTEMA DI ELABORAZIONE Il computer o elaboratore è una macchina altamente organizzata capace di immagazzinare, elaborare e trasmettere dati con notevole precisione e rapidità. Schematicamente

Dettagli

Il Microprocessore. Modello di Von Neumann

Il Microprocessore. Modello di Von Neumann Il Microprocessore Modello di Von Neumann Comunicazione tramite bus Le linee di comunicazione tra il microprocessore e i dispositivi di supporto sono denominate bus. Si chiama bus dati, o data bus, il

Dettagli

Calcolatori Elettronici Parte X: l'assemblatore as88

Calcolatori Elettronici Parte X: l'assemblatore as88 Anno Accademico 2013/2014 Calcolatori Elettronici Parte X: l'assemblatore as88 Prof. Riccardo Torlone Università Roma Tre L'assemblatore as88 Disponibile presso: CD-ROM allegato al libro di testo del corso

Dettagli

Variabili. Unità 2. Domenico Daniele Bloisi. Corso di Programmazione e Metodi Numerici Ingegneria Aerospaziale BAER

Variabili. Unità 2. Domenico Daniele Bloisi. Corso di Programmazione e Metodi Numerici Ingegneria Aerospaziale BAER Corso di Programmazione e Metodi Numerici Ingegneria Aerospaziale BAER Domenico Daniele Bloisi Docenti Metodi Numerici prof. Vittoria Bruni vittoria.bruni@sbai.uniroma1.it Programmazione prof. Domenico

Dettagli

UNA CERTIFICAZIONE PER IL FUTURO

UNA CERTIFICAZIONE PER IL FUTURO UNA CERTIFICAZIONE PER IL FUTURO Test attitudinale 14 Maggio 2014 Alunno Nome: Cognome: Svolgere i seguenti esercizi a risposta multipla segnando una sola tra le soluzioni proposte. 1) Che tipo di computer

Dettagli

Architettura degli Elaboratori

Architettura degli Elaboratori Architettura degli Elaboratori Corso di Laurea Triennale in Informatica Università degli Studi di Bari Laboratorio lez1: il processore 8086/88 Prof. S.Pizzutilo Microprocessori INTEL per il PC 8080 (1974)

Dettagli

Mini-dispensa sui puntatori in C

Mini-dispensa sui puntatori in C Mini-dispensa sui puntatori in C P. Zavarise Versione 1 ottobre 013 1 Valore e indirizzo di una variabile Ripassiamo il significato di dal punto di vista del programmatore. int a=; Viene creata una variabile

Dettagli

Rappresentazione binaria delle variabili (int e char)

Rappresentazione binaria delle variabili (int e char) Rappresentazione binaria delle variabili (int e char) int e char son i due tipi utilizzati dal linguaggio C per la rappresentazione di valori interi; ai valori delle variabili del primo tipo sono assegnati

Dettagli

Scopo della lezione. Analizzare i tipi di macchine Indirizzamento e memorie Tipi di dato

Scopo della lezione. Analizzare i tipi di macchine Indirizzamento e memorie Tipi di dato Scopo della lezione Analizzare i tipi di macchine Indirizzamento e memorie Tipi di dato Little endian e big endian Indirizzamento logico e fisico Comprendere la struttura del micro Von Neumann architecture

Dettagli

MAC1 Simulatore di Microprocessore

MAC1 Simulatore di Microprocessore MAC1 Simulatore di Microprocessore INTRODUZIONE Architettura del MAC-1 - Indirizzabilità della memoria a 16 bit ( 64 Kb) - Indirizzabilità diretta a 12 bit (limitata ai primi 4 Kb) - 16 registri a 16 bit

Dettagli

Calcolatori Elettronici Lezione A2 Architettura i8086

Calcolatori Elettronici Lezione A2 Architettura i8086 Calcolatori Elettronici Lezione A2 Architettura i8086 Ing. Gestionale e delle Telecomunicazioni A.A. 2007/08 Gabriele Cecchetti Architettura i8086 Sommario: L i8086 Registri Accesso alla memoria: indirizzi

Dettagli

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Dott. Francesco Rossi a.a. 2016/2017 1 Programma del corso Informatica di

Dettagli

ARCHITETTURA DEI MICROPROCESSORI INTEL 8086/8088

ARCHITETTURA DEI MICROPROCESSORI INTEL 8086/8088 ARCHITETTURA DEI MICROPROCESSORI INTEL 8086/8088 microprocessori Intel di terza generazione progetto originario del 1979, ancora oggi interessanti per: 1. motivi didattici: l architettura dei processori

Dettagli

Codifica dell Informazione

Codifica dell Informazione Francesco Folino CODIFICA DI DATI E ISTRUZIONI Algoritmi Istruzioni che operano su dati Per scrivere un programma è necessario rappresentare dati e istruzioni in un formato tale che l esecutore automatico

Dettagli

Per gli esercizi sulla algebra booleana, si consiglia di verificare tramite tabelle di verità le equivalenze logiche proposte sulle dispense.

Per gli esercizi sulla algebra booleana, si consiglia di verificare tramite tabelle di verità le equivalenze logiche proposte sulle dispense. Fondamenti di Informatica - A. Fantechi Raccolta di esercizi Per gli esercizi sulla algebra booleana, si consiglia di verificare tramite tabelle di verità le equivalenze logiche proposte sulle dispense.

Dettagli

Programmazione II Compitino (Vers. B)

Programmazione II Compitino (Vers. B) Programmazione II Compitino (Vers. B) 15 gennaio 2015 Cognome Jackson Nome Michael Matricola 696969 Anno di corso 1 Nei seguenti quesiti, quando vi è richiesto di scrivere un programma, potete limitarvi

Dettagli

A.S. 2016/2017 PROGRAMMA SVOLTO E INDICAZIONI PER IL RECUPERO ESTIVO. dei proff. Onorio Pompizii e Maria Antonietta Viscione

A.S. 2016/2017 PROGRAMMA SVOLTO E INDICAZIONI PER IL RECUPERO ESTIVO. dei proff. Onorio Pompizii e Maria Antonietta Viscione A.S. 2016/2017 PROGRAMMA SVOLTO E INDICAZIONI PER IL RECUPERO ESTIVO dei proff. Onorio Pompizii e Maria Antonietta Viscione docenti di Sistemi e Reti Classe 3 H (informatica) Modulo 1 Struttura dell'elaboratore:

Dettagli

Codifica dell Informazione

Codifica dell Informazione Introduzione all Informatica Fabrizio Angiulli Codifica dell Informazione CODIFICA DI DATI E ISTRUZIONI Algoritmi Istruzioni che operano su dati Per scrivere un programma è necessario rappresentare dati

Dettagli

Sistemi Operativi: Concetti Introduttivi

Sistemi Operativi: Concetti Introduttivi Sistemi Operativi: Concetti Introduttivi 1.1 Principali funzioni di un Sistema Operativo 1.2 Cenni Storici 1.3 Classificazione dei Sistemi Operativi 1.4 Struttura dei Sistemi Operativi 1.5 Processi e gestione

Dettagli

Rappresentazione dell Informazione

Rappresentazione dell Informazione Rappresentazione dell Informazione Rappresentazione delle informazioni in codice binario Caratteri Naturali e Reali positivi Interi Razionali Rappresentazione del testo Una stringa di bit per ogni simbolo

Dettagli

9 - Array. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

9 - Array. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 9 - Array Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE AD ALTO LIVELLO IL LINGUAGGIO JAVA. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE AD ALTO LIVELLO IL LINGUAGGIO JAVA. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE AD ALTO LIVELLO IL LINGUAGGIO JAVA Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Fondamenti di Informatica - Programma Un programma è una formulazione

Dettagli

Fondamenti di programmazione!! Parte 2!

Fondamenti di programmazione!! Parte 2! Fondamenti di programmazione!! Parte 2! 1! Definizione intuitiva di algoritmo! n Elenco finito di istruzioni che specificano una serie di operazioni, eseguendo le quali e possibile risolvere ogni istanza

Dettagli

Tipi di elaboratori Rappresentazione della informazione Codifica della informazione

Tipi di elaboratori Rappresentazione della informazione Codifica della informazione Contenuti del corso Introduzione all informatica L elaboratore Tipi di elaboratori Rappresentazione della informazione Codifica della informazione HW dell elaboratore SW dell elaboratore 1 Tipi di Elaboratori

Dettagli

Tipi elementari, costanti. Tipi di dati. VALORI: un insieme dei valori del tipo OPERAZIONI: per operare su tali valori. Tipi. intero reale carattere

Tipi elementari, costanti. Tipi di dati. VALORI: un insieme dei valori del tipo OPERAZIONI: per operare su tali valori. Tipi. intero reale carattere Tipi elementari, costanti 1 Tipi di dati VALORI: un insieme dei valori del tipo OPERAZIONI: per operare su tali valori Tipi Semplici intero reale carattere Strutturati 2 1 Tipo intero Gli interi servono

Dettagli

Sottosistemi ed Architetture Memorie

Sottosistemi ed Architetture Memorie Sottosistemi ed Architetture Memorie CORSO DI CALCOLATORI ELETTRONICI I CdL Ingegneria Biomedica (A-I) DIS - Università degli Studi di Napoli Federico II La memoria centrale Memoria centrale: array di

Dettagli