2. Instradamento (v. 02)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2. Instradamento (v. 02)"

Transcript

1 2. (v. 02) Università di Genov Fcoltà di Ingegneri Telemtic 3 2. Protocolli di Prof. Rffele Boll dist Requisiti Minimizzre lo spzio occupto dlle RT per:» Velocizzre l commutzione» Semplificre i router (meno cri)» Ridurre l informzione necessri ll ggiornmento Minimizzre il trffico di controllo Essere robusto, ossi evitre:» icli» Buchi neri» Oscillzioni Ottimizzre i percorsi (dl punto di vist dell distnz, del ritrdo, del costo economico, ) 2.2 Alterntive entrlizzto o distribuito (o isolto) Bsto sull sorgente o hop-by-hop Deterministico o stocstico Singolo percorso o multi-percorso Dipendente dllo stto (dinmico) o indipendente dllo stto (sttico) Distnce Vector o Link Stte. Algoritmi di instrdmento Shortest pth Il problem del percorso minimo o shortest pth è quello di trovre il percorso p fr i e j tle che D si minimo. Esistono diversi metodi per risolvere questo problem, uno di questi prende il nome di Algoritmo di Bellmn-Ford. Tle lgoritmo fisst un destinzione, trov il percorso minimo d ogni nodo tle destinzione nell ipotesi non ci sino distnze negtive (d ij 0) Algoritmi di instrdmento Shortest pth - Bellmn Ford Definendo come il nodo destinzione d ij = se (i, j) non è un rco (i nodi i e j non sono direttmente connessi), D i h come l lunghezz del percorso più corto fr il nodo i ed il nodo, contenente l mssimo h rchi D i h = se tle percorso non esiste D h = 0, h, per convenzione D i 0 = per tutti gli i l iterzione dell lgoritmo di Bellmn-Ford è D i h+ = min j {d ij + D j h } per ogni i L lgoritmo h termine qundo D i h+ = D i h i Algoritmi di instrdmento Shortest pth Spnning Tree L ppliczione equzione di Bellmn selezion un solo rco uscente d ogni nodo i (eccetto l dest. ), cioè quello per cui l somm d ij + D j h è minim. Quindi in sostnz gli rchi scelti dll lgoritmo ed i nodi formno uno spnning tree perché: omprendono tutti i nodi per definizione non possono formre cicli (essendo le lunghezze positive) Tle spnning tree viene chimto Shortest Pth Spnning Tree (SPST) ed il nodo destinzione è chimto root (rdice) Telemtic 3 - R. Boll

2 2. (v. 02) Algoritmi di instrdmento Shortest pth Spnning Tree Un grfo non orientto può essere rppresentto come un grfo orientto cui d ogni rco non orientto corrispondono due rchi, uno per direzione, con egule peso. In generle il MSP (Minimum weight Spnning Tree) e il SPST sono diversi: Il MSP minimizz il costo di un brodcsting; Il SPST invece minimizz il costo delle comuniczioni fr un qulunque nodo e l root. osto tot. 6 MSP osto medio 4 SPSP osto tot. 8 4 osto medio 3, L lgoritmo di Bellmn Ford può essere relizzto in modo distribuito ed in questo cso viene chimto Distnce Vector Routing. Ogni nodo (router) conosce l identità di tutti nodi dell rete e i nodi lui direttmente connessi (vicini). Ogni nodo mntiene un Distnce Vector, ossi un list di coppie (destinzione, costo) per tutte le possibili destinzioni. Il costo è l somm stimt dei costi sui singoli link sul percorso più corto (shortest pth) verso quell destinzione. Ogni nodo inizilizz i costi reltivi destinzioni lontne d un vlore lto, convenzionlmente indicto infinito. 2.8 Periodicmente ogni nodo invi i propri vicini il proprio DV. Qundo un router A riceve un DV d B (suo vicino), verific quli srebbero i costi per le vrie destinzioni usndo come trnsito B; per le destinzioni in cui tli costi risultno minori di quelli ttuli, sostituisce il costo vecchio con quello clcolto e lo stesso f con il next-hop nell RT. A B 4 4 D Situzione Inizile A B D A 0 4 B D 4 0 osto per rggiungere B d A + 0 osti d B gli ltri = osti pssndo per B 0 4 osti ttuli in A min Nuovo DV - - B B Next hop Questo procedimento corrisponde relizzre in modo distribuito e sincrono l lgoritmo di Bellmn-Ford, perché ogni nodo i esegue l iterzione D i min j N (i) {d ij + D j } (dove N(i) è l insieme dei nodi dicenti d i), usndo le stime D j più recenti ricevute di vicini e trsmettendo D i i propri vicini. Si dimostr che non è necessri un inizilizzzione con prticolri vlori di D j. Si A il numero di rchi e N quello dei nodi Nel cso peggiore, l lgoritmo di Bellmn-Ford centrlizzto compie N- iterzioni, ciscun su N- nodi, con l più N- lterntive per nodo, il che porterebbe complessità O(N 3 ). Si può mostrre che l complessità è O(mA), con m numero di iterzioni per l convergenz. Questo port un complessità generlmente compres fr O(N 2 ) e O(N 3 ). Nel cso distribuito, se le iterzioni fossero eseguite in modo sincrono (simultnemente d ogni nodo), scmbindo d ogni iterzione i risultti con i vicini, prtendo dlle condizioni inizili D i 0 = per tutti gli i e D 0 = 0, l lgoritmo convergerebbe in l più N- pssi Telemtic 3 - R. Boll 2

3 2. (v. 02) Le buone notizie viggino veloci 4 Y Le cttive notizie viggino lente 60 4 Y Y vi X 4 6 X X 6 Z X 6 X 3 Y vi X 4 6 X X X 60 6 Z X 60 8 X 60 8 Z vi X 50 5 X 50 5 X 50 2 X 50 2 Z vi X 50 5 X 50 5 X 50 7 X 50 7 X 50 9 t 0 t t 2 tempo 2.3 t 0 t t 2 t 3 tempo 2.4 Questo tipo di lgoritmo h un problem legto ll ggiornmento che è chimto ount-to-infinity : A B osto verso Inizile Si rompe B A 2 B B A 2 B B - A - B 3 A A 4 B B - Prossimo nodo Dopo il scmbio Dopo il 2 scmbio i sono diverse possibili soluzioni l count to infinity Pth vector» oltre l costo si trsmette il percorso (pth-vector), in questo modo i nodi possono cpire qundo non esiste più un percorso vlido verso un cert destinzione. (BGP) Split horizon» Non viene pssto il costo per un cert destinzione d un vicino se questi è il next hop per quell destinzione.» Un versione più compless dett split horizon with poisonous reverse, invece di non pssre costi pss un costo infinito, questo volte cceler l convergenz. (RIP)» Nel cso precedente, A non invi B un costo (o lo invi infinito) verso. Il ciclo quindi non si cre. A - B » Se ho,più nodi coinvolti nell rottur direttmente non si riesce bloccre il conto d infinito. A Si rompe D D Triggered updtes» Normlmente, per evitre un numero eccessivo di ggiornmenti delle tbelle e di trffico di controllo, si limit il ritrdo minimo fr due ggiornmenti consecutivi (per es. 30 sec.). Nel cso di collegmento cduto, gli ggiornmenti sono ftti immeditmente (riduce il tempo di convergenz). (RIP) B B e A hnno sempre mndto un costo infinto verso D, m non l uno ll ltro; questo innesc un ciclo che coinvolge A, B e. Source trcing» Insieme l costo i nodi si scmbino nche il nodo d ttrversre immeditmente prim dell destinzione. on quest informzione ggiuntiv è possibile ricvre direttmente dll tbell il percorso complessivo e quindi, mntenendo l RT più piccol si ottiene lo stesso del pth vector. A B D E RT di A F Dest. Succ. Ultimo A - B B A A D B B E B D F B E Telemtic 3 - R. Boll 3

4 2. (v. 02) Link-stte Link-stte - Dijkstr (ont.) L filosofi del Link Stte (LS) routing è quell di distribuire tutti i nodi dell rete l inter su topologi ed i costi di ogni link che l compone. on quest informzione ogni router è in grdo ci clcolrsi i propri percorsi ottimi verso ogni destinzione. Se tutti vedono gli stessi costi e tutti usno lo stesso lgoritmo, i percorsi srnno liberi d cicli. Quindi sono due gli spetti crtterizznti questo metodo Il modo in cui l topologi dell rete viene diffus fr i nodi. Il modo in cui ogni nodo clcol i percorsi ottimi. Nel cso LS ogni nodo pplic l lgoritmo di Dijkstr. A differenz dell lgoritmo di Bellmn-Ford che iter sul numero di rchi ttrversti d un percorso, l lgoritmo di Dijkstr iter sull lunghezz del percorso. Nel cso peggiore l su complessità è O(N 2 ), in medi si colloc intorno O(A loga) con A numero degli rchi Link-stte - Dijkstr Si P un insieme di nodi e D i l distnz minim stimt dl nodo. Fissndo inizilmente P = {}, D = 0, D j = d j per tutti i j I pssi dell lgoritmo di Dijkstr sono Trov i P tle che D i = min j P {D j } e poni P P {i}. Se P contiene tutti i nodi l lgoritmo è completto. 2 Per tutti i j P, poni D j min{d j, d ji + D i } e torn l psso Link-stte Disseminzione dell topologi Ogni nodo cre un insieme di Link-Stte-Pcket (LSP) che descrivono le sue linee in uscit. Ogni LSP contiene l indirizzo del nodo, quello dei nodi vicini, ed il costo delle linee verso i nodi vicini. Ogni LSP viene distribuito tutti i nodi trmite un controlled flooding» Ogni nodo che riceve un LSP lo memorizz in un dtbse e invi un copi su tutte le proprie linee in uscit, trnne quell d cui l h ricevuto. Si può dimostrre che nessun LSP pss due volte per lo stesso link lungo l stess direzione, quindi un LSP viene distribuito in l più 2L invii, dove L è il numero dei link Link-stte Numero di sequenz Per poter decidere se un LSP ricevuto è significtivo (contiene un informzione più recente di quell ttulmente nel nodo) ogni LSP deve contenere un numero di sequenz progressivo. Il numero di sequenz h vlore locle per ogni tipo di LSP (identificto d coppi ordint di nodi collegti d un line) Ogni volt che un nodo riceve un LSP più vecchio di quello in memori, lo elimin senz propgrlo. Link-stte Le sequenze relmente utilizzbili sono di lunghezz finit e quindi soggett d vvolgersi (wrpping) bloccndo l ggiornmento. Wrpped sequence number Per evitre il problem si può prendere un sequenz molto grnde (32 bit => ) e decidere che qundo due numeri distno troppo, il più piccolo si nche il più giovne. Per esempio supponendo che N si lunghezz dell sequenz, llor è più vecchio di b se» < b e b - < N/2 oppure se» > b e b - N/ Telemtic 3 - R. Boll 4

5 2. (v. 02) Link-stte L presenz di un numero di sequenz pone il problem dell inizilizzzione dell sequenz qundo un nodo si (ri)ttiv. Due sono i meccnismi dottti Invecchimento (Aging) Lollipop sequence spce Link-stte Invecchimento Prevede l inserimento di un cmpo di di nzinità nel LSP, che viene inizilizzto d un vlore (MAX_AGE) dl cretore del pcchetto. Ogni nodo copi in un conttore _AGE il vlore MAX_AGE e lo decrement periodicmente. Qundo in un router _AGE rggiunge zero, l corrispettiv informzione viene elimint dl DB e viene generto un LSP con nzinità zero, per forzre l stess operzione sugli ltri router. E difficile fissre un vlore ottimle per MAX_AGE (troppo corto: scde prim di essere stto sostituito; troppo lungo: un nodo che riprte deve ttendere lungo perché i nuovi pcchetti diventino significtivi) Link-stte Lollipop sequence spce Si trtt di un sequenz che si vvolge in modo prticolre (l boot l mcchin riprte d -N/2) -N/2 0 N/4 N/2- In questo cso è più vecchio di b se:» < 0 e < b o» > 0, < b e b - < N/4, o» > 0, b > 0, > b e b - > N/ Es. con N = Link-stte Lollipop sequence spce Qundo un nodo riceve un LSP con un numero di sequenz più vecchio di quello nel DB, lo comunic chi gli h invito il pcchetto fornendo nche l ultimo vlore di sequenz che vev memorizzto. Un nodo che riprte gener sempre un numero di sequenz più vecchio degli ltri e quindi i nodi vicini gli invino l ultimo vlore d lui usto d cui può riprtire ggiungendogli. In prtic i router vicini si comportno come un sort di memori distribuit Link-stte i sono lcune ltre considerzioni di criticità d fre Se l rete di prtizion per l cdut di un o più linee e le singole prti evolvono indipendentemente, qundo si ricollegno possono crersi problemi (loop). (Soluzione: scmbio fr nodi vicini di prti di DB) Se invece di un line, si rompe un nodo, non c è nessuno che propg l informzione. (Soluzione: pcchetti di Hello e nzinità mssim degli LSP nel DB) Bisogn proteggere gli LSP d corruzioni csuli o volute. Metriche e dinmic Metriche sttiche In genere si trtt di vlori inversmente proporzionli ll cpcità del link. L stticità f si che le linee minor velocità tendno d essere sotto-utilizzte. A 8 Mb/s 8 Mb/s 2 Mb/s inutilizzti B 8 Mb/s Pesi 8 Mb/s = 2 Mb/s = 4 2 Mb/s D Telemtic 3 - R. Boll 5

6 2. (v. 02) Metriche e dinmic Dinmiche Le metriche dipendenti dl trffico sono sicurmente più efficci, m comportno lcuni problemi. onsiderimo l sperimentzione vvenut su ARPAnet, dove in origine si er ust un metric proporzionle ll lunghezz delle code di uscit dei router, per fre lcune osservzioni:» L lunghezz (metric) derivv d un medi su un orizzonte (0 s). L durt dell orizzonte è critic: ort: troppi trnsienti; Lung: rete converge lentmente; L durt ottim non è omogene sull rete: dipende dlle cpcità dei link Metriche e dinmic» L dinmic del costo non deve essere lt: ltrimenti lcuni percorsi vengono completmente ignorti» L lunghezz dell cod è ust come predittore dell situzione futur del link: m linee con code lunghe non verrnno scelte nel futuro e quindi si scrichernno (specilmente quelle d lt cpcità) e vicevers.» L mncnz di restrizioni fr vlori successivi dei costi può generre oscillzioni significtive.» Il riclcolo qusi-sincrono delle tbelle tende rccogliere trffico su lcune linee Metriche e dinmic Metriche e dinmic L soluzione scelt per ARPAnet è stt: Metric mist cpcità-cod (sttic dinmic) dove crico bsso prevle l cpcità, crico lto l cod. osti con un dinmic ridott: vlori d 3. Mssim vrizione permess fr due successivi riclcoli: / Mpp dell metric A bsso crico si us un metric sttic che privilegi le linee veloci linee veloci linee lente 0.5 Ad lto crico si privilegi le linee scriche Rispost dell rete 2.33 Esprime il vlore del costo in funzione del crico sull line rico medio in funzione del vlore del costo su un singol line (un curv per ogni vlore del crico complessivo offerto ll rete) 2.34 Metriche e dinmic Utilizzzione Metric Rispost dell rete osto DVR e LSR Il confronto DV Routing (DVR) e LS Routing (LSR) è complesso, provimo distinguere diversi spetti: Velocità di convergenz» In genere si tende supporre che gli LSR convergno più rpidmente dei DVR, in prtic l velocità di convergenz dipende molto dll topologi dell rete e dlle crtteristiche del trffico. Volume di messggi di controllo» LS : con N nodi e A rchi richiedono lo scmbio di O(NA) messggi per ciscun nodo.» DV: deve solo scmbire i messggi con i propri vicini. Robustezz; se un nodo cominci funzionre mle:» LS: il nodo propg un costo sbglito, ogni nodo si clcol seprtmente l propri tbell» DV: il nodo propg un percorso sbglito, ogni tbell viene clcolt fcendo uso delle ltre Telemtic 3 - R. Boll 6

7 2. (v. 02) DVR e LSR Gerrchi I DVR sono non escludono l presenz di cicli priori, m con le opportune modifiche gli possono evitre efficcemente. Gli LSR, per contro, sono più complessi, devono fre uno sforzo significtivo per mntenere i DB congruenti (generndo nche un trffico di controllo più elevto) ed hnno Distnce Tble più grndi. Gli LSR possono usre più metriche diverse contempornemente. Gli LSR si prestno d essere estesi per supportre con le stesse tbelle rounting unicst e multicst i sono due rgioni importnti per le quli nelle reti di un cert dimensione si tende d usre meccnismi di instrdmento gerrchici: L sclbilità Per un numero di nodi elevto (WAN), indipendentemente dl tipo di lgoritmo, l complessità dell instrdmento e l dimensione delle RT diventno comunque eccessive (oltre l trffico di segnlzione). Per esempio, nel cso LS, con tnti rchi qunti nodi, si h un complessità di circ O(NlogN) ed un RT con con dimensione O(N), quindi # nodi RT lcoli O(3000) O( ) L utonomi mministrtiv Gerrchi Gerrchi - Autonomous Systems Internet distingue tre livelli gerrchici principli: Sottoreti o singoli domini di brodcst» All interno dei quli l instrdmento f uso dell ARP. Autonomous System (AS) In cui i protocolli di instrdmento prendono il nome di Interior Gtwy Protocol (IGP) e sono: RIP, IGRP e OSPF. Bckbone In cui i protocolli di instrdmento prendono il nome di Exterior Gtewy Protocol (EGP) e sono: EGP e BGP. Ulteriori livelli possono essere inseriti trmite lcuni protocolli (OSPF), o sfruttndo l route ggregtion Bckbone.b A. b A.c A d b c Autonomous System Border gtewy B. c b B 2.40 Gerrchi - Autonomous Systems Gerrchi - Autonomous Systems A.c.b b H A d A. b A.c c B. c b B H Telemtic 3 - R. Boll 7

8 2. (v. 02) Gerrchi Il prtizionmento è relizzto grzie ll gerrchizzzione degli indirizzi. L obiettivo è vere reltivmente pochi nodi per ogni livello (e re). Potenzilmente ogni livello può usre lgoritmi diversi L gerrchi non è strett, ossi il collegmento un re di un livello e il livello superiore può vvenire trmite più nodi (Border Gtwy, BG) i sono dei router che prtecipno ll instrdmento di livelli differenti. Alcuni indirizzi possono non essere omogenei con lo spzio di indirizzmento dell re/livello (questo diminuisce l efficci dell gerrchi). Gerrchi I diversi livelli non possono nscondersi reciprocmente tutte le informzioni: Ad es., per poter clcolre l instrdmento più opportuno, un nodo del livello 3 deve conoscere i costi per rggiungere i nodi del livello superiore. Allo stesso modo, un nodo di livello 4 deve conoscere i costi verso i nodi del livello 3. Queste conoscenze sono fornite trmite LSP prticolri (detti externl records e summry records) che contengono solo le destinzioni ed i costi per rggiungerle (non l topologi). In prtic le reti dei livelli superiori/inferiori vengono rppresentte come se i loro nodi fossero direttmente collegti i BG Routing Informtion Protocol (RIP) E un IGP originrimente progettto dll Xerox per l propri rete, introdotto dll Università di Berkley nell propri implementzione di TP/IP (BSD) E stto stndrdizzto con RF 058 nel 988, l versione 2 è descritt nel RF 723. E un DVR ed us un metric sttic: il costo di un percorso è il numero di hop (ossi di linee) di cui è composto (ossi ogni line costo ). Utilizz lo split horizon with poisonous reverse, e i triggered updte. Aggiorn l RT (trmite RIP response messge o RIP dvertisement) ogni 30 s. e elimin ogni vettore non ggiornto per 80 s consecutivi (considerndo l corrispondente line non più disponibile) Routing Informtion Protocol (RIP) H come vlore mssimo del costo 5, 6 corrisponde d infinito. Quindi non permette reti con percorsi con più di 5 router ttrversti. L limitzione di cui sopr è legt l ftto che per reti più grndi è troppo lento convergere (non ll dimensione del cmpo costo). Ne esistono due versioni, l second (RIPv2) consente l uso del IDR, ossi l route ggregtion, e l defult route. Lo scmbio di informzioni vviene ttrverso un protocollo di livello 4 (UDP) RIP RIP Port 520 Port 520 UDP UDP Protocol 7 Protocol 7 IP IP 2.46 Routing Informtion Protocol (RIP) Interior Gtewy Routing Protocol (IGRP) Sollecito per un DV Messggio di updte (nche su sollecito) ommnd Version Address Fmily ID IP Address Subnet Msk Next Hop Metric Usto per utenticzione Nel RIPv2 viene posto FFFF e viene ggiunto successivmente un cmpo pssword o 2 Usto solo in RIPv2 per distinguere fr percorsi interni ll AS ed esterni. Unused Route Tg Solo RIPv E nuovmente un DVR, m di tipo proprietrio; inftti è stto sviluppto dll ISO verso l metà degli nni 80 ed è disponibile solo sui suoi prodotti. Us un metric dinmic e sofistict (consider ritrdo, bnd, ffidbilità, lunghezz del pcchetto ed il crico) in cui il costo dell line viene composto trmite un somm pesto, i cui pesi sono impostbili dl gestore. Permette l suddivisione del crico su più linee (multipercorso). Us un meccnismo sofisticto per ccelerre l convergenz ed evitre i cicli Telemtic 3 - R. Boll 8

9 2. (v. 02) Open Shortest Pth First (OSPF) Nsce nel 990 con l RF 247 per sostituire il RIP rtteristiche fondmentli: protocollo perto, le specifiche sono di pubblico dominio, bsto sull lgoritmo Shortest Pth First (SPF). È un protocollo di tipo Link Stte utilizz i Link Stte Advertisements (LSA) per diffondere informzioni sull topologi dell rete. Un router OSPF utilizz le informzioni rccolte con gli LSA per clcolre il percorso ottimo (SPF) per ogni nodo 2.49 OSPF rtteristiche E stto relizzto per rispondere diverse esigenze: Open: ossi perto e non proprietrio. Sicurezz: gli scmbi fr router vengono utenticti, per proteggere gli ggiornmenti. Multi-metric: permette l uso di più metriche nche dinmiche e instrdmenti differenziti second, d esempio, del cmpo TOS. Multi-percorso: permette il bilncimento dei flussi su percorsi costo ugule. Multicst: support il multicst (M-OSPF) Gerrchico: support un gerrchi intern 2.50 OSPF Orgnizzzione dell rete Support tre tipi di connessione e reti Punto - punto fr router, Reti multiccesso con brodcst (LAN) Reti multiccesso senz brodcst (WAN pcchetto) Nel cso di LAN cui sono connessi più router, ne identific di riferimento (Designted Router, DR) per ridurre il trffico di LSP in brodcst sull LAN. R R2 H R3 H R2 R R3 Senz DR (n x (n-) brodcst) R2 R Designted Router R3 (Bckup DR) on DR (minor # di brodcst) 2.5 Open Shortest Pth First (OSPF) R9 R R2 R2 R3 LAN R R4 R0 R6 R5 R7 R8 I link uscenti d un LAN hnno costo nullo 2.52 Open Shortest Pth First (OSPF) OSPF Gerrchi 2.53 L entità più in lto nell gerrchi à l Autonomous System (AS), che è costituito d un insieme di reti con un unico mministrtore ed un comune strtegi di routing. Ogni AS può essere suddiviso in ree, ovvero gruppi di reti contigue e reltivi host. Router con interfcce multiple possono pprtenere più ree (Are Border Router). L topologi di un re non è visibile d entità esterne ll re stess. Mntenendo le topologie delle ree nscoste si riduce il trffico necessrio l protocollo. L re di bckbone è quell ll tutte le restnti ree dell AS devono essere collegte (è un sort ci centro stell) Telemtic 3 - R. Boll 9

10 2. (v. 02) Open Shortest Pth First (OSPF) AS Border Router (ASBR) D G Are Stub Are Internl Router Ad un ltro AS Are Bckbone A F Bckbone Router (BR) B K Virtul Link Ad un ltr re Are... Not So SA H Are Border Router (ABR) E Are Trnsit Are (SA) 2.55 Open Shortest Pth First (OSPF) Un re è definit Stub Are se h un solo Border Router, che è quindi l unic vi d ccesso ll rete estern ll re. iscun router nell rete conosce solmente il Border Router dell Stub Are. Non vengono propgti gli externl e i summry LSA. Restrizioni che crtterizzno le stub res: I link virtuli non possono ttrversre un Stub Are Non possono contenere un AS Boundry Router L instrdmento fr due ree viene relizzto in tre prti: Il percorso nell re sorgente fr l sorgente stess ed un Are Border Router. Il percorso fr i due ABR delle due ree trmite il bckbone Il percorso nell re destinzione fr l ABR che riceve il pcchetto dl bckbone e l destinzione. In prtic si forz un instrdmento stell in cui il bckbone rppresent il centro stell. Un Not So Stubby Are (NSSA) è più flessibile rispetto d un Stub Are: i router possono scmbirsi informzioni reltive d ltri protocolli di routing OSPF Gerrchi OSPF Heder L mministrtore di rete può crere uno o più link virtuli per sopperire d nomlie AS Are Bckbone Gigbit Ethernet SW Are 2 Are 3 Designted router router gusto Gigbit Ethernet SW to internet Point to point link link virtule ttivto dopo l rottur del bckbone 2.57 version type messge length checksum router ID re ID uthentiction dt uthentiction type rest of OSPF messge Version ( byte): versione OSPF. L versione corrente è l 2 Type ( byte): indic il tipo di pcchetto Vlue Pcket type Hello Pcket 2 Dtbse Description Pcket 3 Link Stte Request Pcket 4 Link Stte Updte Pcket 5 Link Stte Acknowledgment Pcket Messge length (2 bytes): indic l dimensione totle del pcchetto in bytes Router ID (4 bytes): identific in modo univoco il router che h generto il pcchetto (è uno degli indirizzi IP del router) 2.58 OSPF Heder OSPF Autenticzione Are ID (4 bytes): indic l re cui si riferisce il pcchetto. hecksum (2 bytes) Authentiction type (2 bytes): indic il tipo di utenticzione utilizzt dl pcchetto Vlue Authentiction type 0 Null uthentiction Pssword uthentiction 2 ryptogrphic uthentiction Authentiction dt (8 bytes): dti di utenticzione 2.59 Pssword uthentiction: il cmpo uthentiction dt contiene un pssword comune tutti i router comunicnti. Non protegge relmente d ttcchi perché l pssword non è criptt e viene trsmess in ogni pcchetto OSPF. Protegge però d mlfunzionmenti dovuti errte configurzioni. ryptogrphic uthentiction: Si trtt in sostnz di un verific dell utenticità ed integrità dell informzione ftt trmite l lgoritmo MD Telemtic 3 - R. Boll 0

11 2. (v. 02) OSPF Algoritmo I Prim fse: i router dicenti si scmbino gli hello pcket. iscun router gener tli pcchetti su tutti i link e le reti d esso collegti. Router Router Router Hello Hello Hello Hello OSPF Hello Pcket OSPF HEADER (24 bytes) hello intervl network msk options router ded intervl designted router bckup designted router neighbor neighbor 2... neighbor n priority Network msk (4 bytes): netmsk ssocit ll interfcci d cui viene emesso il pcchetto Hello intervl (2 bytes): indic ogni qunti secondi viene emesso un pcchetto di Hello Options ( byte) OSPF Hello Pcket Priority ( byte): iscun router è configurto con un priorità, che può vrire tr 0 e 255. Viene eletto Designted Router il router che h l priorità più lt (quindi un router con priorità 0 non potrà mi diventre DR). Router ded intervl (4 bytes): indic il tempo dopo cui il Router v considerto irrggiungibile. Designted router (4 bytes): indirizzo del DR (0 se non ncor definito). Bckup designted router (4 bytes): indirizzo del Bckup Designted Router (0 se non ncor definito). Neighbor n: list di router ID d cui è stto ricevuto il pcchetto di Hello negli ultimi Ded_Intervl secondi 2.63 OSPF Algoritmo II Second fse: Ogni router distribuisce le informzioni che h ricevuto trmite gli hello pckets l resto dell rete. Per fre questo relizz un flooding degli LSA con dei Link Stte Updte Pckets. I router devono invire esplicitmente un cknowledgment qundo ricevono un LS Updte Pcket specificndo tutti gli LSA confermti Router Link Stte Updte Router Terz fse: Link Stte Acknowledgmernt clcolo dei percorsi ottimi (Dijkstr) e ggiornmento delle tbelle di routing OSPF Link Stte Updte Pcket OSPF Link Stte Advertisement Heder LSA LSA n OSPF HEADER (24 bytes) number of dvertisements LSA Heder LSA Dt... LSA Heder LSA Dt Number of dvertisements (4 bytes): indic il numero di LSA contenuti nel pcchetto Link Stte Advertisement Heder (20 bytes) LS ge options LS type link stte ID dvertising router link stte sequence number link stte checksum length LS ge (6 bytes): viene incrementto di un unità ogni secondo fino d un mssimo di Ogni router deve ripetere gli LSA d esso generti ogni 800 s. Options ( byte) LS type ( byte): identific i diversi tipo di LSA: Vlue LSA type Router link 2 Network link 3 Summry link to network 4 Summry link to AS boundry router 5 Externl link 6 Group membership dvertisement 7 NSSA link 9 Opque link confined to locl network 0 Opque link confined to n re Opque link for n entire utonomous system Telemtic 3 - R. Boll

12 2. (v. 02) OSPF Link Stte Advertisement Heder OSPF Link Stte Advertisement Link stte ID (4 bytes): identific univocmente i link per ogni dvertising router. In genere i routers scelgono l indirizzo IP dell interfcci sul link come identifictivo. Advertising router (4 bytes): l ID del router che gener l dvertisement. LS sequence number (4 bytes): utilizzto per distinguere versioni successive dello stesso LSA. LS checksum (2 bytes): codice correzione di errore che copre l intero LSA eccetto il cmpo LS ge (Fletcher s checksum). Length (2 bytes): dimensione in bytes dell intero LSA inclusi i 20 bytes di heder Tipi di LSA Tipo : router links» Simile d un LSP trdizionle» ontiene informzioni su router dicenti e LAN collegte» Propgto solo ll interno dell re» Può essere generto e propgto d un bckbone router sul bckbone. In questo cso è simile d un trdizionle LSP di livello 2. omunic quli sono i bckbone routers. Router link, ripetuto per ogni link 0 N V 0 Number of links t W E B Link type TOS count link ID link dt Defult metric TOS vlue 0 TOS metric Ripetuto per ogni TOS 2.68 OSPF Link Stte Advertisement OSPF Link Stte Advertisement Tipi di LSA Tipo 2: network links» Simile d un trdizionle LSP generto per conto di un LAN» Generto d DR di un LAN» Elenc tutti i router presenti sull LAN» Propgto sul bckbone di bckbone router network msk ttched router ttched router 2 Tipi di LSA Tipo 3: network summry links» Informzioni di livello 2 propgte in un re» Generto d un re border router» Identific ltre reti interne ll AS m esterne ll re Tipo 4: AS summry links» Informzioni di livello 2 propgte in un re» Generto d un re border router» Identific gli AS border routers other ttched routers TOS vlue network msk TOS metric OSPF Link Stte Advertisement OSPF Link Stte Advertisement Tipi di LSA Tipo 5: externl links» Informzioni di livello 2 propgte tutti i routers dell AS» Generto d un AS border router» Identific quli destinzioni sono disponibili esternmente ll AS AS Bckbone FDDI Are FDDI Type 3 LSA Ripetuto per ogni TOS E 0 metric forwrding ddress externl route tg Are 2 Type 2 LSA Are 3 Designted router Type LSA Type 5 LSA 2.7 to internet 2.72 Telemtic 3 - R. Boll 2

13 2. (v. 02) OSPF Link Stte Advertisement Tipi di LSA Tipo 6: group membership dvertisements (supporto l multicst)» Generto dl designted router» Identific uno o più vertici ovvero percorsi verso destinzioni che fnno prte del gruppo» Il cmpo Link stte ID dell LSA heder viene utilizzto per indicre l indirizzo specifico del gruppo Ripetuto per ogni vertice vertex type vertex ID OSPF Link Stte Advertisement Tipi di LSA Tipo 7: NSSA dvertisements.» Port lo stesso tipo di informzioni di un externl LSA.» H lo stesso formto di un externl LSA. Tipo 9, 0, : Opque dvertisements.» onfinti rispettivmente ll rete locle, ll singol re e ll intero AS.» Destinti d usi futuri OSPF Aggiornmento dtbse OSPF Dtbse description pcket In genere un router viene introdotto in reti già funzionnti. Non è possibile ripetere tutto il meccnismo di inizilizzzione dell inter rete ogni volt che si si introduce un nuovo nodo. Un router eventulmente ggiunto deve ggncirsi ll rete ed pprenderene l topologi più velocemente possibile; per fre questo intergisce con i router vicini cui chiede di trsferirgli il proprio dtbse. Quindi, nel momento in cui due router si incontrno per l prim volt trmite gli hello pckets, si scmbino informzioni reltive i propri link stte dtbse OSPF heder interfce MTU options 0 I M M S dtbse description sequence number LSA Heder Flg I e M: permettono i vicini di scmbirsi dtbse description pckets multipli. Il primo di questi pcchetti h il flg I (initil) ttivo e i restnti pcchetti trnne l ultimo hnno ttivo il flg M (more). Flg MS: identific Mster e Slve (dtbse description pckets) LSA n Heder OSPF Link stte request pcket Ricevuto il set completo dei Dtbse description pckets, il router lo confront con il proprio link stte dtbse ed eventulmente richiede un ggiornmento l proprio vicino (link stte request pcket). Primo LSA richiesto Ultimo LSA richiesto OSPF heder LS type link stte ID dvertising router... LS type link stte ID dvertising router EGP - EGP Al più vecchio dei protocolli EGP è stto ssegnto lo stesso nome che distingue l ctegori: EGP. E un protocollo di stile DV che però non propg costi m solo informzioni di rggiungibilità. Non è in grdo di evitre cicli e quindi non può essere usto in topologie mglite m solo d lbero. L su struttur di riferimento è compost d ore Router (R) collegti fr loro d lbero. Ogni AS può essere collegto d un unico R e quindi ogni R f d centro stell per un gruppo di AS Telemtic 3 - R. Boll 3

Routers e LAN aggregati in regioni prendono il nome di Autonomous System quando sono controllati dalla stessa amministrazione; in un AS:

Routers e LAN aggregati in regioni prendono il nome di Autonomous System quando sono controllati dalla stessa amministrazione; in un AS: Routing Introduzione Il routing sulla rete avviene grazie all indirizzamento gerarchico: ogni router non conosce tutte le possibili destinazioni. Routers di livello basso conoscono solo le sottoreti che

Dettagli

Il routing in Internet Interior Gateway Protocols

Il routing in Internet Interior Gateway Protocols Il routing in Internet Interior Gateway Protocols A.A. 2004/2005 Prof. Carla Raffaelli diapositive preparate da: Walter Cerroni Routing Information Protocol (RIP) Protocollo distance vector, di implementazione

Dettagli

Il Sistema di Routing. Routing nell Interrete. Routing con Informazioni Parziali. Propagazione delle Rotte

Il Sistema di Routing. Routing nell Interrete. Routing con Informazioni Parziali. Propagazione delle Rotte I semestre 02/03 Il Sistema di Routing Routing nell Interrete Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica

Dettagli

Parte terza. Routing & forwarding

Parte terza. Routing & forwarding Parte terza Routing & forwarding Routing: due diverse attività forwarding (aspetto esecutivo) scegliere la direzione di uscita su cui inoltrare il datagram (... tramite la tabella) routing (aspetto algoritmico)

Dettagli

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo Livello di Rete Circuiti virtuali e datagram La funzione di instradamento Costruzione della tabella di routing Algoritmi di routing adattivi: distance vector routing e link-state routing Routing gerarchico

Dettagli

Conversione A/D e D/A. Quantizzazione

Conversione A/D e D/A. Quantizzazione Conversione A/D e D/A Per il trttmento dei segnli sempre più vengono preferite soluzioni di tipo digitle. È quindi necessrio, in fse di cquisizione, impiegre dispositivi che convertno i segnli nlogici

Dettagli

Open Shortest Path First

Open Shortest Path First Open Shortest Path First Mario Baldi http://staff.polito.it/mario.baldi/ Giorgio Valent SSGRR Fulvio RISSO http://staff.polito.it/fulvio.risso/ OSPF - 1 OSPF - 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) OSPF I lucidi presentati al corso sono uno

Dettagli

Parte terza. Routing & forwarding. Routing: due diverse attività. come un router processa un datagram IP D. Gerarchia in Internet

Parte terza. Routing & forwarding. Routing: due diverse attività. come un router processa un datagram IP D. Gerarchia in Internet Routing: due diverse attività Parte terza Routing & forwarding! forwarding (aspetto esecutivo) " scegliere la direzione di uscita su cui inoltrare il datagram (... tramite la tabella) routing (aspetto

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali Equivlenz tr equzioni di Lgrnge e problemi AM Cherubini 20 Aprile 2007 1 / 21 Problemi Mostrimo or come si possono ricvre sistemi di equzioni con struttur lgrngin in un mbito diverso: prim si er crtterizzt

Dettagli

DEBITI VERSO BANCHE 1 PREMESSA 2 CONTENUTO DELLA VOCE. Passivo SP D.4. Prassi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 2.

DEBITI VERSO BANCHE 1 PREMESSA 2 CONTENUTO DELLA VOCE. Passivo SP D.4. Prassi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 2. Cp. 49 - Debiti verso bnche 49 DEBITI VERSO BANCHE Pssivo SP D.4 Prssi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 1 PREMESSA I debiti verso bnche ricomprendono tutti quei debiti in cui l controprte è un

Dettagli

Open Shortest Path First

Open Shortest Path First Open Shortest Path First Fulvio Risso http://sites.google.com/site/fulviorisso/ Questa raccolta di trasparenze è basata su una versione precedente creata da Mario Baldi e Giogio Valent 1 Nota di Copyright

Dettagli

I protocolli di routing dell architettura TCP/IP

I protocolli di routing dell architettura TCP/IP I protocolli di routing dell architettura TCP/IP Silvano GAI sgai[at]cisco.com Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it staff.polito.it/mario.baldi routing-ip - 1 Copyright: si veda nota

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 10 giugno 2004 Internetworking I livelli 1 fisico e 2 data link si occupano della connessione di due host direttamente connessi su di una rete omogenea Non è possibile estendere

Dettagli

Gestione delle Reti di Telecomunicazioni

Gestione delle Reti di Telecomunicazioni Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Gestione delle Reti di Telecomunicazioni Modello TCP/IP Ing. Tommaso Pecorella Ing. Giada Mennuti {pecos,giada}@lenst.det.unifi.it 1 Instradamento All accensione

Dettagli

I protocolli di routing dell architettura TCP/IP

I protocolli di routing dell architettura TCP/IP I protocolli di routing dell architettura TCP/IP Silvano GAI sgai@cisco.com Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi routing-ip - 1 Copyright: si veda nota a

Dettagli

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione Stbilità dei sistemi di controllo in retrozione Criterio di Nyquist Il criterio di Nyquist Estensione G (s) con gudgno vribile Appliczione sistemi con retrozione positiv 2 Criterio di Nyquist Stbilità

Dettagli

PROTOCOLLI DI ROUTING. Vittorio Prisco vittorio.prisco@email.it

PROTOCOLLI DI ROUTING. Vittorio Prisco vittorio.prisco@email.it PROTOCOLLI DI ROUTING Vittorio Prisco - - ROUTING ROUTING : Scelta del percorso migliore da utilizzare per inviare i pacchetti. ROUTER : Dispositivo atto a instradare i pacchetti sui percorsi di comunicazione

Dettagli

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127 INDIRIZZAMENTO IP Gli indirizzi IP, che devono essere univoci sulla rete, sono lunghi 32 bit (quattro byte) e sono tradizionalmente visualizzati scrivendo i valori decimali di ciascun byte separati dal

Dettagli

Sistema centralizzato chiuso

Sistema centralizzato chiuso Network Security Elements of Network Security Protocols ereros Rodmp Architettur e protocollo semplificti Architettur complet pre-uthentiction delegtion Relms proxile tickets forwrdle tickets ereros 5

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 4-1 Il Protocollo IP IPv4 Datagram IP: formato Indirizzi IP: formato Protocolli di controllo IP mobile

Dettagli

Il modello TCP/IP. Sommario

Il modello TCP/IP. Sommario Il modello TCP/IP Il protocollo IP Mario Cannataro Sommario Introduzione al modello TCP/IP Richiami al modello ISO/OSI Struttura del modello TCP/IP Il protocollo IP Indirizzi IP Concetto di sottorete Struttura

Dettagli

Il Routing Gli scenari possibili sono due 1. rimessa diretta rimessa indiretta

Il Routing Gli scenari possibili sono due 1. rimessa diretta rimessa indiretta Il Routing In un sistema packets switching quale il TCP/IP, il routing rappresenta il processo di scelta del percorso su cui inoltrare i pacchetti ed il router è un computer che effettua tale instradamento.

Dettagli

IRRAGGIAMENTO: APPLICAZIONI ED ESERCIZI

IRRAGGIAMENTO: APPLICAZIONI ED ESERCIZI Elis Gonizzi N mtricol: 3886 Lezione del -- :3-:3 IRRAGGIAMENO: APPLICAZIONI ED EERCIZI E utile l fine di comprendere meglio le ppliczioni e gli esercizi ricordre cos si intend con i termini CORPI NERI

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

Il Database Topografico Regionale

Il Database Topografico Regionale Il Dtbse Topogrfico Regionle Stefno Olivucci Stefno Bonretti Servizio Sttistic ed Informzione Geogrfic Il Dtbse Topogrfico Regionle Rppresent il nucleo portnte dell infrstruttur regionle reltiv i dti territorili

Dettagli

LE RETTIFICHE DI STORNO

LE RETTIFICHE DI STORNO Cpitolo 11 LE RETTIFICHE DI STORNO cur di Alfredo Vignò Le scritture di rettific di fine esercizio Sono composte l termine del periodo mministrtivo per inserire nel sistem vlori stimti e congetturti di

Dettagli

Desk CSS-KPMG Innovare la PA. Presentazione del progetto di ricerca Organization Review. Luciano Hinna

Desk CSS-KPMG Innovare la PA. Presentazione del progetto di ricerca Organization Review. Luciano Hinna Desk CSS-KPMG Innovre l PA Presentzione del progetto di ricerc Orgniztion Review Lucino Hinn Obiettivo del progetto Mettere punto un nuov metodologi, intes come strumento d consegnre lle pubbliche mministrzioni

Dettagli

avast! Pro Antivirus Funzioni chiave Tecnologie cloud ibride Maggiore usabilità Funzioni di protezione

avast! Pro Antivirus Funzioni chiave Tecnologie cloud ibride Maggiore usabilità Funzioni di protezione Pro Pro include tutte le funzioni del nostro completo Internet Security, prte il firewll e il filtro ntispm. Un lvorzione dei dti su bse cloud migliort, un interfcci utente semplifict e i nuovi tool Softwre

Dettagli

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

Laboratorio di Reti di Comunicazione ed Internet Mod. 2

Laboratorio di Reti di Comunicazione ed Internet Mod. 2 Politecnico di Milano Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria Laboratorio di Reti di Comunicazione ed Internet Mod. 2 Quinta Lezione Sommario Rotte dinamiche con OSPF Reazione di OSPF

Dettagli

Introduzione. Algoritmi Link-State. Principi. Adiacenze OSPF (2) Adiacenze OSPF (1) Open Shortest Path First Protocol (OSPF)

Introduzione. Algoritmi Link-State. Principi. Adiacenze OSPF (2) Adiacenze OSPF (1) Open Shortest Path First Protocol (OSPF) Introdzione Open Shortest Path First Protocol (OSPF) Svilppo inizia nel 987 OSPF Working Grop (parte di IETF) OSPFv2 emanato nel 99 OSPFv2 aggiornato nel RFC 278 Principi OSPF è n protocollo di roting

Dettagli

AVM a IFA con moltissime novità per creare e gestire reti domestiche Fritz! velocissime, indoor e outdoor

AVM a IFA con moltissime novità per creare e gestire reti domestiche Fritz! velocissime, indoor e outdoor Comunicto Stmp AVM IFA 2015 (Pdiglione 17) AVM IFA con moltissime novità per crere e gestire reti domestiche Fritz! velocissime, indoor e outdoor L velocità portt di mno: FRITZ!Powerline, FRITZ!WLAN Repeter,

Dettagli

Facoltà di Ingegneria

Facoltà di Ingegneria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Fcoltà di Ingegneri Corso di Lure Specilistic in Ingegneri per l Ambiente e il Territorio TESINA DI CALCOLO NUMERICO Anlisi dell errore nei metodi di risoluzione dei

Dettagli

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA di Giuli Cnzin e Dominique Cppelletti Come potrete notre inoltrndovi nel corso di Introduzione ll economi, l interpretzione dell teori economic non presuppone conoscenze

Dettagli

Regime di interesse semplice

Regime di interesse semplice Formule d usre : I = interesse ; C = cpitle; S = sconto ; K = somm d scontre V = vlore ttule ; i = tsso di interesse unitrio it i() t = it () 1 ; s () t = ( 2) 1 + it I() t = Cit ( 3 ) ; M = C( 1 + it)

Dettagli

Più intelligenza nella rete grazie all analisi in tempo reale dei dati provenienti da sistemi SCADA Mariano Marciano IBM GBS Senior Consultant

Più intelligenza nella rete grazie all analisi in tempo reale dei dati provenienti da sistemi SCADA Mariano Marciano IBM GBS Senior Consultant Più intelligenz nell rete grzie ll nlisi in tempo rele dei dti provenienti d sistemi SCADA Mrino Mrcino IBM GBS Senior Consultnt Novembre 2013 L Soluzione SmrtGridIntelligence L SoluzioneSmrt GridIntelligence

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

Autonomous System. I protocolli di routing usati all'interno di un AS sono denominati IGP (Interior Gateway Protocol) Esempio:

Autonomous System. I protocolli di routing usati all'interno di un AS sono denominati IGP (Interior Gateway Protocol) Esempio: Autonomous System R4 R1 R3 R2 Un insime di router collegati tra loro (rete) in cui è definita una politica di routing Unico amministratore che governa l'intera rete Piano di indirizzamento Un AS per essere

Dettagli

IP Internet Protocol

IP Internet Protocol IP Internet Protocol Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 13 IP - 1/20 IP IP è un protocollo a datagrammi In spedizione: Riceve i dati dal livello trasporto e

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

Esercizi Reti di TLC Parte II LAN. Esercizio 5.2. Esercizio 5.1. Luca Veltri

Esercizi Reti di TLC Parte II LAN. Esercizio 5.2. Esercizio 5.1. Luca Veltri UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Esercizi Reti di TLC Parte II LAN Luca Veltri (mail.to: luca.veltri@unipr.it) Corso di Reti di Telecomunicazione, a.a. 2013/2014

Dettagli

TABELLA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ANNO 2014

TABELLA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ANNO 2014 TABELLA DEGLI ANNO 04 criteri di ppliczione (estrtto rt. 5ter, lett. "" del Regolmento Edilizio vigente) Ai fini del clcolo degli oneri di urbnizzzione primri e secondri, i volumi sono clcolti secondo

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo XIII

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo XIII Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA A.A. 2008/09 - II Semestre RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni

Dettagli

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP L architettura TCP/IP: Nasce per richiesta del Dipartimento della Difesa degli USA che intendeva poter creare una rete in grado di funzionare in qualsiasi tipo di

Dettagli

Il protocollo IP (Internet Protocol)

Il protocollo IP (Internet Protocol) Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Il protocollo IP (Internet Protocol) -Servizi offerti da IP -Formato del pacchetto IP 1 Il servizio di comunicazione offerto da IP Connectionless

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Prm Temi specili di bilncio Le imposte (3) Il consolidto fiscle nzionle RIFERIMENTI Normtiv Artt. 117 129 del TUIR Art. 96 del TUIR Prssi contbile Documento OIC n. 25 Documento

Dettagli

Fondamenti di routing (pag.34)

Fondamenti di routing (pag.34) Fondamenti di routing (pag.34) UdA2L1 Il livello di rete (Network layer) è il livello 3 della pila ISO/OSI. Questo livello riceve datagrammi (pacchetti) dal livello di trasporto e forma pacchetti che vengono

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione MANUALE DI SUPPOTO ALL UTILIZZO DELLA PIATTAFOMA SINTEL GUIDA ALLE FOMULE DI AGGIUDICAZIONE Pgin 1 di 21 AGENZIA EGIONALE CENTALE ACQUISTI Indice 1 INTODUZIONE... 3 1.1 Cso di studio... 4 2 FOMULE DI CUI

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DELLA PROTEZIONE GIURIDICA

REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DELLA PROTEZIONE GIURIDICA REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DELLA PROTEZIONE GIURIDICA Il Comitto centrle decret il regolmento seguente conformemente ll rt. 57 e ll rt. 9, cpv. 4 lett. i degli sttuti dell ASI del 5 novemre 00 Tutte

Dettagli

Manuale di configurazione ed utilizzo

Manuale di configurazione ed utilizzo SERVIZIO CISCO JABBER VIS 4.0 Numero documento: 132/ versione 1.0 Dt : 30/05/2013 Oggetto: VIS 4.0 Redttore documento: Bgnr Mssimilino Mnule di configurzione ed utilizzo Cisco Jbber per Smsung Android

Dettagli

F (r(t)), d dt r(t) dt

F (r(t)), d dt r(t) dt Cmpi vettorili Un cmpo vettorile è un funzione vlori vettorili F : A R, con A R n, ove in questo cso l imensione el ominio e el coominio è l stess. F ( 1, 2,..., n ) (f 1 ( 1, 2,..., n ), f 2 ( 1, 2,...,

Dettagli

PROVVEDIMENTO del Funzionario delegato DAL DIRETTORE

PROVVEDIMENTO del Funzionario delegato DAL DIRETTORE ISTITUZIONE SERVIZI EDUCATIVI SCOLASTICI CULTURALI E SPORTIVI DEL COMUNE DI CORREGGIO Vile dell Repubblic, 8 - Correggio (RE) 42015 tel. 0522/73.20.64-fx 0522/63.14.06 P.I. / C.F. n. 00341180354 PROVVEDIMENTO

Dettagli

L accertamento di un entrata corrente di natura patrimoniale

L accertamento di un entrata corrente di natura patrimoniale ........ Rilevzioni contbili: vecchi e nuov contbilità confronto. L ccertmento di un entrt corrente di ntur ptrimonile curdimurobellesi Dirigente Comune di Vicenz - Publicist... Premess Il cso L rubric

Dettagli

Scale con rampe diritte. Scala rettilinea a una rampa. Scala rettilinea a due rampe. Scala destra a una rampa a chiocciola (con un quarto di giro)

Scale con rampe diritte. Scala rettilinea a una rampa. Scala rettilinea a due rampe. Scala destra a una rampa a chiocciola (con un quarto di giro) 0.0 Scle di legno 9 0.0 Scle di legno Le scle servono superre le differenze di ltezz. Nelle cse unifmiliri sono sovente costruite in legno. Un scl è definit tle se formt d lmeno tre sclini consecutivi,

Dettagli

Livello Rete. Servizi

Livello Rete. Servizi Livello Rete Spostamento dei pacchetti dal mittente al destinatario, attraverso subnet intermedi (router) Occorre: conoscere la topologia della rete scegliere di volta in volta il cammino migliore (routing)

Dettagli

Problemi di collegamento delle strutture in acciaio

Problemi di collegamento delle strutture in acciaio 1 Problemi di collegmento delle strutture in cciio Unioni con bulloni soggette tglio Le unioni tglio vengono generlmente utilizzte negli elementi compressi, quli esempio le unioni colonn-colonn soggette

Dettagli

UDA N 2 Scienze e Tecnologie Applicate: Indirizzo INFORMATICA

UDA N 2 Scienze e Tecnologie Applicate: Indirizzo INFORMATICA Sch ed di pro gettzion e d elle Un ità d i App rend imento nu mero 1 UDA N 1 Scienze e Tecnologie Applicte: Indirizzo INFORMATICA UdA N 1 Disciplin Riferimento Titolo The incredibile mchine! informtic

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico

Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico Corso di Lure in Chimic Regolmento Didttico Art.. Il Corso di Lure in Chimic h come finlità l formzione di lureti con competenze nei diversi settori dell chimic per qunto rigurd si gli spetti teorici che

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo 232 Definizione ed ttitudini 232 Serie 233 Vrinti 233 Tollernze e giochi 234 Elementi di clcolo 236 Crtteristiche

Dettagli

Centralino telefonico. Terraneo PBX15D. Manuale d uso e di installazione 03/02 DM PART.T3494A PBX15D PRI IN 5 3 4 6 1. RxTx GND 50Hz ON 230V~ C

Centralino telefonico. Terraneo PBX15D. Manuale d uso e di installazione 03/02 DM PART.T3494A PBX15D PRI IN 5 3 4 6 1. RxTx GND 50Hz ON 230V~ C 03/02 DM PART.T3494A Terrneo Centrlino telefonico Mnule d uso e di instllzione 1 3 5 2 4 6 7 8 LU b ON 230V~ C RxTx GND 50Hz NO 1 b PBX15D 2 b PRI IN 5 3 4 6 1 3 b 4 b 5 b PBX15D Indice Introduzione Specifiche

Dettagli

3. Il calcolo a scuola (2): l uso della calcolatrice 1

3. Il calcolo a scuola (2): l uso della calcolatrice 1 Didttic 3. Il clcolo scuol (2): l uso dell clcoltrice 1 Ginfrnco Arrigo 57 1. Clcoli con un sol operzione L prim cos d insegnre d un giovne llievo che voglimo educre ll uso corretto dei moderni mezzi di

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

Transazioni al di fuori della normale gestione. Emissione del Prestito Obbligazionario 02/11/2010. Analisi della trasparenza Giovanni Andrea Toselli

Transazioni al di fuori della normale gestione. Emissione del Prestito Obbligazionario 02/11/2010. Analisi della trasparenza Giovanni Andrea Toselli Università degli studi di Pvi Fcoltà di Economi.. 2010-20112011 Sezione 26 Anlisi dell trsprenz Giovnni Andre Toselli 1 Sezione 26 Trnszioni l di fuori dell normle gestione Operzioni sull struttur finnziri

Dettagli

Esercizi Reti di TLC A Parte II. Indirizzamento IP. Esercizio 9.1. Esercizio 9.2. Luca Veltri

Esercizi Reti di TLC A Parte II. Indirizzamento IP. Esercizio 9.1. Esercizio 9.2. Luca Veltri Esercizi Reti di TLC A Parte II Indirizzamento IP Luca Veltri (mail.to: luca.veltri veltri@unipr.it) Corso di Reti di Telecomunicazione,, a.a. 2011/2012 http://www.tlc tlc.unipr.it/.it/veltri Esercizio

Dettagli

La costituzione d azienda

La costituzione d azienda L costituzione d ziend Esercizio1 In dt 15/01/X si costituisce, per volontà dei soci Alf e Bet, l Eridice S.p.A. Il cpitle socile, costituito d 40.000 zioni ordinrie d 10 euro nominli ciscun, viene sottoscritto

Dettagli

ESERCITAZIONE 9 Lezioni di riferimento: 29, 30

ESERCITAZIONE 9 Lezioni di riferimento: 29, 30 ESERCITAZIONE 9 Lezioni di riferimento: 29, 30 Tecniche di instradamento Nel modello di riferimento OSI una rete di calcolatori è vista come un insieme di sistemi interconnessi. Su alcuni di tali sistemi

Dettagli

PRESENTAZIONE AL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE DELLA MEMORIA (Everyday Memory Questionnaire - EMQ)

PRESENTAZIONE AL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE DELLA MEMORIA (Everyday Memory Questionnaire - EMQ) PRESENTAZIONE AL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE DELLA MEMORIA (Everydy Memory Questionnire - EMQ) Drio Slmso e Giuseppin Viol CNR-Psicologi, Vile Mrx 15-00137 ROMA) L'EMQ (Sunderlnd et l., 1983) si propone

Dettagli

Rendite (2) (con rendite perpetue)

Rendite (2) (con rendite perpetue) Rendite (2) (con rendite perpetue) Esercizio n. Un ziend industrile viene vlutt ttulizzndo i redditi futuri dell gestione l tsso del 9% con inflzione null. I redditi prospettici vengono stimnti nell misur

Dettagli

ROAD TO MATCHING SHARE&GROW Vademecum per avvicinarsi a Matching Live

ROAD TO MATCHING SHARE&GROW Vademecum per avvicinarsi a Matching Live ROAD TO MATCHING SHARE&GROW Vdemecum per vvicinrsi Mtching Live Un evento promosso d Powered by Medi Prtner Seguici e condividi VADEMECUM IN SEMPLICI STEP PER PARTECIPARE A MATCHING L presenz Mtching Shre&Grow

Dettagli

Politecnico di Bari. Facoltà di Ingegneria Elettronica. Corso di Reti di Telecomunicazioni

Politecnico di Bari. Facoltà di Ingegneria Elettronica. Corso di Reti di Telecomunicazioni Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria Elettronica Corso di Reti di Telecomunicazioni Internet Protocol versione 4 Generalità sulle reti IP... 2 Lo header IP versione 4... 3 Concetti generali sugli

Dettagli

Accoppiamento pompa e sistema

Accoppiamento pompa e sistema Accoppimento pomp e sistem 1/9 Considerimo il sistem idrulico dell Fig. 1 costituito d due bcini, mbedue soggetti ll pressione tmosferic e collegti tr loro d un tubzione: si vuole portre l cqu dl bcino

Dettagli

2) Completare la tabella di instradamento (routing table) del router RA

2) Completare la tabella di instradamento (routing table) del router RA esercizi---v.doc Esercizio Si consideri il sistema autonomo mostrato in figura formato da sotto-reti e da router; in figura sono indicati i costi dei singoli rami come sono visti dai diversi router. Si

Dettagli

T16 Protocolli di trasmissione

T16 Protocolli di trasmissione T16 Protoolli di trsmissione T16.1 Cos indi il throughput di un ollegmento TD?.. T16.2 Quli tr le seguenti rtteristihe dei protoolli di tipo COP inidono direttmente sul vlore del throughput? Impossiilità

Dettagli

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna verso LA RILEVAZIONE INVALSI SCUOLA SECONDARIA DI secondo GRADO PROVA DI Mtemtic 30 quesiti Febbrio 0 Scuol... Clsse... Alunno... e b sono numeri reli che verificno quest uguglinz: Qunto vle il loro prodotto?

Dettagli

Pareti verticali Cappotto esterno

Pareti verticali Cappotto esterno Preti verticli Cppotto esterno L isolmento termico dei fbbricti dll esterno, comunemente detto cppotto, h vuto le sue prime ppliczioni lcuni decenni f e ncor oggi costituisce uno dei sistemi di isolmento

Dettagli

Interdomain routing Principi generali e BGP

Interdomain routing Principi generali e BGP Interdomain routing Principi generali e BGP Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi

Dettagli

Indirizzamento ed Instradamento. Adelmo De Santis

Indirizzamento ed Instradamento. Adelmo De Santis Indirizzamento ed Instradamento Adelmo De Santis 1 Introduzione 2 Introduzione Reti di calcolatori Sono insiemi di calcolatori, distribuiti geograficamente che possono scambiare dati ed informazioni tra

Dettagli

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes I Teoremi di Green, dell divergenz o di Guss e di Stokes In R Si un sottoinsieme limitto di R semplice rispetto d entrmbi gli ssi crtesini con costituit dll unione di un numero finito di sostegni di curve

Dettagli

Il lemma di ricoprimento di Vitali

Il lemma di ricoprimento di Vitali Il lemm di ricoprimento di Vitli Si I = {I} un fmigli di intervlli ciusi contenuti in R. Diremo ce l fmigli I ricopre l insieme E nel senso di Vitli (oppure ce I è un ricoprimento di Vitli di E) se per

Dettagli

io chiedo la pensione di vecchiaia

io chiedo la pensione di vecchiaia io chiedo l pensione di vecchii PROTOCOLLO INPDAP All'Inpdp sede di 01010101 Acquisizione di ftti o stti del richiedente ttrverso l esibizione del suo documento di riconoscimento. (Art.45 del Testo Unico

Dettagli

FOGLIO COMPARATIVO SULLE TIPOLOGIE DI MUTUO IPOTECARIO / FONDIARIO PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE

FOGLIO COMPARATIVO SULLE TIPOLOGIE DI MUTUO IPOTECARIO / FONDIARIO PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE FOGLIO COMPARATIVO SULLE TIPOLOGIE DI MUTUO IPOTECARIO / FONDIARIO PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE (disposizioni di trsprenz i sensi dell rt. 2 comm 5 D.L. 29.11.2008 n. 185) Per tutte le condizioni

Dettagli

SCUOLA PARITARIA E RISORSE FINANZIARIE DOSSIER IN VISTA DELLA FINANZIARIA 2008. Associazione Genitori Scuole Cattoliche 5 ottobre 2007

SCUOLA PARITARIA E RISORSE FINANZIARIE DOSSIER IN VISTA DELLA FINANZIARIA 2008. Associazione Genitori Scuole Cattoliche 5 ottobre 2007 SCUOLA PARITARIA E RISORSE FINANZIARIE DOSSIER IN VISTA DELLA FINANZIARIA 2008 Associzione Genitori Scuole Cttoliche 5 ottobre 2007 Proseguendo nell trdizione formtiv dell Associzione Genitori Scuole Cttoliche,

Dettagli

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ EMC VMA AX 10K EMC VMAX 10K fornisce e un'rchitettu ur scle-out multi-controlller Tier 1 rele e che nsolidmento ed efficienz. EMC VMAX 10 0K utilizz l stess s grntisce lle ziende con stemi VMAX 20 0K e

Dettagli

SISTEMI DI PROTEZIONE PERIMETRALE INVISIBILI PERIMETER

SISTEMI DI PROTEZIONE PERIMETRALE INVISIBILI PERIMETER ITEMI DI PROTEZIONE PERIMETRALE INVIIBILI P R O T E Z I O N I P E R I M E T R A L I I N V I I B I L I Immunità lle conizioni climtiche Neve istemi i protezione PERIMETRALE INVIIBILI Pioggi Grnine I sistemi

Dettagli

Nota metodologica. Finalità, campo di osservazione, concetto di prezzo

Nota metodologica. Finalità, campo di osservazione, concetto di prezzo Not metodologic numeri indici dei prezzi l consumo misurno le vrizioni nel tempo dei prezzi di un pniere di eni e servizi rppresenttivi di tutti quelli destinti l consumo finle delle fmiglie presenti sul

Dettagli

Sistema di di Gestione della Sicurezza delle Informazioni a norma ISO ISO 27001. Relatore Gianluca Visentini

Sistema di di Gestione della Sicurezza delle Informazioni a norma ISO ISO 27001. Relatore Gianluca Visentini Sistem dell norm Reltore Ginluc Visentini Sistem Sistem dell dell norm norm Informzione: il risultto dell rccolt e dell elborzione dti elementri, significtivi e utili l processo decisionle. Le informzioni

Dettagli

Schema tipo della RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO

Schema tipo della RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO Allegto 2 Schem tipo dell RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO Indice dell relzione 1 Informzioni sll gestione... 2 1.1 Perimetro dell gestione e servizi forniti... 2 1.2 Preciszioni s servizi SII e ltre ttività

Dettagli