Manuale Flusso di Lavoro Versione 2011.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale Flusso di Lavoro Versione 2011."

Transcript

1 Manuale Flusso di Lavoro Versione 2011.

2 Premesse COME ARCHline.XP COMPUTO è in grado di realizzare il computo e stima dei costi L uso delle tecnologie BIM per la quantificazione dei costi consente una più veloce e precisa stima dei costi degli edifici. Tutti coloro che lavorano in studi che offrono o vogliono offrire una progettazione integrata, troveranno l uso della tecnologia BIM di ARCHline.XP COMPUTO utile per coordinare con precisione le informazioni dell edificio e fornire le informazioni esatte e aggiornate. Lo studio tecnico è il miglior candidato per l'adozione dell approccio BIM per la quantificazione e stima dei costi perché avviene durante e come parte stessa del lavoro di progettazione, minimizzando il tempo relativo alla determinazione delle quantità. ARCHline.XP COMPUTO utilizza la tecnologia BIM denominata GEAR per realizzare il computo metrico a partire dal progetto architettonico. Grazie alla tecnologia BIM le entità del progetto contengono tutte le proprietà ed informazioni geometriche specifiche : ad esempio un entità come un muro può contenere le proprietà non geometriche, ad esempio la trasmittanza termica, la resistenza al fuoco, il potere fonoisolante, ma anche la composizione parametrica del suo costo. Limitando questa analisi alla stima delle quantità e dei costi, è chiaro che si offre un sistema estremamente potente, efficace ed utile per creare, gestire e condividere le informazioni di costo del progetto. LA STIMA DEI COSTI SULLA BASE DEL MODELLO ARCHITETTONICO 3D Progettare un edificio è la responsabilità e competenza del progettista, mentre determinare il costo viene generalmente delegato al tecnico computista. Un computo, semplificando al massimo la concezione, è sostanzialmente una lista di costo, in cui ogni riga corrisponde ad una misura (in valore o formula) moltiplicata per il prezzo unitario corrispondente, omogeno per unità di misura, che ne determina il costo. Per la determinazione delle misure, tradizionalmente il tecnico computista lavora sul disegno su carta, con evidenziatore e righello, oppure dalle linee DWG caricando il disegno nel programma di computo (quelli che hanno un editor dwg), e leggendo le misure da schermo, riga dopo riga, compilando manualmente i dati. Tali metodi determinano una serie di problemi: possibilità dell errore umano, imprecisione nella determinazione delle misure di superficie e volumi, propagazione dell errore causata dalle inesattezze contenute nel disegno 2D originale, difficoltà nel gestire le modifiche apportate al progetto architettonico. L uso delle tecnologia BIM porta ad una quantificazione più veloce, stime dei costi più accurate e sempre aggiornate. Queste inoltre rimarranno informazioni sempre coesistenti con il progetto, cioè sensibili ad ogni sua modifica ed aggiornamento. Quando il progetto subisce una modifica, questo non solo modifica automaticamente tutti i documenti tecnici (sezioni, prospetti, piante, ecc.), ma anche le quantità, le misure ed i costi conseguenti. IL RISPARMIO DI TEMPO Il tempo richiesto dal tecnico computista nella quantificazione e stima dei costi varia da progetto a progetto, ma l esperienza dimostra che mediamente dal 50% all 80% del tempo richiesto viene speso nella fase di determinazione delle misure. Con questi numeri, è facilmente comprensibile l enorme vantaggio che deriva dall uso di un modello BIM. L eliminazione della determinazione manuale delle misure e quantità fa risparmiare tempo, costi e riduce i potenziali errori umani. Questo è il tipo di informazioni e di conoscenze avanzate che oggi il professionista deve considerare per una accurata stima del costo. Come si realizza il COMPUTO con tecnologia BIM? L approccio di ARCHline.XP COMPUTO consente di leggere ed organizzare in modo continuo le entità geometriche 3D del progetto in modo adeguato per la loro quantificazione. Le entità del modello architettonico vengono letti da COMPUTO e suddivisi automaticamente in categorie, cioè in tipologie di entità simili per consentire una facile organizzazione e lettura degli stessi. Il tecnico quindi dispone immediatamente delle entità presenti nel progetto, in una lista gerarchica controllabile, basta un Clic per identificare nel disegno l entità selezionata nella lista e allo stesso modo possono essere visualizzate tutte le sue informazioni specifiche, ad esempio le sue misure (lunghezza, superficie, volume ecc ).

3 Flusso di lavoro 1 - Le entità di ARCHline.XP La realizzazione di un computo con tecnologia BIM prevede che l origine dei dati sia la geometria generata da ARCHline.XP. Si presuppone quindi che conosciate già l uso di ARCHline.XP e delle sue funzioni principali. Tramite ARCHline.XP siete in grado di generare un progetto architettonico, il quale in generale sarà composto di entità architettoniche (murature, porte, finestre, ecc.), le quali hanno una doppia rappresentazione 2D in pianta e 3D nelle viste 3D. Soffermandosi con maggiore attenzione sulle entità architettoniche, si presuppone sappiate disegnare un muro o un tetto, e tutti gli altri elementi architettonici che compongono il vostro progetto. 1.1 Utilizzare i SET ARCHline.XP Un utilità molto comoda ed importante, in quanto facilita molto le successive fasi di elaborazione del computo, è l utilizzo ove possibile della funzionalità SET di ARCHline.XP. Il SET di ARCHline.XP identifica con un nome l insieme di parametri e proprietà di una entità. I SET sono utilizzabili per tutte le entità di ARCHline.XP, e consentono di creare (o modificare) un entità, assegnando immediatamente le proprietà e i parametri memorizzati nel SET. Creare un SET è molto semplice, ma utilizzarlo ancora di più (per la creazione di un nuovo SET si rimanda al manuale ARCHline.XP ). Per creare un entità con uno specifico SET, il modo più semplice è premere Clic (1) sullo strumento desiderato (es. Murature) e nella barra superiore premere clic (2) sulla lista SET, poi selezionare il SET murature desiderato. Eseguito il comando. Per modificare il SET di una o più entità del disegno, è sufficiente selezionare le entità da modificare, e nel campo SET selezionare il SET da applicare (in fig. nome SET Esterno Balconi cls 20cm ). Attenzione, il SET è legato alla Categoria-Entità, quindi ad es. i SET-murature non hanno nessun effetto sui SET di altre categorie (ad es. SET-linee). L uso dei SET velocizza molto il disegno nel caso in cui vi siano entità standard nel progetto, cioè i cui parametri siano stati precedentemente memorizzati in SET, ma l uso del SET diventa un sistema molto comodo anche per il computo, perché al SET possono essere stati associati anche dei parametri di COSTO, e quindi potremmo risparmiare molto tempo nell associazione delle voci di prezzo alle misure, entità per entità. 1.2 Non Utilizzare i SET ARCHline.XP L uso dei SET non è obbligatorio, ma consente di automatizzare ed organizzare in modo più veloce l associazione dei parametri di costo alle singole entità. Se non utilizzate i SET l associazione delle voci di prezzo dovrà essere realizzata direttamente all interno di Computo.

4 2 Attivare ARCHline.XP Computo Per attivare Computo da ARCHline.XP selezionate il comando menu <Plugin Computo Avvia Computo> e si attiverà la finestra di comunicazione tra ARCHline.XP e Computo. Il comando gestisce il trasferimento delle informazioni dal progetto ARCHline.XP al Computo. Appare la finestra a lato e in questa fase viene verificato se esiste già un progetto di Computo su questo progetto ARCHline.XP, oppure se è un nuovo progetto di computo. 2.1 Nuovo progetto In questo caso, viene creato immediatamente il progetto di Computo per il progetto. Viene analizzata la struttura delle entità, in particolare se sono presenti entità con SET a cui sono associati dei prezzi unitari. Per tutte le entità associate a SET con prezzi unitari già definiti, vengono automaticamente associati i prezzi unitari, ovvero tutte le singole voci di prezzo e relative misure e formule. Vengono poi creati automaticamente i Capitoli, e le entità vengono inserite nei rispettivi Capitoli in funzione delle informazioni contenute nel prezzo unitario. Tutte le entità non associate a SET specifici (esempio set default ) oppure a SET che non hanno prezzi unitari associati, non viene associata nessuna voce di prezzo, e nessuna di queste entità viene inserita nei Capitoli. Per tutte queste entità libere sarà necessario provvedere manualmente alla loro classificazione nei Capitoli ed alla associazione delle singole voci di prezzo. 2.2 Sincronizzazione con esistente Se il progetto ARCHline.XP era già stato computato in precedenza, significa che esiste già un progetto di computo. In questo caso il progetto viene aggiornato, e precisamente : tutto ciò che era stato definito, come prezzi, capitoli, dati, ecc. viene mantenuto, vengono attualizzate le misure associate alle entità e conseguentemente i valori risultanti, le entità cancellate vengono cancellate dal computo, le nuove entità associate a SET con prezzi unitari vengono associate, le nuove entità non associate a SET con prezzi unitari rimangono libere. 3 Il progetto di computo Terminata la fase di allineamento dati tra ARCHline.XP e Computo, appare la finestra principale di Computo. Il Browser di progetto contiene tutti gli elementi del progetto di computo, in dettaglio:

5 3.1 Dati Generali Contiene i dati generali del progetto di Computo: Premendo sopra la barra, oppure dal menu Dati Generali, appare nella parte destra della finestra la schermata di compilazione. 3.2 Entità L elenco visualizza le categorie entità del progetto ARCHline.XP. Le categorie visualizzate sono quelle definite nella fase di aggiornamento (per default tutte), e premendo sulla freccia (espandendo il ramo) appare la lista delle entità in esso presenti. Il nome a fianco dell entità è il nome SET dell entità definito in ARCHline.XP. Nella parte bassa appare la lista di TUTTE le voci di prezzo associate con i dati descrittivi. Clic sul comando Visualizza dettagli per mostrare anche le misure dell elemento.

6 Per pulire un Entità da tutte le sue voci di costo associate è possibile utilizzare il comando <Entità Ripristina Elemento> La Selezione di Entità Il programma dispone di un potente strumento di selezione attivabile da menù <Entità - Selezione>: La Selezione è l elemento fondamentale del flusso di lavoro, in quanto con ARCHline.XP Computo il progettista può ragionare per tipi di elementi, quindi associare delle voci di costo generalizzando le operazioni e non dovendole fare per singole misure. Lo strumento Selezione è presente in forma analoga anche per le entità all interno dei capitoli (vedi capitoli successivi). E anche possibile effettuare selezioni manualmente, spuntando uno per uno i checkbox a fianco all elemento.

7 3.3 Capitoli I capitoli sono già presenti, e sono quelli utilizzati nella stragrande maggioranza dei CAPITOLI DI SPESA previsti dalla normativa. Il capitolo serve per organizzare in maniera ordinata il lavoro. In ARCHline.XP Computo il capitolo contiene le entità che si ritengono utili per ricavare una misura dal progetto, ad esempio, per calcolare il costo di una muratura, sarà necessario avere i mq del muro, pertanto potrà essere utilizzato l elemento muro, dal quale è possibile leggere il parametro superficie, oppure lunghezza, o ancora volume. (Per una lista totale delle variabili vedi capitoli successivi). E possibile creare, modificare o cancellare capitoli dal menù <Capitoli>. Sempre dallo stesso menù esiste il comando Rimuovi entità, per rimuovere le entità selezionate dal capitolo. Attenzione, un entità può essere utilizzata in capitoli differenti, quindi ciò che vediamo nel capitolo è l entità determinata da un certo scopo. Ad esempio Muro X in capitolo DEMOLIZIONI per ricavare i costi di demolizione. Muro X in capitolo OPERE C.A. per calcolare i costi per le opere in cemento armato. In questo caso il muro X costruito in mattoni potrebbe esser stato demolito e poi ricostruito in cemento armato Popolare i Capitoli Come detto in precedenza, i capitoli contengono Entità, e più nello specifico, contengono le misure delle Entità. Per portare le Entità di cui abbiamo bisogno dentro un Capitolo, possiamo Selezionare la voce Entità dal tree-view a sinistra (appare l elenco delle Entità a destra), e in seguito cliccare su Capitoli dal tree-view a sinistra. E possibile come già detto, creare, rinominare, cancellare capitoli. Scegliere il capitolo da popolare ed in seguito inserire l entità desiderata attraverso la tecnica drag&drop. E possibile inserire più di un Entità sfruttando lo strumento Selezione visto al capitolo precedente. Attenzione, utilizzare i SET in ARCHline.XP velocizza di molto questa operazione, in quanto i capitoli saranno già popolati. Per vedere come creare i SET computo vedere capitoli successivi di questo manuale. Se il rigo di computo che vorremo andare ad inserire non è composto di misure derivanti da entità del progetto, possiamo inserire l entità Edificio, un Entità generica che servirà solamente per associarci una determinata spesa. (Ad. es: Tassazioni varie, Spese per trasporto di materiale, ecc..)

8 3.4 Elenco Prezzi L elenco prezzi è il prezziario del progetto corrente, e contiene tutti i prezzi e prezzi unitari associati al progetto. Per aggiungere nuove voci di costo all elenco prezzi è necessario aprire un Prezziario di riferimento, e prelevare le voci necessarie (vedi capitoli successivi). Una volta inserite nell elenco prezzi, faranno parte del file di progetto di computo, e potranno essere utilizzate per la composizione di uno o più righi di computo. Il programma dispone di un editor istantaneo delle voci di costo, è sufficiente selezionarle, modificare i valori desiderati, e confermare con Applica. All interno del menù <Prezzi Elenco Prezzi>, troviamo funzioni utili per la gestione dell elenco prezzi: Trova voce: Ricerca all interno dell elenco prezzi di una voce di costo; Duplica voce: Per creare una nuova voce dentro l elenco prezzi possiamo partire da una esistente, e creane una copia da modificare; Cancella voce: Per eliminare una voce di costo; Salva come prezziario: Salva l elenco prezzi del progetto come prezziario esterno, che potrà essere aperto come prezziario di riferimento in altri lavori. Vengono salvati anche i Prezzi Unitari (vedi capitoli successivi).

9 3.5 Prezziario Il Prezziario è l elenco delle voci di costo di riferimento per un progetto di Computo, ARCHline.XP Computo può aprire prezziari in formato.xcmp direttamente da menù <Prezzi Prezziario - Apri>. E anche possibile importare prezziari.xpwe (formato di interscambio di Primus ) o.xls(microsoft Excel). Il prezziario viene in ogni caso gestito in una finestra separata, chiamata Gestione Prezziario Creare un Prezziario Le voci di costo si strutturano in un menù ad albero, organizzato per SUPERCAPITOLI > CAPITOLI > SOTTOCAPITOLI. Per creare una voce di costo occorre prima aver creato una struttura di super capitolo, capitolo e sottocapitolo per ospitarla: Scegliere <Prezzi Prezziario - Crea>, dare un nome al nuovo prezziario:

10 Creare un Super Capitolo come mostrato nell immagine: Creare un Capitolo come mostrato nell immagine:

11 Creare un Sotto Capitolo come mostrato nell immagine: A questo punto è possibile aggiungere voci di costo al sottocapitolo, utilizzando l interfaccia di Editing in basso a destra: La gestione a capitoli serve per dare fino a tre livelli di organizzazione alle voci di costo. Una volta capita la strutturazione che prevede il programma, vi risulterà semplice aggiungere nuove voci, nuovi capitoli, sottocapitoli o supercapitoli.

12 3.5.2 Aprire / Editare un Prezziario Scegliere <Prezzi Prezziario - Apri>, indicare il prezziario da aprire. A questo punto è possibile editare il prezziario aggiungendo, editando o eliminando voci di costo. Come per i prezzi locali l editing è immediato, basta cambiare i campi editabili ed in seguito cliccare su Applica Importare un Prezziario E possibile creare nuovi prezziari importandoli da file esterni XPWE o XLS. XPWE Scegliere <Prezzi Prezziario Importa - Primus> per importare un prezziario in formato XPWE. A questo punto il programma effettuerà una conversione ed il prezziario si troverà nella cartella di default dei prezziari in formato.xcmp. Microsoft Excel XLS Scegliere <Prezzi Prezziario Importa - Excel> Per importare un prezziario in formato XLS. Appare la maschera di importazione, dove dovremo assegnare le varie colonne ed il nome del foglio in cui si trova il prezziario. ARCHline.XP Computo, nell importazione di un file Excel, dà la possibilità di organizzare le voci solamente ad un livello, non a tre, pertanto possiamo creare supercapitoli e voci di costo; Capitoli e sottocapitoli vengono creati di default con il nome Generico, non è per ora possibile creare un super capitolo con all interno differenti sotto divisioni. Il foglio Excel deve avere i seguenti campi: Codice Super Capitolo; Codice; Descrizione; U.M. Prezzo;

13 Il meccanismo di import si basa sul codice di un super capitolo, ed il codice delle rispettive voci di costo. Il programma esamina le varie righe del documento e procede cosi: Dove trova una riga vuota la salta; Dove trova una riga senza U.M. e Prezzo, la interpreta come super capitolo, il campo Codice quindi non viene letto. Dove trova la riga completa di tutti i campi invece la interpreta come voce di costo, e la inserisce all interno del super capitolo, in base al campo Codice super capitolo.

14 Esempio: Nella cartella di default dei prezziari, all interno dei documenti, è presente anche una copia del prezziario XLS da poter utilizzare come traccia base per la creazione dei propri prezziari Copiare voci in Elenco Prezzi Per utilizzare una voce di costo è necessario importarla nel progetto in cui stiamo lavorando, quindi nei Prezzi Locali. Per fare ciò è sufficiente cliccare sulla voce di costo nel prezziario, ed in seguito cliccare sul comando: La voce di costo selezionata verrà aggiunta al progetto in quel momento aperto in ARCHline.XP Computo. 3.6 Associare le voci di costo L associare una voce di prezzo ad una misura è l operazione fondamentale del Computo, vediamo come realizzarla con ARCHline.XP Computo. Innanzi tutto dobbiamo ricordare che : Abbiamo a disposizione le entità, cioè elementi che hanno delle misure e che sono fisicamente presenti nel disegno. Le entità hanno le varie misure che ne descrivono la geometria. Le entità possono variare nel progetto e di conseguenza le loro misure. La voce di prezzo può essere associata direttamente alla misura, oppure tramite una formula. Per trarre vantaggio dal sistema BIM è ovviamente richiesto che l associazione della voce di prezzo alla misura sia parametrica, cioè che venga memorizzato il criterio di associazione e che ad ogni modifica dell entità e delle misure, il valore venga automaticamente aggiornato.

15 Ogni entità presente del progetto 3D porta con se tutte le sue misure, il numero e tipo di misure dipende dal tipo di entità in oggetto. Nella tabella che segue sono indicate le entità e le misure a cui è possibile far riferimento per l associazione della voce di prezzo. Categoria: FINESTRA Superficie Descrizione Nome Parametro FORMULA Area Totale Superficie Illuminante FinAtot FinSupill Lunghezza Descrizione Nome Parametro FORMULA Larghezza Telaio Altezza Telaio Incasso Telaio Spessore Telaio Perimetro foro Mazzetta Soglia Profondità Nicchia Quota partenza Nicchia Davanzale Esterno Davanzale Interno Spessore Davanzale Esterno Spessore Davanzale Interno Lunghezza extra Davanzale Esterno Lunghezza extra Davanzale Interno FinLTel FinHTel FinIncTel FinSpTel Fin2p FinMazz FinElev FinNicNom FinNicElev FinDavEst FinDavInt FinSpDavEst FinSpDavInt FinLextDavEst FinLextDavInt Categoria: PORTA Superficie Descrizione Nome Parametro FORMULA Area Totale PorAtot Lunghezza Descrizione Nome Parametro FORMULA altezza PorH Larghezza PorL Spessore PorSpess Incasso PorInc Mazzetta PorMazz Altezza Soglia PorElev Perimetro foro Por2p Soglia Esterna PorDavEst Soglia Interna PorDavInt Spessore Soglia Esterno PorSpDavEst Spessore Soglia Interno PorSpDavInt Lunghezza extra soglia Esterno PorLextDavEst Lunghezza extra Soglia Interno PorLextDavInt Categoria: MURATURA VOLUME Descrizione Nome Parametro FORMULA Volume Nominale MurVolNom Volume Netto MurVoleff SUPERFICIE Descrizione Nome Parametro FORMULA Superficie Media Superficie Interna MurSupMed MurSupInt

16 Superficie Esterna MurSupEst Area Base MurAbase LUNGHEZZA Descrizione Nome Parametro FORMULA Lunghezza Media Lunghezza Interna Lunghezza Esterna Spessore Spessore Medio Altezza Altezza Media MurLMed MurLInt MurLEst MurSpNom MurSpMed MurHNom MurHMed Categoria: SOLAIO VOLUME Descrizione Nome Parametro FORMULA Volume Effettivo SolVEff Volume Lordo SolVLord SUPERFICIE Descrizione Nome Parametro FORMULA Superficie Sopra Netta Superficie Sotto Netta Superficie Lorda (Ignorando Fori) SolSupTop SolSupBottom SolSupLord Superficie Sopra Netta SolSupTop LUNGHEZZA Descrizione Nome Parametro FORMULA Spessore Spessore Medio Perimetro Esterno Perimetro Fori Perimetro Totale SolSpNom SolSpMed SolPerEst SolPerFor SolPerTot Spessore SolSpNom TRAVI Descrizione Nome Parametro FORMULA Lunghezza Travi Area Profilo Base Profilo (se rettangolare) SolTraveLNom SolTraveAprof SolTraveLprof Categoria: COLONNA (pilastro) VOLUME Descrizione Nome Parametro FORMULA Volume ColVol Lunghezza ColLung SUPERFICIE Descrizione Nome Parametro FORMULA Perimetro Superficie base ColPer ColSup Categoria: TRAVE VOLUME Descrizione Nome Parametro FORMULA Volume TravVol Lunghezza TravLung SUPERFICIE Descrizione Nome Parametro FORMULA Perimetro Superficie TravPer TravSup

17 Categoria: SCALE (Corpo Scala) VOLUME Descrizione Nome Parametro FORMULA Volume ScalV SUPERFICIE Descrizione Nome Parametro FORMULA Perimetro TravPer Spessore Soletta ScalSpSol Altezza ScalA LUNGHEZZA Descrizione Nome Parametro FORMULA Altezza ScalA Alzata ScalAlz Spessore Scalino ScalSpGr Profondità Toro ScalProfTr Spessore Pannello Frontale ScalSpFront Altri Descrizione Nome Parametro FORMULA Numero Scalini ScalGradNum SCALIINI Descrizione Nome Parametro FORMULA Pedata Spessore Area Lorda Area Netta Perimetro Volume ScalGradPed ScalGradSp ScalGradAlord ScalGradAnett ScalGrad2p ScalGradV Categoria: TETTO VOLUME Descrizione Nome Parametro FORMULA Volume TetVol SUPERFICIE Descrizione Nome Parametro FORMULA Area TetAest Area Base TetABase Altezza ScalA LUNGHEZZA Descrizione Nome Parametro FORMULA Elevazione TetElev Sbordo TetOffset Spessore Soletta TetSpSol Perimetro Base Tet2pBase TRAVI Descrizione Nome Parametro FORMULA Banchina Spessore TetBanA Larghezza TetBanL Rompi-Tratta Spessore TetRtA Larghezza TetRtL Inclinata Spessore TetIncA Larghezza TetIncL Orizzontale Spessore TetOrrA Larghezza TetOrrL COLMO Spessore TetColA Larghezza TetColL

18 Categoria: ROOMBOOK (VANO) VOLUME Descrizione Nome Parametro FORMULA Volume Utile RoomVU Volume non Residenziale RoomVNR SUPERFICIE Descrizione Nome Parametro FORMULA Superficie Base - SNR RoomSNR Superficie Base - SU RoomSU Superficie Soffitto RoomSoff Superficie Laterale RoomSLat Area Illuminante RoomAill LUNGHEZZA Descrizione Nome Parametro FORMULA Altezza Nominale Perimetro RoomHnom Room2p

19 Esempio di un muratura Prendiamo ad esempio un elemento semplice come un muro. La fig. mostra il muro in pianta 2D ed il muro in 3D. Le misure di cui disponiamo sono : Categoria: MURATURA VOLUME Descrizione Nome Parametro FORMULA Volume Nominale MurVolNom Volume Netto MurVoleff SUPERFICIE Descrizione Nome Parametro FORMULA Superficie Media Superficie Interna Superficie Esterna MurSupMed MurSupInt MurSupEst Area Base MurAbase LUNGHEZZA Descrizione Nome Parametro FORMULA Lunghezza Media Lunghezza Interna Lunghezza Esterna Spessore Spessore Medio Altezza Altezza Media MurLMed MurLInt MurLEst MurSpNom MurSpMed MurHNom MurHMed Per associare la voce di prezzo prima di tutto attivare nella finestra a destra l elenco prezzi. Premere click sopra Elenco prezzi. Successivamente aprire la sezione Capitoli, aprire le entità del capitolo desiderato. Selezionare la voce di prezzo dall elenco prezzi e trascinarla sopra l entità nel capitolo (si ricorda che l associazione della voce di prezzo opera solo per le entità nei Capitoli). Appare la dialog di associazione (caso delle murature). L azione di associare una voce di prezzo ad una misura della muratura si realizza trascinando la voce di prezzo desiderata sopra l entità nel capitolo (in questo caso Fondazioni ).

20 Appare la dialog. In alto (indicato con colore di sfondo in giallo) sono indicati i parametri della voce di prezzo, in particolare la descrizione, l unità di misura, ed il prezzo (con la possibilità di scegliere quale prezzo, se esistono diversi prezzi). A sinistra (indicato con colore di sfondo in verde) c è la lista delle misure disponibili per la categoria di entità selezionata (murature in questo caso). Il campo che alla prima associazione apparirà vuoto è il campo della formula o espressione di calcolo del prezzo. Come definire La formula? 1. Scegliete il prezzo di riferimento (se la voce di prezzo ha più prezzi associati). 2. Trascinare la misura dalla lista nel campo formula oppure premere doppio clic con il mouse sopra la misura desiderata. La misura, o meglio, il nome della variabile associata alla misura indicata (ricordate l associazione è parametrica) appare nel campo formula. Se il valore della misura del volume netto deve essere aumentato di un fattore del 10%, inserite l operatore moltiplicatore * ed il valore 1.1. Potete continuare e specificare una formula complessa, trascinando (o doppio clic) le variabili di misura (vedi tabella sopra) come membri, inoltre i seguenti operatori : Operatori aritmetici: +, -, *, /, ^, % Funzioni: sqrt, sin, cos, tan, atan, acos, asin, acotan, exp, ln, 10log, fac, sinh, cosh, tanh, abs, ceil, floor, sfac, round, fpart Logici:!, ==,!=,, &&, >, <, >=, <= L operatore logico è 1.0 (true) o 0.0 (false). Una espressione che determina un valore diverso da 1.0 è considerata false. Costanti: PI (valore di System.Math.PI) Euler (valore di System.Math.E) true (1.0) false (0.0) infinity (valore di Double.PositiveInfinity)

21 Premendo il tasto Calcola appare il valore calcolato attuale (corrispondente alla misura attuale dell entità presa a riferimento). Attenzione La voce di prezzo viene espressa con riferimento ad una unità di misura specifica, nella formula possono essere utilizzate liberamente misure ed operatori, è vostra responsabilità la verifica della correttezza di espressione della formula. Premendo il tasto Conferma, viene confermata l associazione della voce di prezzo alla o alle misure indicate nella formula. L espressione di prezzo si aggiunge alla lista delle altre espressioni definite nel capitolo per quell entità. Espressione PARAMETRICA: associazione parametrica della Voce di prezzo alla Misura Indipendentemente dalla complessità o meno dell espressione di associazione, è importante denotare che l espressione è parametrica, cioè specifica il CRITERIO di associazione facendo riferimento non ai valori ma a variabili sia per quanto riguarda le misure (la misura non viene identificata dal suo valore, ma dal suo identificatore, ad esempio misura Volume nominale = MurVolNom. ) sia di prezzo (prezzo1, prezzo2, ecc.), il tutto all interno della formula. Tutto ciò è molto importante, perché significa che ad ogni variazione delle misure o del prezzo, il valore calcolato si aggiorna conseguentemente, e l espressione diventa parametrica. Un altro vantaggio è che l espressione può essere salvata ed applicata ad altre entità simili, rendendo il processo di associazione molto veloce e preciso. Merita attenzione particolare l entità geometrica denominata ROOMBOOK.

22 Esempio 2 -Misure dei VANI i ROOMBOOK Tra le varie entità del progetto architettonico è presente un entità particolare, molto importante al fine del computo: i VANI detti anche ROOMBOOK (libretto delle misure del vano). Il Vano è l entità geometrica che identifica il volume netto racchiuso dal perimetro di murature (oppure da un poligono generico), dal solaio inferiore e dal solaio superiore (o tetto). Essendo un entità, sono disponibili tutte le sue misure, ad esempio le superfici nette laterali (utili per determinare la superficie di rivestimento laterale), le superfici netta di Base (pavimento) e soffitto, il perimetro e il volume. Fig Notate che il Vano ROOMBOOK determina automaticamente le superfici al netto delle aperture, inoltre nel caso di vani sottotetto, viene calcolata la geometria esatta del sottotetto. Fig La finestra delle misure dei Vani ROOMBOOK Modifica dell espressione Per modificare l espressione di prezzo è sufficiente premere Dx-Clic e selezionare il comando Modifica Espressione. Modificate l espressione e premete il tasto Conferma, la modifica è locale, cioè viene applicata alla sola entità, se l entità era inclusa in un Prezzo Unitario invece, la modifica verrà apportata all intero Prezzo Unitario. 3.7 Creare un Prezzo Unitario Le espressioni di prezzo associate all entità sono associazioni locali, cioè specifiche dell entità selezionata. Per potere utilizzare le espressioni di prezzo su altre entità simili è necessario salvarle in Prezzi Unitari. Per salvare le espressioni di prezzo associate ad una entità in un prezzo unitario. Selezionare l entità a cui sono state già assegnate alcune voci di costo Premere sul tasto in alto a destra della lista delle espressioni di prezzo e selezionare Crea Prezzo unitario Il prezzo unitario significa memorizzare in modo parametrico l insieme delle espressioni di associazione di voci di prezzo a misure e formule di associazione, all interno del Capitolo. Notare che il prezzo unitario non richiede di specificare un unità di misura, infatti l unità di misura è interna ad ogni espressione di prezzo. Il prezzo unitario memorizza tutta l espressione in modo parametrico.

23 3.8 Memorizzare associazione in ARCHline.XP Nel momento in cui il programma salva un prezzo unitario, appare la richiesta di memorizzare anche il SET ARCHline.XP dell entità. In questo modo alle successive importazioni, in un qualunque progetto di computo, verrà automaticamente computato ogni elemento appartenente allo stesso SET ARCHline.XP. ATTENZIONE: Il programma memorizza queste associazioni in un file: C:\ProgramData\CadlineSw\ARCHlineXPComputo\ProgramOption.opt Windows Vista/ 7 C:\Documents and Settings\All Users\Dati applicazioni\cadlinesw\archlinexpcomputo\programoption.opt Windows XP Nel caso in cui vogliate utilizzare l applicazione in un altro PC, potrete portarvi i vostri settaggi mediante la copia di tale file. Nel caso in cui sia necessario reinstallare ARCHline XP Computo, fare ben attenzione di recuperare questo file, con l installazione verrà infatti sovrascritto! 3.9 Utilizzare il prezzo unitario Il Prezzo unitario può essere gestito esattamente come un normale prezzo, e può quindi essere associato ad entità all interno dei capitoli: All interno del menù <Prezzi Prezzi Unitari>, troviamo funzioni utili per la gestione dei Prezzi Unitari (raggruppamenti di più voci di costo): Duplica: Per creare una nuova voce dentro Prezzi Unitari, possiamo partire da una voce già esistente e creane una copia da modificare successivamente; Cancella: Per eliminare un Raggruppamento; Rinomina: Cambiare denominazione al Raggruppamento.

24 4 Analisi dei Risultati 4.1 La Visualizzazione per capitoli Per esaminare i risultati, avere cioè un report di quanto computato finora, possiamo passare alla parte Dati Finali della treeview a sinistra. Appare la finestra: Dopo aver selezionato quali capitoli del nostro computo analizzare, sarà possibile averne un anteprima dettagliata delle associazioni effettuate: A questo punto sarà possibile esportare il proprio lavoro nei formati XPWE, per continuare il lavoro di computo con PRIMUS, oppure in formato XLS, per la lettura del documento con Microsoft Excel o Open Office. 4.2 La Stampa Excel o XPWE L export verso Microsoft Excel o Open Office è attivabile dalla schermata dei risultati finali, oppure anche dal menù <Dati Finali Stampa Excel>. L export verso Primus o Primus DCF è attivabile dalla schermata dei risultati finali, oppure anche dal menù <Dati Finali Stampa Primus>. 5 Gestione del file di Computo 5.1 Il file.xarch Il progetto di computo è strettamente legato al file del progetto architettonico ARCHline.XP, tuttavia il progetto di computo memorizza tutti i dati in un file con estensione.xarch, che si trova nella cartella di default del programma, tale file può essere sempre lasciato in quella posizione, e non è necessario spostarlo.

Manuale Utente Millesimal

Manuale Utente Millesimal Manuale Utente Millesimal 1.1.1 Introduzione Millesimal è lo strumento che consente al progettista di determinare in modo rapido ed efficiente le tabelle millesimali del progetto architettonico realizzato

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia Panoramica di Access 2010 A B C D E Elementi dell interfaccia A Scheda File (visualizzazione Backstage) Consente l accesso alla nuova visualizzazione backstage di Access 2010, che contiene un menu di comandi

Dettagli

FONDAMENTI DI INFORMATICA. 3 Elaborazione testi

FONDAMENTI DI INFORMATICA. 3 Elaborazione testi FONDAMENTI DI INFORMATICA 3 Elaborazione testi Microsoft office word Concetti generali Operazioni principali Formattazione Oggetti Stampa unione Preparazione della stampa Schermata iniziale di Word Come

Dettagli

MICROSOFT WORD. Funzioni ed ambiente di lavoro

MICROSOFT WORD. Funzioni ed ambiente di lavoro INFORMATICA MICROSOFT WORD Prof. D Agostino Funzioni ed ambiente di lavoro...1 Interfaccia di Word...1 Stesso discorso per i menu a disposizione sulla barra dei menu: posizionando il puntatore del mouse

Dettagli

Gestione Rapporti (Calcolo Aree)

Gestione Rapporti (Calcolo Aree) Gestione Rapporti (Calcolo Aree) L interfaccia dello strumento generale «Gestione Rapporti»...3 Accedere all interfaccia (toolbar)...3 Comandi associati alle icone della toolbar...4 La finestra di dialogo

Dettagli

Istruzioni per l utilizzo

Istruzioni per l utilizzo Istruzioni per l utilizzo 0 Opzioni di start 1 Impostazione schermo 2 Disegnare una pianta 3 Calcolo dell area e del perimetro 4 Memorizzazione dei progetti ed esportazione 1 0 - Opzioni di start Scegliere

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 2 Modulo 3 Elaborazione testi Word G. Pettarin ECDL

Dettagli

L interfaccia di Microsoft Word 2007

L interfaccia di Microsoft Word 2007 L interfaccia di Microsoft Word 2007 Microsoft Word 2007 è un Word Processor, ovvero un programma di trattamento testi. La novità di questa versione riguarda la barra multifunzione, nella quale i comandi

Dettagli

1. I database. La schermata di avvio di Access

1. I database. La schermata di avvio di Access 7 Microsoft Access 1. I database Con il termine database (o base di dati) si intende una raccolta organizzata di dati, strutturati in maniera tale che, effettuandovi operazioni di vario tipo (inserimento

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA INDICE SOFTWARE PER

Dettagli

Manuale Utente -Versione 3.10

Manuale Utente -Versione 3.10 Software per la pianificazione della produzione Manuale Utente -Versione 3.10 Sommario SOMMARIO... 1 INTRODUZIONE... 3 Generalità...3 La tastiera...3 Struttura di una finestra...4 Unitá di misura e limiti

Dettagli

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE Si tratta di un software appartenente alla categoria dei fogli di calcolo: con essi si intendono veri e propri fogli elettronici, ciascuno dei quali è diviso in righe e colonne,

Dettagli

Obiettivi del corso. Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000.

Obiettivi del corso. Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000. ECDL Excel 2000 Obiettivi del corso Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000. Progettare un semplice database Avviare

Dettagli

MANUALE OPERATIVO BLUMATICAD PROJECT

MANUALE OPERATIVO BLUMATICAD PROJECT INDICE DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE... 2 FUNZIONI DI EASY 2D... 3 MURATURE E TRAMEZZI... 4 MURI ESTERNI PERIMETRALI... 4 DIVISORI INTERNI... 6 CREAZIONE AMBIENTI... 8 INFISSI INTERNI ED ESTERNI... 12

Dettagli

Manuale Progetto Placement

Manuale Progetto Placement Manuale Progetto Placement V. 5 del 20/06/2013 FUNZIONI PRINCIPALI: Fornire uno strumento per la gestione centralizzata di stage, alternanze e placement. Costruire un database contenente i curriculum degli

Dettagli

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Pagina 1 di 32 USARE WORD - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu pag.

Dettagli

USARE WORD - non solo per scrivere -

USARE WORD - non solo per scrivere - GUIDA WORD USARE WORD - non solo per scrivere - corso Word Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu

Dettagli

Software standard Alpi Label Ver. 2.2.0.0

Software standard Alpi Label Ver. 2.2.0.0 Pag. 1 di 16 Manuale utente Software standard Alpi Label Ver. 2.2.0.0 Pag. 2 di 16 1 SOMMARIO Sommario 1 Sommario... 2 2 Specifiche Tecniche... 3 3 Maschera Principale... 4 4 Funzioni menù... 7 Pag. 3

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

CONTROLLO ORTOGRAFICO E GRAMMATICALE

CONTROLLO ORTOGRAFICO E GRAMMATICALE CONTROLLO ORTOGRAFICO E GRAMMATICALE Quando una parola non è presente nel dizionario di Word, oppure nello scrivere una frase si commettono errori grammaticali, allora si può eseguire una delle seguenti

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

INDICE L ambiente di lavoro... 2 Interfaccia di Word... 2 Le visualizzazioni... 5 Digitazione e revisione del testo...6 Modalità di selezione del

INDICE L ambiente di lavoro... 2 Interfaccia di Word... 2 Le visualizzazioni... 5 Digitazione e revisione del testo...6 Modalità di selezione del INDICE L ambiente di lavoro... 2 Interfaccia di Word... 2 Le visualizzazioni... 5 Digitazione e revisione del testo...6 Modalità di selezione del testo... 6 Selezione attraverso il mouse... 6 Selezione

Dettagli

La carta intelligente: l ambiente layout

La carta intelligente: l ambiente layout La carta intelligente: l ambiente layout Un layout di AutoCAD è paragonabile a un foglio di carta e vi consente di impostare alcune opzioni tra cui quelle di stampa. In un disegno avete la possibilità

Dettagli

Guida al backup e aggiornamento del programma MIDAP

Guida al backup e aggiornamento del programma MIDAP 1 Guida al backup e aggiornamento del programma MIDAP Giugno 2013 2 Premessa Questo manuale descrive passo-passo le procedure necessarie per aggiornare l installazione di Midap Desktop già presente sul

Dettagli

Supporto On Line Allegato FAQ

Supporto On Line Allegato FAQ Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-8JZGL450591 Data ultima modifica 22/07/2011 Prodotto Tuttotel Modulo Tuttotel Oggetto: Installazione e altre note tecniche L'utilizzo della procedura è subordinato

Dettagli

Microsoft Word 2007. La BARRA DI ACCESSO RAPIDO, che contiene alcuni comandi sempre visibili e può essere personalizzata.

Microsoft Word 2007. La BARRA DI ACCESSO RAPIDO, che contiene alcuni comandi sempre visibili e può essere personalizzata. Microsoft Word 2007 Microsoft Office Word è il programma di elaborazione testi di Microsoft all interno del pacchetto Office. Oggi Word ha un enorme diffusione, tanto da diventare l editor di testi più

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

Fattura Facile. In questo menù sono raggruppati, per tipologia, tutti i comandi che permettono di gestire la manutenzione degli archivi.

Fattura Facile. In questo menù sono raggruppati, per tipologia, tutti i comandi che permettono di gestire la manutenzione degli archivi. Fattura Facile Maschera di Avvio Fattura Facile all avvio si presenta come in figura. In questa finestra è possibile sia fare l accesso all archivio selezionato (Archivio.mdb) che eseguire la maggior parte

Dettagli

Manuale a supporto dell utilizzo di Business Objects

Manuale a supporto dell utilizzo di Business Objects Business Objects Manuale a supporto dell utilizzo di Business Objects Il presente documento costituisce il manuale a supporto dell utilizzo di Business Objects per l interrogazione e l analisi dei dati

Dettagli

Andrea Maioli Instant Developer: guida all uso

Andrea Maioli Instant Developer: guida all uso Andrea Maioli Instant Developer: guida all uso 11.8 L editor di temi grafici A partire dalla versione 11.5, Instant Developer contiene uno strumento di aiuto alla personalizzazione dei temi grafici e degli

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file Sommario Uso del computer e gestione dei file... 3 Sistema Operativo Windows... 3 Avvio di Windows... 3 Desktop... 3 Il mouse... 4 Spostare le icone... 4 Barra delle

Dettagli

FATTURE PROFESSIONISTI 1.5 MANUALE UTENTE. ultima revisione: 21/05/07

FATTURE PROFESSIONISTI 1.5 MANUALE UTENTE. ultima revisione: 21/05/07 FATTURE PROFESSIONISTI 1.5 MANUALE UTENTE ultima revisione: 21/05/07 Indice Panoramica... 1 Navigazione... 2 Selezionare una Vista Dati... 2 Individuare una registrazione esistente... 3 Inserire un nuova

Dettagli

Sommario SELEZIONARE UN OGGETTO UTILIZZANDO LA BARRA DEGLI OGGETTI 10 NAVIGARE ATTRAVERSO I RECORD IN UNA TABELLA, IN UNA QUERY, IN UNA MASCHERA 12

Sommario SELEZIONARE UN OGGETTO UTILIZZANDO LA BARRA DEGLI OGGETTI 10 NAVIGARE ATTRAVERSO I RECORD IN UNA TABELLA, IN UNA QUERY, IN UNA MASCHERA 12 $FFHVV;3 A Sommario cura di Ninni Terranova Marco Alessi DETERMINARE L INPUT APPROPRIATO PER IL DATABASE 3 DETERMINARE L OUTPUT APPROPRIATO PER IL DATABASE 3 CREARE LA STRUTTURA DI UNA TABELLA 3 STABILIRE

Dettagli

> P o w e r D R E A M < Catalogazione Sogni

> P o w e r D R E A M < Catalogazione Sogni > P o w e r D R E A M < Catalogazione Sogni Guida rapida all utilizzo del software (rev. 1.4 - lunedì 29 ottobre 2012) INSTALLAZIONE, ATTIVAZIONE E CONFIGURAZIONE INIZIALE ESECUZIONE DEL SOFTWARE DATI

Dettagli

ControlloCosti. Cubi OLAP. Controllo Costi Manuale Cubi

ControlloCosti. Cubi OLAP. Controllo Costi Manuale Cubi ControlloCosti Cubi OLAP I cubi OLAP Un Cubo (OLAP, acronimo di On-Line Analytical Processing) è una struttura per la memorizzazione e la gestione dei dati che permette di eseguire analisi in tempi rapidi,

Dettagli

La creazione e l apertura dei disegni

La creazione e l apertura dei disegni Capitolo 3 La creazione e l apertura dei disegni Per lavorare con efficienza è importante memorizzare i documenti in modo da poterli ritrovare facilmente. È indispensabile, inoltre, disporre di modelli

Dettagli

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO 2 Uso del Computer e Gestione dei file ( Windows XP ) A cura di Mimmo Corrado MODULO 2 - USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 2 FINALITÁ Il Modulo 2, Uso del computer

Dettagli

Microsoft Word Nozioni di base

Microsoft Word Nozioni di base Corso di Introduzione all Informatica Microsoft Word Nozioni di base Esercitatore: Fabio Palopoli SOMMARIO Esercitazione n. 1 Introduzione L interfaccia di Word Gli strumenti di Microsoft Draw La guida

Dettagli

La creazione e l apertura dei disegni

La creazione e l apertura dei disegni Capitolo 3 La creazione e l apertura dei disegni Per lavorare con efficienza è importante memorizzare i documenti in modo da poterli ritrovare facilmente. È indispensabile, inoltre, disporre di modelli

Dettagli

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014 LUdeS Informatica 2 EXCEL Prima parte AA 2013/2014 COS E EXCEL? Microsoft Excel è uno dei fogli elettronici più potenti e completi operanti nell'ambiente Windows. Un foglio elettronico è un programma che

Dettagli

zonamatematica etutor EDITOR Guida all uso versione 4.1

zonamatematica etutor EDITOR Guida all uso versione 4.1 zonamatematica Il portale De Agostini Scuola dedicato all insegnamento e all apprendimento della matematica nella scuola secondaria etutor EDITOR Guida all uso versione 4.1 zonamatematica etutor EDITOR

Dettagli

5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO

5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO Capittol lo 5 File 5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO In Word è possibile creare documenti completamente nuovi oppure risparmiare tempo utilizzando autocomposizioni o modelli, che consentono di creare

Dettagli

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/ MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http:///ecdl/powerpoint/ INTERFACCIA UTENTE TIPICA DI UN SOFTWARE DI PRESENTAZIONE APERTURA E SALVATAGGIO DI UNA PRESENTAZIONE

Dettagli

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI NUOVO PORTALE ANCE MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI DEI CONTENUTI ACCESSO AL MENU PRINCIPALE PAG. 3 CREAZIONE DI UNA NUOVA HOME PAGE 4 SELEZIONE TIPO HOME PAGE 5 DATA

Dettagli

Ri.Um. Gestione Risorse Umane

Ri.Um. Gestione Risorse Umane RiUm Ri.Um. Gestione Risorse Umane SOMMARIO 1. INTRODUZIONE 4 1.1. COS E RI.UM.... 4 1.2. PREREQUISITI... 4 2. RI.UM. 5 2.1. AVVIO... 5 2.2. CONSULTAZIONE TABELLE... 6 2.3. GESTIONE TABELLE... 6 2.3.1

Dettagli

Argomenti Microsoft Word

Argomenti Microsoft Word Argomenti Microsoft Word Primi passi con un elaboratore di testi Aprire un programma d elaborazione testi. Aprire un documento esistente, fare delle modifiche e salvare. Creare un nuovo documento e salvarlo.

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Istruzioni per una corretta installazione

Istruzioni per una corretta installazione INDICE > Premessa 2 Istruzioni per una corretta installazione 3 > Nuova Installazione 4 Installazione prerequisiti 5 Installazione di excellent Computi 6 > Aggiornamento di excellent Computi 10 Disinstallazione

Dettagli

Prontuario PlaNet Contabilità lavori

Prontuario PlaNet Contabilità lavori Prontuario PlaNet Contabilità lavori Status: Definitivo Pag. 1/34 File: Prontuario PlaNet Fornitori_00.doc INDICE PREMESSA...3 REQUISITI HARDWARE E SOFTWARE...4 ATTIVITÀ AMBITO DEL PROCESSO...5 Accesso

Dettagli

Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda

Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda Utilizzo delle funzioni... 1 Utilizzo di intervalli nelle formule... 2 Riferimenti di cella e di intervallo... 5 Indirizzi assoluti, relativi e misti...

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni A.A. 2011/2012 Prof. Ing. Ivan Giammona

Dettagli

Software applicativi. Videoscrittura:

Software applicativi. Videoscrittura: Software applicativi Videoscrittura: dal Blocco Note a Microsoft Word I programmi di videoscrittura I programmi di videoscrittura sono la categoria di software più utilizzata in assoluto. Tutti hanno bisogno

Dettagli

EDIsign 2.0 MANUALE INSTALLAZIONE ED USO FMPF24I1. Manuale installazione ed uso software di verifica e di report per inverter Reverberi EDI.

EDIsign 2.0 MANUALE INSTALLAZIONE ED USO FMPF24I1. Manuale installazione ed uso software di verifica e di report per inverter Reverberi EDI. EDIsign 2.0 Manuale installazione ed uso software di verifica e di report per inverter Reverberi EDI. MANUALE INSTALLAZIONE ED USO FMPF24I1 Edizione 1 Rev.1 Edizione Novembre 2013 - Pagina 2 di 23 Sommario

Dettagli

CONCANT LT MANUALE OPERATIVO CONCANT LT 2. CONCANT LT portable 15. Computi metrici estimativi con prezzari di tutta Italia anche

CONCANT LT MANUALE OPERATIVO CONCANT LT 2. CONCANT LT portable 15. Computi metrici estimativi con prezzari di tutta Italia anche CONCANT LT MANUALE OPERATIVO Computi metrici estimativi con prezzari di tutta Italia anche sul WEB CONCANT LT 2 CONCANT LT portable 15 Il computo metrico sempre in tasca con la versione portabile di CONCANT

Dettagli

Versione aggiornata al 11.11.2014

Versione aggiornata al 11.11.2014 Word Processing Versione aggiornata al 11.11.2014 A cura di Massimiliano Del Gaizo Massimiliano Del Gaizo Pagina 1 SCHEDA (RIBBON) HOME 1. I L G R U P P O C A R AT T E R E Word ci offre la possibilità,

Dettagli

Guida per l utente. Versione 2.5.4 - gennaio 2011 info@fotostampadiscount.it. FotoMax editor è il software gratuito di

Guida per l utente. Versione 2.5.4 - gennaio 2011 info@fotostampadiscount.it. FotoMax editor è il software gratuito di Guida per l utente Versione 2.5.4 - gennaio 2011 info@fotostampadiscount.it FotoMax editor è il software gratuito di Indice Contenuti Introduzione... pag. 1 Copyright e contenuti... 2 Privacy... 2 Download

Dettagli

Concetti Fondamentali

Concetti Fondamentali EXCEL Modulo 1 Concetti Fondamentali Excel è un applicazione che si può utilizzare per: Creare un foglio elettronico; costruire database; Disegnare grafici; Cos è un Foglio Elettronico? Un enorme foglio

Dettagli

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza I grafici in Excel... 1 Creazione di grafici con i dati di un foglio di lavoro... 1 Ricerca del tipo di grafico più adatto... 3 Modifica del grafico...

Dettagli

Avviare il computer e collegarsi in modo sicuro utilizzando un nome utente e una password.

Avviare il computer e collegarsi in modo sicuro utilizzando un nome utente e una password. Uso del computer e gestione dei file Primi passi col computer Avviare il computer e collegarsi in modo sicuro utilizzando un nome utente e una password. Spegnere il computer impiegando la procedura corretta.

Dettagli

L accesso ad una condivisione web tramite il protocollo WebDAV con Windows XP

L accesso ad una condivisione web tramite il protocollo WebDAV con Windows XP L accesso ad una condivisione web tramite il protocollo WebDAV con Windows XP Premessa Le informazioni contenute nel presente documento si riferiscono alla configurazione dell accesso ad una condivisione

Dettagli

Istruzioni per una corretta installazione

Istruzioni per una corretta installazione INDICE > Premessa 2 Istruzioni per una corretta installazione 3 Configurazione Hardware e Software excellent Computi 3 > Nuova Installazione 4 Installazione di excellent Computi 5 > Aggiornamento di excellent

Dettagli

Guida rapida all uso di Termo

Guida rapida all uso di Termo Guida rapida all uso di Termo 1 Introduzione Namirial Termo 3 è l evoluzione di Namirial Termo 2.7 per la certificazione energetica degli edifici residenziali e non residenziali. Si presenta nella nuova

Dettagli

Symantec Enterprise Vault

Symantec Enterprise Vault Symantec Enterprise Vault Guida per gli utenti di Microsoft Outlook 2003/2007 9.0 Symantec Enterprise Vault: Guida per gli utenti di Microsoft Outlook 2003/2007 Il software descritto nel presente documento

Dettagli

Il Programma... 3 I moduli... 3 Installazione... 3 La finestra di Login... 4 La suite dei programmi... 6 Pannello voci... 10

Il Programma... 3 I moduli... 3 Installazione... 3 La finestra di Login... 4 La suite dei programmi... 6 Pannello voci... 10 MANCA COPERTINA INDICE Il Programma... 3 I moduli... 3 Installazione... 3 La finestra di Login... 4 La suite dei programmi... 6 Pannello voci... 10 epico! è distribuito nelle seguenti versioni: epico!

Dettagli

Programma di Informatica 2ªB. Anno scolastico 2013/2014

Programma di Informatica 2ªB. Anno scolastico 2013/2014 Istituto d Istruzione Liceo Scientifico G.Bruno Muravera (CA) Programma di Informatica 2ªB Anno scolastico 2013/2014 Docente Prof. ssa Barbara Leo Libri di Testo e Materiali didattici Il testo di informatica

Dettagli

MODULO DOMANDE INDICE

MODULO DOMANDE INDICE INDICE INDICE... 2 IL PROGRAMMA... 3 LA VIDEATA PRINCIPALE... 4 IL MENU FILE... 7 Esportare i file... 9 LA FINESTRA DELLA RISPOSTA... 11 TUTTI I MODI PER INSERIRE IL TESTO... 11 I Collegamenti... 12 MODELLI

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base LEZIONE N 3 Cortina d Ampezzo, 4 dicembre 2008 ELABORAZIONE TESTI Grazie all impiego di programmi per l elaborazione dei testi, oggi è possibile creare documenti dall aspetto

Dettagli

Guida operativa rapida

Guida operativa rapida Guida operativa rapida Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software descritto in questo manuale

Dettagli

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Ver. 6 Dario Flaccovio Editore srl Settembre 2011 ISBN 978-88-579-0105-8 PREMESSA Il programma Impianti di riscaldamento ver. 6 nasce dall esigenza di aggiornare la versione precedente

Dettagli

Guida per l utilizzo del Data Base

Guida per l utilizzo del Data Base Guida per l utilizzo del Data Base Specifico per catalogare e gestire la vostra collezione di modelli ferroviari Requisiti di sistema e installazione Collezione Treni 2011 è progettato per funzionare con

Dettagli

WWW.ICTIME.ORG. NVU Manuale d uso. Cimini Simonelli Testa

WWW.ICTIME.ORG. NVU Manuale d uso. Cimini Simonelli Testa WWW.ICTIME.ORG NVU Manuale d uso Cimini Simonelli Testa Cecilia Cimini Angelo Simonelli Francesco Testa NVU Manuale d uso EDIZIONE Gennaio 2008 Questo manuale utilizza la Creative Commons License www.ictime.org

Dettagli

INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE

INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE SimplyFatt2 (versione Network) Versione 2.7.0 INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE Copyright 2008-2013 Lucanasoft di Vincenzo Azzone Tutti i diritti riservati. 1 Indice Generale INSTALLAZIONE / DISINSTALLAZIONE!...

Dettagli

Utilizzo di MioNet. 2008 Western Digital Technologies Inc. Manuale utente MioNet Versione 1.08

Utilizzo di MioNet. 2008 Western Digital Technologies Inc. Manuale utente MioNet Versione 1.08 Utilizzo di MioNet 1 Avviso di Copyright Non è consentito riprodurre, trasmettere, trascrivere, archiviare in un sistema di recupero, o tradurre in qualunque linguaggio, umano o informatico, in qualunque

Dettagli

A cura di Enrico Eccel LA STAMPA UNIONE

A cura di Enrico Eccel LA STAMPA UNIONE La stampa unione permette di stampare unitamente due file di WinWord (o anche file creati con altri programmi come Excel o Access), solitamente un file che contiene dati ed un file di testo. Generalmente

Dettagli

Programma Corso Office ECDL

Programma Corso Office ECDL Programma Corso Office ECDL FASE DI AULA PRIMA LEZIONE MICROSOFT WORD Concetti generali: Primi passi Aprire (e chiudere) Microsoft Word. Aprire uno o più documenti. Creare un nuovo documento (predefinito

Dettagli

Foglio di calcolo. Numero Valuta Testo Data e Ora Percentuale

Foglio di calcolo. Numero Valuta Testo Data e Ora Percentuale Foglio di calcolo Foglio di calcolo Foglio organizzato in forma matriciale: migliaia di righe e centinaia di colonne In corrispondenza di ciascuna intersezione tra riga e colonna vi è una CELLA Una cella

Dettagli

Word Processor: WORD (livello base) Classificazione

Word Processor: WORD (livello base) Classificazione Parte 5 Word Processor: WORD (livello base) Elementi di Informatica - AA 2008/2009 - MS Word 1 di 60 Classificazione Esistono diversi strumenti per la realizzazione di documenti testuali: Editor di testo

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file (Sistema operativo Linux)

Uso del computer e gestione dei file (Sistema operativo Linux) Modulo Uso del computer e gestione dei file (Sistema operativo Linux) Modulo - Uso del computer e gestione dei file, richiede che il candidato dimostri di possedere conoscenza e competenza nell uso delle

Dettagli

Design2Cost 2009.2 HF1

Design2Cost 2009.2 HF1 Design2Cost 2009.2 HF1 Novità versione D2C Questa documentazione è stata realizzata con la maggior cura possibile; qualsiasi responsabilità rimane in ogni caso esclusa. Le documentazioni di Nemetschek

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo Nozioni fondamentali della progettazione di database.

Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo Nozioni fondamentali della progettazione di database. 1 di 13 22/04/2012 250 Supporto / Access / Guida e procedure di Access 2007 / Tabelle Guida alle relazioni tra tabelle Si applica a: Microsoft Office Access 2007 Uno degli obiettivi di una buona strutturazione

Dettagli

Guida all uso del foglio elettronico Excel Lezioni ed esercizi

Guida all uso del foglio elettronico Excel Lezioni ed esercizi Lezioni di EXCEL Guida all uso del foglio elettronico Excel Lezioni ed esercizi 1 Il foglio elettronico Excel Excel è un foglio elettronico che consente di effettuare svariate operazioni nel campo matematico,

Dettagli

Corsi di Informatica per Anziane e Anziani. Excel V1.0, 09/11/2012. Bruno Boni Castagnetti, Nicoletta Giorda, Franco Marra

Corsi di Informatica per Anziane e Anziani. Excel V1.0, 09/11/2012. Bruno Boni Castagnetti, Nicoletta Giorda, Franco Marra Sindacato Pensionati Corsi di Informatica per Anziane e Anziani Excel V1.0, 09/11/2012 Bruno Boni Castagnetti, Nicoletta Giorda, Franco Marra EXCEL Premessa Due parole su EXCEL Applicazioni di EXCEL Imparare

Dettagli

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo:

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo: Guida SH.Shop Inserimento di un nuovo articolo: Dalla schermata principale del programma, fare click sul menu file, quindi scegliere Articoli (File Articoli). In alternativa, premere la combinazione di

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo . Laboratorio di Informatica Facoltà di Economia Università di Foggia Prof. Crescenzio Gallo Word è un programma di elaborazione testi che consente di creare, modificare e formattare documenti in modo

Dettagli

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)...1 Installazione e configurazione...2 Installazione ICM Server...3 Primo avvio e configurazione di ICM

Dettagli

OpenOffice.org Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

OpenOffice.org Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. OpenOffice.org Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. OpenOffice.org è una suite di proprietà Sun Microsystems con copyright e licenza LGPL, che può essere classificato come software di produttività personale.

Dettagli

TUO HOTEL. Manuale operativo. Ver. 1.0.0.31. Pagina 1 di 41

TUO HOTEL. Manuale operativo. Ver. 1.0.0.31. Pagina 1 di 41 TUO HOTEL Manuale operativo Ver. 1.0.0.31 Pagina 1 di 41 SOMMARIO Il programma... 3 Accesso... 4 L interfaccia... 5 TABLEAU... 5 Calendario... 7 Principale... 8 Gestione Clienti... 9 Gestione agenzie...

Dettagli

Personalizzazione stampe con strumento Fincati

Personalizzazione stampe con strumento Fincati Personalizzazione stampe con strumento Fincati Indice degli argomenti Introduzione 1. Creazione modelli di stampa da strumento Fincati 2. Layout per modelli di stampa automatici 3. Impostazioni di stampa

Dettagli

CERTIFICATI DIGITALI. Manuale Utente

CERTIFICATI DIGITALI. Manuale Utente CERTIFICATI DIGITALI Procedure di installazione, rimozione, archiviazione Manuale Utente versione 1.0 pag. 1 pag. 2 di30 Sommario CERTIFICATI DIGITALI...1 Manuale Utente...1 Sommario...2 Introduzione...3

Dettagli

MANUALE PERSONALIZZAZIONE STAMPE PROGRAMMI ARGO DEL 12/05/2008

MANUALE PERSONALIZZAZIONE STAMPE PROGRAMMI ARGO DEL 12/05/2008 MANUALE PERSONALIZZAZIONE STAMPE PROGRAMMI ARGO DEL 12/05/2008 Tutti i nominativi riportati in questo documento sono inventati e non riconducibili a nessuna persona realmente esistente (in ottemperanza

Dettagli

ThermalVision 160 PC Software Manuale di istruzioni

ThermalVision 160 PC Software Manuale di istruzioni ThermalVision 160 PC Software Manuale di istruzioni Copyright 2011 IDEAL diritti riservati. Nessun parte di questa publicazione può essere riprodotta, salvata in un sistema o trasmessa in qualsiasi formato,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Configurazione di Thunderbird Febbraio 2011 di Alessandro Pescarolo SOMMARIO Sommario... 1 Introduzione... 2 Installazione su Windows... 2 Configurazione iniziale (per

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

Nuovo documento Anteprima di stampa Collegamento Zoom. Apri Controllo ortografico Annulla Sorgente dati. Salva Controllo automatico Ripristina Gallery

Nuovo documento Anteprima di stampa Collegamento Zoom. Apri Controllo ortografico Annulla Sorgente dati. Salva Controllo automatico Ripristina Gallery Writer è il programma per l'elaborazione di testi della suite OpenOffice.org che ti consente di creare documenti, lettere, newsletter, brochures, grafici, etc. Gli elementi dello schermo: Di seguito le

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 1. Novità di Excel 2003 MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 CAPITOLO 1 Microsoft Office Excel 2003 ha introdotto alcune novità ed ha apportato miglioramenti ad alcune funzioni già esistenti nelle precedenti versioni

Dettagli

Word Elaborazione testi

Word Elaborazione testi I seguenti appunti sono tratti da : Consiglio Nazionale delle ricerche ECDL Test Center modulo 3 Syllabus 5.0 Roberto Albiero Dispense di MS Word 2003 a cura di Paolo PAVAN - pavan@netlink.it Word Elaborazione

Dettagli