...esempi di progressioni aritmetiche (anche senza un primo termine ) La costante si chiama RAGIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "...esempi di progressioni aritmetiche (anche senza un primo termine ) La costante si chiama RAGIONE"

Transcript

1 A. s. 20/202 classe 4^Ap G. Zambon Appunti sulle funzioni lineari, esponenziali, logaritmiche e potenze. Da integrare con gli appunti presi in classe Tutte queste funzioni possono essere definite in termini di progressioni, aritmetiche e geometriche. Progressioni aritmetiche: es. contare per tre partendo da cinque. Ogni termine si ottiene dal precedente sommando sempre lo stesso numero. O meglio, la differenza tra un termine e il precedente è costante. (Tranne eventualmente il primo)...esempi di progressioni aritmetiche (anche senza un primo termine ) Una progressione aritmetica può avere un numero finito di termini oppure un numero infinito. Può avere un primo termine e un ultimo termine oppure avere solo il primo o solo l'ultimo oppure né il primo né l'ultimo. Una progressione aritmetica può sempre essere prolungata a piacere. Basta conoscere due termini consecutivi per conoscere completamente una progressione aritmetica. Progressioni geometriche: Ogni numero si ottiene dal precedente moltiplicandolo sempre per lo stesso numero. O meglio, il rapporto tra un numero e il precedente è costante. (Tranne eventualmente il primo) La costante si chiama RAGIONE Una progressione geometrica può avere un numero finito di termini oppure un numero infinito. Può avere un primo termine e un ultimo termine oppure avere solo il primo o solo l'ultimo oppure né il primo né l'ultimo. Una progressione geometrica può sempre essere prolungata a piacere. Basta conoscere due termini consecutivi per conoscere completamente una progressione geometrica. Per ragioni che saranno chiare più avanti considereremo solo progressioni geometriche costituite da termini positivi. (e quindi con ragione positiva) Importante: Quando i termini di una progressione aritmetica crescono e quando decrescono?... Quando i termini di una progressione geometrica crescono e quando decrescono?... La progressione aritmetica è crescente se la ragione è positiva e decrescente se la ragione è negativa. (esempi...) Se la ragione è uguale a 0... La progressione geometrica è crescente se la ragione è maggiore di e decrescente se la ragione è minore di. (esempi...) Se la ragione è uguale a... Esempi di progressioni aritmetiche e geometriche... Segno dei termini di una progressione... Funzioni lineari: Una funzione lineare è una funzione che manda progressioni aritmetiche in progressioni aritmetiche. Esempio pratico: il moto uniforme. (vedi appunti) Basta conoscere l'immagine di due termini di una qualunque progressione per conoscere tutta la funzione. Esempi...

2 Inserire un medio: cioè se una funzione lineare f manda la successione in allora questa funzione manda 4 in 0. Cioè manda la media tra 2 e 6 nella media tra 6 e 4. Se ciò non accadesse, l'immagine di una progressione aritmetica non sarebbe una progressione aritmetica. (Spiega perché) f ( + 2 )= f ( )+ f ( ) L'inserimento dei medi ci permette di trovare un valore approssimato (bene quanto si vuole) di qualunque valore della funzione. Esercizio: data la funzione f descritta sopra, calcola il suo valore (approssimato) nel punto 6,8. Importante: Una funzione (di qualsiasi tipo) è crescente se manda progressioni crescenti in progressioni crescenti e progressioni decrescenti in progressioni decrescenti. Una funzione è decrescente se manda progressioni crescenti in progressioni decrescenti e progressioni decrescenti in progressioni crescenti. (...esempi...) Funzioni esponenziali Una funzione esponenziale è una funzione che manda progressioni aritmetiche in progressioni geometriche. Siccome le progressioni geometriche contengono solo termini positivi, una funzione esponenziale va dai reali ai reali positivi. Esempio: il decadimento radioattivo. Il carbonio 4 ha un tempo di dimezzamento o emivita ( ) di 5730 anni. Significa che la metà dei nuclei è disintegrata dopo tale periodo tempo ,5 6,25... percentuale di nuclei integri La funzione che associa ad ogni istante di tempo la percentuale di carbonio 4 presente è una funzione che manda una successione aritmetica di ragione 5730 in una successione geometrica di ragione ½. Si tratta quindi di una funzione esponenziale. Anche qui si può giocare con l'inserimento dei medi per ottenere il valore della funzione su un qualsiasi valore in ingresso. Attenzione! Il medio inserito in una progressione aritmetica è la media aritmetica, deve essere così se vogliamo che la successione continui a essere una successione aritmetica, ma come si inserisce un medio in una successione geometrica? Per es. se voglio inserire nella progressione geometrica un medio tra 2 e 8 devo trovare un numero in modo che 2, e 8 formino una progressione geometrica. Quindi =4. Risolviamo il problema in generale: inserire un medio geometrico tra a e b, bisogna che a, e b formino una progressione geometrica, quindi /a=b/ da cui 2 =ab e = (ab) f ( + 2 )= f ( 2 ) f ( 2 ) Esercizio: data la funzione esponenziale dell'emivita del carbonio 4, trova quanti nuclei sono

3 ancora integri dopo 000 anni. Funzioni logaritmiche Una funzione logaritmica è una funzione che manda progressioni geometriche in progressioni aritmetiche. Siccome le progressioni geometriche sono costituite solo da termini positivi, una funzione logaritmica va dai reali positivi ai reali. Osservazione: Se in una funzione inverto l'ingresso con l'uscita ottengo la sua funzione inversa. Dalle definizioni date abbiamo che: l'inversa di una funzione lineare è una funzione lineare ; l'inversa di una funzione esponenziale è una funzione logaritmica e l'inversa di una funzione logaritmica è una funzione esponenziale. Un esempio di funzione logaritmica quindi è quello, sempre in riferimento al decadimento radioattivo, di chiedersi quanto tempo è passato quando la radioattività si è ridotta di una quantità nota. (Prima ci chiedevamo quanto diminuisce la radioattività dopo un certo tempo) Per esempio, se il carbonio 4 si è ridotto del 23%, quanto tempo è passato? Questo è quello che uno scienziato fa quando deve datare un reperto usando la prova del carbonio4. Esercizio...(vedi appunti) Altro esercizio: una lastra semitrasparente lascia passare il 90% della luce che la colpisce ogni 0cm di spessore. Quale spessore lascia passare il 99% della luce? (approssimare inserendo medi) Funzioni potenze cioè funzioni che mandano progressioni geometriche in progressioni geometriche. Esempio: Il pianeta Venere ha un periodo sinodico di 0,65 anni e un'orbita con semiasse maggiore di 0,723 U.A. (unità astronomiche, una unità astronomica è, circa, la misura del semiasse maggiore dell'orbita terrestre) Il pianeta Giove ha un periodo sinodico di,863 anni e un semiasse maggiore di 5,203 U.A. Verifichiamo ora che la funzione che lega il periodo al semiasse maggiore dei pianeti è una funzione potenza. Abbiamo quindi che f(0,65)=0,723 e che f(.863)=5,203. Supponiamo quindi che f sia una funzione potenza, cioè che manda successioni geometriche in successioni geometriche. Il periodo di Marte è di,88 anni, qual è il suo semiasse? Procediamo come al solito con l'inserimento dei medi, questa volta abbiamo progrssioni geometriche sia in ingresso che in uscita, quindi: f ( 2 )= f ( ) f ( 2 ) Eseguendo le ormai consuete approssimazioni si ha f(,88)=,524. L'orbita di Marte ha un semiasse maggiore di,524 U.A. (verificare su Wikipedia) E' una funzione potenza. Altra verifica: applicando questa funzione alla terra deve venire f()= Cerchiamo ora di trovare un'espressione per le quattro classi di funzioni. Funzioni lineari. Cominciamo da un caso semplificato. Cerchiamo l'espressione che manda la successione : nella successione y: 0 D 2D 3D 4D... cioè facciamo due ipotesi semplificative (che poi toglieremo) ) prendiamo come successione in ingresso la successione dei numeri naturali 2) supponiamo che l'immagine di 0 sia 0. E' evidente che la relazione tra e y è: y=d.

4 Togliamo l'ipotesi ): Cerchiamo l'espressione che manda la successione : 0 d 2d 3d 4d... nella successione y: 0 D 2D 3D 4D basta dividere la successione per d e ci si riconduce al caso precedente. (...) La relazione diventa quindi y= D d. Togliamo l'ipotesi 2): Cerchiamo l'espressione che manda la successione : a a+d a+2d a+3d a+4d... nella successione y: b b+d b+2d b+3d b+4d Sottraggo a dai termini della prima progressione e ottengo la successione 0 d 2d... D ora moltiplico per e ottengo la successione d 0 D 2D 3D.. basta ora sommare b a tutti i termini della progressione per ottenere y: b b+d b+2d b+3d b+4d... come si voleva. Le operazioni applicate sono state nell'ordine:. sottraggo a 2. moltiplico per 3. sommo b l'espressione che lega le successioni : a a+d a+2d a+3d a+4d e y: b b+d b+2d b+3d b+4d è quindi ) y=( a ) D d + b D d Esempio importante: Se considero la funzione lineare che manda la successione : (dove è la ragione della successione, cioè = - 0 ) nella successione y: y 0 y y 2 y 3 y 4 y 5... (dove y è la ragione della successione, cioè y= y - y 0 ) La relazione ) diventa (con semplici sostituzioni) y= y y 0 0 ( 0 )+ y 0 o anche y y 0 =m( 0 ). Composizione di funzioni. Comporre due funzioni, f e g, significa usare l'output (immagine) di una funzione come input di un'altra funzione. f g f X X Y Y Z Z g

5 La funzione z=(g f )( ) è la funzione che manda in y= f () e che poi manda y in z=g( y) cioè z=g ( f ()). E' facile dimostrare che la composizione di due funzioni lineari è ancora una funzione lineare. (vedi appunti) E' facile dimostrare che la crescenza o la decrescenza della composizione di due funzioni lineari dipende dalla crescenza o dalla decrescenza delle due funzioni componenti in modo analogo alla regola dei segni nella moltiplicazione. (vedi appunti) Una funzione lineare è sempre invertibile, la sua inversa, come abbiamo visto è ancora una funzione lineare e se y=a+ b (questa è la forma di tutte le funzioni lineari) la sua inversa è (fare i calcoli...) = b y a b che ha sempre la stessa forma. Forma di una funzione esponenziale Per trovare la forma più generale di una funzione esponenziale, dovremo trovare, come abbiamo fatto per le lineari, la forma di una funzione che manda una generica progressione aritmetica:..., c-2d, c-d, c, c+d, c+2d,... in una generica progressione geometrica:., CQ -2, CQ -, C, CQ, CQ 2,... Anche in questo caso partiremo da un caso più semplice, assumeremo come progressione in ingresso quella dei numeri interi e assumeremo che lo 0 vada in ( cioè f (0)=...appunti...). Quindi:., -2, -, 0,, 2,... y..., b -2, b -,, b, b 2,... E' evidente che si tratta della funzione y=b oppure y = ep b () (funzione esponenziale in base b) Quindi per ogni intero la funzione esponenziale (in base b) manda in b. Ma come sappiamo una funzione esponenziale è definita per qualunque valore di e il suo valore può essere calcolato, per es., con l'algoritmo dell'inserimento dei medi. Qual è quindi il valore di questa funzione per = 2 medi viene b appunti)? Applicando il metodo dell'inserimento dei 2 = b. Sempre con lo stesso sistema si vede facilmente che b m n = n b m..(vedi Possiamo dare così significato alla scrittura b (oppure ep b () ) non solo quando è un numero intero ma anche per razionale. Utilissimo esercizio: verificare che anche per le potenze ad esponente razionale valgono le usuali proprietà delle potenze. b 0 = ep b 0= b =b ep b =b

6 b = b ep b ( )= b b = b ep b ( )= ep b b + y =b b y b y = b b y ep b ( + y)=ep b ep b y ep b ( y)= ep b ep b y (b ) y =b y ep epb y=ep b ( y) Per esempio verificare che la nota proprietà delle potenze a a y =a + y vale anche quando e y sono numeri razionali. La verifica si svolge così: prima svolgo il calcolo applicando le proprietà delle potenze e poi lo svolgo applicando le proprietà dei radicali (abbiamo visto che una potenza a esponente razionale è un radicale!) se il risultato ottenuto sarà lo stesso vorrà dire che la verifica si è svolta con successo. (vedi appunti) Se è un numero irrazionale il valore di a (approssimato quanto si vuole) può essere calcolato con l'algoritmo dell'inserimento dei medi, (o con la calcolatrice, che fa pressapoco la stessa cosa) e così la funzione y=a è definita per ogni valore di appartenente all'insieme dei numeri reali. (Riflettere sul percorso che è stato necessario fare per definire la funzione y=a cioè perché sia ben definito il significato di una potenza quando all'esponente c'è un qualunque numero reale.) La funzione esponenziale che manda 0 in, cioè la funzione y=b si chiama funzione esponenziale pura, così come le funzioni lineari che mandano 0 in 0 (passano per l'origine) si chiamano funzioni lineari pure. Cerchiamo ora la forma di una generica funzione esponenziale, che manda quindi una data progressione aritmetica in una data progressione geometrica e supponiamo che a sia l'immagine di 0 (cioè f (0)=a ). Sappiamo che una funzione esponenziale pura ha sempre la forma y=b, osserviamo che dividendo tutti i termini di una progressione geometrica per uno stesso numero, si ottiene ancora una progressione geometrica, quindi la funzione g( )= f () a è ancora una funzione esponenziale ed è una funzione esponenziale pura. Se g ( ) è una funzione esponenziale pura allora può essere scritta nella forma y=b, si ha quindi: f ( ) g( )=b a =b f ()=a b Questo significa che tutte le funzioni esponenziali possono essere scritte come prodotto di una costante per una funzione esponenziale pura, cioè nella forma nella forma y=ab Vediamo ora la forma di una funzione esponenziale che manda la generica progressione aritmetica nella generica progressione geometrica...., c-2d, c-d, c, c+d, c+2d,...., CQ -2, CQ -, C, CQ, CQ 2,... Il metodo è lo stesso usato per le funzioni lineari: applico la funzione -c e ottengo la progressione aritmetica, -2d, -d, 0, d, 2d,... applico la funzione /d e ottengo la progressione

7 ., -2, -, 0,, 2,... ora applico la funzione esponenziale in base Q e arrivo a., Q -2, Q -,, Q, Q 2,... infine applico la funzione C (per C) e ottengo finalmente la progressione geometrica voluta., CQ -2, CQ -, C, CQ, CQ 2,... Dato un numero reale quindi applichiamo nell'ordine le seguenti funzioni: meno c, fratto d, ep Q, per C e otteniamo c d f ()=C Q Vediamo un esempio. Torniamo al problema del decadimento radioattivo. Se T è il tempo di dimezzamento e R 0 è la quantità di elemento presente all'istante t 0, allora quando il tempo t varia in progressione aritmetica con ragione T t 0, t 0 +T, t 0 +2T, t 0 +3T,... la quantità corrispondente di R(t) di elemento varia in progressione geometrica di ragione R 0, R 0 ( 2 ), R 0 ( 2 ) 2, R 0 ( 2 ) 3, Quindi abbiamo c=t 0, C=R 0, d=t e Q= 2, la funzione cercata è quindi R(t )=R 0 ( t t 2 ) 0 T Se poi poniamo t 0 =0 e usiamo la proprietà b = b, possiamo riscrivere questa funzione nella forma R(t )=R 0 2 t T Avevamo calcolato (con molta fatica) la percentuale di carbonio che rimane dopo 000 anni. Rifacciamo il calcolo usando l'espressione trovata... Esercizio: lastra semitrasparente... Esercizio: trova l'espressione della funzione esponenziale f con f( )=y e f( 2 )=y 2. Grafici delle funzioni esponenziali. La media geometrica tra due numeri è sempre minore o uguale della loro media aritmetica e l'uguaglianza vale solo se i due numeri sono uguali. Siano a e b due numeri positivi, costruiamo la semicirconferenza di diametro a+b, come in figura. Il diametro AB è la somma dei due segmenti a e b, rispettivamente uguali ad AF e a FB. Essendo il diametro a+b, ovviamente il a+ b raggio è cioè la media aritmetica tra a e 2 b, quindi il segmento CD è uguale alla media a+ b aritmetica. Applicando invece il 2 secondo teorema di Euclide al triangolo rettangolo ABE, risulta FE= ab (vedi appunti) che è la media geometrica tra a e b. Al variare di a e di b cambia la posizione di E sulla circonferenza ma ovviamente sarà sempre CD>FE, cioè la media aritmetica tra a e b sarà sempre maggiore della loro media geometrica. Veniamo ora ai grafici.

8 Supponiamo di avere una funzione f tale che f(2)= e f(6)=3 (come in figura). Se f è una funzione lineare deve mandare la media aritmetica tra 2 e 6 nella media aritmetica tra e 3, cioè deve mandare 4 in 2. (come in figura) Il grafico è una retta. Se supponiamo invece che f sia una funzione esponenziale, essa deve mandare la media aritmetica tra 2 e 6 nella media geometrica tra e 3, cioè deve mandare 4 in,73 (circa). Il grafico assume il seguente andamento. Poiché la media geometrica tra e 3 è minore della media aritmetica tra e 3, la curva risulta avere la concavità rivolta verso l'alto. Generalizzando questo ragionamento possiamo concludere che siccome la media aritmetica tra due numeri è sempre maggiore o uguale della loro media geometrica, il grafico di una funzione esponenziale, indipendentemente dalla base, ha sempre la concavità rivolta verso l'alto. Esercizi: traccia il grafico della funzione y=a per a= 3 a= 2 a= a=2 a= 3 traccia il grafico della funzione y=a per a= 3 a= 2 a= a=2 a= 3 Forma di una funzione logaritmica Abbiamo già visto che una funzione logaritmica manda una progressione geometrica in una progressione aritmetica. Abbiamo anche visto che una funzione logaritmica è l'inversa di una funzione esponenziale. Per capire come lavora una funzione logaritmica e quale può essere la sua forma, come al solito mettiamoci in una situazione comoda, semplificata. Consideriamo cioè la funzione logaritmica che manda la progressione geometrica... b 2, b,, b,b 2,... nella progressione aritmetica più semplice, quella dei numeri interi e che manda in 0...., b -2, b -,, b, b 2,... y., -2, -, 0,, 2,... e la chiamiamo funzione logaritmica in base b, (notate che è l'inversa della funzione esponenziale in

9 base b cioè di y=b vedi pag. 5) la funzione logaritmica in base b quindi è una funzione tale che f ()=0 e f (b)=. Se poi f ()= y diremo che y è il logaritmo in base b di e scriveremo y=log b che vuol dire che y è l'esponente da dare a b per avere come risultato. Esempi:. log b =0 2. log b b= 3. log b b = 4. log b = log b 5. log b y=log b + log b y 6. log b y =log b log b y 7. log b y = y log b La motivazione di queste uguaglianze (proprietà dei logaritmi) è un utile esrercizio (vedi appunti). Facciamo qualche esempio. La n. è ovvia, log b =0 perché 0 è l'esponente che devo dare a b per avere come risultato. Idem per la n. 2. Per la n. 3 basta ricordare il significato di potenza ad esponente negativo. Dalla n. 4 in poi conviene, rifacendosi al significato di logaritmo, applicare le proprietà delle potenze. Vediamo la n. 4. Se u=log b (chiamo u il log b ) allora =b u ma allora = b u =b u e quindi log b = u cioè log b = log b. Esempio log 000 =... (vedi appunti) Con la stessa tecnica si dimostrano le altre (vedi appunti) Cambiamenti di base. Vediamo le formule per il cambiamento di base sia per le funzioni esponenziali che per le funzioni logaritmiche. Innanzitutto, basta una piccola riflessione sul significato del logaritmo per capire che valgono le seguenti relazioni. log a a = ( è l'esponente che devo dare ad a per avere a ) 2. a log a = (se elevo a all'esponente che devo dare ad a per avere ottengo ) (Pur essendo semplici le due precedenti uguaglianze meritano un'attenta riflessione e una completa comprensione) Al posto delle due spiegazioni tra parentesi si può sostituire la seguente: se a applico prima una funzione e poi al risultato applico la sua inversa, ottengo sempre come risultato. Bisogna naturalmente avere ben chiaro cosa vuol dite funzione inversa. Torniamo ai cambi di base. Supponiamo di voler esprimere la funzione esponenziale in base B in termini della funzione esponenziale in base b. Ecco i passaggi: Come abbiamo visto B=b log bb e quindi B = b log b B =b log bb ecco quindi che B =b log bb Notate che questa uguaglianza ci permette di esprimere la funzione esponenziale in base B mediante la funzione esponenziale in base b, ma facendo uso anche della funzione logaritmica in base b. Passiamo ai ligaritmi. Usando la proprietà 2. posso scrivere: log b =log b B log B. Usando una

10 proprietà dei logaritmi (quale??) scrivo allora che log b =log B log b B da cui si ricava subito che log B = log b log b B Esempi...vedi appunti. Ricaviamo ora, come abbiamo fatto per le funzioni lineari ed esponenziali, l'espressione della funzione logaritmica che manda una data progressione geometrica in una data progressione aritmetica. :.., cq -2, cq -, c, cq, cq 2,... y:., C-2D, C-D, C, C+D, C+2D,... Seguiamo l'ormai consueto procedimento, vediamo quali funzioni dobbiamo applicare, e in che ordine, per trasformare la prima progressione nella seconda. Dunque si parte da.., cq -2, cq -, c, cq, cq 2,... divido per c e ottengo.., q -2, q -,, q, q 2,... applico la funzione logaritmica in base q e ottengo.. -2, -, 0,, 2,... la progressione degli interi. Adesso moltiplico per D.. -2D, -D, 0, D, 2D,... e infine sommo C.. C-2D, C-D, C, C+D, C+2D,... Dunque la funzione logaritmica cercata è la composizione delle funzioni /c, log q, D e +C. Si tratta quindi della funzione: f =D log q c C in cui le lettere hanno il solito significato: c e q sono il primo termine e la ragione della progressione in ingresso, C e D sono il primo termine e la ragione della progressione in uscita. Ancora una volta otteniamo facilmente l'espressione della funzione logaritmica che manda in y e 2 in y 2, ciuè tale che f = y e f 2 = y 2 (la progressione in ingresso ha primo termine c= e ragione q= 2, la progressione in uscita ha primo termine C=y e ragione D= y 2 y, basta quindi sostituire per ottenere f = y 2 y log 2 y () Vediamo com'è la forma della più generale funzione logaritmica. Supponiamo che f sia una qualsiasi funzione logaritmica. Essa manda quindi una certa progressione geometrica in una certa progressione aritmetica. Poniamo a= f. Poiché sottraendo uno stesso numero a tutti itermini di una progressione aritmetica si ottiene ancora una progressione aritmetica, la funzione g = f a è ancora una funzione logaritmica. Essendo g = f a=a a=0, si tratta di una funzione logaritmica pura e quindi si può scrivere g =log b. Ne segue che f a=log b da cui f =a log b. Una qualunque funzione logaritmica è quindi sempre esprimibile come la somma di una costante più una funzione logaritmica pura. Esercizi (importanti!) Disegnare il grafico di qualche funzione logaritmica, con base minore di con base maggiore di, per punti ma anche considerando che i grafici di due funzioni, una l'inversa dell'altra, sono simmetrici rispetto alla bisettrice del primo e terzo quadrante, y=. (Il logaritmo in base b è l'inversa dell'esponenziale in base b)

11 Una delle numerose applicazioni della funzione logaritmica è la legge psicofisica di Fechner e Weber: Perchè l'intensità di una sensazione cresca in progressione aritmetica, lo stimolo deve accrescersi in progressione geometrica. E' ovvio che in base a questa legge la relazione tra lo stimolo e la sensazione è data da una funzione logaritmica: S=c logr dove S è il valore della sensazione, R quello dello stimolo e c una costante che dipende dal tipo di stimolo e dalla sua unità di misura. Per esempio un'onda di pressione che colpisce il timpano del nostro orecchio è uno stimolo fisico (R) che produce in noi una sensazione uditiva (S). Se voglio che la mia sensazione cresca in progressione aritmetica (per es., 2, 3, 4, 5,.) bisogna che lo stimolo cresca in progressione geometrica (per es., 2, 4, 8, 6, 32,.). Oppure, immaginate di avere diverse lampadine tutte alla stessa distanza da voi. Supponete che la prima lampadina abbia una luminosità di 0 candele e la seconda di 20 candele. (la candela è l'unità di misura dell'intensità luminosa) Bene, per avere la sensazione che ogni lampadina abbia la stessa differenza di luminosità rispetto alla precedente, la terza lampadina dovrà avere una luminosità di 40 candele e la quarta di 80. Un esempio notevole è quello delle magnitudini apparenti delle stelle. Se guardiamo il cielo stellato a occhio nudo vediamo forse una decina di stelle decisamente più luminose delle altre, alcune centinaia di stelle di media luminosità e alcune migliaia dl stelle di debole luminosità. Gli astronomi dell'antichità, seguendo l'illusione data dai sensi, credevano che le stelle fossero situate tutte alla stessa distanza da noi, sulla superficie interna dl una enorme sfera. Spiegavano Il fatto che ci fossero poche stelle luminose e molte stelle di debole luminosità con una analogia col genere umano. Ci sono pochi uomini di grande valore e una moltitudine di uomini mediocri! Oggi noi diamo una spiegazione molto più semplice di questo fatto. La luminosità di una stella, così come ci appare osservata dalla terra, detta appunto luminosità apparente, dipende sostanzialmente da due fattori: dalla sua luminosità intrinseca, cioè da quanta luce emette, e dalla sua distanza. Il fattore predominante è pero di gran lunga la distanza. Ecco allora che, essendoci molto più spazio lontano che vicino, diventa ovvio il fatto che le stelle poco luminose siano molto più numerose di quelle luminose. Nel II secolo a.c. l'astronomo Ipparco compilò il primo catalogo stellare di cui abbiamo notizia. In quel catalogo comparivano poco più di mille stelle, suddivise in sei classi di grandezze: di prima grandezza le più luminose e di sesta grandezza le meno luminose. Questo modo di classificare la luminosità delle stelle è rimasto in vigore per secoli. Solo a metà dell'800, grazie alla fotometria, si poté definire una scala più rigorosa per la luminosità apparente delle stelle. Ci si accorse che le stelle di prima grandezza erano circa 00 volte più luminose delle stelle dl sesta grandezza e si decise di porre esattamente uguale a 00 questo rapporto. Si decise poi anche di non discostarsi dall antica classificazione di Ipparco e di continuare a usare un numero crescente per la grandezza per indicare una luminosità apparente decrescente delle stelle. Si uso poi il termine magnitudine, che ha lo stesso significato di grandezza. Seguendo la legge dl Fechner e Weber si decise poi di usare una funzione logaritmica per ottenere la magnitudine a partire dalla luminosità apparente. In questo modo oggi le stelle possono avere una magnitudine apparente non intera e, addirittura, magnitudini molto grandi per le stelle debolissime e visibili solo al telescopio e magnitudine 0 o addirittura negativa per gli oggetti luminosi come il sole o la luna! Vediamo di costruire questa funzione logaritmica. Abbiamo detto che le stelle di magnitudine sono 00 volte più luminose di quelle di magnitudine 6. Quindi questa funzione manda in 6 e 00 in...,, 00,....., 6,,.. Deve essere una funzione logaritmica, quindi la prima è una progressione geometrica e la seconda è una progressione aritmetica, se volessimo prolungare le due progressioni avremmo quindi...0-2,, 0 2, 0 4,....., 6,, -4,... Usando la formula () della pagina precedente possiamo calcolare la magnitudine di qualunque astro di cui si conosca la luminosità. Per esempio sapendo che la luminosità di Vega è 0, e che la

12 luminosità del sole è 54 miliardi e mezzo di volte quella di Vega, calcolare la magnitudine del sole. (Risp. -26,8 vedi appunti) Altri esempi...vedi appunti.

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Funzioni e loro grafici

Funzioni e loro grafici Funzioni e loro grafici Dicesi funzione y=f(x) della variabile x una legge qualsiasi che faccia corrispondere ad ogni valore di x, scelto in un certo insieme, detto dominio, uno ed uno solo valore di y

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4.0. Esponenziale. Nella prima sezione abbiamo definito le potenze con esponente reale. Vediamo ora in dettaglio le proprietà della funzione esponenziale a,

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

1 n. Intero frazionato. Frazione

1 n. Intero frazionato. Frazione Consideriamo un intero, prendiamo un rettangolo e dividiamolo in sei parti uguali, ciascuna di queste parti rappresenta un sesto del rettangolo, cioè una sola delle sei parti uguali in cui è stato diviso.

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Logaritmi ed esponenziali

Logaritmi ed esponenziali Logaritmi ed esponenziali definizioni, proprietà ITIS Feltrinelli anno scolastico 2007-2008 A cosa servono i logaritmi I logaritmi rendono possibile trasformare prodotti in somme, quozienti in differenze,

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA LA NOTAZIONE SCIENTIFICA Definizioni Ricordiamo, a proposito delle potenze del, che = =.000 =.000.000.000.000 ovvero n è uguale ad seguito da n zeri. Nel caso di potenze con esponente negativo ricordiamo

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it 3 4 5 Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it Qualche osservazione preliminare sul Teorema di Pitagora e le terne

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA DEFINIZIONE: Dato un numero reale a che sia a > 0 e a si definisce funzione esponenziale f(x) = a x la relazione che ad ogni valore di x associa uno e un solo

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. Esercizi Esercizio 1. Date le seguenti applicazioni lineari (1) f : R 2 R 3 definita da f(x, y) = (x 2y, x + y, x + y); (2) g : R 3 R 2 definita da g(x, y, z) = (x + y, x y); (3)

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

Se log a. b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b. L espressione y = log b x significa che:

Se log a. b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b. L espressione y = log b x significa che: MATEMATICA 2005 Se log a b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b L espressione y = log b x significa che: A) y é l esponente di una potenza di base b e di valore x B) x è l

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Progetto Laboratori Lauree Scientifiche

Progetto Laboratori Lauree Scientifiche Progetto Laboratori Lauree Scientifiche Laboratorio sui logaritmi Il regolo calcolatore Bozza di progetto Il regolo calcolatore è una delle piú antiche ed utilizzate applicazioni dei logaritmi. Consiste

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Problema: Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50

Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Problema: Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50 http://einmatman1c.blog.excite.it/permalink/54003 Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50 Trovare un numero e' la prima frase e significa che

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri?

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? I numeri Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? Come ti sarai reso conto, i numeri occupano un ruolo importante nella tua vita: dai numeri che esprimono il prezzo degli oggetti venduti in un

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE COSA SONO LE FUNZIONI Dati due sottoinsiemi A e B non vuoti di R, una FUNZIONE da A a B è una relazione che associa ad ogni numero reale

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

F (x) = f(x) per ogni x I. Per esempio:

F (x) = f(x) per ogni x I. Per esempio: Funzioni Primitive (Integrali Indefiniti) (l.v.) Pur essendo un argomento che fa parte del Calcolo Differenziale, molti autori inseriscono funzioni primitive nel capitolo sul Calcolo Integrale, in quanto

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le funzioni nel discreto 3 1.1 Le funzioni nel discreto.................................. 3 1.1.1 La rappresentazione grafica............................

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009 ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali v.scudero www.vincenzoscudero.it novembre 009 1 1 Funzioni algebriche fratte 1.1 Esercizio svolto y = x 1 x 11x + 10 (generalizzazione)

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Alla pagina successiva trovate la tabella

Alla pagina successiva trovate la tabella Tabella di riepilogo per le scomposizioni Come si usa la tabella di riepilogo per le scomposizioni Premetto che, secondo me, questa tabella e' una delle pochissime cose che in matematica bisognerebbe "studiare

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

Formule trigonometriche

Formule trigonometriche Formule trigonometriche C. Enrico F. Bonaldi 1 Formule trigonometriche In trigonometria esistono delle formule fondamentali che permettono di calcolare le funzioni goniometriche della somma di due angoli

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Lo studio di unzione Ing. Alessandro Pochì Appunti di analisi Matematica per la Classe VD (a.s. 011/01) Schema generale per lo studio di una unzione Premessa Per Studio unzione si intende, generalmente,

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Analisi Matematica I

Analisi Matematica I Analisi Matematica I Fabio Fagnani, Gabriele Grillo Dipartimento di Matematica Politecnico di Torino Queste dispense contengono il materiale delle lezioni del corso di Analisi Matematica I rivolto agli

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1]

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: 1. y = 16 x ;. y = e 1 x +4 + x + x + 1; 3. y = 10 x x 3 4x +3x; 4. y =

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue:

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue: CAMPO DI ESISTENZA. Poiché la funzione data è una razionale fratta, essa risulta definita su tutto l asse reale tranne che nei punti in cui il denominatore della frazione si annulla, cioè: C.E. { R: 0}

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli